Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Richiediamo chiarezza. Di Rom si parla poco e male, anche quando il tema delle notizie non è "apertamente" razzista o pietista, le notizie sono piene di errori sui nomi e sulle località

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Sucar Drom (del 06/12/2008 @ 12:14:31, in blog, visitato 1372 volte)

Roma, i romeni contro la Badescu
Si vota anche in Italia per le elezioni politiche in Romania e a uno dei seggi allestiti a Roma per il voto scoppia un caso tra Ramona Badescu, delegata del sindaco Gianni Alemanno per i ra...

Cassazione, bimbo rom chiede elemosina? Non è schiavitù
Non può essere contestato il reato di riduzione in schiavitù alla mamma rom che porta suo figlio, per una parte della giornata, a chiedere l'elemosina per strada. Lo si evince da una sentenza con cui la Cassazione ha ann...

Maroni ai sindaci: "Vietate l'elemosina"
Madri rom con figli al seguito che mendicano nelle città italiane. Tollerarle o provare a toglierle dalle strade con specifiche ordinanze antiaccattonaggio? Il dibattito si riaccende dopo la sentenza della Cassazione che ha annullato la condanna in...

Il "manghel" dei bambini rom e sinti
La Cassazione ha annullato una sentenza della Corte d’Appello di Napoli che aveva condannato una madre rom scoperta a fare accattonaggio con il figlio, immediatamente sono arrivate le critiche di chi è convinto che quando si tratta di Rom e Sinti qu...

Ue, chi incita al razzismo e alla xenofobia rischia sanzioni penali da 1 a 3 anni
Chi incita al razzismo e alla xenofobia rischia sanzioni penali da 1 a 3 anni. Lo hanno deciso i ministri della Giustizia Ue, che hanno raggiunto un accordo sull'adozione della decisione quadro. Un comunicato del commissario Ue alla giustizia, Jacques Barrot (in foto), spiega che il pr...

Cassazione, sentenza ambigua
Dibattito acceso sulla sentenza della cassazione sul caso della donna rom che chiede l’elemosina insieme ai figli. La sentenza è confortante in un senso ma sconfortante in un altro. E’ confortante perché accusare una persona povera di ridurre in schiavitù i figli mentre chiede l’elemosina è un’aberraz...

Premio Minerva, Viktoria Mohacsi tra le premiate
Oggi, lunedì 1 Dicembre, alle ore 20.30, la Galleria Doria Pamphili di Roma ospiterà la diciannovesima Edizione del Premio Minerva. Il Premio Minerva si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica ed è patrocinato dal Ministero per i Beni e le ...

Il “manghel” dei bambini rom e sinti
Fino al qualche decennio fa, per uscire dalla condizione di povertà e di emarginazione, molti minori italiani “lavoravano” per “aiutare” le loro famiglie e per questo spesso non frequentavano la scuola oppure frequentavano un diverso...

Rapporto ENAR 2007: il razzismo è un fenomeno pervasivo e persistente in tutta l'Unione europea
Le manifestazioni di razzismo in Europa continuano, nonostante qualche progresso in campi come l'educazione e i media. Estremismo e violenza razzista sono in crescita. Sono alcune delle principali conclusioni del Rapporto ENAR 2007 sul razzismo in Europa, presentato...

Napoli, arrestate due persone per i fatti di Ponticelli
Due persone sono state arrestate a Napoli con l'accusa di aver incendiato, devastato e saccheggiato alcuni campi rom nel quartiere Ponticelli lo scorso maggio. Il Gip del Tribunal...

Roma, regalati e regala a Natale un manufatto rom
Per questo Natale pensa ad un regalo originale e solidale: un manufatto rom. L’associazione Insieme Zajedno invita a fare un’esperienza di pace e solidarietà. A Roma dal 6 all’8 dicembre...

Essere Rom o Sinto diventa un reato...
Mentre una recente ricerca dimostra che la «percezione di insicurezza» diminuisce, un giornale nazionale finge di non accorgersene, e cita uno studio vecchio di mesi che dice il contrario. Poi, in un box illustrativo sui «reati che alimentano l’insicurezza», cita la «presenza di Rom e Sint...

Pistoia, l'estraneo fra noi
E' in corso presso la Biblioteca San Giorgio di Pistoia, fino al 13 dicembre, una mostra dal titolo “L'estraneo fra noi- La figura dello zingaro nell'immaginario italiano”...

Roma, quattro milionari a Casilino 900
Una brutta storia rischia di travolgere in Italia migliaia di persone discriminate e segregate nei cosiddetti “campi nomadi”. A quattro persone che vivono a Casilino 900 sono stati sequestrati beni mobili e immobili per un valore di oltre un milione di euro. Un’enormità. Queste quattro persone, Cittadini italiani, non avevano un lavoro ma erano proprietar...

Milano, il trionfo dei diritti umani
Evvai, primavera che muovi i primi passi al freddo e al gelo. Oggi sono stato spettatore e anche comprimario di un grandissimo evento: la chiusura della carovana di Libera in Lombardia, con appuntamento all’università d...

Venezia, continuano le polemiche sul villaggio per i Sinti veneziani
Continua la polemica a Venezia per la realizzazione del villaggio per i Sinti veneziani che da quarant’anni vivono una situazione abitativa drammatica, senza servizi igienici e fognature. Il Consiglio Comunale ha detto no al referendum promosso dal “comitato no campi nomadi nei centri abitati"...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/12/2008 @ 09:02:36, in Regole, visitato 2385 volte)

Segnalazione di Betty Michelini e Cristina Seynabou Sebastiani

Una risposta concreta di fronte al susseguirsi di episodi di discriminazione e violenza.

Il vademecum sarà presentato a operatori e cittadini stranieri martedì 9 dicembre alle 20,00 presso la sede del NAGA in via Zamenhof 7/A a Milano alla presenza della autrici e del servizio legale del NAGA.

Cosa fare e come comportarsi se non si ha il permesso di soggiorno? in caso di fermo, abusi o violenze da parte delle forze dell'ordine? Cosa fare sei si desidera fare una denuncia? se si ha bisogno di andare all'ospedale? se si è subita una violenza sessuale e si desidera denunciare il proprio aggressore? se si è vittima di un incidente sul lavoro?
Per rispondere a queste domande e a molte altre l'Avv. Melissa Mariani e l'Avv. Anna Brambilla, con la collaborazione di diverse realtà associative e attive nell'antirazzismo. hanno redatto il "Vademecum di resistenza al Pacchetto Sicurezza".
"Il vademecum può diventare un ottimo strumento sia da distribuire alle persone che si rivolgono agli operatori nell'ambito dell'immigrazione per renderle consapevoli dei loro diritti e per far emergere segnalazioni, denunce o semplicemente racconti sia da utilizzare dagli operatori stessi noi in caso di violazioni di diritti" affermano l'Avv. Mariani e l'Avv. Brambilla.
"Un breve testo che può essere utilizzato agli sportelli, sulle unità mobili, in tutte le situazioni d'informazione o accoglienza di immigrati e anche all'interno delle comunità straniere stesse, uno strumento che vuole essere anche una risposta concreata di fronte al susseguirsi di episodi di discriminazione e violenza" concludono i referenti del servizio legale del NAGA.

Per maggiori informazioni:
NAGA
02 58 10 25 99
naga@naga.itsosexp@naga.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/12/2008 @ 08:43:18, in Italia, visitato 1149 volte)

Da ChiAmaMilano

Come cresce la G2: una ricerca dell'Ismu sulle nuove generazioni nella società multietnica

Della G2 in Italia si è iniziato a parlare da poco, e purtroppo sull'onda della cronaca, spesso senza distinguere il tema da quello più ampio delle migrazioni, che ha assunto proporzioni consistenti ('preoccupanti' per molti) negli anni '80 e ha raggiunto il culmine mediatico da metà anni '90 in poi: un passaggio così rapido che l'attenzione si è concentrata più sull'onda primo migrante che sulle seconde generazioni, le quali nel frattempo si sono formate, stanno crescendo e hanno un'identità in via di definizione.

Un'indagine dell'Ismu su un campione di 17.225 preadolescenti (11-14 anni) che vivono in Lombardia, tra italiani, stranieri e figli di coppie miste, ha provato a farne un ritratto, per quanto sia possibile dato che si tratta di un fenomeno ancora in formazione. Ne è emerso un quadro composito, che mostra tutte le difficoltà dell'inserimento e del senso di appartenenza ad una nazione che sempre più spesso mostra, anche a livello politico, di rifiutare l'integrazione. Soltanto il 32,6% dei figli di immigrati dice di sentirsi italiano; il 60% delle femmine asiatiche, per esempio, ha relazioni nulle o poche frequenti con gli italiani, mentre il 91,4% dei maschi stranieri rimane indietro di 5 punti percentuali rispetto agli italiani quando si chiede se l'essere nati in Italia costituisce un requisito sufficiente per la piena padronanza della lingua.

Dati contraddittori anche sul fronte scolastico: se gli stranieri (in percentuali simili sia i nuovi arrivati che i figli di coppia mista) presentano un rendimento scolastico peggiore rispetto a quello degli italiani - soprattutto le etnie latinoamericane -, la maggior parte degli studenti stranieri vuole continuare a studiare e iscriversi all'università: il 43,9% dei maschi stranieri e il 54,2% delle femmine ha intenzione di frequentare gli atenei italiani, dato che sale ulteriormente per i figli di coppia mista.

Ma non basta: la maggior parte degli stranieri e dei figli di coppia mista aspira un domani ad una professione intellettuale. Chissà se il sistema scolastico italiano consentirà loro di avere percorsi formativi in linea con tali aspettative.

Interrogativi subordinati anche alla conoscenza della lingua: l'essere nati in Italia non costituisce infatti un requisito sufficiente per la piena padronanza dell'italiano; i maschi stranieri nati in Italia risultano indietro di 5 punti percentuali rispetto agli italiani.

Un discorso a parte meritano poi i “Separated children”, cioè i minori stranieri non accompagnati, “una categoria difficile da identificare e quindi anche da quantificare”, come ha commentato Rita Bichi, autrice del volume sul tema. Al 30 settembre 2007 i minori stranieri non accompagnati in Italia sono 6.554, provenienti soprattutto da Marocco, Albania e Palestina. Se la Sicilia, primo punto di approdo per i migranti dal sud, è ovviamente la regione con maggiori presenze, la Lombardia si colloca al secondo posto con 1.053 casi registrati, “senza contare il dato sommerso”.

Al 31 gennaio 2007 dei 989 minori censiti dal Comitato minori stranieri in Lombardia, 647 si concentravano a Milano, 121 a Cremona, 66 a Varese, 54 a Brescia e 24 a Lecco. Questi dati non comprendono bulgari e rumeni che dal 1°gennaio 2007 non sono più soggetti alla normativa sugli extracomunitari.
“Il fenomeno va inserito nella più vasta situazione europea - ha spiegato Bichi - perché il problema risponde a regole locali ma anche sovranazionali. Questi bambini presentano una triplice vulnerabilità: sono minori, stranieri e soli”.

Le pubblicazioni

- Somiglianze e differenze. Le nuove generazioni nella società multietnica di Guia Gilardoni
- Separated children. I minori stranieri non accompagnati di Rita Bichi


A.P.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/12/2008 @ 09:30:25, in Europa, visitato 1052 volte)

Da Hungarian_Roma

Lunedì 1 Dicembre 2008, Giovedì scorso il Tribunale della città di Pécs ha incarcerato quattro giovani per "aver tentato di assalire" una donna rom e sua figlia. I giovani sono stati accusati di violenza contro una minoranza etnica, ma il giudice János Kovács ha detto che la corte avrebbe ragionevoli dubbi sulla motivazione razzista dell'assalto, e quindi non ha potuto condannare gli imputati in base alle accuse del pubblico ministero. Le pene detentive tra gli otto e 15 mesi sono state comminate ai quattro accusati, ed uno di loro ha ricevuto la pena di un anno, sospesa per tre anni perché minorenne. Gli assalitori hanno colpito con calci la madre mentre la figlia tentava di scappare e chiedere aiuto. Una volta catturati dalla polizia, i giovani hanno ammesso di aver attaccato le due donne per la loro origine razziale, ma più tardi hanno ritirato le loro dichiarazioni dicendo di aver bevuto e per questo agito con aggressività.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/12/2008 @ 09:07:55, in Europa, visitato 1190 volte)
Romanian_Roma

Mihaela Dumitrascu http://www.divers.ro/ La cultura Rom costruisce casa su basi solide!

Con la musica dei violini di sottofondo e decine di Rom riunitisi martedì 25 novembre, in una tenda piazzata su di un terreno fangoso, le fondamenta del Centro Nazionale Cultura Rom (CNCR) sono state poste [...] e lo stesso giorno è stato firmato il contratto di inizio lavori.

Il quartier generale del CNCR crescerà sulle fondamenta di un ex cinema nel distretto 5 di Bucarest, consistente in due lotti di terra con un'area di 520 e 450 mq, forniti dal Consiglio Generale della Municipalità di Bucarest. Il budget stanziato ammonta a 7 miliardi di vecchi Lei. La somma stanziata per il 2009 dovrebbe raggiungere circa 4,5 milioni di €u.

Il centro includerà una sala spettacoli, da usare anche come aula conferenze, uno spazio espositivo per dipinti, arte fotografica, corsi per lingua romanes e di computer, come anche uno spazio registrazioni. Gli organizzatori intendono offrire autentica musica rom, musica rom adattata alla disco, novelle e poesie, dipinti, scultura, religione, corsi che combinino l'istruzione con la cultura.

Il lancio del Centro è parte di una serie di eventi condotti tra il 25 e il 27 novembre nello stesso luogo, con il motto "Dimentica di ieri... celebra l'oggi! Riportiamo la cultura alla vita!".

Per tre giorni, i visitatori che hanno osato avventurarsi nella terra fangosa dov'era piazzata la tenda, hanno potuto osservare diverse proiezioni cinematografiche ed hanno avuto la possibilità di acquistare i prodotti rom tradizionali - pentolame, posate, pannelli fioriti, monili d'argento, ecc. - ed ascoltare la musica dei violinisti.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/12/2008 @ 09:19:20, in scuola, visitato 1478 volte)

Da Roma_Francais

ISERE - Secondo RESF tre studenti espulsi

NOUVELOBS.COM | 02.12.2008 | 11:54 La Rete Istruzione Senza Frontiere (RESF) denuncia l'espulsione verso la Germania di una famiglia di Rom kosovari. Il padre, accompagnato dalla polizia, si è recato a cercare i suoi figli a scuola per un incontro in prefettura, prima che la famiglia fosse rinviata a Lipsia.

Secondo RESF, una famiglia di Rom kosovari residente nell'Isère e comprendente quattro bambini, di cui tre scolarizzati a Grenoble, è stata espulsa il 25 novembre. La famiglia, che aveva depositato una domanda d'asilo in Germania prima di arrivare in Francia a settembre, è stata rinviata a Lipsia. Lunedì 24 novembre, di pomeriggio, il padre famiglia, accompagnato da due poliziotti in borghese, è andato a scuola a cercare i suoi tre figli (due alla materna e uno alla scuola primaria) per recarsi ad un incontro in prefettura. Per  Béatrice Bonacché, membro di RESF 38 (Isère), i poliziotti si sono fermati davanti al cancello della scuola primaria, ma sono entrati nella scuola materna.

"Non liberi nei loro movimenti"

In seguito la famiglia è stata trasferita al centro di ritenzione di Lione, prima di prendere l'indomani l'aereo per la Germania. "E' la prima volta che succede nel nostro dipartimento", deplora Béatrice Bonacché. "La prefettura afferma che queste persone sono partite di loro volontà, ma li abbiamo sentiti per telefono prima della partenza e non erano liberi nei loro movimenti". D'altra parte, CIMADE (associazione di aiuto ai migranti) non ha potuto incontrare la famiglia nel centro di ritenzione. "Noi denunciamo con forza la procedura, che la prefettura giudica normale. I bambini sono stati prelevati durante l'orario scolastico", spiega Béatrice Bonacché. "La famiglia parla poco il francese. Non siamo sicuri che abbiano capito cosa stava succedendo", aggiunge.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 04/12/2008 @ 09:02:00, in Europa, visitato 1221 volte)

Da Roma_Daily_News

  26 novembre 2008

Un innovativo incontro di due giorni a Londra - organizzato da Amnesty International - ha riunito attivisti Rom e dei diritti umani di tutta Europa. L'evento si è svolto lunedì, martedì e mercoledì (di settimana scorsa ndr), allo scopo di creare una nuova, collaborativa strategia per combattere la discriminazione in Europa contro i Rom , uno dei gruppi più marginalizzati del continente.

"Il problema fondamentale posto dagli attivisti Rom è di trovarsi di fronte ad un precipizio - e non c'è eco. Le loro richieste cadono in orecchie sorde," spiega Larry Olomoofe, dell'European Roma Rights Centre di Budapest. "Amnesty International può fornire una piattaforma per queste voci locali, ed amplificarle."

La nuova iniziativa fornirà maggior attenzione al lavoro di Amnesty International sui diritti dei Rom, e la porterà più vicina ai gruppi Rom esistenti.

"Ciò dev'essere inclusivo. Se dobbiamo lavorare con i Rom, dobbiamo coinvolgerli," dice Olomoofe. "Molto spesso, le OnG locali - ed i singoli - vengono abbandonati. Ma è arrivato un punto di svolta. La garanzia di Amnesty International da più credibilità all'argomento."

Olomoofe ritiene che le sezioni locali di Amnesty International possano giocare un ruolo primario nell'affrontare le tematiche rom.

"Alle sezioni locali di AI e ad altre OnG dovrebbe essere data più autonomia, così che possano lavorare più rapidamente. Incontri come questi formeranno buone relazioni di lavoro, così che AI possa fidarsi di noi in futuro."

Valeriu Nicolae, Direttore Esecutivo dell'Organizzazione di Base dei Rom Europei, è cosciente della dimensione di questa operazione.

"Sinora, il lavoro sui diritti umani non ha sortito molti effetti, e la situazione dei Rom non è migliorata. Inoltre non abbiamo abbastanza appoggio dalla società civile. I sindacati non sono interessati, nemmeno i gruppi femminili, neanche le istituzioni egualitarie. Le OnG rom hanno impiegato anni rimanendo più o meno ignorate. Ma questo può cambiare."

Amnesty International giocherà un ruolo chiave nell'esercitare pressione. "Gli attivisti Rom sono facilmente allontanati, ma se c'è Amnesty International i governi iniziano a prestare attenzione. Possono negarlo, ma poi iniziano ad agire, perché si sentono messi in discussione," dice Nicolae.

Nella Repubblica Ceca, Amnesty International sta iniziando a vedere i benefici del lavorare a stretto contatto con le OnG locali.

"Le varie OnG hanno forze differenti. Alcune si focalizzano sul lavoro di base, altre si occupano di questioni legali. La forza di Amnesty International è nel condurre le campagne," spiega Jindra Parizkova, Coordinatrice per l'Educazione ai Diritti Umani della sezione ceca di Amnesty International.

"Il nostro ruolo è di raggiungere il pubblico ed i governi. Possiamo aumentare l'impatto delle OnG locali facendo pressione assieme. E' l'unico modo che può funzionare. Per esempio, abbiamo incontrato il ministero ceco dell'Istruzione e vediamo segni che stanno già cooperando."

Molto del lavoro della coalizione nella Repubblica Ceca si è focalizzato sulla scuola. Spiega Jindra Parizkova: "Vogliamo combinare le tematiche rom con l'educazione ai diritti umani. Abbiamo idee, come la fabbricazione di giochi da tavolo per le scuole, che riguardano tutti i gruppi marginalizzati, non solo i Rom."

Valeriu Nicolae concorda: "Non si tratta solo di diritti etnici. Questi bisogni vanno risolti nel quadro dei diritti umani."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/12/2008 @ 16:50:58, in Italia, visitato 1636 volte)

Ricevo da Maria Grazia Dicati

Flavio Lotti: Ma quale impegno per i diritti umani! L’Italia è assente e inadempiente!
Percezione sociopatica

Alla vigilia della Conferenza Stampa che illustrerà le iniziative organizzate in Italia per il 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, Flavio Lotti, coordinatore della Tavola della pace, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

“Tra una settimana, il 10 dicembre 2008, il mondo celebrerà il 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani: la “Magna Carta” dell’umanità, il documento che per la prima volta ha riconosciuto i diritti fondamentali di tutti gli esseri umani.

Ci sarà il mondo, ma non ci sarà l’Italia. O meglio non ci sarà il governo italiano.
E’ uno scandalo! L’Italia è il solo paese europeo che ha scelto di ignorare l’appello dell’Onu che il 10 dicembre 2007 aveva inaugurato l’Anno dei Diritti Umani e invitato tutti gli stati ad un maggiore impegno concreto.
Il fatto è ancora più grave perché l’Italia fa parte del Consiglio Diritti Umani dell’Onu, l’organismo che più di ogni altro ha la responsabilità di difendere e promuovere il rispetto dei diritti umani nel mondo. Per questo, l’Italia dovrebbe essere in prima linea, tra i paesi che più s’impegnano per i diritti umani.
Non è così. L’Italia è addirittura inadempiente: non ha nemmeno attuato le raccomandazioni che gli sono state ripetutamente rivolte dall’Onu in materia di diritti umani. Ma se non facciamo noi quello che ci chiede l’Onu come possiamo pretendere che lo faccia l’Iran?
L’Italia è, non da ora, carente di una politica organica dei diritti umani. L’Italia è troppo spesso assente nelle istituzioni dove si lavora tutti i giorni per far avanzare il rispetto dei diritti umani.
Non c’è l’Italia. O meglio non c’è il governo italiano.
A tenere alta la bandiera dell’Italia ci sono migliaia di cittadini, giovani, amministratori locali, insegnanti, associazioni ed Enti Locali che scelgono di dedicare una parte importante del proprio tempo, delle proprie competenze e del proprio denaro per difendere e promuovere i diritti umani a casa nostra e nel resto del mondo. Sono loro che hanno raccolto la bandiera dell’Onu e dei diritti umani e hanno organizzato l’Anno dei diritti umani. Sono loro che mercoledì 10 dicembre daranno vita alla Giornata nazionale d’Azione per i diritti umani.” (Flavio Lotti)

Mercoledì 3 dicembre 2008
Roma, Hotel Nazionale, Piazza Montecitorio, ore 11.00
CONFERENZA STAMPA


di presentazione della Giornata nazionale d’azione per i diritti umani
e della manifestazione “diamo voce ai diritti umani” in programma il 10 dicembre 2008 davanti alla sede rai di viale Mazzini

Interverranno tra gli altri: Citto Maselli e Ugo Gregoretti, Coord. Emergenza cultura - Salvatore Nocera, Federazione Italiana Superamento Handicap - Stefano Busi, Unione degli Studenti - Luca De Zolt portavoce Rete degli studenti medi - Igiaba Scego, giornalista e scrittrice somala - Kurosh Danesh, Responsabile Coordinamento Immigrati Cgil - Salvatore Sasso, Dirigente scolastico - Andrea Olivero, Presidente nazionale delle Acli - Paolo Beni, Presidente nazionale delle Arci - Gabriella Stramaccioni, Libera - Giuseppe Giulietti, Articolo 21 - Adriano Poletti, Vicepresidente del Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la Pace e i Diritti Umani - Flavio Lotti, coordinatore Comitato Nazionale per il 60° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani

Durante la Conferenza stampa verrà effettuata la prima proiezione del film “La lunga marcia dei diritti umani”, simpatica cronaca della Marcia Perugia-Assisi effettuata dai conduttori di Caterpillar Massimo Cirri e Filippo Solibello

Ufficio Stampa: Tavola della pace - Floriana Lenti 338/4770151
tel. +39 075 5734830 Fax +39 075 5721234
email: stampa@perlapace.it - sito: www.perlapace.it

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/12/2008 @ 09:30:28, in Europa, visitato 1529 volte)

Da Nordic_Roma (nb: tutti i link sono in inglese)

foto European Jewish Congress

The Local

Il Fronte Nazionale Socialista (NSF), uno dei gruppi dominanti dentro il movimento suprematista bianco in Svezia, si è disperso e poi rilanciato come partito Folkfronten (Fronte del Popolo).

"Sabato 22 novembre, il Il Fronte Nazionale Socialista (NSF) ha deciso di trasferirsi in toto nel neonato Fronte del Popolo, perché sentiamo che questo partito ha la capacità di ricostruire una Svezia per gli Svedesi. Questo significa anche la fine delle iscrizioni al Fronte Nazionale Socialista," scrive il gruppo sulla propria pagina web.

Secondo la rivista Expo, il gruppo ha eliminato tutti i riferimenti a Hitler, ma continua a lottare per una Svezia etnicamente omogenea.

Secondo la piattaforma del partito, gli Svedesi etnici posseggono il diritto alla nazione perché condividono "lo stesso gene e lo stesso sangue", che apparterrebbe a chi "per migliaia d'anni ha lavorato la medesima terra".

Scopo del partito quindi, è di "restituire agli Svedesi il loro potere ed i loro diritti".

Il nuovo partito sarà guidato da due attivisti di lungo corso del NSF: Daniel Höglund ed Anders Ärleskog.

Il NSF venne fondato nel 1994, ma rimase senza un leader dal 1999, quando Anders Högström, allora leader del gruppo, sorprese i suoi colleghi ed il paese annunciando che rinunciava al nazismo.

L'ala della destra violenta e radicale in Svezia è stata in una condizione di cambiamento continuo e di lotte intestine tra le fazioni, ognuna sperando di vincere con i pochi attivisti impegnati, similarmente agli sviluppi che hanno avuto luogo tra i gruppetti della sinistra.

Secondo la Säpo, la polizia della sicurezza svedese, la competizione ha obbligato NSF a rilanciarsi come alternativa parlamentare, lasciando ad altri gruppi a continuare la lotta per le strade.

Mentre il Folkfronten si definisce un partito, non ha alcun piano di partecipare al processo democratico, secondo il suo nuovo sito web.

"Il partito non partecipa ai 'dibattiti' della democrazia parlamentare circa il momentaneo, irrilevante, teorico, spacca-capello, ma lavorerà per gli interessi a lungo termine dell'etnia svedese" [...]

TT/David Landes (news@thelocal.se)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/12/2008 @ 08:52:52, in Italia, visitato 1383 volte)

Ass.  Insieme Zajedno
un’esperienza di pace e solidarietà

QUESTO NATALE … UN REGALO ORIGINALE e solidale…

vieni a trovarci il 6 – 7- 8 dicembre 2008 dalle ore 10 alle 17

nel Laboratorio di MANUFATTI DONNE ROM
in via dei Bruzi,11/c – San Lorenzo - Roma

potrai acquistare
gonne zingare, borse, sciarpe, vestitini da bambino, cappellini di lana, tovaglie, set da tavola, asciugamani, canovacci, portamonete, portagioielli, collane, pizzi, bigliettini d’auguri in stoffa … e tanti altri prodotti originali  per l’arredo della casa e per l’abbigliamento

Siamo aperti il lunedì, mercoledì, venerdì e sabato ore 9 -14

Per contatti ed appuntamenti: cristina 3471580818
www.insiemezajedno.org      info@insiemezajedno.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


20/09/2019 @ 21:18:01
script eseguito in 168 ms

 

Immagine
 Come una Lonely Planet... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4457 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source