Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Gli Zingari fanno ancora paura?

La redazione
-

Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 28/06/2010 @ 09:43:18, in casa, visitato 2140 volte)

Corriere del Veneto Il sindaco scrive alla famiglia sinti: dopo questo fatto rivisti i termini di permanenza

[...]

MIRA - Alla famiglia Cavassa (presso campo di via Maestri del Lavoro): «Ho appreso con rammarico e profonda delusione dalle forze dell'ordine che comportamenti della vostra famiglia hanno commesso un furto in una abitazione nel comune di Pianiga e che i responsabili del reato sono residenti presso il vostro campo nomadi». E' la lettera inviata dal sindaco di Mira Michele Carpinetti (Pd), alla famiglia sinti perché Rocky Cavassa, 19 anni, figlio di uno dei membri della comunità è stato arrestato dai carabinieri di Dolo per furto. Lui era il palo che aspettava in auto due ragazze (20 e 17 anni) che avevano appena rubato un computer in una casa di via Cavin Maggiore a Pianiga. Adesso il comune di Mira è pronto allo sgombero del campo nomadi.

Il sindaco ha disposto che sia revocata l'ordinanza, firmata quattro giorni fa, che permette alle famiglie di restare dell'area dell'accampamento. «Le soluzioni adottate dall'amministrazione per la vostra permanenza del campo sono state dettate da problemi umanitari essendo presenti numerose donne e bambini della vostra comunità-scrive Carpinetti-, e con la messa a disposizione dell'area per il campo vi è stato dato nel corso degli anni, il tempo di trovare una sistemazione definitiva anche fuori dal comune di Mira. In ogni passaggio è sempre stata categorica, da parte nostra, la richiesta del rispetto della legalità e di comportamenti che non mettessero in difficoltà la convivenza con la popolazione mirese. Dopo questo fatto vi comunico che saranno rivisti i termini per la vostra permanenza nel campo di via Maestri del Lavoro».

 
Di Fabrizio (del 27/06/2010 @ 09:24:21, in casa, visitato 1707 volte)

GE local TRENTINO

TRENTO. «Le microaree sono l’unica soluzione. Speriamo le facciano davvero. E al più presto». Alessandro Held, 57 anni, parla e fuma sotto il gazebo. È il più anziano dei circa 50 sinti che vivono nel campo abusivo accanto alla Motorizzazione. In tutta Trento sono circa 200.
A due passi dall’Adige e dalla tangenziale ci sono una dozzina di roulotte sistemate a ferro di cavallo, la toilette, una piscinetta «da 30 euro» dove due bimbe giocano e si rinfrescano mentre le donne sistemano i piatti del pranzo. «Qua - continua il “ capo” - viviamo abbastanza bene. Siamo fortunati perché abbiamo l’acqua che usavano prima gli operai che hanno costruito le nuove gallerie di Piedicastello. Ci sono anche le fognature. Però, siamo precari. Abbiamo paura di sgomberi improvvisi e se ci mandano via non sappiamo dove andare». Si avvicina il fratello Riccardo che ribadisce. «Di certo non andremo al campo di Ravina (l’unico regolare in città, ndr) perché è sovraffollato e invivibile». «Se ci sistemano nelle microaree - continuano - non vogliamo starci gratis. Paghiamo affitto, acqua, luce e gas».

Ormai, i nomadi di Trento, sono nomadi stanziali. «Noi siamo sinti - spiega ancora Alessandro - con origini germaniche. Quando ero giovane la mia famiglia si muoveva molto, ora invece ci muoviamo meno. Anche per far andare i figli a scuola». Vivere in una casa, però, è quasi contro la loro cultura. «Per la mia generazione è davvero complicato abituarsi a stare in appartamento. Magari per i miei figli sarà più facile». Federico, 16 anni, sorride. «In effetti in inverno stare in una casa sarebbe meglio, ma a me piace vivere qua al campo». Una vita apparentemente normale. La giornata tipo della famiglia Held non si discosta molto da quella di altre famiglie trentine. «Al mattino - continua Alessandro - noi uomini andiamo a lavorare, raccogliamo ferro e lo trattiamo. I bambini vanno a scuola. Le donne si prendono cura di loro o del campo. Usciamo poco perché non vogliamo dare fastidio. E anche a causa di certi attacchi della Lega Nord abbiamo paura di essere presi di mira».

Una vita che a Trento fanno circa 200 nomadi. L’assessore comunale Violetta Plotegher, nei giorni scorsi, aveva detto che i nomadi che vivono in accampamenti abusivi in città sono 82. A sentire i diretti interessati, però, i numeri sono diversi. Oltre alla sessantina di persone che vive a Ravina, infatti, ce ne sarebbero 50 alla Motorizzazione, circa 30 a Gardolo, altrettanti all’Ex Zuffo e altri in zona Monte Baldo. Circa 130 nomadi che vivono in campi abusivi. Più quelli di Ravina. «Una soluzione va trovata al più presto. La nostra è una situazione di emergenza. Non vogliamo passare un altro inverno al freddo. Servono le microaree anche a Trento, come hanno fatto in molte altre città», sottolineano anche Valentino Held e Damiano Colombo che vivono in alcuni camper tra il campo della Vela e l’ex Zuffo con le loro famiglie allargate. «Non possiamo essere lasciati così, abbandonati, come cani».

SONDAGGIO Siete favorevoli alle microaree?

 
Di Fabrizio (del 21/06/2010 @ 09:46:36, in casa, visitato 1450 volte)

Da Slovak_Roma

17 giugno 2010 Fermate gli sgomberi dei Rom in Slovacchia - Per firmare l'appello di Amnesty International (testo in calce)

  Image: L'insediamento romanì a Plavecky Stvrtok. Copyright: Amnesty International

"Non posso credere che nella Slovacchia di oggi, un paese che è nell'Unione Europea, lui [il sindaco del villaggio di Plavecký Štvrtok] voglia rendere senza un tetto 600 persone." Aneta, donna romanì, abitante dell'insediamento.

Circa 90 famiglie romanì a Plavecký Štvrtok, un villaggio a circa 20 km. a nord della capitale Bratislava, sono di fronte alla minaccia di essere espulsi a forza dalle loro case, situate al margine del villaggio, da parte delle autorità locali entro le prossime settimane.

I Rom hanno vissuto sullo sulla stessa terra di Plavecký Štvrtok per diverse generazioni. Ma solo negli ultimi mesi è stato chiesto loro dal comune di provare la legalità delle loro case, tramite l'esibizione dei permessi di costruzione, certificati di proprietà ed altri documenti.

E' stato detto loro che se non avessero fornito la documentazione necessaria, ci sarebbero stati ordini di demolizione. Nella maggior parte dei casi i Rom non possiedono questi documenti, in quanto non sono proprietari del terreno su cui vivono.

Da gennaio, il comune ha notificato a 18 famiglie di demolire le loro case entro tre mesi, dato che non avevano fornito i documenti necessari. Se non l'avessero fatto, il comune avrebbe mandato i bulldozer a demolirle.

Darina, una delle abitanti dell'insediamento ha detto ad Amnesty International: "Non abbiamo dove andare. Questa è casa nostra. Ognuna delle case è stata costruita dalla nostra gente, senza nessun aiuto. [...] Ognuno qui ha dovuto costruire la sua casa coi propri sforzi."

"Questo sgombero avverrà senza riguardo per centinaia di persone, incluse famiglie con bambini, che non sono state consultate per individuare alternative allo sgombero od opzioni di reinsediamento, o neanche informate adeguatamente sul potenziale sgombero," ha detto David Diaz-Jogeix, vice direttore di Amnesty International per l'Europa e l'Asia Centrale.

Le autorità hanno detto che una delle ragioni del progettato sgombero forzato è stata la preoccupazione per la sicurezza pubblica, dato che sette case sono costruite entro l'area di rispetto di 8 m. attorno ad un gasdotto, e la maggior parte delle altre case sono ad una distanza di 50 m.

Ma gli standard usati per Rom e non-rom sembrano essere differenti. A nessuna delle famiglie non-rom, le cui case pure sono costruite nella stessa "zona di protezione", è stato notificata l'ordinanza di demolizione o è stata contattata in qualche modo dal comune. Ciò fa crescere le preoccupazioni per un trattamento discriminatorio.

Nel contempo le autorità non stanno considerando nessuna possibilità di un alloggiamento alternativo, violando gli impegni internazionali della Slovacchia sui diritti umani.

Il giornale Slovak Spectator ha riportato il 19 aprile che il sindaco di Plavecký Štvrtok ha dichiarato che il comune ha rigettato l'idea di costruire alloggi popolari come soluzione, "perché il villaggio dovrebbe investirvi tropo e gli appartamenti sarebbero del comune. La loro gestione costerebbe molto denaro e sappiamo molto bene come questi cittadini intendono gli alloggi - in pochi anni sarebbero tutti in rovina."

"Una dichiarazione simile indica un disinteresse totale degli obblighi della Slovacchia di garantire un alloggio adeguato a tutti, senza discriminazione," ha detto David Diaz-Jogeix.

"Le autorità devono assicurare che nessuna famiglia venga resa senza tetto o vulnerabile alla violazione di altri diritti umani come conseguenza di sgombero. Questo include fornirle di rimedi legali, incluso quello di un compenso per la distruzione delle loro case e proprietà. Il governo ha il dovere di assicurare che le autorità di Plavecký Štvrtok rispondano alla legge internazionale dei diritti umani."

 
Di Fabrizio (del 16/06/2010 @ 09:23:19, in casa, visitato 1679 volte)

Segnalazione di Monica Rossi

INURA sta per International Network for Urban Research and Action. Quest'anno a Zurigo si terrà un'importante conferenza sull'urbanesimo contemporaneo alla quale parteciperanno ricercatori di tutto il mondo.
Titolo della conferenza è:
"The New Metropolitan Mainstream", Zurich, June 27 to 30, 2010

The last 20 years of urban development were marked by enormous urbanisation. Asia, Africa and Latinamerica experienced a tremendous growth of their cities. Besides urban sprawl a huge range of cities and metropolitan regions experienced a reurbanisation and urban renaissance. Globalisation brought about similar developments in inner cities, similar strategies of regeneration and urban transformation, among them culturalisation, privatisation of public goods and liberalisation of housing. Many regions also experienced an ongoing polarisation of urban rich and urban poor. The New Metropolitan Mainstream is found in variations in cities around the globe. The thesis is that there are the same rules that lead to similar results. INURA's New Metropolitan Mainstream project compares the developments of the last 20 years in more than 20 cities. This will be the framework of debates and the discussions of the 20th INURA conference.

http://www.inura.org/2010/welcome.html

Con il mio gruppo di ricerca SMU Research net (http://smu-research.net/smu/italian) abbiamo partecipato producendo un poster su Roma ed una mappa che si aggiungerà alle altre prodotte da altri gruppi di ricerca provenienti da tutto il mondo.
Accanto al New Metropolitan Mainstream, che sarebbe la città "pianificata", in Italia ed in Grecia troviamo invece la "città informale", che a Roma in particolare ha una storia molto lunga che parte dalle baraccopoli costruite dai migranti italiani ed arriva sino ai campi rom e agli insediamenti informali abitati da immigrati.

With my Research group SMU Research net, we have participated producing a poster on Rome and a map that will be added to the others produced by other research groups from all over the world.
Close to the New Metropolitan Mainstream, which means the "planned" city, in Italy and Greece we find also the "informal city", which in Rome in particular has a very old tradition which begun with the shanty towns inhabited by Italian internal migrants and arrives to the Roma encampments and migrant informal dwellings

Questo è invece il link alla mappa:
http://maps.google.it/maps/ms?client=firefox-a&hl=it&ie=UTF8&msa=0&msid=103519825300158467505.00048496ebc237f20dc24&t=h&z=10

 
Di Fabrizio (del 14/06/2010 @ 09:46:09, in casa, visitato 1425 volte)

Dopo tante parole al vento, sotterfugi e promesse non mantenute ora, il Sindaco di Rho vorrebbe dare il ben servito alle persone che con pieno diritto e contratto alla mano abitano nella struttura di via Sesia, per far posto ad una discarica o a qualcosa di simile.

In questi giorni ci siamo imbattuti nel Sindaco di Trezzo che, come il Nostro, non ha trovato di meglio che annunciare alle famiglie sinte che abitano in quel comune, come residenti, da oltre vent'anni, che al loro posto sarà previsto l'allargamento della ricicleria limitrofa. Sloggiandoli.

Un caso o un cattivo esempio di come si amministrano le città di questi tempi?

I bambini di via Sesia li ho visti nascere e crescere a Rho, non altrove, insieme ai tanti loro coetanei che frequentano le scuole.

Qualcuno nel frattempo è diventato più grandicello e ora frequenta un istituto superiore, una specie di "miracolo" tra gli zingari..

Ho anche assistito a molti degli accordi sottoscritti con le famiglie rom dagli ultimi 3 sindaci che hanno governato la città. Patti sempre osservati con rispetto e solennità dagli zingari ma spesso travisati dai funzionari pubblici con la menzogna, l'arroganza, il menefreghismo.

Il Comune di Rho ha incassato una bella somma, oltre un milione di euro, dal Ministro degli Interni, Maroni, Lega Nord, per promuovere l'integrazione sociale di persone che hanno un nome e cognome, una storia di lunga permanenza a Rho, non degli ultimi arrivati che nessuno conosce, attraverso interventi precisi di sostegno abitativo, lavorativo, scolastico e sociale.

Che cosa è stato fatto? Nulla di quanto scritto e dichiarato e nulla o poco verrà fatto in futuro, al di là delle chiacchiere di circostanza, perché senza un ruolo di mediazione sociale delle istituzioni (ma capiscono cos'è?), ogni altro intervento è destinato al fallimento.

Come (e in che misura) verranno spesi i soldi pubblici assegnati? Un progetto è un po' come un "contratto", definisce cosa devi fare, come, in quanto tempo ecc., per evitare che i soldi di tutti noi vengano inutilmente dispersi, o siano trattati come merce di scambio clientelare.

Ma se invece del televisore che hai acquistato in occasione dei prossimi mondiali di calcio, ti consegnassero a casa solo un disco dvd "vergine" dicendoti: "adesso puoi registrartele se vuoi… le partite, s'intende", voi cosa rispondereste al negoziante che vi sta "raggirando" mettendovi tra le mani una "scatola vuota"?

Maurizio Pagani - Presidente Opera Nomadi Milano

 
Di Fabrizio (del 14/06/2010 @ 09:17:50, in casa, visitato 1650 volte)

Segnalazione di Davide Falcioni da Radiopopolareroma.it

Me Sem Rom: il documentario di tre giovani registi arriva in studio. Ne parliamo con Davide Falcioni che ci spiegherà perché questo lavoro è stato realizzato all'interno del Casilino 900. Ci occupiamo anche della mostra "Campus Rom, c'era una volta Savorengo Ker" il lavoro organizzato all'interno della festa dell'architettura.

Durata: 47:16 minutes (21.64 MB)
Formato: MP3 Mono 44kHz 64Kbps (CBR)

Ascolta la puntata di giovedì 10 giugno 2010.

 
Di Fabrizio (del 12/06/2010 @ 09:50:30, in casa, visitato 1930 volte)

Segnalazione di Giancarlo Ranaldi

Sconfinamenti.splinder.com di Giovanni Giovannetti

Nel pomeriggio - oggi 10 giugno 2010, alle ore 15,30 - ci troviamo a Gambolò, sotto casa di Irene Zappalà per impedire l'esecuzione dello sfratto (la signora abita a due passi dalla piazza, dietro la confraternita di san Paolo, in via Magenta 5). Oltre alla comunità Sinti di Gambolò, hanno già confermato la loro presenza i consiglieri provinciali e il segretario provinciale di Rifondazione Comunista; i rappresentanti della CGIL, del sindacato inquilini SUNIA e della lista civica Insieme Per Pavia.

Devastante. Nella provincia di Pavia oltre duemila famiglie sono a rischio di sfratto. Per la precisione, tra sfratti pendenti (844) e richieste di esecuzione (1.172) si sommano 2.016 casi. Aumentano del 27 per cento gli sfratti per morosità (nel 2009 se ne sono avuti 790, di cui 127 a Pavia); calano del 10 per cento quelli per finita locazione. Da una parte il legittimo diritto dei proprietari; dall'altra le ragioni di molte famiglie, soprattutto quelle monoreddito o improvvisamente senza lavoro.
Prendiamo il caso della signora Irene Zappalà di Gambolò. Quarant'anni, due figli, lavorava come addetta alla cucina presso la casa di riposo "Fratelli Carnevale" di Marcianò. Dopo una vertenza sindacale nel 2006 nonostante l'asma, si ritrova relegata alle pulizie degli scantinati («per rappresaglia»), e infine licenziata nel 2008. Da quel momento per lei solo attività lavorative saltuarie, pagate in nero (ad esempio, lavora come inserviente di cucina al ristorante "Quattro stagioni" di Remondò. Venti ore mensili per 360 euro quando, per il solo affitto, ne dovrebbe esborsare 330) e il progressivo scivolare giù, nell'indifferenza generale, fino allo sfratto ormai esecutivo.
Soluzioni abitative ce ne sarebbero: in attesa di un alloggio popolare (era dodicesima; un anno dopo si è ritrovata diciottesima...) la signora potrebbe trovare provvisoria dimora alla stazione ferroviaria di Remondò, che il Comune detiene in comodato d'uso; Irene si è offerta di curarne apertura e pulizia. C'è poi un alloggio presso la Fondazione Fratelli Carnevale, in ristrutturazione.
Irene Zappalà chiede pane e lavoro; in Comune allargano le braccia. Così l'unico aiuto concreto le è oggi offerto dai Sinti. Sì, gli zingari residenti a Gambolò, che ogni tanto le portano alimenti. Come racconta Franco Ovara Bianchi, «quando vado a comprare il pane per le famiglie che vivono nel campo lo prendo anche per Irene». Il portavoce della comunità Sinti gambolese si è anche offerto di ospitarla in una delle roulottes del campo lungo il torrente Terdoppio.
Insomma, una inedita solidarietà tra marginali "storici" – come appunto gli zingari – e questi nuovi marginalizzati, la cui interazione supera finalmente le categorie peraltro mobili di "etnia", "cultura", "identità". Interazione che smentisce l'artificio dei presunti "conflitti culturali", branditi come clave da élite politiche che soffiano sul fuoco dell'intolleranza e del pregiudizio, istigando all'odio "razziale" nei confronti degli zingari e degli stranieri.
In Lomellina e in particolare in paesi come Tromello e Gambolò troviamo "gagi" che sembrano Sinti (ovvero gli zingari lombardo-piemontesi) e Sinti che sembrano "gagi". Il processo di assimilazione è favorito anche dai numerosi matrimoni tra zingari e gambolesi. Per chi non lo sapesse, nel gergo degli scarpinanti i gagé («contadini») sono coloro che non appartengono al popolo dei Rom (gli «uomini» per antonomasia); dunque gagé sono tutti gli «altri».
La storia dei primi insediamenti viene raccontata da Nevina Andreta in un saggio ("Nel paese dei dritti", ne L'albero del canto) di cui sono stato editore nel lontano 1985. Andreta li colloca al 1879, «quando vennero in territorio gambolese gli appartenenti alle famiglie Allegranza e Vinotti, che s'imparentarono con altri ceppi di nomadi, famiglie che in seguito richiesero la residenza a Gambolò». Erano giostrai, artisti da circo, suonatori ambulanti, sensali di cavalli, maniscalchi... Insomma, il mondo dei marginali – Sinti o gagi – contiguo a quello della piazza, modo frequentato dai cantastorie di Tromello Giacinto Cavallini e Vincenzina Mellini, o Adriano Callegari di Pavia, o Antonio Ferrari di Belgioioso; quel microcosmo della "leggera" magistralmente raccontato dall'imbonitore mantovano Arturo Frizzi nell'autobiografico Il ciarlatano (1902). Un mondo altrettanto contiguo ad altre figure di marginali:ad esempio i cercatori d'oro, i ghiaiaroli e i navaroli di Po e Ticino; ad esempio i cordai di Calvatone nel cremonese e Castelponzone nel mantovano. Insieme a Gambolò, Castelponzone viene ricordata da Glauco Sanga come il «paese dei dritti». L'elenco comprende anche Sant'Angelo Lodigiano, Pozzolo Formigaro in provincia di Alessandria e Vescovato presso Cremona. Sono paesi popolati da marginali borderline, «quelli che nel periodo di passaggio dall'età medievale all'età moderna non vivevano del lavoro della terra, ma si dedicavano ad altre svariate attività che si potrebbero definire "di servizio"» (Sanga), attività alternative alle consolidate forme di reddito o agricolo o industriale. Gli abitanti di questi paesi erano considerati «"ladri e furfanti" […] Né Castelponzone né gli altri "paesi di ladri" sono paesi di contadini; le attività economiche erano altre»: ad esempio, lo spettacolo; come a Gambolò, il paese dei giostrai.
Il Paese dei giostrai e – sia pure tra molte contraddizioni – il paese della convivenza e della solidarietà. Lo sottolinea Nevina: il Comune aveva «la fama di grande lungimiranza nel concedere l'iscrizione all'interno delle proprie liste anagrafiche a nomadi di ogni categoria» tanto che ne arrivavano persino dall'estero: ai nuclei storici delle famiglie ormai sedentarie degli Allegranza, Vinotti, Picci, Bianchi, Sambiase, Ruffini, Sabino, Costantini, Delli, Vacchina si sono poi aggiunti gli Hudorovich e gli Offman, originari di San Pietro del Carso (la slovena Pivka) e Budapest; persone che, prima di trovare dimora a Gambolò, erano apolidi.
Da 84 anni la comunità Sinti di Gambolò dimora in riva al Terdoppio, poco fuori il paese. Lungo il torrente incontriamo cinque delle numerose famiglie qui residenti, ma ancora pochi anni fa tra queste roulottes c'erano più di venti casati: sono giostrai, venditori ambulanti di scope centrini fiori e piante; alcuni vanno per ferro; altri stagionalmente lavorano nell'allestimento invernale delle luminarie natalizie o, in agricoltura, nella raccolta di pomodori uva e ortaggi; qualcuno ha trovato impiego nell'edilizia.

Se questo è il retroterra, allora non deve stupire la solidarietà fra compaesani in sostituzione della pubblica amministrazione di centrodestra, che oggi non prevede welfare locale, arrivando persino a minacciare la chiusura della fontana a cui vanno i Sinti del campo.
Del resto viviamo in Italia, Paese che, nell'Europa a 15, è penultima nella classifica delle spese sociali per il contenimento del rischio di povertà e l'unica – insieme alla Grecia – a non prevedere un assegno minimo per chi versa nel disagio: l'aiuto arriva solo al 4 per cento della popolazione, mentre in Svezia, Danimarca, Finlandia, Paesi Bassi, Germania e Irlanda la percentuale sale al 50 per cento. In Italia, una famiglia su cinque è oggi in seria difficoltà. L'indebitamento totale dei 23 milioni e mezzo di famiglie italiane ammonta a 490 miliardi di euro (dal 2002 al 2007 è quasi raddoppiato), per una media di 15.764 euro a famiglia.
In Europa e negli Stati Uniti la perdita della casa – per l'impossibilità di pagare il mutuo – sta spingendo milioni di famiglie nell'indigenza. In Italia va anche peggio. Anche in provincia di Pavia molti anziani con la pensione sociale «non si possono più permettere di mangiare due volte al giorno e altri in estremo tentativo di risparmio la sera diluiscono la scodella del latte con un po' d'acqua», come ha rilevato Fabrizio Merli (La Provincia Pavese, 3 maggio 2008). E Maria Grazia Piccaluga così scrive: «Alla mensa dei poveri si è presentato solo una volta a mezzogiorno. Quando il bisogno ha superato la vergogna. Ha mangiato a testa bassa, guardando solo il suo piatto. E non è più tornato [...] Il pensionato timido e imbarazzato non si è più fatto vedere. "Sono in tanti gli anziani che hanno bisogno, ma in genere non chiedono. Piuttosto vanno a rovistare tra gli scarti del mercato" spiega una volontaria corrucciando la fronte. Un dato però è significativo: gli italiani che siedono alla mensa dei poveri sono ormai diventati numerosi quanto gli stranieri. Anziani soli, ma anche giovani senza lavoro, uomini (e qualche donna) con un vissuto travagliato alle spalle che non riescono più a reinserirsi nel mondo del lavoro» (20 agosto 2008).
La precarizzazione dei lavoratori imporrebbe alle amministrazioni locali politiche volte a contenere la disoccupazione, e la ricerca di una via che porti al reinserimento nel mondo del lavoro. Quanto meno servirebbe il tampone di un fondo sociale di solidarietà.
Invece piove sul bagnato. Nei primi mesi di quest'anno in provincia di Pavia sono andati in cassa integrazione altri 1.600 lavoratori. In crisi sono 75 aziende edili e meccaniche, che vanno a sommarsi alle 237 dei mesi scorsi, 160 delle quali appartenenti al settore artigianato. Si salvano i settori lattiero-caseario, risiero e viti-vinicolo; sono in sofferenza le imprese con meno di 50 dipendenti, il 90 per cento delle fabbriche della provincia.
In Italia, in un anno la cassa integrazione è cresciuta del 443 per cento! Ma è più inquietante il destino dei 4.121.000 lavoratori precari – il 15 per cento della forza lavoro – 300.000 dei quali rischiano la disoccupazione. Analogamente ai dati nazionali, sono precari il 15 per cento di quanti lavorano in provincia; sono altresì precari buona parte dei 12.000 pendolari che lavorano a Milano.
Il già sterile tessuto produttivo pavese si deve così misurare con la crisi globale e patisce un calo degli ordini tra il 20 e il 25 per cento. Meno soldi in busta paga significa meno consumi durevoli (auto -16 per cento; elettrodomestici -6,9) e non poche difficoltà ad affrontare gli aumenti delle tariffe di alcuni servizi: a Pavia si sono avuti rincari per trasporti, refezione scolastica, centri estivi delle materne e delle elementari, scuole materne a tempo pieno, parcheggi, ecc.
Se a Pavia si piange, a Roma c'è poco da ridere. Le retribuzioni italiane sono oggi inferiori di 8 punti rispetto alla media europea, ma il calo complessivo è del 13 per cento (nel 2000 erano di oltre 4 punti sopra) e, come lamenta Guglielmo Epifani, «cresce sempre di più il senso di insicurezza della popolazione, la precarietà del lavoro, la sfiducia nel futuro e la paura di perdere il benessere e la qualità delle proprie condizioni di vita».
Tuttavia qualcosa non quadra: negli ultimi vent'anni 120 miliardi di euro – l'8 per cento del Pil – sono passati dai salari ai profitti, 5.200 euro in media all'anno a lavoratore, 7.000 euro se escludiamo i lavoratori autonomi. La crisi finanziaria era da tempo in incubazione. La casta politico-economica ha pensato di spalmarla sui lavoratori e sulla piccola e media borghesia al collasso, e sposta su comodi capri espiatori l'«eccesso di paura» di chi si sente scivolare lungo la china della povertà. La frammentazione sociale, la politica del rattoppo, della finta "sicurezza", delle "ordinanze creative" e la pressione mediatica sono strumenti per nascondere la portata ideologica e politica della crisi a cui siamo di fronte: una crisi di civiltà che, allargando lo sguardo, porta a muovere gli eserciti per il controllo delle fonti energetiche, dell'acqua e del cibo.

 
Di Fabrizio (del 10/06/2010 @ 09:16:18, in casa, visitato 1635 volte)

da martedì 15 giugno 2010 alle ore 16.30 a lunedì 21 giugno 2010 alle ore 19.00
Museo delle Arti e Tradizioni Popolari, Piazza Guglielmo Marconi, 8 (EUR) Roma, Italy

Evento collaterale della Festa dell'Architettura di Roma (http://www.indexurbis.it/).

L’Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia (IDEA) / Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari ospita l'evento Campus Rom, c'era una volta Savorengo Ker, mostra multimediale che racconta due esperienze di ricerca realizzate dal collettivo Stalker ON in collaborazione con le comunità Rom della capitale. Due anni di lavoro, vissuti tra intese e malintesi, che hanno visto nascere progetti coraggiosi e sogni condivisi, narrati dalla mostra fotografica Campus Rom e dal documentario, presentato in anteprima assoluta, C'era una volta … Savorengo Ker, la Casa di Tutti, regia di Fabrizio Boni e Giorgio de Finis, prodotto da In Iride Sfoggio.

La mostra Campus Rom presenta le fotografie di: Simona Caleo, Giorgio de Finis, Max Intrisano, Massimo Percossi, Maria Stefanek, Maria Teresa Bovino, Hector Silva Peralta. Alessandro Imbriaco

Per informazioni e aggiornamenti sul programma:

Sito ufficiale dell’evento:
http://campusrom.wordpress.com/

Indirizzo email:
campusrom.indexurbis@gmail.com

in diretta streaming su http://www.irida.it/
Ingresso libero - l'evento su Facebook

 
Di Fabrizio (del 08/06/2010 @ 09:50:44, in casa, visitato 1577 volte)

Segnalazione di Flora Afroitaliani-e

Mercoledì 9 Giugno 2010 - ore 18.30-20.30
Planetarietà – Via P. Falconieri 84 (Monteverde)

il Gruppo 105 di Amnesty International e Monteverde Antirazzista
invitano alla tavola rotonda

NON SI SGOMBERANO I DIRITTI UMANI
I diritti abitativi: testimonianze e progetti in difesa di uno dei principali diritti economico-sociali.

La pratica degli sgomberi forzati, una grave violazione dei diritti umani, ha subito di recente un notevole incremento.
In particolare, ma non solo, coinvolge le comunità rom e sinti, che più di altre sono emarginate e discriminate in tutto il continente. In Italia vivono per lo più ai margini della società, in condizioni abitative precarie e degradanti, e non per loro scelta, come vuole la diceria comune.
Il “Piano Nomadi” lanciato nel luglio scorso dal Comune e dal Prefetto di Roma risponde a questa situazione disastrosa con sgomberi forzati di molti insediamenti rom, senza garantire la consultazione completa delle comunità interessate né alloggi alternativi per tutte le persone sgomberate.
Sono palesi violazioni dei diritti umani, a cui bisogna reagire: a tutte le persone che vivono negli insediamenti abitativi precari si debbono assicurare protezione e rispetto dei loro diritti, al pari di tutte le altre persone che vivono nel nostro paese.
Per informare e sensibilizzare sul tema l’opinione pubblica, il Gruppo Italia 105 di Amnesty International e Monteverde Antirazzista organizzano una tavola rotonda sul tema.

Partecipano:
Roberta Zaccagnini – Amnesty International
Guendalina Curi – Popica Onlus
Gianluca Staderini – Popica Onlus
Sofia Sebastianelli – Action
Aldo Pierangelini – Asl Rm E
Catia Mancini – Arci solidarietà
Alberto Barbieri – Medici per i diritti umani
Testimonianze dirette dal Campo autorizzato Cesare Lombroso, dalla Comunità Metropoliz e dal Centro di Accoglienza Forlanini: Umiza Halivovich, Christian Memet, Emran Tarakai

Moderatore: Giulio Coppi – Amnesty International gruppo Italia 105

Al termine dell’incontro: aperitivo con tutti i partecipanti.
Ingresso libero.

Per maggiori informazioni:
Gruppo 105 Amnesty International
gr105@amnesty.it - www.amnestylazio.it
Alessandro Casagrande: 328 640613

 
Di Fabrizio (del 07/06/2010 @ 09:04:53, in casa, visitato 1622 volte)

Da Roma_Daily_News

Greek Helsinki Monitor

25/05/2010 - Per la seconda volta in cinque anni, il Comitato Europeo per i Diritti Sociali ha condannato la Grecia per serie, continue ed estese discriminazioni contro i Rom rispetto ai diritti dell'abitare. In un riesame senza precedenti tramite il sistema dei reclami collettivi, all'unanimità il Comitato ha confermato tutte le accuse principali nel merito di una denuncia collettiva presentata in marzo 2008 da Interights assieme al Greek Helsinki Monitor. La denuncia dettaglia la continua mancanza del governo greco nel fornire ai Rom un alloggio adeguato e le relative infrastrutture, come anche il suo coinvolgimento in oltre 20 sgomberi forzati dal 2004. Inoltre mette luce alla sistematica discriminazione provata dai Rom e al fallimento del governo nel fornire adeguate salvaguardie e rimedi per questa comunità vulnerabile. Ci sono circa 300.000 individui di origine rom che vivono in Grecia, ed a causa dell'assenza di alloggi adeguati, molti si trovano in 52 accampamenti improvvisati e pericolosi.

La denuncia segna un punto di svolta nei lavori del Comitato, dato che è la prima volta che viene chiesto di riesaminare una questione esaminata in precedenza. Nel riconsiderarla, il Comitato ha trovato non solo che la Grecia ha fatto progressi insufficienti nell'applicare le raccomandazioni delle decisioni precedenti, ma che ha anche commesso significative nuove violazioni dei suoi obblighi alloggiativi. Come risultato, la situazione per le famiglie rom è peggiorata negli ultimi cinque anni.

Commentando la decisione. Iain Byrne, avvocato di Interights che aveva lavorato al caso, ha detto: "Questa decisione dimostra chiaramente che i governi non possono continuare impunemente a trascurare i loro obblighi economici e verso i diritti sociali. Respingendo le obiezioni del governo greco di riesamine del caso, il Comitato ha mandato un chiaro segnale che alle vittime non dev'essere negato l'accesso alla giustizia. Si spera che, nonostante l'inazione degli ultimi cinque anni, il governo agisca concretamente rispetto alle gravi preoccupazioni del Comitato."

Elaborando una gran quantità di materiale presentato dai reclamanti, assieme ad esperti nazionali, del Consiglio d'Europa e  ONU, il Comitato ha trovato prove significative che i Rom continuano a vivere in alloggi che mancano di infrastrutture e dei minimi standard di abitabilità. Molti insediamenti consistono solo in prefabbricati senza elettricità, acqua corrente o raccolta dei rifiuti.

Il Comitato ha respinto gli argomenti del governo che la legislazione greca fornisca adeguata salvaguardia alla prevenzione della discriminazione, sottolineando che in generale, ma in particolare nel caso dei Rom, non sia sufficiente garantire semplicemente un pari trattamento come protezione contro ogni discriminazione. Invece, l'uguaglianza reale ed efficace richiede che si tenga conto della diversa situazione in cui si trovano i Rom.

Il Comitato ha anche concluso che il governo ha mancato di dimostrare che né la legge né la pratica offrissero una consultazione a chi fosse colpito da sgombero, incluso un ragionevole preavviso o informazioni su una sistemazione alternativa. Riassumendo, "non è stato fatto alcuno serio sforzo per trovare siti o sistemazioni alternative."

Con una constatazione che potrebbe anche aver ricadute sull'accesso alla giustizia per altre comunità marginalizzate, il Comitato ha inoltre ritenuto che i ricorsi legali disponibili non sono sufficientemente accessibili. Con molte famiglie rom che non sono a conoscenza del diritto di contestare un avviso di sgombero, per esempio, il Comitato ha trovato che "le circostanze speciali delle famiglie rom minacciate da sgombero significano che dev'essere disponibile un supporto speciale, che comprenda consulenza mirata sulla disponibilità di assistenza legale ed in merito ai ricorsi." 

Il Comitato ha concluso all'unanimità che ci sono state violazioni (a) dell'articolo 16 della Carta sul fatto che non viene tenuto sufficientemente conto della situazione differente delle famiglie rom, col risultato che un numero significativo di famiglie rom continua a vivere in condizioni al di sotto degli standard minimi e (b) dello stesso articolo 16 per il fatto che le famiglie rom continuano ad essere sgomberate a forza, in violazione della Carta, ed i rimedi legali generalmente disponibili non sono loro sufficientemente accessibili.

Panayote Dimitras, portavoce del Greek Helsinki Monitor, ha detto: "Il governo deve ammettere che il programma alloggiativo per i Rom è fallito; la maggior parte dei prestiti per gli alloggi non aiuta i Rom a spostarsi dagli insediamenti poveri verso case adeguate; mentre invece sono accaduti centinaia di sgomberi forzati. Le autorità appropriate devono investigare su queste accuse e punire chi verrà trovato responsabile. Il governo deve nominare nuove persone per implementare un nuovo piano d'integrazione globale ed efficace, [...]. Questo nuovo approccio richiede che le autorità lavorino direttamente con i Rom e quanti li rappresentano realmente, piuttosto che con -leader- rom assimiliti nominato dallo stato."

Per ulteriori informazioni:

Iain Byrne, Senior Lawyer, ibyrne@interights.org Tel: 020 7843 0483. www.interights.org
Panayote Dimitras, Greek Helsinki Monitor panayote@greekhelsinki.gr - office@greekhelsinki.gr
Tel: (+30) 2103472259
http://cm.greekhelsinki.gr
Address: P.O. Box 60820, GR-15304 Glyka Nera.

Note:

1. Secondo la Carta Sociale Europea, gli Stati membri hanno concordato di tutelare i diritti sociali ed economici di tutti i loro cittadini. Il Comitato è responsabile per l'esame "reclami collettivi" di non conformità con la Carta. Una denuncia collettiva non richiede vittime specifiche da identificare, piuttosto il reclamo è considerato sulla base di modelli di evidenza.

2. Interights, in collaborazione con Greek Helsinki Monitor, ha presentato una denuncia (n. 49/2008) il 31 marzo 2008 al Comitato Europeo dei Diritti Sociali contro la Grecia riguardo serie e diffuse violazioni dei diritti abitativi della comunità Rom e relative garanzie, come da articolo 16 della Carta insieme alla salvaguardia contro non discriminazione nel preambolo.

3. Nella sua decisione sulla prima denuncia collettiva (n. 15/2003) European Roma Rights Center contro la Grecia, datata 8 dicembre 2004, il Comitato concludeva che le azioni e le politiche greche in relazione al diritto alla casa dei rom erano in violazione dell'articolo 16 della Carta: 'Il numero insufficiente di abitazioni di qualità accettabile per soddisfare le esigenze dei Rom stabiliti; il numero insufficiente di punti di sosta per i Rom che hanno scelto di seguire uno stile di vita itinerante o che sono costretti a farlo; Lo sfratto sistemico dei Rom da siti o abitazioni occupate illegalmente da loro."

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


27/10/2021 @ 15:23:44
script eseguito in 63 ms

 

Immagine
 Dale Farm: The Big Weekend... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 194 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
LOAN OFFER TO SERIOUS PEOPLEDo you need a quick lo...
20/10/2021 @ 13:32:11
Di patiala
OFFERTA DI PRESTIT0 GRATUITO klauscampregher21@gma...
14/10/2021 @ 14:28:34
Di klauscampregher
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source