Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 07/12/2011 @ 09:40:47, in Italia, visitato 1041 volte)

Pubblicato il 05-12-2011 - San Rocco desolatamente semi-deserto per "Un Popolo di bambini", l'incontro del PD contro i pregiudizi

Del resto, come ha poi avuto modo di rimarcare la Sen. Silvana Amati, era da immaginarselo che gli spettatori non sarebbero stati numerosi, perché un argomento come quello toccato, già ispiratore di innumerevoli pregiudizi, non poteva di certo essere di gran richiamo. Devo dire, invece, che gli assenti, come sempre, hanno avuto ancora una volta torto e si sono perduti degli interventi utili, se non altro, atti a far riflettere, documentarsi e non cadere domani negli stessi sciocchi pregiudizi.

All'incontro doveva partecipare anche il Sen. Pietro Marcenaro, Presidente Commissione Diritti Umani del Senato ed un po' padre di questo rapporto, invece assente, purtroppo, per motivi di salute e sostituito all'ultimo momento dalla Sen. Silvana Amati.
Altri partecipanti all'incontro: Francesco Mele del PD di Torino, che ha contribuito alla realizzazione di questo documentario qui visionabile con un semplice click "Mandiamoli a casa#2. I luoghi comuni: i Rom"; Elisabetta Allegrezza, Segretaria PD Senigallia; Stefania Pagani, Responsabile Forum Sanità e Sociale PD Senigallia.

Partendo dalla fine dell'incontro, la cosa più incoraggiante che a mio dire ne è uscita fuori, è stato l'interesse mostrato negli interventi del "pubblico". Virgoletto perché le venti presenze che lo formavano erano costituite da "addetti ai lavori" o personaggi politici locali. Però coloro che hanno preso la parola, alla fine dell'incontro, e qui sta la positività, sono state delle insegnanti, che hanno portato le loro esperienze di lavoro maturate, nelle proprie classi, con questi bambini. Anche perché ritengo che è proprio dalla scuola, dalla ingenuità dei bambini, che si possa partire con una vera campagna di integrazione, in maniera involontaria, "indolore", sotto il coordinamento di insegnanti sensibili verso questi problemi.

Questi telegraficamente gli interventi prima della proiezione del Documentario.
Ad assumersi il compito di presentare i partecipanti e di fare gli onori di casa, la Dott.ssa Elisabetta Allegrezza.

Per Stefania Pagani, il pregiudizio è solo frutto dell'ignoranza. Per molti di noi, Rom è sinonimo di zingaro, di nomade, di sporco, di reati. Non di rado si sente dire, per intimorire i nostri bambini, la frase: "Ti portano via i zingari". Ma pochi coloro, invece, che sono informati che la maggior parte dei Rom, di questa etnia, sono italiani in quanto migrati in Italia fin dal 1400. Sono erroneamente definiti genericamente nomadi anche se la maggior parte di loro, oggi, non lo è più. Sono chiamati genericamente Rom (ma non tutti lo sono), Sinti( ed è il nome di una delle etnie), oppure in modo totalmente erroneo anche Rumeni o Slavi a causa della cittadinanza di molti di loro.
In realtà non c'è alcuna connessione - neppure etimologica - tra il nome "rom" e il nome dello stato di Romania, il popolo di lingua neolatina dei rumeni o la lingua rumena, né teoricamente con le popolazioni slave, in quanto i rom e i sinti sarebbero etnicamente di origine indiana.

La Sen. Silvana Amati, ci ricorda invece come i Rom siano in Italia, solo uno sparuto numero di 140/170 mila unità e come essi siano definiti "Un Popolo di Bambini". Non certo per via del numero dei figli che hanno, ma perché la loro speranza di vita è molto bassa. E ci fornisce dei freddi, ma illuminanti dati: il 60% di essi hanno meno di 18 anni, il 30% sono quelli che vanno dai 0 ai 5, il 6% raggiungono i 50/60 e solo il 3% riescono a superare i 60 anni. La vita media è sui 45 anni. Frutto, logicamente delle loro condizioni di vita. Un'etnia che si tira un po' da una parte, cercando di "nascondersi" sapendosi visti con un occhio diffidente da noi "civili" come essi ci chiamano, facendo risultare difficile la raccolta di dati statistici. Nell'Olocausto i Rom hanno subito uno sterminio ed è anche per questo, che un partito come il PD che si occupa di Diritti Umani non poteva dimenticarsi di questa etnia. Le Emergenze legate ad essi sono tante, come quella abitativa, quella legata alla sicurezza, al lavoro ed alla scuola e proprio per questo bisogna cercare di ridurle.

Per Francesco Mele, uno dei realizzatori anche del documentario "Mandiamoli a casa #1", (entrambi con il n°2, girati nel quartiere di San Salvario di Torino) da questi documentari emergono tanti luoghi comuni: i Rom, popolo delle discariche, ruba i bambini, il popolo dei "campi" (autorizzati e non che essi siano), vivono di furti e così dicendo!
I Rom invece non sono nomadi (di loro solo il 3% lo sono) e se si spostano lo fanno per i nostri stessi motivi: per affetti, per lavoro (giostrai). Oltre tutto è un popolo con la cittadinanza italiana. Nessuno nega l'esistenza poi che esistano dei problemi come quello dei piccoli furti, ma non dobbiamo farne di un'erba un fascio. La maggior parte di loro lavorano come giostrai, raccolgono il ferro, si adattano a lavori occasionali. Del resto poi le interviste nel documentario sono abbastanza esplicative.

La Sig.ra Elisabetta, di cui mi spiace, ma mi è sfuggito il cognome, ci ha relazionato, da persona che si occupa direttamente in prima persona di queste problematiche, delle difficoltà che ha incontrato nell'ambito territoriale di Falconara. Le sue esperienze sui Rom le fanno dire che hanno terrore del "Condominio" per la loro necessità di vivere la vita di "Famiglia", intesa nel senso più ampio di più famiglie. Infatti sono soliti posizionare le loro Roulotte (intese come abitazione fissa e non per girare) con un determinato modo (una adibita a cucina, una a camera da letto... una vicina all'altra, tutte ben tenute e precise come del resto ha potuto constatare di persona avendoci vissuto direttamente appunto per poterli conoscere da vicino). Non sono sporchi, perché l'interno delle loro roulotte o delle loro baracche, sono precise e ben tenute. Si deve tener conto che sono sempre baracche, che non hanno acqua corrente.
Ma hanno un senso dell'accoglienza molto sviluppato.
E ricorda così dicendo, quando ha abitato per un periodo con loro ed al mattino gli portavano il cornetto con il caffè. Però sottolinea anche come quando un loro ragazzo che voleva fare il meccanico, malgrado l'intervento economico della Regione che supportava il suo inserimento in un'attività lavorativa, veniva rifiutato dal datore di lavoro non appena veniva a sapere che era di etnia Rom. Ecco che allora questo li induce a nascondere la loro etnia, ad isolarsi. Anche se è vero però che alcuni di loro si stanno invece adeguando al nostro modo di vita. Alcuni sono andati ad abitare in case di muratura, le donne hanno smesso le lunghe gonne ed ora indossano i pantaloni, i figli vanno a scuola, li seguono da vicino ritenendo che sia il modo giusto per integrarsi.

Anche la Sig.ra Simonetta Bucari, qui semplicemente in veste di insegnante e non di Consigliere, porta una sua significante esperienza maturata in una ventennale esperienza di insegnamento. Aveva da prima avuto contatti con bambini Rom figli di giostrai, che per l'attività lavorativa dei genitori, rimanevano nelle classi per brevi periodi di due o tre mesi e poi se ne andavano. Difficili quindi da poter analizzare e instaurare con loro, un rapporto educativo di lungo periodo. Fino al giorno in cui un ragazzino Rom, non nomade, è entrato a far parte della sua classe e con il quale è riuscita nel tempo, a stabilire un rapporto molto bello, di grande empatia, successivamente allargato anche alla famiglia del ragazzino a cui ha fornito anche una abitazione in una sua casa di campagna. Successivamente poi, con l'aiuto della Caritas, si è riusciti ad inserire in un condominio, altri due nuclei familiari con 3 bambini al seguito. Ritenendo infatti, che è forse questo il modo giusto per creare integrazione, senza far perdere loro la propria identità. Il lasciarli nei loro campi è un po' come limitarli.

Per un'altra insegnante, il fatto che si dica che i genitori snobbano la scuola, dipende dal fatto che molti di questi, come le hanno riferito, non vanno, ad esempio, ai colloqui, perché la maggior parte di loro sono analfabeti. Le ragazze a 12 o 13 anni vengono tenute in casa perché sono ritenute adulte e quindi da adibire ai lavori di casa.

Io non sono razzista, né pensavo di avere pregiudizi a prescindere: l'occasione dell'incontro ha portato a ricredermi o quantomeno a sapere di non esserne completamente indenne. Non posso certo dire che nei confronti dei "nomadi" fossi molto "aperto" e ben "disposto". Certa era una cosa, non conoscevo l'etnia Rom e come tanti ero ignorante in materia e quindi con almeno una punta di pregiudizio.
Se dicessi che dopo essere uscito dal San Rocco, oggi vedo tutto rosa, direi solo una falsità. Sicuramente posso però affermare che d'ora in avanti sarò in grado di analizzare con una critica più obiettiva e forse con un pelo di "pregiudizio" in meno, certi loro atteggiamenti, raffrontandoli con i miei.
Anche perché mi si è acceso l'interesse per la storia di questa etnia che mi spingerà a saperne di più. Cosa del resto facile oggi con Internet!

di Franco Giannini

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/12/2011 @ 09:13:00, in lavoro, visitato 1295 volte)

da venerdì 9 fino a domenica 11 dicembre 2011 dalle 14.00 alle 19.30
studio METROQUADRO Via S. ORSOLA 5; citofono: metroquadro, Milano

Accessori per la casa, trapunte matrimoniali e per ragazzi, borse, portatorte e tante altre cose della Sartoria Rom vi aspettano in pieno centro di Milano...

QUI potete vedere alcuni dei prodotti.


SEMPRE DA MILANO

Da una maestra della scuola Pini: RICHIESTA URGENTE DI AIUTO, a seguito dello sgombero del campo rom di Segrate, la famiglia di un'alunna di 1^ elementare ha bisogno di una tenda per cavarsela nelle prossime notti di gelo. Tel 333-91.50.112 Monica Faccioli

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/12/2011 @ 09:47:24, in Italia, visitato 1573 volte)

Potevamo fare a meno di pubblicare quanto segue? CERTAMENTE! Si tratta di una lettera ricevuta in redazione, abbiamo forti sospetti che sia un falso, chiediamo aiuto ai nostri indispensabili lettori per capirlo

Ciao a tutti, mi chiamo Claudio Morganti, e faccio nientepopodimeno che il deputato europeo. Quale partito? Forse lo capirete da soli...

Come potete vedere nelle due foto che seguono mi piace accompagnarmi a gente di un certo spessore.

Son toscano e son padano, insomma ho idee chiare. E poi, vi dicevo, sono pure europeo, se guardate il mio profilo capirete anche dove vanno a finire i vostri soldi. Se non lo guardate, sono fatti vostri, m'inventerò qualcosa per cui si parli lo stesso di me.

 (da youtube)

Anche da Bruxelles, in mezzo a Galli e Celti, è giunta la notizia che in Italia non siamo più al governo, ma che sono arrivati i demoplutomassoni, e che il peggiore di loro, un certo Andrea Riccardi, ha persino detto pubblicamente: "Come ministro posso dire che l’Italia non è tra i paesi più brillanti nell’affrontare la questione rom e sinta, ma come cittadino a volte mi sono veramente vergognato della loro condizione nel nostro paese. Conosco e ho visitato non pochi campi rom. Dobbiamo agire per superare i campi affinché i Rom e Sinti possano inserirsi tra gli italiani come italiani".

Ma come???? E tutto quello che ha fatto il governo precedente per l'integrazione di questi parassiti???

Beh, avrete presente anche voi quella reazione automatica che uno ha in questi casi: cercare soccorso nella propria storia, nell'orgoglio del passato, che sia toscano, padano e/o europeo. Così, subito, d'amblé come dicono qua, ho risposto che:

  1. ai bambini degli zingari bisognerebbe prendergli le impronte, come dice anche il signor Maroni;
  2. che fa parte della loro cultura vivere nella sporcizia e tra i topi, così come fa parte della loro cultura rubare;
  3. che questo non è farina del mio sacco (si sa mai...), ma lo dicono tutti i maggiori esperti.

Mi sono dimenticato una cosa della loro cultura:

...vivere in misere baracche che si abbattono da loro stessi, così hanno la scusa per non integrarsi e non mandare i bambini a scuola!


"Il 21 settembre 2011 è costretto alle dimissioni da Segretario Nazionale a causa di forti contestazioni di buona parte dei militanti della Lega Nord Toscana." Da Wikipedia

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/12/2011 @ 09:16:54, in Italia, visitato 1252 volte)

(estratto, cliccare sull'immagine per leggere gli altri interventi)

mercoledì 7 dicembre 2011 FINALMENTE. FINALMENTE QUALCOSA SI STA MUOVENDO, LA FEDERAZIONE ROM E SINTI INSIEME E' FINALMENTE RIUSCITA A FARSI SENTIRE DAL GOVERNO, SPECIALMENTE DAL MINISTRO ANDREA RICCARDI PER LA COOPERAZIONE INTERNAZIONALE E L'INTEGRAZIONE, E DAL SENATORE PIETRO MARCENARO, PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE DIRITTI UMANI DEL SENATO E DALLA VOCE PRESIDENTE DEL SENATO EMMA BONINO

LA FEDERAZIONE ROM E SINTI INSIEME E IL SUO DOCUMENTO CON I SUOI NOVE PUNTI PRESENTATO AL SENATO

Prima di parlare dei nove punti che la maggioranza dei sinti e dei rom ci hanno chiesto di includere nel documento, voglio specificare che oggi noi sinti e rom non riconosciamo nessuna persona che non sia d'etnia sinta o rom che si autodefinisce portavoce, intermediario o legale rappresentate di sinti e rom, oggi siamo noi i diretti portavoce, intermediari e legali rappresentati di noi stessi, perciò chi , non sinti o rom si proclama tale, noi non lo riconosciamo.

Ma se accompagnato da due persone sinte o rom con una delibera sottoscritta da tutti i sinti e rom membri dell'associazione o da più persone singole sinti e rom, questo potrebbe essere rivisto.

Il motivo di Questo è per tutto il lavoro INUTILE che tantissimi portavoce, intermediari hanno fatto in tutti questi anni, sinti e rom si trovano ancora oggi rinchiusi in enormi campi nomadi o sgomberati senza nessuna soluzione alternativa, e tantissimi ancora oggi nell'anno 2011 alle porte del 2012 si trovano senza i servizi di prima importanza come l'energia elettrica, l'acqua potabile, sevizi igienici e un tetto dove ripararsi dalla intemperie, oggi noi non vogliamo e non ci servono dei portavoce, ma ci servono delle persone che vogliono lavorare tutti insieme, sinti, rom e popolazione maggioritaria. Per questi motivi noi della federazione rom e sinti insieme abbiamo presentato questo documento nella sala stampa della Camera e al Senato il 9 novembre 2011, con i seguenti punti che vi voglio illustrare con parole più significative.

* il primo punto il lavoro, non meno o più importante dei nove punti, ma vitale per il proseguimento alla vita. Il problema lavoro: per i Sinti e Rom scarseggia per svariate cause, primaria e la più grande e la discriminazione razziale, solo essendo d'etnia Sinti e Rom diventa quasi impossibile trovare lavoro,( se non si nasconde la propria etnia d'appartenenza), poi la brutta reputazione che dura da circa 1000 anni, solo il nome "zingari" fa ancora tremare parecchia gente, la diffidenza in ambo le parti, la mancanza di diplomi, la scarsa conoscenza dei lavori proposti, la scarsa conoscenza della lingua italiana, nessuno vuole come partner di lavoro un sinto o un rom e altre molte varie ragioni.

Per questi motivi noi chiediamo di avere la possibilità di intraprendere e poter lavorare in proprio, con i nostri lavori tradizionali, riportandoli alla conoscenza non solo ai nostri figli ma a tutta la popolazione maggioritaria, ma per riuscire abbiamo bisogno di ottenere dei aiuti e dei finanziamenti comunali, provinciali, regionali e statali, per poter supportare i nostri lavori tradizionali, come lo spettacolo viaggiante, la musica sinta e rom, l'artigianato e tutto quello che oggi "per forza dei cambiamenti" e stato dimenticato, come i cestinai, fiorai, ombrellai e tanti altri che ogni persona sinta e rom anziana ci potrà aiutare a portarla alla luce e farla imparare ai nostri giovani.

In alternativa e la costituzione di cooperative sociali costituite direttamente dai sinti e dai rom, dove potere assumere personale sinto o rom nell'ambito del lavoro di giardinaggio, pulizie in generale, raccolta materiale ferroso ecc. ecc. ma supportati dai propri comuni, provincie e regioni che dovranno trovare un sistema ad aggiudicare i lavori a detta cooperativa senza dover ricorre a bandi molto difficili per i sinti e rom, intraprendendo questa strada si porta la conoscenza ai giovani che entrando in queste tipologie di lavoro imparano, così che l'aiuto del comune provincia regione stato un giorno non serva più.

Ma se si vuole davvero aiutare i sinti e i rom che vogliono lavorare, si devono agevolare rilasciando anche dei permessi di sosta provvisoria su tutto il territorio italiano, eliminando tutti i divieti di sosta alle roulette, camper e nomadi per tutti i sinti e rom che li richiedono per poter lavorare con i propri lavori tradizionali, ai musicisti, ai giostrai e circolanti, alla predicazione (MEZ) in assoluta liberta.

Solo percorrendo queste strada si potrà ridare il lavoro perso alla maggioranza dei Sinti e Rom.

* Per secondo e L'abitare, questo e un altro grandissimo problema di tutti i sinti e rom, che grazie ai sgomberi senza alternative, la mancanza di servizi principali come l'acqua, l'energia elettrica, i servizi igienici e il riscaldamento invernale, porta ai sinti e rom la scarsa e corretta frequenza scolastica, ciò impedisce loro i diplomi occorrenti ad un lavoro per il prossimo futuro. Porta la scarsa ricerca del lavoro, perché impossibile riuscire a trovare un lavoro definitivo non avendo nessuna abitazione definitiva e regolare con un indirizzo civico, dove poter essere a disposizione del datore di lavoro, un altro input negativo al lavoro e avere l'indirizzo di un campo nomadi, ciò rende ancora più difficile a trovare un qualsiasi lavoro.

E per queste ragioni che noi della federazione nazionale rom e sinti insieme, chiediamo la Moratoria degli sgomberi senza alternative. Applicazione dei Progetti per la chiusura dei cosiddetti "campi nomadi" attraverso soluzioni diversificate quali la realizzazione delle microaree famigliari attrezzate, composte da genitori e figli con un regolare indirizzo civico senza definirlo campo nomadi, villaggio ecc. dove poter continuare e salvaguardare la tradizione e la cultura dei sinti e rom nativi in Italia da decenni, ma anche perché ci sono tante persone gagge che dichiarano che avere dei sinti o rom come vicini di casa e viverci con armonia e una cosa impossibile, perciò la creazione delle microaree e un bene per noi, ma soprattutto e un bene anche per la popolazione maggioritaria che non vogliono vivere e avere dei vicini di casa sinti e rom.

* Un altro progetto concreto, positivo e forse il migliore perché non sperpera denaro pubblico e non costa nulla al comune, provincia, regione e stato, perché un terreno agricolo e una propria proprietà poco onerosa e a portata di tutti i sinti e rom, da notare che già da parecchi anni moltissime famiglie sinte con grande successo sono riusciti ad uscire dai campi nomadi grazie all'acquisto di un terreno agricolo come tipo di abitazione, ed è perciò che chiediamo La Modifica del Testo Unico 380/2001 che proibisce l'installazione anche di roulotte mobili su terreni agricoli.

* Chiediamo anche e soprattutto da subito, la Sospensione della Delibera 67/2010 dell'Autorità per l'energia elettrica, fino a che non si trovi un alternativa al riscaldamento usato dalla maggioranza dei sinti e rom, questa delibera e arrivata così all'improvviso che i sinti che usavano l'energia elettrica a forfè per il proprio riscaldamento, non hanno avuto il tempo necessario a trovare delle soluzioni alternative a riscaldarsi, oggi con questa delibera per i sinti e impossibile usare l'energia elettrica per riscaldare le proprio abitazioni perché troppo oneroso, perciò le problematiche riguardo il riscaldamento sono immense.

* Salvare la cultura dei sinti e rom e importante quasi come la casa e il lavoro, perché senza cultura non ai più nessuna provenienza, famiglia e popolazione, senza cultura non ti rimane più niente, e grazie ai cambiamenti del progresso, la cultura dei sinti e dei rom sta scomparendo, oggi se si chiede ad un giovane sinto o rom che cosa vuol dire cultura non sanno risponderti, ed e per questo che chiediamo nel nostro documento il sostegno agli artisti Sinti e Rom, la predisposizione di una campagna nazionale di conoscenza degli apporti culturali offerti da Sinti e Rom alla cultura italiana ed europea e l'inserimento di artisti Rom e Sinti nei maggiori eventi nazionali, solo cosi potremmo salvare la nostra cultura e portarla alla conoscenza della popolazione maggioritaria.

* La scuola, la causa principale "come dicevo prima" e l'Habitat insufficiente, essere sgomberato ogni mese per non dire giorno, impedisce ai nostri figli la regolare frequenza scolastica, il non riuscire ad ottenere un diploma per svolgere un normale lavoro di tutti i giorni, come si può trovare lavoro senza saper scrivere e leggere, senza saper fare i conti, e senza sapere tanto altro, come si fa.

Le cause sono molteplici, e la più brutta e odiosa e la causa della discriminazione razziale, ci sono maestri e direttori che permettono e applicano a bambini di 6 / 12 anni, il razzismo nelle scuole elementari, anche se sentono e vedono che i bambini delle popolazione maggioritaria prende in giro il bambino o bambina sinta o rom fanno finta di niente, Molte volte sono messi all'ultima banco, non vengono mai interrogati e non interessa se imparano, ci sono bambini sinti e rom che frequentano la 5 elementare senza saper ne leggere e scrivere, questi bambini non riescono a frequentare regolarmente la scuola perché non hanno nessun input a farlo, non ci sono amici gagge o maestri che rafforzano la loro voglia di imparare e frequentare la scuola, anche se dei bambini riescono a far amicizia con i bambini sinti o rom ci pensano i loro famigliari a farli smettere quell'amicizia, i stessi bambini ci chiedono il perché non ci sono libri che parlano dei sinti e rom, della loro storia, da dove arrivano, le guerre vissute dai sinti e rom, l'olocausto subito dai sinti e rom, tutto questo nelle scuole non c'è, forse questo e il motivo principale che oggigiorno tantissime persone non sanno nulla dei sinti, per questo e tanto altro chiediamo tramite il documento l'Introduzione nei programmi scolastici di elementi della storia e cultura dei Sinti e dei Rom, con particolare attenzione all'anti-discriminazione, la Predisposizione con la collaborazione delle associazioni Rom e Sinte di un piano Nazionale per l'istruzione dei bambini Rom e Sinti e per la formazione dei docenti.

* Chiediamo soprattutto: La partecipazione diretta di sinti e rom nelle decisioni che riguardano gli stessi, se ci guardiamo in giro non troveremo mai un sinto o un rom nella scuola, nei uffici comunali, provinciali, regionali e statali, nemmeno come custode, spazzino o altro, quando si parla di un campo nomadi o un qualsiasi cosa si voglia fare per i sinti e rom, non vengono mai interpellati, si interpella sempre e solo i soliti " esperti" di rom e sinti, senza mai ammettere che i veri e unici esperti di sinti e rom sono gli stessi sinti e rom, ma questo non vogliono ammetterlo ed e per questo nel documento chiediamo di Adottare strumenti di sostegno per implementare la partecipazione dei Sinti e dei Rom nella vita sociale e politica del Paese. Indicazione Nazionale che vincoli i finanziamenti solo al terzo settore che prevede la partecipazione diretta dei Sinti e Rom e che i propri portavoce e intermediari siano solo i sinti e i rom, oggi vogliamo avere il diritto di decidere da soli, siamo stanchi che altri decidono per noi come e dove vogliamo vivere, perciò tutte le azioni saranno discusse e decise insieme ai Sinti e Rom.

* Il welfare, già da parecchi anni ci sono tantissimi sinti e rom che lavorano come mediatori culturali senza avere un diploma, senza una retribuzione mensile e moltissime volte a proprie spese, tutti lavorano solo per migliorare la vita piena di stenti e sacrifici dei sinti e rom, molti sono perfino senza un titolo di studio, non hanno fatto nemmeno le prime elementari, eppure sanno scrivere e leggere e fanno i mediatori culturali, e chi meglio di loro come mediatori culturali, possono aiutare il proprio popolo, lavorano giorno e notte senza essere riconosciuti nemmeno dai propri comuni, provincie e regioni, per questo chiediamo nel documento l'Istituzione della figura del mediatore culturale Sinto e Rom. Progettazione sociale vincolata alla presenza retribuita di mediatori culturali Sinti e Rom. Progettazione e gestione diretta dei servizi alle associazioni Sinte e Rom.

* Il problema della La sanità e molto grave per tutti e non solo per noi sinti e rom, eppure per noi c'è ancora qualcosa di più grave, tanti dottori nei Pronti Soccorsi dei ospedali, appena vedono un sinto o un rom prendono i fogli consegnati ai infermieri, che sono al primo posto, li mettono sotto tutti gli altri cosi che i sinti rimangono sempre ultimi, e quando arriva il turno, fanno delle esclamazioni tipo: (" chi di voi cura la zingara !! io non lo faccio ecc. ") questo e successo a mia sorella al pronto soccorso e a tanti altri sinti i Italia, oggi nel documento chiediamo una Campagna nazionale di prevenzione e istituzione della figura del mediatore sanitario. Corsi di formazione per operatori organizzati in collaborazioni con associazioni Sinte e Rom, con particolare attenzione All'antidiscriminazione.

* La vera lotta alle discriminazioni, come si combatte la discriminazione razziale se per primo a istigarla e propagarla era il governo stesso, il governo bossi non permette ai sinti e rom di avere una casa, una microarea, un terreno agricolo di propria proprietà, non c'era nessuna alternativa per la lega nord, il loro slogan era e rimane: "via gli zingari - no case ai zingari - milioni di euro speso per zingari - case prima a noi italiani e dopo ai zingari" questi sono gli slogan che hanno trasmesso ai italiani tramite i mass media e questi saranno gli slogan che trasmetteranno ai italiani alle prossime elezioni, autorizzati a fare tutto quello che vorranno anche se il "DECRETO LEGGE del 26 aprile 1993, n. 122, coordinato con la legge di conversione 25 giugno 1993, n. 205, recante: "Misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa", vieta di istigare altre persone alla discriminazione razziale.

Noi chiediamo di applicare a tutte le persone questo decreto legge, nelle scuole, nei uffici comunali provinciali regionali e statali, nei ospedali, in tutti gli esercizi pubblici, delle Pene più severe per chi porta la discriminazione, il razzismo e le calunnie verso i Sinti e rom, Pene severe per tutti i giornalisti che con i quotidiani istigano, trasmettono qualsiasi rapporto che parli o che trasmette ad altre persone l'odio razziale e la discriminazione, per tutto questo noi chiediamo tramite il documento il Coinvolgimento delle rappresentatività nazionali delle comunità Sinte e Rom nella costituzione degli Osservatori sulle discriminazioni. Libertà religiosa e possibilità per le Chiese di usufruire di spazi pubblici. Costruzione partnership tra le Prefetture e le associazioni Sinte e Rom. Contrasto alle discriminazioni istituzionali (esempio: cartelli stradali di divieto di sosta a chi è riconosciuto Sinto o Rom).

* Non da oggi ma da ormai parecchi tempo in Italia ci sono tantissimi Rom immigrati, le possibilità sono durissime per noi che siamo italiani al 100 per 100, immaginatevi per loro, vengono in Italia per migliorare la propri vita e si trovano a dormire sotto i ponti, nelle baraccopoli, e i più fortunati riescono a trovare della abitazioni quasi demolite ma con un tetto per ripararsi dalla intemperie, tantissime mattine vengono svegliati senza nessun ritegno per i vecchi, donne e bambini la mattina presto ancora buia per essere sgomberati dalla polizia, senza nessuna alternativa ai sgomberi, non interessa se dopo nasce un altra baraccopoli o accampamento di fortuna, importante e che hanno fatto gli sgomberi, per questo che nel documento chiediamo la Predisposizione di un percorso di regolarizzazione per i profughi e per le famiglie di prima immigrazione (Anni Settanta e Ottanta) dalla ex Yugoslavia. Progetti di accoglienza per i Rom immigrati dalla Romania contemperando diritti e doveri. Progetti di informazione e sensibilizzazione con partnership con i Paesi d'origine.

* Ma tutto questo non potrà avverarsi se non verrà approvata la proposta di legge per riconoscere ai sinti e rom lo status di minoranze: Proposta di Legge n. 4446, "Modifiche alla legge 15 dicembre 1999, n. 482, in materia di riconoscimento e di tutela delle minoranze linguistiche storiche dei rom e dei sinti", depositata il 21 gennaio 2011.

E la proposta di legge per riconoscere la persecuzione su base razziale subita dalle comunità Rom e Sinte, durante il nazifascismo: Atto Senato n. 2558 "Modifiche alla legge 20 luglio 2000, n. 211, in materia di estensione del Giorno della Memoria al popolo dei Rom e dei Sinti", presentato il 15 febbraio 2011.

Io, noi sinti e rom speriamo che oggi che siamo alle porte dell'anno 2012 finalmente anche noi siamo riconosciuti come esseri umani, perché solo se ci riconoscono allora anche noi esistiamo, altrimenti non saremmo mai ne italiani, sinti, rom, europei e nemmeno reputati esseri umani.

Per finire ringrazio a nome di tutti i sinti e rom della federazione rom e sinti insieme l'on Sen dott. Pietro Marcenaro, il Dott., Massimo Serpieri, il Dott. Isidro Rodríguez il Dott. Zeliko Jovanovic, dott. Jeroen Schokkenbroek, il Dott. Herry Scicluna e tutti quelli che hanno reso possibile questo evento, ma voglio anche ringraziare tutti i presenti a questo grande evento, sinti, rom e gagge, grazie a tutti.

per chi vorrebbe ascoltare gli interventi della giornata, clicchi: http://www.radioradicale.it/scheda/341368

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/12/2011 @ 09:20:54, in Italia, visitato 928 volte)

Leggendo questo pezzo, ho avuto due reazioni: Una di prenderlo come un appello da libro Cuore; l'altra di immedesimarmi quando scrive che il cambiamento non lo regala nessuno, neanche gli amici. Voi che ne pensate?

Traniviva.it RINO NEGROGNO - Martedì 6 Dicembre 2011

L'arduo tentativo di cambiare le cose

Non posso esimermi dall'arduo tentativo di cambiare le cose in questo mondo. Cercare di migliorare la città, il quartiere, il palazzo, la famiglia, noi stessi è l'unico modo non utopistico per fare questa rivoluzione. Non possiamo tirarci indietro. Cosa racconteremmo ai nostri figli? Non possiamo dire come i nostri nonni di essere stati partigiani o come i nostri padri di aver contestato. Cosa diremo mentre guarderanno il mondo che gli lasciamo? Cosa risponderemo quando nostro figlio ci domanderà perché non abbiamo fatto niente per il suo mondo?

Ogni mattina vedo passare famiglie di zingari, un padre una madre e due o tre figli. I padri sono seri, pensierosi, camminano qualche passo avanti. Le madri spingono un passeggino, parlano con i loro bambini, ridono, rimproverano. I bambini giocano, cantano, ridono, quelli nel passeggino sognano. Chissà cosa sognano i figli degli zingari, quelli che sono nel passeggino. Non credo sognino abbondanti bottini agli incroci delle strade, baracche sporche, vestiti colorati e piedi scalzi. Non possono neanche sognarsi Babbo Natale ed i suoi doni perché nessuno ha mai raccontato favole per loro. Non so proprio cosa possano sognare i bambini degli zingari. E le loro mamme? Sognano un gruzzolo cospicuo o un principe azzurro che apra per loro un castello incantato. E i padri? Eppure anche gli zingari sono felici. «Ma ho visto anche degli zingari felici corrersi dietro, far l'amore e rotolarsi per terra. Ho visto anche degli zingari felici in piazza Maggiore a ubriacarsi di luna, di vendetta e di guerra», cantava Claudio Lolli nel 76.

Qualche mattina fa mi sono recato al municipio perché sapevo di un sit-in del comitato di lotta per le case popolari. Osservavo da lontano la rabbia di questa povera gente disperata. Qualcuno urlava ai politici di uscire, qualcuno di andare a casa, qualcuno diceva che non bisognava più andare a votare, qualcuno urlava: rivoluzione e basta. Me ne sono stato in disparte per non far dire agli amici che speculavo sul dolore mettendomi in bella mostra ma avrei voluto fare a questa gente una proposta: perché non diventano loro i politici, gli amministratori dei loro drammi? Loro che li conoscono bene, loro che si svegliano al mattino già disperati con questi drammi e ci vanno a letto la sera per notti quasi sempre insonni. Loro diventano gli amministratori, uno di loro il sindaco, il più faccia tosta e poi si scelgano gli assessori, i tecnici che diano loro un contributo, una mano. È facile, basta che alcuni di loro si candidano e tutti gli altri li votino. Stiamo facendo, stiamo vedendo, stiamo valutando eccetera, sono le solite frasi di queste circostanze che non vorremmo più sentire. Ma cosa ne possiamo sapere noi che la mattina andiamo a lavorare e la sera torniamo a casa, al calore della nostra casa, mangiamo, beviamo e andiamo a dormire sereni? Cosa ne possiamo sapere noi di come sia doloroso anche solo sentirsi dire stiamo facendo. Quale solidarietà possiamo dare a chi non lavora e non ha una casa noi che non abbiamo mai provato questa umiliazione?

Ebbene, è dal basso che deve partire la rivoluzione, il cambiamento, la presa di coscienza, la «classe per sé», come la chiamava Karl Marx. Da chi soffre, chi ha fame, chi ha freddo, chi è solo, chi è stanco deve cominciare il cambiamento. Solo chi vive il dramma si affretterà per risolverlo. Lasciamo i politici di professione a casa, ringraziamoli ed esoneriamoli dalla missione che loro malgrado e con abnegazione vogliono svolgere per noi, non lasciamoci abbindolare da fantasiose promesse, garanzie e lavoro ad personam. Lasciamo chi parla in eleganti salotti di lavoro, disoccupazione, affitto, mutuo, scuola, povertà lì dov'è. Autocoscienza. Chi ha il problema lo comprende, discute con chi ha lo stesso problema e cerca le soluzioni velocemente perché non può tornare da solo, alla sua famiglia con il problema non risolto. Non più una politica serva delle banche e dei ricchi che ci chiedono sacrifici dall'alto della loro ricchezza senza mai farne ma una politica serva dei cittadini più bisognosi prima di tutto e poi il resto accadrà di conseguenza, a salire.

C'erano anche molti anziani al sit-in. Chi restituirà loro tutti i giorni di felicità perduta? Se non possiamo cancellare la sofferenza di questi signori possiamo almeno provare a rendere uguali i sogni di tutti i bambini? Il sogno è quello che ognuno vorrebbe realizzare. Possiamo dare a tutti i figli della città la stessa possibilità di realizzare i sogni? Le stesse opportunità. Le stesse scuole? Non una cultura a pagamento per pochi che produce poco per l'umanità perché non è detto che quei pochi che possono pagare abbiano molto in testa da offrire.

Quando vedo un bambino povero, sporco, nudo, che chiede soldi, che lavora o è ridotto pelle e ossa dalla fame penso sempre che se quel bambino avesse la possibilità di studiare, di capire il mondo, potrebbe diventare un genio e lo renderebbe sicuramente migliore ma poiché quel bambino non leggerà mai un libro, dobbiamo lavorare molto e l'impresa è sì ardua.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/12/2011 @ 09:21:22, in Italia, visitato 975 volte)

Segnalazione di Agostino Rota Martir

Divieto di accesso... a chi? Ai rom residenti? A quei rom che il comune sta ancora sfrattando dagli appartamenti e che si troveranno per strada? Ai visitatori non Rom?  Divieto di accesso ai non ebrei? Come avveniva nel ghetto di Varsavia...

Insediamento in via di chiusura
DIVIETO DI ACCESSO


I trasgressori saranno denunciati e perseguiti a termini di legge
(artt. 633 e 639 bis codice penale)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/12/2011 @ 09:12:54, in Italia, visitato 1133 volte)

Piacenzasera.it 9-12-2011 (segnalazione precedente su Mahalla ndr.)

Una cinquantina di Sinti si sono radunati questa mattina in piazza Duomo per rivendicare i loro diritti ad essere riconosciuti come una minoranza-etnico linguistica e ad essere maggiormente considerati all'interno della amministrazioni locali. Arrivati a Piacenza da tutto il nord Italia, hanno ribadito le richieste già presentate nei mesi scorsi al governo, che prevedono oltre al riconoscimento storico anche una serie di diritti legati al sostegno dei lavori tradizionali svolti dai Sinti, alla valorizzazione della loro cultura e ad una serie di provvedimenti che facilitano l'inserimento nella vita sociale del Paese.

I Sinti in piazza Duomo

"Al governo abbiamo chiesto il riconoscimento di una serie di diritti legati all'abitazione, al lavoro, alla scuola e alla famiglia - ha commentato Davide Casadio, presidente dell'associazione Sinti italiani, presente alla manifestazione in piazza Duomo - Alle amministrazioni locali chiediamo di essere maggiormente considerati, soprattutto riguardo al tema del lavoro; noi facciamo parte dello spettacolo viaggiante ma costantemente ci vengono negati diritti".

Manifestanti

A Piacenza i Sinti residenti nel campo nomadi sono circa 150, di cui un terzo minorenni. "Chiediamo che le nostre attività, come giostre e divertimenti ambulanti, siano più vicine al centro della città e non sistemate alla periferia" ha aggiunto il segretario provinciale dell'associazione Salvatore Occhipinti. Tra le richieste fatte dall'associazione Sinti italiani anche la licenza per l'attività di raccolta del ferro vecchio.

Elvis Ferrari e Salvatore Occhipinti

Watch live streaming video from cpilive at livestream.com

L'incontro con l'assessore Palladini: "Un tavolo di riconciliazione". L'assessore comunale ai Servizi sociali Giovanna Palladini ha consegnato ai rappresentanti della comunità sinti una lettera.

Caro Elvis, caro Salvatore,
scrivo a voi perché in questi anni, a fasi alterne, avete assunto un ruolo assimilabile a quello di portavoce della popolazione sinta residente nella nostra città.

Oggi manifestate in tutto il Paese, insieme alla vostra gente, per rivendicare politiche pubbliche capaci di superare l'isolamento sociale in cui vi trovate.

In tutti questi anni le amministrazioni locali che si sono succedute, anche di diverso segno politico, hanno perseguito azioni costanti rivolte soprattutto ad obiettivi fondamentali come la scolarizzazione dei vostri figli e il graduale accompagnamento verso soluzioni abitative alternative alla permanenza nei campi di via Torre della Razza. Sulla scolarizzazione sono stati ottenuti risultati importanti fino a garantire la frequenza delle scuole dell'obbligo per tutti i bambini. Qualche difficoltà in più abbiamo dovuto registrare sul tema della casa. Spesso, infatti, i progetti di inserimento sono andati a buon fine, ma laddove ciò non è successo, sono stati rilevanti i problemi che si sono dovuti affrontare.

Grava, nelle relazioni tra voi e la città, oltre ad una difficoltà antica che vi accompagna, una questione rilevante relativa al patto che governa il rapporto tra cittadini e tra questi e la cosa pubblica. Mi riferisco, come potete immaginare, al debito maturato relativamente al rispetto del regolamento vigente per l'area di sosta che prevede il pagamento di quote giornaliere comprensive, tra l'altro, del consumo dell'acqua.

E' necessario che, con la collaborazione delle associazioni di volontariato che in questi mesi hanno ripreso contatto con il campo, si trovi una soluzione.

Le associazioni alle quali fate riferimento, hanno tra i propri obiettivi prioritari la definizione di un“Patto di riconciliazione nazionale” come proposto dall'Opera nazionale e una strategia nazionale che punti sull'integrazione come proposto dalla Federazione che ha organizzato la manifestazione di oggi..

Sono obiettivi importanti che presuppongono la volontà di assumere, reciprocamente, la responsabilità insita nei doveri e nei diritti di cittadinanza.

Insieme alla Caritas, insieme a voi, abbiamo avviato un percorso di confronto che ha al suo centro temi quali il lavoro, l'associazionismo, l'integrazione. Un cammino reso più difficile dall'insolvenza maturata nei confronti del Comune. Abbiamo bisogno di segni concreti, da parte di tutti, che vadano nella direzione di una inversione di marcia, che consenta di scrivere a Piacenza un Patto di riconciliazione locale, in mancanza del quale, saranno vani sia gli esiti delle vostre rivendicazioni, sia l'impegno profuso dai volontari, a partire dalla Caritas, e di tutti gli altri soggetti animati da buona volontà.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Jag
Di Fabrizio (del 11/12/2011 @ 09:23:18, in conflitti, visitato 1780 volte)

"Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica" Lo trovate nella colonna centrale in alto, dove appaiono delle frasi a rotazione. Sabato scorso era una di quelle serate che mi concedo una volta all'anno, niente di particolare: quattro chiacchiere con gli amici, pizza, birra, cinemino...

Rientro e l'incanto di una serata normale finisce con l'accensione del computer: Incendiato un campo nomadi dopo il corteo per lo stupro inventato. Gli amici  commentano a spron battuto, non li conosco tutti, ma è come una chiamata a raccolta di pezzi sparsi di società civile. Mi scuso con loro, se non mi sono subito fatto vivo, ma è altrettanto importante scriverne quando le ceneri vanno raffreddandosi e cominciamo ad illuderci che non sia successo niente (fino alle prossime fiamme).

Vedete, da una parte c'è la cronaca: e dovremmo chiamare tutto ciò con il suo nome: POGROM, che è storia nostra, dei cosiddetti "civilizzati", con le testimonianze di chi viene cacciato che emergono a distanza di anni. Dopo anni, si cominciò a ragionare di cosa successe in uno sperduto villaggio rumeno, quando ormai le fiamme erano dilagate nel continente. Anche da noi (non vale riscoprirsi innocenti ora): Opera, Ponticelli... ricordate? Che fine ha fatto chi teneva in mano l'accendino, chi acquistò le taniche di benzina? Non sto parlando di malagiustizia italiana, è così ovunque. E che fine ha fatto chi non si sporcò le mani, ma aizzò la folla finché non la vide partire in corteo con le torce accese? Ripeto: è la nostra storia, che vediamo come un fascismo che non passa, ma che c'era già prima...

Ci sono anche gli ALTRI nella cronaca, ma non riusciamo a sentirli. Jag, significa fuoco in romanés, e fa parte tanto della vita che della morte. Perché il fuoco è l'amico che si conosce sin dall'infanzia, quando ancora si girava o adesso che ci si è fermati, quando sei in un campo ABUSIVO, o in un campo REGOLARE dove comunque non hai più accesso all'elettricità. Il fuoco è CULTURA, perché ha sentito tutti i racconti dei vecchi, ha visto tutti i balli delle bambine, ha ascoltato tanti violini. Ma chi di voi ha mai visto con che rapidità prenda fuoco una baracca di legno o una roulotte, sa che l'amico può diventare il diavolo in persona, quando si scatena.

Può scatenarlo la folla inferocita, ma a volte basta solo una distrazione, oppure può essere il sacrificio finale del rito di uno sgombero, ufficiato dalle stesse autorità che sono preposte al rispetto e alla salvaguardia della vita umana.

E qui torno alla nostra, di società: cosa è UMANO (e cosa non lo è)? Il campo dato alle fiamme a Torino viene descritto come ABUSIVO, ma anche come TOLLERATO. Attenzione alle parole: certo, stiamo parlando di un campo, ma come dobbiamo "classificare" quegli uomini, donne, bambini, che lo abitavano? Abusivi? Tollerati? Se è questa la loro condizione UMANA, allora ha una sua ragione la follia di chi appica (appiccherà ancora, NON DIMENTICHIAMOLO) il fuoco per razzismo, frustrazione personale, noia, gioco ecc., perché non riconosce alle vittime la condizione di persone titolari di diritti e doveri.

Le ragioni possono essere un furto, una violenza (che per fortuna, stavolta non è avvenuta); non è onore, neanche difesa degli affetti, ma un puro e semplice ribadire un concetto di proprietà contro chi è povero ed escluso. E' la doppia morale di una Forza Nuova non minoritaria, ma diffusa in chi fa della paura la sua arma politica. E ne trae una doppia moralità:

  1. Un manifesto
  2. "Stupratele, tanto abortiscono"

Ma attenzione, Forza Nuova diffusa significa anche, se un campo è TOLLERATO, che chi gli da fuoco può godere di TOLLERANZA: "I rivoltosi si sono così calmati e allontanati alla spicciolata. Fermato uno dei manifestanti. Un'altra ventina di persone che avrebbero partecipato all'assalto sono state identificate" alla faccia della legge.

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/12/2011 @ 09:40:56, in Europa, visitato 1302 volte)

Lunedì 19 dicembre 2011 alle ore 21.00
Circolo ARCI Martiri di Turro - Via Rovetta 14 a Milano

Documentario di Gianmaria Carrara, Luca Orioli e Lorenzo Giglio (www.aroproductions.it) – Italia - 2011 – terzo appuntamento della III^ edizione della rassegna di film "HO INCONTRATO ZINGARI FELICI" (Maladilem Bachtale Romenca - da Upre Roma), organizzata dall'Associazione La Conta in collaborazione con l'Associazione Aven Amentza – Unione di Rom e Sinti, con l'Associazione ApertaMente, con la redazione di Mahalla e con il Circolo ARCI Martiri di Turro, con ingresso gratuito, con tessera Arci.

Sarà presente il regista Gianmaria Carrara. Presenta la serata Fabrizio Casavola - Redazione di Mahalla che parlerà anche della situazione dei Traveller irlandesi e degli ultimi allevatori di cavalli a Milano.

"The million dollar kid" è un puledro appena comprato da Dennis alla fiera dei cavalli di Ballinasloe, in Irlanda. Dennis è un "traveller", ovvero un viaggiatore, così vengono chiamati per il loro nomadismo gli zingari irlandesi. La vita di Dennis, come di molti altri travellers, è legata di generazione in generazione all'allevamento ed il commercio di cavalli. Questo documentario lancia uno sguardo ad una Irlanda poco conosciuta, alla scoperta della vita, cultura e tradizioni di questo popolo nomade.

Oltre al documentario sarà proiettato uno slide show multimediale realizzato con l'integrazione

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/12/2011 @ 09:53:14, in Europa, visitato 1203 volte)

Da Romanian_Roma

Rispetto linguistico per un popolo una volta deriso come zingaro - By Gerry Hadden

05/12/2011 - In Romania, il termine ufficiale per la minoranza zingara del paese è stato modificato, dopo quasi un secolo di pressioni.

Il dizionario rumeno ufficiale usa ora il termine Rom, e riconosce che la parola Zingaro, o Tigan, ha una connotazione peggiorativa. Festeggiano i gruppi che promuovono i diritti dei Rom, ma molti rumeni - ed alcuni degli stessi rom, sono contro il cambiamento.

In una stradina dietro ad un affollato mercato agricolo nella capitale, Bucarest, un Rom di nome Aurika dice che tra di loro ci si chiama Tigan, e non Rom.

"Per me non è una parola negativa," dice. "Ma, se tu ed io stiamo discutendo, e mi chiami Tigan, avremo un problema."

Interviene suo figlio, Antoni.

"Io voglio essere chiamato Rom," dice, timidamente.

Suo padre si arrabbia.

"Perché?" chiede. "Perché a scuola ti hanno detto che gli Tigan sono cattivi?"

Il ragazzo risponde di sì.

"E' sbagliato," dice Aurika. "Tu sei tanto Tigan che cittadino rumeno."

Pregiudizio, rabbia e confusione simili non sono nuovi in Romania. Alcuni gruppi Rom hanno chiesto un cambiamento sin dall'inizio del XX secolo. Finalmente, l'hanno ottenuto quest'anno.

Monica Busuioc, linguista presso l'Accademia Rumena, è tra quanti hanno deciso di rimpiazzare la parola Zingaro o Tigan con Rom. (Foto: Gerry Hadden)

L'Accademia Rumena, il guardiano della lingua, ha ufficialmente definito il gruppo come Rom. Dietro questo grande cambiamento c'è la minuscola Monica Busuioc, un'anziana donna con gli occhiali che lavora al quarto piano dell'Accademia.

Recentemente, Busuioc era seduta con di fronte a sé l'ultima edizione del dizionario ufficiale rumeno. Disse che non solo riconosceva Rom come nome corretto del gruppo etnico, ma faceva anche una modifica antrettanto importante al vecchio nome, Tigan.

Prima definiva -qualcuno con comportamento malvagio-. Abbiamo aggiunto -epiteto insultante rivolto a chi ha un comportamento incivile-."

Busuioc dice che i linguisti non hanno il diritto di rimuovere termini come Tigan dai dizionari, non importa quanto sia offensivo, perché sono parte della storia. La parola Tigan, dice appare in documenti che risalgono al XIV secolo.

Ma l'Accademia può modificare le definizioni per riflettere la realtà sociale.

"Questo termine era usato frequentemente nei detti, proverbi e così via. Non si può eliminarlo dalla lingua rumena. Un dizionario non può eliminare una parola," dice Busuioc.

Introdurre Rom nel dizionario è offensivo anche per alcuni Rumeni perché, nella loro lingua, i due termini si assomigliano. (VEDI, ndr)

Molti Rumeni non vogliono essere confusi con i Rom.

A Bucarest, alla fermata dell'autobus, una donna che dice di chiamarsi Julia, ci dice che i Rom sono pericolosi e danno una cattiva fama ai Rumeni, soprattutto oltremare. Dice che sua sorella è un'infermiera onesta e gran lavoratrice, in Italia.

"Ogni giorno, i suoi colleghi le mostrano gli articoli sul giornale dicendo, guarda cosa fanno i tuoi Rumeni," dice. "Ma quello che le mostrano sono i crimini commessi dagli zingari."

Ana Avasiuc, che lavora con una OnG di Bucarest chiamata Impreuna, dice che quando la gente si riferisce ai Rom come Tigan, è un ulteriore isolamento dalla cultura maggioritaria

I gruppi per i diritti dei Rom dicono che è l'attitudine che vogliono cambiare, e togliere il termine Tigan dall'uso popolare può aiutare. Ana Avasiuc, assieme all'OnG di Bucarest chiamata Impreuna, dice che usare la parola Tigan aumenta la ghettizzazione linguistica.

"Leggevo della comunità rom di Baia Mare nella Romania centrale, attorno alla quale il municipio ha fatto costruire un muro del costo di 60.000 euro," dice. "Invece di spenderli perché i Rom riprendessero il loro diritto ad essere cittadini, sono stati usati per spingerli il più lontano possibile dalla vita cittadina." (VEDI, ndr)

Il muro è di cemento. In un'altra città rumena, ne è stato costruito uno di metallo. Allora i Rom l'hanno buttato giù e rivenduto come rottame. (VEDI, ndr)

Questi incidenti non hanno certo contribuito a migliorare l'immagine dei Rom o della Romania, tanto localmente che all'estero. La domanda è: cambiare una parola sul dizionario, può cambiare realmente le cose? Busuioc dice di non esserne sicura.

"Non posso combattere la discriminazione solo a livello di parole. E' un problema di mentalità da cambiare. Di sicuro le parole aiutano. Se al posto di Tigan senti Rom, Rom, Rom, allora comincerai ad usare Rom anche tu."

Per cambiare, una lingua ha bisogno di secoli, dice, ma da qualche parte si deve iniziare.

Oltre al linguaggio, il governo presenterà a breve un piano per migliorare le condizioni dei Rom, attraverso l'integrazione sociale e programmi di lavoro, miglioramento degli alloggi ed istruzione per i giovani.

L'Unione Europea ha dato il termine di fine anno a tutti gli stati membri, per predisporre piani volti al miglioramento della situazione dei Rom.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


21/01/2020 @ 10:03:12
script eseguito in 157 ms

 

Immagine
 Milano via Idro 62 - anno 1990... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 389 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
15/01/2020 @ 10:21:54
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
14/01/2020 @ 08:31:24
Di ANNA
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source