Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

\\ Mahalla : VAI : Kumpanija (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Sucar Drom (del 09/08/2006 @ 11:21:44, in Kumpanija, visitato 1514 volte)
Sono ormai undici anni che sono Socio di un’associazione di volontariato, l’Opera Nomadi Sezione di Mantova e sono ventitre anni che vivo molto tempo della mia giornata con appartenenti alla società maggioritaria, in senso numerico.

Oggi posso provare a fare qualche semplice riflessione su come mi sono trovato e su come ho fatto ad interagire per così tanti anni con persone che hanno una cultura diversa dalla mia....
 
Di Fabrizio (del 01/08/2006 @ 10:01:21, in Kumpanija, visitato 1390 volte)

28 luglio 2006 - BRUXELLES - Venerdì  scorso, circa 250 Rom si sono riuniti sull'autostrada E40 Groot-Bijgaarden, per onorare la morte di un capostipite.

Tutti erano parte della famiglia Modest, uno delle più numerose nel Belgio. E' un gruppo che vive in Belgio da secoli.

Erano circa 60 carovane, che per tre giorni hanno onorato la morte di Jean Baudain, giovedì scorso.

"Quando muore un anziano, è normale che tutta la sua famiglia si ritrova assieme e si aspettano persone importanti degli altri clan," spiega l'attivista Wolf Bruggen. ha

La polizia di Dilbeek ha ricevuto lamentele riguardo l'assembramento, ma nessun caravan è stato situato nelle dirette vicinanze dell'area di parcheggio.

Jean Baudain aveva 12 figli, 100 nipoti e 50 bis-nipoti. Era un commerciante di macchine e materiali ferrosi, e ha lasciato diverse proprietà nel suotestamento.

Copyright Expatica News 2006

 
Di Fabrizio (del 30/07/2006 @ 09:07:45, in Kumpanija, visitato 2123 volte)
Ricevo e porto a conoscenza (dato che si tratta di invito ad un forum di discussione, il testo rimane in lingua originale, insomma: per chi mastica inglese):

Dear All
those among you who are willing to discuss the issues related to the Roma Youth, please, feel free to join the discussion forum on http://www.idebate.org/discussion/view_topic.php?id=554&forum_id=54.
The registration for the site is free and open to everyone. And if you have any questions related to subscribing, please, do not hesitate to ask me at nov_val@zahav.net.il.

Kind regards,
Mr. Valery Novoselsky.
Editor of Roma Virtual Network.

 
Di Fabrizio (del 22/07/2006 @ 15:09:13, in Kumpanija, visitato 2584 volte)

Un set di immagini sui Rom in Moldavia con uno sguardo alle loro case.
 
Di Fabrizio (del 20/07/2006 @ 10:19:56, in Kumpanija, visitato 1430 volte)

da Valery Novoselsky: Oggi (ieri: 19-7-06 ndr) è il 7° anniversario di Roma Virtual Network, che iniziò la propria attività il 19 luglio 1999.

Praticamente apparso dal nulla come segno della maturità dei Rom nel far valere la loro voce a livello internazionale, nell'esprimere le proprie opinioni, nel fornire il proprio punto di vista su cosa accade nel mondo, una voce che ragiona!

Il numero 7 ha risvolti profondi e spirituali. E' il numero che denota saggezza, perfezione e totalità. Si riferisce allo sviluppo spirituale. Il numero 7 è stato il simbolo del mistero nei libri sacri, ad indicare forza spirituale. Significa la benedizione, il regalo dello spirito.

Come redattore di Roma Virtual Network sono felice di confermare che tutte queste qualità sono parte del lavoro svolto che dal millennio scorso arriva a questo settimo giubileo!!!

Grazie a tutti per il vostro supporto.

Spero con la vostra partecipazione di continuare ed estendere quest'attività online, a fronte delle sfide del XXI secolo.

OPRE ROMA! - ALZATEVI ROM!

Saluti,
Valery Novoselsky.
Editor of Roma Virtual Network.

Galilee, Holy Land

P.S. Mentre scrivo queste righe, continua la battaglia ai confini tra Israele e Libano, e quanti non hanno abbandonato la regione vivono nei rifugi, con l'orecchio alle esplosioni e ai colpi. Ma la volontà del popolo Rom nel cercare diritti umani ed uguaglianza in questo mondo è così forte, che questo spirito mi ha impedito di nascondermi in un rifugio, ma invece di stare a casa e scrivervi, miei carissimi amici!!!

 
Di Fabrizio (del 19/07/2006 @ 11:31:10, in Kumpanija, visitato 1399 volte)

Ho bisogno di aiuto per:

  1. selezionare i 7 eventi più importanti (come conferenze, seminari ecc.) tenutisi negli anni 2005 -2006 (sinora);
  2. individuare 50 figure (di etnia Rom oppure no) che hanno contribuito alla causa del movimento e della cultura Romani nella sua storia. Avrei anche bisogno della loro data di nascita e del loro domicilio, oltre che la loro sfera di attività.

Ho bisogno di queste informazioni per aggiungerle al mio libro "The Mystery of the Baltic Roma", che sto traducendo dal russo in inglese.

Grazie in anticipo!

Valdemar Kalinin

 
Di Daniele (del 18/07/2006 @ 12:30:23, in Kumpanija, visitato 1511 volte)

L’AQUILA. Si terrà dal 17 al 23 luglio presso il salone polifunzionale del Complesso di Collemaggio, a L’Aquila, la mostra “Differenti identità”, percorsi di conoscenza della cultura Romanì.



Fortemente voluta dall’assessore provinciale alle Politiche sociali della Provincia dell’Aquila, Teresa Nannarone, in collaborazione con l’Associazione “Them Romanò, l’iniziativa, inserita nell’ambito di “Provincia in festival”, è stata presentata questa mattina nel corso di una conferenza stampa dall’assessore Nannarone e da Alexian Santino Spinelli, curatore della mostra, docente di cultura Rom e musicologo. Erano presenti anche il consigliere provinciale, Gabriele Perilli, in rappresentanza della Commissione consiliare Affari Sociali e il prof. Walter Tortoreto, presidente del Comitato tecnico del Forum delle Attività Culturali.

La mostra, itinerante, farà tappa anche a Sulmona, dal 24 al 30 luglio, presso Palazzo della Provincia, in via Mazara. Toccherà Castel di Sangro, dal 7 al 13 agosto, presso la scuola elementare e si concluderà ad Avezzano, dove sarà allestita dal 21 al 27 agosto, presso la Scuola Media Statale “Camillo Corradini”.
Composta da diverse sezioni, l’iniziativa ripercorre la storia del popolo Rom. Dal suo insediamento in Italia, ai primi del 1300, si passa al bando della Chiesa, nel 1557, che inflisse dure restrizioni e alle strategie di sopravvivenza, messe in atto dal popolo Rom. Una sezione a parte è dedicata all’Olocausto, che colpì più di mezzo milione di Rom. Grande attenzione è rivolta alla sartoria romanì e all’abbigliamento femminile e alla musica rom, da cui attinsero diversi musicisti, Schubert, Liszt, Stravinskij, Cajkovskij e oggi Goran Bregovic. In esposizione anche oggetti di rame e ferro, diapositive e proiezione di video.
Nell’ultima sala del centro Polifunzionale di Collemaggio è stato interamente ricostruito un accampamento rom dei primi del ‘900. Attualmente sono 12 milioni i Rom nel mondo, 8 milioni in Europa, 120 mila in Italia.

«Si tratta di una delle iniziativa più interessanti di Provincia in Festival- ha commentato Teresa Nannarone- tesa a far conoscere la cultura romanì e a lanciare un messaggio di tolleranza e di pace. Il popolo Rom, infatti è uno dei pochi, che non ha mai posseduto un esercito e di non ha mai avviato guerre».
«Insieme per vincere il pregiudizio nei confronti di una cultura, da sempre messa ai margini, ma da cui hanno attinto musicisti e artisti vari», ha aggiunto Alexian Spinelli.

Il 21 luglio a L’Aquila è previsto anche un concerto dell’Alexian Group al Parco della Transumanza, a Collemaggio, sulla musica romanì, che verrà replicato anche il 28 luglio a Sulmona (cortile interno SS Annunziata), l’11 agosto a Castel di Sangro ( Piazza Plebiscito), il 26 agosto ad Avezzano (Piazza S. Giovanni).

17/07/2006 15.00
 
Di Fabrizio (del 18/07/2006 @ 10:48:47, in Kumpanija, visitato 5302 volte)

Dopo il racconto di domenica (spero non siate superstiziosi, altrimenti voltate pagina), qualcosa ancora sul funerale tra i Rom. La testimonianza (di 10 anni fa) è di Stefano (Stevi) Braidic, quando era redattore del bollettino "Il Vento e il Cuore". Volendo, si può rileggere anche il racconto di Marco Nieli del novembre scorso.

Il funerale è una cerimonia molto sentita, vissuta da tutta la comunità. Non esiste un rito comune a tutti i Rom, ogni gruppo ha le sue usanze. In alcuni casi, come l'anno scorso (1995 ndr) quando bruciarono dei bambini Khorakhané in via Corelli, il funerale coinvolge tutti i gruppi, al di là delle loro differenze.

Quando muore qualcuno tra i Rom Bulgari, il giorno o la sera stessi si raggruppano gli amici e i conoscenti. C'è l'usanza di "DARE NELLA MANO AI BAMBINI": ai bambini presenti alla veglia vengono offerte frutta e te, questo serve per far contenta l'anima del morto. Per la stessa ragione, si offrono alcolici agli adulti. La nottata passa in piedi per gli adulti, le donne preparano il caffé. La veglia del corpo, lasciato all'aperto tra le tende, dura tre giorni. Alcuni Rom Bulgari sono di religione cattolica, altri ortodossa e altri ancora evangelici. Dopo i tre giorni di veglia si svolge il rito religioso secondo la credenza del defunto.

Tra alcuni Rom Harvati sopravvive la tradizione di bruciare la roulotte e i vestiti del morto. I suoi oggetti invece erano messi accanto a lui. Durante il corteo funebre, la strada viene cosparsa di fiori. In testa vengono portate le corone di fiori, segue la bara ed infine il corteo. Gli amici del morto contribuiscono alle spese del funerale ed il morto viene accompagnato anche dalla banda funebre. Quando poi si va a visitare la tomba, gli si porta qualcosa che gli piaceva in vita da lasciargli. Si va a trovare il morto solo la mattina: il pomeriggio non va bene.

Tra i Rom Khorakhané è molto importante il rito della vestizione del morto, che dev'essere posto nella bara pulito, profumato e con un vestito nuovo. Il rito religioso è musulmano. Il corpo del defunto di solito veniva rimpatriato per la sepoltura (i Khorakhané sono di origine bosniaca), ultimamente questo è diventato quasi impossibile (nel 1996 si era nel pieno della crisi bosniaca ndr). Tra loro sopravvive l'usanza della "POMANA": la veglia funebre, che è convocata subito dopo la sepoltura e a cui partecipano amici, parenti, conoscenti. Si mangia, si beve, si consolano i vivi. La POMANA viene ripetuta dopo tre giorni e poi dopo altri quaranta giorni. Questa veglia avviene ancora dopo sei mesi e dopo un anno, seguendo gli spostamenti del gruppo. Per tre anni viene sacrificata una volta all'anno una pecora.

Per tutti i Rom ci sono poi norme che indicano come e per quanto va tenuto il lutto per il defunto: durante questo periodo non ci si deve fare la barba, o lavarsi col sapone, non si ascolta musica...

Questa è solo una ricostruzione parziale dei molti riti che sopravvivono tra i Rom. Invitiamo i lettori a segnalarcene ancora.

nella foto tratta da Flickr, la tomba di una "regina dei Rom" morta in Alabama nel 1915 e tuttora venerata


 
Di Fabrizio (del 17/07/2006 @ 10:07:48, in Kumpanija, visitato 2856 volte)
Un ricordo da Pirori, introduzione ad un altro post di domani:

Immaginate che al campo è morto un anziano. Dentro una baracca, grande ma abusiva, siamo seduti accanto alla stufa con ospiti venuti da lontano.
All'angolo apposto, un grande televisore, che è spento. Ci sono norme molto complicate e rigide dopo i funerali e la televisione dovrà rimanere spenta per un pezzo.
Anche i bambini sono tristi, ma nello stesso tempo i più piccoli sono curiosi di sentire quei vecchi che non hanno mai visto, arrivati per il funerale.
La madre tenta di calmarli, dicendo loro che i "nonni" sono stanchi e si fermeranno per la notte. Ci sarà tempo per fare domande. Ma questi sono bambini cresciuti con la TV accesa tutte le sere, e anche i vecchi han voglia di ricordare quando il tempo libero trascorreva ascoltando i racconti.
Parlano del lavoro di una volta:

Mate
...Quando veniva la primavera, verso la metà di marzo si prendevano le tende e si andava in montagna e sopra le balle di fieno ci facevamo come un letto.
Si caricava la roba sopra i cavalli o gli asini. Per terra si mettevano le pelli di pecora e si portava tanto rame per lavorare un bel po' di tempo. Facevamo caldaie grandi di rame, alluminio o ferro.
Chi teneva due cavalli o due asini era ricco.

Nasif
...Noi prima con i cavalli andavamo nei paesi, arrivavamo, mettevamo le tende, poi venivano i gagé, i turchi "ecco, il maestro è venuto". Noi tutti con i violini suonavamo, joj, che vita era quella. Ma ora vedi, in questo fango, batto su queste pentole, con il martello picchio questi vasi,per mangiare un panino. Che devo fare, fratello, devo vivere. Non posso tornare in Jugoslavia.

Bekrija
...Io quando sono venuto in Italia sono andato a Roma e lì sono rimasto un po' ditempo, ho preso il permesso di soggiorno, i documenti e tutto. Sono rimasto qualche anno, vendevo le pentole nelle campagne. I gagé compravano i paioli per fare la polenta. Sono stato a Torino 7 anni, ero lì al campo,ho lavorato due anni e mezzo al carcere minorile come maestro, ho i documenti che ho lavorato lì. E poi mi pagavano poco allora ho smesso di lavorare.

Ganzavuri
Per il lavoro, si deve tagliare il rame da una lasta. Poi lo si scalda su un fuoco a legna, per modellarlo. Poi, a seconda di cosa si vuole ottenere, lo si appoggia per lavorarlo o sul palanchino, sulla piastra in ferro o sull'incudine. Lo batti col martello, il punteruolo e lo scalpellino. Alla fine, lo si lucida con sale e aceto.
Se è un oggetto che servirà per mangiare, bisogna stagnarlo. Lo si scalda nuovamente e con uno straccio cosparso di stagno si passa la parte interna, due volte, ogni volta lasciando che si raffreddi. Alla fine, si pulisce con detersivo ed erba (per non raschiare la stagnatura) e lo si asciuga con la segatura.
 
Di Fabrizio (del 14/07/2006 @ 19:21:23, in Kumpanija, visitato 1244 volte)
Stavo per dimenticarmene: Buon 14 luglio con Tchavolo Schmitt & Mandilo Reinhardt
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/05/2022 @ 23:08:51
script eseguito in 60 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3493 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source