Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Gli Zingari fanno ancora paura?

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 28/02/2010 @ 08:34:43, in Europa, visitato 1588 volte)

Da Hungarian_Roma

The Huffington Post By Joelle Fiss, Pennoyer Fellow - Combating Hate Crimes

24/02/2010 - Proprio un anno fa, il 23 febbraio 2009, Robert Csorba, 27 anni di origine rom, e suo figlio di quasi 5 anni furono colpiti a morte mentre scappavano dalla loro casa in fiamme a Tatárszentgyörgy [leggi QUI ndr]. La sparatoria è avvenuta subito dopo mezzanotte. La famiglia tentava di fuggire dalla sua casa in fiamme, ma nel mentre Robert Csorba e suo figlio furono colpiti a morte dalle pallottole. La moglie di Robert e altri due bambini furono seriamente feriti, oltre naturalmente a patire traumi emotivi.

Un anno dopo, quando Human Rights First visitò la famiglia, c'era una sensazione che queste morti avrebbero potuto essere evitate. Senza dubbio ci sono stati degli errori: l'ambulanza arrivò più tardi del previsto dopo che il crimine fu commesso. La polizia ed il personale medico furono lenti nel riconoscere il motivo dell'incidente che portò alla loro morte. In aggiunta, la polizia concluse inizialmente che il fuoco era stato causato da un incidente elettrico. Mancarono di indagare su importanti indizi che li avrebbero portati rapidamente ai sospetti.

Questo doppio omicidio non è stato un incidente isolato. Violenze simili hanno colpito la nazione nel 2009, colpendo la comunità rom ungherese di 600.000 membri. Sono stati registrati dozzine di gravi crimini razziali, comprendenti l'uso di fucili, il lancio di molotov o di severi pestaggi.

Sono stati compiuti progressi nell'affrontare il circolo vizioso della violenza e le autorità ungheresi hanno preso misure importanti. Quattro sospetti coinvolti in quelli che vengono chiamati "omicidi seriali" sono stati arrestati l'agosto scorso. Centinaia di investigatori sono stati mobilitati su questi casi. Human Rights First spera che inizi presto il processo e che sia pubblico, così da aiutare a portare un senso di giustizia tra le vittime. Un processo, aperto e nazionale, porterebbe in primo piano al dibattito pubblico della questione della violenza razziale contro i Rom. Le conversazioni potrebbero partire dai politici, esperti sui diritti umani e comunità rom, allo scopo di evitare violenze simili in futuro. I giornalisti potrebbero discutere su come evitare di cadere nei soliti luoghi comuni, quando gli incidenti riportati riguardano i Rom.

Paradossalmente, è incoraggiante il fatto che la polizia abbia recentemente ammesso che siano stati fatti degli errori. Con questa constatazione, c'è più possibilità che i responsabili siano disposti a discutere sulle riforme necessarie alla polizia per evitare il ripetersi degli errori.  Qualche giorno fa - quasi un anno dopo gli omicidi - la polizia nazionale riconobbe che c'era stata una cattiva condotta da parte sua, in risposta al doppio omicidio di Tatárszentgyörgy. Come risultato, sono iniziate procedure interne disciplinari verso due poliziotti per assicurare la responsabilità sulle loro mancanze. Ciò va in qualche maniera nella direzione intrapresa dal governo, che chiede vengano messi in atto meccanismi adeguati per rispondere agli abusi polizieschi.

Detto questo, rimane ancora molto da fare.

In primo luogo, l'addestramento della polizia è un punto centrale nel prevenire violenze a sfondo razziale. Quando questa avviene, la polizia deve usufruire di una buona formazione nel raccogliere le prove, così che l'indagine possa definire correttamente la natura del crimine commesso. Effettivamente, se l'indagine sulla scena del crimine è incompleta e viene ignorato il motivo razziale, il sistema della giustizia non può assicurare la sua piena responsabilità.

Quanti sinora si sono occupati degli assassini seriali sono investigatori di esperienza. Ma la polizia locale è formata adeguatamente nel fare fronte agli avvenimenti a livello base, agli episodi giornalieri di minacce e piccole violenze, che non assumono a fama nazionale? La polizia ha bisogno di adattare i meccanismi di risoluzione dei conflitti ai rispettivi contesti locali. Sarebbe utile che potessero confrontarsi con le loro controparti di altri paesi per arrivare a soluzioni creative. A tale proposito, gli Stati Uniti potrebbero essere di grande aiuto. Allo stesso modo che gli investigatori dell'FBI volarono a Budapest l'estate scorsa per dare assistenza alla polizia ungherese nell'identificare gli assassini seriali, potrebbero radicarsi nel futuro anche altre forme di cooperazione tecnica e di mutui progetti, col supporto del Dipartimento USA alla Giustizia e del Dipartimento di Stato.

Secondariamente, le autorità ungheresi preposte alla legge dovrebbero considerare di compiere sforzi concertati per includere più ungheresi di origine rom nelle unità di polizia [leggi QUI ndr], per rompere il sentimento cognitivo di "noi contro loro" che alimenta le tensioni sociali.

Terzo, quando la polizia commette degli errori, le indagini devono essere effettuate sistematicamente - come nelle deviazione avvenute nel caso degli omicidi Csorba, cosicché ci sia un senso genuino di responsabilità per coloro che ritengono che i loro diritti siano stati violati.

Anche più difficile, ma non una sfida meno importante, è trasformare gli stereotipi anti-Rom profondamente radicati che sono tollerati a molti livelli all'interno della società ungherese - sia nei circoli privati, sia nell'arena politica che nei media. Istvan Serto-Radics, sindaco della città di Uszka  - largamente popolata da residenti rom, ha scritto assieme al professor John Strong di Long Island USA una ricerca, in cui si paragona la difficile situazione dei Rom nell'attuale Ungheria a quella degli Afroamericani nel Mississippi della metà degli anni '60 e '70. Descrivendo i modelli psicologici pregiudicati, dice: "Ci sono diverse ed importanti similarità tra i Rom e gli Afroamericani... stereotipi simili sono frequentemente usati per descriverli. Sono entrambi visti come pigri, proni al crimine, inferiori intellettualmente, emozionalmente immaturi, anche se dotati nella musica". In aggiunta, i problemi strutturali degli alti tassi di disoccupazione, le aree abitative ghettizzate, la discriminazione nella sanità e nell'istruzione, come pure i rapporti tesi con la polizia, sono tutti gli altri fattori che determinano le rassomiglianze storiche. Malgrado ciò, ci sono differenze significative; per esempio la comunità rom non ha mai lottato per acquisire il diritto di voto - partecipano persino attivamente alle elezioni.

Come si inserisce questo turbolento contesto sociale nelle imminenti elezioni nazionali che si terranno ad aprile? Il neofascista partito Jobbik è in buona posizione per ottenere una generosa massa di voti. La sua agenda politica è semplice: militaristica. A parte i crudi discorsi razzisti contro gli Ebrei, chiama all'uso dell'esercito per agire contro i Rom per "restaurare l'ordine" e combattere "il crimine zingaro". La "criminalità zingara" è una nozione problematica filtrata tristemente nel discorso pubblico come concetto tradizionale. Tuttavia, il pubblico sembra afferrarla intuitivamente, mentre il capire l'effetto della violenza razzista è meno condiviso e non sempre accettato. Invero è un problema di micro-criminalità che colpisce una corda sensibile di molti Ungheresi. Tuttavia, l'oltraggio pubblico è ben più forte se un Rom è beccato a rubare, piuttosto di quando viene colpito a morte. La risposta della polizia può riflettere questo, mentre gli attacchi razzisti contro i Rom possono essere benzina gettata sui crimini di cui sono gli esecutori.

I membri della Guardia Ungherese, l'ala paramilitare di Jobbik, sfruttano le legittime paure del crimine. Sono conosciuti per vagare intorno ai villaggi popolati da Rom intimidendoli con violente minacce o aggredendoli. Infatti, Tatárszentgyörgy è uno dei primi posti dove hanno cominciato sfilare dalla loro creazione nell'agosto 2007.

Ecco allora un suggerimento a tutti i democratici in Ungheria che seriamente combattono l'ascesa dell'estremismo nel loro paese mentre incombe la campagna elettorale. Se i cittadini ungheresi si sentissero protetti ugualmente dallo stato, ci sarebbe una migliore probabilità porre freno l'estremismo. Gli elettori di Jobbik [...] stanno rivolgendosi ai bulli neonazisti in cerca di più sicurezza. Nel contempo, i componenti della comunità rom hanno paura di essere insultati, minacciati o assaltati per strada: è tempo che i politici responsabili - e quanti formano l'opinione pubblica - parlino apertamente contro il razzismo, così come lo fanno contro il crimine. E' tempo di essere sicuri che non esiste crimine pari al rubare le vite di Robert Csorba e del suo piccolo figlio.

Follow Human Rights First on Twitter: www.twitter.com/HumanRights1st

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/03/2010 @ 09:42:23, in Italia, visitato 1989 volte)

Segnalazione di Agostino Rota Martir

PisaNotizie Sarebbe stato un corto circuito elettrico a generare le fiamme che hanno distrutto le abitazioni dove vivono 16 persone di cui 10 minori. Fortunatamente non vi è stato alcun ferito. “Abbiamo perso tutto: vestiti, libri di scuola, documenti, i nostri risparmi, mentre le case che sono state costruite rimangono ancora chiuse”. Domattina un incontro presso la Società della Salute tra le famiglie e l'assessore alle politiche sociali Ciccone, per affrontare l'emergenza. [...]

Nella notte tra venerdì e sabato intorno alle 3 della mattina è divampato un terribile incendio in una delle "baracche" del Campo di Coltano e da qui rapidamente si è propagato distruggendone altre due che si trovavano accanto. Le fiamme sono state innescate da un corto circuito elettrico e poi velocemente hanno avvolto le abitazioni.

Per fortuna uno degli abitanti ha sentito un rumore, all'inizio scambiandolo per la pioggia, poi subito dopo l'odore di bruciato. L'uomo si è alzato dal letto dove dormiva con la famiglia e ha visto una delle stanze completamente a fuoco. L'allarme è stato immediato, i genitori e i ragazzi più grandi hanno portato subito i bambini più piccoli fuori dalle baracche. Uno dei capi famiglia, ha avuto la prontezza di chiudere le bombole del gas attaccate alla cucina che non sono esplose.

"E' stata una questione di pochi minuti - ci raccontano ancora sotto schock le famiglie - non siamo riusciti a prendere niente, solo a portare via i bambini".

"Abbiamo perso tutto - racconta una delle bambine - tutti i nostri vestiti, i libri e quaderni di scuola sono andati bruciati. E ora che cosa facciamo? E' stata veramente tanta la paura".

Si tratta complessivamente di 16 persone di cui 10 minori che ora non hanno un tetto: "Anche i nostri risparmi che tenevamo nella baracca sono andati bruciati. Non abbiamo avuto la possibilità neanche di prendere i nostri documenti di identità, i nostri passaporti, che per noi sono un bene preziosissimo".

"Io è dodici anni - ci spiega uno dei signori che vive in una delle baracche bruciate - che vivo qui. Questa notte potevamo morire, e un simile incidente si può anche ripetere, e non è una cosa giusta".

Ancora nella tarda mattinata dalle macerie esce il fumo, e l'odore delle plastiche e degli altri materiali bruciati dal fuoco ti entra nella gola provocando un notevole fastidio. I vigili del fuoco sono intervenuti sul posto per spegnere le fiamme, ora la zona è da bonificare e c'è da trovare una soluzione di emergenza per queste famiglie che non hanno un tetto.

"Stiamo cercando una ditta - spiega uno dei tecnici della Società della Salute che abbiamo trovato sul posto - che invii nella giornata di oggi una ruspa per rimuovere le macerie, e attendiamo risposte dalla Croce Rossa per avere delle strutture mobili dove poter alloggiare queste famiglie. E domattina presso la Società della Salute l'assessore Ciccone comunque incontrerà queste persone per affrontare l'emergenza".

Domenica 28 febbraio le famiglie si recheranno, quindi, in via Saragat alla sede della Società della Salute e avanzeranno le loro richieste: " Chiediamo un container, una roulotte dove poter far stare le nostre famiglie. Ma qui il problema è più grosso: cosa aspettano a darci le case che sono pronte? Manca solo la luce elettrica. Aspettano che muoia qualcuno qui prima di farci entrare dentro quelle case?"

Le case di Coltano potranno ospitare 17 famiglie, ma i nuclei familiari presenti nel campo sono 23 e le abitazioni sono fatte di due o tre vani mentre nella maggior parte dei casi siamo di fronte a nuclei familiari molto numerosi. Negli scorsi mesi è stata attivata dalla Società della Salute una commissione che sta valutando le posizioni di ogni singola famiglia e i requisiti per accedere o meno a queste abitazioni. "Entro la primavera dovremmo essere in grado di assegnare le case - spiegano dalla Società della Salute - visto che ancora occorre ultimare alcuni passaggi. La prossima settimana dovrebbe essere fatto l'atto di cessione dell'area dall'Università al Comune e poi l'Enel potrà iniziare i lavori per portare la corrente elettrica. Nel frattempo la Commissione completerà il suo lavoro".

La rabbia di queste famiglie però è grande: questa notte hanno perso tutto in un incendio, e il loro futuro è incerto, mentre accanto a loro continuano a vedere delle case che rimangono chiuse.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/03/2010 @ 09:54:18, in Regole, visitato 1533 volte)

Da Roma_Francais

Romandie.news Gli Zigani vogliono investire il Consiglio costituzionale contro le discriminazioni

Parigi, 25/02/2010 - L'Unione Francese delle Associazioni Zigane (UFAT), tramite l'avvocato Henri Braun, intende essere una delle prime associazioni ad utilizzare il nuovo diritto di giudizio di consultare il Consiglio costituzionale per chiedere che cessino le "discriminazioni legali" contro gli Zigani.

A partire da il 1° marzo, instaurando la riforma la "questione prioritaria di costituzionalità" permetterà ai giudicabili di contestare una disposizione legislativa già applicata, se pregiudica i diritti e libertà garantiti dalla costituzione.

"Intendiamo attaccare dinanzi al Consiglio costituzionale l'assieme delle leggi discriminatorie riguardanti gli Zigani, come quella del 1969, che ha instaurato i carnet di circolazione per cui  la gens du voyage è obbligata a collegarsi ad un comune ed il fatto che per potere iscriversi negli elenchi elettorali, una persona deve essere collegata ad un comune per tre anni", ha spiegato dott. Braun all'AFP.

L'UFAT, dopo l'espulsione recente di Rom da un terreno privato che occupavano, contesta in particolare il ricorso alla legge per imporre alla gens du voyage di installarsi su un terreno previsto a La Courneuve.

"Lunedì 1 marzo alle 00:01, invierò via fax la mia richiesta alla Corte amministrativa d'appello di Versailles, prima tappa obbligatoria per investire il Consiglio costituzionale, per fare annullare gli articoli 9 e 9-1 previsti dalla legge del 5 marzo 2007, detta di prevenzione della delinquenza, che sono stati applicati dal sotto-prefetto di Saint-Denis ed il sindaco di La Courneuve per espellere i Rom rumeni che non sono affatto gens du voyage", ha confidato l'avvocato.

La legge impone ai grandi comuni la creazione di superfici collettive d'accoglienza per gli itineranti: i due articoli permettono l'espulsione della gens du voyage che verrebbe ad occupare un terreno privato quando è stata realizzata una superficie d'accoglienza.

Il dott. Braun fa valere che “i Rom sono arrivati nei Balcani bel XIII secolo, dove sono stati schiavi sino al 1848: si sono sedentarizzati da tempo, è dunque su un criterio razziale implicito, il fatto che sia gli zigani che i Roum occupanti di La Courneuve sono stati espulsi".

L'UFAT chiama ad una manifestazione per l'uguaglianza dei diritti dinanzi al Castello di Versailles il 1° marzo con caravan e musicisti durante la quale "le galline volate nei secoli saranno restituite", ha annunciato un portavoce, Christophe Daumas.

(©AFP/25 febbraio 2010 16:44)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

segnalazione di Sandro Luciani

Presente a Roma in occasione dell’incontro Europeo organizzato dal Pontificio Consiglio per la Pastorale dei Migranti, l’Orchestra ungherese “Rajko Orchestra”, si esibirà la sera del 2 Marzo nella Basilica di Santa Maria in Trastevere. L’orchestra nota al livello internazionale – ha realizzato esibizioni in India, Australia e Indonesia – è nota per declinare gli incalzanti ritmi della musica zingara con le melodie dell’Est Europa.

Il concerto sarà anche un’occasione per conoscere e approfondire uno degli aspetti più significativi della tradizione culturale zingara.

Concerto della Rajko Orchestra
Martedì 2 marzo 2010
alle ore 18.00
Basilica di Santa Maria in Trastevere
Piazza S. Maria in Trastevere
Roma


Inserendosi nella grande tradizione della musica Tzigana la Rajko Orchestra presenterà un vasto repertorio musicale valorizzando gli strumenti classici di questa tradizione: violini, viole, contrabbassi, pianoforti.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/03/2010 @ 09:46:19, in Italia, visitato 2516 volte)

Segnalazione di Eugenio Viceconte (che consiglia di leggere anche i molti commenti - quelli non li traduco)

Gypsies at the peak
Posted by Ugo Bardi on February 25, 2010 - 10:20am in The Oil Drum: Europe

I Rom (o Rrom) d'Italia sono probabilmente la più povera frazione dei residenti nel paese. Normalmente vivono in campi segregati, in roulotte o in ripari autocostruiti. Soltanto la metà dei 150.000 Rom in Italia sono cittadini italiani; nella maggior parte dei casi, non hanno un lavoro stabile e vivono un'esistenza molto precaria, obiettivi di aperto razzismo. L'immagine di sopra, da Excite Magazine, mostra il campo rom nella periferia di Napoli, a Ponticelli, com'era prima di essere bruciato al suolo da una folla inferocita nel 2008.

Eccomi qui, di fronte all'intera classe. Donne e uomini rom, circa 20 persone; tutti arrivano dal medesimo campo, qui vicino. Sono tra la fine dei 20 e l'inizio dei 30 anni, e sono vestiti per l'occasione. Non che possano permettersi vestiti costosi, naturalmente, ma gli uomini spiccano nel loro abbigliamento informale. Alle donne piace vestire in colori brillanti. Indossano la quasi obbligatoria gonna lunga, così come gli orecchini e le collane. Sembrano molto contente di aver trovato un modo per evadere dalla routine del campo, dove passano il tempo cucinando e badando ai bambini piccoli.

Nei mesi scorsi, un gruppo di insegnanti ha tenuto alcune audizioni a questo gruppo, come parte di un'iniziativa del governo della regione. L'idea era di aiutarli ad ottenere abilità che potessero essere loro utili per trovare un lavoro ed integrarsi meglio nella società. Così, gli abbiamo detto come adoperare una cooperativa, o le finanze personali, della sicurezza sul posto di lavoro, della raccolta e del riciclo dei rifiuti, di agricoltura integrata, come navigare nel web e molto altro. Hanno assorbito con facilità molto di quanto gli abbiamo detto. Dopo averli visti ascoltare attentamente due ore di lezione sul ciclo del carbone biologico e porre in seguito domande intelligenti, ero rimasto impressionato. Così, mi sono detto, perché non il picco del petrolio? Ed eccomi qui.

Raccontare alla gente del picco del petrolio sottintende approcci differenti a seconda dell'interlocutore. Capii molto tempo fa che la maggior parte delle persone non sa leggere nemmeno un semplice grafico cartesiano. I grafici sono un linguaggio e non  l'hanno mai imparato. Se mostrassi loro una curva a campana, vedrebbero una collina o qualche tipo di montagna. Capiranno che è difficile da scalare e facile da discendere. Non è il modo in cui il picco del petrolio dev'essere inteso.

I Rom a cui avrei dovuto parlare erano al punto estremo dello spettro nei termini di cultura. Nessuno degli uomini era andato oltre la terza o la quarta elementare; la maggior parte delle donne non era mai andata a scuola. Gli uomini in qualche maniera sapevano leggere, ma raramente sapevano scrivere, le donne non sapevano né leggere né scrivere. Non leggono giornali o non guardano le notizie alla TV. Amano i film e passano molto del tempo a chiacchierare. E' da queste fonti che attingono la maggior parte di quanto sanno. Sarebbe stata una buona idea spiegargli il picco del petrolio?

La comunicazione non è mai a senso unico. Se voglio che mi capiscano, devo a mia volta capirli. Così, per questa chiacchierata, ho sviluppato una versione estrema della presentazione che darò, sapendo che le persone che mi ascolteranno non sono ai livelli più alti in termine di letteratura scientifica. E' tutta basata su vivide immagini mostrate sullo schermo, fotografie di pozzi di petrolio, ad esempio. Nessun grafico, nessun testo e nessuna cifra. Devo contare sulla mia voce, sulla mia abilità di catturare la loro attenzione.

Così, dico loro del picco del petrolio basato sull'esempio di una persona. Quando nascemmo, dico, eravamo molto piccoli, ma col tempo siamo cresciuti e possiamo fare più cose. Ma tra l'altro invecchiamo. Col tempo, possiamo fare sempre di meno ed, infine, dobbiamo morire. In un certo senso, continuo, col petrolio è la stessa cosa. Quando il petrolio è giovane, ce n'è tanto. Invecchiando, lo usiamo e ce n'è sempre meno. Dobbiamo lavorare di più per poterlo adoperare. E' lo stesso per molte cose che fate - non vi siete accorti che dovete fare più fatica? Mi guardano e annuiscono. Hanno capito il concetto.

 Da qui in avanti, mostro fotografie di campi di petrolio, di raffinerie, di silos e tutto quanto relativo al petrolio. Spiego che la benzina per le loro macchine viene dal greggio (lo sapevano, ma vagamente). Dico che le gomme delle loro macchine pure sono fatte dal greggio (non lo sapevano, e ciò li impressiona). Ho detto loro che occorre il petrolio per alimentare i camion che portano il cibo ai supermarket. Questo ha impressionato le donne; sono loro che si incaricano di preparare il cibo per la famiglia.

Quando parlo ai gadje (i non-Rom) c'è sempre almeno uno del pubblico che si addormenta durante la spiegazione o che chiaramente non ascolta. Ma i Rom sono tutti svegli ed ascoltano. Il messaggio sta passando, posso accorgermene. Gli parlo del futuro, di cosa ci aspetta quando ci sarà meno petrolio disponibile. Ci saranno meno lavoro, meno opportunità, meno denaro e meno cibo. Anche l'assistenza sociale, su cui molti di loro contano per la sopravvivenza, potrà sparire. Saranno tempi duri per tutti. Capiscono perfettamente il problema. Ricordano da dove provengono - l'ex Jugoslavia. Sono abituati ai tempi duri.

A fine chiacchierata, mi fanno delle domande. Quanto costerà la benzina? Dico loro che sicuramente sarà più cara, ma forse che non è quello il problema. Il vero problema sarà trovarla. Lunghe file ai benzinai, molto probabilmente.  Capiscono la questione: apparentemente le cose erano simili nell'ex Jugoslavia. Mi chiedono qual è il tipo migliore di macchina da comperare ed usare. So che non esiste una Mercedes che un Rom non vorrebbe, e quando gli rispondo che dovrebbero comperare una macchina economica che consuma poco, non sono contenti. Mi chiedono cosa dovrebbero fare. Dico che dovrebbero provare ad adattarsi ed essere flessibili. Annuiscono; è una strategia che conoscono molto bene. Alla fine, mi chiedono se nel 2012 ci sarà la fine del mondo. Rido, ridono anche loro. Ma sembrano sollevati: erano un po' preoccupati.

Nei giorni che seguirono, indagai con i lavoratori sociali e con i Rom stessi. Qual era stato l'impatto della mia chiacchierata? Tutti mi dissero che se ne era discusso; che erano rimasti impressionati. Ma non mi aspettavo che succedesse niente ed, infatti, quello fu il risultato. Non è cambiato niente nella vita del campo.

Quando si presente il picco del petrolio a qualcuno della classe media, la reazione può essere di diniego o mobilitazione. Ma raramente si vede gente che lo ha capito e rimane indifferente. Ci sono delle buone ragioni. Se sei della classe media, intravedi chiaramente come il picco del petrolio possa riguardarti. Dipendi da un salario e, se il tuo lavoro svanisce a causa del picco del petrolio, sarai in grave difficoltà. Devi pagare l'ipoteca, il piano di assicurazione sanitaria, l'istruzione per i bambini, e tutto il resto. Il picco del petrolio può distruggerti. Ma, come persona di classe media, puoi pensare a prepararti, che hai risorse di riserva per fare qualcosa. Probabilmente è una cattiva percezione ma può portarti a fare cose come installare pannelli solari, isolare la tua casa, comprare una macchina più piccola, questo tipo di cose. Se, invece, pensi di non avere queste risorse, o non vuoi adoperarle, la tua reazione probabilmente sarà di allontanare il prima possibile questo concetto dalla tua coscienza.

Ma pensate alla vostra situazione se voi foste Rom. Non avete un lavoro stabile; così non potete perderlo. Non possedete una casa, così non potete essere sfrattati. Nessuno vi darà credito, così non sarete mai in debito. Non avete un piano di pensionamento, così contate sui vostri figli per quando sarete vecchi. Dipendete dal welfare, sicuro, ma sapete anche vivere con poco. Infine, vivete in una comunità chiusa, formata da clan familiari. Litigate con vicini e parenti per tutto il tempo ma sapete che in una situazione difficile, se possono vi aiuteranno.

Il picco del petrolio colpirà i Rom, proprio come noi, ma loro hanno l'opportunità di essere abituati a combattere per sopravvivere. In una certa maniera, sono già oltre il picco.

Qualche giorno dopo il mio discorso sul picco del petrolio, un Rom del campo, uno degli uomini sposati, mi ha detto così:

Vede, professore, penso che lei avesse ragione con quella lezione. Sì, ci ha detto che le cose non andranno così bene come prima. Giusto, anche noi l'abbiamo visto. E' quel che sta succedendo. Sa, mi ricordo quando arrivammo qui dalla Jugoslavia. Ero un bambino,; avevo 10 anni ma me lo ricordo bene. Qui allora era differente. Vedevamo molto benessere luci e macchine e case e roba nei supermercati. Proprio così, non avevamo mai visto nulla di simile. In Jugoslavia c'era niente. E così, eravamo molto felici, ma penso che facemmo un grosso errore. Sa, mi ricordo mio nonno. Era un uomo buono, lavorava il metallo, riparava pentole e bacinelle e affilava i coltelli. Così mi disse che dovevo imparare il suo lavoro; ma io non volevo. Ero molto giovane, forse non ero raffinato ma, vede, professore, penso che tutti facemmo lo stesso errore. Molti degli anziani sapevano fare cose, come cantare o suonare, comprare e vendere cavalli. Ma noi ora non lo sappiamo più. Vedemmo qui tutto questo benessere, e pensammo che non c'era più bisogno di lavorare duro. Se c'era tutto quel ben di dio; perché non potevamo averne un po' anche noi? Non volevamo essere ricchi, ne volevamo solo un po' - abbastanza da vivere in pace. E pensammo che sarebbe durato per sempre. Ma, lei ha ragione professore, non durerà per sempre. E ora siamo nei guai.

Lo trovo impeccabile. Non è lo stesso errore che noi facciamo col greggio?

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/03/2010 @ 09:47:47, in Italia, visitato 1423 volte)

Segnalazione di Maria Grazia Dicati

19.02.2010 E' sulla Gazzetta Ufficiale il progetto realizzato dal Dipartimento per le libertà civili e immigrazione per favorire il processo di integrazione della comunità rom

Accrescere le competenze degli assistenti sociali e funzionari di prefetture ed enti locali che si occupano di problematiche sociali sulla comprensione del fenomeno dei Rom, sulla loro storia e cultura ma anche su quegli aspetti collegati quali assistenza socio-sanitaria, sicurezza, scolarità dei minori, legalità.

Sono alcuni degli obiettivi del progetto del Dipartimento libertà civili e immigrazione-Direzione centrale per i diritti civili, la cittadinanza e le minoranze-Area Minoranze storiche e nuove minoranze rivolto alle 4 Regioni dell'Obiettivo Convergenza (Campania, Calabria, Puglia, Sicilia) e, al cui interno, sono state individuate, sulla base dei monitoraggi effettuati 14 province: Napoli, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Bari, Lecce, Foggia, Agrigento, Catania, Palermo, Siracusa e Messina.

Il progetto, il cui costo è di 936.720,00 euro, prevede la realizzazione di corsi di formazione rivolti a funzionari di Prefettura, con la collaborazione degli assistenti sociali del ministero dell'Interno, degli enti locali, nonché rappresentanti dell’associazionismo e mediatori culturali rom. Si intende in questo modo promuovere lo sviluppo di relazioni tra istituzioni, in particolare prefetture, enti locali e realtà dell’associazionismo, favorendo anche l’acquisizione di 'buone prassi', che possano sostenere il processo di integrazione della comunità rom.

Il bando è pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale - 5ª Serie Speciale - Contratti Pubblici n. 20 del 19 febbraio 2010.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/03/2010 @ 09:22:39, in Kumpanija, visitato 1302 volte)

Segnalazione di Cristina Seynabou Sebastiani

Repubblica.it A Jovica Jovic un permesso provvisorio dopo la denuncia di Repubblica di Luca De Vito
Jovica Jovic

Niente più decreto di espulsione per Jovica Jovic, il fisarmonicista rom di fama internazionale fino a poco tempo fa costretto a vivere da clandestino. Dopo che il caso è stato denunciato da "Repubblica" la questura di Roma ha deciso di annullare il decreto e di consegnare a Jovic un permesso provvisorio in attesa di studiare la possibilità di rilasciargliene uno definitivo, garantendogli l´opportunità di spostarsi in Europa (alcuni dei suoi figli vivono in Austria e in Inghilterra).

Lui, ora, è felicissimo: «Finalmente non devo più nascondermi». Con Jovic esultano i membri dell´associazione Terra del Fuoco, dove lui ogni mercoledì insegna fisarmonica cromatica: «È un ottimo risultato - dice Mauro Poletti - ma speriamo con sviluppi positivi: il maestro merita un permesso definitivo».

IL CASO Il musicista in fuga

Nato in Serbia nel 1953 da genitori rom, Jovic si è trasferito in Italia nel 1971. Nella sua carriera è salito sui palchi con artisti come Piero Pelù, Moni Ovadia e Vinicio Capossela. Con la sua famiglia ha vissuto a Rho nel campo nomadi di via Sesia fino al 2007, quando è iniziato il suo calvario. Bloccato all´aeroporto di Roma a causa di un visto non rinnovato è stato rinchiuso in un Cpt, da cui è uscito solo per le sue precarie condizioni di salute e con un decreto di espulsione.

Da quel momento è iniziata una doppia vita: artista in appuntamenti ufficiali da una parte (come quelli al binario 21 nella Giornata della Memoria), clandestino dall´altra. Dopo il servizio su Repubblica, associazioni e personalità si sono mosse in suo aiuto. Da Moni Ovadia a don Gino Rigoldi - che ha pure celebrato il battesimo di Sanela, nuora del musicista - in molti hanno chiesto un intervento delle istituzioni. Venerdì, dopo l´interessamento del ministero dell´Interno, la revoca dell´espulsione. E la fine di un incubo per Jovic.

(02 marzo 2010)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Daniele (del 03/03/2010 @ 09:48:52, in Europa, visitato 1724 volte)

Sotto il ponte

OsservatorioBalcani 02.03.2010 Da Belgrado, scrive Cecilia Ferrara

E' uno dei ponti principali di Belgrado e ora sta cedendo. La storia del ponte Gazela, dei finanziamenti europei per ricostruirlo e soprattutto delle 175 famiglie rom che per anni vi hanno vissuto proprio sotto. Un reportage

Scena 1: Belgrado, 28 gennaio 2009. Il ponte Gazela è chiuso al traffico merci, sono stati scoperti cedimenti nelle travi portanti. Qualsiasi mezzo a 4 ruote evita il ponte e la città si blocca. Il “Gazela most” è l’arteria cittadina che porta a Novi Beograd ma anche un tratto dell’autostrada che porta a Niš, la E70/E75, attualmente una porzione del Corridoio 10. Vi passano oltre 150 mila veicoli al giorno mentre, secondo il progetto iniziale, la capacità era di soli 40mila veicoli.

Il giorno successivo al blocco il ministro delle Infrastrutture, Milutin Mrkonjić, rassicura i cittadini che il ponte è sicuro e che i lavori di ripristino termineranno in pochi giorni: "Si prega di non aumentare la tensione, il ponte non crollerà”.

Nel 2007 è stato firmato un progetto dalla Banca Europea per la ricostruzione (BERD) e dalla Banca europea per gli investimenti (BEI) per la ristrutturazione del ponte ma, secondo le dichiarazioni di Mrkonjić e del sindaco di Belgrado Dragan Đilas, il prestito non arriva perché la BERD non è soddisfatta del progetto di ricollocamento delle famiglie rom che vivevano in un insediamento proprio sotto il ponte.

Il sindaco è infuriato: “Non è una donazione - tuona - ma un prestito e se le condizioni sono queste non le accettiamo”. Đilas proprio non si capacita che tutto il lavoro fatto non gli venga riconosciuto: “Non ci possono chiedere - dice - di avere standard più alti di quelli europei. Il sindaco di Roma 4 giorni fa ha sgomberato dei rom mandandoli a 50 km dal centro città e nessuno di loro certo ne era entusiasta”.

Dopo due settimane di trattative serrate arriva lo sblocco del finanziamento. “La BERD ha condotto accurate valutazioni sul ricollocamento delle famiglie - dice la banca in un comunicato – con la conclusione che nonostante ci siano buoni risultati rimangono ancora problemi di enorme portata”. Il fondo sarà comunque erogato “in via del tutto eccezionale”.

Scena 2: Ada Ciganlija è il lago artificiale di Belgrado, dove d’estate i belgradesi vengono a rilassarsi sui lettini dei bar della spiaggia o a sfrecciare in roller e bicicletta. Sul lato interno di Ada vi è un ampio spiazzo con circa 30 container. Vi abitano alcune delle 175 famiglie che vivevano sotto il ponte Gazela, principalmente rifugiati dal Kosovo.

Foto di Isabella Mancini 

Appena entriamo nel campo arrivano gruppi di bambini che fanno domande, chiedono aiuto e in generale ti prendono platealmente in giro. Cerchiamo di chiedere come stanno qui rispetto a prima. I bambini dicono che qui vanno a scuola e hanno i container ma a Gazela era meglio perché c’erano più bambini e quindi più amici. Incontriamo la famiglia di V. che ha lavorato in Italia per oltre 10 anni, per poi rientrare per sposarsi a Pristina proprio nel 1999 e di conseguenza poco dopo tempo obbligato a fuggire per la guerra. Il container ha due stanze, una riscaldata dove dorme e mangia tutta la famiglia (moglie, 2 bambine e 3 bambini) e l’altra adibita ad ingresso.

“Certo la sistemazione è migliore, però la condizione della mia famiglia è peggiorata – dice V. - a Gazela lavoravo anche senza documenti, raccoglievo cartone e potevamo andare alla chiusura del mercato a raccogliere il cibo che veniva buttato via. Qui siamo troppo lontani dalla città e non abbiamo da mangiare tutti i giorni. Se riuscissi a cambiare la residenza da Pristina potrei avere un lavoro ma essendo di Pristina devo andare a Niš per fare le pratiche per tutta la famiglia e non ho i soldi per il viaggio e i documenti”.

Gazela era un insediamento illegale di rom, era in quella posizione dagli anni ‘80 e si è ampliato sempre di più in seguito alle guerre con l'arrivo di rifugiati rom da Bosnia e Croazia e sfollati dal Kosovo, ma anche con famiglie delle campagne che, impoverite da anni di crisi economica, si sono mosse verso la città. Proprio questo campo rom situato in una zona centralissima dove sono collocati il centro congressi Sava Center, l'Hotel Intercontinental e lo Hayatt - quindi un’importante vetrina per la città - era “il problema” per ogni amministrazione di Belgrado finché lo scorso 31 agosto sono arrivate le ruspe e i ricollocamenti delle 175 famiglie che lì vivevano, 61 a Belgrado e il resto in altre zone della Serbia.

Ad aver creato il collegamento tra le vicende di finanziamento della ristrutturazione del ponte e futuro delle famiglie rom che vi vivevano è stato Zvezdan Kalmar di "CEE Bank Watch” un'Ong che monitora gli investimenti finanziari nei paesi dell’Europa centro-orientale. Non si occupano di rom, ma dell’impatto ambientale dei grandi progetti infrastrutturali della BERD, della BEI e di altre istituzioni finanziarie: in questo caso l’impatto era su un insediamento rom. Bank Watch, tramite un blog (http://outofsight.tv), ha iniziato a monitorare i nuovi insediamenti di Belgrado dove vivono persone provenienti da Gazela: Mladenovac (50 km dalla città), Barajevo (30km), Rakovica e Makis.

“Nel progetto erano previsti 2 milioni di euro della Commissione europea per assistere il ricollocamento dei rom – dice Kalmar – ma c’era bisogno di un "Piano di ricollocamento" che la città e il ministero per il Lavoro e gli Affari sociali avrebbero dovuto realizzare. Ci sono dei precisi criteri internazionali per le “ricollocazioni involontarie” che non sono stati seguiti. Non dubito che per certi aspetti le famiglie stiano meglio ora, ma vi sono ancora problemi, ad esempio per procurare a questa gente i documenti di cui hanno bisogno”.

Per ora le famiglie ricollocate in varie aree attorno a Belgrado potranno risiedere per cinque anni nei nuovi insediamenti e dovrebbero riuscire quindi ad ottenere una residenza, requisito fondamentale per tante pratiche burocratiche: dalla riscossione di un assegno sociale all’iscrizione al servizio sanitario pubblico. “A Belgrado ci sono circa 140 ghetti abitati da rom, il ricollocamento di quello di Gazela avrebbe potuto essere un modello da riproporre, ma l’occasione è stata sprecata”, aggiunge Kalmar.

“Non esiste una stima precisa dei rom presenti in Serbia. Nell’ultimo censimento ufficiale si parla di 108mila, ma è un numero che si discosta molto dalle cifre indicate dalle Ong che arrivano fino a 3-450mila - afferma Giulia di Cristo antropologa che sta conducendo uno studio sulle identità territoriali dei rom nei Balcani in collaborazione con l’Università "La Sapienza" di Roma – tra questi vi sono circa 22.000 sfollati dal Kosovo, ma ad esempio l’UNHCR stima che ci siano altri 23 mila rom fuggiti dal Kosovo che non si sono potuti registrare. Ancora più difficile invece stabilire quanti siano i rom tra i rifugiati di Bosnia, Croazia e Macedonia”.

“La Serbia partecipa alla Decade Rom, un piano di azione del Consiglio d’Europa volto a ridurre gli svantaggi sociali della popolazione rom, ma fra i paesi che partecipano a questo progetto è il quello con più difficoltà”, aggiunge la ricercatrice. “Nel 2008/2009 la Serbia ha presieduto la Decade e tra le sue priorità vi era l'educazione. Il 40-50% dei bambini rom infatti viene mandato in scuole per alunni con bisogni speciali pur non avendo difficoltà reali di apprendimento, mentre nelle scuole pubbliche non c’è un concreto sostegno per i rom. Sono stati fatti dei piccoli progetti di inclusione, dalla formazione di insegnanti rom alla preparazione di un manuale sulla loro cultura, ma spesso non si sono trovati i fondi per proseguirli”, conclude l’antropologa.

Nei prossimi anni è probabile ci si trovi di fronte a nuove problematiche. La Serbia ha sottoscritto un programma d'azione che deriva da un accordo internazionale per la riammissione dei cittadini espulsi dai paesi europei nei paesi di origine. Potrebbe quindi avvenire che di alcune famiglie che il sindaco Alemanno ha sgomberato da Roma se ne dovrà ora prender carico Dragan Đilas, sindaco della capitale serba.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/03/2010 @ 09:03:15, in scuola, visitato 1450 volte)

Segnalazione di Gabriel Segura

HOI.es I gitani più universitari
Guadalupe Fernández e Antonio Vázquez frequentano un master in Navarra
27.02.10 - 00:25 - M. ÁNGELES MORCILLO | MÉRIDA.

Donna, gitana e frequenta un master. Sino a qualche anno fa, queste tre condizioni in una sola persona era qualcosa di impensabile. Nell'attualità, non è soltanto qualcosa di reale, ma, inoltre, la donna viene dalla frontiera. Guadalupe Fernández vive a Mérida. Ha 32 anni, è madre di due figli e, da anni, lavora con la comunità gitana dell'Estremadura. Attualmente lo fa tramite la Fundación Secretariado Gitano. Diplomata in magistero si è impegnata, assieme al suo compagno Antonio Vázquez, a laurearsi in un master dell'Università Pubblica di Navarra.

Guadalupe Fernández e Antonio Vázquez, sul loro posto di lavoro :: BRÍGIDO

Quando finiranno il corso, a maggio, otterranno il titolo di esperti in Intervento Sociale con la Comunità Gitana. Sarà l'equivalente di una certificazione accademica per alunni che non contino studi medi. Per quanti abbiano già un diploma o una laurea, equivarrebbe al titolo di specialista. Prima dovranno preparare un lavoro finale ed assisteranno ad una sessione in Navarra. Qui avranno la possibilità di conoscere di persona tutti i loro compagni di master. Il master sarà certificato con un totale di 30 crediti, 28 di formazione "online" e gli altri due di presenza ai seminari.

Fernández assicura che per loro due è molto importante, non solo il titolo, ma anche il contenuto del master. "Questo significa che si sta professionalizzando il lavoro con i gitani. Credo che sia necessaria una specializzazione per lavorare con questa comunità, perché è un tema complicato e difficile".

L'essere "online" facilita conciliare gli impegni della famiglia, del lavoro, del tempo libero... Anche Antonio, 35 anni, è sposato ed ha quattro bambini. Sua moglie ha un'attività in proprio. Per questo cerca di conciliare tutto con il master, per cui non sono necessari studi superiori. "Anche se costa molto sforzo, frequentare questo master è un'esperienza molto soddisfacente. Crediamo che il fatto che nell'università si parli di gitani sia un'esperienza pioniera e nuova", afferma Fernández.

Materie interessanti

Dicono che la materia che più ha richiamato attenzione è la Storia del Popolo Gitano. "Il suo studio ci ha fatto comprendere molte cose della situazione attuale che vive la comunità gitana in Spagna", affermano.

Istruzione, alloggio, impiego, sanità... Sono questi, secondo loro, i principali problemi attuali della comunità. Inoltre, in un modo o nell'altro, sono tutte relazionate tra loro".

Sono coscienti che, per esempio a Merida, sono ancora pochissimi i gitani che contano studi superiori. Sanno anche di essere gli unici che hanno potuto frequentare un master. Assicurano di sentirsi dei privilegiati per poter frequentare questi studi che apriranno loro più porte al momento di lavorare con quanti sono della loro stessa etnia, che definiscono come "la grande minoranza europea".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/03/2010 @ 09:00:06, in Italia, visitato 1288 volte)

Casa Internazionale delle Donne
Coordinamento donne contro il razzismo

Domenica 7 marzo 2010 Piazza Campo de’ Fiori - dalle ore 11 al tramonto

Primavera antirazzista
VOCI DI DONNE MIGRANTI E CITTADINE

Mostre e libri, stand informativi, spettacoli di cinema, teatro, musica
Saranno presenti le produttrici agricole del Progetto Rea Silvia della Regione Lazio

Programma
Presentazione dell’iniziativa da parte del Coordinamento
Intervento dell’associazione Insieme Zajedno
Intervento di lavoratrici e lavoratori di Rosarno, Ass. Da sud
Campagna per il Nobel alle donne africane
Balli popolari in piazza, a cura dell’ass. Cemea
Pranzo preparato dalle donne della scuola Carlo Pisacane e dell’ass. Asinitas
Campagna Nastri Verdi di sostegno alle lotte delle donne iraniane
Intervento dell’ass. Be Free sul CIE di Ponte Galeria
"RetroviaNapoli"
Canzoni ispirate da donne, Stefania Tarantino (voce), Letizia Pelosi (chitarra)
I bambini di Capoverde : campagna per la ricostruzione della scuola
Intervento ass. Asinitas , proiezione di video
Letture teatrali da Quelle voci dal vuoto ( ed.Jacobelli)
proiezione del video: The Chain of Love (Mamme a catena)
Voci di donne dalla Bolivia
Interventi musicali

Aderiscono le associazioni del Coordinamento Donne contro il razzismo: Assolei, Candelaria, Donne a colori , Donne capoverdiane in Italia, Donne per la pace, Dhuumcatu, Imed, Insieme Zajedno, Le Nove, Madri per Roma città aperta, Monteverde antirazzista, No.Di: I nostri diritti, Spirit Romanesc, Quinoa, Trama di terre. Ed inoltre: Arci, Asinitas, Be free, CGIL di Roma e del Lazio, Coordinamento Donne della CGIL di Roma e del Lazio, Da Sud, Federazione delle Chiese Evangeliche in Italia, Lunaria, Filipino Women’s Council
Saranno distribuiti materiali di documentazione dei Dossier Immigrazione, Caritas/Migrantes

Con il patrocinio della Presidenza della Provincia di Roma

Nessun essere umano è illegale

Dichiariamo la nostra intolleranza al razzismo,la nostra volontà di abbattere muri e frontiere per affermare una cittadinanza globale.
Le politiche razziste sono sempre più pratiche per governare la crisi economica.
In assenza di politiche anticrisi l'unica risposta è la riduzione di libertà e diritti.
Come fermare altrimenti le resistenze se non ingabbiando la società, producendo separazione e odio razziale? Misure che colpiscono in particolare i/le migranti ma riguardano tutti e puntano a dividere e a rompere i rapporti di solidarietà tra le persone, alimentando la paura e rendendo tutti più ricattabili.

Le politiche razziste contro l’immigrazione alimentano e si combinano con nuove forme di razzismo popolare , fondate su stereotipi e pregiudizi contro “lo straniero e il diverso”.
Il risultato è una democrazia dimezzata, perché ogni forma di discriminazione è il contrario della democrazia; vogliono imporci una cittadinanza e quindi anche una società chiusa e esclusiva, in cui tutte, native e migranti, stentiamo a riconoscerci.

In molte lingue – anche l’italiano - i concetti di "straniero", "strano" ed "estraneo" hanno la stessa radice linguistica. Oggi come ieri "lo straniero - l'estraneo" è chi non rientra in quei parametri di "normalità" che qualcuno ieri come oggi ha stabilito.
Noi ci sentiamo straniere in questo Paese dove siamo nate, perché ci sentiamo estranee a tutto ciò che oggi questo Paese vuol rappresentare.

Dichiariamo ancora che finché ci sarà il sessismo ci sarà anche il razzismo: anzi, è proprio il sessismo che ha aperto la strada al razzismo, rendendolo ovvio, naturale: ambedue sono ideologie discriminatorie costruite sul corpo che esprimono il sistema di potere che governa le relazioni tra maschi e femmine, tra bianchi e neri.
L’intreccio tra sessismo e razzismo dimostra come si rafforzino a vicenda utilizzando l’uno gli strumenti dell’altro.

Le donne sono state usate per dichiarare guerra ai migranti e i migranti, a loro volta, sono stati usati per chiarire che le donne italiane appartengono agli uomini italiani. I maschi italiani ne sono usciti senza macchia, sdoganati - al solito - come “brava gente”: il mostro è fuori di noi, il mostro è l’altro.

In questi anni abbiamo lavorato in tante, per aprire il nostro paese al mondo e alle tante diversità. Il nostro stare insieme, ciascuna con la propria soggettività, rielaborando insieme il nostro essere nate in Italia o altrove, le nostre esperienze migratorie o le nostre differenze, è già un condividere, un’alternativa allo svilupparsi di un nuovo razzismo.

E’ ora di alzare le voci di tutte contro le politiche e le retoriche razziste, contro la precarizzazione delle vite.

Coordinamento donne contro il razzismo

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


30/10/2020 @ 19:59:29
script eseguito in 157 ms

 

Immagine
 3 febbraio 2011: benvenuti a Milano... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1874 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
20/10/2020 @ 08:03:13
Di FRANCO
LEGGI UN MOMENTO QUESTA OFFERTA DI PRESTITO .... O...
07/10/2020 @ 20:34:53
Di Alesi Gallo
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source