Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 14/04/2006 @ 10:01:19, in Italia, visitato 1617 volte)
Ricevo, e porto a conoscenza:

ASSOCIAZIONE COMUNITA’ STRANIERE IN ITALIA

ASSOCIACION COMUNIDADES EXTRANJERAS EN ITALIA

ASSOCIATION DES COMMUNAUTES ETRANGERES EN ITALIE

SHOQATE KOMUNITET HUAJ NE ITALIA

Onlus

Via F. Spera, 95– 71100 FOGGIA - Tel. 3497239108 - Fax: 0881714130

CF-P.IVA 01740400716

E.mail: acsi.h@libero.it habib_sghaier@libero.it

S.E AMBASCIATORE DELLAREPUBBLICA DI MAKEDONIA

Presso IL QUIRINALE.

ROMA.

E, p.c:

UNION ROMANI.

BARCELLONA ( Spagna )

OPERA NOMADI NAZIONALE.

ROMA.

Oggetto: Comportamento irriguardoso, scorretto, discriminatorio e calunnioso nei confronti degli Zingari presenti, stanziali e residenti a Foggia.

Eccellenza,

Nel salutare umilmente, amichevolmente e calorosamente l’Ambasciata della Repubblica di Makedonia presso il Quirinale, l’Associazione delle Comunità Straniere in Italia (ACSI), organizzazione nazionale, apolitica, socio-umanitaria senza scopi lucrativi alla quale aderiscono movimenti, comunità, circoli ricreativi, luoghi di culto di varie confessioni, richiedenti asilo, apolidi e popoli migranti provenienti di Romania-Macedonia-Serbia-Ucraina-Bulgaia-Ungheria-India-Turchia-Mali-Niger-Sudan-Russia-Armenia-Spagna-Francia-Malta-Mauritania-Sahara Occidentale etc…, presenti e residenti in 18 regioni italiane, informa S.E Ill.ma di quanto segue:

da sette anni, una donna “ Zingara “, non gode il suo diritto sacro santo di portar via il proprio bambino dopo il parto avvenuto presso la maternità di Foggia.

Questa donna è obbligata di recarsi alla Sua Cancelleria al fine di produrre un’successiva documentazione.La cosiddetta “ nulla osta”.Da presentare entro dieci giorni dal parto per non perdere la potestà.Nel frattempo, il neonato è affidato ad una casa accoglienza.

L’intero nucleo familiare si sposta a Roma ( a carico del volontariato ): bambini e madre sul treno di notte, la mamma senza cure ( alcune con cesareo), non potendo sfamare, accudire o lavare la “ truppa”, attesa davanti l’ambasciata, incomprensione con alcuni funzionari - d’origine albanese- - che chiedono il pagamento di vari diritti fuori portata delle interessate ( alcune aspettano un anno circa per ricevere un passaporto e senza quello, sono dolori amari con le forze dell’ordine, l’ospedale, l’Asl, il Consultorio etc…). Per tutti, gli Zingari sono “ pericolosi da sorvegliare”.

Il Ministero dell’Interno non è d’accordo ( vedere risposta inviata a quest’organizzazione, alla prefettura ed all’ospedale).

L’Ufficio nazionale Antidiscriminazioni razziali ( Presidenza del Consiglio dei Ministri ), la delegazione italiana U.E, l’Ufficio Pari Opportunità ha chiarito all’ACSI: “ il parlamento europeo, la Commissione Europea e l’OCSE sono contrari sia a privilegi sia discriminazione e hanno recentemente denunciato gli abusi perpetrati nei confronti degli Zingari in Europa”.

Il Consiglio di Stato, chiamato in causa dall’ACSI su alcune convenzioni bilaterali, ha precisato negli anni ’80, che “ lo Stato italiano non può applicare disposizioni estere che si contraddicono con la legislazione italiana e quell’europea”.

L’ACSI ha ringraziato l’Ambasciata ed il Consolato Generale di Romania per il loro sostegno diplomatico ed il loro incoraggiamento come hanno fatto altri prima di loro per difendere i loro connazionali residenti e presenti in zona.

L’ACSI milita a favore dei diritti di tutti gli stranieri senza distinzione di razza, di sesso, di provenienza, di colore, di cultura, di confessione o altro. Combatte da sempre le strumentalizzazioni,condizionamenti,terrorismi,antisemitismi,violenze,ingiustizie,razzismi,intolleranze.

L’ACSI opera a favore di una Società multietnica, multiculturale, laica basata sulla Pace fra popoli e uomini.

Eccellenza,

nell’attesa d’essere ricevuta in visita di cortesia e di amicizia,l’ACSI precisa che non ha intenzione di intromettersi negli affari interni della Macedonia. Cerca,bensì, di operare nell’ambito delle leggi italiane ed europee.

Grazie all’Italia ed all’Unione Europea che le associazioni degli Immigrati riescono a muoversi al fine di tutelare – a norma di leggi – gli interessi dei lavoratori, studenti, richiedenti asilo, popoli migranti, sfollati di guerra etc…e inserirli nel tessuto socio-economico-culturale del Paese ospitante.

Eccellenza,

Where there is a wall there is a way.

Foggia, 31 marzo 2006.

IL PRESIDENTE ACSI.

Prof. Habib SGHAIER



COMUNICAZIONE

Oggetto: Discriminazione delle Donne e dei Neo-nati stranieri a Foggia.

Ref : Nota n°200508650- 15/16030 dal 21.10.2005 / Ministero dell’Interno,Dipartimento Affari Interni e Territoriali-Direzione Centrale per i Servizi Demografici-Area III- Stato Civile.

: Nota U.T.G n° 522.15.1/AreaII dal 25.07.05

: Nota OO.RR n° 200508650-15100/16030 dal 21.10.05 2005.

Da sette anni, vige una prassi che non corrisponde alle normative seguiti da tutti i Comuni della provincia di Foggia, della Puglia e di tutta Italia.

La normativa vigente impone ad ogni neo-mamma di dichiarare la nascita del proprio bambino all’anagrafe.

Cambia tutto, quando la mamma è straniera con particolare riguardo a quelle provenienti da: Macedonia, Romania, Ucraina, Bulgaria, Bielorussia ,Serbia ,Croazia etc…Coiè, “zingari”.

Negli ultimi sette anni, 485 donne immigrate hanno sofferto la discriminazione perché devono recarsi personalmente alle loro ambasciate o consolati al fine di chiedere “il nulla osta”.Devono farlo entro 10 giorni dal parto per non perdere il diritto di ritirare il bambino che nel frattempo il bambino viene affidato a una casa famiglia.

A Natale scorso, una rumena ha sofferto e sudato prima di ritirare il neonato grazie all’intervento del Consolato Generale di Romania , dell’ufficio Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio,dei Consiglieri regionali etc…

Tutto questo, non interesse nessuno.Le donne straniere non votano.

Tutti tacciono e parlano di solidarietà, di fratellanza e di amicizia.

Il Ministero dell’Interno, con risposta inviata sia alla Prefettura che all’Azienda Ospedaliero-Universitaria OO.RR di Foggia indicava che: “Si precisa…che in nessun caso, se il riconoscimento è contestuale all’atto di nascita, si deve esigere documentazione dello Stato d’appartenenza, ma è sufficiente la dichiarazione di parte e l’ufficiale di stato civile procede a registrare semplicemente quando dichiarato delle parte.

L’anagrafe di Foggia rifiuta categoricamente di riconoscere i contenuti della risposta del Ministero dell’Interno e di registrare la nascita del neo-nato straniero su richiesta dei genitori in possesso di passaporti validi e della dichiarazione rilasciata dalla sala parto con firma del Ginecologo e dall’Ostetrica

L’Associazione delle Comunità Straniere in Italia (ACSI) si chiede:

  • Hanno ragione l’anagrafe e l’Azienda ospedaliera a riservate questo trattamento unico in Italia alle Donne straniere?
  • Perché non riconoscono di fatto la risposta del Ministero dell’Interno?
  • Perché questa procedura è applicata solo a Foggia?
  • La magistratura ha autorizzato ?Alcuni neo-nati sono stati “bloccati” al Nido senza notificare niente ai genitori, senza assistenza legale, linguistica o altro.

    Quando gli stranieri saranno considerati “esseri umani” uguali a tutti gli altri?

    Quando gli stranieri avranno pari opportunità, come sancito della legge Martelli, di quella Turco-Napolitano?

    Nel frattempo,lo straniero deve fare il segno della Croce prima di chiedere un suo diritto che gli sarà “ regalato” dal potente di turno.


Foggia, 25 marzo 2006.


IL PRESIDENTE ACSI

prof. Habib SGHAIER
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 13/04/2006 @ 11:13:22, in Italia, visitato 1470 volte)
Romano Prodi ha vinto le elezioni politiche italiane 2006, naturalmente siamo felici perché ha confermato il suo impegno a favore delle Minoranze Nazionali Sinte e Rom.

Comunichiamo il primo elenco delle candidate e dei candidati eletti nelle elezioni politiche italiane 2006 che hanno aderito formalmente alla nostra lettera aperta per promuovere provvedimenti legislativi a favore delle Minoranze Nazionali Sinte e Rom, utilizzando la Raccomandazione n. 1557/2002 del Consiglio d’Europa.

In questo primo elenco mancano alcuni candidati (Alberto Bugio, Patrizia Santinelli e Matteo Gaddi) che speriamo possano entrare in Parlamento dopo le rinunce di alcuni eletti, perché presenti in diversi collegi o chiamati ad incarichi di Governo.

Senatrice Daniela Alfonzi
Rifondazione Comunista – Sinistra Europea

Senatrice Giovanna Capelli
Rifondazione Comunista –Sinistra Europea

Onorevole Ruggero Ruggeri
L'Ulivo (Margherita)

Come abbiamo gà scritto, siamo consapevoli del ritardo con cui è stata promossa l’iniziativa e sicuramente non siamo riusciti a raggiungere tutte le candidate e tutti i candidati, per questo invieremo la lettera a tutti gli eletti chiedendo la loro adesione.

Ringraziamo le candidate e i candidati che non sono stati eletti e speriamo di poter comunque collaborare con loro a favore delle Minoranze Nazionali Sinte e Rom.

Rif:
La lettera sottoscritta
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/04/2006 @ 10:44:56, in media, visitato 1633 volte)
Una segnalazione da
Si è tenuto un mese fa il convegno:

Diamo voce alla Pace - I media siano strumenti di pace

Il dibattito, presentato da Danilo De Blasio, ha visto, tra gli altri, gli interventi di Francesco Anfossi, Caporedattore di Famiglia Cristiana, Gennaro Schettino, Direttore di Metropoli, inserto multi culturale de La Repubblica, Marina Ponti, Direttrice della Campagna O.N.U. per gli Obiettivi del Millennio, Farian Sabahi, Docente all'Università Bocconi di Milano e Siena e Loretta Napoleoni, economista, che ha curato diversi testi sul terrorismo, Irma Dioli, Assessora alla Pace della Provincia di Milano e di Giorgio Bezzecchi, in quel caso nel ruolo di mediatore culturale di origine rom.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/04/2006 @ 09:46:20, in Europa, visitato 1341 volte)

Praga, 8. 4. 2006, 16:07 (CTK): Un gruppo di giovani Rom ha montato un banchetto all'esterno del centro commerciale Sterboholy, nel tentativo di illustrare la loro situazione e di controbattere i pregiudizi di quanti li considerano tutti ladri. I volontari al banco simulavano una perquisizione dei clienti che entravano al centro: "Vogliamo che la gente si renda conto cosa significa essere considerati ladri senza esserlo", questa la dichiarazione di Jarmila Balazova, presidente di Romea che ha collaborato all'iniziativa.

[...] Durante l'evento, tenutosi in occasione della Giornata Internazionale dei Rom, gli organizzatori distribuivano volantini con sopra scritto: "Immaginate di sentirvi ladri per tutta la vita. Pensate ai Rom senza pregiudizi."

La maggior parte dei passanti ha accettato il volantino e si è fermata a discutere con i volontari.

Romea negli ultimi giorni ha promosso diversi eventi per spingere la popolazione ad abbandonare le tradizionali ed inconcludenti opinioni sulla minoranza rom.

[...]

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/04/2006 @ 10:41:55, in casa, visitato 1367 volte)

Par Pierre DAUM / 6 aprile 2006 - Le Petit-Bard, a Montepellier, è una città-quartiere di 800 alloggi abitati quasi esclusivamente da immigrati del Maghreb e da alcuni gitani. Durante anni e forse decenni , gli agenti immobiliari hanno amministrato questa decina di blocchi organizzati in una sola comproprietà, utilizzando metodi fraudolenti: dilazione di lavori di mantenimento e di riparazione, prelievi eccessivi dagli abitanti, fatture false, realizzazione di lavori per società amiche, malversazione. Nel 2001, parallelamente al fallimento dell'ultimo "sindacato di gestione" ed alla nomina da parte del tribunale di un amministratore giudiziario, un reclamo è stato depositato da decine di abitanti contro gli ultimi tre amministratori.

Su incarico del giudice, un esperto si è incaricato delle analisi contabili sui documenti forniti dalle stesse agenzie. Dopo tre anni di ricerca, l'esperto ha concluso la sua relazione confermando l'esistenza di un "buono numero di anomalie e di attività fraudolente, alcune suscettibili di qualificazione penale". Il giudice istruttore ha allora aperto un'inchiesta sugli agenti immobiliari disonesti? Ha convocato un'udienza? Ha cercato di sapere se alcune somme deviate sono andate nella tasca dei messi in causa? Affatto. Si è accontentato di un'informativa di polizia.

Anche se conferma la maggior parte la maggior parte dei rilievi dell'esperto contabile, e che questi rapporti d'affari possono essere definiti abuso di fiducia, per il giudice trattasi di semplici difetti di gestione (e quindi senza rilevanza penale).

A fine dicembre 2005, dinanzi alla minaccia di chiusura dell'istruttoria condotta così timidamente, Stéphane Fernandez, avvocato di una quindicina di abitanti del Petit-Bard, ha richiesto un approfondimento dell'indagine. Rifiutato del giudice d'istruzione. L'avvocato, che ha fatto appello, deve essere ascoltato oggi dalla camera d'ufficio. "Se ricevessi un nuovo rifiuto," spiega Stéphane Fernandez, "è quasi certo che la causa beneficerà di non luogo a procedere." Una prospettiva bruciante per le famiglie del Petit-Bard. "Durante anni, truffatori conosciuti da tutti hanno rubato i magri risparmi di centinaia di lavoratori immigrati, approfittando della loro scarsa padronanza del francese e della loro difficoltà a difendere i loro diritti, e questa gente non dovrebbe essere proseguita? Sarebbe enorme!" insorge Abdenour Tataï, presidente dell'associazione Justice pour le Petit-Bard.

Tanto più che le conseguenze di queste frodi si fanno crudelmente sentire oggi: non soltanto la zona è rovinata, in mancanza di lavori effettuati con il denaro versato durante anni alla comproprietà (per il solo esercizio 1999-2001, almeno 160.000 euro sarebbero scomparsi), ma l'amministratore giudiziario esige carichi molto elevati per dare un colpo di spugna ai debiti lasciati dagli amministratori.

© Libération

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/04/2006 @ 10:23:18, in sport, visitato 1800 volte)

DECIMA EDIZIONE DEI MONDIALI ANTIRAZZISTI!
Grazie alla vostra partecipazione annuale, il supporto e il vostro entuasismo siamo arrivati alla decima edizione!!!
Festeggiamo insieme questo importante compleanno a Montecchio (RE) dal 12 al 16 luglio!
Troverete da adesso in poi sul sito www.mondialiantirazzisti.org tutte le informazioni necessarie come le regole per il torneo di calcetto, un programma sempre piú aggiornato e news rispetto le squadre iscritte al torneo. Speriamo di rivederci a Montecchio. Siete tutti invitati.
Per venire ai Mondiali Antirazzisti non è obbligatorio essere iscritti al torneo di calcetto o basket.

TORNEO DI CALCIO
Le iscrizioni al torneo si apriranno il 14 aprile sul sito www.mondialiantirazzisti
tramite un modulo di iscrizione.
Al torneo di calcetto potranno partecipare complessivamente 192 squadre femminili, maschili e miste.
Per promuovere una rappresentanza il più possibile internazionale ed evitare che le squadre di alcuni paesi, in primo luogo Italia e Germania, siano presenti in eccedenza, verranno favorite innanzitutto le iscrizioni di squadre miste, di comunità di migranti e di quelle provenienti da paesi dell’Est. Anche le squadre che da anni arricchiscono la festa e contribuiscono attivamente alla buona riuscita dei Mondiali saranno priveligiate alla iscrizione.
Ricordiamo a tutti che il torneo è non competitivo. Le regole sono consultabili sul sito.

TORNEO DI BASKET
Verrá nuovamente organizzato il torneo non competitivo di basket. Presto pubblicheremo sul sito dei mondiali le regole ed il numero di squadre che possono partecipare.
È possibile iscriversi mandando una mail a: teams@mondialiantirazzisti.org.
Sarà possibile anche l’iscrizione direttamente al Parco Enza.

Vi ricordiamo che i Mondiali Antirazzisti sono una festa non-commerciale!
La partecipazione ai tornei di calcio e basket, gli spettacoli ed i concerti sono gratuiti.
L’uso del campeggio e dei servizi igienici è gratuito.
Preghiamo comunque tutte le squadre di verificare se possono dare una quota d’iscrizione volontaria per l’autofinanziamento dei Mondiali Antirazzisti, versandola poi presso una della casse.
Essere non comercial … ha dei costi!

Per un mondo senza frontiere e senza discriminazioni!
Mondiali Antirazzisti

Progetto Ultrà und Istoreco
teams@mondialiantirazzisti.org
www.mondialiantirazzisti

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/04/2006 @ 10:50:30, in Regole, visitato 1787 volte)

di Adrian Marsh - Beyoglu, Istanbul: Nell'edizione del 5 aprile del giornale Hurriyet, appare questo commento riguardo al confronto tra i sostenitori del PKK curdo e i residenti Rom a Dolapdere (quartiere di Istambul ndr.): "Qualcuno potrebbe sminuirli [i Romilor]... ma loro sarebbero veri cittadini."

Si pone la questione: quali cittadini? La Repubblica Turca sino a pochi anni fa manteneva una legge sul diniego di cittadinanza, in base alla quale "i Çingenes" venivano parificati ad anarchici, spie ed indesiderabili (Atto di Residenza, 1934). Abrogato su pressione delle organizzazioni turche ed internazionali sui diritti dell'uomo, i media sono perplessi sull'inclusione sociale degli "esmer vatandaslari" o "cittadini dalla pelle bruna" (termine usati solo per i Rom, benché la Turchia sia piena di gente di ogni colore).

L'aperta dichiarazione di sostegno alla Repubblica, mostrato dalla marea di bandiere esposte ieri a Dolapdere, ha avuto il chiaro scopo di separare i Rom dalla comunità Curda locale, certamente più religiosa e conservatrice, nell'incastro di etnie e conflitti che animano la Turchia. Nell'ordine: "Siamo Turchi, Musulmani e Rom" per riassumere i discorsi fatti tante volte negli ultimi anni. L'insistenza con cui i Çingenes reclamano la loro complessa identità, è in aperto contrasto con le modalità delle altre minoranze nel chiedere un'identità separata (come parte della comunità Curda). Questo è confermato dall'orgoglio dei genitori nei confronti dei loro figli quando sono a militare, per esempio. A differenza della situazione di altri paesi, c'è un'identificazione attiva tra Rom e stato.

Sinora cos'ha offerto lo stato e la società in generale a queste richieste di cittadinanza? Lo ritroviamo nel commento iniziale: li si difende in maniera discriminatoria verso le altre etnie, li sis dipinge in maniera stereotipata come "buffa gente", senza preoccupazioni, querula e spendacciona. Oppure violenti, criminali e licenziosi. Una sorta di eterno bambino, che non ha il coraggio delle proprie azioni. E' un'immagine che appare frequentemente nei media popolari e nell'immagine pubblica. Prima degli eventi di Dolapdere, nessuno ti avrebbe messo in guardia sul quartiere come un covo di militanti curdi separatisti, ma piuttosto avrebbe avuto paura che gli "zingari" potessero rubare la borsa o il telefonino. E' successo anche a me, mentre camminavo attorno all'Università Bilgi (dove insegno, con un campus a Dolapdere e un altro a Kustepe, entrambe quartieri rom). Era un motociclista, che addirittura fermò il suo mezzo, tanto era profondo la sua voglia di avvisarmi. Poi è rimasto ancora più confuso di me, quando gli ho menzionato le mie origini rom.

Oggi abbiamo celebrato il nostro compromesso di residenti Rom e cittadini della Repubblica, cosa che può essere vista come un gradino verso il cambio d'attitudine verso i Rom [...]. I problemi rimangono i costi legati all'inclusione sociale, e la definizione di un percorso concomitante con le altre etnie escluse. E kla definizione di un modello di cittadinanza che si attagli ad un miglior futura per la nostra comunità in Turchia.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/04/2006 @ 10:05:28, in musica e parole, visitato 2584 volte)

La Compagnia del Teatro Officina e gli Ospiti della Casa della Carità presentano

l' evento teatrale su memoria storica e intercultura

"VOCI DAI QUARTIERI DEL MONDO"

Regia di Massimo de Vita

con il Patrocinio della Provincia di Milano
- produzione Teatro Officina e Fondazione Casa della Carità -

con la partecipazione di Lella Costa
….e dopo una lunga notte sarà FESTA con l'Original Rom Big Band 
per affermare il valore della pace e della solidarietà

12 APRILE 2006 - ORE 20.30

AL TEATRO DAL VERME

Via San Giovanni Sul Muro (MM1 CAIROLI)

INGRESSO GRATUITO

Informazioni: 02.2553200
 

Un quartiere di una grande metropoli può ancora avere memoria della sua storia?
Sì che può. Non la troverà forse nei monumenti, e neppure nei libri di scuola: sta nascosta nella storia delle persone semplici, impregnata dei colori e degli odori che riempivano l'aria di certi giorni, depositata nei resti che la Storia ha lasciato dietro di sé (le aree industriali dismesse sono come grandi musei sempre aperti).
E chissà se la memoria degli Stranieri che ora abitano Milano ha qualche radice comune con la nostra memoria storica?
Questo spettacolo è fatto con le memorie degli anziani di Crescenzago e con quelle degli Ospiti Stranieri della Casa della Carità di Don Virginio Colmegna.
Le mette accanto e lascia che qualcosa accada nello spettatore.
Tocca allo spettatore cogliere i possibili legami e cercare di ricomporre un senso.
Tocca a noi cittadini - in fondo - lavorare per una città solidale e rispettosa delle diverse culture di provenienza.

 

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/04/2006 @ 00:35:54, in Italia, visitato 1231 volte)
Ma se al posto del direttore della Nexus, prendevano il + malmesso del campo + malmesso...
Secondo voi si notava la differenza?
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/04/2006 @ 11:33:48, in musica e parole, visitato 1542 volte)

Scrive Elisabetta Vivaldi: Il 7 Aprile, è stato presentato a Novi Sad un libro dedicato a Trifun Dimic (romologo 1956-2001). Il memoriale, realizzato anche grazie al contributo di Dragoljub Ackovic, vuole essere un omaggio ad un grande letterato rom contemporaneo.
Poeta, traduttore, scrittore ed esperto di folklore Trifun Dimic ha onorato e rappresentato la comunità rom con opere di grande consistenza. La sua morte inaspettata ha influito sul proseguimento di tanti altri progetti letterari rimasti, purtroppo, incompleti.
Consiglio agli interessati di Romologia di prestare attenzione a questo autore perchè merita davvero di essere ricordato.
(Le sue opere sono state pubblicate in romanès in serbo ed in lingua inglese)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2019 @ 12:18:56
script eseguito in 168 ms

 

Immagine
 Parigi, 4 settembre 2010, manifestazione dei 50.000... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 366 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source