\\ Mahalla : Articolo : Stampa
Svezia
Di Fabrizio (del 03/12/2008 @ 09:30:28, in Europa, visitato 1564 volte)

Da Nordic_Roma (nb: tutti i link sono in inglese)

foto European Jewish Congress

The Local

Il Fronte Nazionale Socialista (NSF), uno dei gruppi dominanti dentro il movimento suprematista bianco in Svezia, si è disperso e poi rilanciato come partito Folkfronten (Fronte del Popolo).

"Sabato 22 novembre, il Il Fronte Nazionale Socialista (NSF) ha deciso di trasferirsi in toto nel neonato Fronte del Popolo, perché sentiamo che questo partito ha la capacità di ricostruire una Svezia per gli Svedesi. Questo significa anche la fine delle iscrizioni al Fronte Nazionale Socialista," scrive il gruppo sulla propria pagina web.

Secondo la rivista Expo, il gruppo ha eliminato tutti i riferimenti a Hitler, ma continua a lottare per una Svezia etnicamente omogenea.

Secondo la piattaforma del partito, gli Svedesi etnici posseggono il diritto alla nazione perché condividono "lo stesso gene e lo stesso sangue", che apparterrebbe a chi "per migliaia d'anni ha lavorato la medesima terra".

Scopo del partito quindi, è di "restituire agli Svedesi il loro potere ed i loro diritti".

Il nuovo partito sarà guidato da due attivisti di lungo corso del NSF: Daniel Höglund ed Anders Ärleskog.

Il NSF venne fondato nel 1994, ma rimase senza un leader dal 1999, quando Anders Högström, allora leader del gruppo, sorprese i suoi colleghi ed il paese annunciando che rinunciava al nazismo.

L'ala della destra violenta e radicale in Svezia è stata in una condizione di cambiamento continuo e di lotte intestine tra le fazioni, ognuna sperando di vincere con i pochi attivisti impegnati, similarmente agli sviluppi che hanno avuto luogo tra i gruppetti della sinistra.

Secondo la Säpo, la polizia della sicurezza svedese, la competizione ha obbligato NSF a rilanciarsi come alternativa parlamentare, lasciando ad altri gruppi a continuare la lotta per le strade.

Mentre il Folkfronten si definisce un partito, non ha alcun piano di partecipare al processo democratico, secondo il suo nuovo sito web.

"Il partito non partecipa ai 'dibattiti' della democrazia parlamentare circa il momentaneo, irrilevante, teorico, spacca-capello, ma lavorerà per gli interessi a lungo termine dell'etnia svedese" [...]

TT/David Landes (news@thelocal.se)