Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

\\ Mahalla : VAI : lavoro (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 23/11/2005 @ 09:15:46, in lavoro, visitato 1468 volte)
Beta News
CACAK - Mercoledì 16 novembre 16.37 - Sono comuni le discriminazioni tra i richiedenti lavoro che siano di etnia rom o disabili.
Sasa Obradovic, direttore dell'Amministrazione Nazionale dell'Impiego di Cacak, dice che ciò può essere vero, anche se [invece] non sussistono discriminazioni di genere.
"Le discriminazioni di genere non sono un problema a Cacak, dato che il 53% degli occupati è di sesso femminile e il 47% maschile, ma esistono discriminazioni verso i Rom e chi ha disabilità specifiche."
Ha aggiunto che la sua amministrazione sta sviluppando un programma per l'impiego di persone disabili, che coinvolgerà tanto gli addetti dell'amministrazione che i datori di lavoro, con l'approntamento di spazi di lavoro specifici e il pagamento dell'80% dello stipendio alla persona disabile.
 
Di Fabrizio (del 20/11/2005 @ 13:31:51, in lavoro, visitato 1591 volte)

Bandiera Gialla

Il servizio raccoglierà le denunce e le segnalazioni dei lavoratori edili

di Sara Trentini

Parte  il  1° ottobre il NUMERO VERDE (800981800) gratuito per accogliere le  denunce  dei lavoratori, cercare di prevenire il continuo ripetersi di infortuni mortali e promuovere la regolarizzazione nei cantieri edili. E' la  nuova  iniziativa  lanciata  dalla Fillea Cgil, il sindacato delle costruzioni, contro il lavoro nero e gli infortuni in edilizia.         
Al Numero Verde (800981800) risponderà, dalle 12 alle 14 e dalle 16 alle 18 un Call Center che provvederà a dare risposte rapide e ad intervenire nel modo più opportuno.
L'iniziativa risponde alla situazione di grave emergenza nella quale versa il settore delle costruzioni: ad oggi sono 169 le morti bianche in edilizia, lo stesso numero di vittime riscontrato nel 2003, mostrando come la piaga delle morti bianche non accenni a diminuire.
Nella triste classifica degli infortuni mortali nei cantieri la nostra regione è al terzo posto, con 17 morti nel 2004.

"Molte sono le denunce che pervengono al sindacato - sottolinea il Segretario Generale della Fillea Cgil, Franco Martini -  ma tante altre potrebbero aggiungersi rompendo il muro di ricatti e condizionamenti dietro il quale si cela il vasto esercito dei lavoratori in nero e clandestini. Anche per questo - continua Martini - il numero verde si offre come strumento di tutela in più per coloro che subiscono le peggiori condizioni di vita nei cantieri. Dietro ogni risposta che verrà dal numero verde, c’è un sindacato pronto ad intervenire per affrontare e risolvere i problemi concreti in cantiere e per affermare i diritti dei lavoratori, a partire da quello della sicurezza".

Per informazioni
http://www.filleacgil.it
 
Di Fabrizio (del 31/10/2005 @ 00:33:35, in lavoro, visitato 2280 volte)

Ho notato, che nel vecchio blog mi capitava spesso di scrivere di lavoro, ma che da qualche tempo latitano le notizie.

Due recenti segnalazioni:

Da Sucar Drom:

Il Progetto di ricerca europeo, intitolato I Rom ed il sistema economico, si prefigge di studiare i meccanismi di inclusione/esclusione dei Rom e Sinti nel sistema economico ed educativo, e di rilevare eventuali iniziative finalizzate al loro inserimento formativo e lavorativo, nonché miranti a combattere ogni forma di discriminazione in tali percorsi specie nell’ambito di lavoro.

continua


da Romanian Roma

BRAILA - La partnership tra il Gruppo Comunitario di Iniziativa Rom, il comune e l'amministrazione distrettuale di Braila ha permesso la nascita di un forno. Il progetto è stato finanziato dall'Unione Europea per 52.000 EUR e si sviluppato negli ultimi 10 mesi.

Trattasi di forno da pane, che darà lavoro alla locale comunità Rom e coinvolge anche le presenze nella campagne. 

DIVERS


Infine, ricordo che altre opportunità sono presenti nella borsa/mercato della Mahalla, LA TIENDA, dove potete anche pubblicare gratuitamente i vostri annunci.

Sul resto, ci si aggiorna

 
Di Fabrizio (del 04/10/2005 @ 05:40:16, in lavoro, visitato 1546 volte)

Da Alexandra Bojadzieva

Program Manager

Romano humanitarno khetanipe ki Republika Makedonija - K H A M -, Tetovo

Sintesi dell'intervento effettuato all'incontro OCSE "Human Dimension Implementation Meeting" a Varsavia, settembre 2005:

Ringraziamo per l'opportunità che ci è stata offerta di illustrare un argomento come quello della disocuupazione tra i Rom, su cui la mia associazione si batte da 8 anni.

Il nostro impegno è dovuto al considerare la questione "occupazione" strategica per l'effettiva partecipazione dei Rom al processo democratico in Macedonia. La disoccupazione nel nostro paese è estesa alle diverse comunità, sia maggioritarie che minoritarie; questo non toglie che i Rom siano il gruppo più colpito dal fenomeno. Se gli indici sociali riportano un preoccupante 40% di disoccupazione generale, ciò ha effetti deleteri nella stabilità di tutto il paese. Ma tra i Rom il tasso ufficiale è del 70%.

Studi di settore (USAID Labour Market Review of Macedonia - Feb. 2005) indicano chiaramente che alla base il numero dei Rom in cerca di impiego è uguale a quello delle altre comunità, ma il tasso di occupazione è drammaticamente distante.

Nella società macedone dove l'economia è fragile e instabile, i Rom pagano il basso livello di scolarizzazione, e la discriminazione dei lavori non specializzati, ma anche la scarsa conoscenza dei loro diritti, l'estesa povertà e l'esclusione sociale. E' per questo che difficilmente hanno accesso ai programmi statali di sviluppo economico.

In questo senso, ci sono sforzi per ridurre i divari esistenti, tanto da parte statale che degli attori internazionali. Ma tutti questi tentativi sono gestiti senza il coinvolgimento degli interessati (sia Rom che altre minoranze). Di conseguenza, anche in questi casi si replicano situazioni di esclusione ed emarginazione dei soggetti più deboli.

Noi chiediamo al Governo:

  1. Implementazione del Piano d'Azione sottoscritto in occasione del Decennio dei Rom - in particolare l'introduzione di programmi specifici e urgenti per la minoranza Rom.
  2. Aumentare l'accesso e la partecipazione nei programmi nazionali di impiego.

Ai soggetti internazionali, con particolare riguardo verso l'Unione Europea:

  1. Monitorare la partecipazione dei soggetti interessati ai programmi di sviluppo, perché non si replichino i gap esistenti.
  2. Che venga data priorità ai programmi indirizzati alla scolarizzazione e all'occupazione dei Rom in Macedonia.
 
Di Fabrizio (del 30/09/2005 @ 19:42:02, in lavoro, visitato 2389 volte)

Da Unione Tarna Rom

Presentato il 23 settembre il piano dell'associazione giovanile Tarna Rom, per mediatori socio-sanitari. Durante la conferenza di presentazione sono intervenuti rappresentanti del Consiglio d'Europa e del ministero della Sanità e Protezione Sociale e dell'Ufficio per le Relazioni Interetniche della Repubblica di Moldavia. Erano presenti anche i mediatori socio-sanitari e i coordinatori medici distrettuali

Contact persons:
Mr. Marin ALLA, project director, president of Tarna Rom
Mrs. Ludmila Bogdan, project coordinator, chief of the Department of Health - Tarna Rom

Tarna Rom: Vasile Alecsandri str. 1, off. 706, Chisinau, Republic of Moldova
tel./fax + 373 22 208 966/208 965

 
Di Fabrizio (del 23/08/2005 @ 11:48:12, in lavoro, visitato 1474 volte)

I Rom della Turchia, in movimento

La comunità Rom della Turchia mostra segnali di una sempre maggiore consapevolezza della propria cultura e dei propri diritti, attraverso la creazione di organizzazioni e gruppi di interesse. Un movimento che i ricercatori paragonano a quanto avvenuto in altri Paesi europei negli anni ‘70

Di Yigal Schleifer, per EurasiaNet, 22 luglio 2005 (titolo originale: "Roma rights organizations work to ease prejudice in Turkey")

Traduzione per Osservatorio sui Balcani: Carlo Dall'Asta
 
Di Sucar Drom (del 17/08/2005 @ 20:11:26, in lavoro, visitato 1439 volte)
Da Sucar Drom
PROGETTO LAVORO A FAVORE DELLE FAMIGLIE SINTE E ROM DI MANTOVA

Le attuali attività economiche delle famiglie Sinte e Rom sono estremamente varie e mutevoli: esse cioè sono plurime in un dato momento per il medesimo individuo, e tanto più lo sono per l’insieme degli individui che cambiano nel tempo.
Gli individui agiscono all’interno della famiglia che è agente nei rapporti interni ed esterni al proprio gruppo sociale. Nella cultura sinta e rom il lavoro è inteso come collaborazione tra i singoli individui che appartengono sia al nucleo familiare sia alla famiglia allargata.
Ci sono attività tradizionalmente e largamente esercitate: il recupero dei materiali ferrosi e la loro vendita; i mestieri dello spettacolo viaggiante (giostrai, ecc); la vendita ambulante (centrini, calze, scope, bonsai, fiori, ecc.); lavori agricoli stagionali (soprattutto raccolte); vendita di poveri lavori artigianali (le bottiglie di vetro modellate a fuoco), ecc.
Ci sono nuove attività: commercio d’auto usate, antiquariato, manovalanza nell’edilizia, pulizie, ecc.
...


Riferimenti
 
Di Fabrizio (del 24/07/2005 @ 14:20:18, in lavoro, visitato 1582 volte)

da: http://www.bandieragialla.it/articolo/1877.html

La sicurezza sul lavoro, in tredici lingue
Dall'Api un cd-rom che permette agli stranieri di conoscere la legge 626 nella loro lingua d'origine
di Annalisa Bolognesi

Per promuovere la sicurezza sul lavoro, l'Api, (associazione piccole e medie industrie di Bologna), ha creato un cd-rom con la traduzione in 13 lingue della legge 626.
Grazie a questa iniziativa, realizzata mediante il contributo della Camera di Commercio, anche gli stranieri potranno conoscere le norme in materia di tutela, sicurezza e prevenzione sul lavoro nella loro lingua d’origine.

Gli stranieri rappresentano infatti, per la città di Bologna, un'importantissima forza lavoro, ma, anche a fronte dei dati trasmessi recentemente dall'INail, sono anche tra le categorie più a rischio per quanto riguarda gli infortuni, per via dellle barriere linguistiche, ma anche per la ridotta percezione dei rischi dovuta alle diverse culture e abitudini.
"La comprensione - ha spiegato il presidente dell’Api, Paolo Mascagni, alla conferenza di presentazione del progetto - è infatti uno dei problemi principali nel rapporto tra datore di lavoro e lavoratore straniero; questo può comportare dei rischi per quanto concerne la sicurezza. Una buona integrazione lavorativa deve garantire all'immigrato proprio la possibilità di conoscere leggi e regole."

Il cd-rom, che è già stato fornito alle 1.600 aziende associate all'Api, è diviso in 15 schede: la prima illustra in generale la legge 626/94 (le misure di tutela, gli obblighi del datore di lavoro, i diritti e doveri del lavoratore,...), mentre le altre trattano i pericoli specifici come ad esempio i rumori, la movimentazione dei carichi e la prevenzione. Al momento contiene traduzioni in albanese, arabo, bengali, croato, filippino, francese, inglese, punjabi, rumeno, serbo, singalese, spagnolo e tedesco, ma, in caso di ulteriori necessità potrebbero essere aggiunte altre lingue.

Informazioni
Api Bologna, tel. 051/63.17.111

 
Di Fabrizio (del 10/07/2005 @ 14:10:26, in lavoro, visitato 1970 volte)

Non ricordo il periodo preciso, credo all'inizio degli anni '90. Lavoravo in una ditta di costruzioni, edilizia specializzata, con cantieri sparsi in tutto il mondo e allora circa 2000 dipendenti: "un'aristocrazia operaia" che proveniva soprattutto dal Veneto, dalla Puglia, dalla Calabria e dagli Abruzzi, a cui andavano affiancandosi sempre più numerosi manovali e tecnici stranieri. Tangentopoli si sarebbe presentata da lì a poco. Fu allora che la nostra commissione interna siglò l'accordo per la tutela degli operai stranieri nei nostri cantieri in Italia e all'estero. Il primo accordo in tal senso.

Allora ero nel Consiglio di Fabbrica: l'intesa nacque dopo una mia risposta "pepata" al rappresentante della direzione. Per stendere i punti principali di un argomento che non era neanche all'ordine del giorno, impiegammo 5 minuti, e poi altre due settimane per tradurli in burocratese. Nella commissione interna i compagni non erano tutti della stessa opinione: c'era chi diceva che tanto non avrebbe funzionato e chi preferiva che si fosse aspettato per un accordo provinciale.

Durante le trattative conobbi dei sindacalisti albanesi: così diversi dall'iconografia socialista dell'Albania di allora e anche da quegli sbandati che si trovavano nei pressi della stazione centrale. I primi albanesi con cui andavo d'accordo.


Leggo su Stranieri in Italia

 Edilizia
Un operaio su cinque è straniero
Si infortunano di più, ma guadagnano meno dei loro colleghi italiani. Rapporto Ires-Cgil

ROMA - I lavoratori stranieri sono ormai protagonisti nell'edilizia. Nel 2004 dei 508.752 addetti del settore, circa un quinto (95.000 dipendenti) erano stranieri, con punte che sfiorano il 50% in alcune aree.

Lo rivela il primo rapporto dell'osservatorio sui lavoratori immigrati nel settore delle costruzioni edili dell'Ires-Cgil, presentato nell'ambito della II assemblea nazionale dei lavoratori stranieri della Fillea-Cgil. Crescono a ritmo sostenuto anche le imprese di costruzione guidate da extra-comunitari: nel primo trimestre 2005 risultavano iscritte al registro circa 48.681 imprese individuali a titolarità non comunitaria, il 27,3% in più rispetto all'anno precedente.

La banca dati dell'Inps evidenzia come nel corso degli ultimi due anni il numero dei lavoratori non comunitari del settore delle costruzioni è praticamente decuplicato. "Non è difficile immaginare - si legge nel rapporto - che in pochi anni il peso dei lavoratori immigrati assumerà una valenza sempre maggiore.

I lavoratori edili stranieri svolgono per la maggior parte "attività a minor apporto qualitativo della manodopera". Vengono infatti utilizzati "soprattutto nelle mansioni più dure e meno retribuite": "il 67% degli stranieri nel 2004 ha lavorato come operaio comune rispetto al 37% dei lavoratori totali, inoltre, gli operai specializzati e di quarto livello rappresentano il 9% della forza lavoro straniera a fronte del 30% della forza complessiva".

Viste le mansioni che ricoprono, questi lavoratori sono più esposti agli incidenti. Il tasso di incidenza infortunistico registrato lo scorso anno fra i lavoratori non comunitari è superiore di circa il 50% rispetto a quello medio nazionale (circa 65 casi contro 42 ogni 1.000 occupati). In particolare, quasi un quinto degli infortuni registrati nel 2004 nel settore delle costruzioni ha colpito lavoratori non comunitari.

I lavoratori edili non comunitari emersi con la regolarizzazione avviata nel 2002 guadagnano in media, rispetto alla retribuzione media pro capite dei dipendenti totali, il 24% in meno rispetto agli addetti dipendenti complessivi del settore. Confrontando invece le retribuzioni lorde dei lavoratori non comunitari già regolari con quelle dei dipendenti complessivi, i differenziali retributivi si riducono al 20%.

"In definitiva, - precisa il rapporto Ires-Cgil - analizzando la retribuzione di fatto di un operaio di terzo livello la differenza fra un operaio italiano, un immigrato regolare ed un immigrato 'neo-regoalrizzato' è questa: il primo percepirà circa 19.869 euro per 13 mensilità, il secondo circa 15.895 ed il terzo circa 15.100 euro".

(8 luglio 2005)


Settembre 2004: Esce un'indagine CGIL, ma le cronache sono piene delle notizie sul rapimento di Simona Pari e Simona Torretta. Anche nell'europea Milano sta prendendo piede il fenomeno caporalato. La mattina prima dell'alba, prima di essere assediato dal traffico, piazzale Lotto si anima di immigrati e strani arruolatori. Attorno, la zona è un fiorire di cave, spedizionieri, i cantieri del nuovo polo fieristico, ma anche villette signorili e l'ippodromo, dove qualche lavoro a giornata si può sempre trovare. A due passi l'ambasciata rumena. Molti di quanti cercano un lavoro, arrivano dai vicini insediamenti di via  Barzaghi-Triboniano e campi clandestini lì attorno, ma ci sono macchine e pullmini con targhe di Reggio Emilia, Como, Bergamo...


Campioni senza dimora pag.56

"Oggi un muratore guadagna dai 70 ai 150 euro al giorno - racconta Irinel -i rumeni hanno preso il posto della gente del Sud Italia.I capicantiere sono quasi tutti italiani, ma sotto la manovalanza parla spesso la mia lingua. Puoi entrare in una squadra di altre tre persone e in un anno e mezzo, se lavori bene e ti fai vedere, puoi diventare caposquadra cominciando a impastare la sabbia per fare il cemento". Le squadre sono pagate spesso a cottimo, ovvero a metro quadro. " Col lavoro a cottimo più metri fai, più ti spezzi la schiena e più sei pagato". Secondo Irinel, una buona media ti può portare a fare 150 o 200 metri quadri in un giorno, cosa impossibile se lavorassi a giornata perché penseresti alla tua schiena e alle tue gambe. Un tanto al metro, e ti massacri contento.

Dove si trova:

  • Nelle migliori librerie (feltrinelli, libraccio e altre...)
  • Dai venditori di strada di Terre di mezzo
  • Nelle botteghe del mercato equo
  • Presso l'associazione MultiEtnica2001
  • ...o richiedere QUI
 
Di Fabrizio (del 21/06/2005 @ 21:33:53, in lavoro, visitato 1555 volte)

 presentazione del programma di inserimento lavorativo di persone Rom impegnate in un progetto per la raccolta dei rifiuti ingombranti

’Assessore alle Politiche Sociali Raffaela Milano, il presidente dell’Ama Massimo Tabacchiera, gli Assessori Comunali Paolo Carazza (Politiche del Lavoro) e Dario Esposito (Politiche dell’Ambiente), la vicepresidente della provincia di Roma Rosa Rinaldi e gli Assessori Provinciali Gloria Malaspina (Politiche del Lavoro), Claudio Cecchini (Politiche Sociali), presentano “Roma cistì”, progetto di inserimento socio-lavorativo per persone Rom finalizzato alla raccolta ed al riciclaggio dei rifiuti ingombranti, realizzato in collaborazione con l’Associazione Opera Nomadi e la cooperativa sociale Praliphé

Alla presentazione intervengono fra gli altri il direttore della Caritas Diocesana Monsignor Guerino di Tora ed i rappresentanti di Legambiente Lazio e di C.E.U. - Centro Ecologia Umana)

MERCOLEDI’ 22 GIUGNO – Ore 12.00

SALA DELL’ARAZZO - CAMPIDOGLIO

Viale Manzoni, 16 – 00185 Roma – Tel. 06.67105156 – 06.67105157 – Fax 06.70454112

 

E-Mail: dip.sociale@comune.roma.it - www.comune.roma.it/dipsociale

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


30/10/2020 @ 06:04:48
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 popoli e idee in movimento... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 915 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
20/10/2020 @ 08:03:13
Di FRANCO
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERTA DI PRESTITO .... O...
07/10/2020 @ 20:34:53
Di Alesi Gallo
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source