Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 18/01/2012 @ 09:00:27, in Regole, visitato 1108 volte)

Il campo della Barbuta (Omniroma) Corriere della Sera - «Le operazioni di raccolta delle impronte effettuate negli insediamenti romani hanno riguardato esclusivamente rom e sinti»

ROMA - Oltre 30 pagine di Memorandum il cui senso è tutto nel titolo: «Violazione della normativa nazionale, internazionale e dei diritti fondamentali dei rom e dei sinti da parte delle autorità italiane nella procedura di richiesta protezione internazionale e nella raccolta di rilievi dattiloscopici e fotografici nella città di Roma». Sotto accusa, in altre parole, è il censimento delle comunità rom avviato sul territorio capitolino. A lanciare l'allarme è l'associazione 21 luglio: «Le operazioni di raccolta delle impronte effettuate negli insediamenti romani – denuncia l'associazione – hanno riguardato esclusivamente rom e sinti al di là del loro status giuridico. Sotto la copertura fornita dalla definizione di "nomadi" – proseguono dall'associazione – sono stati interessati dalla procedura tutti e solo i componenti della comunità rom e sinti presenti nei campi».

«DIRITTI VIOLATI» – Secondo alcune testimonianze raccolte nel Memorandum, che l'associazione 21 luglio consegnerà al Comitato per l'eliminazione della discriminazione razziale dell'Onu, sarebbero stati schedati «anche cittadini rom con carta d'identità italiana». L'associazione evidenzia inoltre il "vuoto normativo seguito alla illegittimità dello stato di emergenza legato alle comunità rom e alla questione sicurezza». Anche per questo l'associazione chiede lo «stop delcensimento nel campo de La Barbuta»: «Il Piano nomadi del Comune è una azienda che dà lavoro a 450 persone e costa all'amministrazione 500 euro per ogni persona rom presente nei campi che sono una aberrazione tutta italiana».

Barbacche a La Barbuta (Proto)

CLASS ACTION DEI ROM – «Da martedì una task force sarà inviata nei campi rom – annunciano i responsabili dell'associazione – per verificare se altri cittadini italiani di origine rom hanno avuto lo stesso trattamento: avvieremo una azione legale con carattere risarcitorio». Mentre già dallo scorso 14 novembre, l'associazione ha avviato un'azione penale nei confronti dell'ex prefetto-commissario straordinario per l'emergenza nomadi nel Lazio, promossa da un cittadino rom italiano sottoposto alla procedura di fotosegnalamento. Il legale dell'associazione, Aurora Sordini, elenca «le violazioni contestate alle autorità»: «In primis la violazione del diritto al rispetto della vita privata e famigliare e del diritto di non discriminazione».

PIANO NOMADI E CENSIMENTO – A fronte delle 5 mila persone rom sottoposte alle procedure di identificazione, si legge nel report, al 31 luglio del 2011 sono stati 119 i permessi di soggiorno rilasciati dalla Questura per motivi umanitari. «Secondo i riscontri effettuati – sostengono ancora dall'associazione 21 luglio – al termine della procedura di richiesta protezione internazionale molti rom, apolidi di fatto, non hanno potuto ottenere il permesso di soggiorno perché privi di passaporto». Durante la presentazione del Memorandum l'associazione ha inoltre chiesto alle autorità competenti «la chiusura dello sportello, ubicato nei locali della Questura di Roma, dedicato esclusivamente alla procedura di raccolta di foto e impronte che ha coinvolto la comunità rom e sinti» e la «cancellazione di tutti i dati raccolti in base alla dichiarazione dello stato di emergenza», dati «la cui raccolta non è legittimata» e che comprendono «foto con interi gruppi familiari o minori di 14 anni con i genitori».

LA REPLICA DELLA QUESTURA - Nessun database solo per i rom, l'ufficio «Nomadi» è solo «una comodità». Così Maurizio Improta, dirigente dell'Ufficio immigrazione rigetta le accuse della «21 luglio». «L'attività di prefettura e questura è stata corretta. Abbiamo anche chiuso un occhio su furto e ricettazione» Secondo Improta, però, non c'è nessuna schedatura su base etnica. «Il rilascio del permesso di soggiorno per lavoro, o per studio, presuppone il rilascio delle impronte - ha aggiunto - e il fotosegnalamento. L'identificazione presso la scientifica indica l'altezza, tutti dati biometrici che sono previsti. Noi italiani per avere il passaporto ormai lasciamo le impronte digitali, ma non è stata fatta una banca dati a parte. Tutti i dati vanno a confluire in una banca dati centrale dei richiedenti asilo». Per Improta, quindi, le accuse della «21 luglio» sono «una lettura non corretta di quella che è stata una corretta attività di assistenza, una procedura prevista dall'Unione con la valutazione in alcuni casi di eventuali precedenti ostativi».

Simona De Santis - 16 gennaio 2012 | 19:18


Nota della redazione: Insomma: lettura corretta o no? QUI scaricate il rapporto e ve ne fate un'idea

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/01/2012 @ 09:54:04, in media, visitato 2276 volte)

Immagine da chupacabramania.com. Precisazione necessaria: le indagini sono ancora in corso e lo scritto che segue è di ieri pomeriggio.

La storiaccia dell'omicidio del vigile Nicolò Savarino l'ho seguita sin dall'inizio: troppo fresco il ricordo del rogo alle Vallette solo un mese fa; confesso che la mia paura era che si ripetesse quel meccanismo che aveva trasformato un articolo di giornale in una miccia accesa gettata in quartiere periferico, probabilmente non più brutto di molti altri ma pronto a trasformarsi in polveriera sociale.

Responsabilità giornalistiche a parte (le vedremo in seguito), la mia disillusa conclusione era che tra carta stampata e lettori non ci fossero differenze: uno alimenta l'altro complici nel linguaggio, nelle ripetizioni, nei luoghi comuni, nella voglia di distinguersi... nel mostrare e richiedere INDIGNAZIONE a breve termine.

I giornali di per sé, non farebbero più danno di tanto, ma avevo assistito (praticamente in presa diretta) allo schierarsi dei vari lettori, nei commenti alle testate e sui social network. Da lì è iniziato tutto: i primi due giorni sono stati una cartina di tornasole per chi fa informazione, è emerso cosa si voleva ottenere da questa vicenda, dove in seguito tutti si sono scatenati.

Ammesso che vogliate continuare la lettura, ricordate quella che è stata una costante di tutte queste indagini: NON SAPPIAMO ANCORA CHI SIA L'ASSASSINO. E' stata fermata una persona, la cui reale identità è TUTTORA IGNOTA.

La certezza è che è stato commesso il crimine. Che in una maniera o nell'altra erano coinvolti degli ZINGARI. Ho usato apposta quella parola, perché da sola è bastata a scatenare una reazione simile in due fasce opposte di lettori: chi si batte per il miglioramento delle condizioni di vita di Rom e Sinti, e chi all'opposto è razzista a prescindere. La reazione possiamo sintetizzarla in poche parole: "E' INUTILE DARSI DA FARE! C'E SEMPRE QUALCUNO CHE ROVINERA' TUTTO IL LAVORO FATTO IN PRECEDENZA!"(1) e a qualcun altro non parrà vero di poter ripetere "VOI ZINGARI..."

Purtroppo, sono i razzisti e gli intolleranti a nutrirsi di certezze, di solito chi è antirazzista vive continuamente nei dubbi. A tutti e due, risponderei con quello che ha scritto sabato un giornale che non è certo sospetto di simpatie per i rom:

    "L’uccisione di ieri è il terzo caso in pochi mesi di follia al volante in Lombardia. Il 19 novembre, a Cremona, un pensionato di 76 anni, Guido Gremmi, era stato travolto e ucciso dopo una lite per un parcheggio destinato alla sua compagna disabile, Bruna Dondi, 79 anni. L’investitore, Angelo Pelucchi, ex imprenditore di Bassano Bresciano, incensurato, si era costituito l’indomani ai carabinieri.
    Cinque giorni dopo, il 24 novembre, è stato condannato a sedici anni di carcere per omicidio volontario Vittorio Petronella, il 71enne pensionato che, il 25 luglio scorso inseguì, travolse e uccise il 35enne Alessandro Mosele. I due litigarono a un semaforo in Via Andrea Doria per motivi di viabilità, e Petronella, ex direttore commerciale di un’azienda, si gettò all’inseguimento di Mosele che era in sella al suo scooter. Il pensionato ha sempre detto di non aver avuto intenzione di uccidere e di non avere urtato il 35enne, a differenza di quanto dichiarato dai testimoni sentiti dalla Procura." vedi IL GIORNALE
Insomma, chi è rom e chi non lo è, sembra "integrato" allo stesso livello, senza differenze di razza o nazionalità. Può non piacere, ma questo è un altro discorso.

Le indagini proseguono e, ripeto, comprendo il riserbo degli inquirenti nel far trapelare le notizie. Ma come fare, in assenza di dati certi, a vendere giornali? Provate a pensare, sapendo quante poche copie si vendono in Italia, se voi foste un redattore rinuncereste a sguazzare nel fango con una storia simile?

E' così che la nazionalità e la razza dei presunti colpevoli sono diventate un ingrediente indispensabile di ogni articolo: di volta in volta: rom, sinti (a volta assieme, oppure separati), tedeschi, slavi, italiani...

E qua comincia il gioco sporco, a cui hanno partecipato TUTTI i quotidiani, ben sintetizzato in questo pezzo di Giornalismi.info. Nel frattempo, il maggior giornale italiano ieri esordiva così:

    Vigile ucciso, le mille identità del serbo fermato in Ungheria per omicidio
    MILANO - Goico Jovanovic, tedesco di 24 anni o Reni Nicolic, di 17 anni francese? O forse Goico Nicolic di 21 anni? O invece si tratta del palermitano Davide Jovanovic di 26 anni?...

C'è un'evidente contraddizione tra titolo ed apertura. Questo SIGNOR NESSUNO potrebbe essere contemporaneamente tedesco, francese o palermitano, ma nel titolo chissà come, diventa serbo. Altri giornali, dopo le iniziali incertezze, hanno invece martellato sul fatto che la sua identità sarebbe tedesca, ma di origine "slava".

C'è dietro tutto un gioco per dipingerlo differente da "noi": ma allora denominiamolo pregiudicato, europeo, di nazionalità non ancora identificata...

Sfugge a molti la natura CULTURALE (nel senso più ideologico del termine) di un'operazione simile: per questioni di "correttezza politica" nessuno vuole usare la tanto disprezzata parola ZINGARO (quella viene lasciata ai commentatori plebei), però si vuole lasciarne il senso di alterità, di estraneità: uno zingaro non può essere italiano, tedesco, francese (o palermitano); e visto che stavolta la Romania non può essere tirata in ballo, dev'essere slavo per forza, anche se non sappiamo ancora chi sia.

Dico CULTURALE per diverse ragioni: zingari (continuo apposta ad usare un termine dispregiativo) italiani esistono da secoli, lo stesso vale per quelli tedeschi e francesi. La loro continua richiesta dal II dopoguerra è stata di essere "integrati" (termine alquanto ambiguo) come qualsiasi altro cittadino. No, ci dicono le cronache, se si tratta di delinquenti noi MEZZI DI INFORMAZIONE, smetteremo di essere buoni, e torneremo ai vecchi stereotipi come nel fascismo, dello slavo, rumeno, albanese che per forza è sanguinario, irrecuperabile e di sangue zingaro.

Ma visto che da allora è passato qualche decennio, cambiano i termini: zingaro è diventata una parola tabù, come ebreo. E difatti le prime cronache parlavano di due persone di etnia rom-sinti. Molti sono insorti dicendo che o si uno o si è l'altro e che era come descrivere una persona come un tunisino-peruviano. Io invece credo che rom-sinti sia stato usato in piena coscienza, sapendo che i due termini assieme avrebbero richiamato la parola proibita: ZINGARO.

Ad un certo punto, per non destare più dubbi, accanto a "tedesco di origine slava" appare un terzo termine: "nomade", che tra tutti è il più ipocrita. Che significa? Che nazionalità o razza è? E se il colpevole avesse per caso una casa (è probabile, ancora non siamo certi chi sia in realtà, l'unica cosa che sappiamo di lui è che i soldi gli girano e di case può permettersene più di una), perché usare "nomade"?

Abbiamo poche certezze, in questa storia, una di queste è che comunque la persona fermata è "un poco di buono". Non lo difendo di sicuro, mi spaventa però questo AUTOMATISMO MEDIATICO per cui se sei un malfattore, ancora prima di essere identificato sarai rom o sinto (quindi perderai il diritto a vederti riconosciuta una nazionalità) e se lo sei sarai per forza un "nomade" (sorvolando sul fatto che rom e sinti in Germania da decenni hanno riconosciuto il diritto alla casa). Dimenticando in un sol colpo, prima della deontologia professionale, che gli assassini esistono dappertutto, spesso abitano in case del tutto simili alle nostre, senza simili processi di stigmatizzazione.

Mi capita sempre, a questo punto, qualche anima candida che dice che la mia è una difesa ad oltranza di chi fa di tutto per meritarsi una cattiva fama. Se anche fosse, non vi sentireste presi in giro da chi invece di ragionare a fatica (e sapeste che fatica...) vi sta sfruttando come cavie mediatiche da laboratorio, sapendo quali sono i vostri punti deboli e volendo a forza solleticare i vostri peggiori istinti?


1: sempre ieri un grande ha compiuto 70 anni. Me lo ricordo a Kinshasa, un'intervista prima della sfida contro un campione più giovane e potente: "Io," diceva pressappoco così, "sono già andato al tappeto altre volte, lui mai. Io so rialzarmi, lui non si sa. E' per questo che penso di avere un'arma in più di Foreman."

Articolo Permalink Commenti Oppure (4)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/01/2012 @ 09:58:00, in scuola, visitato 1136 volte)

Segnalazione di Luca Klobas. Scrivevo quest'estate, sempre a proposito di un articolo del medesimo giornalista (credo):

    Un altro fenomeno preoccupante di razzismo istituzionale, che riguarda diversi paesi dell'Europa centro-orientale, è quello della segregazione scolastica dei bambini rom posti, senza ragione alcuna, in classi differenziali. Sarebbe un discorso molto lungo, che si potrebbe riprendere in seguito (magari prima di farvi stupire da un ennesimo articolo che troverete in rete), se nel frattempo volete informarvi leggete, prendendovi il tempo che vi necessita, QUI.

Il Piccolo - Classi solo per rom, scontro in Slovacchia
Per la prima volta una sentenza impone di eliminare la separazione tra i banchi. La scuola si oppone

BELGRADO
I contendenti: le autorità scolastiche e un tribunale. Il pomo della discordia: gli alunni rom di una scuola elementare in Slovacchia, quella del paesino di Sarisske Michalany. Sarà una questione che farà discutere ancora a lungo quella nata nel distretto di Presov, nel Nordest del Paese. Il caso è scoppiato con la decisione di una Corte distrettuale locale di sanzionare, per la prima volta nella storia slovacca, la pratica di un istituto scolastico di separare gli alunni di etnia rom da quelli slovacchi "puri". Alla scuola sono iscritti 430 studenti, di cui più della metà rom. Delle 22 classi attive, ben 12 sono riservate ai soli zingari. Tutte collocate su un piano diverso da quelle degli altri ragazzi, per aumentarne ancor più la distanza e l'esclusione.

Secondo la sentenza, i dirigenti scolastici hanno 30 giorni per creare classi miste ma la scuola si oppone. «Stiamo preparando un appello contro la decisione della Corte», ha dichiarato la direttrice Maria Cvancigerova al quotidiano slovacco d'indirizzo liberale "Sme". «Non discriminiamo nessuno, al contrario. Cerchiamo di aiutare i bambini rom» ha rincarato, giustificandosi col fatto che le classi "speciali" consentono di seguire meglio i rom, che spesso «non parlano slovacco, non rispettano le norme basilari d'igiene e non sono assistiti dai genitori, fattori che li condannerebbero a fallire se inseriti in classi miste», ha spiegato un'altra insegnante al giornale. La questione ora ritornerà nelle mani dei giudici – e il rappresentante del governo per la questione rom si è già schierato dalla loro parte – ma intanto i residenti "non-rom" del villaggio parteggiano compatti a favore della separazione. Minacciano di togliere i propri figli dall'istituto e di costringerli al pendolarismo pur di evitare le classi miste. Malgrado le promesse e gli sforzi delle autorità nazionali, la segregazione dei rom nel sistema educativo in Slovacchia è una consuetudine ancora molto diffusa. Secondo il commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa Thomas Hammarberg, che ha pubblicato a fine dicembre un nuovo rapporto sulla Slovacchia, la segregazione prende forma attraverso «l'assegnazione sproporzionata di bambini rom a scuole speciali per bimbi con disabilità mentali o con l'inserimento degli alunni rom in classi o scuole solo per rom». Un'abitudine, come dimostra il caso di Sarisske Michalany, difficile da estirpare.

(s.g.) - 13 gennaio 2012

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/01/2012 @ 09:19:53, in blog, visitato 913 volte)

Da Roma_Francais

Salve,

Con l'inizio dell'anno nuovo, vi informiamo sulla pubblicazione del sito di Gérard Gartner, scrittore e scultore rrom.

Mutsa (gatto in lingua rromanì) Si dice di un gatto... che abbia molte vite, calderaio, e poi pugile dilettante e professionista, attore, ti assicurerà la protezione di un ministro alla cultura, sarà barista, facchino alle halles, imbalsamatore, poi il suo vagare vi porterà nell'ambito artistico, verso l'impegno nell'ambiente rrom e finalmente alla scrittura.

Un sito con molte foto, video e testi che raccontano la storia di Rrom illustri, artisti ed attivisti in Francia. [...]

Gérard Gartner ha inteso creare un sito per riunire le informazioni relative al suo percorso familiare, professionale, artistico e di attivista.

Questa raccolta di documentazione è ricca di insegnamenti su soggetti tanto differenti come l'identità rromanì, l'arte e la creazione, l'attivismo dei Rrom nei campi culturali ed artistici.

C'è un catalogo di alcune opere. [...] Qui è possibile contattarlo.

Association "La voix des Rroms"
50, rue des Tournelles
75003 PARIS
http://www.lavoixdesrroms.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/01/2012 @ 09:10:33, in Italia, visitato 982 volte)

Segnalazione di Alberto Maria Melis

Nuovo Corriere BARISERA 10 gen 2012 - Un primo piano di una delle protagoniste della performance di Teadrom su gli autobus baresi

BARI – "No, grazie non vogliamo nulla da voi, non abbiamo spiccioli". Sembra proprio che il pregiudizio nei confronti dei Rom sia ancora presente nella comunità barese, almeno tastando le reazioni su autobus e ai semafori delle persone che involontariamente sono stati coinvolti nel progetto 'Teadrom'. Le reazioni sono state immortalate in un video conclusivo dell'iniziativa messa in campo dall'associazione Ri-belle di Bari che a partire da questa estate ha organizzato seminari e spettacoli con la forma espressiva del teatro di strada (in lingua romanès "drom" significa strada). "La collaborazione fra ragazzi rom (sette) e gadjè (non rom, una ventina in tutto) – spiega uno dei responsabili delle attività Gabriele Di Palma – ha favorito il dialogo e la conoscenza reciproca, ha potenziato le capacità espressive e immaginifiche di ciascuno e la fiducia in sé stessi. A rotazione i ragazzi coinvolti (i rom fanno parte di un interno nucleo familiare di 11 persone, ndr) hanno realizzato un esperimento di teatro invisibile. Sono saliti sugli autobus cittadini facendo finta di non conoscersi. Hanno cercato di regalare un portaoggetti in plastica (realizzato con bottigliette di plastica tagliate e chiuse con una zip, ndr) contenente un fiore di stoffa e un volantino che spiegava il progetto. Durante lo spettacolo le persone si spostavano e quando io fingendomi un ragazzo italiano precario ho chiesto denaro ai rom, sono rimasti a bocca aperta. Anche ai semafori nessuno voleva accettare il dono". Ora il nucleo familiare (11 persone con bambini dai 20 ai 2 anni) cerca una casa. "Ora vivono in condizioni precarie a Foggia – conclude Di Palma – ma stiamo trattando con la Chiesa di San Sabino per una casetta a Sannicandro. Speriamo che così possano riprendere a vivere".

Fiorella Barile

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/01/2012 @ 09:11:36, in media, visitato 1764 volte)

Foto ANSA

Qualcuno potrebbe spiegare a questo Michele Focarete, redattore del più importante quotidiano italiano, che "rom" e "sinti" non sono due sinonimi intercambiabili da usare a cazzo? Letto su Facebook

Le distinzioni non sono per i giornali, che si chiamino Libero, Corriere oppure Repubblica. A fare distinzioni c'è sempre il rischio che qualcuno si faccia domande, ed allora meglio vendere certezze.
Se poi qualche lettore esaltato si fa prendere la mano, come il mese scorso nel rogo torinese, allora ci si spargerà il capo di cenere e si farà i bravi per qualche mese; così nel nome della "libera concorrenza in libera informazione" ci sarà qualche altro foglio a scrivere articoli altrettanto irresponsabili. Magari, basterebbe poco, ad esempio riscoprire la vecchia regoletta "le notizie separate dai commenti".

Ma in fondo i giornali in Italia li leggono in pochi, e la maggior parte dei lettori si fermano al titolo.
E questi lettori, che sono pure democratici, istruiti ecc. assomigliano molto ad un titolista: solo un po' più frustrati di non essere un giornalista, anche se sfruttato e sottopagato. Cercano titoli da ripetere: alla suocera, al bar, su Facebook o su Twitter... dove mostrare quanto siano sensibili, aggiornati, attenti (insomma: esattamente il contrario di ciò che sono in realtà).

Vogliono mostrarsi indignati, non importa per che cosa. I primi lanci della notizia li ho letti giovedì sera tardi: a molti non è sembrato vero di avere un motivo per prendersela contro gli odiati SUV che occupano la città. Questo il commento alla notizia di una persona che conosco come molto civile ed impegnata:
"Prima di metterlo in galera e buttare la chiave, lo farei anche rotolare nudo in un campo di ortiche, lo porterei al ponte sull'Adda e lo appenderei a quell'elastico, lo lascerei così a testa in giù una notte intera....e molto, molto altro ancora, si lo torturerei, ecco!"

Il giorno dopo salta fuori quello che molti nei campi temevano: sono coinvolti degli "zingari". Cambia il "focus", ma resta l'indignazione artificiale di avere qualcosa contro cui scagliarsi. Basta scorrere i commenti su Il Giornale o anche sul Corriere, altrettanto superficiali ed uniformati di quelli del giorno prima, anche se di segno opposto.

Insomma: SUV e ZINGARI come monete intercambiali di indignazione. La ricerca di un nemico necessario per ribadire la propria presenza.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/01/2012 @ 09:59:33, in casa, visitato 927 volte)

Repubblica.it Dove da quattro anni vivono famiglie di ex nomadi strappate alla miseria dei campi abusivi. Nessuna roulotte o alloggi di fortuna, stufe a gas e letti improvvisati. Qui tutti hanno il loro appartamento. E una serie di regole da rispettare: i figli a scuola, un lavoro, essere alla larga della criminalità. Un patto di cittadinanza con i volontari dell'Associazione Terra del Fuoco
di LORENZA CASTAGNERI


TORINO - Un condominio dalla facciata gialla alla periferia di Settimo Torinese. Un'altalena, uno scivolo e qualche altra giostrina per bambini nel piazzale davanti all'ingresso. Qui, da quattro anni, vivono famiglie Rom strappate alla miseria dei campi abusivi. Niente più roulotte o alloggi di fortuna, stufe a gas e letti improvvisati. Qui tutti hanno il loro appartamento. E una serie di regole da rispettare: mandare i figli a scuola, trovare un lavoro, tenersi lontani dalla criminalità, pulire gli spazi comuni. Diritti e doveri. E' questo il patto di cittadinanza con i volontari dell'Associazione Terra del Fuoco.

L'inizio della storia. Tutto comincia poco più di cinque anni fa a Borgaro, altro centro della cintura torinese a pochi chilometri da Settimo. In una fredda giornata di metà novembre, va a fuoco un campo nomadi. Centinaia di persone si ritrovano senza un posto in cui andare. Di loro si prende cura Terra del Fuoco. E' allora che nasce l'idea del Dado. I volontari bussano alle porte dei Comuni della zona: serve uno stabile non utilizzato che i rom possano ristrutturare per poi andarci a vivere. Si chiama autorecupero. E' una soluzione abitativa sostenibile molto diffusa all'estero ma poco in Italia. Dopo tanti no, arriva la prima risposta affermativa: è quella del sindaco di Settimo Aldo Corgiat. L'edificio di via Milano viene dato in concessione ai volontari. Il sogno diventa realtà e per tanti inizia una nuova vita. Oggi al Dado vivono 5 famiglie rom e 9 rifugiati politici.

Le testimonianze. Violeta, 22 anni, è lì da quattro. Con lei ci sono il padre, la madre, i due fratelli e la figlia più piccola. Prima stavano al campo di Borgaro. "Io non c'ero il giorno dell'incendio - ricorda - mi telefonò mia madre. Piangeva. Avevamo perso tutto". I suoi genitori ora sono commercianti ambulanti, i fratelli adolescenti vanno a scuola. Anche lei studia: "Sto cercando di prendere la licenza media". Nel frattempo si occupa della casa e della sua piccola di un anno e mezzo. L'altra, tre anni, è rimasta in Romania. "La lontananza è terribile ma qui mi trovo bene - continua - siamo perfettamente integrati". E' tranquilla Violeta, anche se sa che non potrà rimanere al Dado per sempre. Una volta raggiunta la stabilità economica il regolamento prevede infatti che le famiglie trovino un'altra sistemazione per permettere a nuovi inquilini di intraprendere il percorso di allontanamento dalle baraccopoli.

Si è riacceso il dibattito. Da qualche settimana a Torino si è riacceso il dibattito sulla condizione dei nomadi in città. Una ragazzina inventa di essere stata violentata da due Rom. E una fiaccolata di solidarietà si trasforma in un raid punitivo contro gli abitanti del campo della Continassa. Roulotte, tende, vestiti. Tutto viene dato alle fiamme. Un fatto di cronaca che ha riproposto il Dado come un esempio di buona integrazione. "All'inizio non è stato facile. Abbiamo dovuto affrontare le reticenze dei cittadini di Settimo. La gente non riusciva ad accettare che una parte di città venisse regalata agli zingari", spiega Oliviero Alotto, presidente di Terra del Fuoco. Ma loro, i volontari, non si sono arresi. E per fare breccia nel muro di ostilità che si sono trovati di fronte hanno chiesto aiuto alla vicina parrocchia di san Vincenzo Dè Paoli e alle insegnanti delle scuole cittadine. I bambini del Dado sono stati seguiti nell'apprendimento e per loro si sono aperte le porte dell'oratorio. "Poco a poco siamo riusciti a dimostrare che i rom non sono un problema ma una risorsa. Il clima è cambiato. Oggi c'è davvero integrazione".

Il Dado un modello replicabile? "Io credo di sì - risponde Alotto - E' l'unico modo per superare il problema dei campi rom abusivi. A Torino se ne parla da anni. Edifici non più utilizzati che si potrebbero ristrutturare usando l'autorecupero ce ne sono. Quello che serve è una forte volontà politica". Ma anche il coraggio di fare scelte criticabili dai cittadini può non bastare. "Perché progetti di questo tipo abbiano successo e il rispetto della legalità si accompagni alla pura integrazione servono grandi risorse economiche e una forte collaborazione tra più soggetti istituzionali. Gli enti locali non possono agire da soli", spiega Elide Tisi, assessore alle Politiche Sociali del Comune di Torino. Questioni complesse. Che, chi vive al Dado non conosce. Qui però miracolo di un'integrazione possibile continua.

(09 gennaio 2012)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/01/2012 @ 09:45:01, in Italia, visitato 1214 volte)

Di quello che è successo a Torino il mese scorso: dallo stupro inventato al pogrom, sino alle recenti omertà, sappiamo parecchio. Sembra che qualcuno ci abbia preso gusto. Ora è il turno di Vicenza... c'è un brutto mondo là fuori!

VicenzaToday Torri: "Mi hanno rapito gli zingari" ma era una scusa per i compiti
Un ragazzino di 11 anni si è inventato un tentativo di sequestro per non andare a scuola senza aver fatto i compiti. Dopo tre ore confessa: aveva gettato lo zaino nel fiume
di Redazione 10/01/2012

E' tornato a casa in lacrime raccontando alla mamma che, mentre andava a scuola, gli "zingari" avevano tentato di rapirlo, riuscendo a prendergli però solo lo zaino. E' la storia inventata da un ragazzino undicenne di Torri di Quartesolo per non dover presentarsi in classe senza aver fatto i compiti. Dopo tre ore, spese da parte della polizia locale a cercare riscontri, lo studente ha "confessato": lo zaino era stato gettato nel fiume.

Mattinata movimentata a Torri, per una mamma terrorizzata che il figlio potesse finire nelle mani di pericolosi nomadi, per i vigili che per ore hanno cercato prove sul racconto di un ragazzino e per il protagonista, che non ha trovato di meglio per giustificarsi di non avere fatto i compiti a casa. Man mano che la mattina trascorreva, l'inverosimiglianza del racconto cominciava a farsi netta e l'undicenne ha confessato: mentre andava a scuola, ha gettato lo zaino dal ponte di via Marconi ed è corso a casa, inventandosi il drammatico evento. I genitori hanno promesso sonore punizioni.

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/01/2012 @ 09:51:13, in Italia, visitato 904 volte)

GIOVEDÍ 19 GENNAIO ALLE ORE 11.00 - presso il NAGA, in Via Zamenhof 7/A - Milano
CONFERENZA STAMPA

Come vivono i rom a Milano: analisi delle condizioni di vita e di salute delle persone che abitano le aree dismesse e i campi irregolari

Uno studio a cura dei volontari di Medicina di Strada del Naga, pubblicato sulla rivista Epidemiologia & Prevenzione, analizza i dati sociodemografici e sanitari raccolti in 14 aree dismesse e campi sul territorio milanese tra gennaio 2009 e dicembre 2010.
In questi due anni di attività, i volontari del Naga hanno visitato 1.142 persone - circa la metà delle persone rom presenti a Milano secondo le stime ufficiali: sono stati raccolti e analizzati dati su condizioni di salute, scolarità, lavoro, abitudine al fumo e altre informazioni sociodemografiche che determinano le condizioni di vita e di salute dei rom sul territorio cittadino.

Durante la conferenza stampa i volontari di Medicina di strada del Naga illustreranno i principali risultati dell'indagine, portando alla luce dati inediti che delineano una situazione di rischio e discriminazione.

Saranno disponibili copie della rivista.

Info: Naga - 349 1603305 - 02 58102599 - naga@naga.it
Scarica l'invito alla conferenza stampa

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/01/2012 @ 09:33:26, in musica e parole, visitato 1371 volte)

Spazio Gloria - via Varesina 72, Como

GIOVEDI' 19 GENNAIO - Alle ore 21:00
proiezione del film LATCHO DROM di TONY GATLIF
Intenso e travolgente documentario di Tony Gatlif sui viaggi, le musiche e le danze dei gruppi Gipsy provenienti da Rajastan (India), Egitto, Turchia, Romania, Ungheria, Slovacchia, Francia e Spagna. Racconta il lungo percorso che dall'anno 1000 c.a. fino alla fine del 1900 il popolo zingaro ha intrapreso dal nord dell'India fino alla Spagna e la relativa evoluzione musicale che, raccogliendo tradizioni culturali musicali, trasforma la musica zingara, sfociando, alla fine, con il flamenco. Secondo film della trilogia che Gatlif ha dedicato ai gitani iniziata nel 1983 con 'Les Princes - L'uomo spezzato' e conclusasi con 'Gadjo Dilo - Lo straniero pazzo' del 1997.

A seguire CONCERTO acustico dei MUZIKANTI DI BALVAL, una piccola orkestra balcanica, eterogenea, multiforme che raccoglie in sé musicisti di diverse origini e bagagli culturali di lontane provenienze. Fonte d'ispirazione primaria del loro genere è la musica Rom, espressione artistica di un popolo che sa riunire in una voce sola i diversi caratteri dell'Europa balcanica. I Muzikanti sono la realizzazione di un autentico incontro di culture, che si esprime in un linguaggio musicale originale, fantasioso, libero, vitale. Ritmi incalzanti, intervalli orientaleggianti e virtuosismi si alternano a melodie struggenti dal potere evocativo, in una combinazione di esotismo ed energia che emoziona ogni tipo di pubblico. Presentano per l'occasione il loro nuovo album 'TUTTIFRUTTI', una raccolta di pezzi della tradizione Rom riarrangiati.

INGRESSO 8€ CON CONSUMAZIONE

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


14/11/2019 @ 02:57:00
script eseguito in 190 ms

 

Immagine
 Usten Romalen!... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2825 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source