Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 05/09/2011 @ 09:00:32, in conflitti, visitato 1086 volte)

Premessa: negli anni recenti la Repubblica Ceca ha visto una crescita notevole di violenze, incendi, attentati rivolti contro la minoranza rom, raccontate in diversi articoli su Mahalla. A fine agosto nella città di Rumburk (11.000 abitanti), circa 18-20 Rom hanno attaccato altri 6 cittadini cechi seduti ad un pub; tuttora si sta indagando se il motivo sia stato di rivalsa razziale o semplicemente gli assalitori fossero ubriachi o teppisti. Con una celerità che non si era vista nei precedenti assalti a sfondo razziale contro la minoranza rom, alcuni partiti, supportati da frange delle teste rasate, hanno convocato nella cittadina una manifestazione di protesta venerdì 26 agosto. Ecco due cronache della giornata, raccolte da Czech_Roma. Lunghetto, leggete il tutto con calma, anche a puntate.

29.8.2011 17:19 Commento: cittadini ordinari a Rumburk volevano una Notte dei Cristalli - Ivan Motýl, translated by Gwendolyn Albert
Le opinioni pubblicate nella sezione Commenti non riflettono necessariamente il punto di vista o le opinioni dei giornalisti del server news Romea.cz o dell'associazione civica ROMEA

Il vergognoso fallimento della cosiddetta [manifestazione dei] cittadini pacifici a cui ho assistito venerdì a Rumburk, è stato agghiacciante. E' con incontri simili che nel 1938 dev'essere iniziata la Notte dei Cristalli. Probabilmente così ebbe luogo il massacro degli Ebrei nella cittadina polacca di Jedwabne nel 1941.

Durante la manifestazione di venerdì a Rumburk, ho osservato un uomo che teneva per mano suo figlio, che probabilmente aveva soltanto 11 anni. Ho visto una madre con una carrozzina, ragazzi della scuola locale, ragazzine truccate, pensionati, un meccanico, membri del consigli cittadino ed imprenditori. In breve, i cosiddetti cittadini "comuni" della città. C'erano in piazza almeno 1.200 persone ad ascoltare il sindaco Jaroslav Sykáčeked il deputato Jaroslav Foldyn (entrambi eletti tra i socialdemocratici cechi -vedi QUI ndr-).

"Non nascondiamo la testa nella sabbia, vogliamo che le leggi cambino," diceva Foldyna alla folla. "Vogliamo regolare l'afflusso degli inadattabili e avere la possibilità di vietare loro la residenza," diceva Sykáček. "Mandiamo via gli zingari e ci sarà pace," concordavano i cittadini.

Poi le cose sono diventate anche peggiori. I socialdemocratici hanno dato il microfono a Josef Mašín, leader di una sedicente cellula locale dell'estremista "Resistenza Civica" (Občanský odpor). Anche se il sindaco aveva proibito la manifestazione anti-Rom organizzata inizialmente da Mašín, alla fine l'ha invitato sul podio. Mašín ha dato una dimostrazione di discorso xenofobo in cui, tra l'altro, ha chiamato i cittadini ad "agire il prima possibile" per mandar via gli "inadattabili" da Rumburk. Qualcun altro ha detto che era un peccato che la folla non fosse venuta armata di forconi.

Dopo il discorso di Mašín, la folla di gente "normale" si è trasformata in una squadra di vigilantes, pronta a partire con un corteo attraverso la città, durato quasi tre ore. "Dove siete, porci neri?" urlavano i più coraggiosi, di fronte alle finestre degli appartamenti dei Rom nel quartiere vicino alla piazza. Erano quelle parole sufficienti alla polizia per fermare la marcia e disperderla. Non l'hanno fatto e le forze della "giustizia di strada" hanno proseguito un'altra casa romanì, stavolta quella dei genitori di uno fra coloro che avevano partecipato all'assalto commesso da un gruppo di Rom contro altri Cechi, domenica 21 agosto presso la discoteca "Modrá hvězda".

"Venite fuori!" urlava la folla. Qualcuno ha gettato una tavola attraverso la finestra, dal recinto che era stato appena demolito dai "pacifici cittadini". L'edificio era sorvegliato da un cordone di poliziotti antisommossa, e qui l'eccitazione ha raggiunto il culmine. "State proteggendoli. Amici dei neri," commentava disgustato un piccolo gruppo di quindicenni sulla presenza della polizia. Avevano deciso di movimentare un noioso giorno di vacanza in piscina, partecipando alla marcia. "Mamma, non ti preoccupare, va tutto bene," diceva un altro ragazzo al cellulare, assicurandola che l'azione stava avendo successo.

Se la polizia non avesse protetto la casa, come minimo la massa fanatica ne avrebbe rotto tutte le finestre. In quel momento, come ex insegnante di storia, ho pensato alla Notte dei Cristalli, novembre 1938, quando la folla da ordinata passò a saccheggiare e bruciare le sinagoghe ebree (a proposito, allora distrussero anche la sala di preghiera di Rumburk). Si trattò di manipolare adeguatamente la folla e mostrarle chi fosse il nemico, che succhiava soldi e lavoro degli onesti cittadini. Il deputato Foldyna ha anche convinto le proprie pecore sulla piazza di Rumburk che come a Šluknov (vedi QUI testo in inglese - ndr) nessuno potesse vivere con i Rom o con gente "senza soldi ed istruzione".

Anche se fortunatamente il pogrom non è stato completato a Rumburk, mentre guardavo quella casa circondata pensavo al libro di Jan Tomasz Gross, "Vicini". Suggestivamente la pubblicazione descrive come i residenti polacchi della piccola città di Jedwabne organizzarono nel 1941 una "battuta di caccia" contro i loro vicini ebrei, uccidendone 340 e dando loro fuoco. "Persone assolutamente normali condussero l'attacco - posatori di tubi, sarti, contadini, il sindaco, tutti," scrive Gross. I soldati tedeschi osservarono il massacro con sorpresa.

Quattro giorni dopo, cosa penseranno ora tutti quei ragazzi e ragazze, mamme e papà normali che venerdì circondavano la casa dei "nemici di Rumburk"? Provano almeno un po' di vergogna? O hanno la sensazione di aver finalmente trovato la corretta soluzione per affrontare i loro vicini rom? Ho paura che in una città dove indirettamente il sindaco chiama ad una nuova Notte dei Cristalli, saranno in pochi a rimpiangere ciò che hanno fatto.


Romea.cz

29.8.2011 16:24 Patrik Banga da Rumburk - translated by Gwendolyn Albert
(Patrik Banga è un giornalista ceco di etnia rom. Collabora stabilmente con Romea.cz e con iDNES.cz - ndr)

"Non preoccupatevi, andrà tutto bene," dicevo ai miei colleghi prendendo il tram a Praga venerdì scorso. Più tardi, ripetei la stessa cosa al corrispondente Radek Horváth quando lo caricai a Děčín.

Alle 10.30 di venerdì eravamo seduti in un ristorante alla periferia di Rumburk. Horváth e io dovevamo incontrare altre persone interessate al programma del raduno per quel pomeriggio. Robert Ferenc dell'associazione Čačipen si presentò e ci avviammo.

"Andate a riprendere da qualche altra parte, qui non voglio problemi!" ci disse una Romnì, mandandoci via mentre altri Rom guardavano con curiosità dalle finestre. Aveva ovviamente paura, lamentandosi per la nostra presenza, gridando mentre cercava di tenerci il più lontano possibile da dove viveva la sua famiglia. Compresi la sua paura. In città si rincorrevano le voci che centinaia di nazisti stessero arrivando lì dalla Germania.

Attorno all'ora di pranzo, tutto era ancora tranquillo. La città non sembrava stesse preparandosi ad una manifestazione. Tutto ciò che notammo fu un gran numero di poliziotti per strada, ma potevano essere lì in conseguenza dei violenti disordini accaduti solo qualche giorno prima, e non un segno degli eventi a venire. Decidemmo di parlare con i locali sulla situazione.

Provammo a chiedere loro dettagli sull'omicidio avvenuto qualche giorno prima, ed anche sui responsabili dei disordini di domenica scorsa. Raccogliemmo solo pezzetti di informazione. Nessuno voleva parlare.

Ci spostammo poi a Nový Bor [in una sala da gioco dove aveva avuto luogo un assalto a colpi di machete] per studiare gli sviluppi in loco. Per strada non abbiamo notato pattuglie di polizia, solo qualche loro camionetta diretta a Rumburk.

A Nový Bor si respirava la stessa atmosfera di tensione di Rumburk. Ero preparato ad una situazione come ai tempi di Radek ed ho filmato la nostra trasmissione sui morosi d'affitto in sciopero della fame. Non avevamo molto tempo, così abbiamo approfittato dell'ora di pranzo per parlare con i residenti ed andare a trovare Štefan Gorol [della locale associazione romanì]. A Nový Bor rimaneva la medesima tensione. Tutti avevano qualcosa da dire, ma nessuno aveva fatto niente contro gli assalitori e tutti erano d'accordo che dovessero essere puniti.

Alle 15.30 circa stavamo tornando a Rumburk. In breve arrivammo. Nella piazza cittadina non c'era ancora niente che indicasse che presto da lì sarebbe partito un comizio. I pompieri stavano annaffiando lo spazio ed attorno c'erano solo poche persone. I giornalisti erano riuniti lì vicino in una gelateria. Però siamo riusciti a notare dei ragazzi il cui aspetto [da manifestanti di estrema destra] ci ricordò di Krupka o Nový Bydžov [all'inizio di quest'anno]. Più tardi, nella piazza venne montato un piccolo podio e solo verso le 17.00 la gente cominciò ad arrivare. I giornalisti si spostarono verso il podio. Scattai qualche foto, guardandomi attorno. C'erano sì un paio di ragazzini con la testa rasata e la t-shirt "Everlast", ma la gente che si era radunata sembrava più essere formata da cittadini insoddisfatti, che non da estremisti.

Il comizio iniziò col discorso del deputato Foldyna (Socialdemocratico - ČSSD). La folla era molto fredda nei suoi confronti, tranne rare eccezioni. Il sindaco Sykáček (ČSSD) venne fischiato ed i commenti nei suoi confronti non sono riferibili.

A quel punto un nerboruto ragazzo ha afferrato il microfono per presentare Josef Mašín. Ha affermato due volte di non essere un estremista, raccogliendo con ciò tutto l'appoggio possibile dagli estremisti presenti tra la folla. Il gruppo Resistenza Civile (Občanský odpor) a cui appartiene, aveva originariamente convocato la manifestazione, stesso orario - stesso luogo, ma l'evento non aveva avuto il permesso da parte della giunta cittadina, per il timore del comportamento degli estremisti legati al gruppo. I socialdemocratici locali hanno risolto la questione ospitando loro stessi l'evento, come si dice: hanno fatto la torta e se la sono pure mangiata. Il discorso appassionato di Mašín ha ottenuto più applausi di tutti.

Qualche minuto dopo il comizio è terminato e la folla si è dispersa. Anche noi siamo andati, ad inviare alcune foto e brevi messaggi in redazione. Poco dopo, le cose sono cambiate nuovamente. Il nostro corrispondente che era rimasto sulla scena ci ha chiamato, dicendoci che stava per partire un corteo. Apparentemente la folla gridava che stava muovendosi contro gli "zingari".

Poco più tardi, siamo riusciti a raggiungere i dimostranti. Diverse centinaia di persone stavano marciando attraverso la città, lanciando slogan razzisti. Invano ho cercato traccia della polizia. Evidentemente, pensavano che una squadra di tre in tenuta anti-conflitto fosse sufficiente per quella folla, che ho stimato di 600-800 persone. Da nessuna parte, vigili o poliziotti antisommossa.

La folla ha raggiunto l'edificio dove vivevano i presunti partecipanti alla rissa, distruggendone la staccionata verso la strada. La polizia sulla scena impediva alla folla di irrompere nell'appartamento, mentre il suo proprietario assisteva alla scena. Comunque, gli inquilini non erano in casa. Avevano già abbandonatola città, perché i loro vicini avevano minacciato di linciarli. Molti di loro non avevano niente a che fare con la recente rissa.

Alla fine abbiamo girato dall'altra parte dell'edificio. La polizia aveva bloccato gli accessi. Da distante, vedevamo la polizia antisommossa in azione, così siamo corsi nella loro direzione per registrare cosa stesse accadendo. Era in corso un intervento assolutamente banale: l'arresto di un manifestante che non aveva obbedito alle istruzioni della polizia. Ho scattato una foto al manifestante che si ribellava alla polizia. Tutto quel che so, è che in seguito a ciò sono stato arrestato con i miei colleghi. Siamo poi stati rilasciati senza nessuna spiegazione (vedi QUI testo in inglese - ndr).

A quel punto ci è sembrato che i disordini per strada fossero terminati. Siamo tornati in sala stampa dove c'era il portavoce della polizia.

Poco più tardi abbiamo appreso che la famiglia rom dell'appartamento circondato, stava passando la notte a 14 km. da lì, presso dei parenti. Abbiamo guidato sino lì, filmandoli ed intervistandoli per Romea.cz.

Gli organizzatori a Rumburk si sono lasciati sfuggire completamente di mano la situazione. Quel che è successo, non può assolutamente definirsi una "manifestazione pacifica". I dimostranti lanciavano slogan razzisti, all'unico scopo di terrorizzare i residenti rom ed espellerli dalla città. Alla fine, come sempre, quanti non hanno fatto niente di male sono coloro che hanno sofferto maggiormente.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/09/2011 @ 09:33:21, in scuola, visitato 1040 volte)

Vi state preparando per il ritorno a scuola? Una segnalazione di Stefano Pasta

Lunedì 29.08.2011 13:00
di Guido Maffioli, papà milanese, 40 anni


Scrivo mentre sono in vacanza con i miei figli. Il maggiore, 10 anni, sta scrivendo una cartolina ad un compagno di scuola. Mi ricordo di averne scritte tante alla sua età su quello stesso tavolo.
Penso a chi le vorrei scrivere oggi, parenti, amici. Nell'era di internet di molti non saprei neppure l'indirizzo.
Una, di certo, la manderei a Florin, di lui un indirizzo ce l'ho, ma la cartolina non arriverebbe. Florin è rom, papà anche lui di tre figli che vanno a scuola, la maggiore Alexandra è già alle medie. Non ha un indirizzo vero perché ha subito numerosi sgomberi in questi ultimi due anni; a quello del novembre 2009 nel mio quartiere, Rubattino, ne sono seguiti tanti altri.

Ogni volta è così: lui trova un accordo con qualcuno per collocare il suo camper, pagando un modico affitto con il lavoro che ha, part time, all'AMSA. Poi dura poco, chiamano la polizia per mandarli via perché vedono che sono in tanti, lì dentro, lui coi figli e la moglie, il fratello con la sua altrettanto numerosa famiglia.
Florin mi ha spiegato perché preferiscono stare insieme così numerosi. Hanno paura, vivono nell'insicurezza. Di sera non ci sono luci e tornare al camper, soprattutto per le donne, fa paura. Meglio essere in tanti, meglio che ci siano più uomini insieme, se lui fa tardi sul lavoro, a “casa” c'è il fratello o il nipote maggiore. Si è più sicuri, così, in tanti.

Mi sorprende sempre come la parola <<sicurezza>> possa essere percepita diversamente a seconda di chi la pronuncia, oggi che è così tanto (ab)usata nei programmi elettorali o televisivi.
In questa situazione una certezza Florin ce l'ha. I suoi figli continuano ad andare nelle loro scuole, quelle del quartiere Feltre vicino a via Rubattino, dove andavano già tre anni fa, iscritti dalla Comunità di Sant'Egidio. Conoscono le maestre, le prof, i compagni, le mamme. E' complicato arrivare puntuali, ad ogni sgombero ridefinire gli orari, i mezzi pubblici necessari per raggiungere la scuola, ma – mi dice – ci tengo io e ci tengono loro, anche Marius, il più piccolo, in terza elementare il prossimo anno, con quello sguardo attento e curioso che gli ho visto quando l'ho salutato insieme al papà.

Conosco Florin grazie alla voglia di andare a scuola dei suoi figli. Ricevono una borsa di studio attraverso un progetto per l'integrazione scolastica della Comunità di Sant'Egidio. Loro si impegnano a frequentare la scuola con costanza – anche impiegando ogni mattina più di un'ora per arrivarci - e ricevono un contributo mensile per coprire le varie spese (abbonamenti pubblici, materiale scolastico, etc). Questi progetti funzionano coinvolgendo le maestre dei bambini e qualcuno che vede il genitore per sapere come va, se ci sono difficoltà. Con Florin quel qualcuno sono io, una volta al mese, ci incontriamo brevemente e mi aggiorna.

Nel secondo quadrimestre dell'anno scolastico appena concluso la borsa è stata coperta con l'aiuto dell'Associazione Genitori della scuola dei miei figli. E' stato approvata la proposta, dato che incentivare l'integrazione scolastica è negli scopi dell'Associazione. Ne sono stato felice, non tanto per il piccolo aiuto dato ai figli di Florin, ma per ciò che può significare questa azione, cioè che si possano fare cose concrete, senza esibizione, con il fine di far progredire tutta la comunità a cominciare dai bambini e dalle bambine, e dal garantire a tutti loro un diritto importante e basilare come andare a scuola.

Forse nel nuovo anno scolastico amplieremo il progetto e, magari nella prossima estate - se la politica comunale avrà abbandonato la logica degli sgomberi dissennati e intrapreso soluzioni più lungimiranti, concertate, mirate all'integrazione - potrò inviare una cartolina a Florin ad un indirizzo sicuro.

Chi volesse aiutare e sostenere questi progetti o ricevere informazioni può mettersi in contatto via e-mail all'indirizzo santegidio.rubattino@gmail.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/09/2011 @ 09:52:56, in media, visitato 1064 volte)

Qualche anno fa, suggerii ad un amico un testo (che avevo a mia volta trovato in un altro blog) del keniano Binyavanga Wainaina. Per un po' di tempo avevo usato quel pezzo per descrivere la difficoltà di interessare i lettori raccontando la realtà al posto degli stereotipi. La stessa persona a cui l'avevo suggerito, mi segnala che la rivista Internazionale ha provveduto a fornirne una versione in italiano. Buona lettura.

Come scrivere d'Africa

Nel titolo, usate sempre le parole "Africa", "nero", "safari". Nel sottotitolo, inserite termini come "Zanzibar", "masai", "zulu", "zambesi", "Congo", "Nilo", "grande", "cielo", "ombra", "tamburi", "sole" o "antico passato". Altre parole utili sono "guerriglia", "senza tempo", "primordiale" e "tribale".

Mai mettere in copertina (ma neanche all'interno) la foto di un africano ben vestito e in salute, a meno che quell'africano non abbia vinto un Nobel. Usate, piuttosto, immagini di persone a torso nudo con costole in evidenza. Se proprio dovete ritrarre un africano, assicuratevi che indossi un abito tipico masai, zulu o dogon.

Nel testo, descrivete l'Africa come se fosse un paese caldo, polveroso con praterie ondulate, animali e piccoli, minuscoli esseri umani denutriti. Oppure caldo e umido, con popolazione di bassa statura che mangia scimmie. Non perdetevi in descrizioni accurate, l'Africa è grande: cinquantaquattro nazioni e novecento milioni di persone troppo impegnate a soffrire la fame, morire, combattere o emigrare per aver tempo di leggere il vostro libro.

Il continente è pieno di deserti, giungle, altipiani, savane e molti altri paesaggi, ma questo non interessa ai vostri lettori. Fate delle descrizioni romantiche, evocative, senza esagerare con i dettagli.

Ricordatevi di dire che gli africani hanno la musica e il ritmo nel sangue, e che mangiano cose che nessun altro uomo è in grado di mangiare. Non citate mai riso, carne e grano: preferite, tra i piatti tipici del continente nero, cervello di scimmia, capra, serpente, vermi, larve e ogni sorta di selvaggina. E ricordatevi anche di aggiungere che voi siete riusciti a mangiare questi cibi e anzi che avete imparato a farveli piacere.

Soggetti vietati: scene di vita quotidiana, amore tra africani, riferimenti a scrittori o intellettuali, cenni a bambini scolarizzati che non soffrano di framboesia, Ebola o abbiano subìto mutilazioni genitali. Nel libro adottate un tono di voce sommesso e ammiccante con il lettore e un tono triste, alla "era esattamente quello che mi aspettavo".

Chiarite subito che il vostro progressismo è senza macchia e dite quanto amate l'Africa e come vi sentite in armonia con quella terra e anzi, non potete viverne lontani. L'Africa è l'unico continente che si può amare: approfittatene! Se siete uomini, descrivete le torride foreste vergini. Se siete donne, parlate dell'Africa come di un uomo in giubbotto multitasche che sparisce nel tramonto. L'Africa è da compatire, adorare o dominare. Ma qualsiasi punto di vista scegliate, assicuratevi di dare l'impressione che senza il vostro intervento l'Africa sarebbe spacciata.

I vostri personaggi possono essere guerrieri nudi, servitori reali, indovini, sciamani e vecchi saggi che vivono in splendidi eremi. O ancora politici corrotti, guide turistiche incapaci e poligame o prostitute che avete frequentato. Il servitore reale deve avere l'atteggiamento di un bambino di sette anni, bisognoso di una guida, che teme i serpenti e vi trascina di continuo in oscuri complotti. Il vecchio saggio discenderà sempre da una nobile tribù, i suoi occhi saranno cisposi e lui sarà vicino al cuore della madre terra.

L'africano d'oggi è un grassone che lavora (e ruba) all'ufficio visti e nega permessi di lavoro agli esperti occidentali, che hanno davvero a cuore il bene del continente. Č un nemico dello sviluppo, che ostacola gli africani buoni e competenti che vorrebbero creare organizzazioni non governative e riserve protette. Oppure è un intellettuale che ha studiato a Oxford ed è diventato un serial killer di politici in doppiopetto: è un cannibale a cui piace lo champagne di marca e sua madre è una ricca maga e guaritrice.

Non dimenticatevi di inserire nel libro la donna africana denutrita che vaga seminuda nel campo dei rifugiati aspettando la carità dell'occidente: i suoi figli hanno le mosche sugli occhi e gli ombelichi tondi e lei ha le mammelle vuote e cadenti. Deve sembrare bisognosa e non deve avere né un passato né una storia (qualsiasi digressione smorzerebbe la tensione drammatica).

Si deve lamentare ma non deve spendere una parola per sé, tranne i riferimenti alla sua sofferenza. Inserite anche una figura femminile materna e sollecita, dalla risata forte, che si occupa di voi e del vostro bene e chiamatela semplicemente Mama. I suoi figli saranno tutti delinquenti.

Tutti questi personaggi dovrebbero far da contorno al vostro eroe, aiutandolo a sembrare migliore. Č lui che li può istruire, lavare, sfamare. Si occupa di moltissimi bambini e ha visto la morte. Il vostro eroe siete voi (se si tratta di un reportage), oppure un generoso aristocratico (o vip) straniero pieno di fascino tragico, che ormai si è dedicato ai diritti degli animali (se il vostro libro è di narrativa).

Tra i personaggi occidentali cattivi ci devono essere i figli dei ministri conservatori al governo, gli afrikaners, gli impiegati della Banca mondiale. Quando parlate dello sfruttamento esercitato dagli stranieri, citate i commercianti cinesi e indiani e, in generale, accusate l'occidente per la situazione del continente africano.

Cercate però di non entrare troppo nello specifico. I ritratti rapidi e approssimativi vanno benissimo. Evitate che gli africani ridano, o educhino i loro bambini, e non ritraeteli in circostanze frivole. Fategli dire qualcosa d'interessante sull'impegno europeo o statunitense nel continente. I personaggi africani dovrebbero essere pittoreschi, esotici, più grandi della vita, ma vuoti dentro, senza contrasti, conflitti e scelte nelle loro esistenze, nessuna profondità o desideri che confondano le idee.

Descrivete nel dettaglio i seni nudi, i genitali sottoposti a mutilazione e quelli di grosse dimensioni. E i cadaveri. O, meglio ancora, i cadaveri nudi. E soprattutto i cadaveri nudi in putrefazione. Ricordatevi: qualsiasi opera in cui la gente africana sembri miserevole e ripugnante sarà vista come l'Africa "vera", ed è proprio questo che volete sulla copertina del vostro libro. Non fatevi troppi scrupoli in proposito: state cercando di aiutare il continente chiedendo aiuto agli occidentali.

Il massimo tabù quando si scrive di Africa è descrivere la sofferenza e la morte di un bianco. Anche gli animali devono essere ritratti in modo complesso e articolato. Parlano e hanno nomi, ambizioni e desideri. Sono anche bravi genitori: "Vedete come i leoni istruiscono i figli?", gli elefanti sono altruisti, le femmine sono vere matriarche e i maschi dei dignitosi capibranco.

E lo stesso per i gorilla: non dite mai niente di negativo sugli elefanti o sui gorilla. Difendeteli sempre, anche quando invadono terre coltivate, distruggono raccolti e uccidono gli uomini. Descrivete i grandi felini con enfasi. Le iene invece sono un bersaglio consentito e devono avere un vago accento mediorientale.

Qualunque piccolo africano che viva nella giungla o nel deserto va descritto sempre di buon umore. Dopo gli attivisti vip e i volontari, in Africa le persone più importanti sono quelle che si battono per la tutela dell'ambiente. Non offendetele. Avete bisogno che v'invitino nelle loro riserve da diecimila metri quadrati, perché è l'unico modo a vostra disposizione per incontrare e intervistare gli attivisti vip.

Mettere in copertina l'immagine di uno (o una) che si batte per l'ambiente, con l'aria intrepida e lo sguardo ispirato, funziona benissimo in libreria e vi farà vendere un sacco. Chi può essere considerato così? Be', qualsiasi bianco, abbronzato, con vestiti tinta kaki, che almeno una volta abbia accudito un antilope o possegga un ranch è uno (o una) che sta cercando di tutelare il ricco patrimonio naturale dell'Africa. Quando l'intervistate, non fate domande sul denaro; non chiedete quanti soldi ne ricava. Soprattutto, evitate qualsiasi riferimento alla paga che dà ai suoi lavoranti.

Se vi dimenticate di citare la luce africana, i vostri lettori rimarranno stupiti. E i tramonti. Il tramonto africano è d'obbligo. Č sempre grande e rosso e il cielo è vastissimo. Gli enormi spazi aperti e gli animali da cacciare sono i punti focali. L'Africa è la terra degli enormi spazi aperti. Quando descrivete la flora e la fauna, ricordatevi di dire che l'Africa è sovrappopolata.

Invece, quando il vostro protagonista si trova nel deserto o nella giungla in mezzo agli indigeni è bene avvisare il lettore che l'Africa è stata spopolata dall'aids e dalla guerra. Vi servirà anche un nightclub chiamato Tropicana dove s'incontrano i mercenari, i malvagi parvenu indigeni, le prostitute, i guerriglieri e gli esuli. In ogni caso, chiudete il vostro libro con Nelson Mandela che dice qualcosa sugli arcobaleni e sulle speranze di rinascita. Perché voi ci tenete.

Binyavanga Wainaina uno scrittore e giornalista keniano. Ha vinto il Caine prize for african writing.


PS: La vendetta (ma stavolta traducetelo voi ; - ))

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/09/2011 @ 11:19:06, in media, visitato 1324 volte)

Da British_Roma

National Union of Journalists
NUJ richiede l'accesso a Dale Farm per riferire in merito agli sgomberi

01/09/2011 - NUJ ha condannato la notizia che il Consiglio della Contea dell'Essex intende limitare l'accesso dei media durante lo sgombero di massa dei Viaggianti presso il sito di Dale Farm a Basildon, domani venerdì 2 settembre.

Lo sgombero può iniziare in ogni momento, ma il Consiglio non intende spiegare e giustificare la propria intenzione di bloccare gli accessi stradali verso il sito di Dale Farm.

Michelle Stanistreet, segretario generale NUJ, ha detto: "Il mondo ha gli occhi puntati su Dale Farm. Osservatori delle Nazioni Unite e gente romanì da tutta Europa hanno visitato il sito nell'Essex, dove molti residenti stanno per affrontare uno sgombero. C'è un chiaro interesse pubblico nella storia ed il consiglio non deve reprimere e limitare l'accesso dei media. Richiamiamo con urgenza il consiglio a riconsiderare la propria decisione."

Jess Hurd, presidente della sezione fotografi londinesi del NUJ, ha detto: "Questa è una grave violazione della libertà di stampa, il consiglio non ha alcun interesse a limitare l'accesso dei media a Dale Farm. Ho coperto la lunga campagna di lotta dei Viaggianti, la battaglia legale e la vita a Dale Farm durante gli ultimi 5 anni. Le immagini di uno sgombero forzato di massa potrebbero fornire una cattiva immagine del consiglio, ma questo non ha l'autorità di ostacolare la stampa ed il controllo pubblico. La copertura dello sgombero è una questione di diritti umani di importanza internazionale ed ai giornalisti non deve essere impedito di compiere il loro lavoro."


NdR: la testimonianza di chi c'era.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/09/2011 @ 09:04:54, in sport, visitato 1182 volte)

Da Bulgarian_Roma

YAHOO! News - 23 agosto 2011

Bucarest, 23/08/2011 - Il Consiglio Rumeno di Lotta alla Discriminazione si è rivolto alla UEFA dopo i commenti "razzisti" formulati dal presidente del club bulgaro di calcio CSKA Sofia contro i giocatori rom.

"Il Consiglio Nazionale di Lotta alla Discriminazione (CNCD) apprende con preoccupazione le dichiarazioni razziste di Dimitar Borisov, presidente del CSKA Sofia, a proposito dell'etnia dei giocatori di calcio della squadra dello Steaua Bucarest", ha detto Csaba Astzalos, presidente del CNCD, in una lettera inviata a Michel Platini, presidente della UEFA.

I commenti risalgono a settimana scorsa dopo la partita di Europa League tra Steaua Bucarest e CSKA Sofia, vinta dalla squadra rumena per 2-0.

"Il contesto in ci sono state usate le parole -spazzatura- e -sporco- riferite alla squadra dello Steaua ed in particolare ai due giocatori di origine rom, è critico tanto della comunità rumena che di quella rom, creando un'atmosfera ostile, degradante, umiliante ed offensiva," dice Astzalos nella lettera ottenuta da AFP.

Secondo il CNCD Borisov avrebbe detto: "I Rumeni chiamano star due sporchi calciatori. Li impiegherei nella mia azienda a raccogliere la spazzatura. Si inserirebbero perfettamente!"

Bulgaria e Romania contano importanti minoranze rom. Secondo l'Unione Europea e diverse OnG, l'etnia rom in tutta Europa affronta numerose discriminazioni.

Il CNCD ha chiesto agli organi di governo del calcio europeo di "prendere misure appropriate per prevenire e combattere la discriminazione" ed "eliminare questo tipo di comportamenti".

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/09/2011 @ 09:26:33, in casa, visitato 1136 volte)

Semplice notizia di cronaca. Ho messo in corsivo il secondo e il terzo paragrafo, che descrivono l'assurdità della situazione che si sta creando

Lamezia Terme - Tutto legittimo. L'assegnazione delle case popolari ai rom sfollati da Scordovillo non fa una grinza per il Tribunale amministrativo regionale di Catanzaro. A cui si sono rivolti dieci residenti di San Pietro Lametino per arginare la calata degli zingari nel loro quartiere.

Era il 10 maggio scorso quando i residenti di San Pietro Lametino, la frazione più a Sud della città, hanno protestato davanti ai cancelli delle case popolari dove stavano per arrivare due famiglie rom, sei persone in tutto, bambini inclusi. Erano gli assegnatari degli alloggi popolari colpiti dalla sindrome "nimby": mandateli dove volete, ma non vicino casa nostra.

A mandarli era stato il Comune con decreti ad hoc firmati dalla dirigente del settore politiche sociali Teresa Bambara. «Se li porti vicino casa sua la dirigente», dicevano molte delle persone che hanno messo in scena un sit-in durato qualche ora. Quando già i furgoni degli zingari, pochi mobili poveri ammassati l'uno sull'altro, erano arrivati davanti al cancello trovandolo chiuso. Anzi occupato dagli abitanti del posto.

L'iniziativa municipale è stata forzata. C'è un decreto di sgombero di Scordovillo firmato dal procuratore della Repubblica Salvatore Vitello e dal sostituto Domenico Galletta. Per i magistrati il campo rom è malsano, inquinato, e ad alta densità criminale. Si trova nel cuore della città ed è una bomba sociale innescata quotidianamente. Una situazione che conosce bene ogni lametino, ma sulla quale finora era stato fatto ben poco. Tanto che da quarant'anni Scordovillo è lì e cresce a dismisura. Fino a diventare una "città proibita" di oltre 500 abitanti, tutti cittadini lametini registrati all'anagrafe. Che votano.

Il Tar presieduto da Giuseppe Romeo, con relatore Daniele Burzichelli, è stato chiarissimo. «I provvedimenti impugnati, a differenza di quanto sembra riteere il ricorrente, non dispongono l'approvazione di un progetto per villaggio nomadi, ma semplicemente l'assegnazione di quattro alloggi Aterp a distinti nuclei familiari». Solo due di questi sono stati trasferiti. Sempre il giudice amministrativo sottolinea che gli immobili sono stati resi abitabili dai lavori eseguiti dall'Aterp. Da qui il rigetto del ricorso presentato da dieci cittadini patrocinati dagli avvocati Bernardo e Lelio Marasco. A rappresentare il Comune è stato l'avvocato Alessandra Belvedere, capo dell'ufficio legale municipale.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 01/09/2011 @ 09:18:04, in media, visitato 962 volte)

(cliccare sull'immagine per la visione dell'anteprima.)

Documentario girato in undici Paesi europei, vincitore del Montreal World Film Festival. Recensione su Montrealgazzette.com (in inglese)

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 31/08/2011 @ 09:34:31, in casa, visitato 2209 volte)

Su Facebook la fotostoria commentata

Le prime notizie da Dale Farm, le tradussi dall'inglese in italiano circa 10 anni fa. La storia di questa lunga vertenza l'ho già indicata altre volte, oppure le trovate sul blog di Dale Farm in inglese.
Dopo tanto tempo di conoscenza solo virtuale era ora di conoscersi personalmente, ed il Big Weekend è stata l'occasione.
Ma, come mi sono poi reso conto quando ho cominciato a respirarne l'atmosfera, la solidarietà è una comunicazione a due vie: la situazione per i Rom e i Sinti in Italia è altrettanto difficile di quella dei fratelli Travellers in Gran Bretagna, ed allora, quale posto migliore per imparare qualcosa, se non dove resistono da 10 anni ai tentativi di sgombero?

Qualche particolare utile: la lunga lotta dei Travellers nella difesa dei loro terreni sta vivendo una nuova fase. Circola voce (ma manca qualsiasi comunicazione scritta) che venerdì 2 settembre verranno chiuse le strade circostanti e che si taglieranno i rifornimenti di acqua e di elettricità, mentre lo sgombero vero e proprio di 400 persone su 1.000 abitanti potrebbe avvenire attorno a metà settembre, con l'impiego della compagnia privata Constant & co. che già in passato è stata messa sotto accusa per i metodi inumani impiegati.

Nel fine settimana ci sono stati incontri, aperti anche alla cittadinanza, in cui sono state presentate la storia e la lunga lotta per i diritti dei Travellers. Poi si sono susseguite innumerevoli riunioni e laboratori, che hanno visto la partecipazione di molti dei residenti di Dale Farm, volte ad organizzare la resistenza nella prossime settimane. I punti principali sono stati le varie tecniche di resistenza non-violenta, la ricerca di posti alternativi dove si riverseranno gli sfrattati, i vari aspetti legali e giuridici della vicenda.
Molto interessanti, per chi segue vicende simili in Italia, i seminari legati alla figura dell'Osservatore Legale. Su Ldmg.org.uk potete trovare informazioni in inglese, altrimenti ho intenzione di tradurre appena possibile alcuni loro documenti in italiano.

Più complicata la questione, anche questa dibattuta a lungo, del rapporto coi media (locali e nazionali) e i social network. Da una parte emerge la necessità di aprirsi all'esterno, dall'altra nei fatti prevale la paura per quanto potrebbe succedere, sia agli abitanti che ai sostenitori, per cui tutte le comunicazioni verso l'esterno vengono molto accentrate. A tal proposito ho ripreso pochissime persone, proprio per proteggerne la sicurezza, chiedendo loro permesso prima di scattare ogni foto. Ciononostante i giornali locali hanno riempito le loro pagine di immagini riprese senza alcuna autorizzazione.
Ulteriori notizie in questo .pdf

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 31/08/2011 @ 09:09:26, in Italia, visitato 1514 volte)

Mi è stato suggerito da Ernesto Rossi un provocatorio esperimento: prendere la seguente notizia di cronaca e sostituire le parole rifugiati/profughi con zingari. Che ve ne pare del risultato?

ACCOGLIENZA, NON EMERGENZA Il Comune di Milano primo caso in Italia di gestione diretta dell'accoglienza degli zingari

Uscire dalla logica dell'emergenza ed offrire un'accoglienza umana ai tanti disperati che cercano rifugio nella nostra città. Il Comune di Milano fa da pioniere a livello nazionale nella gestione dell'assistenza zingari, ad oggi affidata alla Prefettura. Sarà la sede della Protezione civile di via Barzaghi ad ospitare a turni di 15 giorni fino al 20 settembre i circa 350 zingari- tra quelli già presenti in città e quelli in arrivo- a costo zero per il Comune (Il Governo mette a disposizione 46 euro al giorno per persona).

"Potevamo accettare che venissero messi in hotel a spese del governo e far finta di nulla lasciandoli al loro destino - ha spiegato l'Assessore alla politiche Sociali Pierfrancesco Majorino - invece abbiamo scelto di farcene carico governando questo flusso di presenze grazie alla collaborazione con il terzo settore". Nei 15 giorni di permanenza nel centro, ogni persona accolta, dopo essersi visto riconosciuto lo status di rifugiato politico da una commissione territoriale supplementare composta da rappresentanti della Prefettura, della Questura, dell'assessorato alle politiche sociali e dell'Acnur (Alto commissariato delle nazioni unite per irifugiati), verrà sottoposto a visite mediche e colloqui psicologici. Saranno inoltre messi a disposizione mediatori culturali e linguistici che aiuteranno queste persone nel percorso di inserimento sociale o nel rimpatrio assistito e le indirizzeranno verso altre strutture di accoglienza.

Sono diversi i ricoveri in cui gli zingari possono trovare asilo: la Cascina Monluè, gli appartamenti delle associazioni Arca e Aspi, la casa di accoglienza di via Ortles, si aggiungono oggi ai ricoveri offerti dalla parrocchia Pentecoste, dall'associazione missionari Cuore Immacolato di Maria, dalla Caritas di via Arici, da casa Silvana, da casa del Giovane, da casa Cardinal Colombo e dal centro di prima accoglienza di via Saponaro. "Fino ad oggi a Milano c'e' stata una grande assenza di coraggio sulla messa a disposizione dei posti per gli zingari- ha sottolineato Majorino- è assolutamente necessario aumentarne il numero perché le emergenze umanitarie non possono essere messe sotto il tappeto della politica, una città come la nostra deve diventare pronta per l'imprevedibilità di queste situazioni". Ogni 15 giorni l'assessorato alle politiche sociali fornirà dati sulla situazione degli arrivi e sulla gestione delle presenze nei vari quartieri. "Sarà una prima risposta accogliente ed efficiente- ha affermato l'Assessore alla Sicurezza e Protezione Civile Marco Granelli- degna di una città moderna europea che si fa carico delle conseguenze della critica situazione internazionale nel mediterraneo e nel continente africano".

(l'originale era di Giulia Cusumano NDR)
 

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 30/08/2011 @ 09:13:47, in Kumpanija, visitato 1326 volte)

Ancora a Dale Farm, ultimo giorno. Se non mi perdo, domani dovrei essere in Italia.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


17/11/2019 @ 02:56:02
script eseguito in 210 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 368 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source