Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 23/08/2008 @ 09:13:43, in Kumpanija, visitato 1492 volte)

Un altro racconto breve di Iryna Chumakova

Il giovane leghista di trent’anni posa sorridente ed impettito insieme con la sua donna davanti alla telecamera, con orgoglio sa di apparire in una delle più quotate tv locali, rigorosamente della Lega. In paese parleranno tutti di lui che ha partecipato all’ormai leggendaria manifestazione di Pontida, allestendo un piccolo gazebo. Una sorta di sfida tra i vari gruppi partecipanti, ogni gruppo vuol far vedere di essere valido, sia in politica, sia nel commercio sia nell’azione… parlano del volantinaggio di domani davanti a tutte le scuole della Padania, per sostenere la disuguaglianza sociale tra un cittadino Padano e un cittadino del sud, e anche per cacciare via questi folli immigrati clandestini che attentano alla sua incolumità.

"Oggi – dice davanti la telecamera - queste nuove generazioni di giovani sentono molto di più sulla propria pelle le problematiche di immigrazione, di sicurezza e vogliono vivere nella propria terra senza la paura di essere rapinati da extracomunitari che, nascosti sotto la cosiddetta "integrazione", cercando di fregarti. No... basta! lo dobbiamo impedire a tutti i costi.

la Lega è tornata di moda, ha successo tra i giovani per la comunanza di linguaggio, di mentalità, di azione. La Lega Nord è una confederazione di più movimenti politici autonomisti che attualmente ripropone il progetto di uno Stato federale e si batte per l'attuazione di norme più severe per contrastare l'integralismo islamico; enfatizza anche la lotta all'immigrazione clandestina."

Il giovane continua a parlare con maggiore tracotanza, ma all’improvviso cade a terra privo di sensi. La sua malattia, dovuta ad una malformazione del cuore congenita, ha avuto la prevalenza.

Trasportato di corsa in ospedale risulta subito un caso disperato… occorre un trapianto del cuore; lo sapeva e aspettava da tempo la disponibilità dell’organo.

…Intanto l’unico genitore in vita di Niko, ha dato il via libera alla donazione degli organi del figlio, morto proprio quella mattina in una strada lì vicina. Niko è un Rom, di una comunità Sinti, lombarda.

"Credo che la donazioni di organi - conclude il padre fra il pianto - rappresenti un'espressione di altissima solidarietà , mio figlio sarebbe d’accordo."

Dopo l’operazione riuscitissima ed una breve convalescenza, il giovane leghista torna a vivere, compra un mazzo di rose bianche e si reca al cimitero, curioso di conoscere il benefattore. Apprende cosi la verità, lascia i fiori nella tomba e torna a casa piangendo… finalmente un "cuore nero" continuerà a battere sotto la sua camicia verde.

IRYNA CHUMAKOVA

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/08/2008 @ 18:20:43, in Kumpanija, visitato 2082 volte)

Ciao invio un articolo su Bruno Morelli, rom abruzzese, socio della "Federazione Rom e Sinti Insieme"
Maria Grazia Dicati

da Il Messaggero
di PINO VERI

AVEZZANO - Non poteva non esserci un rom di Avezzano nella "Federazione" costituitasi al Ministero degli Interni quale organo consultivo per decidere i nuovi rapporti tra rom e sinti (le due entie zingare esistenti in Italia) ed il Governo, alla luce delle recentissime raccomandazioni dell’Europa sulla vicenda.

Non poteva non esserci dal momento che i rom ad Avezzano costituiscono una nutrita "colonia" da tempo inseritasi nel tessuto marsicano, ed in stretto contatto con le altre famiglie abruzzesi e romane.

Si tratta di Bruno Morelli, 49 anni, una maturità artistica conseguita a Roma al liceo e poi la laurea in Belle arti. E’ tornato in Abruzzo per le ferie ma, fino a ieri, è stato impegnato su più fronti: "Abbiamo lavorato a lungo assieme ai tecnici del Ministero. E devo dire di aver trovato la massima disponibilità. Dei rom sanno poco: abbiamo parlato di istruzione, di sanità, di casa. Non sono l’unico abruzzese, ce ne sono altri tre o quattro, ma, insomma, devo dire che si tratta di un confronto abbastanza serrato".

Morelli parla dell’Europa, delle raccomandazioni fatte al Governo italiano di non isolare questa comunità e dello sforzo reciproco per far si che questo non accada. Stupendo ed affascinante il suo mondo. Morelli vive tra Avezzano e Roma: in Marsica ha il suo studio nel quale dipinge.

Quadri stupendi, opere di un fascino coloristico assolutamente ineguagliabile. E l’ambiente? Tipicamente zingaro: una casa rigorosamente in periferia, fuori, abbastanza curata ma, dentro, quasi una reggia. Principesca e coloratissima: nulla di eccezionalmente ricco ma arredata con gusto da opere d’arte (sculture e quadri) di evidente ispirazione zingara.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/08/2008 @ 12:41:27, in Italia, visitato 1284 volte)

Ricevo da Agostino Rota Martir

Alzati gli occhi verso i loro elettori, Gasparri e Giovanardi così predicavano:

Beati voi ricchi, perché finalmente è ormai nostro il Regno dell'impunità e dell'affarismo.

Beati voi che ora siete sazi,
perché ora più nessuno potrà criticare o fermare la nostra abbondanza.

Beati voi che ora beatamente banchettate,
perché saranno altri a piangere e a dover tirare la cinghia.

Beati voi quando gli uomini ci ammirano e quando ci esalteranno adulandoci e i nostri avversari saranno visti come scellerati, a causa della nostra propaganda.

Ma guai a voi, poveri, vi dichiariamo guerra,
perché ora avrete ciò che vi meritate: la smetterete di rovistare nei cassonetti...sarete finalmente identificati e multati!

Guai a voi affamati perché non potrete più infastidire la gente per bene mendicando ai semafori delle nostre ricche città, vi denunceremo e poi prenderemo i vostri figli.

Guai a coloro che vivono piagnucolando le loro miserie, perché saranno consolati dall'esercito che proteggerà la giusta quiete delle nostre città e per il loro bene prenderemo le loro impronte.

Guai coloro che oseranno parlare male di noi, che siamo i nuovi messaggeri della vera divina Provvidenza, perché i nostri guardiani dell'ordine non permetteranno più che falsi profeti disturbino la sicurezza della nostra patria e si permetta di mettere in dubbio i nostri valori cristiani occidentali.
Meriteranno la sorte degli antichi profeti, come fecero i nostri padri verso costoro.

(dal vangelo della casa della libertà)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/08/2008 @ 09:15:01, in Europa, visitato 1514 volte)

Da British_Roma

MigrantInfoSource - La Situazione della Comunità Rom di Glasgow

Di fronte a durezze, razzismo e discriminazioni crescenti nell'Europa Centrale ed Orientale dopo la caduta dei regimi socialisti, i Rom sono fuggiti in gran numero da una situazione che peggiorava, prima come richiedenti asilo e poi, dal maggio 2004, come "nuovi" cittadini di un'Unione Europea allargata. D'altro canto, sono stati incrociati da una nuova ondata di attitudini anti-Rom emergenti nell'Europa Occidentale, sottolineata dalla speculazione dei media sulle conseguenze, reali ed immaginarie, di un'immigrazione su larga scala dei Rom dall'Est.

"Sproporzionalmente coinvolti da povertà e discriminati nell'impiego, istruzione, sanità, servizi amministrativi e altri, affrontano ostacoli considerevoli nel pieno godimento dei diritti umani e delle libertà fondamentali"

Questo Rapporto riunisce la ricerca sull'esclusione sociale dei gruppi della minoranza Rom in Europa e le loro sfide nel migrare in Europa Occidentale. Si focalizza particolarmente sulla significativa comunità di Rom slovacchi a Govanhill, Glasgow. Lo studio esamina il lavoro dei fornitori di servizio, e guarda ai successi e alle sfide all'interno di una politica più vasta, politiche sociali e contesti culturali.

Università della Scozia Occidentale. Commissionata e fondata dall'Associazione di Cura e Salute della Comunità di Glasgow Sud Est e da Oxfam.

I risultati principali della ricerca:

  • I governi, tanto a livello UK che scozzese, non solo hanno fallito nel giocare la loro parte nella salvaguardia dei diritti dei Rom come gruppo etnico riconosciuto in Europa, ma anche nel promuovere e far crescere la consapevolezza dei diritti dei Rom entro la UK.
  • Molti dei problemi dei Rom provengono dalla loro deliberata esclusione dalla cittadinanza nei paesi UE da cui provengono. Questa esclusione è il risultato di  un razzismo profondo e radicati a tutti i livelli della società.
  • Dato il continuare della persecuzione ed esclusione dei Rom in Slovacchia e Repubblica Ceca, non è illogico vedere i Rom come un gruppo che continua ad essere "spinto" all'estero più che essere "attirato" dalle promesse di impiego.
  • I Rom si trovano principalmente nel lavoro part-time e temporaneo, esclusi dalle principali strutture come risultato dai servizi d'impiego del settore pubblico e dipendono dai "capibanda" per il lavoro e la casa. Come risultato sono spesso incapacitati ad accedere ai benefici come il contratto di lavoro, salario minimo, diritti pensionistici, vacanze pagate, congedo di maternità e congedo pagato di malattia.
  • Riguardo alla casa, i Rom sono particolarmente vulnerabili nella dipendenza del settore privato, causa la loro situazione lavorativa e conseguentemente sperimentano alti affitti, condizioni sotto gli standard e accordi di locazione inesistenti. Questo porta al sovraffollamento dato che le famiglie sono forzate a riunire le loro risorse, sfratti, e rapporti forzati nella comunità come conseguenza di aumentati rumori e spreco.
  • Le barriere nell'accedere ai centri dei servizi sanitari riguardano la lingua e la cultura. Queste barriere impattano sulla capacità dei Rom di registrarsi e sulla loro comprensione dei protocolli come la prenotazione degli appuntamenti. Gli operatori sanitari hanno trovato livelli crescenti di malnutrizione tra i bambini, sovraffollamento e infestazioni, tutti portano a significativi rischi sanitari pubblici.

(English only) Click here to download the report pdf or click here to download the briefing

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/08/2008 @ 00:09:21, in media, visitato 6701 volte)

Contemporaneamente all'articolo dell'Unità di due giorni fa, è uscito anche questo lancio ANSA.

20-AGO-08 18:43
NOMADI: IN VIAGGIO VERSO LA NUOVA FRONTIERA DELLA RETE /ANSA
TANTI I SITI 'FINESTRA' SUL MONDO DI ROM E SINTI (ANSA) - MILANO, 20 AGO - Nomadi del web, nomadi del nuovo millennio. Ormai in disuso la pratica della vita errante, i rom e sinti dell'era di internet viaggiano attraverso la rete con blog, siti internet e portali dedicati. Nel web le diverse comunità si incontrano, parlano, si scambiano informazioni e condividono problemi. Ma soprattutto si fanno conoscere dal mondo che gli ruota attorno, quello che loro stessi definiscono degli "stanziali". Gli italiani che, in modo sempre più intenso negli ultimi mesi, hanno imparato a conoscere i nomadi tramite le pagine di cronaca dei giornali e i tg per i furti di bambini, l'accattonaggio e il rilevamento delle impronte digitali ai minori. Ci pensa il portale Mahalla, specializzato in informazione dal 'mondo nomade', a rovesciare il luogo comune sul popolo romanò, con una sorta di piccolo notiziario sull'Italia e l'Europa. Racconta invece piccole storie quotidiane, legate alla sua provincia, il blog dell'Associazione sinti italiani di Vicenza. "Tutto bene quando siamo in giro per l'estate con le giostre ma quando, durante l'inverno, torniamo a casa e ci rimaniamo per molti mesi, la gente comincia ad avere la paura del 'diverso'", scrive Elvis Ferrari, presidente dell'Associazione sinti italiani. In un altro post, c'é, invece, la storia di Domenico e Rosanna, rom lui e sinta lei, con una figlia che da dieci anni si trova inchiodata al letto in stato di coma e sopravvive grazie alla solidarietà della loro grande famiglia, composta da dieci figli, che vivono grazie alla raccolta dei metalli. Dalle storie difficili ai successi di grandi, piccoli nomadi. Come quella di Michele Di Rocco, il pugile zingaro che ha addirittura difeso i colori dell'Italia alle olimpiadi di Atene. O di Alexian Santino Spinelli, musicista e poeta rom, artista di fama internazionale e, si legge sul suo curriculum sul sito dell'Associazione Thém Romanò, "l'unico rom al mondo con due lauree ed una cattedra universitaria". Partito da una roulotte in un campo di Pietrasanta, infatti, è arrivato, dopo una laurea in lingue e l'altra al Dams all'università di Bologna, a insegnare lingua e Cultura Romaní all'ateneo di Trieste. Tante, poi, le pagine web come 'Sucar Drom', 'O Vurdon' e 'Nevo Drom' dedicate all'approfondimento sulle tematiche di attualità e alle iniziative dei diversi comitati nati per valorizzare la cultura Romanò nella penisola. Facile capire perché, il tema più caldo su cui si spendono tante parole e commenti negli ultimi mesi, sia quello della schedatura delle impronte per i bimbi rom. (ANSA).

PS: per i più esigenti, QUI c'è una versione in portoghese : - )

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/08/2008 @ 14:44:26, in lavoro, visitato 1950 volte)

Mi piacerebbe che pubblicaste un articolo di mia moglie che è giornalista Bielorussa e scrive per varie testate locali qui a Messina. Quest'articolo è elaborato da lei sugli ultimi resoconti di medici senza frontiere. Il nome di mia moglie è IRYNA CHUMAKOVA.
grazie NICOLA PAVIA

Chi accoglie uno straniero accoglie un angelo

Una delle cose che amavo di più fare all’alba sin da piccolo, era quella di passeggiare per la lunga e bianca spiaggia del mio villaggio, Nungua Beach, sulle coste del Ghana.

Stavo ore ad osservare le lente onde del mare del Golfo di Guinea immaginandomi un futuro provetto pescatore, mentre il vento caldo mi accarezzava il volto. Ed è lo stesso vento del sud che ora mi secca la gola mentre alle 4:30 del mattino attendo insieme ad altri venti miei coetanei, tutti immigrati e rigorosamente irregolari, l’arrivo del camioncino che ci sceglierà e farà salire per andare a lavorare. Sono un lavoratore stagionale qui, in un paese sperduto della Sicilia, e so che un ennesima giornata dura e infernale sta per attendermi.

Ho dormito per terra in un cascinale abbandonato in aperta campagna con altri quattro immigrati, di cui non so neanche il nome ed in silenzio ci siamo recati all’alba all’appuntamento. Il camion arrivò, noi saltammo su sempre in silenzio, posizionandoci sul retro, e aspettammo la partenza con lo sguardo sempre rivolto a terra.

Arrivati a destinazione, ognuno di noi scese velocemente avviandosi presso la serra più grande, dove già, come sempre ogni mattina, avevano sparso i vari pesticidi; ce ne accorgemmo perché gli occhi cominciarono a bruciare, e le mani si arrossavano ogni volta che raccoglievamo i pomodori .

Il tempo scorreva e il sole cominciava a bruciare ma sapevamo che non avremmo visto acqua fino al pomeriggio, vietato fermarsi. I container lentamente si riempiono mentre i polmoni bruciano per l’aria acida, la fine della giornata ed il riposo era lontano, avremmo continuato così fino alle 19 di sera con un piccolo stacco alle 13. La paga è sempre quella, circa 16 o 20 euro al giorno, ma arriva sempre alla fine del mese e a volte si aspettano anche due mesi. Il Caporale, cosi si chiama il capo squadra, oggi è in giornata sì, ha distribuito una razione di acqua doppia, e mentre beviamo, il mio compagno di fila si piega in avanti gridando dal dolore. Il caporale imprecando fa segno ad altri due tizi a bordo coltivazione e così il poveretto viene caricato in macchina e portato via. Verrà sicuramente abbandonato davanti un posto di guardia medica per non avere guai, lui non ha i documenti.

Arriva così il fatidico fischio di fine lavoro, una vera liberazione. I padroni se ne vanno e noi ci incamminiamo come zombi verso una Masseria distante dì lì a poco. Senza acqua né luce, senza viveri e senza coperte, ci sono solo tre materassi luridi e consumati, e noi siamo in 10…

Per i servizi igienici si va in fondo alle scale, al buio, in mezzo allo sporco ed al puzzo incredibile, in silenzio. Qualcuno esce un pezzo di pane rancido, un altro è riuscito a nascondere tre pomodori nelle mutande. Stabiliamo i turni per utilizzare tre alla volta il materasso e l’odore pungente della stalla dietro, nasconde l’odore dei nostri corpi. È pericoloso uscire la notte, ci sono i ragazzi Italiani che possono menarti con bottiglie di vetro insultandoti. La stanchezza ha finalmente il sopravvento, e gli occhi si chiudono e nella notte mi ritrovo bambino, un bambino che sogna: "sicuramente da grande sarò un bravo pescatore".

I dati sono stati presi dai resoconti annuali del gruppo onlus Medici Senza Frontiere.

Iryna Chumakova

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/08/2008 @ 10:50:31, in media, visitato 1434 volte)

TEATRO E DANZA

La complessa realta' degli zingari che vivono in Italia, in particolare in Puglia, è al centro del documentario "Japigia Gagi" che il regista Giovanni Princigalli ha presentato all’Istituto italiano di cultura di Buenos Aires.

Questo lavoro, ha indicato l’autore che era presente alla proiezione, ha partecipato al 19/o Incontro di arte e cultura del "Mercosur" a Eldorado (Argentina settentrionale).

"Jaipigia Gagi" è in sostanza un lavoro di "esplorazione" della comunità Rom di Jaipigia, a Bari, che ha permesso di approfondire una cultura di cui si parla molto, soprattutto per motivi legati alla sicurezza, ma di cui si conosce molto poco.

Il regista la racconta attraverso il punto di vista di quattro suoi membri, una ragazza di 17 anni rinchiusa in un istituto per minori che vuole tornare a casa dai genitori, un’adolescente che sogna di fare la modella, una bambina di undici anni che si rifiuta di andare a scuola perché vuole continuare a fare compagnia alla madre che chiede l’elemosina ai semafori e un uomo di 35 anni che aspetta che arrivi la figlia dalla Romania.

Princigalli, autore anche di Gli Errori Belli (2007) che tratta dei figli degli emigranti italiani in America che vogliono imparare la lingua dei genitori, ha vissuto in stretto contatto con gli abitanti di Jaipigia per oltre un anno. L'intento del documentario, ha precisato, è quello di "andare oltre la figura del rom che sta al semaforo, senza inseguire visioni romantiche e stereotipate".

Il film ha partecipato a oltre 40 concorsi internazionali, ricevendo numerosi premi.

20/8/2008

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/08/2008 @ 09:21:54, in Kumpanija, visitato 1383 volte)

Da Mundo_Gitano

ELTIEMPO.COM vida de hoy I bambini gitani in Colombia convivono tra la modernità ed i loro costumi ancestrali Por: JOSÉ ALBERTO MOJICA P.

Foto: Claudia Rubio / EL TIEMPO Nella casa di Geraldín, in un quartiere della zona 3 a ovest di Bogotá, vivono 23 persone. Suo papà è un artigiano del rame

A Bogotá passano inosservati perché sono immersi nella società. Dicono che qui stanno meglio che in altri paesi dove sono perseguiti. Cronaca

"Sì, sono Gitana", confessò Geraldín Gómez davanti ai suoi compagni di classe, quando un'insegnante le chiese se era vero quello che si commentava nella scuola, Questo successe appena un mese fa.

"Non l'avevo detto prima perché, anche se non è un segreto, non è neanche da raccontare a tutti", dice la ragazza, 12 anni, studente di quinta della primaria.

Le sue amiche, stupite, le chiedono con curiosità se vive nelle tende, come mostrano le telenovelas e le pellicole, e poi le han chiesto di leggerle la mano.

Anche se ha ereditato le tradizioni della sua cultura millenaria dai suoi genitori e dai nonno, e domina la lingua del popolo Rom, la chiromanzia non le piace. Di più, chiarisce che si tratta di arte con cui si nasce e che lei non possiede.

Geraldín è quasi una donna, di più: una bella donna. E questo preoccupa sua padre, un uomo forte che, come la maggioranza dei maschi Gitani, si guadagna la vita come artigiano del rame.

E' uso sposarsi a 15 anni

In casa sua, dove vivono 23 persone, in un quartiere della zona 3 a ovest di Bogotá, condivide una stanza con fratelli e genitori.

Per l'età e la bellezza di Geraldín, il padre confessa di pensare di ritirarla da scuola. "Lo studio va bene, però fuori, con i 'gadzhe' (non Gitani), può perdere le sue tradizioni. Inoltre, è quasi una donna e gli uomini possono infastidirla", sostiene.

E oltre al futuro, che spera per sua figlia, come comandano le leggi del popolo Rom, è che a 15 anni abbia già una famiglia, con un uomo della sua comunità.

Però lei, come in molti di questi tempi, la pensa diversamente. E questo, secondo Dalila Gómez, Coordinatrice Generale del Processo Organizzativo del Popolo Rom di Colombia (PRORROM) - che cerca di garantire i diritti collettivi del suo popolo - si è convertito in un problema.

"Anche se hanno ereditato l'idioma ed i costumi, è impossibile pretendere che siano uguali ai Gitani di altre epoche. Vivono una dualità: tra il mistico ed il mondo contemporaneo", sostiene Dalila, una delle poche Gitane in Colombia che hanno una professione precisa. E' ingegnere industriale e lavora per lo Stato.

Ha dovuto confrontarsi coi suoi genitori e con tutta la comunità quando decise che, invece di sposarsi così giovane, voleva studiare.

Oggi non è solo la leader più visibile del popolo Rom nel paese, ma si è convertita in un modello per i giovani.

Il suo mondo è il moderno

Dalila aggiunge che, da circa due decadi, i bimbi Gitani non hanno vissuto la vita itinerante dei loro antenati, che il tema della chiromanzia e dell'artigianato non li emoziona, e che le tendenze attuali come la musica e Internet sono parte della loro quotidianità.

Nonostante, Geraldín afferma che i bimbi Gitani in Colombia sono fortunati, rispetto ai loro coetanei in Europa.

Da poco, si è interessata alle notizie dall'Italia dove si è generata una polemica sulla proposta del Governo di questo paese di prendere le impronte digitali ai bambini di questa etnia al fine di evitare che mendichino.

Ed ha saputo anche che due bambine Gitane sono morte affogate in una spiaggia italiana, di fronte allo sguardo indifferente dei turisti. "Questo è inumano, e assurdo. Siamo persone come le altre, non una piaga come molti ci vedono", dice.

Geraldín rispetta le intenzioni di suo padre, però spera che comprenda che i tempi sono cambiati e che lei può ottenere una professione senza smettere di essere Gitana, come ha fatto Dalila, sua zia. Tanto che vuole montare una propria accademia di danza ed essere cantante, mentre va all'università.

"Nessuno sa cosa può succedere col futuro della bimba, però io l'appoggio. Voglio che studi e abbia una vita migliore. Essere Gitano, andare da un posto all'altro, non avere nulla, è molto difficile", dice sua madre, Miryam.

Geraldín sa che ha davanti una lotta ferrea col suo destino. Non vuole ripetere la storia di sua madre, vuole diventare un professionista, senza smettere di essere una buona Gitana.

"Il futuro per i Gitani non esiste. Il futuro è oggi e ora. Aspettiamo di vedere cosa succede quando arriva il momento di decidere", dice.

Qui vivono in 5.000

In Colombia, secondo il censimento del 2005, vivono circa 5.000 gitani. Di questi, 1.446 sono minori. Sono considerati come etnia dallo Stato dal 1998.

Gli uomini vivono del commercio informale, dell'artigianato dei metalli e del rame e della riparazione di macchine pesanti. Le donne si dedicano alla chiromanzia, al cucito ed alla cura della casa.

I gitani sono originari del nord dell'India. La loro presenza in Colombia iniziò nel XIX secolo. Arrivarono in America Latina col terzo viaggio di Colombo.

Bogotá, D.C., 16 de agosto de 2008. Redacción Vida de Hoy. El Tiempo.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/08/2008 @ 18:46:02, in media, visitato 6857 volte)

Chi segue i blog, sa che ce ne sono altri, oltre a quelli citati.
Ciao Maria Grazia

Rom e Sinti nomadi virtuali - di Alessia Grossi sull'Unità

"Dal falò alla Rete". Questo è il titolo di uno dei tantissimi post inseriti in uno dei siti delle comunità Rom Sinti e Kalè in Italia e nel mondo. A parlare della propria storia, della storia dei propri passi e del difficile cammino verso l'integrazione nei paesi d'approdo sono proprio loro. I nomadi, i gitani, gli zingari, comunità una volta viandanti oggi sempre più stabili e alla ricerca di uno spazio integrato. Sul web scrivono, si informano e si ritrovano virtualmente dopo secoli di cammino. I luoghi sono quelli di tutti i cybernauti: blog, siti dedicati e in questo caso completi di mappe virtuali.

Le più note finestre sulla comunità online del popolo nomade - oltre a quello della Federazione Rom e Sinti insieme - sono "Mahalla" che raccoglie le comunità Sinti, Rom e Kalè da tutto il mondo e "Sucar Drom" dove la foto sotto l'apertura - uno striscione con su scritto: "Non vi vogliamo vi odiamo" - augura a tutti buone vacanze. C'è poi il sito dell'Unione del Popolo Gitano, organizzazione riconosciuta dalle Nazioni Unite che raccoglie le notizie sui gitani in tutto il mondo.

Ma la comunità raccoglie siti di tutti i tipi. Portali della cultura Rom e Sinti come "Bjoco" o "Vurdòn" dove la cultura si incontra con la storia, quella più cruenta. Così ad aprire il sito è il "manifesto sulla purezza della razza" pubblicato settant'anni fa, quello da cui scaturirono le leggi razziali. Sotto al link del testo la petizione contro la schedatura voluta da Maroni e la ormai celebre fotografia della bimba rom che dà un dito per il ministro dell'Interno italiano.

Ma quella creata in Rete - cronaca a parte - è una nuova idea di comunità collegata non dai lunghi cammini e secolari spostamenti ma da una capillare mappatura di siti, link e post che si richiamano tra loro. E se li apri ti si apre una mappa di collegamenti. Dalla comunità Rom passi a quella Sinti, a blog singoli, tutti legati dalla nuova frontiera del nomadismo. Sul sito di Mahalla c'è una mappa virtuale, ad esempio, che ti permette di vedere gli appartenenti alla comunità in tutto il mondo. Dall'Australia alla Colombia, dal Canada alla Finlandia. Ad ogni omino virtuale corrisponde un nomade vero che così può facilmente tenersi in contatto senza troppi spostamenti.

È una nuova idea di comunità, insomma, non legata solo alle tradizioni e alla difesa gelosa delle appartenenze ma anche di un territorio di riscatto e di integrazione con un mondo che nutre diffidenza e timore nei loro confronti. Pagine che trasmettono storie, problemi, testimonianze di una cultura di migrazioni che dura da più di cinque secoli. Ma che sanno anche raccontare piccole, buone notizie come quelle dei tanti rom e sinti che sono riusciti a diventare importanti artisti, musicisti, sportivi ed esponenti della cultura nel nostro paese.

Peccato che per ora resti ancora aperto l'interrogativo dell'articolo con cui apre Mahalla, ripreso da The Guardian: "Perché gli italiani ci odiano?".

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/08/2008 @ 15:55:04, in Italia, visitato 1470 volte)

Ricevo da Roberto Malini

COMUNICATO STAMPA - 19 agosto2008

Oggi, martedì 19 agosto, intorno alle ore 15, a Pesaro, di fronte al teatro Rossini, davanti alla gelateria "Lo Zio Marco" il giovane Ionut Grancea, 17nne Rom romeno, fratello dell'attivista Rom del Gruppo EveryOne Nico Grancea , è stato aggredito da un italiano mentre chiedeva l'elemosina di fronte al locale.

Il ragazzo è stato avvicinato dall'uomo, sui 35 anni, che, uscendo dalla gelateria, lo apostrofava con parole minacciose: "vattene subito di qui!". "Ho risposto che non stavo facendo niente di male, che sono povero e sono costretto a mendicare per sopravvivere" è riuscito a raccontare in preda al panico il giovane Ionut agli attivisti del Gruppo EveryOne che lo hanno soccorso. "Mi ha detto ‘vattene o ti brucio vivo". Alla minaccia, è seguito un violento pugno all'altezza della tempia sinistra e un breve inseguimento, con l'obiettivo di pestare a sangue il giovane.

"E' l'ennesimo, vergognoso episodio di violenza razzista che si verifica in Italia" commentano Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, i leader del Gruppo EveryOne. "Negli ultimi tempi, fra Rimini, Pesaro e Fano si sono verificati gravissimi episodi di intolleranza razziale mai stigmatizzati dalle Istituzioni locali: il pestaggio di una ragazzina Rom incinta sulla passeggiata, di fronte a decine di italiani indifferenti; un giovanissimo Rom romeno schiaffeggiato, insultato e minacciato da razzisti italiani, sempre davanti a testimoni senza alcuna volontà di difenderlo; l'attivista Nico Grancea, membro del nostro Gruppo, minacciato di morte. E' necessario che le istituzioni, le autorità e la stampa locale assumano una posizione forte e smettano di voltare la faccia dall'altra parte di fronte ad azioni che ci riportano agli anni dei manganelli e dell'olio di ricino" continuano i rappresentanti di EveryOne. "Nessuno dei tanti che gustavano il loro gelato mentre Ionut veniva preso a pugni ha mosso un dito per fermare l'aggressore, né si è alzato dal proprio tavolo per soccorrere il ragazzo: la gente continuava indifferente a conversare, come niente fosse, e questo è un particolare ancora più raccapricciante".

Dopo l'intervento dei Carabinieri, che hanno identificato l'aggressore, rilevandone i dati grazie alla segnalazione della famiglia del ragazzo aggredito, Ionut è stato condotto al pronto soccorso dell'Ospedale San Salvatore dolorante, in preda a vertigini e in forte stato confusionale: per lui un "trauma contusivo della guancia e della regione zigomatica sinistra con arrossamento abraso, dolore e vertigini a seguito di percossa" e 5 giorni di prognosi.

"La città di Pesaro deve ritrovare il suo spirito democratico e accogliente", proseguono gli attivisti "perché nonostante le lodevoli promesse del sindaco Luca Ceriscioli relative all'avvio urgente di un programma di integrazione e sostegno, finora la piccola comunità Rom romena che vive in città ha subito ogni genere di vessazione e umiliazione e vive tuttora in condizioni di povertà ed emarginazione gravissime, nonostante la commissione del Parlamento Europeo in visita ai campi Rom d'Italia abbia scelto i suoi membri quali esempi della condizione di persecuzione cui è soggetto il popolo Rom nel nostro Paese. Oltretutto" affermano ancora Malini, Pegoraro e Picciau "è stato comunicato dalle autorità alle famiglie Rom di Pesaro che a fine agosto, contraddicendo le promesse del sindaco, verranno messe in mezzo alla strada. Ebbene, in quelle famiglie vi sono donne e uomini sofferenti di gravi patologie oncologiche e cardiache, bambini anche di pochi giorni e persone in condizioni di grave denutrizione. Questo sgombero contro cui il nostro gruppo si oppone con indignazione causerebbe un'ulteriore tragedia e un'ulteriore dimostrazione di natura xenofobica di fronte alla quale il sindaco Luca Ceriscioli non può restare indifferente. Ricordiamo" concludono "che la Questura della città di Pesaro ha affisso per le strade della città marchigiana, e nelle botteghe, locandine che ricordano gli anni delle leggi razziali. Una di queste locandine invita la cittadinanza a chiamare le autorità nel caso vedano per le strade nomadi. Questo in contravvenzione delle direttive del Parlamento Europeo, della Costituzione italiana e delle convenzioni internazionali che proteggono i diritti dei popoli e tutelano i diritti umani".

Il Gruppo EveryOne porterà all'attenzione immediata della Commissione Europea, del Parlamento Europeo e del Consiglio UE, il grado di indifferenza, approssimazione e negligenza con cui spesso autorità e istituzioni locali italiane reagiscono di fronte a episodi di matrice puramente razzista, lesivi dei diritti fondamentali e della dignità dell'individuo, come quello di oggi, e nel frattempo invita il sindaco Ceriscioli a condannare pubblicamente il gesto, esprimendo solidarietà al ragazzo e a tutta la comunità Rom colpita".

Per ulteriori informazioni:
Gruppo EveryOne
Tel: (+ 39) 334-8429527 – (+ 39) 331-3585406
www.everyonegroup.com :: info@everyonegroup.com

PS: Su Il Resto del Carlino

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


17/11/2019 @ 09:09:33
script eseguito in 159 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 1389 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source