Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 21/12/2005 @ 09:41:05, in casa, visitato 1838 volte)
news-title-bar

439ecfc14

Lasciando Plemetina

Ukė e Sabile Krasniqi, una coppia rom, entra nel nuovo appartamento di Malisheva, Kosovo, per la prima volta dopo sei anni passati in un campo per rifugiati interni. © UNHCR/S.Halili
MALISHEVO, Kosovo, 13 dicembre (UNHCR) – Ukė e Sabile Krasniqi hanno atteso sei lunghi anni l'arrivo di questo giorno. Questa coppia di Rom di mezza età hanno finalmente realizzato il loro sogno di una casa propria, dove riunire la loro famiglia di otto figli.

Il mese scorso hanno lasciato Plemetina, un campo organizzato nel 1999 per ovviare alla sistemazione d'emergenza di circa 1.300 dispersi delle minoranze del Kosovo, inclusi Serbi, Rom, Askali, "Egizi" ed altri.

La coppia ha camminato verso il blocco di appartamenti appena costruito a Malishevo (Malisheva in albanese) che sarebbe diventato la loro nuova casa, osservando con attenzione l'edificio e i dintorni. Lungo il percorso, hanno salutato i precedenti vicini, amici e conoscenti, molti dei quali non vedevano da tempo. Ricevute le chiavi dal presidente dell'assemblea cittadina, hanno varcato l'ingresso di un appartamento al primo piano con due camere da letto, cucina, bagno e un balcone.

L'intero appartamento misura solo 60 mq. Non molto per una così grande famiglia, che include l'anziana madre di Ukė. I Krasniqi, d'altra parte, non si lamentano. Quando gli è stato chiesto come si sentiva a ritornare nella sua città, Ukė ha potuto dire solo: "Adesso sono felice".

Sua moglie Sabile è stata più espansiva: "I miei figli cresceranno come gli altri, in condizioni normali. Qui continueranno ad andare a scuola, avranno un posto dove imparare," chiaramente eccitata.

A seguito delle restrizioni imposte dalle autorità serbe nel 1999, più di 900.000 persone di etnia albanese lasciarono forzatamente il Kossovo, per tornare qualche mese più tardi, con l'intervento della NATO. Iniziò immediatamente un esodo che coinvolse 200.000 persone delle minoranze serbe, rom, askali ed altri, che continuò per diversi mesi. Di loro, circa 14.000 hanno fatto ritorno alle loro case, e ci sono ancora più di 20.000 dispersi interni (IDP) in Kosovo. Sei anni dopo essere stato posto sotto amministrazione ONU, il mese scorso sono iniziati i colloqui sul futuro della regione, sotto la presidenza dell'ex presidente finlandese Martti Ahtisaari.

Fiduciosi nei futuri sviluppi le autorità kossovare - assistite tra gli altri dall'UNHCR - hanno iniziato i primi passi per trovare una soluzione abitativa per i restanti residenti del Campo Plemetina. Attualmente sono in costruzione quattro progetti abitativi, finanziati dall'Agenzia Europea per la Ricostruzione e dal Governo Greco.

I Krasniqi sono la prima famiglia del Campo Plemetina a beneficiare del progetto governativo di case sociali. Gli appartamenti sono destinati agli IDP che hanno perso la loro casa e vogliono tornare nelle loro aree di origine. Assieme ricevono buoni cibo per tre mesi, forniture per la casa, legna da ardere e altre facilitazioni dalla UNHCR. Quanti avevano proprietà loro sono aiutati a ripararle o ricostruirle.

Ardian Gjini, Ministro per lo Sviluppo e la Pianificazione, ha rimarcato durante l'inaugurazione degli appartamenti a Malishevo: "I beneficiari del progetto di case sociali sono persone in stato di bisogno, e mi congratulo con le autorità locali per l'iniziativa."

Anche se il problema della sicurezza e della libertà di movimento per i Rom sta migliorando, esistono ancora aree del Kossovo dove i Rom e le altre minoranze non sono benvenute. La famiglia di Ukė, assieme ad altre del villaggio di Bajė, vivranno assieme a famiglie albanesi nello stesso stabile, ma la protezione di tutte le minoranze rimane una grande preoccupazione in tutto il Kossovo.

Ci sono altre difficoltà di fronte ai popoli del Kosovo - una delle più serie sono le limitate opportunità d'impiego. Prima della guerra, Ukė lavorava come fabbro a Malishevo e coltivava viti, ma non aveva più nessun lavoro quando era nel Campo Plemetina. Lui e sua madre ricevevano un sussidio minimo ogni mese, insufficiente a coprire le spese familiari, e dipendevano totalmente dall'assistenza UNHCR - tramite le Società Madre Teresa - in forma di farina, fagioli, stufa e stoviglie durante l'inverno.

Con la partenza delle famiglie come i Krasniqi, si avvicina il giorno della chiusura del Campo Plemetina. Grazie al progredire del progetto di alloggi sociali, e al supporto e alla collaborazione dei donatori, anche i rimanenti residenti nel campo intendono stabilirsi nei nuovi alloggi - come Ukė e la sua famiglia - con una nuova stima di sé e il piacere che deriva dall'avere uno spazio proprio.

By Myrna Brewer Flood and Shpend Halili
In Malishevo, Kosovo

 
Di Fabrizio (del 19/12/2005 @ 14:11:58, in casa, visitato 1675 volte)
Scrive Paola Dispoto su luigigallo.info

domenica 18 dicembre 2005

Nel 2000 è stato pubblicato un libro dal nome "Il Paese dei campi", autore l'ERRC (European Roma Rights Center), edizioni Carta .

Il paese dei campi è l'Italia. Nel resto d'Europa non esitono "campi nomadi".La nascita dei campi risale agli anni '80, quando con leggi regionali a "tutela delle minoranze rom e sinte" 10 regioni italiane decidono che rom e sinti sono nomadi e in quanto tali devono stare nei campi. Sull'uso scorretto e strumentale del termine nomadi ho già scritto, non scriverò invece quali abusi e prevaricazioni subiscono rom e sinti nei campi su territorio nazionale, i rapporti dell'ERRC sono esaustivi a riguardo.

Voglio invece tornare alla nostra situazione locale. A Bolzano non siamo stati da meno, pur non avendo una legge provinciale (che invece in provincia di Trento hanno). Esistono due campi, quello dei sinti alla spaghettata (Bolzano Sud), e quello dei rom a Castel Firmiano, entrambi aperti dal '96.

Cosa non va nei campi? Sarebbe una lista troppo lunga da elencare, ma ad esempio,entrambi sono fuori dalla città, quasi a voler sottolineare l'emarginazione, la distanza "sociale" tra zingari e gage, entrambi sono collocati in un contesto che presenta molte problematiche per la salute delle persone che nei campi vivono, il campo rom su una discarica mai bonificata e il campo sinti circondato da strade a scorrimento veloce, inceneritore, antenne della telefonia mobile, elettrosmog. Se invece entriamo nello specifico delle attitudini di sinti e rom rispetto all'abitazione, per nessuno dei due gruppi il campo rappresenta la condizione desiderata. Partiamo dai rom: la maggior parte di loro in Macedonia viveva in casa, quando sono arrivati a Bolzano non si è trovato di meglio che metterli in roulotte cadenti della protezione civile già utilizzate per i terremotati. Erano sfollati di guerra, molti hanno chiesto lo status giuridico di rifugiati politici, ma erano rom, cioè nomadi, e quindi roulotte, campo e zitti. Non sorprende che al Villaggio rom attualmente non ci siano più roulotte ma piccoli manufatti autocostruiti che almeno preservano la dignità di queste persone, la maggior parte delle quali lavorano regolarmente da anni (con buona pace di chi continua a sostenere che i rom non vogliono lavorare!). E non sorprende nemmeno che tutte le famiglie aspirino a vivere in un alloggio. Molte famiglie rom, con sacrifici sono riuscite ad affittare appartamenti sul mercato privato ( e non dell'IPES) tornando così ad uno stile di vita desiderato. Certamente anche tra i rom si registra qualche pecora nera, qualche famiglia (pochissime in verità) che vive in alloggio IPES e fa parlare di se. Come centinaia di altre famiglie bolzanine.

Per quanto riguarda i sinti la situazione è più complessa. Esiste una spaccatura generazionale rispetto alla preferenza per una condizione abitativa piuttosto che un'altra. Le giovani generazioni in genere preferiscono gli alloggi, sentono meno la necessità della vita con la famiglia allargata, con cui mantengono comunque i contatti. Gli anziani e le generazioni di mezzo invece opterebbero ancora per la vita non in alloggio, ma nemmeno in un campocome quello della spaghettata.

Oltre ai problemi cui ho accennato sopra, la vita del campo, dove per campo si intende un campo con un gestore/custode dove risiedono diverse famiglie allargate, implica una forzatura rispetto alle modalità spontanee di aggregazione dei sinti. In poche parole se potessero scegliere non starebbero lì tutti insieme. Piccola divagazione: non esite e mai esisterà un capo o re o imperatore degli zingari: questo principalmente perchè l'organizzazione sociale dei sinti è acefala, non prevede un capo. Ogni capofamiglia è il riferimento per il proprio gruppo (famiglia nucleare o allargata) e basta.

Riportare questa logica all'interno di un campo dove sono presenti ad esempio 8 famiglie allargate comporta il dover affrontare 8 punti di vista molto probabilmente tesi gli uni contro gli altri in una lotta alla sopravvivenza. Questo è solo il più ecclatante dei motivi per cui, potendo scegliere, nessun sinto andrebbe a vivere in un campo così concepito.

Quindi non gli alloggi, non i campi, allora cosa? Le micro aree.

Cosa sono le micro aree? Sono delle aree più piccole di un campo dove risiede una sola famiglia allargata o altrimenti più famiglie in accordo tra loro o affini. Sono aree dove ogni singola famiglia dispone di uno spazio privato e di servizi adeguati. Non sono marginali rispetto all'abitato e ai servizi. Non sono custodite ma affidate alla responsabilità delle persone che la occupano, così come qualsiasi appartamento concesso in affitto. Non esiste un regolamento, come al campo, dove quasi devi chiedere il permesso per andare via per qualche settimana, o se vuoi ospitare parenti per un po'. Tuttalpiù un contratto d'uso e contratti delle relative utenze.

Che i campi abbiano prodotto più danni che vantaggi se ne sono accorti quasi tutti (per fortuna), anche la nostra amministrazione. Per questo ancora la vecchia legislatura Salghetti aveva commissionato alla Fondazione Michelucci di Firenze uno studio per il superamento dei campi. Lo studio verrà presentato prossimamente, ma le conclusioni sono state anticipate e prospetano, tra le altre proposte, proprio questa delle micro aree.

L'aspetto che secondo me è da rilevare di una soluzione come la micro area è rispetto all'impatto che questa ha con il territorio circostante. Faccio un esempio: quanti sanno che su via Resia esiste una micro area da circa 20 anni? Si tratta di villa Gabriel (così detta dal nome della famiglia che la abita, i Gabrielli), una ex casa ANAS con attorno dello spazio occupato da alcune roulotte. E quelli che ne conoscevano l'esistenza hanno mai sentito qualcuno lamentarsi per quella presenza? qualcuno ha mai avuto personalmente un contatto negativo con la famiglia che lì abita?

Io so che la famiglia Gabrielli è una famiglia di antico insediamento qui a Bolzano, una famiglia di bravi musicisti, conosciuta e stimata da molti in città.

Mettendo il naso fuori provincia, vicino Reggio, in Emilia, si sta ultimando il primo residence per sinti.

Torniamo a noi. Durante la sua campagna elettorale, il sindaco Spagnolli, che i sinti li conosce bene, ha inserito nel programma la realizzazione di micro aree per le famiglie sinte che vivono al campo della spaghettata. Io confido molto nell'impegno preso pubblicamente dal sindaco, e spero davvero che non siano state solo promesse.

Paola

 
Di Daniele (del 08/12/2005 @ 11:07:24, in casa, visitato 2103 volte)
Rom kosovari lasciano campo tossico delle Nazioni Unite.
Centinai di Rom che hanno passato sei anni in un improvvisato campo kosovaro contaminato dal piombo, devono essere trasferiti in nuove case.

Dalla campagna di bombardamento della Nato nel 1999, i 560 Rom hanno vissuto vicino a una vecchia fonderia di piombo a Mitrovica.

_41083418_afp_mahalla203

Il contingente francese della forza di pace ha iniziato la bonifica

La Svezia donerà 320.000 € per aiutare i Rom, la stessa somma donata dalla Germania.

Ora le autorità sperano di traslocare i Rom in un nuovo accampamento prima della fine dell'anno.

Rimarranno lì fino a quando i lavori di ricostruzione delle loro case originali, nella zona attorno a Mitrovica, non saranno terminati nel 2006.

I Rom furono costretti ad allontanarsi dalle loro case vicino alla mahala, dall'etnia albanese che li consideravano collaboratori dei serbi, alla fine del conflitto del 1999.

Emergenza medica.
"Queste persone sono state allontanate dalle loro case e hanno vissuto negli ultimi sei anni in un terreno abbandonato e nessuno si interessa veramente di loro," ha detto Per Byman, direttore dell'associazione umanitaria svedese sul sito web BBCNews.
I lavori dovrebbero iniziare la settimana prossima sulle case provvisorie su una ex base militare francese, ha detto il signor Byman.

Lo scopo è di trasferire i Rom lontano dalla fonderia di piombo, accusata per una serie di problemi di salute, specialmente fra i bambini.

_40621100_serbia_kosovo_map203

"I bambini nascono con disfunzioni, con arti mancanti ecc.," ha detto il signor Byman.

"Ora speriamo che la loro qualità di vita possa migliorare."

Una volta trasferiti, i Rom avranno accesso all'acqua calda, all'elettricità, formazione professionale e assistenza medica.

I livelli dell'avvelenamento da piombo fra i i Rom nei campi di Zitkovac, Kablare e Cesmin Luq sono attualmente qualificati come "un'emergenza medica acuta" dalle autorità mediche americane.
SEE ALSO:
Toxic camp angers Kosovo Roma
13 Jun 05 | Europe
Germany returns Kosovo refugees
19 May 05 | Europe
First Roma MEP on a mission
11 Jan 05 | Europe
UK 'discriminated against Roma'
09 Dec 04 | UK Politics
A rare celebration of Roma culture
20 Aug 04 | UK Politics
Roma return to Serbian neglect
13 Jan 04 | Europe
RELATED INTERNET LINKS:
WHO
The BBC is not responsible for the content of external internet sites

 
Di Fabrizio (del 07/12/2005 @ 16:14:26, in casa, visitato 1611 volte)

Roma press agency Slovakia (RPA) comunica che il municipio di Nizna Mysla, nel distretto di Kosice, intende costruire un muro tutto attorno all'insediamento dei Rom. Il comune aveva costruito tre edifici nel 1989 che aveva assegnati ai Rom; col tempo il quartiere ha visto anche la crescita di circa 15 altri rifugi di fortuna, occupati da giovani famiglie con figli. Si ritiene che ogni baracca ospiti 15 persone.

"E' una bomba a tempo. Il municipio dovrà circondare tutto l'insediamento, oppure i Rom continueranno ad allargarsi. Devono capire che sono sulla proprietà altrui" dice a RPA il sindaco Jozef Veber. Poi aggiunge che in consiglio hanno discusso sulla possibilità di ottenere un finanziamento di 6 milioni di corone dal Ministero delle Costruzioni e lo Sviluppo Regionale. Denaro che sarà speso per la costruzione del muro. A parte, il problòema della proprietà dell'area: "Non siamo in grado di negoziare, perché la proprietà è molto frammentata. Alcuni dei proprietari sono morti e il processo del trapasso agli eredi è piuttosto lungo," commenta il sindaco. Secondo lui, il problema dei Rom residenti nel villaggio dev'essere affrontato nella sua interezza. Il livello scolastico generale è basso e sembra che uno solo abbia terminato la scuola secondaria. Inoltre, i Rom, che secondo RPA sono il 15% della popolazione, non hanno un centro culturale comunitario proprio.

(Dzeno/Roma Press Agency)
 
Di Fabrizio (del 03/12/2005 @ 05:25:14, in casa, visitato 2363 volte)

Ustiben report
DAIL FARM: IL GOVERNO POTREBBE IMPORRE LA SOLUZIONE
By Grattan Puxon - fonte British_Roma 

Un ostile editoriale di ECHO, il giornale locale, ha chiesto al governo una decisione definitiva sulla lunga vertenza che coinvolge gli occupanti di Dale Farm (vedi precedenti, ndr.) perché si dia inizio allo sgombero e alla demolizione definitiva della comunità autogestita, diventata illegale negli anni (i casi in Italia, ndr).

Lo stesso giorno, il tribunale accettava la richiesta della Commissione per l'Uguaglianza Razziale di costituirsi parte in causa assieme ai Nomadi e Viaggianti che hanno fatto causa al comune di Basildon per la decisione di abbattere le 86 case del villaggio di Dale Farm e sgomberare 600 persone.

L'intervento del Governo rappresenterebbe una svolta decisiva e lo sgombero in questo caso potrebbe avvenire in tempi brevi. Il portavoce degli occupanti, Richard Sheridan, teme che i recenti tentativi di John Prescott, incaricato governativo, di convincere le famiglie a lasciare di propria volontà il villaggio di Dale Farme  spostarsi in un'altra parte, porti i residenti/occupanti a perdere le loro proprietà.

Sempre Prescott ha indicato una nuova area di 3,5 ettari a Pitsea (sempre nel comune di Basildon), attualmente di proprietà di English Partnership, un'agenzia di rigenerazione,, che potrebbe affittarla o venderla ai Nomadi e Viaggianti perché possano destinarla ad area di sosta.

Questa possibilità, per quanto ben accetta, pone un dilemma ai proprietari dei lotti di Dale Farm, che avrebbero preferito aver ottenuto i permessi per le strutture che hanno creato in questi anni e che sono costate alla loro comunità due milioni di euro. D'altro canto, le forti tensioni che negli ultimi anni hanno contrapposto la comunità dei Nomadi e Viaggianti ai Consigli Comunali, hanno di fatto delegato a John Prescott e al governo il ruolo di arbitri super-partes, e difficilmente l'offerta di un'area alternativa potrebbe convivere col rinnovo dei permessi di progettazione a Dale Farm.

Ma la proposta governativa, che ha una sua logica, non tiene conto dell'opposizione dei residenti di Pilsea all'arrivo di 600 Nomadi e Viaggianti. Il comune di Basildon, i comitati civici e la Neighbourhood Watch (un gruppo anti-crimine) hanno già annunciato che non tollereranno il trasferimento.

Il capogruppo dei conservatori locali, Malcolm Buckley, dopo eessere stato a lungo contestato per le affermazioni razziste che hanno segnato la contrapposizione su Dale Farm, ha potuto così definire Pitsea come un luogo non adatto alla sosta: "È a mala pena ad un chilometro da un deposito dell'immondizia e dalla centrale fognaria." Inoltre, la sistemazione si situa nel cuore del distretto elettorale del deputato John Baron, uno dei più attivi nel fomentare il panico nella popolazione residente per la presenza delle comunità Nomadi e Viaggianti.

Per ironia della sorte, la strenua opposizione che sta montando sull'ipotesi Pitsea, ha l'effetto di prolungare la permanenza di Dale Farm, che a causa dei rinnovi dei permessi edificativi, dei processi legali incrociati che contrappongono i Consigli Comunali ai Nomadi e Viaggianti, delle stesse elezioni locali, potrebbe durare anni.

[...]

In questo momento, è difficile capire se la mossa governativa rappresenti un'uscita di sicurezza oppure un tradimento. E anche se l'area di Dale Farm fosse sgomberata, non potrebbe ritrasformarsi in spazio verde a disposizione dei residenti. La stessa English Partnership è a sua volta parte in causa per i lavori della A127 che attraverseranno le sue proprietà.

[...]

"Tutto ciò che possiamo fare è concentrarci sul ricorso al giudice" dice Richard Sheridan. "Sono in gioco le nostre case".

 
Di Sucar Drom (del 29/11/2005 @ 20:00:30, in casa, visitato 2785 volte)

da sucar drom

Pubblichiamo un articolo apparso martedì 29 novembre 2005 sul quotidiano Libertà OnLine. Come potete capire la politica dei campi nomadi non è ancora finita anche in Emilia Romagna, purtroppo!

Castelsangiovanni (Piacenza)
Annuncio dell'assessore Bellinzoni: il progetto costerà 288mila euro.
Campo nomadi con i soldi regionali.
«La nuova struttura finanziata al 90% da Bologna»

Castelsangiovanni - Potrebbe ricevere un finanziamento pari al 90 per cento del costo preventivato il progetto relativo al nuovo campo nomadi di Castelsangiovanni. L'annuncio è arrivato in sede di commissione, dove l'assessore ai lavori pubblici Giovanni Bellinzoni ha illustrato le voci della variazione al piano delle opere pubbliche tra cui anche il campo nomadi che, lo ricordiamo, dovrebbe sorgere in località Molino Suzzani. Campo nomadi per cui la Regione, almeno secondo quanto riferito dall'assessore ai commissari presenti, potrebbe arrivare a finanziare il 90 per cento dei circa 288 mila euro di spesa prevista.
«Manca ancora la conferma ufficiale - ha detto l'assessore - ma gli uffici ci hanno praticamente assicurato che l'entità del finanziamento sarà pari al 90 per cento. Ora attendiamo la delibera regionale per la conferma definitiva».
Alla domanda del consigliere di minoranza Aldo Bersani sulla presenza delle autorizzazioni previste dalla legge per realizzare la nuova struttura, Bellinzoni ha risposto che le autorizzazioni «verranno richieste sulla base del progetto esecutivo», aggiungendo che il nuovo campo nomadi rappresenta una «svolta storica per la città di Castelsangiovanni».
La realizzazione del campo è inserita nella variazione al piano di opere pubbliche, e del bilancio 2005, che stasera verrà vagliata dal consiglio comunale. Tra gli altri numeri della manovra di fine anno vengono inseriti a bilancio oltre un milione e 600 mila euro per la costruzione del primo lotto di lavori relativo all'ampliamento della Tina Pesaro, dove verranno accorpate tutte le scuole elementari. «Nei prossimi due anni - ha spiegato Bellinzoni - verranno inseriti a bilancio gli altri due lotti per il completamento dei lavori». Si tratta d lotti di circa 900 mila euro l'uno, per un totale di oltre tre milioni di euro. «Non vedo un piano organico per lo sviluppo dell'intero progetto - ha obiettato Bersani - L'allargamento della Tina Pesaro dovrebbe infatti servire a liberare gli spazi della scuola cardinal Casaroli di piazza XX settembre dove dovrebbero traslocare gli uffici comunali». Tra le altre voci, Bersani ha criticato la realizzazione del palasport. Un'opera, a suo dire, «faraonica, totalmente diversa da come era stata pensata». «Una struttura polivalente - secondo l'assessore Bellinzoni - che lascerà il segno e avrà un richiamo a livello provinciale».
Critiche anche dal capogruppo di minoranza Fabrizio Carrà che ha parlato di «gioco delle tre carte» riferendosi al continuo cambio di ubicazione sia del palasport (prima via Montanara e poi la Spadina), della scuola elementare (prima alla Spadina e poi alla Tina Pesaro) e del campo nomadi (prima sul rio Carogna e poi in località Molino Suzzani). «Un'associazione d'idee inopportuna», secondo la presidente di commissione Marina Vercesi che ha difeso il percorso «trasparente e partecipato con cui si è arrivati alla definizione di scelte, quali la scuola, che vanno incontro a esigenze ben precise della cittadinanza».
Mariangela Milani

2309149

© 1996 - 2005
Libertà On Line

 
Di Fabrizio (del 27/11/2005 @ 19:50:54, in casa, visitato 3704 volte)
Opera Nomadi

Via di Porta Labicana 59– 00185 ROMA

ENTE MORALE D.P.R. n.347 del 26.3.1970

 
Roma 6 e 7 Dicembre 2005
SEMINARIO NAZIONALE HABITAT 
 O CHER LACIO’
La cultura dell’abitare fra i Rom, Sinti e Camminanti

Conduttore di gruppo: Massimo Converso (Presidente Nazionale Opera Nomadi)

           Segreteria del gruppo: Elena Coluccia (Volontaria in Servizio Civile)

 

·      

 
 
Il superamento del “Campo-Nomadi” e, progressivamente, anche del “Villaggio Attrezzato”

·       L'architettura di chi ricerca l'integrazione stabile - in abitazioni mononucleari in muratura - con la storia della sua cultura

·       Il viaggio e la sosta nelle trasformazioni territoriali richiedono tipologie edilizie che definiscano un'architettura rispondente alla richiesta ed all'idea dell' "abitare" che appartiene al mondo dei Rom, Sinti e Camminanti;

·       Risposte ed iniziative attraverso lo studio e il confronto tra i progetti in atto nelle diverse realtà territoriali del nostro paese;  

·       La legalizzazione di un processo già ampiamente in atto: il ricorso all'autocostruzione come processo che, partendo dall'autoriflessione sull'architettura dell'abitazione Romanì, giunga alla sua attuazione formale attraverso procedimenti costruttivi partecipativi.

·       La quarantennale generalizzata esperienza nel Centro-Sud dell’edilizia popolare per le Comunità ROM “autoctone

·       Il Socialismo Reale e la politica per la casa per i 5 milioni di Rom dell’est europeo

Lunedì 5 Dicembre ore 17e30

presso la Sala TEATRO Municipio 3 in Via dei Sabelli 119 (San Lorenzo)

La casa nelle Comunità Rom in SerbiaMostra fotografica di Monika Bulaj

Presentazione del libro"Le ha ma la ja

da un viaggio di parole e immagini tra i Rom della Serbia, il tratto di un popolo " (Editrice Monti) con l’autrice Marzia Ravazzini, Volontaria nei Villaggi Rom in Serbia

Martedì 6 dicembre 2005

pressoAssessorato Politiche Sociali Comune di Roma

in Viale Manzoni 16 (Quartiere San Giovanni – Fermata Manzoni Metropolitana Linea A)

 

ore 15:30 Registrazione partecipanti presso la Segreteria del Seminario

ore 16:00 Introduzione generale del Dott. Massimo Converso (Presidente Nazionale Opera Nomadi)

ore 16:15 Proiezioni immagini e filmati

·      Microarea attrezzata Comunità Sinti GackaneVia delle Sette Chiese (Roma)

·      Microarea residenziale (Comunità Sinti Guastalla di Mantova)

·      Microaree attrezzate, istituzionali, in Alto Adige

·      Villaggio Rom di case popolari (Quartiere urbano San Vito - Cosenza)

·      Casilino 900 : il Campo-Rom più antico d’Italia

 

ore 20:15 Cena in loco

 

ore 21:30  1° CONCORSO ROMANO dei MUSICISTI di STRADA Rom/Sinti

presso la Sala TEATRO Municipio 3 in Via dei Sabelli 119 (San Lorenzo)

 

Mercoledì 7 dicembre 2005

al mattino

pressoAssessorato Politiche Sociali Comune di Roma

ore 9:00 Dibattito sulle proiezioni
ore 13:00 Conclusioni

ore 13:30 Pranzo in loco

 
nel pomeriggio

presso la Sala TEATRO Municipio 3 in Via dei Sabelli 119 (San Lorenzo)

 

ore 15:30 Relazioni finali dei 5 GRUPPI SEMINARIALI (Habitat, Lavoro,   Scuola, Sanità, Diritti e Mediatori Rom/Sinti)

ore 17:30 Risposta dei Rappresentanti del Governo Italiano (Ministeri Affari Regionali, Istruzione, Pari opportunità) ; presiede il Senatore Sinto Livio Togni

ore 19:00 Partenza dei partecipanti per le sedi di provenienza

 
Di Sucar Drom (del 25/11/2005 @ 08:15:51, in casa, visitato 1457 volte)
da Sucar Drom

Da un anno stiamo intervenendo nell'Alto Vicentino dove vivono un centinaio di famiglie Sinte Italiane.
La situazione è drammatica. Famiglie intere si vedono negata la residenza e ricevono quotidianamente Ordinanze di Sgombero perchè appartengono alle Minoranze Etniche Linguistiche dei Sinti Italiani.
Particolarmente grave la situazione a Piovene Rocchette dove il Sindaco, Maurizio Colman, ha intrapreso "una crociata" contro una famiglia di Sinti Teich Cranaria che ha acquistato un terreno nel 2000. La famiglia Levacovigh si è vista notificare anche due ordinanze di sgombero al giorno.
Nei prossimi giorni abbiamo intenzione di presentare un esposto alla magistratura per discriminazione razziale contro il Sindaco che ha affisso cartelli di "divieto di sosta ai nomadi" su tutto il territorio comunale.
L'atteggiamento del Sindaco di Piovene Rocchette ha trascinato tutto l'Alto Vicentino (Vicenza compresa). In queste settimane stiamo cercando di contrastare la grave situazione in collaborazione con la Prefettura di Vicenza e l'UNAR (Ufficio Nazionale Anti Discriminazioni Razziali ed Etniche).

2301481
Nella foto le signore Levacovigh e uno dei quindici cartelli di divieto di sosta a Piovene Rocchette

Rif:
Raccomandazione del Consiglio d'Europa
 
Di Fabrizio (del 23/11/2005 @ 07:59:11, in casa, visitato 1859 volte)

"Possibilità unica" di risolvere la crisi

By Dominic Casciani
BBC News Community affairs

Per i sostenitori della campagna, mai come ora i Comuni hanno avuto "la probabilità migliore" di risolvere la crisi nazionale dei siti di sosta ed i conflitti con i sedentari. Site
THE GYPSY CONTROVERSY

LATEST STORIES

AROUND THE COUNTRY
Minety example
Travellers bought their land, but do they have the right to stay?

BACKGROUND
Q&A: Travellers and the law

YOUR VIEWS
Tory traveller proposals

BBC action network

SEE ALSO:
MPs demand Gypsy site law change
07 Nov 04 | UK
Action against Gypsies is delayed
02 Nov 04 | Somerset
'Effigy' gypsies unite at bonfire
31 Oct 04 | Southern Counties
What this Traveller girl wants
28 Oct 04 | UK
Rural England, Gypsies and land reform
16 Sep 04 | UK

RELATED INTERNET LINKS:

The BBC is not responsible for the content of external internet sites

I nuovi obblighi per i comuni di aiutare Nomadi e Viaggianti a trovare i luoghi possono risolvere le tensioni locali, annuncia in una conferenza la Gypsy and Traveller Law Reform Coalition.

Ma Nomadi e politici dicono che occorre ancora molto lavoro per generare il dialogo con la gente stanziale.

L'appello arriva dopo un anno di grandi tensioni sugli insediamenti non autorizzati.

Con le nuove misure, i comuni devono includere i bisogni di Nomadi e Viaggianti nei loro programmi sulla casa.

Devono anche lavorare per incontrare le esigenze di luoghi di sosta, come pure favorirne l'acquisto di appezzamenti da parte dei gruppi itineranti ed essere di sprone perché ne vengano costruiti ed attrezzati dal privato sociale.

Le misure sono arrivate dopo una lunga campagna per far prendere atto ai comuni della drastica scarsità nazionale di luoghi di sosta.

I promotori della campagna sostengono che questa scarsità porta agli insediamenti illegali perché non ci sono posti dove fermarsi.

Diverse battaglie della corte stanno continuando attorno ai maggiori insediamenti non autorizzati in tutto il paese. Il più grande tra gli sgomberi preannunciati, vicino a Basildon, si pensa costerà almeno 1 milione di sterline.

Speranze ed aspettative

Lord Avebury, Liberal Democratico che ha sostenuto la causa dei Nomadi e Viaggianti, dice durante la conferenza che presto i comuni non avranno più scuse per non iniziare a risolvere i problemi che hanno condotto a significative tensioni locali. 

"Questo è un momento di speranza e l'aspettativa," ha detto Lord Avebury.

"Infine abbiamo una formula che può risolvere i problemi di sistemazione. E una volta risolto quello, si potranno affrontare gli altri problemi sociali che ne derivano. 
"Ci devono essere occasioni per la gente di agire e parlare assieme - può succedere che i problemi siano troppo grandi o insolubili, ma se state viaggiando insieme, il minimo che può nascere è un dialogo"
Rev. Michael Hore, Cottenham
"Per la prima volta ci sono comuni disposti a collaborare a vicenda su ciò che occorre fare così possiamo ipotizzare assieme, e accordarci, sul numero di siti necessari"

Len Smith, della Gypsy and Traveller Law Reform Coalition, dice che è "interesse di tutti" la costruzione di nuove aree di sosta.

"Il governo sta approntando nuovi piani regolatori - questo Congresso sta valutando queste nuove funzioni ed assicurandosi che tutti i consegnatari relativi siano consapevoli di che cosa fare perché il sistema funzioni e siano creati quei siti di cui c'è un disperato bisogno."

Il Reverendo Michael Hore, rettore di Cottenham, porta ad esempio l'esperienza nel suo villaggio di Cambridgeshire come avvertimento e segno di speranza.

Le tensioni sono aumentate in 2003 dopo che ad un sito di sosta si era allargato con l'arrivo di molti altri viaggiatori irlandesi.

Mentre le tensioni rimangono alte, il reverendo Hore ha detto che là era iniziato il dialogo fra gli abitanti ed i viaggianti e che ciò ha iniziato a migliorare la situazione.

"Sono state dette cose terribili che hanno trasceso nel razzismo," continua "ma ci devono essere occasioni per la gente di agire e parlare assieme".

"Può succedere che i problemi siano troppo grandi o insolubili, ma se state viaggiando insieme, il minimo che può nascere è un dialogo"

 
Di Fabrizio (del 23/11/2005 @ 02:40:52, in casa, visitato 1515 volte)
Comunicato stampa: Comunità di Sant'Egidio
Con l'arrivo del freddo
a Roma arrivano gli sgomberi di zingari
Urgente un tavolo per alternative reali
e non per interventi-tampone
Con un tempismo che solo alla burocrazia può riuscire, questa mattina, a ridosso di un altro intervento solo alcuni giorni fa, in concomitanza con l'arrivo del freddo, sono state sgomberate da Via Aldisio a San Basilio 15 famiglie di zingari (un centinaio di persone di cui la metà bambini).
Le loro baracche (presenti da molti anni, prima abitate da italiani) sono state rase al suolo dalle ruspe. Tra le persone vittime dello sgombero molti sono i bambini iscritti a scuola nei dintorni, un uomo emiplegico e alcuni anziani. Alle famiglie non è stata presentata nessuna formale ordinanza di sgombero o "sfratto". Gli zingari (tutti presenti a Roma da molti anni) sono stati invitati ad andarsene, e successivamente le baracche sono state demolite. La città non ha bisogno di interventi senza ritorno e miopi.
Nessuna urgenza o rischio di ordine pubblico appare in questo caso né immediato né reale, anche se l'ordinanza, è stato detto, proviene dal Comitato per la sicurezza e l'ordine pubblico. Si è trattato di un intervento su un piccolo agglomerato, su una via secondaria, su un terreno di scarso interesse pubblico.
La Comunità di Sant'Egidio ritiene immotivato lo sgombero e non compatibili con il livello di civiltà di una città come Roma iniziative che colpiscono famiglie insediate da anni nel tessuto comunale senza un progetto organico, contestuale, di accoglienza.
La Comunità di Sant'Egidio chiede immediati interventi di assistenza per le famiglie rimaste senza un riparo, per il sostegno scolastico, e l'apertura di un tavolo urgente con le istituzioni per individuare soluzioni alternative e praticabili, secondo standard accettabili per la dignità della città e delle persone coinvolte.

Roma, 22 novembre 2005

Piazza di S. Egidio, 3/a - 00153 ROMA - Tel +39.585661 - Fax +39.58566331


Il Corriere della sera - 22.11.2005 - 69 Hits

Milano - Le diverse periferie. Richieste e bisogni dei cittadini

Di Alessandro Balducci*

I disordini in Francia hanno spinto al centro dell'attenzione il problema delle periferie. In Italia non abbiamo costruito negli anni '60 e '70 enormi concentrazioni di edilizia sociale come è successo in Francia, ma anche noi dobbiamo interrogarci su quali domande emergono dalle diverse periferie che nella grande metropoli non sono più solo i quartieri popolari ai confini del Comune. Ci sono periferie interne fatte di baracche e di aree industriali dimesse che ospitano insediamenti illegali di immigrati, fatte di campi nomadi improvvisati. Queste periferie esprimono una domanda di politiche abitative di prima accoglienza che debbono essere in grado di dare una risposta civile a popolazioni urbane che non possiamo ignorare.

Ci sono le periferie pubbliche, grigie e dure, di Milano e dei comuni della prima cintura che in assenza di una continuità nella politica della casa sono diventate spesso concentrazione di fenomeni di disagio: in alcuni quartieri le case vengono occupate abusivamente oppure vengono legalmente assegnate a famiglie multiproblematiche che si vanno ad aggiungere a una popolazione prevalentemente anziana, spaventata e sola.

Propongono una domanda di riqualificazione che è anche di appartenenza alla comunità urbana, di interruzione della catena della emarginazione che unisce il quartiere popolare al lavoro precario, all'esposizione alla violenza da parte di gruppi organizzati, al vivere accanto a fenomeni di disagio sociale. È una domanda complessa, perché chiede alle politiche un approccio multi-settoriale, uscendo dalla logica della riqualificazione edilizia che da sola può fare ben poco. Ci sono infine periferie nella metropoli, dove le tensioni del mercato abitativo di Milano hanno spinto gruppi sociali a reddito medio-basso nella miriade di villette a schiera o di piccoli condomini. Queste popolazioni esprimono una domanda di politiche per la mobilità che rendano meno difficoltoso muoversi, ma anche di interventi capaci di conferire urbanità a brani di territorio che rischiano di trasformarsi in non luoghi, con tutte le connesse implicazioni di marginalità progressiva per le popolazioni che vi abitano. Se non vogliamo essere colti di sorpresa dobbiamo ascoltare le domande che emergono dalle diverse periferie.

*Direttore del Dipartimento di Architettura e Pianificazione Politecnico di Milano

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie pił cliccate


17/10/2021 @ 02:58:17
script eseguito in 62 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Parigi per la casa e contro la guerra... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1464 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021

Gli interventi pił cliccati

Ultimi commenti:
OFFERTA DI PRESTIT0 GRATUITO klauscampregher21@gma...
14/10/2021 @ 14:28:34
Di klauscampregher
OFFERTA DI PRESTIT0 GRATUITO klauscampregher21@gma...
14/10/2021 @ 13:14:11
Di klauscampregher
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source