\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Roma, dopo sgombero giovane Rom tenta suicidio
Di Fabrizio (del 08/08/2009 @ 11:10:59, in Italia, visitato 1309 volte)

Ricevo da Roberto Malini

Roma, 27 agosto 2009. Un giovane Rom, padre di famiglia, ha compiuto un gesto disperato tentando di gettarsi sotto un'auto, a Roma. Con prontezza è riuscito a trattenerlo, afferrandolo d'istinto per la maglietta, il fratello di lui. Dal 27 luglio scorso, il giovane e i suoi congiunti sono senzatetto e senza mezzi di sopravvivenza. Quel giorno, infatti, il campo di via Dameta e via Neida, in zona Rustica, è stato sgomberato e le abitazioni, in cui 140 Rom vivevano da oltre 20 anni, sono state distrutte dalle ruspe. "Serviva lo spazio per realizzare le strade complanari alla A24 e inoltre l'insediamento era abusivo e di certo non possiamo tollerare l'illegalità," hanno spiegato le autorità. "Ci avevano avvisati, ma non credevamo che l'avrebbero fatto," commenta una delle vittime dell'evacuazione. "Sono venuti circa 200 agenti per mandarci via, come se fossimo una banda di delinquenti. Non ci danno alcuna alternativa, se non una breve permanenza al dormitorio della ex Fiera. Eppure, quel terreno lo avevamo pagato profumatamente ad alcuni italiani, che però, secondo quanto dice il Comune, non erano proprietari del lotto. Ma se è così, perché ce lo dicono solo ora? Possibile che non abbiamo maturato diritti, in tutti questi anni di sofferenze ed emarginazione, magari dietro pagamento di un affitto? Alcuni di noi andranno al campo di Salone, che è un ghetto. Perderemo tutti i contatti che ci consentivano di svolgere piccoli lavori. Che speranze abbiamo di sopravvivere, se vogliamo restare onesti?"

Gruppo EveryOne
+ 39 334 8429527 :: +39 331 3585406
www.everyonegroup.com :: info@everyonegroup.com