Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non voglio dimostrare niente, voglio mostrare

Federico Fellini
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 04/02/2011 @ 09:05:27, in Italia, visitato 1258 volte)

Gli ebrei non vivono più nei ghetti, ma in Italia, alla data del 27 gennaio 2011, gli zingari vivono ancora concentrati nei campi, perché?

Nel giorno della memoria si tende a dimenticare la persecuzione di sinti e rom e, mentre la Germania ha riconosciuto solo nel 1985 le sue responsabilità, in Italia i documenti sono dispersi ma i sinti reggiani ricordano il campo di concentramento di Prignano sul Secchia, in provincia di Modena, dove sono state mandate le loro famiglie. Paola Trevisan ha condotto una ricerca storica e ha trovato, con molta fatica, documentazioni e testimonianze degli abitanti del paese e le ha pubblicate. Anche la Lega Nord ha deciso di rievocare quegli anni con una puntualità e un realismo agghiacciante: ha accusato i nomadi di essere un peso economico per la città. La Lega non è nuova a questi attacchi che rivolge anche ai disoccupati del luogo e, in altre regioni, ai disabili, trovando facili nemici in chiunque sia debole o in difficoltà. I leghisti hanno dichiarato che, per i campi nomadi, Reggio Emilia ha speso 3 milioni di euro, ma i dati pubblicati sulla stampa rivelano che in sette anni, per la manutenzione di cinque aree, la città non ha speso neanche un terzo di quella cifra e lo stipendio del solo Onorevole Alessandri costa molto di più alla comunità. Resta intanto fermo il progetto delle micro aree che dovevano sostituire i campi, perché persiste la tendenza a tenere i sinti concentrati in pochi spazi ai margini dell'abitato. Sicuramente sono invece stati spesi soldi per riparare i danni che razzisti e balordi hanno procurato alle strutture dei campi sosta. A Prignano i sinti furono lasciati senza sostentamento e allora bruciarono i pali della recinzione del campo di concentramento per riscaldarsi, quello che spettava a un solo internato era dato per un'intera famiglia, così, affamati, dopo qualche anno fuggirono e fu la loro salvezza. Gli Argan, i Franchi, i Triberti, i Colombo, i Truzzi, i De Bar erano saltimbanchi e giocolieri circensi, i figli e nipoti sono giostrai e, dopo il fascismo, sono stati di nuovo concentrati nei campi nomadi. Mentre nella provincia i sindaci firmano continuamente sgomberi per le carovane di passaggio che non possono fermarsi neppure per riposare la notte, diversi sinti reggiani, stanchi di aspettare, come a Prignano sono scappati dai campi, si sono comprati un pezzo di terra in campagna e si sono sistemati con le loro case mobili. Questo la legge non lo consente, ma nessuna legge può obbligare le persone a vivere per sempre in un recinto. I sinti e rom vogliono vivere con dignità come tutti ma poiché la terra non è uno spazio libero, chi ha potuto ne ha comprato un pezzetto. Nel 1938, il dottor Semizzi scriveva che gli zingari sono indistinguibili somaticamente perché indoeuropei, ma "dal punto di vista psico-morale hanno tali mutazioni regressive, e quindi ereditarie, da poter compromettere seriamente la discendenza", è esattamente questo che va ripetendo la Lega che in Lombardia utilizza i fondi europei destinati all'integrazione, per pagare le ruspe che abbattono tutto.

L'Associazione Them Romanò cittadina, continua a chiedere l'autodeterminazione e intanto è una delle componenti più attive del comitato Nopacchettosicurezza che combatte la riedizione delle leggi speciali, sostenendo i migranti cui il Governo riserva lo stesso trattamento escogitato dai nazisti verso gli ebrei romani, quando gli chiesero tutto il loro oro in cambio della salvezza e, una volta incassato, li deportarono ugualmente. Il Governo ha raccolto, solo a Reggio Emilia, 3 milioni di euro tra i migranti promettendo il permesso di soggiorno, poi è uscita la circolare Manganelli che annullava la possibilità di ottenerlo se si era già stati identificati, circostanza quasi inevitabile in un paese dove si può entrare solo clandestinamente. I dati della Caritas raccontano che l'Italia spende per l'integrazione dei migranti 130 milioni e per la repressione 500 milioni, è quindi uno Stato che apertamente perseguita le persone per la loro origine, contro qualunque legge internazionale ed europea e contro la Costituzione.

Associazione Them Romanò e Nopacchettosicurezza

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/02/2011 @ 09:43:01, in Italia, visitato 1843 volte)

INCONTRO PUBBLICO -  VENERDI' 11 FEBBRAIO 2011 ORE 20.45
SALA DELLA PARROCCHIA DI GESU' A NAZARETH Largo Bigatti (Quartiere Adriano) MILANO

Parliamo dei Rom: in particolare delle famiglie che abitano nella Comunità di via Idro, ma anche di quelle di Triboniano, dei continui sgomberi delle famiglie stanziate a Rubattino, Bacula, Forlanini e Bovisa e più in generale di quella che comunemente viene definita "l'emergenza Rom a Milano".

Le soluzioni adottate in questi anni nella città di Milano come hanno affrontato la questione? Hanno risolto il problema?

Altri comuni hanno operato in modo diverso: hanno sperimentato, positivamente, politiche di sostegno all'integrazione, di accompagnamento all'inserimento lavorativo, scolastico ed abitativo, con l'appoggio delle Comunità Locali.

Ascolteremo le testimonianze:
· della Comunità Rom di Via Idro 62
· della Comunità Rom di Triboniano
· del Comitato Forlanini
· del Gruppo delle mamme e maestre di Rubattino
· dell'Associazione "elementare.russo"
· di Paolo Fior condirettore di "T" il giornale del Trotter
· di Don Massimo Mapelli della Fondazione Casa della Carità
· dell'Avv. Livio Neri del gruppo degli "Avvocati per Niente"
· di Ernesto Rossi dell'Associazione "Apertamente" di Buccinasco

Promuovono:
Associazione VILLA PALLAVICINI, Associazione "elementare.russo", Osservatorio sui razzismi , Fondazione Casa della Carità, Comunità Rom via Idro 62, Comitato Genitori Elementare S. Mamete, Comitato "Vivere in Zona 2", A.N.P.I. Crescenzago, Martesanadue, Legambiente Crescenzago

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/02/2011 @ 09:07:20, in Italia, visitato 1674 volte)

Segnalazione di Stefano Pasta da Migrantes online

Sabato 29 Gennaio 2011 08:16 - Pubblichiamo la lettera di Flaviana Robbiati, una delle insegnanti delle scuole elementari Feltre, Pini e Cima (Istituto comprensivo in zona Lambrate a Milano) balzate agli onori della cronaca per aver difeso i bambini rom che frequentano la loro scuola.

Milano - Mentre l’Italia ricorda e commemora il giorno della memoria per ricordare milioni di vittime dei genocidi nazisti, a Milano continuano gli sgomberi di Rom che assomigliano sempre di più ad una forma di "pulizia etnica".

Cinquecentomila persone Rom sono passate per i camini dei campi di concentramento nazisti, molti di loro erano bambini. A Milano i forni non si usano, ma l’obiettivo di cacciare i Rom è uno dei motivi che caratterizzano l’amministrazione comunale.

Ad ogni sgombero ci sono bambini costretti a non potere più andare a scuola. Robert, 11 anni, ha già cambiato 8 scuole e nella nona, dove stava per ultimare la sua iscrizione, non ha fatto in tempo ad entrare.

La nuova forma di pulizia etnica è impedire ai bambini Rom di accedere alla cultura. Solo studiando questi bambini avranno delle possibilità di integrazione e potranno svolgere un lavoro regolare e dignitoso. Negando loro la cultura si nega l’accesso ai diritti.

Una persona analfabeta non riesce a cavarsela in un ospedale, a viaggiare in metropolitana, a districarsi tra le etichette dei prodotti al supermercato. Non legge i giornali, non conosce i propri diritti e le violazioni che subisce. Chi non ha accesso alla cultura, non esiste. Senza cultura si è fuori da tutto.

Per questo noi maestre, mamme e volontari che affiancano le famiglie Rom, supportiamo e sosteniamo le famiglie Rom che mandano i figli a scuola. Per questo ci sono bambini che attraversano la città per arrivare a scuola nonostante vivano in baracche senza acqua né luce, in condizioni inimmaginabili. Bambini costretti a diventare eroi per andare a scuola. Accade tutti i giorni nella Milano dell’Expo. Bambini che gli Erode moderni devono fermare ad ogni costo. Ma è forse proprio la paura che qualche Rom possa imparare a difendersi che muove la spietata azione delle ruspe.

(Flaviana ROBBIATI - www.chiesadimilano.it)


Per terminare, una segnalazione di Tommaso Vitale: Si fa presto a dire sgombero

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/02/2011 @ 09:07:27, in Italia, visitato 1188 volte)

Corriere della Sera IL RICORSO SULLE CASE NEGATE. ENTRO 7 GIORNI TUTTI GLI IMMIGRATI NEGLI ALLOGGI ASSEGNATI
"Rom, sindaco e prefetto chiariscano"
Inchiesta sui "nomadi discriminati", i pm chiedono nuovi documenti. De Corato: situazione incredibile

MILANO - Un altro giro. E non per lo sgombero in via Cavriana, zona Forlanini, di 5 baracche e 4 tende in mattinata, sgombero contestato da un gruppo di attivisti per i diritti umani ("Quindicesimo blitz, senza servizi sociali"). Ieri i procuratori aggiunti di Milano Armando Spataro e Ferdinando Pomarici, nell'inchiesta sul caso delle case negate ai rom, hanno chiesto nuove informazioni a prefetto e sindaco. Il prefetto in quanto Gian Valerio Lombardi è commissario straordinario per l'emergenza nomadi. In Comune come l'han presa? Il vicesindaco Riccardo De Corato dice che "le istituzioni danno le case ai rom e si ritrovano indagati. Una vicenda che ha dell'incredibile". L'opposizione, col capogruppo del Pd Pierfrancesco Majorino, crede che "sia bene fare chiarezza. Ci spieghino il perché del voltafaccia". Poi ci sarebbe anche la Lega che già pensa ai voli. Ma prima, il "voltafaccia".

Patti, date, ministero
Tra dicembre e gennaio, dopo il ricorso dei rom assistiti dagli avvocati Alberto Guariso e Livio Neri, due ordinanze del Tribunale avevano sancito che il Comune non aveva rispettato i patti sottoscritti e si era anzi macchiato di discriminazione razziale. I patti, peraltro dimostrati da accordi visti, approvati, scritti e sottoscritti, prevedevano l'assegnazione di case popolari - fuori dal mercato e da ristrutturare - in cambio dell'impegno a lasciare il campo di via Triboniano. I nomadi avevano fatto il loro. Le istituzioni no. La Moratti aveva annunciato e presentato ricorso. Ricorso respinto. La bocciatura venne motivata così: escludere i rom è stata una scelta "fondata esclusivamente su ragioni etniche". Per adesso il fascicolo d'indagine di Spataro e Pomarici è senza ipotesi di reato. La Digos è stata incaricata di compiere accertamenti. Cosa successe davvero? Noi limitiamoci a seguire le date. Il 9 agosto scorso i nomadi avevano rinunciato alla permanenza in via Triboniano a decorrere dal successivo 15 ottobre. Il tutto, appunto, in cambio di abitazioni. Che erano già state trovate. Quattro giorni prima la Regione aveva accolto la richiesta del Comune e aveva autorizzato l'Aler a destinare 25 alloggi. Il 27 settembre il ministro dell'Interno Roberto Maroni aveva comunicato l'interruzione del progetto. Lo stesso ministero dell'Interno nel corso del 2009 aveva stanziato 13 milioni di euro per il piano rom. Una parte di questi soldi verranno utilizzati per il rimpatrio in Romania di alcuni nomadi. E qui arriviamo alla Lega.

"Viaggio di sola andata"
Il capogruppo in Comune della Lega Matteo Salvini dice che "le risorse messe a disposizione dal Viminale servono per gli sgomberi e per l'allontanamento del maggior numero possibile di rom, non per gli aiuti e le sovvenzioni. L'unico sforzo economico che siamo disposti a concedere per le famiglie nomadi è un biglietto aereo di sola andata". Il numero dei partenti è abbastanza esiguo. Cinque le famiglie decollate. Altre dieci-quindici quelle che potrebbero seguirle. La maggior parte delle famiglie (102 in totale) rimarrà. Non in via Triboniano che, ha annunciato il prefetto, verrà chiuso entro marzo. Sorge su terreni destinati all'Expo. Domandina, allora: dove finiranno tutti gli altri nomadi? Andranno a ingrossare i restanti, e regolari, campi rom cittadini?

I cantieri negli alloggi
A marzo saremo in pienissimo periodo di campagna elettorale, che influenzerà tremendamente politiche, decisioni, scelte sul futuro dei rom. Per quel periodo, almeno il capitolo-case sarà chiuso da un bel pezzo. Ancora una settimana al massimo e, informano dalla Casa della carità che li ha seguiti in questo tortuoso percorso, nelle case Aler entreranno tutti i rom che mancano all'appello. Le abitazioni, lo abbiamo detto, erano in condizioni critiche. Servivano dei lavori. Sono quasi terminati. Notevole lo sforzo sostenuto dalle associazioni che assistono i nomadi, ai quali spetterà il pagamento delle bollette di luce, acqua e gas.

Andrea Galli - 04 febbraio 2011

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/02/2011 @ 09:00:14, in Italia, visitato 1443 volte)

Segnalazione di Maria Grazia Simmini

SalentoWebTV (leggi QUI l'appello)

Sono scesi in piazza per protestare e dire no alla decisione del Comune di Lecce di far sgomberare una ventina di famiglie Rom dalle loro baracche, perché troppo fatiscenti e pericolose. Uomini, donne e bambini della comunità Rom, del campo sosta Panareo, si sono radunati in piazza Sant'Oronzo, nel cuore di Lecce, davanti palazzo Carafa. Hanno gridato la loro rabbia perché non sanno dove andare e come fare. Lo scorso 25 gennaio, infatti, è stata notificata ad una ventina di famiglie rom residenti all'interno del Campo Sosta Panareo una notifica di abbattimento delle loro Baracche da effettuarsi entro trenta giorni a spese delle stesse famiglie. Chiedono al sindaco di essere ascoltati. Chiedono un'alternativa, un posto dove andare per non rimanere per strada. La loro manifestazione, sostenuta anche dalle associazioni antirazziste, è avvenuta proprio sotto la finestra dell'ufficio del primo cittadino. Ma il sindaco ha rimandato l'incontro al 10 febbraio, per "importanti" impegni istituzionali. Come vi abbiamo raccontato tempo fa, con Articolo21, si tratta di donne e uomini giunti in Italia più di 20 anni fa, per sfuggire alle guerre che hanno insanguinato la ex-Jugoslavia e di numerosi bambini, molti dei quali nati e cresciuti qui in Italia, che regolarmente frequentano le scuole elementari, medie e superiori della città di Lecce.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/02/2011 @ 09:01:38, in Europa, visitato 1718 volte)

Da Nordic_Roma

The Local

La proposta del governo svedese di documentare gli abusi contro la popolazione rom del paese ha incontrato reazioni contrastanti tra gli attivisti rom.

31/01/2011 - "Abbiamo già abbastanza dei nostri problemi attuali" ha detto domenica Rosita Grönfors (in foto), del Forum Internazionale Donne Rom e Viaggianti (IRKF), all'agenzia TT.

Il rapporto, che documenterà la discriminazione nella storia, includerà le sterilizzazioni forzate e la mancanza dei diritti di voto, ha riportato domenica la Televisione Svedese (SVT).

Eric Ullenhag, ministro all'integrazione, ha detto alla SVT che saranno individuate le istituzioni sociali responsabili degli abusi. Tuttavia, l'indagine non obbligherà lo stato a risarcire i Rom coinvolti.

Maria Leissner, ex presidente della delegazione governativa sulle questioni rom, avrebbe preferito una commissione di verità,  ma ritiene che nel complesso il rapporto svolgerà lo stesso ruolo.

"Quello che ora è importante è ottenere le testimonianze dei Rom. Devono sentirsi liberi di parlare della loro realtà," ha detto domenica all'agenzia TT.

Tuttavia, ha detto Grönfors, elaborare vecchi abusi dalla storia non aiuta i Rom ora.

"Penso che dovrebbero ignorare cos'è successo, è storia. Voglio che invece il governo si prenda cura dei Rom che sono discriminati ora," ha aggiunto domenica.

TT/The Local/vt (news@thelocal.se)


Commento da Roma_Daily_News

Cari amici,

Conosco bene la questione e ho sentito a tal proposito i commenti di Rosita Grönfors (tra gli altri), ma può essere il caso che le preoccupazioni non emergano in modo chiaro per le differenze tra la lingua inglese e lo svedese. Perché se si leggono le stesse parole, ma in svedese, il significato sarà molto diverso.

Una parte degli obbiettivi della delegazione sulle questioni rom era di raccogliere informazioni sulla situazione dei Rom in Svezia e fare proposte per le aree problematiche. Una di queste proposte era di istituire una Commissione sulla Verità. La Commissione avrebbe raccolto informazioni su tutte le azioni negative compiute dallo stato svedese contro i Rom, così da iniziare un processo per rimediare alle atrocità riconosciute.

Il governo ha invitato diverse persone in quanto rappresentanti delle organizzazioni romanì, come attiviste per i diritti delle donne rom, come educatori e quanti lavorano per l'integrazione romanì, per condividere le loro opinioni e raccomandazioni sulla delegazione. I pareri sono stati raccolti e sintetizzati in un documento.

I commenti di Rosita Grönfors nell'articolo assomigliano a quelli fatti da molti Rom che hanno avuto le loro opinioni riassunte in quello che ha proposto la delegazione. Molti Rom erano d'accordo che sono necessarie ulteriori ricerche e conoscenze per affrontare il problema della società romanì in Svezia, ma nessuno vede in questo un processo temporaneo ed un modo per affrontare i problemi dei Rom. I Rom che hanno affermato che c'è bisogno di continuare le ricerche, non intendevano che da parte dello stato non ci fosse abbastanza conoscenza per affrontare i problemi attuali. Al contrario, e penso che tutti i Rom di Svezia saranno d'accordo con me, c'è conoscenza a sufficienza per sviluppare programmi in Svezia che portino all'inclusione dei Rom, continuando nel frattempo la raccolta di dati sulla loro situazione.

Katri Linna, dell'ufficio del difensore civico contro le discriminazioni, ha ottenuto la posizione per guidare la raccolta dei dati in un rapporto chiamato "Libro Bianco" sugli abusi contro i Rom nel secolo passato. Secondo il ministro Erik Ullenhag, questo posto le è stato dato perché ha meritato la fiducia dei Rom. Questo non lo nego, ma non sono certo sulle basi di questa conclusione. Le mie dichiarazioni, come quelle di Rosita e di molti altri in Svezia, sono che le nostre opinioni non sono pienamente rappresentate nelle decisioni prese. Penso che su questo bisogna prima indagare, ma ci si domanda anche su a chi giovi. Una valutazione esterna avrebbe più senso.

Cordiali saluti,

Gregor Dufunia Kwiek

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/02/2011 @ 09:12:50, in media, visitato 1426 volte)

Di quanto è successo a Roma domenica sera, si è scritto parecchio. Tra poco la cosa sarà dimenticata, fino al prossimo incendio. Riprendo questo articolo di Repubblica, perché per una volta, raccoglie pezzi di discorso degli scampati, senza la morbosità che spesso hanno i giornali. La segnalazione è di Luisa Rizzo


"Voglio morire anch'io insieme ai miei bimbi" lo strazio del padre davanti ai corpi carbonizzati
La madre: "Non mi muovo di qua. Li devo vegliare anche se non serve a niente". Uno zio: "Volevo portarli via perché in queste baracche si vive come animali" di ANNA MARIA LIGUORI e EMILIO ORLANDO

Mircea Erdei, padre dei piccoli morti nel rogo

"Voglio morire anch'io, adesso che ho perso tre figli voglio andare con loro". Mircea Erdei ripete in uno stentato italiano di "non potercela fare" di volerla "fare finita".

Mircea Erdei è padre di tre dei quattro piccoli (l'altra è invece figlia di primo letto della moglie) bruciati nella baracca andata a fuoco. Poco distante c'è la moglie, Elena, che si lamenta e si contorce come se una mano invisibile la stesse torturando: "Io non mi muovo di qua, dice anche se non serve a niente devo vegliare i loro corpi, devo stare vicino a loro". Mircea e Elena hanno altri cinque figli, poco più grandi e poco più piccoli di quelli che non ci sono più. Vagano sparsi per il campo, gli agenti della municipale cercano di raccoglierli, di farli stare insieme, ma loro non ne vogliono sapere. Fernando Eldeban aveva 3 anni, Sebastian 7, Raul 5 e l'unica bambina Elena Patrizia 11, figlia del primo marito di Elena. I poliziotti parlano con la sorella maggiore Bianca, 18 anni, una delle prime a dare l'allarme, piange senza sosta: "Mi sono allontanata solo cinque minuti, ero andata a prendere l'acqua. Quando sono tornata la baracca era in fiamme. Cosa potevo fare?".

Nel piccolo campo abusivo sembrano spariti tutti, molti sono scappati, chi è rimasto è legato a doppio filo ai genitori dei bimbi. Come uno zio arrivato dal Campo regolare Arco di Travertino, che è sempre nel IX municipio, che non si da pace per quello che è successo: "Volevo portarli via da qui, volevo portarli dove vivo io, perché la vita lì è umana. Non come in queste baracche dove si vive come animali. Ma non ce l'ho fatta non ce l'ho fatta". E poi viene fuori la rabbia: "Siamo tutti disperati, qui la gente ci tratta male, non ci vuole. Noi non vogliamo stare qui, ma dove andiamo".

Mircea Mirgia esce ogni mattina per andare a lavorare a nero fa il muratore. Il suo vicino di baracca lo conosce da sempre, sono arrivati insieme in Italia un anno fa: "Fa tutto per sfamare i figli, lavora come un pazzo. Tutto quello che può fare lo fa. I bambini li avevo visti pochi minuti prima che il materasso prendesse fuoco, si erano messi a dormire da poco. Come è potuto succedere?".

Tutti i bambini morti nel rogo andavano a scuola. Ma spesso erano soli, come ieri sera, la madre e un'amica erano andate a comprare l'acqua e qualcosa da mangiare in un fast food poco lontano. Al campo non si cucina, è abusivo: niente acqua, ovviamente niente bagni. Stefan, un amico di famiglia, scalcia le pietre e urla a chiunque voglia sentirlo: "Venivano solo a controllarci e a chiederci i documenti, ci hanno fatto solo promesse ma nessun aiuto. Niente aiuto. Siamo isolati e abbandonati a noi stessi. E noi non ce la facciamo. I nostri figli muoiono e noi non possiamo farci niente". Rado, appena arrivato dalla Romania gli fa eco: "Sono qui da pochi giorni e già ho capito questo campo non è sicuro, per niente sicuro...". Intanto Mircea e Elena non si muovono, sono fermi davanti alla baracca bruciata. Il sindaco Alemanno è lì e loro gli chiedono aiuto "per gli altri nostri figli" dicono, "e i funerali dei bambini li facciamo in Romania".

(07 febbraio 2011)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/02/2011 @ 09:43:42, in Europa, visitato 1243 volte)

Incendio – la solidarietà in marcia a Ivry
par voxrromorum le 7 février 2011

Dopo l'incendio che domenica mattina ha fatto una vittima a Ivry, la solidarietà degli abitanti del comune è all'opera. Le centinaia di persone che avevano perso tutto, stasera sono stati alloggiati in una palestra della città. Tutti gli interessati, assieme a "La voix des Rroms" sperano fortemente in una seria indagine della polizia sulle cause di questo incendio, la cui natura criminale non va esclusa.

Gli abitanti di Avenue de Verdun, le cui case sono state distrutte da un incendio domenica mattina, incendio che ha fatto una vittima, sono restati tutta domenica all'aperto. Arrivati sul posto alle 14, un rappresentante di La voix des Rroms ha incontrato le famiglie sinistrate, alcuni vicini accorsi spontaneamente a sostenerli, assieme ad associazioni e rappresentanti del comune. La Croce Rossa aveva installato una tenda dove offriva bevande calde. Il vice sindaco di Ivry ha chiesto al prefetto della Val de Marne di requisire un ospedale abbandonato per ospitare gli sfollati. Senza rispondere a questa domanda precisa, la prefettura ha proposto, tramite il SAMU sociale, una sistemazione in albergo per le sole famiglie con bambini. Data l'imprecisione sulla posizione degli hotel, l'inidoneità per le famiglie e la dubbia possibilità per le famiglie di rimanere in città, queste ultime non hanno accettato la proposta. Come conseguenza, il SAMU sociale e la Croce Rossa si sono ritirate.

La mobilitazione del comune e dei suoi servizi ha permesso la sistemazione degli sfollati nella palestra Joliot Curie, una soluzione sicuramente provvisoria, ma che permetterà di proseguire le ricerche congiunte di soluzioni durature. La voix des Rroms vuole elogiare il livello di mobilitazione della città di Ivry, dei servizi e dei cittadini che restano mobilitati a fianco dei loro vicini. Spera anche che si faccia piena luce sulle cause di questo incendio che è costato la vita ad una persona.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/02/2011 @ 09:07:11, in Europa, visitato 1192 volte)

Da Roma_Daily_News

Budapest, Vidigueira, 9 febbraio 2011: Ieri, lo European Roma Rights Centre (ERRC) ha inviato una lettera al comune di Vidigueira, esprimendo preoccupazione per la distruzione della fornitura di acqua nell'insediamento informale dei Rom, ed anche per le deplorevoli condizioni abitative dell'insediamento. 67 Rom sono stati deprivati dell'acqua, inclusi bambini, anziani e donne incinte.

Durante una visita lo scorso 4 febbraio, ERRC ha intervistato diversi residenti dell'insediamento, dove vivono 16 famiglie rom senza elettricità, fognature, raccolta dei rifiuti o servizi igienici. I residenti hanno spiegato che i rappresentanti del comune di Vidigueira e la polizia hanno distrutto 12 rubinetti che costituivano l'unica fonte di acqua nell'insediamento sino al giorno prima.

Nella sua lettera, ERRC ricorda che la deprivazione dell'acqua minaccia la sopravvivenza umana e che le azioni delle autorità di Vidigueira appaiono violare la legge internazionale, incluso il diritto ad un alloggio adeguato e a fonti di acqua fresca. ERRC ha chiesto alle autorità locali di agire prontamente per ripristinare la fornitura d'acqua e garantire un alloggio adeguato alla comunità rom.

Il testo completo della lettera di ERRC è disponibile in inglese e portoghese.

Il Comitato Europeo per i Diritti Sociali sta attualmente considerando una denuncia collettiva contro il Portogallo compilata da ERRC riguardante discriminazione, alloggio e protezione sociale dei Rom.

Per ulteriori informazioni, contattare:
Sinan Gokcen
Media and Communications Officer
sinan.gokcen@errc.org
+36.30.500.1324


09-02-2011
© ERRC 2011. All rights reserved

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/02/2011 @ 09:41:17, in Italia, visitato 1357 volte)

Segnalazione di Alessandra Meloni

La Stampa

Padre e madre denunciati per abbandono di minore. Gli amici: la colpa è di chi ci fa vivere così. Di MARIA CORBI

ROMA: Raul, Fernando, Patrizia, Sebastian, una manciata di anni in quattro, le speranze avvolte dalle fiamme. La loro mamma, Liliana, è piegata dal dolore, sembra voler scomparire in quella stanza fredda di obitorio. Guarda il sindaco Gianni Alemanno e il presidente Napolitano con occhi fissi, non le interessa di questa sfilata di autorità, ringrazia educatamente, ma è lontana. «Non avevo che loro», dice parlando a se stessa. «Non è stata colpa mia». Si batte il petto Liliana, come se volesse punirsi per non essere riuscita a proteggere i suoi bambini. Ha 43 anni, ma molti di più disegnati sul volto, provato dalla disperazione e da una vita piena di fatica. Quei ragazzi da crescere, i pochi soldi guadagnati dal marito Mirko facendo il manovale in giro per cantieri, i lavoretti saltuari, i tanti «no» ricevuti per pregiudizio.

«I genitori dei quattro bambini rom morti nel rogo del campo nomadi a Roma ci hanno raccontato tutte le loro difficoltà», ha detto Alemanno. «Prima di andare in quella baracca avevano trovato una casa a Colleferro ma siccome erano in troppi il proprietario ha chiesto loro di allontanarsi. Da quel momento hanno costruito la loro baracca e si sono trasferiti, nell’accampamento abusivo lungo l’Appia Nuova».

E la vita ai margini in quel campo abusivo la racconta chi ieri ha dovuto prendere le sue cose e andarsene. «Non ci vogliono da nessuna parte. Il nostro non era un campo, ma quattro baracche messe insieme. A La Barbuta, qui vicino, invece sono in tanti». E qualche chilometro più in là ecco questo accampamento a cui la città di Ciampino ha dichiarato guerra. Un passo dal Raccordo anulare, gli aerei gli passano sopra prima di atterraggio e decollo. Alemanno lo vorrebbe raddoppiare. «E’ insalubre e situato sopra un’area protetta da vincoli e sopra una falda acquifera, e, soprattutto, amministrativamente abusivo», gli fanno notare da tempo chi si oppone al progetto. «La realtà è che vorrebbero bruciarci tutti», dice Mariana, romena di Iasi, da dieci anni in Italia, da uno a La Barbuta. «Quei poveri bambini, se avessero avuto una casa sarebbero ancora in vita. Dicono che sono i rom a non volere vivere nelle case, ma è una bugia. Se andate in Romania non esistono campi come questi, i rom vivono in quartieri decenti».

E da Ciampino avvertono Alemanno di non giocare allo scarica barile sulle colpe del fallimento del piano nomadi: «E’ incredibile come, ad un anno e mezzo dall’annuncio dell’avvio del Piano Nomadi che avrebbe dovuto chiudere 100 campi abusivi e creare 13 villaggi di solidarietà entro pochi mesi, il sindaco di Roma neghi il fallimento del piano stesso dando colpa di ciò alla burocrazia», si legge in una nota del Comune.

Evidentemente Alemanno ha uno strano concetto delle istituzioni visto che il Comune di Ciampino ha l’unica colpa di aver chiesto l’accesso agli atti amministrativi, sia del piano sia degli interventi annunciati per il raddoppio del più abusivo di tutti i campi rom, ovvero quello de La Barbuta posto all’ingresso della nostra città».

E non sono tutti rom quelli che vivono in queste baraccopoli romane. Non lo erano i fratellini morti e i loro genitori come spiega il consigliere comunale di «Roma in Action» Andrea Alzetta. «Conoscevo personalmente Mircea e la sua famiglia. Non è un rom, ma un cittadino romeno, appartenente alla comunità europea e come tale ha diritto ad essere accolto. Invece come tanti, è venuto in Italia per avere un presente migliore e si è trovato senza una casa e con un lavoro nero».

E Mircea ha provato in tutti i modi di dare una vita migliore ai suoi figli. «Io lavoro, ma mi trattano come uno zingaro», ha detto desolato quando ormai nulla ha più importanza. «Non è vero che ci avevano offerto un residence». «Ha provato in tutti i modi a rivendicare i propri diritti di cittadino onesto», racconta Alzetta. «Lavorava in nero nei cantieri. Nel 2006, assieme ad Action, con altri lavoratori romeni ha occupato un cantiere per chiedere di essere pagato e regolarizzato. Abbiamo fatto intervenire l’ispettorato, ma il cantiere è stato chiuso e Mircea e gli altri hanno ricercato lavoro come potevano. Come funziona in Italia. vInvece di essere premiati per avere denunciato un abuso sono stati penalizzati. Mircea era senza casa e dopo essere stato sgomberato dagli accampamenti alla Caffarella lui e la sua famiglia sono stati accolti per un periodo nell’ex occupazione abitativa di Regina Elena. Lì hanno vissuto prima di ritornare in Romania».

Intanto la procura apre un fascicolo per abbandono di minori. E’ contro ignoti, ma ovviamente è possibile che in quella denuncia appaia il nome di Mirko e Liliana. «Non è giusto», dicono gli amici. «Non è colpa loro, ma di chi ci fa vivere così. Adesso li aiuteranno, ma dovevano aiutarli prima».

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


09/04/2020 @ 19:31:39
script eseguito in 140 ms

 

Immagine
 Il gruppo Dhoad Gipsy del Rajasthan... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3157 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Offerta libera del prestito senza problemaSono un ...
08/04/2020 @ 15:53:28
Di nathalie
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source