Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 19/04/2008 @ 08:42:17, in scuola, visitato 1998 volte)

Da Slovak_Roma

Bratislava, 11.4.2008, 11:11, (ROMEA/CTK) L'assemblea dell'auto-governo della regione di Banska Bystrica, Slovacchia centrale, ha approvato oggi la chiusura della scuola superiore speciale per studenti in difficoltà, situata a Lucenec, che al momento è l'unica scuola superiore nella regione frequentata da Rom, che include anche dormitori per studenti che arrivano da altre regioni.

La scuola fu fondata quattro anni fa come progetto speciale rivolto alla comunità rom. Ora questo progetto sta terminando per la mancanza di fondi e le imperfezioni dei metodi di insegnamento degli insegnanti locali.

"La scuola ha pochi studenti, per questo riceve pochi soldi" ha detto alla televisione TA3 il governatore regionale Milan Murgas, aggiungendo che altri sussidi sarebbero discriminatori nei confronti delle altre scuole.

Dice sempre Murgas che il progetto è stato un errori dall'inizio, perché segrega i Rom dal resto della popolazione.

L'ormai ex direttore della scuola, Peter Gabor, ha definito scandalosa la chiusura e minacciato di protestare a Bruxelles.

Il progetto è stato finanziato per i primi tre anni dal Fondo Sociale Europeo.

L'assemblea regionale ha chiesto oggi al governatore di richiedere al Ministro dell'Istruzione la chiusura della scuola a giugno. Sino allora, la regione negozierà con il governo la possibile preservazione della scuola a determinate condizioni. Se la negoziazione sarà positiva, l'assemblea revocherebbe la propria decisione.

La probabile chiusura è stata in precedenza criticata dal vice Primo Ministro Dusan Caplovic, che nell'ultimo anno aveva assegnato un budget di 6 milioni di corone.

L'agenzia AFP ha scritto che la scuola chiude per paradosso ora che il governo slovacco ammette che una migliore istruzione dei Rom deve diventare una priorità.

Secondo Amnesty International, solo il 3% dei Rom slovacchi  frequentano la scuola superiore e solo lo 0,3% l'università.

ROMEA/CTK

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/04/2008 @ 08:50:12, in casa, visitato 1551 volte)

Da Romanian_Roma

La Fondazione Habitat e il comune di Oradea sono coinvolti in un progetto si costruzione di diverse case per la locale comunità rom. Laszlo Borbely, ministro per lo sviluppo ed i lavori pubblici si è unito al sindaco e al vice-sindaco quando è stata posta la fondazione delle case.

E' rimasto scioccato dalle condizioni in cui vivono i Rom, proprio accanto al nuovo cantiere inaugurato. Il posto scelto per costruire le nuove case è situato in un'area abbandonata e di cattiva reputazione. 148 famiglie, con oltre 630 membri, vivono in 96 appartamenti, tutti affollati ed insalubri. Costruiti 40 anni fa, i due edifici non sono mai stati rinnovati.

[...] Le prime case verranno completate per la fine di giugno.

"I beneficiari sono stati scelti in base ai loro bisogni, e lavoreranno assieme ai volontari della fondazione, come pure per la loro capacità di rimborsare il costo della casa nei prossimi 20 anni, ma senza interessi," dice Emil Barna, coordinatore della fondazione, che aggiunge che le case saranno vendute ai futuri proprietari al prezzo di solo 15.000 €, prezzo che copre i materiali di costruzione.

DIVERS – www.divers.ro

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/04/2008 @ 09:36:40, in media, visitato 1485 volte)

IL COORDINAMENTO ROM E' LIETO DI INVITARVI

mercoledì 23 aprile alle ore 21.00

presso la Camera del Lavoro di Milano - corso di Porta Vittoria 43 (ingresso libero)

all'anteprima milanese di

Via San Dionigi 93 storia di un campo rom

un documentario di Tonino Curagi e Anna Gorio prodotto da Provincia di Milano - Settore Cultura in collaborazione con Officine Ubu

Animerà il dibattito: Tommaso Vitale - Docente di Sociologia Università Milano Bicocca

Saranno presenti oltre agli autori le associazioni che compongono il Coordinamento Rom:

  • ARCI
  • ACLI
  • Caritas Ambrosiana
  • Padri Somaschi (PLOCRS)
  • Naga
  • Opera Nomadi
  • CGIL Milano
  • Comunità S. Egidio
  • Comitato Rom e Sinti Insieme
  • Associazione Liberi
  • Fondazione Casa della Carità
  • Associazione Nocetum
  • Gruppo Abele
  • Comitato per le libertà e i diritti sociali
  • Aven Amentza
  • Associazione Oltre il Campo

Abbiamo seguito per due anni e mezzo, aiutati dagli educatori della Fondazione "Casa della Carità" e dell'associazione Nocetum, la vita della comunità di un campo rom abusivo, abitato più di 150 persone di nazionalità romena, sito nell'estrema periferia sud-est di Milano, e abbiamo ripreso quello che accadeva davanti a noi senza interviste, commenti e nessuna messa in scena.

La vita quotidiana, i riti e le feste, le assemblee e le relazioni con gli operatori sociali, il tentativo di integrarsi con il lavoro e il percorso scolastico dei ragazzi, gli incendi e le ricostruzioni, fino allo sgombero e la distruzione del campo da parte della polizia comunale nel settembre del 2007.

Tutto questo, senza nessun compiacimento pietistico o patetico, cercando di dare una visione reale del loro vissuto, per una volta lontani dallo stereotipo che vede gli "zingari" solo come delinquenti o come ultimi romantici della nostra società, cittadini europei che conducono una vita sempre sul punto di essere messa in discussione e ritenuta indegna da molti.

Tonino Curagi e Anna Gorio

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/04/2008 @ 09:19:39, in Italia, visitato 2310 volte)

di Roberto Malini

Roma. La sera di martedì 30 ottobre 2007 il giovane romeno (di etnia Bunjas) Romulus Mailat aggredisce e uccide Giovanna Reggiani; la notte fra giovedì 17 e venerdì 19 aprile 2008 il romeno Ioan Rus - omonimo di un ministro della Romania - ferisce con un coltello e violenta una studentessa del Lesotho. Due episodi caratterizzati da un'efferatezza inquietante e dalla stessa strumentalizzazione politico-mediatica: ambedue i casi sono stati utilizzati dalla propaganda xenofoba per instillare nel popolo italiano odio contro contro gli zingari, anche se nessuno dei due aggressori appartiene al popolo Rom.

Nonostante i media e i portavoce delle Istituzioni italiane facciano a gara per sollevare l'allarme-sicurezza, i dati relativi a crimini violenti e in particolar modo a omicidi volontari restano oggi in linea con quelli pubblicati all'inizio di quest'anno sul rapporto Eures-Ansa: l'Italia resta uno dei Paesi più sicuri d'Europa, seconda solo alla Norvegia (0,7 contro l'1,0 di Italia, Danimarca, Germania, Spagna; 1,3 di Gran Bretagna; 1,6 della Francia; 2,6 della Svezia; 5,6 degli Usa). Se è vero che gli omicidi di donne sono aumentati, è anche vero che i loro assassini sono stati individuati nel 75% dei casi all'interno della loro stessa famiglia: è l'uomo di casa, infatti, il carnefice. La famiglia è teatro del 31, 7% degli omicidi, mentre la microcriminalità, spauracchio sbandierato dalla propaganda, raggiunge il 12,7%. In ogni caso, le  donne italiane sono più al sicuro di quelle che vivono in Gran Bretagna (indice di rischio rispettivamente 6,6 e 7,7), Spagna (7,8), Giappone (8,1), Norvegia (8,7), Paesi Bassi (9,1), Svizzera (9,5), Germania (10), Australia (10,9), Usa (22). Le cause di morte delle donne tra i 15 ed i 44 anni (fascia d'età prediletta dai femminicidi) sono, tuttavia, molto più frequentemente il tumore, gli incidenti stradali ed i suicidi.

E' cresciuto, con l'immigrazione, sia il numero di stranieri vittime (più 19,8% nel 2006 rispetto al 2005) che quello di autori di omicidi (più 31%). In sei casi su dieci si tratta di omicidi 'etnici' o familiari, cioé sia la vittima che l'assassino sono stranieri. Qualcuno si sorprenderà, ma il numero di crimini violenti e omicidi perpetrati da Rom non ha alcuna rilevanza statistica!

info@everyonegroup.com
www.everyonegroup.com
www.annesdoor.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/04/2008 @ 09:04:57, in media, visitato 2673 volte)

Da Roma_Italia

Roma, 18 Aprile (AKI) - Le radio etniche forniscono un'importante presa culturale che rafforza i migranti in Italia [..].

Isabella Clough-Marinaro, dell'Università Americana di Roma, dice che è importante per i migranti come pure per gli italiani avere media pluralistici, specialmente con l'elezione del primo ministro Silvio Berlusconi. mantenere le loro radici" ha detto ad Adnkronos International (AKI).

Clough-Marinaro commenta così la crescita di stazioni radio etniche in quella che è una società sempre più varia.

L'Italia ha almeno 40 stazioni radio o programmi radio che trasmettono dal romanes al bengali, come pure in italiano.

Nonostante ciò, Clough-Marinaro dice che la politica non ha supportato adeguatamente i migranti.

Dice Clough-Marinaro ad AKI che "l'Italia è parecchio indietro rispetto ad altre nazioni riguardo ogni tipo di politiche integrative."

Visto che alcune stazioni radio trasmettono in italiano invece che nella lingua nativa dei migranti, Marinaro dice che i programmi dovrebbero essere in entrambe le lingue, per prevenire l'isolamento delle comunità.

Continua: "Se ci sono dei media nella sola lingua della minoranza, questa sarà ghettizzata."

"Dev'essere parte di un più vasto progetto d'integrazione, ciò significa che dev'essere possibile parlare in italiano, ma anche nella loro lingua nativa."

Clough-Marinaro dipinge un quadro fosco delle politiche italiane sotto il nuovo governo ed intravede difficoltà per gli immigrati.

Dice ad AKI: "La situazione politica non aiuta, con l'ultimo governo Berlusconi, la destra ha visto l'immigrazione come un problema di sicurezza e di criminalità."

"Il nuovo governo non ha intenzione di fare molto per enfatizzare il ruolo importante degli immigrati, specialmente con la Lega Nord che ha avuto una forte crescita."

Berlusconi ha vinto le elezioni ma la sua maggioranza è condizionata dall'appoggio della Lega Nord contro gli immigrati, che ha ottenuto l'8% dei voti.

Martedì (scorso ndr) Berlusconi ha affermato l'intenzione di chiudere le frontiere agli immigrati illegali.

Bajram Osmani, membro preminente della comunità rom, è direttore della Voce Rom o Romano Krlo, trasmessa da Radio Onda d'Urto nella settentrionale città di Brescia.

Osmani arrivò in Italia nel 1991 dall'oggi indipendente Kosovo, da dove scappava per la situazione di tensione nel paese balcanico.

Adopera il suo programma radio per promuovere la cultura rom in Italia, dove questo gruppo è sotto-rappresentato dai principali media pubblici e privati, anche se molti componenti della comunità sono cittadini italiani o nati in Italia.

Molte stazioni radio e trasmissioni sono effettuate su base volontaria e non ricevono fondi dallo stato italiano, ciò rende difficile il loro successo.

"Questo è un programma di volontariato. Nell'Europa occidentale o fai da te o sei fuori,"  dice Osmani ad AKI.

Nell'Europa dell'est, la comunità rom è meglio organizzata. Ci sono radio e show televisivi che trasmettono in lingua romanes, riviste ed altri mezzi di comunicazione.

Osmani trasmette notizie importanti per la comunità rom, come informazioni sul processo immigratorio - un tema fondamentale per gli immigrati rom in Italia.

Osmani non è preoccupato dal nuovo governo Berlusconi, e dice di apprezzare il governo serbo per dare alla comunità un'opportunità di partecipare alle prossime elezioni dell'11 maggio.

Durante le elezioni del gennaio 2008 in Serbia, due candidati rom hanno ottenuto seggi in parlamento.

Clough-Marinaro, esperta sulla comunità rom, dice che i rom sono soggetti ad una seria discriminazione in Italia, e niente sembra cambiare fino a che l'Italia non sarà penalizzata per la sua azione.

"Se niente accade per forzare i media a terminare con la discriminazione sistematica, un programma radio è come una goccia nell'oceano," dice.

L'anno scorso, il governo italiano ha passato un controverso decreto che ordinava la rapida espulsione di cittadini dell'Unione Europea sospetti di minaccia pubblica, dopo il brutale omicidio di una donna, commesso da un immigrato illegale rumeno a Roma.

L'assassinio causò tensioni e sentimenti anti-immigrati in tutto il paese.

In un apparente "attacco di rivincita" razzista, assalitori mascherati armati di lame, bastoni e catene, hanno picchiato quattro rumeni fuori da un supermercato nei giorni caldi dopo l'omicidio.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/04/2008 @ 09:05:14, in sport, visitato 2095 volte)

Da Romanian_Roma

Comunicato stampa (foto e video su http://www.ergonetwork.org/run2008.htm)

Il 20 ottobre 2008, circa 900 persone hanno partecipato ad una maratona contro la xenofobia, il razzismo e la discriminazione per le strade di Bucarest. L'evento, organizzato da European Roma Grassroots Organisation, l'italiana Sport per Tutti e da Open Society Institute’s Roma Initiative Office, era intitolato "Corsa contro il Razzismo e la Discriminazione e formava parte di una più vasta corsa interculturale nel mondo, Vivicittà. L'evento era anche un iniziativa all'interno del Decennio per l'Inclusione Rom.

L'iniziativa di Bucarest era focalizzata nell'aumentare la consapevolezza circa gli incidenti xenofobi accaduti in Italia alla fine del 2007 che hanno portato ad un non voluto aumento delle tensioni interetniche tra italiani e rumeni.

Il percorso passava ai limiti di due dei parchi centrali più popolari di Bucarest (Herastrau and Kiseleff). Partners dell'evento erano l'Agenzia Nazionale Rumeno per lo Sport, la Federazione Rumena d'Atletica, l'Amministrazione Locale di Bucarest, la Federazione Rumena Sport per Tutti, la Scuola Ispettorale di Bucarest, l'Associazione Atletica di Bucarest, il Centro Politico per le Minoranze ed i Rom, l'Agenzia Nazionale per i Rom e il Consiglio Nazionale Contro la Discriminazione.

L'evento intendeva creare legami tra le iniziative di base e le principali istituzioni sportive in Italia e Romania, e sarà ripetuto il giorno 8 aprile (Giornata Internazionale dei Rom) nei prossimi anni.

I partecipanti alla corsa comprendevano conosciuti sportivi Rom, Rumeni ed Italiani, come il plurimedagliato Gheorghe Simion, Daniel Prodan (ex giocatore di calcio e direttore delle Relazioni Internazionali della Federazione Calcio Rumena) e Daniele Masala medaglia d'oro alle olimpiadi di Los Angeles del 1984.

Valeriu Nicolae, direttore esecutivo di European Roma Grassroots Organisation e consulente di Open Society Institute, ha ottenuto un riconoscimento per il Far Play da parte della Federazione Rumena d'Atletica per il suo lavoro nell'organizzare la corsa.

European Roma Grassroots Organisation
Strada Rezonantei Nr.1-3
Bl 15-16 Sc A Ap 3 Sector 4
Bucuresti
Romania

Tel : (004) 0742379657 or 0727708788

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/04/2008 @ 13:49:27, in Kumpanija, visitato 2186 volte)

COMUNICATO

Come ogni anno, a partire da Carlo Cuomo, di cui ricorre quest’anno il decimo anniversario della morte, Rom e Sinti, ‘milanesi’ indesiderati, parteciperanno al corteo del 25 Aprile dietro lo striscione della loro Associazione Aven Amentza – Unione di Rom e Sinti, con sede nel campo comunale di via Triboniano.

Il volantino distribuito ricorda, come sempre (siamo un paese di memoria corta, è bene insistere), le persecuzioni e le stragi nazifasciste contro Rom e Sinti, e la loro partecipazione alla Lotta di Liberazione, senza conseguenze liberatorie, a tutt’oggi, dalla guerra del pregiudizio. Essi rimangono in attesa –vera prova di resistenza!- d’un 25 Aprile, che viene tutti gli anni, ma non per loro.

Ma il testo denuncia anche l’aggravarsi di atteggiamenti persecutori, in cui si distinguono nuovi ‘amministratori’, esperti spesso bipartisan nell’eliminazione (‘solo’ sgomberi, per carità) di problemi e portatori, anzi che nella loro soluzione: denomadizzare, parola nuova per spregevoli pratiche nazifasciste, che sembravano consegnate ad una dolente memoria. Berlin ohne Zigeuner, Berlino senza Zingari, era lo slogan che accompagnò le Olimpiadi del 1936, prima tappa della strada verso Auschwitz. È la sicurezza, ragazzi. Ma per chi?

Intanto Rom e Sinti cercano di crescer famiglia e lavorare: in nero, sottopagati, licenziati non appena un indirizzo li denuncia come Zingari. E, beninteso, nomadi , e pertanto ladri.

Per i Rom, conclude il testo, clandestini sono i diritti.

Un saluto cordiale dal presidente Ernesto Rossi.


70° anniversario del Manifesto della Razza, base per le Leggi razziali,

60° anniversario della Costituzione italiana,

SESSANTATREESIMO 25 APRILE DI LIBERAZIONE

non solo per gli Italiani ma per tutti coloro che qui sono giunti in cerca di una terra di pace e di lavoro, di democrazia, dove ricostruire la propria vita e riprogettare il proprio futuro.

se questo è un paese libero

lo deve alle lotte e al sacrificio di chi si è opposto alla dittatura fascista e all’occupazione nazista, che molti, interessati o confusi, cercano oggi di dimenticare, così come si cerca di cancellare la Storia, quella delle violenze e delle stragi, delle deportazioni, dei campi di concentramento e di sterminio.

In tutta Europa, dovunque si è organizzato un movimento di Resistenza, Rom e Sinti ne hanno fatto parte; spesso talmente numerosi da costituire intere formazioni, con propri comandanti (come in Jugoslavia, in Francia, in Slovacchia); spesso compiendo imprese e atti di valore personale e d’importanza storica; talvolta persino ottenendo il riconoscimento di una medaglia, in cambio d’una vita sacrificata. VOGLIAMO DIFENDERNE LA MEMORIA

Rivendichiamo, così come facciamo per le centinaia di migliaia di nostri (e vostri!) fratelli, sterminati dagli oppressori, che queste persone stiano col loro nome nella schiera di coloro che hanno contribuito a liberare questo ed altri paesi e a porre le basi di una nuova Europa. Senza confini, proprio com’è nella nostra antica cultura. Ecco i nomi degli ignoti partigiani rom e sinti italiani:

*il rom istriano Giuseppe Levakovich, detto Tzigari, che militò nella Brigata “Osoppo”, in Friuli, agli ordini del comandante Lupo *Rubino Bonora, partigiano nella Divisione “Nannetti” in Friuli *Walter Catter, eroe partigiano, uno dei Martiri di Vicenza, fucilato l’11 novembre 1944 *suo cugino Giuseppe Catter, fucilato ventenne nell’Imperiese da brigatisti. Il suo distaccamento ne prese il nome. È decorato al valore. *il sinto piemontese Amilcare Debar, l’unico ancora vivente, staffetta e poi partigiano combattente nella 48^ Bgt. Garibaldi “Dante Di Nanni”, comandata da Colajanni. Dopo la guerra fu rappresentante del suo popolo alle Nazioni Unite.*E molti altri, ancora più ignoti.

Il 25 Aprile è arrivato anche grazie a loro, ma per i Rom e i Sinti non è arrivata la liberazione dal pregiudizio che ha segnato tutta la loro storia. E ancora oggi li opprime.

Quest’anno è il decimo anniversario della morte di Carlo Cuomo, che dedicò la sua vita alla lotta per la giustizia e la libertà, mettendo al centro del suo ultimo impegno i diritti basilari di Rom e Sinti.


SGOMBERI SGOMBERI SGOMBERI SGOMBERI SGOMBERI SGOMBERI SGOMBERI

Oltre 300 SGOMBERI in pochi anni a Milano e provincia


Questo significa donne e bambini che vagano abbandonati, persa la scuola e ogni avere; uomini che vanno a lavorare senza una casa in cui fare ritorno, senza saper dove ricoverare la propria famiglia:

certi amministratori si liberano dei problemi invece di affrontarli e risolverli: così siamo tutti capaci

senza grandi stipendi. Denomadizzare è il verbo di ultima moda: parole nuove per idee e pratiche vecchie, spregevoli, inumane, nazifasciste: Berlin ohne Zigeuner, 1936, Olimpiadi di Berlino senza Zingari. Deportati. Così è cominciata la storia di Auschwitz. Siamo l’unico altro popolo, insieme agli Ebrei, sterminato durante la Seconda Guerra Mondiale, per la sola colpa di esistere. È un dolore che non si cancella mai. Ma ritorna più vivo quando vediamo fra voi quelli che rimpiangono un passato infame. E senza vergogna pregano non si sa quale dio, in chiese che non li vomitano fuori.

Punire chi commette reati, italiano, rom, sinto, o altro. Casa, lavoro, scuola, salute, cultura per tutti!

Se un italiano ruba, è un ladro – se un rom ruba, tutti i rom sono ladri – la sentenza è senza appello.

Non importa se ti alzi alle quattro del mattino per andare in cantiere per 10-12 ore di lavoro in nero, malpagato, senza sapere se tornerai a casa vivo o storpiato. Costruiamo le vostre case; a noi offrono campi, container e roulotte. Se no, baracche. O dormitori comunali, per dividere le nostre famiglie. Per poter fingere e sostenere che siamo nomadi, anche se abbiamo lasciato in patria le nostre case.

se la legge è uguale per tutti, perché per Rom e Sinti ci vogliono leggi, regolamenti, patti speciali?

L’Unione Europea è formata da 27 stati e una nazione: questa siamo noi.

(dichiarazione ufficiale del Parlamento dell’Unione Europea)

* *** *

La nostra ASSOCIAZIONE “AVEN AMENTZA” – UNIONE di ROM E SINTI

è nata quattro anni fa per combattere il pregiudizio, con l’incoraggiamento di CGIL Lombardia, Camera del Lavoro e Coop Lombardia. È un’associazione di Rom, Sinti e non rom (gagè).

La nostra impostazione: *avere voce come Rom e Sinti, perché oggi, qui, siamo muti *difendere concretamente i nostri diritti, per consolidare l’esercizio dei doveri *usare l’associazione come percorso d’integrazione nell’esercizio della democrazia *difendere la legalità e la sicurezza di tutti.

Partecipiamo al progetto europeo di ricerca RomEco; stiamo compiendo una ricerca sulla partecipazione dei Rom e Sinti alla Resistenza. Ma l’iniziativa di gran lunga più scandalosa cui abbiamo dato vita, grazie al sostegno attivo di Camera del Lavoro di Milano e FILLEA Cgil, è stata l’apertura (giugno 2005) d’uno sportello sindacale, tuttora attivo, nei campi di via Triboniano, per il controllo delle buste paga e delle situazioni lavorative di numerosi Rom, romeni e bosniaci.

SICUREZZA PER TUTTI – LA SICUREZZA È UN BENE COLLETTIVO, NON PRIVATO

Decine di Rom perdono il lavoro perché identificati dall’indirizzo del campo come Zingari

Venite con noi! Questo significa Aven Amentza in romanès. Chi è interessato ai nostri progetti e al nostro modo d’agire, può contattarci al telefono sotto indicato o all’indirizzo meg.rossi@tin.it.

Per i Rom, clandestini sono i diritti

sede legale: Via Triboniano 212 – 20156 Milano (Italia). Tel. +39.(02).48409114

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/04/2008 @ 09:23:51, in Italia, visitato 1844 volte)

Le autorità di Milano commettono un nuovo crimine contro i Rom: antifascisti, vi invitiamo a ritrovare i valori della Resistenza

di Roberto Malini - Gruppo EveryOne

Milano, 24 aprile 2008. La città della Madonnina si prepara a festeggiare la Liberazione capovolgendone lo spirito. La liberazione che Milano e i suoi politici, una banda di razzisti senza scrupoli, inseguono è quella dai poveri, dalle minoranze deboli, dalle famiglie Rom. Milano dedica mezzi e risorse, impiega decine di agenti della forza pubblica per trasformarsi in una città "Zigeunerfrei", libera dagli zingari. Ho vissuto a Milano per tanti anni e l'ho abbandonata quando da città della solidarietà è divenuta città dannata, in preda a deliri architettonici, fieristici e razziali, come la Berlino di Hitler. Oggi una "squadra di protezione" formata da agenti in assetto antisommossa, agli ordini dell'Obergruppenführer Gianvalerio Lombardi ha compiuto un'operazione di sgombero nei confronti della comunità di Rom romeni, provenienti da Timisoara, che si era rifugiata in un campo del quartiere Giambellino. Il campo era "abusivo": numerose famiglie in condizioni di miseria tragiche si erano rifugiate lì per evitare di morire di fame e malattie nella loro città di origine, vivevano in una situazione di segregazione e discriminazione insostenibile. L'azione degli agenti - ma per amor del vero, dopo aver osservato le loro malefatte con i miei occhi, preferisco chiamarli "sgherri" - è stata eseguita con metodi brutali. Uomini, donne e nugoli di bambini sono stati costretti a uscire dalle loro baracche, messi in fila come gli ebrei rastrellati dai nazisti durante l'Olocausto e costretti ad assistere alla distruzione del loro piccolo, miserabile mondo. Le baracche sono state distrutte e date alle fiamme senza che agli occupanti fosse concesso di prelevare i propri pochi beni. Una mamma supplicava gli uomini in divisa: "Per piacere, lasciatemi prendere le copertine per i miei bambini". Un poliziotto le rispondeva con un ghigno: "Non ti servono a niente, perché adesso, con il nuovo governo, vi rimandiamo tutti in Romania". I bambini piangevano, mentre i loro aguzzini li spintonavano e li intimidivano con parole dure, offensive, improntate all'odio razziale. Una delle famiglie cacciate in malo modo dalla squadraccia era la famiglia Covaciu, il cui capofamiglia è un missionario evangelico, noto presso i Rom di Milano per gli innumerevoli gesti di altruismo compiuti nei riguardi delle famiglie perseguitate. Sua moglie parla cinque lingue: il romeno, il romanes, il francese, lo spagnolo e l'italiano. Una dei loro quattro bambini, Rebecca Covaciu, 11 anni, è dotata di un notevole talento nel campo delle arti plastiche, tanto che alcuni dei suoi disegni - che documentano la vita dei Rom in Italia - sono stati esposti a Napoli, nel corso della Giornata della Memoria 2008, presso le prestigiose sale dell'Archivio Storico, che li ha acquisiti in permanenza. Altre opere di questa bambina straordinaria fanno parte del Museo d'Arte contemporanea di Hilo (Stato delle Hawaii, U.S.A.). Le opere grafiche di Rebecca sono state selezionate inoltre all'interno del Festival di Intercultura di Genova "Caffé Shakerato" e concorrono per il Premio UNICEF 2008. Nonostante questi suoi meriti, nonostante l'impegno del padre Stelian a cercare un lavoro anche umilissimo in Italia, la famiglia Covaciu era costretta a vivere in una baracca, in mezzo ai topi e ai parassiti, senza acqua potabile né corrente elettrica. Solo l'aiuto offerto dai membri del Gruppo EveryOne ha evitato che Stelian, sua moglie e i loro quattro bimbi subissero un destino tragico. Ora Rebecca - che non è solo una grande promessa dell'arte europea (promessa che sarà mantenuta solo se la persecuzione razziale in Italia non la ucciderà), ma un angelo di sensibilità, altruismo e bontà - si è incamminata in una "marcia della morte" verso il nulla, con i suoi cari. Noi cerchiamo di aiutarli come possiamo, così come cerchiamo di soccorrere tanti altri Rom, ma le nostre possibilità sono limitate e le tragedie causate dal razzismo e dalla spietatezza delle istituzioni italiane sono migliaia. Non basta "occuparsi della questione-Rom", bisogna che i veri antirazzisti, le poche persone che ancora credono nel valore dei Diritti Umani, i veri spiriti umanitari e coraggiosi si cerchino e facciano fronte, insieme, a una tragedia che per orrore e dolore ricorda molto da vicino gli anni dell'Olocausto, della Shoah, del Samudaripen.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/04/2008 @ 09:15:25, in Italia, visitato 1963 volte)

Ricevo da Tommaso Vitale

Presentati i risultati del progetto realizzato tra l’ottobre e il novembre del 2006 dal Gruppo immigrazione e salute del Lazio. Coinvolti 140 operatori. 1.500 le schede compilate. 384 casi di ipertensione, il 77% in persone con più di 35 anni
ROMA – Gli operatori sanitari coinvolti sono stati in tutto 140. Tra questi c’erano 63 medici, 58 infermieri e 24 altre figure professionali. Cinque le Asl di Roma coinvolte per una campagna che si è sviluppata tra l’ottobre e il novembre del 2006 e che ha interessato circa 5000 nomadi Rom e Sinti presenti nei 35 campi della capitale. Si tratta del progetto “Salute senza esclusione” il cui obiettivo era quello di avvicinare la popolazione Rom e Sinti alle strutture sanitarie pubbliche e nello stesso tempo verificare lo stato di salute e le eventuali emergenze sanitarie della popolazione nomade. Sono questi i dati salienti del progetto curato dal Gris del Lazio (gruppo immigrazione e salute del Lazio) e dall’area sanitaria della Caritas, con il patrocinio della Società italiana di medicina delle migrazioni.

I risultati del progetto sono stati presentati questa mattina a Roma nel complesso monumentale del Santo Spirito, alla presenza dell’assessore regionale alla sanità, Augusto Battaglia e del neo senatore Lucio D’Ubaldo, già presidente del Cda Laziosanità-Asp. Alla presentazione hanno partecipato poi anche Pietro Grasso, direttore generale Asl-Roma E e naturalmente Maurizio Sprovieri (Asl Roma E e Gris Lazio) che ha coordinato i lavori e Salvatore Geraci, dell’area sanitaria della Caritas, uno dei curatori della ricerca e della realizzazione del progetto. I risultati quantitativi sono stati presentati dalla dottoressa Laura Cacciani (AspLazio). La popolazione interessata dal progetto si aggira sulle 5000 persone, in 35 campi nomadi della capitale.


Complessivamente gli operatori che sono stati coinvolti nel progetto sono riusciti a compilare circa 1500 schede. Secondo il racconto degli operatori, la maggiore sensibilità si è riscontrata tra le donne Rom che si sono avvicinate con più facilità e si sono mostrate più curiose nei confronti del progetto sanitario. Interessante il dato sul controllo della pressione arteriosa, soprattutto degli uomini. Rispetto a circa 2000 contatti che si sono potuti realizzare, i medici delle Asl coinvolte hanno riscontrato 384 casi di pressione alta o ipertensione. Il 77% dei casi di ipertensione si è riscontrata tra persone con più di 35 anni. Di questi casi il 71% riguardava una ipertensione lieve, il 21% una ipertensione moderata e infine un 8% una ipertensione grave. (pan) (vedi lanci successivi)


Campagna sanitaria a Roma, nessuna emergenza

Importante la vaccinazione dei bambini (''scoperto'' solo il 9%), ma hanno pesato gli sgomberi del 2007. In alcuni insediamenti non è stato possibile accertare completamente le condizioni igieniche e sanitarie


ROMA - Non si sono riscontrati casi di malattie infettive, né emergenze sanitarie particolari nel corso della campagna di avvicinamento alle strutture sanitarie pubbliche per i Rom e i Sinti di Roma che è stata realizzata nella capitale alla fine del 2006 dal Gris (gruppo immigrazione e salute) e dalla Caritas. A distanza di due anni si è fatto oggi un bilancio di quella esperienza per poter estendere il modello di ricerca e di intervento anche ad altre realtà. Lo spunto per avviare una campagna sanitaria era stato dato nel 2005 da due casi di poliomelite che si erano manifestati in quell'anno in Bulgaria. Non c"è stato comunque nessun stato d’allerta, ma la campagna sanitaria del 2006 a Roma ha permesso comunque di vaccinare decine di bambini che erano rimasti fino ad allora fuori dal sistema di prevenzione e controllo.

Il dottor Giovanni Baglio, presentando questa mattina a Roma i risultati della campagna di sanità pubblica, ha detto che allora c’erano state ragioni epidemiologiche fondate, ma che poi per fortuna non si sono riscontrate particolari emergenze sanitarie in Italia tra i Rom e Sinti. Gli obiettivi della campagna sanitaria nei campi Rom sono stati dunque due: il primo relativo alla copertura delle vaccinazione e il secondo relativo all’accesso ai servizi da parte dei Rom e Sinti. La campagna del 2006 ha fatto seguito a un precedente intervento del 2002, durante il quale è stato vaccinato l’80% dei bambini dei campi nomadi. Il grado di "scopertura”, ovvero il grado di assenza di vaccini, è passato così dal 40% al 9%.

Molto importante, secondo il dottor Baglio, ma anche secondo il dottor Sprovieri della Asl Roma E che ha coordinato i lavori di presentazione della ricerca, è stato il grado di coinvolgimento del privato sociale nell’attività delle strutture sanitarie pubbliche. Nelle conclusioni della ricerca, si mette comunque anche in evidenza che l’impatto generale dell’intervento sanitario è stato in parte vanificato dagli sgomberi avvenuti nel corso del 2007 a Roma. La finalità del progetto era quella di favorire un rapporto stabile tra la polazione dei Rom e Sinti e i servizi sanitari territoriali, ma ovviamente questo deve presupporre un certo radicamento o quantomeno una stanzialità. In alcuni insediamenti non è stato possibile accertare completamente le condizioni igieniche e sanitarie.

Dall’esperienza che i medici e in generale gli operatori hanno fatto nei campi Rom, si ricavano alcune conclusioni che sono generalizzabili. Ci sono cioè alcune parole-chiave che sono emerse: 1) lavoro in rete; 2) integrazione e sinergia tra pubblico e privato sociale; 3) approccio al tema con equipe multidisciplinari; 4) offerta attiva di prestazioni sanitarie; 5) coinvolgimento attivo della popolazione di riferimento. (pan) (vedi lancio successivo)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 27/04/2008 @ 11:12:31, in blog, visitato 1892 volte)

Genova, un condominio per i Rom?
Un condominio per un’ottantina di Rom, profughi dalla ex Jugoslavia, potrebbe essere ricavato dalla ristrutturazione di un edificio disabitato in via dei Laminatoi, a Cornigliano. I Rom sono quelli che abitan...

Piero Terracina: il Pdl? Anche lì c'è un'anima fascista e razzista
«Il problema è Alemanno, non Storace. Con lui smetto i viaggi ad Auschwitz» Piero Terracina, sopravvissuto al campo di sterminio, attacca: «Il Pdl? Anche lì c'è un'anima fascista ...

Ue, solo per i disabili la proposta di non discriminazione
Il Commissario Špidla ha dichiarato che la proposta della Commissione europea in materia di non discriminazione al di fuori dal campo del lavo...

Veneto, la Regione vuole approvare una legge razzista
Il Consiglio regionale del Veneto torna a riunirsi, dopo la pausa elettorale, oggi (ore 14) e mercoledì 23 (ore 10) a palazzo Ferro-Fini. L'attività dell'assemblea legislativa riprende con la discussione del pro...

Anche i silenzi uccidono
Mentre si sta scatenando in tutta Italia la caccia al rom, ritenuto il nemico interno per eccellenza, quando si tratta di riconoscere loro i diritti più basilari che spettano a tutte le persone, ritardi e colpevoli silenzi si moltiplicano. Non stupisce neppure la condizione di ab...

Veneto, Opera Nomadi: i Rom e i Sinti non sono nomadi
Nel territorio Veneto sono presenti: Rom Kalderasha, Rom Harvati, Sinti Veneti, Sinti Taic, tutti italiani; Rom provenienti dalla ex Yugoslavia (Serbia, Bosnia, Kosovo, Macedonia, Croazia) di recente immigrazione e, ultimamente, in seguito ...

Livorno, io non sono razzista... ma però
Il sindaco di Livorno, Alessandro Cosimi, salirà sul palcoscenico per interpretare se stesso, in uno spettacolo ispirato e dedicato alla tragedia di Pian di Rota, dove lo scorso agosto persero la vi...

Ue, Tajani non ricoprirà la delega di Frattini
E’ di ieri sera la notizia, rilanciata stamani dal quotidiano spagnolo El Paìs, che l’eurodeputato Antonio Tajani, vicepresidente del PPE, e tra i più papabili candidati alla vicepresidenza della Com...

Roma, salute senza esclusioni
Stimati intorno alle 8mila presenze distribuite in 33 insediamenti, di cui solo alcuni attrezzati o semiattrezzati, i Rom e i Sinti - tra coloro che vivono a Roma - sono i più esposti al rischio di contrarre malattie a causa della marginalità sociale e del ridotto ri...

Napolitano: i giovani sono chiamati a contrastare i nuovi autoritarismi e integralismi
“La Storia sembra assegnare a ogni generazione una missione”. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano esterna questa sua riflessione ricevendo al Quirinale, alla vigilia della celebrazione del 25 aprile, festa della Liberazione, i rappresentanti delle associazioni nazionali combattentistiche e d...

Veneto, le osservazioni e le proposte dell’Associazione Rom Kalderash
Il 25 luglio 2007 sono state presentate alla sesta commissione consiliare permanente della Regione Veneto le osservazioni e le proposte di Loris Levak e Aldo Levak dell’Associazione ...

Milano, una brutta storia
Una donna rom rumena di 40 anni è stata segregata per 7 giorni nel “campo” di Bisceglie, alla periferia di Milano. La polizia ha fermato due connazionali. I due uomini, di 33 e 40 anni, sono stati bloccati ieri dalla squadra Mobile di Milano con l'accusa ...

Veneto, abrogate la legge regionale
Il 19 gennaio 2006 il Consigliere regionale Federico Caner ha presentato il progetto di legge regionale n. 115 “abrogazione della legge regionale 22 dicembre 1989, n. 54 (interventi a tutela della cultura dei Rom e dei Sinti)”. Il progetto di legge regionale n. 2...

25 aprile, le radici profonde del razzismo italiano
Non è vero che le leggi sulla razza emanate dal governo fascista ed entrate in vigore il 1 settembre 1938 furono un episodio isolato e neppure l'automatico prodotto dell'alleanza con la Germania di Hitler. La cultura italiana - q...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


26/10/2020 @ 10:29:31
script eseguito in 156 ms

 

Immagine
 Thomas Hammarberg in visita a Milano per verificare la situazione dei Rom... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1073 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
20/10/2020 @ 08:03:13
Di FRANCO
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERTA DI PRESTITO .... O...
07/10/2020 @ 20:34:53
Di Alesi Gallo
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source