Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 06/08/2009 @ 09:26:02, in conflitti, visitato 1180 volte)

Da Hungarian_Roma

Una donna rom di mezza età è stata colpita diverse volte da assalitori sconosciuti ed è morta a Kisléta, nella contea di Szabolcs (Ungheria del nord est). Sua figlia è rimasta ferita nell'attacco. János Lázár, presidente del Comitato Parlamentare per il Rafforzamento della Difesa Nazionale e della Legge, ha chiesto una sessione straordinaria del Comitato che abbia luogo giovedì (oggi ndr) alle 13.00, durante la quale il Ministro della Giustizia illustri al Comitato sull'omicidio di Kisléta e sulla successione di crimini simili.

La donna di 45 anni è stata colpita a morte, sua figlia di 13 anni severamente ferita da ignoti assalitori nella notte tra domenica e lunedì (Kisléta, con 1.900 abitanti, è a 60 km. da Tiszalök e 30 km. ad est di Nyíregyháza). Dichiara la polizia che in seguito all'uccisione, József Bencze, Alto Commissario della Polizia, ha raddoppiato la taglia offerta per ottenere informazioni sull'identità dei criminali coinvolti negli attacchi contro i Rom. Il premio di 100 milioni di fiorini è il più alto nella storia della criminologia ungherese (l'ultima taglia, 25 aprile, assommava a 50 milioni di fiorini). L'Ufficio Nazionale Investigazioni lunedì all'alba ha assunto la direzione dell'indagine sul crimine commesso in Kisléta.

La donna, colpita dai proiettili di una arma a pallini, abitava in una delle ultime case in una strada ai limiti del villaggio. I proiettili l'hanno colpita al torace, alla testa e al braccio. La figlia è stata ferita al collo e al braccio ed è stata trasportata all'ospedale András Jósa di Nyíregyháza.

Le condizioni della ragazza si sono stabilizzate e sono soddisfacenti, per quanto serie, ha detto Pál Felföldi, primo traumatologo (...) Dato che non ci sono testimoni oculari, la polizia sta aspettando che la ragazza esca dall'unità di cura intensiva a cui è sottoposta, sperando di ottenere informazioni sugli assalitori.

Potrebbero essere due di loro

L'investigazione sulla scena del crimine, la ricostruzione dei fatti e la ricerca e gli interrogatori degli eventuali testimoni sono continuati sino al primo pomeriggio in via Bocskai, dietro la quale ci sono campi di mais. Lì vicino una strada non asfaltata porta verso Nyírbogát, probabilmente il percorso scelto dagli assalitori per la fuga.

Secondo l'Agenzia Stampa Ungherese (MTI), i colpi sono stati esplosi da due fucili da caccia, il che significa che gli assalitori erano almeno due. La polizia ha trovato le cartucciere, che sono state consegnate agli esperti dell'Ufficio Investigazioni di Budapest.

Secondo la MTI, gli esami hanno accertato che armi da fuoco simili sono state adoperate in diversi attacchi contro i Rom. Secondo la polizia, diversi dettagli dell'attacco coincidono rispetti ad altri assalti contri i Rom. E' per questo che le indagini sono state prese in carico dall'Ufficio Nazionale Investigazioni, che ha aperto un'inchiesta per tentato omicidio contro diverse persone.

Sono stati uditi tre-quattro colpi

Il sindaco Sándor Pénzes ha detto che i vicini hanno sentito tre o quattro colpi, domenica tra le 23.30 e le 24.00. L'assalitore o gli assalitori hanno aperto a calci la porta ed iniziato a sparare. Le vittime sono state ritrovate dai membri della famiglia. La ragazza non è ancora stata interrogata, dato che è ancora sottoshock. Le sue ferite sono serie, attualmente è in unità di cura intensiva, non ci sono informazioni precise sulle sue condizioni.

Secondo Sándor Pénzes, nel villaggio le relazioni tra Ungheresi e Rom sono molto buone. "La vittima era una gran lavoratrice. Cresceva da sola sua figlia, in condizioni pulite e salubri". - dice il sindaco. Mária B. era vedova e aveva due figlie. La famiglia lavora regolarmente e usufruisce anche del'assistenza sociale. "Tutto il villaggio è sorpreso per questa esecuzione. Non sappiamo cosa possa aver motivato gli assassini." - ha detto il sindaco a MTI.

Romedia Foundation, Budapest , 4 August 2009
Extracts from Index.hu, Hungary, 3 August 2009, 7 a .m.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/08/2009 @ 09:25:51, in sport, visitato 1625 volte)

 il link del video è QUESTO

Cari amiche e amici,

per iniziare ringraziamo tutti coloro che ci hanno aiutato fin ora nelle selezione della nazionale senza tetto!!!

La Nuova MultiEtnica comunica a tutti quanti che mancano 30 giorni al mondiale di Homeless World Cup 2009 che si svolgerà a Milano (Parco Sempione Arena Civica).
La MultiEtnica è incaricata da 7 anni preparare la rappresentativa italiana di homeless. Le selezioni della rappresentativa si svolgeranno attraverso i nostri allenamenti presso la Villetta (idroscalo) dove selezioneremo non soltanto in base alla qualità di gioco, ma anche tenendo presente la storia personale di ogni giocatore.

Il ritiro della Rappresentativa Italiana HWC Milano e previsto dal 29 agosto fino 5 settembre nella prossimità delle zone terremotate in Abruzzo. Dove Selezioneremo 4 giocatori Abruzzesi che anno perso le
proprie case e dove porteremo la solidarietà della Nazionale Italiana Senza Tetto ( A.S.C. Nuova MultiEtnica Onlus )

Per far si che tutto questo accada la Rappresentativa Italiana HWC ha bisogno di:

  • Attrezzatura sportiva; 25 giocatori
  • Due porte per allenamento smontabile
  • Fondo casa per trasporto e vitto alloggio, lavanderia, staff e comunicazione.

10.000 € circa.

4 settembre Conferenza stampa. Con la presentazione del primi 8 giocatori della rappresentativa Italiana Senza Tetto. 10 giocatori di riserve per tutte le 48 Nazioni. Consegna delle maglie e attrezzatura per tutti giocatori da parte di rappresentante di FIGC

Le selezioni non sono ancora chiuse!!!
Lanciamo un appello a tutti i nostri amici e amiche di diffondere questo messaggio per dare l’opportunità a tutte le persone che hanno il desiderio di rappresentare l’Italia ai mondiali di HWC Milano 2009 di venirne a conoscenza.
La MultiEtnica può realizzare questo sogno ad occhi aperti!!!

Inizio allenamenti fino 05/09/2009
Luogo di allenamenti: la Villetta (idroscalo)
Giorno ed orari di allenamenti: mercoledì, dalle 19:30 alle 22:00 sabato, dalle 17:00 alle 19:30

contatti: Bogdan Kwappik (presidente/allenatore) cell: 3478638372 fisso: 0373450523 mail: bogdan@nuovamultietnica.com
Jonathan Cervantes - Cell: 3409902751 (Porta Voce)
Amin Othman : 3920639660 (responsabile stampa)
Mail: Jonny_Jo@msn.com - othmanit@hotmail.com
Sito web: www.nuovamultietnica.com

Vi ricordo inoltre che se volete sostenerci ed aiutare a realizzare i sogni di tanti senza fissa dimora potete farlo attraverso un versamento alle seguenti coordinate bancarie:

Associazione Sportiva e Culturale Nuova MultiEtnica (ONLUS)
Via Bellezza 16/a – Milano
Codice Fiscale – 97309030159
BANCA INTESA
COORDINTE IBAN – IT16 G030 6909 4446 1524 9931 460
ABI 03069 CAB 09444 C/C 6152499314/60

Un Abbraccio forte

Bogdan

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/08/2009 @ 09:12:06, in Europa, visitato 1269 volte)

Da Roma_Francais

Nordéclair.fr VILLENEUVE D ASCQ / UN GIORNO CON (3/6): Fine dei viaggi per la gens du voyage - Publié le lundi 03 aoűt 2009 à 06h00 MARIE GOUDESEUNE villeneuvedascq@nordeclair.fr

Goya, Anne e Marc sperano che sia assicurata l'area di accoglienza dei 4 Cantoni e che i loro caravan vengano sostituiti da case mobili

Si scorgono i loro caravan quando, lasciando il parco scientifico dell'Haute Borne, ci si dirige verso la A22. Di fronte alla discoteca Fabrik, i "Rom francesi" ci hanno aperto le porte. Ritratto di famiglie sempre più sedentarie.

"Non si viaggia più. Si resta qui". Al nostro arrivo sono le prime parole di Goya - Robert, dal suo nome francese -, "il patriarca". Nel campo tranquillo, i bambini camminano qua e là, delle giovani con dei carrelli. Ci si crederebbe in un villaggio. E negli occhi di Goya, difficile sapere se quest'installazione duratura è un male o un bene.

"Ci vorrebbero delle piccole case al posto dei nostri caravan. Perché resteranno qui di padre in figlio. Il viaggio ci interessava perché non si sapeva che c'era la scuola. E tutto d'un colpo, hanno fatto questo terreno".

Chiusi come sardine

Dopo la legge Besson votata nel 1990, ogni comune con più di 5.000 abitanti ha, di fatto, l'obbligo di sistemare un'area d'accoglienza per la gens du voyage. Quella dei 4 Cantoni ha visto la luce nel 1998. "Siamo rimasti più di 20 anni pigiati come sardine su un piccolo terreno, là. C'era una toilette per cento persone. Ora va meglio" ritiene Goya, che mostra col dito il terrene vicino del futuro grande Stadio.

Presto avrà 60 anni. Ed ormai, il termine viaggio ha fatto il suo buco nella categoria del souvenir. "Prima, non c'erano frontiere. Andavamo dove ci piaceva. Spagna, Italia, l'Europa intera. Faceva bello a Parigi? Si andava a Parigi. Era formidabile". Ma portando l'istruzione ed un'igiene di vita più comoda, l'area di accoglienza ha finito per fissare i piedi dei viaggianti. La gens du voyage si muove ormai come i sedentari, o al massimo per andare fare le vendemmie, come a settembre prossimo.

Oggi, le loro preoccupazioni riguardano soprattutto la loro vita qui: che venga aggiunto un passaggio pedonale all'ingresso dell'area, che intorno venga tagliata l'erba alta, ridipinti i muri, dei giochi per i bambini e che sia installato un terreno di pallone. "Qui, è tenuto male e non in sicurezza. Ma tutto dipende dalla buona volontà del sindaco. Da quando si è là, non è mai venuto, rilevano Goya ed i suoi amici. E quindi soprattutto si chiedono case o case mobili, perché nelle roulotte non c'è veramente spazio.

"Se la figlia di Goya è insegnante ed uno dei suoi figli operatore del verde, molti vivono senza un lavoro fisso, con la RMI. Quella mattina, qualche giovane è occupato a separare ferraglia: "La recuperano davanti alle case. Mettono il rame da parte: è il più caro. Ma ormai ci si sono messi tutti, anche i rumeni e gli arabi, perché non hanno più lavoro".

Francesi e SDF (Senza fissa dimora)

Nate per la maggior parte in Francia, le famiglie che incontriamo parlano allo stesso tempo francesi e romanès. "Si è nati in Francia. I Rom della Romania, loro, non è da molto che sono lì. Hanno tutto, noi solo la fame," si rammarica di Marc. Sua moglie Anne ci mostra la sua carta d'identità, sulla quale appare uno spazio vuoto: "Si rifiutano di darci un indirizzo. Ci considerano come SDF: come fare con le banche e le assicurazioni?" Il 10 agosto prossimo, le tre famiglie dovranno lasciare la superficie, per quattro giorni, il tempo della pulizia annuale del terreno. Frattanto si preoccupano di sapere dove andranno: sarà il "sistema D". Ma non appena possibile, ritorneranno all'area d'accoglienza, dove ormai sono bene installate.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/08/2009 @ 09:01:57, in casa, visitato 1206 volte)

Da Roma_Daily_News

Cari amici

Nell'insediamento di Sulukule a Istanbul, dopo pesanti pressioni pubbliche, sembra che il dipartimento amministrativo responsabile degli alloggi (TOKI) ora dia ai gruppi di solidarietà la possibilità di proporre un piano di ricostruzione.

Abbiamo bisogno urgente di supporto internazionale in questo momento molto importante. Sotto, riportiamo un appello e una lettera di esempio (la lettera è mantenuta in inglese ndr).

Grazie per la vostra solidarietà.

Derya Nuket Ozer
Sulukule Platform

deryanuket@gmail.com


3 agosto 2009

APPELLO URGENTE DALLO STUDIO SULUKULE

La situazione nel quartiere Sulukule

Come forse sapete, nel processo di rinnovamento della Penisola Storica di Istanbul, la comunità rom che ha vissuto nel quartiere di Sulukule per oltre 500 anni, è stata obbligata ad andarsene. Il quartiere è stato quasi interamente demolito dalla Municipalità Distrettuale di Fatih, per permettere a TOKI (l'Istituzione Piani Casa in Turchia) di iniziare a costruire. Circa il 10% delle unità abitative esistenti è ancora a rischio di demolizione e la decisione del Comitato di Rinnovamento come pure la sentenza finale del caso in tribunale sono attese nei prossimi mesi.

Un piano alternativo

Per opporsi agli sgomberi forzati, demolizioni e vendite a terzi sotto la pressione della legge 5366, è stato preparato un progetto alternativo, STOP, da un gruppo di volontari nel settembre 2008 con la decisione della Piattaforma Sulukule. Il progetto STOP è stato sviluppato in considerazione del modo di vita e delle esigenze della comunità locale. E' stata basata sul convincimento che ogni intervento nell'area non debba limitarsi al rinnovamento fisico ma debba essere sviluppato sulla base del rilancio economico e sociale della sostenibilità locale e culturale della comunità romanì.

Gli esperti ed i civili coinvolti, che hanno sviluppato il progetto STOP, hanno fatto in maniera di presentare il loro progetto alternativo alla Municipalità Distrettuale di Fatih ed al Comitato di Rinnovamento di Istanbul, tuttavia i negoziati non sono durati a lungo. Nondimeno, la Piattaforma Sulukule non ha cessato i suoi sforzi di comunicare ai media e alle istituzioni locali ed internazionali, insistendo che il piano della municipalità era una violazione del diritto di abitazione e in particolare, quello della vulnerabile comunità romanì.

Una speranza per Sulukule

Le pressioni dei media e delle istituzioni locali ed internazionali, incluse la minaccia dell'UNESCO di depennare Istanbul dalla Lista del Patrimonio Mondiale per le sue violazioni delle convenzioni, hanno fatto crescere l'interesse negli sforzi alternativi dei volontari del progetto STOP. A giugno 2009, il presidente di TOKI ha invitato i volontari di STOP ad Ankara a presentare il progetto. In seguito alla richiesta i rappresentanti dei volontari ebbero un incontro con TOKI ad Ankara e spiegarono lo scopo principale del progetto. TOKI chiese ai volontari di rivedere il progetto entro un mese secondo l'attuale situazione del quartiere, che nel frattempo era stato quasi interamente demolito. Dopo l'incontro, ha iniziato a lavorare al progetto alternativo un nuovo laboratorio (StudioSulukule), che inizialmente consisteva nella Piattaforma Sulukule l'Atelier Solidarietà - ma aperto ad ogni partecipazione ed appoggio. Al momento, questo laboratorio è in pieno progresso per un piano alternativo il cui scopo è riottenere il diritto d'alloggio dei residenti di Sulukule e minimizzare i danni sinora causati. Le decisioni iniziali sono state poi condivise con un pubblico più vasto e con i media in due incontri, ottenendo un grandissimo appoggio.

Come volontari del progetto alternativo, vorremmo rivolgere un appello urgente alle istituzioni coinvolte perché diano il loro appoggio in questo periodo critico, per incoraggiare TOKI a considerare seriamente il progetto alternativo. Abbiamo preparato una lettera campione per le istituzioni da mandare via fax a Erdoğan Bayraktar, presidente di TOKI, al (0090) 312 266 77 48. D'altra parte, vorremmo sottolineare che apprezzeremmo se le istituzioni preparassero una propria versione della lettera.

Vi pregheremmo inoltre di mandare una copia del fax alla mail indicata di seguito.

Un grande grazie per il vostro appoggio.

Sulukule Studio

Contatti:
Aysim Türkmen
e-mail: aysimt@yahoo.com

… August, 2009

Dear Mr. President of TOKI,

I / We have been informed that TOKI, the Mass Housing Administration of the Republic of Turkey is considering a re-evaluation of the urban renewal process for the Sulukule neighborhood in the historical peninsula of Istanbul. I / We appreciate this intention, as I / we have been following the process in Sulukule since 2006 with great concern. Up to now I / We observed the process as evictions and demolitions, in addition to sales to the third parties under the pressure of Law 5366 that I / we do not approve at all. I / We understand this as a violation of housing rights, in particular of vulnerable groups.

I / We have been informed that upon TOKI’s intention to revise the process, a new workshop (Sulukule Atölye) was initiated by concerned citizens and experts to prepare an alternative plan which aims to regain the housing rights of Sulukule residents and minimize the damage that has been caused so far. I am / We are happy to learn that the workshop process and its initial outcomes are being discussed with academic, civic and official institutions and until now enjoyed a very high degree of support, participation and enthusiasm.

I / we strongly support TOKI in its intention to reconsider the process in collaboration with the representatives of the SULUKULE ATÖLYE. We also expect TOKI to continue and strengthen the dialogue with them. I / We will continue to follow the process and look forward to the implementation of the alternative plan that resettles the Sulukule community into its neighborhood.

I / We hope to see these public-private partnerships that promise participatory processes in the following TOKI projects, too.

Kind regards,
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/08/2009 @ 13:44:34, in Europa, visitato 1090 volte)

Da British_Roma

Clicca sull'immagine per vederla a grandezza naturale e leggere l'intera storia  - Taken with Nikon F75: 50mm f/1.4D lens: Y44 Filter. Fomapan 200 film: Developed in Xtol Stock @21C for 6'30'' at 5'' Agitation/30' '

... Stavo camminando lungo Moore Street a Dublino, domenica 27/07/08, quando passò vicino a me una famiglia rom. Poi sentii dietro di me un gruppo di giovani irlandesi che le urlavano delle offese, pensando che fosse divertente.

Allora presero della frutta da un chiosco e la gettarono contro questi Rom, aumentando quando i Rom risposero verbalmente. A questo punto un'adolescente ha trovato una vecchia sedia di plastica dalla rastrelliera del chiosco ed è corsa verso i Rom colpendo la donna ritratta nella foto. La donna ha tentato di proteggere il suo bambino spostandolo sull'altro braccio coprendolo con delle coperte. Fortunatamente la situazione a questo punto si è risolta.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/08/2009 @ 09:51:09, in media, visitato 1339 volte)

Da Roma_Daily_News

by Will Conroy - 27 luglio 2009

I recenti esempi cechi ed ungheresi dimostrano differenti modi di trattare gli annunci politici infiammatori.

PRAGA - Gli attivisti per i diritti umani a fatica potevano credere a quel che stavano vedendo quando un partito anti-Rom di estrema destra parlava di "soluzione finale" sulle onde della Televisione Ceca (CT), proprio prima delle elezioni di giugno del Parlamento Europeo.

Le reazioni pubbliche allo spot e susseguente decisione di rimuoverlo sono state relativamente smorzate, ma gli scoraggiati gruppi della società civile vedono l'incidente come una dimostrazione di quanto molto più radicato e tollerato il razzismo sia diventato nella Repubblica Ceca negli anni recenti. Stanno chiedendo che la CT dichiari apertamente di rendere più severe le proprie procedure contro i cosiddetti discorsi razzisti nelle pubblicità e nelle trasmissioni politiche.

Il vituperato spot del Narodni strana (Partito Nazionale) si riferiva ai Rom come "parassiti". Il Direttore Generale di CT Jiri Janecek ha spiegato che l'annuncio era stato permesso perché negli scorsi 18 anni la rete aveva sottoscritto un impegno per permettere la libertà di espressione e di non interferire coi contenuti degli spot delle campagne elettorali. "La Televisione Ceca non controlla preventivamente lo spot in senso editoriale, come è solito per altri contenuti. Così c'è stato [soltanto] un controllo elementare tecnico e di identificazione," ha detto.

CONTRAPPOSTO AI CECHI, L'APPROCCIO UNGHERESE

L'approccio di CT contrasta con quello della Televisione Ungherese (MTV), una rete che sta contrastando la crescita del partito di estrema destra Jobbik (Movimento per un'Ungheria Migliore), che ha ottenuto 427.000 voti e tre seggi nel Parlamento Europeo. Il messaggio elettorale di Jobbik si è limitato ad un attacco "tra le righe", nonostante il fatto che i suoi componenti nella Magyar Garda marciassero apertamente, in pantaloni neri e stivaloni, contro gli "zingari criminali".

"Anche se la Televisione Ungherese non è responsabile del contenuto degli annunci politici [secondo la legge sulle trasmissioni del 1996], MTV presta sempre attenzione al controllo preventivo dei suoi contenuti," dice Gina Pronay-Zakar, portavoce di MTV. "Se MTV considerasse offensivo o razzista un contenuto, la compagnia è legalmente istruita a dipendere dal giudizio ufficiale dell'Ufficio Nazionale Elezione [OVB]. OVB può decidere che un annuncio non vada in onda a causa del contenuto offensivo. Sino al giudizio, MTV può rifiutarsi di trasmettere l'annuncio," ha detto.

Zsolt Varkonyi, portavoce per il comitato affari stranieri di Jobbik, non ha risposto alla questione se Jobbik sia contento dell'accesso alla trasmissione garantito da MTV, ma ha accusato la stampa ungherese ed i media online di aver tenuto un incontro segreto su come agire riguardo la copertura di Jobbik, in seguito al suo exploit elettorale.

I cechi in generale hanno mostrato una distinta mancanza di preoccupazione riguardo gli annunci del Partito Nazionale, ha detto Zdenek Rysavy, direttore esecutivo del gruppo rom di appoggio Romea. "Secondo me, la maggior parte della società concorda con vedute simili. Sono le organizzazioni non profit hanno protestato. Sembra che parecchia gente veramente non se ne interessi," ha detto. Romea ha combattuto con successo per fermare i maggiori server di notizie ceche dal mostrare la trasmissione, ha aggiunto Rysavy.

Lo spot si apriva con uno schermo che mostrava le parole, "La soluzione finale alla questione Zingara portata avanti dal Partito Nazionale è una guida per tutti gli stati europei". Ancora foto di uomini dalla pelle scura che brandiscono una scure e case decrepite alternate a slogan come "No al razzismo nero" e "No ai favoritismi per gli Zingari".

Non c'era bisogno di introdurre cambi legislativi per fermare le trasmissioni politiche razziste nella Repubblica Ceca, dice Rysavy, perché esistevano già le leggi richieste. Questo punto di vista era condivisa da Karolina Ryvolova, una giornalista ceca freelance e laureata in studi rom, che per circa 10 anni si è specializzata nel coprire le questioni delle minoranze per pubblicazioni come il settimanale ceco Respekt. "La decisione di CT di non visionare preventivamente quel contenuto mostra negligenza ed incompetenza," dice. "Qualcosa così apertamente ostile e razzista non ha posto nella televisione pubblica. E' stato totalmente scioccante. La legge è lì; CT deve soltanto regolarsi in accordo con essa."

Ha aggiunto che l'attitudine ceca verso i Rom "si è drasticamente deteriorata" negli anni scorsi, in parte perché sono capri espiatori duranti i tempi economici difficili ed in parte perché alcuni politici ben noti hanno "dato l'OK" al razzismo apertamente mostrato. Ryvolova, che è anche insegnante di inglese alle superiori, continua: "Posso accorgermene anche soltanto seguendo i discorsi su Facebook. Non posso credere alle cose che escono dalle bocche di alcune delle dolci persone a cui insegno... Come è tipico di questo paese riguardo alle questioni rom, questa storia di CT, come il rogo della bambina rom di 2 anni [in un attacco incendiario alla sua casa in Moravia ad aprile] ha causato chiasso tra i media per un paio di giorni ma poi tutto è andato nel dimenticatoio."

I rappresentanti del Partito Nazionale non sono stati potuti essere raggiunti per commentare. Ma il partito ha dichiarato che citerà CT per interferire nel suo diritto di parola, a seguito della decisione di Janecek di ritirare lo spot dopo un'iniziale programmazione.

Janecek, che è stato riconfermato direttore generale di CT il 15 luglio, ha rifiutato una richiesta del Partito dei Verdi che ne chiedevano le dimissioni. Negando ogni addebito di negligenza o incompetenza per aver permesso la messa in onda, ha detto, "Un simile sistema ha funzionato per 18 anni senza problemi seri. E' tempo di modificarlo riflettendo sulla crescita del radicalismo in alcuni partiti registrati ufficialmente.. Ho deciso di non trasmettere [nuovamente] lo spot dopo averlo visto [alla prima proiezione]."

Il direttore generale ha detto che CT si è trovata di fronte a due leggi in conflitto; una insisteva che non ci fosse il diritto di interferire con la trasmissione di un partito politico, mentre l'alta dichiarava che non dovevano essere permesse la trasmissioni con contenuto razzista. "Il conflitto legale pubblico su questo mostra che c'è qualcosa di sbagliato nella legislazione," ha aggiunto.

Guardando come il problema potrebbe essere corretto, Janecek ha detto che alcuni critici a torto presumono si tratti di una questione legale facile. "Ma non lo è," ha detto. "Le persone intelligenti possono intendere che non è l'ideale per una rete indipendente che copre notizie di politica, essere arbitro di una campagna elettorale. Devono intendere che un tribunale o una speciale commissione elettorale sarebbero migliori per decidere se proibire o meno uno spot da trasmettere."

QUANDO I PRINCIPI COLLIDONO

Formatasi da 2 anni, l'Agenzia dell'Unione Europea per i Diritti Fondamentali sta trattando nel dettaglio la questione della trasmissione politica di partiti potenzialmente razzisti, dice il suo rappresentante Cristopher Coxon. Le valutazioni su queste trasmissioni chiaramente riguardano la questione di bilanciare libertà di parola con dichiarazioni razziste, aggiunge Coxon. La legislazione UE nell'applicare la legge criminale a determinate forme di razzismo e xenofobia è stata adottata a novembre, ma il testo dev'essere ancora trasportato nelle legislazioni nazionali dei membri UE, dice.

Sejal Parmar, avvocato anziano di Article 19, un gruppo di consulenza legale, con base a Londra, per la libera espressione e l'accesso all'informazione, ha detto che c'è stato "un evidente valore nel principio di non-interferenza con le trasmissioni dei partiti politici, anche se il loro contenuto può apparire spregevole alle orecchie dei legali dei diritti umani e a parte del pubblico. Così, fintanto che un partito sta operando legalmente nel quadro delle leggi elettorali, ad un partito dovrebbe essere permesso di svolgere le sue trasmissioni." Nondimeno, ha detto Parmar, la legge ha un ruolo importante nel limitare i discorsi quando questi costituiscano incitamento alla discriminazione.

Un disaccordo su principi simili all'incidente del Partito Nazionale è accaduto anche in Gran Bretagna durante la campagna per le elezioni europee, quando la BBC ha mandato in onda uno spot del Partito Nazionale Britannico di estrema destra, che come lo Jobbik ha ottenuto per la prima volta due seggi. Quando sono arrivati i dissensi, la BBC ha pubblicato una giustificazione dicendo che la trasmissione aderiva ai criteri concordati tra media e partiti politici.

Come sottolineato da Ric Bailey, consigliere politico capo della BBC che è anche presidente del Gruppo di Collegamento dei Media in GB, ognuno "sicuramente ha il diritto di vedere preventivamente le trasmissioni politiche sottoposte" e "abbia la responsabilità legale di che cosa esce sul suo canale". D'altra parte, qualsiasi cosa che si ritenga possa causare danno o offesa può essere riferito al gruppo di collegamento. Questo, dice Bailey, da "le linee guida nel trovare un metodo che accontenti tutti".

Una fonte membro del gruppo ha detto di "non poter ricordare un periodo in cui i cambiamenti o alcune omissioni non fossero gradite ad entrambe le parti della disputa, ma ciò che succede spesso è che il Partito Nazionale Britannico concordi felicemente con la rimozione dei suoi pezzi decisa dal gruppo di collegamento, ma che lo spot riappaia nel formato originale sul loro sito web infischiandosene di essere stato censurato". Le dispute più calde, ha aggiunto, hanno riguardato le campagne anti-aborto che contenevano immagini potenzialmente disturbanti.

Ha detto Janecek che l'approccio mostrato dalla BBC può essere di "buona ispirazione" per un cambiamento.

Will Conroy is a freelance journalist in Prague.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/08/2009 @ 08:58:20, in scuola, visitato 1254 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Terraforming.se

Abbiamo incontrato Aleksandar Jovanovic nell'ufficio del progetto "Inclusione degli studenti rom nella scuola secondaria in Vojvodina".

I più importanti obiettivi del progetto sono di aumentare il numero degli studenti rom nelle scuole secondarie, ed anche migliorare il loro successo generale nell'educazione secondaria. Il progetto coinvolge il supporto finanziario agli studenti rom che frequentano le scuole secondarie in Vojvodina, sviluppare la motivazione nella comunità rom perché i loro figli continuino gli studi. Un'altra parte importante del progetto è mettere in contatto gli studenti col network dei "mentori" - colleghi di studio, guide e consiglieri.

Aleksandar Jovanovic era molto interessato nel nostro progetto di scuola estiva. Ha felicemente concordato di partecipare al nostro progetto come lettore ospite e di parlare sulla sua esperienza e sui modi per trovare motivazione e successo in quanto studente rom. Inoltre, intendiamo mostrare il suo film premiato che parla della discriminazione del popolo rom.

Aleksander ha presentato diversi progetti molto interessanti per coinvolgere gli studenti e i giovani rom in Vojvodina. Ci sono tantissimi bisogni e problemi da risolvere, ma la motivazione e lo spirito degli attivisti rom è molto alto. Sicuramente stiamo andando a cooperare nel futuro e fare ogni cosa possibile per trovare l'appoggio a questo lavoro in Svezia e nella UE.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 02/08/2009 @ 11:17:36, in blog, visitato 1387 volte)

Miriam Meghnagi e il canto che viene dal cuore
Mi piace molto lavorare nel cinema. Per l'ultimo film di Citto Maselli, Fuoco e la cenere, ho scritto un canto per la pace in ebraico ed in arabo poi ho invitato un cantante palestinese e l'abbiamo cantato insieme, in una scena nella quale interpretavo me stessa:...

Reggio Calabria, Karin Faistnauer prima vincitrice del festival Ecojazz
Karin Faistnauer, presidente dell'associazione "Donne e Futuro", è la prima vincitrice del premio istituito dal festival musicale Ecojazz in programma a Reggio per il 6 agosto. La manifestazione è gestita dall'associazione di solidarietà internazionale "Un ponte per." che in Calabria è guidata da G...

Napoli, bambini nel mondo tutti insieme contenti 2009
Non poteva trovarsi titolo migliore per il campo estivo “Bambini nel mondo tutti insieme contenti 2009”. Questa l’idea che tutti realizzavano alla “Festa dell’Arrivederci”, tenutasi venerdì 24 luglio alle 16.00 presso l’Istituto Opera del Fanciullo a Capodimonte. L’e...

La Spezia, no alla fiaccolata contro il "campo nomadi"
Massimo Lombardi, Responsabile Immigrazione Prc La Spezia interviene in risposta alle dichiarazioni di Massimiliano Mammi della Destra sul Campo Rom apparse questa mattina su CDS ed, tra l'altro, afferma che : "Le dichiarazioni di Mammi sulle intenzioni del proprio partito politico di organizzare una fiaccolata contro i...

Europei da asilo politico
Cose sorprendenti, quelle che capitano intorno a noi. Anche che un cittadino europeo possa chiedere asilo politico a un paese del g8. E ottenerlo. Il 13 luglio il Canada ha reintrodotto l'obbligo dei visti per il Messico e la Repubblica Ceca. Lo h...

Le ultime perle del "nostro" Ministro Maroni
Il 24 luglio è stata pubblicata dalla Gazzetta Ufficiale la legge sulla “sicurezza” (Disposizioni in materia di sicurezza pubblica). Il provvedimento, approvato definitivamente dal Senato lo scorso 2 luglio, era stato poi firmato dal presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, che però in un...

Lorenzo Del Boca, "quale futuro per la carta stampata"
"Un ottimo liquore dopo un buon pranzo". Questa la metafora semplice ma efficace con cui Lorenzo Del Boca (in foto), presidente dell'Ordine dei giornalisti, descrive come dovrebbe essere un giornale ai giovani praticanti della redazione di Moked. La stampa italiana, racconta, sta perdendo gradualmente l...

Roma, firmato l'accordo per ridurre l'impatto dalle tubercolosi (Tbc) fra i Rom
Ridurre l'impatto dalle tubercolosi (Tbc) fra i Rom, attraverso un progetto che permetta di riconoscere velocemente i casi più a rischio e faciliti l'accesso alle terapie. E' l'accordo firmato oggi dalla Regione Lazio e il Comune di Roma, un programma a cui parte...

Il pasticcio dei bambini fantasma
Quel pasticciaccio del pacchetto sicurezza del ministro Roberto Maroni sui bambini fantasma. A dieci giorni dall'entrata in vigore della legge - 8 agosto - prefetture, questure e associazioni del volontariato annaspano nella confusione. Alle preoccupazioni, avanzate a Prat...

Roma, le politiche di integrazione partoriscono sgomberi
Mentre il nostro Ministro Maroni continua a raccontare balle a destra e a sinistra, non si fermano le azioni di sgombero contro le famiglie sinte e rom. Queste azioni vengono effettuate in spregio sia alla legislazione italiana che alla le...

Rom e Sinti, il racconto sulla nascita delle leggi regionali
«Quando negli anni novanta si aprì la discussione sui campi per Rom fui fortemente impressionato da alcuni paralleli con quanto avevo visto negli anni precedenti seguendo il lavoro di Giorgio Antonucci negli ospedali psichiatrici. Qui mi trovavo di fronte a persone che insist...

Terzo settore: gli errori, il futuro
Famiglia Cristiana, Edizioni dell'Asino e Agenzia Redattore Sociale presentano: Terzo settore: gli errori, il futuro. Assemblea sulle prospettive dell’impegno sociale. L’assemblea si terrà a Roma il 16 e il 17 ottobre 2009, presso il Centro Congressi Angelicum (Largo Angelicum n. 1)...

Il boia ha ucciso 5.700 condannati l'anno scorso
Novantasei Paesi l'hanno cancellata ma in altri 46 resta una pratica consueta. Il boia ha ucciso 5.700 condannati l'anno scorso; il 90% delle esecuzioni sono state eseguite in Cina, ma la Fondazione Dui Hua, diretta da John Kamm, un ex dirigente d'affari che si è votato alla difesa dei diritti umani, ...

Istat, povertà assoluta per 1 milione e 126mila famiglie
Otto milioni di poveri in Italia nel 2008 (con una spesa media mensile per persona pari a 999,67 euro in una famiglia di due componenti) e quasi 3 milioni in povertà assoluta, cioè 1 milione e 126mila famiglie (il 4,6% delle residenti), per un totale di 2 milioni e 893mila...

Ibrahimovic, il cannoniere rom che sogna l'Europa
Zlatan Ibrahimovic ti guarda con quella faccia di chi non deve niente a nessuno. La faccia di chi si è sudato tutto quello che ha ottenuto, costruendo con il sacrificio quel poco che madre natura gli ha negato. Dimenticate gli stereotipi del calciatore di successo. Tra...

Rai, stasera c'è Laura Halilovic
Laura Halilovic è una regista rom. Ha girato un film, verrà trasmesso questa sera su RaiTre, alle 23.40. Da non perdere. I primi nove anni di vita, Laura Halilovic li ha passati in un “campo nomadi”. Dieci anni più tardi ha già realizzato tre sogni: avere l'autografo del suo regista preferito, diventare lei stessa u...

Piacenza, ruba per mangiare
Mentre pubblicavamo il rapporto Istat sulla povertà in Italia è arrivata a U Velto questa agenzia stampa: “Nomade minorenne ruba due bistecche con il figlio neonato”. Il lancio di agenzia è stato dato da Piacenza Day, quotidiano d...

Auschwitz-Birkenau, 2 Agosto 1944
Verso mezzanotte lo spogliatoio era pieno di persone. L’inquietudine cresceva di minuto in minuto. Si sarebbe potuto credere di essere in un gigantesco alveare. Da ogni parte si sentivano grida disperate, gemiti, lamenti pieni di accuse: “Siamo tedeschi del Reich! Non abbiamo fatto niente!”...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/08/2009 @ 08:56:57, in conflitti, visitato 1537 volte)

Da Romanian_Roma

Un gruppo di organizzazioni rumene hanno organizzato il 30 luglio 2009, a Miercurea Ciuc, nella regione di Harghita, una marcia di protesta contro i conflitti interetnici e le loro conseguenze nelle località di Sanmartin e Sancraieni e per la mancanza di interessamento delle autorità locali.

I manifestanti, stimati in oltre 80 persone hanno sostato 20 minuti di fronte a ogni edificio dell'amministrazione locale e mostrato durante l'intero tempo della marcia, striscioni e t-shirt con messaggi bilingue, in rumeno e ungherese, tipo: "I diritti umani non sono negoziabili", "Basta alla violenza contro le comunità rom", "I nostri bambini hanno gli stessi diritti dei vostri".

Sin dall'inizio, un gruppo di circa 15 persone ha organizzato una contro-manifestazione alla marcia di protesta dei Rom. Con sottofondo di urla e fischi, questo gruppo mostrava messaggi come "Andate a lavorare", "Non rubate", "Quand'è l'ultima volta che vi siete lavati?" e "Non provocate". Inoltre, lo stesso gruppo di contro-manifestanti ungheresi ad Harghita era presente ogni volta che i Rom si fermavano di fronte alle istituzioni dell'amministrazione locale.

La disapprovazione della comunità di Harghita riguardo la marcia di protesta è stata enfatizzata da alcuni individui che apparivano da dietro gli edifici, mostrando per pochi minuti striscioni con lo stesso messaggio dei componenti della loro etnia, per poi sparire discretamente. Nel contempo, altri individui avvicinavano il gruppo avendo brevi conversazioni con i partecipanti alla marcia, generalmente dominate da stereotipi diffusi nella nostra società.

Inoltre, nell'ultima parte dell'evento, è apparso un gruppo di 6 membri appartenenti a 2 organizzazioni estremiste (5 dalla Romania e 1 dall'Ungheria), "Movimento Giovani dai 64 Comitati" e "Magyar Garda", vestiti in abiti militari e con le facce coperte. Prima di gridare messaggi anti-rom, come pure anti-rumeni (menzionando il Trattato di Trianon), gli estremisti però non raggiungevano il loro scopo perché la contro-manifestazione veniva fermata dal rapido intervento dei gendarmi.

Secondo le informazioni fornite dalla Gendarmeria di Harghita, gli estremisti hanno ricevuto un indennizzo di 2000-4000 RON, ed è partita un indagine tramite l'Interpol.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 01/08/2009 @ 11:40:39, in Italia, visitato 1167 volte)

La notte del 2 agosto 1944 furono sterminate le oltre 3.000 persone ancora presenti nello Zigeunerlager di Auschwitz Birkenau. Quella notte uomini, donne e bambini sinti e rom furono gasati e poi bruciati nei forni crematori.
Sessantacinque anni dopo, in tutta Europa, dodici milioni di rom e sinti scenderanno nelle piazze per pregare alla memoria delle vittime della follia razzista dei Governi nazifascisti.
Il 2 agosto 2009 tutti i Sinti e i Rom scenderanno nelle strade con delle candele accese per ricordare le oltre tremila persone sterminate nella notte tra il 2 e il 3 agosto. Quest'anno il Giorno del Ricordo in tutta l’Europa sarà dedicato ai bambini Rom e Sinti che hanno subito abusi o sono stati uccisi in Europa.

L’associazione Sucar Drom, in collaborazione con l’Istituto di Cultura Sinta e le comunità sinte e rom mantovane, invitano tutti a partecipare a questo momento di commemorazione per ricordare le vittime della follia razzista dei Governi fascisti e nazisti. La commemorazione si terrà in viale Learco Guerra a Mantova, a partire dalle ore 20.00. Durante il percorso saranno accese tremila candele. A termine si terrà una preghiera, guidata da un Ministro di Culto della Missione Evangelica Zigana.
Oggi come ieri si pensa che i Sinti e i Rom siano degli “abusivi” da allontanare. Ieri da allontanare dal mondo con lo sterminio, oggi da allontanare da un dato territorio con gli sgomberi. Questa logica razzista ha segnato con drammatiche tragedie il nostro Paese e l’intera Europa.
E’ l’ora di alzarsi e manifestare il nostro orrore e la nostra la nostra ferma volontà contro la follia razzista che ancora oggi può oscurare il nostro essere Paese civile.
Per questa ragione facciamo un appello a tutta la società civile, alle associazioni, ai sindacati, alle organizzazioni politiche di essere con noi a Mantova per ricordare le vittime di ieri come monito alle idee razziste che ancora oggi circolano in tutta l’Italia.

Per informazioni: telefono 0376 360643, cellulari 333 2252101, 3388736013, e-mail sucardrom@sucardrom.191.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


23/09/2019 @ 09:59:49
script eseguito in 162 ms

 

Immagine
 Come una Lonely Planet... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 156 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio č per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source