Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

ModenaToday.it

Sarà presentato giovedì 16 febbraio alle 17.30 alla Biblioteca Delfini "Non ci sono pesci rossi nelle pozzanghere" (Instar libri, 2011) di Marco Truzzi, vincitore del premio Bagutta "Opera prima" 2012.

Il libro - E' un viaggio nel mondo di Damian, diviso tra zingari e non zingari, rom e gagi (così la comunità rom e sinta definisce coloro che non ne fanno parte), dentro e fuori del campo alle porte di Correggio dove ormai da anni è stanziata la sua comunità. C'è Gioele, che alleva pesci immaginari nelle pozzanghere, c'è nonno Roman che armeggia con la pipa e, tra un silenzio e l'altro, gli racconta di tempi remoti e luoghi lontani. Quando, un mattino di marzo, Damian si incammina verso il suo primo giorno di scuola, il confine tra le due realtà comincia a incrinarsi. Ci si mette anche la fortuna, che fa sì che due pubblicitari di passaggio scelgano proprio il padre di Damian, Erik, come protagonista della campagna promozionale di una nota marca di trapani elettrici, rendendolo lo zingaro più benestante della zona. Crescendo e passando sempre più tempo con i Gagi, Damian sembra fuggire dalle proprie radici alla ricerca di una nuova identità.

Marco Truzzi è nato nel 1975 a Correggio, dove vive e lavora come addetto stampa.

L'incontro, gratuito, fa parte del ciclo "Racconti e poesie migranti" che la biblioteca organizza insieme al Centro territoriale permanente di Modena.

di Alberto Lepri

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/02/2012 @ 09:36:08, in sport, visitato 1032 volte)

Da Mundo_Gitano, un caso simile in Italia QUI e QUI (vedi anche QUI). Grazie a Flora Afroitaliani-e per la collaborazione.

 Ideal.es - Non vengono fatti entrare in piscina "perché sono gitani"
Tre cittadini denunciano gli ostacoli che, secondo loro, vengono posti nell'accesso al nuovo complesso sportivo della località - 01.02.12 - 19:10 - DIEGO QUERO | SANTA FE

Un gruppo di abitanti di etnia gitana denunciano la discriminazione patita per il rifiuto di un nuovo centro sportivo nel farli entrare. Dicono che gli sono stati chiesti sino a 106 euro per entrare dal cancello, anche se secondo loro, gli altri utenti devono pagarne solo 34 al mese. Inoltre insistono sul fatto di dover passare, come un filtro, per una lista di attesa.

Uno dei denuncianti è José Campos, consigliere del Partito Popolare e gitano lui stesso, che racconta come gli sono stati chiesti 56 euro, un prezzo speciale secondo lui "per non essere feccia", però ad altri hanno chiesto "106 euro di iscrizione" e sono stai messi "in lista d'attesa". Due di loro, José Tirado e Melchor Tirado, illustrano il caso nel video che accompagna la notizia.

Da parte loro, i responsabili del nuovo spazio sportivo respingono le accuse e assicurano di ammettere tutti quelli che vogliono accedere all'impianto.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 15/02/2012 @ 09:24:44, in Europa, visitato 1035 volte)

Swissinfo.ch Rom in cerca d'asilo invernale
Discriminati, e perfino minacciati, i Rom non hanno molte possibilità di ottenere l'asilo in Svizzera. (Keystone) - Di Isabelle Eichenberger

La Svizzera ha registrato negli ultimi mesi un aumento del numero di richiedenti l'asilo serbi. Un "turismo invernale" che si spiegherebbe con un peggioramento delle condizioni di vita della minoranza Rom, in Serbia come in Kosovo.

Un fenomeno analogo era già stato registrato nel dicembre del 2009, quando era stato abolito l'obbligo di un visto per i cittadini serbi, macedoni e montenegrini intenzionati ad entrare nello spazio Schengen.

Questa apertura aveva spinto molti di loro a cercare fortuna in Svizzera. Si trattava per lo più di persone bisognose, di etnia Rom, che pur sapendo di non aver diritto all'asilo politico venivano a cercare lavoro in Svizzera.

«Alcune agenzie locali proponevano perfino viaggi diretti in automobile, spiega Michael Galuser, portavoce dell'Ufficio federale della migrazione (UFM). Si sapeva che la Svizzera assegnava un aiuto al ritorno di 600 franchi. E quando il contributo è stato ridotto a 100, la somma necessaria per pagare il viaggio di rientro, le domande sono diminuite».

Nel 2011 questo flusso migratorio ha però ripreso: su 22'551 domande d'asilo, 1'217 provenivano infatti da cittadini serbi (+33,7% rispetto al 2010), la maggior parte di etnia Rom. Oltre la metà di queste richieste sono state depositate tra novembre e dicembre.

Vitto e alloggio garantito
«Possiamo supporre che queste persone, che spesso vivono in campi molto precari, scelgano di venire in Svizzera a trascorrere l'inverno. Qui trovano vitto e alloggio, almeno durante il periodo necessario per esaminare la loro richiesta», spiega Michael Galuser.

Secondo il portavoce dell'UFM, i Rom conoscono le leggi sull'asilo in vigore nei diversi paesi e sanno esattamente che la procedura elvetica, da due a tre mesi, è più lunga rispetto a quella di paesi comparabili come la Norvegia o i Paesi Bassi.

L'Organizzazione svizzera d'aiuto ai rifugiati (OSAR) condivide in parte l'ipotesi di un "turismo invernale". «Ci sono molti rifugiati Rom di origine bosniaca o kosovara che vivono in Svizzera in condizioni precarie dal 1999. Sono coscienti di non avere alcuna possibilità, ma conoscono le debolezze della nostra legislazione», precisa il segretario generale Beat Meiner.

La crisi economica che sta colpendo l'Europa non contribuisce di certo a facilitare le cose. «I Rom sono spesso contenti di trovare un tetto provvisorio nei centri di accoglienza, anche nei rifugi della protezione civile», aggiunge Meiner.

Discriminati in patria
Stando ad Amnesty International, la situazione è però più complessa. «Può anche essere che i Rom partano più facilmente durante la brutta stagione, ma non credo che lo facciano unicamente con l'idea di trascorrere l'inverno al calduccio. Potrebbero anche andare in Germania, o in altri paesi che d'inverno sospendono i rinvii, contrariamente alla Svizzera», indica Denise Graf.

Amnesty International si dice invece preoccupata dal degrado della situazione dei Rom rifugiati in Serbia. La discriminazione in atto impedisce loro di avere un lavoro, commenta Denise Graf. «Il 97% dei rom è disoccupato». E stando all'ultimo rapporto di Nicola Duckworth, responsabile del programma Europa e Asia centrale di Amnesty sempre più Rom vengono cacciati dai loro appartamenti in seguito a speculazioni immobiliari. «A Belgrado le loro case vengono rase al suolo per far posto a progetti pubblici, senza pianificare dei nuovi alloggi né garantire un'assistenza sociale».

D'altra parte si assiste a un inasprimento delle tensioni a Mitrovica, in Kosovo, dove la minoranza serba continua a contestare l'indipendenza proclamata nel 2008 dell'ex provincia a maggioranza albanese. «Le violenze dell'estate scorsa hanno un'influenza diretta sulla situazione dei Rom, numerosi a Mitrovica», spiega Denise Graf. «La situazione è critica anche per i rom delle altre regioni kosovare, che spesso sono stati accusati di aver collaborato con i serbi durante la guerra».

Intervento in Serbia
Discriminati in patria, i Rom soffrono di una cattiva immagine anche in Svizzera. «Sono considerati vagabondi e ladri, al punto che alcuni Rom integrati preferiscono non menzionare le loro origini», conferma Cristina Kruck, della Rroma Foundation di Zurigo.

In città come Losanna e Ginevra la polizia è intervenuta più volte a per disperdere degli accampamenti selvaggi costruiti sotto i ponti o nei parchi.

Allarmata dalla situazione nei Balcani, Denise Graf lancia un appello alla Svizzera a «far pressione sui partner in Serbia e in Kosovo affinché gli aiuti dell'Unione Europea destinati al reinserimento dei Rom arrivino a destinazione».

E la Direzione dello sviluppo e della cooperazione rassicura: «Nel campo della cooperazione internazionale, la DSC è cosciente dell'esistenza di un rischio di trasferimento dei mezzi messi a disposizione. Esistono tuttavia degli strumenti per farvi fronte, come delle valutazioni indipendenti dei progetti, sulla base delle quali vengono attribuiti i sussidi».

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/02/2012 @ 09:40:58, in casa, visitato 1179 volte)

Corriere della Sera - I sinti dicono sì al trasferimento entro il 29 febbraio. L'Unar indaga sulla denuncia per discriminazione.

Il campo nomadi (Fotogramma)

Niente proroghe: il campo nomadi di via Orzinuovi chiuderà formalmente il 29 febbraio, come deciso dalla Loggia. Entro quella data, tutte le 19 famiglie che ci abitano (alcuni sin dal 1976) «sapranno dove andare», conferma il vicesindaco, Fabio Rolfi. Ed è proprio per tracciare il futuro di queste persone che in Prefettura è stato convocato un tavolo ad hoc. A raccolta il sindaco, Adriano Paroli («È iniziato il dialogo per trovare soluzioni condivise»), Cgil, Fondazione Piccini, Polizia Locale, una rappresentanza sinti e, non da ultimo, Emanuele Nitri, dell'Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali che fa capo alla Presidenza del Consiglio. Perché proprio all'Unar, e non solo, era indirizzata la lettera in cui i sinti denunciavano il Comune di volerli «cancellare dall'anagrafe» (vedi QUI ndr). Un punto, questo, «su cui ci riserviamo di valutare quando avremo risposte e motivazioni dagli uffici competenti», conferma Nitri. Altra storia, lo smantellamento del campo, «nei tempi previsti», assicura Rolfi che definisce «passi in avanti importanti» quelli delle ultime ore, visto che i sinti «hanno accettato la chiusura del campo». Vero, «ma vorremmo stare insieme, per cui faremo tutti domanda di trasferimento nei prefabbricati del Centro emergenza abitativa di via Borgosatollo», riferisce Giovanni Torsi. Il Comune, però, avrebbe già individuato quattro famiglie «disagiate» da destinare agli alloggi protetti Aler. Tempo 15 giorni per le verifiche, «ma quantomeno si è iniziato a discutere. E nessuno il 29 febbraio staccherà la corrente nel campo», commenta Damiano Galletti, segretario provinciale Cgil.

Mara Rodella
10 febbraio 2012 | 15:40<

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/02/2012 @ 09:20:17, in Regole, visitato 1705 volte)

La notizia mi era sfuggita, grazie a Daniele Mezzana per la segnalazione

ultimo aggiornamento: 31 gennaio, ore 15:28

Roma, 31 gen. (Adnkronos) - Mai più foto che ritraggono i volti dei mendicanti. Lo intima la Cassazione, sottolineando che "non è possibile negare l'oggettiva valenza diffamatoria" alla pubblicazione di uno scatto di chi chiede la carità: "la coscienza comune - spiega la Quinta sezione penale - pone questi soggetti in uno dei gradini più bassi della cosiddetta scala sociale ed è allora naturale che chi sia costretto dalla necessità a praticare la mendicità e venga additato come tale si sentirà mortificato e gravemente ferito nella sua onorabilità".

Se si vuole denunciare il dilagare di un fenomeno, dice la Cassazione, è necessario "coprire i volti delle persone coinvolte in fenomeni sui quali grava un pesante giudizio negativo della collettività".

La vicenda analizzata dalla Suprema Corte nasce dalla querela sporta da una rumena ultratrentenne, Ciurar C., comparsa in una fotografia pubblicata a corredo di un articolo di un giornale di Trento nel quale venivano riportate le reazioni e i commenti dei cittadini, pure loro rappresentati fotograficamente, nell'ambito di una tavola rotonda sul 'pacchetto sicurezza' e sull'istituzione delle ronde. A corredo del servizio, la foto della rumena accompagnata dalla didascalia 'una questuante all'opera nel centro storico di Trento'. Il gip di Trento, il 31 gennaio 2011, aveva dichiarato il non luogo a procedere "perché il fatto non sussiste" nei confronti del direttore e dell'autore dell'articolo, ritenendo non diffamatorio l'articolo e le foto improntati a scoraggiare "fenomeni quali la prostituzione, il vandalismo e l'accattonaggio diffuso". La Cassazione è stata di tutt'altro avviso.

La rumena fotografata a mendicare ha fatto ricorso in Cassazione, facendo notare che era l'unica delle persone ritratte a rappresentare il problema che il 'pacchetto sicurezza' avrebbe voluto affrontare e che, nel testo, si parlava di 'accattonaggio diffuso legato ad organizzazioni criminali'. Piazza Cavour - sentenza 3721 - ha accolto la tesi difensiva della rumena e ha osservato che "la fotografia di Ciurar C., indicata come questuante all'opera, posta a corredo dell'articolo non può essere considerata neutra, dal momento che il lettore è portato ad identificare la persona rappresentata con uno dei mali da combattere - l'accattonaggio diffuso - e l'ipotizzato collegamento con ambienti malavitosi - ed uno dei problemi da eliminare per garantire una pacifica vita cittadina".

La Cassazione fa notare che "quando per esigenze di cronaca si mostrano immagini di persone in qualche modo coinvolte in fenomeni sui quali grava un pesante giudizio negativo della collettività - al fine di evitare che si crei un preciso collegamento tra un fenomeno generale e una specifica e individuabile persona fisica ed evitare quindi la conseguente e inutile carica di disdoro personale, si usa sgranare o comunque coprire il volto della persona ritratta per renderla non identificabile".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/02/2012 @ 09:30:20, in Regole, visitato 1272 volte)

di Africa Insieme  (vedi anche Sulla vicenda dello sfratto eseguito a Coltano il 31 Gennaio 2012)

Il 31 Gennaio, in piena emergenza freddo, il Comune ha sfrattato una donna con cinque bambini al villaggio rom di Coltano: questa drammatica verità è stata occultata da una sequela impressionante di dicerie, diffuse prima dagli amministratori, poi dal principale partito della città. Una vera e propria "macchina del fango" mobilitata per screditare un'intera famiglia.
A casa della donna, si è detto, si sarebbero trovati gioielli per centinaia di migliaia di euro, frutto di attività criminose; i parenti sarebbero proprietari di una villa e di attività commerciali confiscate dalla magistratura; infine, la donna sarebbe tra le protagoniste del rapimento della "sposa bambina". Nessuna di queste informazioni corrisponde a verità.

Per il sequestro dei "gioielli", la signora non è neanche imputata: è stata giudicata estranea ai fatti, ed è un'altra la persona che andrà a processo. Quanto alla "villa" dei parenti, il 12 Novembre 2011 la Corte d'Appello ne ha annullato la confisca, mentre il procedimento di sequestro delle attività commerciali è stato archiviato dal GIP il 10 Ottobre. Resta l'accusa della "sposa bambina", su cui permangono molti dubbi che - si spera - verranno chiariti nel processo.

La realtà dei fatti è molto semplice. La signora è stata sfrattata perché imputata in un processo. Il Comune la considera colpevole a prescindere dalla sentenza, violando così la Costituzione, la Dichiarazione dei diritti umani e i principi più elementari del diritto ("l'imputato è innocente finché una sentenza non abbia accertato la sua colpevolezza"). Con ammirevole candore, il Partito Democratico afferma che il Consiglio Comunale avrebbe chiesto di "superare, in questo caso, la cosiddetta presunzione di innocenza". Un principio basilare dello stato di diritto verrebbe dunque "superato" (sic) dalla delibera di un Comune! Quando si tratta di rom si sospendono tutte le regole, salvo poi richiamare gli stessi rom al "rispetto delle regole".

Il PD afferma che in questa vicenda le autorità locali "non hanno nulla di cui vergognarsi". Perché allora lo sfratto è stato eseguito lontano dagli occhi indiscreti dei giornalisti? Cosa c'era da nascondere, se tutto era "secondo le regole"? Si voleva occultare lo spettacolo di una donna e cinque bambini lasciati al gelo? Si voleva mostrare che la signora aveva "rifiutato le proposte di accoglienza", nascondendo il fatto che si volevano dividere i piccoli dalla loro mamma? Lo stesso comunicato del PD indica come soluzione l'affido a terzi dei bambini (temporaneo, ma per quanto?): l'unica "salvezza" dei figli consisterebbe dunque nel levarli alla madre…
A Pisa quando si parla di rom la responsabilità personale sancita dalla costituzione svanisce: si accusano intere famiglie, bambini compresi.

Ci pare che il senso vero di questa operazione sia più che trasparente. Il Comune ha smantellato il programma Città Sottili, sostituendolo con una politica sistematica di sgomberi. Lo sfratto di Coltano è solo uno dei tasselli di questa politica, a cui si accompagnano velenose campagne di stampa: si pensi alle continue esternazioni del Sindaco sulla presenza eccessiva di rom (come se un gruppo fosse di per sé portatore di problemi). Pisa non è affatto "all'avanguardia" nelle politiche sociali: le scelte di questa amministrazione vengono al contrario seguite con crescente inquietudine dalle organizzazioni per i diritti umani, come dimostra il recente rapporto del Consiglio d'Europa.
La nostra città è diventata il teatro di una vera e propria "emergenza diritti umani": è questa l'amara verità che ricaviamo dalla vicenda dello sfratto di Coltano.

Africa Insieme - 11 Febbraio 2012

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/02/2012 @ 09:24:31, in Italia, visitato 1055 volte)

Autore: Daniele Ulderico

Nel settembre 2005 circa mille rom che da vent'anni vivevano nel campo di vicolo Savini, a pochi metri dalla Basilica San Paolo a Roma, sono stati trasferiti con grande clamore mediatico in un nuovo insediamento a 25 km dalla città. Il nuovo campo di Castel Romano, con prefabbricati a scacchiera, circondato da un parco naturale e da un muro di separazione, per le amministrazioni Veltroni e Alemanno rappresenta un modello per la "soluzione del problema rom". Nella prospettiva dell'antropologia critica della contemporaneità la vicenda si rivela esemplare: in prima istanza perché riattualizza termini come "zingaro" e "nomade", con tutto il loro deposito di stereotipi e pregiudizi, quindi per il fatto di rappresentare emblematicamente i processi e gli esiti, perlopiù negativi, delle politiche di separazione ed espulsione dei rom dagli spazi urbani. Un modello innovativo di analisi etnografica, ridislocata nei due insediamenti e lungo le fasi del trasferimento, mette anche in luce come il confine fra i rom e i diversi "noi" -istituzioni, associazioni e società locale- funzioni come criterio ordinatore dei rapporti sociali, fino a produrre differenze, alleanze e forme inedite di potere.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/02/2012 @ 09:46:28, in Italia, visitato 1150 volte)

PaeseSera

Gli operatori del terzo settore hanno fatto irruzione nell'aula Giulio Cesare durante il consiglio per manifestare contro il piano proposto dal vice sindaco Sveva Belviso, che prevede una riduzione delle risorse per i servizi sociali all'interno dei campi nomadi. Ozzimo (Pd): "Da mesi chiediamo chiarezza e ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta" DI S. IANNÒ

Nessuna sostanziale novità dalla sala del Carroccio dove si è tenuto l'incontro tra i membri del Roma social pride e Tredicine presidente della commissione Servizi sociali. La discussione è stata rimandata a martedì. Obiettivo dell'incontro era quello di spiegare le ragioni del disagio degli operatori del terzo settore, rispetto all'ipotesi di riduzione del 50% delle risorse per i servizi all'interno dei campi rom. Un decremento che si traduce "in uno schiaffo ai lavoratori del soggetto", dicono le associazioni. I membri di associazioni e cooperative chiedono che i 30 milioni stanziati per l'emergenza rom, mai utilizzati dopo la sentenza del Consiglio di Stato che ha bocciato il piano nomadi., siano utilizzati per garantire i servizi. A cui segue la disattenzione dell'amministrazione che non ha avviato processi di fuoriuscita dai campi, continuando nella politica degli sgomberi, che hanno portato un aumento dei microcampi abusivi e dei residenti nei villaggi attrezzati.

Tredicine si dichiara pronto ad avviare un processo di dialogo all'interno della commissione politiche sociali. "Intanto - afferma - restiamo in attesa dell'incontro con il vice sindaco Belviso per capire come risolvere il problema dei finanziamenti". "Dovete capire - conclude - che anche noi non vogliamo perdere un servizio sociale".

LE REAZIONI - "Bisognerebbe chiedere le dimissioni dell'assessore alle Politiche sociali che propone di tagliare le risorse per i servizi, con l'obiettivo di lasciare nel caos i cittadini nei campi". Lo dichiara Andrea Alzetta, consigliere di Action. "La mancanza di fondi - aggiunge Alzetta - e' una bufala perche' nei giorni scorsi avete rinunciato a 200milioni di euro di oneri concessori dei costruttori, votando il Piano casa". "Il paradosso e' che si tagliano 1,8 milioni di euro per il sociale e poi si buttano i soldi per la vigilanza armata, che costa oltre due milioni". Lo dichiara Daniele Ozzimo, vice presidente della commissione Politiche sociali, nel corso dell'incontro con il Roma social pride, nella sala del Carroccio del Campidoglio. "Come presidente della Commissione - afferma Ozzimo rivolgendosi al suo collega Tredicine - devi avere il coraggio di non appiattirti sulle posizioni dell'assessorato, in modo che martedì possiamo difendere l'intervento nel sociale". "Qualcosa nel piano nomadi non ha funzionato, e' compito della politica intervenire per correggere gli errori". Lo afferma il presidente della commissione Politiche sociali, Tredicine, nel corso dell'incontro con il Roma social pride nella sala del Carroccio del Campidoglio. "Dopo l'incontro con la Belviso - aggiunge Tredicine - bisognera' approfondire la questione con la ragioneria per capire come intervenire. Perche' le vostre preoccupazioni sono le nostre". I membri delle cooperative sottolineano pero' che le risorse si possono recuperare da quei servizi pagati anche 20 volte in più, come accade per il campo sulla Salaria e rivelato dallo stesso vice sindaco. Senza dimenticare che per ogni famiglia rom il Comune di Roma spende mille euro, mentre si potrebbe pensare un percorso di fuoriuscita dai campi per avviare una politica di stabilizzazione abitativa.

LA PROTESTA - "Vergogna, dove sono i 30 milioni di euro stanziati per l'emergenza rom?". Lo chiedono a gran voce gli operatori del terzo settore che pochi minuti fa hanno fatto irruzione nell'aula Giulio Cesare, per protestare contro il piano proposto dal vice sindaco Sveva Belviso, che prevede una riduzione delle risorse per i servizi sociali all'interno dei campi nomadi.

Per gli operatori, che sono stati immediatamente allontanati dal Campidoglio, i politici sono dei "buffoni" e più volte hanno gridato il nome della Belviso, considerata con il primo cittadino Alemanno, "ladra di servizi sociali". Sullo striscione che i membri di associazioni e cooperative hanno esposto c'era scritto che ci sono "30,8 milioni di buone ragioni per finanziare i servizi nei campi".

I membri del Roma social pride, dopo essere stati allontanati dall'aula Giulio Cesare, si sono riuniti nella sala del Carroccio in attesa di un incontro con i capigruppo capitolini, per spiegare che con la riduzione del 50 per cento delle risorse si rischia di non garantire più i servizi sociali.

Sulla questione interviene anche Daniele Ozzimo (Pd): "Che fine hanno fatto i 30,8 milioni di euro a disposizione del Piano Nomadi? Da mesi chiediamo chiarezza e ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta. Il Piano è fermo al palo, nessun nuovo insediamento di quelli promessi dalla Giunta Alemanno è stato costruito ed è aumentato in questi quattro anni in modo esponenziale il numero dei microcampi abusivi. Del fallimento di Alemanno in tema di comunità Rom i numeri sono chiari 30,8 milioni di euro scomparsi nel nulla e più di 200 microcampi abusivi, e su questi risultati il Sindaco non può di certo dare la responsabilità alla Protezione Civile. Chiediamo quindi immediata chiarezza dall'amministrazione".

di Santo Iannò - Giovedì, 09 Febbraio 2012


Domanda di un non-romano:

Fatti salvi tutti i "se" possibili: quindi SE Alemanno ed il suo contorno siano persone di cui fidarsi, SE questi tagli al bilancio siano scelte politiche e non obbligate, come siano stati spesi i fondi precedenti...

... la domanda ANTIPATICA è: cosa si voglia fare di 30,8 milioni di euro, quanti di questi soldi vadano ai collettori e quanti ai Rom e Sinti, chi verifica i risultati ottenuti ANCHE dall'associazionismo nei campi (ad esempio) dell'integrazione scolastica, abitativa, sanitaria, lavorativa.

Erano questioni già sollevate 2 anni e mezzo fa (NdR)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Marylise Veillon (del 11/02/2012 @ 09:09:40, in sport, visitato 1155 volte)


Una coppia di giocatori di pelota di etnia rom, membri del club Laguna Artea, disputerà sabato la finale del torneo Enkarterriak. SILVIA OSORIO - SESTAO. 08/02/2012

Lo sport intreccia legami e unisce le culture. A Sestao, qualcosa di così locale come la pelota è riuscito a unire gagé e rom. Una coppia di giocatori di pelota, di etnia rom è riuscita a classificarsi per potere disputare la finale della categoria cadetti del Torneo Enkarterrik, uno dei campionati più importanti a livello territoriale, per le categorie inferiori. L'appuntamento storico, organizzato dalla Federazione Vizcaina di Pelota, avrà luogo questo sabato, a partire dalle 16.30, nel campo Txikito di Gallarta, dove misureranno le loro forze nella squadra di Bilbao e dovranno essere all'altezza dei loro berretti da campioni.

Dani e Mariano sono i protagonisti di questa lotta, che è servita a buttare all'aria gli stereotipi ai quali è sottoposta la comunità rom alla quale loro appartengono. Permetterà di fare un passo avanti riguardo all'integrazione di questa collettività, perché non ci sia nessun rifiuto da parte di chicchessia verso chicchessia. "Siamo molto soddisfatti" ha dichiarato a questo periodico Xabier Sainz de la Maza, presidente del club Lagun Artea, al quale appartengono i due giocatori.

Ambedue giovani, residenti nella zona industriale, fecero i loro primi passi in questa disciplina nel campo del Parco del Sole. Lì è frequente vedere squadre di giovani di etnia rom, che giocano a pelota per ammazzare il tempo. L'estate scorsa, durante la celebrazione delle gare sportive organizzate ogni anno dalla municipalità di Sestao proprio in questo campo, un allenatore del club Lagun Artean notò l'abilità dei due, e li esortò ad avvicinarsi al campo di Las Llanas, per guardare gli allenamenti degli altri membri della squadra.

Cinque mese di sforzi

Così fecero, e da allora, non hanno più lasciato la pelota. Nel mese di settembre, iniziarono a prepararsi, sottoposti alla disciplina della squadra. Dani e Mariano frequentavano la scuola la mattina, e due sere alla settimana si dedicavano a perfezionare la tecnica sul campo. Passano cinque mesi durante i quali combinano lo studio con duri allenamenti e competizioni. Però lo sforzo ne è valso la pena, e gli ha portati a ritrovarsi nella finale del Torneo Enkarterriak. "Si vede che sono molto impegnati e che desiderano vivere una vita come qualsiasi giovane della loro età" spiega il massimo rappresentante del club di Sestao.

Ma la loro integrazione nel gruppo non è stato un lavoro facile. I responsabili del Lagun Artea ammettono che l'arrivo dei due giocatori rom al club, destò all'inizio "un po' di sospetto in mezzo agli altri giocatori." Però con il passare del tempo, vedendo l'impegno e la predisposizione dimostrati da ambedue, i pregiudizi iniziali sono svaniti e la loro integrazione nel gruppo è avvenuta in modo ottimale.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/02/2012 @ 09:43:51, in Europa, visitato 1120 volte)

Da British_Roma

Romabuzzmonitor Ustiben report by Grattan Puxon
DALE FARM: IL CONSIGLIO SALTA L'ASTA ED IL LEADER TORY VERSO UN PREMIO

06/02/2012 - Quasi un onore per i nostri avversari, il riconoscimento che chiameremo il Pulitore-Etnico dell'anno. Tony Ball, leader Tory del consiglio di Basildon è stato nominato e sarà a Westminster per la cerimonia.

Ufficialmente ciò che avrà luogo a fine mese a Westminster Palace sarà una cerimonia per esporre i risultati dei consiglieri locali e le loro azioni. I premi vengono dall'Unità informativa Governo Locale (LGiU).

La candidature potranno arrivare da chiunque; membri del pubblico, consiglieri e loro personale. Le informazioni che LGiU ha ricevuto su Tony Ball è che ha fatto un lavoro eccezionale sfrattando i Traveller da Dale Farm. Altrettanto eccezionale la brutalità e, secondo noi, la stupidità.

Come va vantandosi lo stesso Ball, con l'aiuto della polizia antisommossa è riuscito a realizzare la distruzione di metà delle residenze di Dale Farm, con poca spesa. Difatti di fronte ad un budget governativo di 18 milioni di sterline, ne è stato speso solo un terzo.

Il consiglio ha abbandonato circa novanta famiglie per strada, accanto alle loro proprietà distrutte, o temporaneamente alloggiate da parenti nella parte legale del sito. In pochi hanno trovato rifugio in altri paesi.

Dietro di sé una scia di distruzione che non è solo una ferita nel paesaggio, ma anche un'offesa alla stessa legge che Ball ha detto di voler difendere. Dove una volta c'erano casette, ora sono aperte buche che si sono riempite di acqua lurida e neve disciolta, ognuna circondata da terrapieni di detriti.

Tuttavia, prima di raccogliere il suo premio per lo stupro della green-belt, Ball è ancora al palo. I residenti di Dale Farm da lungo in sofferenza stanno per prendere ulteriori azioni legali. Una questione è la loro preoccupazione per l'erezione di una fila di pali per l'elettricità. Chiaramente interromperebbero l'apertura della green-belt ed aggiungerebbero danno ai danni ambientali già così evidenti.

"Hanno scavato una fossa davanti al cancello della mia proprietà," si lamenta un residente. "Stanno facendo dei lavori ed intendono tornare."

Da tre mesi i residenti stanno chiedendo il ripristino della fornitura elettrica, tagliata illegalmente. I loro avvocati hanno perso la pazienza e questa settimana hanno minacciato di chiedere l'intervento del tribunale, per il rifiuto del consiglio di agire rapidamente nel riparare i danni alle infrastrutture.

La Dale Farm Residents Association chiede all'appena formato Traveller Solidarity Network e agli altri gruppi di appoggiare la protesta a Westminster il 27 febbraio, quando Tony Ball spera di ricevere il premio Leader di Consiglio dell'anno.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


13/12/2019 @ 15:26:53
script eseguito in 163 ms

 

Immagine
 popoli e idee in movimento... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 10772 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
12/12/2019 @ 08:20:56
Di ANNA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
02/12/2019 @ 11:17:21
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source