Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 13/08/2009 @ 09:00:21, in Italia, visitato 1203 volte)

Ricevo dalla Federazione Romanì

La Federazione romanì esprime dura condanna ai giovani Rom responsabili della morte dello studente marchigiano Antonio De Meo avvenuto a Villa Rosa di Martinsicuro (Teramo) ed esprime le sentite condoglianze alla famiglia del giovane.

La Federazione romanì nel condannare duramente l’atto criminale di singole persone sollecita tutti a non generalizzare, perché tantissimi Rom e Sinti hanno dato prestigio all’Italia, quali Italiani, con la partecipazione attiva e con successo ad eventi internazionali.

La Federazione romanì non può esimersi dal denunciare anche ai responsabili morali di questo omicidio per l’indifferenza istituzionale e la strumentale propaganda che si sono sostituiti nella Regione Abruzzo alla programmazione di interventi adeguati all’integrazione culturale della minoranza etnica Rom, in particolare dei minori Rom, nel rispetto di una legalità a tutto tondo.

L’integrazione culturale non è un atto di bontà del singolo amministratore, ma un Suo preciso dovere istituzionale.

La Federazione romanì si chiede: cosa è stato fatto nella regione Abruzzo e in particolare nei comuni della Costa Teramana per l’integrazione culturale dei numerosi giovani Rom?

Quale politica di integrazione culturale è stata programmata per prevenire il disagio e la devianza dei giovani Rom?

Certamente tanta propaganda politica e mediatica per strumentalizzare il disagio, l’emarginazione, la discriminazione e la devianza delle persone Rom, tanto clientelismo politico con sperpero di risorse pubbliche; certamente nessuna politica adeguata di integrazione culturale della minoranza rom è stata realizzata e le conseguenze si riversano irrimediabilmente sulla quotidianità di tutti i cittadini.

I patti di legalità, la sicurezza di cui la politica italiana si riempie la bocca è la cartina di tornasole per giustificare i responsabili morali.

Cordiali saluti
Il Presidente Nazzareno Guarnieri

Federazione Romanì
Via Altavilla Irpinia n. 34/36 - 00177 Roma
Tel. Fax: 0664829795 - email: federazioneromani@yahoo.it
Web: http://federazioneromani.wordpress.com
Presidente 3277393570 - Coordinatore 3331486005 - Segretario 3483915709

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/08/2009 @ 09:27:02, in lavoro, visitato 1473 volte)

Da Roma_Daily_News

I Rom d'Europa soffrono i morsi della disoccupazione - 9 agosto 2009 By Jan Cienski in Velka Lomnica, Slovakia, and Thomas Escritt in Budapest

Dionyz Sahi è scappato dal peggior quartiere di Kosice, la seconda città della Slovacchia e dalla disoccupazione a vita, grazie ad un programma messo a punto dalla US Steel per assumere membri della comunità rom. La sua via di fuga dalla povertà è ora chiusa come risultato della crisi economica globale.

"Non siamo più in fase di assunzione, siamo in fase di riduzione," dice George Babcoke, presidente di US Steel Kosice, una sussidiaria della compagnia americana e il più grande investitore nella parte orientale della Slovacchia.

Il crollo economico ha colpito in modo particolarmente duro gli 8 milioni di Rom (stimati) in Europa, ampliamente visti come la popolazione continentale più vulnerabile. Molti zingari hanno avuto da tempo problemi nel trovare lavoro nell'economia formale e sono stati tra i primi a perdere il loro lavoro durante la crisi.

"I Rom sono gli ultimi [ad essere] assunti ed i primi licenziati" dice Rob Kushen, direttore dell'European Roma Rights Centre di Budapest. "C'è un'evidenza aneddotica a suggerire che la crisi economica ha riguardato i Rom in maniera sproporzionale, ma i livelli d'impiego sono sempre stati bassi per questo gruppo."

L'effetto della crisi si può vedere nel villaggio di Velka Lomnica, nella Slovacchia settentrionale. Là, dove il verde vivido delle pianure confina con le montagne Tatra coperte di neve, 1.000 Rom vivono in abbietta povertà. Le donne si appoggiano ad aperture senza finestre che si aprono in caseggiati cadenti costruiti su tre livelli, mentre la maggior parte della gente vive in baracche improvvisate non progettate per i duri inverni slovacchi.

Il vicino impianto della Whirlpool è stato costretto a licenziare gli operai questo anno dato che la richiesta delle sue lavatrici è calata ed alcuni che hanno perso il lavoro vivono nel villaggio. Mirko, un Rom, dice che il suo ingresso mensile è sceso da €650 ai €130 dell'assegno governativo. "Ora mangiamo differentemente. Carne e frutta sono cose del passato," dice. "La gente era invidiosa di me quando avevo un lavoro, ma ora non possiamo permetterci neanche vestiti di seconda mano."

Un altro ex impiegato della Whirlpool dice che sta cercando in giro per la Slovacchia un altro lavoro.

"Ho cercato un lavoro a Bratislava, ma mi hanno detto: -Se sei un Rom, non si preoccupi di segnalarsi-," dice.

Mentre la crisi colpisce, i Rom trovano più difficile competere per un lavoro [...]

In Ungheria, dove la crisi economica ha esacerbato un problema esistente di deindustrializzazione nella parte povera a nord-est del paese, la disoccupazione è diventata un problema particolarmente acuto per i Rom.

Colpiti duri dalla peggior recessione del paese dalla transizione dal comunismo, gli Ungheresi si stanno rivolgendo sempre più verso lo Jobbik, un partito di estrema destra che accusa gli zingari per l'aumento del crimine. Nei mesi recenti, ci sono stati assalti agli insediamenti rom, con diversi uccisi.

La Romania, con la sua popolazione zingara più vasta e meglio integrata, ha avuto meno conflitti violenti dell'Ungheria nell'anno passato, ma potrebbe avere una completa crisi sociale quando il ritorno a singhiozzo dei Rumeni dall'Italia e dalla Spagna diventasse un'ondata, se andasse in crisi l'industria delle costruzioni nell'Europa meridionale.

Nella Repubblica Ceca, l'atmosfera per gli zingari è diventata tanto avvelenata che in centinaia hanno richiesto lo status di rifugiati in Canada, tanto che Ottawa ha reimposto l'obbligo di visto per i viaggiatori cechi.

Mentre la regione lotta per districarsi da una inattesa e tagliente diminuzione economica, ci vorrà probabilmente del tempo prima che gli altri Rom seguano Sahi fuori dalla povertà. Ottenere un lavoro nel 2003 ha permesso a Sahi di lasciare Lunik IX, un torvo quartiere rom alla periferia di Kosice. "Prima non avevo mai avuto un lavoro," dice. "Quando ho avuto in mano il primo assegno e ho portato i bambini a comperare dei giocattoli, ho capito allora la felicità di avere un lavoro."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/08/2009 @ 09:04:05, in sport, visitato 1239 volte)
 SPOT

Per chi legge su Facebook, il link è QUI

Con gli Aquilani per vincere Mondiali HWC Milano 2009

Il ritiro della Rappresentativa Italiana è confermato dal 29 agosto fino al 5 settembre, nella tendopoli del campo sportivo Centi Colella a L'Aquila (info: abruzzo2009@arci.it) dove selezioneremo 4 giocatori Aquilani che hanno perso le proprie case e dove porteremo la solidarietà della Nazionale Italiana Senza Tetto (A.S.C. Nuova MultiEtnica Onlus)

Il 4 settembre Conferenza stampa con la presentazione del primi 8 giocatori della rappresentativa Italiana Senza Tetto
10 giocatori di riserve per tutte le 48 Nazioni
Consegna delle maglie e attrezzatura per tutti giocatori da parte di rappresentante di FIGC e L.N.D.

Ringraziamenti faremo durante la conferenza stampa a tutti quanti hanno aiutato la Nuova MultiEtnica Onlus nei preparativi della Nazionale Italiana dei Senza Tetto (Street Soccer)
Restando a disposizione per qualsiasi chiarimento, inviamo i più cordiali saluti.

Associazione Sportiva e Culturale Nuova MultiEtnica
Via Bellezza 16/a – Milano
Codice Fiscale – 97309030159
Sito - www.nuovamultietnica.com
Email: bogdan@nuovamultietnica.com
info - www.homelessworldcup.org
Bogdan Kwappik - Il Presidente – 347/8638372 casa 0373450523
Amin Othman : 3920639660 (responsabile stampa) amin@nuovamultietnica.com
Jonathan Cervantes - Cell: 3409902751 (Porta Voce)
ARCI Querencia: info@querencia.it

BANCA INTESA
COORDINATE IBAN – IT16 G030 6909 4446 1524 9931 460
ABI 03069 CAB 09444 C/C 6152499314/60
Sostieni le nostre iniziative Grazie!!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/08/2009 @ 09:09:21, in Europa, visitato 1092 volte)

Da Roma_Daily_news

Cari amici,

Ecco uno spettacolo unico tenutosi lo scorso maggio. L'iniziativa Roma Fashion presenta la bellezza e la dignità della cultura rom attraverso una performance unica ed emozionalmente espressiva. La performance è l'esibizione di autentici vestiti femminili rom da tutto il mondo, come pure la loro interpretazione contemporanea, accompagnata dalle voci della musica e della poesia rom internazionale.

L'idea è un'espressione di un nuovo modo di comunicazione nel contesto della società contemporanea ed una ricerca per significati di presentazione costruttivi e creativi sul tema della diversità culturale in Bulgaria.

Più informazioni (in lingua bulgara ed inglese) a: www.romafashion.net

Video dello Spettacolo:

  • Prima parte
  • Seconda parte (questo secondo me è il più interessante: mostra la moda femminile rom vista attraverso i tanti paesi della diaspora. Ma ci sono anche i video sulla preparazione della sfilata finale e il "dietro le scene" ndr)
  • Terza parte

I migliori saluti,

Roma Fashion Team
info@romafashion.net

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 10/08/2009 @ 09:49:41, in blog, visitato 1145 volte)

Milano, il record degli sgomberi
Anche i Tg nazionali si sono occupati degli sgomberi che subiscono le famiglie sinte da parte del Comune di Milano. Ne parla anche il seguente articolo del Corriere della Sera. Un’avvertenza alla lettura: le famiglie sinte non sono...

Roma, presentato il piano di concentramento per tutti i Sinti e i Rom
Roma vara "il numero chiuso" per Rom e Sinti. Un tetto massimo di 6.000 persone censite da integrare «nella legalità e nella solidarietà» che vivranno in soli 13 villaggi autorizzati, che cancelleranno una «vergogna europea» ha detto il sindaco di Roma Gianni Alemanno...

Mantova, 2 agosto 2009
Le foto...

Linkfestival, doppio appuntamento con Moni Ovadia
Uno dei più prestigiosi e popolari uomini di cultura ed artisti della scena italiana, il suo teatro musicale ispirato alla cultura yiddish (che ha contribuito a fare conoscere e di cui ha dato una lettura contemporanea), è unico nel suo genere in Italia ed in Europa e richiama sempre un va...

Bolzano, la commemorazione oscurata da dichiarazioni razziste
L’associazione Nevo Drom di Bolzano con un gruppo di sinti altoatesini (in foto), il 2 agosto 2009 alle ore 21,00, hanno ricordato lo sterminio dello Zigeunerlager di Auschwitz Birkenau con una breve preghiera e accendendo diverse candele in memoria di donne, uomini e bambini sinti e rom p...

Barletta (BA), Alexian Group in concerto
Sabato 8 agosto a partire dalle ore 22, Alexian Group si esibirà in concerto a Barletta presso l'Anfiteatro Giardini del Castello nell'ambito del "Folk Fusion Festival" - voci, ritmi e danze dei popoli...

Romania, i Rom manifestano dopo le violenze subite
Il 31 Giugno nel cuore della Transilvania magiara diverse famiglie della comunità Rom (200 persone) sono state scacciate dalle loro abitazioni e sono state costrette ad allontanarsi e a rifugiarsi nei boschi, dove alcune famiglie vivono tuttora...

Il Consiglio di Stato sospende la sentenza del Tar del Lazio
Il Consiglio di Stato, ha sospeso il 4 agosto 2009 l’esecutività della sentenza del Tar del Lazio che aveva parzialmente annullato alcune disposizioni dei regolamenti per i campi nomadi dei Comuni di Milano, Roma e Napoli. Torna dunque possibile imporre un tesserino di riconoscimento per chi risiede nei...

Milano, bisogna scegliere: l'assimilazione o lo sgombero
E’ passato un anno dall’inizio del censimento e mentre a Roma siamo ancora nella fase uno, il concentramento e l’avvio dei progetti di assimilazione, a Milano siamo già alla fase due, la cacciata. Complici della svolta meneghina gli appetiti immobiliari che la Milano dell’Expo 2015 deve soddisfare...

Livorno, la Città ricorda Eva, Menji, Danciu e Tutsa
Due anni fa, nella notte fra il 10 e l'11 agosto, quattro bambini rom, Eva, Menji, Danciu e Tutsa, persero la vita nel rogo che distrusse la baracca dove abitavano, una misera baracca alla periferia della città, nella zona di Pian di Rota. Fu un fatto terribile, una tragedia che s...

Odissea padana. Un posto per operaio provenienza terzo mondo... Astenersi perditempo, rom, sinti, comunisti, napoletani
Annunci cerco offro lavoro (ai sensi della Legge 15 luglio 2009, n. 94 - Disposizioni in materia di sicurezza pubblica): Rif. 189. Cercasi operaio edile, manovale qualificato, per importante struttura affiliata organizzazione di potere. Requisiti minimi: proveni...

La privatizzazione dell'uso della forza
Siamo alla vigilia dell’entrata in vigore della Legge sulla “sicurezza” e i mass media italiani si concentrano sulle “ronde” che hanno diviso tutti gli schieramenti. C’è chi le vuole, chi non le vuole, chi le chiama con un altro nome e chi chiama il Ministro per cambiare il regolamento. Un guazzabuglio, in cui ci si mettono anche i leghisti di Treviso...

Festival di Locarno, La paura
Film coraggioso lungo settanta minuti ed interamente girato con un telefono cellulare, “La Paura” mostra immagini catturate in modo selvaggio. Il regista-autore di questo progetto è Pippo Delbono ospite in questi giorni alla rassegna Locarnese...

Reggio Calabria, riprendono le attività della Cooperativa "Rom 1995"
L’Azione Cattolica Italiana della Diocesi di Reggio Calabria esprime viva soddisfazione per la ripresa dei servizi erogati dalla Cooperativa sociale “ROM 1995” nel settore della raccolta dei rifiuti ingombranti. La Cooperativa “ROM 1995” rappresenta, certamente, una importante realtà...

Milano, il sociologo Bonomi: "integrare e non escludere"
Aldo Bonomi, a un anno dal primo invio di militari in città, è migliorata la situazione? «Se si vuole veramente risolvere il problema della sicurezza bisognerebbe uscire finalmente dal dibattito tra sicurezza percepita piuttosto che reale. Su questo scontro si è fatta una campagna politica che ha diviso la città. Non ero d’accordo allora sul ridurre t...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/08/2009 @ 00:45:24, in Europa, visitato 1512 volte)

Da Slovak_Roma Continua la raccolta di testimonianze femminili dal vivo, da parte di Kristína Magdolenová. E' la ripresa di una vecchia intervista che non avevo fatto in tempo a tradurre. Puntata precedente

Ingrid Lukáčová Source: Courtesy of Mecem

The Slovak Spectator 3 agosto 2009 Il razzismo è un problema degli adulti
By Kristína Magdolenová & Jarmila Vaňová - Politics & Society

Ingrid Lukáčová viene da Prešov ed attualmente vive a Košice dove lavora come direttrice di una scuola secondaria d'arte.

I tuoi cosa ti hanno incoraggiato a fare?

Soprattutto ad avere un'istruzione. Mi hanno sempre incoraggiato in questa direzione. Mi ricordo che ci sedevamo assieme in famiglia e mia madre e mio padre parlavano su cosa avremmo fatto. Mia sorella sarebbe stato dottore o avvocato, perché era la più brava. Sapeva leggere all'età di 5 anni e anche riconoscere l'alfabeto cirillico. Dato che ero più grande e studiavo il russo, lei imparava con me. Sin da subito ci si aspettava che diventassi insegnante. Mio padre voleva che mio fratello diventasse un musicista.

Perché pensi che vostra madre permetteva a te e tua sorella di studiare?

Dico sempre che mia madre ha un'intelligenza naturale, anche se non ha studiato. Ha vissuto tutta la sua vita come la gente moderna, ma non ha mai dimenticato di essere una donna rom e di vivere la vita rom tradizionale; ha mantenuto le tradizioni. Ha lavorato per tutta la vita e lavora tuttora, l'ha fatto tra i non-Rom. Si è assicurata che andassimo a prescuola e a scuola. L'ha imparato a casa sua, perché suo fratello è andato all'università, così ha imparato che l'istruzione è l'unico modo per cambiare la propria vita.

Nei tuoi studi, sia alla scuola primaria, che a quella secondaria o all'università, c'è stata qualcosa che t'ha fatto sentire che eri differente, che eri una Rom?

Si può dire che forse sono stata fortunata. Non ho mai avuto problemi simili. Mi sono capitate, ma non con le mie compagne di scuola. Anche alla scuola secondaria non ho avuto problemi perché ero tra le migliori studentesse. Anche lì, ero la sola alunna rom dell'intera scuola, e alla fine ero capoclasse. La mia insegnante era sorpresa il primo anno che 36 studenti votassero me come capoclasse.

Quindi secondo te è importante che una madre rom sia quella che guida la famiglia e garantisca l'istruzione dei bambini?

Penso che la madre sia la persona più importante. Questi mi è confermato dal fatto che anche se ho avuto un padre che aveva studiato molto, e a cui cono molto grata, se mia madre fosse stata differente da ciò che era, non sarei mai arrivata dove sono. Ed è per questo che dico che le madri rom dovrebbero essere al fondamento. Sappiamo come va tra i Rom: un uomo, se aveva lavoro, usciva di casa la mattina per andare a lavoro, tornava a casa per mangiare e questo è tutto. Portava a casa i soldi. E, sfortunatamente, le comunità rom funzionano così che il padre non si prende cura di niente.

Di dov'è tuo marito?

Mio marito è di Michalovce. E' un Rom, anche se non ne parla la lingua e non assomiglia a un Rom. E' stato un grande amore, perché ci siamo incontrati quando avevamo 18 anni. Ma mia madre subito gli disse che io studiavo e semplicemente che se mi voleva, doveva aspettare. Così aspettò, anche se nel frattempo non ci vedevamo. Ero all'università e dopo, a giugno feci gli esami di stato e ad agosto ci sposammo. Più tardi divorziammo.

Perché?

Avevo 23 anni quando mi sposai. Quell'anno nacque mia figlia. Vivevamo in casa di mia suocera. Avevo opinioni differenti sulla vita dai miei suoceri e semplicemente non andavamo d'accordo. Là successe qualcosa e mio marito perse il lavoro a Michalovce e decidemmo che si doveva tornare a Prešov o andare a Košice dove c'erano migliori opportunità. Così insegnavo a scuola anche se ero in maternità e cercavamo lavoro qui a Košice. Per mio marito questo cambio era inconcepibile. Così lasciai. Non ho mai voluto tornare indietro. Sarei potuta tornare nella casa di mia suocera. Lì avrei avuto una casa, avrei cucinato, pulito e forse avrei insegnato a bambini non-Rom in qualche villaggio. Ed allora tutto quanto d'altro sarebbe andato per quella strada. Era una decisione difficile: carriera o famiglia. Dico che trionfò la "romanipé" in me.

Di sicuro per te non è stato un periodo facile, ma la vita cambiò per te e sei di nuovo con tuo marito. Oggi come va?

Non mi spiace di essere rimasta sola per quei sette anni. Mi hanno insegnato ad essere forte, a seguire le mie mete. E realmente a passare attraverso quei momenti difficili e mostrare a me stessa che posso farcela senza un uomo attorno.  Ma d'altra parte, devo dire che siamo ancora assieme. Viviamo assieme in una famiglia anche se non siamo più sposati legalmente. Ma è una piccola differenza, siamo una famiglia completa. Questo è molto importante soprattutto tra i Rom perché quello che dirò ora, forse farà ridere, ma mi è stato confermato: Se non hai un marito, non hai la verità. Molte volte, e non solo tra i Rom, ma anche tra i non-Rom. Significa essere una donna cattiva, una donna facile o sciatta.

Questo significa che quando una donna è senza marito, perde di valore?

Certamente. Tanto tra i Rom che i non-Rom. Occorre una donna molto forte per smentirlo. Parlo per esperienza.

La maggioranza delle donne rom che raggiungono il successo o la laurea e si costruiscono una loro carriera, scelgono un partner non-Rom. Tu hai scelto un Rom. Pensavi a tutto questo sul suo essere o no un Rom?

No, non ci ho mai pensato. Ci incontravamo con non-Rom ed eravamo amici; i nostri vicini ci venivano a trovare a casa. Ma tra di noi c'era qualcosa di differente; oggi questo è difatti una situazione più estrema, e ciò non è bene.

Ho avuto molte opportunità, soprattutto all'università. Non mi importava se fossero Rom o no. Ma in me c'era sempre una barriera che mi diceva no. Non può essere. Potevamo essere amici, capirci l'un l'altra come fratello e sorella, ma niente di più intimo.

Ed ancora, d'altra parte capisco le donne che sposano un non-Rom, perché ho studiato in un'università dove c'erano studenti rom. Ma non è che le ragazze non volessero un Rom; vedevo i ragazzi rom, i miei colleghi di studio, nessuno di loro voleva una ragazza rom. Può essere triste il fatto che loro avessero un'istruzione significa che pensavano che se sposavano una non-Rom, loro stessi non sarebbero più stati Rom. Lo penso ancora. Molto pochi di quei ragazzi che hanno completato l'università hanno sposato ragazze rom, e quando l'hanno fatto, hanno sposato ragazze rom che avevano un'istruzione, perché ci sono coppie simili che non hanno niente in comune con i Rom.

Gli uomini rom hanno paura delle donne sagge e non vogliono donne intelligenti. Vogliono donne che faranno quello che dicono loro di fare. O poi ci sono quelli che vogliono donne non-Rom per stare tra i non-Rom. Quanto alla nostra famiglia, ci sono anche dei matrimoni misti.

Cosa incoraggi tua figlia a fare? Come cerchi di crescerla?

Ad avere un'istruzione. A casa parliamo il romanés, così lei sa di essere Rom [...]. Soprattutto da me ha questo sentirsi Rom. E penso di avercela fatta. Perché lei ha vissuto in un ambiente non-Rom e non ha vissuto con i Rom. A parte la sua famiglia, non conosce davvero la loro mentalità. Sto cercando di instillarle tante cose, ma in modo naturale. D'abitudine viene con me agli spettacoli, matrimoni, battesimi, sa ballare come una Romnì. Messa semplicemente, ha questa gioia con lei.

Pensi che la romanipé, così com'è, arricchisca le persone?

Sì, per me certamente. Noi non neghiamo la nostra identità come quelli che vogliono ed hanno mariti e mogli non-Rom. Ho anche amici da matrimoni misti, anche se vivono differentemente. Non posso immaginare di vergognarmi di ciò che siamo. Così non neghiamo questa identità, cerco di crescere mia figlia e provare anche a cambiare mio marito, anche quando a volte sembra impossibile. Mio marito, anche se è cresciuto in quella famiglia, ora dice che gli dispiace di non sapere il romanés. Mette musica rom più di quanto ora faccia io. Dico che questo è perché la sua famiglia ed i genitori hanno negato la loro identità. E' interessante, mi pare, che quando ci sono matrimoni o battesimi, cantano in romanés e ballano la musica rom. E per ciò che dico che questo è rinunciare e negare se stessi. Perché è lampante che siano Rom. Penso che sia importante, e che è un peccato se i Rom istruiti rinunciano alla loro identità. Ma succede ad ogni tipo di gente.

Abbiamo accennato alle tradizioni rom. Quali sono le più importanti impresse nella tua memoria? Ci sono ancora tradizioni rom?

Certamente ci sono. Le insegno a mia figlia e a mio marito, perché lui non le conosce. Natale, per esempio. Di solito, abbiamo cibo rom per cena. Dev'esserci un pezzo di gója (un tipo di salsiccia), un pezzo di pašváre (nervi di porco affumicati). Non tanto, ma abbastanza perché con questo cibo manteniamo le nostre tradizioni rom. Ci piace di più così; ne vogliamo più di una certa cotoletta, dell'insalata, dei pesci e di queste cose. Dopo, per esempio, la nascita di un bambino - una pittura sacra, un nastro, una croce, viene messo sugli occhi. E' qualcosa che faccio regolarmente. Poi gli impegni in casa di mia mamma, il mangavipen (la cerimonia)... I miei cugini, quando hanno una cerimonia rom, si legano tra loro le mani con un foulard. L'ho sempre ritenuto adeguato... Mi è sempre piaciuto.

Come si manifestava l'amore nella vostra famiglia?

Questo è un problema con i Rom. Nella nostra famiglia, non era un problema quando eravamo ancora insieme. Ma dopo che i miei genitori divorziarono, mamma aveva sempre da fare. Anche se posso dire che ha saputo sempre elogiarci. Ma non era sempre così. Forse perché eravamo cresciuti... non ci ha più coccolati come da piccoli. Posso dire che dei suoi fratelli e sorelle - erano in nove - lei era la più capace di esprimere affetto.

Si dice dei Rom che siano genitori davvero affettuosi e che siano basati sulla famiglia, ma è vero che noi, come Rom, apriamo questa comunità attorno a noi in modo che questo amore in queste famiglie non sia ben espresso?

Dico che è nascosto. Perché so per certo che questi genitori amano i loro figli. Ma non sono capaci di esprimerlo. L'hanno in qualche modo codificato. Io, per esempio, non sono di questo tipo.

Forse perché sono condizionati dal ritenere che i figli dovranno iniziare presto a prendersi cura di sé - e così i genitori inconsapevolmente li preparano per una vita difficile?

Forse sì. Se guardo indietro, la maggioranza dei Rom vizia i bambini piccoli. Da un anno di età ai tre. E poi basta. Non li accarezzano più, non esprimono più amore.

Stiamo parlando di linguaggio ed educazione. I bambini rom a scuola hanno bisogno di qualcosa a differenza dei non-Rom? Penso alla scuola primaria.

Ho studiato educazione dal primo al quarto grado. Ho insegnato per sette anni in una classe ponte, dove c'erano bambini rom e dico che è differente. Dipende dal tipo di comunità da cui arriva il bambino, ma io dico sempre che i bambini rom sono differenti nella testa dai non-Rom, in quanto vengono in un ambiente completamente estraneo di cui hanno paura. Non capiscono la lingua della maggioranza, non ne hanno le capacità comunicative ed hanno un vocabolario molto povero. Comprendono bene il romanés, che è la loro lingua madre, ma neanche tutti. In questo sono differenti. Alle scuole primarie hanno soprattutto di qualcuno che capisca il romanés e sia Rom e di cui fidarsi.

E' quindi una questione di barriera linguistica?

Sì, ma è anche culturale. I bambini non vanno a prescuola, così non ne conoscono l'ambiente. Arrivano in un ambiente completamente da quello familiare. Non lo capiscono e non capiscono cosa è loro richiesto.

Sfortunatamente, non tutti sono insegnanti nel vero senso del termine e molti dei miei colleghi non permettono ai bambini di svilupparsi. Li fanno sedere agli ultimi banchi e sono esclusi da tutto. Quindi questo è un problema, un grosso problema nella scuola primaria. Quando, per esempio, sostituivo una collega, la mia classe ponte veniva divisa ed io andavo a sostituire un'altra insegnante. Soltanto che io volevo avere i miei scolari nella classe, perché altrimenti non sarebbero venuti a scuola. Così succedeva che i bambini non-Rom non volevano sedersi con un bambino rom vicino e piangevano. Ho fatto la sostituzione per un mese intero. Insegnavo loro a lavorare assieme, a giocare assieme, a parlare assieme. I bambini non-rom vedevano che ero una donna rom e che parlavo il romanés. La relazione era totalmente differente. Tutti i bambini sono uguali; non hanno problemi nel stare assieme. Il razzismo è un problema degli adulti. Quei bambini in un mese erano capaci di lavorare assieme. I colleghi osservavano: 40 bambini in classe e non c'erano problemi!

Come dovrebbe essere un sistema di istruzione ideale dal grado 1 al 4 per i bambini rom?

Almeno sino alle quattro del pomeriggio, con un buon insegnante che abbia intesa e conoscenza sui Rom, ovviamente un assistente all'insegnamento andrebbe benissimo, se l'insegnante non è Rom. Il processo dovrebbe durare tutta la giornata, perché i bambini devono essere molto coinvolti in questa scuola. Ovviamente dovrebbe esserci una buona mensa, tutte le attrezzature di cui c'è bisogno a scuola. Così possono preparare e fare i loro compiti.

Cosa dici di quei genitori che vogliono i loro bambini nelle scuole speciali, solo perché è più vantaggioso per loro?

Prima di tutto, non permetterlo. Perché i genitori fanno così, si può dire, per una specie di calcolo o per rendere più facili le cose. Se c'è una scuola speciale proprio qui nell'insediamento o nel villaggio, perché dovrei prendere il bus la mattina per portarlo alla scuola regolare? Siamo andati tutti là e là andranno i miei figli. Com'è possibile prevenire ciò? Penso che dovrebbe esserci un esame psicologico per le scuole speciali, perché sono certa che metà dei bambini sono lì e non dovrebbero esserlo.

Si potrebbe dire che una simile indifferenza dello stato verso l'educazione speciale ed il numero di Rom in queste scuole in realtà demanda il problema nel futuro alle cosiddette comunità rom?

Sì, certamente. E' un tema di cui si è parlato a lungo e niente è stato fatto. E come dico, molto denaro va ancora alle scuole speciali. Non dico che ora bisognerebbe abolirle, perché ci sono alcuni bambini, sia Rom che no, che ne hanno bisogno. Ma sinora non è stato fatto niente per impedire che bambini sani vi vadano.

Sarebbe d'aiuto se i Rom avessero una propria rappresentanza politica?

Certamente. E spero che accada e che avremo un buon partito politico, perché senza di questo non succederà niente. Ne sentiamo un gran bisogno. La cosiddetta intelligentsia rom può avere 100 laureati, ma senza volontà politica non cambierà niente.

Forse il problema è anche nel fatto che molta di questa gente che formalmente agisce per i Rom e li rappresenta, non è realmente cresciuta in un ambiente rom, non ne parla la lingua, non ne conosce la storia, non conosce la cultura rom e realmente non ha sensibilità per i Rom. Ma il fatto che siano un po' più scuri di pelle, significa che questo li qualifica a sufficienza per essere percepiti come rappresentanti della comunità rom...

E' così. Quanti Rom vivono a Bratislava? O che tipo di Rom? [...] Musicisti che non vogliono avere niente a che fare con i Rom. E poi c'è un gruppo, i cosiddetti pesci grossi che non parlano romanés, come hai detto. Non sanno chi sono, ma vedono dietro questo qualcosa di differente. Soldi. Dovrebbe essere detto apertamente. O non è adatto per loro a causa della gran distanza per cui dovrebbero lasciarsi dietro la loro famiglia e tutti gli altri. Forse l'inganno risiede nel fatto che la più grande concentrazione di Rom è nella Slovacchia orientale. E allora perché tutto si trova a Bratislava?

Quindi gli uffici ed il governo plenipotenziario dovrebbero essere qui?

Beh, naturalmente. L'ufficio del plenipotenziario, i dipendenti, le cosiddette commissioni che dovrebbero essere in ogni ministero? Perché non potrebbero essere qui? Lasciatele qui nell'est, dove vivono i Rom. Lasciatele andare sul campo. Non solo noi, quelli che operano giorno a giorno, ma anche i cosiddetti pesci grossi di Bratislava che risolvono tutto a tavolino. Non sono mai stati in un insediamento rom. La penso così.

Tu sei membro del consiglio governativo per le minoranze nazionali. In passato la Slovacchia è stata spesso criticata proprio per non risolvere il problema rom. La situazione è cambiata negli anni recenti?

Ho la sensazione che si sia fatto qualche passo avanti. Anche se mi aspettavo di più. Ma con l'ultimo governo personalmente non ho avuto una buona impressione. Ed è giusto dire che ora siamo fermi. Un certo gruppo ne ha approfittato. Ma riguardo all'istruzione e altre cose, tutto si è fermato.

Il problema che si presenta spesso con queste strategie, concezioni, progetti, è il fatto che non sappiamo quanti Rom ci siano qui in Slovacchia...

Non lo sappiamo perché il censimento funziona in maniera che i Rom non dichiarano il loro status di minoranza nazionale. Questo ha certamente un retroterra storico, il perché lo sappiamo, ed ovviamente molti Rom si dichiarano Ungheresi. In questo caso la maggioranza può ostruire, dicendo che non siamo in molti quando in realtà sanno quanti siamo.

Il fatto che non esistano statistiche significa che il numero dei Rom può variare, così quando riguarda i soldi del Ministro della Cultura ci sono meno Rom e quando riguarda i soldi dell'Unione Europea ce ne sono di più.

E' così che funziona. E si continuerà ad operare così perché non cambi niente. Ognuno utilizza quel che sa. Ed, ovviamente dico io, i Rom sono un buon oggetto per ottenere soldi ed è perciò che qualcuno può arricchirsi.

Se tu potessi dire ai membri del Parlamento Europeo qualcosa sui Rom in Slovacchia, cosa sarebbe?

Vorrei solo mostrare che ci sono Rom in Slovacchia che mantengono la loro cultura, tradizioni, identità e che usano la loro lingua, sono in tanti, ed è importante dire ai membri del parlamento di venire e vedere le condizioni in cui vivono i Rom, e che dovrebbero incontrare le elite rom e non le organizzazioni di non-Rom, coi non-Rom, ma con i Rom che lavorano per i Rom e che vogliono cambiare le cose in questa nazionalità, in questa nazione, così che abbiano l'opportunità di sentire i Rom stessi.

Se ci reincontrassimo tra cinque anni, proprio qui a questo tavolo, cosa vorresti che fosse differente?

Bene, spero che la posizione dei Rom sia differente: di non avere problemi con l'istruzione, che ci siano più Rom acculturati e di poter dire che il numero di persone istruite che già abbiamo eguagli quello di chi frequenterà la scuola secondaria e l'università, potendo dire con certezza che il governo ci ha aiutato. E di avere un partito politico.

Oltre ad insegnare per tre scuole in lingua romanés, sei soprattutto attiva nel terzo settore. Perché ha questo bisogno di fare qualcosa, quando già insegnare in tre scuole richiede certamente abbastanza?

Ho iniziato essendo coinvolta nelle comunità rom. Ed ora è difficile dire a queste donne, con l'occupata che sono, che non voglio più lavorare con loro, quando queste stesse donne mi chiamano per chiedermi: quando si fa qualcosa e quando ci incontriamo?

Realmente cosa fai?

Questo è davvero il network delle donne rom, Fórum pale romňa. Queste sono attività per le donne rom della comunità. Cerchiamo di aiutarle a diventare leader. A casa, nella comunità. E così si coinvolgono nelle elezioni locali. Stiamo provando a cambiare la posizione delle donne rom, almeno nella società.

In questi anni hai visto un cambiamento in queste donne?

Sicuramente. Queste donne viaggiano sino a Detva, nella Slovacchia centrale, è qualcosa di nuovo per loro. Quello ed il fatto che loro marito le lasci andare fuori di casa e famiglia e figli per due giorni. Tutto questo diverte ed ora è normale.

La società dovrebbe sapere di più sulla vita di queste donne?

Sì, naturalmente. Abbiamo fatto una piccola campagna per aiutare la gente a conoscere queste donne. Ma non era sufficiente. C'è bisogno di soldi. Anche per queste donne e soprattutto perché possano fare nella società quello che fanno così bene a casa.

Interviews with Roma women are part of a project by the Roma Press Agency and will be published in a forthcoming book.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/08/2009 @ 11:10:59, in Italia, visitato 1270 volte)

Ricevo da Roberto Malini

Roma, 27 agosto 2009. Un giovane Rom, padre di famiglia, ha compiuto un gesto disperato tentando di gettarsi sotto un'auto, a Roma. Con prontezza è riuscito a trattenerlo, afferrandolo d'istinto per la maglietta, il fratello di lui. Dal 27 luglio scorso, il giovane e i suoi congiunti sono senzatetto e senza mezzi di sopravvivenza. Quel giorno, infatti, il campo di via Dameta e via Neida, in zona Rustica, è stato sgomberato e le abitazioni, in cui 140 Rom vivevano da oltre 20 anni, sono state distrutte dalle ruspe. "Serviva lo spazio per realizzare le strade complanari alla A24 e inoltre l'insediamento era abusivo e di certo non possiamo tollerare l'illegalità," hanno spiegato le autorità. "Ci avevano avvisati, ma non credevamo che l'avrebbero fatto," commenta una delle vittime dell'evacuazione. "Sono venuti circa 200 agenti per mandarci via, come se fossimo una banda di delinquenti. Non ci danno alcuna alternativa, se non una breve permanenza al dormitorio della ex Fiera. Eppure, quel terreno lo avevamo pagato profumatamente ad alcuni italiani, che però, secondo quanto dice il Comune, non erano proprietari del lotto. Ma se è così, perché ce lo dicono solo ora? Possibile che non abbiamo maturato diritti, in tutti questi anni di sofferenze ed emarginazione, magari dietro pagamento di un affitto? Alcuni di noi andranno al campo di Salone, che è un ghetto. Perderemo tutti i contatti che ci consentivano di svolgere piccoli lavori. Che speranze abbiamo di sopravvivere, se vogliamo restare onesti?"

Gruppo EveryOne
+ 39 334 8429527 :: +39 331 3585406
www.everyonegroup.com :: info@everyonegroup.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/08/2009 @ 09:42:44, in Europa, visitato 1117 volte)

Da Nordic_Roma, per quanto possa sembrare strano leggendo le prime righe, non si parla dell'Italia

"La disoccupazione è alta, le infrastrutture carenti, la disponibilità di energia antiquata ed insufficiente, deficiente la sanità ed inefficienti i tribunali."

Il 15-20% dell'economia consiste di "crimine organizzato". Strutture interne all'establishment politico "usano la loro posizione per ottenere vantaggi pubblici". Il paese è "una base per il contrabbando internazionale (Narcotici, armi, tabacco, traffici)".

Per i gruppi rom la situazione è "tuttora problematica". Sono esposti a "discriminazione sistematica" e "disordini etnici" possono verificarsi ancora. E allora "ci sarà bisogno di assistenza internazionale (KFOR)".

Questi fatti allarmanti possono essere trovati in un nuovo rapporto nazionale del Tavolo Migrazione Svedese, rilasciato poco prima dell'estate.

Nel febbraio 2008 il Kosovo ha dichiarato l'indipendenza dalla Serbia. Molti dei paesi UE hanno riconosciuto l'indipendenza, ma non tutti, e sicuramente non la Serbia. L'indipendenza porterà qualche miglioramento alla minoranza rom in Kosovo? Loro temono di no. Nonostante le loro richieste, non sono mai stati coinvolti nelle negoziazioni di Ahtisaari che hanno portato a quella decisione.

200.000 persone dal Kosovo, la maggioranza di loro Rom, vivono ancora in esilio, nei confinanti paesi dei Balcani e in Occidente. Hanno terrore di ritornare in Kosovo, da cui furono cacciati dieci anni fa in un crudele esempio di pulizia etnica. La maggioranza albanese accusa i Rom di collaborazionismo con i Serbi durante la guerra.

Quali conclusioni trae il Tavolo Migrazione dal suo stesso rapporto? La Svezia vanta alti standard di diritti umani, un eccellente sistema democratico, ed una generosa politica di asilo. Così i Rom del Kosovo troveranno finalmente protezione in Svezia?

La risposta è no. Al contrario il Tavolo ha iniziato segretamente una serie di deportazioni di massa dei Rom in Kosovo, nonostante gli ammonimenti dell'UNHCR, di Thomas Hammarberg - commissario per i Diritti Umani del Consiglio d'Europa, e le raccomandazioni di numerose OnG.

Fino al 2009, 29 kosovari sono stati rispediti a forza dalla Svezia al Kosovo, secondo il Tavolo Migrazione Svedese. Ma dato che agli incaricati del Tavolo non è permesso registrane l'etnia, non sanno dire se fossero Rom.

Ma io lo so. Attraverso i miei contatti, so che i 29 deportati corrispondono esattamente alla lista di nomi rom in mio possesso. Ad agosto, altri 14 Rom saranno deportati mentre in 20 stanno ancora attendendo dopo aver fatto appello contro l'ordine di deportazione. So i loro nomi. I miei informatori mi hanno detto che molti altri nella stessa situazione non vogliono sia rivelato il loro nome.

Tra quanti saranno deportati c'è una famiglia che ha vissuto in Svezia per due anni. L'uomo era presidente di un'organizzazione rom ed era perennemente minacciato in Kosovo. In un'occasione, gli assalitori albanesi ferirono suo figlio di tre anni, che perse la vista da un occhio. La famiglia ha anche una figlia, nata durante l'esilio in Svezia.

Il Tavolo Migrazione Svedese si aspetta che la famiglia firmi un documento in cui afferma di voler tornare in Kosovo di propria volontà. Ora la famiglia si appella al popolo svedese per un aiuto.

In un intervista al giornale tedesco Frankfurter Rundschau, Thomas Hammarberg, commissario per i Diritti Umani, ha detto che è totalmente sbagliato deportare i Rom in Kosovo. Hammarberg ritiene che i governi europei stiano tenendo un approccio puramente tecnico, firmando un accordo col Kosovo. Il Kosovo ora è indipendente, ma questo non significa automaticamente che abbia la capacità di riammettere i Rom di ritorno.

La Germania, il paese che dai tempi del nazismo ha il debito più grande con i Rom, ora, proprio come la Svezia, li sta rimandando nei loro tormenti in Kosovo. L'Europa tiene gli occhi chiusi sul suo debito plurisecolare versoi Rom.

In Germania, almeno, c'è una forte e vivida opinione contro le deportazioni forzate.

Ma nessuno sembra ascoltare il commissario svedese del Consiglio d'Europa. E la presidenza svedese dell'Unione Europea mantiene il silenzio. La persecuzione dei Rom nella UE - Italia, Ungheria, Repubblica Ceca - non è nell'agenda del Primo Ministro Fredrik Reinfeldt.

Mi vergogno del mio paese!

Irka Cederberg
Journalist
Davidshallsgatan 25 A S-21145 Malmö Sweden
Tel. +46-40-232402
GSM: +4670-6368817

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/08/2009 @ 09:18:55, in Italia, visitato 1322 volte)

Prima o poi doveva succedere: che i Rom/Sinti finalmente potessero parlare in prima persona con i "politici". Stupisce, ma non più di tanto, che sia il partito della Lega a fare il primo passo. Per il momento siamo ancora alle provocazioni, speriamo che al più presto si passi ad un vero confronto

Localport.it Politica - Ivrea - 05/08/2009
Giglio Vigna (Lega Nord): "Voglio incontrare i Nomadi del campo eporediese"
di Marco Campagnolo

Non fosse che il consigliere cittadino della Lega Nord Alessandro Giglio Vigna non ha sicuramente il "Physique du role" del pistolero, si potrebbe dire che quella che lancia è una sfida all’Ok Corral. O, visti i toni garbati, è più cavallerescamente il lancio del guanto di sfida.

"A settembre – annuncia l’esponente leghista - chiederò all'Amministrazione di imprestarci una delle sale del nostro Palazzo Civico per incontrare una delegazione di nomadi del campo, naturalmente la stampa cittadina sarà invitata".

E la lettera in cui Giglio Vigna accoglie l’idea di un incontro lanciata dalla comunità nomade eporediese, sembra proprio l’annuncio di un duello, con tanto di testimoni (la stampa) e secondi (un avvocato, un commercialista, un architetto e un medico).

Ma forse giova un riepilogo della vicenda.

Nel consiglio comunale del 13 luglio scorso Giglio Vigna presenta una interrogazione che verte sui rapporti tra gli abitanti del quartiere San Giovanni e i nomadi del vicino campo. Nel quartiere, scrive in quell’occasione il giovane consigliere "Nelle ore notturne, in particolar modo del fine settimana, a parere dei residenti, alcuni nomadi arrivano dal vicino campo importunando i residenti, abusando di alcol e spadroneggiando nel quartiere, nel quale, alcune volte, avvengono risse fra gli stessi nomadi".

Ma alla comunità nomade eporediese non piacque di essere rappresentata in maniera tanto negativa e, a mezzo stampa, propose a Giglio Vigna di incontrarli per conoscerli realmente per quello che sono.

Invito che il consigliere (con un piccolo ritardo dovuto, per sua stessa precisazione, all’organizzazione di Miss Eporedia) ha ora ufficialmente accolto. Ma non solo, come si direbbe a poker, "vede", addirittura "rilancia":

Consiglio ai nomadi – scrive quindi Giglio Vigna -, se ancora saranno disposti ad incontrarmi, di organizzare una piccola squadra composta da:

  • un avvocato
  • un commercialista
  • un architetto
  • e un medico

Quattro esperti di loro fiducia di quattro settori di cui si andrà a discutere durante l'incontro: quattro "angeli custodi".

Io sto già preparando la mia squadra, la quale mi aiuterà a porre alcune domande ai nomadi, domande che in città molti eporediesi si pongono da tantissimo tempo, ma che evidentemente non sono state mai poste ai diretti interessati.

I quattro esperti della squadra di lavoro dei nomadi li aiuteranno a rispondere alle domande da noi poste.

Naturalmente anche io sarò disposto a rispondere alle eventuali domande sulla mia linea amministrativa (seppur di opposizione) che i nomadi vorranno pormi.

La presenza di avvocati ci servirà per discutere di questioni minorili e di questioni legali riguardanti il fatto che ,nonostante esita un campo nomadi ad Ivrea, i nomadi che arrivano da fuori debbono sostare in altre aree della città non adibite alla sosta delle loro "carovane".

La presenza di un commercialista ci servirà per discutere alcuni aspetti tributari e fiscali.

La presenza di un architetto per discutere alcuni aspetti catastali.

La presenza di un medico per discutere di aspetti sanitari, in particolare riferiti alla presenza di minori nel campo.

Spero che la mia risposta positiva all'incontro sia ben accetta dalla comunità nomadi.

Durante il mese di agosto, oltre a completare la formazione della mia squadra mi informerò sulla cultura Sinti e ne studierò i vari aspetti. Auspico che i delegati del campo allo stesso modo si informino sul mio bagaglio culturale dal punto di vista politico, le radici filosofiche dell'autonomismo, la lega, il movimento giovani padani, il rispetto delle tradizioni di chi ospita, della legalità costituita come cardine della società e tutto quant'altro può essere utile per comprendere bene da dove arriva (culturalmente) il loro interlocutore.

Questo per far si che l'incontro sia proficuo partendo da una conoscenza reciproca, almeno in linea teorica e di base, degli interlocutori.

Occorrerà quindi aspettare settembre per scoprire se vi sarà il duello e se sarà "cavalleresco" o alla "rusticana", se sarà a colpi di fioretto o di sciabola (o addirittura con armi da fuoco) e, soprattutto, se sarà al primo o all’ultimo sangue.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/08/2009 @ 09:02:18, in media, visitato 1026 volte)

Da Roma_Francais

France24.com Cinema: Teddy Lussi-Modeste, un "voyageur" nella Repubblica
Par Mié KOHIYAMA

Immagini © 2007 AFP Jean-Philippe Ksiazek

GRENOBLE, "Mi sento come un passatore tra due mondi": bambino, Teddy Lussi-Modeste si è allontanato dei suoi per dedicarsi agli studi. A 31 anni, questo cineasta di Grenoble testimonia la sua ricerca identitaria tra il mondo della gens du voyage, da cui proviene, e la società francese.

"Mi sembra che ci sia uno iato tra il fatto di essere un voyageur" il nome che si danno la gens du voyage in Francia, "ed il fatto di sentirsi francese", osserva il realizzatore, che gira quest'estate a Grenoble il suo primo lungometraggio.

"E' molto più difficile sopportare il rifiuto di cui può essere vittima" questa comunità "perché si sentono francesi", sottolinea. Il suo film "Jimmy Rivière", nel quale recitano Béatrice Dalle ed Hafsia Herzi ("la Graine et le Mulet"), racconta la storia di un giovane nomade (Guillaume Gouix), che abbandona la boxe e la sua piccola amica per convertirsi all'evangelismo.

Da qualche anno, questo movimento religioso incontra infatti un grande successo nella gens du voyage, valutata a 450.000 in Francia, di cui più della metà si è convertita. "C'è una parte di me in questo personaggio, che è in una ricerca spirituale", spiega il cineasta all'AFP.

Uscito da una famiglia di "voyageur" di Grenoble, Lussi-Modeste sono passato la sua infanzia sballottato tra carovane, case mobili o case, a fianco dei suoi genitori, che migravano in base ai lavori stagionali. Suo nonno paterno ed un prete l'incoraggiano a studiare e Teddy Lussi-Modeste diventa appassionato di letteratura: "era come una specie di divieto. Andavo verso i libri che erano la rappresentazione molto concreta della cultura francese gadjé", scritta, in opposizione a quella della gens du voyage.

Il cineasta è segnato dai romanzi di Jean Genet, nei quali l'autore esplora il tema del tradimento. "Mi sentivo un po' traditore rispetto alla mia Comunità perché avevo desideri che non erano quelli dei miei genitori. Mio padre avrebbe certamente preferito che fossi un boxeur come lui e che girassi i mercati", racconta.

Per i suoi studi, il giovane frequenta la Fémis, la celebre scuola di cinema parigina, e diventa professore di lettere in istituti universitari e collegi, prima di dedicarsi interamente al cinema. Si concepisce come un "passatore" di storie che trasmettono "informazioni da un campo all'altro" e situa il suo posto "all'interno delle due comunità", sentendosi "culturalmente attraversato da un meticciato".

Per il suo film, Teddy Lussi-Modeste ha fatto appello ad attori non professionisti, gens du voyage di cui ha avuto "voglia di filmare i corpi, i visi, il loro modo di muoversi". Ha accordato una cura particolare allo scenario per riprodurre l'accento, le tenere derisioni o i pudori del linguaggio della gens du voyage, come il ricorso frequente all'antifrase "le vilain garçon" (il ragazzo sgradevole ndr) per dire che è bello.

Teddy Lussi-Modeste spera che "Jimmy Rivière", che uscirà nel 2010, trasmetta un messaggio di tolleranza, essendo la differenza di cultura secondo lui allo stesso tempo "una dannazione ed una possibilità morale".

AFP

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


20/09/2019 @ 21:22:50
script eseguito in 162 ms

 

Immagine
 Parigi, 4 settembre 2010, manifestazione dei 50.000... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4521 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source