Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 27/10/2008 @ 09:27:10, in Italia, visitato 1424 volte)

Ricevo da Eugenio Viceconte

Festa Anti Razzista: E’ una festa di autofinanziamento.

Siete invitati e potete invitare chi desiderate…

è giovedì 30 ottobre alla Locanda Atlantide in via dei Lucani 22 (San Lorenzo, Roma).

Dalle 19.30 invitiamo a cena con un menu multi etnico, il costo è di 15 euro e comprende il concerto con i Pura Utopia e The Sessiosn Voices, durante la serata proietteremo video e foto della manifestazione. Se invece vuoi venire dopo cena e goderti il concerto il biglietto è di 5 euro.

Importante: comunicare il numero delle persone che verranno a cena al più presto.

Per segnalare le adesioni stoprazzismo@libero.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/10/2008 @ 09:29:45, in Regole, visitato 1554 volte)

di Luigi Spezia - Il giorno stesso in cui è stata pubblicata su Repubblica la lettera di denuncia di una passeggera, l'Atc ha sospeso dal servizio e dallo stipendio il controllore che ha trattato un gruppo di rom, adulti e bambini, con frasi ingiuriose e razziste. "Comportamenti estranei ad Atc", dice una nota dell'azienda di trasporti. L'episodio era accaduto martedì scorso alle ore 8 di mattina sulla linea 35, quando tre controllori sono saliti a bordo in via dello Scalo.

La signora Linda Serra ha raccontato con molta accuratezza le frasi che uno dei tre controllori (numero di matricola 09043) ha rivolto ai rom e che hanno evidentemente trovato riscontro in una rapida istruttoria eseguita dai superiori del dipendente Atc. Proprio mentre stava verificando il biglietto della signora, il controllore ha iniziato col dire "adesso vi liberiamo di un po' di puzza", poi rivolto ad una coppia rom con un bambino ha detto, sempre secondo la lettera della signora, "tu sacco di pulci o cacci il biglietto oppure vieni in questura" e alla donna "ma stai zitta tu e vai a farti una doccia" e ancora "vieni adesso ti dico anche dove abito così quando vieni a casa ti punto la doppietta che ho nel cassetto, vieni con i tuoi amici che ho i cani che hanno fame... tornate al tuo paese sacco di pulci... adesso andiamo in questura e vediamo che ti succede... te la faccio passare io la voglia di venire in Italia". Un uomo si è ribellato e dopo aver ammesso di non avere il biglietto ha chiesto che cosa avessero fatto di male, ma l'altro l'avrebbe rintuzzato: "Dovete rispondere delle offese che ci avete fatto, ci avete offeso". La signora Serra a questo punto è intervenuta e ha preso le difese delle persone insultate: "Siete voi che state offendendo e ci state sottoponendo ad una scena degradante".

La scena è stata ricostruita dai responsabili del settore verifiche dell'Atc che hanno preso molto a cuore il caso e hanno emesso un primo verdetto molto duro nei confronti del dipendente: "Il fatto segnalato è molto grave e a seguito di questa segnalazione il verificatore che dovrà rendere conto sul piano disciplinare del comportamento tenuto, è stato comunque da subito sospeso dal servizio e dalla retribuzione. Frasi come quelle riportate non sono tollerabili da Atc che per suo mestiere e tradizione offre il servizio di trasporto indiscriminatamente a tutte le persone, alle quali è richiesto solamente di essere in regola con le norme di utilizzo di biglietti e abbonamenti sul bus".

Atc non si identifica con il titolo attribuito alla lettera pubblicata ("Razzismo Atc") "essendo essa stessa danneggiata da un comportamento individuale di cui è chiamato a rispondere personalmente il dipendente che se ne è reso responsabile. Generalmente i verificatori espletano il loro lavoro con riconosciuta professionalità e dovuta cortesia".
(24 ottobre 2008)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/10/2008 @ 16:23:12, in scuola, visitato 1920 volte)

Foggia, 27 OTTOBRE 2008.

A S.E PREFETTO

AL SIG. SINDACO:
Assessorato alla P.I
Assessorato Servizi Sociali

AL SIG. QUESTORE:
Ufficio Minori
Ufficio Immigrazione
Al Comandante Prov.le Carabinieri
AL SIG. PRESIDENTE AMM.NE PROVINCIALE:
Assessorato Sicurezza Sociale
Garante Pro.le per l’Infanzia
Opera Nomadi
Provveditorato Studi
Unicef
Caritas Diocesana
Dott.ssa Anna Laura De Giorni, Consigliere Giuridico – Legale ACSI

Oggetto: Scolarizzazione Minori Rom Macedoni.

L’indagine conoscitiva compiuta da quest’associazione nel periodo 15 / 31 Ottobre 2008, ha registrato che il 30,6% degli scolareschi macedoni hanno cessato o frequentano occasionalmente la scuola.

I frequentatori erano 114 nel 2005, 84 nel 2007 e 42 nel 2008.

Su 137minori censiti solo 42 alunni frequentano quasi regolarmente i corsi. Alcuni hanno registrato; senza conseguenze; fino a 100 assenze.

La pedofilia e l’accattonaggio sono il gran problema.

I genitori non controllano (malgrado che loro hanno ricevuto il permesso di soggiorno grazie alla scolarizzazione dei figli), i servizi sociali non seguono le famiglie.

L’ACSI ringrazia le scuole di Foggia per gli sforzi profusi a favore di tutti i minori stranieri e chiede, gentilmente, a chi di dovere di intervenire.

IL PRESIDENTE NAZIONALE A.C.S.I
Habib SGHAIER

ASSOCIAZIONE COMUNITA’ STRANIERE IN ITALIA.
ASSOCIACION COMUNIDADES EXTRANJERAS EN ITALIA.
ASSOCIACAO COMUNIDADES ETRANGERES da ITALIA
ASSOZIATION ITALIENSCHE GEMEINSCHAFTEN ETRANGERES
ASSOCIATION DES COMMUNAUTES ETRANGERES EN ITALIE
FOREIGN COMMUNITIES ASSOCIATION IN ITALY
SHOQATE KOMUNITET HUAJ NE ITALIA
ASOCIATIA COMUNITARIA A STRAINILOR IN ITALIA

Onlus
Registrata all’Anagrafe delle Onlus dell’Agenzia delle Entrate di Bari
Via Federico Spera, 95/ 97 /99 – 71100 FOGGIA (Italy)
Tel. (39) 3497239108 - Fax: (39) 0881200015.
Codice Fiscale - Partita IVA 01740400716
E.mail: acsi.h@libero.it; com.stran@yahoo.it; morzuk@hotmail.com; AssComStrItalia@katamail.com;

«Io non condivido le tue idee ma lotterò con tutte le mie forze perché tu, come me, possa liberamente esprimere il tuo pensiero». Voltaire
 

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/10/2008 @ 08:35:38, in media, visitato 1661 volte)

Da Romanian_Roma

20/10/2008 - Secondo un comunicato stampa, questo mese inizierà una campagna di informazione pubblica sulla vita dei Rom in Romania, con lo scopo di ridurre i preconcetti su questa comunità, sotto il nome di "Conosci i Rom prima di giudicarli".

La campagna è organizzata assieme al Dipartimento per le Relazioni Interetniche e l'Agenzia Nazionale per i Rom - Governo di Romania.

La campagna di informazione consiste nella produzione di cinque cortometraggi che saranno presentati e discussi da personalità pubbliche Rom e no in programmi TV sui canali nazionali.

La campagna include anche la produzione e la messa in onda di spot radio/TV che riporteranno lo slogan della campagna - "Conosci i Rom prima di giudicarli" all'attenzione pubblica. Gli spot diventeranno l'introduzione ai programmi dove verranno presentati e discussi i cortometraggi.

La campagna intende far crescere la consapevolezza nel pubblico generale (specialmente i giovani) e tra le autorità pubbliche locali riguardo alla storia, la specificità locale, come pure sui vari problemi affrontati dalla minoranza Rom in Romania.

DIVERS – www.divers.ro

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/10/2008 @ 09:23:12, in Italia, visitato 2547 volte)

Segnalazione di Eugenio Viceconte (speriamo in bene, sin dai tempi di Roberto Costa, quando scrivo di Opera Nomadi diventano tutti nervosi...)

Da Tarantolati Sud Magazine

L’Opera Nomadi nazionale nasce nel 1966 per la tutela dei diritti civili e la salva-guardia della cultura dei Rom/Sinti, da una evoluzione dell’Opera Nomadi di Bolzano nata nel 1963. Riconosciuta "Ente Morale" con Decreto Presidenziale nel 1970 l’Opera Nomadi è presente su tutto il territorio nazionale con 30 sezioni o gruppi collaboratori da Bolzano alla Sicilia con oltre 500 soci. L’Ente è un’organizzazione democratica che ha il fine di salvaguardare e valorizzare con ogni possibile forma d’intervento, diretto o indiretto, il patrimonio sociale e culturale delle popolazioni rom, sinte e camminanti, comunemente – e spesso dispregiativamente - denominate zingare, nomadi e viaggianti, nonché di fornire concreti strumenti di sostegno a favore delle stesse popolazioni. L’Ente per il perseguimento dei suoi scopi sociali assume come metodo la partecipazione diretta dei Rom, dei Sinti e dei Camminanti a tutti i livelli. L’Ente è aconfessionale, apartitico e non ha fini di lucro: è una organizzazione non lucrativa di utilità sociale.

I Rom, Sinti e Camminanti in Italia sono oltre 170.000, vale a dire la percentuale più bassa – rispetto al complesso della popolazione gagì – dell’intera Europa. I gruppi più numerosi sono i Rom Rumeni, i Sinti Giostrai ed ex-Giostrai di antico insediamento, i Rom dalla Jugoslavia, i Rom Centro-meridionali di antico insediamento.

> "In primo luogo occorre un "PATTO DI RICONCILIAZIONE NAZIONALE"
con la minoranza più discriminata d’Europa che preveda degli ammortizzatori sociali per facilitarne l’integrazione. E quindi il riconoscimento dei Rom/Sinti come minoranza etnica e linguistica (come i 30.000 Ladini, o i 1000 "Catalani" di Sardegna, per esempio). Da qui occorre creare un ‘Tavolo di lavoro Interministeriale con il Governo italiano per il popolo dei Rom/Sinti’ che istituisca un Ufficio Governativo che si avvalga indispensabilmente di mediatori Rom/Sinti, che valuti, coordini, orienti le politiche ed i finanziamenti pubblici, per conoscere le esigenze verso l’integrazione sociale e la completa autonomia dei Rom/Sinti. Rispetto al resto d’Europa abbiamo pochissimi veri mediatori culturali Rom e Sinti riconosciuti anche dalle loro comunità.

> In secondo luogo la questione LAVORO.
Occorre attuare un censimento qualitativo delle presenze, delle esigenze, e delle politiche attuabili nei diversi territori. Un rapporto che deve precisare anche quali mestieri svolgono o che intendano intraprendere i Rom/Sinti, ed in quale habitat si trovano o intendano vivere. Nelle maggiori città, al minimo in tutti i Capoluoghi di Provincia, va attivato uno sportello di avviamento al lavoro per Rom e Sinti, in quanto la difesa dei vecchi mestieri da rilanciare realisticamente sul mercato e soprattutto l’avviamento al lavoro (in primis : favorire la legalizzazione del commercio ambulante, legalizzare ovunque il nuovo mestiere di raccolta differenziata dei rifiuti ingombranti, legalizzare tutti i musicisti di strada) costituiscono la strada maestra per prevenire la sempre più dilagante devianza nelle Comunità dei Rom/Sinti e Camminanti in Italia.

> In terzo luogo SCUOLA ed ISTRUZIONE ADULTI
bisogna attuare il Protocollo sulla Scolarizzazione, firmato il 26 giugno 2005 a Roma tra Ministero dell’Istruzione e Opera Nomadi (in via di rinnovo), per favorire l’inserimento scolastico dei bambini come momento . Occorre investire sui bambini perché sono gli uomini e le donne (i Rom/Sinti e le Romnià/Rumrià) di quella generazione che dovrà farsi parte dirigente del proprio popolo senza scorciatoie demagogiche o buonismi. La rappresentanza politico-sociale autonoma dei Rom/Sinti resta l’obiettivo di fondo dell’Opera Nomadi.

> In quarto luogo la questione HABITAT.
Noi chiediamo che i grandi concentramenti di Rom e Sinti vengano superati, sostituendoli con l’assegnazione di case o con le microaree residenziali (anche auto-costruite) a seconda delle specifiche esigenze dei Rom/Sinti. Soltanto in Italia esistono "campi-nomadi". La nostra politica rifiuta i dannosissimi "campi nomadi" che si trasformano in sacche di emarginazione, in veri e propri centri di separazione sociale, spesso produttori di devianza e criminalità. Occorre quindi attuare una politica della casa (per le Comunità dei Rom/Sinti che la desiderano) che deve tenere conto di una redistribuzione sul territorio e soggetta ad un patto sociale (i Rom/Sinti con le Istituzioni) che preveda regole precise per i Rom/Sinti ed una parallela politica di avviamento al lavoro prioritaria rispetto a qualsiasi altro contenuto".

Queste questioni costituiscono tutte un percorso parallelo, per un intervento efficace, per favorire l’integrazione sociale di questi gruppi e per imparare a conoscere e conoscersi.

I ns. indirizzi: Opera Nomadi Nazionale - via di Porta Labicana n° 59 – 00185 Roma tel. 06/44704749 fax. 06/49388168
Posta elettronica: operanomadinazionale@virgilio.it
i ns. siti: www.romlavoro.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 28/10/2008 @ 10:17:48, in Kumpanija, visitato 2049 volte)

Nei giorni tra il 23 ed il 27 ottobre, si è tenuto a Zagabria il VII Congresso Mondiale dei Rom, al cui termine, è stato eletto Segretario Generale il giurista e giornalista Bajram Haliti. Ecco alcune note tratte da Roma_Daily_News:

(immagine suggeritami da Elisabetta Vivaldi, da Banjara Times)

[...] Bajram Haliti è nato nel 1955 a Gnjilane in Kosovo. E' uno dei più apprezzati studiosi sulla posizione dei Rom in Europa e nel mondo. Ha partecipato a molti incontri internazionali sui Rom, [...] ed è un nome preminente nell'area degli esperti della comunicazione pubblica. Nel 1985 ha fatto ingresso nel giornalismo, passando tutti i livelli di sviluppo - dal praticantato sino a direttore in capo dei programmi romanì. Si è manifestato con grande successo sia nel giornalismo scritto che parlato, e come pubblicista.

Haliti ha numerosi studi, articoli, commenti e documentari. Sia come giurista che come letterato e saggista, attraverso i suoi lavori scritti, ha parlato di un mondo in cui saranno sorpassati l'odio e l'ineguaglianza, citando esempi da tempi antichi e meno. E' autore del documentario "Auschwitz, mai più", una approfondita genesi sul genocidio dei Rom.

Il libro di Bajram Haliti "I Rom prima del muro della morte di Auschwitz" vinse il primo premio alla XII manifestazione letteraria "Amico Rom", che si tiene ogni anno nella città di Lanciano (CH). A questo concorso erano stati presentati 600 opere letterarie romanì, giudicate da 14 critici eminenti.

Ha passato la gran parte della sua vita professionale e lasciato un segno profondo nei programmi radio e TV, seguendone lo sviluppo sia con la sua creatività personale come pure con la qualificazione esperta di diverse generazioni di associati romanì. E' stato segretario provinciale per l'informazione sul Kosovo e capo gabinetto nel Governo della Repubblica di Serbia.

Ora è direttore in capo della rivista d'informazione in lingua serba e romanì "Ahimsa - Non-violenza", presidente dell'agenzia informativa dei Rom di Serbia, giurista, membro dell'Associazione dei letterati di Kosovo e Metohija, membro dell'Associazione dei letterati della Repubblica di Serbia.

L'8 aprile 2002, Giorno Mondiale dei Rom, Haliti ottenne la targa "Slobodan Berberski" per la letteratura ed il giornalismo, istituita quell'anno dalla Repubblica Federale di Jugoslavia, ottenne il premio "Pace e tolleranza" per il suo contributo alla lotta per la pace, la tolleranza e la comprensione tra i popoli e le nazioni, "per meriti e contributi speciali nel miglioramento della vita culturale ed educativa dei Rom, come pure per i successi nello sviluppo della cultura Rom nella Repubblica di Serbia, per l'aiuto spassionato e la cooperazione nello sviluppo ed il lavoro dell'Associazione", ha ottenuto la Targa per la creatività straordinaria della parola scritta e la promozione della cultura del Consiglio Nazionale della minoranza Romanì e lode per la collaborazione del Consiglio Nazionale della minoranza Romanì.

Parla e scrive fluentemente serbo, inglese, russo ed albanese [...]

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/10/2008 @ 08:41:58, in Europa, visitato 1912 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Le vittime dei traffici umani sono per lo più donne e bambini sotto i 9 anni di età. La Croazia sta diventando un paese di destinazione per la gente sfruttata.

Negli ultimi sei anni, ci sono stati 74 casi registrati di traffico di persone, principalmente donne, è stato riportato oggi durante la celebrazione del Giorno Europeo Contro il Traffico di Esseri Umani.

Jadranka Kosor, vice-presidente del Governo Croato, ha detto di fronte al comitato nazionale per la soppressione del traffico di umani, che il Gabinetto sta lavorando su questi problemi da sei anni.

Oltre ai piani d'azione ed al programma nazionale, Kosor ha sottolineato che il governo ha sviluppato alcune misure importanti nella legge criminale per proteggere le vittime di traffici umani.

"Durante l'anno corrente, secondo le statistiche, ci sono state cinque vittime nella nostra regione. Il governo sta tentando con le sue misure di fermare una delle più grandi malvagità" ha detto Kosor. Ha aggiunto che è stato creato un nuovo programma nazionale nel tentativo di sopprimere questo problema.

Croazia - un paese di destinazione per la gente sfruttata

Ruzica Mandicha detto di fronte alla rete di OnG PETRA che la Croazia è l'ultimo paese della regione che ha iniziato a fronteggiare il problema dei traffici umani. Mandic ha spiegato che la Croazia per un certo periodo non è stata strettamente un paese di transito, ma è un paese di destinazione in cui la gente viene sfruttata.

Quando è stato chiesto se PETRA è soddisfatta del lavoro della polizia e delle altre autorità che dovrebbero sopprimere il problema, Mandic ha risposto che non sono soddisfatti della loro efficienza.

Le vittime hanno meno di nove anni

"PETRA è qui come correttivo delle istituzioni statali. Spesso le vittime dei traffici, la maggior parte donne,  sono conosciute per essere definite come vittime della prostituzione. Vogliamo chiarire la differenza tra prostituzione e traffico di persone, e fermare le punizioni di donne prostitute che non cadono volontariamente in quel girone" ha spiegato Mandic. Secondo le statistiche, le vittime più frequenti hanno tra i 17 ed i 24 anni, ma il traffico di bambini sta diventando sempre più popolare.

"Sono soprattutto i bambini Rom, e l'età si sta abbassando, cosicché adesso abbiamo vittime di traffici tra i sette e i nove anni" ha detto Mandic.

PETRA ha istituito una linea telefonica dedicata dal 2002 (0800-77-99) dove si può riferire di ogni attività sospetta, e dove le vittime possono cercare aiuto.

"Ogni anni riceviamo circa 4.000 chiamate, di cui il 20% sono informazioni utili. Sono soprattutto le famiglie delle ragazze disperse a chiamare, e poi i dati vengono inviati al Ministero degli Interni" ha spiegato Mandic.

Published: October 18, 2008 16:33h

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/10/2008 @ 17:14:56, in conflitti, visitato 2529 volte)

Da Mundo_Gitano

MADRID: Gli Zingari hanno lasciato un villaggio spagnolo dopo che la folla aveva assaltato con lanci di pietre le loro case, in seguito ad una collutazione tra giovani, ha comunicato ieri un'associazione gitana.

Un gruppo della comunità di circa 90 zingari è ritornato ieri alle loro case a Castellar, con la polizia che proteggeva la lor presenza, ha detto Juan Luis Munoz, presidente di Romani Chungalo, locale gruppo per i diritti degli zingari.

Ha detto Munoz che poco dopo la collutazione di sabato notte, gli abitanti del paese hanno tirato pietre alle case ed alle macchine degli zingari del paese, che ospita 3.800 persone per lo più impegnate nella produzione olearia della provincia di Jaen nella Spagna meridionale.

"Hanno colpito molte famiglie. Le hanno anche minacciate. E' razzismo," ha detto.

Un portavoce della Guardia Civil ha confermato che pietre sono state tirate contro le case, ed il giornale El Pais scrive che i locali a dozzine hanno attaccato diverse case di zingari.

Dice sempre il portavoce che domenica, circa 300 persone si sono riunite nel villaggio per protestare contro la criminalità, da loro imputata agli zingari.

Il sindaco di Castellar non ha risposto alle richieste di ieri mattina di spiegare cos'era accaduto.

I locali accusano la comunità zingara di comportamenti minacciosi, furti ed altri piccoli crimini, ha detto una  negoziante del paese, che ha richiesto l'anonimato.

"L'ultima goccia sono stati questi ragazzi che sabato ne colpivano altri, i genitori sono intervenuti e tutto si è riscaldato. E' il culmine di tante cose. La gente è al colmo," ha detto per telefono alla Reuters, aggiungendo di non aver notizia che le famiglie zingare stessero lasciando il paese.

[...]

Reuters

La notizia viene riportata anche da il Giornale

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 29/10/2008 @ 18:39:46, in Regole, visitato 4292 volte)

Da BlogStranieri

Nuove disposizioni in materia di ricongiungimenti familiari

Una circolare del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione sulle modifiche apportate alla disciplina. Portato a 180 giorni il termine per ottenere il visto di ingresso in Italia.

Con una circolare del 28 ottobre 2008 il Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione ha fornito alcuni chiarimenti in merito alle nuove disposizioni in materia di ricongiungimento familiare ai sensi dell’articolo 29 del Testo Unico sull’immigrazione, alla luce delle modifiche apportate dal decreto legislativo n.160 del 3 ottobre 2008.
Le nuove disposizioni riguardano principalmente i requisiti oggettivi e soggettivi in capo al richiedente ed ai familiari da ricongiungere, la cui sussistenza deve essere accertata, rispettivamente, dagli Sportelli Unici e dalle Rappresentanze italiane all’estero.
In particolare, i requisiti oggettivi in base ai quali è possibile concedere il nulla osta al ricongiungimento familiare sono stati così modificati:

Reddito. Lo straniero che chiede il ricongiungimento deve dimostrare di percepire un reddito minimo annuo derivante da fonti lecite non inferiore all’importo annuo dell’assegno sociale, aumentato della metà per ogni familiare da ricongiungere (maggiori dettagli nella circolare).
Assicurazione sanitaria. Previsto l’obbligo di stipulare - nel caso in cui venga richiesto il ricongiungimento per genitori ultra sessantacinquenni - una assicurazione sanitaria o di provvedere all’iscrizione al servizio sanitario nazionale (maggiori dettagli nella circolare).

Le novità concernenti i requisiti soggettivi sono:

Coniuge. E’ ammessa l’istanza di ricongiungimento del coniuge non legalmente separato purché di età non inferiore a diciotto anni.
Figli. Previsti particolari casi di ricongiungimento familiare con figli maggiorenni in ragione del loro stato di salute.
Genitori. E’ ammessa la richiesta di ricongiungimento familiare per genitori a carico, qualora non abbiano altri figli nel Paese di origine o provenienza, ovvero per i genitori ultra sessantacinquenni, qualora gli altri figli siano impossibilitati al loro sostentamento per documentati e, gravi motivi di salute.
Rapporti di famiglia e stato di salute - Documentazione probatoria. Ove gli stati relativi alla sussistenza dei rapporti di parentela e di salute non possano essere documentati in modo certo mediante certificati o attestazioni rilasciati da competenti autorità straniere, le rappresentanze diplomatiche o consolari provvedono al rilascio di certificazioni anche sulla base dell’esame del DNA.

Infine, viene portato da novanta a centottanta giorni il termine oltre il quale lo straniero può ottenere il visto di ingresso direttamente dalle rappresentanze diplomatiche e consolari italiane.

Decreto legislativo 3 ottobre 2008, n. 160

Modifiche ed integrazioni al decreto legislativo 8 gennaio 2007, n. 5, recante attuazione della direttiva 2003/86/CE relativa al diritto di ricongiungimento familiare

Art. 1.

1. All’articolo 29 del testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell’immigrazione e norme sulla condizione dello straniero, di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, come modificato dal decreto legislativo 8 gennaio 2007, n. 5, recante attuazione della direttiva 2003/86/CE relativa al diritto di ricongiungimento familiare, sono apportate le seguenti modifiche:
a) il comma 1 è sostituito dal seguente:
«1. Lo straniero può chiedere il ricongiungimento per i seguenti familiari:
a) coniuge non legalmente separato e di età non inferiore ai diciotto anni;
b) figli minori, anche del coniuge o nati fuori del matrimonio, non coniugati, a condizione che l’altro genitore, qualora esistente, abbia dato il suo consenso;
c) figli maggiorenni a carico, qualora per ragioni oggettive non possano provvedere alle proprie indispensabili esigenze di vita in ragione del loro stato di salute che comporti invalidità totale;
d) genitori a carico, qualora non abbiano altri figli nel Paese di origine o di provenienza, ovvero genitori ultrasessantacinquenni, qualora gli altri figli siano impossibilitati al loro sostentamento per documentati, gravi motivi di salute.»;
b) dopo il comma 1 è aggiunto il seguente:
«1-bis. Ove gli stati di cui al comma 1, lettere b), c) e d), non possano essere documentati in modo certo mediante certificati o attestazioni rilasciati da competenti autorità straniere, in ragione della mancanza di una autorità riconosciuta o comunque quando sussistano fondati dubbi sulla autenticità della predetta documentazione, le rappresentanze diplomatiche o consolari provvedono al rilascio di certificazioni, ai sensi dell’articolo 49 del decreto del Presidente della Repubblica 5 gennaio 1967, n. 200, sulla base dell’esame del DNA (acido desossiribonucleico), effettuato a spese degli interessati.»;
c) al comma 3, la lettera b) è sostituita dalla seguente:
«b) di un reddito minimo annuo derivante da fonti lecite non inferiore all’importo annuo dell’assegno sociale aumentato della metà dell’importo dell’assegno sociale per ogni familiare da ricongiungere. Per il ricongiungimento di due o più figli di età inferiore agli anni quattordici ovvero per il ricongiungimento di due o più familiari dei titolari dello status di protezione sussidiaria è richiesto, in ogni caso, un reddito non inferiore al doppio dell’importo annuo dell’assegno sociale. Ai fini della determinazione del reddito si tiene conto anche del reddito annuo complessivo dei familiari conviventi con il richiedente.»;
d) al comma 3, dopo la lettera b) è aggiunta la seguente:
«b-bis) di una assicurazione sanitaria o di altro titolo idoneo, a garantire la copertura di tutti i rischi nel territorio nazionale a favore dell’ascendente ultrasessantacinquenne ovvero della sua iscrizione al Servizio sanitario nazionale, previo pagamento di un contributo il cui importo è da determinarsi con decreto del Ministro del lavoro, della salute e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, da adottarsi entro il 30 ottobre 2008 e da aggiornarsi con cadenza biennale, sentita la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano»;
e) al comma 8 le parole: «novanta giorni» sono sostituite dalle seguenti: «centottanta giorni».

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 30/10/2008 @ 09:17:17, in scuola, visitato 1623 volte)

Da Romano Them

La famiglia Bislimi è arrivata in Francia nel 2006. Dopo tre traslochi dovuti alla precarietà della loro situazione e diverse domande di regolarizzazione (seguite al rigetto delle domande d'asilo), Kenan, Mirusche ed i loro quattro bambini Mirem, Skender, Avni e Haldimir sono arrivati al gruppo scolastico Gaspard Monge il 4 settembre 2008. I bambini hanno bisogno di stabilità per continuare a progredire nel loro apprendimento, e questo è incompatibile con la minaccia permanente di espulsione verso il Kosovo, che pesa sulla loro vita quotidiana.

I Rom, dopo aver subito persecuzioni da parte dei Serbi e degli Albanesi, non hanno alcun diritto e nessuna prospettiva di futuro, soprattutto dopo la recente indipendenza del Kosovo. D'altra parte, abbiamo appreso che la madre di Kenan (Mirem, 47 anni) ed i suoi fratelli e sorelle (Hetem, 22 anni, Roki, 19 anni, Mustapha, 16 anni e Sabrina, 9 anni!!!) sono attualmente per strada da settembre perché la loro situazione non è stata regolarizzata malgrado le domande presentate [...]. Questo rende la scolarizzazione della giovane Sabrina presso la scuola dei fratelli Chappe quasi inesistente.

Domandiamo quindi al prefetto della Loira, Christian Decharrière, la regolarizzazione di tutta la famiglia Bislimi ed il rispetto della Convenzione Internazionale dei Diritti del Fanciullo.

Il comitato di sostegno, 25 ottobre 2008

[...]

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


25/09/2020 @ 13:16:49
script eseguito in 160 ms

 

Immagine
 1995 - redazione del bollettino per le scuole IL VENTO E IL CUORE... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 557 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERTA DI PRESTITO .... O...
22/09/2020 @ 22:57:26
Di Alesi Gallo
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERTA DI PRESTITO .... O...
22/09/2020 @ 22:55:50
Di Alesi Gallo
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source