Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 28/09/2010 @ 09:13:46, in media, visitato 1416 volte)

Da Polska_Roma

Košice, 20/09/2010 - Tra pochi giorni, DikTV, la prima stazione televisiva europea rom su internet, lancerà le sue trasmissioni di prova. Questa è una stazione televisiva su internet che trasmetterà solo in lingua romanì e prodotta per tutti i Rom. Il progetto televisivo su internet è volto primariamente a quei Rom che hanno una fluente lingua nativa o che la stanno apprendendo.

"Come giornalisti rom abbiamo deciso di creare questo spazio virtuale a cui invitare in visita Rom di tutto il mondo. Consideriamo fondamentale che tutti i Rom abbiano la possibilità di usare la loro lingua nativa e di vedere come vivono veramente i Rom negli altri paesi. La nostra "vision" è che i Rom possano trovare ciò che cercano sul nostro sito, quello che richiedono per sapere chi sono e la loro identità, cosicché siano orgogliosi di essere Rom," ha detto Jarmila Vaňová, direttrice dei programmi di DikTV.

Vaňová ha sfidato tutti i Rom a compromettersi nella creazione del progetto. "Stiamo lanciando DikTV su internet senza nessun appoggio finanziario esterno, senza sovvenzioni. Facciamo tutto su base volontaria, solo per mostrare che noi Rom siamo capaci di fornire giornalismo professionale e di unirci, che siamo una nazione di gente coinvolta nel fare la storia d'Europa e del mondo, e che semplicemente non è possibile manipolarci come un giocattolo. Un modo possibile di abbattere tutti i muri che la maggioranza sta costruendo contro di noi è di unirci, imparare dalla nostra storia, conoscere la nostra lingua e cultura, semplicemente creare questo mondo virtuale che è il nostro dominio," ha dichiarato Vaňová.

Il progetto lancerà le proprie operazioni sperimentali alla fine di settembre. La televisione internet rom DikTV sarà parte di un più vasto portale che opera nella televisione internet, Quanti interessati a contattare gli organizzatori del progetto come potenziali partner o che vogliano in altre forme supportare il progetto possono scrivere a: diktv@mecem.sk 

Facebook: www.facebook.com/diktv


Da Roma_Daily_News

Gipsy Television è un'unica televisione su internet di quattro paesi del cosiddetto gruppo di Visegrad. Dato che il nostro principale obiettivo è di sostenere la minoranza nazionale romanì nei campi della politica sociale, istruzione, assistenza sanitaria, diritti umani e discriminazione. Lo strumento principale per raggiungere il nostro obiettivo è la produzione di lavori audiovisivi. Nei limiti delle nostre attività miglioreremo la consapevolezza pubblica sulle comunità zingare marginalizzate.

Vogliamo cooperare con soggetti che lavorino nel campo degli zingari, ma anche con media non-zingari. Promuoviamo la mobilità dei nostri reporter, lo scambio di esperienze, una mobilità transnazionale dei lavori audiovisivi e la creazione di reti.

E Gipsy Television si jekh unikatno romaňi internetoskeri televizija andro thema save pes rakinen andre Višgratsko štarutňi. Amaro bučikano dikhiben pes zathovel pro oda kaj the sikavas šukariben pal o manuša saven hiňi romaňi nacia /pal o roma/ andro phučibena pal o socialno politika, sikľarďipen /edukacia/ sasťipen, manušakere hakaja the pal lengero phageripen - diskriminácia. Akada savoro kamas the kerel avka kaj keraha audio vizulano buťi /šuňiben thaj dikhiben pal o internetos/. 

Kamas akala amara televizijaha the dochudel oda kaj o gadže the dhiken pro roma šukareder jakhenca, pro roma save hine čore, bi búčakere, bi khereskere - marginalizovano roma. Kamas the kerel jekhetaňi šukar buťi - varesavi kooperacia savore aver instututenca save keren buti andro media prej kalo roma /romane thaj naj romane media/. Rakinaha pes pro oda kaj amare editora šaj phirkerena odoj kaj pes vareso kerela interestantno pal o roma. Keraha amari buťi thaj jekhetaňiben /netvorko prejkalo salo slovačiko them.

http://www.gipsytv.eu 

Gipsy Television
European Roma Cultural Centre Bratislava 
Jeláová 861 
900 55 Lozorno 
Slovak Republic
ICO: 42171881
DIC: 2022856132

Ćíslo účtu: 0634014543 /0900
Slovenská sporiteľna, a. s
.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/09/2010 @ 09:33:54, in Europa, visitato 1493 volte)

RSI.ch (al link è visionabile un breve video)

Minacce ad alcuni membri della Commissione cantonale nomadi
Due denunce sono state inoltrate al Ministero pubblico


Una lettera minatoria é stata recapitata ad alcuni membri della commissione cantonale ticinese nomadi. "Ve la faremo pagare", si può leggere, tra l'altro.

In precedenza, all'inizio dell'estate, una missiva di minacce era arrivata anche al presidente della commissione, Ermete Gauro, il quale, dopodomani, sentirà i suoi colleghi per decidere che seguito dare alla vicenda.

Nel frattempo due denunce sono state inoltrate al ministero pubblico. La commissione cantonale nomadi ha il compito di approfondire le problematiche legate al periodico transito di zingari nel nostro cantone. Tra i suoi obbiettivi vi è tra gli altri formulare proposte per la messa a disposizione di aree di sosta.


Si da il caso che conosca la persona minacciata, le ho scritto per sapere cos'era successo. Ecco il suo racconto:

Ciao Fabrizio,

è successo che ho ricevuto una lettera anonima con minacce. Questo perché faccio parte della commissione cantonale nomadi il cui compito è di trovare aree di sosta e sensibilizzare la popolazione. Visto quanto sta accadendo devo ammettere che il secondo obbiettivo è ancora ben lungi dall'essere raggiunto. Non c'è molto da aggiungere se non che il clima qui è degenerato. Ormai c'è chi pensa di sfruttare lo scontento della gente deviandolo sui rom. I quali rom qui non costituiscono assolutamente un problema. Ci sono alcuni gruppi (che al massimo raggiungono il numero di 150 persone) che viaggiano e si autosostentano con il commercio di tappeti e si fermano in Ticino per qualche settimana. Dal punto di vista economico sono perfettamente autosufficienti senza dover ricorrere a pratiche quali l'elemosina o altri stratagemmi. Tempo addietro sorgeva il problema della sporcizia lasciata sui campi dopo la partenza. Sporcizia dovuta al fatto che i campi non erano attrezzati: una canna dell'acqua, niente gabinetti, ritiro dell'immondizia non organizzato. Ora benché il solo campo rimasto non sia per niente l'ideale (hanno messo qualche latrina "toitoi") anche quel problema è praticamente risolto in quanto i nomadi riescono ciononostante a lasciare il luogo in condizioni decenti. Quindi chi fomenta l'ostilità gioca sulle fantasie ancestrali dei sedentari e non poggia per nulla su fatti concreti. Hanno fatto gran rumore sull'arresto di due ragazzine minorenni rom a Chiasso e Como che portavano sul treno un trolley con dentro una cassaforte forzata ma non ancora aperta. Si trattava di ragazzine che rientravano in Italia provenienti dalla Svizzera tedesca e che di fatto non avevano nulla a che fare con il Ticino. Ti ho già scritto della pagina del "Mattino della Domenica" della Lega Bignasca del 12 corrente. Se la cosa ti è sfuggita ti metto di nuovo il link: Il Mattino online

All'inizio pochi hanno reagito. Il primo è stato il direttore della "Regione Ticino" Caratti con un editoriale forte dal titolo "Quando diremo basta?". Qualcuno di notte ha imbrattato la porta della sede della Lega e ha piantato una croce con il nome del Bignasca. C'è stata anche una manifestazione del centro sociale il Mulino. I ragazzi sono stati molto bravi hanno fatto il presidio davanti alla Lega leggendo poesie di Primo Levi e altre contro il razzismo. Reggevano un cartello "Il lavoro rende liberi? Chiedetelo a Bignasca". Un vecchietto di 87 anni (Edouard Wahl) ha camminato per un'ora in via Nassa a Lugano (la via più elegante della città) portando un cartello "Solidarietà ai Roma". Bertoli, segretario del partito socialista ha chiesto agli altri partiti di riunirsi per far fronte al degrado del clima sociale. Con qualche tentennamento e distinguo alla fine si sono riuniti per discuterne. Tra l'altro il rappresentante della Lega nel governo cantonale si è dissociato e ha deplorato la pagina del giornale del suo partito. Quanto alla lettera anonima (...) ho sporto denuncia.

Caro Fabrizio, per la lettera non ho paura ma provo disgusto. Ciao
silvana

Ah, volevo aggiungere che stasera (domenica 26 settembre ndr) dalle 17.00 alle 18.30, insieme al vecchietto di cui ti ho scritto nella mail, faremo un presidio davanti al Municipio di Locarno con un cartello "Pro Rom non Pogrom". Lo so che è una goccia in confronto al mare di ciò che andrebbe fatto.
Ciao
silvana

Eccolo qui il vecchietto Edouard Wahl che manifesta davanti al Municipio di Locarno.
ciao
silvana
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/09/2010 @ 09:09:46, in Italia, visitato 1533 volte)

Segnalazione di Marco Brazzoduro

Associazione per la difesa dei diritti dell'infanzia - www.21luglio.com

COMUNICATO STAMPA
Roma: l'Associazione 21 luglio chiede la sospensione del piano di sgomberi perché viola i diritti dell'infanzia rom

Il 30 agosto 2010, a Roma, a seguito di un rogo nell'insediamento informale de La Muratella che aveva provocato la morte di un bambino rom di tre anni, è stato convocato un vertice in prefettura sullo stato del Piano Nomadi della capitale e sullo sgombero degli "insediamenti abusivi". A conclusione del vertice è stato comunicato che nella settimana successiva sarebbe iniziato lo sgombero dei 209 insediamenti informali della capitale censiti dalla polizia municipale. Gli sgomberi dovrebbero coinvolgere almeno duemila persone, tra cui, secondo una stima dell'Associazione 21 luglio, circa 800 sarebbero minori.

"Abbiamo predisposto un piano per la chiusura progressiva degli accampamenti abusivi, offrendo accoglienza a tutti quelli che ne hanno bisogno- ha spiegato alla stampa un rappresentante dell'amministrazione comunale - Un'assistenza alloggiativa verrà garantita almeno per le donne e i bambini" (La Repubblica, 30 agosto 2010). Durante un incontro con l'Associazione 21 luglio un altro rappresentante dell'amministrazione comunale ha chiarito che l'obiettivo degli sgomberi è quello di "rincorrere gli sgomberati" per rispondere alla "pressione della pubblica opinione".

Le operazioni di sgombero sono iniziate mercoledì 8 settembre vicino il Ponte delle Valli (IV Municipio) proseguendo, secondo programma, con il ritmo di 3-4 sgomberi a settimana.

Gli osservatori dell'Associazione 21 luglio hanno seguito alcune operazioni di sgombero per individuare i tempi e le modalità di intervento. Il personale del comune di Roma ha proposto sistemazioni alternative che prevedevano la divisione delle famiglie. Alle donne e ai bambini sgomberati è stata offerta l'accoglienza all'interno dei circuiti assistenziali del comune di Roma. Secondo le informazioni raccolte dall'Associazione 21 luglio la maggior parte delle famiglie sgomberate sono state ospitate presso l'edificio dell'ex ente Cellulosa di via Salaria, 971 che già dal 12 novembre 2009 aveva accolto centinaia di rom provenienti dall'insediamento informale di Casilino 700, da altri insediamenti della capitale (Centocelle, via Labaro, via Papiria, via Naide, via Dameta) e dalla struttura di accoglienza di via Amarilli.

Il 29 giugno di quest'anno l'Associazione 21 luglio aveva segnalato in un comunicato stampa diverse violazioni dei diritti dei minori all'interno della struttura formulando raccomandazioni al sindaco della città di Roma. Successivamente un rappresentante del comune di Roma ha assicurato in un'intervista radiofonica che all'interno del centro di Via Salaria, 971 veniva garantita a tutti un'adeguata assistenza sanitaria e socio-legale e che si era provveduto a "creare separè tra uomini e donne".

L'Associazione 21 luglio ha quindi raccolto testimonianze, interviste e materiale documentale dai rom ospitati.

Attualmente gli ospiti sono circa 300, tutti rom di cittadinanza romena. I 170 minori stimati dall'associazione vivono con le loro famiglie in sei stanzoni. Non essendoci pareti divisorie ogni famiglia ha utilizzato stracci e teli di nylon per salvaguardare la propria privacy. L'aria è insalubre per il poco ricambio e la scarsa luminosità mentre vistose macchie di umidità sul soffitto testimoniano le infiltrazioni di acqua che, quando piove, allaga il pavimento. Alcune giovani mamme con figli neonati hanno affermato di non ricevere pannolini, latte in polvere ed omogeneizzati di cui necessitano. Tutti gli ospiti intervistati hanno segnalato la pessima condizione dei servizi igienici, delle docce e dei lavabo. Sono state raccolte testimonianze sui mucchi di immondizia e masserizie depositate all'esterno e non raccolte dagli addetti alle pulizie. Nelle camerate la luce viene spesso lasciata accesa tutta la notte. La sicurezza della struttura è affidata a giovani dipendenti di una cooperativa specializzata in giardinaggio senza alcuna esperienza in ambito sociale. Per i bambini mancano spazi per il gioco, per lo studio e per le attività ludico-formative. Le norme per la sicurezza sono totalmente violate ed i venti rom trasferiti dall'insediamento informale de La Muratella dopo il rogo in cui era deceduto il bambino di tre anni, corrono probabilmente gli stessi rischi di incendio di quelli che avrebbero corso nelle baracche in cui alloggiavano.

Per tutti i minori il processo di scolarizzazione era stato drasticamente interrotto nell'anno scolastico 2009-2010. Quest'anno, nella prima settimana dall'apertura delle scuole, risulta che siano solo 10 i minori frequentanti la vicina scuola di Castel Giubileo. Gli ospiti hanno riferito di non ricevere alcun tipo di assistenza sociale e/o legale.

Nel corso dei numerosi contatti con le famiglie accolte si è constatato che la struttura di accoglienza di via Salaria, 971 è probabilmente l'unica struttura del comune di Roma in cui l'accesso viene negato senza l'autorizzazione rilasciata dal V Dipartimento del Comune di Roma. Secondo le informazioni e la documentazione raccolta, la struttura sembra non essere in possesso dei requisiti previsti dalla legge regionale n. 41/2003, che disciplina l'ambito delle strutture di accoglienza sul territorio laziale, e non rispettare le disposizioni previste dalla normativa vigente in materia edilizia, igienico-sanitaria e di prevenzione incendi. In assenza di una specifica assistenza socio-legale sicuramente non vi è un chiaro percorso progettuale familiare che orienti e tuteli il futuro dei nuclei accolti.

Giova a questo punto ricordare che la Convenzione Internazionale per i diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza di New York dispone che:

"gli Stati devono garantire il diritto alla vita alla sopravvivenza e allo sviluppo del fanciullo" (art. 6)

"gli Stati parti devono riconoscere il diritto di ogni fanciullo a un livello di vita sufficiente per consentire il suo sviluppo fisico, mentale, spirituale, morale e sociale (…). Gli Stati parti adottano adeguati provvedimenti, in considerazione delle condizioni nazionali e compatibilmente con i loro mezzi, per aiutare i genitori e altre persone aventi la custodia del fanciullo ad attuare questo diritto e offrono, se del caso, un'assistenza materiale e programmi di sostegno […]. ( art. 27).

Di fatto le violazione dei diritti segnalate all'interno dell'ex cartiera di via Salaria contravvengono anche l'articolo 30 della Carta Sociale Europea secondo il quale "ogni persona ha diritto alla protezione dalla povertà e dall'emarginazione sociale".

L'Associazione 21 luglio chiede al sindaco della città di Roma on. Gianni Alemanno che:

1. VENGA SOSPESO IL PIANO DI SGOMBERI in quanto non prevede una reale situazione alternativa così come previsto dalle convenzioni internazionali.

2. All'interno del Centro di Via Salaria, 971 siano pienamente rispettati i DIRITTI DEI MINORI in conformità alla Convezione ONU sui Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza e alle altre norme internazionali e nazionali, e in particolare che in ogni provvedimento riguardante i minorenni si tenga conto del "superiore interesse del minore" come considerazione preminente rispetto ad ogni altra;

3. Siano adottate tutte le misure necessarie perché ai minori rom presenti nella struttura di via Salaria, 971 siano garantiti LA STESSA PROTEZIONE E GLI STESSI DIRITTI riconosciuti ai minori cittadini italiani, secondo quanto stabilito dalla Convezione ONU sui Diritti dell'Infanzia e dell'Adolescenza (artt. 20, 22) e dalla legislazione nazionale, con riferimento all'immediato collocamento in una struttura di accoglienza adeguata, al diritto alla salute e all'istruzione, al diritto al gioco, e siano predisposti adeguati spazi specificamente destinati ai minori.


Roma, 20 settembre 2010

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 27/09/2010 @ 09:02:49, in Europa, visitato 1476 volte)

Da Mundo_Gitano

Euronews.net Andalusia, la terra promessa dei Rom?

16/09/2010 - Sandra Heredia è consulente del lavoro presso l'organizzazione rom Hamuradi-Falaki di Siviglia. "Sono orgogliosa di essere Rom. Non dico "Salve, sono Sandra e sono Rom". Dico solo "Salve, sono Sandra". Anche se, sapete, è un nome abbastanza comune tra i Rom, così naturalmente sto dicendo loro che sono Rom e di solito la gente dice, "Davvero sei Rom?" Non dicono "Ma non sei abbastanza scura e vivi modernamente..." ma quasi...

Sandra Heredia, laureata in gestione aziendale, non si conforma agli stereotipi tanto dentro che fuori dalla sua comunità.

Le notizie sulle espulsioni di Rom dalla Francia ha provocato condanne unanimi dalle organizzazioni rom spagnole. Il 4 settembre, Sandra ha preso parte ad una manifestazione a Parigi, in rappresentazione delle donne rom qualificate in Spagna. Ha commentato: "E' stato incredibile, un'esperienza straordinaria perché stavamo dimostrando in rappresentanza del Consiglio Statale per i Rom.  Avevamo il nostro striscione, e la bandiera spagnola, così la gente si avvicinava e ci chiedeva perché eravamo lì. Abbiamo marciato da Rue de la République a Place de la Bastille. La gente ci ringraziava per essere lì, per averli appoggiati."

Anche Manuel García Rondón, Segretario Generale di "Unión Romaní" era lì: "Siamo spaventati. Siamo in disaccordo con l'atteggiamento di Nicolas Sarkozy e del governo francese, ma per me la cosa peggiore è che ciò sta accadendo in un paese che si autodefinisce patria della democrazia... fraternité, egalité et liberté. Ed il problema non è l'essere Rom in sé, è l'essere poveri."

La prima menzione documentata dei Rom in Spagna data dal 1425. Attualmente si stima che oltre mezzo milione dia Spagnoli siano di etnia Rom. Circa il 40% di loro vive in Andalusia.

Manuel García Rondón ha detto: "Per i Rom, l'Andalusia è la terra promessa. La chiave di ciò è la coabitazione, la mutua comprensione tra i due gruppi della popolazione. Grazie a questo, abbiamo eliminato tutte le barriere e viviamo fianco a fianco."

L'Andalusia è sempre stato un punto di incontro per civiltà e culture: Rom, Arabi, Ebrei ed altri hanno contribuito all'identità della regione. Sia le facce che la musica riflettono questo mix.

Come dappertutto, nel passato i Rom non erano sempre benvenuti sul suolo spagnolo. Ma le politiche recenti si sono focalizzate nell'aiutare i Rom e specificatamente identificare i loro bisogni. Ora la sfida è di  costruire sulla tolleranza per raggiungere una vera integrazione.

Ana Gómez è Direttrice Generale dei Servizi Sociali in Andalusia. "La chiave del successo è di avere politiche in atto che via via promuovano l'accesso ai diritti e ai doveri, come tutti gli altri cittadini e tutti gli altri Andalusi."

I Rom arrivarono in Spagna in un'altra era, un altro contesto politico, economico e sociale... Ma l'esperienza spagnola può servire altrove come esempio?

Juan Manuel Reyes, direttore regionale della "Fundation Secretariado Gitano" ha detto a Euronews: "Questa politica è esportabile? Certamente, qui, la filosofia e la partecipazione dei Rom nelle pubbliche amministrazioni è notevole. Ed infatti penso che sempre più l'Europa stia guardando alla Spagna nel progettare politiche di sostegno all'integrazione dei Rom. Ci sono stati grandi progressi negli ultimi cinque anni, specialmente riguardo al loro accesso ai beni e ai servizi, alloggio, istruzione e lavoro. E di cui, naturalmente, hanno beneficiato la maggior parte dei Rom, anche se ci sono ancora alcuni grossi problemi da risolvere."

Da 75 anni El Vacie, a pochi minuti dal centro di Siviglia, è la più antica baraccopoli d'Europa. Quando venne qui Francisco Franco, promise alloggi decenti per gli abitanti. Ma dopo decenni di delusioni, 900 Rom vivono ancora là.

Uno di loro, Lole del Campo, ci ha detto: "Appena dici di essere di El Vacie, non ti daranno lavoro, e ho passato gli esami. Ho il mio CV, ma è inutile. Non mi daranno un lavoro solo a causa di dove vivo."

Alcuni dei Rom qui sono nuovi arrivati dall'Europa orientale. Ma le autorità andaluse, determinate a sradicare tutte le baraccopoli, non autorizzeranno ulteriori costruzioni.

Dice un altro residente: "Voglio essere chiaro, non li vedo come fratelli. Ma sono Rom come loro. E loro hanno gli stessi miei diritti. E ho un posto e una baracca - anche loro hanno il diritto di vivere."

Di martedì e venerdì la polizia rastrella la baraccopoli cercando nuove capanne, di solito costruite da europei dell'est. Lo scopo è di sradicare le rimanenti baraccopoli in Andalusia, e di evitare che ne vengano costruite altre. Ma come vengono smantellate, così sono ricostruite. Ed il governo regionale comprende di non aver ancora trovato una soluzione permanente per i Rom dell'est.

Espulsa in varie occasioni, la famiglia Mihalache ha un permesso speciale per fermare qui la sua roulotte. Sono in Spagna da quattro anni, in Siviglia gli ultimi due. Qualche mese fa, il padre ha trovato lavoro come meccanico e le tre figlie ora vanno a scuola.

Spiega Petru Mihalache: "In Romania non abbiamo niente, così per guadagnare qualcosa tutti vengono in Spagna, Francia o Italia."

Sua moglie Patrita aggiunge: "Molti vengono nonostante il sistema delle quote, per far soldi, per curare i bambini, e per mandarli a scuola. Per costruire o ricostruire una casa perché ci sono stati così tanti alluvioni."

Una delle loro figlie, Crina Mariana Mihalache, commenta: "In Romania non possiamo lavorare. Là non abbiamo case, neanche qui. Ma ora mio padre ha un lavoro e ci va ogni giorno."

La famiglia Mihalache ha avuto l'appoggio dell'organizzazione spagnola Romani Unión che ha installato un centro informazioni per la comunità. José vi ci si reca regolarmente per vedere cosa stanno facendo.

Dice: "La Romani Unión è al 100% un'entità rom e considera il popolo rom come universale. Così quando vediamo questa crescente migrazione dall'est dell'Europa, capiamo che questi nuovi arrivati hanno specifici bisogni. I collegamenti tra tutti i Rom significano che dobbiamo aiutarli, dobbiamo intervenire per migliorare il loro standard di vita."

Ma Manuel García Rondón è convinto che il momento migliore per i Rom debba ancora arrivare. "L'Europa sta invecchiando e ci sono 12 milioni di Rom in Europa. Siamo un popolo molto, molto giovane. Ed avranno bisogno di noi per lavorare. Così dovranno trattarci equamente perché molto presto avranno bisogno di noi... Per favore, non siate tirchi con noi."

E così lasciamo qui i Rom di Siviglia. La prossima puntata della serie sui Rom verrà dall'Ungheria, nel cuore dell'Europa.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/09/2010 @ 22:48:26, in Italia, visitato 1761 volte)

Venerdì scorso, nel tardo pomeriggio,è stato recapitato da Agenti del Comando di Polizia Locale un provvedimento di espulsione dal campo comunale di via Idro alla quasi totalità delle persone regolarmente residenti, oltre un centinaio, tutti Rom italiani, che entro 48 ore dovrebbero abbandonare l'area in assenza di qualsiasi altra alternativa abitativa.

Il provvedimento, a firma del Direttore Centrale alle Politiche Sociale, Carmela Madafferi, una delle più chiacchierate Dirigenti dell'Amministrazione Comunale, in applicazione del Regolamento dei campi nomadi comunali, contesta ad alcune dei soggetti presenti la responsabilità di piccoli reati personali addirittura risalenti a 25 anni fa!!!, estendendo quindi gli effetti "previsti" a tutti gli appartenenti il nucleo familiare (ma i "reati" sono perseguibili, in genere dall'Autorità Giudiziaria…, personalmente o collettivamente nel nostro Paese???).

In pratica, da domani mattina, oltre cento persone, bambini che da anni frequentano le scuole della zone, adulti, anziani e ammalati dovrebbero abbandonare le case che abitano dall'inizio degli anni '90 (ma la loro permanenza in zona è attestata addirittura dai primi anni '70).

Chiediamo che la vicenda venga portata al più presto all'attenzione del Consiglio Comunale perché né sospenda l'esecutività e poi né disponga il ritiro.

Denunciamo uno degli atti di violenza amministrativa più grave che stia per essere commesso ai danni di cittadini milanesi, dalle conseguenze imprevedibili sul piano sociale e in palese contrasto con tutte le più elementari norme del diritto civile, inutile ad affrontare "l'emergenza nomadi" (che recentemente anche il Ministro degli Interni Maroni ha definito "conclusa"), indecente sul piano morale.

Chiediamo che venga fatta luce sugli interessi che gravitano sull'area in questione (quella di via Idro), i costi di realizzazione di eventuali nuove opere di "assistenza" e i beneficiari, poiché riteniamo che la "cacciata", ma qui sarebbe meglio dire la "deportazione" dei cittadini rom milanesi sia anche strettamente legata all'oscuro intreccio di interessi privati e pubblici, "caritatevoli" e non, ai danni dei soggetti più deboli della città.

Il Direttivo Opera Nomadi Milano

Associazione Opera Nomadi
Milano Onlus
Via De Pretis n. 13
0284891841 - 3393684212
20142 Milano
C.F. 97056140151
www.operanomadimilano.org
operanomadimilano@tiscali.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/09/2010 @ 09:54:30, in Italia, visitato 2119 volte)

Segnalazione di Ernesto Rossi

Visita del Servizio Civile Internazionale al Terradeo

A Buccinasco, alle porte di Milano, è in corso da anni un avanzato esperimento, volto a consolidare l'inclusione sociale di un'ampia famiglia di Sinti lombardi (ex giostrai), già presenti nel Comune dal 1980, e ivi residenti dal 1991, benché qualcuno continui strumentalmente ad agitare il mito dei 'nomadi'. La sperimentazione ha coinvolto, in vent'anni, diverse Amministrazioni di diverso orientamento, le quali hanno mantenuto una costante positiva attenzione. Al punto che esiste in Comune un tavolo, presieduto da un assessore, per affrontare i problemi della comunità sinta. E vi è un finanziamento, disposto nel 2009 coi fondi del Ministero dell'Interno, e gestito dal Prefetto, per completare i lavori nel Quartiere Terradeo, come localmente si chiama il villaggio sinto.

Improvvisamente, in estate, questa vicenda è salita a pretestuosi onori di cronaca, a causa d'una interrogazione in Consiglio regionale, basata evidentemente su informazioni inesatte, sull'esistenza, in terreno di proprietà comunale, nel Parco Sud, di alcune casette di legno senza fondamenta (arditamente definite 'ville'!), in attesa di formale autorizzazione. Realizzate fra il 1994 e il 2004, documentate al Parco e alla Prefettura, su di esse, non certo per responsabilità dei sinti, ancora non è stato raggiunto un accordo di regolarizzazione, secondo le leggi vigenti, nonostante una procedura avviata più volte, dal centrosinistra e poi dal centrodestra.

L'area è stata assegnata con delibera (1994, centrodestra); vi è un contratto decennale tra famiglie e Comune, che prevede diritti e doveri dei contraenti (2005, centrosinistra); il campo è stato ampliato e ristrutturato secondo gli standard dei campeggi; la Provincia ha finanziato blocco servizi, collegamenti acquedotto e fogne.

La comunità è ben inserita, seguita da un'assistente sociale e da una sanitaria, oltre che dall'associazione creata da sinti e volontari. Non v'è nessun problema di convivenza, né di scolarizzazione (quest'anno due ragazzi alle superiori), quelli di salute sono nella norma; non c'erano quasi più nemmeno problemi di lavoro: ne sono tornati a causa della crisi, tanto che abbiamo avuto persino un cassintegrato. Pressoché unanime il sostegno delle forze politiche locali e di buona parte della popolazione.

Ma c'è chi vorrebbe caricare sulle spalle deboli d'una minoranza, spesso (ma non qui!) emarginata, il mancato risultato d'una serie di procedure avviate da anni da più amministrazioni, che senza inevitabili lungaggini burocratiche avrebbero già risolto il problema.

Che questo possa essere il principale problema di Buccinasco, può pensarlo solo chi chiude gli occhi su ben altre questioni. Ma forse molti italiani sono migliori di certi amministratori.

Buccinasco, 20.09.2010

"Apertamente di Buccinasco"
costituita il 13 novembre 2006, registrata a Milano l'8 marzo 2007, n.1753, serie 3. Codice fiscale 97459790156

info e documentazione e partecipazione a incontri, a disposizione di quanti ne facciano richiesta a:
Ernesto Rossi, Presidente, cell.3338628466, meg.rossi@tin.it - Augusto Luisi, Consigliere, cell.3355324525, luisibuc@gmail.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/09/2010 @ 09:12:03, in Europa, visitato 1304 volte)

Le condizioni di vita a cui sono obbligati i Rom Macedoni, la lunga storia dei pregiudizi e dalle intolleranze razziste, la segregazione e l'emarginazione fuori centro abitato, tutto ciò ha contribuito a farne un archetipo della "repulsione", cioè a presentarli a gran parte delle società ospitanti come coloro che si devono odiare.

Per salvare i Rom Macedoni dai disagi della non convivenza e da un degrado che assomiglia sempre più allo stesso sterminio culturale di tutti i popoli minoritari, si sono levate voci autorevoli del Mondo della Cultura europea: ultimo Gunther Grass che ha creato una Fondazione per il Popolo Rom a Lubecca, in Germania.

Ad Arpinova (FG), i Rom Macedoni convivono con sporcizia dimenticata dall'AMICA, con topi grandi come gatti senza disinfestazione, neanche un solo bagno (tutti all'aria aperta con tutti i rischi), acqua corrente à singhiozzo (così, nessuno si lava a dovere), 15 famiglie abbandonate nel degrado degno di un paese terremotato e disastrato etc…
I servizi sociali comunali dimenticano di visitare il campo per alleviare le sofferenze, consigliare le donne; soprattutto quelle sole; vigilare sull'igiene dei minori etc.

I 60 bambini tornati à scuola di ogni grado e ordine con i mezzi dell'ATAF ( Ma non hanno la possibilità di studiare al campo), rappresentano la speranza di un'etnia che soffre e chi pensa ad un'integrazione che tarda à concretizzarsi. Ma non hanno la possibilità di studiare al campo.

I Rom/Nomadi/Gitans sono poveri di sicurezze umane, costretti ogni giorno a fare i conti con la precarietà e l'incertezza del futuro. Proprio per questo approfondiscono il senso dell'ospitalità e della solidarietà e, contemporaneamente, si rafforzano nella fede e nella speranza.

Proprio per questo attendono gesti di ospitalità e di vera solidarietà senza cedere alla disperazione.

Dove è finita la solidarietà dei foggiani nella città di SS. Guglielmo e Pellegrino, di Genoveffa di Troia, di Padre Pio?

IL PRESIDENTE ACSI.
Habib SGHAIER.

ASSOCIAZIONE COMUNITA' STRANIERE IN ITALIA.
ASSOCIACION COMUNIDADES EXTRANJERAS EN ITALIA
ASSOCIACAO COMUNIDADES ETRANGERES da ITALIA
ASSOZIATION ITALIENSCHE GEMEINSCHAFTEN ETRANGERES
ASSOCIATION DES COMMUNAUTES ETRANGERES EN ITALIE
FOREIGN COMMUNITIES ASSOCIATION IN ITALY
SHOQATE KOMUNITET HUAJ NE ITALIA
ОБЕДИНЕНИЕ НА ЧУЖДЕСТРАННИТЕ ОБЩНОСТИ В ИТАЛИЯ
ОБЪЕДИНЕНИЕ ИННОСТРАННЫХ ОБЩНОСТЕЙ В ИТАЛИИ
ASOCIATIA COMUNITARIA A STRAINILOR IN ITALIA
Onlus

Via Federico Spera, 95/ 97 /99 – 71100 FOGGIA (Italy)
Tel. (39) 3497239108 - Fax:(39) 0881200015
Codice Fiscale - Partita IVA 01740400716 E-mail: “com.stran@yahoo.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/09/2010 @ 09:35:29, in Italia, visitato 1869 volte)

Allora... mentre a Milano la sinistra non sa cosa dire (che novità!) sui "nomadi" il Comune è nella confusione più totale:

  • da un lato dice di non volere più campi sosta in città, dall'altro vuole costruirne uno per 600 persone a rotazione (in pratica, un Triboniano 2 senza politiche di integrazione);
  • un comitato leghista ha raccolto 10.000 firme contro gli stessi leghisti che siedono in consiglio comunale;
  • la maggioranza in consiglio si spacca perché d'improvviso ha scoperto che il piano finanziato dal ministro Maroni prevedeva anche di consegnare ben 25 case ai Rom che lasceranno il campo;
  • per finire il finanziamento del piano scade al 31 dicembre, e dopo un anno e mezzo che se ne parla, ancora non si è mosso niente.

Insomma, se il paragone non vi sembra azzardato, la situazione sembra una ripetizione di quella dell'EXPO 2015: chiacchiere, un casino di soldi in ballo, a cui nessuno vuole rinunciare, anche se non c'è uno straccio di idea su come giustificarne la spesa.

Così, con le elezioni che si avvicinano, CronacaQui (giornale noto per la sua indipendenza di giudizio) non trova di meglio che prendersela con don Colmegna, che sarà pure un volpone, ma in mezzo a questa gentaglia deve in qualche modo sopravvivere.

ULTIM'ORA

Mannaggia! Devo imparare a stare attento a come scrivo: avevo appena affermato che dopo un anno e mezzo non succedeva niente, ed ecco il fulmine a ciel sereno...

COMUNICATO STAMPA con preghiera di diffusione

Milano, 24 settembre 2010
La presente viene inviata a nome delle famiglie di Rom italiani che da oltre 20 anni abitano nel campo comunale di via Idro 62. Dal maggio dell'anno scorso si parla dello sgombero del nostro campo, ma in tutto questo tempo nessuno ci ha mai detto quando e come sarebbe avvenuto lo sgombero, e soprattutto quale sarebbe stato il nostro destino, di cittadini italiani che in questa zona risiedono, lavorano, mandano a scuola i figli.
Questa mattina si sono presentati i vigili, notificando ad una ventina di famiglie (la quasi totalità del campo) un vero e proprio avviso di sfratto, esecutivo entro 48 ore.
Difatti, in base ad una interpretazione del "Regolamento delle aree destinate ai nomadi nel territorio del Comune di Milano" [art. 12 par. a)], consegnatoci l'anno scorso, chi ha commesso reati perde "l'autorizzazione all'ammissione e permanenza" nel campo e "l'assegnazione del modulo abitativo", e con lui tutto il nucleo famigliare. 
Questo Regolamento è stato oggetto di diverse contestazioni, sia a livello italiano che da parte della Comunità Europea. Nessuno di quanti hanno ricevuto la notifica si è mai macchiato di reati particolarmente gravi, trattasi in buona parte di reati giudicati sospesi o di accattonaggio. A qualcuno vengono addirittura contestati reati commessi negli anni '70. Reati comunque antecedenti l'entrata in vigore di questo regolamento.
E' una misura a nostro giudizio crudele e ingiusta, soprattutto quando riguarda tutto il nucleo famigliare. I nostri bambini hanno appena ricominciato l'anno scolastico. E' lesivo dei diritti fondamentali della persona.
Noi, cittadini italiani, non abbiamo alcun posto dove andare, né riusciremo a trovarlo in 48 ore. A meno di non doverci accampare per protesta davanti a Palazzo Marino o alla Casa della Carità.

 
Le famiglie del campo comunale di via Idro 62

 
Per informazioni:
Fabrizio Casavola, 347-717.96.02 info@sivola.net
Antonio Braidic, 338-771.28.56
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/09/2010 @ 09:33:03, in scuola, visitato 1160 volte)

16 settembre 2010 - L'ERRC (European Roma Rights Centre) invita tutti gli interessati a presentare domanda per il prossimo Corso di formazione per i diritti dei Rom/Sinti che sarà tenuto in Roma, Italia fra 8-14 Novembre 2010.

Il corso, della durata di 7 giorni è inteso per giovani Rom/Sinti, sia studenti o attivisti per i diritti dei Rom/Sinti/Diritti Umani di tutta Italia. Il corso offrirà un'introduzione ai diritti umani e un eccellente occasione di scambio, confronto di idee e di esperienze e di innovazione per i partecipanti che si trovano alle fasi iniziali della propria carriera.

Il corso di formazione costituirà un'occasione unica per immergersi nella teoria e nella pratica dei diritti umani, i diritti delle minoranze e la lotta alle discriminazioni, e di beneficiare dell'esperienza e delle conoscenze di esperti impegnati nel campo dei diritti umani. Il programma intensivo comprende un'ampia gamma di attività sociali che consentiranno ai partecipanti di stabilire contatti tra di loro e con gli esperti, assicurando che il programma sia istruttivo e piacevole.

Lo scopo principale del corso è lo sviluppo delle competenze in una nuova generazione di attivisti Rom/Sinti nell'uso degli strumenti e dei meccanismi nazionali, internazionali e regionali di promozione dei diritti dei Rom/Sinti, sia a livello locale che internazionale, e nel combattere le discriminazioni a partire dalla base fino al livello di governo nazionale.

Obiettivi del corso:

  • Analisi dei problemi e della situazione dei Rom/Sinti nei propri paesi in relazione ai valori e ai principi dei diritti umani universalmente accettati;
  • Sviluppo delle conoscenze nell'uso dei meccanismi nazionali (legislazione nazionale) e internazionale degli strumenti per i diritti umani (per es. Trattati delle Nazioni Unite, Trattati Europei, e altri meccanismi legali e politici del Consiglio Europeo e dell'Unione Europea) per proteggere e promuovere i diritti dei Rom;
  • Rafforzamento delle capacità di monitoraggio, denuncia e difesa contro le violazioni dei diritti umani;
  • Aumento della capacità di applicare le nozioni apprese all'interno delle organizzazioni e delle società/comunità, e
  • Esplorazione e facilitazione delle occasioni per stabilire contatti e sviluppare collaborazioni con esperti e ONG per sostenere la causa dei diritti dei Rom in Italia e in tutta Europa.

Partecipanti:

Il Corso di formazione per i diritti dei Rom fa parte del programma ERRC per aumentare le conoscenze degli attivisti Rom/Sinti. Le domande di partecipazione da parte degli attivisti Rom/Sinti interessati ai diritti umani sono benvenute. I candidati dovranno:

  • possedere una buona conoscenza della lingua italiana orale e scritta (il corso prevede la lettura di documenti e materiale didattico),
  • avere un'età compresa tra i 20 e i 35 anni
  • possedere almeno una diploma di scuola secondaria.

I candidati dovranno dimostrare di essere attivi nel campo dei problemi dei Rom/Sinti e/o nel lavoro con le comunità Rom/Sinti in Italia. ERRC attribuisce particolare importanza alla partecipazione di donne Rom/Sinti, individui LGBT, Rom/Sinti portatori di handicap e altri tipi di minoranze.

Procedura per la presentazione delle domande:

Gli aspiranti alla partecipazione al corso dovranno presentare quanto segue:

  1. Modulo di iscrizione compilato - Clicca QUI,
  2. Curriculum Vitae/Resume (massimo due pagine);
  3. Lettera di presentazione da parte di un insegnante, professore o supervisore (leader di una comunità, leader religioso o attuale datore di lavoro) che sia a conoscenza del lavoro del candidato e del suo impegno nel campo dei diritti dei Rom/Sinti. La lettera dovrà spiegare la natura della relazione con il candidato, la durata della conoscenza reciproca, ed evidenziare i principali motivi che rendono il candidato adatto a partecipare al Corso di Formazione ERRC per i diritti dei Rom/Sinti.

Ai partecipanti selezionati verrà garantita una borsa di studio per il Corso di Formazione ERRC per i diritti di Rom/Sinti.Tutte le domande di iscrizione, corredate della documentazione di supporto completa, devono essere ricevute al più tardi entro il 17 ottobre 2010. Si invitano cordialmente i candidati a presentare le proprie domande di partecipazione prima di tale scadenza.

Le domande di iscrizione complete devono essere inviate per e-mail, come allegato, a Dora Eke: dora.eke@errc.org. Oggetto dell'e-mail: Corso di addestramento 2010 per i diritti dei Rom/Sinti.

http://www.errc.org/cikk.php?cikk=3683

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/09/2010 @ 11:19:12, in musica e parole, visitato 1353 volte)

DOMENICA 26 SETTEMBRE
Festa per la comunità aeroportuale e per tutti i lavoratori stranieri
CRAL Aeroporto di Linate - MILANO

ORE 15.30 INTRATTENIMENTI PER BAMBINI
(GIOCO, MOVIMENTO, MUSICA, BENESSERE con Elena Pillan "Scuola di Maria Fux")

ORE 17.30 NUTELLA PARTY

ORE 18.00 PRESENTAZIONE DEI CORSI PER I SOCI (2010-2011)
Attività:
(Tango project dimostrazione dei maestri Ivano Magni ed Emanuela Fantini)
(Laboratorio di movimento per adulti di Elena Pillan)

ORE 19.30 SI MANGIA

ORE 20.30 MUSICA BALCANICA con la fisarmonica di Jovica Jovic ed il gruppo dei Muzikanti

COSA SI MANGIA
PANINO, SALSICCIA, CRAUTI E BICCHIERE DI VINO O BIBITA___4 EURO
COUS COUS DI VERDURA BICCHIERE DI VINO O BIBITA___3 EURO

CONSERVANDO IL BIGLIETTO DELLA CONSUMAZIONE, SARA' POSSIBILE PARTECIPARE A FINE SERATA, ALL'ESTRAZIONE DI ALCUNI INTERESSANTISSIMI PREMI.

"MA QUANTE SONO LE MENTI UMANE CAPACI DI RESISTERE ALLA LENTA, FEROCE, INCESSANTE, IMPERCETTIBILE FORZA DI PENETRAZIONE DEI LUOGHI COMUNI?" (PRIMO LEVI, "LA TREGUA")

INFO.
CRAL Linate int. 2752/53 est. 02/7485-2752-2753
Fax. 02-7485 3066
www.crallinate.it
e-mail: crallinate@sea-aeroportimilano.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


17/11/2019 @ 02:55:43
script eseguito in 161 ms

 

Immagine
 Dale Farm: The Big Weekend... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 365 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source