Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Gli Zingari fanno ancora paura?

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 25/06/2011 @ 09:05:38, in Europa, visitato 1601 volte)

Osservatorio Balcani e Caucaso Bernardo Venturi 21 giugno 2011

Sono una parte importante della popolazione moldava, e guardano più alla Russia che all'Europa occidentale. È la comunità rom. Andiamo alla sua scoperta in compagnia di Ion Duminica, ricercatore, a volte "gagè", a volte "zingaro"

Ritratto, Moldavia - Silvia Biasutti

"Sono cresciuto subendo una doppia discriminazione: per i rom ero un gagè, un non-zingaro, mentre i compagni di scuola mi apostrofavano come "zigano". Ion Duminica è oggi uno dei più grandi esperti della storia e cultura rom in Moldavia. Da quando lavora per l'Accademia delle Scienze della Moldavia ha girato per villaggi, ascoltando tantissime storie e racconti tramandati oralmente, le uniche fonti per ricostruire storia e tradizioni rom.
La sua doppia origine – "sono rom al 50%" – gli ha permesso ricerche storico-culturali muovendosi da angolature diverse, ma gli ha anche creato non pochi problemi. Per Ion non è stato facile guadagnarsi la fiducia degli abitanti di tanti villaggi e non essere considerato come "altro".
All'Accademia delle Scienze oggi lavora presso il Centro del Patrimonio Culturale dell'Istituto di Etimologia, impegnato dal 2004 a comprendere la cultura e la storia rom in Moldavia, un lavoro mai fatto prima in modo organico: l'unico testo ad ampio respiro sull'argomento risale al 1837. "Ricercando sulla cultura e la storia rom in Moldavia facilitiamo la loro integrazione sociale e politica nella società democratica", racconta ancora Ion.

Fotogallery: Viaggio a Chisinau, Moldavia - Silvia Biasutti

I rom in Moldavia
Le prime tracce di presenza rom in Moldavia risalgono all'inizio del 1400. La loro storia è caratterizzata dalla sopravvivenza di alcuni modelli etnici, linguistici e culturali, perdurati per secoli. Un popolo che ha fatto della diversità una delle sue caratteristiche e che viene qui chiamata "rom" solo per convenzione.
In un censimento del 2004, i cittadini dichiaratisi rom erano oltre 12 mila, equivalenti allo 0,36% della popolazione moldava. Stime di questo tipo, comunque, sono del tutto parziali ed è difficile avere un'idea più precisa: chi ha lavorato al censimento del 2004 non era di etnia rom e ciò ha portato molti rom a non dichiararsi tali. "Un dato realistico potrebbe essere trai 200 e i 250 mila" sostiene Ion Duminica.
In Moldavia, Ion ha individuato 11 gruppi rom, differenziandoli a seconda delle professioni, della tipologia abitativa, dell'organizzazione familiare e sociale. Vi sono per esempio i "linguarari", artigiani che producono cucchiai nella regione di Calaraşi, o i "lautari", violinisti, a Chişinău. "La loro posizione, le relazioni sociali e le specifiche occupazioni tradizionali di queste comunità sono rimaste quasi sconosciute alla comunità scientifica fino a qualche anno fa", sostiene Ion non senza un pizzico di orgoglio.
Al momento Ion si sta dedicando con particolare attenzione allo studio delle professioni e a come sono mutate nel tempo.

Ion Duminica

Uno dei lavori in espansione tra i rom in Moldavia è ad esempio comprare vecchie auto e pullman dalla Germania e dalla Russia, risistemarle e rivenderle, anche se la povera economia moldava non offre grande spazio a queste iniziative commerciali.
"Che ne pensano i rom della Moldavia? È percepita come un Paese molto povero, l'Europa occidentale è vista come più ricca, ma avida e ostile". Molti rom della Moldavia negli ultimi anni si stanno spostando in Russia. Vi sono infatti legami storici che risalgono al periodo sovietico della Moldavia, che li legano a Russia, Ucraina e Bielorussia. Molto più radi sono invece i rapporti con i rom della Romania.
Spesso i rom amano abitare nelle fratture sociali, negli spazi tra confini, nelle terre di mezzo. La Moldavia, in un certo senso, ha rappresentato anche questo, una terra di mezzo, zona di confine tra la Romania e il mondo sovietico. "I rom moldavi comprendono sia i rom della Romania che quelli dell'area ex sovietica" spiega Ion "ma invece tra le comunità ex-sovietiche e i rom romeni non c'è nessuna lingua in comune".

La collina dei rom
Soroca è famosa anche fuori dai confini moldavi per la forte e stravagante presenza rom. Con oltre 5 mila rom su una popolazione totale di 20 mila abitanti, questo antico avamposto austroungarico ha incuriosito tanti giornalisti e fotografi più per la "collina dei rom" che per la sua fortezza. Situata nel nord della Moldavia e sul confine con l'Ucraina, Soroca è in posizione ideale per commerciare e tessere rapporti verso est. I giornalisti che hanno cercato di descrivere Soroca sono stati sfidati dallo sfarzo e dalla ricchezza delle abitazioni, in netto contrasto con il resto della città, ma, soprattutto, in controtendenza per molti versi rispetto agli stereotipi classici nei confronti del mondo rom.
"Passando di notte la collina appare buia? Sì, molti vivono all'estero e costruiscono la loro casa un po' alla volta, tantissime case sono ancora in costruzione. Inoltre non pochi vivono in roulotte accanto alle case sontuose che tengono per status sociale e per gli ospiti", chiosa Ion Duminica. Di certo, il kitsch architettonico rende la collina unica e, a modo suo, affascinante.

Un partito etnico
In Moldavia le minoranze etniche ricevono sulla carta molte tutele, a partire dalla stessa Costituzione. In più, negli ultimi anni, sono stati istituiti alcuni strumenti specifici, quali l'Ufficio per le relazioni interetniche, la Commissione parlamentare per le minoranze nazionali e i diritti umani e il Centro di etnologia all'Accademia delle scienze della Moldavia, dove lavora Ion. Il governo dal 2006 ha anche definito un piano d'azione pluriennale per la tutela e promozione dei rom.
Nella vita di tutti i giorni la Moldavia non appare divisa da profonde fratture etniche ma non è certo così dal punto di vista istituzionale. I rom in Moldavia non sono mai entrati in Parlamento e, a parte l'esperienza di un sindaco rom, non hanno mai partecipato attivamente alla vita politica. Dall'inizio degli anni Novanta alcuni sono stati inclusi nelle liste elettorali, ma come gesto di facciata e senza successo. Ha suscitato quindi interesse la nascita nel marzo 2010 del "Movimento Socio-Politico dei Rom nella Repubblica di Moldova" (Msrp), di cui Ion Duminica è vicepresidente. Il partito voleva essere un modo per favorire la partecipazione diretta dei rom alla vita politica del Paese. Il Msrp, però, l'unico partito su base etnica della Moldavia, alle elezioni parlamentari del 28 novembre 2010 ha riscontrato scarso successo ottenendo soltanto lo 0,14% dei voti e il progetto sembra essersi sciolto come neve al sole.
Sono comunque molte le sfide del presente per i rom in Moldavia per arrivare ad una reale integrazione e il rispetto dei diritti umani e civili. Il 20% circa della popolazione rom, per esempio, è analfabeta e soltanto il 4% è laureata. Il governo moldavo negli ultimi anni ha fatto molto, ma la strada è ancora lunga. Di certo, un aspetto su cui consolarsi c'è: tanti Paesi dell'Unione europea hanno legislazioni e strumenti che, per quanto riguarda i rom, sono molto più arretrati e discriminatori.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 24/06/2011 @ 09:51:00, in Italia, visitato 1480 volte)

Modena2000

Proseguono gli eventi nell'ambito del progetto "Vite di Quartiere – Sguardi inconsueti sulla periferia di Modena". Sabato 25 Giugno presso Parco della Repubblica - via Salvo d'Acquisto – Artegenti e Amici di via Django presentano "Vento in scatole" di Roberta De Piccoli, Daniela Bazzani, Annabella Ferrin, Riccardo Giacobazzi – da un'interazione con la Comunità Sinti (microarea di via Django) di Modena.

In caso di mal tempo la manifestazione si svolgerà presso la Polisportiva G. Pini, via Pio la Torre, 61 – Modena

ore 18,30 – Conferenza dibattito: La documentazione artistica come strumento di conoscenza, consapevolezza e integrazione.

Un esempio: la comunità sinti come soggetto d'indagine nel contesto cittadino. Allarghiamo i confini e facciamo il punto sulle esperienze e i risultati raggiunti in realtà geografiche vicine (Modena, Bologna, Reggio Emilia, Mantova). Francesca Maletti, Assessore alle politiche sociali del Comune di Modena; Loris Bertacchini, Presidente della Circoscrizione 3 del Comune di Modena; Mario Rebeschini, Come ho attraversato la Spagna con i ragazzi sinti e rom di Bologna (testimonianza e letture); Stefano Cattini, M.E.Z. Sinti italiani e conversione all'evangelismo pentecostale: un rafforzamento dell'identità? Carlo Berini, Progettare è istituzionalizzare: Sucar Drom e l'Istituto di Cultura Sinta di Mantova; Roberta De Piccoli, Abito a Modena o Vivo a Modena? Le curiosità, le timidezze d'approccio e gli approfondimenti di quattro artisti non professionisti che hanno deciso di interagire con gli abitanti di una microarea sinti della città; Simonetta Malinverno, Conosciamoci meglio! Il desiderio di incontro è più forte della paura, Associazione "Amici di via Django"

ore 21,00 Proiezione: Laciodrom, reportage fotografico di Mario Rebeschini sui sinti e i rom di Bologna (15 min)

Vento in scatole, testimonianza video prodotta da Roberta De Piccoli, Annabella Ferrin, Daniela Bazzani, Riccardo Giacobazzi e dalla comunità Sinti di Modena (40 min)

Amèn, film di Stefano Cattini sulla conversione evangelica della comunità sinti di Reggio Emilia (20 min)

Mostra fotografica: Due occhi fanno uno sguardo.

Il campo di via Django visto attraverso gli occhi di Daniela Bazzani e di Lorenza Malinverno.

Il percorso fotografico intende svilupparsi lungo le linee di due obiettivi che convergono verso uno stesso orizzonte, quello della fotografa che osserva come ospite gli abitanti e la loro vita nella microarea e quello di una giovane ragazza sinti che lo vive quotidianamente dall'interno.

Il progetto "VITE DI QUARTIERE" è promosso dall'associazione no profit ARTEGENTI con il sostegno del Comune di Modena, della Circoscrizione n.3 e della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena.

Per informazioni visitare www.artegenti.it o telefonare al 348 0782972.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/06/2011 @ 09:06:20, in scuola, visitato 1120 volte)

InformarePerResistere

Hanno finito la scuola nonostante tutto, sono stati promossi nonostante tutto...

Sono le storie di George, Ionut, Valeriu, Riccardo, Daniela, Maria, Florina, bambini rom che vivono in situazioni impossibili, tra sgomberi e viaggi lunghissimi per arrivare a scuola, a volte viaggi di un'ora e mezza.

Eppure hanno continuato e per loro l'imparare è diventato il traguardo che rappresenta una garanzia per il loro futuro; tra pochi giorni potranno ricevere le "pagelle", potranno finalmente dire "mi hanno promosso" e questa promozione ha un valore così diverso dal nostro, non è solo l'ammissione ad una classe superiore è il sentirsi capace, sentirsi riconosciuto e finalmente apprezzato.

Maria e Florina hanno frequentato la terza media e ora stanno facendo gli esami: raccontano ogni giorno quale prova hanno fatto e sono felici di poter dimostrare tutta la loro voglia di imparare.

Ogni giorno per loro è stata un'impresa continuare a frequentare, spostandosi da varie parti della città, spesso sono andate a scuola anche nelle mattine in cui la famiglia veniva sgomberata, senza sapere dove poi l'avrebbero ritrovata e hanno dimostrato che nulla può fermare la crescita e l'apprendimento di chi vede nella scuola l'unico ambiente in cui sentirsi parte di un gruppo.

Hanno imparato nomi e concetti nella lingua italiana, leggono e scrivono in lingua italiana, conoscono poesie e poeti italiani, ma pochi italiani hanno riservato loro sguardi benevoli.

Ora stanno cambiando gli occhi di chi li guarda e anche i loro occhi sono più fiduciosi e sereni; con l'aiuto dei volontari della Comunità di Sant'Egidio e della scuola" sanno leggere, scrivere, studiare….. cose apparentemente semplici che per questi ragazzi e questi bambini diventano una ricchezza con la quale potranno viaggiare verso una vera società interculturale.

E' possibile aiutarci al seguente indirizzo:

COMUNITA' DI SANT'EGIDIO
MILANO ONLUS

Unicredit Banca, via Carducci Milano
IBAN: IT73J0200801739000100909828
causale Rom Rubattino

Assunta Vincenti
Mamma di Rubattino

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/06/2011 @ 09:53:51, in Italia, visitato 1052 volte)

Postato venerdì 17 giugno 2011

Alla fine il campo rom di Quaracchi è stato sgomberato. Anzi, chiuso definitivamente, come dice il comunicato ufficiale della Regione, che parla di persone "avviate al rientro" e di "percorsi di accoglienza". E anche i principali giornali locali riportano la notizia con uguale serenità di toni, come raccontassero la felice conclusione di una vicenda problematica.

Per quanto ci risulta, non è andata esattamente così. Oltre cento persone, tra cui anziani, malati, bambini anche piccolissimi sono stati lasciati a se stessi per quasi due anni, anzi, in questo tempo hanno subito sgomberi, controlli, multe, sequestro del denaro per "questua molesta", e persino un incendio. Proprio e soltanto quest'ultimo episodio ha riacceso su di loro non diremo dei riflettori, ma almeno una timida lucina: solo allora qualcuno si è accorto di queste persone che vivevano nel fango tra rovine piene di amianto.

Ed è proprio l'amianto che ha determinato questa "soluzione finale". Lì non ci potevano più stare, così, dopo 6 mesi, dal famoso "tavolo" costituito dalla Regione è uscito quello che per il Corriere fiorentino è addirittura un "percorso di reinserimento": tutti a casa in Romania.

Nei giorni scorsi abbiamo parlato con Marzio Mori, responsabile della Caritas fiorentina, che ha gestito lo sgombero. Mori ci ha spiegato tutti i dettagli e le difficoltà della situazione: i comuni di Firenze e Sesto piuttosto sordi alle richieste della Regione, e una indiscutibile carenza di risorse e di posti nelle strutture di accoglienza, han fatto sì che, secondo Mori, il rientro assistito fosse l'unica opzione possibile. La Caritas ha così accettato di gestire la mediazione con le famiglie del campo, mettendo in campo allo scopo mediatori romeni ed esponenti della Caritas di Bucarest. Curiosamente, fino a 10 giorni fa la Caritas in quel campo non ci era mai andata, né conosceva le persone, né aveva idea di quante e quali fossero. Tuttavia, è stata incaricata di spiegare alle famiglie la proposta della Regione: una quota ora per rientrare in Romania, e qualcos'altro a rate, per esser certi che non tornino subito indietro.

In effetti, mille o duemila euro a testa non sono così risolutivi per chi ha lasciato il proprio paese per mancanza di lavoro, casa, futuro. La Romania, ci ha spiegato Mori, è in una situazione pesante, che nei villaggi rom diventa pesantissima: baracche autocostruite, povertà, arretratezza. Il costo della vita è vicino a quello italiano, ma gli stipendi sono un quarto. Inoltre, fino a non molto tempo fa il governo romeno era decisamente ostile ai rom, c'è stato un lieve miglioramento soltanto dopo l'ingresso in Europa.

Quali prospettive si aprono dunque per queste persone, "grazie" alla Regione e alla Caritas? Ce lo chiediamo con una certa angoscia, e con molta amarezza. L'amarezza di chi pensa che potevamo fare di più, che ci voleva più impegno, inventiva politica e coerenza per appuntarsi sul petto le medaglie dell'accoglienza, dei diritti umani, della solidarietà.

Ma tant'è: rispedire a casa, con le buone o con le cattive, è la ricetta del momento, una ricetta pratica e veloce. L'accoglienza, però, è davvero un'altra cosa.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/06/2011 @ 09:15:39, in musica e parole, visitato 1077 volte)

Link
Poesia - Narrativa - Teatro - Fotografia Disegno - Pittura - Scultura - Musica Saggistica - Video - Documentario - Film. OPERE EDITE ED INEDITE - PREMI SPECIALI PER BAMBINI E SCUOLE
PREMIO SPECIALE DEDICATO ALL'ARTISTA ROM CANA KASUM


Regolamento
1 ) Il Concorso è aperto a tutti senza alcun tipo di discriminazione. Le lingue ammesse al concorso sono: Romanì (zingara), Italiano, Inglese, Francese, Spagnolo.

2) Le opere devono essere inviate in un plico unico, raccomandato, nel modo indicato nelle diverse sezioni entro e non oltre il 31/08/2011 all'organizzatore del concorso: Santino Spinelli Presidente Ass. Thèm Romanò Via S. Maria Maggiore n.12, 66034 LANCIANO (CH) ITALIA.

Oppure tramite mail: spithrom@webzone.it

3) I membri della Giuria, composta da una Commissione Internazionale saranno resi noti il giorno della Cerimonia di Premiazione che avverrà l 29/10/2011. Il giudizio della Giuria è inappellabile.

5) Il verbale della Giuria e i nomi dei vincitori e dei premiati saranno resi noti tramite la pubblicazione sul sito ufficuiale del concorso consultabile all'indirizzo WWW.concorsoamicorom.it).

5) La partecipazione al concorso delle opere inedite implica la cessione gratuita dei diritti all'organizzazione per la pubblicazione su Antologia, la quale sarà tradotta in diverse lingue.

6) Tutte le scuole di qualsiasi ordine e grado, sia pubbliche che private con i loro alunni possono partecipare. Sulle opere dovranno essere chiaramente scritti i nomi degli alunni, la classe e la scuola, la città e il nome dell'insegnante/i che ha/ hanno sostenuto l'iniziativa.

7) Ogni autore può partecipare a più sezioni e a più categorie o alla stessa categoria con più opere pagando le relative quote di partecipazione.

8) Saranno escluse (senza rimborso) tutte le opere non concernenti il tema indicato.

9) I premi devono essere ritirati personalmente o da persone delegate, pena la decadenza dello stesso.

10) Il concorso prevede le seguenti sezioni con le relative categorie:

Sezione Opere Inedite
Sono ammesse opere inedite che dovranno pervenire in n. 6 copie dattiloscritte (cat. a-b-c) o n.1 copia (cat. d-e-f). Delle categorie a-b-c- solo una copia deve recare il nome, cognome, indirizzo, nazionalità, telefono, curriculum vitae, foto e firma del partecipante.

Cat. a) Poesia in lingua romani (zingara) standard o in uno dei dialetti. Tema: libero. Fino a n. 3 poesie (max 50 versi). Ogni poesia deve essere munita di traduzione in italiano o in una delle lingue internazionali (inglese, francese, spagnolo) specificando di quale dialetto si tratta.

Cat. b) Poesia in lingua italiana, inglese, francese, spagnola. Tema: il mondo romanò (un aspetto qualsiasi o un evento storico o un personaggio celebre o meno o un'esperienza etc.). Fino a n. 3 poesie (max 50 versi).

Cat. c) Racconto breve in lingua romani (zingara), inglese, francese, spagnola, o italiana che non superi due cartelle dattiloscritte (ogni cartella equivale a 1800 battute: 30 righe da 60 battute). Tema: il mondo romanò (vedi cat.b). Le opere in lingua zingara devono recare la traduzione in italiano o in una delle lingue internazionali (inglese, francese, spagnolo).

Cat. d) Opera teatrale inedita (una sola copia) concernente il mondo romanò (vedi cat.b) senza limitazioni. L'opera vincitrice potrà essere messa in scena durante la XVI edizione della manifestazione "Prin©karanÞ - Conosciamoci. Incontro con la cultura romanì" che includerà anche la cerimonia di premiazione del Concorso "Amico Rom".

Cat. e) Racconto o romanzo inedito concernente il mondo romanò (vedi cat.b) senza limitazioni.

Cat. f) Tesi di laurea o Monografia riguardante il mondo romanò (storia, lingua, costumi, tradizioni, musica, etc.).

Sezione Arte Figurativa
Sono ammesse al concorso fotografie, pitture, disegni, sculture di qualsiasi genere e in qualsiasi stile o tecnica purchè rechino un titolo e fissino un momento di vita rom (o un personaggio romanò celebre o meno o un'attività tipicamente romanì).

Le opere migliori illustreranno la VI Antologia del concorso e saranno inserite in una grande mostra artistica internazionale. Allegare nome, cognome, indirizzo, nazionalità, curriculum vitae, firma e foto del partecipante. Gli autori dovranno far arrivare le opere in buone condizioni.

Cat. g) Disegno (max 3 opere) inedito con titolo eseguito singolarmente o collettivamente con dimensione massima cm 100x70. Inviare una sola copia per ogni disegno.

Cat. h) Fotografia (max 5 opere) inedita, con titolo, in bianco e nero o a colori. Inviare le foto con le seguenti dimensioni: 1 ) cm 20x30 o 2) cm 30x45.

Cat. i) Le pitture o sculture (con titolo) potranno pervenire anche solo a mezzo fotografico con una breve relazione riguardante: il titolo, la tecnica impiegata, lo stile, il materiale usato, le dimensioni. etc.

Sezione Opera Edita
Opere pubblicate dal 1986 in poi in una delle lingue del concorso riguardante il mondo romanò: espressioni artistiche, studi, ricerche. etc. Deve pervenire una copia contenente il nome, cognome, indirizzo, nazionalità, telefono, foto, data di pubblicazione, firma del partecipante e curriculum vitae.

Cat. l) Raccolta di poesia in lingua zingara (o in un'altra lingua purché contenga almeno due poesie ispirate al mondo romanò) .

Cat. m) Racconto (in una raccolta anche solo un racconto dedicato al mondo romanò) o romanzo (anche solo un capitolo riguardante il mondo romanò).

Cat. n) Teatro (anche solo un atto o una scena dedicato o ispirato al mondo romanò)

Cat. o) Tesi di laurea o Monografia riguardante il mondo romanò (storia, lingua, costumi, tradizioni, musica, etc.)

Cat. p) Musica romanì o musica ispirata al mondo romanò (Compact Disc, musicassette, dischi, partiture musicali). Ai vincitori di questa categoria sarà anche offerta la possibilità di un concerto da tenersi alla fine della Cerimonia di Premiazione del Concorso "Amico Rom", nell'ambito di un Festival internazionale di musica romanì.

Cat. q) Video, film, documentari riguardanti il mondo romanò.

Le migliori opere saranno proiettate durante la Edizione 2011 della Manifestazione "Prin©karang Conosciamoci. Incontro con la cultura Rom"

Premi
Ai primi classificati di ogni categoria trofei e Diplomi d'Onore personalizzati, viaggi e soggiorni (max tre giorni) a Lanciano (Chieti) completamente rimborsati se stranieri. Fra i primi classificati di ciascuna categoria verrà scelto un vincitore assoluto che vincerà il premio del Presidente della Repubblica Italiana.

Ai secondi classificati di ogni categoria trofei e diplomi d'Onore personalizzati. Ai terzi classificati di ogni categoria premi e diplomi d'Onore personalizzati.

Numerosi premi speciali fra cui: Premio Speciale Scuola, (saranno premiati scuole, alunni ed insegnanti), Premi alla Carriera, Premio Phralipè 2011.

PREMIO SPECIALE DEDICATO ALL'ARTISTA ROM: CANA KASUM

Quota di Partecipazione
La Quota di partecipazione è GRATIS per tutte le categorie.

I vincitori saranno segnalati alla televisione, alla stampa e alle riviste specializzate nazionali ed internazionali.

Partecipa e fai partecipare al Concorso per far conoscere, apprezzare e valorizzare un mondo sconosciuto.

Per agevolare il lavoro della Commissione Giudicatrice internazionale non aspettate l'ultimo momento per inviare le vostre opere.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/06/2011 @ 09:51:35, in lavoro, visitato 1319 volte)

Fattoriasocialeabc

L'associazione RomSinti@politica e l'azienda agricola Ciattoni di Pescara hanno avviato le attività del progetto Fattoria sociale bravalipè, un incubatore multiculturale formativo/lavorativo finalizzato alla occupabilità dei giovani.

La sede della fattoria è Città S. Angelo, provincia di Pescara, in Contrada San Vittorito in un terreno agricolo di circa due ettari.

Il progetto nella sua fase di allestimento è realizzato con l'auto finanziamento, le donazioni, il contributo di singole persone ed enti pubblici e privati, la sponsorizzazione.

La crisi culturale e del lavoro

La crisi d'identità dei nostri ragazzi e ragazze è sotto gli occhi di tutti. Assistiamo a fenomeni di identificazione extra culturale, organizzazioni devianti dove i nostri giovani perdono ogni giorno un pezzo della loro vita, della loro storia, si allontanano dall'appartenenza culturale, incapaci di inserirsi in un mondo a loro ostile e proibito. In tale ambito ha luogo la generazione di uno spazio discordante e virtuale dove l'inclusione sociale diventa un tabù.

Con la promessa di un tenore di vita lussuoso e luccicante, entrano in questi spazi inconsapevoli di ciò che li attende.

Attività illegali, gestiti da "professionisti" della mala vita reclutano le vittime in un sistema difficilmente sfaldabile, lì vengono ridotti a pura manovalanza, "strumenti" per arricchire e ampliare i loro imperi. Molte volte tali emolumenti si giustificano dietro la facciata del perbenismo, aziende impeccabili.

In altri casi, vere e proprie cosche, evidentemente criminali, si servono di tali "risorse" declinando i rischi di responsabilità ad alibi consolidati dagli stereotipi dell'opinione pubblica, il vecchio ma sempre funzionante capro espiatorio.

Tali circostanze producono l'azzeramento della dignità interiore legata all'ethos d'appartenenza in quanto codeste attività, bandite dalle regole della tradizione, creano senso di rimorso e disistima. Un processo di svuotamento inarrestabile dei valori morali.

Persi di vista la verità circa il senso e l'etica del lavoro, le potenzialità interiori sono ridotti e dirottati a servizio della criminalità. Le nuove generazioni finiscono per approdare in terreni minati, altamente pericolosi, alienanti sul piano psicologico- identitario, dove il confine tra consentito e non consentito è quasi saltato del tutto, un vuoto nella delimitazione fra bene e male che lascia spazio ad altro, l'inquietudine del nulla, una ferita aperta in cui penetrano i virus della società. Un grande vuoto incolmabile dalla tradizione ma allettante per i mandanti del male.

Giunti a questo punto, più propriamente è in dubbio la relatività tra l'abilità e la rappresentatività. Fenomeno denominato dalla sociologia come crisi di identità nel ruolo sociale.

Nella società moderna l'identità è direttamente collegata e proporzionata alla configurazione professionale,mentre oggi il giovane è impossibilitato ad auto rappresentarsi perché è venuto meno l'esercizio di una funzione produttiva, la sua configurazione professionale.

Abbandonati i mestieri tipici del passato ai giovani non rimane che il fantasma di essi, l'orientamento si è perso in un mondo consumistico venerato dall'industria, una società in cui il talento per i lavori del passato (dal "recupero" alla "creatività", dall'agricoltura familiare all'artigianato) non si percepisce più portatore di cultura.

Il magnetismo che regola la "giusta direzione" per il giovane non proviene più da un sentire interiore, cioè riflesso da un pregresso culturale, ma la sorgente di attrazione proviene dall'esterno, dai margini della comunità civile dove fonti di "lavoro" si trovano a "buon prezzo", dove il solo requisito richiesto è la disperazione alla vita, la pura sopravvivenza.

La "giusta direzione" si può trovare nella riscoperta di un sé a volte misconosciuto e negato paradossalmente per primo dai giovani.

Il Progetto Fattoria sociale

Le Fattorie Sociali sono imprese agricole che offrono servizi culturali, educativi, assistenziali, formativi e di inclusione sociale e lavorativa per soggetti deboli o svantaggiati. L'agricoltura sociale trova le sue radici più profonde nelle forme di solidarietà e nei valori della reciprocità che contraddistinguono le aree rurali.

L'intreccio che si determina tra dimensione produttiva, dimensione relazionale con le piante, con gli animali, con la natura e quella familiare e comunitaria, ha permesso all'agricoltura di assolvere sempre più ad una funzione sociale. I soggetti a cui si rivolge l'agricoltura sociale sono soprattutto quelle persone che, provate da diverse forme di disagio, possono trovare nelle attività agricole una possibilità per dare un senso alla propria vita.

Il progetto Fattoria sociale Bravalipè si propone di realizzare a Città S. Angelo in contrada San Vittorito in un fondo agricolo di 2 (due) ettari le attività legate alla cultura del territorio, dell'ambiente, dell'agricoltura; attività sportiva e amatoriale, maneggio, ippoterapia, peed terapia; servizi culturali, educativi, formativi e occupazionali.

Il progetto Fattoria sociale Bravalipè è un centro aggregativo rurale, interculturale e multidisciplinare, rivolto ai giovani e le loro famiglie per sviluppare percorsi individualizzati volti a migliorare l'occupabilità e la riscoperta dei valori della ruralità e del territorio; valorizzare il capitale umano e culturale come motore di attivazione dello scambio di conoscenze, della fiducia, della partecipazione attiva allo sviluppo del territorio, armonizzando in modo inedito le peculiarità del mediatore culturale ed un'assistenza specialistica integrata.

Gli spazi della Fattoria sociale Bravalipè saranno dotati di strutture ed attrezzature atte ad offrire servizi nei quali gli ospiti si sentano attivi e partecipi al fine di trarre benefici sul piano culturale sociale, psicologico, fisico e mentale attraverso l'accrescimento dell'autostima ed il miglioramento della persona.

La fattoria sociale oltre ad essere tutoring nell'inserimento nel mercato del lavoro incarnerà la figura professionale e innovativa dell'Agente di Sviluppo Umano che assiste la persona disagiata nell'inserimento nella società locale.

Obiettivi generali

Il progetto Fattoria sociale Bravalipè procederà alla realizzazione e all'implementazione degli obiettivi principali che di seguito elenchiamo:

  1. riproduzione dei valori di solidarietà, reciprocità e mutuo aiuto, nonché del patrimonio storico, architettonico, culturale e creativo, che rendono tipica la ruralità
  2. integrazione tra l'attività produttiva agricola e l'offerta di servizi culturali, sociali, educativi, formativi e occupazionali, per migliorare la qualità della vita.
  3. sviluppo di progetti di ricerca, sperimentazione e diffusione di innovazioni per favorire lo sviluppo sostenibile nelle aree rurali, nonché per diffondere modelli d'uso e di valorizzazione delle risorse produttive, ambientali e culturali delle aree rurali, mediante le quali soggetti con bisogni e risorse diversificate trovino risposte di qualità alle loro esigenze
  4. riaffermazione del valore ideale del lavoro e la sua funzione sociale e collettiva, inteso come spinta all'attività produttrice. La riscoperta del senso e il piacere della creatività, alla base del concetto del lavoro
  5. recuperare il concetto di lavoro facendo leva sul piacere che stimola al lavoro, calarsi nel fondo delle pulsioni originarie all'attività umana dove risiede la creatività
  6. la natura e la cultura come l'arte del lavoro.

Obiettivi specifici:

  • accoglienza e presa in carico individuale;
  • mediazione interculturale;
  • orientamento al lavoro in fattoria, bilancio di competenze e inserimento;
  • consulenza per l'avvio di attività auto-imprenditoriali in ambito rurale;
  • attività didattiche e ricreative per il dopolavoro e doposcuola

Il progetto si articola in tre fasi:

  1. Allestimento del fondo agricolo: Strutture ed attrezzature per le attività ludiche, formative, culturali, di produzione agricole, l'impiego di animali.
  2. Fase di programmazione e comunicazione: definizione e programmazione delle attività, comunicazione del progetto.
  3. Fase di avviamento: delle attività agricole definite e programmate; delle attività ricreative relative a cultura e natura del territorio.

Convegno con proiezione di docu-fiction

Al termine del primo anno dall'inizio dei lavori verranno argomentati i risultati del progetto all'interno di un convegno nel quale verrà proiettato un docu-fiction (film documentario), di circa 30 minuti realizzato durante l'espletamento del progetto stesso.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/06/2011 @ 09:43:35, in Kumpanija, visitato 968 volte)



sabato 25 giugno dalle 11.30 alle 13.00
Giardini Indro Montanelli (lato porta venezia) Corso Venezia MILANO

Dalle paure alle libere diversità
Incontro con i primi cittadini Rom che si dichiarano gay.

Conducono: Patrizia Quartieri, Consigliere Comunale del Comune di Milano e Paolo Hutter, attivista lgbt e giornalista.

In occasione del pride, inserito nel tema della campagna 'Milano siamo anche noi", discutiamo, serenamente di differenze, inclusione sociale e cultura.

L'appuntamento su Facebook

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/06/2011 @ 09:51:03, in Italia, visitato 1130 volte)


L'assessore Granelli: "Svuoteremo pure gli spazi autorizzati, ma fino ad allora controlli costanti". Aumento delle pattuglie nella zona di San Lorenzo, in vista di un tavolo tra i gestori e i residenti di FRANCO VANNI

L'input dato ai vigili dal nuovo assessore alla sicurezza è chiaro: contrastare sul nascere gli insediamenti rom abusivi. Sono già due gli «interventi preventivi» che la polizia locale ha compiuto per allontanare nomadi che stanziavano al di fuori dei campi autorizzati: in via Rubattino, dove erano comparse capanne in lamiera, e in via Chiesa Rossa, dove alcune baracche si trovavano fuori dall'accampamento regolare. «L'obiettivo è superare i campi, assicurandosi che chi li occupa abbia sistemazioni dignitose e senza disagi per la cittadinanza — dice Marco Granelli, assessore alla Sicurezza e alla coesione sociale — ma è anzitutto essenziale rafforzare i controlli per evitare che nascano campi abusivi. Il monitoraggio e la prevenzione, affidata ai vigili, consentirà di evitare di dovere poi procedere a sgomberi inutili».

La nuova indicazione è già stata data ai vigili. Granelli, dopo i primi interventi, si dice soddisfatto di «un'azione che andrà di pari passo con le politiche sociali, di modo che la vita nei campi, fino a quando esisteranno, sia regolamentata». La richiesta di segnalare la comparsa di baracche, o lo stazionare di camper, sarà fatta anche ai consiglieri di zona. E Granelli prevede di impiegare sempre più i vigili nel controllo nei campi regolari. Riccardo De Corato, consigliere di opposizione del Pdl ed ex assessore alla Sicurezza, lo aveva pungolato: «A Rubattino sta nascendo una baraccopoli, mi domando cosa voglia fare il nuovo assessore». Ora rilancia: «Fare vigilanza significa poco. O si sgombera, o non serve mandare a spasso i vigili a fare turismo».

De Corato, nei cinque anni da assessore, ha ordinato centinaia di sgomberi di campi rom, attirando le critiche del centrosinistra e delle associazioni del volontariato cattolico che gestiscono i campi. La previsione secondo cui la giunta Pisapia avrebbe «trasformato Milano in zingaropoli» è stata uno dei cavalli di battaglia della campagna elettorale del centrodestra. «La sicurezza è una priorità, ma evitando azioni propagandistiche e dannose», dice Granelli, che ha anche deciso l'aumento delle pattuglie la sera alle Colonne di San Lorenzo, dove la movida provoca le proteste di residenti.


Nota da Mahalla:

Ho chiesto informazioni a Davide Castronovo, coordinatore del presidio sociale presso il campo sosta di via Chiesa Rossa, che mi ha scritto:

Ciao Fabrizio,
si tratta, nel caso di Chiesa Rossa, di due "nuovi" nuclei famigliari composti da figli di residenti regolari assegnatari di piazzola al campo. Questi nuovi nuclei, essendosi separati da quello dei genitori, non hanno un posto dove risiedere. La questione potrebbe momentaneamente essere risolta con la richiesta di ospitalità temporanea al Comitato di Gestione o con l'assegnazione da parte di quest'ultimo di piazzole libere (cosa difficile visto il numero limitato di posti vuoti all'interno del campo). 
Infine, lo sgombero riguarda anche aree esterne al campo occupate da recinti per animali.

... aggiungendo che preferisce tenere per sé i giudizi sulla nuova giunta.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/06/2011 @ 09:00:12, in Europa, visitato 775 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Budapest, 16 giugno 2011: ERRC ha inviato una lettera alle autorità serbe, riguardo lo sgombero forzato del 7 giugno 2011 e il trasferimento di 12 famiglie rom dall'insediamento sotto il ponte Pančevo a Belgrado ed il susseguente attacco ad un donna rom nel nuovo insediamento.

ERRC ha espresso la propria preoccupazione che lo sgombero sia stato condotto senza il rispetto delle norme internazionali: ale famiglie coinvolte non hanno ricevuto alcun preavviso, non hanno ricevuto alcun avviso di sgombero e sono state portate in un comune diverso a vivere in container vuoti che non incontrano gli standard minimi per un alloggio adeguato. Le famiglie sfollate sono senza mobili e non hanno collegamento ad elettricità, acqua o fognature. Inoltre, nella notte tra l'11 e il 12 giugno, una delle donne trasferite a forza è stata attaccata da uno sconosciuto entrato nel suo container, dimostrando che i residenti non sono sicuri nella nuova sistemazione.

For further information, contact:
Sinan Gökçen
Media and Communications Officer
sinan.gokcen@errc.org
+36.30.500.1324

© ERRC 2011. All rights reserved

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/06/2011 @ 09:51:44, in media, visitato 1198 volte)

il Levante VENERDÌ 17 GIUGNO 2011 12:36 DI GIOVANNI PULENTE

<<I rom sono nostri concittadini e come tali vanno tutelati>>. Con queste parole Ottavio Lucarelli, presidente dell'Ordine dei giornalisti della Campania, presenta l'incontro "NewsRom informare senza pregiudizi" tenutosi giovedì mattina nella Sala Colombo dell'Hotel Mediterraneo di Napoli. L'evento è parte della campagna Dosta! (Basta! in italiano) organizzata dall'Associazione Giornalisti Scuola di Perugia, che tra Roma, Milano e Napoli sta cercando di sensibilizzare i cittadini sul mondo rom e sinti. <<I dati riguardanti la Campania sono inaccettabili – spiega Lucarelli – Siamo un caso negativo in Europa e bisogna parlarne. Mi auguro che la nuova Napoli di De Magistris svolga un lavoro capillare che possa condurre a un risveglio civile>>.

La storia. In Europa sono circa 12 milioni e in Italia 150mila. I primi a lasciare la valle del Gange partirono 800 anni fa, rompendo i confini nazionali degli Stati prima di qualsiasi convenzione internazionale. <<Pochi sanno che rom e sinti furono vittime della discriminazione fascista – sostiene Luca Bravi, docente di Scienze dell'Educazione all'Università di Firenze - Ad Agnone, Modena e Teramo tra il 1940 e il 1943 molti furono deportati e uccisi in campi di concentramento. Questo genocidio è oggi continuamente negato>>. La psicologia perversa di Robert Ritter e la nota notte degli zingari del 2 agosto 1944 (sterminio di Auschwitz) sono parte di una storia innegabile. << Il concetto di zingaro è uno stereotipo da noi creato e che va cambiato. In questo senso la pedagogia è fondamentale, soprattutto perché il 60% di rom e sinti in Italia ha meno di diciotto anni>>. Negli anni 60' nelle scuole esistevano classi per soli zingari e il campo nomadi era già stereotipato come luogo di pericolo e diversità. Particolarmente significativo è stato un video mostrato da Dario Moricone, giornalista Rai e moderatore dell'incontro. Sullo schermo scorrono accezioni dispregiative come "Puzzano", "Hanno la pelle scura", "Non hanno acqua", "Hanno lo stesso vestito", "Vivono in baracche", "Rubano e sono violenti", "I nostri governanti sono troppo aperti alle frontiere": relazione degli Stati Uniti d'America del 1912 sugli immigrati italiani. La storia si capovolge e si ripete.

Il giornalismo. <<Tutti i giornalisti hanno un ruolo fondamentale nel combattere i pregiudizi e l'odio, a favore di un comune vivere sociale>>. Bianca Stancarelli, inviato di Panorama, si esprime così sul ruolo dei media. Stupro della Caffarella (Roma), 14 febbraio 2009: Karol Racz e Alexandru Isztoika Loyos vengono arrestati e accusati di essere gli autori della violenza sessuale. Per moltissimo tempo i due sono maltrattati dai media senza attendere il verdetto della giustizia. Definiti violenti, freddi, insensibili e addirittura Karol è catalogato con l'espressione faccia da pugile. Dal tg1 a Studio Aperto nessuno risparmia facili accuse o cerca di andare a fondo. Il Sindaco di Roma Alemanno subito dopo l'accaduto disse a caldo: <<Gli autori? Dovranno essere rom>>. Il paradosso è che le analisi del sangue e accurate prove hanno scagionato gli imputati, dimostrando l'incapacità dell'informazione di massa di raccontare la verità e di combattere gli stereotipi. Quella di Karol e Alexandru è la storia di due innocenti. Pochi giorni fa un giovane bosniaco è stato ucciso da un pirata della strada, ma nessuno ne ha parlato e quando Lamberto Sposini fu aggredito nel 2007, si accusarono i rom senza prova alcuna.

Napoli. Il problema di rom e sinti esiste principalmente in periferia, come dimostra la tragedia del rogo di Ponticelli. Gli ex-allievi della scuola di giornalismo di Perugia hanno dimostrato di interessarsi a questioni nazionali che vanno al di là dei confini regionali, perché in fondo l'informazione tutta deve collaborare per garantire la verità. <<Cattiva politica, imprenditori razzisti e i media assenti sono le cause principali della questione rom e sinti -sostiene Dario Moricone - La responsabilità del singolo mette tutti nei guai, e forse si perdona più ai camorristi che agli stranieri >>.

Il 5 aprile la Commissione Europea ha definito obbligatorie le strategie d'inclusione sociale per i rom, l'8% di quali sono nomadi. <<Bisogna guardarli come guarda un bambino, cioè senza pregiudizi>> , commenta Eva Ciuk, giornalista del Tgr Friuli Venezia Giulia. Sorprende il fatto che nei notiziari Ansa la parola rom/nomadi compare mediamente 289 volte in cronaca nera e solo 13 volte in cronaca bianca. Emblematica la conclusione del discorso di Bianca Stancanelli: <<Zingari = di regola passano per una razza spregevole. Non è un'affermazione scritta su un giornale, né detta da un politico, ma la definizione data dall'Enciclopedia Treccani nell'edizione del 1949>>. Solo un anno prima della pubblicazione del testo, il 10 dicembre 1948, le Nazioni Unite firmarono a Parigi la dichiarazione universale dei diritti umani.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2019 @ 09:54:09
script eseguito in 172 ms

 

Immagine
 Thomas Hammarberg in visita a Milano per verificare la situazione dei Rom... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 81 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source