Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 21/01/2010 @ 09:35:27, in blog, visitato 1093 volte)

Da Hungarian_Roma

The Morning Star Oriel Myrddin, Carmarthen - 15 gennaio 2010 - by Len Phelan

Abitazione in una caverna, una delle molte immagini presentate nella mostra del Galles del Sud

Una delle conseguenze maligne del collasso del socialismo nell'Europa orientale, è stato il trattamento del popolo rom.

 Marginalizzati ed abusati per generazioni, sono anche crescentemente sotto attacco negli stati dell'Europa centrale.

E in Italia il regime di Berlusconi chiude un occhio, se non incita, i pogrom contro la popolazione rom che con altri gruppi di migranti sono un capro espiatorio per i mal di pancia di uno stato quasi-fascista.

Molte delle immagini dei media sui Rom sono sensazionalizzate, tuttavia ancora provocano pietà e rabbia per il loro trattamento disumano.

Ma l'esposizione di Tina Carr e Anne-Marie Schone rivela sottilmente un'altra sfaccettatura della realtà che è largamente sconosciuta.

Sponsorizzate dal Consiglio delle Arti, le due hanno passato un lungo periodo fotografando i Rom in Ungheria, alcuni dei quali hanno resistito a violenti reinsediamenti.

Le fotografie sono un salutare antidoto all'usuale trattamento di quei soggetti, con un linguaggio figurato, intimo, rispettoso ed empatico, soffuse con la luce, i colori e le decorazioni di una ricca cultura.

Molti Rom vivono in appartamenti comuni di cemento, senza acqua corrente, elettricità o riscaldamento centrale.

Ma ciò che queste fotografe rivelano è un popolo il cui senso d'identità - si può osare dire ottimismo - trascende il loro ambiente spesso colpito dalla povertà.

Questo fuoco ispiratore è un marchio di fabbrica delle due artiste, il cui ultimo progetto è stato uno studio criticamente applaudito su un'altra comunità estraniata - le generazioni "post-carbone" nel Galles del sud.

Colpisce in questa esposizione anche la gamma delle situazioni, dagli appartamenti decorati di Budapest ad una remota comunità troglodita.

Anche se sradicati questi soggetti possono apparire in ambienti urbani o naturali, col titolo dell'esposizione che collega il folklore dei Rom alle loro origini nomadi, è ciò che fornisce un punto di vista che supera quello del reportage puramente pittoresco.

Queste interessanti immagini fanno molto nel contrastare i preconcetti negativi sui Rom nell'evidenziare il loro tenace legame di un'identità da cui, culturalmente, tutti noi possiamo trarre beneficio.

E contrastano i tentativi razzisti di demonizzare un popolo le cui origini sono "europee" come quelle di qualsiasi altro.

Per apprezzare pienamente queste foto di grande formato, è necessaria una visita alla galleria.

Ma potete anche vederle online ed ottenere alcune affascinanti informazioni sui retroscena del progetto visitando www.oncewewerebirds.blogspot.com

Until February at Oriel Myrddin, Carmarthen. (01267) 222-775.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/01/2010 @ 09:33:47, in Europa, visitato 1216 volte)

Da British_Roma (vedi anche QUI)

By Brian Lovett

13/01/2010 - Una strategia di relazioni comunitarie che affronti il razzismo nell'area del Village è [stata lanciata] dal sindaco onorario a Belfast venerdì 15 gennaio.

Il progetto di alcuni gruppi locali nacque inizialmente in risposta agli attacchi razzisti dell'anno scorso contro Rom e Polacchi, durante i quali alcuni Rom furono forzati a fuggire dalle loro case.

La strategia, coordinata dal Greater Village Regeneration Trust (GVRT) e dal Village Focus Group, sottolinea un impegno allo sviluppo di relazioni comunitarie nell'area per i prossimi tre anni.

Lo scopo è sviluppare una strategia che renda il Village "un posto più armonioso dove vivere" e "disinnescare le tensioni razziste e prevenire ulteriori attacchi/intimidazioni".

La strategia è stata sviluppata attraverso un processo consultivo che ha coinvolto un'indagine della comunità per campionare le opinioni e vasta consultazione con i soggetti chiave.

Paula Bradshaw, direttrice di GVRT, ha detto che il gruppo ha iniziato a lavorare nello sviluppare lo schema, sin da quando gli attacchi hanno avuto luogo.

"La ragione per cui siamo arrivati ad una strategia formulata è perché abbiamo capito che c'era una sfida enorme," ha detto. "Detto questo, crediamo che quanti esprimeranno punti di vista razzisti nel Village saranno sempre meno in futuro. Ma avevamo bisogno di una robusta strategia per affrontare questi temi."

[...] GVRT avrà l'appoggio della Northern Ireland Housing Executive attraverso il programma del Vicinato Condiviso.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/01/2010 @ 09:50:15, in Italia, visitato 1206 volte)

Li, 19 Gennaio 2010 - Comunicato Federazione romanì

Sabato 16 gennaio a n. 129 persone rom abitanti nel campo di Via di salone è stato notificato il trasferimento al C.A.R.A. (Centro di accoglienza richiedenti asilo) della protezione civile ed attualmente gestito dalla Croce rossa Italiana.

Mancava la Croce rossa! … ed è arrivata.

Lunedì mattina 60 persone rom del campo di via di Salone sono stati costretti ad accettare il trasferimento al CARA e sottoscritto un accordo, mentre oggi diverse famiglie rom della ex Jugoslavia del campo di Casilino 900 sono state trasferite al campo di Salone. Le famiglie rom Macedoni e Kosovari restano al campo di Casilino 900.

Il solito "travaso" romano che da diversi anni si realizza a Roma per volontà della politica, di qualsiasi colore, e con la complicità di tanti.

La Federazione romanì, con l’aderente ass. Romà onlus e la collaborazione dell’organizzazione europea ERRC è presente a Roma nei campi di Casilino 900 e Salone per sostenere le famiglie rom, per raccogliere informazioni, per controllare il rispetto dei diritti, per denunciare alle istituzioni preposte le violazioni.

La Federazione romanì nel sottolineare ancora una volta la NON CONDIVISIONE delle politiche adottate dal Comune e dal Commissario per l'emergenza rom di Roma verso la popolazione romanì, denuncia l’utilizzo strumentale della partecipazione attiva rom per fare propaganda politica e per perseguire interessi.

Se quando accaduto in questi giorni è il metodo per mettere in atto il piano nomadi a Roma temiamo una forte crescita del disagio che si riverserà sulla quotidianità di tutti i cittadini, rom e sinti compresi.

La Federazione romanì fa appello a Rom e Sinti di Roma ed agli amici del popolo rom di essere co-promotori della prossima iniziativa pubblica in corso di definizione, inviando email a: federazioneromani@libero.it

Nazzareno Guarnieri - Presidente Federazione romanì

Sede legale e segreteria: Via Altavilla Irpina n. 34 - 00177 Roma
Codice fiscale 97322590585 – Email: federazioneromani@libero.it
Tel. 0664829795 – fax 0664829795 Web: http://federazioneromani.wordpress.com
Presidenza 3277393570 - Coordinamento 3331486005 - Segreteria 3483915709

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/01/2010 @ 09:37:10, in Italia, visitato 1178 volte)

VENERDI' 29 GENNAIO ORE 20.30

Presso l'Area Fenderl (Vittorio centro-dietro la stazione ferroviaria)

L'ANPI di Vittorio Veneto in ricorrenza della Giornata della Memoria organizza una serata su: TUTTI I COLORI DELL'OLOCAUSTO

Nei lager i prigionieri erano “classificati” attraverso dei triangoli colorati. Il colore qualificava, negando l’identità ed il percorso esistenziale della persona, la tipologia dei deportati. Così il rosso identificava gli oppositori del regime (politici/partigiani), il verde i criminali comuni, il nero gli “asociali” (gruppo dai contorni indefiniti che comprendeva prostitute, senza fissa dimora, lesbiche, profughi), il blu gli immigrati, gli apolidi e i combattenti della Spagna Repubblicana, il viola i Testimoni di Geova e altri gruppi religiosi (fatta eccezione per i sacerdoti polacchi), il marrone gli zingari (Rom e Sinti), il rosa gli omosessuali. La stella gialla composta da due triangoli contrapposti indicava gli ebrei. In questo caso il triangolo sottostante era sempre giallo, mentre quello superiore poteva essere anche di un altro colore corrispondente alla classificazioni precedentemente elencate.
Questo incontro è un'occasione per conoscere le persone che furono perseguitate durante la dittatura nazista e fascista. Saranno rappresentate le componenti etniche, religiose e sociali che il totalitarismo nazifascista perseguitava. A testimonianze sul passato e considerazioni sul nostro presente si accompagnerà un’introduzione e un inquadramento storico da parte di Daniele Ceschin, il quale porrà particolare attenzione alla situazione locale.

Partecipano:

Eliseo Moro
Partigiano del battaglione Bixio, catturato nel gennaio 1945 e deportato nel lager di Dachau. Presidente dell’Associazione nazionale ex deportati politici nei campi nazisti (Aned) Sezione di Pordenone

Alessandro Zan
Presidente regionale Arcigay Veneto

Loris Levak
Presidente dell’Associazione Rom Kalderash, figlio di Mirko Levak, ex deportato sopravissuto ad Auschwitz

Daniele Ceschin
Storico, membro del Comitato Direttivo dell’Istituto per la storia della Resistenza e della società contemporanea della Marca trevigiana

Contatti:
anpivittorioveneto@gmail.com
328 8935643
347 1024232 (dopo le 19)

VISITATE I SITI:
www.anpi.it
www.anpitreviso.it

L'appuntamento su Facebook

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/01/2010 @ 09:29:32, in Europa, visitato 1161 volte)

Da Romanian_Roma (per ulteriori informazioni, cercare nel blog Guardia Ungherese o Magyar Garda)

[...]

Nell'agosto 2009 Gabor Vona, il presidente del partito ungherese ultra-nazionalista JOBBIK, prese parte ad un campo giovanile organizzato dalla Gioventù Ungherese in Transilvania. La partecipazione di un estremista ungherese ad un evento organizzato in Romania è stata trattata con indifferenza dalle autorità rumene. Allora MCA espresse preoccupazione su questa apparizione ed il suo futuro impatto, ma non si fece niente, né da parte delle autorità, né da parte dell'UDMR, il partito rappresentante la minoranza ungherese di Romania, partito che partecipa al governo appena formato.

Il 12 gennaio 2010, il giornale "Adevarul" informava i lettori sul "Plutonul Secuiesc", una divisione del battaglione "Wass Albert", parte della "Guardia Ungherese", gruppo paramilitare estremista che ha esteso la sua attività in Romania.

La procedura di reclutamento del "Plutonul Secuiesc", come presentato da "Adevarul", include elementi che indicano chiaramente la natura paramilitare di questo gruppo che si sta sviluppando in Romania: domande come "hai servito nell'esercito?", "pratichi sport estremi?", "qual è il tuo grado militare e in quale corpo hai militato?", fanno parte del questionario che i richiedenti devono compilare.

In conclusione. un nuovo soggetto si è aggiunto ai gruppi esistenti estremisti, nazionalisti, anti-democratici in Romania. Questo è un gruppo controllato e formato da un'entità politica straniera, un gruppo che in Ungheria è stato dichiarato illegale. Facciamo appello alle autorità rumene di agire rapidamente e con decisione nel prendere tutte le misure necessarie a bloccare il trasferimento di attività illegali, razziste, ultra-nazionaliste sul suolo rumeno.

Maximillian Marco KATZ and Alexandru Florian
The Center for Monitoring and Combating AntiSemitism in Romania (MCA)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/01/2010 @ 11:12:27, in Italia, visitato 1287 volte)

Sempre sulla situazione del campo di via Salone a Roma, Eugenio Viceconte segnala un suo video di poco tempo fa

 Alla conferenza della Federazione Romanì il rappresentante del campo di via Salone chiede aiuto alla federazione preoccupato per la situazione di molti della comunità che si trovano senza documenti di soggiorno. E' il problema che 3 mesi dopo si sta proponendo con i rom che vengono mandati al CARA di Castelnuovo di Porto


Rassegna da NoBlogo:

Anna Pizzo - Sulla situazione del trasferimento al CARA dei Rom del campo di Salone Jan. 18th, 2010 at 4:17 PM
“Vorrei sapere per quale ragione è stato deciso di trasferire una parte dei rom di via Salone presso il Cara di Castelnuovo di Porto che non è un luogo adatto ad ospitare intere famiglie rom, per la maggior parte nate e cresciute in Italia, ma è un centro provvisorio per rifugiati richiedenti asilo”.

Da tusciaweb.

Sono le stesse perplessità espresse ieri notte da questo blog.

Anna Pizzo ci mette il cuore nel suo essere consigliere regionale.

Questa mattina era al Campo di Salone, e tra le altre cose ha messo l'accento su:
- continuità scolastica dei bambini che frequentano le scuole del territorio e che verranno invece trasferiti lontano dai propri istituti scolastici (ci sono circa 50 km tra Castelnuovo di Porto e la zona della Rustica dove è il Campo di Salone)
- la durata, ad oggi sconosciuta, della deportazione in un luogo inadeguato
- il rischio di disgregazione dei nuclei familiari dovuto alla permanenza in un luogo, il CARA, che non è in grado di garantire una vita normale e regolare alle famiglie con bambini.


Il gioco dei bussolotti ... Jan. 18th, 2010 at 7:46 PM
Forse nelle vecchie fiere qualche zingaro dalla mano veloce c'avrà provato a far fessi i gagé gonzi con il gioco delle tre carte, con le tre tavolette o con i bussolotti. Un peccato veniale.

Questa volta a Roma il banco del gioco dei bussolotti lo tengono il Sindaco Alemanno ed il prefetto Pecoraro che gestisce la perpetua emergenza nomadi.

Con il valido aiuto della Croce Rossa, tra una baracca, un container ed una camerata in un CARA cercano di far sparire lo "Zingaro" sotto gli occhi di tutti.

Dopo mesi di promesse e di assicurazioni, di fasulli riconoscimenti delle rappresentanze dei campi, comincia il vorticoso giro di spostamenti tra i campi.

Questa mattina si è cominciato al Campo di Salone, che sta poco oltre il raccordo zona La Rustica.

130 persone che senza nessuna logica vengono inviate a Castelnuovo di Porto in una struttura classificata come CARA ed a cui viene appiccicata l'incongrua definizione di "richiedenti asilo".

La logica dello spostamento al CARA non è chiara.

Perché mai mandare interi nuclei familiari, sloggiandoli dal container che occupano da anni, in una camerata lurida di un CARA per sbrigare una situazione anagrafica ormai pluri decennale?

Il racconto della mattinata lo fa molto bene Enza Forceri. - "Via di Salone, dai nomadi no al trasferimento: “Via da qui solo morti”.

Le dichiarazioni di Marco Squicciarini della Croce Rossa lasciano più che perplessi, cito dall'articolo di E. Forceri:

“La decisione è stata presa da Comune e Prefettura e ha riguardato le persone che non avevano documenti in regola e avevano fatto richiesta d'asilo - ha spiegato Marco Squicciarini, coordinatore per l'emergenza rom della Croce rossa Italiana - Il prefetto si è anche impegnato a chiudere l'istruttoria per le loro richieste in 15 giorni invece dei due mesi necessari. Questo per tranquillizzare i rom che stamani non volevano partire”.
....
“Qualcuno ha deciso di andarsene - ha continuato Squicciarini - comunque alla fine dell'esame delle richieste, chi ha diritto tornerà nella sua casetta di Salone. Proprio per fugare i loro dubbi, abbiamo lasciato loro le chiavi e dal Cara potranno venire ogni giorno a controllare che tutto sia a posto. È prevista soltanto una disinfestazione interna alle casette”.
La gente di via di Salone ha paura che questa operazione si risolva in una ingiusta espulsione verso paesi, che neanche più conoscono. Speriamo che non sia vero e questa storia della "richiesta d'asilo" si risolva finalmente nei documenti di soggiorno di cui hanno bisogno.

La testimonianza di questa paura la trovate già nelle parole del rappresentante del campo alla conferenza della Federazione Romanì che si è tenuta Roma il 30 ottobre scorso.

E dal racconto di Enza Forceri, e da voci raccolte da amici al Casilino 900, è chiaro che il gioco dei bussolotti rischia anche di diventare una lotta al massacro tra disperati.

La gente di Via Salone va via dal container senza un motivo credibile e con la pura di vedersi scalzata dalle persone del Casilino 900.

Quelli del Casilino 900, che domani cominceranno a muoversi per via Salone, hanno il fondato timore di trovarsi nella situazione di dover affrontare l'ostilità da parte dei vecchi residenti.

Al Casilino la comunità ha indetto un assemblea per giovedì.
Riporto dal gruppo del Casilino 900 questo appello del portavoce del campo:
... oggi siamo nella emergenza di un trasferimento del campo del Casilino 900
chiedo una assemblea generale delle associazioni , cittadini, comitati di quartieri, professori universitari, giornalisti e di tutti coloro che ci conoscono o abbiano la voglia di conoscerci
che si terrà giovedì ore 15 nel piazzale FIGLI DI UN STESSO PADRE
siete tutti invitati

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 19/01/2010 @ 09:53:55, in blog, visitato 1173 volte)

Dalla società tollerante alla tolleranza zero
Italiani brava gente, italiani tolleranti. Quante volte ci siamo sentiti ripetere queste parole e quante volte ne siamo rimasti rassicurati. Purtroppo in molti non hanno mai pensato che l’esser...

Noi non siamo animali
Noi missionari e missionarie italiani vogliamo esprimere la nostra solidarietà alla sofferenza dei migranti africani, che da anni vengono impiegati nei campi della Piana di Gioia Tauro, in stato di schiavitù , per la raccolta delle arance. Il 7 gennaio, in...

Oliver Stone riscrive la storia e Hitler diventa un capro espiatorio
Ormai è una certezza: il revisionismo storico è sempre più di moda. E non si ferma solo a sedicenti storici come David Irving, ma fa proseliti anche nel mondo dello spettacolo. L’ulteriore riprova ne è una notizia giunta nelle scorse ore dall’Ameri...

Gian Antonio Stella: quando si scherza sulle razze non si sa dove si va a finire…
La città bresciana di Coccaglio e quella bosniaca di Prnajor sono, loro malgrado, simboli diversi dell'intolleranza. Coccaglio è uscita dall'anonimato toponomastico poco più di un mese fa per via dell'operazione "White Christmas", i controlli casa per casa dei 400 immigrati irregolari da f...

Osservatore Romano, "Tammurriata nera. Gli italiani e il razzismo!"
Oltre che disgustosi, gli episodi di razzismo che rimbalzano dalla cronaca ci riportano all'odio muto e selvaggio verso un altro colore di pelle che credevamo di aver superato. Per una volta, la stampa non enfatizza: un viaggio in treno, una passeggiata nel parco o una partita di calcio, non lasciano dubbi. Non abbiamo mai...

Mantova, la Lega Nord non sa più cosa inventarsi...
Dopo l’intervento del 10 gennaio sulla Voce di Mantova, è ormai chiaro che il responsabile della sicurezza della Lega Nord, Luca de Marchi, vuole improntare tutta la sua campagna elettorale contro le circa quaranta famiglie rom e sinte mantovane. De Marchi, oltre ad essere disinformato sulle questioni inerenti a questa ...

Rosarno (RC), la logica delle deportazioni vincerà ancora una volta?
Il ministro dell’interno Maroni in una lunga intervista rilasciata domenica 10 gennaio a Sky ha ribadito che tutti gli immigrati trasferiti da Rosarno e Gioia Tauro nei centri di prima accoglienza di Crotone e Bari saranno identificati e, se trovati privi di documenti di soggiorno, verranno espulsi, non si sa se con l’intimazione a...

Ue, comincia guerra per bande fra i gruppi politici
Di fronte al serio rischio di bocciatura dell'Europarlamento che sta correndo il commissario europeo designato dalla Bulgaria, la popolare Rumiana Jeleva, è cominciata oggi una 'guerra per bande' fra i gruppi politici: il Ppe, per bocca del suo vice presidente ungherese Jozsef Szajer, ha difeso nel pomeriggio ...

Como, abbandonata scalza nella neve: tutti graziati da una Procura incapace
Tutti "graziati" nell’inchiesta sull’anziana abbandonata scalza in mezzo alla neve da una pattuglia della polizia locale. La magistratura ha archiviato il fascicolo a carico di due vigili di Como accusati di sequestro di persona e violenza privata, perché sospettati di aver caricato sull’auto di ser...

Vicenza, il nuovo Prefetto parte male...
Vicenza ha un nuovo Prefetto e già si parte male. In alcune interviste Michelangelo Fallica (in foto) ha dichiarato che la “questione rom” sarà tratta con delle riunioni con le Forze dell’Ordine. E ha aggiunto: “La presenza di rom...

Marmirolo (MN), il TAR sospende l’ordinanza di abbattimento e il sequestro dei terreni
Questa mattina il TAR della Lombardia (Sezione di Brescia) ha sospeso l’ordinanza di abbattimento delle opere e di sequestro, emessa dal Comune di Marmirolo contro le famiglie Ornato e Travag...

Milano, ennesimo sgombero di intere famiglie
La Polizia Locale di Milano ha sgomberato ieri mattina una piccola comunità di Rom rumeni in viale Forlanini, nell'area dell'ex polveriera del Demanio Militare. Quattordici rom romeni sono stati trovati sul posto: 9 adulti (5 uomini e 4 donne) e 5 minori. Dopo le pratiche di identificazione, vista la pr...

Scuola, il tetto e il ghetto
Quelle che oggi sembreranno classi “miste”, sono in realtà le comunità felici dell’Italia di domani. Ora attenzione e cura per gestire la svolta. Mentre già iniziava il fuoco di fila ideologico contro il “tetto” del 30% di studenti stranieri, il Ministero dell’Istruzione ha precisato: dal tetto saranno esclusi i nati in Italia...

Roma, scoppia la rivolta a via del Salone
E' rientrata la rivolta scoppiata questa mattina al "campo nomadi" di via Salone, dove era disposto il trasferimento di un primo gruppo di 130 persone nel campo di Castelnuovo di Porto. Il trasferimento rientra nel piano nomadi presentato dal Campidoglio che preve...

Firenze, Rifondazione: basta sgomberi senza alternative
E' la seconda volta che viene sgomberata la Osmatex e a distanza di un anno e mezzo niente è stato fatto né dalla proprietà né dal Comune. Nel 2008 tentammo le stesse strade: ci appellammo al sindaco Gianassi, gli proponemmo di fare richiesta alla regione di attivare la P...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/01/2010 @ 09:26:01, in conflitti, visitato 1322 volte)

Da Roma_Daily_News

Thomas Seibert, Foreign Correspondent

Istanbul, 12/01/2010 - Ercan Koca dice che lui e la sua famiglia devono le loro vite ad una porta ben chiusa.

"Hanno provato per mezzora, ma non sono riusciti a scardinare la porta di ferro," ha detto Koca ai media turchi dopo che la sua casa a Selendi è stata attaccata settimana scorsa. "Se fossero entrati, saremmo stati tutti uccisi. Bruciarono la mia macchina con una molotov." Ha detto che alcuni degli assalitori indossavano maschere.

Oltre 70 persone, tutte Rom come Koca, sono state allontanate dalle loro case a Selendi, una città agricola di 8.000 persone nella provincia di Manisa non lontana dall'Egeo, dopo essere state attaccate da diverse centinaia di Turchi. Le violenze sono iniziate in seguito ad una lite, poi degenerata, tra un proprietario di una casa da the ed un cliente Rom.

Sono state lanciate pietre contro le case dei Rom, mentre gli assalitori gridavano: "Selendi è nostra e rimarrà così," riportano i giornali. Alcuni Rom hanno sentito grida di "Colpite gli zingari" dalla folla.

Ma Musa Yildiz, il proprietario di una casa da the, ha detto che il Rom aveva imprecato contro di lui e l'aveva colpito. La polizia non ha compiuto arresti, ma più tardi ha scortato dozzine di Rom, donne e bambini inclusi, fuori dalla città. Alcuni di loro si sono fermati da parenti nella vicina Gordes, mentre altri sono stati alloggiati a Salihli, più a ovest.

"Da quelle parti ci sono state per molto tempo tensioni tra Rom e non-Rom, e sono esplose settimana scorsa," ha detto ieri Yakup Cardak, presidente dell'Associazione Cultura e Solidarietà Rom, un'organizzazione nella città occidentale di Smirne. "Le autorità locali non avrebbero dovuto permettere che succedesse."

Il governo di Ankara ha promesso di investigare sulle ragioni dietro le violenze e di offrire soluzioni ai problemi.

Gli eventi di Selendi non hanno scioccato soltanto la comunità rom turca. Hanno anche sollevato preoccupazioni più generali che la pace sociale in Turchia possa essere minacciata, soprattutto perché gli attacchi ai Rom di Selendi hanno coinciso con scontri tra altri gruppi in altre parti del paese.

Nella città nord-occidentale di Edirne, attivisti di sinistra che chiedevano il rilascio di diversi amici dalla prigione, sono stati attaccati da un gruppo di nazionalisti turchi, e le notizie dicono che la polizia non è intervenuta a fermare le violenze. I media hanno descritto i disordini a Selendi ed Edirne come "tentativi di linciaggio".

Alcuni osservatori credono che le riforme democratici degli anni recenti, che hanno incoraggiato le minoranze a chiedere più diritti, abbiano alzato il coperchio sulle tensioni etniche e sociali che erano tenute sotto ferreo controllo nel nome dell'unità nazionale. Nel passato, la legge turca proibiva le espressioni di diversità etnica, ma la richiesta di unirsi all'Unione Europea ha cambiato tutto ciò.

Politici di spicco come Abdullah Gul, il presidente, hanno elogiato come un bene la diversità etnica e culturale del paese. Ma i leader di opposizione hanno ammonito che la politica di riforme del governo è una minaccia all'unità nazionale.

"Nel passato, le differenze religiose e le altre potevano diventare evidenti solo in un quadro molto stretto, le voci contro la discriminazione non si udivano," ha scritto Oral Calislar, editorialista del giornale Radikal, dopo gli eventi di Selendi. Ma, ha aggiunto, questo sta cambiando. Scrive Calislar, come fanno progressi le iniziative del governo per espandere i diritti dei Curdi, Rom e Alevi del paese, crescono anche le reazioni dei nazionalisti contro le riforme.

L'associazione Rom di Cardak a Smirne offre un esempio dello sviluppo che la Turchia sta passando. Quando fondò la prima volta l'organizzazione nel 1996, questa venne chiusa immediatamente perche le leggi turche di quel periodo non permettevano di menzionare il nome di un gruppo etnico nel titolo di un'associazione. Cardak, che oggi ha 63 anni, rifondò il gruppo nel 2005, dopo che la Turchia ha promulgato riforme che hanno rinforzato la società civile. Dice che oggi i Rom sentono di avere più diritti.

I Rom vivono in Anatolia da secoli. Non è certa la dimensione della loro comunità della Turchia odierna, perché le leggi non permettono la categorizzazione per etnia dei cittadini, le stime variano tra il mezzo milione e i cinque milioni di persone.

Cardak dice che i Rom erano generalmente ben integrati nella società maggioritaria turca. "Naturalmente ci sono pregiudizi che non si possono superare, ma abbiamo vissuto assieme per secoli e continueremo così."  Ha accolto con favore la discussione sui diritti delle minoranze e la reazione del governo dopo gli incidenti a Selendi. "Non penso che qualcosa di simile succederà ancora."

Alcuni Rom di Selendi non sono così sicuri. Rifiutano di tornare in città anche se le case sono le loro. Rappresentanti di Selendi, incluso il sindaco Nurullah Savas, hanno visitato alcuni dei Rom che sono stati portati fuori dalla città settimana scorsa, e hanno chiesto loro di tornare. Secondo le cronache, Savas, membro del Partito di Azione Nazionale, ha detto ai Rom "Siete nostri fratelli."

Ma risulta che alcuni Rom dicono che i loro bambini sono rimasti traumatizzati dagli eventi. Una delle vittime, Erdal Cetin, ha detto che alcuni dei suoi migliori amici sono stati tra i primi a tirare pietre contro il suo negozio.


15.01.2010 scrive Fazıla Mat

I cittadini di Selendi, nella Turchia occidentale, costringono l'intera popolazione rom a lasciare il paese a seguito di un incidente avvenuto la notte di capodanno. Decine di persone deportate. I commenti dei media e il dibattito sulle minoranze in Turchia

A Selendi, nella provincia di Manisa (Turchia occidentale), fino a una settimana fa viveva una popolazione rom di 74 persone, di cui 15 bambini e 20 donne. Lo scorso 7 gennaio, scortati dalla polizia, sono stati tutti deportati nella località di Gördes. Le autorità avevano mostrato di essere incapaci di difenderli dagli attacchi degli altri abitanti della cittadina.

L'episodio è scaturito da una discussione avvenuta la notte di capodanno. Burhan Uçkun, cittadino rom di Selendi, è entrato in un bar per bere un tè. "Non serviamo da bere agli zingari", gli avrebbe detto il proprietario del locale, che sostiene però di aver solamente intimato a Uçkun di rispettare il divieto di fumo. Sta di fatto che dagli insulti si è passati alle mani, coinvolgendo più persone da entrambe le parti. Alla fine Uçkun è stato portato prima in ospedale e poi al comando di polizia mentre suo padre, non reggendo l'agitazione, è morto di infarto.

Cinque giorni dopo, quando il bar ha riaperto, è scoppiata una nuova rissa tra i parenti del defunto e i frequentatori del locale. A questo punto si è formato un gruppo di circa mille persone che ha attaccato le abitazioni dei rom. Le case sono state prese a sassate, alcuni veicoli sono stati bruciati ed è stato necessario l'intervento della gendarmeria per calmare la folla, che poi è stata mandata a casa.

I rom, invece, sono stati caricati su pullman e trasferiti provvisoriamente nella vicina Gördes. E' chiaro che per loro al momento non si parla di far ritorno nella cittadina dove vivevano da oltre trent'anni, visto che immediatamente dopo il trasferimento i bulldozer hanno raso al suolo gli accampamenti e le baracche in cui abitavano.

I rom attribuiscono gran parte della responsabilità dell'accaduto al sindaco di Selendi, Nurullah Savaş, che avrebbe incitato la folla all'aggressione, e ricordano che prima della sua elezione l'anno scorso dalle file dell'MHP (Partito di Azione Nazionale), non si era mai verificato un caso del genere.

Secondo altre testimonianze, il presidente della provincia di Manisa, Celalettin Güvenç, avrebbe poi chiesto ai rom di firmare un foglio in cui dichiaravano di trasferirsi volontariamente. Güvenç avrebbe anche affermato che erano obbligati ad andarsene, e che non avrebbero potuto più restare nella cittadina.

L'ampio spazio dedicato dai media turchi al caso dei rom di Selendi, descritto come eclatante caso di razzismo, ha tuttavia portato le autorità a dichiarare pubblicamente sostegno e a offrire garanzie agli sfollati. Abdullah Cıstır, presidente dell'Associazione rom di Izmir, ha riferito alla NTV che il presidente della provincia di Manisa avrebbe quindi garantito la protezione dello Stato ai rom che volessero far ritorno a Selendi, aiutandoli a pagare per sei mesi o anche un anno l'affitto di case prefabbricate che verrebbero costruite per loro. Ma sono pochissimi quelli che prendono in considerazione un eventuale ritorno.

"Anziché avere un tetto preferisco dormire all'aperto ma essere in salvo", ha detto un giovane commentando l'invito a tornare. Dodici famiglie intanto, circa quaranta persone, sono state trasferite, sembrerebbe in modo definitivo, nella città di Salihli, nella stessa provincia. Sarebbe stata garantita loro una casa, un sussidio per l'affitto, viveri e riscaldamento per aiutarli a iniziare una nuova vita.

Gli abitanti di Selendi sembrano intanto molto contrariati per il fatto di essere stati bollati come "razzisti", e accusano i media di aver distorto i fatti. Nelle diverse interviste continuano a ripetere che i rom sono dei ladri e degli usurai che bestemmiano e bevono.

L'ex imam della cittadina ha detto che il padre di Uçkun, morto d'infarto la notte di capodanno, "bestemmiava contro Allah e la moschea. Alla fine è stato fulminato e giustizia è stata fatta. Quell'uomo venticinque anni fa aveva sparato ad una persona. Se fossimo razzisti non l'avremmo tenuto qui a quel tempo."

C'è anche chi dice che "i rom potrebbero anche fare ritorno, purché vivano come esseri umani", mentre altri si alterano anche solo a considerare una tale eventualità. Un ex insegnante racconta che in passato ci sono state famiglie che hanno dovuto andarsene via a causa degli atteggiamenti violenti dei rom, e pur affermando che non ci sono scuse per quello che è stato fatto la notte del 5 gennaio conclude: "Ora che se ne sono andati siamo sereni. Se tornassero, loro stessi non lo sarebbero".

La discriminazione dei rom in Turchia in materia di accesso all'istruzione e alle strutture sanitarie, partecipazione sociale, ricerca di un lavoro e ottenimento dei documenti di identità è una situazione oggettiva citata anche nell'ultimo rapporto dell'Unione europea sul Paese. Il governo dell'AKP (Partito della Giustizia e dello Sviluppo), che finora ha fatto ben poco per rimediare a questo stato di cose, il 10 dicembre scorso ha realizzato il primo incontro del gruppo di lavoro costituito per valutare la condizione dei rom.

La sociologa Neşe Erdilek ricorda che i rom della Turchia hanno iniziato a emergere in pubblico come gruppo sociale dieci anni fa; che precedentemente, proprio perché venivano automaticamente emarginati per la loro identità, hanno cercato sempre di non manifestare la propria origine. Ma la loro situazione ha assunto una fisionomia diversa quando hanno iniziato a costituirsi in associazioni, e la popolazione rom ha smesso di auto-denominarsi "zingaro" (çingene), termine associato ad un'identità negativa, per adottare il termine roman.

La Erdilek spiega però che, facendo ciò, hanno optato per una posizione a favore dell'autorità e del più forte – atteggiamento che avrebbe consentito loro la sopravvivenza anche al tempo degli ottomani – ed è per questo che una gran parte di essi sottolinea sempre la fedeltà allo Stato e alla bandiera turca evidenziando con enfasi la propria differenza da altri gruppi sociali come i kurdi.

Non sarà un caso che Burhan Kuzu, presidente della commissione per la redazione della Costituzione, commentando i fatti di Selendi abbia detto: "I rom sono i nostri cittadini più fedeli, quelli che non hanno mai problemi con il sistema, con il regime e le altre persone. Sono cioè quelle persone che sono da considerarsi le più innocenti e – non che qualcuno debba essere emarginato – proprio quelle da emarginare di meno."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/01/2010 @ 09:24:58, in Kumpanija, visitato 1736 volte)

Ricevo da Roberto Malini

Milano, 16 gennaio 2009

Cari amici antirazzisti (che siate attivisti, giornalisti, politici o persone che credono nella solidarietà),

fra le tante iniziative curate dagli attivisti EveryOne vi è il sostegno a famiglie Rom e "clandestine" in difficoltà. Nessuno dei membri del nostro gruppo è ricco, eppure ogni mese ciascuno di noi riesce a devolvere i propri risparmi ora a questa, ora all'altra famiglia. Sono grandi sacrifici e personalmente ringrazio tutti i nostri attivisti per quello che fanno, rinunciando alle vacanze, all'auto nuova, a oggetti superflui, a vestiario di marca... e anche a beni necessari. In un momento tragico, uno dei nostri membri ha venduto la casa, per mettere in salvo (provvedendo a rinnovo documenti, spese di viaggio, mezzi  di sostentamento urgente) in Romania, Spagna e Francia molte famiglie Rom sgomberate a Milano, Roma, Pesaro e in altre città. Grazie a questa incredibile generosità di amici che sono onorato di avere, di persone che mettono le esigenze di chi soffre ancora prima delle proprie, sono state salvate decine di vite umane, si sono evitati smembramenti di famiglie, si è alleviato (e si allevia) il dolore e l'emarginazione di chi è costretto dai nostri governanti a vivere e morire ai margini della società.

Questo mese abbiamo avuto una serie di spese impreviste, dopo gli sgomberi di Pesaro, attuati con procedure inumane, sgomberi che hanno originato spaventosi drammi umanitari. Presto vi aggiorneremo sul più importante dei progetti realizzati: qualcosa che lascerà una traccia!

Ora però lanciamo a tutti voi un S.O.S.

La famiglia di Rebecca Covaciu, la giovanissima artista Rom di cui si sono occupati i media di tutto il mondo, ha grosse difficoltà con l'affitto dell'appartamentino in cui vive, a Milano. Rebecca e i suoi fratellini frequentano la scuola dell'obbligo con grande profitto, nonostante la povertà. Papà Stelian e mamma Georgina fanno i miracoli per provvedere alle tante necessità e il sostegno del nostro gruppo non sempre è sufficiente, dati i molteplici interventi e la situazione sempre più grave dei perseguitati.

La discriminazione rende difficile inserire i Covaciu nel mercato del lavoro. Abbiamo procurato a Stelian e al figlio maggiore diversi appuntamenti, ma i potenziali datori di lavoro, quando apprendono che si tratta di Rom, non concedono loro un'occasione. Samuel ha 20 anni ed è un grande lavoratore, disposto a lavori di fatica o anche di fiducia. Ha fatto il lavapiatti, il cameriere, l'uomo di fatica. Sa assistere infermi, anziani e bambini.

Chiunque sia in grado di aiutarlo a trovare un lavoro a Milano, darà una grande mano a questa bella, coraggiosa e sfortunata famiglia. Sono utili anche contributi-affitto (anche minimi), via vaglia postale o Western Union.

Ecco il telefono di Rebecca: 380 7575 313

Grazie a chi darà un contribuito in questa azione di giustizia, diritti umani e umanità.

Roberto Malini

Per ulteriori informazioni:
Gruppo EveryOne
+39 3408135204 :: + 39 3313585406
www.everyonegroup.com :: info@everyonegroup.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/01/2010 @ 09:14:22, in conflitti, visitato 2923 volte)

di Alessandro Matta

In vista della prossima Giornata della Memoria, molte sono le iniziative per il 27 Gennaio 2010. Come ogni anno, la Macchina della memoria, alimentata dalle scuole e dalle istituzioni sta scaldando i motori per la decima Giornata della Memoria, che coincide col 65° anniversario dalla liberazione dei Lager Nazisti e della liberazione dell' Europa dall'incubo nazifascista.

Tuttavia, in questi giorni, ha colpito la mia attenzione un video, mandatomi via Facebook da Alberto Melis, maestro elementare e scrittore, impegnato come me in quella che fu definita da Pupa Garribba (giornalista, esponente di spicco della delegazione Italiana della Shoah Foundation di Spielberg nonché testimone delle leggi razziali del 1938 scampata da bambina alla deportazione a Auschwitz e a morte certa)la memoria come lotta.

E' curioso che Facebook, spesso additato dai media come un covo di gruppi razzisti o antisemiti o negazionisti della Shoah, possa riuscire come veicolo di trasmissione della memoria. Il video ha un'importanza molto particolare. Non è lungo, è un video girato negli anni '40 a colori (rarità per quella epoca) della durata di un minuto e mezza. Eppure, questo documento conservato oggi presso gli archivi del Bundesarchiv in Germania, e visibile anche attraverso il sito Web della sezione Audiovisivi del museo dell' Olocausto di Washington, è assai importante per l'approfondimento dell'altro sterminio nazista, quello più dimenticato o talvolta addirittura approvato, quello dei rom.

Il filmato è il resoconto video degli esperimenti sui bambini rom attuati da Eva Justin, una assistente del Dottor Robert Ritter, che si occupò durante il Nazismo di studiare a livello razziale il popolo zingaro, arrivando a considerarlo come affetto da malattie biologiche o razziali specificatamente inventata di sana pianta dai nazisti come l'Ibridismo o la tendenza al nomadismo o alla delinquenza .

La Justin studiò i bambini rom come parte della sua dissertazione sulle caratteristiche razziali. I bambini erano a St. Josefspflege, un brefotrofio cattolico a Mulfingen, in Germania. La Justin completò i suoi studi poco dopo la realizzazione di questo film. I bambini furono deportati ad Auschwitz, dove la maggior parte di loro venne immediatamente sterminata.

Il video è uno dei pochi, anzi pochissimi, documenti filmati dagli stessi carnefici relativi alla Porrajmos, ovvero allo sterminio degli zingari, che i nazisti decisero di eliminare su motivazione biologica e su progetto eugenetico esattamente come avevano iniziato con gli ebrei nel 1941. Pochissimi altri i filmati come questo della Justin che documentano la schedatura dei rom, le indagini eugenetiche su di loro o talvolta la loro deportazione. Esiste un filmato del 1940 in bianco e nero con audio aggiunto in inglese che mostra l'arresto di alcuni rom e il loro caricamento su alcuni camion della durata di due minuti.

Come non vedere questi filmati con una sorta di brivido alla schiena, come una sorta di vera e propria incubazione dello sterminio che di li a poco si abbatterà su quelle inermi persone filmate a scopo di ricerca razzistica o per puro divertimento?

Dalla relazione finale delle indagini di Eva Justin sui bambini di Mulfingen , si legge una terribile conclusione, pari a quelle apportate dal Dottor Ritter, relativamente al fatto che la questione zingara non potrà essere risolta se non con lo sterminio anche dei bambini rom, anzi, soprattutto di essi.

Ciò che provoca rabbia in qualunque persona che veda questi filmati , è il sapere che queste persone, questi carnefici anzi , dopo la guerra abbiano continuato all' 85% una vita normale, senza che nessuno arrivasse a processarli.

Eva Justin, per esempio, dopo la guerra divenne "addetta di previdenza sociale". H. Grebe, assistente di Verschuer al KWI per l'antropologia, sarà nominato professore incaricato a Marburgo e successivamente diventerà presidente della Lega tedesca Medici sportivi. Heinze, perito per l'eutanasia, divenne nel 1953 capo dell' ambulatorio di psichiatria giovanile nell'ospedale di Wunstdorf.

Come non vedere in tutto ciò una giustizia mancata e uno sterminare due volte un popolo pacifico come i rom? I rom che non hanno mai dichiarato guerra a nessun altro popolo in tutta la loro storia e che solo per questo meriterebbero il Nobel per la pace!

Link del video dei Bambini usati per gli esperimenti di Eva Justin

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


19/11/2019 @ 05:56:26
script eseguito in 166 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2717 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source