Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Gli Zingari fanno ancora paura?

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Kumpanija (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 11/12/2010 @ 09:10:51, in Kumpanija, visitato 2291 volte)

di Alberto Maria Melis

Mirko Levak Nato nel 1928, di etnia rom di origine italo-slava. La carovana della sua gente viene fermata dai nazifascisti in Friuli, tutti vengono rinchiusi in carcere a Trieste, quindi, dopo una sosta a Bolzano, deportati ad Auschwitz. Mirko Levak, che all'epoca dell'arresto ha solo quindici anni, è tra i pochi sopravvissuti di quell'arresto.

[...] Una vecchia intervista a Mirko Levak, tratta dal sito web dell'Anpi, ma con una premessa. Rispetto all'originale, che è una trascrizione letterale del parlato registrato per il video dell'Opera Nomadi, in molti punti di difficile comprensione per le difficoltà che Mirko Levak incontrava nell'esprimersi in un italiano corretto, questa che segue è stata adeguata e resa più comprensibile a chi legge (la versione originale è scaricabile QUI).

"Dunque, il nostro comune era Postumia di Grotte, provincia di Trieste. Quando i tedeschi sono venuti a Postumia, e hanno occupato tutto il Carso, il mio povero nonno, che conosceva i tedeschi, perché era stato in guerra dal '15 al '18, (per questo conosceva la razza tedesca e austriaca), diceva: "Meglio che ce ne andiamo di qua!".
Erano in tanti che scappavano da Postumia ma anche dalla Croazia. A Postumia erano giunti in tanti, dalla Croazia, da tutta l'Istria, erano tutti rom, tutti zingari. E allora mio nonno e i miei parenti hanno preso i carretti, hanno attaccato i cavalli, e stavamo venendo verso l'Italia quando a un certo punto, tra Portogruaro e Latisana, ci fermiamo vicino a una strada e vengono i tedeschi, che hanno capito subito che eravamo zingari e ci hanno fatto una specie di rastrellamento.
Non si muoveva nessuno, io ero ragazzino, ci domandarono dove andavamo.
"Giriamo il mondo" disse mio nonno, "gli zingari girano il mondo per vivere".
Allora ci hanno ci hanno presi tutti: cugini di mio padre, altri familiari, me, due tre bambini, ci hanno
preso e ci hanno caricato sulle macchine o su un camion – non mi ricordo più precisamente – e ci hanno sequestrato.
Certe donne invece, la mia mamma, certi familiari, mio nonno che era vecchio, li hanno lasciati andare.
A noi ci hanno caricato e ci hanno portato, credo, verso Trieste. Là c'erano dei treni, con quelle carrozze su cui ci si caricano i cavalli, le bestie, e ci hanno messi tutti lì e ci hanno portato credo – credo – verso l'Austria, dove siamo stati per un mese, pressappoco, e di là ci hanno caricati di nuovo e ci hanno portati in Germania.
I tedeschi parlavano la loro lingua. Finché eravamo di qua, in Austria, ancora c'erano italiani, c'erano fascisti e un po' si capiva, ma là…
Insomma dall'Austria ci hanno portato direttamente ad Auschwitz e ci hanno messo in baracche... una specie di baracche, e lì ci domandavamo "cosa ci faranno?". Tanti piangevano e io piangevo, chiedevo della mia mamma. C'erano altri parenti (...) … C'erano ebrei e altri e anche loro ci davano coraggio.
Ci portavano a lavorare i campi, ma chi sapeva lavorare i campi? Si cavavano le patate con le unghie. Lì siamo stati parecchio, un giorno qua un giorno là, dai contadini, poi ci hanno rinchiuso proprio nelle baracche. C'era qualcuno che cercava di scappare. (............................) Insomma, per dirvelo francamente, quel che ho visto in quei campi non lo auguro neanche alle bestie.
Mi ricordo un giorno, si lavorava, si spostavano delle cose, un amico cadde vicino a me e io mi avvicinai per sollevarlo, venne un tedesco e mi diede un calcio.
"Non devi aiutare quell'uomo".
"Perché poverino?"
"No!" e di nuovo un calcio e una botta sulla testa.
Questo qua piangeva poverino e il tedesco "Ssst, sennò vi ammazzo"
"E ammazzateci, tanto ormai!".
Lì sono diventato come uno scheletro, ho dimenticato anche come parlare, non già la lingua, ho dimenticato tutto. Non si poteva ricordare più niente (di ciò che era stata prima la nostra vita) per tutto quello che si vedeva in questo benedetto campo.
Troppo disastro!
Ho visto il cugino del mio povero padre, l'hanno buttato in un forno, e io piangevo, e mi battevo le mani, e gli altri mi davano gli schiaffi e mi dicevano "perché piangi?". "È mio parente…" e ancora schiaffi.
"Arbeit, Arbeit!" "Arbeit?", dicevo io. "Lavorare!".
Ma cosa facevo nel campo? Niente. Perché oltre a portare qualche morto da qualche parte o seppellire (qualche cadavere)… Era difficile anche seppellire.
Una volta, con un camion (...), ci hanno portato in mezzo ai campi. Li scavammo una fossa grande e i morti li buttammo dentro, senza una coperta, senza niente (nudi). Lì c'erano anche i miei parenti. A loro (ai tedeschi) non interessava. Pestavano sopra. Pestavano, non gli faceva nessuna pietà. Ordinavano di fare la fossa, li prendevano e li mettevano in fila indiana, e cercavano di ucciderne tre, quattro, con una pallottola sola. E c'era uno che non sapeva fare niente... Così un nazista - avevano le bombe con il manico, che me le ricordo sempre – con quella (una bomba) gli ha dato una botta in testa che è rimasto secco. Gli veniva quasi il cervello fuori. Mamma mia! Il sangue veniva fuori come … hai visto quando ammazzano un bue, come il sangue scorre?
A Jasenovac, ce n'erano che erano venuti dalla Jugoslavia: erano fascisti e ustascia e dicevano che facevano i … Jasenovac si chiamava questo paese e c'erano là anche zingari, ebrei, ce n'erano tanti in Jugoslavia di zingari e rom … e allora loro gli mettevano un chiodo sulla zucca e (poi) poggiavano la testa di questo poverino e ( poi) con una mazza (...)... e li prendevano come cani e li buttavano nel fosso, nelle fosse comuni. Ho sentito di quelle cose che nessuno crede!
Quando (oggi?) vado a Auschwitz, (...) (e) a Jasenovac, dove c'erano tutti i prigionieri rom, (e) pochi erano ebrei...(...) ogni volta (...) sento ancora un rumore che è roba dell'altro mondo.
(Alcuni nuovi arrivati ad Auschwitz) mi [rac]contarono che venivano da Jasenovac (...) e dicevano "ancora, ancora, qua… ma devi vedere là cosa c'è!". Ormai ci eravamo conosciuti, eravamo rom, parlavamo la stessa lingua "Ma tu Mirko devi vedere là cosa c'è!". Preghiamo … (...) "però vedrai che faremo la stessa fine di quelli di Jasenovac!"
C'era chi si ribellava per tutto questo che ci facevano. Quel che succederà succederà, dicevano. Tanti – e ce n'erano più anziani di me – dicevano "ormai tanto, così o così, ci ammazzano lo stesso. Proviamo a ribellarci". E chi pensava a ribellarsi – perché (i tedeschi) sapevano chi era colpevole, perché c'erano sempre delle spie di mezzo – e veniva preso e lo buttavano nel forno.
Pane non ne facevano dentro (il forno). Era solo per i cristiani! Peggio delle bestie erano (...) lì. E sapevamo (tutto quello che succedeva) , perché c'era il forno, e si vedeva.
Hanno preso il cugino del mio povero padre, per una parola detta, (...) non (...) ricordo la parola, (o) cosa ha fatto: non ha obbedito… L'hanno preso per i capelli e l'hanno tirato vicino a quel fuoco e l'hanno buttato (dentro). Vivo! Non ucciso. Vivo! Finché li buttavano, poverini, dopo averli fucilati, dopo averli ammazzati… ma vivi li buttavano! Quello che mi ha fatto impressione e che mi torna sempre in mente (ero ragazzino, ma mi ricordo) era quando li tiravano fuori (i morti, dalle baracche?), sui carrettini e li buttavano nelle fosse comuni. Quello sì mi ricordo bene. E quante volte ho tirato io quel carrettino. Era pesante, bisognava avere un cuore forte, e bisognava farlo, sennò ti spettava… spettava anche a noi finire così.
Ecco perché alle volte (...) i rom e gli ebrei si ribellavano, perché li si obbligava a partecipare a quel massacro, noi altri stessi, ai nostri parenti. Guarda, a me è toccato portare un mio parente, poverino, (e) buttarlo dentro (una fossa) e (...).
Poi, tra compagni, si parlava dei parenti: "Ma guarda cosa ci tocca fare?".
Per due o tre volte è successo, che scoppiasse la ribellione, ma chi lo faceva lo pagava salato.
Ho visto un giorno a uno, povero!, a una donna e un uomo, marito e moglie, mi ricordo sempre, era brava gente, si vedeva… Si carezzavano. Era incinta, questa donna, e le hanno sparato in pancia e l' hanno tagliata con il mitra, così, in pancia. Una roba… che vedevi sto sangue; suo marito l'abbracciava (e) pam! E dopo, sopra di lei con le baionette, con quelle cose lì li hanno massacrati.
Insomma, mi sento indignato a (ricordare) queste cose, non vorrei mai (ricordare) queste cose.
"Adunata" dicevano, e dovevi essere presente. Contavano a uno a uno. Io credo che facessero finta di contare. Con tanti come eravamo, come facevano a contare col dito, così. (...) (........)
Poi ci buttavano (addosso) la soda caustica.
La facevano bollire e ce la buttavano sui vestiti, quelli tedeschi, quelli con le righe. Per ammazzare i pidocchi.
1942, '43, '44, fino al '45. Due anni e mezzo sono stato là. Avevo sui 14 anni, neanche. Te lo giuro se mi ricordo più! (...) Avevo sui 14 anni. Avevo anche qualche pregio: avevo un sorriso. Ridevo sempre, ma c'erano tanti che non ce la facevano, diventavano come stecchi, si vedevano le ossa, si vedevano le ossa fuori dalla pelle.
Dopo che i tedeschi si ritirarono, restammo liberi. Siamo usciti fuori (dal campo) da soli. Però tutti come stecchi. Come stecchi siamo usciti!
Adesso mi sento ancora… (....) ... mi sento "angosciato" a  parlar di queste cose di cui non dovrei parlare. Mi dispiace, però, io (per) quello che vedevo, ero diventato sciocco. (...) Ho sempre dentro l'orecchio questo rumore qua benedetto. Mi sento sempre quel rumore dentro, che è un rumore... una roba dell'altro mondo. Non voglio neanche più parlare perché mi sento "angosciato". È un trauma.
(Dopo essere stato liberato) Sono andato a Postumia… non c'era più niente. (...) Credevo che anche (tutti gli altri) fossero stati portati in altri campi. Perché non c'era solo Sacvitz, c'erano tanti campi, c'erano altri campi. Poi cammino, cammino, e sento la gente parlare, "di dove sei?", "dove non sei?", "sono di qua"; "guarda che c'è della gente, degli zingari, a Casale sul Sile, in una scuola, sono sfollati".
No, (cioé) li chiamavano "montenegrini", quella volta, "montenegrini" li chiamavano.
Mah!, e vado in piazza, là a Casale sul Sile, alla scuola,e vedo una ragazzina e mi dico "ma quella deve essere una rom, una zingara".
Io (allora) non sapevo nemmeno più parlare, mi tornava quel rumore negli orecchi, tutti queibombardamenti, tutti quei mitra, tutte quelle cose. La vedo e le dico:"Tu chi sei?", "E tu chi sei?" e io: "Sei una zingara? Sei una rom?", mi risponde "Sì, sì". "Tu conosci (mio) nonno?". "Sì, conosco sì". (…) "È qui". Sospirone.
Vedendomi mio nonno (…) mi ha abbracciato: "Ma sei tu caro? Ma sei tu caro nipote?". Insomma coi denti, coi denti mi mangiava. Viene fuori mio padre, viene fuori mia madre… Madonna santa!... Tu vedevi la gente lì, quando mi hanno visto insieme: piangeva tutto il paese.
Insieme a me erano venuti altri due o tre di rom, da là (dalla Germania), quegli altri non han trovato (la loro) famiglia (…). Quelli senz'altro li avevano portati negli altri campi, li avevano sterminati.
(Come) i cugini del mio povero padre, tanti parenti…i miei bisnonni. Tutti. Li hanno deportati perché erano sotto a Zagreb (Zagabria), era lì che abitavano, tutti li hanno portati ad Auschwitz. Tutti li hanno
massacrati un po' a Sacvitz, un po' a Auschwitz.
Insomma gli zingari, io non so ancora, non ho capito perché ci odiavano 'sti tedeschi così tanto? Perché ci odiavano tanto i tedeschi?
Ma gli zingari, cosa facevano? Perché non erano buoni a lavorareo perché si chiamavano zingari?
Io ancora ho da capire perché uccidevano gli zingari.
Come oggi, perché non è ben visto, lo zingaro? È una persona come tutti gli altri. Se tagli mio dito e il tuo che sangue viene fuori? Sempre rosso! E io non perderei mai il mio carattere. Io sì, ho una
vita (diversa), come posso dire… (…) Ma, se io potessi firmare, firmerei per essere ancora zingaro, come ero: Rom.
È triste ricordarsi tutto.

 
Di Fabrizio (del 09/12/2010 @ 09:24:09, in Kumpanija, visitato 1402 volte)

Giovedì 16 dicembre ore 21.00
circolo Arci Ubik - via Deledda 21, Pessano con Bornago (MI)


Un incontro sui diritti del popolo rom e sinti, presentato da Arci Ubik e Amnesty International.

Interverranno:
- Dijana Pavlovic, attrice, mediatrice culturale e attivista politica romni. Dopo la laurea in Arti drammatiche a Belgrado, si trasferisce a Milano dove lavora per il teatro, il cinema e la TV. Dal 2009 è vice presidente della Federazione Rom e Sinti Insieme.

- Fabrizio Casavola, attivo da molti anni nella difesa dei diritti dei rom milanesi, ha fondato il blog Mahalla, sinti e rom da tutto il mondo. Cura la rassegna cinematografica Ho incontrato zingari felici al circolo Arci di Turro (via Rovetta 14; prossimo appuntamento, lunedì 20 dicembre con Train de Vie di R. Mihaileanu).

Per info:
● Amnesty Vimercate (gr108@amnesty.itwww.amnestygr108.org)
● Arci Ubik ( info@arciubik.it  - www.arciubik.it)

 
Di Anna Luridiana (del 07/12/2010 @ 09:09:43, in Kumpanija, visitato 1493 volte)

Da Roma_Daily_News

Cingeneyiz.org di Ali Mezarcıoğlu

21/11/2010 - "Assimilazione" è un termine con una accezione negativa. Significa che in una società NON si perdono completamente le proprie caratteristiche culturali e il proprio stile di vita.
"Integrazione" è un termine usato soprattutto in relazione al processo di adattamento delle minoranze e degli immigrati in Europa. Significa che una minoranza si adatta ai principi portanti della società senza esserne assimilata.

E' un fatto che noi rom non siamo né assimilati né integrati nelle società europee. In ogni caso pensiamo che nessuno debba pensare di poter assimilare il nostro popolo. D'altro canto, non siamo nemmeno integrati in modo soddisfacente nelle società nelle quali viviamo. Sentiamo sempre le autorità parlare delle difficoltà di integrazione dei rom. Il problema del perché i rom non siano assimilati è sempre stato affrontato dai media, dai bollettini delle ONG e dai rapporti pubblicati dagli accademici.

****

La maggior parte di coloro che si domandano "Perché i rom non sono integrati?" crede che i rom stessi non vogliano l'integrazione, anche se non lo hanno mai affermato apertamente. Secondo loro, noi rom siamo contenti di vivere in condizioni difficili. Nella serie di articoli che ci stiamo preparando a pubblicare, vogliamo mostrare quanto questa convinzione (che i rom non vogliano integrarsi), condivisa da troppe persone, sia errata.

E' un dato di fatto che i rom vogliano essere integrati in qualsiasi posto vivano. Vogliamo vivere nelle stesse condizioni delle classi medie e alte, così come i nostri antenati. Siamo cresciuti nella povertà e nella miseria. Non vi è nulla a proposito della nostra volontà di essere integrati. I nostri lettori vedranno che la questione principale è se le autorità delle società nelle quali viviamo vogliano la nostra integrazione, dopo che avranno letto questa serie di articoli. Per il momento parleremo soltanto delle questioni principali. A partire dai prossimi articoli inizieremo la discussione sugli ostacoli che incontrano i rom che vogliono essere integrati. Nell'ultimo degli articoli che pubblicheremo, avremo alcune raccomandazioni per le autorità e per i rappresentanti delle organizzazioni dei rom.

****

E' qui che stanno le domande che ci mostrano se i rom non possono essere integrati nella società oppure se non lo desiderano. Diremo di più a proposito di delle risposte a tali domande in questo articolo.

Per diverse centinaia (ndr: nell'originale è scritto migliaia, ma mi sembra improbabile) di anni, la fonte principale di sussistenza per le persone che costituivano la Nazione Universale dei rom, è stato il nomadismo commerciale. I rom ottenevano prodotti alimentari da agricoltori stanziali e da pastori nomadi, in cambio di prodotti del loro artigianato e della fornitura di servizi. Perché i rom scelsero questo modo di sostentarsi che li forzava a elemosinare per un tozzo di pane? (ndr: mi sembra in contraddizione con quanto appena sopra detto) Perché non provvedevano da soli al proprio sostentamento attraverso l'agricoltura o l'allevamento di bestiame? Era una scelta o una costrizione?

Cosa successe all'inizio, alle tribù che appartenevano alla Nazione Universale dei rom, tentarono di coltivare terre o di allevare bestiame, come mezzo di sopravvivenza nella loro storia successiva? Questa autonomia dei rom venne osteggiata dai gagé, in qualche modo?

La popolazione rom affrontò un lungo periodo di crisi dopo l'industrializzazione e perse i propri lavori tradizionali. I rom dovettero svolgere lavori che altri non volevano fare, con scarsi guadagni e senza un'assicurazione sociale.  Quando questi lavori cominciarono a divenire più popolari, i non-rom iniziarono a mostrare interesse per questi e da ciò nacque un conflitto. Tale conflitto, nato in condizioni di pace, avrebbe potuto raggiungere un livello tale di discriminazione, tanto da indurli a usare la violenza? I rom ritornarono a svolgere lavori con paghe molto basse?

I rom furono ostacolati nello stabilirsi in zone centrali delle città e nelle aree urbane, in determinati periodi storici? I gruppi rom che non potevano stabilirsi nelle aree centrali delle città, dovettero spostarsi in zone desolate e disagiate? I rom furono cacciati dalle città dopo che queste aree furono bonificate ed il centro delle città si ingrandì?

Le risposte alle domande sopra ci mostreranno perché i rom non sono integrati nelle società nelle quali vivono; perché non condividere le stesse condizioni di vita con i gruppi che vivevano meglio? Lo scopo principale di questo articolo è quello di mostrare a coloro che pensano che i rom siano i soli responsabili della vita che fanno, che i rom NON sono i soli responsabili del disastro che devono affrontare.

Anche se noi sappiamo che chi vuole capire i rom non ha bisogno di molte spiegazioni...

A tutti una buona settimana.

 
Di Fabrizio (del 01/12/2010 @ 15:27:30, in Kumpanija, visitato 1286 volte)

MILANO: Spettacolo teatrale BRAT (Fratello) sino al 5 dicembre

Cari tutti,

PORTANDO IL COUPON (.pdf in allegato, da stampare) ALLA CASSA DEL TEATRO TIEFFE POTETE RITIRARE 2 BIGLIETTI AL COSTO DI 10 € L’UNO (1 biglietto intero = 22 €)

Per prenotazioni: 02 36592544 oppure  info@tieffeteatro.it

PS io l'ho visto martedì, bello! : - ) saluti!
PPS: grazie a Ivana per la dritta!

 
Di Anna Luridiana (del 25/11/2010 @ 09:41:47, in Kumpanija, visitato 3238 volte)

Da Mundo_Gitano

IPSnews.net Di Emilio Godoy

Città del Messico, 12 ottobre 2010

Nella storia "Gente Bella", il dittatore messicano della situazione, invia una missione in Europa per importare 300 famiglie, così da "sbiancare la razza (quella india n.d.t.) e farla finita con la pigrizia". L'Imperatore d'Austria Francesco Giuseppe però lo imbroglia e gli invia, dietro compenso in oro, degli zingari.

Questo aneddoto storico-sociale del politico messicano di sinistra e scrittore Eraclio Zepeda, nato nel 1937, è un velato riferimento al Presidente Porfìrio Diaz (1830-1015) e rappresenta il persistente stereotipo negativo dei rom (zingari) che spiega in parte la loro invisibilità ancora oggi, nonostante questi ultimi abbiano profonde radici in Messico.

Ysmed Nebarak, vive ad Acapulco, sulla costa pacifica meridionale del Messico. Conosce questa invisibilità. Suo nonno, un ungherese che arrivò in Messico attorno al 1920, raccontò alla madre di Ysmed (sua figlia), la storia della sua prima moglie, che era rom (gitana).
"Francamente non so nulla degli antenati di mio nonno, perché lui non volle mai palarci di loro", ha raccontato Ysmed.

In questo Paese dell'America Latina, con 107 milioni di abitanti, vivono 15.850 gitani – o rom come preferiscono essere chiamati – stando al censimento del 2000, realizzato dall'Istituto Nazionale di Statistica e Geografia. Secondo alcuni ricercatori però la cifra è da considerarsi sottostimata a causa dei criteri limitativi utilizzati per classificare i membri del gruppo etnico.

Le attività principali della comunità rom messicana consistono nella vendita di tessuti, vestiti, automobili, camion e gioielli, ed inoltre nell'esibirsi e nell'insegnare il canto e la danza.

"I rom sono stati de-storicizzati, privati propria storia. Essi infatti non compaiono nella storia del Messico" ci ha detto David Lagunas, della scuola Nazionale di Antropologia e Storia.
"Conosciamo molto poco di loro, cosa che porta a far sorgere stereotipi e immagini negative nei loro confronti. Il Messico è un mix di gruppi con storie e passato differenti fra loro".
Secondo l'antropologo, spagnolo di nascita, il fatto che il popolo rom amministri il proprio tempo, il proprio lavoro ed il proprio denaro in maniera non convenzionale, fa sì che la società più tradizionalista sia diffidente e sospettosa verso di loro.

Lagunas sa bene di che cosa parla, avendo passato dieci anni con i rom dell'Andalusia, nel sud della Spagna, e in Catalogna, a nordest, vivendo nei loro caravan e vendendo abiti nei loro mercati, mentre scriveva la sua tesi di laurea.

La prima ondata di rom arrivò in Messico nel 1890. Provenivano dalla Ungheria, dalla Polonia, e dalla Russia per stabilirsi nelle Americhe, principalmente negli Stati Uniti e in Brasile, ma anche in Argentina, Cile, Colombia Ecuador, Uruguay e Venezuela.
Nel periodo fra la prima e la seconda Guerra Mondiale, molti altri rom lasciarono l'Ungheria per il Messico ed altri paesi sudamericani.
Nel 1931, quando vi era già una grande comunità rom in Messico, le leggi sull'immigrazione vennero riformate con lo scopo di impedire loro di stabilirsi nel Paese, essendo cresciuto il numero delle denunce per attività criminose.
Il maggior afflusso dei rom avvenne nel 1969.
Venivano dalla Spagna e si stabilirono principalmente nel centrale quartiere di Juàres a Città del Messico. Lì si dedicarono soprattutto alla vendita di tessuti e di abbigliamento in cuoio.
Oggi ci sono delle comunità rom nella capitale e nelle città di Veracruz, sulla costa orientale del Messico, e Puebla a sud, a Guadalajara ad ovest e a Monterrey a nordest.
Ma la comunità più conosciuta è quella di San Luis Potosì, nel Messico centrale.

Uno dei più importanti rappresentanti della cultura rom, il leader Pablo Luvinoff venne ucciso in un ospedale della capitale messicana, nonostante un poliziotto fosse di piantone fuori dalla sua camera.
Dal 2004 Luvinoff era scampato a tre attentati maturati dalla disputa per il controllo della comunità rom nella capitale. Dopo il suo assassinio, le autorità arrestarono diversi sospetti, tutti rom.

Nonostante sia noto che i rom, in Messico come in altri Paesi, siano discriminati, non sono mai state inoltrate molte proteste nei loro confronti.
Nel 2006 la Commissione Nazionale per la Prevenzione delle Discriminazioni, un ente governativo, investigò sul caso di un membro della comunità rom dello stato della Baja *California , ma alla fine la denuncia fu ritirata.

In anni recenti, diversi autori e fotografi hanno cercato di combattere l'ignoranza sulla comunità rom in Messico, ma sono stati circondati dal silenzio.
Nel 2001, il ricercatore Ricardo Pèrez Romero pubblicò "La lumea de noi – Memoria de los ludar de Mexico". "Lumea de noi" signific "la nostra gente" in Rumeno. Il libro racconta la storia e la vita giorno per giorno del popolo Ludar, rom della Romania.

"Piel de carpa; Los gitanos de Mexico", un libro di egual rilievo, fatto da alcuni fotografi messicani, dalla ricercatrice Ruth Campos Cabello e dall'artista e fotografo spagnolo Antonio Garcìa, venne pubblicato nel 2007.

"I gitani sono come gli indigeni: esistono molti gruppi differenti", dice Lorenzo Armendariz, un fotografo messicano molto conosciuto per i suoi ritratti di gruppi etnici differenti.
"Fra di loro i nomadi viaggiano ancora con le tende della famiglia, e i loro gruppi includono clowns, maghi e danzatori, nonostante l'attrazione principale sia l'ipnosi di massa".

Nel 1994, quando il famoso fotografo aveva 33 anni, scoprì che suo nonno, che era conosciuto semplicemente come "el hùngaro", era un rom. Dopo questa scoperta Armendariz cominciò a farsi coinvolgere nel mondo dei rom messicani, vivendo con loro per lunghi periodi ed allestendo mostre fotografiche.
Decise di sposarsi secondo i riti rom, e per far questo, dovette essere prima adottato da una famiglia della comunità.

"Avrei voluto conoscere qualunque cosa avesse a che fare con la storia e le usanze dei miei antenati" ha detto Nebarak , il cui nonno allevava polli.

Come nel libro "Cent'anni di Solitudine" del premio Nobel colombiano Gabriel Garcìa Màrquez, alcuni gruppi di rom girano il Messico con proiettori per pellicole a batterie per pellicole, trasportati nei loro camion, portando film in villaggi e città.
Anche il padre di Luvinoff, girava con un camion dove trasportava un proiettore da 35mm e una collezione di vecchi film messicani.

"Non abbiamo visto progressi in termini di politiche sociali, come in altri Paesi" ci ha detto Lagunas, laureato alla Pubblica Università di Barcellona, nel nordest della Spagna.

"Le nostre associazioni politiche non si sono di fatto mobilitate/espresse, e le nostre questioni non sono nell'agenda dei politici; non c'è nessun riconoscimento dei diritti dei rom".

Dove invece l'accattivante mondo dei rom non è passato inosservato è nelle soap-opera dei diversi Paesi dell'America Latina, Messico compreso.
Il più grande network televisivo del Messico, Televisa, trasmise nel 1970 la soap "Yesenia", dove la protagonista era una giovane donna rom, e ne fece un remake nel 1987.

TVAzteca, il secondo network messicano per importanza, in coproduzione con Telemundo, network statunitense in lingua spagnola, stanno, fino a d oggi, trasmettendo una serie chiamata "Gitanas" (donne rom).

Luvinoff, l'ultimo patriarca della comunità rom, partecipò come consulente alla sceneggiatura sia in "Gitanas" sia nel remake di "Yesenia"

 
Di Fabrizio (del 23/11/2010 @ 09:07:04, in Kumpanija, visitato 1606 volte)

Ventidue interventi di recupero che hanno consentito, tra l'altro, di salvare circa 42,5 quintali di pesce, smaltiti quintali di rifiuti ingombranti, taglio di alberi pericolanti, sfalcio di arbusti e recupero di alcuni tratti delle sponde. Sono gli interventi di pulizia e riqualificazione dei Navigli effettuati in circa due settimane dal Consorzio di Bonifica Est Ticino Villoresi che annuncia il termine, oggi, dell'asciutta dei canali milanesi. "Il preoccupante degrado ambientale dovuto a consistenti quantità di rifiuti presenti nell'alveo del Naviglio, il pericolo esondazione causato dalla barriera dei rifiuti, l'impossibilità di utilizzare le barche fresanti per eliminare le alghe nel corso della stagione irrigua, lo smottamento di alcuni tratti della sponda destra - ha spiegato Alessandro Folli, presidente del Consorzio - sono alcuni dei motivi che ci hanno spinto ad intervenire sul tratto del Naviglio Martesana tra il nodo Lambro e via Melchiorre Gioia a Milano". Inoltre, "si sono create le condizioni ideali - sottolinea Folli - per un sodalizio tra il Consorzio, Legambiente locale e gli abitanti del campo rom di via Idro con l'obiettivo di valorizzare il tratto milanese del naviglio che pur perdendo la sua vocazione irrigua mantiene un forte valore paesaggistico. Un'azione comune perché i cittadini abbiano più a cuore il rispetto e la salvaguardia di questo pezzo importante della storia milanese" (grassetto mio, leggere QUI ndr). "Stesso discorso per la Darsena e i tratti adiacenti dei Navigli Grande e Pavese. Non è più accettabile che questi canali siano sommersi da rifiuti e da una inciviltà imperante - sottolinea il Consorzio -. Ad esempio, sono stati recuperati quintali di rifiuti rappresentati soprattutto da bottiglie di vetro. Un controsenso: i Navigli vissuti come eccellenza della vita serale e notturna milanese e nello stesso tempo, dagli stessi fruitori, villeggiati e sfregiati con la mancanza di rispetto per l'ambiente e per il corso d'acqua stesso". Anche per la Darsena, il Consorzio in accordo con il Comune di Milano ha provveduto alla sua pulizia con l'impegno di una squadra di 4 operai e con mezzi appositi per il sollevamento e trasporto dei rifiuti. "A breve chiederemo un incontro con il sindaco Moratti - ha concluso Folli - per pianificare i prossimi interventi di manutenzione, già in occasione dell'asciutta della primavera 2011. Soprattutto per avviare un'azione sinergica tra tutti gli enti interessati perché con Expo 2015 tornino agli antichi splendori tutti i tratti dei nostri cinque Navigli".(Omnimilano.it)

 
Di Fabrizio (del 21/11/2010 @ 09:23:25, in Kumpanija, visitato 1554 volte)

Inviato da Patrizia Ciuferri 18 Novembre, 2010

"… in classe è venuto il mediatore culturale, Graziano e ci ha spiegato le diverse usanze tra Roma e italiani. Io sono sinto e le mie usanze sono ancora diverse, perché sono mezze zingare. Questo argomento mi è piaciuto perché per una volta hanno parlato di una cosa che mi riguarda e per questo mi sono sentito importante…" Daniele (ragazzo sinto)

E' con queste parole, testimonianza di un ragazzo di etnia sinti, che si apre il sito dell'associazione di promozione sociale, Romà Onlus, nata nel 2008 (www.romaonlus.it).

La mission di Romà Onlus che riunisce soci rom (in maggioranza) e non rom, è quella di promuovere gli aspetti positivi della cultura rom e la capacità dei Rom di interagire con la collettività attraverso la riscoperta e la valorizzazione della storia e delle loro tradizioni., nonché la loro partecipazione attiva e propositiva alla vita sociale.

Attraverso la conservazione della memoria e della storia dei rom, lo scopo dell'associazione è sostenere il processo di integrazione dei Rom per mezzo di progetti e attività volte a promuovere l' all'accrescimento spirituale, politico, sociale della comunità Rom e Sinti nei vari ambiti dell'istruzione, della consapevolezza culturale, della mediazione sociale e culturale, del sostegno all'impiego.

Impegnata nel sostegno all'istruzione e nel tutoraggio finalizzato all'accesso all'istruzione superiore e alla creazione di luoghi di aggregazione per adolescenti di origine rom, Romà Onlus è anche volta alla promozione e allo sviluppo di attività no-profit come fattore di coesione sociale, impegno civico, emancipazione delle donne rom, diffusione dei valori di pace e cittadinanza attiva, contrasto alla discriminazione e all'esclusione sociale.

Lo staff di Romà Onlus si avvale di un nutrito gruppo di professionisti tra cui mediatori linguistici e interculturali, registi e progettisti specializzati nel reinserimento sociale di giovani in difficoltà e nella realizzazione di corsi di formazione.

Tra i molteplici servizi messi a disposizione dell'associazione, laboratori che spaziano dall'intercultura alla gastronomia, passando per l'arte, il cinema digitale e la lavorazione del rame. Attraverso le molteplici professionalità presenti nello staff di cui si avvale l'associazione, Romà Onlus ha elaborato una serie di attività volte a incentivare l'integrazione e il dialogo reciproco tra bambini e ragazzi rom e non, attività estive per bambini e ragazzi, interventi di mediazione culturale nelle scuole, formazione per insegnanti, tutoraggio e accompagnamento all'istruzione superiore.

Allo scopo di favorire la partecipazione e la cittadinanza attiva dei rom, è nata Rete Rom, che promuove a livello locale il coordinamento Rom a Roma, essendo anche fondatrice della Federazione Romanì e, a livello internazionale, membri di Ternype, fondata nel gennaio 2010 da diverse organizzazioni Rom giovanili provenienti da Albania, Bulgaria, Germania, Ungheria, Italia, Slovacchia, Spagna e Polonia.

Nell'ambito di un progetto per un Istituto di cultura Rom, un angolo dedicato all'approfondimento della cultura rom, chiamato Romanipé, una sezione web dedicato alle pillole di approfondimento sulla cultura, la storia e la lingua del popolo rom.

Romà Onlus, in collaborazione con Stalker – Osservatorio Nomade ha inoltre ideato e realizzato Romano Hapé, il catering di cucina romanes che nasce con l'idea di raccontare la diversità culturale attraverso il cibo e la gastronomia e di creare un momento di condivisione in cui le donne rom e le giovani partecipanti possano scambiarsi pratiche e saperi.
Visto l'enorme successo, tale progetto si è proposto e si propone come catering per occasioni pubbliche e private. Ha visto coinvolti gli studenti dello IED – Istituto Europeo di Design, che hanno messo a disposizione le loro conoscenze per pensare, insieme alle giovani donne rom, un piano di presentazione e comunicazione attraverso blog, volantini e al packaging dei piatti preparati.
Da allora il Romano Hapè ha preso parte a numerose iniziative pubbliche quali il Primo Congresso Nazionale della Federazione Rom e Sinti, l'edizione 2009 del Festival Internazionale di Fotografia di Roma.

Contatti:

Romà Onlus
Via Altavilla Irpina, 34/36
00177 Roma
Tel 0664829795
Fax 0664829795
info@romaonlus.it

 
Di Fabrizio (del 07/11/2010 @ 09:04:18, in Kumpanija, visitato 1986 volte)

foto di Ivana Kerecki

Lo scorso 8 ottobre è morto per un ictus Franco Pasello, anarchico, amico di molti rom, fotografo e panettiere.

Per ricordarlo, gli amici e i compagni si ritroveranno domenica 14 novembre dalle ore 13.00 presso la Cascina autogestita Torchiera, piazzale Cimitero Maggiore 18 - Milano

Siamo franchi
ricordando il nostro Franco Pasello

Dalle ore 13 (pranzo) a tarda sera si terrà Siamo franchi, una giornata in ricordo di Franco Pasello, il nostro compagno morto l'8 ottobre scorso.

Come lui desiderava, lo ricorderemo in allegria con un bel pranzo, musiche rom e non-rom, canzoni del suo amato De André, testimonianze, vendita di stampa e libri anarchici, brindisi, chiacchiere, ricordi, progetti, aperitivo serale, ecc. ecc.. Chi vuole, porti roba da mangiare e da bere (anche se ci mancheranno le famose pizze di Franco), giornali, libri, idee.

Fin d'ora, chi vuole farci avere una sua testimonianza scritta su Franco, un ricordo, un breve testo, lo invii ad arivista@tin.it anche in vista di una pubblicazione dedicata a Franco che certamente faremo, ma di cui non abbiamo ancora il progetto preciso.

Per info, contattateci.

rivista anarchica "A"
cas. post. 17120 – Mi 68
20128 Milano
tel. 02 28 96 627
fax 02 28 00 12 71
arivista@tin.it

 
Di Fabrizio (del 25/10/2010 @ 09:39:11, in Kumpanija, visitato 1579 volte)

Dopo lo sgombero del campo di via Cavriana a Milano, c'è urgente bisogno di:

COPERTE
TENDE
SCARPE Donna: dal 36 al 38 NO TACCHI
SCARPE Uomo: dal 38 al 44
MAGLIONI UOMO E DONNA
PANTALONI UOMO tg. 44 / 46 / 48 / 50
PANTALONI DONNA tg. 42 / 44 / 46
GONNE DONNA tg. 42 / 44 / 46 SOLO LUNGHE
MATERASSI

BIMBI:
Eduard (veste 10 anni ed è cicciotello... scarpe no. 35/36)
Maribel 15 mesi scarpe no. 22

Facciamoci coraggio... e ripartiamo…!!!
Grazie a tutti.

 
Di Fabrizio (del 21/10/2010 @ 09:44:15, in Kumpanija, visitato 1941 volte)

Il ristorante La Ragnatela di Mirano (VE) ospita il 29 ottobre una serata per condividere cibi e idee a sostegno dei diritti del popolo zigano

Mirano (VE), 19/10/2010 (informazione.it - comunicati stampa) La gioia di vivere che scaturisce dall'abbinare convivenza e convivialità ha sollecitato i soci del ristorante cooperativo La Ragnatela ad ideare una serata incentrata su un tema usualmente considerato tra i meno ospitali: la coabitazione tra Rom e Gage, ovvero tra nomadi e sedentari. La serata, dal titolo Fatti più in là: Sinti, Rom, Gagé e la riproduzione artificiale del nomadismo attraverso gli sgomberi, è promossa anche dal Circolo del Manifesto della Riviera del Brenta.

Il titolo dell'iniziativa mette in risalto l'intenzione di seminare dubbi sugli stereotipi verso i zigani. Come afferma Luigi Meneguzzi, tra i promotori della serata, "La maggioranza di Sinti e Rom è formata da cittadini comunitari che non riescono a scrollarsi di dosso lo stigma di persone senza fissa dimora, di trasferibili, perfino di espatriabili verso un qualsiasi luogo lontano. La realtà è ben diversa, basti dare uno sguardo agli sgomberi o alle recenti politiche antizigane del presidente francese Sarkozy: una vera e propria riproduzione artificiale del nomadismo. Ecco perché con questa serata proporremo una tavola rotonda per discutere invece le strategie più idonee per raggiungere una convivenza che assicuri il rispetto dei diritti di tutti".

L'evento inizierà venerdì 29 ottobre alle 17.30 con un aperitivo in musica che prevede un Hommage à Django Reinhard: una rivisitazione del repertorio del grande musicista zigano da parte dei Manouchemen (Tommaso Viola, chitarra; Renzo De Rossi, sax; Paolo Mason, chitarra; Andrea Tombesi, contrabbasso).

Alle 18.30 seguirà la tavola rotonda Abitare assieme a Rom e Sinti ed evitare che i territori puri impazziscano, per esplorare i percorsi che rendono possibile la coabitazione di Rom e Gagè con Davide Morello (operatore sociale del Comune di Venezia), Carlotta Saletti Salza (antropologa), Don Piero Gabella (sinto onorario), Sabrina Tosi Cambini (antropologa), Yuri Del Bar (segretario della Federazione "Rom e Sinti Insieme"), Lorenzo Monasta (epidemiologo).

A conclusione della serata, l'immancabile cena dove verranno riproposti alcuni dei piatti tradizionali della cucina gitana quali "Dolma e Sarma", "Pitta" e "Halvava", e molte altre rivisitazioni sul tema nate dalla fantasia del variegato team di cuochi della cooperativa La Ragnatela. Non resta dunque che prenotare il proprio posto a tavola ed assaporare il gusto della convivenza!

La Ragnatela è una trattoria cooperativa nata nel 1984. Oggi composta da 12 soci, propone piatti della cucina tradizionale veneta con particolare attenzione alla rintracciabilità degli alimenti per il cliente. Il ristorante è la Condotta Slow Food della riviera del Brenta, è stato tra i primi sostenitori dello Slow Food in Italia. La Ragnatela è inoltre sostenitrice di Emergency e Carta.

Informazioni e prenotazioni:
La Ragnatela, Via Caltana 79, Scaltenigo di Mirano (VE) - tel. 041436050 -
www.ristorantelaragnatela.com
direfaremangiare@ristorantelaragnatela.com

 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


26/05/2022 @ 23:08:18
script eseguito in 59 ms

 

Immagine
 Sinti e Rom manifestano a Brescia... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 863 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< maggio 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021
Novembre 2021
Dicembre 2021
Gennaio 2022
Febbraio 2022
Marzo 2022
Aprile 2022
Maggio 2022

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoE-mail: giovannidinatale1954@gmail.comOf...
28/12/2021 @ 11:20:35
Di giovannidinatale
Hi we are all time best when it come to Binary Opt...
27/11/2021 @ 12:21:23
Di Clear Hinton
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2022 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source