Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 23/05/2012 @ 09:22:49, in Italia, visitato 944 volte)

Segnalazione di Agostino Rota Martir

16 maggio 2012 - Tonio Dell'Olio

I bambini che sono nati in Italia, anche se figli di genitori stranieri, sono italiani. Lo chiediamo da tempo con la campagna "L'Italia sono anch'io".

Il comune di Scandicci (FI) si prepara a fare un gesto che, pur non avendo alcun valore giuridico rispetto all'acquisizione dei diritti di cittadinanza, racconta al Paese che c'è un'altra Italia. Il giorno della Festa della Repubblica concederà la cittadinanza onoraria ai 196 figli di stranieri dai 6 ai 18 anni che abitano nel proprio comune.

"Abbiamo scelto di fare la cerimonia di consegna nel giorno della Festa della Repubblica, proprio per il forte significato che ha per tutti noi questa giornata - ha scritto il Sindaco Simone Gheri in una lettera alle famiglie dei ragazzi, con la quale invita genitori e figli all'appuntamento del 2 giugno - i vostri figli nella nostra Repubblica sono venuti alla luce, qui frequentano tutti i giorni la scuola, i giardini pubblici, le strade, le piazze, i luoghi e i servizi che appartengono a tutti noi. Con il suo voto il Consiglio Comunale ha voluto dare un segno e portare il proprio contributo nel dibattito politico nazionale, con la convinzione che sia necessario approvare una nuova legge sulla cittadinanza, perché venga riconosciuta ai bambini che qui nascono e crescono" (www.comune.scandicci.fi.it).

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/05/2012 @ 09:52:21, in casa, visitato 1043 volte)

Ricevo e pubblico integralmente:

Carissimi,
visitando il vs sito, che riteniamo uno dei più aggiornati e interessanti, ci siamo imbattuti nell'articolo "Ecco le casette del campo rom in via Longhin" postato dal giornalista del Mattino di Padova Alberto Melis il 14/09/2011 (Alberto Melis in realtà aveva soltanto segnalato l'articolo, ndr.). Conoscendo molto bene la storia degli ultimi 15 anni del campo in questione, vorremmo aggiungere alcune importanti precisazioni.

Dopo anni di politiche efficaci che hanno permesso di smantellare il campo nomadi comunale di via Tassinari, con l'originale progetto di autocostruzione "dal campo nomadi alla città: il Villaggio della Speranza" (per i particolari vi rimandiamo al ns sito www.operanomadipadova.it), e l'autonomizzazione di decine di famiglie di rom serbi sia dal punto di vista lavorativo che abitativo (anche qui con il supporto dei nostri mediatori), l'Amministrazione comunale ha cambiato inspiegabilmente rotta.

La nostra Associazione ha lavorato per diversi anni in entrambi i campi nomadi comunali, tenendo la barra fissa su due concetti: smantellamento definitivo delle aree e coinvolgimento diretto delle persone nelle scelte che li avrebbero coinvolti. Per questo motivo, nel presentare il progetto "Villaggio della Speranza" all'ex Ministro del Welfare Ferrero, che ha deciso di finanziarlo, ci siamo fatti portavoce dei rom e dei sinti con proposte concordate con loro. Se per i sinti veneti di via Tassinari l'autocostruzione di tre minipalazzine, inaugurate il 2 febbraio 2010, per tre famiglie allargate ha rappresentato il migliore compromesso tra le tradizioni dei residenti e le disponibilità del Comune, per i rom di via Longhin la proposta era ben altra e riguardava l'individuazione di alcuni terreni privati.

L'attuale progetto di riqualificazione del campo nomadi comunale di via Longhin, che vede uno stanziamento di 480.000€, imposto ai rom come unica alternativa allo sgombero, vede la costruzione di 16 piazzole attrezzate di bagno e stanza adibita a soggiorno-pranzo in muratura, mentre la zona notte continuerà ad essere la roulotte. Le camere da letto saranno infatti costruite in seguito ad un eventuale ulteriore stanziamento pubblico di oltre 500.000 euro.

I diretti interessati si sono dichiarati da subito e più volte contrari al progetto, sostenendo che sempre di un campo nomadi si tratterà: tutti insieme e nel medesimo luogo. Quanti compagni di classe dei bambini andranno a fare i compiti nel ghetto ristrutturato? Quanti imprenditori saranno invogliati a valutare il curriculum di un residente dell'ormai nota via Longhin? Prima di firmare, pena la l'allontanamento e la cancellazione della residenza, l'accordo con il Comune, i capi famiglia dei circa 60 residenti hanno proposto ancora una volta soluzioni alternative più aderenti alle proprie esigenze nonchè maggiormente vantaggiose per le tasche dei concittadini ma che non sono state prese in alcuna considerazione.

Vi saremo molto grati se dalle pagine del vostro sito deste voce alle nostre perplessità per mantenere sempre alta l'attenzione circa l'efficacia dei certi progetti di integrazione e sulle modalità con cui vengono realizzati

Cordiali saluti,

Opera Nomadi di Padova - Onlus

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/05/2012 @ 09:03:36, in Italia, visitato 1054 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro

Il 15 maggio 2012, una delegazione di giovani rom, nati in Italia ma cittadini stranieri, ha incontrato il presidente della commissione diritti umani del Senato, Pietro Marcenaro, e gli ha consegnato un appello per il capo dello Stato, Giorgio Napolitano. E' stato stimato che ci sono in Italia almeno 14 mila ragazzi di origine rom che, nati da genitori apolidi o residenti irregolarmente nel nostro Paese, si sentono parte integrante della società, pur essendo nei fatti degli "estranei".

Ecco, qui di seguito, il testo integrale della lettera:

Caro Presidente. Siamo in tanti, ragazzi e ragazze del popolo Rom nati in Italia, di seconda, a volte anche di terza generazione, da genitori apolidi o residenti irregolarmente nel nostro Paese. Ci rivolgiamo a Lei perché ancora una volta abbiamo apprezzato le parole chiare che ha inteso indirizzare al Sindaco di Nichelino, che ha avuto la sensibilità di concedere la cittadinanza onoraria a 450 ragazzi nati da genitori stranieri in quel territorio.

Siamo italiani, ma stranieri. Ci sentiamo "parte integrante della nostra società", ma viviamo quotidianamente il disagio di essere considerati impropriamente stranieri. Disagio doppio e particolarmente pesante per noi ragazze e ragazzi Rom. Non è assolutamente facile, ci creda, per tanti di noi regolarizzare posizioni giuridiche, ottenere un permesso di soggiorno, fare richiesta di cittadinanza, perché veniamo da famiglie che vivono da sempre situazioni precarie, per la difficoltà di reperire la necessaria documentazione, in particolare per quelli di noi i cui genitori e nonni sono nati e provengono da luoghi che hanno vissuto recenti e drammatiche vicende belliche.

Eppure abbiamo frequentato le scuole. Una situazione difficile, quella che viviamo, di "stranieri in patria". Che rende precaria la nostra vita e non agevola l'integrazione sociale e l'accesso al lavoro, nonostante molti di noi abbiano frequentato le scuole e, soprattutto, vorrebbero inserirsi regolarmente e legalmente nella comunità civile. In tanti abbiamo vissuto la violenza degli sgomberi dei campi e l'umiliazione della reclusione nei CIE, i Centri di identificazione per l'espatrio. Ed in tanti viviamo in case popolari o case proprie o ancora piccole aree autocostruite. Ma espatrio verso dove, se è l'Italia la nostra patria? Ci creda, sono esperienze dure e drammatiche, che spingono, purtroppo, tanti giovani verso la marginalità, l'illegalità ed il rifiuto delle regole civili. Che ricacciano le nostre comunità verso l'esclusione sociale ed una inaccettabile discriminazione.

Le risposte da un Governo che guarda all'Europa. Dal Governo Monti, signor Presidente, governo che guarda all'Europa ed ai suoi valori fondanti di accoglienza, di solidarietà e di inclusione sociale, ci aspettavamo finalmente un provvedimento che ponesse fine a questa ingiustizia. Abbiamo anche apprezzato le aperture del Ministro Riccardi, espressione della Comunità di Sant'Egidio, i cui volontari frequentano i campi e conoscono bene le nostre difficoltà. Ma ancora una volta dobbiamo prendere atto che nulla è successo.

Speriamo nella sua lungimiranza. Non possiamo che appellarci a Lei, affinché con la determinazione e la lungimiranza che tutti le riconoscono intervenga su Governo e Parlamento per porre fine ad una discriminazione che produce solo tensioni e disagi, che è palese ingiustizia, che tradisce i valori della Carta Costituzionale. Siamo, ci sentiamo, vogliamo essere riconosciuti cittadini italiani.

Confidando in Lei, le porgiamo i più distinti e cordiali saluti.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/05/2012 @ 09:52:28, in Italia, visitato 1131 volte)

Firma

FAMIGLIE ROM A MIRAFIORI SUD

Nel 2001 la nonna di una decina di bambini Rom che quest'anno hanno iniziato a frequentare per la prima volta la scuola elementare, ha trascorso, gravemente malata, gli ultimi due mesi della sua vita ospite di un ortolano del quartiere, nella baracca di un orto abusivo sulle sponde del Sangone.

Dieci anni dopo i suoi figli vivono in una condizione non dissimile alla sua, anche se, grazie ad un progetto avviato nell'estate del 2011 che coinvolge cinque famiglie Rom, i suoi nipotini frequentano le scuole del quartiere, con una frequenza superiore alla media cittadina.

Eppure, ancora oggi, queste famiglie vivono per strada, con tutti i disagi che ne conseguono sia per loro che per il territorio.

In questi mesi, oltre l'accoglienza dei bambini da parte delle scuole, alcune realtà e volontari hanno stretto un fragile cordone di solidarietà a sostegno di questa esperienza. Alcuni hanno messo a disposizione un posto nel cortile, altri un bagno, altri ancora il latte per la colazione o un po' di semplice vicinanza umana.

Questo sforzo, che sta già dando frutti miracolosi, anche grazie a qualche sostegno da parte delle istituzioni, ha bisogno dell'intervento di chi, a livelli più alti, può consentire il pieno successo di questa piccola esperienza di tolleranza e convivenza a Torino.

Come operatori e come abitanti ci rivolgiamo quindi alle autorità cittadine per tre questioni su cui i nostri sforzi sono stati finora vani:

1. identificare e autorizzare una collocazione provvisoria delle famiglie, distribuita in postazioni singole, perché non siano oggetto di continui sgomberi;

2. sostenere le procedure necessarie all'ottenimento dei documenti per chi sia nella condizione di apolidia, consentendo così l'avvio di regolari percorsi lavorativi;

3. concedere spazi o locali per l'accoglienza abitativa delle famiglie, nella prospettiva di consentire la maturazione dei requisiti per il successivo ingresso in casa.

Non crediamo che la realizzazione di un nuovo campo nomadi possa sostenere efficacemente l'inserimento e l'integrazione di queste famiglie.
Ci auguriamo che sia possibile intraprendere un percorso che dia a queste famiglie un futuro di emancipazione dalla povertà e dall'esclusione sociale.

Al Prefetto di Torino
S.E. Alberto Di Pace

Al Sindaco di Torino
Piero Fassino

All'Arcivescovo di Torino
Mons. Cesare Nosiglia

Loro sedi


To the kind attention of Mr Alberto Di Pace
Prefect of Turin

To the kind attention of Mr. Piero Fassino
Mayor of Turin

To the kind attention of Bishop Cesare Nosiglia
Archbishop of Turin

ROMA FAMILIES IN SOUTH-MIRAFIORI

In 2001, the grandmother of ten Roma children who started attending the primary school for the first time in the year 2011-2012, has passed, seriously ill, the last two months of her life hosted by a gardener of South-Mirafiori, inside an illegal orchard's shack along the banks of Sangone creek.
Ten years later, her sons and daughters live in conditions not different from the one she experienced. That even if, thanks to a project involving five Roma families, started in Summer 2011, her grandchildren are attending local primary schools, with a frequency higher than the average of Turin.
Yet, even today, these families live on the streets, with personal and social disadvantages for them and the territory, as well.
In these last months, local schools welcomed children in their classes. Furthermore, a slight solidarity supporting this experience has been forwarded by some local entities and volunteers: some of them hosted Roma families with campers in their courtyards, others offered the possibility to shower, and some others gave milk for breakfast or simply human neighborhood.
This effort, already bearing some unexpected results, thanks also to the support given by the institutions, needs the support of someone at higher levels allowing the full success of this little experience of tolerance and cohabitation in Turin.
We, workers and residents of South-Mirafiori, wish to submit to the city authorities these three issues on which our efforts have not reached the expected results:
1. to identify and authorize a temporary accomodation for these families. Every family should stay in individual location, in order not to undergo continuous evictions;
2. to take charge of the procedures necessary to obtain the documents for stateless people, allowing to start regular working projects;
3. to provide spaces or to house these families, so that they can qualify for entering a real future home.
We do not believe that creating a new Roma camp can effectively support the inclusion and the integration of these families.

We hope that we can undertake a way to give these families a future of emancipation from poverty and social exclusion.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/05/2012 @ 09:33:23, in lavoro, visitato 1172 volte)

Corriere della Sera Lo denuncia una ricerca dell'Associazione 21 luglio

ROMA - Un milione e 600 mila euro. Questa la spesa sostenuta dal Comune di Roma per finanziare tre progetti di reinserimento socio-lavorativo rivolto a 125 Rom. Ma solo per 16 di loro la «borsa lavoro» si è concretizzata in un contratto vero, con un costo pro capite di centomila euro. Sono i numeri di «Lavoro sporco», la ricerca elaborata da Angela Tullio Cataldo dell'Associazione 21 luglio. Dallo studio emerge che per il progetto della "pulizia dei campi", una grossa quantità di denaro pubblico è stato elargito a pioggia e senza un reale controllo da parte dell'amministrazione. Somme ingenti, più di un milione di euro, secondo l'associazione stanziati senza progettualità. Addirittura c'è il sospetto che siano finiti nelle tasche di sedicenti rappresentati delle diverse comunità Rom per ottenere una cosa specifica in cambio: lo spostamento dell'insediamento.

IL PROGETTO - Non c'è un nome del progetto per la pulizia dei campi attrezzati, che ha fatto emergere il sospetto di accordi poco limpidi tra le amministrazioni e i rappresentanti delle comunità Rom. A fronte dei finanziamenti, sostiene la ricerca, non ci sono stati risultati in termini di miglioramento della condizione lavorativa e sociale per chi vi ha partecipato. Grazie alle testimonianze di alcuni Rom si è ipotizza che lo scopo principale del progetto sia stato quello di facilitare lo sgombero degli insediamenti presenti in città. Nel 2010 la Martora viene chiusa e 250 Rom vengono trasferiti a Castel romano, a 30 chilometri dalla città. «Avevano garantito un lavoro a 18 di noi se avessimo promosso lo spostamento del campo – recita una testimonianza presente nel dossier – ma queste promesse non sono mai state onorate e ci siamo ritrovati senza niente, lontani dalle scuole e dalla possibilità di un lavoro». Le cooperative Rom che dovevano pulire il campo venivano ricompensate con circa 40 mila euro al mese, ma il denaro veniva versato direttamente al rappresentante che, nella maggior parte dei casi, assumeva solo famigliari e non rispettava gli accordi presi per lo svolgimento del lavoro.



TOR DE CENCI - Sembra che sia successo a Tor de Cenci. Proprio il campo per cui continua ad essere chiesta la chiusura per trasferire i residenti nel nuovo villaggio attrezzato de La Barbuta. «Il Comune ha affidato la pulizia alla comunità - racconta un rappresentante dei Rom - senza che vi sia un controllo dei fondi spesi: si vuole favore la chiusura di un campo che avrebbe bisogno solo di una manutenzione ordinaria». Infatti le condizioni igienico-sanitarie sono inquietanti e l'insediamento sembra essere totalmente abbandonato dalle amministrazioni.

LO STUDIO - Nella ricerca sono stati presi in considerazione i parametri base per la determinazione della funzionalità di ogni progetto. Fra i tre progetti finanziati tra il 2010 e il 2011, solo il primo denominato Resit ha avuto una reale inclusione socio-lavorativa, perché l'unico a non essere stato elaborato specificatamente per la comunità Rom, ma in generale per le fasce più deboli della società. Oltre a questo, il progetto Retis è stato anche l'unico ad avere un reale svolgimento all'esterno del campo. «Il reinserimento nel mondo del lavoro è una condizione fondamentale per ogni persona, perché garantisce la possibilità di spostamento ed emancipazione – spiega la responsabile della ricerca – C'è la necessità di superare la logica del campo, presente solo nel nostro Paese, che oggi crea una forte discriminazione tra chi vi abita. Il lavoro offre una possibilità d'uscita e proprio per questo è importante mandare avanti quei progetti che hanno avuto successo». Carlo Stasolla, presidente di 21 luglio, fa sapere che il testo sarà consegnato all' assessore alle Politiche sociali del Comune, proprio per «spingere l'amministrazione a effettuare maggiori controlli e a favorire il progetto Retis, l'unico che abbia realmente ottenuto dei risultati».

Veronica Altimari - 17 maggio 2012

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/05/2012 @ 07:25:18, in Italia, visitato 1107 volte)

Sabato 26 maggio 2012 Palazzina Liberty – Largo Marinai D'Italia 1 – Milano
dalle 15.30 alle 19.30


Naga – Gruppo di Medicina di Strada presenta
ROM E GAGI: ABITARE INSIEME LA CITTÁ

Da secoli la convivenza di rom e sinti con le popolazioni dei paesi nei quali hanno vissuto è stata segnata da pregiudizi e discriminazioni. Solo un anno fa, la campagna elettorale del sindaco uscente e dei suoi alleati si è incentrata sul pericolo che Milano diventasse una "zingaropoli". In diversi casi, in varie città italiane, vi
sono stati episodi ancora più gravi di intolleranza e violenza contro gli abitanti dei campi rom.

Medicina di strada, composta da volontari del Naga che lavorano da più di dieci anni nei campi irregolari e regolari di Milano, occupandosi della salute e dei bisogni delle famiglie rom che vi vivono, vuole proporre uno sguardo diverso sulla cultura e sulla realtà dei popoli rom e sinti, nella convinzione che per rom e "gagi"
(termine che in lingua romanì indica "non rom") abitare insieme la città sia possibile.

All'incontro partecipano, oltre ai volontari del Naga, famiglie rom, associazioni che rappresentano e che operano con i rom, esponenti dell'amministrazione comunale, dei consigli di zona e delle associazioni di quartiere.

Programma:

L'identità e la storia di rom e sinti
Giorgio Bezzecchi (Vice Presidente nazionale Federazione Rom e Sinti Insieme)

La vita nei campi irregolari a Milano e la storia degli sgomberi negli ultimi anni
Racconti, testimonianze e proiezione di video

L'intervento del Naga
Per i volontari di Medicina di Strada: Andrea Galli, Cinzia Colombo, Simonetta Jucker e Tina Aiolfi

"La discriminazione contro di noi supera tutte le frontiere": leggi, ordinanze, sgomberi e antiziganismo
Marzia Barbera (Naga Medicina di Strada)

Dibattito

Interverranno: musicisti, comici, registi rom

Aperitivo rom


D'intesa con la Presidenza del Consiglio Comunale di Milano - Ingresso libero - www.naga.it naga@naga.it – 349.1603305

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/05/2012 @ 09:11:16, in Italia, visitato 1162 volte)

(foto tratta da Il Giorno)

Sabato 26 maggio faremo al Terradeo la 6^Festa del Quartiere. Venite a conoscerli (ma portatevi la vostra ragione), per capire e giudicare coi vostri occhi quanto è miserabile il pregiudizio.

VIA DEI LAVORATORI 2 (zona industriale)

*Sabato 26 maggio 2012
Ore 10.30 Messa al campo
Ore 11.30 Incontro con le Autorità e i Visitatori, presentazione e visita del Quartiere Terradeo
Ore 12.00 Rinfresco
Ore 14.30 Giochi per i bambini e merenda

*Domenica 27 maggio 2012
Apertamente e Punto Parco Terradeo alla Festa delle Associazioni in Cascina Fagnana.

I Sinti (e i Rom, e tutti gli altri discriminati) non li vorrei né eroi né vittime delle abituali persecuzioni. Mi piacerebbe che fossero così considerati, come li conosco da tanti anni, semplicemente persone. Vorrei che, come ogni persona ne ha diritto, fossero giudicati per quel che sono ciascuno di loro, come ognuno di noi.
La realtà è, invece, che sono giudicati in blocco da gente che ha il cervello annebbiato dal pregiudizio e dall’incapacità di conoscere e capire.
Loris, un giovanotto sinto, simpatico e lavoratore, è in giro per raccogliere il ferro: l’unico quasi ormai tra i lavori che la crisi e il discrimine lasciano a quelli come lui, che di lavori ne ha fatti tanti, per provvedere alla sua famiglia, anche più d’uno contemporaneamente. Vede un uomo che si getta nel Naviglio, a Trezzano, dal ponte gobbo. Spegne il motore del camioncino, si toglie le scarpe, si getta in acqua. Con lui ci sono due cognati che lo aiuteranno a portare a riva l’aspirante suicida, un uomo anziano, che recuperando la vita non ha certo risolto i suoi problemi. Loris e i due cognati risalgono in cabina, riavviano il motore e se ne vanno. Tutto qui.
La notizia gira, i giornalisti si fanno giustamente vivi, qualcuno lo avverte anche la nostra associazione fondata da sinti e non sinti, "ApertaMente di Buccinasco", del cui Consiglio Loris fa parte, con sede nel Quartiere Terradeo di questa Città (vedi QUI ndr)
Per l’opinione corrente è un po’ come l’uomo che morde il cane: una stranezza.
Un grande scrittore ha detto: sfortunato quel popolo che ha bisogno di eroi. Di quanti Loris ha bisogno il popolo sinto perché cambino idee e comportamenti nei suoi confronti?

Ernesto Rossi, presidente di "ApertaMente di Buccinasco"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

campo rom, Roma © Amnesty International - Data di pubblicazione dell'appello: 15.05.2012
Status dell'appello: attivo - La petizione può essere firmata anche sul sito internazionale

L'attuazione dell'"emergenza nomadi" ha condotto a gravi violazioni dei diritti umani di migliaia di donne, uomini e bambini rom residenti nei campi e ha permesso una maggiore impunità per le violazioni di norme internazionali in materia di alloggio adeguato.

Centinaia di famiglie rom in Italia sono intrappolate in un circolo vizioso di sgomberi forzati. Bambini, uomini e donne che vivono in campi informali vengono sgomberati ogni giorno senza alcuna tutela giuridica, molto spesso restando senzatetto e vedendo aumentare ulteriormente la discriminazione nei loro confronti.

Anche le persone rom che vivono nei campi autorizzati e tollerati sono a rischio di sgomberi illegali. I piani per la chiusura di diversi campi a Roma e Milano sono stati stabiliti durante l"emergenza nomadi", un provvedimento discriminatorio adottato dalle autorità nazionali nel maggio 2008. Anche se l"emergenza nomadi" è stato ufficialmente dichiarata illegittima lo scorso novembre dal Consiglio di stato, le autorità italiane sono ancora impegnate a portare avanti questi piani, invece di fornire rimedi per coloro che hanno subito le violazioni, attraverso gli sgomberi forzati, la segregazione in campi inadeguati e l'insicurezza della loro condizione abitativa.

Il governo italiano ha la responsabilità di rispettare, proteggere e garantire la realizzazione dei diritti umani delle persone rom, compreso il loro diritto a un alloggio adeguato. Tuttavia, a sei mesi dal suo insediamento, il governo deve ancora dimostrare il suo impegno per la tutela dei diritti umani delle persone rom non solo con le parole, ma con i fatti.

Anna Maria Cancellieri
Ministero dell'Interno
Palazzo Viminale
Via Agostino Depretis 7,
00184 Roma
Email: scrivialministro@interno.it
Prof. Andrea Riccardi
Ministro per la Cooperazione internazionale e l'integrazione
Largo Chigi 19
00187 Roma
Email: segreteria.ministroriccardi@governo.it

Egregio Ministro,

Sono un simpatizzante di Amnesty International, l'Organizzazione non governativa che dal 1961 agisce in difesa dei diritti umani, ovunque nel mondo vengano violati.

Vorrei esprimere la mia preoccupazione per il fatto che centinaia di famiglie rom sono intrappolate in un circolo vizioso di sgomberi forzati in Italia. Bambini, uomini e donne che vivono nei campi informali sono stati sgomberati senza una previa consultazione né un adeguato preavviso e senza accesso a un alloggio alternativo accettabile o via di ricorso efficaci.

Mi preoccupa inoltre il fatto che le autorità locali sembrino impegnate a portare avanti i piani di chiusura dei campi anche se l"emergenza nomadi" è stata dichiarata illegittima dal Consiglio di stato lo scorso novembre, e che nel febbraio 2012 il governo abbia presentato ricorso contro questa decisione alla Corte di Cassazione.

I piani di chiusura dei campi autorizzati e tollerati a Roma e Milano hanno già portato a continui sgomberi forzati, al sovraffollamento, alla segregazione delle persone rom in campi inadeguati e a una sempre maggiore insicurezza della loro condizione abitativa. Queste azioni violano trattati internazionali e regionali sui diritti umani di cui l'Italia è parte.

Le scrivo per chiederle di fare tutto in quanto in suo potere affinché:

  • vengano interrotti immediatamente gli sgomberi forzati e sia promossa una nuova legislazione che ne recepisca il divieto, per garantire che tutti gli sgomberi forzati siano effettuati nel rispetto del diritto e degli standard internazionali;
  • vengano adottate misure, incluse linee guida, per garantire che tutti i funzionari coinvolti negli sgomberi forzati siano dotati di indicazioni chiare sulle garanzie che devono essere prese in considerazione affinché uno sgombero avvenga legalmente, in conformità con gli obblighi esistenti;
  • siano sospesi i piani per la chiusura dei campi "autorizzati" e "tollerati", stabiliti a livello locale in base all'"emergenza nomadi", tra cui quelli di Roma e Milano, fino a quando piani alternativi che rispettino pienamente i diritti umani siano stati sviluppati in consultazione con tutte le persone interessate;
  • sia ritirato il ricorso contro la decisione del Consiglio di stato del novembre 2011 e forniti rimedi efficaci, attraverso la creazione di meccanismi e procedure adeguate, a tutti coloro che hanno subito violazioni dei diritti umani come conseguenza dell'"emergenza nomadi".

La ringrazio per l'attenzione.

Scarica l'appello in favore dei diritti dei rom (8.75 KB)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/05/2012 @ 09:07:53, in scuola, visitato 1106 volte)

...di segno opposto, la prima da Milano e la seconda da Pescara

La guerra (vinta) di Marius: "In biblioteca sto bene… è il posto migliore che ho conosciuto" Corriere della Sera di Alessandra Coppola

(video di Amnesty Italia)

La guerra di Marius, contro una vita di campi provvisori che l'avevano condannato a un'esistenza di analfabetismo e marginalita'. Arrivato a 16 anni a Milano dalla Romania senza mai aver messo piede in una scuola, nonostante otto sgomberi ha imparato a leggere e a scrivere in italiano con una borsa di studio della Comunità di Sant'Egidio e delle mamme e maestre di Rubattino. Ora il suo rifugio in città è una una biblioteca comunale (quella di via Valvassori Peroni, zona Rubattino-Lambrate): "Anche quando non avevo dove andare venivo qui… è il posto migliore che ho conosciuto". Il video di Christine Pawlata e Nicola Moruzzi è stato premiato domenica al Salone del libro di Torino al concorso nazionale "A CORTO DI LIBRI. I cortometraggi raccontano le biblioteche"


LA STORIA L'HANNO ACCUSATA DI ESSERE «UNA DELINQUENTE COME TUTTI GLI ZINGARI» Il Tempo
Rom cacciata dai compagni di scuola
La professoressa: «Una ragazza intelligente. Per fortuna è tornata»
Stefano Buda Le tensioni seguite all'omicidio di Domenico Rigante hanno lasciato il segno.


Nelle scuole della città, qualcosa si è spezzato nel percorso di crescita comune tra italiani-italiani e italiani di origine Rom. Dalle scuole della città occorrerà ripartire, per abbattere i muri del pregiudizio e ricostruire il dialogo tra culture. Dopo la morte dell'ultrà biancazzurro, per diversi giorni, il processo d'integrazione ha subito un corto circuito. Un fenomeno che ha colpito soprattutto i più giovani, ragazzi e ragazze come la giovane studentessa Rom, di 17 anni, che chiameremo Anna. Anna frequenta un noto istituto di scuola secondaria, non lontano da Rancitelli, il quartiere dove vive con la sua famiglia. Una compagna di classe, sull'onda del clima da caccia alle streghe che ha pervaso Pescara, la accusa di essere «una delinquente, come tutti gli zingari». Anna è esasperata. La sera prima ha chiamato la polizia, avendo visto «facce strane» bighellonare attorno a casa, e ormai nota una luce diversa negli sguardi della gente. Reagisce male, difendendosi e contrattaccando con veemenza. Dopo la lite decide che non andrà più a scuola. «È già molto difficile che una donna Rom prosegua gli studi dopo l'età dell'obbligo - spiega una sua insegnante - sarebbe stato un vero peccato perdere una ragazza intelligente come lei, che ha compreso l'importanza dell'istruzione come forma di riscatto e dimostra grandi doti e capacità». Anna per fortuna ci ripensa e dopo alcuni giorni torna in classe. È lei a chiedere scusa. «Nonostante non fosse stata lei a scatenare la lite - prosegue la professoressa - ha avuto la forza e l'umiltà di riconoscere l'errore, dimostrando che la scuola aiuta a compiere progressi, modificando anche certe attitudini tipiche di alcune culture»". La vicenda di Anna non rappresenta un caso isolato. Molti altri ragazzi Rom, che frequentano l'istituto, nei giorni scorsi sono rimasti a casa. Avevano paura. Per fortuna, lentamente, il clima si sta rasserenando. «Non si erano mai verificati episodi simili in precedenza - osserva l'insegnante - il processo d'integrazione è sempre stato pacifico e armonioso, anche grazie al coinvolgimento dei genitori italiani e Rom, nel corso dei frequenti colloqui». È da qui che occorrerà ripartire, per sanare le ferite inferte a una convivenza che, dopo l'omicidio di Domenico Rigante, appare sempre più difficile. Intanto il sindaco Mascia ha chiesto al prefetto Vincenzo D'Antuono l'istituzione di un Tavolo tecnico. «Occorre eliminare quei piccoli, grandi fenomeni di abusi, soprusi, angherie che molti sono costretti a subire ogni giorno da poche famiglie che pensano di poter vivere al di fuori delle leggi e delle regole del vivere civile». Ricomincerà a breve lo sfratto agli inquilini abusivi grazie all'erogazione di 100mila euro stanziato dalla Regione Abruzzo, da destinare all'Ater.

15/05/2012

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/05/2012 @ 09:13:19, in conflitti, visitato 1335 volte)

Da Czech_Roma

Commento di Pavel Pospěch: I Rom "sull'attacco a Brno" - Pavel Pospěch, translated by Gwendolyn Albert
Prague, 11.5.2012 20:32, (Originally published in Czech at Blog RESPEKT. Published with the kind consent of the author)

La criminalità rom sta uscendo di controllo e ogni giorno ci sono violenze per le strade. Inoltre, i media sono dalla parte dei Rom ed ignorano completamente il problema. Questo significa che noi gente comune dobbiamo condividere le nostre esperienze e quanto sappiamo, così che sempre di più i politici sappiano che non siamo indifferenti agli attacchi dei Rom!

Vi dirò cos'è successo ai miei amici. Qualche sera fa, stavano bighellonando per le strade di Brno, cercando un posto aperto dove poter continuare la loro appassionata discussione davanti ad una birra. Per strada si aggregò un compagno, dall'apparenza piuttosto malmessa e probabilmente senza un tetto sulla testa. Aveva bevuto e non interloquiva granché con gli altri, anche se quella allegra compagnia nel mezzo della notte sembrava averlo attratto. Si unì ai miei quattro amici, rimanendo un po' indietro alla compagnia.

E' successo tutto d'improvviso. Hanno udito dei passi rapidi, e dal nulla sono apparsi due Rom ben piazzati. Avevano seguito i miei amici, forse da una strada vicina. Sono saltati addosso al senzatetto e l'hanno sbattuto a terra con diversi pugni. C'è voluto solo un istante. Il senzatetto giaceva a terra, i miei amici erano lì in piedi senza sapere che fare. Sorridendo, anche i Rom erano lì in piedi. "E' un vostro amico?" chiese uno di loro. "Pensavamo fosse qualcun altro," disse con un bel sorriso, quasi scusandosi. "Allora, cosa volete fare?" chiese ai miei amici. "Lo lasciate così?" I miei amici non sapevano che dire. Erano tre uomini e una donna, tutti mingherlini, di fronte a tre massicci criminali rom, che non aspettavano altro che di iniziare una rissa. "Gli daremo 20 corone, d'accordo?" minacciò un altro Rom. "Dovrebbero bastare, giusto?" Si stavano divertendo moltissimo. Avevano picchiato un barbone per puro divertimento e ora stavano umiliando chi era insieme a lui.

I miei amici hanno fatto l'unica cosa possibile in quel momento. Hanno chiamato la polizia e segnalato l'incidente, ma quando la pattuglia è arrivata sulla scena, tutto era già terminato. Il senzatetto malmenato si era rialzato e seduto sul marciapiedi ed i Rom erano spariti. Forse erano andati a brindare il successo del loro divertimento con una bevuta. O forse a cercare qualche altra vittima. Di notte le strade sono piene di obiettivi solitari.

E' una storia vera, ma...

Tutto ciò che ho scritto è successo veramente. Solo una cosa non è corretta: gli assalitori non erano Rom; erano Cechi bianchi, come voi e me. Un segno particolare: avevano le teste rasate.

Non Rom, ma dei "bianchi". Qual è la differenza? Beh, probabilmente sono cresciuti in una casa o un appartamento normali, non un ostello con 10 persone per stanza. Non in un edificio in rovina nel quartiere peggiore della città. Probabilmente non hanno frequentato scuole "speciali". Hanno frequentato la scuola dell'obbligo normale, come voi o io, e hanno potuto scegliere dove continuare gli studi. I loro genitori e fratelli non sono andati alla scuola "speciale", quindi quel gruppo non è dovuto crescere tra gente la cui unica istruzione proveniva dalla scuola "speciale". La loro lingua madre è probabilmente il ceco, che a scuola è naturalmente un vantaggio. I loro parenti non sono in prigione e la loro famiglia non sta pagando interessi mortali agli usurai. Il colore della loro pelle è uguale a quello di tutti gli altri. Le guardie di sicurezza non li pedinano nei supermercati. Se salgono sul tram, il controllore non risale tutta la vettura solo per loro. Probabilmente non soffrono di disagi materiali. Non vivono in mezzo a gente in dipendenza da droghe o gioco d'azzardo. Niente di tutto questo può spiegare il motivo per cui assalgono delle persone. Se picchiano la gente, è solo per divertimento.

Qual è la differenza più grande? Se fossero stati Rom, avreste appreso di questa storia dalle prime pagine dei giornali. Le testate online si sarebbero precipate sulla scena del crimine. La gente avrebbe condiviso e diffuso queste notizie attraverso Internet. Gli inserzionisti si starebbero fregando le mani dalla gioia, nel trovare i loro annunci accanto ad articoli che sollevano tanto interesse. La Gioventù Lavoratrice avrebbe indetto una marcia attraverso Brno.

Però... non erano Rom, quindi la maggior parte di voi leggerà quanto è accaduto su di un blog come questo. Dopo tutto, Dio sa cosa è successo davvero. I miei amici, erano ubriachi persi, e chissà cosa hanno visto. Forse sono stati loro a provocare. Cosa ci facevano nel mezzo della notte. Perché il senzatetto era con loro? Tutto ciò non deve sorprendere affatto.

Se gli autori non sono Rom, non è una notizia per la prima pagina di iDNES.cz, solo una banale storia da pub. Quel gruppo violento può con tutto comodo continuare a malmenare i senzatetto e chiunque altro capiti nelle loro mani. A fine settimana indossano le loro t-shirt nere, quelle che indossano per le occasioni speciali, e si spostano a Břeclav o in qualche altra città dove i media staranno tenendo un'altra lezione sulla "violenza romanì". Lì, durante un corteo organizzato dal Partito dei Lavoratori, o di una delle sue varianti, protesteranno ad alta voce contro i Rom che hanno picchiato qualcuno.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


14/11/2019 @ 01:39:28
script eseguito in 162 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2713 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source