Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non un altro blog - giornale o chissacosa ma: 1. raccogliere notizie direttamente dalle fonti; 2. far conoscere come la pensano i diretti interessati.

La redazione
-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Marylise Veillon (del 09/06/2012 @ 08:58:00, in Europa, visitato 1104 volte)

Da Roma_Francais

SOS Racisme sporge denuncia contro i locali notturni per discriminazione

L'associazione SOS Racisme a deciso di sporgere denuncia martedì 29 maggio contro alcune discoteche e alcuni bar di Parigi e di Nizza, per "discriminazione razziale" in seguito alla grande notte europea del testing, organizzata in diverse città europee, sabato 26 maggio.

Grazie a questi test, l'associazione ha potuto constatare diversi casi di discriminazione razziale. SOS Racisme rivela che le persone discriminate all'ingresso degli stabilimenti, sono per lo più dei "neri, arabi, rom" e "persone del sud asiatico". Due discoteche di Nizza, Les Coulisses e il High Club, sono risultate "positive", essendo stati respinti i "tester neri" che si erano presentati all'ingresso. Alcuni stabilimenti parigini sono stati anche loro beccati.

L'associazione ha deciso di sporgere denuncia presso la prefettura di Parigi e presso le autorità nizzarde competenti. "Auspica che siano inflitte sanzioni amministrative ai stabilimenti scoperti nel corso di questa operazione, in flagrante reato di discriminazione razziale".

L'associazione francese realizzava la sua terza edizione della grande notte europea del testing, dopo quelle di marzo e giugno 2011, in collaborazione con l'Egam (European Grassroot Antiracist Movement). Quest'anno era organizzata in dieci città europee, tra le quali Parigi, Nizza, Renna, Vienna, Palermo e Oslo. L'ultima edizione di testing, effettuata all'ingresso di una trentina di locali notturni di sette città europee, faceva già presente dei "risultati preoccupanti". Con la crisi, il razzismo e la xenofobia sono diventati pane quotidiano in Europa.

Le azioni che puntano a individuare tali comportamenti razzisti possono talvolta portare frutto. Nel gennaio scorso, una discoteca dell'Isère è stata condannata a pagare 7.000 € di multa, la metà della quale con la condizionale, e a versare 1.500 € per i danni, alle parti civili.

 
Di Fabrizio (del 06/06/2012 @ 09:17:15, in Europa, visitato 1718 volte)

Segnalazione di Giancarlo Ranaldi. BAIA MARE un anno fa

Esclusiva di EVZ.RO: Auschwitz a Baia Mare. 2.000 Rom spostati dal sindaco Cherecheş nella Fabbrica della Morte piena di sostanze chimiche - di Bogdan Eduard - 4 giugno 2012 (scusandomi per la traduzione zoppicante, ndr.)

Immagine ripresa da un camion sotto la pioggia torrenziale: bambini e genitori - Le foto sono di COSMIN MESAROȘ

Volendo dimostrare a tutti di mantenere la sua promessa elettorale di liquidare la zona Craica, popolata da circa 2.000 Rom, il sindaco ha deciso di spostare le prime famiglie durante la notte. Dopo aver minacciato l'intervento delle ruspe per radere al suolo la colonia se non si fossero mossi. il sindaco è entrato in azione. Coadiuvato dalla polizia locale e dalla gendarmeria, Cherecheş ha spostato a forza sotto la pioggia battente nel blocco che per anni ha funzionato come laboratorio chimico delle nota Phoenix, la "fabbrica della morte". Dopo il 1990 il nome venne cambiato in Cuprom, e venne chiusa nel 2006, dato che era il più grande inquinatore di Romania, dopo il Combinatul di Copşa Mică.

Una volta all'interno del blocco dove sono stati ricavati i loro alloggi, i Rom hanno trovato sulle porte dei pezzi di giornali su cui era indicato il nome della famiglia assegnataria. Nessuno voleva credere che si trattasse di una sistemazione definitiva. Le camere sono state dipinte in fretta, ma negli armadi metallici ci sono ancora i contenitori dei prodotti chimici di 15-25 anni fa, la polvere dei forni e le altre cose utilizzate nel laboratorio chimico.

Non solo: la sinistra atmosfera di campo di sterminio veniva suggellata da segnali che riproducevano il teschio di "pericolo di morte" o "miscela di sostanze chimiche proibite", che ancora rimangono su porte e finestre del laboratorio.

Molte stanze sono segnalate con cartelli di pericolo ed al loro interno sono conservate sostanze tossiche

L'operazione è durata sino a sera. I Rom, dopo aver visto le condizioni, volevano lasciare il blocco, ma è stato impedito loro dalla polizia locale.

Trasferimento forzato il primo giugno

Infine, impossibilitati ad andarsene, si sono riposati. Assegnate le stanze, hanno steso a terra i materassi. Però, a mezzanotte i primi sintomi. Nausea, vomito, vertigini, mal di testa.

Bambini sdraiati nella "nuova casa"

I più colpiti erano i bambini. Nella notte è stato dato l'allarme. Le ambulanze hanno fatto la spola verso l'ex laboratorio chimico. L'ospedale dice che sono stati portati al pronto soccorso otto bambini e due adulti. Altre fonti parlano di tredici bambini e un adulto.

Per il rappresentante ISU si è trattato di circa 11 bambini e un adulto. Sono state applicate loro maschere facciali per l'ossigeno. Rom e giornalisti presenti fanno il conto di 22 bambini e due adulti intossicati in totale. L'ospedale di Baia Mare dice che l'avvelenamento è rientrato ed è stato permesso loro di tornare a casa.

Mercoledì mattina, è scoppiato un nuovo scandalo alla Cuprom di Baia Mare, [...]. Dopo la notte insonne, i Rom sono stati messi in strada da polizia e gendarmi, per controllare i documenti. I Rom la considerano l'ennesima provocazione del sindaco, in vista della prossima tornata elettorale distrettuale. [...]

"Evenimentul zilei" è stata l'unica pubblicazione che è riuscita ad ottenere fotografie dei contenitori delle sostanze chimiche, abbandonati dopo la chiusura del Combinatul Cuprom. Sono tutte sostanze estremamente nocive, senza contare che i bambini rom corrono a piedi nudi tra i mucchi di polvere contaminati e le acque reflue.

  • Acido acetico (-glaciale) è un acido debole e incolore, dall'odore irritante. E' altamente corrosivo.
  • Acido solforico H2SO4 (in foto), è un acido minerale molto attivo. Aggiungendovi acqua, può iniziare a bollire e spruzzare gli astanti.
  • Fanghi anodici sono un sottoprodotto della raffinazione elettrolitica del piombo.

Contenitori utilizzati nel laboratorio chimico sino a pochi anni fa

La guerra degli SMS tra il sindaco e il patriarca

Mentre le ambulanze arrivavano al "blocco chimico" si svolgeva uno scambio di SMS tra Rom e sindaco: "Cos'è che uccide? Ci sono degli intossicati! Chiamate le ambulanze!" Il sindaco ha replicato con un altro messaggio: "Hanno avvelenato una città pulita. Se va male, vi soccorriamo, altrimenti si risparmia!"

Il capo del partito Romilor, Carol Jurisniez, detto "Pise", ha fatto alla stampa sconcertanti dichiarazioni sui soldi che il sindaco avrebbe offerto per comprare i voti dei Rom. Il sindaco Cherecheş ha replicato che è tutta una messa in scena [...]. Riguardo alle accuse di corruzione elettorale, ha detto di non aver dato soldi ai Rom, anche se il loro capo afferma il contrario.

In questo momento, la situazione a Baia Mare tra Rom ed autorità è di estrema tensione. La notte scorse, le auto della polizia e della gendarmeria pattugliavano la città.

I Rom di fronte al vecchio laboratorio

Sindaco e tra quattro anni presidente delle Romania?

Cătălin Cherecheş, sindaco uscente di Baia Mare, è in corso per un altro mandato, godendo del 93% dei favori secondo i sondaggi. Già membro del PSD, da cui è stato espulso. Per quattro anni è stato un parlamentare indipendente, e l'anno scorso è stato eletto sindaco di Baia Mare dopo l'arresto del sindaco Cristian Anghel (liberale).

Cherecheş si è iscritto al PNL e si candida con l'USL. Da tempo sta rilasciando dichiarazioni ad effetto, "andandosele a cercare" come dice la gente. Si dice anche che tra quattro anni potrebbe essere il presidente della Romania.

"Hanno avvelenato una città pulita. Se va male, vi soccorriamo, altrimenti si risparmia!" ha suscitato uno scandalo internazionale.

Per il sindaco di Baia Mare non è il primo scontro con i Rom della città. Cătălin Cherecheş generò uno scandalo internazionale l'anno scorso, quando venne eretto un muro alto 2 metri attorno a diversi isolati abitati dai Rom. Venne definita da France Press la "Grande Muraglia Zingara", suscitando proteste in tutto il mondo. Protestò anche l'ambasciata americana, e l'ambasciatore venne a Baia Mare in visita lampo per discutere col sindaco. Negli ambienti a lui vicini si loda il sindaco dicendo che con tre mattoni ha ottenuto una fama internazionale alla città.

 
Di Fabrizio (del 05/06/2012 @ 09:11:21, in Europa, visitato 5566 volte)

GypsyMessageBoard May 29th, 2012

Molti di noi sono rimasti a dir poco scioccati dagli articoli delle ultime settimane, scritti da Nazir Afzal, procuratore capo per il Nord-Ovest, con titoli simili a questo:

"Abbiamo affrontato il potere delle gang. Ora dobbiamo confrontarci con i matrimoni forzati tra i Traveller"

"Ci sono comunità con cui abbiamo avuto paura di agire, e con -abbiamo- intendo ogni agenzia. Spero che non succeda più. Per me l'ultimo bastione è la comunità traveller."

-I Traveller sono "l'ultimo bastione" dei tabù sessuali in Gran Bretagna.-

FERMERO' I MATRIMONI ZINGARI, DICE L'AVVOCATO ASIATICO DELLE SEX GANG... "Mi sono reso conto dell'enorme problema dei matrimoni forzati nella comunità traveller. Sono molto diffusi."

Molti di noi hanno avvertito l'ondata di shock attraversare la comunità. Ci siamo chiesti dove il signor Afzal abbia ottenuto le sue informazioni. Di certo questo non fa parte della Cultura Romanì Britannica. Gli abbiamo scritto dicendogli che dev'essersi sbagliato, non abbiamo mai sentito di matrimoni forzati così come riportato.

Ci è stato risposto che: "Sfortunatamente, non esiste comunità immune dai matrimoni forzati..." E' interessante notare che, quando iniziammo a parlare di matrimoni forzati nelle altre comunità, la prima reazione fu di negarli... Purtroppo nessuna comunità è un posto assolutamente al sicuro per donne e ragazze. Come è stato detto da un ministro del governo: "la sensibilità multi-culturale non è una scusa per la cecità morale... Lo dobbiamo a tutte le vittime, a cui ogni comunità deve sempre fornire protezione."

Come GypsyMessageBoard non possiamo essere d'accordo quando afferma che neghiamo a priori i matrimoni forzati, avendo passato diversi giorni parklando con la gente e particolarmente gli anziani della comunità romanì, per capire se ci fosse qualcosa storicamente motivato, registrazioni/articoli ed altre fonti sui matrimoni nelle comunità traveller, e dare quindi un senso alle sue dichiarazioni. Intendiamo mostrare che i matrimoni forzati NON sono iscritti nella storia dei Traveller in questo paese, che i casi di cui parla il signor Azfal sarebbero isolati e di sicuro non estesi come pubblicato dalla stampa, e perciò che le sue travolgenti dichiarazioni sono pericolose e possono causare un serio danno alla reputazione di tutti i Traveller in GB, aggiungendo stereotipati malintesi a quelli già esistenti nella società maggioritaria. INACCETTABILE. Ci chiediamo anche la ragione di simili affermazioni.

Il Crown Prosecution Service riporta il matrimonio forzato alla voce "Violenze basate sull'onore e matrimonio forzato". Si dice: "La violenza basata sull'onore è un crimine o episodio, commesso o che può essere commesso per proteggere o difendere l'onore della famiglia e/o della comunità." Questa definizione viene supportata da un ulteriore testo esplicativo: "La violenza basata sull'onore è un abuso fondamentale dei diritti umani. Non c'è onore nel commettere omicidio, stupro, rapimento o altri atti, comportamenti e condotte che costituiscono -violenza in nome del cosiddetto onore-".  Si chiarisce: "Gli esempi possono includere omicidio, morte inspiegata (suicidio), timore o realtà di matrimonio forzato, controllo dell'attività sessuale, abusi domestici (inclusi abusi psicologici, fisici, sessuali, finanziari o emotivi), abusi infantili, stupro, rapimento o sequestro di persona, minacce di morte, aggressioni, molestie, aborti forzati..."

Come punto di partenza dobbiamo solo guardarci intorno. Oggi le informazioni viaggiano con un dito pigiato sulla tastiera del computer. Dato che il signor Afzal non ci crede, daremo la parola ad altri.

La parola degli anziani nella comunità romanì è che non e successo e non ne hanno mai sentito parlare. Nei tempi andati ci si incontrava alle fiere o al lavoro in campagna, ecc.

Le prime opere di Gypsy Parsons, Romany Rye, The Gypsies Advocate, The Gypsy Lore Society, nessuna mostra una sola prova a suggerire storie di matrimoni forzati nella comunità traveller.

Molte associazioni storiche hanno setacciato il passato, per es. Romany Roads, rintracciato ritagli di stampa e altre testimonianze, senza che sia emersa alcuna menzione di matrimoni forzati.

Su Travellers Times ed il suo equivalente irlandese - nessun titolo o lancio di matrimoni forzati.

Ci sono diversi gruppi/società o singoli, comunque riconosciuti, che hanno vissuto e lavorato per anni in questi campi, ma nessuna grande menzione su matrimoni forzati.

Oggi abbiamo un'ampia scelta di moderni libri sugli zingari, scritti approfonditamente sulla crescita e la cultura sociale, sino ai tempi odierni, e nessuno parla di matrimoni forzati.

Oggi sono disponibili vecchi e nuovi documentari, ritrasmessi in televisione o in rete, abbiamo numerosi documentari di membri della comunità o compagnie commerciali, archivi radio-televisivi su normali questioni che coinvolgono diversi aspetti sugli zingari - ed ancora nessuna menzione.

La stampa costantemente vomita appena possibile qualsiasi argomento sgradevole che sia in qualche modo legato agli zingari - ma sinora niente nemmeno lì.

Cosa si dice dei matrimoni, zingari, rom & traveller?

Dice Web Patrin del matrimonio nella comunità rom: "Il primo passo nel contemplare il matrimonio è la selezione della sposa. In molte parti del mondo, avviene esattamente come nelle società non-Rom. Il ragazzo compie il corteggiamento, e quando la giovane coppia è d'accordo con lo sposarsi si fidanzano e si scambiano piccoli regali. Vengono consultati i genitori, ma la scelta è presa dai giovani." Non si menzionano matrimoni forzati.

Il dottor Christopher Griffin, docente di sociologia e antropologia, ha lavorato al sito di Londra Westway dal 1984 al 1987. Ha scritto "La libera scelta nel matrimonio è causa di miseria per i genitori, se la scelta dei figli o figlie non è quanto si aspettavano, che la scelta riguardi un Traveller o no." In quel periodo ha assistito a 15 matrimoni traveller. "Non è dato sapere quanti di quei15 matrimoni a Westaway tra il 1984 e il 1987 fosse -combinato-. Ma almeno uno tra un diciottenne e una sedicenne a san Francesco d'Assisi venne sicuramente concordato tra le famiglie. Le famiglie dicono che così si erano messe d'accordo da quando i due ragazzi erano bambini [...]. E' utile per questa ragione distinguere tra matrimoni -concordati- gestiti da intermediari e quelli -arrangiati- dalle famiglie stesse. Non si deve pensare che l'accordo o la combine precluda la possibilità del rifiuto ma, secondo Barnes (1975), ad una ragazza viene chiesto di non rifiutarsi troppo spesso se non vuole essere adittata come -problematica-. Però, per molti genitori, i migliori matrimoni sono quelli stipulati o scelti, anche quando subentra la -fuitina-."

La fuga: "Conosciuta anche dagli antropologi come -matrimonio per rapimento-, la fuga è una via d'uscita alle obiezioni familiari, specialmente da parte di quella della ragazza. Al ritorno dei fuggitivi e alla seguente punizione del maschio (e scuse della femmina) da parte delle rispettive famiglie, segue il matrimonio. A Westway ho contato tre casi simili. In un caso la coppia si conosceva da quattro mesi, nel secondo di meno e nel terzo erano appena scappati in Irlanda. A parte il primo caso, il matrimonio seguì a breve." Nessuna menzione ai matrimoni forzati.

S.B Melch (1975) sui matrimoni combinati: "Lo scopo odierno dei matrimoni combinati tra i Travellers, non è tanto la salvaguardia degli interessi maschili, quanto assicurare alla ragazza un uomo che non la maltratterà. Tali uomini hanno più possibilità di essere individuati tra gli -amici- del parentado. Uomini che, con la loro famiglia, sono conosciuti e documentati per non essere -stranieri- e le loro famiglie non sono -ostili-." Brody (1973) trovò ragioni simili nell'uso dei mediatori tra la gente di campagna. - Niente sui matrimoni forzati.

Dobbiamo scoprire il perché di simili vili dichiarazioni nei confronti delle comunità traveller.

E' ben noto e documentato che gli zingari soffrano il razzismo molto più di qualsiasi altro gruppo di minoranza etnica.

Spiega Trevor Phillips, della Commissione per l'Uguaglianza Razziale: "La situazione di zingari e Traveller è incomparabilmente peggiore di ogni altro gruppo etnico... e lasciamo che ciò continui." (2004)

Travellers' Times, (2003), ha sottolineato che in assenza di fatti, la gente si affida interamente agli stereotipi. Questi si riflette anche nei commenti dei formatori di polizia.

I media ricercano ed usano le parole zingaro o Traveller in qualsiasi modo negativo possibile, e nonostante i tanti anni di lavoro delle organizzazioni rom, zingare e traveller per arrivare alla verità delle cose e a dissipare miti, la stampa continua per la sua strada. Soltanto settimana scorsa ci siamo lamentati con la stampa per il titolo "Killer uccide la grossa grassa moglie zingara" che adornava la prima pagina dello Scottish Sun e non riguardava zingari in nessun modo.

Le cose per la comunità traveller non sono mai cambiate, è il solito continuo fraintendimento.

Sínéad ní Shuínéar, ricercatore e traduttore, Dublino: "La zingara è la -strega- nella società europea di oggi.

I gagé non solo (coscientemente deliberatamente) usano lo zingaro come capro espiatorio, ma (inconsciamente) proiettano su di lui, distanziandosi così dalle cose che odiano di loro stessi. L'antiziganismo è una crociata- così è intesa da quanti lo praticano attivamente. Accettare lo zingaro significherebbe accettare tutte le cose che le persone oneste rifiutano.

I gagé hanno bisogno di uno schermo per proiettare la loro stessa negatività, dovessero rinunciare allo schermo, non avrebbero altra scelta che rinunciare al male. E' per questo che ovunque gli zingari vengono manipolati in conformità delle aspettative dei gagé. Piccoli gruppi o singoli Traveller possono essere facilmente accettati, dato che la loro -conversione- è la prova vivente della correttezza del nostro -modello-, e nel contempo sembra dimostrare che le nostre obiezioni verso gli altri membri del gruppo non siano di natura razzista. Ma agli zingari in quanto gruppo non può essere permesso l'accesso nella maggioranza sociale, nonostante le richieste universali dei gagé che loro lo facciano."

Per concludere, ci sembra che il signor Azfal abbia basato la sua conoscenza su cosa lui percepisca essere un enorme problema nella comunità traveller, senza guardare ai fatti alla storia completa dei Traveller. La maggior parte delle volte se in GB si parla di Traveller, si tratta di Rom o di Traveller irlandesi. Noi confutiamo le sue affermazioni su matrimoni forzati di massa. Notiamo che i finanziamenti per affrontare questo problema, sono stati resi disponibili dal Fondo Programma Domestico - Affrontare i matrimoni forzati nelle comunità traveller, che sviluppa opzioni per cambiare l'atteggiamento ed aiutare le vittime, o potenziali vittime. - Non riteniamo giusto usare i fondi del governo in nome dei Traveller, in quanto non ha svolto il suo compito e così facendo stigmatizzerà ed alienerà ingiustificatamente la comunità traveller. Vorremmo suggerire al signor Azfal che questi fondi vengano usati dove c'è bisogno.

 
Di Fabrizio (del 31/05/2012 @ 09:47:50, in Europa, visitato 1449 volte)

Da Czech_Roma, a proposito dei fatti di fine aprile

The Prague Post: AFP Photo. I residenti di Břeclav hanno manifestato il 22 aprile per protestare contro una presunta violenza su un quindicenne da parte di tre Rom. Ora la polizia dice che il ragazzo si è inventato la storia

Secondo la polizia, il quindicenne che diceva di essere stato brutalmente malmenato dai Rom a Břeclav, Sud Moravia, ad aprile, in realtà si era procurato da solo le ferite, dopo essere caduto da una ringhiera. Il ragazzo era caduto mostrando esercizi ginnici ad i suoi amici, all'ottavo piano di una casa, secondo quanto riportato dalla Czech News Agency (ČTK). In seguito aveva inventato una storia, per paura della reazione della madre. L'incidente aveva suscitato a Břeclav sentimenti anti-rom, e l'Associazione Nazionale dei Rom ha detto che sarebbe ora di prendere in considerazione le vie legali del caso.


Da Roma_Francais

Radio PRAHA - scarica l'mp3

Il ragazzo di 15 anni, che lo scorso aprile aveva sostenuto di essere stato aggredito da tre persone di origine rom. ha ammesso alla polizia di aver mentito e di essersi ferito da solo. La sua testimonianza iniziale aveva scatenato reazioni significative a Břeclav, piccola città della Moravia del Sud con 25.000 abitanti. Per manifestare il loro sostegno alla famiglia e alla vittima, amputata di un rene, ma anche per rivendicare maggior sicurezza, 2.000 abitanti del comune avevano manifestato nel centro di Břeclav contro la comunità rom.

Photo: CTK

Un mese più tardi, la verità è tutt'altra, come ha confermato mercoledì la polizia dopo aver sottoposto il ragazzo alla macchina della verità. All'origine, secondo la versione fornita alla madre e agli inquirenti, aveva detto di essere stato assalito da tre Rom, per non avere le sigarette che gli avevano chiesto. Il responsabile delle indagini, Luděk Blahák, ci da la reale versione dei fatti:

    "Il ragazzo stava esibendosi davanti a dei coetanei, tra cui due ragazze. Si trovava all'ottavo piano di un edificio. E' salito sulla ringhiera, si è sospeso per eseguire un'acrobazia, e poi è caduto. Si è ferito urtando la ringhiera situata ad un piano inferiore. Alla scena assistevano tre testimoni, della stessa età della vittima. La verità è che il ragazzo ha avuto paura di raccontare a sua madre quel che era successo, temendo la sua reazione."

La sua iniziale testimonianza aveva sollevato un'ondata di emozione e solidarietà, assieme però all'odio contro la comunità rom di Břeclav, stimata in circa 500 abitanti. Soprattutto, sulla base di questa sola falsa testimonianza, 2.000 persone avevano aderito, una domenica a fine aprile, ad un appello del Partito dei Lavoratori della Giustizia Sociale, di estrema destra, per manifestare la loro collera in centro città. Si erano uditi tra la folla slogan come "Il sindaco dorme mentre gli zingari uccidono" o "Stop al terrore zigano" (cf. http://www.radio.cz/fr/rubrique/faits/incident-de-breclav-2000-habitants-de-la-ville-suivent-les-extremistes-et-manifestent-contre-les-roms). Il sindaco di Břeclav, Oldřich Ryšavý, tenta di spiegare come può essere accaduto:

Oldřich Ryšavý e la madfre del ragazzo, photo: CTK

    "A Břeclav la situazione è delicata. Ci sono tensioni sociali, evidentemente. Siamo tra le regioni ceche più povere, al confine con la Slovacchia e l'Austria. Siamo ad un incrocio, il primo punto d'arrivo per la gente proveniente dalla Slovacchia e dai Balcani. Non posso negare che esista una piccola criminalità e che il sentimento d'incertezza esistenziale tra gli abitanti della regione sia relativamente forte."

In seguito, diverse voci si sono levate per criticare il comune, accusato di aver autorizzato la manifestazione. Ma Oldřich Ryšavý se la prende con i media per come hanno trattato la vicenda, e secondo lui si tratta di disinformazione, o meglio di "mala informazione".

    "Siamo stati messi davanti al fatto compiuto: l'evento si sarebbe tenuto lo stesso. Anche se l'avevamo vietata, il Partito dei Lavoratori sarebbe arrivato lo stesso. La nostra reazione dunque è stata di adottare tutte le misure di sicurezza possibili per evitare incidenti. La polizia ha fatto ogni sforzo possibile perché non succedesse nie3nte a prescindere dal colore della pelle. Mercoledì scorso ho discusso con i capi della comunità rom di Břeclav ed ho domandato loro di mantenere il sangue freddo. Hanno promesso di farlo. Noi facciamo tutto il possibile perché Břeclav sia una città calma e sicura."

Se comunque Břeclav non si è trasformata in una città assolutamente calma e tranquilla, la tensione che regnava ad aprile sembra essersi un po' placata. E l'ammissione fatta mercoledì dal ragazzo di aver mentito potrebbe portare alcuni degli abitanti a riflettere a fondo sulla loro partecipazione alla manifestazione anti-rom. Questa almeno la speranza del sindaco:

    "Di sicuro è come una catarsi. Alcuni probabilmente avranno un grosso mal di testa. Ma ciò che è auspicabile, è che la famiglia reagisca e si rivolga alla popolazione. E' quel che ho detto alla madre quando l'ho incontrata. La decisione dipende solo da lei, ma penso che così potrà rimettersi dallo shock morale che sta vivendo ed aiuterebbe anche la popolazione di Břeclav."

La madre ha presentato le sue scuse a tutta la comunità rom di Břeclav, photo: CTK

Giovedì scorso la madre ha presentato le sue scuse a tutta la comunità rom di Břeclav. Ha affermato di non capire perché suo figlio non le abbia detto la verità, precisando che se l'avesse educato con rigore, non avrebbe avuto comportamenti simili. Con una lettera di scuse, ha anche reso i 4.000 euro versateli dal cantautore Michal David per la rieducazione del figlio. Erano stati raccolti in un concerto di beneficenza a suo favore, organizzato a Břeclav sabato sera.

Dal canto suo, la polizia ha chiuso il caso: non c'è stata alcuna aggressione. Tuttavia, contro il ragazzo può essere intentata un'azione legale per falsa testimonianza, e lo stesso vale per i testimoni dell'incidente che sono rimasti muti. L'Associazione dei Rom della repubblica Ceca ha accettato le scuse dalla madre del ragazzo. Lamenta però la sottovalutazione dell'odio razziale.


Leggere anche: Commento di Pavel Pospěch: I Rom "sull'attacco a Brno"

 
Di Fabrizio (del 26/05/2012 @ 09:25:37, in Europa, visitato 1447 volte)

Termometro Politico I rom nell'Europa orientale, ovvero come ti demonizzo il diverso - Pubblicato il 22 maggio 2012 da EaST Journal - di Simona Mattone, da Bucarest

L'otto aprile è stata la giornata internazionale dei Rom e dei Sinti. In ogni paese le giornate internazionali hanno odori diversi. Profumano di vittoria, o di sconfitta. A volte di superfluo. Bucarest, capitale del paese con la più numerosa popolazione rom, ha proposto una giornata di documentari e di informazione. In un cinema, un po' d'altri tempi, senza molta pubblicità. Una ventina di ragazzi, due o tre teste bianche e lo schermo. Passano le ore, e le storie si intrecciano. Ragazzini che arano campi - si parla di garantire l'accesso scolastico a tutti-, e roulotte che cercano di raggiungere la Francia, ancora, dopo l'ennesima espulsione, perché "qui in Romania non si può più stare". C'è un villaggio di 700 persone, costruito al confine tra due distretti, che non riceve né acqua, né luce. Né documenti. Se non quelli temporanei, concessi occasionalmente da qualche partito in vista delle elezioni, e poi ritirati.

E' chiaro: la considerazione dei rom è pessima. L'informazione è pessima. Ci si dimentica spesso che sono uomini. Anche qui, dove la maggior parte non vive in baracche, ma lavora, svolgendo le professioni più umili. Nei più casuali dialoghi con la gente, uno straniero in Romania viene informato della differenza tra romeni e rom, almeno una volta al giorno. "Non siamo gypsies, non siamo tigani, non siamo zingari. Noi non rubiamo". L'immagine è senza dubbio quella proposta dai media. La capacità dei media romeni di influenzare l'opinione pubblica lavora su costruzione e diffusione di stereotipi negativi riguardanti i rom.

Una ricerca condotta quasi dodici anni fa dall'Accademia Catavencu è ancora rilevante, ci mostra come il gioco sia sempre lo stesso: si demonizzano la povertà, le tradizioni ed i costumi, ed il collegamento tra criminalità ed etnia rom è diretto. E poi c'è la mafia tiganeasca. Fa quasi sorridere sentire una donna rom parlare di un vicino poco simpatico apostrofandolo come "zingaro".

Ci sono 12 milioni di rom in Unione Europea. Non hanno un paese d'origine, e la maggior parte ha ormai messo le proprie radici nell'Europa balcanica. Ma chi sono davvero, e da cosa scappano?

Dal rapporto 2009 di EU-MIDIS, indagine condotta dall'Agenzia dei Diritti Fondamentali sulle minoranze europee, emerge che la popolazione Rom raggiunge i più alti livelli di discriminazione nei Paesi dell'Est Europa. Intolleranza accentuata dall'eredità socialista, ma ben più antica.



In Repubblica Ceca si è riportato il livello di discriminazione più alto, un 64%. I rom in Bulgaria e in Romania se la passano meglio, dicono le statistiche. Solo il 4% dei Rom in Grecia completa l'educazione primaria. Anche nei paesi dove l'analfabetismo non è fra i maggiori problemi, la proporzione di quelli che decidono di continuare gli studi è preoccupantemente bassa.

Anche se con un solo rappresentante di origini rom a Bruxelles, diversi progetti sono stati promossi dal Concilio d'Europa e dalle Commissioni Europee incaricate, per l'abbattimento di pregiudizi, attraverso il sostegno di politiche di integrazione ed inclusione. Tutto dovrebbe partire dall'istruzione. In questo particolare contesto sociale garantire l'accesso all'istruzione alle nuove generazioni non è scontato, né altrettanto sufficiente. Qualora i bambini rom abbiano la possibilità di frequentare le scuole, nella maggior parte dei casi vengono indirizzati in strutture solo per rom, con bassa qualità di insegnamento, o raggruppati in classi separate. Addirittura in scuole speciali, per disabili, provocando facilmente l'abbandono degli studi. Questo è un messaggio profondamente diseducativo anche per chi rom non è. La segregazione ha una doppia faccia: impedisce il contatto tra le diversità, in un contesto neutro.

Ed ecco un Est, emarginato dalla visione eurocentrica che lo definisce come produttore di lavavetri e campi nomadi - già la parola campo dovrebbe farci sobbalzare - che emargina. I rom nei loro villaggi, gli altri nelle loro città. Società parallele, all'Est come all'Ovest, al Nord come al Sud.

Da EastJournal

East Journal è un progetto di giornalismo partecipativo che nasce dal basso, fatto da giovani e senza fini di lucro. East Journal è una testata registrata presso il Tribunale di Torino, n° 4351/11, del 27 giugno 2011. I contenuti sono condivisi con Termometro Politico grazie alla partnership nata da marzo 2012 tra le due testate giornalistiche. Il nostro obiettivo è quello di raccontare la "nuova" Europa, quella dell'est, che rappresenta il cuore antico del vecchio continente. La cultura e la storia ci insegnano la comune appartenenza. L'europeismo critico è dunque una nostra vocazione. Tra i nostri temi più cari figurano poi la tutela delle minoranze, l'analisi dell'estremismo di destra, la geopolitica energetica, il monitoraggio del crimine organizzato transnazionale.
Visualizza tutti gli articoli di EaST Journal

 
Di Fabrizio (del 25/05/2012 @ 09:21:59, in Europa, visitato 1068 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Ostojic e la popolazione rom: il razzismo sotto la coperta della democratizzazione sociale - di Nataša Zecevic

Medjimurje sarebbe una zona sicura se non ci fossero gli atti criminosi commessi dai Rom. Questa è stata una dichiarazione razzista del ministro degli interni Ranko Ostojic, durante la sua visita a Mejdimurje.

Sì, dando fondo al suo razzismo, Ostojic ha detto che circa il 50% dei reati nella zona sono stati commessi dai Rom. Ma, se loro ne hanno commesso circa il 50%, chi ha commesso l'altro 50%? Forse scoiattoli, ratti, gatti, cani, piccioni o passeri?

- Rispetto i diritti umani di tutte le minoranze nazionali di Croazia, ma devo sottolineare che oltre il 50% delle violazioni di proprietà nell'area di Medjimurje sono commesse dalla minoranza nazionale rom. Se non ci fossero simili reati, il distretto di Medjimurje sarebbe uno dei più sicuri in Croazia - ha detto il ministro.

Se una simile dichiarazione fosse stata fatta dall'ex ministro Tomislav Karmarko, la maggior parte dei cittadini e gli altri iscritti all'SDP (i socialdemocratici, ora al governo, storici avversari del partito di destra HDZ, ndr.) avrebbero probabilmente immaginato convogli in fila in cui la gente di Karamarko blindava i Rom per deportarli oltre confine, dove non potessero più rubare o diffondere sporcizia. Perché, così agiscono i Rom a Medjimurje.

Ma se il 50% dei reati contro la proprietà sono commessi da Rom, credo che allora l'altro 50% viene commesso da Croati, i cosiddetti "non-Rom".  E, come sembra, ciò è assolutamente regolare per il ministro Ostojic. Nessun problema o motivo per agitarsi. Cioè, i Croati - i "non-Rom" hanno il diritto di rubare ai Croati - ai "non-Rom". Pero i Rom non hanno il diritto di rubare ai Croati - "non-Rom".

Secondo questa affermazione, Ostojic manderà più pattuglie di polizia negli insediamenti rom, per impedire il diffondersi del crimine rom. Ma, come afferma, non trasformerà in ghetti gli insediamenti rom.  Non sarebbe etico, penso. Nonostante la dichiarazione che Medjimurje sarebbe un posto sicuro per vivere, se non ci fossero i crimini commessi dai Rom.

Il reale significato della dichiarazione di Ostojic, che Medjimurje sarebbe un posto sicuro se non ci fossero i ladri zingari, e puro razzismo come non sentivamo da tempo. E viene da un ministro croato. Con questa dichiarazione Ostojic ha danneggiato il suo governo, discriminando inoltre una specifica minoranza ed allargando la differenza tra "noi" e "loro". Non solo discriminandoli, ma anche stigmatizzandoli. Cos'altro potrebbe essere un Rom, se non un ladro? [...]

Ma scegliendo quel tipo di discorso, sarebbe stato interessante notare: quanti di "loro", ad esempio, lavorano nel dipartimento di polizia? Quanti di "loro" hanno terminato la scuola dell'obbligo? Quanti di "loro" hanno commesso un omicidio nel centro di Zagabria alle 20.30 (penso sia QUESTO: pagina in croato, ndr.)? Quanti di "loro" sono iscritti all'SPD? Quanti di "loro" vivono dell'assistenza sociale e quanti di "noi" vivono dell'assistenza sociale?

Per finire, da quando il furto ha uno stigma nazionale? Visto che il furto più grande di questo stato fu commesso sotto la copertura di una stigma nazionale, e non rom.

 
Di Marylise Veillon (del 23/05/2012 @ 09:46:39, in Europa, visitato 1239 volte)

Da Roma_Francais

I rom di "L'Echat" si preparano a fare le valigie

Nell'aspettativa di un'espulsione, la quarantina di rom installati nei pressi di Créteil L'Echat, vicino all'A86, sperano in un ulteriore prolungamento di scadenza, sostenuti dall'avvocato Jérome Karsenti, che difende anche i rom di Sucy-en-Brie. La loro storia è da una parte singolare e dall'altra similare a quelle degli altri rom installati di qua e di là nel dipartimento.

Testimonianza:
2La mia famiglia è arrivata in più momenti. Mio padre è partito dal nostro villaggio che si trova a pochi chilometri da Timisoara, da ormai 20 anni. Io e i miei fratelli, l'abbiamo raggiunto dopo. Poi abbiamo avuto figli. Mio padre ha provato a ottenere documenti. E' andato al tribunale, ma la sua richiesta non ha ottenuto nessuna risposta positiva," racconta Christi, padre di due bambini.

Christi, a destra della foto, con suo padre, a sinistra

La scuola gratuita

La scuola gratuita francese è una delle loro motivazioni per restare qui. Delle 43 persone che hanno stabilito il proprio domicilio su questo terreno dismesso, i sei bambini (tra i 4 e i 9 anni) vanno a scuola. Cinque fratelli provengono dalla stessa famiglia. "In Romania, lo studio è a pagamento. Siamo qui per dare la possibilità ai nostri bambini di andare a scuola. Certo, i bambini percepiscono la differenza con i loro compagni che vivono in appartamenti, ma sanno anche di non avere la scelta. Mio fratellino che studia al liceo Victor Hugo è il primo della classe, anche se sono soltanto due anni che si trova in Francia. Vuole diventare avvocato. Non so se potrà farcela. Ma lo spero."

A Maria e Cassandra, che hanno 10 e 11 anni e che hanno lasciato il loro paese soltanto due anni fa, la Romania manca, benché dicono di amare anche la Francia. Mona, 38 anni, sembra persa. E' arrivata in Francia due settimane fa, conosce soltanto due-tre parole di francese, e non ha lavoro. Marish, 60 anni, è stufa. "E' la vita che mi ha invecchiata prematuramente. Ho lasciato la Romania dieci anni fa, a causa della crisi. Guardate dove viviamo... Trovate queste condizioni decenti? Ho passato la mia vita a elemosinare, e sono passata per una decina di campi... mi sento stanca di questa vita errabonda!"

E' più di un anno che la famiglia si è sistemata qui. Prima, stavano vicino all'incrocio di Créteil, nella zona industriale. A ottobre hanno ricevuto un avviso di espulsione, ma è stato aggiornato. Non hanno ricevuto nessun avviso fino a questo martedì 15 maggio. "In tribunale, c'è un uomo che dice di averci visti saltare il muro per andare nel deposito che si trova accanto. Mi ha fatto ridere. Non siamo mica dei Ninja! Si, c'è gente che chiede l'elemosina, ma facciamo quel che possiamo. Visto che siamo senza documenti, bisogna lavorare al nero. La maggior parte degli uomini lavorano con i rottami. Alcuni sono musicisti di strada. A volte le donne fanno le pulizie a casa della gente, a volte chiedono l'elemosina. Due settimane fa, quattro di loro sono ritornate in Romania, mendicavano spesso con i loro bambini. Questo non ci piace, ma è così," aggiunge Christi.

 

Da Roma_Daily_News

Petition with GoPetition - Su Facebook

Toma Nikolaev è un rispettato attivista dei diritti rom, ed ex candidato al Parlamento. Perseguitato in Bulgaria a causa delle sue critiche all'apartheid che esclude la maggior parte dei 700.000 Rom di Bulgaria, è stato direttore del giornale bilingue DeFacto sino alla chiusura.

Temendo per la propria vita, dopo che una bomba era stata posta vicino a casa sua, Nikolaev chiese asilo in Gran Bretagna. Ne seguì un lungo processo, mai terminato, durante qwuel periodo Nikolaev continuò ad aiutare i Rom. Si unì alla campagna per salvare la comunità di Dale Farm, interrotta dall'assalto della polizia antisommossa il 19 ottobre 2011.

L'8 aprile 2012, giorno della nazione rom, Toma Nikolaev ha partecipato ad un  sit-in di fronte all'ambasciata bulgara a Londra. Poco dopo venne arrestato su mandato europeo e passò tre giorni in custodia prima di essere rilasciato su cauzione. E' stato convocato al tribunale dei magistrati di Westminster alle 9.30 del 22 maggio.

E' la prima volta che un importante attivista politico rom viene portato davanti a questo tribunale, di solito riservato alle estradizioni e ai casi di terrorismo.

Nikolaev potrebbe essere estradato in Bulgaria, dove lo attende una condanna al carcere, imposta per le sue critiche al governo.

I Rom in Bulgaria costituiscono l'8% della popolazione, vivono soprattutto in quartieri isolati e soffrono il 70% di disoccupazione. In questa condizione di esclusione sociale, gli attivisti rom sono oggetto di persecuzione giudiziaria e poliziesca, e anche di violenza da parte dei movimenti nazionalisti e razzisti, in particolare del partito Ataka. Questo il motivo per cui non è sicuro per Nikolaev, sua moglie ed i suoi figli di tornare in Bulgaria. Ci appelliamo quindi al tribunale dei magistrati di Westminster per impedire il procedimento di espulsione richiesto dallo stato bulgaro, e permettere a Toma Nikolaev di rimanere in Gran Bretagna, dove gli sia concesso di richiedere asilo politico.

Il nostro appello è rivolto alla regina Elisabetta II, al Governo e al Parlamento del Regno Unito. Chiediamo loro di intervenire nel caso di Toma  Nikolaev, offrendo così all'Unione Europea e al mondo un esempio di civiltà e rispetto per i diritti umani. Facciamo anche pressione all'Alto Commissario per i Rifugiati delle Nazioni Unite, Antonio Guterres; all'Alto Commissario ONU per i Diritti Umani, Navi Pillay; il Commissario Europeo per i Diritti Umani, Nils Muiznieks; il Presidente del Parlamento Europeo, Martin Schulz, e a tutta la società civile perché non rimangano indifferenti ad un caso paradigmatico delle attuali condizioni dei Rom e di quanti difendono i loro diritti.

Speriamo in un verdetto giusto ed umanitario nel caso di Toma Nikolaev, ed estendiamo a quanti risponderanno a questo appello i nostri migliori ringraziamenti.

Chiediamo che Toma Nikolaev ottenga il diritto di rimanere in Gran Bretagna e non venga estradato in Bulgaria, dove la sua vita e la sua libertà son in pericolo.

We appeal to:
- the Westminster Magistrates' Court
- Queen Elizabeth II
- the Government and Parliament of the United Kingdom
- the United Nations High Commissioner for Refugees, Antonio Guterres
- the UN High Commissioner for Human Rights, Ms. Navi Pillay
- the European Commissioner for Human Rights, Nils Muiznieks
- the President of the European Parliament, Martin Schulz

alle bleiben!
______________
admin@alle-bleiben.info
www.alle-bleiben.info
______________
Roma Center Göttingen e.V.
Postfach 30 05
37020 Göttingen
______________
www.roma-center.de
mail@roma-center.de
______________
Zuwendungen können auf das folgende
Konto überwiesen werden:
Roma Center
Sparkasse Göttingen
K-Nr. 170 399
BLZ 260 500 01
Verwendungszweck: alle bleiben

 
Di Fabrizio (del 07/05/2012 @ 09:28:12, in Europa, visitato 1048 volte)

Da Baltic_Roma

The Jewish Chronicle Gruppo giovanile neonazista finanziato dal Consiglio d'Europa - By Marcus Dysch

02/05/2012 - Un gruppo neonazista lituano è stato adottato in un consiglio che riceve fondi dall'Unione Europea.

L'Unione della Gioventù Nazionalista Lituana (ULNY) è stata eletta all'unanimità nel Consiglio delle Organizzazioni Giovanili Lituane (LCYO), durante la conferenza nazionale dello scorso fine settimana.

L'ULNY è una dei principali organizzatori della marcia neonazista che si tiene annualmente a Vilnius durante il Giorno dell'Indipendenza. Sono state lanciate petizioni internazionali perché l'evento di quest'anno, che ha avuto luogo l'11 marzo, fosse cancellata.

Il gruppo ombrello LCYO è la più grande OnG giovanile in Lituania, ed è sostenuta finanziariamente tanto dal governo che dalla UE. E' composta da 64 gruppi ed oltre 200.000 aderenti.

Tutto ciò significa che la fascista ULNY è su un piano di parità con gruppi studenteschi ed organizzazioni sociali.

La presidente della LCYO, Loreta Senkutė, ha detto ai media che l'ULNY ha spiegato il suo lavoro prima che il voto avesse luogo, ricevendo "grande supporto".

La votazione per l'adesione dell'ULNY ha visto 19 voti a favore, nessuno contrario e sette astensioni.

 
Di Fabrizio (del 07/05/2012 @ 09:14:18, in Europa, visitato 876 volte)

 Django Reinhardt et Stéphane Grappelli (quando ci vuole...)

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


07/04/2020 @ 18:49:17
script eseguito in 78 ms

 

Immagine
 popoli e idee in movimento... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3260 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
01/04/2020 @ 08:37:22
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source