\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Kosovo
Di Fabrizio (del 06/02/2006 @ 00:54:14, in Europa, visitato 1605 volte)

CENTRALNI OFIS ROMA KOSOVA I METOHIJE
Ul. Atanasija Pulje br 10
11080 Zemun - SCG
Tel/fax: ++381 11 316 59 25
Mobile: ++381 64 26 37 621

Belgrado, 27 gennaio 2006: DICHIARAZIONE ALLA TANJUG

Bajram Haliti, Presidente dell'Ufficio Centrale dei Rom di Kosovo/a e Metohija si è incontrato coi membri dell'associazione civica che riunisce le famiglie dei Rom rapiti e uccisi in Kosovo e Metohija. che da sei anni cercano la verità sui loro famigliari.

I membri dell'associazione accusano il governo del Kosovo di non fornire cooperazione nell'identificare i corpi ritrovati nelle fosse comuni e chiesto alla comunità internazionale, all'UNMIK e alla KFOR di fare pressione alle autorità del governo.

Durante l'incontro, Bajram Haliti ha sottolineato la necessità di arrivare ad un'Unione di tutte le associazioni dei cittadini che indagano sui parenti rapiti e scomparsi, perché la vicenda assuma importanza presso l'opinione pubblica nazionale ed internazionale e perché si arrivi a soluzioni efficaci. Haliti ha poi ricordato la necessità di creare un database con le informazioni su quanti Rom sano stati rapiti o siano spariti durante il conflitto. Ha poi promesso che chiederà alle istituzioni di pubblicare una lista di quanti il cui destino sia ignoto.

In un'intervista alla TANJUG, Bajram Haliti ha poi detto che si incontrerà col presidente della Serbia, Boris Tadić, il primo ministro serbo, Dr. Vojislav Koštunica, i ministri Zoran Stanković e Dragan Jočić, il presidente del centro di coordinamento, Dr. Sander Rašković-Ivić, il capo dell'UNMIK, Soren Jesen-Peterssen, Karla Del Ponte, Javier Solana e il capo dei negoziati Martti Ahtisaari.

Lo scopo è la stesura di una lista definitiva di quanti siano i scomparsi e gli uccisi, civili, soldati e poliziotti di origine Rom. Secondo Haliti, sono circa 150 i Rom uccisi. La lista verrà poi consegnata a Karla Del Ponte e alle organizzazioni nazionali e internazionali, perché siano identificati e puniti i responsabili dei crimini di guerra.

Presidente: Bajram Haliti

Fonte: Kosovo_Roma_News