Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non un altro blog - giornale o chissacosa ma: 1. raccogliere notizie direttamente dalle fonti; 2. far conoscere come la pensano i diretti interessati.

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Kumpanija (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 30/11/2009 @ 09:14:04, in Kumpanija, visitato 1856 volte)

Da Roma_Daily_News (leggi anche QUI e QUI)

The Montreal Gazette By Salam Faraj, Agence France-Presse

25 novembre 2009, AL-ZUHOOR, Iraq – Stretta tra una discarica ed il letto prosciugato di un fiume, Al-Zuhoor non ha acqua corrente o elettricità e gli zingari che lì vivono sono ai margini del nuovo, ultra conservatore Iraq.

Nei vicoli puzzolenti delimitati da casupole di mattone, senza porte o vetri alle finestre, gli uomini vagano senza lavoro, una ragazzina gioca dondolandosi ed una donna ritorna da un giorno di elemosine a Diwaniyah, 180 km. a sud di Baghdad.

Da lontano, il fumo dell'immondizia annerisce il cielo e, quando gira il vento, l'odore nauseabondo è dappertutto.

Prima del 2003, sotto il regime baatista di Saddam Hussein, la situazione era migliore. Il pugno di ferro del dittatore non pesava sugli zingari.

Gli uomini erano cantanti o musicisti professionisti e le donne erano invitate ai balli, ai matrimoni e alle feste in Iraq, dove erano migrati dall'India secoli fa.

Con l'ascesa degli islamisti radicali nel 2004, sono stati marginalizzati, attaccati e derubati dall'esercito del Mahdy, una milizia sciita leale a Moqtad al-Sadr, e che vede gli zingari come moralmente ripugnanti.

Oggi, con il paese dilaniato dalla guerra soprattutto gestita dai capi religiosi, una volta regolati dalla società più secolare che esisteva sotto Saddam, la comunità rom si sente vittima di ostracismo.

Anche se sono musulmani, i "Kawliya" - come è conosciuta la comunità in Iraq - sono visti come emarginati.

"Viviamo peggio dei cani," dice Ragnab Hannumi Allawi, che vive nel villaggio; vestita di scuro, circondata da un gruppo di donne e seduta su di un tappeto polveroso.

Ora rifiuta di andare a Diwaniyah, capitale della omonima provincia, a cercare aiuto. "Le autorità dicono -voi non avete diritto a niente- e ci cacciano via. Quando andiamo in città a comprare da mangiare, ce lo rifiutano."

L'unica cosa che queste donne possono fare per mendicare pochi dinari è di coprire interamente la loro faccia per evitare di essere riconosciute.

"Partiamo alle 5.00 di mattina e torniamo verso le 3.00 del pomeriggio, per due anni ci hanno chiuso tutte le porte in faccia e ci hanno lasciato ad agonizzare," dice Lamia Hallub, con la faccia avvilita.

Invece gli uomini ricordano con nostalgia i matrimoni e gli eventi dove suonavano e cantavano la notte per le famiglie ricche.

Prima del 2003 "potevamo lavorare nella musica e nei festival folk," dice Khalid Jassim, con la testa adornata da una kefya bianca e rossa.

"Ma da allora, più niente. Perché? Perché le nostre tradizioni non si accordano con i valori islamici," si lamenta il vecchio.

"Ci dicono che gli artisti non hanno posto in Iraq. L'arte è finita, ma quale paese è senza artisti?" ci dice, con la voce che si fa più animata.

"Datemi un lavoro - militare, polizia, security o operaio."

A causa di attacchi regolari, la polizia ha installato dei controlli all'ingresso del villaggio, ma nonostante ciò molti zingari continuano ad andarsene.

"Nel villaggio, le infrastrutture sono state distrutte, incluse la rete idrica e l'elettricità," spiega Abbas al-Sidi, membro della Commissione per i Diritti Umani della provincia.

"Gli attacchi, la maggior parte di milizie armate, hanno obbligato le famiglie a fuggire verso altre province. Il numero delle famiglie è sceso da 450 a 120. Sono rimaste le più povere."

Il numero dei Rom in Iraq, secondo i capi tribù, è stimato in 60.000. Appaiono flebili le loro speranze di una vita migliore in un paese popolato da 30 milioni di persone.

"L'Islam li considera esseri devianti," dichiara Hafiz Mutashar, dignitario religioso a Diwaniyah.

"Sono coinvolti nella prostituzione, che sotto l'Islam è proibita. E' normale che la nostra comunità li consideri inferiori e insista nell'isolarli."

 
Di Fabrizio (del 29/11/2009 @ 09:41:29, in Kumpanija, visitato 2646 volte)

Segnalazione di Nadia Marino (Post indicato per una gustosa domenica, anche se più che di cucina rom, si potrebbe parlare di cucina dell'est Europa)

Unicoop Firenze I piatti tipici, le usanze. Chi sono e quanti sono in Italia
Di Giulia Caruso

Frutto variegato di mille culture è la cucina del popolo nomade, risultato di peregrinazioni secolari tra Oriente e Occidente. Ogni etnia romani ha infatti un proprio patrimonio di ricette, mutuato dalle tradizioni culinarie dei paesi attraversati, interpretate alla luce di un'antichissima arte di arrangiarsi.
Il risultato è una cucina povera all'apparenza ma ricca di sapori. I dolma e i sarma, ad esempio, sono i due piatti più popolari, comuni a molte etnie. I dolma sono peperoni ripieni di riso, carne tritata e pomodoro. Per la cottura vengono disposti verticalmente in una pentola chiusa, con dell'acqua sul fondo. I sarma sono involtini di cavolo cappuccio, preparati con lo stesso ripieno.
La pitta è un'altra golosità, diffusa tra i rom di molti paesi d'Europa. Si tratta di una sfoglia di acqua e farina da cui vengono ricavati lunghi cilindri, successivamente riempiti di bietola e ricotta o di carne, patate e cipolle oppure di uova e ricotta, che vengono adagiati in una teglia da forno a mo' di spirale e successivamente cotti in forno.
Il bosanskibonaz è invece uno spezzatino di carne con peperoni, verza, patate, cavolfiore. Interessante l'abitudine di bollire sempre la carne prima di utilizzarla nei soffritti o nelle zuppe. Ragioni igieniche di sicuro, ma anche opportunità dietetiche: molto meglio i grassi vegetali di quelli animali.

La ricorrenza della Natività è occasione per gli zingari di mezza Europa di grande convivialità: si fa il pane in casa e si preparano dolci da consumare tutti insieme. Secondo tradizione è consuetudine cuocere allo spiedo una pecora intera, dopo averla riempita di patate al rosmarino, spennellata di birra durante la cottura, che generalmente avviene su un grande letto di braci ardenti. La pecora così preparata fa parte anche del menu abituale dei banchetti nuziali, altra grande tradizione rom.
Così come è consuetudine diffusa l'uccisione di un agnello in segno di gratitudine e di buon augurio, ad esempio quando un bambino guarisce da una malattia. In quest'occasione, genitori e parenti stretti del piccolo si toccano la fronte con le dita intinte nel sangue dell'animale e distribuiscono a tutti la carne cruda a pezzi, che ognuno provvederà a cuocere e consumare, in segno di ringraziamento per il felice evento. La tradizione è di origine musulmana, ma è diventata pratica comune a molti gruppi.

Un dolce antico, da consumare in occasioni di feste e matrimoni, è l'halvava, simile alla nostra polenta, fatto con farina cotta nell'olio a cui si aggiunge sciroppo di zucchero, frutta secca, pinoli.
Altro dolce abbastanza diffuso è il baklave, formato da una sorta di lasagne di pasta sfoglia con uva passita, noci, pinoli, miele, aromatizzato con rum e cotto in forno.
A tavola ci si siede all'orientale, con tutte le portate servite insieme sulla tavola a cui ogni commensale attinge.
E' pratica diffusa concludere il pasto con grappa prodotta dalla distillazione della frutta, soprattutto delle prugne.

La storia

Gli zingari in Italia, come nel resto del mondo, rappresentano una comunità estremamente eterogenea.

Si suddividono essenzialmente in 5 gruppi: rom, sinti, kalé (gitani della penisola iberica), manouche (francesi) e romanichals (inglesi).
A questi gruppi principali si ricollegano i sottogruppi, affini e diversificati, ognuno con proprie peculiarità ma con un'origine unica, l'India del Nord, e una lingua comune, il romanès.

La popolazione romani, in Italia, rappresenta lo 0,16% circa dell'intera popolazione nazionale. Secondo recenti stime sarebbero 130.000, tra sinti e rom con i loro sottogruppi.
I sinti sono soprattutto presenti a nord, mentre nel resto d'Italia, soprattutto al centro e al sud, sono presenti rom di antico insediamento (XV secolo circa) a cui si sono aggiunti gruppi di recente e di recentissima immigrazione, soprattutto dalla ex Jugoslavia e dalla Romania.

Circa il 75% è di religione cattolica, il 20% di religione musulmana e il 5% raggruppa ortodossi, testimoni di Geova e pentecostali.

 
Di Sucar Drom (del 25/11/2009 @ 14:35:52, in Kumpanija, visitato 1968 volte)

«La comunità di Casilino 900 chiede alla società civile, ai cittadini, alle associazioni, ai comitati di quartiere di essergli vicino il prossimo venerdì 27 novembre dalle ore 17, mentre si svolgerà la provocatoria manifestazione razzista di Forza Nuova che intende raggiungere il campo esasperando la spinta politica già messa in atto con Casilino 700».

È questo l’appello di Najo Adzovic, portavoce del Casilino 900. «Stiamo lavorando con tutto il nostro impegno perché la baraccopoli di Casilino 900 venga chiusa e affinché venga offerta a quanti ci vivono una reale possibilità di riscatto sociale e di integrazione partecipando fattivamente ai tavoli con l’Amministrazione Comunale e la Prefettura».«Vogliamo che la chiusura del Casilino 900 risulti un passaggio storico verso il superamento dei campi, luoghi di rifiuto e di segregazione sociale e non l’ennesimo sgombero senza alcuna alternativa. Siamo i primi a voler andar via, nessuno ama vivere in baracche tra topi e immondizie, e siamo disposti lavorare sodo per vivere meglio, ma non ce la facciamo più ad essere scacciati e rifiutati, additati come la peste, fa male a noi come a tutta la società di cui ci sentiamo di far parte. I nostri figli sono nati qui, vanno a scuola con i bambini italiani, e si sentono italiani anche loro. Pensiamo a un futuro di integrazione per questi ragazzi attraverso la formazione, il lavoro e una vita fuori dai campi».

 
Di Fabrizio (del 26/09/2009 @ 09:15:41, in Kumpanija, visitato 1770 volte)

Ricevo da Veniero Granacci

Desideriamo invitarVi a partecipare alla serata "CARLO CUOMO, I ROM, I SINTI E LE POLITICHE POSSIBILI" con la partecipazione di Tommaso Vitale, Ernesto Rossi e Augusto Luisi, organizzata dall'Associazione La Conta in collaborazione con il Circolo ARCI Martiri di Turro e l'Associazione Aven Amentza - Unione di Rom e Sinti di Milano, che ci sarà, con ingresso gratuito con tessera arci, lunedì 28 settembre 2009 alle ore 21,00 al Circolo ARCI Martiri di Turro - Via Rovetta, 14 a Milano.

In particolare durante la serata, Tommaso Vitale, Ernesto Rossi e Augusto Luisi, oltre a ricordare la figura e l'opera di Carlo Cuomo, nell'undicesimo anniversario della sua scomparsa, presenteranno il libro "Politiche Possibili - Abitare le città con i rom ed i sinti" curato di Tommaso Vitale, con scritti di diversi studiosi tra i quali Ernesto Rossi, Maurizio Pagani e tanti altri ancora, e ci parleranno, tra l'altro, dei Rom, dei Sinti e di altri gruppi di zingari, della loro storia e della loro cultura, nonché delle politiche abitative realizzate per loro nelle diverse realtà italiane.

CARLO CUOMO
"…..Nelle assemblee Carlo ci toglieva la pelle -- per i suoi gusti non eravamo mai abbastanza di sinistra, mai abbastanza spregiudicati, ma ci voleva bene. Faceva telefonate in punta dei piedi, per segnalare sulla pagina milanese le iniziative dell'Opera Nomadi o della Filef. Agli zingari e agli immigrati, alle minoranze che calamitano l'odio, l'esclusione, il razzismo, Cuomo aveva dedicato questi ultimi anni. Era invidiabile la sua capacità di tenere insieme le piccole azioni concrete e la voglia di pensare in grande, di mescolare la fontanella per un campo nomadi con la rilettura di Marx. Carlo era un meticcio per nascita, vita e cultura. Era nato 65 anni fa ad Atene da madre greca. A 17 anni è a Parigi, dove si laurea in storia alla Sorbona. A Milano arriva nel '55 un anno dopo entra nel Pci dove affascina tutti e tutte cantando Brassens - e lì resta fino all'uscita dal Pds degli ingraiani con cui dà vita alla Convenzione per l'alternativa. Consigliere comunale e più volte assessore negli anni '60 e '70, conosceva bene e da dentro Milano. L'ha vista cambiare, insieme alla politica, in modi che non gli piacevano: non ha reagito con la rassegnazione o con l'accidia; la politica per lui continuava ad essere indispensabile come l'aria. Era disposto a fare riunioni politiche anche la vigilia di Natale, si teneva libero solo quando arrivavano in anteprima a Milano i film da Venezia. Quest'anno non c'è riuscito, è morto con il desiderio dell'ultimo Kusturica. E di molte altre cose ancora.
di Manuela Cartosio (da Il Manifesto, 10 ottobre 1998)

Il libro “POLITICHE POSSIBILI - ABITARE LE CITTA' CON I ROM E I SINTI" a cura di Tommaso Vitale - Carocci Editore - Milano - 2009
Da secoli sono parte integrante della storia urbana e rurale del nostro Paese. Li chiamiamo con diversi nomi: zingari, nomadi, rom, sinti, caminanti, yenish. Negli ultimi anni la loro presenza è diventata uno dei principali temi di dibattito e mobilitazione nella vita politica, soprattutto a livello locale. I Comuni sono chiamati a realizzare politiche sociali e abitative, e spesso non sanno cosa fare. Tentate dalla demagogia, incalzate dai media, le amministrazioni sovente non conoscono esperienze già attuate in altre città e di cui è stata valutata l’efficacia. Nel volume vengono esaminati aspetti storici, culturali e sociologici dei differenti gruppi zigani e vengono descritte le linee di politica progettate dall’Unione Europea. Sono poi esposte nel dettaglio le politiche sociali, sanitarie, educative, del lavoro e, in particolare, abitative realizzate verso i nomadi in diverse realtà italiane. Dall’insieme emerge come, se programmate e negoziate con i rom e i sinti, politiche locali che affrontano i problemi e le contraddizioni e rispettano i diritti di tutte le parti in gioco sono possibili

Tommaso Vitale, ricercatore di Sociologia, insegna sia Sviluppo locale che Programmazione sociale all’Università degli Studi di Milano Bicocca ed è membro della redazione di Partecipazione e conflitto - Rivista di studi politici e sociali.

Ernesto Rossi, presidente delle Associazioni ApertaMente di Buccinasco e Aven Amentza - Unione di Rom e Sinti d Milano, è da anni studioso di Sinti e Rom a Milano ed ha collaborato per lungo tempo con Carlo Cuomo.

Augusto Luisi, ex consigliere del Comune di Buccinasco fa parte dell'Associazione ApertaMente di detta città.

Vi saremo grati se vorrete dare diffusione elettronica all'iniziativa sopra indicata e/o diffondere la stessa tra le persone che possono esservi interessate. Vi ringraziamo in anticipo.

Ciao,
Associazione La Conta

 
Di Daniele (del 30/08/2009 @ 09:34:10, in Kumpanija, visitato 2021 volte)

 (i lettori di Facebook possono vedere QUI il video in risoluzione originale)

 
Di Fabrizio (del 25/07/2009 @ 09:03:33, in Kumpanija, visitato 2024 volte)

Ricevo da Agostino Rota Martir

MIGRANTES: CONVEGNO NAZIONALE UNPRES Le Minoranze: dinamica per la società e per la Chiesa

Udine, 27-30 agosto 2009 - PROGRAMMA:

GIOVEDI' 27 AGOSTO

Nel pomeriggio arrivo e sistemazione
19.30 Cena

21.00 Veglia di Accoglienza (Torino)

VENERDI' 28 AGOSTO

09.00 Liturgia (gruppo Toscana)

09.30 Introduzione Convegno

10.00 Rom e Sinti minoranze: la fatica di un riconoscimento
Eva Rizzin

11.00 Intervallo

11.30 “Voi siete nel cuore della Chiesa”
Don Claud Dumas

13.00 Pranzo

16.00 Nell’ex campo di concentramento fascista di Gonars: “Silenzi suoni e parole” con
Eva Rizzin
Demir Mustafa’
Dijana Pavlovic
Kersel

19.30 Cena

21.00 Rom Cabaret: momento teatrale musicale
con Dijana Pavlovic

SABATO 29 AGOSTO

09.00 Liturgia (comunità francescana)

09.30 Saluto e messaggio di Furio Honsel (sindaco di Udine)
“Friuli: crocevia di minoranze”

10.00 Riflessione Biblica:
“Le minoranze” nella Bibbia forza creatrice
Carmine Di Sante

11.00 Intervallo

11.30 Approfondimento

13.00 Pranzo

15.30 Presentazione Libri sulla ricerca: “La zingara rapitrice”

16.30 Confronto di Gruppo:
“rom-gagi il dato e il ricevuto: dinamiche sociali ed ecclesiali”

19.00 Liturgia (S. Egidio)

19.30 Festa insieme con prodotti Regionali

DOMENICA 30 AGOSTO

08.30 Liturgia

09.00 Assemblea: “Tracciare prospettive per un cammino comune”

10.30 Eucarestia di Pentecoste: confermazione di alcuni giovani rom

12.30 Pranzo

INDIRIZZO CONVEGNO:

Seminario Interdiocesano
Via Castellerio, 81/2
33010 Pagnacco (Ud)
Tel. 0432 650265 Fax. 0432 650721
e-mail: info@seminarioudine.it

Per informazioni rivolgersi:
Don Federico Schiavon
cell. 348/2650796
federico.schiavon@bearzi.it

COME RAGGIUNGERCI:

Il Seminario Interdiocesano di Castellerio nasce in una collina dinanzi Pagnacco, paese situato a nord di Udine, a circa 10 minuti di distanza dalla città.

Raggiungerlo è molto semplice:

1. Dalla città di Udine: seguire le indicazioni della S.P. 49 (Osovana) per Pagnacco e Buja. Arrivare al punto 3 delle nostre indicazioni.

2. Dall’autostrada:

A. uscita Udine SUD: proseguire nella tangenziale, proseguendo dritti al semaforo, fino all’uscita Pagnacco-Buja-Osoppo, oltrepassando quelle indicanti lo stadio (sud e nord e centro commerciale Città Fiera);

B. uscita Udine NORD: proseguire a destra verso la tangenziale che porta a Udine, prendere la prima uscita, indicante Pagnacco-Buja-Osoppo. Usciti dalla tangenziale, svoltare a sinistra all’incrocio. Proseguire sempre diritti per circa 400 metri.

3. In prossimità del Seminario, troverete davanti a voi la Chiesa. Svoltate a sinistra, nella strada indicante Seminario Interdiocesano, via Castellerio. Dopo 15 metri svoltare a destra

 
Di Fabrizio (del 07/07/2009 @ 09:25:53, in Kumpanija, visitato 1415 volte)

Segnalazione di Vielka Araya da Mundogitano.net

Por: Maria de la Luz Ahumada - Santiago - 11/06/2009

Timore, rifiuto e insulti compresi sono quello che giornalmente i gitani ricevono per strada, nessuno può negare che la loro presenza ci fa subito pensare "Ruberanno!" Se è così, e credo che sia accaduto a tutte, me inclusa, abbiamo avuto gravi pregiudizi nei loro confronti.

Il fatto che la gente abbia un pensiero sociale tanto cattivo dei gitani, risale alla storia di questo popolo, da cui discende la situazione attuale di questa comunità, che in molti paesi è immersa nella povertà e, come conseguenza, in gravi problemi di analfabetismo, delinquenza o marginalizzazione sociale.

I gitani sono stati "perseguitati" dal XIV secolo, quando esistevano in Europa gruppi di loro che erano schiavi del re, della chiesa o dei latifondisti e lo furono fino al XIX secolo. Così, i monarchi spagnoli costruirono un'intera legislazione antigitana, da cui derivò un razzismo che si estese con la colonizzazione. In piena epoca di espansione e scoperta del mondo. L'Europa formulò supposizioni scientifiche che affermavano la differenza tra i popoli e, soprattutto, la superiorità degli uni sugli altri. Questa superiorità legittimava lo sfruttamento degli individui considerati inferiori.

Però oggi, in cerca di loro col mio compagno José, ci imbarchiamo verso il loro mondo, il loro spazio e la loro cultura; all'inizio temevamo che ci succedesse qualcosa e gli chiesi che non mi lasciasse sola, che avevo molta paura perché, chiaro, crebbi ascoltando che erano ladri e che lanciavano maledizioni se non gli davi soldi, però mi aspettava una gran sorpresa, per la prima volta uscii dai miei pregiudizi ed ebbi l'opportunità che mi mostrassero la loro vita, i loro sogni, dolori e speranze ed oggi posso testimoniare che sono persone meravigliose, piene di vita ed allegria,  e che malgrado la loro condizione di povertà in cui vivono, i loro testimoni mi insegnarono l'altra faccia della realtà; mi ricordai di un detto che coincideva con quello che stavo sperimentando: "Guarda più in là di quel che vedi", questo feci e così condivisi con loro questa forma di sentire che vivono quotidianamente come i loro balli, la musica e quella gran fratellanza che ci mostrarono riuscirono ad emozionarmi.

Non posso esprimere con le parole quello che i miei occhi vedevano, bambini immersi nel freddo, non posso smettere di chiedermi come potevano sopravviverci, alla pioggia, sino a cose così intime come l'igiene personale e perché fossero stigmatizzate come ladri, se davanti a me vedevo persone accoglienti e rispettose, così simili a noi, che provano ad essere parte di questa società, persone semplici con molto da dare.

La vita...

I Gitani vivono suddivisi in diversi luoghi della regione e tutti vengono da luoghi distinti del Cile, l'ideale per vivere è un posto in cui non faccia freddo, che sia spazioso per collocare le tende, non rimangono mai in un solo luogo, tutto dipende dalla situazione economica, così se un posto non va bene emigrano cercando opportunità e luoghi migliori in cui il clima sia più tiepido.

Vivono della compravendita di veicoli, di artigianato, di lavoro del rame o di lavori di impagliatura. Le notti di freddo le passano vestiti, negano l'esistenza di un patriarca, piuttosto ogni famiglia è indipendente e sono loro stessi che sovrintendono ai figli, i bambini vanno a scuola come tutti, però al momento di partire devono iniziare un'altra volta il processo educativo. Secondo la "Legge Gitana" la donna deve arrivare vergine al matrimonio, e solo alcune cose sono realmente cambiate come la proibizione di accasarsi con una persona che non fosse un gitano.

D'altra parte, ci raccontano sulle necessità elementari di sopravvivenza come la luce pagata assieme e l'acqua che costa 1.500 pesos, che trasportano e utilizzano in bidoni, le necessità basiche le effettuano presso la pompa di benzina più vicina.

Così come esistono le tende, ci sono anche gitani che vivono in case ed hanno una situazione economica migliore, quasi tutti si dicono cristiani e non bevono, fumano solo sigarette.

Il testimonianza...

Lei è Esmeralda, gitana e madre di due figli, e ci ha parlato di quanto è difficile vivere in queste condizioni. "La cosa più difficile del vivere nelle tende è l'umidità, la mancanza di bagni, la scomodità ed il freddo per i bambini, oltre ad essere costantemente discriminati dai vicini e dalle persone che passano fuori e vedono le nostre tende".

Oltre alle durezze della loro condizione di vita, devono inoltre affrontare la discriminazione quotidiana delle persone che li circondano, i mille rifiuti d cui soffrono quotidianamente. Efraín Soto, è un gitano che fa parte di questa comunità e ci dice che "il più difficile di appartenere a questa cultura è la discriminazione nella salute, per le strade da tutti i lati. C'è gente che ci discrimina molto e tra l'altro ci minacciano di bruciare le tende".

"Sappiamo che ci trattano da ladri," segnala Efraín riferendosi allo stigma che si portano addosso. "Nel regno del signore c'è di tutto, come da voi c'è gente buona e meno, nel caso dei gitani è lo stesso e per colpa dei cattivi ci trattano tutti come ladri".

E' di grande importanza l'istruzione e l'appoggio delle autorità, perché queste persone non vivano in condizione di povertà, non dimentichiamo che l'unica cosa che ci differenzia da loro è la cultura, tutto il resto è uguale.

La cosa importante di questa esperienza è almeno di poter verificare [...] che in molte occasioni i nostri pregiudizi possono portarci a pensare in maniera sbagliata sugli altri, in questo caso mi fu chiaro che sono tanto umana quanto loro e che tutti meritiamo un'opportunità per mostrarci come siamo...

Fuente: El Observatodo

 
Di Fabrizio (del 26/05/2009 @ 09:04:38, in Kumpanija, visitato 1643 volte)

Da Roma_Daily_News

Grazie al lavoro dell'UNICEF in Uzbekistan, i membri della comunità rom conoscono ora i pericoli dell'HIV e chiedono attivamente il parere medico - By Matthew Taylor

TASHKENT, Uzbekistan, 20 maggio 2009 – Yurunatuz è una comunità rom a Margilan, Uzbekistan. L'uso di droghe per endovena è comune, come la mancanza di conoscenza sull'HIV. Su una popolazione di 810, 10 sono morti recentemente di AIDS.

Halida, che lavora con l'UNICEF, sta aiutando attivamente la comunità nella prevenzione dell'HIV/AIDS. Sogna che un giorno i residenti di Yurunatuz affrontino apertamente la questione dell'HIV e pongano fine all'uso di droghe per endovena. Lavora per la Clinica Numero Quattro e recentemente ha ricevuto formazione per la campagna sponsorizzata dall'UNICEF. I Rom una volta andavano dai guaritori tradizionali per curare le loro malattie. Ora vanno da lei.

"Sono un gruppo molto unito ed ora credono in me, singolarmente e come gruppo," dice.

Partner nella qualità di vita

Yurunatuz è una comunità tra le tante in cinque regioni che stanno ricevendo appoggio dall'OnG "Hayot Sifati Hamrohi" (che significa Partner nella qualità di vita) assistita dall'UNICEF. L'OnG aiuta persone come Halida ad aumentare la consapevolezza sull'HIV e cambiare gli atteggiamenti per fermare la sua diffusione.

L'UNICEF sta anche lavorando in tutto il paese per combattere i recenti scoppi di HIV che si ritiene siano il risultato di pratiche mediche insalubri. Ha spedito equipaggiamento medico nella provincia orientale del Namangan.

L'equipaggiamento è anche sulla strada per la vicina provincia di Andijian.

Risposta immediata

Il nuovo equipaggiamento- inclusi kit medici monouso che riducono il rischio di trasmissione accidentale dell'HIV - è parte della risposta immediata dell'UNICEF in appoggio agli sforzi del governo per combattere l'HIV/AIDS in queste regioni, migliorando la sicurezza dei pazienti nelle istallazioni sanitarie.

"Il kit monouso è il primo passo vitale nel rendere più sicura la sanità e combattere l'HIV/AIDS nell'est. La nostra risposta comune è stata rapida. Naturalmente siamo qui per aiutare in tutte le aree per fermare la diffusione dell'HIV in Uzbekistan," ha detto Mahboob Shareef, rappresentante locale dell'UNICEF.

Una serie di misure più ampie sono state concordate per affrontare l'HIV e le tematiche relative nelle regioni. Includono un piano d'azione con le autorità regionale per la prevenzione dell'HIV tra le donne, bambini ed adolescenti, come pure per un miglior trattamento e cura delle donne e dei bambini affetti da HIV.

Fiducia stimolante

Nel frattempo, la fiducia che Halida ha stimolato nella comunità rom, ha portato a diagnosticare e trattare nuovi casi.

"Una madre era preoccupata perché suo figlio aveva l'HIV, dato che si drogava parecchio," dice. "Mi ha chiesto di aiutare suo figlio a fare un test HIV, ed il ragazzo è risultato positivo. Da allora è stato seguito e curato."

 
Di Fabrizio (del 14/05/2009 @ 09:07:40, in Kumpanija, visitato 1328 volte)

E' di queste settimane una polemica tra Canada e Repubblica Ceca, a proposito dei Rom che chiedono rifugio in Canada, a causa delle discriminazioni che subiscono in patria. Il fatto a cui si riferisce la notizia qua sotto è questo

I Rom in Canada raccolgono quasi 20.000 corone per aiutare la piccola Natálka
Toronto/Hamilton, 11.5.2009 (ROMEA)

I Rom che vivono in Canada e hanno firmato per l'iniziativa Dosta! (Ne abbiamo Abbastanza!) ed hanno anche tenuto dimostrazioni, come parte di ciò hanno contribuito con 1.140 dollari canadesi per aiutare la famigli di Vítkov. La somma totale raccolta nelle dimostrazioni mondiali raggiunge ora la somma di quasi 67.000 corone ceche.

I Rom in Canada hanno fatto due raccolte, una in una festa ad Hamilton il 2 maggio, dove sono stati raccolti 700 dollari canadesi, ed una alla manifestazione del 3 maggio a Toronto.

"Auguriamo alla famiglia ed alla piccola Natálka un veloce ricovero, e forza ed unità a tutti i Rom nella Repubblica Ceca nel lavorare per i loro obiettivi comuni per le prossime elezioni, che sono molto importanti per noi Rom. Rom, unitevi!!!!"

 
Di Sucar Drom (del 19/04/2009 @ 12:38:17, in Kumpanija, visitato 1337 volte)

 Auguri di buona Pasqua Ortodossa

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


03/12/2022 @ 22:56:02
script eseguito in 72 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 45 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< dicembre 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022
Giugno 2022
Luglio 2022
Agosto 2022
Settembre 2022
Ottobre 2022
Novembre 2022
Dicembre 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source