Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
AVVISO AI NAVIGANTI: qui potrete trovare molte notizie che abitualmente non volete conoscere.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 30/06/2013 @ 09:08:32, in blog, visitato 1019 volte)

(immagine da Iloveroma)

Ultimamente, ci sono stati parecchi cambiamenti in Mahalla. Visto che tra un po' rischio di perdermi anch'io, provo a fare il punto della situazione:

Fate conto di essere in un paesino, nato dove una volta c'era un accampamento. Il paese è nato poco più di otto anni fa, e si è popolato di oltre 5.500 articoli e segnalazioni. Il centro storico, da dove è partito il tutto a fine 1999, è QUI.

Poi, cosa ci mettiamo in un paesino? Il mercato, non può mancare. Aperto, democratico e con offerte da ogni dove. Anche voi potete esporre la vostra mercanzia, senza tasse da pagare.

Nella colonna di destra InChat, il nostro personale Speakers Corner. E poi c'è l'edicola: nella colonna centrale, potete richiedere, sempre aggratis, la newsletter settimanale, che (se non ci sono intoppi), riceverete ogni domenica mattina con email (la torta di mele e il cappuccino li mettete voi). Se invece preferite leggerla sul browser, è QUA. L'edicolante ormai non riesce più a star dietro a tutte le notizie, ma se ci fosse chi non si accontenta, ogni giorno trova la RASSEGNA INTERNAZIONALE, sì... anche su Facebook.

Ultimamente, è stata aperta la LuluLibreria, anche per le tasche provate dalla crisi, le rarità e tante altre cose sono invece nella biblioteca.

Cose vecchie e nuove, insomma. Quando ho iniziato, era un periodo in cui sembrava che tutti dovessero avere un blog, un diario. Sapete com'è andata. Io ho resistito, e quel piccolo blog è diventato tante altre cose. Virtuali o meno: non crediate che passi la mia vita sul computer: Rom e Sinti continuo a frequentarli, ovunque mi conceda il mio magro portafoglio, a volte qualcuno mi invita pure. Insomma, se volete ci si può persino conoscere. Dove? Non avete che da scegliere. Se non trovate la strada, c'è il TOMTOM.

Ah, ecco... c'è anche una guida, ma non è che ci capisca granché...

Infine, se vi incamminate nelle tante periferie di Mahalla, ci sono posti inesplorati, da ristrutturare forse, ma vi invito a visitarli almeno una volta. Scoprirete che c'è anche una scuola, un parco giochi per i bambini e la baby sitter che racconta le storie, il ristorante e la trattoria..

NON FATEVI MANCARE NIENTE.

PS: una brutta notizia, per terminare. E' ricominciato lo spam nei commenti. Sino a data da destinarsi sono disabilitati. In caso, vi chiedo di scrivermi.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/07/2013 @ 09:01:50, in Regole, visitato 1086 volte)

Il 21 Giugno 2013 la Sezione civile del tribunale di Pescara ha pubblicata la sentenza di condanna del Popolo della libertà e della Lega nord per la pubblicazione e la diffusione di dichiarazioni di carattere discriminatorio in pregiudizio della comunità rom di Pescara, per fatti accaduti nel maggio 2012.

Copia della sentenza nel sito della Fondazione romanì Italia alla sezione news.

La sentenza del Tribunale di Pescara riconosce e condanna Pdl e Lega nord per la discriminazione verso la minoranza rom di Pescara, mentre non riconosce il risarcimento del danno chiesto dai ricorrenti (Associazione Studi Giuridici Italiana, Associazione RomSinti @ politica, Guarnieri Nazzareno, Spinelli Attilio, Di Rocco Carmine) perché "alcun atto discriminatorio risulta essere stato compiuto nei confronti dei ricorrenti".

Per noi che da molti anni e quotidianamente siamo impegnanti sulla tematica della discriminazione razziale e della integrazione culturale è importante la sentenza di condanna per discriminazione razziale del Tribunale di Pescara perché da troppo tempo anche in Abruzzo la pubblicazione e la diffusione di dichiarazioni di carattere discriminatorio, in pregiudizio della comunità rom, sono reiterate ed impunite.

La Fondazione romanì Italia si impegnerà con stimoli e proposte ad enti locali ed istituzioni affinché questa sentenza sia il punto di svolta per il ripristino della legalità a tutto tondo, valida per tutti e per ciascuno, ed il punto di partenza per avviare percorsi strutturati di integrazione culturale della minoranza rom, rispettosi della diversità culturale ed a beneficio di tutta la collettività, evitando ogni forma di buonismo e di assistenzialismo.

Fondazione Romanì newsletter

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/07/2013 @ 09:07:26, in lavoro, visitato 949 volte)

 Segnalazione di Giacomo Marino

Pubblicato in data 28/giu/2013
Campagna Dosta! a Reggio Calabria il 5 dicembre 2012. Il dr Lamberti, nella qualità di imprenditore, riporta l'esperienza positiva registrata nella sua azienda con un gruppo di lavoratori rom .

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/07/2013 @ 09:00:20, in casa, visitato 2338 volte)

Articolo di Giornalettismo lungo e documentato ma, a mio giudizio, incompleto. Per chi resiste, a fine lettura ho aggiunto alcune note personali.

di Maghdi Abo Abia - 25/06/2013 - Il Carroccio attacca il sindaco Pisapia fin dalla sua elezione sostenendo come spenda le risorse destinate ai milanesi per dare case ai nomadi dimenticando come nel 2008 nacque un progetto Rom con soldi stanziati dal piano nomadi Berlusconi/Maroni e che vengono usati ancora oggi

Milano nel 2015 ospiterà l'Expo. Eppure la città non appare preparata al nuovo appuntamento, ed anzi dopo l'ipotesi ventilata da Giuliano Pisapia di non ricandidarsi alla guida della città nelle elezioni del 2016 la città appare sempre più abbandonata al suo destino, vittima di problemi di varia natura.



L'EMERGENZA ROM - La popolazione, ubriacata di rivoluzione gentile e scottata dalla gestione Moratti, nei primi due di mandato si è scoperta disillusa e scottata da una serie di provvedimenti, dall'aumento del biglietto Atm all'introduzione di Area C che hanno minato nel profondo l'autorità della Giunta. A complicare le cose, per i vincitori di centro-sinistra, le bordate dell'opposizione intenzionata a sottolineare i problemi della città possibilmente attribuendo responsabilità specifiche al sindaco ed alla sua squadra. Parliamo ad esempio dell'"emergenza", per usare un termine caro alla Lega Nord, Rom.

LA CONDANNA PER ZINGAROPOLI - Torniamo indietro nel tempo e più precisamente alla primavera del 2011, ovvero quando la campagna elettorale era al suo picco massimo e gli sfidanti, Letizia Moratti per il Pdl ed appunto l'avvocato Giuliano Pisapia, si combattevano senza esclusione di colpi. Ad un certo punto in città apparvero dei manifesti targati Popolo della Libertà e Lega Nord nel quale si diceva che con la vittoria dell'avvocato, Milano si sarebbe trasformata in una "zingaropoli". Come ci spiega l'Asgi per questa definizione Pdl e Lega Nord nel 2012 sono state condannate perché, secondo il giudice del Tribunale di Milano Orietta Miccichè la definizione era connotata da una "valenza gravemente offensiva e umiliante di tale espressione che ha l'effetto non solo di violare la dignità dei gruppi etnici sinti e rom, ma altresì di favorire un clima intimidatorio e ostile nei loro confronti".



L'ALLARME DI ENRICO SALERANI - Quindi secondo il giudice questa definizione rappresenta una molestia a sfondo razziale, vietata dall'articolo 3 del decreto legislativo 215 / 2003 per via della sua intenzione di scatenare un clima intimidatorio nei confronti di particolari etnie. Peraltro durante quella campagna elettorale era presente a Milano il commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa Thomas Hammarberg il quale si definì scioccato dai manifesti affermando come questi incidessero sui diritti delle popolazioni rom e sinti e sulla possibilità d'integrazione. Eppure, nonostante la condanna e l'obbligo di pubblicazione della sentenza sul Corriere della Sera, la Lega Nord ha proseguito nella sua battaglia anti-rom il cui ultimo capitolo è stato raccolto da Il Giornale che ha ripreso la voce di Enrico Salerani, capogruppo della Lega Nord in zona 8, zona strategica visto che al suo interno c'è Fiera Milano, City Life, il quartiere sperimentale QT8 e lo stadio di San Siro.

L'OCCUPAZIONE DEI CAPANNONI DI VIA MONTEFELTRO - Salerani scrisse anche sul portale Partecipami lo scorso 29 aprile, spiegando che in via Montefeltro 8 200 zingari hanno occupato una fabbrica abbandonata trasformandola in un campo nomadi abusivo "con quintali di immondizia, baracche fatiscenti, possibile presenza di amianto, macchine e camper di dubbia provenienza, alcune con svariati fori di proiettili, il tutto con molti bambini e minori costretti a vivere in questa situazione di degrado". Secondo Salerani

    E' intollerabile che a Milano nel 2013 vi siano zone franche ove per altro, molti bambini sono costretti a crescere in una situazione non favorevole a garantire loro un futuro dignitoso e sereno.

La richiesta è una sola, ovvero provvedere allo sgombero dell'area interpellando anche l'assessore alla sicurezza. Il sito poi nei giorni scorsi è stato visitato da Matteo Salvini e dall'assessore provinciale alla Sicurezza Stefano Bolognini, autodefinitosi "l'assessore in scooter" per via della sua scelta di rinunciare all'auto blu. Questi, dalle colonne del suo sito, ha spiegato che nonostante manchino due anni ad Expo, è impensabile che esistano realtà come il campo "dove scorrazzano i topi e il puzzo e' incredibile". A quel punto tocca a Matteo Salvini che si rivolge al sindaco, la cui foto compare a fondo del comunicato: "Non sto a cercare colpe ma dico al sindaco: sei il sindaco di tutta Milano, non e' possibile che a Milano ci siano realta' di questo genere".

LA VOCE DI MATTEO SALVINI - Lo ha detto il segretario nazionale della Lega Lombarda Matteo Salvini, che insieme ai consiglieri di zona e all'assessore provinciale alla Sicurezza Stefano Bolognini ha visitato il campo rom di via Montefeltro 8 a Milano. Continua Salvini: "Non ci sono razze buone o cattive. La rabbia non e' mai giustificata, ma ai semafori, in metropolitana, negli appartamenti non trovo bresciani, o valtellinesi, canadesi o australiani a rompere le palle ai cittadini. Se questa gente si mette ai margini, Milano non ha bisogno di questa gente". Perché, secondo l'accusa, la scelta di dieci famiglie di entrare nell'ex stabilimento abbandonato di Galileo Avionica, società del gruppo Finmeccanica, li ha spinti automaticamente ai margini. Sulle colonne del Giornale invece la situazione assume altri contorni. Gli insediamenti sarebbero diventati due con un totale di 400 persone.

"DOBBIAMO TROVARGLI UNA CASA?" - A lanciare l'allarme, come detto, è ancora Salerani. I nomadi sarebbero provenienti dal campo smantellato di via Triboniano, gli stessi -continua il pezzo- che avevano preso i soldi dalla giunta Moratti per tornare in Romania. Ed ora "dopo aver gironzolato" sono tornati e sono entrati in via Montefeltro 8 ed ora qui vivono in 200. Altri 200 sarebbero finiti nel capannone già casa della Italmondo. La colpa? Della sinistra. A spiegarlo è ancora Salerani:

    "Siamo stati poi costretti a votare contro la mozione di allontanamento perché la sinistra vi aveva incluso l'obbligo di trovare per questi individui una situazione abitativa stabile. Ma come? Hanno preso i soldi per andarsene e adesso non solo sono tornati ma gli dobbiamo trovare una casa? Una funzionaria della polizia locale ci ha assicurato che lo sgombero delle due aree È una priorità ma non ci ha potuto assicurare sui tempi"

PATTI DISATTESI - A questo punto facciamo un viaggio indietro nel tempo e vediamo lo sgombero del campo nomadi di Via Triboniano. Ininsubria ci porta la voce dell'ex rappresentante della Lega Nord in Regione Lombardia Davide Boni che aveva spiegato come i Rom, dopo aver ricevuto 15 mila euro a nucleo familiare per tornare in Romania, sono partiti e rientrati. Il Comune nel 2011 -giunta Moratti- ha quindi speso 800 mila euro per mandarli via. Eppure sono qua. A questo punto ecco l'accusa alla giunta di centrosinistra: "L'amministrazione di sinistra che governa il capoluogo ha praticamente rinunciato agli sgomberi e cerca di legalizzare e stabilizzare la presenza dei nomadi a Milano". Cosa non vera visto lo sgombero del campo di via Dione Cassio. Ma c'è di più:

    Ogni patto compiuto nel passato è stato puntualmente disatteso

LE CASE FORNITE DALLA GIUNTA MORATTI - Il Corriere della Sera ci ricorda che il primo maggio 2011 vi fu uno sgombero immediato del campo di Via Triboniano, zona Certosa, in direzione di Rho Fiera. Qualcuno, e segnatamente le opposizioni, definì il progetto uno "sgombero elettorale". Le 102 famiglie che avevano aderito al "patto di legalità" con Palazzo Marino ricevettero aiuti diversi. 55 di loro vennero aiutate attraverso l'Avsi, una Ong alla quale si appoggiò il Comune e ricevettero soldi per tornare in Romania. Vi fu poi l'assegnazione di 20 case Aler, sei case popolari assegnate a famiglie con bambini disabili e due case acquistate con mutuo, mentre vennero registrati altri 20 "affitti assistiti".

LE STRUTTURE CON ARIA CONDIZIONATA - A questo punto sorge una domanda: il centrosinistra è accusato di fornire case ai rom. Eppure questo venne fatto nel 2011 dalla giunta a cui apparteneva anche la Lega Nord. Allora cosa succede? Ma andiamo avanti. Paolo Signorelli ha scritto su Il Giornale d'Italia, testata diretta da Francesco Storace, che la Milano di Pisapia è a misura di zingaro. Perché? Per via dell'aria condizionata prevista nella nuova struttura Rom che aprirà i battenti in periferia. Continua Signorelli:

    Alla faccia della città sicura descritta da Pisapia. Forse gli unici ad essere sicuri, adesso, sono i rom che potranno godere anche di una vigilanza h 24 pronta a proteggerli da qualsiasi attacco nemico. "Nessuno tocchi i gitani", potrebbe essere il cartello affisso fuori il nuovo campo rom. Ma non è affatto finita. Udite udite, per tutta l'estate ci sarà il "cocomero night" dove i nomadi potranno dedicarsi a grasse mangiate di anguria e girare a torso nudo nel quartiere. A spese di chi? Di Palazzo Marino, che domande. E ancora, l' "aperirom", dove gli zingari (prima si chiamavano così) brinderanno alla generosità del sindaco. E garantita sarà la presenza di Vendola.

IL CENTRO DI ACCOGLIENZA - Le "case con aria condizionata" non sono altro che un centro di accoglienza, come spiega Milanotoday, che sorgerà in via Lombroso, sui terreni dove sorgeva il campo della squadra di calcio Ausonia, di proprietà della So.Ge.Mi, la società che gestisce l'Ortomercato. Qui vivranno 150 rom provenienti dai campi di via Dione Cassio, recentemente sgomberato. Il terreno sarà dato in usufrutto gratuito fino all'ottobre 2014 ed il costo per il Comune sarà di 60 mila euro al mese, soldi provenienti dal "Piano Rom" del Governo, istituito con decreto ministeriale il 21 maggio 2008 e cancellato dalla Cassazione il 2 maggio 2013 in quanto l'emergenza paventata nel testo di fatto non esisteva, respingendo così il ricorso del governo, presentato il 15 febbraio 2012 (Governo Monti).



IL PIANO ROM FIRMATO ROBERTO MARONI - Il "piano Rom", come spiega 02 blog riprendendo un post su Facebook del Comune di Milano, venne varato nel 2008 dal governo Berlusconi, in cui Roberto Maroni, ricopriva la carica di ministro dell'Interno. Nel piano si decise che Milano doveva ricevere 13,6 milioni di euro prevedendo che i prefetti diventassero "commissari" per la realizzazione degli interventi. Di questi soldi, 8 milioni vennero spesi per la chiusura del campo di via Triboniano mentre la riqualificazione dei campi di Martirano e di via Chiesa Rossa non si conclusero. E da qui vennero presi i 15 mila euro destinati alle famiglie Rom. Da notare come il piano venne bocciato il 16 novembre 2011 dal Consiglio di Stato con questa motivazione:

    La presenza di Rom non è definibile come emergenza in quanto si tratta di una presenza ordinaria

La nuova Giunta ha sbloccato i fondi restituiti dalla Prefettura al Governo. Parliamo di 5 milioni di euro statali vincolati ad azioni per la gestione della presenza dei Rom. E torniamo ora al centro di Via Lombroso. Qui gli ospiti potranno stare massimo 40 giorni, rinnovabili quattro volte, per un totale di 160 giorni. Le stanze saranno container mentre sono previsti moduli wc e docce in un rapporto 1-10. Il centro sarà sorvegliato dalla Polizia locale 24 ore su 24 mentre le associazioni di settore e la protezione civile si occuperanno di gestire il centro.

AREA ABBANDONATA - La Lega invece voleva qualcosa di diverso. Ancora Matteo Salvini, ripreso da Forlanini Today, per il quale i soldi del piano rom potevano essere spesi : "per esempio con gli sgomberi, mentre Pisapia preferisce regalare spazi, dotati di tutti i comfort, ai nomadi piuttosto che pensare alla sicurezza dei milanesi". Detto che la giunta Moratti ha fornito case Aler, quindi case destinate ai milanesi, e che gli otto milioni spesi per lo sgombero di Triboniano si sono tradotti in una nuova occupazione, forse, e l'ha confermato anche Davide Boni, il meccanismo della cacciata non funziona più. Tanto tornano. Parliamo poi di un'area abbandonata, protetta da un lato dal canile municipale e dall'altro dalla massicciata della ferrovia. Una zona che quindi non disturberà nessuno, come dichiarato da Alberto Albuzza, presidente dell'associazione grossisti ortofrutticoli che, ripreso dall'agenzia Omnimilano, ha detto:

    E' un'area finora abbandonata, lontana dai mercati il cui utilizzo non interferirà certo con le nostre attività

"IL COMUNE INVESTE SOLO PER I NOMADI" - Il Giornale invece parla dell'allarme dei grossisti. Franco Cereda, presidente dell'associazione grossisti piante e fiori ha detto: "Noi aspettiamo da anni interventi di manutenzione ordinaria e non è ancora stata completata la bonifica dell'amianto. E il Comune invece investe soldi per i nomadi". Probabilmente non sa che questi soldi vengono da Roma e che sono stati forniti dal Governo Berlusconi nel 2008. Parlando poi dell'efficacia degli sgomberi, cerchiamo con l'aiuto del Corriere della Sera di ripercorrere la saga del campo di via Rubattino. Questo è stato sgomberato nel 2007, nel 2009, nel 2011 e nel 2012. L'area? Sempre la stessa, quella compresa nell'area ex Cesi di via Caduti di Marcinelle.

QUATTRO SGOMBERI IN CINQUE ANNI - Stefano Pasta della Comunità di Sant'Egidio, dichiarò: "Noi siamo presenti a Rubattino dal 2007: le aree occupate sono sempre le stesse, in particolare sono ben noti gli sgomberi del 2009 e del 2010. Rispetto a quei fatti, ci sono grandi analogie, ma anche grandi differenze". Ovvero nel 2012, rispetto alle altre volte, lo sgombero era stato annunciato mentre in precedenza veniva denunciata "quella violenza verbale che aveva contraddistinto gli interventi precedenti, quando per esempio le baracchine venivano buttate giù anche davanti ai bambini". Veniva inoltre garantita l'integrità familiare: "la giunta riconosce l'unità familiare, che è stata offerta a a tutte le persone del campo, mentre prima i membri di una stessa famiglia venivano divisi in strutture diverse".



UN RIASSUNTO - Ricapitoliamo. La Lega Nord denuncia la presenza di 200 o 400 persone in aree dismesse nella zona Certosa, caratterizzata dalla presenza di capannoni industriali abbandonati. La soluzione sarebbe quella degli sgomberi. Sgomberi che come abbiamo visto nel caso di via Rubattino, non hanno portato a nulla. Anzi, nel 2009 il campo venne "liberato" cinque volte nello stesso giorno. La giunta Pisapia venne incolpata di voler dare una casa ai Rom, ignorando -o tacendo- che i soldi vengono da un piano governativo firmato da Roberto Maroni, oggi segretario della Lega, e che questi denari sono vincolati alla questione Rom. Di fatto non vanno a bilancio del Comune, perché sono di Roma.

FONDI GIA' STANZIATI - Il primo maggio 2011 con una mossa definita dalle opposizioni "elettorale", venne sgomberato il campo di Via Triboniano e la Giunta Moratti assegno' ai Rom case dell'Aler, due mutui, altre sei case popolari e 20 affitti. Chi voleva andare via invece riceveva 15 mila euro, soldi sempre provenienti da Roma. Con la rimanenza bloccata dalla Prefettura e richiesta dalla nuova Giunta, viene creato un campo d'accoglienza temporaneo in una zona abbandonata e la Lega sostiene che il comune pensa ai Rom ignorando i milanesi, dimenticando di dire che si tratta di fondi già stanziati e sopratutto vincolati. E torniamo al punto di partenza. Secondo Salvini servirebbero più sgomberi ma la domanda è una sola: la gente cacciata dal campo, dove va?



24 BARACCOPOLI ABUSIVE A MILANO - Il problema dei campi nomadi in città è evidente. Non ci si puo' avvicinare pena il rischio di ricevere sassate e non si tratta di un'esagerazione ma quanto successo anni fa ad un treno sulla linea Milano Villapizzone - Milano Certosa, fermo in linea e bersagliato di sassi dai residenti. Queste storie riguardano anche aggressioni a volontari, a forze dell'ordine ed a persone che si trovano a passare da quelle parti. Ma la politica dello sgombero fine a sé stessa non porta a nulla. Repubblica ci comunica che l'assessore Granelli non ha voluto rendere pubblica la mappa la mappa delle zone di criticità 2012′ compilata dai vigili. Si sa che i campi autorizzati al momento sono sette e che dal prossimo luglio nei campi ci saranno solo rom italiani e non rumeni, residenti nelle 24 baraccopoli abusive in città. Nel 2003 i campi erano 24 comprensivi di regolari ed abusivi.



PIU' GROM MENO…? - Nel leggere poi il modo in cui è stata definita la questione del centro di Via Lombroso, si capisce che i Rom per qualcuno rappresentano il "cavallo di troia" per attaccare la Giunta attuale. Come dimenticare lo slogan "più Grom meno Rom", sviluppato dalle opposizioni nei giorni della protesta sul divieto di vendita d'asporto di gelati, bevande ed alimenti oltre la mezzanotte e ritirato dopo la rabbia manifestata dalla catena di gelati Grom che non voleva essere associata ad alcuna propaganda politica rifiutando lo slogan? Il sospetto è che una forza politica voglia continuare a picconare la città e la giunta accusandola di delitti che non ha commesso omettendo come i fondi a disposizione vennero stanziati dal governo di centrodestra e che vennero spesi in larga parte per uno sgombero che ha portato ad una nuova occupazione. Del resto via Montefeltro è isolata, protetta da campi abbandonati e dall'autostrada e specie di notte è terra di nessuno, sgombero o non sgombero. Nei dintorni è presente Via Capuana, dove nel 2010 venne arrestata tra le proteste degli abitanti una donna italiana accusata di spaccio di cocaina. A dimostrazione che la città ha bisogno di azioni concrete e non di propaganda. Zingaropoli non si puo' più dire ma certo per qualcuno il termine è ancora tremendamente di moda. (Photocredit Lapresse / Milanotoday/ Google Maps)


Nota: A Milano esistono da anni due specie di giochi a rimpiattino: quello buono e quello cattivo . L'ultimo. lo conoscono in molti: quel meccanismo di infiniti sgomberi che riguardano sempre il solito centinaio di Rom: arrivano i vigili e loro si spostano, i vigili arrivano anche nel nuovo posto e così via finché dopo un po' non si torna alla casella di partenza. Risultato: perdita continua di proprietà private, abbandono scolare e lavorativo, spese a carico dell'intera comunità, senza che ne esca una soluzione duratura.

Ma esiste anche il rimpiattino dei buoni: quelli che hanno trovato casa col piano Maroni. Non sono molti in effetti, con qualcuno di loro ogni tanto scambio due chiacchiere. Perché rimpiattino? Diciamo che si trovano in questa situazione da un anno e mezzo/2 anni: in questo periodo sono stati rimbalzati da una casa, ad una comunità alloggio, a qualche centro di accoglienza privato, senza mai avere una casa che potesse dirsi propria. Insomma, con un tetto sulla testa, ma sempre nomadi.

Perché? Perché il piano Maroni (e gli accordi che ne sono seguiti con comune e prefettura di Milano) prevedevano che comunque la responsabilità di questa politica della casa (ricordiamoci che il piano rischiò di saltare a settembre 2010, quando si trattò di consegnare BEN 25 APPARTAMENTI, come era stabilito) ricadano sul cosiddetto "Terzo settore", che detiene chiavi e contratti delle strutture dove questa gente è ospitata. Che poi sia responsabilità sua o della mancanza di fondi, come sempre la fase B (l'accompagnamento all'autonomia lavorale) non è mai partita. Chi ancora se la cava, campa tuttora di lavori in nero.

Ma da sempre, non solo quando si tratta di Rom, Milano è una città che investe sul cemento, ecco allora perché chi da anni si sporca le mani su questi temi lamenta quanti soldi vadano al Centro d'Emergenza di via Lombroso (Emergenza? a De Corato fischieranno le orecchie!) e quanta miseria sia destinata a scuola e lavoro, le due uniche chiavi per uscire da questa lunghissima impasse.

Aggiungo un altro punto, altrettanto annoso: Tavoli, consulte, associazioni ecc. si arrabattano e si arrabbiano (o semplicemente battono cassa), senza che sia chiaro chi decida cosa E SOPRATTUTTO QUANDO. Ma se, come sempre, la voce di questi sfigatissimi Rom e Sinti non arriva nelle discussioni (al massimo si ode una lontanissima eco), non sarebbero proprio i media a doversi sentire in obbligo di cercare questa gente e raccoglierne la testimonianza?

Che la colpa sia dei Rom, che sia del Comune, che sia delle associazioni... poco mi importa. Ripeto, non è buonismo, è riconoscere che senza di loro non si può elaborare un ragionamento pratico e critico. BRUTTI, SPORCHI E CATTIVI ma... INDISPENSABILI.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/07/2013 @ 09:06:07, in scuola, visitato 1016 volte)

By ARCI SOLIDARIETA' ONLUS - on June 28, 2013

"C'è posto all'ultimo banco" è la storia di vent'anni circa sull'istruzione ai bambini rom. Siamo a Roma, all'inizio degli anni '90. Un gruppo di volontari si avvicinò alle locali comunità rom ed iniziò a camminare assieme a loro sul percorso dell'integrazione sociale, che inizia con l'affermazione del diritto all'istruzione.

Abbiamo lavorato a stretto contatto con la comunità rom, aprendo un dialogo con le istituzioni pubbliche, con gli insegnanti, con gli altri genitori, nel tentativo di affermare il diritto di ogni bambino a frequentare la scuola.

Inizialmente, il progetto scolastico e le politiche d'integrazione si svilupparono in parallelo. Oggi tuttavia si sono separati. Mentre i bambini rom frequentano la scuola in tutti i gradi, spesso con risultati eccellenti, l'Italia non ha perseguito un processo che permettesse alle famiglie rom di abbandonare progressivamente i campi e provare altri tipi di sistemazione.

Questa mancanza di sinergie tra l'impegno a sostenere le esigenze dei bambini con la loro piena emancipazione da una vita nei campi, e le politiche governative, che in realtà promuovono i campi come una soluzione per i bisogni alloggiativi delle famiglie rom, rischia di compromettere i risultati ottenuti nel campo dell'istruzione.

Comunemente si ritiene che il progetto di scolarizzazione abbia giocato un ruolo importante nel fornire i medesimi strumenti per costruire il futuro che avevano i loro compagni. L'istruzione prepara alla vita professionale, e rende più indipendenti e responsabili.

Le storie raccolte da Arci Solidarietà Onlus in questo libro sono basate sulle esperienze dei suoi attivisti ed educatori, funzionari delle istituzioni con cui abbiamo collaborato e bambini che sono stati i diretti beneficiari del progetto.

Con l'aiuto di esperi antropologi, sociologi e mediatori culturali, il libro analizza l'impatto del progetto di scolarizzazione sulle aree dove vivono le comunità rom e sul paese in generale. Il libro è il risultato di un impegno costante, svolto in condizioni difficili e vissuto con i Rom, di una rete territoriale costruita pezzo a pezzo.

"C'è posto all'ultimo banco" è il risultato collettivo che, attraverso una narrazione corale, porta in vita molti anni di lavoro. E' una storia vera, di ragazze e ragazzi che di solito sono piazzati nell'ultima fila delle nostre classi, gli invisibili che non devono essere visti. E' un lungo racconto fatto di successi e fallimenti, tragedia e commedia e lotta costante. Una storia che necessita di un lieto fine.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 05/07/2013 @ 09:09:25, in blog, visitato 893 volte)

Granada, Porrajmos: memoria e attualità

Romania, Amnesty: migliaia di vite sradicate dagli sgomberi forzati
Le autorità romene tradiscono migliaia di propri cittadini con promesse non mantenute e totale disprezzo per il loro diritto a un alloggio adeguato, ha denu...

Roma, oggi il concerto per promuovere la "Operazione risarcimento danni"
Concerto gratuito a Roma oggi 24 giugno dalle ore 21.00 presso il Parco Madre Teresa di Calcutta, con Alexian Santino Spinelli, Toni Zingaro (in foto) con le Nuove Tribù Zulu e gli Evi Evan con la partecipazione di Moni Ovadia...

Razzismo all’italiana
Cécile Kyenge è la prima ministra nera della storia d’Italia, quando ha accettato l’incarico da ministra dell’integrazione del governo di Enrico Letta sapeva che si sarebbe scontrata con molti pre...

Rom e Sinti, la Commissione: "Gli Stati devono garantire veri risultati"
La Commissione Ue lamenta ancora ritardi sulle politiche di integrazione per i Cittadini appartenenti alle minoranze sinte e rom. "Gli Stati devono garantire veririsultati”. Una...

L'Europa sferza l'Italia

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

APPELLO PER IL RIPRISTINO DEL SERVIZIO DI SCUOLABUS AL CAMPO DELLA BIGATTIERA unaCITTAinCOMUNE

al Sindaco di Pisa Marco Filippeschi
all'assessore comunale alle Politiche Sociali Sandra Capuzzi
al Presidente del Consiglio Comunale Ranieri Del Torto

e, p.c. Al Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi
all'Assessore Regionale alle Politiche Sociali Salvatore Allocca

Apprendiamo dalla stampa locale che 40 genitori nella zona di Marina di Pisa sono stati accusati del reato di "inosservanza degli obblighi dell'istruzione scolastica minorile".

I bambini e le bambine in questione sono quelli che vivono nel campo della Bigattiera, per i quali da due anni non è più attivo il servizio di scuolabus.

Alla sospensione del servizio comunale due anni fa in un primo momento ha dato risposta, seppure parziale, la Pubblica Assistenza del Litorale Pisano. Con l'anno scolastico 2012/2013 è stato soppresso anche questo servizio tampone e si è assistito alla completa dispersione scolastica di tutti i minori residenti in via della Bigattiera n.13.

Il fenomeno della dispersione scolastica non è connesso a forme di sfruttamento e di accattonaggio, come insinuano gli investigatori: i bambini della Bigattiera finché hanno potuto usufruire dello scuolabus, in maniera forse discontinua, hanno però mantenuto rapporti con le istituzioni scolastiche e con le forze del volontariato.
A partire da questo dato, ci chiediamo: quanta è la responsabilità sociale della dispersione scolastica che ha colpito l'infanzia del campo della Bigattiera?

I bambini e le bambine sono portatori diritti: l'Italia ha attuato la Convenzione sui Diritti dell'Infanzia con la legge 176 del 27 maggio 1991. L'articolo 28 della Convenzione recita:

    "Gli Stati parti riconoscono il diritto del fanciullo all'educazione, e in particolare, al fine di garantire l'esercizio di tale diritto in misura sempre maggiore e in base all'uguaglianza delle possibilità:…e) adottano misure per promuovere la regolarità della frequenza scolastica e la diminuzione del tasso di abbandono della scuola."

Dunque vi è nel fenomeno della dispersione scolastica una responsabilità genitoriale ma insieme anche una responsabilità sociale.

Per questo chiediamo fermamente a tutte le istituzioni, a partire dal Comune e dalla Società della salute, di ripristinare quanto prima il servizio di scuolabus per i bambini e le bambine del campo della Bigattiera. Chiediamo inoltre di garantire il pieno accesso all'istruzione, attraverso politiche attive e servizi rivolti alle famiglie e ai bambini, che prevedano delle condizioni igienico sanitarie accettabili, il sostegno scolastico e l'accompagnamento previsti negli altri campi.

Il problema del superamento dei campi richiede politiche concertate con la regione e i comuni dell'area vasta, e gli stessi abitanti dei campi; richiede tempi lunghi per favorire forme non traumatiche di superamento di una situazione umanamente inaccettabile. Respingiamo quindi fermamente l'idea che lo smantellamento di un campo inizi dalla cancellazione del trasporto scolastico. Occorre quindi che le istituzioni si impegnino affinché i bambini della Bigattiera non si trovino per il terzo anno consecutivo senza un servizio essenziale per il diritto allo studio e la socialità.

Cerchiamo una soluzione al problema dei campi insieme ai loro abitanti, intanto garantiamo ai bambini e alle bambine il diritto alla scuola, alla salute, al rapporto con il resto del mondo.

Pisa 20 giugno 2013

Primi firmatari
1. Clelia Bargagli Stoffi, medico veterinario e socia Famiglia Aperta
2. Cristina Fontanelli, insegnante scuola primaria Viviani
3. Michela Falchi, insegnante scuola primaria Viviani
4. Stefania Ramagli, insegnante scuola primaria Viviani
5. Michela La Marca, insegnante scuola primaria Viviani
6. Stefania Pandolfi, insegnante in pensione scuola primaria Viviani
7. Pierpaolo Corradini, pubblicitario e giornalista
8. Sara Cozzani, Opera Nomadi Pisa
9. Sergio Bontempelli, Africa Insieme
10. Milorad Petrovski, associazione Asifar
11. Dr. Aldo Cavalli, Presidente Pubblica Assistenza Litorale Pisano
12. Carla Martinelli, volontaria Banco Alimentare Pubblica Assistenza Litorale Pisano
13. Adriana Baldari, volontaria Banco Alimentare Pubblica Assistenza Litorale Pisano
14. Dino Pagliari, allenatore Pisa Calcio
15. Emiliano Cariello, Emergency Pisa
16. Annamaria Columbu, presidente Associazione Famiglia Aperta
17. Luca Randazzo, maestro e scrittore per ragazzi
18. don Sergio Prodi
19. Giovanna Zitiello, insegnante scuola media
20. Virginia Balatresi, volontaria Banco Alimentare Pubblica Assistenza Litorale Pisano
21. Raul Di Gioacchino, libraio e editore
22. Martina Pignatti Morano, presidente di Un ponte per…
23. Franca Corradini, docente Storia arte contemporanea Accademia Belle Arti (Firenze)
24. Francesco Niccolai, assegnista di ricerca Scuola S. Anna
25. Maria Valeria Della Mea, operatore teatrale
26. Alessandro Scarpellini, scrittore
27. Giuliano Marrucci, giornalista
28. Andrea Callaioli, avvocato
29. Eugenio Serravalle, medico pediatra
30. Giovanni Guerrieri, I Sacchi di Sabbia
31. Giulia Gallo, I Sacchi di Sabbia
32. Marco Barbato, per Fratelli dell'Uomo – Sezione Toscana
33. don Agostino Rota Martir
34. Piero Nissim, artista
35. Maria Rosaria Lacatena, assistente sociale
36. Laura Santoni, insegnante
37. Emilia Venturato, insegnante
38. Roberta Mariotti, insegnante
39. Mirella Sbrana, insegnante scuola superiori
40. Maria Teresa Onesti, insegnante scuola primaria
41. Giovanni Graifenberg, operatore sociale
42. Benedetta Dal Monte, insegnante di scuola primaria
43. Paolo Acquistapace, professore universitario
44. Simona Marzilli, imprenditrice
45. Francesco Moretti, artista di arti visive
46. Alessandra Baldi, insegnante di scuola primaria
47. Stefano Maria Pallottino, ingegnere
48. Rossana Bonuccelli, insegnante di scuola primaria
49. Ilaria Ferrara, insegnante di scuola primaria
50. Chiara Antoni, insegnante di scuola primaria
51. Massimo Ciampolini, medico pediatra
52. Federico Ruberti, imprenditore
53. Marcello Fiaccavento, impiegato
54. Martina Barontini, libraia e istruttrice sportiva
55. Debora Ceccanti, imprenditrice artigiana
56. Sara Barsotti, ricercatrice
57. Luca Odetti, direttore centro di ricerca e sviluppo
58. Francesca Prinari, ricercatrice universitaria
59. Fabiano Corsini, cittadino del litorale e della repubblica
60. Emanuela Amendola, dottoressa in economia
61. Mina Canarini, insegnante scuola dell'infanzia
62. Manuela Ferri, impiegata
63. Agnese Macchia, disoccupata
64. Veronica Lorenzetti, architetto
65. Rosita Serpa, biblioprecaria
66. Francesco Giorgelli, membro CDA dell'Università di Pisa
67. Maria Francesca Zini, assegnista di ricerca e attivista per la pace
68. Roberto Barbieri, insegnante scuola primaria
69. Rita di Ianni, educatrice Arciragazzi
70. Cesare Ascoli, ricercatore CNR
71. Donatella Petracchi, pensionata
72. Laura Baldini, libraia
73. Lidia Tamponi, impiegata
74. Lotte Paone, impiegata
75. Francesco Stea, medico
76. Elisa Renieri, insegnante scuola primaria
77. Alfonso De Pietro, cantautore
78. Isabella Moretti, insegnante scuola primaria
79. Giorgio Gallo, professore universitario
80. Antonella Serani, operatore sociale Pubblica Assistenza Litorale Pisano
81. Sandra Faita, bibliotecaria
82. Francesca Lodolini Salvini, insegnante scuola media
83. Riccardo Lorenzi, architetto e impiegato statale
84. Roberto Mori, insegnante in pensione
85. Anna Regoli, impiegata
86. Laurence Landais, traduttrice e doula
87. Valeria Giuliani, impiegata
88. Carmine Santoro, impiegato in floricoltura, presidente Ass. Il Chicco di Senape
89. Miranda Mancini, pensionata
90. Franca Nicodemi, Italiaonline srl
91. Sonia Paone, ricercatrice del dipartimento di scienze politiche
92. Alessandro Breccia, ricercatore precario
93. Chiara Gasperini, insegnante scuola primaria
94. Daniela Rispoli, medico veterinario
95. Rita Paperini, impiegata
96. Dino Pedreschi, professore universitario
97. Rachele Tagliamonte, casalinga
98. Nicolò Chessa, falegname
99. Leila D'Angelo, insegnante scuola superiore
100. Rudy Pessina, fotografo
101. Serena Leoni, cooperante
102. Ilaria Barachini, insegnante scuola dell'infanzia
103. Paola De Michelis, educatrice di asilo nido
104. Solange Costa, commessa
105. Guia Giannessi, insegnante scuola media N. Pisano
106. Davide Cornolti, tecnico CNR Pisa
107. Silvia Fogli, insegnante scuola media
108. Laura Leoni, impiegata
109. Patrizia Tortorici, insegnante scuola primaria
110. Susanna Mammini, impiegata
111. Carlo Iozzi, impiegato e RSU Fiom
112. Paolo Cianflone, insegnante scuole superiori
113. Elisabetta Orlacchio, assistente sociale
114. Viviana Bartolucci, psicologa e educatrice
115. Lorenza Poltronieri, consigliera Pubblica Assistenza Litorale Pisano
116. Fabio Callaioli, volontario Pubblica Assistenza Litorale Pisano
117. Angiolo Cioncolini, circolo ARCI Pisanello
118. Paride Antonelli, circolo ARCI Pisanello
119. Irene Campioni, medico chirurgo
120. Giuliano Campioni, professore universitario
121. Isa Ciani, insegnante in pensione
122. Marcello Palagi, direttore mensile "trentadue" (Massa Carrara)
123. Stefania Cappellini, Insegnante
124. Irene Lancioni Biblioprecaria
125. Tania Iannizzi, Bibliotecaria
126. Simona Frasciello, Segretaria Studio Medico
127. Francesca Serpa, architetto
128. Umberto Grassi, assegnista SNS
129. Luisella Mori, docente inglese ITCG Fermi Pontedera
130. Tiziana Noce, ricercatrice universitaria
131. Federico Giusti, confederazione Cobas Pisa
132. Daniele Guerrieri, insegnante di arte IC Curtatone e Montanara di Pontedera
133. Giusi Lauro, insegnante in pensione
134. Luigi Puccini, docente scuola superiore e residente a Pisa
135. Lucia Montagnoli, insegnante scuola media
136. Maria Marchitiello, medico omeopata
137. Sabine Schweizer, infermiere
138. Marta Galluzzo, educatrice
139. Mauro Pezzini, redattore web
140. Luigi Piccioni, docente universitario
141. Daniela Bernardini, docente scuola superiore
142. Cristina Zaccagnini, insegnante di scuola primaria presso l'I.C.Gandhi di Pontedera
143. Monica Rizza, Presidente Consiglio d'Istituto I.C. Pacinotti Pontedera
144. Luisa Filipponi, ricercatrice
145. Fausto Gozzi, professore universitario
146. Michela Trapanese, insegnante scuola primaria
147. Pietro Gattai, geologo
148. Maria Elisa Bedani, insegnante in pensione scuola media Marina di Pisa
149. Sergio Gattai, bibliotecario in pensione
150. Francesca Mulana, ricercatrice universitaria
151. Manuela Furrer, educatrice
152. Giovanni Mandorino, cittadino
153. Rosalba Fedele, educatrice
154. Dela Pawlitzki, insegnante scuola primaria
155. Roberto Cini, operaio
156. Francesca Gabrriellini, studentessa
157. Fabio Meini, informatico
158. Andrea Orsini, libero professionista
159. Antonella Pochini, operaia
160. Rino Razzi, inforrmatico
161. Martina Lombardi, Dottoranda
162. Dario Ferraro, operatore sociale
163. Aurelia Manai, guida turistica
164. Claudia Molfetta, studentessa
165. Alessandro Toma Studentessa
166. Gaia Colombo, Fratelli dell'uomo
167. Patrizia Guidi, biologa
168. Maria Grazia Braccini Masetti, insegnante in pensione
169. Angela Mazza, insegnante scuola primaria
170. Enrica Pea, medico
171. Sabrina Zupicic, giardiniera
172. Fabio Tarini, docente universitario

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/07/2013 @ 09:09:42, in media, visitato 882 volte)

Nella foto, Paula Baudet Vivanco. Alla sua destra la "nostra" Igiaba Scego.
30 giugno 2013 | Stefano Galieni CORRIEREIMMIGRAZIONE

"Fatto" da redattori nati in altri Paesi o comunque di origine straniera. Un fenomeno poco visibile ma in crescita. Conversazione con Paula Baudet Vivanco.

"Gestire la comunicazione e i suoi strumenti è a mio parere una questione di importanza strategica per modificare la percezione di noi cittadini di origine straniera in Italia". Paula Baudet Vivanco è una giornalista nata in Cile. Si è trasferita in Italia negli anni Ottanta, con i genitori. "Il nostro ruolo in questo Paese non potrà mai cambiare fino a quando saremo visti solo come i "muratori" o le "collaboratrici familiari". Dobbiamo puntare anche ad occupare ruoli diversi nella società per esserne percepiti come una parte integrante e non relegata", dice. "Per questo abbiamo fatto tante battaglie . I risultati adesso si cominciano a vedere, e a maggior ragione non ci dobbiamo fermare".

Dopo aver contribuito a far crescere l'esperienza G2 per i cittadini di "seconda generazione" - termine che in sé meriterebbe una trattazione - Vivanco si è gettata a capofitto in una professione ardua per tutti ma in cui gli ostacoli si moltiplicano per chi non è cittadino Ue. Nel 2010 ha contribuito a creare l'Ansi (associazione nazionale stampa interculturale) di cui è segretaria nazionale e in cui sono iscritti numerosi professionisti di origine straniera o, appunto, di seconda generazione. "A questa associazione, nata all'interno della Fnsi (il sindacato unitario dei giornalisti italiani) e riconosciuta dall'Ordine dei Giornalisti, siamo arrivati attraverso un percorso complesso. La mia esperienza nasce nelle "radio comunitarie", altri di noi hanno lavorato in diverse testate, pochi in quelle a larga diffusione. Ma il punto di partenza era comune: l'aspirazione ad essere soggetti e non oggetti di informazione. Un ragionamento che facevamo in un percorso coadiuvato dal Cospe a Firenze e che ci portò nel 2005 a realizzare una piattaforma tematica, basata sull'interculturalità. Volevamo visibilità all'interno della categoria: per questo siamo nati dentro l'Fnsi. Il nostro obiettivo era fornire informazioni per l'accesso all'ordine, ai cittadini di origine straniera ma anche chiarire la nostra posizione. Noi non siamo "corrispondenti", ma vogliamo entrare nelle vie normali di accesso senza discriminazioni, sulla base del lavoro svolto e dei titoli necessari per poter diventare pubblicisti o giornalisti professionisti. Ci siamo in parte riusciti attraverso una circolare interna che l'Ordine ha inviato alle varie sedi regionali, basata a sua volta su una circolare del ministero della Giustizia del maggio 2005".

Il testo della circolare è chiaro ed è la risposta ad un quesito specifico presentato in materia: "...Come correttamente ricordato da codesto Consiglio Nazionale, ai sensi dell'art. 47 del d.p.R. n.394 del 31 agosto 1999 - Regolamento di Attuazione del Testo Unico sull'Immigrazione di cui al D.Lgs. n.286/1998 - , specifici visti d'ingresso e permessi di soggiorno... possono essere rilasciati agli stranieri che hanno conseguito il diploma di laurea presso una Università italiana, per l'espletamento degli esami di abilitazione all'esercizio professionale. Il superamento degli esami unitamente all'adempimento delle altre condizioni richieste dalla legge consente l'iscrizione negli albi professionali, indipendentemente dal possesso della cittadinanza italiana". Pertanto, alla luce di tale normativa, non appare possibile opporre rifiuto basato sulla cittadinanza all'iscrizione all'albo professionale, in presenza del possesso dei necessari requisiti, e a prescindere dalle condizioni di reciprocità" (fra Stati).

È stato ed è ancora faticoso far recepire questa circolare agli ordini regionali. "Ma c'è anche una questione irrisolta che, a nostro avviso, è ancora più rilevante. La legge sulla stampa 47/48 stabilisce, all'articolo 3, che se non si è cittadini italiani non si può né divenire direttori responsabili di una testata né tantomeno registrarne una. Siamo, insomma, giornalisti di serie B. Ce ne siamo resi conto quando una nostra associata, Domenica Canchano, che aveva passaporto peruviano e scriveva per il Secolo XIX a Genova, ha provato a lanciare una testata e le è stato impedito in virtù di tali disposizioni. Ci siamo allora rivolte all'Unar, perché vorremmo una risposta in merito ad una discriminazione che va sanata e abbiamo chiesto aiuto all'allora segretario nazionale dell'Fnsi, Roberto Natale".

Nel nuovo Parlamento sono entrate anche figure come Girgis Sorial e Khalid Chaouki, giovani ed estremamente motivati a portare avanti questa battaglia significativa di civiltà, sono interlocutori validi che hanno già permesso all'Ansi un incontro con il sottosegretario all'editoria. "L'attuale normativa rappresenta un problema per tutti i cittadini che non appartengono all'Ue e che aspirano a diventare editori di testate italiane. Si tratta di norme che inibiscono nuovi sbocchi di mercato. Oggi, ad esempio, è difficile trovare giornalisti in grado di dirigere testate in cinese, o che si vogliano lanciare in avventure editoriali multiculturali. Eppure questo tipo di informazione avrebbe un senso e un seguito. Noi non ci arrendiamo, la nostra Domenica Canchano è una delle due protagoniste del nuovo cortometraggio di ZaLab Italeñas e racconta la discriminazione incontrata nel suo percorso per essere riconosciuta direttrice responsabile di una testata italiana. Adesso sta provando a realizzare una rivista in Toscana che si chiamerà Prospettive: vogliamo capire se a Firenze verranno posti ostacoli come sono stati posti a Genova. E vorrei essere chiara: la nostra idea non è quella di divenire concorrenziali a prodotti come Corriere Immigrazione, ma di mettere in moto processi partecipativi e reti di relazioni di cui tutti potremmo far tesoro. Il caporedattore sarà Karim Metref, un altro giornalista che si sta affermando, per ora siamo un portale on line dei media multiculturali rivolti alle comunità straniere, e siamo sostenuti da Open Society".

Paula Baudet Vivanco, dopo le esperienze radiofoniche si è "specializzata" nelle questioni connesse all'immigrazione, soprattutto per quanto riguarda i figli di cittadini di origine straniera. Ha collaborato con Migra News e poi con Metropoli, il coraggioso dorso multietnico di Repubblica. Scrive per Terre di Mezzo e con altri ha lanciato la campagna Le parole lasciano impronte, per proporre un linguaggio diverso e più corretto quando si parla o si scrive di immigrazione.

L'esperienza dell'Ansi è rivolta molto anche ai giornalisti italiani, soprattutto a quelli che lavorano sulle testate più rilevanti. Giornalisti a cui offrire formazione per impedire che diventino, anche inconsapevolmente, veicolo di discriminazione razzista. "Parlando di questi temi è assolutamente necessario non accontentarsi delle fonti istituzionali. E se si cerca la realtà, si incontra anche un Paese all'altezza di una società che è cambiata. Se si investisse per promuovere questo cambiamento si potrebbe andare molto lontano".

"È cresciuta in Italia la parte "reale" dell'immigrazione, quella che più deve essere rappresentata e, per poterlo fare, occorre che nelle redazioni si lavori con gli "autoctoni" da colleghi, spalla a spalla".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/07/2013 @ 09:02:25, in media, visitato 1002 volte)

Ancora settimane ricche di spunti dalla Repubblica Ceca: continuano pestaggi e violenze nel nord, mentre nel sud, a Budejovice (Boemia) estremisti attaccano un quartiere rom con pietre e bastoni; attaccata anche la polizia, che poi reagisce. Il senatore Okamura (il cognome tradisce origini giapponesi) propone di riportare i Rom cechi (e quelli arrivati  da Slovacchia, Ungheria, Ucraina) in India; non è nuovo a provocazioni simili, ho paura che sentiremo ancora parlare di lui. Infine riporto un articolo che nasce dagli attacchi a Budejovice. Tutte le segnalazioni arrivano da Czech_Roma

Frantishek Kostlan Photo: Archiv Romea.cz - Commento: Perché la frase "aggressore bianco" da fastidio ai lettori? Prague, 2.7.2013 15:58, (ROMEA) Frantishek Kostlan, translated by Gwendolyn Albert

Recentemente, in molti articoli pubblicati sui media cechi di ogni tipo, notiamo la seguente espressione usata sempre più spesso: "aggressore romanì" o al plurale "aggressori romanì", "aggressori razzisti romanì", "brutale banda romanì", "romanì violento", "un gruppo di aggressori (romanì, naturalmente)", "sei aggressori (romanì)". I neonazisti Dufeke Svoboda, che non molto tempo fa organizzarono a Duchcov una manifestazione contro i Romanì (tutti), usarono lo slogan "Contro gli aggressori romanì".

Questo è quanto, oltre alla frase "aggressori romanì" che è già di uso comune eanche quando l'etnia presunta dell'aggressore non ha alcuna attinenza col caso particolare. L'espressione "aggressori romanì" viene purtroppo adoperata anche da alcuni scrittori romanì, come in un recente articolo di Patrik Banga (vedi QUI, ndr).

Non sto difendendo quei crimini che sono stati commessi da gente romanì. Se qualcuno picchia qualcun altro, deve essere data una punizione adeguata - non ho dubbio alcuno - non importa chi sia.

La mia preoccupazione è la formulazione della cronaca di questi incidenti. Quando un autore di nazionalità ceca picchia qualcun altro, non succede mai che il reporter usa una descrizione più violenta di "autore" o "violento/violenti", "gruppi che hanno agito", ecc. Tuttavia, quando si presume che l'autore di un medesimo crimine sia romanì, improvvisamente si adopera il termine "aggressore" e se le persone coinvolte sono più di una, diventano immediatamente una "banda di aggressori romanì razzisti".

I commenti online postati sotto gli articoli in cui vengono usati questi termini, riecheggiano l'odio fatto lievitare da questo tipo di linguaggio. Possiamo leggere appelli al genocidio dei Rom, al loro omicidio, alla loro deportazione dalla Repubblica Ceca, per la rinascita dei campi di concentramento e di sterminio.

E' del tutto comune leggere esclamazioni razziste, come "zingari nelle camere a gas", "porci neri", "musi neri", ecc. Naturalmente, nessuno è disturbato da ciò o, per essere più precisi, disturba solo pochi "buonisti" come me - e soltanto quando qualcuno di noi prende una posizione pubblica contro.

Recentemente, ho usato il termine "aggressore bianco" in un articolo di risposta alla crescente ondata di "aggressori romanì" riportati da ogni media, e questo ha disturbato i lettori - soprattutto di nazionalità ceca, ma anche molti di nazionalità romanì. A volte fa bene reggere uno specchio, cosicché gli altri possano vedere che le loro azioni, incluso l'accordo o il silenzio, non sono corrette.

Capisco quei Romanì che si hanno obiettato sul termine "aggressore bianco". Sono preoccupati perché qualcuno della società maggioritaria potrebbe perdere l'affetto che avrebbero per il news server Romea.cz o per i Romanì in generale, vedendo adoperata qui una simile espressione.

Alcuni non amano tutto quanto sia formulato in modo estremo. Altri sono soltanto prudenti,  e dato quanto sta succedendo in questa società, non ne sono sorpreso.

Naturalmente, come persona coinvolta in questi problemi da oltre 20 anni, so che ci sarà chi ribatterà che obietterà ai Romanì  (in toto) sarà così indipendentemente da quanto scriviamo io o Romea.cz. Quanti riflettono sulla questione capirà cosa intendevo usando la frase "aggressore bianco".

Capisco che altri la pensino diversamente. Sarei loro grato se rispettassero il mio punto di vista, per quanto differente dal loro.

Nell'area dedicata alla discussione dell'articolo dove avevo usato "aggressore bianco", sono state postate le seguenti opinioni (alcune da allora sono state cancellate):

  • "Aggressore bianco"- se lo scrive uno zingaro non è razzismo, ma se un ceco scrive "aggressore nero" è razzismo al terzo grado...
  • Signor Kostlan, cosa accadrebbe se scrivvessi "aggressore n...o"? Perché stavolta lei usa quelle parole? In uno dei suoi articoli lei condannava Nova, Blesk, ecc. ma sta usando la medesima tattica?Non aggiunga benzina al fuoco...
  • perché scrive "aggressore bianco", quando condanna quanti usano "aggressore romanì"?
  • ...quando scrive aggressore bianco, la cosa puzza davvero.
  • ...Lo girerò alla polizia, che decidano se tutto è stato ispirato dal diavolo, da un brutto aggressore bianco o da Marcela...
  • Ad essere corretti, si dovrebbe scrivere "Aggressore bianco attacca due passanti neri", giusto?
  • Potrebbe essere accaduto differentemente. Forse quel piccolo gruppo ha sopravvalutato la propria forza e la vittima si è rilevata troppo dotata fisicamente, o non era abbastanza ubriaca. Scenario molto più probabile dato l'usuale modello di comportamento dei Rom.
  • Ma il violento era un aggressore bianco o un drogato???
  • I cosiddetti politically-correct, i giornalisti sei, non menzionano l'origine etnica dei colpevoli, ma gli attivisti del news server Romea basano la loro esistenza sul presunto razzismo, la "lotta" contro di questo, e soprattutto sul contributo finanziario statale che ricevono per la loro attività. Quindi, se un bruto che è ubriaco ed attacca con violenza due donne, l'informazione che questi sia bianco è particolarmente importante. Significa che il flusso di denaro statale verso Romea non si esaurirà ancora.

Per tutti quanti hanno postato questi commenti, vorrei solo citare Nikolai Vasilievich Gogol: "Non rimproverare lo specchio, se il tuo muso è storto".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/07/2013 @ 09:02:28, in casa, visitato 1215 volte)

Campi sì, campi no, e se no: come superarli?

Che tutti dicano di volerli superare, manco fossero novelli Vettel o Alonso, non ci piove (riponete le gomme da bagnato), ma se ne sente parlare da oltre 10 anni, e gli unici risultati in tal senso vengono da quei Rom e Sinti che la casa l'han trovata per conto proprio, infischiandosene delle politiche pubbliche. E si sarebbe potuto ottenere molto di più, se in Italia si fosse legiferato a favore delle micro-aree, o per permettere (dietro adeguati controlli, ma parlare di controlli in questo paese è un sogno) il potersi installare in soluzione familiare su terreno di proprietà.

Italia: non poteva succedere altrimenti in questi paese, che una soluzione provvisoria diventasse di fatto definitiva. Così col tempo, i campi sosta non sono diventati soltanto ghetti fisici e mentali, ma anche argomento su cui costruire clientele economiche e dibattiti politici surreali, ma indispensabili.

Prendo ad esempio le cronache recenti che arrivano da Roma (e Milano non è meglio):

  • dopo che il precedente sindaco aveva promesso di smantellare i campi nomadi, è stata adottata la "soluzione" di rifarli (ancora più grandi) ma fuori dal Grande Raccordo Anulare, scaricando la patata bollente dalla periferia alla periferia estrema. Immagino la gioia di chi debba abitare in questi LAGER in mezzo al nulla.
  • Cambio di giunta e anche il nuovo sindaco promette di intervenire: "Campi attrezzati dove vivere in dignità", le sue parole.
  • Poco dopo la sua elezione, nei campi approntati dalla giunta precedente scoppiano incendi, probabilmente c'è dietro un racket ma nessuno porta le prove, e i Rom iniziano a scappare verso i vecchi insediamenti.
  • Pronta la reazione dei trombati della giunta precedente: "Non vorremmo che chi crea disordini si sentisse tutelato dalle politiche attese dalla nuova amministrazione" dice Sveva Belviso. Risponde a stretto giro di posta la controparte politica: "Quanto si sta verificando in queste ore non è che l'effetto della politica di concentramento adottata dalla giunta in questi anni che ha prodotto la convivenza forzata delle diverse comunità all'interno dei campi nomadi", Gianluca Peciola, capogruppo SEL in Campidoglio.

Intanto, dopo Veltroni, Rutelli, Alemanno (e Marino, poer nanu, appena arrivato), i campi ci sono sempre, e sono sempre meno abitabili. Sembra quasi che tutti parlino solo a favore delle proprie orecchie.

Ma, contemporaneamente, leggo che riemerge una querelle nata con l'amministrazione Alemanno: I carabinieri al Comune "Troppi finti poveri nel campo nomadi" Rom nei moduli abitativi per indigenti che possiedono invece auto come Ferrari, Porsche, Mercedes, dove la giusta indignazione contro questi sfruttatori non cambia di una virgola quanto si scriveva l'anno scorso, tranne per il collegare quel fatto agli incendi di giugno e luglio. Se così fosse, la polizia a questo punto dovrebbe avere i colpevoli quasi in pugno, e non si capisce perché Sveva Belviso insista a scaricare le responsabilità su una giunta appena insediata.

Mi sia permessa un'altra considerazione: lo "scandalo" emerse l'anno scorso. Come mai non è cambiato niente? Inoltre: quanti sono, dove sono, questi Rom in Ferrari? O sono una leggenda metropolitana? Altra domanda che spontanea sorge: Rom poveri, ne esistono? (AZZARDO UNA RISPOSTA DIPLOMATICA: non sarà che ne esistono sia di poveri che di ricchi, sia di onesti che di mariuoli, come è NORMALE CHE SIA?)  Il bravo lettore democratico avrebbe bisogno di più dati e meno slogan, altrimenti potrebbe persino pensare che una minoranza di truffatori tra l'1 per mille della popolazione, rappresentino un tale problema di ORDINE PUBBLICO, da far passare in secondo piano il problema POLITICO: in Italia le case ci sono sì o no? In parole povere, l'altra faccia della medaglia della mia domanda iniziale.

A questo dovrebbe rispondere la politica, ma non solo ai Rom e ai Sinti, ma a tutti i cittadini. Invece, le soluzioni e le analisi tocca andare a cercarle da un'altra parte:

Intervista su ZaLab a Paolo Berdini (grazie a Ignazio Marino per la segnalazione)

    Per l'urbanista Berdini dobbiamo guardare oltreoceano, dove l'amministrazione Obama sta recuperando vecchi edifici in disuso. Basta investimenti a pioggia e colate di cemento, piuttosto recupero mirato della prima e seconda periferia storica. #italianslum
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


07/12/2019 @ 12:20:15
script eseguito in 158 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Parigi per la casa e contro la guerra... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 114 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< dicembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
         
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
02/12/2019 @ 11:17:21
Di damien
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
02/12/2019 @ 11:16:50
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source