Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
AVVISO AI NAVIGANTI: qui potrete trovare molte notizie che abitualmente non volete conoscere.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 17/11/2012 @ 09:09:32, in Italia, visitato 924 volte)

Il tema di questa quarta edizione è "Diverso da chi? Suoni, parole e immagini della discriminazione in Italia".

In Europa milioni di persone sono ancora sottoposte a esclusione sociale, povertà, maltrattamenti e violenza, per quello che sono, quello che si presume siano o ciò in cui credono. Fino a quando l'Europa non affronterà seriamente l'esclusione sociale, la violenza e i maltrattamenti, la povertà e il pregiudizio, le persone continueranno a essere discriminate e a vedere violati i loro diritti umani. Amnesty International, attraverso la campagna "Per un' Europa senza discriminazione", chiede ai governi, alle organizzazioni e ai privati cittadini di impegnarsi pubblicamente per rendere i Diritti Umani una realtà per tutti.

Il tema di quest'anno è fortemente legato all'urgenza di visibilità di quanto succede quotidianamente, in un momento in cui, anche in Italia, vediamo acuirsi fenomeni e atti di violenza verso individui e gruppi di persone sulla base dei pregiudizi più disparati.

Ed è a questi episodi che richiama l'attenzione il sottotitolo del concorso di quest'anno:

"Suoni, parole e immagini della discriminazione in Italia".

Tutti gli artisti non professionisti in gara sono chiamati a ragionare sul tema in maniera personale sul proprio territorio e a renderlo visibile attraverso la loro arte.

Obiettivo del concorso, che si chiuderà il 10 Febbraio 2013, è che anche l'arte, attraverso Amnesty International, possa fare la sua parte nella denuncia di queste forme di discriminazione.

La premiazione del concorso si terrà il 23 Marzo 2013.

Per maggiori informazioni sulla campagna di Amnesty International "Per un'Europa senza discriminazione"

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 16/11/2012 @ 09:08:39, in Kumpanija, visitato 807 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/11/2012 @ 09:15:39, in blog, visitato 835 volte)

Nel disperato tentativo di riordinare le informazioni che abitualmente (e distrattamente, credo) leggete sulla fascia a destra dei post, è nata la pagina WIKIMAHALLA, dove trovate:

  1. Le produzioni di Mahalla
  2. la sezione Dicono di noi
  3. ed il Bollettino dei Naviganti con alcuni suggerimenti per capire dove siete capitati.

Se non vi basta, provate a curiosare nella sezione Autori. Buona lettura.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 14/11/2012 @ 09:04:59, in Europa, visitato 1013 volte)

Cambridge news Assessore si  scusa per una mail "scherzosa" sui Traveller by Chris Havergal

Ha causato delle scuse la mail che prendeva in giro i Traveller, inviata dall'assessore incaricato della riapertura del sito di Meldreth.

Mark Howell, membro del gabinetto per l'alloggio del South Cambs District Council, ha ammesso di aver fatto "stupidamente" circolare una foto di un falso segnale stradale che mostrava una roulotte e le parole "F*** off gypos". Sotto, chiedeva: "Pensate che la contea ne ordinerà un po'?"

La mail venne spedita sei anni fa ai colleghi del consiglio, quando era in un gruppo indipendente, ma venne poi ripresa dagli oppositori al controverso piano di riaprire il sito di Mettle Hill a Meldreth.

Il consigliere Robin Page, uno dei destinatari delle mail, dice che Howell era d'accordo che i Traveller fossero a Meldreth, ma non lo era il reparto Papworth and Elsworth da lui rappresentato, che ne chiese le dimissioni.

Dice Howell: "Quella mail di oltre sei anni fa non è stata altro che uno scherzo privato tra amici di un gruppo indipendente di cui allora facevo parte, ed ora viene usata per scopi politici. Chiunque mi conosca sa che non condivido le opinioni lì contenute, e che ho lavorato senza sosta per tutti i residenti da quando sono stato eletto consigliere. Col senno di poi è stata una cosa stupida inviarla e posso solo chiedere scusa se qualcuno si è offeso."

Il consiglio si è riunito stasera (8 novembre, ndr.) per discutere il progetto di acquistare e ristrutturare Mettle Hill, focolaio di criminalità e vandalismo sino alla chiusura nel 1996.

Il consigliere Mark Howell

Oltre 500 abitanti si riuniranno in un'assemblea martedì (scorso. ndr.), e tra loro i Traveller che vivono al lato opposto del sito e che sono, secondo loro, a minaccia di sgombero.

Il consigliere Page, che rappresenta Haslingfield e The Eversdens, ha detto che il comportamento di Howell è stato "intollerabile".

"Penso sia stato vergognoso," ha detto Page. "Penso che non solo avrebbe dovuto lasciare la giunta, ma dimettersi da consigliere."

Diversi membri del consiglio negli anni recenti hanno fatto dichiarazioni incandescenti sui Traveller. Il conservatore Mervyn Loynes disse di voler "mettere un campo minato" attorno a Smithy Fen in Cottenham.

Il consigliere Loynes ha accettato di partecipare ad una commissione d'inchiesta.

La consigliera Deborah Roberts ha detto che i Travellers di Smithy Fen dovrebbero essere lasciati "a mollo" nelle acque di scarico e che si sarebbe lanciata in un attacco suicida esplosivo sull'insediamento se avesse avuto il cancro.

Nessuna consultazione su Mettle Hill

Il sito di Mettle Hill

Dice un consigliere che gli abitanti in prossimità di un ex sito di Traveller vorrebbero dire la loro sulla riapertura.

In una riunione convocata sull'argomento a Meldreth, la consigliera Susan Van de Ven, che rappresenta Melbourn, Meldreth e Shepreth, ha lamentato la totale mancanza di consultazioni.

Oltre 500 persone si sono radunate in una saletta dopo che il consiglio distrettuale di South Cams aveva fatto trapelare di voler acquistare e ristrutturare i lotti del vicino Mettle Hill - che furono esposti a criminalità e vandalismi sino alla chiusura nel 1996.

Ha detto Van de Ven: "Sono arrabbiata perché nessuno di noi ne sapeva niente fino alle 10 di mercoledì 31 ottobre, ma il consiglio della contea ne aveva parlato con quello di quartiere già dall'estate scorsa."

"Meldreth è una questione molto sentita, sono orgogliosa di vivere in questa comunità che si è ben integrata con i Traveller, e la nostra campagna deve riflettere questo spirito. E' un tema che suscita parecchia attenzione ed  è importante che sia data retta ai nostri punti di vista."

Il consiglio ha annunciato l'intenzione di spendere 500.000 sterline, finanziate dal governo, per riaprire Mettle Hill con nuovi servizi e con un numero di piazzole tra le 8 e le 10.

Un portavoce ha detto che l'apertura del sito aiuterebbe a mantenere i propri obblighi di fornire sufficienti sistemazioni per i Traveller e ha promesso che il sito verrà gestito con cura.

Il progetto verrà discusso dalla maggioranza stasera alle 18 e poi dovrà essere votato dal consiglio il 22 novembre.

[...]

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/11/2012 @ 09:15:59, in Italia, visitato 1060 volte)



Il problema sicurezza è stato spesso al centro del dibattito politico tanto da segnare intere campagne elettorali e l'azione di molte amministrazioni locali. Chi può dirsi veramente ed integralmente sicuro?

A Roma questo si è tradotto in una dizione molto presente tra gli ultimi argomenti di conversazione della politica, della società civile e della magistratura: Piano Nomadi. La questione non riguarda amministrazioni solamente di destra, anche le politiche di Veltroni per i Rom della città non si sono distanziate molto da ciò che accade oggi. La differenza è di genesi e legittimità. Il progetto attuale trova la sua origine politica dal neologismo berlusconiano Emergenza Rom, coniato nel 2009. Da quel momento nella Capitale si sono succeduti 470 sgomberi, sono stati chiusi 10 grandi campi e sono stati spesi 60 milioni di euro. Dopo più di tre anni, e nonostante le proteste da parte delle associazioni che da sempre lavorano affianco dei Rom, siamo giunti ad un giro di boa. La Repubblica esce con un dossier on-line che inquadra il problema e ne evidenzia alcune problematiche, come:

1. l'esagerazione delle dimensioni del problema,

2. provvedimenti contrari al diritto internazionale,

3. mancato rispetto della volontà delle persone,

4. creazione di mega-campi incontrollati alla periferia della città.

Tale politica, come denunciano le associazioni di settore, fa oggi i conti con un alto prezzo in termini di integrazione, risorse mal spese, sicurezza e credibilità del nostro Paese in Europa sul tema dei diritti umani.

I dati sulla popolazione Rom a Roma fotografano però una situazione molto chiara: sono circa 7000 i Rom della città (lo 0,002% della popolazione della capitale) di cui il 50% di minori (il 35% non supera i 14 anni). Stiamo parlando di una popolazione estremamente giovane, formata per lo più di bambini. Non stupisce quindi che sono i bambini i più colpiti dal Piano Nomadi. I tanti sgomberi che hanno interessato la capitale hanno di fatto impedito a molti bambini di avere una continuità scolastica a spese di scolarizzazione ed integrazione.

Il Piano Nomadi ha poi pesato per 60 milioni di euro sulle casse dell'amministrazione comunale, anche se "con 35-40 milioni di euro", ha commentato Stasolla, presidente di 21 luglio, associazione nata per difendere i diritti dell'infanzia, "avremmo potuto dare casa a tutti i rom e sinti nei campi del nostro Paese. Ne avanzavano 15" conclude Stasolla "per dare case agli italiani". La Banca Mondiale ha dichiarato che "l'integrazione completa dei Rom potrebbe garantire un incremento di circa 0,5 miliardi all'anno per le economie di alcuni paesi" e in questo non è da escludersi l'Italia.

Molte persone continuano a legittimare gli atteggiamenti del Piano Nomadi con il luogo comune che, essendo nomadi, non hanno bisogno di un'abitazione fissa e le amministrazioni che si succedono non possono far altro che trovare soluzioni provvisorie in campi sempre meno attrezzati e sempre più lontani dalla città. Alcuni mettono avanti l'esperienza di persone che hanno subìto dei furti in casa da parte di Rom.

A questi due differenti livelli di pensiero ha provato a rispondere il Ministro per la Cooperazione Internazionale e l'Integrazione Andrea Riccardi parlando di "superamento dei campi rom". In effetti è un tòpos diffuso che i Rom siano nomadi. Oramai in Italia vi sono famiglie stanziali da più di tre generazioni. Detto questo potremmo aggiungere che il primo limite del Piano Nomadi sia proprio nella dizione: non si tratta affatto di nomadi. Ha affermato il Ministro: "io non credo che bisogna santificare il popolo Rom. Ma non si può criminalizzare un'intera comunità!". Il Ministro è convinto che "bisogna uscire da una logica di emergenza verso i Rom" e che bisogna "passare ad una logica di costruzione del futuro". Questo disegno non sarebbe nuovo per la città di Roma. La Capitale ha già vissuto periodi di emergenza abitativa ai quali ha saputo dare una risposta nel corso degli anni. Non tutti ricordano i baraccati del Mandrione o del Cinodromo; emigranti per la maggioranza del sud della Penisola in cerca di una vita migliore. Vivevano in abitazioni di fortuna, arrangiate a ridosso di un acquedotto o issate dalla lamiera. In condizioni miserevoli crescevano i propri figli e sognavano un futuro diverso per sé e le generazioni a venire. I piani di edilizia popolare degli ultimi decenni del '900 hanno provato a dare una risposta a queste persone. Ancora oggi, recandovi a Spinaceto nella periferia sud di Roma, è possibile che bambini e ragazzi di via Lorizzo chiamino ancora "il Mandrione" quella fascia di palazzoni popolari dove, oramai tre generazioni fa, sono stati trasferiti i loro parenti proprio da via del Mandrione, dove avevano issato un'abitazione di lamiera a ridosso dell'acquedotto Felice dopo essere fuggiti dalla miseria della loro provincia di provenienza.

Esiste un riscatto per tutti! Perché non può essere vero anche per i Rom, esigua minoranza nella nostra città?

Alla luce di questo, insieme al Ministro Riccardi possiamo affermare che "una delle più grandi battaglie per l'integrazione sia cambiare mentalità".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 12/11/2012 @ 09:13:30, in blog, visitato 980 volte)

Alexian Spinelli: "La cultura rimossa"
Intervista a un ambasciatore di una cultura millenaria, rispetto alla quale l'Occidente è in debito. Ma è come se non riuscisse a ricordarlo. Docente universitario, musicista e ambasciatore della cultura rom, Alexian Santino Spinelli ha ricevuto in questi giorni un importante riconoscimento. Ha presenziato all'inaugurazione a Berlino...

Mantova, dalla Strategia Nazionale alla Strategia Locale: partita l'annualità 2012
La Strategia Locale Men Sinti (Noi Sinti) nasce da una progettazione condivisa tra Provincia di Mantova, Associazione Sucar Drom, Fondazione Marcegaglia Onlus, ConsorzioProgetto Solidarietà, For.ma, Sol.Co Mantova, Caritas, Promoimpresa ed ha l'obiettivo di promuovere condizioni di migliore interazione sociale e lavorativa per i cittadini italiani, appartenenti alle minoranze linguistiche sinte e rom, e per i cittadini immigrati, appartenenti alla minoranza rom che abitano la provincia mantovana...

Il Giornale alimenta credenze infondate e visioni stereotipate
Nella homepage dell'edizione online del quotidiano Il Giornale, in data 30 ottobre è comparso un articolo intitolato: «Rom rapisce una bambina e spara all'eroe che la salva». Proseguendo nella lettura del resoconto dell'episodio di cronaca che ha visto coinvolti un aggressore e una signora che portava in braccio una bambina, al lettore vengono somministrate frasi dal seguente tenore: «la paura degli "zingari che portano via i bambini". Un timore che, se per certi versi può sembrare leggendario, per altri lo è molto meno. L'ombra mai dissipata del coinvolgimento dei rom c'è stata infatti in casi notissimi e finora mai risolti»...

Rom e Sinti, come costruire una strategia locale: l'esperienza di Mantova
Pubblichiamo le linee guida che ci hanno guidato nel costruire la Strategia locale "MenSinti", presentata alla stampa venerdì scorso con una conferenza stampa con i rappresentanti sinti e rom e tutti i partner coinvolti...

Mantova, occupato il Consiglio comunale

Martedì scorso la Comunità sinta mantovana, guidata dall'associazione Sucar Drom, ha occupato pacificamente il Consiglio comunale di Mantova per chiedere l'introduzione nel Piano di Governo dl Territorio (PGT), in discussione,...

Il Giornale e la scuola italiana del giornalismo xenofobo
Il Giornale ritorna sulla leggenda degli "zingari rapitori di bambini" con un pezzo da scuola italiana di quel giornalismo xenofobo e razzista (vedi questo caso) che vede appunto nel quotidiano diretto da Sallusti uno dei campioni in assoluto...

Chiari (BS), Nadia Cari presenta il suo libro di poesie
Questa sera sarà presentato il libro di poesie "note di Prima vera" della poetessa sinta Nadia Cari. L'evento, all'interno della manifestazioni "Il vento dello spirito, ripartiamo dall'uomo" si terrà oggi, venerdì 9 novembre...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/11/2012 @ 09:11:00, in scuola, visitato 1406 volte)

 Post plebeo e ad alto tasso di intolleranza (GRATUITA?)

    Ricordate quel film di Mike Nichols? Il laureato è uno che vorrebbe un matrimonio felice e magari una bella macchina e tanti figli, ma la potenziale (e borghesissima) suocera, piuttosto che ammollare l'adorata figlioletta a qualcuno senza arte né parte, è disposta a scoparsi lei il giovanotto, per ricattarlo e minacciarlo in futuro. E non è che il giovanotto in questione resista più di tanto a queste avances.

Qualche anno fa, davo una mano a traslocare i volumi del Centro Documentazione dell'Opera Nomadi di Milano... a proposito, che fine avrà fatto? (non l'Opera Nomadi, il centro intendo). Al centesimo scatolone, bestemmiavo sulla mole di libri scritti su di un popolo tendenzialmente ANALFABETA.

Da quando frequento Rom e Sinti, per forza ho iniziato a frequentare anche laureati. Sempre di più. Probabilmente è dovuto al momento di crisi: senza prospettive di lavoro e con un riconoscimento pubblico prossimo allo zero, è probabile che nei campi trovino quel po' di considerazione che altrove viene negata loro.

Dentro i campi, timidi, i laureati rispondono con sorrisi e magari fanno qualcosa coi bambini. Quando ne escono, scrivono, convinti di aver scoperto un filone che darà loro fama e importanza. E cosa scrivono di bello? Di cosa hanno visto, di come provare ad instaurare un rapporto tra DIVERSI? Di solito invece scrivono rimasticature di altri laureati (di più lungo corso), sulle origini degli zingari, sul loro cammino, sulla loro miseria materiale ed intellettuale, su quanto noi stanziali siamo razzisti e malvagi... insomma, cose risapute.

Il problema è che questo timbro di notizie, da parte di una classe che ha studiato da dirigente, restituisce lo STATUS QUO, il perpetrarsi della distanza che si è creata nel tempo. Mi son chiesto spesso se sia un comportamento cosciente, mirare a mantenere lo STATUS QUO, o sia la reazione di chi col mondo del lavoro (che continuo a considerare il motore universale del cambiamento) ha pochi rapporti precari, ma alla fine abbia comunque una casa che lo attenda, finita la corveé al campo nomadi. Altro punto su cui mi interrogo: quanto è disposta ad imparare (a mettersi in discussione), una persona che spesso si auto-considera già istruita?

Insomma: cosa si può pretendere da una situazione così socialmente sfilacciata? Attualmente: di farsi una risata di tanto in tanto, senza perdere la speranza che questo rapporto possa evolversi. L'esempio mi viene da una delle ultime letture di Paul Polansky (anche lui è laureato, nessuno è perfetto...) a cui ho assistito. Domanda, da parte di un laureato in antropologia:

  • Come sei riuscito a svolgere il tuo lavoro di antropologo tra gli zingari?

Risposta:

  • Gli zingari non sanno neanche cosa sia, l'antropologia. Hanno però dei bisogni, come tutti, e meglio degli altri sanno riconoscere se qualcuno si interessa a loro con sincerità e con impegno. Abbiamo costruito un rapporto, e così sono stato facilitato nel mio lavoro di antropologo. Ma tutto ciò è venuto dopo.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/11/2012 @ 09:03:59, in scuola, visitato 983 volte)

Lettere

Gentile direttore, da cosa si misura la civiltà di un Paese?

Sono comparsi in città dei manifesti imbarazzanti: "Abbiamo fatto pagare i Rom e i Sinti" - Lega Nord. Non credo che qualcuno potrà dimenticare quei bambini che camminavano lungo la strada senza marciapiede, la mensa vietata, l'accesso alla scuola materna proibito. Ci sono stati buoni cittadini che hanno raccolto la cifra necessaria per ripristinare i diritti negati a quei bambini a cui non solo è stata fatta pagare la crisi e la povertà delle proprie famiglie, ma sulle cui spalle è stato costruito un pezzettino della campagna elettorale.

Bisogna creare un nemico per giustificare e coprire il vuoto delle proprie idee, la crudeltà del proprio cuore e la pochezza del proprio operato. Meglio prendersela con i Rom piuttosto che affrontare, di fronte alla cittadinanza, lo scandalo delle mostre taroccate e delle centinaia di migliaia di euro regalati ad Artematica. Meglio insultare i Sinti piuttosto che raccontare dei tagli ai servizi sociali e alla scuola, dell'aumento dei costi per le famiglie. Meglio prendersela con qualche migrante piuttosto che raccontare di quando si spendevano allegramente i soldi della cittadinanza per le Miss Padania o i mondiali delle nazioni non riconosciute.
Siamo una delle città più inquinate d'Europa e il primo Consiglio Comunale sull'argomento sarà convocato a novembre, a pochi mesi dalla fine del mandato. Una grande prova di efficienza! Meglio parlare e prendersela con i poveracci, che non hanno voce. Meglio alimentare l'odio, il disprezzo.

Caro direttore, le ripeto la domanda iniziale: da cosa si misura la civiltà di un Paese? Dalla capacità, fra le altre cose, di creare anticorpi contro questo razzismo e questo modo di fare politica. Abbiamo bisogno di altro.

Paola Dioni

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 09/11/2012 @ 09:08:02, in Italia, visitato 831 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/11/2012 @ 09:03:27, in conflitti, visitato 1386 volte)

Rassegna stampa (immagine da gijobs.com)

Panico tra le popolazioni a nord e a sud, per l'arrivo di pericolosi extraterrestri... anche se la loro presenza è documentata almeno dal 1422. Le potenti truppe italiche, intervenendo immantinentemente e con sommo sprezzo del pericolo, mantengono il controllo della situazione. Il presidente Obama, interpellato sull'ipotesi di un intervento USA, ha risposto di avere altre gatte da pelare. (DISCLAIMER: nessun gatto è stato maltrattato per questo annuncio)


ROMAGNAnoi - RIMINI - Blitz di carabinieri in un accampamento di nomadi. L'alta concentrazione di Rom e Sinti presenti l'altro giorno in città ha messo in allarme la popolazione e di conseguenza i carabinieri che sono intervenuti per controllare che tutto fosse in ordine. Alle 13 e 10 di sabato scorso, a seguito di una mirata attività informativa svolta sul territorio, i carabinieri del nucleo radiomobile di Rimini, delle stazioni di Santarcangelo e Viserba sono intervenuti a Santarcangelo di Romagna dove erano stati segnalata la presenza cospicua di camper e roulotte di nomadi nelle aree di sosta adiacenti alla città.

I carabinieri, in maniera oculata, hanno svolto un capillare controllo del territorio finalizzato ad identificare le persone che sostavano. L'attività permetteva di individuare che si trattava per lo più di giostrai giunti nella città clementina in occasione della festività dei morti e della tradizionale fiera di San Martino che si svolgerà nel prossimo week end. I controlli permetteva ai militari di effettuare un monitoraggio preciso dei componenti familiari che effettivamente sostano nelle aree industriali, artigianali e nelle adiacenze del cimitero. Questa azione di verifica e prevenzione sul territorio proseguirà incessantemente anche nei prossimi giorni e fino all'evento fieristico.


La città DI SALERNO - Ancora zingari in città. Nuovo campo nomadi nel piazzale retrostante lo stadio comunale Pastena, in piazza Pozzo, e, come da copione, arriva la protesta dei residenti. Dopo l'intervento delle forze dell'ordine per convincere alcuni gitani a cambiare locazione circa due settimane fa, il problema si ripropone con una nuova tribù, ancora più numerosa della precedente, che ha trovato collocazione alle spalle dell'impianto di viale Barassi. Il gruppo di zingari si trova nella zona da due giorni. Secondo alcuni abitanti del quartiere, si tratterebbe di almeno una ventina di unità e sei di mezzi, tra cui roulotte ed autovetture.

Diversi residenti del quartiere Taverna delle Rose avrebbero già fornito informazioni utili al comando di Polizia municipale di Battipaglia. Gli agenti, coordinati dal comandante Gerardo Iuliano, dovrebbero attivarsi nelle prossime ore. I medesimi residenti avrebbero poi intenzione di richiedere al comando di Polizia municipale un maggior controllo della zona e magari l'installazione di una telecamera da collegare all'impianto generale di videosorveglianza.

Un dispositivo per la ripresa e la registrazione delle immagini è già presente in viale Barassi, nel piazzale antistante lo stadio Pastena. La richiesta degli abitanti è di installare una telecamera anche nella zona retrostante l'impianto, dove solitamente trovano rifugio i gitani di passaggio.


OK, non c'è neanche la notizia. Ho pubblicato il tutto solo per la coincidenza di aver letto di seguito i due articoli lunedì scorso, sperando di evitare una qualsiasi psicosi.

A proposito di psicosi... mettete insieme un articolo di settimana scorsa, la provincia profonda e una misteriosa macchina rossa. Ecco una notizia di mercoledì scorso:

L'Eco di Caserta - ROCCAMONFINA (Caserta) – Ma cosa sta succedendo nel paese roccano? Da giorni un’auto rossa circola in paese in cerca di bambini. Qualche settimana addietro, nella vicina Teano, mentre una mamma era intenta ad aggiustare la maglietta al figlioletto, degli uomini, verosimilmente zingari, si avvicinano alla signora e stavano prelevando il bambino più piccolo dalla carrozzina, fortunatamente il fratellino più grande si è accorto ed ha iniziato ha strillare mettendo in fuga i malfattori. Un altro caso è successo qualche giorno addietro a Roccamonfina quando ad un bambino della locale scuola media, mentre usciva dalla scuola dopo il solito orario, si è avvicinata un’auto rossa con a bordo gli stessi uomini che inequivocabilmente erano zingari, si sono avvicinati al bambino invitandolo ha salire sull’auto che lo avrebbero accompagnato a casa dai genitori. Il bambino, memore delle raccomandazioni dei genitori, spaventato rifiuta l’invito senza dare per nulla ascolto ai due uomini, così corre, raggiunge casa e racconta l’accaduto ai genitori. A questo punto crediamo che le forze dell’ordine devono dare risposte ai cittadini per far si che nei paesi torni la tranquillità.


Per terminare, vorrei riconoscere il merito a quell'articolo di settimana scorsa che, coscientemente o meno, sembra aver innescato questa nuova spirale di terrore e fantascienza:

Il fattaccio "sembra" sia avvenuto a Corsico, in realtà si "sarebbe" svolto a Pieve Emanuele, i carabinieri competenti quindi sono quelli di Rozzano e non di Corsico (ndr: siamo nella periferia sud-ovest di Milano).

Tralascio gli scontati giudizi sull'imparzialità del Giornale:

  • Si accenna addirittura ad un colpo di pistola, è possibile che nessun altro riporti la notizia?
  • Come mai a distanza di una settimana nessuno ne ha più parlato?
  • Oltre metà dell'articolo è composto da ipotesi, segnalazioni già smentite in passato e dati che non c'entrano niente col caso segnalato. Tutto finalizzato all'affermazione che appare a metà scritto "Suggestioni? Mica tanto"
  • L'idea è che più che di rapimento, si parli di "rapimenti percepiti"
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


12/11/2019 @ 13:57:23
script eseguito in 164 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4001 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source