Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Gli Zingari fanno ancora paura?

La redazione
-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 26/01/2010 @ 09:11:26, in Italia, visitato 1302 volte)

TerraNews.it a cura di Giuliano Rosciarelli
INTERVISTA. E’il vanto di una famiglia rom sfuggita dalla Bosnia. E dai campi nomadi di Roma e Milano. Romina ora ha un sogno: «Aiutare chi è più sfortunato».

Attrice, volontaria per Save the children, Romina ha 17 anni, è nata in Italia e i suoi genitori sono romnì xoraxanè, rom di origine bosniaca. Insieme ai suoi otto fratelli è una delle cosiddette migranti di seconda generazione: figli di immigrati, nati e cresciuti nel nostro Paese ma visti “dagli altri” pur sempre stranieri. Frequenta il quarto anno di un istituto professionale per assistenti sociali, il suo sogno è aiutare chi è stato meno fortunato di lei.

Ti sei mai sentita straniera a casa tua?
A volte. Negli occhi di chi mi fissa mentre passeggio con le mie amiche, nel rigore di una burocrazia che non mi riconosce italiana, nei media che alimentano stupidi stereotipi. Io sono comunque fortunata. I miei genitori non si sono mai rassegnati a vivere nei campi e questo mi permesso di integrarmi con più facilità. Mi sento a tutti gli effetti italiana perché sono nata e cresciuta qui, vesto e parlo come le mie coetanee ma sono anche rom perché lì affondano le mie radici, la mia cultura. Per chi è nato qui, come me, parlare di integrazione non ha senso.

Perché la tua famiglia è venuta in Italia?
I miei nonni erano bosniaci e sono arrivati a Milano tanti anni fa per scappare dalla guerra. Non c’era lavoro. I rom poi erano perseguitati da tutti. Bisognava scappare per sopravvivere. Mia madre aveva dieci anni quando sono arrivati. Venti li ha vissuti nei campi, prima a Milano poi a Roma (vicolo Savini). Ma non le è mai piaciuto stare lì. Voleva lavorare, farsi una vita e migliorare la propria condizione. Prima ha fatto l’insegnante di danza del ventre, poi è diventata imprenditrice, insieme a mio padre.

A scuola hai mai avuto problemi?
Non direi. Da piccola soffrivo per alcune cose che non capivo. A Natale, ad esempio, tutti i miei compagni parlavano dei regali ricevuti, noi però siamo musulmani e quindi pensavo che a casa mia Babbo Natale non arrivasse. Ora tante cose mi sono più chiare. Ma non tutti i rom la vivono in questo modo.

Cosa pensi dell’Italia?
E’ un Paese dove si vive tutto sommato bene. Ma c’è anche tanta ignoranza e superficialità. Ad esempio quando vado in giro con i miei compagni di classe italiani nessuno si accorge di me. Se invece esco con le mie amiche rom tutti mi guardano. Questa rimane comunque casa mia.

C’è qualcosa che rimproveri alla tua comunità?
La rassegnazione. Se vogliono qualcosa di meglio per la propria vita devono lottare, non rassegnarsi e stare seduti ad aspettare, anche se l’emarginazione e l’intolleranza molto spesso rappresentano degli ostacoli insormontabili.

Quando e come hai cominciato a fare cinema?
Al primo ruolo avevo otto anni. Mio zio lavorava a Cinecittà e conosceva un regista al quale procurava i personaggi. Dopo alcuni cortometraggi tra cui uno con Sergio Rubini è arrivato il film con Valeria Golino Prendimi e portami via, e la serie Ispettore Coliandro. Ora però mi sono dovuta fermare perché mia madre vuole che studi e non posso perdere l’anno. Se ne riparla dopo il diploma. Il mio sogno però è aiutare chi è stato meno fortunato di me.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 26/01/2010 @ 08:57:43, in Italia, visitato 1297 volte)

Ricevo e porto a conoscenza:

All'attenzione di
Gianni Gianassi, Sindaco Comune di Sesto Fiorentino
Matteo Renzi, Sindaco di Firenze
Andrea De Martino, Prefetto di Firenze
Andrea Barducci, Presidente Provincia di Firenze
Gianni Salvadori, Assessore Politiche Sociali Regione Toscana

Gentili Signori,

l’Associazione MEDU conduce dal 2006 con il coinvolgimento partecipato della comunità Rom dell’insediamento di via Lucchese un lavoro di prevenzione, promozione alla salute ed orientamento al servizio sanitario pubblico nell’ambito del progetto “Camper per i diritti”, che coinvolge volontari con varie professionalità (medici, infermieri, ostetriche, psicologi, antropologi e giuristi). Tra gli obiettivi del progetto è prevista la collaborazione con le istituzioni nell’avvicinamento dei Rom al servizio sanitario pubblico, nella condivisione di dati sanitari e nella sorveglianza e segnalazione di gravi situazioni igienico-sanitarie.

La critica condizione dell’insediamento Osmatex e più in generale degli insediamenti dell’area era stata denunciata da tempo attraverso colloqui diretti con l’amministrazione comunale di Sesto Fiorentino, la consegna di report dell’attività e la diffusione di comunicati stampa. La mattina di venerdì 16 gennaio 2010 è stato effettuato senza alcun preavviso uno sgombero forzato di tale insediamento ad opera delle forze di Polizia. Le persone che lì vi abitavano sono state obbligate ad abbandonare la struttura e, senza la previsione di una soluzione di accoglienza né nell’immediato né a lungo termine, sono state costrette ad abbandonare i propri effetti personali e a trascorre alcune notti in strada.

A seguito dello sgombero, MEDU ha chiesto immediatamente un incontro ufficiale con il Sindaco di Sesto Fiorentino, senza avere risposta. Le persone sfollate hanno trovato nel frattempo riparo temporaneo grazie all’aiuto di alcune associazioni di volontariato e di istituzioni religiose.

In considerazione delle diverse versioni dei fatti espresse in questi giorni e della necessita’di assicurare comunque la massima tutela ai soggetti più fragili attraverso la continuità assistenziale, ci sembra opportuno mettere a disposizione delle istituzioni i dati e le rilevazioni in nostro possesso, affinché procedano ad attivare un tavolo di coordinamento per pianificare una soluzione definitiva dell’emergenza umanitaria che si è venuta a creare in questi giorni e, più a lungo termine, una programmazione per l’accoglienza e l’inserimento della comunità nel tessuto sociale comunale. MEDU, nel frattempo, continuerà ad operare negli altri campi rom abusivi e nei contesti di maggiore marginalità presenti nell’area fiorentina, con la sua azione di assistenza, testimonianza e denuncia.

Medu ha effettuato 110 visite a 86 pazienti (42 femmine e 44 maschi) nel corso del 2009 presso l'area Osmatex, dove vivevano circa 100 persone, tutti rom di cittadinanza rumena. L'età media dei pazienti è 32 anni. La distribuzione per età dei pazienti visitati è cosi rappresentata: 4 minori di 18 anni, di cui 2 minori di 5 anni; 3 pazienti > 60 anni; 28 pazienti con un'età compresa tra 18 e 29 anni e 46 pazienti con un età compresa tra 30 e 59 anni. Per 5 pazienti non è stato possibile determinare l'età. Sono state visitate 5 donne in stato di gravidanza. Le patologie più frequenti sono state quelle a carico dell'apparato digerente (23%) e di quello genito-urinario (20%). Seguono le affezioni dell'apparato respiratorio (18%) di quello cardiovascolare (13%) e osteomuscolare (13%). Le patologie a carico della cute e dei tessuti molli rappresentano l'8%, i tumori il 3% e le malattie infettive il 2%. Tutti i dati sanitari sono stati regolarmente censiti attraverso schede cliniche effettuate al momento delle visite con i pazienti e con un monitoraggio costante nel tempo. Le schede sono parte del materiale che il MEDU ha accumulato nel corso del tempo al fine di documentare la grave situazione umanitaria dell'ex-Osmatex con l'intenzione di informare la collettività e di denunciarne il rischio sanitario e sociale.

La sera dello sgombero (venerdì 16 gennaio 2010) Medu ha fatto un censimento a fini sanitari delle persone sfollate dall'area Osmatex. Erano presenti 16 nuclei familiari per un totale di 79 persone ( 43 femmine e 36 maschi). I minori erano 8 di cui 2 neonati (uno di 20 giorni e uno di 10). Una bambina di tre anni era seguita dall’Ospedale Meyer per frattura cranica parieto-temporale da caduta accidentale. Era presente una donna in gravidanza. C'erano molte persone anziane (circa 15). Tre persone anziane erano appena state dimesse dall'ospedale con terapia di mantenimento da proseguire fino al prossimo controllo: un paziente per ictus, un altro per broncopolmonite cronica riacutizzata e un altro per una patologia osteoarticolare agli arti inferiori. Una donna adulta era seguita da tempo dai nostri medici per ipertensione. Era presente una persona con handicap.

Restiamo a disposizione per ulteriori chiarimenti.

Grazie per l’attenzione e buon lavoro.

Distinti saluti,

Medici per i Diritti Umani

Medici per i Diritti Umani (MEDU), organizzazione umanitaria e di solidarietà internazionale, fa parte dell'International Federation of Health and Human Rights Organisations (IFHHRO).
Medici per i Diritti Umani onlus
www.mediciperidirittiumani.org  - info@mediciperidirittiumani.org
tel. e fax 0697844892 – cell. 3343929765, 3351853361

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/01/2010 @ 09:54:19, in media, visitato 1453 volte)

Scrive Ermelinda Coccia

Riguardo l'inizio dello Sgombero al Casilino 900, campo Rom nel quale cinque diverse comunità vivono da circa 40 anni, Alemanno dichiara «Questo campo esiste da 40 anni durante i quali non è stato fatto niente. Lo sgombero terminerà all'inizio di febbraio, quando porteremo le famiglie in campi attrezzati dove inizieranno un percorso di legalità e inserimento lavorativo. Per il Casilino 900 siamo ad un passaggio epocale». «Occorre cancellare le vergogne come i campi senza acqua, luce, pieni di rifiuti come era questo un anno e mezzo fa - ha proseguito il sindaco - Fornire loro un documento, il Dast, che riconosce identità e diritti. Lavorare con queste famiglie per trovare spazi di lavoro. Entro quest'anno non devono esistere più campi abusivi e tollerati. Tutti poi dovranno essere integrati e avere una casa».

Dall'altra parte Eugenio Viceconte, che da tempo affronta e sostiene l'argomento "Rom" attraverso un blog internet (http://noblogo.livejournal.com/), afferma che "Sarebbe giusto che chi c'ha vissuto in questi anni trovasse una condizione di vita diversa dall'eterna condanna al "campo nomadi", una casa vera e non un container. Fuori da un recinto presidiato da telecamere ... fuori dal pregiudizio. Ma questo non è permesso. Non qui a Roma."

Dal canto nostro, autori del documentario ME SEM ROM, che ci siamo occupati, dall'Aprile 2009, di raccogliere quante più informazioni possibili riguardo le procedure effettuate ad esempio durante gli svariati censimenti e/o durante il primo sgombero del Campo Rom di Via di Centocelle (i Rom del Campo hanno vagato di certo una notte intera per trovare un riparo), ci impegneremo a documentare quanto accadrà, cercando di fare emergere la verità obiettivamente. Le speranze sono ovviamente che i Rom del Casilino 900, possano godere realmente delle promesse fatte dall'Amministrazione, evitando così di sopportare ulteriori delusioni da parte del potere politico.

Per chi fosse interessato all'argomento, il 6 Febbraio 2010, alle ore 21.00, nella Sala Blu di Palazzo Gazzoli di Terni, in via del Teatro Romano, si potrà assistere, in anteprima, alla proiezione di un estratto di 20 minuti del documentario ME SEM ROM. Una proiezione che mette in luce, nel momento più caldo, anche la voce del popolo Rom.


Verità nascoste

"Il mio vicino è uscito a fare la spesa e quando è tornato non ha trovato più la sua baracca!" Mi dice una Rom del Casilino 900 "Ha trascorso la notte dentro quella tenda, senza una coperta, senza più niente!"
Seguo il suo indice. Ad un passo da ma c'è una tenda verde sul viale fangoso che nasconde un uomo anziano. Cerca di riposare infreddolito dalle basse temperature di Gennaio.
Sono le 8.30 del mattino. Sul piazzale principale del campo c'è un viavai di Polizia, Guardie Municipali e volontari della Croce Rossa Italiana. Qui tutto sembra rispecchiare ciò che in questi giorni abbiamo visto in tv o letto sui giornali. Uno sgombero pacifico e consenziente.
Al contrario, se ci si addentra nel campo la situazione degenera.
I bambini saltano da una maceria all'altra. Gli uomini fanno a pezzi ciò che resta delle baracche. Le donne raccolgono i loro vestiti in dei sacchi. "Non sono pronta!" Mi racconta una signora che dal 2000 vive al Casilino 900 "Mi hanno avvertita due giorni fa, ho quattro figli, come faccio da sola a sistemare tutto nelle valige in così poco tempo?".
La Croce Rossa in questo caso, potrebbe dare una mano a coloro che devono spostarsi, ma sono fermi al piazzale principale in attesa che i pullman si riempiano di gente. Uno di loro mi dice: "Mi chiedo cosa siamo venuti a fare!"
La signora che raccoglie i suoi averi mi fa entrare in casa "Guarda, ho dei mobili, questi non li posso portare in un container di pochi metri, devo lasciarli qui e farli distruggere dalle ruspe" "In un container in sei come ci stiamo? Ci hanno promesso una sistemazione migliore!"

Proseguendo incontro uno dei portavoce del Campo, è consenziente allo spostamento, ma infelice delle procedure poco chiare con le quali le autorità si stanno muovendo. "Ci vado felice in un campo attrezzato. Pago volentieri l'affitto del container che mi assegneranno. Il problema è che devono permettermi di lavorare. Io farei qualsiasi tipo di lavoro per pagare l'affitto a fine mese. Come ogni comune mortale. Ma a me, ad un Rom, il lavoro non lo dà nessuno. E' il Comune che deve impegnarsi a trovarcelo a questo punto, altrimenti come mantengo il container che mi assegnano?"
Il rappresentante mi dice inoltre che nei campi attrezzati è possibile vedere ogni giorno pullman comunali carichi di donne, che poi però vengono scaricate in centro. "Che cosa vuoi che facciano? Chiedono l'elemosina, è la sola cosa che è permessa loro. Che fai le porti a lavorare? Dove? In mezzo alla strada?" "Mia moglie non ha mai chiesto un centesimo ad un passante, ora che facciamo, ce ne andiamo in un campo attrezzato e dignitoso per poi andare ad elemosinare per strada?"

Se davvero si sta parlando dell'eliminazione dei campi abusivi, per inserire i Rom in un contesto più umano, perché sta accadendo tutto questo?
La parola "integrazione" acclamata dall'Amministrazione rispetto agli sgomberi che si stanno attuando, che significato ha?

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/01/2010 @ 09:47:44, in Italia, visitato 2487 volte)

viaEmilianet.it Integrazione culturale, scolarizzazione e anche nuove case per gli 800 residenti di etnia sinta. Posiitivo il bilancio della prima microarea di via Felesino.

Sono 810 i cittadini di etnia Sinta attualmente residenti a Reggio. Circa 300 vivono nei tre campi nomadi comunali: al Foscato, a Roncocesi e in via Gramsci a Pratofontana. La parte restante abita in aree private nelle zone di San Rigo, Codemondo, Pratofontana, Gavassa e Massenzatico. Cittadini reggiani a tutti gli effetti, a differenza dei Rom che sono invece rumeni, i Sinti comunque conservano uno stile di vita che fatica ad integrarsi e tende a formare ghetti, ovvero campi di sosta sovraffollati e in condizioni precarie.

Lo scorso anno una famiglia allargata, composta da una decina di persone, ha iniziato un percorso con il Comune, stabilizzandosi nella prima microarea in via Felesino. "Il primo bilancio è positivo - spiega Matteo Sassi assessore comunale alle politiche sociali - per il rispetto regole, del patto di cittadinanza e il livello di scolarizzazione ". Altre due famiglie hanno invece scelto una strada diversa, un passo ulteriore verso la stabilità. "Grazie anche al nostro lavoro - spiega Alfa Strozzi responsabile del progetto nomadi del Comune - due nuclei famigliari hanno deciso di vivere in casa, avevano i requisiti e sono assegnatari delle case popolari".

Di questo percorso di mediazione culturale e di nuove modalità abitative si parlerà in un incontro, il 26 gennaio allo Spazio Gerra. L'obiettivo del Comune, come richiesto dall'Unione Europea, è quello di superare gradualmente i campi nomadi. Ma le problematiche da affrontare sono ancora molte, a partire dalla scolarizzazione dei bambini. Sono circa 200 quelli che frequentano le scuole dell'obbligo.

Il 26 gennaio alle 13, nella Biblioteca delle Arti in piazza della Vittoria, sarà inaugurata anche una mostra sullo sterminio dei Sinti e dei Rom durante il periodo nazi-fascista. Resterà aperta fino al 7 febbraio, il sabato e la domenica dalle 15 alle 19.

di GIULIA GUALTIERI

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/01/2010 @ 09:43:41, in Italia, visitato 1151 volte)

Segnalazione di Isabella Bi

l' ASSOCIAZIONE DON NESI/COREA in collaborazione con la CIRCOSCRIZIONE 1 DEL COMUNE DI LIVORNO

organizza:
GIOVEDI' 28 GENNAIO ORE 21,15
In occasione del PORRAJMOS – la giornata della memoria dello sterminio dei popoli rom e sinti nei lager nazisti

ROM IERI E OGGI: PREGIUDIZIO, EMARGINAZIONE E RIFIUTO

In una società dove si consolida una antropologia del disprezzo e della disumanità verso l'altro, dove si rafforza la saldatura fra razzismo popolare e razzismo istituzionale, i rom rappresentano ancora l'ultimo gradino di questa "piramide" dell'emarginazione e del rifiuto.
Proviamo a comprendere come i nostri territori promuovono concrete pratiche di accoglienza ed interazione e come sviluppare forme di dialogo, comprensione e relazione.

Con la partecipazione e le testimonianze della Fondazione Michelucci di Firenze, dell'Associazione Africa Insieme di Pisa, di alcuni rappresentanti della comunità rom di Coltano e di alcuni operatori del sociale e del mondo dell'associazionismo.

Durante la serata sarà presentato anche il libro "Lungo la ferrovia" di Gianluca Giunchiglia (edizioni Erasmo)

INGRESSO LIBERO

ASSOCIAZIONE DON NESI/COREA
LARGO NESI 9 (ex via La Pira) Villaggio Scolastico di Corea
tel.fax: 0686 424637 email: associazione@associazionenesi.org - www.associazionenesi.org

L'evento su Facebook

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/01/2010 @ 09:45:35, in musica e parole, visitato 1743 volte)

GRANDE FESTA BALCANICA
domenica 31 gennaio Circolo Enosud - via Ollearo 5 MILANO

alle 17 "Poziv na festu" spettacolo musicale per bambini

alle 19 aperitivo balcanico a cura della Kafana Sevdah Marinkovic

alle 20.30 Muzikanti di Balval & Famiglia Mirkovic in concerto a seguire Jam Session

ingresso con sottoscrizione popolare NON POTETE MANCARE!

bambini, amici, conosciuti e sconosciuti, migranti, occupanti, fuggitivi,..ecc...vi aspettiamo!!

E' GRADITA LA PRENOTAZIONE PER L'APERITIVO ALL'INDIRIZZO festabalcanica@yahoo.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/01/2010 @ 09:33:36, in Italia, visitato 2147 volte)

Ricevo da Ernesto Rossi

Le tracce della piccola Denise Pipitone, la bambina siciliana scomparsa il 1° settembre 2004 vicino a casa, sono state seguite in tutt’Italia, controllando una serie di segnalazioni di persone che affermavano di averla vista.

Luoghi privilegiati di queste indagini furono campi e insediamenti rom e sinti. Ne seguirono insulti e aggressioni diffuse nei confronti di donne rom, e qualche arresto, annullato dal riconoscimento dell’inconsistenza delle accuse.

Perché, ’come tutti sanno’, o credono di sapere, gli ‘zingari’ rubano i nostri bambini, non contenti, evidentemente, di tutti quelli che hanno già. Anche se un’accurata ricerca universitaria sugli ultimi quarant’anni di analoghe notizie ha dato risultato zero: non c’è un solo caso accertato.

Una di quelle tracce portava anche a Milano. Una guardia giurata che stazionava all’esterno d’una banca affermò di aver visto la piccola, riconosciuta e filmata col cellulare per alcuni secondi, tutta imbacuccata per il freddo (era proprio il gennaio di cinque anni fa), in compagnia di alcuni ‘zingari’.

Al nostro presidente Mauro, dell’Associazione Aven Amentza, fu chiesto dall’allora capo della Squadra mobile della Questura di Milano di adoperarsi per verificare, foto in mano, nei vari insediamenti di rom romeni, se fosse possibile reperire tracce del passaggio, se non della presenza della bambina.

Mauro, rom autorevole e conosciuto in tutte le comunità, a Milano e nell’hinterland, lo fece con costanza e passione per oltre un mese (gratuitamente, è bene dirlo), tanto che riuscì a ritrovare la… piccola: stava in un campo milanese con i suoi genitori, assai spaventati da tutto il putiferio, e stava bene. Per quanto si possa star bene in un campo.

Solo che era un maschietto.

Sei sicuro? chiese Mauro al suo interlocutore.

Assolutamente, l’ho visto fare pipì.

Poco dopo fui contattato da un regista televisivo per un’intervista a Triboniano. Questi accettò le condizioni dei capi rom: riprese solo dalla testa in giù, come gli spiegammo, perché già troppi rom hanno perso il lavoro perché identificati come tali dai loro ‘padroni’ in una ripresa o in una foto sui giornali. Così l’intervista si svolse coi tre capi di Triboniano nella ‘baracca’ di uno di loro, presente anch’io.

Ecco che alcuni giorni or sono leggiamo sui giornali la notizia che il gup di Marsala, Lucia Fontana, ha rinviato a giudizio, per il sequestro di Denise, la sorellastra Jessica Pulizzi e, per false dichiarazioni, il suo ex fidanzato Gaspare Ghaleb.

La bambina non ha dunque girato l’Italia e tanto meno in compagnia di famigerati ‘zingari’: un’altra bufala scoppia come una bolla di sapone, per ritornare nel mondo delle frottole e delle calunnie razziste, tanto amate da certi personaggi della nostra politica attuale e, purtroppo, piattamente seguite da certa stampa.

Milano, 20 gennaio 2010 Ernesto Rossi, presidente di Aven Amentza.

sede legale: Via Triboniano 212 – 20156 Milano (Italia). Tel. +39.(02).48409114
Costituita il 18 luglio 2004, registrata a Milano il 22 novembre 2004 , n° 104485 serie 3. Codice fiscale 97389270154

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/01/2010 @ 09:15:54, in musica e parole, visitato 1980 volte)

Venerdì 29 gennaio alle ore 21.15 la SVOBODA ORCHESTRA sarà in concerto per la Giornata della Memoria con lo spettacolo:
Canzoni e musiche della memoria, all’Oratorio di San Filippo Neri in via Maria Vittoria 5 – Torino – ingresso libero.

Per l’Orchestra sarà anche l’occasione per presentare il suo ultimo cd “Graditi Ospiti” appena pubblicato e interamente dedicato alle musiche degli ebrei e dei rom.
Il concerto sarà arricchito dall’accompagnamento di letture ispirate alla Shoah ebraica e al Porrajmos dei rom.

Il cd Graditi Ospiti nasce da una passione di lunga data per la musica yiddish e per quella rom, e vuole essere un omaggio a due popoli che, con la loro cultura e le loro tradizioni, hanno composto musiche e canzoni che a tutt’oggi sono apprezzate per la bellezza delle melodie, per le armonie suggestive, per la ritmica coinvolgente e per il cuore con cui vengono interpretate.
Da sempre ebrei, rom e sinti sono, loro malgrado, popoli erranti e le loro musiche sono frutto di scambi tra le loro culture e quelle dei paesi in cui si sono trovati a vivere. Il titolo – volutamente ironico – è in realtà un sentito ringraziamento rivolto a chi ci ha regalato canzoni così belle.

L'evento su Facebook

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/01/2010 @ 09:27:02, in Italia, visitato 1462 volte)

Noblogo Jan. 20th, 2010 at 12:47 PM

Il Casilino 900 è giusto che sia chiuso.
Sarebbe giusto che chi c'ha vissuto in questi anni trovasse una condizione di vita diversa dall'eterna condanna al "campo nomadi", una casa vera e non un container. Fuori da un recinto presidiato da telecamere ... fuori dal pregiudizio. Ma questo non è permesso. Non qui a Roma.

Riporto un bel pezzo da ReteRom, il sito degli amici di Stalker, accompagnandolo da mie fotografie.
Un omaggio alla memoria che viene negata allo sfortunato popolo Rom.
Ho avuto il privilegio di parlare circa un anno fa con chi abitava questa bellissima casa.
Persone di una profondissima umanità, in particolare la padrona di casa che mi parlava delle speranze in un futuro migliore con la saggezza di chi atavicamente è abituato a seguire con rassegnata sopportazione l'eterno ciclo degli eventi.

MERCOLEDÌ 20 GENNAIO 2010
Tabula rasa
Oggi è il 19 gennaio del 2010
È cominciato lo sgombero del Casilino 900
È anche l’anniversario dell’occupazione della facoltà, la Pantera
20 anni di stalker e non riesco a dormire
Poche ore fa la demolizione della casa di Hakya
La casa in cui è nata Savorengo Ker
Ho visto saltare in aria di seguito
Le lamiere del tetto, i montanti in legno, un divano rosso, le scale
La ruota simbolo dei Rom al centro della facciata
Il cavallino accanto, ricordo dell’antico mestiere della famiglia
I gocciolatoi intagliati alla maniera di Hakya
Una stufa di ferro incastrata nei denti della ruspa
Un quadro ad olio con signora, un manifesto di Eminem
Un manifesto di Benito Mussolini, si davvero
Hakya ridendo ha detto ad Azzurra “era un parente.
La foto di un antenato!”
Ho immaginato il punto di vista di chi demolisce
Un video ripreso dalla cabina del macchinista
Di chi sono le mani su quelle leve?
Di chi guarda il video.
Telespettatori educati a non sapere
ora deformano la realtà guidando il video
Sicuri dietro il vetro del parabrezza
il macchinista esegue, demolisce la casa
magari una casa non ce l’ha nemmeno lui.
Una signora dice “io non ci voglio andare nei campi”
Un poliziotto “il campo di Salone
è un albergo a cinque stelle rispetto a questo”
indica la casa di Hakja in macerie,
io penso di no, sono sicuro di no, perché lo so, io so
una poliziotta aggiunge “ma a Salone ora c’è anche la ludoteca,
l’asilo dei bambini dentro al campo”
un’altra poliziotta “ d’estate ci mettono anche la piscina”
le signore Rom ci scherzano sopra, loro non lo sanno
non sono mai state a Salone, nessuno le ha mai portate
a vedere i container, neanche i mariti
Gli daranno un container di 18 metri quadri per sei persone
tre metri quadri a testa
riscaldamento, bagno, acqua e luce elettrica
e tutto intorno, stretti ogni 3 metri,
solo container e spazi tra i container
un posto dove incontrarsi è stato soppresso
per fare posto ai nuovi container per il Casilino 900
sulla recinzione ci sono 50 telecamere
non ci sono gli spazi per i mercatini
né dove lavorare i metalli, riciclare oggetti
sono tu non ci sono altre persone oltre ai Rom,
alle guardie e alle associazioni che li sorvegliano
e li portano a scuola, in città, città?
insomma oggi abbiamo visto demolire la casa di Hakya
e Azzurra dice di aver visto Mussolini

f.c.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/01/2010 @ 09:22:04, in musica e parole, visitato 1888 volte)

Di Django Reinhardt s'è raccontato (qui e altrove) praticamente tutto. Per chi volesse ripassare la sua vicenda...

di Giordano Montecchi 18 gennaio 2010

La storia è di quelle che fanno palpitare: avventura e sventura mescolate insieme, di quelle storie che non basta un film per raccontarle. Perché è vita vera, sofferenza, passione, sogni, miseria, fortuna, genio e sregolatezza. Insomma: Django Reinhardt. Era il 23 gennaio di cent’anni fa. A Liberchies, qualche centinaio di anime poco a nord di Charleroi, Belgio, faceva un freddo cane. Appena fuori dal villaggio da qualche giorno c’era una carovana di zingari, cinque o sei roulottes malandate, coi loro cavalli smagriti, i falò per scaldarsi, e, al centro, una piccola tenda da circo. Quel giorno, in una delle roulotte, Laurence Reinhardt partorì un maschietto. Laurence era così scura di pelle da essere soprannominata «Negros». Era l’acrobata del circo ed rimasta incinta di Jean Vées, acrobata anche lui e, quando poteva, musicista: chitarra, violino, un po’ di tutto. Lei però non volle saperne di sposarlo. Il bambino si chiamò Jean-Baptiste, ma presto gli fu affibbiato l’immancabile soprannome: Django.

IL BANJO A DODICI ANNI. La carovana viaggò ancora molto. Girovagarono per l’Italia, poi furono in Algeria e infine si fermarono alla periferia di Parigi. Sua madre gli regalò un banjo, e a dodici anni Django accompagnava già suo padre e suo zio che si esibivano al caffé del mercato delle pulci di Clignancourt, poco fuori Parigi. Django era bravo, molto bravo, suonava la chitarra con una grinta e una velocità da lasciare a bocca aperta. A diciotto anni aveva già registrato qualche traccia, aveva la sua piccola fama, ma era e restava uno zingaro e ogni notte tornava a dormire nella sua vecchia roulotte. La sua seconda nascita avvenne nel 1928 e fu tragica. Era ottobre, il 26. Jack Hylton, leader di un’orchestra alla Paul Whiteman piuttosto famosa, gli offrì di entrare nella sua band per una tournée in Inghilterra. Era fatta!
Forse quella sera Django era eccitato, fatto sta che rovesciò la candela accesa e i fiori di celluloide da vendere l’indomani davanti al cimitero presero fuoco e in un baleno la roulotte fu avvolta dalle fiamme. Bella Baumgartner, la sua compagna, se la cavò con poco, ma Django riportò ustioni gravissime sul lato destro del corpo e alla mano sinistra. Diciotto interminabili mesi di ospedale, e alla fine, mignolo e anulare della mano sinistra rimasero paralizzati. I medici furono unanimi: la sua carriera di musicista era finita. Ma non sapevano con chi avevano a che fare. Perché da quel rogo di miseria ed emarginazione, qualcosa che ben conosciamo ancora oggi, era nato Django Reinhardt, il dio zingaro della chitarra. Dio, perché nessun essere umano avrebbe potuto essere così testardo, inventarsi un modo di suonare con solo due dita e diventare un virtuoso impressionante, rivoluzionando la tecnica e il destino della chitarra.

La carriera fu sfolgorante. Incontrò il suo alter ego in Stéphane Grappelli, violinista tanto per bene quanto Django fu sempre imprevedibile, sbruffone, spendaccione. Col loro celeberrimo Quintette du Hot Club de France furono i protagonisti assoluti del trapianto del jazz in Europa, con Monsieur Grappelli perennemente imbarazzato per le figuracce cui lo costringeva Django: analfabeta vero, per il quale un contratto era solo carta; nomade nell’anima, bisognoso ogni tanto di sparire per tornare alla sua roulotte e alle sue radici. Django era fin troppo «fenomeno» per accodarsi a una musica altrui qual era in fondo il jazz. Andò in America, ma il suo idolo Duke Ellington fu una delusione: tutto troppo ordinato, ufficiale, per lui che non volle mai leggere una nota di musica. Django era un sinti, che in Francia sono detti manouche, ricchi come tutte le etnie zingare di una loro tradizione musicale tutta chitarre e violini. Django la «contaminò» e nacque il jazz manouche, jazz portatile: chitarra e violino solisti, niente batteria ma due chitarre e contrabbasso per la pompe, così si chiama quel ritmo indiavolato che ti scortica e sale su dalle piante dei piedi.

INCIDENTE PITTORESCO Curioso sfogliare le pagine di allora. Per André Hodeir, grande jazzologo, Django non era jazz, ma solo un «incidente pittoresco». Ma girate oggi per dischi, o per locali. I gruppi di giovani e giovanissimi, calamitati da questo modo sfrenato di scoparsi la chitarra, sono una schiera e gli scaffali, quelli che restano, pieni di questa musica, un po’ jazz un po’ world music, con protagonisti dai nomi così inesorabilmente diasporici: Bireli Lagrène, Stochelo Rosenberg, Angelo Debarre, Tchavolo Schmitt ecc. Hodeir toppò, ma non Eric Hobsbawm, che nascosto dietro lo pseudonimo di Francis Newton nel 1959 pubblicava The Jazz Scene, magnifica storia del suo oggetto amato. Dice Hobsbawm: «è significativo che Reinhardt sia fino ad ora il solo europeo che abbia conquistato un posto nell’Olimpo del jazz... ed è significativo che si tratti di uno zingaro». Perché insistere su quel «significativo»? Perché un grande storico come Hobsbawm aveva capito che il destino del jazz non era quello di essere solo la musica dei neri. Il jazz era l’annuncio che una nuova musica alzava la voce: la musica di quelli che il «primo mondo» ha sempre ignorato o odiato. Django è storia di adesso.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


22/11/2019 @ 11:09:52
script eseguito in 59 ms

 

Immagine
 Usten Romalen!... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2551 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
20/11/2019 @ 08:46:15
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
20/11/2019 @ 08:44:54
Di ANNA
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source