Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 03/02/2012 @ 09:16:13, in casa, visitato 1549 volte)

Africa Insieme: Un fatto di inaudita gravità. Comunicato del 1 Febbraio 2012

Quello accaduto ieri, nel "villaggio rom" di Coltano, è un fatto di inaudita gravità. Come riportato dalle cronache, una donna è stata sfrattata con la forza, assieme ai suoi cinque figli, uno dei quali ha appena otto mesi. L'operazione è stata voluta dal Comune, perché la donna è indagata nell'inchiesta sulla "sposa bambina", ed è attualmente sotto processo. Qui ci preme fornire alcune informazioni, che sono state omesse, o distorte, nel comunicato diffuso ieri dal Comune.

Il primo punto riguarda la motivazione dello sfratto, la vicenda della sposa bambina. Come noto, la donna non ha ancora avuto una condanna, ed è in attesa di processo: i cui esiti, peraltro, non sono affatto scontati, perché le indagini hanno fatto emergere molte contraddizioni nella tesi dell'accusa. Attuare uno sfratto sulla base di un semplice capo di imputazione è comunque illegale. La Dichiarazione dei diritti dell'uomo stabilisce che «ogni accusato di reato è presunto innocente sino a che la sua colpevolezza non sia stata provata in un processo». E la Costituzione italiana ribadisce: "L'imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva".

Non solo: l'esperienza di questi anni dimostra che gli sfratti, effettuati sulla base di semplici capi di imputazione, hanno rappresentato solo un pretesto per allontanare i rom. Alcuni macedoni furono sfrattati da un alloggio a Marina di Pisa, perché imputati in un processo: assolti, non hanno mai ri-ottenuto la casa. E' davvero la "legalità" l'obiettivo di questa amministrazione?

Il secondo punto riguarda il ricorso della donna contro lo sfratto. Non è affatto vero – come è stato scritto in passato – che il TAR ha dato ragione al Comune. Il giudice si è limitato a dichiarare "improcedibile" il ricorso: detto in termini semplici, significa che ha deciso di non decidere. I contratti per le case di Coltano, infatti, durano appena sei mesi, e devono essere rinnovati ogni volta, sulla base di una decisione "discrezionale" dell'amministrazione: se anche il giudice avesse dato ragione alla donna, il Comune avrebbe sempre potuto non rinnovarle il contratto. Il TAR, quindi, non ha dato ragione a nessuno: semplicemente, non si è espresso.

Infine, noi contestiamo le modalità e i tempi con cui è stato effettuato lo sfratto. Per allontanare la donna con i suoi bambini, si è scelto il periodo più freddo degli ultimi 27 anni. Come soluzione "temporanea", è stata proposta un'accoglienza di poche ore, separando la madre dai suoi bambini: una procedura crudele e senza senso, utilizzata a Roma dal Sindaco Alemanno e più volte condannata dagli organismi internazionali.

Si è allestito un inedito dispiegamento di forze dell'ordine, chiudendo tutti gli accessi al villaggio e impedendo l'accesso a un giornalista free-lance intervenuto sul posto: una modalità da rastrellamento, che ha generato il panico in molte famiglie estranee alla vicenda (in quelle ore abbiamo ricevuto molte telefonate di rom che temevano uno sgombero generalizzato).

Africa Insieme si impegna sin da ora nella tutela legale della donna, e si rivolgerà agli organismi internazionali di tutela dei diritti umani per avere giustizia.

Pisa, 1 Febbraio 2012


Leggi anche su Pisanotizie

Inoltre (1 febbraio):

Non sto a mandavi cosa ha scritto il Tirreno sulla vicenda..quello di Pisa Notizia almeno ha sentito il bisogno di sentire anche noi e darci voce.
Ieri è stata una giornata tristissima, non solo per questa famiglia e il suo calvario..ma anche per tante famiglie Rom assistere allo sfratto, e da parte mia vedere la violenza subita la Signora, picchiata, presa a calci dagli agenti e vigili. Sono intervenuto anch'io in maniera decisa, condannando la violenza e urlando la mia rabbia e vergogna. Sono stato letteralmente buttato fuori dalla casa dagli agenti!
Ieri è stata anche la giornata più fredda degli ultimi 30 anni e con la neve che cadeva... nessuna pietà per i minori.

Penso di scrivere qualcosa, anche per far conoscere la verità dei fatti, (anche se so che servirà a niente) completamente stravolti dai quotidiani locali, nei quali la signora viene descritta come un "mostro" e le forze dell'ordine le sue vittime!??

Oggi ho accompagnato la signora al Pronto Soccorso perché a causa delle botte ricevute soffriva e aveva difficoltà a reggersi in piedi!

E' tutto, Ago

IL CIMITERO DELLA COSCIENZA CITTADINA

Ieri mattina il comune ha mostrato per l'ennesima volta la sua prepotenza verso una famiglia Rom di Coltano. Con incredibile violenza viene sfrattata dalla sua abitazione, la mamma viene trascinata più volte con veemenza da agenti di polizia coadiuvati da vigili urbani, facendole sbattere la testa contro i muri..tutto di fronte agli occhi terrorizzati dei suoi figli e famigliari. Una scena di violenza gratuita e che ha provocato la rabbia, la reazione e lo sdegno di tanti di noi e dei suoi famigliari.
Il Comune sceglie volutamente la giornata più fredda di questi 2 ultimi mesi per sbattere in strada la famiglia Rom, composta di 5 minori, l'ultima una neonata di meno di un anno, un altro di poco più di due anni, proprio nel giorno in cui il comune autorizza la chiusura di tutte le scuole cittadine a motivo del freddo e della neve..ma questa famiglia non merita un briciolo di considerazione e umanità.
Cosa ha fatto di tanto mostruoso questa famiglia Rom? Forse, non paga le bollette di luce, di acqua, di gas, della spazzatura, dell'affitto, delle incalcolabili marche da bollo (180 €) che servono per rinnovare il contratto di affitto che scade ogni 6 mesi, o non manda i figli a scuola? Stranamente è tutto in regola! No niente di tutto questo, semplicemente non ha mai voluto arrendersi, non ha chinato la testa alla persecuzione (non trovo termine più appropriato!) di operatori e assistenti sociali che la volevano arrendevole e sottomessa. Ha osato pazientare e confidare nella giustizia italiana: perché spetta solo alla Giustizia condannare o assolvere una persona di fronte a qualsiasi accusa e che di fronte ad una condanna di colpevolezza la pena è sempre individuale. Lo dice la nostra Costituzione, e sono proprio dei Rom che lottano per difenderla e farla ricordare, anche a chi avrebbe il dovere di promuoverla.
Lo sfratto è stato un lavoro sporco, ne erano consapevoli gran parte dei protagonisti, ed è per questo si è impedito ai giornalisti di raggiungere il campo, solo a quelli "embedded" è stato acconsentito, puntuali a fotografare la spazzatura del campo.. un fotografo attraverso i boschi è riuscito a forare l'isolamento e documentare quello che stava accadendo, ben più nauseabondo della spazzatura! Come definire i calci, le botte, gli insulti, l'umiliazione subita di fronte ai suoi figli? Ieri la signora, anche su mia insistenza dopo averla vista piegata dal dolore, si è presentata al Pronto Soccorso per farsi visitare, dove le è stato diagnosticato un forte trauma cervicale e dorsale.
Cosa risponde l'assessore Ciccone, è forse questa la competenza mostrata nell'operazione sfratto di cui parla alla sua stampa? La Sig.ra Rom quelle contusioni, se li è forse procurate da sola? Sta forse recitando? Se li è giustamente meritate? Risponda ai fatti, se ne ha il coraggio e soprattutto se ne è competente!
Alla signora è stata offerta la possibilità di una temporanea sistemazione alla condizione di separarsi dai suoi figli, da destinarsi in luoghi diversi. Purtroppo è una prassi dei Servizi Sociali di Pisa, sopratutto verso soggetti Rom, che si ripete spesso in questi ultimi anni, ma che ha una triste e poi non tanto lontana origine, quella nei lager nazisti: era infatti una prassi consolidata e ben collaudata, quella di separare i genitori dai loro figli, per meglio controllare e sottomettere. E dire che abbiamo appena celebrato il Giorno della Memoria e non sono certo mancati convegni in città. Come non sono mancati l'anno scorso in occasione della commemorazione del triste ricordo delle Legge Razziali, istituite nel 1938, proprio nella nostra città. "Pisa non dimentica" le leggi razziali, era il titolo della giornata dedicata e istituita dal comune lo scorso 5 Settembre nella tenuta di San Rossore. "Combattere l'oblio e l'indifferenza quindi - ha concluso - non rappresenta soltanto un giusto tributo alla memoria delle vittime, ma l'antidoto più efficace contro ogni intolleranza, odio razziale o paura della diversità, contro i veleni sottili che innervano le nostre società in tempi di cambiamenti accelerati, di tante incertezze e di crisi ormai conclamata di modelli di sviluppo". (sindaco di Pisa, Marco Filippeschi, 5 Settembre 2011)
Come non condividere? Ma i veleni contro i Rom sono ancora ben annidati e ho l'impressione che spesso e volentieri, chi proclama di snidarli a voce, nella pratica invece, ha l'interesse a diffonderli.. contribuendo ad innalzare il cimitero della coscienza cittadina.

Don Agostino Rota Martir - 2 Febbraio 2012 - campo Rom di Coltano (PI)


SEL - INTOLLERABILE LO SFRATTO DELLA FAMIGLIA ROM A COLTANO
Quello che colpisce nella vicenda dello "sgombero" effettuato a Coltano, come sottolineato da tante associazioni anti-razziste, è la violazione dell'"elementarmente umano".

Una famiglia con 5 minori, compreso un bambino di pochi mesi, è stata sfrattata e messa all'addiaccio nei giorni più freddi dell'anno in cui l'Italia intera è allertata per il pericoli che il freddo può arrecare a persone e cose.

Le dichiarazioni dell'Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Pisa sono gravissime. Diciamo all'Assessore che è credibile non un'Amministrazione che indiscriminatamente sfratta le persone, ma un'Amministrazione che tutela e include le persone, a maggior ragione nei momenti di difficoltà ed emergenza. Chiediamo al Sindaco di Pisa di prendere pubblicamente le distanze da quelle affermazioni.

L'Amministrazione sembra non tener conto di quei corpi offesi, svillaneggiati dal freddo.

Chiediamo al Sindaco che si attivi immediatamente per riparare a questo inammissibile episodio, cominciando con l'assicurare, da subito, un alloggio alla famiglia e ai minori.

Questa vergogna non è tollerabile.

Alberto Bozzi - Coordinatore comunale SEL di Pisa
Dario Danti - Coordinatore provinciale SEL Pisa

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/02/2012 @ 09:30:03, in Italia, visitato 1516 volte)

dal 9 febbraio al 17 marzo 2012
CENTRO MEDICO SANT'AGOSTINO Piazza Sant'Agostino 1 (20123 Milano)
+39 0289701707 , +39 0289701703 (fax), +39 0289701701
informazioni@cmsagostino.com - www.cmsantagostino.it

Da Exibart.com

Le foto di Valter Molinaro sono state scattate durante due matrimoni nel campo Rom di via Triboniano,e rappresentano una bella occasione per entrare nel mondo di un popolo che vive nelle nostre città, ma che, spesso per reciproca diffidenza o per paura, conosciamo poco.
orario: tutti i giorni con orario continuato dalle 8 alle 20 (il martedì fino alle ore 22) e il sabato mattina dalle 8 alle 13.
(possono variare, verificare sempre via telefono)

Comunicato Stampa

Il Centro Medico Santagostino apre alle diversità.
Le fotografie di Valter Molinaro ci permettono di oltrepassare il filo spinato di un campo Rom, quello di via Triboniano a Milano, per conoscere da vicino un popolo verso il quale i sentimenti prevalenti sono spesso diffidenza o paura.
Le foto sono state scattate nel 2011 durante il "reportage" dei matrimoni di due giovani coppie Rom, chiesto al fotografo dagli stessi genitori degli sposi. Due giornate lunghissime, in cui il fotografo ha ritratto gli sposi, i loro familiari e tanti altri abitanti del campo.
Il percorso espositivo indaga specialmente i volti e gli sguardi dei Rom, da cui emanano l'orgoglio per la propria cultura e lo spirito libero, per il quale i Rom sono spesso chiamati "popolo del vento".
Un documento importante, anche perché oggi il campo di via Triboniano, uno dei più grandi del nord Italia, non c'è più.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/02/2012 @ 09:15:11, in scuola, visitato 1429 volte)

Storie che sarebbero già inquietanti di per sé, e che legano strettamente le strade che uniscono e dividono l'Europa dell'Est a quella dell'Ovest. Ma che devono spingere ad un'ulteriore riflessione, visto che finalmente il governo sembra iniziare a muoversi sul riconoscimento della nazionalità italiana a chi nasce qui, suscitando la reazione piccata del più grande politico (nel senso di fame mediatica) italiana. Un appunto strettamente personale: è una risposta anche a chi mi ha detto che non sono argomenti che riguardano i Rom.

Da British_Roma

Negare l'istruzione ad un bambino rom viola i diritti umani - 30 gennaio 2012

D [minore] -contro- Corte d'Appello sui rifugiati

Alta Corte

Neutral Citation: IEHC 431. Sentenza emessa il 10 novembre 2011 dal giudice Gerard Hogan.

Giudizio

La probabile negazione dell'accesso all'istruzione primaria di un bambino rom serbo viola i diritti umani di base e rientra in quanto proibito dal Refugee Act 1996, quindi la decisione di espellerlo verso la Serbia dev'essere annullata.

Retroscena

Il richiedente è nato in Irlanda nel 2006, quindi non è cittadino irlandese. I genitori sono nati in Serbia, dove erano considerati come Rom. Venne fatta richiesta di asilo a nome del bimbo, richiesta rigettata nell'agosto 2009.

E' stato eccepito in suo nome che avrebbe sofferto persecuzioni al ritorno in Serbia, in quanto non avrebbe ricevuto istruzione primaria. La Corte d'Appello sui rifugiati ha trovato che, per quanto potesse ravvisarsi discriminazione nella negazione all'istruzione, questo non era sufficiente a soddisfare il requisito della persecuzione ai sensi del Refugee Act.

Informazioni sul paese d'origine, provenienti dal Comitato ONU sui Diritti dei Bambini, dalla Commissione Europea e dal dipartimento di stato USA, mostrano che i Rom in generale ed i bambini, particolarmente le bambine, sono stati soggetti a discriminazioni diffuse. Sono pochi i bambini rom che in Serbia frequentano la scuola, e quando lo fanno sono spesso mandati in scuole speciali per bambini con difficoltà d'apprendimento.

Il giudice Hogan ha riconosciuto che non tutte le violazioni delle libertà civili di base o discriminazioni, siano paragonabili alla persecuzione. Il concetto di ciò che costituisce persecuzione non si presta ad un'analisi precisa, ha detto.

Ha sottolineato che in due casi precedenti il tribunale aveva mostrato come la discriminazione in altre parti della ex Jugoslavia, in un caso contro due persone di etnia serba ed in un altro una coppia croata-serba, non costituisse persecuzione.

Prima di analizzare le conclusioni del tribunale, il giudice doveva esaminare il livello di discriminazione che si sarebbe incontrato al ritorno in Serbia, ha aggiunto. Le informazioni sul paese d'origine in questione fornivano un quadro di "pervasiva discriminazione contro i bambini rom".

Decisione

Il giudice Hogan ha sottolineato che quasi 60 anni fa in un famoso giudizio, la Corte Suprema USA dichiarò in Brown -contro- Dipartimento dell'Istruzione di Topeka che la segregazione scolastica violava il principio costituzionale dell'eguaglianza. Anche se questo non significava persecuzione, illustrava come la scuola segregata fosse un segno distintivo di una società dove i gruppi svantaggiati erano soggetti ad una discriminazione ed esclusione pervasiva che, in determinate circostanze, portava alla persecuzione.

In questo caso le statistiche mostravano come il richiedente fosse a rischio di non ususfruire nemmeno dell'istruzione di base. La questione è se l'indifferenza ufficiale non sia stata lei stessa persecutoria.

Il giudice Hogan ha citato il libro The Law of Refugee Status del prof. James Hathaway, dove la persecuzione viene definita come "la mancata attuazione dello sviluppo di un diritto, dentro una categoria che è sia discriminatoria che non fondata sull'assoluta mancanza di risorse."

Il diritto all'istruzione viene ampliamente considerato come fondamentale negli art. 42 della Costituzione, art. 2 del primo protocollo della Convenzione Europea sui Diritti Umani e art. 14 della Carta UE sui Diritti Fondamentali, come pure nella Convenzione ONU sui Diritti del Bambino. "Se a D venisse negato il diritto all'istruzione di base, verrebbe effettivamente escluso da ogni partecipazione significativa nella società serba," ha detto Hogan. Sarebbe quindi un caso più grave della discriminazione subita negli altri due casi.

Ha poi aggiunto: "Mentre questo caso ricade fuori dalla tipologia classica di persecuzione prevista dalla Convenzione di Ginevra... sembra senza dubbio impossibile evitare la conclusione che la negazione dell'istruzione di base porti ad una seria violazione dei diritti umani basici [e] porti alla persecuzione, secondo quanto previsto dall'S 2 del Refugee Act 1996."

Il testo integrale della sentenza su www.courts.ie

Michael Lynn BL, instructed by John Gerard Cullen, Carrick-on-Shannon, for the applicant; Cindy Carroll BL, instructed by the Chief State Solicitor, for the State.


Da British_Roma

L'articolo qui sopra cita il caso di un bambino rom nato in Irlanda che potrebbe soffrire di una probabile negazione dell'accesso all'istruzione di base, in caso di ritorno in Serbia. Il film a questo link, del regista britannico Antony Butts, mostra esattamente cos'è accaduto a due ragazzi, nati e scolarizzati in Germania, senza alcuna conoscenza della lingua serba, "obbligati" a vivere a Leposavic, nella zona del Kosovo controllata dai Serbi, a nord del fiume Ibar. Non solo è stata negata loro un'istruzione adeguata, ma vengono pesantemente discriminati ed aggrediti dai coetanei serbi locali. Due ragazze presentate nello stesso documentario, rimandate sempre dalla Germania a Banja Peje in Kosovo, si trovano un po' meglio. Viene mostrato perfettamente le conseguenze scioccanti del rimpatriare bambini nati e cresciuti in un paese occidentale, costretti poi a vivere nella ex Jugoslavia a causa delle origini dei genitori.

Bernard Sullivan

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 05/02/2012 @ 09:29:52, in musica e parole, visitato 1190 volte)

Da sempre oggetto di sospetti e vessazioni, di persecuzioni e genocidi (si pensi ai 500mila Rom e Sinti massacrati dai nazisti), il popolo Rom è una delle più antiche minoranze del Vecchio continente, tra le più dinamiche e radicate. Eppure di loro non sappiamo nulla, a partire dal fatto che usiamo Rom come sinonimo di «zingari», mentre invece si tratta di uno dei cinque gruppi etnici (oltre a Sinti, Kale, Manouches e Romanichals) che costituiscono la popolazione romanì.
Per la prima volta, uno studioso Rom italiano ci offre una storia complessiva di questo popolo, dalle migrazioni originarie alla situazione contemporanea, abbracciandone la cultura e i valori sociali, le espressioni artistiche, fino alle organizzazioni politiche.
Questo racconto ci restituisce l'identità «invisibile» dei Rom, l'evoluzione di tradizioni e valori millenari tramandati nella quotidianità: un'identità ignorata dagli stereotipi dei campi nomadi che trasformano gli errori di pochi in colpa collettiva; relegata nel ghetto della povertà ed esclusione sociale dalle stesse associazioni di pseudo-volontariato; annientata, infine, dall'attuale politica di assimilazione attraverso la Romfobia.
Appartengono alla popolazione romanì celebri attori come Michael Caine, Bob Hoskins, Yul Brynner, Rita Hayworth, il calciatore Michael Ballack, professori di prestigiose università, persino un Premio Nobel, un Principe, un Presidente della Repubblica e un Beato. Se ci stupiamo è la prova di quanto radicati siano i pregiudizi, di quanto utile sia questo libro, frutto di venticinque anni di ricerche e scoperte, il cui messaggio paradossale è che i Rom sono un popolo «normale» di «genti libere», una libertà per nulla romantica, ma che è la forza di chi ha preservato con tenacia la propria identità, resa misconosciuta da secoli di discriminazione e propaganda.

Santino Spinelli in arte «Alexian» è un Rom italiano, musicista, compositore, poeta, saggista. Ha due lauree, una in Lingue e Letterature Straniere Moderne e l'altra in Musicologia, entrambe conseguite all'Università di Bologna. Č autore di numerosi articoli e opere letterarie sul mondo Rom. Insegna Lingue e Processi Interculturali (Lingua e cultura romanì) all'Università di Chieti. Con il suo gruppo, l'Alexian Group, tiene numerosi concerti in Italia e all'estero. Ha pubblicato partiture musicali per orchestra, ensemble e fisarmonica sola con il titolo di Romano Drom («Carovana romanì») con l'Ut Orpheus di Bologna e ha tenuto concerti con l'Orchestra Sinfonica Abruzzese e con l'Orchestra Europea per la Pace a Strasburgo al Palazzo del Consiglio d'Europa.

Dettagli

Codice: ISBN 88-6620-346
Autore: Santino Spinelli
Sottotitolo: Storia, arte e cultura di un popolo misconosciuto
Editore: Dalai
Data di uscita: 19/1/2012
Anno di produzione: 2012
Sito: www.alexian.it
Confezione: brossura con alette
Pagine: 384
Argomento: Saggistica
Prezzo: €17.50 - Il nostro prezzo: €14.87

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/02/2012 @ 09:00:46, in sport, visitato 1535 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

Perlopiù i Rom praticano calcio o boxe, perché sono i due sport considerati per la gente povera... è il ragionamento di Ljubomir Oshavkovski, giornalista del quotidiano "Makedonski sport"

23/01/2012 - Calcio e pugilato da anni sono gli sport tradizionalmente praticati dai Rom in Macedonia. Il fatto è confermato dai giornalisti sportivi del paese, ma anche dalla ricerca effettuata da EDNO a Kumanovo, Shtip, Skopje e Prilep, dove il 90% degli atleti rom sono calciatori o pugili. Nel periodo in cui l'attenzione pubblica in Macedonia è dedicata ai campionati europei di pallamano in Serbia, o tornando all'estate 2011, quando il paese celebrava il successo ai campionati di basket in Lituania, ci siamo chiesti perché le nazionali di pallamano e di basket non abbiano rappresentanti rom.

Ljubomir Oshavkovski, giornalista del "Makedonski sport" osserva che i Rom praticano soprattutto calcio e boxe, perché sono i due sport generalmente considerati "per poveri".

- Sono sport in cui non è necessario grande talento, predisposizione e le condizioni per avere successo. I Rom sono considerati gente povera, che non hanno le condizioni per allenarsi a tennis, per esempio, quindi la maggior parte sceglie il calcio o la boxe. Anche da noi i Rom si allenano in squadre rom locali e difficilmente questo si nota, anche se alcuni di loro hanno talento. Anni fa c'erano pochi Rom nei club più conosciuti. Per esempio, Erol Demir, nel Vardar, ma oggi non saprei nominare un solo giocatore, dice Oshavkovski, aggiungendo:

- Riguardo alla boxe, col tempo è diventata una tradizione per i Rom. Anche se non seguo questo sport, conosco almeno dieci pugili, alcuni dei quali hanno partecipato ai Giochi Olimpici e vinto delle medaglie. Al momento il più famoso è Veli Mumin, il migliore nella sua categoria in Macedonia.

Oshavkovski riconosce che ci sono pregiudizi e discriminazioni nello sport macedone riguardo ai Rom. Secondo lui ci sono difficoltà per gli atleti rom nel fare progressi nel quadro europeo, cosa che non succede agli altri atleti del paese.

- Dice: Penso che non ci siano assolutamente possibilità per i Rom macedoni di compiere progressi nel quadro europeo, esclusi forse i pugili, ma è molto difficile per loro. Primo, perché sono poche le persone che vorrebbero essere manager di un atleta rom, ed in secondo luogo perché non ci sono abbastanza Macedoni di successo in Europa e nel mondo. Sinceramente, non conosco molti atleti rom di successo, in realtà l'unico che conosco è il calciatore Hose Antonio Rejes, di Siviglia in Spagna, che ha giocato nel Real Madrid, poi nell'Arsenal e dieci giorni fa è tornato nel Siviglia. Ha giocato anche nella nazionale spagnola.

I tornei sportivi possono rivelare talenti

Roman Demirov, ex pugile con 20 anni di esperienza in questo sport, conferma anche lui che la situazione per gli atleti ed i club sportivi rom non è rosea. E' stato in società pugilistiche di Shtip, Kumanovo, Skopje e della Serbia ed ora ha smesso. Si guadagna da vivere con un'impresa privata.

- Ci sono molti bambini rom che giocano a basket o a pallamano, non solo per le strade. I club sportivi rom sono morti, nessuno vuole finanziarli. Se fossero organizzati tornei tra i giovani, si scoprirebbero molti talenti e non solo nel calcio, considera Demirov.

Lui stesso, dice, si proporrebbe per sollecitare ed organizzare manifestazioni simili, se solo ci fosse uno sponsor.

Uno dei più giovani e promettenti talenti del football [...] , si chiama Enis Asanovski e viene da Prilep. Gioca nel "Proleter", che è una delle poche squadre rom in Macedonia. Enis ci gioca già da due anni.

- Dice: Mi sono allenato nel "Pobeda" e nel "Shampion" e gioco anche in nazionale. Non faccio altro se non giocare a calcio. Ma non ne vale a pena. A meno di andare via e giocare in un club straniero.

[...]


Da Roma_Italia

Romedia Foundation

Andrea Pirlo, Ricardo Quaresma, Jose Antonio Reyes e Rafael van der Vaar hanno in comune più del calcio. Sono pure apprezzati giocatori, rispettivamente di Italia, Portogallo, Spagna e Olanda, ma condividono anche origini romanì.

Si discute spesso di football e di Rom, riferendosi ai teppisti di destra in Europa dell'Est ed alle loro invettive contro le comunità rom. Tuttavia, il collegamento tra i Rom ed il calcio è qualcosa che dovrebbe essere riconosciuto e può agire da ispirazione per molti giovani.

Moderni talenti rom del calcio hanno incantato i più grandi stadi del mondo, dal Nou Camp di Barcellona a San Siro di Milano, ed il quartetto di sopra è stato selezionato tra quanti, tra gli attuali giocatori rom, hanno avuto le carriere più illustri e di successo.

Presentiamo un profilo per ogni giocatore, prima di porre la fatidica domanda: Chi è il più grande giocatore rom di tutti i tempi?

 

ANDREA PIRLO

Nato in una famiglia sinti a Flero, nel nord-est della Lombardia, Pirlo è ampliamente riconosciuto come il miglior regista calcistico della sua generazione. Gli Italiani lo scoprirono adolescente a Brescia, prima che nel 1998 l'Inter lo comprasse a peso d'oro. Durante questo periodo, la sua progressione stagnava a livello di club, ma a livello internazionale stava nascendo una stella.

Agli Europei under-21 del 2000, Pirlo, capitano per l'Italia, non solo fu capocannoniere ma venne anche votato come miglior giocatore del torneo e ricevette il premio Golden Player.

Tuttavia, nell'Inter continuava a non essere valorizzato e venne venduto ai grandi rivali del Milan nell'estate del 2001. Fu una grande perdita per l'Inter e un grande acquisto per il Milan, come venne dimostrato qui sotto, con l'esecuzione di uno dei suoi leggendari calci di punizione, durante il derby milanese.

Pirlo divenne un componente integrante di un eccellente Milan, vincendo la Champions League alla sua seconda stagione, battendo i colleghi della Juventus nella finale del 2003.

L'anno seguente il Milan vinse il campionato, col creativo centrocampista alla base di quel successo.

Contemporaneamente giocando in nazionale, Pirlo ebbe un ruolo fondamentale nella straordinaria vittoria dell'Italia nella Coppa del Mondo 2006. Dopo aver battuto la Germania in semifinale, l'Italia vinse ai rigori contro la Francia in finale. Pirlo alzò il trofeo e venne premiato col Pallone di Bronzo, dopo essere stato votato il terzo miglior giocatore del torneo.

Mentre alza la Coppa UEFA vinta dal Milan nel 2007

Nel 2007 vinse per la seconda volta un trofeo europeo, sempre con il Milan, e rappresentò l'Italia all'Euro 2008 e nei Mondiali 2010, prima di terminare la sua carriera decennale al Milan nel 2011, contemporaneamente alla vincita in campionato dopo sette anni di digiuno.

Ora, a 32 anni, Pirlo gioca nella Juventus, dove sperano che la sua classe ed esperienza riportino il club più premiato d'Italia agli antichi fasti.

RAFAEL VAN DER VAART

Proveniente da Heemskerk, Olanda settentrionale, van der Vaart è sopravvissuto ad una carriera turbolenta per diventare uno dei più prolifici centrocampisti d'attacco in Europa. Nato da madre spagnola e padre olandese, van der Vaart è cresciuto giocando a calcio nei campi per roulotte in giro per l'Olanda.

Esordì nell'Ajax dove rapidamente divenne uno dei più ricercati centrocampisti d'Europa. Aveva talento nel segnare gol spettacolari, e segnarne molti. Durante il periodo dell'Ajax vinse il Johan Cruyff Prijs per il Dutch Football Talent of the Year, prima di vincere due scudetti nel 2002 e nel 2004.

In seguito, fini all'Amburgo nel 2005, dove la forma eccellente crebbe ancora, alzando ulteriormente il suo profilo internazionale e facendogli ottenere un ricco contratto presso i giganti spagnoli del Real Madrid nell'estate del 2008.

Rafael van der Vaart celebra la vittoria dell'Olanda contro l'Inghilterra nel 2006

A questo punto van der Vaart aveva già rappresentato l'Olanda nei Mondiali del 2006 e ai Campionati Europei nel 2008. Nella Coppa del Mondo 2010, divenne capitano della nazionale, anche se perse a Johannesburg la finale con la Spagna per 1-0.

Il ventottenne campione rom gioca ora con il club inglese del Tottenham Hotspur, dove è una figura chiave nella loro corsa verso il successo nazionale ed europeo.

JOSE ANTONIO REYES

Nato in una famiglia di Kalè spagnola nel quartiere Utrera a sud-est di Siviglia, Reyes ha abbagliato i fan sia in Spagna che in Inghilterra, con le sue esecuzioni fulminee e la sua potenza di tiro.

Da ragazzo, Reyes ottenne un enorme successo nell'ambiziosa squadra del Siviglia, segnando 22 goal come ala in 86 partite, prima di essere venduto al club inglese dell'Arsenal nel gennaio 2004, quando aveva 20 anni.

Il giovane kalò era così popolare tra i tifosi del Siviglia, che il presidente decise che sarebbe stato impossibile venderlo ad un'altra squadra spagnola, anche se persino il Real Madrid era molto interessato.

In Inghilterra, Reyes è stato parte dell'invincibile Arsenal che vinse la Premier League nel 2004, a cui seguì la FA Cup nel 2005.

Jose Antonio Reyes con la maglia dell'Atletico Madrid nella UEFA Europa League

Dopo un anno di prestito al Real Madrid, Reyes firmò nel 2007 con i cugini dell'Atletico, e tre anni dopo sollevava la coppa dell'Europa League, dopo aver sconfitto il Fulham nella finale di Amburgo.

A livello internazionale, Reyes ha raccolto 21 presenze nel periodo in cui la Spagna è stata la squadra di maggior talento e successo. Il suo apice è stato ad ottobre 2003, quando segnò due volte con la Spagna nella vittoria di 4-0 contro l'Armenia.

L'ultimo mese, Reyes è tornato alla squadra della sua gioventù, il Siviglia, dove spera di riaccendere non solo le loro fortune ma anche le proprie, con l'Euro 2012 che si avvicina.

RICARDO QUARESMA

Il fiammeggiante attaccante portoghese Quaresma è nato a Lisbona da una famiglia rom. Fece i primi passi nel mondo calcistico nella nativa Lisbona, terrorizzando le difese con i suoi dribbling dove vinse la Primeira Liga nel 2002.

Ricardo Quaresma si esibisce in uno dei suoi marchi di fabbrica per il Portogallo

Di seguito, Quaresma firmò con il forte Barcellona dove trascorse una stagione prima di tornare in Portogallo per giocare nel Porto. Qui aggiunse altre 3 titoli in Primeira Liga al suo medagliere nel 2005, 2006 e 2007.



Il bellissimo goal contro il Belgio nel 2007 fu il primo della carriera internazionale di Quaresma, che sinora ha visto l'ala segnare 31 reti. Durante Euro 2008, il precoce talento segno anche un bel gol nel 3-1 contro la Repubblica Ceca a Ginevra, Svizzera.

Dopo l'Inter ed il Chelsea, ha firmato col la squadra turca del Besiktas nel 2010. In Turchia, è ritornato al livello della sua prima stagione, aggiungendo una Coppa Turca nel 2011 alla sua collezione.

-*-

Questi quattro moderni talenti sono prosperati nel gioco più popolare del mondo, mostrando a tutti esattamente cosa può fare uno sportivo rom. Qui sopra ci sono campioni mondiali, campioni europei ed anche inglesi, italiani, portoghesi ed olandesi.

Questi giocatori hanno lasciato parlare i loro piedi, e così facendo sono stati mille volte più forti di qualsiasi teppista sugli spalti.

Alastair Watt


(Comunque... il mio preferito rimane Banel Nicolita ndr.)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/02/2012 @ 09:16:48, in Italia, visitato 1159 volte)

PaeseSera.it

Le associazioni e le cooperative non ci stanno e declinano l'offerta della Belviso, ma si chiedono: "Perché non risparmiare su altri servizi che si sono rivelati inefficaci come quello di vigilanza armata o sull'affitto delle strutture che ospitano i campi?". E propongono per le famiglie rom percorsi di inserimento abitativo DI L. FACONDI

Un taglio netto di più del 50% delle risorse economiche. E' quanto proposto dal vice sindaco Sveva Belviso ad associazioni e cooperative che da anni si occupano dell'intervento sociale all'interno dei campi rom della Capitale. Una proposta che gli enti hanno deciso di rifiutare, perché la ritengono "assolutamente inadeguata". "Tecnicamente l'offerta - spiegano le realtà del privato sociale in una lettera congiunta recapitata al Dipartimento per i servizi sociali - non corrisponde alle necessità e non è in grado di garantire qualità e quantità dei servizi". Tra cui il rispetto delle condizioni di lavoro degli operatori tanto che, stando alle condizioni prospettate dal dipartimento e dal vice sindaco, "appare inverosimile il rispetto dei livelli contrattuali dei lavoratori coinvolti".

IL LAVORO SOCIALE - Ma non solo. Con il dimezzamento del finanziamento almeno 50 persone perderebbero l'impiego, compresi diversi rom. Secondo associazioni e cooperative si tratta dell'"ennesimo attacco al lavoro sociale e alla dignità dei lavoratori impegnati quotidianamente in situazioni sociali estreme". Un attacco in parte inaspettato, visto che il sindaco Gianni Alemanno aveva firmato il primo aprile dello scorso anno un protocollo in cui si impegnava a emanare a luglio un nuovo bando a condizioni ben diverse. Anche in virtù del fatto che con l'ingresso della Croce Rossa nei campi a dicembre del 2010 gli enti gestori si erano visti decurtare del 20% il finanziamento. "Per fare cosa poi? - si chiedono - Ad oggi non ci sono stati risultati tangibili".

L'EMERGENZA - Non è una novità che si taglino risorse ai servizi, ma sui rom il discorso cambia visto che, nelle casse della Capitale, dopo il decreto per l'emergenza nomadi del 2008, di soldi ne sono entrati parecchi. Trenta milioni e ottocentomila euro, per l'esattezza, che, ora, dovranno essere giustificati come spesa ordinaria, visto che, secondo la sentenza del Consiglio di Stato 6050 del 16 novembre 2011, l'emergenza non c'è mai stata. "Era solo il paravento dietro al quale si sono gestiti in maniera disinvolta e totalmente inefficace 30,8 milioni di euro", commentano il consigliere del Partito democratico Daniele Ozzimo e la responsabile politiche sociali del Pd Emanuela Droghei.

LA VIGILANZA ARMATA - "Che fine hanno fatto questi soldi?", si chiedono gli enti. "Si spendono risorse per la vigilanza armata inutilmente, - spiegano ancora associazioni e cooperative - perché di fatto è un servizio che non ha garantito il controllo e la prevenzione nei confronti di atti criminali e illegali". Né ha impedito ai rom sgomberati dagli insediamenti abusivi di sovraffollare i campi regolari, come è accaduto a Candoni, dove i residenti sono passati in poco tempo da 915 a circa 1300. "Perché quindi tagliare sul sociale, quando si potrebbe eliminare questo servizio rivelatosi inefficace?", si chiedono le associazioni e le cooperative. Che di alternative ne prospettano più di una. Ad esempio risparmiare sull'affitto che il Comune paga per alcuni "Villaggi della solidarietà" come il Roman River a Prima Porta. Un milione e duecentomila euro l'anno per 400 persone (la cifra riguarda intervento sociale, guardiania, manutenzione e affitto, ndr), che diventano 2.690.780 nel caso dell'ex cartiera sulla via Salaria (la quota è comprensiva anche di vitto, ndr). "Con questi soldi - riflettono ancora dal privato sociale - si sarebbero potuti avviare seri progetti di inserimento abitativo e lavorativo per molte famiglie".

AFFIDARE I SERVIZI AI ROM - Un'altra ipotesi suggerita dagli enti che avvantaggerebbe le casse comunali è di ridurre i costi di manutenzione dei campi e delle bonifiche dell'Ama, affidando il portierato, la pulizia e altre attività inerenti la buona gestione del campo a cooperative di tipo B, in cui impiegare gli stessi rom. "Il vantaggio sarebbe sia dal punto di vista dell'integrazione - spiegano ancora le realtà del privato sociale - sia economico, perché lavorando sulla quotidianità e sulla programmazione si evita il ricorso ad azioni di emergenza più costose".

Di proposte in campo ce ne sono diverse, ma alle nuove condizioni prospettate dal vice sindaco le associazioni e le cooperative, che finora hanno svolto gli interventi, non se la sentono di continuare. "Rimaniamo sconcertati dalla nuova proposta che contraddice e non tiene conto dell'ipotesi di mediazione precedentemente trovata", si legge a conclusione della risposta inviata al Dipartimento. Per questo chiedono una proroga tecnica dal primo febbraio 2012 e al tempo stesso ricordano ad Alemanno l'impegno preso ad aprile, per potere continuare a svolgere gli interventi sociali ed evitare che i campi diventino ancor di più "ghetti, luoghi di controllo e contenimento dei rom".

di Lara Facondi - Venerdì, 03 Febbraio 2012

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/02/2012 @ 09:30:11, in casa, visitato 1097 volte)

Da Roma_Shqiperia

AZIONE URGENTE: FERMARE GLI SGOMBERI FORZATI DEI ROM IN ALBANIA

Nove famiglie di Rom senzatetto temporaneamente sistemate in tende o su terreni privati dalle autorità albanesi, sono state minacciate di sgombero forzato imminente. Alle famiglie non è stata offerta alcuna sistemazione alternativa adeguata.

Queste famiglie fanno parte del gruppo di circa 40 che hanno lasciato l'insediamento informale presso la stazione ferroviaria di Tirana, dove vivevano dal febbraio 2011, dopo una serie di attacchi fuori dall'accampamento. Le autorità avevano loro offerto una sistemazione temporanea con delle tende a Babrru, alla periferia di Tirana, in attesa di una rilocazione in ex caserme militari, una volta che fossero state ristrutturate. Le altre famiglie avevano rifiutato l'offerta principalmente per motivi di salute e di sicurezza. Anche se il governo afferma che il sito risponde a tutte le condizioni necessarie per una vita normale, Amnesty International ritiene che non soddisfi i criteri per una sistemazione adeguata, come previsto dalle leggi internazionali. Si riferisce che il proprietario del terreno su cui le famiglie sono sistemate abbia intenzione di mandarle via, a causa di una disputa per affitti non pagati col mMinistero del Lavoro e degli Affari Sociali, responsabile della sistemazione e del mantenimento delle famiglie. Il Ministero intenderebbe spostarle nelle caserme, ma anche queste non soddisferebbero gli standard internazionali per una sistemazione adeguata, dato che i lavori di ristrutturazione non sono ancora partiti.. In questo periodo dell'anno le temperature notturne a Tirana si aggirano sui 0 centigradi.

Secondo il diritto internazionale, gli sgomberi vanno effettuati soltanto come ultima istanza, una volta che le alternative siano state esaminate in una reale consultazione con le comunità coinvolte. Le autorità hanno l'obbligo di fornire un adeguato preavviso; devono inoltre assicurarsi che nessuna famiglia resti senza alloggio o vulnerabile alle violazioni di altri diritti umani, come conseguenza dello sgombero. Questo include l'assistenza legale e la compensazione in caso di distruzione di alloggi, proprietà e perdita di reddito.

Scrivete immediatamente in inglese o italiano, per far pressione sulle autorità:

  • impedire l'imminente sgombero forzato delle famiglie rom che vivono a Babrru;
  • fornire, senza ulteriori ritardi, l'accesso immediato ad una sistemazione adeguata per queste famiglie;
  • identificare, di comune accordo con tutte le famiglie coinvolte, le possibili alternative allo sgombero, mettere in atto le garanzie procedurali e legali e, se lo sgombero fosse inevitabile, predisporre un trasferimento globale ed un piano di compensazione per tutte le comunità interessate, conforme agli standard internazionali sui diritti umani;
  • fornire le necessarie risorse finanziarie ed  altre risorse, per la ristrutturazione delle caserme o altri alloggi permanenti, controllando da vicino i progressi affinché questi edifici siano in linea con gli standard internazionali in materia di sistemazione adeguata, mantenendo nel contempo le famiglie pienamente aggiornate sui progressi compiuti.

GLI APPELLI DEVONO ESSERE INVIATI PRIMA DEL 14 MARZO 2012, A:

Deputy Minister of Labour, Social Affairs and Equal Opportunities
Filloreta Kodra
Ministėr i Punės, Cėshtjeve Sociale dhe Shanseve te Barabarta
Rruga e Kavajės
Tirana, Albania
Email: kodraf@yahoo.com
Salutation: Dear Deputy Minister

Mayor of Tirana
Z.Lulzim Basha
Blvd. Dėshmorėt e Kombit, Tirana, Albania
Email: kabineti@tirana.gov.al
Salutation: Dear Mr Basha

Copia a:

Prime Minister
Prof. Dr. Sali Berisha
Kryetari i Kėshillit tė Ministrave
Bulevardi “Dėshmorėt e Kombit” Nr. 1 1000 Tirana, Albania Email: kryeministri@km.gov.al

[...]

Informazioni aggiuntive

Gli sgomberi forzati, quando le persone siano sfrattate senza la loro volontà dalle loro abitazioni senza protezione legale o l'assicurazione di una sistemazione alternativa, sono una grave violazione di diversi diritti umani.

Come stato parte del Patto Internazionale sui Diritti Economici, Sociali e Culturali (ICESCR), il governo albanese è legalmente obbligato a rispettare, proteggere e progressivamente soddisfare il diritto ad un alloggio adeguato, come garantito nell'art. 11(1) dell'ICESCR, Questo include il dovere ad assicurare "sicurezza della conduzione che garantisca protezione legale contro sgomberi forzati, molestie ed altre minacce." Il governo ha l'obbligo legale di proteggere i propri cittadini dagli sgomberi forzati, specialmente quando questi li renderebbero senzatetto.

Inoltre, l'Albania si è impegnata a realizzare gli obiettivi del "Decennio dell'Inclusione Rom 2005-2015", un'iniziativa di 12 paesi europei nel migliorare le condizioni socio-economiche delle comunità romanì, ed ha adottato la propria strategia nazionale "Per il miglioramento delle condizioni di vita della minoranza rom".

[...]

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/02/2012 @ 09:33:33, in Italia, visitato 1400 volte)

Da dove partire:

L'inverno, sino a gennaio scorso, per fortuna era stato mite. Ma il fantasma di De Corato (chissà se i milanesi se lo ricordano: si guardava fuori dalla finestra e se nevicava o pioveva c'era la quasi certezza che ci sarebbe stato uno sgombero) aspettava la neve per rifarsi vivo...

Sono le notti più fredde di questo inverno. Gli amici che da anni si occupano degli insediamenti in zona Forlanini sono in preallarme. Leggo su un profilo Facebook:
Dalle mie parti il vento ha ripreso a soffiare strane melodie. E' un vento che conosciamo. L'abbiamo sentito già 17 volte. Chissà se si placherà!?

Anche il Groppo Sostegno Forlanini conferma le segnalazioni che arrivano dai campi:
[...] In regime di preallerta, vi chiedo di tenere pronti o raccogliere:
- tende
- coperte
- vestiario pesante.
Cerco di capire qualcosa dal Comune (sempre che si possa riuscirci).
L'aggravante del maltempo è micidiale, spero che si possa far qualcosa.
Vi terrò al corrente, anche per convocazioni d'emergenza n caso di sgombero.

Sempre da Facebook, 6 febbraio:
Sabato 4 alle h.22 ca. ai campi Forlanini abitati da famiglie rom con bimbi e da giovani extracomunitari, comandati dalla dr.ssa Moretti, 12 agenti in borghese della polizia identificavano gli abitanti e comunicavano lo sgombero che potrebbe avvenire nell' attuale settimana, massimo tra 10 giorni. Ogni commento è superfluo, visto anche il gelo polare di questi giorni.


Pubblicato su Internazionale:
I rom dei campi abusivi rischiano di morire di freddo - 6 febbraio 2012 17.30 Redattore sociale

Maurizio Pagani, presidente dell'Opera nomadi: "Chiediamo l'intervento della protezione civile a Milano". Sant'Egidio: "Siamo preoccupati soprattutto per i bambini e le donne".

MILANO – "Mercoledì scorso eravamo nel campo irregolare di via Bonfadini e c'erano bambini piccoli senza vestiti di lana": Pierluigi Oreste è uno dei medici volontari dell'associazione Naga che visita periodicamente le baraccopoli di Milano. Il gelo di questi giorni sta mettendo in pericolo anche la vita dei rom che abitano negli insediamenti abusivi. "Chiediamo l'intervento della protezione civile", aggiunge Maurizio Pagani, presidente dell'Opera nomadi. "Dobbiamo scongiurare una nuova tragedia, che può derivare sia dal freddo sia dalle stufe che i rom accendono nelle baracche nel tentativo di scaldarsi. Purtroppo è già capitato che qualcuna andasse a fuoco".

E c'è sempre la paura di sgomberi. "I rom ci hanno raccontano che in via Forlanini, via Novara e al ponte Bacula siano passati uomini in borghese per intimare loro di andarsene", sostiene il medico del Naga. "Non so se fossero vigili urbani, parlavano però a nome del Comune di Milano".

Il Naga nei giorni scorsi ha lanciato un appello per raccogliere coperte e vestiti da portare nei campi. "Purtroppo alcune famiglie con bambini piccoli vivono in una situazione molto precaria", aggiunge Pierluigi Oreste, "con rifugi di fortuna, che vanno dalla solita baracca alla tenda".

La situazione critica è confermata dalla Comunità di Sant'Egidio: "Siamo preoccupati soprattutto per i bambini e le donne", afferma Elisa Giunipero. "A Milano non ci sono più grandi campi e le famiglie sono sparpagliate in piccoli insediamenti, a volte difficili da raggiungere e trovare". In alcune baracche i volontari di Sant'Egidio hanno visto famiglie che si scaldavano con pentole riempite di alcol. "Purtroppo molte non vanno a chiedere aiuto alle strutture comunali", aggiunge Elisa Giunipero, "anche perché l'accoglienza nei dormitori è divisa tra uomini e donne e le famiglie rom non vogliono separarsi".

Il freddo di questi giorni, in realtà, mette in luce una situazione di povertà che esiste da tempo. "Il problema dei campi va affrontato al di là delle emergenze", sottolinea Elisa Giunipero. "Penso che Milano abbia le risorse per dare una risposta".


Nel frattempo, si rischia il LASCIA O RADDOPPIA: ROM in Via Cavriana ang. Via Gatto
Inviato [....] il 06-02-2012
Vorrei segnalare un'altra situazione di degrado nell'area all'angolo tra via Cavriana e via Gatto ove un tempo vi era un'attività non so ora se di autodemolizioni o carrozzeria..

Comunque da mesi all'interno si sono insediati dei ROM. Volevo segnalare più che altro il degrado in quanto dall'esterno si vedono delle balle di rifiuti, oltre ad altri cumuli di sporcizia, e se si passa, specialmente alla sera, si sente un odore nauseabondo che esce da lì.

Saluti


O si sta tornando al punto di partenza?

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 08/02/2012 @ 09:02:59, in Italia, visitato 1422 volte)

da U Velto

La Federazione Rom e Sinti Insieme lancia un allarme alle Istituzioni nazionali e locali per la grave situazione vissuta, in questo momento, da migliaia di Sinti e Rom. L'abbassamento repentino delle temperature e la caduta di continue precipitazioni nevose su tutta l'Italia rendono estremamente pericolose le condizioni di vita di intere famiglie e in particolare dei bambini e degli anziani.

Sono a grave rischio soprattutto le famiglie Rom immigrati che vivono in insediamenti improvvisati, ad esempio con baracche o tende, e che non hanno la possibilità di utilizzare l'energia elettrica o il gas metano per scaldarsi. Sono altrettanto a grave rischio tutte quelle famiglie, in particolare Sinti italiani, a cui viene negato dagli Enti Locali la possibilità di stipulare un regolare contratto per l'allaccio all'energia elettrica.

Siamo estremamente preoccupati per la situazione a Milano, Bologna, Roma, Firenze e Torino ma non solo e chiediamo agli Enti locali, Comuni e Province, di attivarsi monitorando la situazione e di assicurare a queste persone condizioni che scongiurino la possibilità di tragedie, come quella dell'anno scorso a Roma dove sono morti in un rogo quattro bambini rom immigrati.

In ultimo ci preme stigmatizzare le gravi dichiarazioni razziste dell'Eurodeputato Francesco Speroni (Lega Nord) e del Consigliere comunale di Busto Arsizio (Va), Adriano Unfer (Lega Nord), pubblicate pochi giorni fa dalla stampa locale.

Il Presidente, Radames Gabrielli

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/02/2012 @ 09:41:17, in casa, visitato 1090 volte)

di Bruna Iacopino

"Preferisco tornarmene nella baracca, la stiamo sistemando per la notte". Maria (nome di fantasia) ha trascorso solo una notte al rifugio anti-freddo messo a disposizione dal Comune di Roma presso l'ex fiera. "Fa troppo freddo là dentro è come stare fuori" dice. E fuori infatti è tornata insieme alla sua famiglia e a qualche altro nucleo famigliare. Dentro sono rimasti invece i senzatetto e una famiglia che ha un bambino troppo piccolo per poter stare dentro una baracca con l'abbassamento delle temperature previsto per questa notte. Le condizioni che descrive non sono delle migliori. "L'edificio è enorme e non si scalda, poi le porte e le finestre sono rotte e piove dal tetto."

Ma non ci sono riscaldamenti? Le chiedo. "Ci sono tre stufe, ma non bastano e quando ho chiesto se potevamo accenderle e magari metterci vicino per scaldarci mi hanno risposto che bisognava tenerle spente altrimenti la bombola non sarebbe bastata per la notte." Lo stesso Maria si è sentita rispondere quando ha chiesto se poteva avere un'altra coperta perché quella che le era stata data non era sufficiente. " Non ce ne sono più" le hanno detto. Ieri all'ex fiera di Roma erano circa 125 persone, racconta fra cui la maggioranza senzatetto, "barboni ubriachi" dice lei. E in mezzo famiglie con bambini piccoli. Allora meglio andarsene, lo ha fatto lei, lo hanno fatto anche altri ritornati ad una baracca. "Se non mi credi puoi venire a vedere con i tuoi occhi".

Nel frattempo l'allerta rimane alta e per lunedì è prevista la chiusura dei pubblici uffici nella capitale, mentre cominciano inevitabili a fioccare le polemiche, e se in molti puntano il dito sul sindaco Alemanno, lui a sua volta si rifà sulla Protezione civile che non avrebbe fornito adeguate previsioni meteo.

Sarà. Fatto sta che dopo la neve arriverà il giaccio e la città volente o nolente lunedì dovrà ripartire.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie pił cliccate


21/09/2020 @ 05:51:07
script eseguito in 163 ms

 

Immagine
 popoli e idee in movimento... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 987 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi pił cliccati

Ultimi commenti:
Hai bisogno di un prestito urgente oggi?Possiamo a...
31/08/2020 @ 15:35:47
Di montesana
Que faire si vous avez été victime d'une arnaque s...
20/08/2020 @ 04:38:04
Di sucre
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source