Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 10/04/2009 @ 09:40:50, in casa, visitato 1329 volte)

Da Roma_ex_Yugoslavia

http://www.youtube.com/user/pravonanaseljetv

Oggi (4 aprile ndr), le organizzazioni rom ed i loro alleati a Belgrado, stanno organizzando una dimostrazione in risposta alla demolizione degli alloggi della comunità rom nel Blocco 67, situato a Nuova Belgrado. La violenta e sorprendente mossa di distruggere le case e l'intera comunità è stata organizzata dalle autorità della Città di Belgrado, col supporto del sindaco Dragan Djilas. C'è bisogno della vostra solidarietà!

Venerdì mattina (3 aprile), è iniziato lo sgombero violento e forzato delle famiglie rom che vivono nel Blocco 67. I residenti di questa comunità dicono che la demolizione è iniziata improvvisamente alle sei di mattina, guidata da un ampio schieramento della polizia e di forze speciali. La brutalità della polizia si è mostrata nell'evacuazione di emergenza di due donne della comunità. Le proprietà ed i beni sono stati lasciati sotto le rovine. Una parte della comunità sta ora passando la notte di fronte al Consiglio Cittadino. Sono senza abiti pesanti, coperte, cibo e medicine (molti le hanno dovute abbandonare). I residenti dicono che durante la giornata giovano non identificati su motociclette li hanno provocati ed hanno installato la paura nella comunità.

Nel contempo, non è stata assicurata alcuna alternativa alloggiativa dal governo della città, e nessuno si prende cura delle loro esigenze. Il Sindaco Djilas ha annunciato che è "necessario che siano rimossi dall'area cosicché possiamo costruire un nuovo viale necessario per lo sviluppo della città, e tenere gli eventi pianificati per il futuro." Ha anche minacciato di impiegare le forze di polizia per rimuovere qualsiasi protestante che intendesse bloccare le strade. Queste azioni sono state precedute da una campagna sui mezzi di informazione che giustificavano l'espulsione dei Rom che vivevano a Nuova Belgrado, sotto considerazioni di "sicurezza" e "immagine cittadina" in vista delle Universiadi 2009. Attraverso le sue dichiarazioni, il Sindaco Dragan Djias ha contribuito alla relazione fascista contro i cittadini rom e giustificato la distruzione delle loro case. Come alternativa il comune suggerisce un muro attorno alla comunità cosicché "non vengano viste le deformità cittadine durante l'Universiade."

Questo significa che l'Universiade sarà pagata con vite umane se necessario?

I nostri concittadini che sono stati lasciati senza casa sono determinati a combattere per i loro diritti, il loro diritto alla vita, alla libertà, alla casa e al lavoro.

Oggi (sabato) alle 13 è stata organizzata una protesta contro il brutale comportamento con cui il governo di Belgrado preferisce risolvere i problemi della città. Appoggiate la gente che è stata buttata per strada in questa maniera violenta. Dobbiamo alzarci in solidarietà con i Rom di Belgrado, non dobbiamo permettere che le loro case siano distrutte, che siano costruiti muri fascisti e che la gente sia rinchiusa nei ghetti!


Chiediamo solidarietà internazionale per coordinare queste azioni (traduco il testo sotto elencato in italiano, al link Roma_ex_Yugoslavia trovate quello in inglese, se preferite ndr):

VI PREGHIAMO CONTATTARE I SEGUENTI: (1) Ufficio del Sindaco della Città di Belgrado; (2) Ufficio del Presidente della Repubblica di Serbia; (3) Ufficio Centrale della Federazione Sportiva Universitaria (che organizza l'Universiade a Belgrado); (4) La vostra più vicina ambasciata o consolato serbo.

(1) Mayor's Office:

E-mail: natasa.golubovic@beogradsg.org.yu
Head of Office, tel: 3246-764, 3229-787
tel: 3247-424, tel/fax: 3344-675
Natasa Golubović
esperta indipendente associata in affari internazionali

Spettabile Sindaco Dragan Djilas:

Le scrivo per esprimere il mio oltraggio sulla recente espulsione razzista di 50 famiglie dalla comunità rom del Blocco 67, vicino a Belvil a Nuova Belgrado.

Chiedo che il vostro governo prenda tutte le misure necessarie per fornire la restituzione ai residenti della comunità e prevenire ogni ulteriore espulsione di famiglie rom o la loro ulteriore esclusione sociale.

Belgrado non può aspettarsi di riqualificarsi agli occhi del mondo ospitando le Universiadi o i contesti dell'Eurovisione, mentre continua a negare i diritti fondamentali alla casa, impiego, vita e sicurezza dei suoi residenti, particolarmente i più vulnerabili e socialmente esclusi.

Io chiedo che il vostro governo risponda ed incontri i propri obblighi di fronte a numerose convenzioni internazionali e lavori per assicurare i diritti dei residenti rom invece di schierare le forze di polizia per sopprimerli ed ingaggiarli nella "pulizia sociale."

Distinti saluti,


(2) Presidente della Repubblica di Serbia:

GENERAL SECRETARIAT OF THE PRESIDENT OF THE REPUBLIC OF SERBIA
Andricev venac 1, 11000 Beograd, Serbia
tel: +381 (0)11 3632-007, 3632-136
e-mail: kontakt.predsednik@predsednik.rs
www.predsednik.rs

Spettabile Presidente Boris Tadic:

Le scrivo per esprimere il mio oltraggio sulla recente espulsione razzista di 50 famiglie dalla comunità rom del Blocco 67, vicino a Belvil a Nuova Belgrado.

Imploro il vostro governo perché prenda tutte le misure necessarie per sanzionare le Autorità della Città di Belgrado ed assicurare che forniscano restituzione ai residenti di questa comunità rom e lavorino per prevenire ogni ulteriore espulsione di famiglie rom o la loro ulteriore esclusione sociale in Serbia.

Belgrado non può aspettarsi di riqualificarsi agli occhi del mondo ospitando le Universiadi o i contesti dell'Eurovisione, mentre continua a negare i diritti fondamentali alla casa, impiego, vita e sicurezza dei suoi residenti, particolarmente i più vulnerabili e socialmente esclusi.

Io chiedo che il vostro governo risponda ed incontri i propri obblighi di fronte a numerose convenzioni internazionali e lavori per assicurare i diritti dei residenti rom invece di schierare le forze di polizia per sopprimerli ed ingaggiarli nella "pulizia sociale."

Distinti saluti,

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/04/2009 @ 09:37:21, in Regole, visitato 1222 volte)

Segnalazione di clochard

[mercoledì 8 aprile 2009]
Alla Camera viene soppresso l’art. 5 del decreto legge che prevedeva il prolungamento dei tempi di detenzione a sei mesi

Nuova battuta d’arresto sui Cpt. Già il Senato, nell’ambito della discussione sul disegno di legge 733 (quello che tra le altre contiene la soppressione del divieto di segnalazione da parte dei medici) aveva cassato la previsione di trattenere un anno e sei mesi i migranti irregolari nei centri di detenzione.

Ma il Viminale, indisponibile a cedere sul governo delle migrazione tramite l’incarcerazione (si dice in attesa di espulsione) aveva riproposto attraverso il cosiddetto decreto "anti-stupri", tuttora in vigore, una norma simile, che prolungava a sei mesi il trattenimento. Questo, non solo nel caso di ostruzione all’identificazione (come previsto dalla contestatissima direttiva europea sui rimpatri) ma semplicemente per difficoltà (magari burocratiche e attribuibili alle autorità dei paesi d’origine) nel risalire alla nazionalità dei migranti in attesa di espulsione.

Sulla sorte del decreto legge, che il Parlamento deve ratificare entro 60 giorni dalla sua emanazione) per la parte relativa ai Cie, è però intervenuto un emendamento di Udc e Pd che ha fatto sopprimere l’art 5 sostenuto dal voto segreto di alcuni esponenti della maggioranza.
Uno "smacco" che non va giù alla Lega Nord che sull’immigrazione sta rigiocando la sua legittimità.

Il terreno è tutto aperto, il decreto ancora in vigore, si attendono le successive votazioni del Senato. Intanto però si afferma uno spazio di possibilità nella realtà di una crisi che sta travolgendo profondamente gli assetti monolitici della rappresentanza politica incapace di trovare risposte adeguate allo scenario che abbiamo davanti. Le risposte sono confuse e vanno dalle dichiarazioni belligeranti del Ministro Maroni (ricordiamo la sua annunciata "cattiveria contro i clandestini") a quelle spiazzanti del presidente della Camera Fini (macchè tolleranza, ci vuole integrazione...), a quelle bonapartiste del presidente del Consiglio, attento a colpire la "pancia del popolo" ma tanto astuto da saper ammorbidire le controversie spinose.
Chi volesse guardare a questo scenario con gli occhi classici della politologia rischierebbe di impazzire. Chi prova a farlo con quelli dell’ideologia, di ritrovarsi in una visione fantasiosa.

La nuda e cruda realtà è quella che tiene insieme il razzismo più becero che vorrebbe scaricare la crisi sui migranti, insieme e contemporaneamente alle centinaia di firme raccolte dai parlamentari della maggioranza contro la segnalazione degli irregolari. Una matassa nuova.
A quanti pensano che il voto alla Camera contro l’art 5 del decreto significhi la possibilità di rispondere al razzismo col voto dell’opposizione, diciamo che il suo sguardo è corto e mistificatorio.
In gioco non c’è la capacità di votare, la decisione su questo o quel provvedimento, ma la forza di decidere.

C’è qualcosa di nuovo che ha bisogno di trovare nuove istituzioni, nuovi momenti di decisione. Le reti di solidarietà, quelle dei medici contro la delazione, le reti auto-organizzate dei migranti, possono parlare ad un paese in cui la crisi ha rotto ogni inibizione alla xenofobia.

La risposta al razzismo, nella crisi, non può che essere una risposta moltitudinaria. Non quella degli esperti dell’immigrazione, non quella dei migranti soli contro altri, ma quella di una società che dal basso sappia riprendersi ciò che questo mondo così mal governato le ha tolto. La capacità di decidere sul proprio futuro.

N. Grigion, Progetto Melting Pot Europa

Vedi anche:
The road to Lampedusa - L’inferno ora dura 6 mesi

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/04/2009 @ 10:35:02, in Italia, visitato 1099 volte)

Su Radio Radicale le interviste effettuate da Andrea Billau al convegno del del Coordinamento Nazionale Antidiscriminazione "Sa phrala"-Ogni persona è tuo fratello. Durata totale 24'.24". Per ascoltare necessitano del lettore multimediale RealPlayer, scaricabile gratuitamente.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/04/2009 @ 09:32:04, in Italia, visitato 1112 volte)

Ricevo da Agostino Rota Martir

A Pisa anche quest’anno nessuna cerimonia. Ormai sembrano lontani anni luce quei tempi quando in città la Giornata Mondiale dei Rom e Sinti era una ricorrenza attesa, vissuta anche con un po’ di fatica ma era un appuntamento atteso, soprattutto dalle comunità Rom che si sforzavano di presentarsi alla cittadinanza, per tentare di uscire allo scoperto, per mostrare e far conoscere qualcosa della propria cultura e storia, e per testimoniare la volontà di "integrarsi" nel tessuto cittadino.

Tutto spazzato via! Le cause sono molteplici ma quasi tutte riconducibili non tanto ai Rom ma alla nostra società, che in questi anni (soprattutto l’anno scorso) ha mostrato un feroce disprezzo verso i Rom, sarebbe inutile elencare i fatti, anche per non rivivere quei tragici momenti. Pisa non è per niente esente, soprattutto da quando si è insediata la nuova Amministrazione che non ha fatto mistero della sua volontà di "risolvere il problema dei Rom" in città!

Negli anni passati i Rom spesso venivano consultati, invitati a partecipare alle iniziative, anche quando faceva comodo a qualcuno... ora invece i Rom sono esclusi da tutto, sopratutto quando si prendono decisioni per i Rom stessi!

Il messaggio chiaro che i Rom hanno recepito è quello di non essere ben visti, di essere solo una minaccia, di dover vivere sotto un continuo controllo, rastrellati dentro il Progetto Città Sottili che annulla e viviseziona l’identità di un popolo su criteri discutibili e di puro opportunismo sociale e politico.

Se l’on. Maroni dichiara pubblicamente che bisogna "essere cattivi" per fermare l’arrivo di nuovi Rom, a Pisa l’Amministrazione propone di dare un’elemosina di 500 euro per togliersi dai piedi il Rom Rumeno: è la "cattiveria" camuffata da elemosina...

Celebrare quest’anno la giornata mondiale dei Rom a Pisa sarebbe stata una beffa, una solenne presa in giro..ringraziamo e prendiamo atto della coerenza per la scelta di tacere questo appuntamento da parte della cittadinanza e dell’Amministrazione. Meglio il silenzio, dopo tutto sa anche di saggezza, purché serva anche a prendere coscienza e riflettere sulle proprie contraddizioni!

"Lungo i fiumi, laggiù in Babilonia, sedevamo e piangevamo al ricordo di Sion. Ai salici lungo le rive avevamo appeso le nostre cetre. Laggiù, dopo averci deportato, ci invitavano a cantare; esigevano canti di gioia i nostri oppressori. Cantate, dicevano, un canto di Sion. Ma come cantare i canti del Signore in terra straniera?" (Sal.137)

La Passione dei Rom e Sinti continua, anche se dimenticata e accantonata frettolosamente, ma loro confidano che qualche scintilla della luce di Pasqua non esiterà a scendere sulle loro vite.

Don Agostino Rota Martir
Erizon Mahmuti


Campo nomadi di Coltano (PI) – 8 Aprile 2009 – Giornata Mondiale dei Rom e Sinti

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/04/2009 @ 09:12:36, in musica e parole, visitato 2773 volte)

Politiche possibili
Abitare le città con i rom e i sinti
a cura di Tommaso Vitale
Studi Economici e Sociali Carocci
€ 31.00 - 2009 pp. 300 ISBN 9788843050499

(cliccare sull'immagine per acquistare il libro)

Da secoli sono parte integrante della storia urbana e rurale del nostro Paese. Li chiamiamo con diversi nomi: zingari, nomadi, rom, sinti, caminanti, yenish. Negli ultimi anni la loro presenza è diventata uno dei principali temi di dibattito e mobilitazione nella vita politica, soprattutto a livello locale. I Comuni sono chiamati a realizzare politiche sociali e abitative, e spesso non sanno cosa fare. Tentate dalla demagogia, incalzate dai media, le amministrazioni sovente non conoscono esperienze già attuate in altre città e di cui è stata valutata l’efficacia. Nel volume vengono esaminati aspetti storici, culturali e sociologici dei differenti gruppi zigani e vengono descritte le linee di politica progettate dall’Unione Europea. Sono poi esposte nel dettaglio le politiche sociali, sanitarie, educative, del lavoro e, in particolare, abitative realizzate verso i nomadi in diverse realtà italiane. Dall’insieme emerge come, se programmate e negoziate con i rom e i sinti, politiche locali che affrontano i problemi e le contraddizioni e rispettano i diritti di tutte le parti in gioco sono possibili.

Prefazione di Luca Rodda
Ringraziamenti di Maurizio Cabras

Introduzione: elogio del possibilismo di Tommaso Vitale

Parte prima
Una pluralità di storie e culture
La "questione zingari" nell’Italia fascista. La costruzione culturale di una categoria razziale
di Luca Bravi
Lingue, culture e rappresentazioni di Demir Mustafa
Generazioni nomadi fra tradizione e mutamento di Alfredo Alietti
Le normative europee e internazionali contro la discriminazione di Eva Rizzin e Claudia Tavani

Parte seconda
Conflitti e governo locale

Opera: emergenza e partecipazione politica di Patrizio Ponti e Laura Rosina
Pavia: la negazione istituzionale di una questione pubblica di Andrea Membretti
Buccinasco: un esperimento insolito coi sinti lombardi di Ernesto Rossi
Reggio Calabria e Messina: tra mediazioni e conflitti di Antonella Cammarota e Tiziana Tarsia
Venezia: quando un ente locale deve lottare per realizzare le proprie politiche di Claudia Mantovan

Parte terza
Le politiche sociali
I servizi sanitari. Promozione della salute ed epidemiologia del pregiudizio
di Lorenzo Monasta
I servizi sociali. Rom a servizio o servizi per i rom? di Daniela Lucatti
I servizi sociali. Strategie di progettazione integrata di Stefania Mapelli
I percorsi educativi. Il sostegno alle capacità di minori e adulti di Claudia Biondi e Sabrina Ignazi
La scuola. Luogo di appartenenza o di esclusione? di Angela Sacco
Il lavoro. Gli inserimenti lavorativi fra sperimentazione e messa a regime di Eleonora Costantini
Il lavoro. Mediazione associativa, auto-organizzazione dei rom e conquista di opportunità personali di Maurizio Pagani
L’integrazione fra politiche. Immaginare un futuro tra memoria e presente di Milena Scioscia

Parte quarta
Le politiche dell’abitare
Dalla segregazione al diritto all’abitare
di Tommaso Vitale e Livia Brembilla
Pisa: politiche e interventi locali fattibili con i rom e i sinti di Antonio Sconosciuto
Rovereto e Trento: l’accesso all’edilizia pubblica di Stefano Petrolini
Bologna: migrazioni rom e inserimenti abitativi di Cris Tomesani
Milano: gradualmente verso una casa in affitto di Fiorenzo De Molli
Mantova: dal campo ai terreni privati, un percorso di mediazione culturale di Elena Borghi e Stefano Liuzzo
Modena: il percorso di realizzazione delle microaree di Luca Puggioli e Paola Santoro
Padova: il superamento dei campi nomadi e il Progetto di inserimento scolastico di Renata Paolucci
Trezzo sull’Adda: l’importanza dell’ascolto di Giuseppe Barbisoni, Francesca Gilioli, Laura Di Martino
Trezzo sull’Adda: una esperienza interrotta… verso modelli dell’abitare integrato di Maurizio Cabras e Paola Ciceri
Settimo Torinese: il processo di autocostruzione e auto recupero come strumento di inclusione sociale di Armando De Salvatore e Simona Riboni
Lione: il miglioramento delle abitazioni “indegne? di Martine Chanal
Case, casette, baracche e roulotte di Nicola Solimano

Conclusioni.
Ragionare per casi: dinamiche di innovazione nelle politiche locali con i rom e i sinti
di Tommaso Vitale e Loris Caruso

Bibliografia

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 08/04/2009 @ 10:31:26, in blog, visitato 1198 volte)

Milano, sgomberato l'insediamento abusivo della Bacula
Ieri mattina la baraccopoli sorta da alcuni anni sotto il cavalcavia Bacula a Milano è stata smantellata dalle forze dell'ordine, 70 persone sono state allontanate. Per impedire la rioccupazione cominceranno...

Venezia, il pesce d'aprile? Le piscine per i Sinti
Nella città lagunare sono comparsi i tanto temuti distributori automatici della Coca-Cola. La materializzazione delle curiose macchinette è stata seguita da un comunicato stampa e un video, che ha diffuso i particolari del...

Bolzano, una famiglia sinta è in strada
Sulle spalle Francesca (nome di fantasia, ndr) ha lo zainetto coi libri; in braccio la gabbia del criceto. Ieri né lei né gli altri due suoi fratelli di 11 e 16 anni sono andati a scuola. C...

Genova, ragazzo muore di polmonite
Sfrattato dal tugurio, un giovane rom di 18 anni è morto a causa di una polmonite fulminante all'ospedale villa Scassi di Genova Sampierdarena. Il 18enne viveva con la fa...

Roma, i Rom della Panareo in Arcobaleni di Pace
Il 27, 28 e 29 Marzo si è conclusa a Roma, presso il Centro Olimpico di Acqua Acetosa, la Campagna per l’Integrazione promossa dal “Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali” e dalla “Lega Nazionale Calcio UISP”...

Il viaggio di Ionica
Quando a settembre del 2008 Ionica e Claudia con i loro piccoli Annamaria ed Abel, lasciarono Pesaro, città dal cuore di metallo, per venire in Basilicata, terra di antica e rinnovata speranza, non avevamo una precisa idea delle “difficoltà” cui noi tutti saremmo andati incontro. Avevamo solo una speranza…

Bolzano, Ipes sfratta gli “zingari”
Leggendo il giornali di ieri mi viene la pelle d'oca a pensare che cosa farà adesso quella famiglia sinta, dove andrà a vivere con i sui figli ancora minorenni, li hanno sfrattati, è riportato dall'Alto Adige del 1 aprile, li hanno sfrattati, scac...

Vademecum per i richiedenti la protezione internazionale in Italia
Disponibile da circa un mese il vademecum per i richiedenti la protezione internazionale in Italia, curato dal Ministero dell’Interno e aggiornato con le mod...

Napoli, V° edizione dell’Arte della Felicità
L'evento ”Arte della Felicità”, giunto alla V° edizione, quest’anno è dedicato al tema della ‘paura’. Questa mattina (ore 10), Gabriele Salvatores incontrerà gli studenti presso il Cinema Modernissimo per commentare l’inch...

Rom e Sinti nella letteratura/7 - BAUDELAIRE
Nemmeno Baudelaire resiste al fascino del tema Rom-Sinti, e nella raccolta Les fleurs du mal inserisce la poesia Zingari in viaggio, del 1857. Ieri s’è messa in viaggio la tribù profetica / dalle pupille ardenti, i piccoli in spalla, / o abbandonando ai loro fieri appetiti / il tesoro sempre pronto alle mammelle ...

Pisa, la città sottile naufraga?
Per il momento è soltanto una proposta, come spiega il direttore della Società della Salute, Giuseppe Cecchi, ma se dovesse trovare applicazione, a Pisa e nel suo hinterland potrebbe rivelarsi la soluzione ...

Napoli, vogliono creare la "città dei rom"
A Napoli si discute sulla proposta del Prefetto di creare una “città dei rom” nel Comune di San Giuliano, alle porte della città partenopea. E tutti sono contrari ma ad oggi non abbiamo la voce dei Rom...

Roma, alle cooperative che assumono svantaggiati il 5% degli appalti comunali
“Abbiamo ottenuto un ottimo risultato, sono molto orgoglioso di poter valorizzare questo progetto che è un'impresa sociale che incentiva la solidarietà e la sussidiarietà”. Con queste parole il sindaco di Roma Gia...

Terremoto, vittime e paura anche tra gli immigrati
Il terremoto che ha sconvolto l’Abruzzo ha fatto inevitabilmente vittime anche tra gli immigrati. Tra i primi corpi estratti a Castelnuovo stamattina c’erano quelli di due cittadini macedoni. A Ossa è morta invece sotto le macerie una bambina russ...

Terremoto, Yuri Del Bar: uniamoci tutti per aiutare l'Abruzzo
Il terremoto in Abruzzo ha distrutto l’Aquila, ventisei paesi abruzzesi, scuole, strade, linee telefoniche, condotte d'acqua e gas… Una tragedia! I paesi colpiti sono...

Epifani: si faccia un tavolo vero sulla crisi economica
Epifani ha detto al Circo Massimo che oltre 14 milioni di persone in Italia vivono con meno di mille euro al mese (la cosiddetta soglia di povertà). Per l’esattezza, sono 14 milioni e mezzo: due milioni e mezzo (tra dipendenti e aut...

Dichiarazioni ed eventi per la 38° Giornata Internazionale dei Sinti e dei Rom
Domani, 8 aprile, sarà celebrata in tutta l’Europa la 38° Giornata Internazionale dei Sinti e dei Rom. In una dichiarazione congiunta l’OSCE (ODIHR e HCNM), l'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali e il Consiglio d'Europa chiedono un'azione concertata da p...

Abruzzo, servono soldi
«Servono soldi». La Protezione Civile e la sala operativa delle Misericordie di Firenze hanno lanciato un appello per canalizzare e rendere efficace il grande flusso di aiuti che da tutto il paese si sta muovendo verso l'Abruzzo. «In questo momento non servono aiuti materiali per le popolazioni ...

38° Giornata internazionale delle popolazioni sinte, rom, kalé, manouche e romanichals
Oggi 8 aprile 2009 è la 38° Giornata internazionale delle popolazioni sinte, rom, kalé (“gitani” della penisola iberica), manouche (sinti francesi) e romanichals (inglesi). L’8 aprile 1971 a Londra si riunì il primo Congresso dell’International R...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/04/2009 @ 09:49:49, in Europa, visitato 1446 volte)

Da Hungarian_Roma

Budapest, 3 Aprile 2009: Il 2 Aprile 2009 , il dottor Máté Szabó, Commissario Parlamentare per i Diritti Civili, ha dichiarato al portale di notizie online FigyelőNet , tra le altre cose, che "la criminalità categorizzata su basi etniche" -il crimine Zingaro- esiste, identificandosi come un tipo di crimine effettuato per vivere. Si è anche riferito ai Rom come essere "un gruppo sociale collettivistico, a livello quasi tribale," comparandoli con la società individualistica ungheresi. Inoltre, il dottor Szabó ha dichiarato che l'attenzione della società maggioritaria dovrebbe essere disegnata sull'esistenza di questo specifico profilo criminale, si è anche auto-presentato come il Commissario Parlamentare della maggioranza, in contrasto col Commissario Parlamentare per i Diritti delle Minoranze Etniche e Nazionali - suggerendo così apertamente che non vede se stesso come rappresentante dei membri della minoranza rom.

Queste dichiarazioni, indicando che il Commissario Parlamentare presume una collegamento diretto tra etnia e atti criminali, non sono conciliabili con la proibizione di discriminazione come definita dalla Costituzione della Repubblica di Ungheria. Le dichiarazioni sono discriminatorie e nuociono alla dignità dei membri della comunità romanì.

In una dichiarazione successiva, il dottor Szabó ha ritenuto che il titolo dell'articolo in cui l'intervista è stata pubblicata fraintende le sue dichiarazioni, anche se le dichiarazioni di cui sopra sono inaccettabili e possono e dovrebbero essere interpretate da sé, indipendentemente dal titolo. Inoltre il Commissario Parlamentare non ha ritrattato. Quindi i firmatari [sotto elencati] considerano che il dottor Szabó continua a ritenerle valide.

E' dovere ed obbligo del Commissario Parlamentare per i Diritti Civili di assicurare i diritti costituzionali di tutti gli individui e gruppi che vengono in contatto con le istituzioni della Repubblica di Ungheria, indipendentemente che appartengano ad un gruppo maggioritario o minoritario nella società. Alla luce di quanto sopra riportato, i firmatari ritengono che il dottor Szabó non sia più in grado di esercitare con credibilità la funzione di Commissario Parlamentare per i Diritti Civili.

Firmatari:
Hungarian Helsinki Committee (HHC)
Legal Defence Bureau for National and Ethnic Minorities (NEKI)
Chance for Children Foundation (CFCF)
Roma Civil Rights Foundation (RPA)
European Roma Rights Centre (ERRC)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/04/2009 @ 09:14:51, in Europa, visitato 1111 volte)

Da Roma_Francais

Le Progrès de Lyon 03.04.2009

/Archives Richard Mouillaud

Jacques Gérault, prefetto della regione Rodano-Alpi, ha proposto questa settimana a Jacques Barrot, vice-presidente della Commissione Europea, che il dipartimento del Rodano sia preso in considerazione per condurre un "esperimento" per l'accoglienza dei Rom. La sua idea è di accordare loro un alloggio a due condizioni: l'integrazione attraverso il lavoro (con contratti che giustifichino un impiego reale) e la scolarità effettiva dei bambini. "Questo non vuol dire semplicemente l'iscrizione a scuola, ma scolarizzazione effettiva" insiste il prefetto della regione.

Jacques Gérault incontrerà questa settimana a Lione il vice-presidente della Commissione Europea. Gli ha ugualmente proposto che il trattamento dei migranti di questa frangia della popolazione sia lo stesso di tutti i paesi europei, cosa che attualmente non è.

Jacques Gérault attende una risposta da Bruxelles.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/04/2009 @ 12:59:06, in Europa, visitato 1099 volte)

(IBO Italia), Ferrara, 7/04/2009. Domani, 8 aprile, è il Romano Dives, la Giornata Internazionale delle popolazioni rom, sinte, kalé ("gitani" della penisola iberica), manouche (sinti francesi) e Romanichals (inglesi). L'8 aprile 1971 a Londra si riunì il primo Congresso dell'International Romani Union, riconosciuta dall'ONU nel 1979 come associazione mondiale non governativa. Nel 2002, l'8 aprile è diventato Romano Dives, dove Rom, Sinti, Kalò, Manouche e Romanichals portano fiori e candele (lumini) lungo le rive dei fiumi del mondo.

IBO Italia che da anni collabora con l'associazione Rom Pentru Rom di Panciu, in Romania, dedica la copertina e l'approfondimento del suo notiziario annuale, Notizie IBO, in uscita nei prossimi giorni, al centro “Pinochio” e al progetto “L'educazione fa la differenza” con un articolo di uno dei volontari in servizio civile.

Un punto di vista diverso dal solito, un giorno con i bambini del centro, caso decisamente unico in una piccola realtà di circa 9000 abitanti. Qui i ragazzi trovano uno spazio per imparare attraverso attività di ricreazione manuale, sport, teatro, giocoleria, ballo, ma anche insegnamenti di educazione all’igiene, stradale, alimentare, oltre ad alcuni momenti di alfabetizzazione.

Il progetto "L'educazione fa la differenza", finanziato dal Consiliul Judetean della Vrancea, attuato in partenariato con alcune istituzioni locali di Panciu e di Focsani (comune, scuole, Direzione per la Protezione dei Minori) si propone di sviluppare le "abilità di vita" di bambini di età compresa tra i sei e i quindici anni, rivolgendo particolare attenzione ai bimbi rom e coinvolgendo le loro famiglie e l'intera comunità locale. Lo scopo è quello di sviluppare qualità comunicative e comportamentali che permettano ai bambini di acquisire maggiori capacità in materia di alfabetizzazione, creatività e motricità. Una seconda fase del progetto coinvolge le famiglie della comunità rom, attraverso una campagna di sensibilizzazione sull'importanza dell'educazione formale e non formale.

La non formalità è l'idea chiave su cui è basato progetto: non formalità nell'educazione, che diventa quindi più libera e destrutturata, integrando tecniche ludiche e creative, non formalità nella comunicazione durante la campagna di sensibilizzazione rivolta agli adulti. Tutto questo portato avanti da un'associazione rom rumena.

Seguendo due dei ragazzi, Cristi e Cosmin in una delle loro giornate tipo riusciamo ad immergerci nel profondo di questa realtà, che assomiglia da vicino a molte delle nostre periferie. Il centro offre però una possibilità di riscatto e i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Il prossimo 2 maggio durante una due giorni di incontri e scoperte per chi non è mai uscito da Panciu e non ha mia preso un treno, i ragazzi si esibiranno all'ambasciata Italiana di Bucarest davanti ad istituzioni ed autorità.

Un centro che vuole proporre un modello, ma che cerca continuamente nuove iniziative, collaborazioni e confronti. A luglio e ad agosto per esempio, con i campi di lavoro e solidarietà, c'è spazio per animatori con esperienza in giocoleria, tetaro e musica, per trasformare l'estate rumena in qualcosa di speciale.

IBO Italia - Giacomo Locci
Ufficio Comunicazione
Via Montebello 46/a 44100 Ferrara
tel. +39.0532.243279 - 247396
fax +39.0532.245689
Cell.+39.347/8851793
skype contact: giacolocci
e-mail: promozione@iboitalia.org
www.iboitalia.org

PS: mi viene segnalato anche il sito di Rom Pentru Rom. l'associazione con cui collaborano. Il sito è in italiano, rumeno e inglese.


L'EDUCAZIONE FA LA DIFFERENZA
Un giornata insieme ai bambini del centro “Pinochio” di Panciu

di Sergio Dalla Ca' di Dio, volontario in servizio civile con IBO Italia

Cosmin arriva in cortile roteando un diablo. Suo fratello Cristi, uno dei dipendenti dell’associazione Rom pentru Rom, lo guarda con occhio affettuoso: i suoi 19 anni si sentono spesso quando parliamo, con le sue risate ingenue e spesso ancora adolescenziali, eppure quando si tratta di curare suo fratello diventa incredibilmente serio e maturo, sfoderando un occhio attento che a prima vista non si direbbe avere.

«Manuel, Manuel» mi chiama, in oltre 5 mesi non ha ancora fissato nella sua mente che io sono Sergio, alla romena Sergiu, e non Emmanuele / Manuel, e viceversa: vuole farmi vedere come usa bene il diablo, come lo fa saltare in aria.

Il diablo, lo suggerisce il nome stesso, è un oggetto diabolico: una clessidra di plastica pesante, di dimensioni medio grandi, che viene tenuta in equilibrio e spostata lungo un sottile cordino attaccato a due bacchette. Una persona manualmente negata come il sottoscritto non è nemmeno capace di farlo partire, uno scricciolo tutto nervi come Cosmin lo fa girare e saltare ovunque, con rapidità e sicurezza. Troppa per i miei gusti, visto che la sensazione è sempre quella che mi cada sulla testa da un momento all’ altro, soprattutto quando sordo a ogni divieto inizia a lanciarlo in aria all’interno dell’ ufficio.

Cosmin rappresenta un’ anomalia al centro “Pinochio” di Panciu, il centro di aggregazione giovanile che da due anni accoglie ragazzi romeni, sia di etnia rom che non, in barba a qualsiasi discriminazione di moda negli ultimi tempi: i suoi 10 anni lo mettono di diritto nel gruppo dei ragazzi più grandi, che da qualche tempo oltre alle consuete sfide di pallone e ping pong, svolgono attività di teatro con Dan, un animatore teatrante di Bucarest che, oltre a frequentare parecchie compagnie teatrali, ha prestato volontariato per più di un anno con Parada, l’ associazione fondata dal clown Miloud che da anni aiuta i ragazzi delle fogne della capitale. Con Dan, i ragazzi stanno provando uno spettacolo teatrale che porteranno “in scena” il 2 maggio all’Ambasciata d’Italia in presenza delle istituzioni del nostro paese: vederli concentrati e attenti nell’ora e mezza settimanale di prove lascia un miscuglio di soddisfazione e stupore sui volti di chi, come Ale e Rita, da parecchio tempo lavora con loro e conosce le enormi difficoltà di concentrazione.

“L’ anomalia Cosmin” arriva all’ora e mezza settimanale di prove (rigorosamente con diablo al seguito) già abbastanza provato dalle due ore precedenti: il suo metro e mezzo scarso di altezza, infatti, gli consente di partecipare, risultando comunque tra i più bassi, anche alle attività del gruppo dei bambini, dove Daniela e Ionelia, rispettivamente maestra e psicologa della scuola di Panciu, volontarie dell’ associazione, aiutano Stefania, volontaria in servizio civile, e Rita, nelle attività di animazione ed educazione non formale.

Il centro Pinochio è un caso decisamente unico in questa piccola realtà di circa 9000 abitanti. Qui i ragazzi trovano uno spazio per imparare attraverso attività di ricreazione manuale, gioco, teatro, giocoleria, ballo, ma anche insegnamenti di educazione all’igiene, stradale, alimentare, oltre ad alcuni momenti di alfabetizzazione. Viorel, Sara, Fernando, Cassandra frequentando il centro evitano di finire in strada a mendicare, o peggio ancora di rimanere a casa in compagnia dei padri, spesso imbottiti di alcool. Il centro è una realtà che ormai accoglie una media di 30 – 45 tra bambini e ragazzi (dai 3 ai 16 anni) ogni giorno, unica realtà ricreativa giovanile in tutta Panciu, ed è destinato a vedere questo numero crescere entro la fine dell’ anno, quando verrà aperta una mensa, che fornirà un pasto caldo che si affiancherà alla merenda che giornalmente i volontari in Servizio Civile con IBO Italia preparano e servono per i ragazzi.

Oggi la merenda ha previsto pane, burro, marmellata e the caldo. Ormai sono le sei e i ragazzi possono avviarsi a casa, le urla di Daniela si sentono fin dall’ ufficio: «Acasa copii!» (“A casa bambini!”), ma convincere tutti questi piccoli diavoletti è un’ impresa titanica anche per lei, splendido esempio di maestra “vecchio stampo”, di quelle che sanno sempre come comportarsi coi bambini e sanno farsi rispettare anche davanti a gruppi di 40 – 50 piccoli esagitati. Da un anno circa collabora col centro come volontaria, due giorni alla settimana, che diventano 4 tra le riunioni e i sempre più frequenti viaggi di rappresentanza a Focsani, città a 20 km da Panciu capoluogo della Vrancea, la contea dove operiamo. É bello vedere come sia lei che Ionelia si lascino travolgere sempre di più dai progetti dell’ associazione, sempre più consapevoli che la presenza italiana deve ridursi e col tempo andare a scomparire mentre la Rom pentru Rom deve continuare ad esistere basata solo su dipendenti e volontari romeni, rom e non rom. Daniela lo ha capito anche grazie alla visita in Italia effettuata a dicembre, che le ha dato un’occasione importante per crescere e capire meglio il disegno che è alla base del nostro lavoro giornaliero.

Anche Elena, presidente dell’ associazione, e Vasile, il responsabile delle strutture e della logistica, hanno avuto in questi anni la possibilità di conoscere la realtà italiana e di IBO Italia in particolare, mentre Mariana, la giovane e sveglissima segretaria dell’ associazione, si trova in questo momento a Lodi, ospite delle ACLI, sempre in prima fila a sostenere il progetto del centro Pinochio.

Animatori ed educatori della Rom pentru Rom sono da due anni agevolati dal progetto "L'educazione fa la differenza", finanziato dal Consiliul Judetean della Vrancea, attuato in partenariato con alcune istituzioni locali di Panciu e di Focsani (comune, scuole, Direzione per la Protezione dei Minori).

Il progetto si propone di sviluppare le "abilità di vita" di bambini di età compresa tra i sei e i quindici anni, rivolgendo particolare attenzione ai bimbi rom e coinvolgendo le loro famiglie e l'intera comunità locale. Lo scopo è quello di sviluppare qualità comunicative e comportamentali che permettano ai bambini di acquisire maggiori capacità in materia di alfabetizzazione, creatività e motricità. Una seconda fase del progetto coinvolge le famiglie della comunità rom, attraverso una campagna di sensibilizzazione sull'importanza dell'educazione formale e non formale. Infine ci si propone di risvegliare l'interesse dell'intera comunità locale di Panciu verso le attività che l'associazione Rom pentru Rom svolge per incoraggiare lo sviluppo delle abilità e delle qualità presenti nei bambini e nei giovani che frequentano il centro ricreativo. La non formalità è l'idea chiave su cui è basato progetto: non formalità nell'educazione, che diventa quindi più libera e destrutturata, integrando tecniche ludiche e creative, non formalità nella comunicazione durante la campagna di sensibilizzazione rivolta agli adulti.

I bambini si sono avviati a casa e i ragazzi sono in sala in attesa di iniziare le prove: Dan oggi non c’è, arriverà domani mattina da Bucarest e si tratterrà tutto il giorno: oggi quindi le prove prevedono l’altra parte dello spettacolo che verrà portato in Ambasciata. É il momento della breakdance, Ionuz salta come un matto sulle note di una canzone hip hop, Sandu si alza pesantemente sulle braccia, Loredana danza dolcemente, George e Adi si muovono in maniera goffa, come Cristi. Il gruppo di ballo è decisamente improvvisato e deve visibilmente migliorare in grazia e sintonia, l’ attenzione però è calamitata dal solito Cosmin che, abbandonato il diablo in un angolo, schizza a destra e sinistra come una pulce e continua ad appoggiarsi a testa in giù sulle mani come un cartone animato giapponese, in barba a qualsiasi tentativo di farlo desistere. Ci si gela il sangue ogni volta che lo vediamo nelle sue spericolate evoluzioni, nonostante sia al tempo stesso decisamente divertente seguire i suoi movimenti da trottola. Chiederemo a Dan di vietargli i volteggi più pericolosi, con la minaccia di togliergli il diablo per una settimana!

Le sette e mezza arrivano rapidamente, le stufe da accendere ci chiamano e i ragazzi abbandonano il centro alla rinfusa. Cristi e Cosmin salutano e si avviano verso casa, il primo col suo fare ciondolante e l’ immancabile caciula, il berretto di lana, calato sulla testa, il secondo con le bacchette del diablo che roteano vorticosamente. Se non fossimo in una delle realtà più complicate della nuova Europa allargata sembrerebbero un duo comico in cerca di successo, nella realtà sono soltanto due ragazzi che cercano di sopravvivere dignitosamente alle difficoltà che la vita gli ha riservato: la Rom pentru Rom, con l’ aiuto di IBO Italia e dei suoi amici e sostenitori, fa il tifo per loro e per tutti i ragazzi del Centro Pinochio.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/04/2009 @ 09:47:14, in scuola, visitato 1501 volte)

Da Romanian_Roma

by Sinziana Demian -30 marzo 2009

Un programma scolastico da agli studenti romanì ambiziosi la possibilità di ottenere la professione curativa.

CLUJ-NAPOCA, Romania - Guardando suo fratello più grande ricoverato dopo un serio incidente d'auto qualche anno fa, Alina Calin allora ragazzina, comprese gradualmente di non volere nient'altro che diventare dottore. Non solo decise che voleva salvare vite, considerò anche questo una buona strada per aiutare a combattere la discriminazione etnica, dice che da allora ha testimoniato nel sistema sanitario rumeno.

Sorella di altri quattro figli di una famiglia povera di Podu Iloaiei, piccola città vicino al confine orientale con la Moldavia, da allora Calin ha fatto molta strada. Adesso è una studentessa al terzo anno di medicina generale nella città nordorientale di Iasi, ed un modello per la sorella Mariana, che l'ha seguita iscrivendosi alla stessa università. Le due sono tra le prime destinatarie delle borse di studio per gli allievi romanì che cercano la laurea in medicina e farmacologia.

Attraverso un programma congiunto dell'Istituto Open Society di George Soros (vedi QUI ndr) e del noprofit regionale Fondo Istruzione Rom, la Romania è diventato il primo paese nell'Europa centrale ed orientale ad offrire queste borse di studio, come parte della più amplia iniziativa del Decennio dell'Inclusione Rom. La prossima sarà la Bulgaria, che ha iniziato quest'anno a sviluppare il programma.

"Ora sono più motivata che mai a fare bene e meritarmi realmente tutto ciò" ha detto Alina Calin. "E' per noi un incentivo incredibile a dare tutto ciò che abbiamo e lavorare per diventare professionisti responsabili."

Le borse di studio coprono le tasse scolastiche delle scuole accreditate dallo stato e delle scuole riconosciute ad indirizzo medico, come pure le spese vive. Basate sui risultati accademici, motivazione professionale, e capacità direzionali, 35 studenti non laureati e residenti di ogni angolo del paese sono stati selezionati l'autunno scorso per ricevere borse di studio sino a $ 6.000 all'anno. Gli studenti possono ricevere fondi supplementari partecipando a conferenze professionali o scegliendo studi di lingue incertificati come l'ESOL di Cambridge in inglese o lo Sprachdiplom in tedesco.

Il programma scolastico è sinora il più solido sforzo finanziario a sostenere l'avanzamento romanì nel settore sanitario rumeno. Programmi precedenti includevano la formazione di mediatori sanitari romanì e la creazione di posti speciali detassati per gli studenti romanì in diverse università mediche nel paese.

A parte la componente finanziaria, la borsa di studio comprende un campus di formazione giuridica di una settimana a settembre, proprio prima dell'inizio scolastico. Gli studenti apprendono sui differenti problemi con cui i Rom si confrontano e su come posizionarsi per portare avanti il cambiamento.

"Prima di tutto abbiamo provato ad aiutarli a ripensare il modo in cui pensano di essere parte della minoranza romanì," ha detto Daniel Radulescu, formatore del campus e presidente della filiale di Bucarest di Sastipen (vedi QUI ndr), un programma europeo volto a migliorare la salute dei Rom. "Quando siamo partiti con questo campus, diversi studenti avevano una bassa autostima e si lamentavano di essere ripetutamente vittime di attitudini e pratiche discriminatorie. Altri confessavano che facevano di tutto per nascondere la loro etnia. Abbiamo cercato invece di motivarli e di far vedere questa come una sfida straordinaria. Hanno una grande opportunità di diventare leader e aiutare a rompere le vecchie barriere e pregiudizi."

A seguito di un laboratorio teorico di sei giorni, gli studenti poi vanno in diverse comunità romanì remote e sottosviluppate, per osservare di prima mano la critica situazione pratica. Alcuni, cresciuti in aree urbane o etnicamente miste,hanno ammesso di essere rimasti shoccati da ciò che hanno visto.

"Sapevo che stavano male, ma non capivo potesse essere così male," ha detto Aurelia Dulreghu, al terzo anno di balneo-fisioterapia e studentessa a Bucarest. "Vedere quelle condizioni di vita precarie mi ha frustrato enormemente, ma mi ha dato anche forza. Sono lieta che tra poco sarò in una posizione in grado di aiutarli io stessa."

Dulgheru, assieme ad altri due studenti romanì di Bucarest, si è già offerta come volontaria presso un nuovo centro medico che fornisce diagnosi gratuite in un quartiere della capitale a predominanza rom. Radulescu stima il loro impegno ma nel contempo sottolinea un "principio vitale" per tutti i futuri professionisti romanì della sanità: non dovranno offrire trattamento speciale ai pazienti rom.

NELLA COMUNITA'

"Una simile tendenza sfiderebbe l'intero scopo di che cosa stiamo provando a fare," ha detto Radulescu. "Non dobbiamo arrivare al punto dove i Rumeni discrimino i Rom o viceversa. Porterebbe in definitiva ad uno stato nello stato. La nostra unica possibilità ora è di adottare nuove pratiche ed imparare realmente cosa significhino mutuo rispetto e lavoro di squadra."

Nessuno sa quanti dottori romanì praticano in Romania, ma Radulescu ha detto che molti cercano di mantenere segreta la loro etnia. Anche se concede che le polarizzazioni sono difficili da cambiare in una società che vede pochi valori nell'etnicità romanì, ha detto che questo programma scolastico è un piccolo ma significativo passo nel dimostrare che i Rom possono avere successo. E' convinto che i dottori romanì possano ottenere credibilità e rispetto.

"Alla fine si sceglierà chi può trattarti meglio," dice. "Qualsiasi paziente preferirà il miglior dottore disponibile, e non posso credere che ci sarebbero problemi se il dottore fosse rom o di altra etnia. Non c'è differenza con altre professione dove i Rom sono attivi. Se sono bravi in quel che fanno, allora la gente chiede i loro servizi e diffonde attorno buone parole."

Il programma prova a costruire un regolare dialogo interculturale assegnando delle guide a tutti gli studenti romanì. Tipicamente i dottori nelle città dove gli studenti continuano i loro studenti, li assistono con consigli pratici ed oltre.

"Sto passando loro delle informazioni di quando mi stavo laureando," ha detto Cristina Agavriloaiei, che assiste le sorelle Calin ed un altra studentessa di Iasi. "Parliamo anche di personale medico, e tento di essere un amica per quanto posso. Rispetto le ragazze, e non penso mai che siano differenti da me e dagli altri colleghi."

Eugen Varga, studente al quinto anno di medicina generale nella città occidentale di Oradea, ricorda il primo incontro con la sua guida.

"La prima volta che abbiamo parlato assieme mi sono sentito importante. E' stato tutto improvvisamente differente, quando un dottore rumeno mi ha seguito realmente ed ha provato ad assicurarsi che stessi facendo tutto bene. Mi ha aiutato con dei libri e  mi ha preso assieme quando era in esercizio. Tutto questo per me è stato senza prezzo."

Sulle fondamenta del successo 2008-2009, è stata lanciata una seconda edizione del programma. Come l'anno scorso, quando erano disponibili 60 borse di studio per solo 53 richiedenti. Robert Matei, coordinatore nazionale del programma con sede a Cluj, ritiene che questa volta la partecipazione sarà più sostanziosa, dato che gli studenti sono meglio informati ed hanno più tempo per preparare le loro richieste. Quanti hanno avuto una borsa di studio per l'anno in corso possono fare una nuova richiesta, purché ne abbiano i requisiti - il più importante, di aver passato tutti gli esami. Possono anche fare richiesta i cittadini moldavi di etnia romanì che studino in Romania.

Il Ministero della Sanità, ha bene accolto il programma. In una conferenza stampa di presentazione della seconda tranche di borse di studio, il sottosegretario Raed Arafat ha detto: "Dobbiamo appoggiare questi giovani ragazzi e ragazze, che stanno per ottenere grandi cose."

Sinziana Demian is a writer for Formula AS magazine in Bucharest. Photo by Ernstl.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


12/11/2019 @ 21:55:16
script eseguito in 163 ms

 

Immagine
 popoli e idee in movimento... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4627 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source