Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 07/07/2009 @ 09:44:07, in Italia, visitato 1192 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro, con preghiera di diffusione (ulteriori notizie QUI)

La Giunta Comunale di Pisa (centrosinistra) sempre più in linea con le derive del Governo del "pacchetto sicurezza" (centrodestra)

Si ricomincia. È di mercoledì 1º luglio l'annuncio dell'assessore alle politiche sociali, Maria Paola Ciccone: in applicazione dell’ordinanza di sgombero generalizzato degli insediamenti "abusivi" (ord. n. 84 dell’11/12/2008), il Comune vuole continuare a distruggere gli accampamenti dei Rom rumeni e a concedere incentivi a chi decide di ‘rimpatriare’, posto di fronte alla minaccia di vedere abbattuta dalle ruspe la propria dimora. Ancora una volta, il sindaco Filippeschi non fa nulla per distinguersi dalle scelte più efferate del Governo Berlusconi. Così, ai respingimenti dei migranti nel Mediterraneo si risponde da Pisa con la vergogna dei ‘rimpatri assistiti’: soldi in cambio di partenze. Il Comune dice di aver già speso circa 29mila € per i rimpatri della prima fase (aprile-maggio 2009), sotto forma di assegni tra i 500 e i 1000 €; a breve si prepara la seconda mandata, a cui corrisponderanno nuovi stanziamenti.

La domanda è lecita: una giunta di centrosinistra, che dovrebbe praticare politiche di integrazione, non poteva spendere quel denaro in altro modo?

È noto che gli stranieri hanno difficoltà ad affittare appartamenti a Pisa, a causa della discriminazione diffusa tra chi - agenzie immobiliari o proprietari - non si fida delle possibilità di pagamento dei migranti, anche in presenza di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. I soldi del Comune potevano essere usati come garanzia, a copertura della quota richiesta dalle agenzie. È solo un esempio di un’alternativa possibile all’allucinata politica securitaria del Sindaco, che negli ultimi mesi ha più volte portato il ‘caso Pisa’ alla ribalta delle cronache nazionali, da Repubblica (24/12/2008) al Corriere della Sera (19/04/2009).

Intanto, il Parlamento ha approvato il ‘pacchetto sicurezza’. Con un colpo di mano razzista e xenofobo, ha introdotto il reato di clandestinità e le ronde. Sarebbe normale attendersi che gli enti locali guidati dal centrosinistra mettano in atto alternative serie e riconoscibili, e non che ripropongano la ricetta del Governo, un misto di criminalizzazione (sgomberi) e di rifiuto degli immigrati (rimpatri).

Guardando alle scelte del Sindaco Filippeschi, è evidente che qualcosa non torna. Mentre la Regione Toscana, guidata dal centrosinistra, si è dotata di una legge in aperto contrasto con le spinte razziste del Governo (legge n. 29 del 9/06/2009), il Comune soffia sul fuoco della paura e del "senso di insicurezza". Per il Comune, i Rom che abitano nei campi non sono cittadini come gli altri. La realtà è che si tratta di famiglie in condizioni di disagio, ma che lavorano per le imprese locali e mandano i figli nelle scuole del territorio: per il Comune sono solo un problema da rimuovere, da allontanare. Che ne pensa il Presidente della Regione, Claudio Martini?

Ci preme sottolineare che i rumeni, cittadini europei, non possono essere espulsi, a meno di gravi motivi di ordine pubblico. Nulla vieta che, una volta ‘rimpatriati’, tornino in tutta tranquillità e legalità in Italia. Nella pratica, è esattamente ciò che avverrà al termine della surreale stagione dei ‘rimpatri alla pisana’.

Soldi pubblici spesi bene? No, solo spreco di risorse e politica fatta a colpi di propaganda, ancora più offensiva in un momento di pesante crisi economica.

Chiediamo dunque che sullo stato di emergenza in cui vivono le famiglie Rom il Comune apra subito un tavolo pubblico di discussione, oltre a interrompere immediatamente gli sgomberi e la distruzione di accampamenti in cui abitano anche donne, anziani e bambini. Lasciamo alla coscienza dei cittadini il giudizio politico e morale sull’operato del Sindaco. Noi ci limitiamo ad osservare, per il momento, come i finanziamenti pubblici potrebbero essere spesi in modo assai più utile e costruttivo.

Associazione Africa Insieme
Pisa, 3 Luglio 2009

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/07/2009 @ 09:09:20, in Italia, visitato 1453 volte)

Ricevo da Roberto Malini

Milano, 6 luglio 2009

Egregio Commissario per i Diritti Umani del Consiglio d'Europa Thomas Hammarberg,

abbiamo ascoltato l'intervista che Lei ha rilasciato a Klaus Davi per "KlausCondicio" in cui si augura che le Istituzioni italiane abbiano seguito i Suoi consigli riguardo alla politiche sui Rom. Alle Sue speranze in relazione ai Rom in Italia, dobbiamo rispondere che purtroppo da gennaio a oggi gli sgomberi sono proceduti nel solito modo: famiglie messe in mezzo alla strada, minori spesso sottratti illegittimamente ai genitori, baracche e beni personali distrutti, nessuna assistenza sociale né sanitaria. Dopo ogni sgombero, bambini (quelli lasciati alle madri), donne anche incinte, malati hanno dovuto incamminarsi verso il nulla, alla ricerca di un altro riparo: un ponte, una casa abbandonata, una baracca. Luoghi senza acqua né servizi, malsani, pericolosi. Spesso gli agenti conducono in questura gli uomini, per "controlli" (non di rado durante tali "controlli" si verificano abusi e brutalità) e le donne restano con i bambini, esposte a ogni genere di abusi. Dopo gli ultimi, terribili sgomberi, la maggior parte della famiglie è tornata in Romania o fuggita in Spagna, Grecia, Francia. Malati di cancro, portatori di handicap, pazienti cardiopatici hanno dovuto rinunciare alle cure, per tornare a morire in patria. Si sono verificati aborti spontanei, in seguito agli sgomberi senza alternative*. Da parte nostra, abbiamo investito ogni energia fisica, morale ed economica (anche vendendo beni personali mobili e immobili) per aiutare numerose famiglie ad acquistare farmaci e beni di sopravvivenza o ad affrontare il rinnovo dei documenti e il viaggio in Romania (le Istituzioni ci avevano garantito almeno di provvedere al costo dei rimpatri, ma non hanno mantenuto le promesse). Quando le autorità hanno sottratto i bambini alle madri, spesso queste hanno commesso atti violenti contro se stesse. Durante l'azione poliziesca di Pesaro (simile a tante altre) abbiamo percorso la città e caricato a bordo di furgoni donne semiassiderate, fuggite con i loro bambini per evitare la sottrazione. Si è sfiorata la tragedia, perché padri e madri Rom avevano minacciato di darsi fuoco se avessero perso i figli. Per concludere, le politiche delle Istituzioni centrali e locali sono ormai di feroce persecuzione, senza alcuno scrupolo, nei confronti delle ultime famiglie Rom. Come possono testimoniare gli ultimi Rom romeni rimasti in Italia - perché in possesso di documenti scaduti e privi del denaro necessario al viaggio in Romania - sono ormai negati loro anche i minimi diritti della persona. I Rom vengono maltrattati, accusati di reati che non hanno commesso, braccati e scacciati da tutte le città, picchiati e insultati dagli intolleranti. La invitiamo a visitare il nostro sito per aggiornamenti e a prendere contatto con alcune vittime della persecuzione (siamo in grado di fornirLe recapiti telefonici), che potranno riferirle vicende di razzismo e abuso raccapriccianti, che purtroppo sono ormai la quotidianità, in Italia, per il popolo Rom. Le Sue parole e il Suo invito rivolto alle autorità italiane sono lodevoli, Commissario, ma il nostro Paese è ormai in preda a un razzismo e una xenofobia fuori controllo e di certo non bastano ammonimenti, Risoluzioni, consigli da parte delle Istituzioni internazionali (che sono strumenti inefficaci) per cambiare le cose. Da parte nostra, continueremo a impegnarci per limitare la terribile tragedia umanitaria che avviene nell'indifferenza del mondo. Cordiali saluti.

Roberto Malini, Matteo Pegoraro, Dario Picciau, Glenys Robinson, Steed Gamero, Fabio Patronelli, Katalin Barsony, Nico Grancea, Ionut Ciuraru, Mariana Danila, Danciu Caldarar, Mauro Zavalloni - Gruppo EveryOne

* Vedi per esempio: http://www.everyonegroup.com/it/EveryOne/MainPage/Entries/2009/6/1_La_fabbrica_della_morte.html

Gruppo EveryOne
+39 334 8429527 :: +39 331 3585406
www.everyonegroup.com  :: info@everyonegroup.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/07/2009 @ 09:33:57, in media, visitato 1695 volte)

Una segnalazione di Orietta Fossati a proposito di una nuova rivista in pubblicazione a Trieste

Nel quadro del controverso dibattito nazionale ed internazionale, da una parte, sulla possibilità/impossibilità d'integrazione dei migranti e delle sue eventuali modalità e, dall'altra, in presenza della complessità del processo d'integrazione, la maggior parte degli studi scientifici si focalizza sugli aspetti legali in un'ottica o marcatamente giuridica o marcatamente economica o sul tema dell'integrazione delle popolazioni migranti più "svantaggiate" in un'ottica di salvaguardia dei diritti umani. Questo approccio che caratterizza buona parte degli studi scientifici in materia rivela un paternalismo miserabilista-caritatevole, atteggiamento largamente diffuso non solo in ambito accademico ma anche tra coloro che si professano anti-razzisti.

"Temperanter", la rivista trimestrale di approfondimento edita dal "Centro Internazionale per le Ricerche e gli Studi Interculturali" (C.I.R.S.I.), si pone l'obiettivo di approfondire argomenti sociali e culturali di interesse nazionale ed internazionale nell'intento di mettere in discussione i luoghi comuni, gli stereotipi ed i pregiudizi che persistono nelle nostre società. Sul paternalismo miserabilista-caritatevole si fonda una visione stereotipata latente che relega il migrante ad un ruolo subordinato e sottomesso nella società d'accoglienza. Nell'arena politica come nell'immaginario collettivo, l'immigrato di sesso maschile è diventato il "vu' cumprà" per antonomasia, mentre la donna immigrata fa la "badante" o la "colf".

E' questa visione del mondo che il primo numero di "Temperanter", che sarà curato dalla Dr. Ingrid Stratti (PhD), esperta in gender equality policies, vuole mettere in discussione proponendo una riflessione sul tema "Donne migranti e pari opportunità: una sfida per tutti". A tal fine, i meccanismi di integrazione dei migranti qualificati, in generale, e della popolazione migrante femminile qualificata, in particolare, saranno analizzati per evidenziare quali siano le politiche d'ingresso che favoriscono o meno l'afflusso di "cervelli rosa", quali siano le politiche e le "buone prassi" in materia d'immigrazione e pari opportunità che facilitano o ostacolano la piena integrazione delle migranti nella società d'accoglienza, quali siano le strategie adottate dalle donne migranti qualificate per raggiungere un alto livello di integrazione, quale sia il ruolo dell'esperienza migratoria e della società d'accoglienza nel processo di affermazione professionale delle donne migranti qualificate, ecc.

Sono ammessi tutti gli approcci scientifici (sociologico, letterario, psicologico, giuridico, storico, transdisciplinare, comparativo, ecc.) senza limitazioni geografiche, per quanto riguarda il Paese di provenienza e di destinazione dei migranti, né temporali per quanto riguarda l'epoca storica approfondita. Gli abstract di massimo 1.500 caratteri accompagnati da una breve nota biografica saranno accettati fino al 15 luglio 2009. La redazione comunicherà entro il 20 luglio 2009 quali abstract sono stati accettati. Gli articoli e saggi brevi di lunghezza non superiore a 20.000 caratteri in lingua italiana, inglese o francese dovranno pervenire entro il 5 agosto 2009 all'indirizzo: temperanter@cirsi.net.

"Temperanter" - Rivista di approfondimento
Direttore responsabile: Lorenzo Dugulin
C.I.R.S.I. Editore
C.F. 90118200329
V.le R. Sanzio 17
I - 34100 Trieste

Tel. +39 334 3994638, e.mail: temperanter@cirsi.net , cirsi@cirsi.net
Website: www.cirsi.net
Iscr. n. 1092 al Registro Generale delle Organizzazioni di Volontariato della Regione Autonoma F.V.G. – settori: culturale, dei diritti civili e delle attività innovative, solidarietà internazionale

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/07/2009 @ 21:32:11, in Regole, visitato 1250 volte)

Informazione di rete BaobAb Arci di Milano

ATTENZIONE ALLE VOCI INCONTROLLATE! NON C'E' NESSUNA SANATORIA

Molti immigrati stanno andando in massa alle poste per ritirare i Kit, perché è girata una voce falsa di regolarizzazione.

La CGIL comunica ai tutti cittadini che in questo momento non vi sono ne regolarizzazione ne riaperture di termine per quante riguarda i permessi di soggiorno bloccati dal 2002. Al contrario, a causa delle voce false che stanno circolando, molti immigrati, vittime di faccendieri e persone senza scrupoli, stanno ritirando inutilmente il kit dalle poste.

Come rete Baobab aggiungiamo che è pericoloso fidarsi di chi consiglia di utilizzare il Kit Poste (in vigore dal 2006 per i solo RINNOVI dei permessi) per cercare di regolarizzarsi, perché si rischia l'AUTODENUNCIA, indicando i propri dati e il proprio indirizzo, e di conseguenza si rischia l'espulsione.

Non è in atto alcuna sanatoria, non c'è alcuna apertura dei permessi di soggiorno né per colf e badanti, né per richiedenti asilo provenienti dal continente asiatico (india, pakistan, bangladesh, sri lanka - da settimane affollano la questura di milano inutilmente), né per chi ha un semplice visto Shengen scaduto.

PRIMA DI PRESTARE FIDUCIA A QUESTE VOCI, PRIMA DI PAGARE PRESUNTI MEDIATORI O PERSONE CHE SI DICONO DISPONIBILI AD AIUTARE, E' BENE INFORMARSI PRESSO GLI SPORTELLI DELLE ASSOCIAZIONI E DEI SINDACATI.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/07/2009 @ 09:26:58, in Italia, visitato 1275 volte)

6-7-2009 by Guido Martinotti

Che cosa è al fondo questa ideologia? É, dice Karl Mannheim, “una bugia di secondo grado”: dunque non una menzogna diretta (che è una cosciente manipolazione della realtà) ma una sorta di menzogna inconscia, un adattamento della realtà ai propri interessi o a una data visione del mondo, in genere quella dei potenti. Sostenere che l’insicurezza (cioè lo stato in cui esiste un sensibile rischio di essere vittima di un atto violento o criminale) è in aumento, è un’affermazione ideologica. Tanto che chi la sostiene ha dovuto inventarsi l’idea-cetriolo (Gadda) della “insicurezza percepita” e cioè le città sono più sicure, ma i cittadini si sentono più insicuri. Bella forza! Sono 20 anni a dir poco che la macchina di chi sta oggi al potere ha strillato che i pericoli urbani aumentano e poi ti stupisci che le persone, soprattutto le fasce più deboli, i poveri, le persone sole soprattutto se anziane, si sentono più insicure? Vi ricordate Charlot e The Kid? Il ragazzino andava avanti e spaccava i vetri con la fionda e poi arrivava Charlie Chaplin a vendere i vetri. Più o meno la stessa cosa, solo che i vetri che vengono venduti oggi sono spesso solo dei fogli di plastica che tolgono la luce e non riparano alcunché. Sia detto, per onestà e completezza, che anche le classi dominate hanno loro visioni del mondo accomodanti (”siamo tutti eguali”) ma queste si chiamano tecnicamente “utopie” e hanno almeno la funzione di promuovere le speranze invece di quella di fomentare le paure.

L’ideologia dominante oggi, in una società interamente controllata dai meccanismi di consenso, è l’ipocrisia. Non è importante ciò che è, ma ciò che vi facciamo credere. L’economia va male, ma chi lo dice è un traditore, il Governatore della Banca d’Italia diventa un nemico, l’ISTAT un istituto di disfattisti, l’UE, che ha i suoi parametri. uno straniero ostile e la stampa internazionale, inutile dirlo, una cospirazione comunista. Si dice, occorre ottimismo: sì, va bene, ma l’ottimismo non deve essere paranoico. Va bene il pep talk degli spogliatoi, ma ha un senso solo se prima la squadra ha comperato i giocatori giusti ed è bene allenata, altrimenti c’è solo da ridere (o da piangere). Se l’obiettivo non è più vincere la partita, ma far credere che si vincerà la partita, siamo in una condizione psicologica anormale, malata. Mussolini si rifiutò di attivare il razionamento per non turbare il consenso degli italiani, un anno dopo tutti gli altri paesi belligeranti, alleati o meno. Il risultato fu quella catastrofe della borsa nera che tutti gli italiani dalla mia età in su hanno conosciuto. Un processo descritto magistralmente in De Profundis di Satta. Ancora nel bene addentro al conflitto Mussolini importunava petulantemente l’alleato tedesco per avere acciaio, cemento e altro (con domande ridicole: una avrebbe richiesto l’invio di 1700 treni) e ai tedeschi che gli obiettavano che stava gettando migliaia di tonnellate di cemento e acciaio per costruire inutili Case del Fascio, rispose che non poteva fermarsi “perché aveva già dato gli appalti”. Ora, Berlusconi non è Mussolini e il berlusconismo non è il fascismo, e sbaglia chi lo dice confondendo le idee, ma i due sistemi si reggono entrambi sulla manipolazione delle coscienze ai fini di ottenere consenso e su un sistema decisionale che non prevede il dissenso dal Capo. Questi sistemi, come spiega bene Amartya Sen, lungi dall’essere, come pretendono, più efficienti della democrazia, lo sono meno e, soprattutto, non sanno prevenire i disastri. Il Capo è infatti circondato da una torma di yes-persons fabbricatori di idee-cetriolo, che mettono in giro come se fossero cioccolatini.

Il Parlamento vota a grandissima maggioranza il pacchetto sicurezza con l’idea-cetriolo di far diventare reato la presenza clandestina. Gnurant! Gnurant! Avrebbe detto il Gasista Anacleto. Così se un clandestino, invece di essere espulso con un atto amministrativo, viene denunciato in base alla legge penale, deve farsi tutti i gradi di giudizio e campa cavallo. Vi ricordate il cetriolone-mantra “aboliamo il reato di eccesso di legittima difesa”? E bravo! Così se ammazzi uno che entra in casa tua vai diretto per l’omicidio volontario che è un reato molto più grave. Fatta la legge (ma non ci pensano prima?) si scopre che tutto il sistema delle badanti va in tilt. E siccome non possiamo affidare decine di migliaia di vecchietti alla Ronde Padane, Maroni inventa il cetriolone della non retroattività, il “Padre di tutti i cetriolini” e fa anche lo spiritoso dicendo che lo sanno anche gli studenti di primo anno. Certo se la clandestinità fosse un atto o un comportamento, d’accordo: chi ha commesso questo reato una volta non può essere colpito oggi per quel che ha fatto ieri. Ma la clandestinità è uno stato che si prolunga nel tempo. Ero clandestino ieri, lo sono oggi e lo sarò anche domani se non mi danno le carte. Le leggi razziali non avevano bisogno di essere retroattive, colpivano a partire da un certo punto in poi, tutti coloro che erano ebrei (comunque definiti, ma questo è un altro discorso) e non è che potessero dire da oggi in poi non sono più ebreo. Lo stato di clandestino e come lo stato di essere ebreo, oppure Mandingo o Bantù, Pheul o Berbero o Rom, oppure anche un po’ coglione: la retroattività non c’entra. Una legge che volesse liberarci dai cretini un po’ coglioni, il vaste programme che De Gaulle non ebbe animo di intraprendere, ma che migliorerebbe molto la vita, violerebbe molti principi giuridici, ma non quello che impedisce la retroattività. Se si stabilisse che i cretini un po’ coglioni, (comprovatone lo stato in base a loro atti inconsulti) non potessero, per esempio ricoprire cariche pubbliche o essere eletti Parlamento, la disposizione avrebbe valore dal momento della promulgazione, senza necessità di ricostruire la cretinaggine passata del soggetto.

La verità è che gli immigrati e il loro vero o supposto impulso alla criminalità e contributo all’insicurezza, sono stati soprattutto un detonatore dell’inefficienza dello stato italiano, uno stato capace di fare la voce grossa soprattutto con i deboli. Con l’individuazione del capro espiatorio negli immigrati ci si allontana sempre più dal miglioramento degli apparati amministrativi, sovraccaricandoli di compiti inutili e simbolici, aumentando lo tsunami delle carte, scaricando sulla polizia compiti di assistenza sociale, che svolge inevitabilmente male, ampliando l’area delle illegalità e delle sinergie che vi si sviluppano. E ovviamente aumentando l’insicurezza, quella vera. Sarebbe potuta essere un’occasione d’oro per rafforzare il nostro apparato amministrativo e renderlo più efficiente e anche umano, affiancando all’azione di polizia investigativa e repressiva, apparti di accoglienza, orientamento, disbrigo pratiche amministrative. Gli stati Uniti, che sono un paese d’immigrazione di lunga data hanno un potente Immigration Office, noi che siamo inevitabilmente diventati un paese d’immigrazione, stiamo affrontando il problema con strumenti ottusi, costosi e poco efficienti, che ampliano invece di restringere la frattura tra cittadini (immigrati e non) e organi amministrativi, tra cui quelli di polizia. Intanto i centri di accoglimento (quelli veri, non i lager) d’integrazione e socializzazione dei nuovi venuti sono stati via via smantellati. Se vogliamo davvero affrontare il problema occorre innanzitutto cambiare la testa di chi comanda, e soprattutto smetterla con il continuo allarme verbale cui fanno seguito provvedimenti inefficaci e dannosi. L’immigrazione è un problema, non può essere risolto con le sparate propagandistiche che stanno davvero stancando.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/07/2009 @ 09:57:21, in musica e parole, visitato 2162 volte)

Ricevo da Marta Pistocchi

DOMENICA 12 LUGLIO 2009
ecco la data che dovete segnarvi!

III edizione della GRANDE FESTA BALKANICA
dalle 18 alle 24
alla CASA delle CULTURE del MONDO
via Natta 11 - MM Lampugnano
ingresso dal cancello del liceo a destra attraversando il parco

per chi ancora è rimasto in città e chi invece pensava al weekend fuori porta
per chi ama il buon cibo e ancor più la buona muzica
per sfuggire al trito happy hour milanese
per difendere uno spazio della Provincia (...) che promuove l'incontro tra diverse culture
per condividere e partecipare a un evento che nasce "dal basso"
voluto creato promosso e organizzato da noi, con voi


prepareremo per voi un abbondante aperitivo balkanico a base di cevapcici, pljeskavice e altre specialità, innaffiato da fiumi di birra gelata e per i più coraggiosi grappa di prugne, sljivovica

seguiranno i concerti
TRIO MIRKOVIC & MUZIKANTI di BALVAL
e naturalmente
JAM SESSION finale

portate gli strumenti! preparatevi a ballare!
spargete la voce, portate gli amici, i parenti, gli animali domestici
ingresso libero, non c'è bisogno di prenotare
vi aspettiamo numerosi

per info martiglia@hotmail.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/07/2009 @ 09:12:28, in casa, visitato 1033 volte)

Segnalazione di Betti dalla Provincia Pavese (pagina 14 - cronaca) Se ne è parlato QUI

La proposta della facoltà di Ingegneria-architettura

PAVIA. [...] Trenta studenti della facoltà di ingegneria edile architettura, esperti di progettazione urbanistico-sociale sotto la guida del sociologo Andrea Membretti, hanno studiato gli insediamenti di sinti nella nostra città e cercato soluzioni abitative che vadano oltre l'idea del campo nomadi isolato e precario, spesso culla di marginalità.

Stasera sarà presentato alla città e alle comunità sinte il lavoro svolto e poi ci sarà modo di fare festa con musica e balli. All'ingresso saranno raccolte offerte che le comunità sinte di Pavia invieranno ai terremotati abruzzesi e ci sarà un servizio bar.

Il progetto è stato portato avanti dal dipartimento diretto da Angelo Bugatti, settore servizi sociali del comune di Pavia, consiglio territoriale per l'immigrazione della prefettura, associazione sinti italiani di Pavia e cooperativa L'architettura delle convivenze. Cosa è emerso? "A Pavia risiedono attualmente 135 nuclei familiari, per un totale di 395 persone appartenenti alla popolazione Sinta che vivono in tre comunità differenti: piazzale Europa lato fiume, Piazzale Europa ex piscina e via Bramante. Ci sono 150 minori, 100 dei quali inseriti nelle strutture scolastiche fino alla scuola secondaria", racconta Membretti. I sinti residenti sono cresciuti fino al 2006, quando hanno raggiunto il picco di 750, mentre negli ultimi due anni si vede una inversione di tendenza.

Ma se formalmente sono organizzati in nuclei familiari di piccole dimensioni (da 1 a 3 individui), nei fatti prevalgono famiglie allargate di 10-15 persone, a loro volta aggregate in clan che arrivano a comprendere fino a 150 soggetti.

I nuclei familiari ristretti sono poi spesso di tipo informale, ovvero non registrati come tali all'anagrafe. "I rapporti di parentela e le gerarchie informali sono fattori da considerare in fase di progettazione dei nuovi insediamenti per evitare conflittualità e favorire la cooperazione sociale" scrivono nella relazione finale, senza dimenticare le funzioni di controllo di questa organizzazione. Gli studenti, ascoltando i diretti interessati e studiando le soluzioni già realizzate con i famosi fondi europei dedicati che l'Italia ancora non sfrutta, hanno formulato possibili soluzioni abitative per i sinti pavesi in vista della loro ricollocazione.

Quale potrebbe essere la soluzione? "Un villaggio auto-costruito di piccole unità abitative in legno con spazi comuni, oppure un nuovo quartiere centrato su edilizia comunitaria (housing sociale e co-housing) in muratura e su moduli abitativi transitori. Entrambe le soluzioni dovrebbero essere aperte ai pavesi Per evitare altri isolamenti" conclude Membretti.

Anna Ghezzi

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/07/2009 @ 09:19:05, in Europa, visitato 1693 volte)

Segnalazione di Marko D. Knudsen

Giorno Internazionale del Ricordo delle Vittime Rom del Porraimos (Olocausto)

Quest'anno il 2 agosto diverrà il Giorno Internazionale del Ricordo delle Vittime Rom del Porraimos (Olocausto). Il 2 agosto 1944 oltre 3.000 Rom e Sinti ad Auschwitz-Birkenau furono gasati e poi cremati.

Questo giorno di azione è stato suggerito dal Congresso Nazionale Rom e dall'Unione Internazionale Rom, da un'udienza del Forum Rom e Viaggianti Europei nel Consiglio d'Europa, tenutasi a Strasburgo il 29 giugno 2009. E' stata adottata da tutti i partecipanti all'iniziativa "Assieme contro l'Antiziganismo in Europa", che suggeriscono il 2 agosto alle ore 12.00 di scendere per cinque minuti nelle strade, ovunque in Europa, e farsi vedere con una candela accesa pregando per i morti.

SIATE VISIBILI!

Quest'anno il Giorno del Ricordo sarà dedicato ai bambini Rom e Sinti che hanno subito abusi o sono stati uccisi in Europa.


Mi è stata consegnata anche la versione in romanes (qui di seguito), gli ho dato un'occhiata, in alcuni punti mi suona strana e non mi sento di garantire sulla traduzione

Internacijonalno Djes le Murdarde Romenge ando Pharraimos (Holocaust)
Kado bersh po 2.to Augusto avela o Internacijonalno Djes le Murdarde Romenge ando Pharraimos (Holocaust). O Dujto Augusto sas o djes ando 1944 bersh kaj maj but sar 3.000 Rom thaj Sintura sas murdarde ando Ausschwitz-Birkenau, kothe von sas bishade ando Gaso thaj pala kodo pabarde. Kerde ande amare manush Pharra.
Kado djes pe Akcija sas akardo kathar o Roma National Congress thaj e Intrenational Romani Union, pe jekh hearingo kaj akardas o European Roma and Travellers Forum, ando Konzilo la Europako ando Strasurgo po 29. Juni 2009. Sa e participantura pende mishto pe kadi Akcija. E paritcipantura po kidipe “Khetane kontra/mamuj o Antiziganismo ande Europa” dine suggestija

Po Dujto August kal 12:00 chasura

Te djal pe avri pe Droma pe 5 minuti, te sikadjuvas, te mangas amen anda e Mule, te aven Jerthe, te pabaras lenge jekh momeli po drom,

TE SIKAVAS AMEN, KE KATHE SAM !

Kado bersh o djes, Djes le Murdarde Romenge ando Pharraimos avela spezialno le Romane chavorenge kaj keren lenge bislashimo thaj mudaren len ando Europa.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/07/2009 @ 22:10:39, in Italia, visitato 1206 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro

Associazione Nuova Vita - Nevo Zivoto è lieta di invitarvi alla:

ESTATE ROMANI
dal 10 luglio 2009 al 17 luglio 2009
nel piazzale "Figli di uno stesso padre" presso il Casilino 900

fiera Rom con musica, danze, mostre fotografiche, letture di libri, proiezioni di documentari, esposizione di artigianato

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 11/07/2009 @ 09:27:07, in blog, visitato 1101 volte)

Nel deserto dei valori non c'è pietà - parte 3
Allora chiedo: perché la sinistra, quando stava al governo e aveva possibilità di influire sulla tv e la scuola, non ha mai spiegato queste cose? Perché da anni l’immigrato diventa immagine mediatici solo quando delinque o arriva c...

Arci, attendiamo le risposte
Sono profondamente contrariato per le modalità con cui la federazione Rom Sinti Insieme è stata esclusa dal Meeting Antirazzista di Cecina. E che sia chiaro, quanto uscirà da questo meeting dovrà rendere conto a più di 50.000 Sinti italiani, perché certe idee che ...

L'Italia che vuole morire
Aveva dichiarato il Ministro Maroni: «Per contrastare l'immigrazione clandestina non bisogna essere buonisti ma cattivi, determinati, per affermare il rigore della legge». E ciò si ...

Presidente non firmi
Amnesty International invita il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano a non controfirmare il ddl sicurezza appena approvato, che secondo l'organizzazione ''minaccia i diritti umani''...

Ancora accuse per la civile Italia
L'ilo, organizzazione internazionale per il lavoro, chiama il governo italiano per una audizione nella quale dovrà rispondere sulle condizioni dei lavoratori stranieri. E così siamo a due, non bastavano le critiche del commissario europeo per i diritti umani, ades...

Acquasantissima, Piero Pelù porta in tour le musiche sinte e rom
Piero Pelù presenta “Acquasantissima” un progetto assolutamente originale e unico nel panorama musicale italiano che lo vedrà protagonista sul palco, a partire dall’11 giugno, insieme al quintetto Acquaragia Drom, gruppo che suona musica sinta e rom...

Benevento, sgomberateli perchè stendono il bucato
Da circa un mese, come ogni anno, sono innumerevoli le notizie che arrivano su sgomberi di famiglie italiane che svolgono attività lavorative itineranti, come quella di giostrai, arrotini o calderai. Naturalmente queste famiglie appartengono alle minoranze sinte e rom...

Bernie Ecclestone è un ammiratore di Hitler
Tecnicamente è l’ultima, pericolosissima frontiera del revisionismo storico. Tecnicamente è apologia di reato, e mediaticamente è puro suicidio. Ultimo grande e inviolabile tabù ereditato dal Novecento, il giudizio sul nazismo è lo spartiacque sociale e intellettuale tra b...

Il leghista Matteo Salvini si è dimesso
Il leghista Matteo Salvini si è dimesso da deputato. Lo si apprende in ambienti parlamentari. L'esponente del Carroccio, che è eletto anche al Parlamento europeo, è stato oggi al centro di un'aspra polemica dopo la diffusione di un video nel quale, duran...

Ischia, Step1 sfiora la vittoria con una storia sui Rom
Secondo posto per Step1 nella sezione “blog” del “XXX premio internazionale Ischia di giornalismo”. La giuria dei lettori, attraverso un sondaggio online, ha scelto tra dieci esperienze italiane di informazione online collocando il nostro magazine immediatamente dopo il blog “Voglio ...

Romania, arrestati i presunti stupratori di una ragazza a Sesto San Giovanni
Gli agenti della Squadra Mobile della Questura di Milano hanno arrestato lunedì in Romania quattro cittadini romeni di etnia rom, due dei quali fratelli, tra i 17 e i 26 anni, accusati di essere i respons...

Achille Serra, il Tar dimostra l’iniquità delle norme per i Rom e i Sinti
''Sottoporre i nomadi a un regime di ispezione continua e indiscriminata è cosa ben diversa dal combattere la criminalita' - che indubbiamente si annida in alcuni dei loro campi - con strategie lecite e democratiche. E il Tar non ha potuto ignorare questa differenza, la...

Venezia, arriva il secondo no alla sospensiva
Il Consiglio di Stato non ha accolto la sospensiva per la costruzione del Villaggio Sinti a Favaro Veneto, come deciso dal Comune di Venezia. Lo ha reso noto il presidente del consiglio comunale veneziano Renato Boraso (Fi-Pdl), per il quale della...

Reggio Emila, un'insegnante dei Sinti è stata nominata Vice Sindaco
Nel corso della prima seduta del Consiglio comunale, ieri in Sala del Tricolore, il sindaco Graziano Delrio, dopo avere prestato giuramento sulla Costituzione – “Giuro di osservare lealmente la Costituzio...

Roma, ergastolo a Mailat per l'omicidio di Giovanna Reggiani
Ergastolo e sei mesi di isolamento diurno. È questa la condanna emessa dalla prima corte d'0assise d'appello di Roma nei confronti di Romulus Nicolae Mailat, il romeno accusato per l'omicidio di Giovanna Reggiani...

Roma, tre bambini sottratti con violenza dalle loro famiglie
Sono stati sottratti tre minori a famiglie Rom che abitano nel “campo nomadi” di Castel Romano (in foto le “baracche” costruite dal Comune di Roma). L’ordine sarebbe stato dato dal Tribuna...

Abruzzo, nei campi i terremotati vivono anche il dramma del patto di legalità e socialità sperimentato sui Rom
In questi giorni di grande evidenza mediatica sull’Abruzzo, colpito dal terremoto, volevamo aprire un piccolo squarcio sulla situazione dei terremotati e su quanto si sta decidendo sul futuro del Mondo...

Cecina, un Meeting Antirazzista che esclude
Niente paura è il titolo scelto per la XV edizione del Meeting Internazionale Antirazzista di Cecina. Un titolo appropriato, secondo l'assessore regionale alle politiche sociali Gianni Salvadori, «perchè non possiamo pensare, come sta facendo il governo, di affrontare il fen...

Benedetto XVI nella Caritas in veritate: “Ogni migrante è una persona umana che, in quanto tale, possiede diritti fondamentali inalienabili"
Nella sua ultima enciclica, “Caritas in veritate”, il Santo Padre Benedetto XVI, trattando dello sviluppo umano integrale, si sofferma sul fenomeno delle migrazioni (n. 62), “fenomeno che impressiona per la quantità di persone coinvolte, per le problematiche sociali, econ...

Venezia, Caritas: sull'immigrazione i cattolici ritrovino la coerenza
Il Senato ha approvato, in via definitiva, il “pacchetto sicurezza” e questo dovrebbe farci sentire più al sicuro visto che nel testo licenziato dal Parlamento abbiamo un po’ di tutto: dall’inasprimento del 41 bis (carcere più duro per i condannati per reati di mafia), al registro per i s...

Ddl sicurezza, temo che l'Italia non sarebbe più il mio Paese con questa nuova legge
Illustre Presidente, da cittadina della Repubblica italiana nata dalla Resistenza, da studiosa dei meccanismi del razzismo, da antropologa impegnata in difesa dei diritti dei migranti e delle minoranze, faccio appello rispettosamente al Suo ruolo di garante della Costituzione, per chiederLe ...

Mao Valpiana: caro Presidente non firmi il ddl sulla "sicurezza"
Caro Presidente Napolitano, sono un cittadino italiano, giornalista, segretario del Movimento Nonviolento (la storica associazione fondata nel 1961 da Aldo Capitini, filosofo “persuaso” della nonviolenza). Le scrivo a proposito del cosiddetto “pacchetto...

G8, una ingannevole luna di miele
Dopo il g8 la batteria massmediatica dell'Occidente, aiutandosi con tanti articoli di "colore" si prodiga a stendere un'atmosfera di luna di miele su un Berlusconi che esce quasi da titano da un appuntamento pericoloso e preceduto da funesti presagi, un ...

Meeting Antirazzista, io non ci sarò!
Non aver paura, non aver paura… questo mi viene in mente, quando penso al Meeting di Cecina. Non è solo il titolo del meeting, ma è anche il concetto che l’Arci dovrebbe avere in testa quando si confronta con i leader sinti...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/01/2020 @ 14:53:23
script eseguito in 156 ms

 

Immagine
 c'era una volta... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3453 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
23/01/2020 @ 09:26:16
Di ANNA
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
15/01/2020 @ 10:21:54
Di ANNA
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source