Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Daniele (del 25/01/2006 @ 11:03:54, in Europa, visitato 1546 volte)
di Liz Fekete
Guardando l'aumento dei partiti razzisti e di estrema destra nei 17 Paesi dell'UE, in Norvegia e Svizzera.
Basato sulla recente ricerca del Centro di monitoraggio europeo sul razzismo e la xenofobia, Combattendo il fascismo, Difendendo la democrazia critica i programmi governativi antifascisti, esamina le risposte ufficiali ai crimini razzisti e documenta i modi con cui le campagne elettorali dei partiti politici lusingano il razzismo e l'estremismo.
Il documento informativo, basato sulle statistiche, è diviso in tre sezioni:
La prima sezione fornisce esempi di come le povere strategie governative programmate contro l'estrema destra finiscano con l'essere controproducenti. Mettendo al bando i partiti neonazisti, ad esempio, aumenta la loro popolarità (soprattutto fra i giovani) e/ o trasferisce il problema dell'attività dell'estrema destra nei paesi confinanti. E il fallimento dell'uso dell'ordine pubblico esistente e delle leggi incentivanti e la legge criminale ordinaria contro i neonazisti e gli estremisti razzisti, permette a questi gruppi di crescere in segreto.
La seconda sezione fornisce statistiche ed inchieste dell'NGO su come la violenza razziale e i crimini di intolleranza ispirati dai neonazisti stanno diventando più brutali. In particolare, le comunità musulmane, specialmente i posti musulmani della preghiera, sono sempre più bersagliati dall'estrema destra che, in molti paesi, sta organizzando proteste stradali e agitazioni, e si impegnano in sistematiche violenze stradali. Mentre i giovani sono spesso le vittime di crimini razzisti, essi sono anche adesso i principali istigatori di crimini razzisti. Ed ancora insufficiente attenzione è stata prestata a strategie educative per bambini e giovani nel combattere il razzismo.
La terza sezione fornisce inchieste del paese sulle lezioni nelle quali sono stati usati slogan xenofobi e propaganda in una misura che il linguaggio dei partiti si è avvicinato all'incitamento al razzismo. I politici hanno accresciuto il clima di odio attraverso la loro retorica antiimmigrati, antimusulmani o antirom nei parlamenti e nei governi, i quali non sono in grado di parlar chiaro contro i crimini razzisti, stanno sviluppando una cultura dell'"incolpare la vittima".

40 pagine. Questo documento informativo è la pubblicazione numero 53 dell'IRR European Race Bullettin. Sottoscrivi ora European Race Bullettin (4 pubblicazioni l'anno) e ti manderemo Fighting fascism, Preserving Democracy gratis.

L'istituto delle relazioni razziali non esprime un punto di vista corporativo: tutte le opinioni espresse sono perciò quelle degli autori.© Institute of Race Relations 2005

Link originale:
© Institute of Race Relations 2005
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/01/2006 @ 04:21:21, in musica e parole, visitato 3734 volte)
Nella Mahalla amiamo le favole (ve l'ho gia detto, vero?)
Milano - Camera del Lavoro - ore 20.20. Son terminate le ultime prove, ho raggiunto la compagnia che tra un po' andrà in scena. Sedute due file di spettatori, Rom rumeni e Khorakhané, qualche Rom Abruzzese. La sala vuota sembra enorme. Aspetto fuori, per vedere chi arriva. Fa veramente freddo, il pubblico arriva alla spicciolata e di fretta. Pochi, mi sembrano sempre pochi. Poi, torno in sala ed è strapiena! Sono arrivati in tanti dai campi, sono arrivati anche i milanesi e mi gusto la scena della sala traboccante di gente.
Non vi racconterò la trama, da quel momento è stato come una specie di sogno.
In questo sogno, un bambino brutto e con gli occhi storti, vissuto + di 60 anni fa, che forse si chiamava Mile. Mile non lo sapeva, ma la sua strada era anche quella percorsa da un certo Hitler. Nessuno dei due sapeva dell'esistenza dell'altro, ma la storia intanto macinava le persone.
E' per questo che Mile portava un nastro giallo al braccio, che non doveva mai togliere.
Neanche Barbara sapeva di Mile, mentre era a Lety, ma suo padre aveva fiutato l'aria e aveva venduto il carro per comprarsi una casa. Non era servito. La storia non la inganni.
E il sogno prosegue. La Storia, quella con la S maiuscola, lasciava Barbara e Mile al margine, in Europa il progresso era nelle macchine, nella produzione di massa e quell'odore di fumo e benzina sembrava vincente, perché plasmava la storia. Ma allora il progresso parlava la lingua di Lombroso, di Interlandi, di Himmler. La tecnologia si era nutrita del loro razzismo, assieme definivano ciò che era "moderno". Non solo in Germania e Italia, ma anche in Francia, in Romania, in Boemia, in tutta la moderna Europa.
Il progresso regalava a Barbara delle baracche ordinate, e i servizi e la scritta "Il lavoro rende liberi". Anche lei era una zingara nuova, come era documentato da quella Z sui vestiti
Era moderno, anche il filo spinato con la corrente elettrica, era moderna la puzza di carne bruciata.
No, rimanevano antiche le botte e quel ghetto dove i Rom e i Sinti, a differenza degli ebrei, vivevano in famiglie, a spaccare pietre e a morire di stenti.
C'erano il fango e il bastone e la fame e quando non puoi più fuggire, se non per qualche secondo...
...mescoli il sangue con la pipì,
e il fango lo puoi modellare,
mettilo in tasca e non farti scoprire
sarà il tuo grande violinista...
E arrivò Himmler in visita al campo. Vide i fantasmi sui tavolati, e i volti dei bambini sfigurati dalle malattie, un capannone dove i topi scorrazzavano sopra file di morti. Ma Himmler, che aveva sognato il mondo nuovo, pulito e ordinato, si sentì offeso e deriso da quell'orrore, non era così che se l'immaginava... e allora ordinò l'abbattimento della struttura e l'annientamento di tutti quei reclusi.
Mile morì molto lontano da quel campo, fucilato una notte con tutta la famiglia. Smise di aver paura.
(Un bambino piange tra il pubblico, gli attori si agitano, ma il suo pianto è già parte del mio sogno)
Barbara - tatuata Z1963 - scampò alla soluzione finale.
E la storia vide nuovi vincitori, Norimberga, i vecchi aguzzini che ritornavano al lavoro, i campi e le riserve. Il progresso. Una serata per guardarci negli occhi.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/01/2006 @ 03:40:20, in Europa, visitato 2123 volte)

Da una segnalazione di Daniele

Articolo precedente

tpp.logo.26

Critiche al sistema statale di monitoraggio dei Rom
Preoccupazione sui potenziali abusi contro una popolazione storicamente marginalizzata

By Brandon Swanson
Staff Writer, The Prague Post
January 18, 2006

Quando il governo vide giovani arabi, turchi e neri in rivolta a Parigi alla fine dello scorso anno, vide una città data alle fiamme a seguite di lunghe ed irrisolte tensioni economiche e razziali.

Come risposta, il governo ha sviluppato il programma di monitoraggio entrato in vigore il 4 gennaio, per raccogliere una serie di informazioni che variano dall'impiego alla formazione.

“Se non vogliamo che un conflitto simile accada anche nella Repubblica Ceca, dobbiamo agire immediatamente” ha affermato Katerina Berankova, per il Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali “E perché ci siano cambiamenti permanenti, dobbiamo conoscere la loro situazione e quanto sia marginalizzati”.

Marginalizzati, lo sono storicamente in tutta Europa, ma qui non si ha memoria di rivolte di gruppo.

Mancanza di informazioni attendibili

L'annuncio di un simile programma è subito finito sui riflettori, interi ed esteri, con la domanda se un simile censimento non avesse assonanze con le passate discriminazioni.

“Niente del genere” replica Czeslaw Walek, capo del Consiglio Governativo per le Tematiche Rom.


VLADIMíR WEISS/The Prague Post

Rozalie Carna', il suo partner e suo figlio Jan Zigo, aggrediti in casa da tre skinheads.

Walek afferma che il governo analizzerà le condizioni di vita senza raccogliere dati personali. ma il programma ha sollevato critiche dai legali dei diritti dei Rom, che affermano che questi dati potrebbero essere usati con intenti discriminatori.

“L'anonimato è una pura illusione” dice Ivan Vesely' di Dzeno. [...] “Anche se non saranno conservati nomi ed indirizzi, ci sono altri dati sociali ed economici _ su base geografica – in base a cui non è impossibile risalire ai singoli casi”.

Walek dice che sono i Rom a lamentarsi del governo che non investe a sufficienza, o non controlla i fondi stanziati. Gli stessi controlli di fonte governativa confermano che mancano informazioni adeguate sui Rom. “Lo scopo è migliorare lo misure già in atto” dice.

Ma proprio la ragione che ha reso necessario questo programma – l'incapacità di raccogliere informazioni attendibili sui Rom – è lo stesso ostacolo più grande. Il governo ha una notevole difficoltà nel raccogliere informazioni su un gruppo etnico che storicamente nutre difficoltà verso l'autorità. Solo in 11.000 si sono dichiarati Rom, di fronte a stime di 250.000 Rom nella Repubblica Ceca.

La disoccupazione tra i Rom viaggia tra il 70 e l'80%, a secondo delle regioni, in molti dipendono dai servizi sociali.

La raccolta di dati è legale se rimane circoscritta all'ambito sociologico, dice David Strupek, avvocato praghese esperto in tematiche Rom. “Diventerà un problema legale solo se il progetto servirà a raccogliere dati personali”.

Il programma costerà 1,5 milioni di corone (62.630 $) all'anno. I primi dati saranno sottoposti al governo quest'estate, e l'intera ricerca verrà pubblicata nel 2008.

Problemi che vengono dilazionati

Il nuovo anno è cominciato in maniera tumultuosa per i Rom nella Repubblica: alcune famiglie questo mese sono state sfrattate dagli appartamenti comunali del quartiere di Nestemice a Usti nad Labem, nella Boemia settentrionale, perché no in regola col pagamento degli affitti. Il quartiere era già stato l'epicentro di una controversia che aveva assunto rilevanza internazionale, quando nella metà degli anni '90 il comune aveva costruito un muro di cemento per separare il quartire abitato dai Rom dagli altri residenti.

Col rifiuto del comune di interrompere la costruzione, il governo aveva investito 10 milioni di corone per migliorare la coesistenza tra i due gruppi. Il comune aveva adoperato parte di quei fondi per riacquistare le case dei residenti, che sii erano trasferiti.

Sempre nella regione, 10 donne di etnia rom avevano aperto una causa sulle sterilizzazioni forzate a cui erano state sottoposte tra il 1979 e il 2003. Una di loro afferma che le era stato chiesto di sottoporsi a sterilizzazione perché aveva già sette figli, e aveva firmato l'autorizzazione, ma senza saper ne leggere ne scrivere. In quel periodo,più di 50 donne vennero sterilizzate.

In questi giorni, i Rom stanno preparandosi a manifestare con una catena umana, per impedire la costruzione di un monumento voluto dal partito di destra Unione Nazionale, dove c'era un campo di concentramento nazista. Il monumento andrebbe a sostituire la targa che commemora i Rom che vi morirono, e l'iscrizione voluta dall'Unione Nazionale invece indicherebbe: “Questo luogo era una campo di raccolta, non un campo di concentramento. La storia è una questione di verità, non di interpretazione.” (Lunga vicenda questa, se n'è accennato più volte in precedenza. L'ex campo di concentramento era stato adibito a fattoria per maiali. Solo lunghe insistenze da parte delle associazioni rom ed ebraiche, avevano indotto il governo ad espropriare l'area e farne un luogo di memoria. Ne contempo, tanto il presidente dello stato che esponenti del partito comunista, avevano polemizzato dicendo che il campo era di lavoro e non di concentramento. Ora si aggiunge l'ultima provocazione dell'Unione Nazionale. ndr.)

La nuova targa dovrebbe venire posta il 21 gennaio. [...]


— Petr Kaspar and Iva Skochova' contributed to this report.

Brandon Swanson can be reached at bswanson@praguepost.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Daniele (del 24/01/2006 @ 09:53:54, in musica e parole, visitato 1378 volte)
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/01/2006 @ 01:23:51, in media, visitato 1437 volte)

Vi devo annoiare con un pizzico di fatti miei: ho un ottimo rapporto con la TV, soprattutto da quando 8 anni fa l'ho buttata dalla finestra...

Però mi ha incuriosito quello che scrive Lele (USA) su Allgypsies, e se qualcuno non ha ancora buttato la sua TV, mi sa dire se la puntata è già andata in onda dalle nostre parti?

Passo la parola alla critica televisiva:

Baxt,

C'è nessuno di voi che ha visto l'episodio di ER intitolato “King of the Gypsies”? Da urlo! In un solo show erano contenuti TUTTI gli stereotipi sugli Zingari! ROFLMAO preciso!

Tutto lo “charme” degli “zingari” si è catapultato su ER facendo impazzire l'intero dipartimento. C'erano 50, forse 100 Rom, tutti vestiti alla maniera tradizionale, accampati nella sala d'attesa, lamentandosi, gridando, chiamandosi l'un l'altro nello stesso momento (in romanès o diossà in quale altra lingua), tirandosi per i capelli, richiedendo “il miglior dannato medico della città”. Trooppo divertente, mi stavo rotolando per terra urlando “Romalé, Romalé”.

Hanno mostrato il parcheggio, pieno di roulottes e rimorchi (con la biancheria stesa che ondeggiava appena con la brezza, un tocco gentile dedicato agli zingari, penso, roflmao). Gli ospiti “normali” facevano un largo giro intorno a questi selvaggi, dove in molti avevano acceso i fuochi per cucinare, nel parcheggio, ancora roflmao!

!! Quello che nello show interpreta il dottore per una volta aveva perso la sua la calma serafica e urlava a sua volta “TUTTI VOI, STATE ZITTI!!!!” E naturalmente nessuno che gli dava la MINIMA ATTENZIONE. Wahooo, mi sono sentita in colpa per il povero Gadjo, lol.

Come vuole il destino, il nostro “re degli Zingari” aveva una “moglie” molto, ma molto, più giovane di lui a fianco del suo letto, fintanto che uh oh! Oppps! è arrivata la sua VERA moglie, non così giovane, che ha subito alzato le mani su chi immaginate voi.

I dottori e le infermiere, nelle loro divise tutte molto “professional”, che sembravano un branco di cervi accecati dai fari delle auto...

Alla fine “IL Re” è stato dimesso (ricoverato per un attacco di cuore, ma era sanissimo). La scena finale con i nostri che danzano attorno al fuoco, sì, l'avete indovinato, nel parcheggio! Con trombe e cimbali, a saltellare e ballare come pazzi!

La puntata si chiude col dottore che dice “Questa gente ti farà uscire pazzo, mentono e rubano ogni cosa che non sia inchiodata.” Ragazzi, l'ho sentito in televisione “... ogni cosa che non sia inchiodata”

Rom a profusione di fronte alla telecamera, freak come se li immaginano i Gadjé. Non mi sono mai divertita tanto, se vi capita guardatelo! Prometto che morirete dal ridere! Dannazione! Sono ancora piegata in due...

Romalé, oh romalé

Lele

PS Per chi fosse perso le puntate precedenti, Lele è infermiera... è anche rom : - P

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 23/01/2006 @ 16:33:35, in musica e parole, visitato 1611 volte)

E' stato da poco pubblicato un interessante libro scritto dai Sinti Emiliani: Vladimiro Torre, Walter Relandini, Gelsomino Casalgrande, Catia Truzzi, Maurizio Esposti, Margherita De Bar, Alberto Truzzi, Sabrina Torre, Mara Bellinati, Floriano Debar.
Il libro è curato da Paola Trevisan ed edito dal CISU nella collana romanes, diretta da Leonardo Piasere.
Sicuramente molti di voi conoscono uno degli autori, il Presidente dell'Associazione Them Romano di Reggio Emilia, Vladimiro Torre.
E' stato Vladimiro l'ideatore e il motore di questa importante iniziativa editoriale.
Inviatiamo tutti ad acquistare il libro e a diffondere uno dei pochissimi testi dove i Sinti si raccontano.
Segnaliamo all'interno dei vari racconti le testimonianze sull'internamento nei campi di concentramento italiani che possono essere utilizzate in questi giorni di manifestazioni per Il Giorno della Memoria.
Naturalmente pensiamo di presentarlo nei prossimi mesi a Mantova e nelle altre realtà locali dove lavoriamo.


Gli Autori di questo libro appartengono a una delle comunità di Sinti Italiani che da diversi secoli vive nel Nord ed in parte del centro Italia. Essi appartengono a quella rete di famiglie che fra gli anni ‘50 e ‘60 si fermarono in alcune zone dell’Emilia, soprattutto nelle province di Reggio Emilia, Modena e Bologna.
Narrare dall’interno di queste reti familiari non è la stessa cosa che narrare da individuo singolo, che deve concentrarsi solo su se stesso e, nello stesso tempo, significa anche confrontarsi più o meno indirettamente con i gagi, ovvero gli appartenenti alla società maggioritaria (in senso numerico). Poiché a Reggio Emilia sono stati i Sinti più impegnati nell’associazionismo a voler fare questo libro, è interessante chiedersi a che pubblico si rivolgano nel raccontare le vicende della propria vita.
Gli Autori si rivolgono contemporaneamente ai sinti e ai gagi, in un continuo intreccio di prospettive che non smette mai di rimarcare quello che è il proprio punto di vista sul mondo. Infatti, se i criteri che rendono vero e dicibile un racconto orale rimangono invariati nella fase della trascrizione/scrittura/riscrittura, gli Autori sono consapevoli delle diverse modalità con cui ci si può presentare all’esterno, ai gagi.
Va evidenziato che nessuno parla del proprio gruppo come marginale, in crisi, o in via di modernizzazione/trasformazione, e anche quando i sinti raccontano di violenze e soprusi subiti lo fanno mettendo in risalto l’assurdo modo di agire e di pensare dei gagi, più che il fatto di percepirsi come vittime.
I sinti più anziani raccontano anche le vicissitudini subite durante la Seconda Guerra mondiale e il regime fascista, che li internò in un campo di prigionia sull’Appennino modenese, e i loro ricordi hanno trovato riscontro nell’archivio comunale di Prignano sulla Secchia (MO). Rendere fruibili al pubblico le loro storie significa anche riflettere sulle fonti orali e sulla loro relazione con la storia, quella scritta dagli appartenenti alla società maggioritaria (in senso numerico).

 

La curatrice Paola Trevisan, è stata assegnista di ricerca e professoressa a contratto di Antropologia Culturale presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Firenze. E’ dottoranda presso il Dipartimento di Storia, Geografia e Arte dell’Università di Castellón de la Plana (Spagna).
Per contatti diretti: trevimonti@tin.it

2390119

Riferimenti CISU

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/01/2006 @ 10:23:22, in Kumpanija, visitato 1831 volte)

Il giorno della memoria, con il suo strascico di orrori e carneficine...
Mi ricordo i racconti di mia mamma: la guerra, la fame, le persecuzioni, hanno anche un loro lato di inquietante normalità. Anche chi non è passato dai campi d sterminio, ne ha portato il segno.
Dijana Pavlovic', nella sua intervista, raccontava della ricerca svolta per vedere quegli anni con lo spirito di un bambino, che era anche Rom.
Ma cosa accadde realmente in Italia ai nostri nonni? Chi lo visse racconta, e non sembri strano se recupero la memoria di un saltimbanco... un pagliaccio, da un libro che ha il grande pregio di un linguaggio perfettamente comprensibile anche ai bambini. Un libro scritto, come se fosse raccontato a voce, e che proprio così, con la sua grammatica colloquiale, ci introduce nella vita dei Sinti del sanguinoso secolo XX.

Da
STRADA, PATRIA SINTA (U DROM MENGRO CIACIO GAUV) di Gnugo De Bar edizioni FATATRAC
...Mio nonno era Jean De Bar, un sinto valcio che in lingua nostra vuol dire "francese". Scese in Italia a piedi nel 1900.
Lasciò i genitori in Francia e venne a tentare la fortuna, senza niente, a quindici anni, solo con qualche costume da saltimbanco.
Era uno dei più bravi contorsionisti del mondo, ma era bravo anche a fare i salti di scimmia, in altre parole i salti mortali al tappeto: ne faceva sei, sette o anche otto.
I De Bar sono una famiglia di saltimbanchi da sempre.
Anche mio nonno aveva imparato a guadagnarsi la vita così.
Lui posteggiava, che nella nostra lingua significa proprio fare i numeri di saltimbanco all'aperto, davanti alle chiese, nei mercati e nelle fiere.

...
Poi venne il 1939, un bruttissimo anno. L'Italia e la Germania avevano rotto il patto di non belligeranza con la Francia.
Era autunno e la mia famiglia s'era appena fermata al Bacino di Modena per fare la sosta dopo la stagione delle fiere.
Da noi s'usa così infatti. Quando si lavora la famiglia si divide, poi d'inverno ci si ferma tutti insieme.
Quell'anno la famiglia s'era fermata appunto nella Strada Bacino, che oggi credo si chiami Due Canali e c'erano insieme al nonno, lo zio Noti e la zia Mariettina con tutti i propri figli. Lo zio Carlo era invece ancora a fare la stagione in Lombardia e per lui fu una vera fortuna.
Mio padre aveva appena conosciuto la mamma Albertina, detta Gonia, che veniva da una famiglia che girava con le giostre.
Un mattino che piovigginava, mi hanno raccontato, molto presto hanno sentito bussare alle carovane, si sono svegliati e hanno visto le carovane circondate da militari, carabinieri, questura.
Dicevano che si doveva fare quello che volevano loro e che avevano l'ordine di sparare se qualcuno si fosse opposto.
Piantonarono tutto il giorno e la notte intera, prendendo il nome e il cognome a tutti, poi, il mattino seguente, condussero tutti quanti nel campo di concentramento di Prignano e ci portarono via tutti i muli e i cavalli che avevamo.
In Italia con le leggi razziali, fecero molti campi di concentramento per sinti, che nell'intenzione dovevano servire per smistare le nostre famiglie verso la Germania e la Polonia.
So per certo che ce ne erano a Berra di Ferrara, a Fossa di Concordia, a Pescara, e anche un paio nel bolognese che non ricordo più i nomi.
Se una deportazione di sinti non c'è stata, è stato solo per grazia della Regina Elena (che veniva dal Montenegro) che nel 1941 ci difese e impedì quello che poteva avvenire. C'era anche il campo di concentramento di Fossoli per gli ebrei, ma questo lo si conosce. Gli ebrei dopo la guerra hanno avuto il coraggio di parlare, di ricordare.
Noi sinti no. Io, per esempio, mi sono sempre vergognato di dire d'essere nato in un campo di concentramento.
Molti di noi ricordando di Prignano parlano dicendo "quando ci misero da quel contadino...". Ma quale contadino? Quello era un campo di concentramento fatto per sinti, e io ho trovato il coraggio di raccontarlo solo dopo che ho parlato con degli altri gitani spagnoli e altri sinti tedeschi e francesi.
Nella nostra lingua, mi hanno detto che nei loro Paesi dopo la guerra hanno potuto raccontare le loro storie, giornalisti e scrittori si sono preoccupati di quelle violenze che avevano subito e hanno scritto molte cose.
In Italia no, non si trova il coraggio; ma io credo invece che sia giusto raccontare.

PRIGNANO

A Prignano c'era il filo spinato e qualche baracca. poche perché noi avevamo le nostre carovane. Tutto era controllato da carabinieri e militari che nei primi giorni non ci facevamo mai uscire.
Poi, dopo un po' di tempo, decisero che dal campo potevano uscire quelli che volevano andare a spaccare le pietre per le strade a cinque lire al giorno. Così tutti andavano, anche per poter avere qualcosa da mangiare.
Le guardie due volte al giorno facevano l'appello e il contrappello. C'erano dei turni di un'ora e mezza in cui le donne potevano andare in paese a fare la spesa. I carabinieri erano i più cattivi e vigilavano anche all'osteria, tanto che non si riusciva nemmeno a fare una bevuta di un bicchiere di vino in santa pace. Dopo un mese che s'era nel campo venne un ordine del Ministero della Guerra: presero mio nonno Giovanni e lo portarono nel campo di concentramento a Civitella del Tronto perché fu riconosciuto detenuto politico, per il solo fatto di essere cittadino francese. Lì passò sacrifici e miserie insopportabili. Nel 1940 nasco io. Mio padre chiede ai carabinieri di portare la mamma all'ospedale di Sassuolo, ma dicono di no. Così nasco al freddo dentro una carovana al lume di candela.
E' un anno in cui tutti piangevano il nonno per morto, perché non si sapeva dove l'avevano portato e se fosse ancora vivo. Solo nell'autunno del 1940 concessero al nonno di scrivere una lettera. Nessuno ha ancora capito perché il nonno venisse considerato prigioniero politico, mentre poi hanno obbligato i suoi figli a servire la patria andando in guerra. Dal 1941, infatti, dopo l'intercessione della Regina, cominciarono a considerarci non più deportabili ma arruolabili, per cui iniziarono a far partire scaglionati e a forza tutti gli uomini in età.

...
Poi venne il famoso 8 settembre 1943, quando l'Italia fece l'armistizio con gli Alleati.
A Prignano quel giorno vennero i carabinieri e dissero: "Siete liberi di nuovo", ma nessuno ci credeva veramente. E il maresciallo disse: "Potete andare via come facevate prima", ma la nonna, che era il riferimento di tutta la famiglia rimasta, non sapeva più dove andare senza figli e senza il nonno. Così che mentre tutti gli altri sinti si rimettevano in viaggio e lasciavano quel posto maledetto, la nostra famiglia rimase lì ad aspettare che succedesse qualcosa.

IL RITORNO DEL NONNO

Un bel giorno dell'ottobre 1943 videro tornare a casa mio nonno, liberato perché i francesi erano di nuovo amici e ci furono momenti di allegria e di gioia, ma anche di passione per i figli al fronte. Poi mio nonno venne giù a Modena e andò dall'amico commerciante di cavalli, Tullio Pellicani. Quando gli raccontò ciò che aveva subito nel campo di prigionia, il Pellicani si mise a piangere e gli diede a credito un mulo e un cavallo per tornare a fare gli spettacoli: "Scegliti quelli che vuoi, me li pagherai quando avrai i soldi". Poi il nonno tornò a Prignano.

Quando i carabinieri videro il nonno con i due animali lo accusarono subito di furto e telefonarono all'allevatore di Modena che disse: “Io a Giovanni ne avrei dati anche di più, ma lui si è accontentato di quelle due bestie!”

Allora il maresciallo dei carabinieri si scusò con il nonno, gli strinse la mano e lo considerò persona degna di fiducia e di stima.

Dopo qualche giorno la mia famiglia lasciò definitivamente Prignano e si fermò a Modena. Qui si trovarono tutti i figli rimasti della zia Mariettina, dello zio Noti e del nonno, andarono a manghel un po' di vino (manghel significa “andare a chiedere”) e una sera fecro una grande festa d'addio. Al mattino infatti le tre famiglie si divisero: la zia Mariettina con i suoi figli cominciarono a girare nella zona di Milano, lo zio Noti verso Ferrara e la Romagna (poi nel bolognese), noi nel mantovano e nel modenese. Continuavamo a posteggiare, anche se gli uomini nello spettacolo erano pochi perché i figli del nonno erano tutti al fronte.

Visto che mancava anche il toni (il pagliaccio ndr.) per un periodo fu mia mamma a ricoprire quel ruolo. Il suo nome era il più buffo e strano mai sentito in una pista da circo: “Conserva”. Vestita da toni faceva anche le entrate.

....


... e il racconto continua, con la Resistenza, il dopoguerra, la crisi del circo. Se riuscite a trovarlo leggetelo, altrimenti qualche altro brano lo ritroverò in seguito.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/01/2006 @ 20:50:37, in media, visitato 1468 volte)
L'avevano annunciato anche loro, e sembra che invece sia stata l'ennesima occasione persa per ragionare su una situazione che perdura da 60 anni.
Riporto integralmente da Romano Lil:

Sabato 21 gennaio alle ore 23,50 “Terra”, su Canale 5, doveva trattare del libro “Porrajmos” ed in generale della persecuzione e sterminio dei Rom/Sinti durante il periodo nazi-fascista. Erano previste riprese con testimonianze dai campi nomadi di Roma e Milano ed interviste al presidente nazionale dell’Opera Nomadi Massimo Converso ed a Eva Rizzin laureata sinta. Ma tanto è tutto un bluff!

Ancora una volta, ma è tragico perché il contesto è il “Porrajmos”, si fa folklore e retorica sui Rom/Sinti. Dietro una facciata di buona volontà resta l’approssimazione e manca l’approfondimento. Un'occasione sprecata. Ecco alcune impressioni "a caldo" sulla trasmissione.

“Terra” inizia “alla Kusturica” dal falò di un campo nomadi di Roma per ammissione dello stesso conduttore “perché nel campo si respirano musiche ed atmosfere dei film del regista”. Il presidente nazionale dell’Opera Nomadi, attiva dal 1965 a tutela dei Rom/Sinti con 30 sezioni in tutta Italia, viene ristretto a pochissime battute ed all’affermazione che tanti Rom affittano le case per abitarci. Anzi viene storpiato anche il cognome, in sovraimpressione, che diventa "Massimo Conversi" invece di Massimo Converso.
Gli approfondimenti sul “Porrajmos” dimenticato sono riportati facendo scorrere, in lento zoom, la copertina del libro per un tot. di 4 secondi su più di un’ora di trasmissione. Anzi, estrapolando anche parti filmiche dal DVD allegato al libro (prodotto dall’Opera Nomadi con il contributo dell’UCEI - unione comunità ebraiche) senza riportane la fonte. Trova spazio concreto, invece, Giovanna Boursier con alcuni chiarimenti sulla storia delle persecuzioni. A Milano la persecuzione dei Rom/Sinti viene ricondotta ad alcuni rom rumeni musicisti di strada di violino e fisarmonica mentre il problema complessivo viene ridotto ad alcune battute (com-parsate) di Pagani e di Bezzecchi. Eva Rizzin, che a Trento (vedi "Il III seminario nazionale Sinti", Archivio Romano Lil) relazionava sulle “favelas-campi nomadi” d’Italia viene ridotta a stereotipo difensivo della propria razza. Banali domande a cui deve ri-spondere ("E' vero che i Rom sono sporchi, ladri, non mandano i bambini a scuola?") con passione per sentirsi concludere, dalla giornalista intervistatrice, che siccome anche gli zingari spregiano gli autoctoni chiamandoli “gagè” allora siamo quasi a pari. E così siamo alle solite degli zingari “brutti, sporchi e cattivi” che non si vogliono integrare ma qualche musicista di strada meritevole finirà a suonare con l’orchestra della "Scala".
Nessuna notizia sul fatto che anche per l’anno 2005 il monitoraggio dell’Unione Europea li veda ancora al primo posto come minoranza più discriminata e sottoposta ad atti di violenza razziale d’Europa. Ma magari è proprio perché sono “brutti, sporchi e cattivi". E si dimentica volentieri che il nazi-fascismo li sterminava proprio perché “diversi” e “asociali” (triangolo nero) e perché avevano il codice della delinquenza inscritto nel DNA.

Del “Porrajmos” attualizzato a cui sono sottoposti i Rom/Sinti nella nostra epoca non se ne fa menzione. Delle leggi che continuano ad escludere queste popolazioni dalla nostra società, assoluto silenzio. Leggi anche apposite, basta ricordare il divieto di sosta per Rom/Sinti, l’"induzione alla schiavitù" per le donne che fanno “manghél”, la legge urbanistica 2001 che prevede che su un terreno edilizio di proprietà si possa tenere una roulotte-camper solo per uso turistico: se è ad uso domicilio viene abbattuta o sgomberata come abuso edilizio. Per non parlare di ruspe che abbattono “campi nomadi” lasciando al freddo e senza casa, nel nome di una presunta "legalità", anche neonati, malati ed anziani. E, tanto per finire con gli esempi, ci sono Rom nati e residenti in Italia, anche da due generazioni, che hanno più diritti in carcere (codice fiscale, accesso alle cure sanitarie, diritto di rappre-sentazione) che non fuori. Fuori, in una società dove adesso si può anche “celebrare” il Porrajmos senza ricordare però che è il portato, e non un’anomalia storica o addirittura un epilogo, di sei secoli di persecuzioni razziali.

ED ALLORA, bisognerà uscire dall’effetto ipnotico dei mass-media: ogni volta che arriva un giornalista od una telecamera gli intervistati perdono la testa abbagliati dai riflettori. E vengono fagocitati dentro uno schema pre-confezionato senza capacità di intervento reale e propositivo, anzi, a volte, vengono strumenta-lizzati come “comparse” o come macchiette.
Ormai l’Opera Nomadi ed i Rom/Sinti hanno agenzie giornalistiche, “testate” proprie, giornalisti preparati che possono e “devono” essere consultati per fare da consulenti, addetti stampa, e da filtro quando arrivano i reporter della televisione o dei giornali, per fare “passare” e garantire un minimo di in-formazione corretta. Per non essere complici di un’informazione distorta ed approssimata.
“Per essere sempre più la rappresentazione di noi stessi e sempre meno il prodotto di una società che non ci rappresenta”
(Comuna Baires)

PS: Non ho televisore, c'è qualcuno che può darmi la sua impressione su quella trasmissione?
Grazie.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/01/2006 @ 01:38:24, in conflitti, visitato 1560 volte)

The Associated Press - Martedì 17 gennaio 2006

WASHINGTON (AP) – Martedì la Corte Suprema ha rifiutato di bloccare le cause intentate a nome di migliaia di zingari, serbi e ed ebrei, che esigono dalla Banca Vaticana i soldi che i fiancheggiatori del nazismo avrebbero rubato loro durante la II guerra mondiali.

Gli avvocati della Banca Vaticana, braccio finanziario della Chiesa Cattolica, hanno sostenuto che i tribunali americani non dovrebbero occuparsi dei reclami.

“La risoluzione giudiziaria della querela causerebbe un potenziale imbarazzo, perché in contraddizione con la precedente politica dell'esecutivo, che ha sempre affrontato le richieste relative alla II guerra mondiale con la diplomazia invece che con la controversia” hanno detto ai giudici.

La nona Corte d'Appello degli Stati Uniti, nel 1999 ha consentito che il caso fosse portato avanti. La giudice Margaret McKeown, ha scritto per la corte d'appello che i sopravvissuti “affrontano una strada in salita nel continuare i loro reclami” perché i documenti sono vecchi di decenni e potrebbero “essere invalidati per cause procedurali e giurisdizionali”.

The cases are Order of Friars Minor v. Alperin, 05-326, and Istituto Per Le Opere Di Religione v. Alperin, 05-539.

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/01/2006 @ 12:30:45, in Italia, visitato 1258 volte)

Una notizia di cronaca, che potete leggere da due diverse campane (QUI e QUI).

Molto cinicamente: non è morto nessuno. Molto stancamente: ogni inverno le cronache riportano tra i 3 e i 10 casi simili, per cui mi pare inutile fare polemiche politiche.

A meno che... la politica non mostri per una volta che non si occupa di gestire poltrone e consigli di amministrazione, ma di affrontare i problemi.

Sul dopo, lascio a destra e sinistra di scegliere se infischiarsene o palesare commozione.

Sapete perché abbiamo fatto il callo a questi incendi invernali? Perché si continua a pensare che in fondo in fondo, riguardano pochi sfigati.

E' almeno da questa estate, che qui si è sollevato il caso degli sgomberi dei terreni di proprietà, dove spesso le famiglie che hanno scelto di non vivere nei campi hanno sistemato case mobili o rifugi che non sono baracche. Come nel caso della Gran Bretagna, queste famiglie sono state prima spinte dai comuni ad acquistare i terreni dove accamparsi, e da quest'anno gli stessi comuni non rinnovano loro il permesso di sosta e provvedono allo sgombero forzato. Quanti? La stampa parla di 5000 casi, la maggior parte nel nord Italia. Fatta una rapida stima, tra le 50 e le 100.000 persone che da un momento all'altro rischiano di tornare sulla strada, e di finire in situazioni di fortuna come il gruppo di quei Rom di Chiaravalle. Cittadini italiani, in gran parte, quindi non espellibili, che dalla sicurezza di un rifugio dignitoso passeranno a riscaldarsi con mezzi di fortuna.

Come si può pretendere di aver la capacità di affrontare il problema dell'emigrazione extra-EU, quando ancora chi è nato in Italia vede la propria situazione sempre più in pericolo?

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2019 @ 12:17:49
script eseguito in 161 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 349 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source