\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Perché i Rom non sono assimilati
Di Anna Luridiana (del 07/12/2010 @ 09:09:43, in Kumpanija, visitato 1338 volte)

Da Roma_Daily_News

Cingeneyiz.org di Ali Mezarcıoğlu

21/11/2010 - "Assimilazione" è un termine con una accezione negativa. Significa che in una società NON si perdono completamente le proprie caratteristiche culturali e il proprio stile di vita.
"Integrazione" è un termine usato soprattutto in relazione al processo di adattamento delle minoranze e degli immigrati in Europa. Significa che una minoranza si adatta ai principi portanti della società senza esserne assimilata.

E' un fatto che noi rom non siamo né assimilati né integrati nelle società europee. In ogni caso pensiamo che nessuno debba pensare di poter assimilare il nostro popolo. D'altro canto, non siamo nemmeno integrati in modo soddisfacente nelle società nelle quali viviamo. Sentiamo sempre le autorità parlare delle difficoltà di integrazione dei rom. Il problema del perché i rom non siano assimilati è sempre stato affrontato dai media, dai bollettini delle ONG e dai rapporti pubblicati dagli accademici.

****

La maggior parte di coloro che si domandano "Perché i rom non sono integrati?" crede che i rom stessi non vogliano l'integrazione, anche se non lo hanno mai affermato apertamente. Secondo loro, noi rom siamo contenti di vivere in condizioni difficili. Nella serie di articoli che ci stiamo preparando a pubblicare, vogliamo mostrare quanto questa convinzione (che i rom non vogliano integrarsi), condivisa da troppe persone, sia errata.

E' un dato di fatto che i rom vogliano essere integrati in qualsiasi posto vivano. Vogliamo vivere nelle stesse condizioni delle classi medie e alte, così come i nostri antenati. Siamo cresciuti nella povertà e nella miseria. Non vi è nulla a proposito della nostra volontà di essere integrati. I nostri lettori vedranno che la questione principale è se le autorità delle società nelle quali viviamo vogliano la nostra integrazione, dopo che avranno letto questa serie di articoli. Per il momento parleremo soltanto delle questioni principali. A partire dai prossimi articoli inizieremo la discussione sugli ostacoli che incontrano i rom che vogliono essere integrati. Nell'ultimo degli articoli che pubblicheremo, avremo alcune raccomandazioni per le autorità e per i rappresentanti delle organizzazioni dei rom.

****

E' qui che stanno le domande che ci mostrano se i rom non possono essere integrati nella società oppure se non lo desiderano. Diremo di più a proposito di delle risposte a tali domande in questo articolo.

Per diverse centinaia (ndr: nell'originale è scritto migliaia, ma mi sembra improbabile) di anni, la fonte principale di sussistenza per le persone che costituivano la Nazione Universale dei rom, è stato il nomadismo commerciale. I rom ottenevano prodotti alimentari da agricoltori stanziali e da pastori nomadi, in cambio di prodotti del loro artigianato e della fornitura di servizi. Perché i rom scelsero questo modo di sostentarsi che li forzava a elemosinare per un tozzo di pane? (ndr: mi sembra in contraddizione con quanto appena sopra detto) Perché non provvedevano da soli al proprio sostentamento attraverso l'agricoltura o l'allevamento di bestiame? Era una scelta o una costrizione?

Cosa successe all'inizio, alle tribù che appartenevano alla Nazione Universale dei rom, tentarono di coltivare terre o di allevare bestiame, come mezzo di sopravvivenza nella loro storia successiva? Questa autonomia dei rom venne osteggiata dai gagé, in qualche modo?

La popolazione rom affrontò un lungo periodo di crisi dopo l'industrializzazione e perse i propri lavori tradizionali. I rom dovettero svolgere lavori che altri non volevano fare, con scarsi guadagni e senza un'assicurazione sociale.  Quando questi lavori cominciarono a divenire più popolari, i non-rom iniziarono a mostrare interesse per questi e da ciò nacque un conflitto. Tale conflitto, nato in condizioni di pace, avrebbe potuto raggiungere un livello tale di discriminazione, tanto da indurli a usare la violenza? I rom ritornarono a svolgere lavori con paghe molto basse?

I rom furono ostacolati nello stabilirsi in zone centrali delle città e nelle aree urbane, in determinati periodi storici? I gruppi rom che non potevano stabilirsi nelle aree centrali delle città, dovettero spostarsi in zone desolate e disagiate? I rom furono cacciati dalle città dopo che queste aree furono bonificate ed il centro delle città si ingrandì?

Le risposte alle domande sopra ci mostreranno perché i rom non sono integrati nelle società nelle quali vivono; perché non condividere le stesse condizioni di vita con i gruppi che vivevano meglio? Lo scopo principale di questo articolo è quello di mostrare a coloro che pensano che i rom siano i soli responsabili della vita che fanno, che i rom NON sono i soli responsabili del disastro che devono affrontare.

Anche se noi sappiamo che chi vuole capire i rom non ha bisogno di molte spiegazioni...

A tutti una buona settimana.