\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Repubblica Ceca
Di Fabrizio (del 16/05/2012 @ 09:13:19, in conflitti, visitato 1318 volte)

Da Czech_Roma

Commento di Pavel Pospěch: I Rom "sull'attacco a Brno" - Pavel Pospěch, translated by Gwendolyn Albert
Prague, 11.5.2012 20:32, (Originally published in Czech at Blog RESPEKT. Published with the kind consent of the author)

La criminalità rom sta uscendo di controllo e ogni giorno ci sono violenze per le strade. Inoltre, i media sono dalla parte dei Rom ed ignorano completamente il problema. Questo significa che noi gente comune dobbiamo condividere le nostre esperienze e quanto sappiamo, così che sempre di più i politici sappiano che non siamo indifferenti agli attacchi dei Rom!

Vi dirò cos'è successo ai miei amici. Qualche sera fa, stavano bighellonando per le strade di Brno, cercando un posto aperto dove poter continuare la loro appassionata discussione davanti ad una birra. Per strada si aggregò un compagno, dall'apparenza piuttosto malmessa e probabilmente senza un tetto sulla testa. Aveva bevuto e non interloquiva granché con gli altri, anche se quella allegra compagnia nel mezzo della notte sembrava averlo attratto. Si unì ai miei quattro amici, rimanendo un po' indietro alla compagnia.

E' successo tutto d'improvviso. Hanno udito dei passi rapidi, e dal nulla sono apparsi due Rom ben piazzati. Avevano seguito i miei amici, forse da una strada vicina. Sono saltati addosso al senzatetto e l'hanno sbattuto a terra con diversi pugni. C'è voluto solo un istante. Il senzatetto giaceva a terra, i miei amici erano lì in piedi senza sapere che fare. Sorridendo, anche i Rom erano lì in piedi. "E' un vostro amico?" chiese uno di loro. "Pensavamo fosse qualcun altro," disse con un bel sorriso, quasi scusandosi. "Allora, cosa volete fare?" chiese ai miei amici. "Lo lasciate così?" I miei amici non sapevano che dire. Erano tre uomini e una donna, tutti mingherlini, di fronte a tre massicci criminali rom, che non aspettavano altro che di iniziare una rissa. "Gli daremo 20 corone, d'accordo?" minacciò un altro Rom. "Dovrebbero bastare, giusto?" Si stavano divertendo moltissimo. Avevano picchiato un barbone per puro divertimento e ora stavano umiliando chi era insieme a lui.

I miei amici hanno fatto l'unica cosa possibile in quel momento. Hanno chiamato la polizia e segnalato l'incidente, ma quando la pattuglia è arrivata sulla scena, tutto era già terminato. Il senzatetto malmenato si era rialzato e seduto sul marciapiedi ed i Rom erano spariti. Forse erano andati a brindare il successo del loro divertimento con una bevuta. O forse a cercare qualche altra vittima. Di notte le strade sono piene di obiettivi solitari.

E' una storia vera, ma...

Tutto ciò che ho scritto è successo veramente. Solo una cosa non è corretta: gli assalitori non erano Rom; erano Cechi bianchi, come voi e me. Un segno particolare: avevano le teste rasate.

Non Rom, ma dei "bianchi". Qual è la differenza? Beh, probabilmente sono cresciuti in una casa o un appartamento normali, non un ostello con 10 persone per stanza. Non in un edificio in rovina nel quartiere peggiore della città. Probabilmente non hanno frequentato scuole "speciali". Hanno frequentato la scuola dell'obbligo normale, come voi o io, e hanno potuto scegliere dove continuare gli studi. I loro genitori e fratelli non sono andati alla scuola "speciale", quindi quel gruppo non è dovuto crescere tra gente la cui unica istruzione proveniva dalla scuola "speciale". La loro lingua madre è probabilmente il ceco, che a scuola è naturalmente un vantaggio. I loro parenti non sono in prigione e la loro famiglia non sta pagando interessi mortali agli usurai. Il colore della loro pelle è uguale a quello di tutti gli altri. Le guardie di sicurezza non li pedinano nei supermercati. Se salgono sul tram, il controllore non risale tutta la vettura solo per loro. Probabilmente non soffrono di disagi materiali. Non vivono in mezzo a gente in dipendenza da droghe o gioco d'azzardo. Niente di tutto questo può spiegare il motivo per cui assalgono delle persone. Se picchiano la gente, è solo per divertimento.

Qual è la differenza più grande? Se fossero stati Rom, avreste appreso di questa storia dalle prime pagine dei giornali. Le testate online si sarebbero precipate sulla scena del crimine. La gente avrebbe condiviso e diffuso queste notizie attraverso Internet. Gli inserzionisti si starebbero fregando le mani dalla gioia, nel trovare i loro annunci accanto ad articoli che sollevano tanto interesse. La Gioventù Lavoratrice avrebbe indetto una marcia attraverso Brno.

Però... non erano Rom, quindi la maggior parte di voi leggerà quanto è accaduto su di un blog come questo. Dopo tutto, Dio sa cosa è successo davvero. I miei amici, erano ubriachi persi, e chissà cosa hanno visto. Forse sono stati loro a provocare. Cosa ci facevano nel mezzo della notte. Perché il senzatetto era con loro? Tutto ciò non deve sorprendere affatto.

Se gli autori non sono Rom, non è una notizia per la prima pagina di iDNES.cz, solo una banale storia da pub. Quel gruppo violento può con tutto comodo continuare a malmenare i senzatetto e chiunque altro capiti nelle loro mani. A fine settimana indossano le loro t-shirt nere, quelle che indossano per le occasioni speciali, e si spostano a Břeclav o in qualche altra città dove i media staranno tenendo un'altra lezione sulla "violenza romanì". Lì, durante un corteo organizzato dal Partito dei Lavoratori, o di una delle sue varianti, protesteranno ad alta voce contro i Rom che hanno picchiato qualcuno.