Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
L'essere straniero per me non è altro che una via diretta al concetto di identità. In altre parole, l'identità non è qualcosa che già possiedi, devi invece passare attraverso le cose per ottenerla. Le cose devono farsi dubbie prima di potersi consolidare in maniera diversa.

Wim Wenders
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 06/02/2006 @ 08:54:14, in Regole, visitato 1691 volte)

Ustiben report

E' sorta una nuova disputa tra i residenti che hanno occupato l'area di Dale Farm da cui dovrebbero essere sgomberati (il più grande villaggio autogestito di Nomadi e Viaggianti) e il consiglio comunale di Basildon.

Quest'ultimo ha reso pubblici dati medici e sociali confidenziali delle diverse centinaia di Viaggianti che vorrebbe espellere. L'incidente è successo lo scorso 24 gennaio, quando il consiglio comunale ha confermato l'intenzione di sgomberare 120 famiglie, e i loro dati personali pubblicati su un sito web.

[...] Alle proteste ha risposto Sylvia Buckley, portavoce del comitato comunale e moglie del leader tory Malcom Buckley, che ha negato possa esserci stata una forzatura del Data Protection Act. La sua tesi è stata confermata dalle autorità.

Oltre 60 residenti di Dale Farm hanno aperto una nuova causa su questo episodio. Le loro proteste ufficiali sono state inoltrate al leader laburista Alan Davies, perché ne segua l'epilogo.

I dati resi pubblici, ripresi dalla stampa locale, hanno rinvigorito la campagna di opposizione e di ostilità dei media, alimentata dal deputato tory John Baron. Copia delle proteste sono state inviate anche alla Commissione per l'Informazione [...] e al presidente della Commissione per l'Uguaglianza Razziale (CRE), Trevor Phillips, perché prendano provvedimenti. La CRE interverrà anche nel processo collettivo intentato da alcuni residenti contro il comune di Basildon, accusato di seguire una politica di pulizia etnica.

Nel contempo, il leader del gruppo laburista di Basildon, Nigel Smith, ha affermato che l'intenzione di sgomberare circa 1.000 Nomadi e Viaggianti dal territorio comunale può essere “alterata di razzismo”. Aggiunge che la questione di Dale Farm non può essere risolta con un'azione diretta.

Il suo collega di partito, Swatantra Nandanwar, è stata l'unica esponente del comitato civico ad aver votato contro lo sgombero. Prima di quella riunione, Nandanwar aveva subito pressione perché non intervenisse nel dibattito. Gli è stato pure contestato un presunto conflitto d'interesse, essendosi recato in precedenza a visitare Dale Farm e parlare con i residenti.

By Grattan Puxon – 3 febbraio 2006

Aggiornamento del 4 febbraio: Gli appartenenti alla Cherokee Nation, i cui guerrieri una volta combatterono gli Stati Uniti per il diritto alla loro terra, si sono uniti alla protesta contro la decisione del comune di Basildon di abbattere Dale Farm.

I pregiudizi affrontati da Nomadi e Viaggianti a Crays Hill sono simili a quelli sofferti dai popoli Nativi Americani, dicono.

Chi vi assegna il diritto di togliere la loro casa alle persone?” chiede la Cherokee Cara Newbury, Colorado, al leader conservatore Malcom Buckley, in una mail inviata domenica.

Infine dice che lei e altri 300.000 componenti della Cherokee Nation, che hanno ricevuto 1,5 milioni di $ come compenso per le terre perdute, sono pronti a mobilitarsi contro le ingiustizie e il furto dei diritti umani fondamentali, minacciati a Crays Hill.

Conclude Cara Newbury che gli Cherokee hanno incontrato molte tragedie nel passato, ma che la potenziale violenza dello sgombero di Dale Farm li ha sconvolti.

Nota: la foto non ritrae uno Cherokee, ma Armando, Lacota del Nord America che ha sposato una Romni e scrive su allgypsies. La notizia è dedicata a lui. (ovviamente, si veste così solo in caso di ricorrenze tradizionali)


Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/02/2006 @ 00:54:14, in Europa, visitato 1449 volte)

CENTRALNI OFIS ROMA KOSOVA I METOHIJE
Ul. Atanasija Pulje br 10
11080 Zemun - SCG
Tel/fax: ++381 11 316 59 25
Mobile: ++381 64 26 37 621

Belgrado, 27 gennaio 2006: DICHIARAZIONE ALLA TANJUG

Bajram Haliti, Presidente dell'Ufficio Centrale dei Rom di Kosovo/a e Metohija si è incontrato coi membri dell'associazione civica che riunisce le famiglie dei Rom rapiti e uccisi in Kosovo e Metohija. che da sei anni cercano la verità sui loro famigliari.

I membri dell'associazione accusano il governo del Kosovo di non fornire cooperazione nell'identificare i corpi ritrovati nelle fosse comuni e chiesto alla comunità internazionale, all'UNMIK e alla KFOR di fare pressione alle autorità del governo.

Durante l'incontro, Bajram Haliti ha sottolineato la necessità di arrivare ad un'Unione di tutte le associazioni dei cittadini che indagano sui parenti rapiti e scomparsi, perché la vicenda assuma importanza presso l'opinione pubblica nazionale ed internazionale e perché si arrivi a soluzioni efficaci. Haliti ha poi ricordato la necessità di creare un database con le informazioni su quanti Rom sano stati rapiti o siano spariti durante il conflitto. Ha poi promesso che chiederà alle istituzioni di pubblicare una lista di quanti il cui destino sia ignoto.

In un'intervista alla TANJUG, Bajram Haliti ha poi detto che si incontrerà col presidente della Serbia, Boris Tadić, il primo ministro serbo, Dr. Vojislav Koštunica, i ministri Zoran Stanković e Dragan Jočić, il presidente del centro di coordinamento, Dr. Sander Rašković-Ivić, il capo dell'UNMIK, Soren Jesen-Peterssen, Karla Del Ponte, Javier Solana e il capo dei negoziati Martti Ahtisaari.

Lo scopo è la stesura di una lista definitiva di quanti siano i scomparsi e gli uccisi, civili, soldati e poliziotti di origine Rom. Secondo Haliti, sono circa 150 i Rom uccisi. La lista verrà poi consegnata a Karla Del Ponte e alle organizzazioni nazionali e internazionali, perché siano identificati e puniti i responsabili dei crimini di guerra.

Presidente: Bajram Haliti

Fonte: Kosovo_Roma_News

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/02/2006 @ 13:16:32, in Europa, visitato 1477 volte)
La Commissione Europea contro il razzismo e l'intolleranza (ECRI) ha reso pubblico il proprio calendario di appuntamenti per il 2006.
A novembre (data e località da decidere) è prevista una Tavola Rotonda in Italia.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/02/2006 @ 09:35:34, in Europa, visitato 1782 volte)

Questo articolo è parte del rapporto che accompagna il programma di Media Diversity Institute (Londra) e BETA news agency: “Vedere i Rom senza pregiudizi”, nel quadro del Decennio dell'Inclusione Rom.

 

By Zoran Kosanovic

Zingara schifosa, guarda cos'hai combinato!” l'infermiera urlava contro Olgica Jasarevic, una Romnì al nono mese di gravidanza. La signora Jasarevic era nell'ospedale di Nis in attesa di controlli, sdraiata su un letto in preda ad un'emorragia.

Avevo paura e così non ho detto niente, ma quando è arrivato il dottore gli ho raccontato cos'era successo. Si è scusato e ha detto che non sarebbe più accaduto.” La signora Jasarevic ha descritto l'infermiera come una donna dai capelli rossi e corti, ma nessuna azione è stata presa.

La spiacevole esperienza di questa donna, è una delle conferme delle discriminazioni contro i Rom del servizio sanitario. I dati riportano anche che la percentuale di mortalità tra i Rom tra i 30 e i 40 anni, è del 24% superiore a quella cittadina.

Il personale medico ha diversi tipi di approccio verso i pazienti Rom. Molti li insultano o rifiutano di fornire assistenza medica,” conferma Marija Demic, ricercatrice del Centro Diritti delle Minoranze, che ha compilato un rapporto sui Rom e l'accesso ai servizi sanitari di Nis.

Osman Balic, attivista Rom del locale centro Yorum, ha un'opinione differente: riconosce che il sistema sanitario di Nis discrimina i Rom nei confronti degli altri abitanti, ma ritiene che il vero problema siano le misere condizioni di vita: “La situazione degli insediamenti rom è un pericolo costante per loro stessi e per gli altri cittadini. Occorre che lo stato intervenga”.

Demic a sua volta conferma le cattive condizioni di partenza come una delle cause, ma insiste sul fatto che i Rom non siano coperti dal servizio sanitario al pari del resto della popolazione. Aggiungendo che sono i bambini e le donne incinte quelle nella peggiore situazione.
In molti casi abbiamo ragazze incinte a 16 anni, che trascorrono tutto il periodo di gravidanza senza controlli medici. I partners raramente conoscono qualcosa sulla contraccezione. Non sono a conoscenza delle malattie trasmesse sessualmente, incluso l'HIV. I bambini non vengono visitati e quindi neanche vaccinati.”, sempre secondo il rapporto del Centro Diritti delle Minoranze.

Le Romnià che provano a cercare soluzioni a questa situazione, sono malviste dalle stesse persone a cui si rivolgono in cerca di aiuto. Quando Danijela Zekic, che aveva già tre figli, andò in farnmacia per informarsi sull'uso della pillola, la farmacista scoppiò in una risata. “Sono andata in farmacia con un'amica. Non c'era nessuno, solo noi due e la farmacista, una bella signora coi capelli scuri. Le ho chiesto cosa cercavo e lei è sbottata: “Sai cos'è la pillola contraccettiva? Da non credere. Pensavo che voi zingari non sapeste niente di contraccezione.” Shoccata, non le risposi. Presi le mie pillole ed uscii” ci dice.

Discriminazione? Non è proprio così. Conosco centinaia di casi dove gli infermieri hanno fatto più del dovuto per un Rom. E' una parola troppo grossa per il sistema sanitario. Critico piuttosto che le riforme che dovrebbe permettere l'accesso a una fascia più ampia di cittadini, progrediscano troppo lentamente”, dice Osman Balic.

Commentando un evento menzionato dal rapporto: un reclamo che dichiarava che il pronto soccorso si era rifiutato di inviare personale paramedico all'accampamento di Crvena Zvezda, dove un uomo era immobilizzato dal mal di schiena: “Il rapporto non accenna al fatto che l'accampamento è a diverse centinai di metri dal centro medico, e l'uomo avrebbe potuto cercare assistenza per conto proprio.”

Non tutti i Rom di Nis sono dello stesso avviso. I rifugiati dal Kosovo, come pure quelli rimpatriati a forza dalla Germania, sono in una situazione ancora peggiore. “La maggior parte di loro cerca sistemazione nei quattro campi disponibili. Molti non sono registrati come residenti e quindi non hanno diritto all'assistenza medica, oppure a rivolgersi all'ufficio di collocamento o di mandare i figli a scuola.” dice Marija Demic.

Lei ritiene che il governo locale dovrebbe sviluppare un piano d'azione per far partire un servizio sanitario destinato alle comunità rom, elencando i benefici. “E' anche necessario munire ogni accampamento di un coordinatore, perché i suoi abitanti esercitino il diritto alla sanità”, e poi aggiunge che il gradino successivo sarebbe la formazione del personale medico nel trattare adeguatamente i pazienti Rom.
Il censimento del 2002 indicava in 250.518 gli abitanti di Nis, tra cui 5.687 Rom. I Rom ritengono invece che il loro numero sia vicino ai 20.000. Al Centro Diritti delle Minoranze specificano che molti Rom evitano di indicare la proprie etnia, per paura della discriminazione e dei pregiudizi. Sait Balic, lui stesso Rom, dice che sono circa 2.000 quelli rimpatriati forzatamente dalla Germania. A sua volta, Dragoljub Djordjevic, docente di sociologia, afferma nel suo studio “Vivere con i Rom”, che loro risiedono da secoli nell'area di Nis.


(BETA/MDI)e stresses.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/02/2006 @ 10:38:25, in media, visitato 1694 volte)

91717148_fddb63e448
(Immagine che ho fregato a Daniele)


Mai, come durante la Settimana della Memoria, si parla (anche a sproposito) di razzismo e di colpe storiche. Per me è sempre difficile trarne un bilancio e capire come ripartire; la difficoltà maggiore è ragionare su come viene vissuta questa memoria:

  • sento spesso ripetere che il razzismo OGGI come in parte IERI è stato un fenomeno nato dall'ignoranza e dalla miseria, non riguarda gli intellettuali, gli studiosi, chi maneggia tecnica e cultura.

  • Io invece penso almeno da qualche anno, che il razzismo sia un fenomeno che nasce e viene pianificato dai quadri + istruiti (insegnanti, filosofi, responsabili governativi) di una nazione. Per lo più, gente di destra e sinistra bravissima a lanciare sassi e nascondere la mano.

Questa la mia preoccupazione: punire il giovane skinhead e non accorgersi del clima che rischia di riportarci indietro all'Europa della prima metà del secolo scorso.

Questa premessa per presentare il caso sottoposto da Valeriu Nicolae di ERIO, che chiede di contattarlo se volete l'articolo completo in originale (in inglese o rumeno).


Antiziganismo, violenza verbale contro i gay ed incitamento al razzismo contro la gente di pelle scura. Tutto questo sito web del Partito Popolare Cristiano Democratico di Romania, membro del Partito Popolare Europeo, dell'Unione Internazionale Democratica e dell'Internazionale Centro Democratica.

Il materiale esposto contro un riconosciuto leader politico rumeno può facilmente intendersi come stupido, mal scritto e grottesco, non fosse per l'ampia visibilità ottenuta sui media rumeni. Propaganda di stile nazista contro Adrian Nastase, sulla base delle sue (presunte) origini romanì. Le similitudini c on la deumanizzazione degli Ebrei prima e durante l'Olocausto sono evidenti.

Ndr: Adrian Nastase, valente tennista di fama internazionale nei primi anni '70, da una decina d'anni è attivo nella politica rumena come membro del partito socialdemocratico e come responsabile del settore sportivo. Un caso di polemica politica (legittima) veicolata attraverso stereotipi di razza. Valeriu Nicolae cita anche questi articoli:

tutti in rumeno, che non mi metto neanche a tradurre. Continua poi...

Le origini zigane della nonna di Adrian Nastase sono usate per giustificare le accuse di corruzione, l'aggressività e l'abilità sua e dei genitori. Le citazioni sotto riportate portano anche l'accusa di presunta bi-sessualità.

Alcune citazioni:

“…se lei tentava di toccarlo, lui la picchiava. Un mezzo Zingaro molto violento, sempre aggressivo con sua moglie. La picchiava decine di volte in crisi di aggressività”

...crescendo Adrian cominciò a mostrare le evidenti caratteristiche razziali di sua nonna (Zingara): abilità e furto”

...per soddisfare la sua fame patologica di denaro e potere, Ady (Adrian) inventò che [...] gli zingari hanno uno spirito molto inventivo...”

...come ministro per gli Affari Esteri, Adrian Nastase continuò senza vergogna a mentire, qualità atavica di Zingaro, trasmessagli dal padre...”

...Queste qualità “razziali” le ha preservate sino a oggi. Nastase è un bugiardo matricolato, che si crede troppo intelligente e superiore, mente al popolo rumeno e pensa che la nazione rumena sia un gregge da manipolare facilmente. Ci sono così tante bugie nelle sue dichiarazioni, che non resta che meravigliarsi della sua inventiva da zingaro.”

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/02/2006 @ 10:15:05, in Europa, visitato 1428 volte)

Il Consiglio Comunale di LEEDS ha speso circa 1 milione di sterline negli ultimi due anni per pulire le aree occupate da nomadi e viaggianti.

I fondi sono stati spesi in attesa delle linee guida del Governo su come affrontare il problema.
Il conto per i contribuenti non mostra di voler scendere. Le stime del periodo 2004-05 indicano che il comune ha dovuto affrontare la spesa di £. 360.000 per 60 aree non autorizzate. Nel primi due mesi dell'anno finanziario 2005-06, il conto per il comune è di £. 500.000 per 56 aree non autorizzate.
Il comune ha predisposto un'area di sosta regolare a Cottingley Springs. Sono state stanziate £. 369.000 per miglioramenti dell'area, e non esistono piani per installare altri spazi di sosta.

Il Race Equality Advisory Forum e il Gipsies and Travellers Working Group hanno richiesto altre cinque aree di sosta permanenti e cinque di transito, per affrontare il problema degli insediamenti illegali. Assieme richiedono un ente di controllo sulle aree che hanno visto in precedenza insediamenti abusivi, e suggeriscono di fornire gli accampamenti illegali di servizi igienici portatili e predisporre la raccolta dei rifiuti, al fine di ridurre i costi.

Il comune intenderebbe predisporre un assessorato che si occupi di questi temi, ma per farlo è in attesa delle linee guida del governo, che però sono in ritardo di nove mesi rispetto al previsto.

Solo tre tra i cinque comuni dello West Yorkshire - Leeds, Bradford e Wakefield - hanno aree di sosta ufficiali.

Coun Les Carter, consigliere con delega alle comunità nomadi e viaggianti, conferma che nel West Yorkshire nessun comune si sbilancerà su nuove aree di sosta, prima di un pronunciamento del governo.

Poi sintetizza: “Anche se Leeds ha approntato un ampio sito permanente, il comune soffre grandemente della presenza di accampamenti non-autorizzati, che non rappresentano una soluzione permanente e pesano sulle tasche dei contribuenti.

Il Governo non ha mantenuto quanto aveva promesso. Più continua a rimandare, maggiore sarà il costo per i contribuenti. Spero che le linee guida vengano espresse al più presto, perché le autorità locali senza queste indicazioni non intendono sbilanciarsi [...] Una legislazione più forte e decisa sugli insediamenti non autorizzati, ci aiuterà a prevenire costi enormi”.


david.marsh@ypn.co.uk - Source: Yorkshire Post 26 January 2006

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/02/2006 @ 09:07:35, in sport, visitato 4256 volte)
UEFA contro l'antiziganismo

La seconda conferenza United Against Racism organizzata dall'UEFA e da FARE, si è tenuta il 1° febbraio, ospitata dall'FC Barcelona (QUI e QUI i link ufficiali, ndr).
La conferenza ha riunito varie personalità pubbliche dei club e delle federazioni di tutto il mondo, giocatori e responsabili UEFA. Il gruppo di lavoro sull'Europa Centrale e Orientale includeva Valeriu Nicolae di European Roma Information Office (ERIO) che ha illustrato l'antiziganismo negli stadi.
La presenza di Hristo Stoickov, allenatore della nazionale bulgara e ex stella calcistica del FC Barcelona, ha potuto catalizzare l'attenzione sul rampante antiziganismo in Bulgaria (QUI e QUI).
"Nell'arco di solo due giorni, abbiamo visto l'UEFA, membri del Parlamento Europeo e del Network Europeo controil razzismo, alzarsi insieme contro un'ideologia razzista e disumana, sfortunatamente ancora largamente condivisa e impunita in Europa - l'antiziganismo" ha concluso Valeriu Nicolae.
Per ulteriori dettagli, contattare v.nicolae@diplomacy.edu
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/02/2006 @ 01:24:12, in media, visitato 1600 volte)

Marlovic non amava gli internet-point, coi ragazzini peruviani che chattavano con le fidanzate lasciate al paese e i rumeni persi tra i siti porno. E poi lì dentro non poteva fumare.

Ma era seduto lì, tra la puzza di patatine e una sedia troppo stretta, visto che il suo computer era definitivamente fuso. Ingrato, pensò ricordando quante volte aveva saltato la cena per restare collegato ancora 10 minuti...

Scorrevano i titoli della rassegna stampa, e Marlovic ragionava che se la gente ha le pere in testa, cosa puoi farci?

Capisco gli inquirenti... devono inventarsi qualcosa per tenerci buoni, ma una volta (sospiro, quanti anni sono i prossimi?) un giornalista non si sarebbe fatto infinocchiare così. Si immaginò chi scriveva le notizie, non doveva avere una faccia diversa da quei ragazzini o quei vecchi bavosi dell'internet-point.

Ecco cos'erano riusciti a fare:

e se non si fosse capito, ancora IGN

lo conferma Toscana TV in una notizia sintetica e leggibile

L'unico che fa qualche nome sui colpevoli:

  • Il primo quotidiano On Line della Provincia di Grosseto - Maremma News – Italy: Grosseto 02/02/06: L'attività investigativa a carico di un gruppo di nomadi sinti aveva preso avvio nel 2004 a seguito di una serie di furti nella zona di ... (a parte il fatte che il cognome indicato sembra Rom, e non Sinti). Il bello salta fuori subito: ... per l'operazione 'Banda Bassotti 2' C’è anche un nomade residente a Grosseto tra i 14 arresti della Squadra Mobile per l’operazione Banda Bassotti 2. (Un nomade su una banda nomade di 14, un solo cognome su 14) Era anche il più sfigato: ... stava ancora dormendo, aveva partecipato ad alcuni furti minori. ... (In compenso, non si parla più di consoli onorari e giocatori a fine carriera)


Le storie di Marlovic:

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/02/2006 @ 19:58:30, in Regole, visitato 2356 volte)
In risposta a: Rifondazione Comunista non intende ricandidare Livio Togni al Senato, ricevo quanto segue.

Come è noto, Rifondazione Comunista ha approvato nel corso dell'ultima riunione del Comitato Politico Nazionale le teste di lista per le prossime elezioni politiche nelle varie circoscrizioni della Camera e del Senato.
Sostanzialmente, quelle indicazioni coincidono con la previsione degli eletti per la prossima legislatura.
Come è stato evidenziato, non solo nel Comitato Politico Nazionale ma nel corso di varie iniziative pubbliche e nei documenti approvati, la novità più importante che caratterizza le liste è il fatto che una quota del 20% dei possibili eletti è riservata a personalità della sinistra che non sono iscritte ma
rappresentano realtà politiche, sindacali, del movimento per la pace, dell'associazionismo, del conflitto sociale, delle realtà della disobbedienza, del mondo ambientalista, ecc., le quali, assieme a Rifondazione Comunista, hanno deciso di aprire la fase costituente della Sezione Italiana del Partito della Sinistra Europea. Questo percorso porterà, dopo le scadenze elettorali della prossima primavera, alla costruzione di una nuova soggettività politica plurale che sarà l'espressione della sinistra di alternativa nel nostro Paese.
Con questa decisione si sono innovate completamente le modalità con le quali sono state individuate le candidature dei non iscritti. Non si tratta più di indipendenti ospitati dentro le liste elettorali, bensì delle espressioni autonome delle soggettività che hanno condiviso il progetto della Sinistra Europea e che, con Rifondazione, hanno assunto l'impegnativa decisione di dare avvio a questo processo.
Le proposte, quindi, sono scaturite da un lungo confronto, che ha attraversato impegnativi momenti, e da una consultazione vasta che ha coinvolti un insieme largo di soggettività politiche, sociali, sindacali, di movimento.
Le candidature che ne sono risultate, per autorevolezza, capacità di parlare ai tanti mondi della sinistra e dei movimenti, crediamo che rappresentino al meglio il percorso che abbiamo scelto.
Il nome del senatore Togni, che tra l'altro non ha aderito (cosa del tutto legittima) alla sinistra europea, non è tra quelli scaturiti in questa consultazione. Egli, come è noto, è stato eletto nel 2001 come indipendente nelle liste del PRC.
Ma, come è stato precedentemente spiegato, questa fase è completamente superata e quindi, non esisteranno più candidati indipendenti del PRC ma personalità espressione della sinistra plurale emersi in una consultazione larga e il cui esito è stato sancito dagli organismi dirigenti del Partito deputati ad approvare le liste.
Con il senatore Togni abbiamo avuto in questi anni un rapporto di leale collaborazione, sempre rispettoso della sua autonomia personale.
Del contributo dato lo ringraziamo e, almeno da parte nostra, riteniamo che tale rapporto possa continuare in forme differenti.

Francesco Ferrara (resp. Gruppi dirigenti)

Quello che segue, è un abbozzo di risposta. Sicuramente parziale ed incompleta. Mi piacerebbe che la discussione coinvolgesse i frequentatori della Mahalla e quanti hanno firmato la lettera a Rifondazione. Quindi in calce raccoglierò vostri commenti ed "emendamenti" per aggiungerli o sostituirli a quanto vorrei rispondere. Diamoci un tempo ragionevole (va bene una settimana?) e aiutatemi. Da parte mia vi terrò al corrente di ogni sviluppo. Grazie.

Spett. Francesco Ferrara (resp. Gruppi dirigenti)
La ringrazio per la sollecita e approfondita risposta. Di questi tempi per un cittadino che non è iscritto ad alcun partito, ma è sensibile alle tematiche politiche, sindacali, del movimento per la pace, dell'associazionismo, del conflitto sociale, delle realtà della disobbedienza, del mondo ambientalista, ecc. è sempre più difficile instaurare un dialogo con i partiti, e soprattutto affrontare il modo di come queste istanze possano concorrere alla rappresentanza ai diversi livelli, locali e nazionali.
Vista l'attività svolta dal senatore Livio Togni durante l'ultima legislatura, è interesse comune che la collaborazione col vostro partito possa continuare anche "in forme differenti".
Il punto nodale, che riguarda tanto il vostro partito che la futura coalizione governativa, è che le "forme differenti" non saranno sufficienti affrontare le tematiche poste dai Rom e dai Sinti non solo in Italia, ma in tutta Europa.
Sarete sicuramente a conoscenza che dal maggio 2004 questi sono diventati la più numerosa minoranza etnica del continente e dappertutto, seppur in forme diverse, affrontano una situazione simile di discriminazione e disagio sociale nel campo dei diritti, della casa, della sanità, dell'istruzione, della loro stessa sicurezza personale.
Se lo stessa Comunità Europa oggi sembra essere l'organismo che fa da sprone per una possibile emancipazione di Rom e Sinti dalla loro situazione attuale, ciò è dovuto all'attività di sprone di Lívia Jaroka e Viktória Mohacsi, rom ed elette al Parlamento Europeo.
Com'è possibile affrontare problemi ormaii storici, senza il contributo (anche ai massimi livelli elettivi) dei rappresentanti dei diretti interessati?
Nel contempo, proprio dalla Comunità Europea arriva un severo monito all'Italia, paese dove ancora non è possibile quantificare il numero di Rom e Sinti presente, e paese dove devono vivere tuttora in riserve chiamate campi sosta.
In Italia la presenza di Rom e Sinti data da oltre mezzo millennio, eppure per la maggior parte di loro, anche per i cittadini italiani a tutti gli effetti, la situazione rimane quella di un immutato dopoguerra. E' assurdo e paternalistico pensare che le prossime coalizioni possano affrontare e vincere le sfide della globalizzazione, dell'arrivo continuo di nuovi soggetti, dell'economia e di un nuvo welfare, quando i suoi stessi cittadini vivono tuttoa ai margini della società. E questa sfida, ripeto, potrà essere risolta quando i diretti interessati avranno la possibilità di argomentare ed essere rappresentati a pari livello.
La candidatura del senatore Livio Togni non dev'essere quindi un fiore all'occhiello, che prontamente appassirebbe, ma il volano perché la sua esperienza possa essere condivisa e replicata.
Ringraziando per l'attenzione.
Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/02/2006 @ 19:30:23, in blog, visitato 1399 volte)
... si comincia chiedendo di poter mandare i figli a scuola.
A due anni sanno già leggere e scrivere.
Silvioooo! Ti cercano!
: - D
Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


12/11/2019 @ 14:11:38
script eseguito in 162 ms

 

Immagine
 La comunità virtuale di Rom e Sinti nel mondo... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4053 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source