Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
AVVISO AI NAVIGANTI: qui potrete trovare molte notizie che abitualmente non volete conoscere.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 

  Comunicato stampa di Emergency

A oggi, in Italia, una legge vieta al personale sanitario di denunciare gli immigrati conosciuti per ragioni di cura, anche se la loro presenza in Italia non fosse regolare.
Un emendamento approvato al Senato intende sopprimere questa norma.
Si metterebbero così gli individui nella condizione di scegliere fra l'accesso alle cure e il rischio di una denuncia; si spingerebbe parte della popolazione presente in Italia nella clandestinità sanitaria, con grandi rischi per sè e per la collettività.

Si vuole affidare ai singoli medici la scelta se garantire lo stesso diritto alla cura a tutti gli individui, nel miglior interesse del paziente e nel rispetto del segreto professionale, oppure se esercitare la facoltà di denunciare i loro pazienti "irregolari".

Secondo tutti i medici che ho conosciuto e apprezzato, l'unico modo giusto e civile per fare medicina è garantire a tutti la miglior assistenza possibile, senza distinzione alcuna riguardo a colore della pelle, sesso, convinzioni politiche, religiose o culturali, nazionalità o status giuridico.
Questo è il modo in cui Emergency ha lavorato, per quindici anni in tredici diversi paesi, curando tre milioni di persone senza distinzioni. Questo è il modo con cui continuiamo a lavorare, anche in Italia, nel Poliambulatorio per migranti e persone indigenti di Palermo.

Anche di fronte all'inciviltà sollecitata da una norma stolta prima ancora che perversa, sono certo che i medici italiani agiranno nel rispetto del giuramento di Ippocrate, nel rispetto della Costituzione e della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.
Nel rispetto, soprattutto, di chiunque si rivolga a loro avendo bisogno di un medico.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/02/2009 @ 09:40:52, in Europa, visitato 1595 volte)

Da Bulgarian_Roma

Il Gruppo Socialista del Parlamento Europeo ha espresso oggi le sue profonde preoccupazioni sul linguaggio usato dal leader del principale partito di opposizione in Bulgaria, il GERB, membro del Partito Popolare Europeo (EPP).

Ha detto Jan Marinus Wiersma, vice-presidente del Gruppo: "Le ultime dichiarazioni di Boyko Borisov si riferiscono a Turchi, Rom e pensionati come "cattivo materiale umano". Queste arrivano dopo una serie di dichiarazioni discriminatorie e minacce contro i Turchi e gli omosessuali. Ciò descrive una piattaforma politica che assomiglia alla piattaforma nazista sulla purezza della nazione.

"Fin quando ogni dichiarazione di sorta non sarà seguita da scuse e da dichiarazione riparatorie, chiediamo all'EPP di prendere le misure appropriate o di distanziarsi da un partito che ha già attraversato la linea invisibile tra il populismo di estrema destra e l'estremismo."

6 February 2009: Contact Tony Robinson +32-475-257410 or David Poyser on +32-476-540886 www.socialistgroup.eu

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/02/2009 @ 09:30:09, in casa, visitato 1440 volte)
Questo lungo articolo mi è stato segnalato da Betty un po' di tempo fa. Per cause non dipendenti dalla mia volontà posso ripubblicarlo solo adesso, mi scuso con l'interessata.

Tratta dal blog del circolo pasolini di pavia che a sua volta lo mutua da internazionale

L'intelligenza che si sporca le mani
Francesco Careri e una casa vera per i Rom  di Michael Braun

[Architetti pavesi che scrivete lettere firmate in massa per sostenere colleghi progettisti di brutture senza appello, vi invito a leggere quest'articolo e valutare un po' quale sia il miglior e più adeguato contributo che potreste dare a questa città. Anche in termini di civiltà, dello spazio si intende. E quale occasione sarebbe stata se qualcuno di voi si fosse fatto vedere alla ex Snia durante quel lunghissimo 2007 (irene campari)]

Campi nomadi, vecchie fabbriche, casali diroccati. Un architetto romano studia le aree degradate della città per riqualificarle. Rispettando le persone che ci abitano.

"Non aspettarti niente di che!”, dice Francesco Careri al telefono spiegando la scelta del locale. E infatti il ristorante Al biondo Tevere, sulla via Ostiense a Roma, è uno di quei posti popolari e senza pretese dove si mangia con pochi soldi. Una scelta adatta – penso tra me e me – a un architetto che, invece di partecipare ai grandi concorsi, lavora nei campi rom della capitale. Careri m’incuriosisce proprio per questo. Non avevo mai sentito parlare di un architetto che andasse nei campi rom, tra misere baracche e squallidi container, con il progetto di costruire delle case vere, belle, spaziose e funzionali, spendendo poche migliaia di euro. “Vengo spesso a mangiare qui”, spiega Careri mentre cerca inutilmente di dare un ordine ai suoi capelli arruffati, “perché è a due passi dalla sede dell’associazione Stalker”.
E poi non è un posto qualunque: qui Elsa Morante ha scritto La storia, qui hanno girato alcune scene di Bellissima con Anna Magnani, qui Pasolini si è fermato a cena con Pino Pelosi il giorno prima di essere ucciso a Ostia. Nomi che raccontano un’epoca in cui i grandi intellettuali si interessavano alle vicende di chi viveva ai margini della società, di chi abitava nelle baracche, nelle borgate. Oggi gli intellettuali, gli artisti, gli studiosi guardano altrove. A parte qualche rara eccezione, tra cui Francesco Careri. Si mette a ridere quando gli chiedo se è vero che come architetto non punta a costruire niente. Certo, mi spiega, non progetta palazzine per ricchi, non ha voglia di finire sulle riviste di architettura e non è neanche interessato a costruire delle “sculture senza significato”, come definisce i lavori dei grandi architetti. “Ma non m’interessa neanche battermi contro tutto questo”, precisa.

Un nucleo indipendente

Quando racconta la sua vita da studente cambia soggetto, usando il “noi”. Per “noi” intende chi ha partecipato al movimento della Pantera nel 1990, che ha portato alle occupazioni di molte università in tutto il paese: “Il nostro movimento è stato sottovalutato, ma ha segnato tutta una generazione”. Pochissimi sono entrati nei circuiti della politica istituzionale, alcuni sono finiti nei centri sociali, altri – come lui – non hanno preso tessere di partito, ma hanno continuato a essere critici e a parlare in modo indipendente. Da questo nucleo di studenti di architettura nasce Stalker. Careri indica l’altra sponda del Tevere, che vediamo dalla finestra del ristorante. “Lì, nel 1993, Stalker ha fatto la sua prima azione”. A quei tempi la riva del fiume era coperta da cespugli, rovi e spine. I ragazzi di Stalker occuparono il terreno per creare un parco abusivo, “un parco wild”, dice Careri con gli occhi che gli brillano. Poi, invitarono degli artisti e organizzarono delle feste. Una prima esperienza che si ripeterà nel tempo. Dopo aver capito che c’erano delle parti di Roma ancora da sfruttare, altri hanno copiato l’idea. In seguito quel tratto di riva del fiume è stato disboscato e ci hanno costruito la pista ciclabile: il paesaggio wild amato da Careri non c’è più. Da allora il collettivo Stalker non si è più fermato, nel vero senso della parola. Scoprire la città camminando è il motto dell’associazione. Scoprire quella parte di Roma sconosciuta a molti romani, ma dove abitano molti emarginati, e fatta di aree abbandonate, di casali diroccati, di fabbriche dismesse. Il campo Boario, un grande spazio di fronte all’ex mattatoio di Roma, è vicinissimo al centro, ma nel 1999 era completamente abbandonato, come “un buco nero nella città”. Questa volta Careri e gli amici di Stalker non si accontentano di “andare, vedere, capire”. Decidono di intervenire sul tessuto sociale di quel luogo, dove c’è già un centro sociale, una baraccopoli di senegalesi e marocchini, e un grande campo dove i rom kalderash tengono le roulotte. Insieme a un gruppo di curdi creano il centro culturale Ararat. I romani, così, scoprono il mattatoio. E il comune ci mette le mani. L’ex sindaco di Roma, Walter Veltroni, trasforma l’area in una Città delle arti e inaugura, ironia della sorte, una Città dell’altra economia. Ma prima manda via i rom. “Come se loro non fossero l’altra economia per eccellenza”, fa notare con rabbia Careri, perché la comunità di rom istriani era perfettamente integrata nel quartiere. Veltroni avrebbe fatto meglio a valorizzare quest’esempio positivo di insediamento rom nella città, invece di cacciare i nomadi in periferia. Ancora una volta, Stalker e quelli che gravitavano intorno al campo Boario sono espropriati delle loro idee per trovarle realizzate da qualcun altro e, allo stesso tempo, snaturate. Il bilancio per Stalker è negativo: “Siamo stati l’elemento attraverso cui la città è entrata in una realtà per mandare via tutti quelli che ne facevano parte”. Ma Careri non si arrende: “Noi siamo già altrove”. Altrove è dalle parti di Corviale, un palazzone mostruoso lungo un chilometro, dove vivono diecimila persone. Completato nel 1983, fu presentato come un esempio di “architettura moderna, sociale, rivoluzionaria”.
Ma fu subito dimenticato da politici e architetti, e lasciato senza servizi. In poco tempo è diventato sinonimo di degrado urbano. “La gente si vergognava di dire che abitava al Corviale perché tutti pensavano che lì vivessero solo ladri e drogati”, racconta Careri. Con l’aiuto degli abitanti, Stalker mette su una tv di quartiere per raccontare l’altro Corviale, quello di chi ci vive, “gente normalissima” ma percepita come lontana dal modello sociale dominante.

Passeggiata istruttiva

Oggi gli esclusi per eccellenza sono i rom. Careri li incontra di nuovo nel 2005. Nel frattempo è diventato ricercatore del Dipartimento di studi urbani dell’università Roma Tre. Organizza un seminario itinerante e porta i suoi studenti sulle sponde del Tevere. Fa camminare i ragazzi per più di cinquanta chilometri da Ostia a Prima Porta, scoprendo 54 insediamenti piccoli e grandi. Più di duemila persone vivono in tende o in baracche poverissime. Tre anni fa “l’emergenza rom” era ancora lontana e il sindaco Veltroni negava l’esistenza dei campi lungo il fiume. Non sono lontani invece i piani per risolvere definitivamente il problema della sistemazione dei rom in città. Careri fa una smorfia quando parla di “campi della solidarietà”, lasciando intendere l’ipocrisia linguistica che si nasconde dietro i progetti dell’amministrazione Veltroni. Un esempio è il megacampo di Castel Romano, fuori Roma: “Milleduecento persone chiuse in container, intorno a loro neanche un albero, solo ghiaia e polvere”. Da qui nasce l’idea del Savorengo Ker (“casa di tutti”, in lingua romanes), come alternativa radicale alla politica che vuole rinchiudere i nomadi in insediamenti spostati sempre più nelle estreme periferie. Per il suo progetto Careri sceglie il campo Casilino 900, dove da decenni centinaia di rom vivono nelle baracche in mezzo al fango. Careri fa i calcoli in un minuto: un container di 32 metri quadri, che secondo le norme vigenti è sufficiente per sei persone, costa 22mila euro. La “casa di tutti” può costare molto meno e offrire molto di più. Una decina di rom e altrettanti studenti si mettono al lavoro. “Non abbiamo progettato niente”, ride Careri, “la casa è venuta fuori così”. Stalker si è limitata ad ascoltare. “I rom sanno costruire le case”, dice Careri, sottolineando la loro capacità di riciclare i materiali per farne lavandini, finestre, pavimenti. Le foto mostrano una costruzione in legno a due piani, un ampio terrazzo, una scala esterna, “un po’ stile Dallas, come una telenovela”, scherza l’architetto. Comunque è (o meglio “era”) molto più bella del container: è una vera casa in legno di 70 metri quadri, che è costata solo ottomila euro. Savorengo Ker potrebbe diventare un modello, se solo qualcuno fosse interessato a considerare i rom come qualcosa di diverso da un “problema da risolvere”. La casa ha provocato subito reazioni negative. Nessun rappresentante delle istituzioni ha partecipato all’inaugurazione e il municipio (il cui presidente è dei Comunisti italiani) ha fatto fermare i lavori a causa delle proteste degli abitanti del quartiere.
Alla fine la casa è stata misteriosamente incendiata. “Destra, sinistra… quando si parla di rom l’odio è trasversale”, afferma Careri. Di Savorengo Ker è rimasto solo un mucchio di legno annerito. Ma Careri è sicuro che il progetto ha dimostrato molte cose: “La maggior parte dei rom non è nomade ma vuole una casa vera. L’integrazione si raggiunge con la cooperazione tra rom e gagé (i “non zingari”) e non con i progetti che ghettizzano i nomadi. I campi devono essere chiusi. E sostituiti da programmi che aiutino i rom a costruirsi le case da soli”. Il sindaco Gianni Alemanno è deciso ad andare avanti sulla strada “spianata da Veltroni”, che prevede la creazione di nuovi grandi campi. “Magari li faranno con le case in legno, costruite dai rom. Ma non sarebbe la nostra soluzione”. Careri teme solo una cosa: che, ancora una volta, le sue idee vengano prese e snaturate.

Michael Braun è il corrispondente dall’Italia della Tageszeitung di Berlino.

"Internazionale", n. 778
venerdì, 16 gennaio 2009 -
alle ore 15:07 *** link al post *** commenti

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 06/02/2009 @ 11:06:10, in blog, visitato 1451 volte)

Settanta anni fa le leggi razziali
In Italia vennero emanate le leggi razziali nel 1938. Settanta anni dopo, il 16 dicembre 2008, la Camera dei Deputati dedica una giornata per non dimenticare i danni prodotti da quella vergognosa pagina della storia italiana ed invita alcuni Ebrei ed alcuni Rom e Sinti. Sono sei i Sinti e ...

Non aver paura, stai dalla parte dei diritti
Manifesto per una campagna nazionale contro il razzismo, l’indifferenza e la paura dell’Altro Più di quattro milioni di persone di origine straniera vivono oggi in Italia. Si tratta in gran parte di lavoratrici e lavoratori che contribuiscono al benessere di qu...

Milano, la disfatta politica della Moratti
La Lista Moratti che a Milano in Consiglio comunale ha due assessori (Croci e Moioli) e tre consiglieri, domenica sera, ha invitato amici e simpatizzanti all'Opera San Francesco per il consueto scambio di auguri. Nel 2006 la Moratti presen...

Commissione parlamentare d’inchiesta sulle condizioni delle donne e dei minori rom in Italia
La Commissione Affari Costituzionali della Camera dei deputati ha iniziato il 9 dicembre l’esame di una proposta di legge presentata dalla sola deputata Jole Santelli, PdL (AC 1052), che propone di istituire una Commission...

Fini: le leggi razziali un'infamia
"L'ideologia fascista non spiega da sola l'infamia delle leggi razziali. C'é da chiedersi perché la società italiana si sia adeguata nel suo insieme alla legislazione antiebraica e perché, salvo talune luminose eccezioni, non siano state registrate manifestazioni particolari di resistenza. Nemmeno, mi duole dirlo, da parte della Chiesa cattolic...

Nettuno (Roma), non è razzismo...
Non è razzismo, date retta a Maroni. Per il ministro dell'Interno, che si è fatto intervistare da Il Giornale, la violenza di Nettuno è «inaudita, gratuita, provocata dall'abuso di alcol e droga» ma non ha nessuna «matrice razzista». Non importa che ab...

Lettera a Napolitano: nessuno ricorda lo sterminio dei Rom e dei Sinti
«Dalle baracche vedevamo gli ebrei / colonne incamminate diventare colonne verticali, di fumo. / Erano lievi, andavano a gonfiare gli occhi del loro dio affacciato. / Noi non fummo leggeri, la cenere degli zingari non riusciva ad alzarsi in cielo. / Ci tratteneva in basso la musica suonata e straca...

Non un atto xenofobo ma di bullismo...
Quando la realtà non viene espressa con le giuste parole c'è chi resta sgomento e chi si accontenta. A me non appartengono questi atteggiamenti; io mostro il mio disappunto e mi incazzo alquanto...

Le nuove perle razziste del Ministro Maroni
Il Ministro Maroni negli ultimi giorni ha esternato. L’occasione è data dall’assemblea nazionale dell'Unicef a Roma che per inciso ha visto l’esclusione di rappresentanti rom e sinti. Maroni non si è lasciato sfuggire l’occasione per offrire all’Italia alcune perle di razzismo italiota...

Associazioni cattoliche: con ddl sicurezza rischio capro espiatorio
Alla vigilia dell'inizio della discussione al Senato per la conversione del pacchetto sicurezza, le associazioni cattoliche hanno preso carta e penna per esprimere ai senatori il proprio dissenso dalla “lettera e dallo 'spirito” del provvedim...

Napolitano, stop alla xenofobia e al razzismo
“Stop alla xenofobia e al razzismo”. E' il monito di Giorgio Napolitano, Presidente della Repubblica, che interviene così riguardo agli ultimi episodi di intolleranza avvenuti in diverse città d'Italia. “Siamo dinanzi a episodi raccapriccianti - ha detto il Presidente - che purtroppo ormai non...

Ddl sicurezza, una schedatura etnica
Domani, 3 febbraio 2009, arriva al Senato il discusso “ddl sicurezza” tra contestazioni e scontri di piazza. Il ddl contiene diversi provvedimenti che non condividiamo ma c’è ne uno che nessuno ha criticato e messo in evidenza: l’articolo 36 (ex articolo 16)...

La cultura della violenza
Ancora una violenza razzista, ma non soltanto. Si cerca di uccidere per divertimento, un tragico réfrain. "Nel 2009 ce sarà da divertisse...", dice Davide Franceschini, un normale ragazzo romano, in un'intervista alla televisione ...

Diritti, non schedature
La Fio.PSD lancia una campagna per il diritto alla residenza anagrafica delle persone senza dimora (leggi l'approfondimento). Tra poche settimane la vita delle persone senza dimora in Italia potrebbe essere ancora più difficile. Con la più che probabile approvazione del disegno di legge n. 733, in discussione domani al Senato (ed entro 15 giorni alla Camera), verrebbe di fatto modificata la legge anagrafica del ...

Maroni, bisogna essere cattivi
«Per contrastare l'immigrazione clandestina non bisogna essere buonisti ma cattivi, determinati, per affermare il rigore della legge». Lo ha detto il ministro degli Interni Roberto Maroni intervenendo ad Avellino alla manifestazione «Governincontra». Maroni ha inteso così rispondere «a chi in questi giorni - h...

Appello, no alla schedatura
Scrivi anche tu al Presidente della Repubblica contro una legge che porterà ad una schedatura su base etnica per i Sinti italiani. Vai in questa pagina e compila il modulo con i dati richiesti. Nello spazio oggetto inserisci “no alla schedatura”. Nello spazio testo inserisci l’appello che trovi qui sotto...

Anche tu puoi diventare un senza fissa dimora
Le nuove norme, contenute negli articoli 36 e 44 del ddl n. 733, non colpiranno solo le famiglie che vivono in abitazioni mobili (esempio roulotte) ma anche tutte le famiglie che vivono in abitazioni immobili (esempio appartamento) che...

Rimini, il "campo nomadi" di via Islanda è da smantellare
Sopralluogo della Polizia Municipale ieri pomeriggio, nel “campo nomadi” di via Islanda e un ultimatum ai romeni che si sono accampati sul greto del fiume Marecchia. Dopo il vertice convocato d’urgenza in prefettura, le forze dell’or...

Milano, il Prefetto firma il nuovo regolamento per i "campi nomadi"
Punti fondamentali: la partecipazione alle spese del campo, il turnover delle presenze, con una permanenza massima di tre anni, l’allontanamento dal campo, dopo inviti formali ad adeguarsi, per chi trasgredirà, l´obbligo di far frequentare la scuola ai minori e di...

Verona, il Procuratore Guido Papalia nella città violata
Siamo cittadine e cittadini veronesi e vogliamo sentirci liberi di vivere, con civiltà e rispetto dei bisogni e desideri di tutti, gli spazi della nostra città, senza incorrere in continui divieti che impediscono anche le più semplici azioni del vivere quotidiano. Non ci piace una Verona che mette...

Il Residente della Repubblica
Il Residente della Repubblica? È l’ultimo: un uomo come noi. La vita lo ha relegato ai margini. Ma i suoi diritti rimangono quelli di ogni cittadino. E la politica, pur in nome di legittime esigenze di sicurezza collettiva, non può assumersi la responsabilità di indebolirli e comprometterli...

Il Senato approva la schedatura
Il governo viene battuto tre volte sull’immigrazione ma l’articolo 36 del ddl 733 è stato approvato dal Senato alle ore 18.50 di ieri, mercoledì 4 febbraio 2008, dopo due verifiche del numero legale, la sospensione della seduta per mancanza del numero legale...

Terrorismo di stato, colpirne uno per educarne cento
«Prima l'hanno minacciato con un frustino, poi un poliziotto l'ha colpito al volto con un pugno, infine l'hanno costretto a “sedersi” dentro una pozzanghera e a cantare una canzone». Vittima delle violenze sarebbe Giuliano Adzovic, un operatore dell'Arci di origine montenegrina che lavora all'interno del campo di Tor de' Cenci...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 19/12/2008 @ 08:57:21, in Italia, visitato 1753 volte)

QUESTO NATALE UN REGALO ORIGINALE E SOLIDALE

Vieni trovarci il 21 DICEMBRE DALLE ORE 10 alle 17 nel laboratorio di MANUFATTI DONNE ROM in via dei Bruzi 11/c (zona San Lorenzo)

e i giorni 22-23-24 DICEMBRE
al mercato di via Conca D'oro (incrocio via delle Valli).

potrai acquistare: gonne zingare, borse, sciarpe, vestitini da bambino, cappellini di lana, tovaglie, set da tavola, asciugamani, canovacci, portamonete, portagioielli, collane pizzi, bigliettini d’auguri in stoffa … e tanti altri prodotti originali per l’arredo della casa e per l’abbigliamento

Per contatti ed appuntamenti: cristina 3471580818

http://www.insiemezajedno.org

info@insiemezajedno.org

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/12/2008 @ 08:56:23, in Europa, visitato 1690 volte)

Da Roma_Benelux

by DAVID MARK 09/12/2008 - EUOBSERVER / COMMENT

Con i mercati mondiali fratturati ed i gruppi dell'estrema destra che guadagnano forza in tutto il continente, l'anti-ziganismo è drammaticamente cresciuto negli ultimi anni. Vivendo spesso ai margini della società, i Rom sono diventati il bersaglio di violenza razzista attraverso l'Europa, con attacchi questo autunno in Italia, Repubblica Ceca e Ungheria.

[...] Come avvocato Rom a Bruxelles, mi chiedo cosa significherà la recessione economica per la mia gente?

Le economie sviluppate si stanno indebolendo e nell'Europa dell'est la crisi sta iniziando a rallentare la crescita in maniera drammatica. La recessione economica ci riguarderà tutti, ma colpirà per primi e più forte i Rom. Se non ci saranno al più presto azioni dalla UE, andiamo incontro al disastro.

I leader dei 27 stati membri UE si sono riuniti l'11 dicembre per il summit europeo. I leader UE dovrebbero usare questa opportunità per potenziare la Commissione Europea a sviluppare una Strategia Quadro per l'Inclusione dei Rom, incluse quindi le politiche di sviluppo, coordinamento, controllo e valutazione.

I Rom immigrati dall'est Europa hanno contribuito al boom edilizio, fornendo mano d'opera a buon mercato in Spagna, Italia e altrove. Quando questo boom improvvisamente finirà e le industrie lasceranno migliaia di lavoratori a casa, i Rom saranno i primi a perdere il lavoro, a causa specialmente delle preesistenti discriminazioni e stereotipi negativi.

Per i Rom disoccupati, il quadro è ancora più scuro.

I governi stanno spendendo milioni di euro per stimolare gli affari ed il settore finanziario attraverso incentivi fiscali o prestiti governativi, mentre si restringono i bilanci per le aree come quelle dell'istruzione. Per colmare la lacuna di quanti hanno perso recentemente il lavoro, gli stati intendono approntare programmi che aiutino le famiglie numerose ed i disoccupati a lungo termine.

Una volta che i programmi di assistenza vengono tagliati, non vengono più restaurati. Questi programmi erano già stati criticati intensamente prima della crisi; molti politici li intendevano eccessivamente pesanti anche per un periodo economico migliore. Alcuni critici ritengono che senza questa rete di salvataggio,  i disoccupati a lungo termine saranno più motivati nel cercare lavoro. Ma quando questo è stato tentato, è fallito.

Per risolvere problemi come la disoccupazione a lungo termine e la povertà, dobbiamo rivolgerci alle loro cause sistematiche. Per i Rom questo significa sfidare le discriminazioni e ampliare le opportunità per lo sviluppo dell'istruzione e delle capacità.

Anti-ziganismo

La crisi finanziaria obbligherà l'inclusione Rom ad abbassare i propri obiettivi? Con un'estrema destra in crescita e l'economia sotto sforzo, se non sarà sotto controllo l'anti-ziganismo diventerà sempre più rampante. Cresceranno le tensioni tra i Rom e la popolazione maggioritaria.

Il mese scorso, atti di violenza squadrista sono stati rivolti contro la comunità Rom di Litvinov, nella Repubblica Ceca, mentre in Ungheria estremisti di destra hanno ucciso quattro Rom durante alcuni incendi dolosi. Abbiamo paura che altri governi europei seguiranno la voce dell'Italia, patrocinando il profilo razziale e misure anti-Rom per rispondere ad una popolazione arrabbiata. I programmi di integrazione si arresteranno col taglio dei servizi sociali, ed i Rom saranno più marginalizzati di prima.

In un'Unione Europea, le economie sono interdipendenti, e temi come quelli delle migrazioni incrociano con le opportunità istruttive e le condizioni sociali nel continente. Nel 2008, abbiamo visto che l'esclusione sociale in Romania può essere un problema italiano, spagnolo o francese. Sono sfide condivise e dobbiamo progettare assieme le nostre strategie. Mentre i finanziamenti possono essere limitati in questi tempi difficili, azioni coordinate e standard chiari assicureranno il massimo da ogni sforzo.

L'Europa non può permettersi di avere circa 10 milioni di cittadini incapaci di affrontare un'economia moderna perché sono stati obbligati nelle scuole speciali. Non può permettersi crisi sanitarie che nascono in quelle comunità dove sono stati tagliati i servizi sociali. Nemmeno può permettersi la violenza e l'insicurezza incoraggiate da attitudini razziste.

Se i Rom vogliono rompere il circolo vizioso della povertà, i programmi di istruzione effettiva, salute e anti-discriminatori sono critici. La crisi finanziaria rende le tematiche Rom più urgenti che mai, e soltanto un'azione UE concertata ed a lungo termine creerà il cambio di cui abbiamo bisogno.

David Mark is co-ordinator of the European Roma Policy Coalition and a Soros Fellow

© 2008 EUobserver.com. All rights reserved. Printed on 09.12.2008.

 

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/12/2008 @ 09:54:32, in Europa, visitato 1811 volte)

Da Bitish_Roma

Ustiben report
La polizia del terrore picchia ad un matrimonio a Dale Farm
By Grattan Puxon

Per i giovani Danny e Nora doveva essere il più giorno della vita. Il servizio presso la Chiesa di Nostra Signora, a Wickford, è stato un evento vissuto pienamente da tutta la comunità di Dale Farm. Una limousine li aveva appena portati al ricevimento nuziale presso il Canary Wharf di Londra.

Era stata prenotata una sala a venticinque miglia da Basildon nella speranza di evitare problemi con i razzisti. Ma è stata la Polizia Metropolitana ad intervenire. Come fotografa freelance di matrimoni la giornalista Jess Hurd si era posta all'esterno  quando le sono piombati addosso i ragazzi in blu.

Non si sa chi abbia chiamato al Ramada Hotel. Ma appena Hurd iniziò a filmare, le si disse di bloccarsi sotto la minaccia della Sezione 44 della Legge sul Terrorismo.

La sua videocamera è stata requisita per dei controlli. Poi è stata interrogata sul fatto che potesse avere dei contatti con terroristi, dato che si trovava in un'area delicata vicino all'aeroporto della città. Tuttavia, anche un cieco poteva giudicare che faceva parte della celebrazione di una cerimonia nuziale, alla presenza di ospiti gioiosi.

E' obbligatorio dire, che la Hurd furibonda per la condotta della polizia, metterà in campo i suoi avvocati. Inoltre sta segnalando quanto accaduto, come componente dell'Unione Nazionale dei Giornalisti presso una conferenza domani a Parigi.

Il suo argomento in agenda è il trattamento dei Rom in Europa. Intende evidenziare il lungo assedio di Dale Farm e laminaccia di radere al suolo questo villaggio stabile dei Viaggianti. Richard Sheridan, presidente del Gypsy Council, il cui nipote Danny Sheridan stava per sposare la residente Nora Quilligan, ha celebrato anche il suo 40° compleanno il 10 dicembre.

"Questo incidente non avrebbe potuto essere gestito in maniera più inetta ed offensiva," dice Sheridan. "Durante la festa di matrimonio di una giovane coppia e nel Giorno dei Diritti Umani."

E' stato il terzo di quattro matrimoni tenutisi in rapida successione dalle famiglie di Dale Farm, ansiose di celebrare il matrimonio prima del Nuovo Anno, quando il tribunale d'appello giudicherà se il consiglio di Basildon può mettere in opera lo sgombero totale sinora rimandato. Quarantadue anni fa, il 10 dicembre 1966, venne fondato il Gypsy Council in un pub del Kent, sulla cui porta era posto il segnale "No Zingari".

Jess Hurd
Photographer


www.jesshurd. com
www.reportdigital. co.uk
www.thebppa. com/Jess- Hurd

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 17/12/2008 @ 09:32:57, in Europa, visitato 1725 volte)

Da La voix des Rroms

Lo scorso mercoledì 10 dicembre, circa 300 Rrom venuti da tutta la regione parigina, originari della Romania, della Bulgaria, della Slovacchia e ancora da altre parti, hanno manifestato davanti alla rappresentanza della Commissione Europea a Parigi, per chiedere la cessazione delle espulsioni, un trattamento umano e il libero accesso al lavoro in Francia.

La foto racconta qualcosa di più. Il cartello ripreso dalla foto si rivolge a quelli che Georges Brassens citava nella canzone "L'auvergnat", troppo occupati "ad integrare" gli altri per rendersi conto che si tratta di essere umani "dotati di ragioni e dignità", come dice la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani. In effetti, nel dipartimento 93 un certo numero di MOUS (Controllo d'opera urbana e sociale) hanno iniziato ad operare. Consistono nel parcheggiare i Rrom come bestiame in luoghi chiusi e protetti, dove non possono ricevere nessuno, e neanche i mezzi d'informazione hanno diritto ad entrare, e naturalmente senza alcuna possibilità di lavoro. Lo stato partner di questi progetti, non accorda loro questo diritto, ma nel contempo richiede loro un contributo di 30 euro al mese. Come possono guadagnare questi soldi, se legalmente non possono lavorare?

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/12/2008 @ 09:35:40, in Italia, visitato 2712 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro

Con il pretesto di contrastare l’immigrazione clandestina i recenti provvedimenti del Governo e del Parlamento, colpiscono tutti gli immigrati, soprattutto coloro che vivono e lavorano regolarmente nel nostro paese rispettando le leggi.
L’integrazione diventa un percorso ad ostacoli che esclude e inibisce i percorsi positivi di inserimento dei migranti nella società italiana.
Il fondo Nazionale per l’integrazione è passato da 100 milioni di euro a 5 milioni e tra le proposte contenute in finanziaria vi è l’introduzione del requisito di dieci anni di residenza per l’accesso al piano casa ed all’assegno sociale.
Il disegno di leggge sulla sicurezza, in discussione al Senato, in nome di un malinteso concetto di sicurezza, stravolge le norme sull’immigrazione, riducendo fortemente i diritti dei migranti, uomini e donne da tenere in condizioni di precarietà, ricatto e sfruttamento, con gravi ripercussioni sulla pacifica convivenza nella società.
L'insieme dei provvedimenti proposti, se approvati, contraddicono le norme internazionali sui diritti umani fondamentali e la stessa Costituzione italiana che afferma la pari dignità sociale delle persone, senza distinzione di sesso, razza, lingua o religione. In particolare:

- si introduce il reato di clandestinità
- si ostacola il ricongiungimento familiare, che da sempre costituisce un elemento forte di stabilità e di integrazione
- si riducono le tutele dei rifugiati e dei minori
- si tagliano le risorse per i corsi d’italiano e si istituiscono le classi differenziate
- si restringe l’assistenza sanitaria, prevedendo un obbligo, per i medici e il personale sanitario, di denunciare gli immigrati irregolari che chiedono di curarsi
- si rendono più difficili i matrimoni misti
- si esaspera il criterio della idoneità alloggiativa
- si istituisce il permesso a punti e una tassa per ogni pratica di rilascio e di rinnovo di 200 euro (attualmente è di 72 euro), un balzello ingiusto e oneroso per i migranti che attendono anche più di un anno una risposta sul permesso di soggiorno che - quando arriva – molte volte già è scaduto
- si propone il blocco dei flussi d’ingresso dei lavoratori stranieri, misura propagandistica ed inutile, che chiude la strada all’immigrazione regolare e non fa nulla per dare risposta all’estesissima presenza di irregolarità, lavoro nero, e violazione dei diritti fondamentali.

Noi contestiamo questi provvedimenti e chiediamo al Parlamento di riformare le norme sull’immigrazione garantendo:

1. una seria ed efficace programmazione degli ingressi nel 2009, in misura funzionale al mercato del lavoro
2. una risposta coraggiosa al problema dei lavoratori immigrati senza permesso, dando loro una chance per emergere da una vita di lavoro nero e assenza di diritti.
3. parità di diritti e superamento delle discriminazioni sul lavoro e nell’accesso a scuola, sanità e stato sociale;
4. riforma della cittadinanza e diritto di voto.

Per queste ragioni promuoviamo per il giorno giovedì 18 dicembre, giornata dedicata dalle Nazioni Unite ai diritti dei lavoratori e lavoratrici migranti e delle loro famiglie, un presidio a Roma dalle ore 10.00 alle ore 14.00 (Largo Chigi – Colonna).
Nello stesso giorno, nelle stesse ore si effettueranno presidi davanti alle Prefetture delle più importanti città d’Italia.
Seguono Sigle

1. Antigone
2. ARCI
3. ASGI
4. Cantieri Sociali
5. Centro Astalli/JRS
6. CGIL
7. CIR
8. CIPSI
9. CNCA
10. DVF – Per il diritto degli stranieri a vivere in
famiglia
11. Emmaus Italia
12. Servizio Rifugiati e Migranti - Federazione Chiese
Evangeliche in Italia
13. Federazione Rom e Sinti Insieme
14. Fondazione Di Liegro
15. Gruppo Abele
16. La casa dei diritti sociali – FOCUS
17. Libera
18. Lunaria
19. OsservAzione
20. Senza Confine
21. Sbilanciamoci
22. SOS Razzismo
23. Terra del Fuoco
24. UIL
25. Unione Inquilini Roma e Lazio

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Ricevo da Maria Grazia Dicati

Con il pretesto di contrastare l’immigrazione clandestina i recenti provvedimenti del Governo e del Parlamento, colpiscono tutti gli immigrati, soprattutto coloro che vivono e lavorano regolarmente nel nostro paese rispettando le leggi.

L’integrazione diventa un percorso ad ostacoli che esclude e inibisce i percorsi positivi di inserimento dei migranti nella società italiana.

Il fondo Nazionale per l’integrazione è passato da 100 milioni di euro a 5 milioni e tra le proposte contenute in finanziaria vi è l’introduzione del requisito di dieci anni di residenza per l’accesso al piano casa ed all’assegno sociale.

Il disegno di legge sulla sicurezza, in discussione al Senato, in nome di un malinteso concetto di sicurezza, stravolge le norme sull’immigrazione, riducendo fortemente i diritti dei migranti, uomini e donne da tenere in condizioni di precarietà, ricatto e sfruttamento, con gravi ripercussioni sulla pacifica convivenza nella società.

L'insieme dei provvedimenti proposti, se approvati, contraddicono le norme internazionali sui diritti umani fondamentali e la stessa Costituzione italiana che afferma la pari dignità sociale delle persone, senza distinzione di sesso, razza, lingua o religione. In particolare:

- si introduce il reato di clandestinità;
- si ostacola il ricongiungimento familiare, che da sempre costituisce un elemento forte di stabilità e di integrazione;
- si riducono le tutele dei rifugiati e dei minori;
- si tagliano le risorse per i corsi d’italiano e si istituiscono le classi differenziate;
- si restringe l’assistenza sanitaria, prevedendo un obbligo, per i medici e il personale sanitario, di denunciare gli immigrati irregolari che chiedono di curarsi;
- si rendono più difficili i matrimoni misti;
- si esaspera il criterio della idoneità alloggiativa;
- si istituisce il permesso a punti e una tassa per ogni pratica di rilascio e di rinnovo di 200 euro (attualmente è di 72 euro), un balzello ingiusto e oneroso per i migranti che attendono anche più di un anno una risposta sul permesso di soggiorno che - quando arriva – molte volte già è scaduto;
- si propone il blocco dei flussi d’ingresso dei lavoratori stranieri, misura propagandistica ed inutile, che chiude la strada all’immigrazione regolare e non fa nulla per dare risposta all’estesissima presenza di irregolarità, lavoro nero, e violazione dei diritti fondamentali.

Noi contestiamo questi provvedimenti e chiediamo al Parlamento di riformare le norme sull’immigrazione garantendo:

1. una seria ed effiace programmazione degli ingressi nel 2009, in misura funzionale al mercato del lavoro;
2. una risposta coraggiosa al problema dei lavoratori immigrati senza permesso, dando loro una chance per emergere da una vita di lavoro nero e assenza di diritti;
3. parità di diritti e superamento delle discriminazioni sul lavoro e nell’accesso a scuola, sanità e stato sociale;
4. riforma della cittadinanza e diritto di voto.

Per queste ragioni promuoviamo per il giorno giovedì 18 dicembre, giornata dedicata dalle Nazioni Unite ai diritti dei lavoratori e lavoratrici migranti e delle loro famiglie, un presidio a Roma dalle ore 10.00 alle ore 14.00 (Largo Chigi – Colonna).

Nello stesso giorno, nelle stesse ore si effettueranno presidi davanti alle Prefetture delle più importanti città d’Italia.

Aderiscono all’appello:
Antigone, ARCI, ASGI
Cantieri Sociali
Centro Astalli/JRS
CGIL
CIR
CIPSI
CNCA
Emmaus Italia
Federazione Chiese Evangeliche in Italia
Federazione Rom e Sinti Insieme
Gruppo Abele
Libera
Lunaria
Sbilanciamoci
SOS Razzismo, Terra del Fuoco, UIL

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2019 @ 09:52:48
script eseguito in 159 ms

 

Immagine
 3 febbraio 2011: benvenuti a Milano... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 58 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source