Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Non un altro blog - giornale o chissacosa ma: 1. raccogliere notizie direttamente dalle fonti; 2. far conoscere come la pensano i diretti interessati.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 25/10/2007 @ 22:03:34, in Italia, visitato 2029 volte)

Anche a nome di Paolo Cagna e Dijana Pavlovic, vi invio qui sotto una proposta di iniziativa che vorremmo prendere a partire da lunedì. Ci sembra importante partire lunedì, pur se i tempi organizzativi sono stretti e pur non essendoci modo e tempo di aprire un confronto approfondito. D'altra parte si tratta di questioni di cui da tempo stiamo discutendo e che in linea generale trovano tutti d'accordo. L'iniziativa in sé, anche dopo la buona riuscita della "Settimana Rom", vuole essere un modo di dare concretezza a tanti discorsi e anche di provare a rispondere a singole e materialissime contingenze, ora drammatizzate dal freddo e dal brutto tempo.

L'idea è di partire lunedì con un primo gruppo di digiunanti (che oltre a digiunare, stazioneranno tutto il giorno, e nei giorni successivi, con dei cartelli in piazza della Scala).

Se le adesioni saranno molte, si potrà poi procedere "a staffetta", nei giorni e settimane successive.

Dovendo domani già comunicare alla stampa l'iniziativa, vi chiediamo cortesemente una sollecita decisione rispondendo a questo indirizzo mail: sergiosegio@libero.it indicando, oltre al nome e cognome:
- se si partecipa a titolo individuale

- se si preferisce specificare anche l'organizzazione di appartenenza

- se si è disponibili solo al digiuno (in questo caso specificando quale o quali saranno i giorni in cui si digiunerà) o anche ad essere fisicamente presenti in piazza della Scala, e in che giorni e orari.

- se si aderisce solo politicamente all'iniziativa ma senza digiunare e presenziare in piazza della Scala.

Qui sotto trovate il testo con il quale abbiamo intenzione di gestire l'iniziativa
Aspettiamo dunque un pronto riscontro Grazie - Sergio Segio


SALVIAMO LA VITA AI BAMBINI ROM :Un digiuno di protesta e di proposta!
Voi che vivete sicuri

Nelle vostre tiepide case;

Voi che trovate tornando la sera

Il cibo caldo e visi amici:

Considerate se questo è un uomo

Che lavora nel fango

Che non conosce la pace

Che lotta per mezzo pane

Che muore per un sì e per un no.

Questi versi scritti da Primo Levi di ritorno dal lager ci commuovono e ci indignano. Ma solo se rimangono sulla carta, se restano confinati nella Storia, in un lontano passato. Eppure sarebbe facile accorgersi che ci parlano anche del presente. Di questo presente in questa città di Milano. Ma anche di Roma, di Livorno, di Bologna, di Pavia…

A Milano, con maggior sistematicità, determinazione e fors’anche cattiveria, da tempo è in atto una sorta di “pulizia etnica”. Gli sgomberi forzati dei campi rom hanno letteralmente e fisicamente buttato sulla strada centinaia di persone, compresi anziani e malati, donne e bambini. Sgomberi effettuati senza concedere alternative e senza che rispondessero a una qualche strategia da parte dell’amministrazione pubblica che non fosse semplicemente quella, brutale, di buttare queste persone nella disperazione, rendendo loro la vita così dura da costringerle ad andarsene.

Una logica, oltre che cinica, miope. Perché queste persone non hanno un Paese dove tornare. Anche nei luoghi da cui sono arrivati sono soggetti a repressione e discriminazione, dunque non si capisce perché e come potrebbero tornarvi.

La politica degli sgomberi senza alternative produce e produrrà solo una maggiore sofferenza e disperazione, comporta il fatto che centinaia di persone sono costrette a vivere come topi, all’addiaccio, nel fango. In condizioni non troppo dissimili da quelle di cui raccontava Primo Levi.

Anche oggi si può infatti essere scacciati e schiacciati, si può rischiare di morire per un sì o per un no. A Milano, a Pavia. O a Roma, dove pochi giorni fa è morto Francesco, piccolo rom di due mesi, congelato dal freddo in una tenda dove era stato confinato con i suoi genitori dalla politica degli sgomberi.

Ogni anno nelle grandi città si parla di «emergenza freddo», come fosse un fatto anomalo ed eccezionale. Di questa prevedibilissima emergenza muoiono ogni anno decine e decine di bambini e anziani, di rom e di senza dimora. E ogni anno assistiamo alle ipocrite e pilatesche lacrime di coccodrillo di troppi amministratori pubblici.

Il Comune di Milano, dopo lo sgombero del campo di San Dionigi, si era impegnato a garantire un minimo di risposta almeno a donne e bambini,ospitandoli nel dormitorio pubblico di viale Ortles. Pur di fronte allo smembramento delle famiglie, era meglio del niente. Eppure anche questa piccola e minima cosa non è stata realmente garantita. Basta nulla per perdere anche questa minuscola possibilità.

Da venerdì 19 ottobre una madre e i suoi quattro bambini, di cui tre piccolissimi e in cattive condizioni di salute, sono in strada, cacciati dal dormitorio perché si erano assentati due giorni, per assistere un parente malato. Ora si trovano senza il minimo riparo, mentre cresce il freddo e cominciano le piogge.

Di fronte a queste drammatiche situazioni, da mesi le istituzioni locali e la prefettura si girano dall’altra parte. Fingono di non vedere, di non sapere, di non avere responsabilità e doveri. Associazioni, forze sociali, sindacati hanno inutilmente rivolto loro appelli, chiesto interventi e risposte.

Noi non abbiamo più nulla da chiedere al sindaco, all’assessore o al prefetto. Il loro silenzio e immobilismo sono più eloquenti di tanti discorsi. Del resto, troppe parole e riunioni sono state sinora generosamente, e inutilmente, spese. Le parole, infatti, non costano molto.

Come don Abbondio non si poteva dare un coraggio che non aveva, così queste
istituzioni non possono dar mostra di responsabilità che evidentemente non avvertono.

Da lunedì 29 ottobre noi, come singole persone più che come esponenti di associazioni, effettueremo un digiuno totale, durante il quale sosteremo fisicamente, ogni giorno, in piazza della Scala, davanti a Palazzo Marino.

Non per rivendicare qualcosa. Semplicemente per testimoniare e denunciare che quattro bambini sono stati buttati per strada, che rischiano di ammalarsi e anche di morire. Per chiedere a tutti e a ciascuno “Se questo è un uomo”, se è tollerabile che tutto ciò accada nella ricca e democratica Milano, se davvero non è possibile dare un segno di umanità e una risposta concreta a quei bambini e al problema generale di cui essi sono parte e drammatica rappresentazione.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 25/10/2007 @ 09:08:50, in Regole, visitato 1574 volte)

Da Mundo_Gitano

Oct 17, 2007 - 6:59 PM http://www.typicallyspanish.com/news/publish/article_13088.shtml

Il giornale El Mundo riporta mercoledì il caso di una donna gitana a cui è stata rifiutata la pensione di vedova dallo stato, perché si era sposato con rito gitano. María Luisa Muńoz ora sta portando il suo caso alla Corte Europea dei Diritti Umani a Strasburgo, dopo sette anni di battaglie senza successo coi tribunali spagnoli.

Nel 1971 aveva sposato Mariano Jiménez, da cui aveva avuto sei figli sino alla sua morte nel dicembre 2000. L'Istituto Nazionale della Sicurezza Sociale (INSS) ha rifiutato la sua richiesta per la pensione da vedova, arguendo che non erano sposati, nonostante diversi anni di contribuzione al sistema.

Inizialmente era stata sostenuta la richiesta di Maria Luisa, ma più tardi rifiutata da un appello dell'INSS. L'ultima risorsa era la Corte Costituzionale, dove tutti i magistrati meno uno hanno deciso che non si trattava di una scelta di discriminazione razziale.

La Fundación Secretariado Gitano, una OnG che lavoro per la promozione della comunità Rom e che ha offerto supporto legale a Maria Luisa, afferma che la sua situazione è un chiaro esempio di discriminazione e "violazione dei diritti umani".

La FSG aggiunge che il matrimonio della coppia ha avuto luogo prima della Costituzione del 1978, in un periodo in cui la legge discriminava apertamente i gitani.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 24/10/2007 @ 22:30:56, in conflitti, visitato 1385 volte)
VENERDI 26 OTTOBRE ORE 21 A LECCO
SALA CONFERENZE BANCA POPOLARE DI SONDRIO VIA AMENDOLA
 
CONFERENZA E PRESENTAZIONE DEL DOPPIO DVD
 
A FORZA DI ESSERE VENTO
lo sterminio nazista degli zingari
IL POPOLO ROM IERI E OGGI
 
RELATORE
l'amico anarchico di Fabrizio De Andre'
PAOLO FINZI redattore di A rivista anarchica
 
ORGANIZZA CENTRO KHORAKHANE' LECCO
 
L'obiettivo della serata è comprendere e consocere la civiltà rom e sinti attraverso la storia di questo popolo, le persecuzioni dei campi nazisti e le vicende quotidiane del nuovo millennio nelle nostre città.
 
L'intento è riuscire ad aprire la strada per una discussione su uno degli aspetti ancora rimossi da quasi tutta la storiografia che si è occupata dei campi di tortura e di morte del regime nazista, ma anche e soprattuto perché, nel raccontare gli abomini di un passato ancora bruciante, getta una luce impietosa anche sull’oggi dimostrando lucidamente come poco, da sessant’anni a questa parte, siano cambiate le cose per gli zingari.
 
IL CORTO CIRCUITO, (attraverso questi DVD che presenteremo) che si viene a creare, man mano che il disco scorre sotto i nostri occhi, tra il racconto orale delle terribili scene di deportazione degli zingari e le immagini dell’oggi che le accompagnano e sostengono. Suoni e immagini finiscono, così, per determinare, nello spettatore, una sorta di ’contrappunto didattico’ in cui il passato della parola e del racconto finisce per illuminare di luce sinistra la realtà visibile e tangibile di un presente non poi tanto diverso. In questo modo l’occhio fenomenologico della videocamera sembra sempre cercare, nel presente dei campi rom fatti coi cumuli di spazzatura delle nostre "civili" città, i segni tangibili di un passato che continua a riemergere, tragicamente nell’oggi più di quanto ci piacerebbe credere.
 
Di qui le domande che aleggiano irrisolte a chiederci conto dei nostri persistenti pregiudizi su una realtà, quella zingaresca, che non conosciamo per davvero e che, quindi, non possiamo non continuare a temere.
 
Perché pochi di noi possono dire, rispondendo a Moni Ovadia, di avere un amico zingaro e molti di noi continuano a raccontare ai propri bambini, quando è l’ora di spaventarli per farli ubbidire, che se non tornano subito a casa poi arrivano i rom a rapirli e a portarli lontano, chissà dove.
 
Il merito dei documentari, comunque, non è solo quello di obbligarci a guardarci allo specchio scoprendo nei nostri atteggiamenti la stessa molla che muoveva i teorici nazisti dello sterminio finale, ma anche quello di riportare alla luce i dettagli di una storia che rischiava di restare taciuta per sempre perchè la cultura zingara è legata al solo racconto orale e, quindi, non accetta di prendere forma in un qualsiasi tipo di documento scritto.... Dello sterminio di Rom e Sinti (Porrajmos è la parola rom corrispondente all’ebraico Shoah) sappiamo, in effetti relativamente poco.
CON QUESTA SERATA VOGLIAMO, ANCHE A LECCO, PROVARE A RACCONTARE UNA STORIA. UAN STORIA VERA E DOVEROSA
e ora, grazie al lavoro in presa diretta delle videocamere, la voce zingara trova finalmente il suo spazio di espressione obbligandoci a fare i conti con i nostri fantasmi più terribili.
 
UN INCONTRO, UNA SERATA IMPORTANTE, ADULTA, CHE MERITA DI ESSERE PARTECIPATA.
 
VENERDI 26 OTTOBRE ORE 21 LECCO
SALA banca popolare di sondrio 
VIA AMENDOLA ANG VIA PREVIATI
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 24/10/2007 @ 09:27:28, in blog, visitato 1602 volte)

Austria, la kossovara che commuove il mondo
"Non cacciatemi, non condannatemi all'espulsione e alla miseria. Se non potrò restare qui mi toglierò la vita. Vivo e studio da voi, i miei amici sono austriaci, vi chiedo solo quello che vi chiederebbe ogni mio coetaneo: una vita normale qui in Austria dove sono cresciuta". Dal video spedito dalla clandestinità a tutte le tv,...

Mai più bambini in carcere
Il diritto all'infanzia cambia ancora di più se si tratta del figlio di una rom o di una italiana. Nel primo caso si finisce dentro, col proprio piccolo, anche per un tentativo di furto di telefonino (sic!), nel secondo caso, per fortuna, ciò non avviene anche per reati ben più gravi. In un paese che ama definir...

Toscana, si deve cooperare con la Romania per creare sviluppo
“Lavoriamo insieme per una cooperazione che produca sviluppo: questa è l'unica strada seria per evitare un'emigrazione scomposta dalla Romania all'Italia e per tentare di scongiurare il ripetersi di tragedie come quella che ha visto la morte dei 4 bambini rom sott...

Razzismo in Italia, ENAR Shadow Report 2006
"Sicuramente tra i gruppi più a rischio continuano a posizionarsi al primo posto le popolazioni rom e sinte, che vivono quotidianamente pratiche di emarginazione ed esclusione dai principali settori della vita economica, sociale e professionale, oltre che risultare profondamente emarginati in settori quali l’alloggio, l’istruzione, l’accesso ai servizi. Secondo il rapporto ECRI10, le stime di questa popolazione oscillano tra le 120.000...

Roma, la Caritas presenta il XVII Dossier Statistico Immigrazione
Sarà presentato a Roma, martedì 30 ottobre, alle ore 10.30 presso il Teatro Orione (via Tortona, 7), il XVII Dossier Statistico Immigrazione curato da Caritas Italiana, Caritas diocesana di Roma e Fondazione Migrantes. Interverrà il Ministro dell’Intern...

Prato, il "campo nomadi" fantasma...
«L'ufficio legale sta preparando gli atti per presentare una denuncia penale contro ignoti, che al massimo lunedì sarà inoltrata alla Procura». Il vicesindaco Roberto Bencini non ha nessun voglia di scherzare sul caso della lettera falsa, con il logo del Comune di Prato, recapitata a cittadini residenti nella zona attorno a via M...

Lecce, sarà ristrutturato il "campo nomadi"
La giunta comunale ha approvato il progetto definitivo dei lavori di ristrutturazione del “campo nomadi” in località Masseria Panareo. Il progetto è stato presentato dall' assessorato ai Lavori pubblici. Importante il contributo della prefettura di Lecce che si è forte...

Il Presidente Illy: la diversità è un vantaggio competitivo
Il Presidente Illy ha proposto l'esempio delle grandi istituzioni scientifiche internazionali, dove vengono appositamente costituiti gruppi di ricerca multiculturali, perché si è visto che in questo modo si accresce notevolmente la creatività e la capacità di risolvere problemi complessi. Per questo, secondo il presidente, il principale vantagg...

Saint Vincent (Aosta), il congresso delle Nazioni senza Stato d'Europa
Si è tenuto il 14 di ottobre a Saint Vincent (Aosta) il congresso delle Nazioni senza Stato d'Europa (Conseu) convocato per "elaborare una serie di proposte affinché la riforma delle istituzioni internazionali favorisca la rappresentatività democratica e l...

Torino, molotov razzista? Inquirenti scettici
Un incendio si è sviluppato sabato notte, a Torino, in un piccolo insediamento di Rom rumeni alla periferia settentrionale di Torino, nei pressi del torrente Stura. Sull'accaduto stanno indagando i carabinieri.
Le fiamme sono divampate in un accampamento non autorizzato che sorge v...

Il Comune di Roma ruba i bambini ai Rom?
Il Comune di Roma sottrae cinque bambini rom alla madre. La più piccola di undici mesi viene ricoverata all’ospedale. La madre è disperata, tutta la famiglia è disperata. Una zia riesce a ritrovare la piccola di undici mesi e la riporta alla madre. In seguito all'allarme lanciato dall'ospedale, che non aveva più avuto notizie della bambina,...

Mantova, convocato il comitato "Rom e Sinti Insieme"
Sabato 27 ottobre 2007 alle ore 11.00 a Mantova, presso la Casa dello Studente in piazza Virgiliana n. 55, è convocato il comitato “Rom e Sinti Insieme”. All’incontro sono invitate tutte le associazioni e i gruppi rom e sinti. Si discuterà della proposta di legge n. 2858, depositata dall’Onorevole Me...

Firenze, la retromarcia del Sindaco Domenici
La nuova ordinanza del Comune prevede una multa da 75 a 500 euro e il sequestro delle relative attrezzature (stracci, secchio, detergenti) per chi viene trovato agli incroci a chiedere denaro in cambio del lavaggio dei vetri dell'auto. Rispetto ai provvedimenti precedenti, straordinari e limitati nel tempo ha spiegato il sinda...

La Fondazione Migrantes compie vent'anni
La Fondazione Migrantes, l’organismo della Conferenza Episcopale Italiana che si occupa della Pastorale Migratoria, compie in questi giorni 20 anni di vita. La Migrantes nasce, infatti, nell’ottobre 1987 dalla naturale evoluzione di altri organismi che per circa un secolo hanno testimon...

Albania, i Rom e i materiali ferrosi
L'esempio di un sacerdote e l'iniziativa di un italiano che ha coinvolto nell'attività di recupero di materiale ferroso un migliaio di famiglie Rom come suoi fornitori di rottami. Ora si sono assicurato un discreto reddito che, in circa dieci anni di attività, ha con...

Roma, muore la prima bambina rom per il freddo
Una bimba rom rumena di due mesi è morta all'alba a Roma in una baracca sulle sponde del fiume Tevere, all'altezza di piazzale della Radio, nel quartiere Marconi. La bimba potrebbe essere morta a causa delle basse temperature registrate la scorsa notte nella capitale. Ad avvertire il 118 è stata la mamma della bambina, preoccupata che la piccola non respirava più. Il medico legale non ha risco...

Milano, De Corato non trova i diecimila rom rumeni
"Attualmente la Polizia Municipale ha censito circa 800 rom stranieri in 8 dei 12 campi nomadi autorizzati. Che aggiunti alle circa 450 presenze di marginalità, quasi totalmente romene, porta a circa 1200 presenze identificate".Lo comunica il vice Sindaco e assessore alla Sicurezza del Comune di Milano, Riccardo De Corato. "Lo scorso giovedì - spiega De Corato - è stato censit...

Roma, vivono nella polvere...
Vivono nella polvere, come quella che secondo la mitologia indiana ha generato i paria. Sono nati e cresciuti in Italia o sono a Roma da oltre trent'anni, i Rom sgomberati da Tor Pagnotta lo scorso febbraio abitano ai margini di due insediamenti Rom creati nel 2005 a Castel Romano, dotati invece (secondo loro) di tutti i c...

Bambini nei "campi nomadi": quando anche la salute si fa precaria
Secondo una mappatura compiuta nel 2001, in Italia ci sono più di diciottomila rom immigrati, giunti soprattutto dai paesi dell'Europa centro-orientale, che vivono in insediamenti autorizzati e non, ai margini delle aree urbane, in spazi abbandonati, poco visibili o comunque non commercialmente appetibili. A distanza di cinque anni, i campi sono cresciuti nelle dimensioni e nuovi sono nati per accomodare i bisogni dei nuovi venuti, soprattutto r...

Savigliano (CN), etnos e religione: il caso di Israele
Diffondiamo il comunicato inviato dall'Associazione Italia - Israele di Cuneo in merito alla serata del 13 ottobre 2007 svoltasi a Savigliano nell'ambito della manifestazione FestivalStoria. Sabato 13 ottobre si è svolto a Savigliano, nell’ambito d...

Roma, siti segreti per i "mega campi nomadi"
A Roma scoppia la polemica sull’ubicazione dei quattro “mega campi nomadi”, dove segregare le famiglie rom e sinte capitoline. Le dichiarazioni dell’assessore alle Politiche della Sicurezza Jean-Leonard Touadi sulla scelta di tenere segreti i luoghi dove sorgeranno i cosiddetti «villaggi della solidarietà» ha suscitato ieri le proteste del cen...

Moni Ovadia, chi attacca i Rom è razzista
«Tutti coloro che attaccano e insultano i Rom esordiscono dicendo di non essere razzisti: invece sono sempre e solo dei fottuti razzisti». Non ha mezze misure Moni Ovadia, drammaturgo di origine ebraica da molti anni attivo in Italia, nel parlare dell’«Altro e il suo ingombro», al centro della Lectio magistralis per una laurea ad honorem ricevut...

Roma, AN vuole lo sterminio di Rom e Sinti in eccesso?
“Campi nomadi” fuori dai centri abitati, un periodo di permanenza che non deve superare i 30 giorni e obbligo per i rom che usufruiscono degli insediamenti di versare un contributo per le spese di gestione.
Sono questi i capisaldi della proposta di legge regionale, sicuramente incostituzionale e probabilmente razzista diciamo noi di sucardrom, sulla disciplina dei ...

Venezia, ...e per patria una lingua segreta
Quella che stiamo vivendo è una fase caratterizzata dalla complessità del governo dell’inserimento delle comunità immigrate nel territorio a tutti i livelli e nei diversi ambiti. Emergono in alcune realtà difficoltà particolari legate alla crescente presenza nel territorio delle comunità rom e sinti, degli “zingari”, il cui mo...

Parlamento Europeo, quando 27 seggi ai Rom e Sinti?
L'esigenza che nel Parlamento europeo tra i seggi spettanti all'Italia nei sia previsto uno ciascuno per la Provincia autonoma di Bolzano e la Regione autonoma Valle d'Aosta è stata ribadita oggi dal senatore Carlo Perrin, nell'intervento in aula sulle mozioni relative all'attribuzione dei seggi italiani al Parlamento europeo. "Il rispetto delle proprie minoranze è un segno forte anche per affermare legittim...

Carpi (MO), dibattito sul "campo nomadi" in Consiglio Comunale
Le aree riservate ai Sinti e l’aeroporto di Fossoli sono stati tra i temi dibattuti giovedì 18 ottobre, nel corso del Consiglio comunale di Carpi. L’assessore alle Politiche sociali Cinzia Caruso ha risposto infatti a due interrogazioni di Luca Ghelfi (capogruppo Udc) e relative al “campo nomadi” di via Nuova Ponente e ad un accampamento temporaneo nella zon...

Genova, incontro tra autorità italiane e rumene
Si è tenuta in prefettura a Genova la riunione tra le autorità italiane e rumene per attivare nuove misure per fronteggiare l’emergenza rom nella città, come previsto dal patto per la sicurezza. «La collaborazione fra Italia e Romania va avanti e diventa sempre più concreta, per fronteggiare il problema sicurezza legati anche ai rom...

Napoli, sopravvissuta romni ai campi di concentramento interviene all’incontro di Sant’Egidio
La tavola rotonda “Violenza diffusa: un interrogativo inquietante”, all’interno del Meeting uomini e Religioni organizzato dalla Comunità di Sant’Egidio a Napoli, è stata un’occasione per parlare della sofferenza della deportazione dei Rom e dei Sinti nei campi di concentramento durante il nazismo. E’ intervenuta infatti Ceija Stojka, una donna appartenente alla minoranza dei Rom Lovara che vive in Austria, tra i pochi sopravvissuti durante le deportazi...

Milano, la disperazione della guerra tra i poveri
Inquilini regolari contro occupanti abusivi. Č successo ieri pomeriggio in via Lopez De Vega n. 8, a Quarto Oggiaro, dove una famiglia di rom con tre bambini piccoli ha tentato di entrare in un appartamento vuoto da tempo. A cacciarli, dopo ore di fronteggiamento e di minacce reciproche, sono stati gli stessi abitanti del caseggiato, una quarantina di persone in tutto. Lo sta...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 23/10/2007 @ 09:22:31, in casa, visitato 1839 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

MITROVICA, Kosovo, October 16 (UNHCR) – L'agenzia ONU per i rifugiati ha aiutato 92 membri delle minoranze kosovare dei Rom, Askali ed Egizi (RAE) a ritornare nel loro quartiere nella città divisa di Mitrovica.

I RAE, di 18 famiglie, sono tornati lunedì e giovedì nel quartiere meridionale della Mahala. Avevano lasciato Mitrovica nel 1999 e trovato rifugio nel Kosovo settentrionale, come pure in Montenegro e nella città serba di Novi Sad.

I 92 RAE sono entrati nel blocco di due edifici della Mahala, che era stata distrutta dopo che otto anni fa gli abitanti erano scappati per paura degli attacchi degli estremisti. Il comune di Mitrovica ha garantito il terreno su cui sono stati costruiti i nuovi appartamenti.

I rifugiati sono stati accolti dall'UNHCR e da Fatmire Berisha, vice presidente dell'assemblea municipale di Mitrovica, che si è impegnato ad assistere alla loro reintegrazione. "Siamo felici di vedere la gente che torna alle proprie case... e cominciare una nuova vita," ha detto Sunil Thapa, capo dell'ufficio UNHCR di Mitrovica.

I RAE hano ricevuto pacchi con cibo e non-alimentari per un periodo iniziale di tre mesi. L'agenzia ONU per i rifugiati li aiuterà e consiglierà nelle aree dei diritti di proprietà, socio-economici, registrazione civile e capacità di costruire ed iniziative redditizie.

L'UNHCR ha iniziato il ritorno assistito delle comunità RAE nella Mahala a marzo, quando in 118 fecero ritorno. I ritornati hanno detto di non ritenere la loro sicurezza la principale tematica, ma la polizia pattuglierà l'area.

Minire* madre di due figli, è felice di aver fatto ritorno dopo otto anni passati in una serie di centri collettivi. "Siamo convissuti con la povertà, senza adeguate condizioni igieniche e i miei bambini sono stati a lungo malati," ricorda. "In questi ultimi due giorni ho pianto dalla felicità," aggiunge.

Ci sono scarse opportunità di impiego nella Mahala, benché i residenti più intraprendenti tentino di decollare con alcune piccole attività: un internet caffè, un bar e una sartoria con annesso negozio di vestiti. Minire spera di poter adoperare le sue capacità di parrucchiera per fare un po' di soldi.

I fratelli Agron,* e Lumnije,* rispettivamente di 11 e 10 anni, sono troppo giovani per ricordarsi il quartiere, ma sono lo stesso eccitati nel traslocare nella nuova casa ed aiutano i genitori portando le loro cose negli appartamenti. Si stanno anche informando su come iscriversi a scuola.

"Abbiamo cambiato posto tante volte e a volte siamo stati obbligati a pagare l'affitto" dice la loro madre ricordando la loro lunga assenza nel Kosovo del nord. "in questi sette/otto anni ho fatto i mestieri di  casa."

L'operazione di questa settimana è parte del Roma Mahala Return Project, coordinato dalle autorità municipali in cooperazione con l'UNHCR ed altri partners come l'Organizzazione per la Sicurezza e la Cooperazione in Europa (OSCE), la missione ONU in Kosovo ed il Consiglio Danese per i Rifugiati. E' uno dei più grandi progetti di ritorno in Kosovo.

Durante il conflitto in Kosovo del marzo-giugno 1999 oltre 900.000 di etnia albanese furono forzati ad abbandonare il Kosovo. Fecero ritorno con l'ingresso delle truppe NATO - iniziò allora l'esodo di 200.000 Serbi, Rom, Askali ed Egizi. Secondo le stime UNHCR, circa 17.300 di loro hanno fatto ritorno.

Il fiume Ibar che attraversa Mitrovica, dal 1999 è diventato un simbolo della divisione del Kosovo, con l'etnia albanese nel sud della città e quella serba concentrata a nord. L'UNHCR stima in 21.000 il numero dei dispersi in Kosovo, di tutte le comunità.

* Per tutelare gli interessati, i nomi sono stati cambiati.

By Peninah Muriithi and Shpend Halili - In Mitrovica, Kosovo

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/10/2007 @ 09:38:12, in Europa, visitato 1605 volte)

Romania: il sogno rom di una sanità migliore
19.10.2007 - Nonostante la retorica secondo cui la salute dei rom costituisce una priorità, le autorità rumene mancano i loro impegni nel migliorare la situazione nel maggior insediamento rom di Bucarest. Nostra traduzione
Di Marian Chiriac e Daniel Ganga* da Bucarest - BIRN (tit. orig "Roma Dream of Better Health in Romania", pubblicato il 26 settembre 2009)

Traduzione per Osservatorio: Marzia Bona


Quasi ogni mattina, appena si fa giorno, Gogu prende il suo carretto carico di cianfrusaglie e rottami metallici e lentamente lo trascina fino al centro di riciclaggio. Scarica lì il suo carretto e in cambio riceve una modica somma di denaro, con cui riesce appena a pagarsi il cibo per la giornata. Quindi se ne torna a casa.

Quello che fa ogni giorno Gogu, conosciuto anche come Ion Gogonet, non è niente di insolito per molte delle persone che vivono a Ferentari. Situata all’estema periferia sud di Bucarest, Ferentari è un grande quartiere a metà fra lo slum ed il ghetto.

Molti magazzini, un paio di bar che lasciano alquanto a desiderare, qualche negozio in pessime condizioni, un parco che sembra più grigio che verde e una mensa gratuita per i poveri, questa è Zabrautului Street.

La zona è nota per i suoi monolocali in brutti palazzi a cinque piani, con i panni stesi fuori ad asciugare e piccole finestre dalle quali in ogni momento spunta la testa di una donna che grida ai bambini che giocano a palla di sotto, fianco a fianco con i cani che rovistano nella spazzatura.

Qui, in questo mondo stile-ghetto sporco ma vivace, vive Ion Gogonet, un rom di 50 anni.

Il suo monolocale è di appena sedici metri quadrati; comprende una piccola cucina e un bagno di tre metri quadrati. Ad ogni modo è allacciato alla rete elettrica e al sistema di acqua corrente, il che secondo chi ci abita non è poco, da quando non molto tempo fa gli edifici sono stati privati di questo genere di servizi di base.

Qui è dove vive la famiglia di Gogonet: la sua compagna, Ilie Stela, 33 anni, e tre bambini – due dei quali frequentano ancora le scuole elementari. Il loro padre dorme in un altro letto perché in passato ha avuto la tubercolosi. Ha 72 buchi nei polmoni, e la vita in un contesto povero e insalubre lo hanno reso infermo. Eppure, rifiuta di vedere un medico, in parte per negligenza e in parte per pudore e paura che lo sappiano i suoi amici.

Solo due anni fa un assistente sanitario è riuscito a convincerlo ad iniziare il trattamento per la TB.
Adesso sta bene, anche se soffre ancora dei postumi. Almeno adesso non è più contagioso.

Gogonet è solo uno dei beneficiari della campagna di prevenzione e trattamento della TB avviata da svariate ONG, principalmente americane, e finanziata dall’USAID, l’Agenzia Internazionale degli Stati Uniti per lo Sviluppo.

Il motivo per cui è stata pensata questa campagna è che la Romania ha il più alto tasso europeo di incidenza della tubercolosi, ed il numero di casi è raddoppiato negli anni ’90. Secondo le statistiche ufficiali, nel 2006, l’incidenza della TB in Romania era di 117,8 casi ogni 1000 abitanti.

In ogni caso, secondo i dati epidemiologici, la comunità rom è circa 10 volte più colpita dalla TB rispetto al resto della popolazione. Fra le cause di ciò ci sono l’accesso limitato ai servizi sanitari pubblici, una scarsa conoscenza in materia sanitaria, l’analfabetismo diffuso, le condizioni di vita in luoghi affollati ed insalubri e la povertà in generale.

Taves Batalo!

I rom si salutano fra loro ogni giorno con l’espressione taves batalo – che significa “Stai bene”. La salute viene apprezzata da chiunque indipendentemente dalla sua origine etnica, specialmente in Romania dove il sistema sanitario pubblico si trova ancora in condizioni critiche.

Secondo un’inchiesta condotta in aprile dal Romanian Center for Economic Policies, CEROPE, la quota erogata per la salute in Romania è di soli 470 $ annui pro capite, ben al di sotto della media mondiale di 650 $ a persona.

“La Romania è in una situazione negativa per ciò che riguarda il servizio medico, con una distribuzione regionale insoddisfacente, in cui le aree rurali e le comunità più povere che vivono ai margini della società risultano le più svantaggiate”, sottolinea l’inchiesta.

“Una spiegazione si trova nell’insufficente finanziamento del servizio di salute pubblica, assieme alla crisi prolungata del fondo di assicurazione sanitaria e allo scarso budget destinato al settore, attorno al 3 -4% del PIL, in netto contrasto rispetto all’8 -9% dei paesi più sviluppati d’Europa”.

In questo già difficile quadro, i rom si distinguono per la posizione negativa che occupano.

Ufficialmente sono 550.000 le persone di etnia rom, che corrisponderebbero al 2,6% dei 21 milioni di abitanti della Romania. Ma molti studi e statistiche sostengono che il numero si aggiri attorno ad 1- 1,5 milioni.

La situazione a Ferentari è particolarmente allarmante. A soli 8 chilometri dal centro di Bucarest, molte migliaia di rom vivono in condizioni spaventose.

“Non c’è niente che possiamo fare, figlio mio. E’ così che sono abituati a vivere. Il camion della spazzatura non viene quasi mai da queste parti, ma il fatto è che sono le persone a non meritarselo. Non è come quando Ceausescu era vivo, le persone erano più rispettose, perché avevano paura”, dice una donna anziana, ricordando i giorni del dittatore comunista, Nicolae Ceausescu, mentre vende semi di girasole tostati.

Uno dei problemi principali della zona è che le persone non hanno un lavoro stabile, fatto che impedisce loro di contrarre un’assicurazione medica.

“Se non hai un documento di lavoro o un qualche certificazione del tuo datore che dica che sei un contribuente, non puoi accedere ad un medico di famiglia. E’ qui che inizia il problema “, dice Ioana Constantin, assistente sanitaria a Ferentari.

La gente reclama un centro medico per la zona. “Il più vicino si trova a 15 fermate d’autobus”. La distanza ed il costo delle corse sono scoraggianti. “In effetti c’è un centro medico un po’ più vicino, ma è privato, e quindi caro”, aggiunge Ioana.

Priorità, o no?

Finora, il ministero della Sanità non ha programmi espliciti per la comunità rom. Questo in base all’idea che la malattia e la sofferenza non abbiano niente a che vedere con la provenienza etnica di ciascuno.

A partire dal 2001, anno in cui la Romania ha adottato il regolamento europeo che proibisce la classificazione dei pazienti in base all’etnia, non è più disponibile alcun dato ufficiale sui problemi di salute dei rom.

Sorprendentemente, si sente spesso dire che i rom siano il principale destinatario delle strategie governative di promozione della salute e di lotta alla povertà. Ad ogni modo, non c’è molto che il ministero della Sanità possa fare per la gente di Ferentari.

“Attualmete, la zona non rientra fra le priorità del ministero. Le cose potrebbero cambiare solo se l’Autorità per la Salute Pubblica di Bucarest, ASPB, o qualche ONG, identificassero dei problemi specifici e proponessero un piano concreto per migliorare le condizioni della zona”, dice la dottoressa Hanna Dobronauteanu, consigliere per la questione rom presso il ministero della Sanità.

Per ora a Ferentari – in mancanza di un impegno sostanziale e di lungo termine da parte del governo - solo le iniziative o i progetti delle singole ONG sembrano portare risultati, pur rimanendo limitate negli scopi.

Centinaia di migliaia di euro sono stati spesi in ogni tipo di programma, compresa la lotta alla TB, l’ educazione sessuale e la pianificazione familiare, la diagnosi del tumore al seno e altri programmi. Ma tutto ciò, finora, sta producendo pochi risultati visibili.

“I progetti portati avanti fino a questo momento dovrebbero essere solo l’inizio di una campagna ampia e coerente pensata rispetto ai complessi problemi di salute della popolazione di Ferentari”, dice Alina Constantinescu, un’attivista dell’organizazione americana Doctors of the World.

“Di certo sono stati molti utili, ma non sempre indirizzati alle necessità più stringenti”.

“”Le cause reali sono la povertà, la disoccupazione e la mancanza di educazione”, continua la Constantinescu, e avverte: “Inoltre, da quando la Romania è entrata nell’Unione Europea, gli Stati Uniti ed altri paesi occidentali hanno smesso di finanziare molti progetti ritenendo che il nostro paese ora sia in grado di risolvere da solo i propri problemi. Personalmente lo dubito.”

Pianificare è ciò che facciamo meglio!

Rispetto alla questione rom, il ministero della Sanità sostiene il ruolo degli assistenti sanitari, membri della comunità locale, formati per facilitare la comunicazione fra i pazienti ed i loro medici. Di conseguenza, i 500 assistenti che attualmente lavorano in Romania – tutte donne- devono entrare nelle case della gente, capire i loro problemi e tentare di risolverli.

Effettivamente, non si limitano alla cura dei problemi di salute, ma aiutano i membri della comunità rom anche ad ottenere i documenti d’identità e i certificati di nascita, oltre a trasmettere alle autorità i problemi sociali riscontrati.

Anche se con l’intervento degli assistenti sanitari sono stati fatti molti passi in avanti, i problemi sono ancora distanti dall’essere risolti. Anzitutto, il loro impiego è a tempo determinato, normalmente un anno, dopodiché i loro contratti vengono rinnovati per un altro anno, cosa che li rende estremamente precari.

In secondo luogo il loro salario - pagato dall’Autorità per la Salute Pubblica - è lontano dall’essere soddisfacente, 125 euro nel migliore dei casi.

Inoltre, rimangono le difficoltà d’accesso da parte dei rom ai servizi di salute pubblica. Mentre il ministero della Sanità sostiene che siano migliorate, le ONG locali sono di un'altra opinione.

Daniel Radulescu, coordinatore del progetto salute dell’organizzazione rom Romani Criss, dice: “Anche se ora sono molte di più le persone affiliate ad un medico, ciò non significa che abbiano un accesso effettivo ai servizi erogati. Molto spesso, ci vengono testimoniate attitudini razziste da parte dei medici.”

Anche il Segretario del Ministro della Sanità, Ervin Zoltan Szekely, conferma l’esistenza di questi casi. “Recentemente siamo stati informati di una donna rom che ha sporto un reclamo per non aver ricevuto un’assistenza medica adeguata, dovendo così affrontare serie complicazioni nel dare alla luce suo figlio. Accertato l’accaduto è stata imposta una sanzione disciplinare al medico, ma non per comportamento discriminatorio, bensì per aver fornito un’assistenza medica inadeguata. In sostanza, il medico non è stato ripreso per discriminazione, perché questo comportamento risulta difficile da provare.”

Romani Criss segue anche casi di segregazione all’interno degli ospedali – cosa illegale in Romania – ma ammette che anche queste circostanze sono difficili da provare. “La discriminazione e la segregazione non sono stati la nostra priorità finora, ma stiamo pensando di includere questi aspetti fra gli obbiettivi delle nostre indagini”, dice Szekely.

Molti rom sperano che tali promesse possano segnare un effettivo miglioramento nell’attitudine ufficiale, migliorando l’accesso ai servizi sanitari per la loro comunità.

* Marian Chiriac è Direttore di BIRN in Romania e Daniel Ganga è giornalista freelance. Balkan Insight è una pubblicazione on line della rivista BIRN.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/10/2007 @ 09:16:49, in Kumpanija, visitato 1574 volte)


Daniel Sershen 10/15/07 - Yangi Makhalla, una polverosa periferia ai margini della città meridionale di Oriz, ha una cattiva fama. In molti sono riluttanti a metterci piede, l'insediamento ospita la popolazione kirghiza dei Lyuli, un'abbandonata minoranza dell'Asia Centrale.

Invece, il cittadino medio incontra i Lyuli in un contesto differente: mendicanti, predizione della fortuna o raccolta metalli, plastica e altri materiali riciclabili. In una regione dove molti sono poveri e svantaggiati, i Lyuli sono i più marginalizzati tra i marginalizzati.

Nina Kadryan, lavoratrice non-Lyuli di un servizio sanitario locale, dice che i suoi colleghi erano scioccati dall'apprendere che lei visita regolarmente l'area. "A volte mi chiedono, Non hai paura di frequentarli? Ma continuo a farlo ogni giorno," ci dice.

Il punto di vista dalla Yangi Makhalla è piuttosto differente. E' il mondo esterno che minaccia, oltre il muro di terra battuta che insieme li circonda e li imprigiona. "Molti non escono dal quartiere," dice Abdurashid Urinov, presidente dell'associazione dei residenti. Descrive un ciclo continuo di diffidenza tra i Lyuli e gli altri, approfondito dalla mancanza di documenti ed informazioni. "La maggior parte di loro non conosce i propri diritti."

Gli studiosi collegano i Lyuli ai Rom dell'Europa Orientale - tracciando per entrambe i gruppi un'origine comune nel subcontinente indiano. Alcuni dei leaders considerano i due gruppi distinti, puntando alle differenze nella lingua e nella religione. La maggior parte dei Lyuli sono musulmani, mentre la maggior parte dei Rom europei sono cristiani.

Nell'intento di sedentarizzare i Lyuli che erano itineranti, i sovietici crearono Yangi Makhalla - che in uzbeko significa nuovo quartiere - dopo la II guerra mondiale. Il gruppo aveva il proprio kolkhoz, o fattoria collettiva e vivevano una vita tollerabile e segregata, secondo Urinov. Il collasso sovietico del 1991 pose la fine alla fattoria collettiva, la terra divisa e redistribuita, molti dicono in maniera non paritaria. Nel contempo, secondo Arsen Ambaryan, direttore di un locale gruppo sui diritti umani, la politica del governo kirghizo si è irrigidita. "Qui non ci sono conflitti diretti tra stato e comunità, dicono le autorità. Se non ci disturbate, noi non vi disturbiamo. E' una situazione di guerra e non di pace."

Nel 2004 il gruppo Ambaryan (Nostra Legge) ha condotto una ricerca lunga un anno sulle condizioni di vita dei Lyuli nella regione di Osh. Si stima a popolazione Lyuli in 3500, con la disoccupazione al 90%. Alcuni Lyuli sopravvivono coltivando il loro residuo pezzo di terra, o lavorando a giornata nei campi. Molti si sono rifugiati nell'accattonaggio.

Ma nonostante tutte le cose che mancano a Yangi Makhalla - acqua, denaro, assistenza medica, educazione nella lingua Lyuli - ci sono delle mancanze più critiche. Molti residenti non hanno documenti, vivendo senza accesso ai servizi chiave governativi. Per quanto residenti a Yangi Makhalla, molti non hanno registrato i loro passaporti dopo il crack della burocrazia sovietica, non potendosi permettere il passaggio ai documenti kirghizi.

"Devo cambiare il mio passaporto, ma non ho i soldi" dice Israel Rzayev, disoccupata che campa coltivando un pezzetto di terra.

In una regione dove la corruzione è alta e la polizia può fermare i passanti con qualsiasi pretesto, dice Urinov, avventurarsi fuori casa senza un passaporto valido è un invito all'estorsione. Un Lyuli detenuto, dice, "potrebbe anche aver ragione, ma sarà sempre nel torto perché non ha documenti." Anche la ricerca di lavoro senza documenti è difficile, aggiunge Urinov.

Concorda la moglie del mullah locale. "Se qualcuno va a lavorare al bazar e la polizia lo trova senza documenti, pagherà una bella multa.

Più discutibili ma persino più importanti i certificati di nascita, perché permettono di accedere ai benefici governativi ed, eventualmente, passaporti propri. Ma il costo degli ospedali di maternità, per cui molte Lyuli partoriscono in casa, ciò significa che i loro bambini non sono registrati all'anagrafe.

Nella ricerca su circa 400 famiglie, il gruppo Ambaryan ha trovato che il 45% dei bambini non ricevono supporto governativo per mancanza dell'atto di nascita. "Siamo già alla terza generazione senza documenti."

Rzayev e gli altri genitori Lyuli sottolineano il circolo vizioso per cui la mancanza di documenti preclude la possibilità di ottenere impiego o benefici di stato, cosa che impedisce ai loro figli di migliorare la loro vita. "La neve arriva presto - ma non abbiamo niente da mettere ai piedi dei bambini" dice Rzayev, aggiungendo che questo significa che probabilmente non andranno a scuola d'inverno.

Come parte dello studio, Ambaryan appoggia la sfida legale di una famiglia di cinque persone completamente senza documenti, per vincere finalmente un giudizio con le autorità per l'identificazione dei querelanti. Ambaryan spera che il caso sia un precedente. Nel contempo, Kadryan dice che i Lyuli del Kyrgyzstan continueranno la loro vita ai margini. "Qui non si vive - si sopravvive. E la gente sopravvive come può."

Editor’s Note: Daniel Sershen is a freelance journalist based in Bishkek.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/10/2007 @ 09:05:40, in Italia, visitato 1843 volte)

Ricevo da Marcel Costache

Caro Fabrizio,
Venerdì scorso sono stati di nuovo lanciati petardi e bombe carta contro i 10 bambini con 4 uomini (uno su una carozzina, perché è disabile) e 4 donne che vivono all'interno della cascina Gandina, struttura di Pieve Porto Morone (provincia di Pavia). I rom sono gli ultimi dei 200 che stavano all'ex Snia -Pavia e che sono stati sgomberati.
"Criminali per bene-nazi duri e impuri pronti a tutto", (come dice "Il Settimanale Pavese"), hanno nuovamente cinto d'assedio i Rom chi vivono nella cascina Gandina, gridato insulti,lanciato petardi e bombe carta. Sono stati circa 150, scrive il giornale.
Lunedì è stata incendiata l'auto di un rom che vive alla cascina Gandina, all'altezza del ponte sul Po. Un rom chi sta lavorando e che adesso non ha più un mezzo per raggiungere il suo posto di lavoro.
Questa é la tolleranza italiana?!
Voglio che tu faccia conosciuto questo messaggio,
Grazie,
Marcel

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/10/2007 @ 09:33:03, in Europa, visitato 1633 volte)

Da Mundo_Gitano

Madrid (Espańa)/11 de octubre de 2007/(CIMAC/ AmecoPress) .- Rosalía Vázquez, esperta di cultura e tradizioni gitane e sin da giovane interessata nella partecipazione al movimento associativo gitano, parla della storica discriminazione che soffrono le persone Gitane, soprattutto le donne, e sulla necessità di rompere con questa.

Nel 1980 fondò la Asociación Gitana de Cantabria, e co-fondatrice di Unión Romaní e, nel 1995 fondò la Asociación de Mujeres Gitanas ALBOREÁ. Attualmente è portavoce del Consejo Estatal del Pueblo Gitano e Presidente della Federación Nacional de Mujeres Gitanas (Kamira), una piattaforma che riunisce 14 associazioni di donne gitane in tutta la Spagna

Perché una Federazione delle donne gitane?

La Federazione ha circa sei anni, e riunisce tutte le Associazioni per essere più forti e creare un progetto comune e un'unità di visione. Non è solo una Federazione spagnola, ma nasce con vocazione europea e di proiettarci nelle istituzioni come il Consiglio Europeo Gitano. Come programmi di base, la Federazione alfabetizza e prepara le donne perché abbiano un posto di lavoro e siano visibili nella società.

Come sono considerate le donne nella cultura gitana?

Le donne gitane, sia dentro che fuori la cultura gitana, hanno sofferto discriminazioni. Solo per essere gitane sono state perseguitate nelle decadi passate, con leggi contro di noi. Arrivammo nel 1425 e già con i Re cattolici si promulgò la prima legge di persecuzione. Ora siamo dimenticate in un angolo, in un angolo c'è la cultura gitana e nel fondo, ci sono le donne gitane. Non ci hanno permesso di svilupparci e sinora abbiamo potuto soltanto sviluppare la sopravvivenza.

Il ruolo delle donne nella cultura gitana è sempre stato rimanere coi nostri figli ed aiutare i mariti perché non abbiamo avuto altri spazi. Come donne abbiamo capito che siamo il motore del cambio in tutti i popoli, non solo quello gitano. La Spagna è avanzata assieme alle donne. Intendiamo che l'educazione e la formazione sono gli strumenti più efficaci per lo sviluppo personale e collettivo del nostro popolo. Da qui siamo interessate nel dare educazione alle nostre figlie perché abbiano un futuro sicuro.

Le donne gitane si sono evolute negli anni?

Ci siamo svegliate e sappiamo che dobbiamo essere integrate nella società e lottare. Attraverso le associazioni e le federazioni gitane ci uniamo e riflettiamo su cosa conviene fare secondo le necessità del popolo gitano. Esaminiamo la nostra cultura e tradizioni.

Ci sono ghetti che non sono progrediti però ci sono dei gitani che collettivamente si sono svegliati e ci hanno motivato per uscire da una situazione di marginalità. Ci sono gitane universitarie, e le madri chiedono che le nostre figlie stiano negli organi direttivi, nella politica, nelle istituzioni del governo. La nostra lotta è per questo, vogliamo lavorare e che le nostre donne non siano più invisibili.

Il popolo gitano non può più continuare ad essere invisibile. Le donne gitane hanno compreso il nostro lavoro e vogliono conquistare spazi come stanno facendo le donne non gitane, non vogliamo restare in disparte ma lavorare assieme a loro. Le istituzioni pubbliche e politiche sono quelle che devono dare spazio alle donne gitane.

Che tipo di discriminazioni si incontrano dentro e fuori la cultura gitana?

Le donne sono in generale discriminate e le donne gitane, doppiamente. Siamo invisibili e non ci danno spazi per svilupparci e partecipare. Questi spazi devono arrivarci dalle istituzioni, come ricorda la nostra Costituzione spagnola. Noi lottiamo, ma sono le amministrazioni, centrali ed autonomiste, quelle che devono appoggiarci per compiere la Costituzione.Non abbiamo bisogno di un aiuto paternalista, abbiamo bisogno di ascolto ed appoggio.

In Andalusia, il governo autonomista ha dato spazio ai collettivi gitani; senza dubbio, il nord della Spagna è ad anni luce, se non siamo discriminate dalle istituzioni stesse.

Cosa credi che possa adottarsi per finire con la discriminazione?

Darci più possibilità non solo consiste, per un'Associazione, nello sperare in un progetto di sviluppo, perché questo da solo è niente. C'è da colmare un debito storico nell'offrire una vera educazione alle nostre famiglie, e avere rispetto come gitani.

Intendiamo che l'educazione è la cosa più importante per uscire dalla marginalizzazione: con l'educazione, il resto viene per aggiunta. Nella misura in cui otterremo formazione potremo essere indipendenti, esporre le nostre idee e svilupparle. Le istituzioni debbono appoggiare e rinsaldare questa educazione però senza farci smettere di essere gitane.

E' molto difficile essere donne del secolo XXI ed essere gitane, vogliamo portare la nostra essenza e valori col rispetto ai nostri anziani e all'unità familiare. A volte per acquisire conoscenze, dobbiamo smettere di essere gitane, e non vogliamo smettere di esserlo.

Il Governo ha fatto qualcosa di importante per l'integrazione delle persone gitane?

Assolutamente niente. Siamo cittadine spagnole ed in tutte le iniziative politiche siamo meno di zero. Occorre una discriminazione positiva perché le donne gitane inizino ad essere visibili.

Attraverso i suoi 50 anni ha vissuto la discriminazione?

Ricordo quando ero bambina, con la dittatura franchista, c'erano negozi con un cartello che proibiva l'ingresso a gitane e gitani. Le mie amiche entravano e io restavo sulla porta aspettando che uscissero.

Adesso, per una ragione o per l'altra, continuo ad incontrare situazioni di discriminazione. Non voglio che le mie figlie soffrano queste situazioni di diseguaglianza e lotterò con le unghie e coi denti. Non vogliamo più essere invisibili e lotteremo per un'uguaglianza di opportunità reale per le donne gitane.

07/MC/GG/CV
Fuente: CIMAC NOTICIAS. Periodismo con perspectiva de género. México, D.F.

Tomado de: http://colombia. indymedia. org/news/ 2007/10/73476. php

PRORROM
PROCESO ORGANIZATIVO DEL PUEBLO ROM (GITANO) DE COLOMBIA / PROTSESO ORGANIZATSIAKO LE RROMANE NARODOSKO KOLOMBIAKO [Organización Confederada a Saveto Katar le Organizatsi ay Kumpeniyi Rromane Anda´l Americhi, (SKOKRA)]

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/10/2007 @ 09:33:11, in Regole, visitato 1543 volte)

Ostrava, 12.10.2007, 17:05, (ROMEA/CTK) Oggi il Tribunale Regionale di Ostrava ha riconosciuto un compenso di CZK 500.000 ad una donna Rom di 30 anni, Iveta Červeňáková, per essere stata sterilizzata contro la propria volontà. [...] Secondo Kumar Vishwanathan di Vzájemné soužití (Vita Insieme) è storicamente il primo caso del genere. La donna venne sterilizzata 10 anni fa. "Non venne sufficientemente informata e solo sette anni più tardi seppe di aver subito questo intervento," dice Vishwanathan.

Il Tribunale ha sancito che la donna ha diritto a scuse e compensazione per danni fisici e psicologici. [...] Il giudice Otakar Pochmon ha detto che l'intervento sulla madre di due bambini è stato irreversibile. La violazione avvenne nel luglio 1997, all'ospedale cittadino di Ostrava.

L'ospedale ribatte di avere il consenso scritto della paziente e intende appellarsi alla Corte Suprema. Marie Dlabalová, portavoce dell'ospedale ha detto che sono coscienti del verdetto odierno e ritengono necessario aspettare la sentenza scritta per depositare l'appello.

Dlabalová aggiunge che sulla sterilizzazione esiste un'inchiesta del Ministero della Salute: "Indagini simili sono state iniziate su cinque casi, in nessuno dei quali è stato provato di essere stati commessi dei crimini."

Il 7 luglio 1997 Červeňáková (nata Holubová) diede vita con parto cesareo alla sua seconda figlia, Kristýna. Durante la stessa operazione venne sterilizzata. Anche se si sapeva in anticipo che avrebbe partorito con taglio cesareo,  i dottori non seguirono il processo legale per ottenere il suo consenso alla sterilizzazione. I dottori non chiesero il suo parere fino a che non era sotto anestesia. Al tempo dell'operazione chirurgica la donna aveva 19 anni. [...]

Per sette anni Červeňáková  ha avuto come l'impressione che le fosse stata applicata una spirale. Quando ha chiesto al suo medico di rimuoverla perché voleva un altro figlio, ha appreso la verità. Lei e il marito stanno ora considerando un'adozione. "Ho già tutti i moduli necessari da compilare. Vorrei in casa un bambino piccolo."

Il suo avvocato, Michaela Kopalová della Lega per i Diritti Umani, dice che la procedura ospedaliera è piena di deficienze. "La commissione che doveva decidere sul permettere la sterilizzazione, si è riunita 10 giorni dopo che la mia cliente aveva partorito. Non esistono documenti che possono provare che lei sia stata messa dell'avviso che la sterilizzazione era irreversibile."

Sul verdetto del Tribunale Regionale, dice ""E' il verdetto più avanzato emesso nella Repubblica Ceca sulla violazione dei medici dell'integrità fisica delle partorienti. Credo che i tribunali in futuro continueranno a rispettare la Corte Suprema, che richiede una compensazione monetaria nei casi di violazione dei diritti della persona, senza limitazione di status."

Secondo la Lega per i Diritti Umani, il compenso monetario è solo il primo passo verso una reale giustizia per queste serie violazioni dei diritti umani. Il trattamento arbitrario di queste donne le ha per sempre deprivate della possibilità di avere figli propri. La somma ottenuta è esattamente la metà di quanto originariamente richiesto. Il primo caso di sterilizzazione illegale portato nei tribunali, quello di Helena Ferenčíková, raccolse le scusa ma nessun compenso per prescrizione dei termini. Ora quel caso è in appello alla Corte Suprema di Brno. Negli anni recenti la Corte ha stabilito che le violazioni dei diritti personali non sono soggette a questa limitazione.

Il caso Červeňáková è il secondo di sterilizzazione forzata del Tribunale di Ostrava. Nel 2005 si era pronunciato proprio su quello di Helena Ferenčíková, che aveva 22 anni al tempo dell'operazione, ma si era risolto solamente con una lettera di scuse, perché non era stata sufficientemente informata prima della sterilizzazione. Ma per scadenza dei termini, il tribunale aveva rigettato la richiesta di un indennizzo di un milione di corone. Kopalová dice che il verdetto di oggi risolleva anche il caso Ferenčíková.

La Lega per i Diritti Umani sta facendo uso di questa opportunità per criticare il governo, che per lungo tempo non ha voluto rispondere alle sollecitazioni interne ed internazionali sulle donne sterilizzate all'epoca del comunismo e negli anni '90. Il governo si fa forte del fatto che i cittadini poveri, incluse le donne sterilizzate in questa maniera, non hanno le capacità finanziarie per farsi rappresentare nei tribunali, e lo stato non ha investito somme per assistere le vittime delle violazioni passate. I casi Ferenčíková e Červeňáková, sterilizzate in ospedali differenti, sono solo la punta di un iceberg. Dice ancora Kopalová: "Io sto rappresentando tre donne, ma so che ci sono circa altre 90 che si sono rivolte alla giustizia." Secondo la sua opinione, i dottori e gli ospedali rispondono coi medesimi argomenti: "Un terzo parto cesareo avrebbe rappresentato un significativo pericolo alle madri e così loro hanno agito nel loro interesse."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie piů cliccate


23/09/2019 @ 09:53:50
script eseguito in 172 ms

 

Immagine
 popoli e idee in movimento... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 75 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi piů cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio č per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source