\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Roma, prevenzione sanitaria per 5 mila Rom e Sinti di 35 campi
Di Fabrizio (del 26/04/2008 @ 09:15:25, in Italia, visitato 1919 volte)

Ricevo da Tommaso Vitale

Presentati i risultati del progetto realizzato tra l’ottobre e il novembre del 2006 dal Gruppo immigrazione e salute del Lazio. Coinvolti 140 operatori. 1.500 le schede compilate. 384 casi di ipertensione, il 77% in persone con più di 35 anni
ROMA – Gli operatori sanitari coinvolti sono stati in tutto 140. Tra questi c’erano 63 medici, 58 infermieri e 24 altre figure professionali. Cinque le Asl di Roma coinvolte per una campagna che si è sviluppata tra l’ottobre e il novembre del 2006 e che ha interessato circa 5000 nomadi Rom e Sinti presenti nei 35 campi della capitale. Si tratta del progetto “Salute senza esclusione” il cui obiettivo era quello di avvicinare la popolazione Rom e Sinti alle strutture sanitarie pubbliche e nello stesso tempo verificare lo stato di salute e le eventuali emergenze sanitarie della popolazione nomade. Sono questi i dati salienti del progetto curato dal Gris del Lazio (gruppo immigrazione e salute del Lazio) e dall’area sanitaria della Caritas, con il patrocinio della Società italiana di medicina delle migrazioni.

I risultati del progetto sono stati presentati questa mattina a Roma nel complesso monumentale del Santo Spirito, alla presenza dell’assessore regionale alla sanità, Augusto Battaglia e del neo senatore Lucio D’Ubaldo, già presidente del Cda Laziosanità-Asp. Alla presentazione hanno partecipato poi anche Pietro Grasso, direttore generale Asl-Roma E e naturalmente Maurizio Sprovieri (Asl Roma E e Gris Lazio) che ha coordinato i lavori e Salvatore Geraci, dell’area sanitaria della Caritas, uno dei curatori della ricerca e della realizzazione del progetto. I risultati quantitativi sono stati presentati dalla dottoressa Laura Cacciani (AspLazio). La popolazione interessata dal progetto si aggira sulle 5000 persone, in 35 campi nomadi della capitale.


Complessivamente gli operatori che sono stati coinvolti nel progetto sono riusciti a compilare circa 1500 schede. Secondo il racconto degli operatori, la maggiore sensibilità si è riscontrata tra le donne Rom che si sono avvicinate con più facilità e si sono mostrate più curiose nei confronti del progetto sanitario. Interessante il dato sul controllo della pressione arteriosa, soprattutto degli uomini. Rispetto a circa 2000 contatti che si sono potuti realizzare, i medici delle Asl coinvolte hanno riscontrato 384 casi di pressione alta o ipertensione. Il 77% dei casi di ipertensione si è riscontrata tra persone con più di 35 anni. Di questi casi il 71% riguardava una ipertensione lieve, il 21% una ipertensione moderata e infine un 8% una ipertensione grave. (pan) (vedi lanci successivi)


Campagna sanitaria a Roma, nessuna emergenza

Importante la vaccinazione dei bambini (''scoperto'' solo il 9%), ma hanno pesato gli sgomberi del 2007. In alcuni insediamenti non è stato possibile accertare completamente le condizioni igieniche e sanitarie


ROMA - Non si sono riscontrati casi di malattie infettive, né emergenze sanitarie particolari nel corso della campagna di avvicinamento alle strutture sanitarie pubbliche per i Rom e i Sinti di Roma che è stata realizzata nella capitale alla fine del 2006 dal Gris (gruppo immigrazione e salute) e dalla Caritas. A distanza di due anni si è fatto oggi un bilancio di quella esperienza per poter estendere il modello di ricerca e di intervento anche ad altre realtà. Lo spunto per avviare una campagna sanitaria era stato dato nel 2005 da due casi di poliomelite che si erano manifestati in quell'anno in Bulgaria. Non c"è stato comunque nessun stato d’allerta, ma la campagna sanitaria del 2006 a Roma ha permesso comunque di vaccinare decine di bambini che erano rimasti fino ad allora fuori dal sistema di prevenzione e controllo.

Il dottor Giovanni Baglio, presentando questa mattina a Roma i risultati della campagna di sanità pubblica, ha detto che allora c’erano state ragioni epidemiologiche fondate, ma che poi per fortuna non si sono riscontrate particolari emergenze sanitarie in Italia tra i Rom e Sinti. Gli obiettivi della campagna sanitaria nei campi Rom sono stati dunque due: il primo relativo alla copertura delle vaccinazione e il secondo relativo all’accesso ai servizi da parte dei Rom e Sinti. La campagna del 2006 ha fatto seguito a un precedente intervento del 2002, durante il quale è stato vaccinato l’80% dei bambini dei campi nomadi. Il grado di "scopertura”, ovvero il grado di assenza di vaccini, è passato così dal 40% al 9%.

Molto importante, secondo il dottor Baglio, ma anche secondo il dottor Sprovieri della Asl Roma E che ha coordinato i lavori di presentazione della ricerca, è stato il grado di coinvolgimento del privato sociale nell’attività delle strutture sanitarie pubbliche. Nelle conclusioni della ricerca, si mette comunque anche in evidenza che l’impatto generale dell’intervento sanitario è stato in parte vanificato dagli sgomberi avvenuti nel corso del 2007 a Roma. La finalità del progetto era quella di favorire un rapporto stabile tra la polazione dei Rom e Sinti e i servizi sanitari territoriali, ma ovviamente questo deve presupporre un certo radicamento o quantomeno una stanzialità. In alcuni insediamenti non è stato possibile accertare completamente le condizioni igieniche e sanitarie.

Dall’esperienza che i medici e in generale gli operatori hanno fatto nei campi Rom, si ricavano alcune conclusioni che sono generalizzabili. Ci sono cioè alcune parole-chiave che sono emerse: 1) lavoro in rete; 2) integrazione e sinergia tra pubblico e privato sociale; 3) approccio al tema con equipe multidisciplinari; 4) offerta attiva di prestazioni sanitarie; 5) coinvolgimento attivo della popolazione di riferimento. (pan) (vedi lancio successivo)