Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 19/08/2008 @ 09:09:39, in Europa, visitato 1384 volte)

Da Hungarian_Roma

Durante la commemorazione dell'Olocausto Rom il 2 agosto a Budapest, il leader rom ungherese Aladar Horvath si è appellato al mondo perché si fermi la diffusione di idee neonaziste in Ungheria e in Europa. Ha detto che anche se l'Ungheria è membro della NATO e dell'Unione Europea, la violenza razzista minaccia i Rom.

"La transizione dal sistema statale socialista al capitalismo ha rigettato i più deboli, persone escluse dalla società a causa del loro retroterra sociale e razziale," ha detto Horvath. "Il nuovo sistema che è emerso non è stato capace di mantenere le sue promesse." Invece dell'attesa inclusione sociale, i più poveri sono diventati permanentemente disoccupati e l'autogoverno Rom si è trasformato nella "derisione governance " I più svantaggiati sono stati messi a forza nei bassifondi, ed i loro ghetto ne criminalizzano gli abitanti ed intensificano la polarizzazione razziale, un substrato del pensiero neo nazista. "Gli Zingari possono essere odiati anche se non vivono in un ghetto, anche se sono ricchi, anche se sono assimilati," ha concluso Horvath.

Bigotry Monitor: Volume 8, Number 33

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 19/08/2008 @ 12:28:30, in blog, visitato 1195 volte)

Sciuscià, alcuni consigli al Prefetto Mosca
Dopo il "no" alle impronte ai bambini rom, il prefetto romano Carlo Mosca propone di far lavorare i ragazzi dei "campi nomadi" "magari come sciuscià fuori dai supermercati". E subito scoppia la polemica. C’è chi rimane esterrefatto, chi si chiede se il Prefetto scherzasse, chi trova la proposta inaccettabile e chi la definisce senza mezzi termini: una propost...

Verona caput fasci
L'antefatto: tredici anni fa il Consiglio comunale di Verona - caso unico, in Europa - rigetta la Risoluzione di Strasburgo, dichiarando l'omosessualità "contro natura". I pochi cittadini che si oppongono, sdraiandosi per protesta sulle strisce pedonali vicino al Municipio, vengono trascinati in caserma e denunciati per blocco del traffico. I politici ...

Il Vaticano prende le distanze da Famiglia Cristiana
"Famiglia Cristiana è una testata importante della realtà cattolica italiana, ma non ha titolo per esprimere le posizioni della Santa Sede né della Conferenza Episcopale Italiana. La sua linea rientra nella responsabilità della sua direzione". Così Padre Federico Lombardi (in foto), direttore della sala stampa vaticana all'Adnkronos, interviene sulla ...

Roma, razzismo di Stato 1
Due bengala lanciati verso le roulotte di alcuni Rom italiani. A chiamare la polizia sono poco dopo mezzanotte in via di Salamanca, i Rom che sono accampati lì dopo essere stati sgomberati da Campo Boario lo scorso giugno. I Rom hanno raccontato di aver notato due persone lanciare due candelotti in direzione delle roulotte. I bengala, dello stesso tipo di quelli utilizzat...

Castelmassa (RO), razzismo di Stato 2
Sono bastate le proteste di alcuni cittadini che hanno manifestato la loro ostilità nei confronti dei vicini di casa, Sinti italiani proprietari di un immobile, perché far firmare nella mattinata di ieri l'ordinanza di sgombero al sindaco Mara Savioli. Si tratta di un provvedimento res...

Lido delle Nazioni (Comacchio, Fe), razzismo di Stato 3
La Missione Evangelica Zigana alcuni giorni fa ha affittato un terreno per quindici giorni da un privato al Lido delle Nazioni, frazione del Comune di Comacchio (FE). L’intenzione era quella di organizzare un convegno religioso. Ma i bravi cittadini ...

Italia, il regime si offende
Settimana di ferragosto. La più povera estate degli ultimi quindici anni sta per volgere al termine. Profittando dell’infausto momento di pausa, si cerca di tirar le somme per questi primi 100 giorni di governo-Berlusconi. A sorpresa, arriva l’elogio del settimanale USA Newsweek. Nel ripercorrere i momenti salienti di questo primo scorcio di legislatura, la rivista d’oltreoceano parla...

Cesenatico (FO), sedicenne inghiottito dal mare
Un ragazzo sedicenne che abita a Modena è sparito in mare mentre faceva il bagno insieme a due cugini più piccoli. Il dramma si è verificato nel pomeriggio del 16 agosto, verso le 14.30, a Cesenatico. Il ragazzo appartiene a una famiglia di sinti giostrai...

Pane, amore e ordinanze: l'Italia vietata
Il decreto Maroni sulla sicurezza è stato firmato il 5 agosto, e quattro giorni dopo è apparso sulle plumbee colonne della Gazzetta Ufficiale. Non è un atto normativo come i tanti che l’hanno preceduto: trasforma i sindaci in sceriffi, e d’altronde anche nel Far West gli sceriffi venivano pur sempre eletti dai propri concittadini. Gonfia il...

La Tavola della Pace con Famiglia Cristiana
All’indomani delle pesanti espressioni di intolleranza rivolte da alcuni esponenti del governo al direttore di Famiglia Cristiana, Flavio Lotti, coordinatore nazionale della Tavola della pace ha inviato a Don Antonio Sciortino il seguente messaggio di solidarietà...

Benedetto XVI, sono preoccupato per i nuovi razzismi
Duro monito del Papa contro le nuove forme di razzismo che si registrano in diversi paesi del mondo: si tratta - ha detto ieri prima della preghiera dell'Angelus recitata a Castelgandolfo - di manifestazioni «preoccupanti, legate spesso a problemi sociali e economici, che tuttavia mai possono giustificare il disprezzo e la discriminazion...

Milano, le ville dei sinti...
Ieri il Tg5 ha mandato in onda un servizio dal titolo: ville sinti nel parco. Oggi il servizio è stato immediatamente ripreso dal Tg3 Lombardia. Il servizio punta il dito contro le famiglie sinte italiane che negli ultimi venti anni hanno acquistato dei terreni nel Parco La...

Solidarietà a Famiglia Cristiana
I Beati Costruttori di Pace hanno scritto al Direttore di Famiglia Cristiana la seguente lettera. Noi di sucardrom ci uniamo ai Beati nell’esprimere solidarietà a tutta la redazione del settimanale edito dai Paolini...

Milano, via i mendicanti dal centro ma solo se non sono italiani
Il Comune di Milano dichiara guerra ai mendicanti e prepara un’ordinanza per sfrattare chi chiede l’elemosina in Centro, a partire dalla zona Duomo. Il modello sono le ordinanze comunali già in vigore a Venezia e Firenze, con ...

Consiglio d’Europa, in Italia vergognosa xenofobia contro i Rom
“Non dobbiamo dimenticare la tristissima storia del popolo Rom per non incorrere nei tragici errori del passato”. A sottolinearlo in una nota è Thomas Hammaberg, Commissario per i Diritti dell'Uomo del Consiglio d'Europa. “Gli interventi di alcuni media e politici xenof...

Due uomini di fede imbarazzano il Vaticano
Ferragosto, ogni cosa al suo posto. Il partito Colorado sta in Paraguay ed ha perso le elezioni in aprile, il Popolo della Libertà sta in Italia ed ha vinto le elezioni in aprile. Fernando Lugo (in foto), formato all'Università gregoriana di Roma in Scienze religiose e sociologia, è stato membro del selezionato gruppo di consiglieri del Consiglio Episcopal...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/08/2008 @ 08:43:13, in Italia, visitato 5336 volte)

Premessa: Articolo difficile da tradurre, come molti di quelli del Guardian, quindi scusate se ci sono delle imperfezioni (potete sempre leggerlo in lingua originale). Da leggere, anche se lunghetto, perché è un giornale di solito serio, perché ci sono molte testimonianze di Rom in presa diretta, e ovviamente per capire come siamo visti all'estero, oltre i confini di una stampa nazionale cloroformizzata. Ci sono alcuni punti che non mi convincono, ad esempio l'immagine di maniera di Napoli e soprattutto di Scampia, descritte come si fosse in set televisivo o come se il giornalista giocasse a fare l'esploratore appena arrivato che trancia giudizi senza sapere di cosa parla. Fatemi sapere, se volete.
Fabrizio

Da Roma_Italia

The Guardian
E' un'immagine che ha scioccato il mondo: due giovani Zingarelle sono rimaste adagiate morte per tre ore su una spiaggia italiana mentre, a pochi passi, una coppia spensierata faceva un piacevole picnic. Dan McDougall è andato nei campi Rom di Napoli per incontrare la madre delle due ragazze morte e ha trovato paura ed amarezza - ed un paese in pericolo di dimenticare il suo passato di estrema destra. Nelle foto: dentro al campo

Dan McDougall
The Observer, domenica 17 agosto 2008

Una giovane nel campo Rom illegale a 10 Km. da Pisa. Il campo è composto principalmente da Rom della Bosnia e del Kosovo. Photograph: Robin Hammond

Tirandosi i capelli l'un l'altro, i bambini Rom si azzuffano quando è il loro turno di passare i polsi scarni sopra le candele funerarie accese. Davanti allo stesso santuario Ortodosso, la loro nonna recita le preghiere al Signore in lamentosa lingua Romanì.

"Am Mora Dat con san ando cheri." Le parole lasciano la sua bocca con un bisbiglio mentre si fa il segno della croce e bacia un crocefisso d'oro che ha al collo. La bambina più piccola, non avrà più di quattro anni, fa la linguaccia e un gesto a V per vaffanculo e scappa fuori.

Il soffitto umido del prefabbricato di due stanze che gli Zingari chiamano casa sta per collassare. I fogli di cellophane alle finestre, guardano verso le pareti grigie del più malfamato carcere di Napoli, e sono così fragili vacillano nella debole brezza. Ci sono materassi dappertutto, per terra, appoggiati per proteggere dagli spifferi. Come i loro abitanti, sono sottili e lisi. L'unica concessione alla modernità è una gigantesca consolle nell'angolo, che fa fuoriuscire un DVD di registrazioni distorte di canzoni folk balcaniche. Il risveglio a cui stiamo assistendo nel più noto campo Romanì di Napoli è proseguito per 10 giorni. L'alcool è sparso per la stanza; nauseabondo straripa da tazze di plastica e bottiglie di Peroni, un bastardino mezzo cieco dorme adattandosi tra i resti di un migliaio di sigarette arrotolate.

Accanto ad un ritratto a seppia del riverito frate cappuccino, Padre Pio, una confusa stampa digitale della tredicenne Cristina e dell'undicenne Violetta Djeordsevic - le due sorelle la cui morte improvvisa nelle poco profonde acque di una spiaggia pubblica sulla costa amalfitana il mese scorso, hanno incapsulato la minaccia del razzismo nella moderna Europa. E' una tragedia che ha focalizzato l'attenzione internazionale sul bordo stracciato della più caotica città d'Italia. La gioventù e la bellezza delle ragazze nelle foto, stranamente, è come uno shock. Sinora, come molti, avevo visto soltanto i loro corpi prostrati, coperti da un corto telo da spiaggia, da cui fuoriuscivano soltanto i piedi, sulla spiaggia trasandata di Torregaveta, un decrepito sobborgo marino del golfo di Napoli.

La mattina del 17 luglio Cristina e Violetta, assieme alle loro cugine Manuela e Diana, erano andate come al solito dal misero accampamento in cui siamo seduti ad una delle spiagge di Napoli più popolari. Camminando per due miglia sino al più vicino mezzo di trasporto pubblico, e saltando a bordo del treno locale che fiancheggia le scogliere litoranee attorno alla città, le ragazze progettavano di vendere dei gingilli - piccole tartarughe di legno intagliate da migranti Nigeriani - ai turisti della baia. A Torregaveta, dopo una lunga e calda giornata senza vendite, le sorelline si sfidarono l'un l'altra tuffandosi dagli scogli in mare. Violetta saltò per prima e sparì, affondando tra le onde. Cristina, la più grande, si tuffò per salvarla. Sono annegate entrambe, una vicina all'altra.

Quello che è accaduto in seguito ha scioccato il mondo.

Le ragazzine sono state recuperate dal mare da un passante e più tardi dichiarate morte da un bagnino che ha prestato soccorso, mentre Manuela e Diana piangevano, battendo i loro piccoli pugni sui cadaveri.

Quando è arrivata la polizia, le loro cugine, turbate e sotto shock, sono state portate via per contattare i parenti. Sono stati usati due teli da spiaggia per coprire le due ragazze morte. Ed allora è successo qualcosa di straordinario.

La vita di spiaggia è ricominciata attorno ai corpi per tre ore sino a quando si è presentata un'ambulanza. Nell'immagine più toccante di tutte, una coppia mangiava con indifferenza il picnic osservando la scena. Un'altra lì accanto si lanciava un frisbee. L'indifferenza, ripresa da giornali e TV di tutto il mondo, è stata per l'elite liberale del paese la goccia che ha fatto traboccare il vaso. La più alta autorità cattolica a Napoli, il cardinale Crescenzio Sepe, è stato il primo a precisare la grettezza dei sentimenti umani rappresentati dal comportamento di Torregaveta. "Cristina e Violetta" ha detto ai media italiani, "non hanno trovato altro che pregiudizio nella vita ed indifferenza nella morte; una verità imperdonabile."

A Roma, il governo si ritraeva. Maestri della realpolitik, sapevano che le morti di Cristina e Violetta, entrambe nate in Italia, ma di sangue completamente Rom, era arrivata in un brutto momento per la nazione, costretta nei mesi recenti a difendersi dai vicini europei dalle accuse di discriminazione contro Zingari e immigrati. Il Primo Ministro Silvio Berlusconi, balzato al potere per la terza volta con un programma sottilmente travestito anti-immigrati, era nel mezzo di un programma controverso ma populisti di prendere le impronte ai 150.000 Rom del paese, alcune famiglie delle quali sono in Italia dal medio evo. Secondo alcuni critici è diventato impossibile sottacere i toni fascisti di queste azioni, e puntualizzano il fatto che le prime espulsioni di Zingari ebbero luogo nel 1926 sotto Benito Mussolini. Gli eredi politici del dittatore, i "post-fascisti" di Alleanza Nazionale, sono ora partner di coalizione del governo Berlusconi.

A maggio di quest'anno, voci di rapimento di una bambina da parte di una Zingara a Napoli, innescarono un orgia di violenza contro i campi Rom di delinquenti che brandivano mazze ferrate, che diedero fuoco alle roulotte e spinsero via gli Zingari dalle loro baraccopoli in dozzine di assalti, orchestrati dalla violenta e conosciuta mafia locale, la Camorra. La risposta del governo Berlusconi? "Questo è ciò che accade quando gli Zingari rubano i bambini," ha scrollato le spalle Roberto Maroni, ministro degli interni ed alleato chiave di Berlusconi.

Per i 10 milioni di europei liberamente etichettati come Rom o Zingari, la vita è una processione senza fine di marginalizzazione e pregiudizio. Rinchiusi in accampamenti in tutto il continente, si stima che l'84% dei Rom in Europa viva sotto la linea di povertà. Forse ancora più scioccante è la mancanza di una foto più dettagliata. L'indifferenza e la riluttanza ufficiali da parte dei Rom stessi significa che i dati sull'aspettativa di vita, mortalità infantile, occupazione e tassi di scolarizzazioni sono dispersi. Tuttavia tutti sembrano più bassi di quelli della società maggioritaria.

La difficile situazione dei Rom è stata parte della vita europea sin dalla loro misteriosa migrazione dal Rajasthan attorno all'anno 1.000dc. La regina Elisabetta I fu la prima che cercò di espellere i Rom dall'Inghilterra. L'imperatore tedesco Carlo VI ordinò il loro sterminio nel 1721. In parte dei Balcani, i Rom furono venduti come schiavi sino alla metà del XIX secolo. Nel XX secolo, centinaia di migliaia di Rom perirono nell'Olocausto nazista, conosciuto dagli Zingari come il Porrajmos o "Divoramento". Perché Rom come Cristina e Violetta sono nate a Napoli ha più a che fare con l'eredità moderna nei Balcani. Nei primi anni '90, migliaia di Zingari attraversarono l'Adriatico dopo lo scoppio dei combattimenti in Yugoslavia e la pulizia etnica in Bosnia. Per molti degli Zingari, la maggioranza dei quali erano immigrati illegali, la Napoli senza legge era il posto dove potevano sparire nel caos.

Sono le 6,30 del mattino nel centro storico coperto di graffiti della vecchia Napoli. Due giovani preti passano rapidamente su una vecchia Vespa giallo canarino, il motore scoppietta per le strade silenziose. Passando col rosso e fiancheggiando l'entrata barocca della cappella di San Lorenzo Maggiore, i seminaristi accostano e abbandonano lo scooter. Sono in ritardo per le preghiere del mattino. Sotto le strette stradine acciottolate, lontano sotto di loro, c'è il porto e il Mediterraneo azzurro.

Scintillando all'alba, le acque della baia si allungano a ovest, verso la massa scura del Vesuvio e di Campi Flegrei, i "campi brucianti", i terreni vulcanici che i Greci una volta pensavano fossero i cancelli dell'inferno.

Qui la mattina arriva lentamente. Gli anziani, le cui fronti spiegazzate sono bruciacchiate e incrinate come terra asciutta, sono i primi ad emergere, seduti su sedie di plastica bianca per le strade strette fuori dai loro appartamenti mentre il baccano delle mogli filtra all'interno e continua con le faccende domestiche mattutine.

Armati di acqua saponata e spugne, un gruppo stracciato di operai municipali cerca di rimuovere centinaia di manifesti apparsi in città nottetempo. "Diritti per tutti". "Bianchi, neri, gialli, rossi. Stop apartheid now," proclamano sotto crude immagini di impronte digitali. Sotto i nuovi manifesti giacciono altri vecchi sbiaditi che chiedono la deportazione di massa degli Zingari e degli immigrati di Napoli.

"L'Italia è divisa su queste ragazze, sul destino dei Rom. E' stata punta la coscienza della gente. Puoi vederlo sui muri della nostra città," dice Francesca Saudino, la nostra guida del primo mattino e attivista della campagna di difesa legale con base a Napoli, assieme a Osservazione, un gruppo nazionale di pressione per i diritti dei Rom. "La reazione alla morte di queste ragazze va oltre qualsiasi cosa mai accaduta prima. L'avvenimento ha mostrato un realismo sociale che parte da lontano nel nostro paese: molti della classe lavoratrice pensano che i Rom non siano di più che animali, ed il governo sta usando questa xenofobia per avere voti e popolarità. La gente è confusa. Le morti di queste bambine rappresenta qualcosa di più, forse una lotta per l'anima d'Italia."

Stiamo capitando a Scampia, la zona di edilizia popolare più dura e senza legge d'Europa. Il tassista, riluttante a portarci là, non è socievole. Ci ha caricati "tripli" e non si stanca di ammonirci, sputando fuori le richieste ad ogni semaforo tra il fumo della sua sigaretta.

Scampia è la patria delle malfamate torri conosciute come Le Vele, il posto dove molti tossicodipendenti di Napoli vanno in cerca di eroina, crack e cocaina meno costose d'Europa. Una terra di outsider e fuorilegge che vivono ai margini della società, il quartiere è anche la casa della maggioranza dei Rom della città. All'ingresso municipale della proprietà, con un cenno all'Inferno di Dante, qualcuno con una bombola spray di vernice rossa ha scritto"Abbandonate ogni speranza voi che entrate."

La nostra prima vista è una serie di automobili bruciate. Sembra di essere nel quartiere Farza di Kabul. Gli edifici sembrano assediati da un disastro naturale. La maggior parte degli ascensori sono rotti. Tubazioni rotte fanno fuoriuscire acqua ovunque e i cortili esterni sono coperti di immondizia sino al ginocchio. L'aria odora di pneumatici bruciati. Dagli appartamenti grigi dei palazzi multipiano, diverse sentinelle esplorano le strade per segnalare la polizia o squadre antidroga. Scampia è stata a lungo una base chiave per il braccio narcotico della Camorra.

Il nostro guidatore ci lascia nel mezzo di Via Cupa Perillo accanto alla carcassa di una Fiat Punto. Segna l'ingresso al "Campo Autorizzato", l'unico campo Rom ufficiale di Scampia - circa duecento roulottes e prefabbricati messi insieme su uno sputo stretto di terra, oscurati dalle mura del noto Carcere Di Secondigliano. E' il posto dove sono nate Cristina e Violetta e dove hanno passato tutta la loro vita.

"E' una palude recuperata," dice Francesca. "Circa 700 Rom vivono senza acqua potabile, bagni, fognature, raccolta dell'immondizia, riscaldamento a norma o posti dove cucinare."

Quando stiamo per entrare, i bambini stanno giocando accanto agli escremento fuoriusciti da una toilette comunale a cielo aperto. In piedi nel centro della strada mal asfaltata ci sta aspettando Miriana Djeordsevic, la madre delle due ragazze. Addobbata in nero con leggere pantofole di seta ai piedi, stringe l'ultima fotografia delle sue figlie. L'atmosfera intorno è tesa. Nei giorni precedenti la morte delle ragazze, la famiglia estesa di Miriana era stata obbligata a fornire le impronte alle autorità. Nelle recenti settimane, i gruppi Rom di qui avevano protestato, indossando i triangoli neri che erano il segno che gli Zingari erano obbligati a portare nei campi di concentramento.

In casa di Miriana, ci viene offerta della vodka, versataci da un uomo tatuato coperto da catene e braccialetti d'oro. Ghignando attraverso i denti anneriti non offre presentazioni. La maggior parte delle donne di questo campo lavora come giornaliere nell'agricoltura, le altre, le anziane e i bambini, mendicano. Ma qualcuno degli uomini conduce uno di più grande traffici di automobili rubate dell'Italia meridionale. Altri, più nascosti, guadagnano dal vendere droga e violenza. Guardandosi attorno nella stanza è chiaro che questa economia in nero non produce benessere o salute o lusso, solo simboli di potere, salute ed avanzamento sociale tra gli uomini. I loro bambini semi-nudi e le moglie sembrano come donne e bambini nell'Africa sub-sahariana.

"Le ragazze sono annegate nel mare," mi dice fermamente Miriana. "Ci sono state chiacchiere sui giornali, che sono state uccise, che non c'è stato funerale. Sono annegate in mare, giocando innocenti com'erano. Il vero crimine è cosa è successo attorno a loro. Quella gente al mare, ha ignorato le bambine, come se fossero cani bagnati dal Mediterraneo. Le mie figlie non erano sotto-umane."

Miriana mi porge un'altra fotografia di Violetta. Posa con un vestito rosa crespato. "Voleva diventare ballerina. Non voleva andare a scuola. Voleva solo essere bella. Cristina aveva una cattiva influenza su Violetta.. Non le piaceva la scuola. Odiava vivere nel campo. La nonna ha detto che cercava solo di trovare il suo posto da qualche parte, ma non sarebbe diventata una donna forte. Aveva la voglia e la determinazione. Soprattutto voleva poter andare nei negozi della città, scegliere i vestiti senza essere cacciata dalla polizia. Ritagliava i vestiti dalle riviste e sopra vi incollava la sua testa. Era il suo modo di scappare. Violetta guardava solo. Adorava la sua sorella grande."

"Nei giorni seguenti la loro morte, un prete cattolico ci ha visitato e s'è scusato per la gente alla spiaggia, dicendo che non avevano capito la situazione. Gli ho chiesto perché gli Italiani ci odiano, perché guardavano i corpi delle due ragazze morte spalmandosi la crema solare e non ho avuto risposte. Ha pianto e mi ha detto che anche i Rom sono figli di Dio. Gli ho detto che non sembrava. Siamo quelli che gli Italiani rimproverano per la povertà fuori dal campo. Quella è colpa loro, non nostra, non delle mie figlie."

Miriana ha a malapena 30 anni, ma sembra di dieci più vecchia. Si è sposata a 14 e madre di cinque nei primi vent'anni, è scappata da giovane al confine serbo-bosniaco, sperando in una nuova vita in Italia. Tre dei suoi figli sopravissuti non sono andati a scuola. Il più piccolo non ha il certificato di nascita. Loro semplicemente non esistono. Una delle ultime cose che fecero a Cristina e Violetta fu prendere loro le impronte. "Cristina e Violetta diedero le impronte poco prima di morire. Violetta era sconvolta. Corse fuori e iniziò a piangere. Pensava che la polizia fosse venuta per portarla via. Cristina era arrabbiata e fregò l'inchiostro dalle dita. Aveva capito tutto. Sapeva che eravamo trattati da animali. E' morta sapendo che non aveva speranze di una vita migliore."

Più tardi, mentre camminavamo attorno al campo, abbiamo incontrato sguardi intimidatori. Un uomo ha sputato ai miei piedi. La presa delle impronte, parte di più vasti severi provvedimenti verso i 3,5 milioni di recenti immigrati economici, ha portato un atmosfera di retorica isteria sul crimine e la sicurezza, e lasciati i Rom più amareggiati di prima. Le organizzazioni cattoliche dei diritti umani hanno condannato la presa delle impronte agli Zingari come "evocante ricordi spaventosi" della persecuzione nazista. Il capo rabbino di Roma ha insistito questa settimana che "dev'essere fermata ora". Amos Luzzato, ex capo dell'Unione Italiana delle Comunità Ebraiche, ha detto che la politica delle impronte ricorda "i giorni in cui non potevo andare a scuola, e la gente mi indicava dicendo -Guarda mamma, è un Ebreo-. Questo è un paese che ha perso la sua memoria."

Ma Massimo Barra, capo della Croce Rossa Italia, che ha monitorato il processo, settimana scorsa ha insistito che lo scopo era di integrare i Rom nella società italiana. Se ai bambini verranno prese le impronte, sarà fatto "come un gioco", ha detto. "Stiamo costruendo ponti, non muri."

Ufficialmente, le ragioni del programma delle impronte appare abbastanza semplice: permetter al governo di compilare un censimento accurato ed assicurare che i bambini zingari vadano a scuola. Ma i gruppi dei diritti umani sono preoccupati. Come parte delle misure anti-immigrazione, il primo ministro ha anche istituito commissari speciali che "trattino" con gli Zingari nelle tre maggiori città - Napoli, Milano e Roma.

Secondo Francesca Saudino, la presa delle impronte è al cuore dell'angoscia e del disincanto provato dai Rom. "La destra italiana rimprovera ai Rom la maggior parte dei crimini da strada, in particolare sui bambini mandati dagli adulti a rubare," ci ha detto. "Questa è un'inesattezza isterica. Si stimano 152.000 Rom nei 700 campi in Italia ed il Ministro degli Interni spera di smantellarli tutti. Il 30% hanno la cittadinanza italiana, ma il resto sono migranti, molti dalla Romania e dai Balcani. Sospettiamo che gli Zingari vengano identificati solo così da essere espulsi."

Ha aggiunto: "Un terzo dei bambini napoletani non va a scuola del tutto o deve ripetere l'anno. L'analfabetismo qui è a livelli di Terzo Mondo. I bambini che vivono nelle periferie, nei quartieri spagnoli e a Piscinola, San Giovanni a Teduccio, Poggioreale, Secondigliano e Torre del Greco, sono tutti uguali, odiano la scuola, i loro maestri e la selettività del sistema. Odiano anche l'Italia e gli Italiani. Molti sono figli di immigrati Russi, ma non vengono loro prese le impronte o trattati da fuorilegge. Non si può avere una legge per i Rom e una legge per chiunque altro."

Al centro dell'argomento, secondo i gruppi dei diritti umani, ci sono diversi politici chiave . Uno di loro è Umberto Bossi, capo della Lega Nord, un piccolo partito di ex fascisti rinnovati, forze anti immigrati e tradizionali conservatori. Bossi è emerso come influente, il giocatore chiave nel ritorno di Silvio Berlusconi al potere durante le recenti elezioni e molti ritengono continuerà a fare la voce grossa. A Bossi e ad altri tre membri del suo partito sono stati offerti posti nel nuovo gabinetto, incluso il Ministero degli Interni, che sorveglia la politica e la sicurezza domestica. Bossi è quello che una volta sostenne di voler sparare ai battelli che portavano gli immigrati sulle coste italiane.

La Lega Nord è apparsa nei primi anni novanta come il partito che richiedeva la secessione dell'Italia del nord più agiato dal resto del paese. Il partito in questi giorni ha abbassato i toni della retorica secessionista. Invece, chiede una maggiore autonomia e la "devoluzione" dei poteri dal governo centrale alle regioni. Bossi è stato nominato Ministro delle riforme nel nuovo governo, una piattaforma ideale per cambiare la legge e dare più autonomia al nord.

Un altro gabinetto è andato al folcloristico Roberto Calderoli della Lega Nord, ricordato per essere apparso in TV con una T-shirt blasonato di una vignetta del profeta Maometto, e per organizzare parate con maiali dove i musulmani vorrebbero costruire una moschea. L'altro principale alleato di Berlusconi al governo è Alleanza Nazionale, un partito formato dai successori fascisti di Mussolini. Il suo leader, Gianfranco Fini, che ha lottato per distanziarsi dal suo passato neofascista, è diventato presidente della Camera dei Deputati.

Tuttavia Giuliano Ferrara, ex ministro per i rapporti con il Parlamento del primo governo Berlusconi ed ora redattore prominente ed opinionista TV, reclama che la crescita della destra è un mito. "Era interamente prevedibile che una volta che Berlusconi fosse tornato al potere, sarebbe apparso un coro greco per ammonirci tutti che la democrazia italiana era in pericolo, che l'Italia voleva introdurre le deportazioni di massa e i campi di concentramento," ha detto. "In realtà, le violenze contro immigrati e Zingari sono state limitate." Il vero problema," dice Ferrara, è che l'Italia, più di ogni altro paese in Europa, ha dovuto far fronte con un afflusso di immigrati che finiscono a vivere in povertà ai margini delle città - i margini dove vivono i più poveri. Non c'è persecuzione etnica in Italia," insiste Ferrara. "Fare confronti con quanto successe agli Ebrei, che furono sterminati, è irresponsabile."

Ironicamente, l'Europa si presume sia nel mezzo del "Decennio dell'Inclusione Rom", un progetto lanciato dalla UE nel 2005 quando i governi dei paesi con la più vasta popolazione Rom - Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Ungheria, Macedonia, Montenegro, Romania, Serbia and Slovacchia - concordarono di eliminare il divario nell'istruzione, impiego, salute e alloggio. Chiedete agli stessi Zingari, vi diranno che ha avuto scarsi effetti sulle loro vite. L'Open Society Institute, fondato dal miliardario George Soros, che ha largamente appoggiato i Rom, disse in un recente rapporto che molti governi vedevano la risposta al problema Rom intermini di "misure sporadiche" più che di politiche coerenti. Quando gli fu chiesto qual'era il cuore del problema, un membro del Parlamento Europeo rispose: "Guarda. Noi vogliamo aiutarli. Non manchiamo di leggi o di soldi. Il problema è la volontà politica in paesi come l'Italia e, ultimamente, gli stessi Rom - molti non vogliono essere parte della società, anche se la società sta tentando di aiutarli. Non c'è fiducia, solo amarezza e scetticismo. Nel caso dell'Italia, da ambo le parti."

"Mi chiamo Veronica Selimovic e sono italiana," piange la piccola zingara a piedi nudi mentre salta agilmente tra il fango e le pozze d'olio nel Campo Nomadi Aurelia ai margini di Roma. I giovani stanno tra i relitti delle automobili e carrozzerie arrugginite, fumando sigarette di contrabbando. Tutt'intorno a noi ci sono pneumatici bruciati, cartucciere, preservativi. Gli Zingari sono agitati. Sembrano pronti a partire nel mezzo della notte, dicono per una buona ragione. La figura politica che ora presiede sui loro campi, è Gianni Alemanno di Alleanza Nazionale, che ad aprile è stato eletto sindaco di Roma. Come ha assunto la funzione, i suoi supporter hanno fatto il saluto romano, cantando "Duce, Duce".

Maneggiando una fotografia in bianco e nero di suo padre, gli occhi glaucomici della sessantenne Satka Selimovic lacrimano mentre lei ricorda la sua vita ai margini della società italiana. "Sono nata in Italia, vicino a Venezia, dopo la II guerra mondiale. La mia famiglia pensava che la vita ci avrebbe offerto una seconda possibilità. Ho raccontato la stessa cosa ai miei bambini, che la vita sarebbe cambiata in meglio e loro lo raccontano a Veronica, la mia nipotina. La gente dice che siamo astiosi e da rimproverare perché di auto-isoliamo, ma noi diciamo ad ogni nuova generazione di Rom che saranno inclusi ed accettati, ed ogni volta assomiglia a un tradimento."

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/08/2008 @ 15:55:04, in Italia, visitato 1460 volte)

Ricevo da Roberto Malini

COMUNICATO STAMPA - 19 agosto2008

Oggi, martedì 19 agosto, intorno alle ore 15, a Pesaro, di fronte al teatro Rossini, davanti alla gelateria "Lo Zio Marco" il giovane Ionut Grancea, 17nne Rom romeno, fratello dell'attivista Rom del Gruppo EveryOne Nico Grancea , è stato aggredito da un italiano mentre chiedeva l'elemosina di fronte al locale.

Il ragazzo è stato avvicinato dall'uomo, sui 35 anni, che, uscendo dalla gelateria, lo apostrofava con parole minacciose: "vattene subito di qui!". "Ho risposto che non stavo facendo niente di male, che sono povero e sono costretto a mendicare per sopravvivere" è riuscito a raccontare in preda al panico il giovane Ionut agli attivisti del Gruppo EveryOne che lo hanno soccorso. "Mi ha detto ‘vattene o ti brucio vivo". Alla minaccia, è seguito un violento pugno all'altezza della tempia sinistra e un breve inseguimento, con l'obiettivo di pestare a sangue il giovane.

"E' l'ennesimo, vergognoso episodio di violenza razzista che si verifica in Italia" commentano Roberto Malini, Matteo Pegoraro e Dario Picciau, i leader del Gruppo EveryOne. "Negli ultimi tempi, fra Rimini, Pesaro e Fano si sono verificati gravissimi episodi di intolleranza razziale mai stigmatizzati dalle Istituzioni locali: il pestaggio di una ragazzina Rom incinta sulla passeggiata, di fronte a decine di italiani indifferenti; un giovanissimo Rom romeno schiaffeggiato, insultato e minacciato da razzisti italiani, sempre davanti a testimoni senza alcuna volontà di difenderlo; l'attivista Nico Grancea, membro del nostro Gruppo, minacciato di morte. E' necessario che le istituzioni, le autorità e la stampa locale assumano una posizione forte e smettano di voltare la faccia dall'altra parte di fronte ad azioni che ci riportano agli anni dei manganelli e dell'olio di ricino" continuano i rappresentanti di EveryOne. "Nessuno dei tanti che gustavano il loro gelato mentre Ionut veniva preso a pugni ha mosso un dito per fermare l'aggressore, né si è alzato dal proprio tavolo per soccorrere il ragazzo: la gente continuava indifferente a conversare, come niente fosse, e questo è un particolare ancora più raccapricciante".

Dopo l'intervento dei Carabinieri, che hanno identificato l'aggressore, rilevandone i dati grazie alla segnalazione della famiglia del ragazzo aggredito, Ionut è stato condotto al pronto soccorso dell'Ospedale San Salvatore dolorante, in preda a vertigini e in forte stato confusionale: per lui un "trauma contusivo della guancia e della regione zigomatica sinistra con arrossamento abraso, dolore e vertigini a seguito di percossa" e 5 giorni di prognosi.

"La città di Pesaro deve ritrovare il suo spirito democratico e accogliente", proseguono gli attivisti "perché nonostante le lodevoli promesse del sindaco Luca Ceriscioli relative all'avvio urgente di un programma di integrazione e sostegno, finora la piccola comunità Rom romena che vive in città ha subito ogni genere di vessazione e umiliazione e vive tuttora in condizioni di povertà ed emarginazione gravissime, nonostante la commissione del Parlamento Europeo in visita ai campi Rom d'Italia abbia scelto i suoi membri quali esempi della condizione di persecuzione cui è soggetto il popolo Rom nel nostro Paese. Oltretutto" affermano ancora Malini, Pegoraro e Picciau "è stato comunicato dalle autorità alle famiglie Rom di Pesaro che a fine agosto, contraddicendo le promesse del sindaco, verranno messe in mezzo alla strada. Ebbene, in quelle famiglie vi sono donne e uomini sofferenti di gravi patologie oncologiche e cardiache, bambini anche di pochi giorni e persone in condizioni di grave denutrizione. Questo sgombero contro cui il nostro gruppo si oppone con indignazione causerebbe un'ulteriore tragedia e un'ulteriore dimostrazione di natura xenofobica di fronte alla quale il sindaco Luca Ceriscioli non può restare indifferente. Ricordiamo" concludono "che la Questura della città di Pesaro ha affisso per le strade della città marchigiana, e nelle botteghe, locandine che ricordano gli anni delle leggi razziali. Una di queste locandine invita la cittadinanza a chiamare le autorità nel caso vedano per le strade nomadi. Questo in contravvenzione delle direttive del Parlamento Europeo, della Costituzione italiana e delle convenzioni internazionali che proteggono i diritti dei popoli e tutelano i diritti umani".

Il Gruppo EveryOne porterà all'attenzione immediata della Commissione Europea, del Parlamento Europeo e del Consiglio UE, il grado di indifferenza, approssimazione e negligenza con cui spesso autorità e istituzioni locali italiane reagiscono di fronte a episodi di matrice puramente razzista, lesivi dei diritti fondamentali e della dignità dell'individuo, come quello di oggi, e nel frattempo invita il sindaco Ceriscioli a condannare pubblicamente il gesto, esprimendo solidarietà al ragazzo e a tutta la comunità Rom colpita".

Per ulteriori informazioni:
Gruppo EveryOne
Tel: (+ 39) 334-8429527 – (+ 39) 331-3585406
www.everyonegroup.com :: info@everyonegroup.com

PS: Su Il Resto del Carlino

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 20/08/2008 @ 18:46:02, in media, visitato 6849 volte)

Chi segue i blog, sa che ce ne sono altri, oltre a quelli citati.
Ciao Maria Grazia

Rom e Sinti nomadi virtuali - di Alessia Grossi sull'Unità

"Dal falò alla Rete". Questo è il titolo di uno dei tantissimi post inseriti in uno dei siti delle comunità Rom Sinti e Kalè in Italia e nel mondo. A parlare della propria storia, della storia dei propri passi e del difficile cammino verso l'integrazione nei paesi d'approdo sono proprio loro. I nomadi, i gitani, gli zingari, comunità una volta viandanti oggi sempre più stabili e alla ricerca di uno spazio integrato. Sul web scrivono, si informano e si ritrovano virtualmente dopo secoli di cammino. I luoghi sono quelli di tutti i cybernauti: blog, siti dedicati e in questo caso completi di mappe virtuali.

Le più note finestre sulla comunità online del popolo nomade - oltre a quello della Federazione Rom e Sinti insieme - sono "Mahalla" che raccoglie le comunità Sinti, Rom e Kalè da tutto il mondo e "Sucar Drom" dove la foto sotto l'apertura - uno striscione con su scritto: "Non vi vogliamo vi odiamo" - augura a tutti buone vacanze. C'è poi il sito dell'Unione del Popolo Gitano, organizzazione riconosciuta dalle Nazioni Unite che raccoglie le notizie sui gitani in tutto il mondo.

Ma la comunità raccoglie siti di tutti i tipi. Portali della cultura Rom e Sinti come "Bjoco" o "Vurdòn" dove la cultura si incontra con la storia, quella più cruenta. Così ad aprire il sito è il "manifesto sulla purezza della razza" pubblicato settant'anni fa, quello da cui scaturirono le leggi razziali. Sotto al link del testo la petizione contro la schedatura voluta da Maroni e la ormai celebre fotografia della bimba rom che dà un dito per il ministro dell'Interno italiano.

Ma quella creata in Rete - cronaca a parte - è una nuova idea di comunità collegata non dai lunghi cammini e secolari spostamenti ma da una capillare mappatura di siti, link e post che si richiamano tra loro. E se li apri ti si apre una mappa di collegamenti. Dalla comunità Rom passi a quella Sinti, a blog singoli, tutti legati dalla nuova frontiera del nomadismo. Sul sito di Mahalla c'è una mappa virtuale, ad esempio, che ti permette di vedere gli appartenenti alla comunità in tutto il mondo. Dall'Australia alla Colombia, dal Canada alla Finlandia. Ad ogni omino virtuale corrisponde un nomade vero che così può facilmente tenersi in contatto senza troppi spostamenti.

È una nuova idea di comunità, insomma, non legata solo alle tradizioni e alla difesa gelosa delle appartenenze ma anche di un territorio di riscatto e di integrazione con un mondo che nutre diffidenza e timore nei loro confronti. Pagine che trasmettono storie, problemi, testimonianze di una cultura di migrazioni che dura da più di cinque secoli. Ma che sanno anche raccontare piccole, buone notizie come quelle dei tanti rom e sinti che sono riusciti a diventare importanti artisti, musicisti, sportivi ed esponenti della cultura nel nostro paese.

Peccato che per ora resti ancora aperto l'interrogativo dell'articolo con cui apre Mahalla, ripreso da The Guardian: "Perché gli italiani ci odiano?".

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/08/2008 @ 09:21:54, in Kumpanija, visitato 1381 volte)

Da Mundo_Gitano

ELTIEMPO.COM vida de hoy I bambini gitani in Colombia convivono tra la modernità ed i loro costumi ancestrali Por: JOSÉ ALBERTO MOJICA P.

Foto: Claudia Rubio / EL TIEMPO Nella casa di Geraldín, in un quartiere della zona 3 a ovest di Bogotá, vivono 23 persone. Suo papà è un artigiano del rame

A Bogotá passano inosservati perché sono immersi nella società. Dicono che qui stanno meglio che in altri paesi dove sono perseguiti. Cronaca

"Sì, sono Gitana", confessò Geraldín Gómez davanti ai suoi compagni di classe, quando un'insegnante le chiese se era vero quello che si commentava nella scuola, Questo successe appena un mese fa.

"Non l'avevo detto prima perché, anche se non è un segreto, non è neanche da raccontare a tutti", dice la ragazza, 12 anni, studente di quinta della primaria.

Le sue amiche, stupite, le chiedono con curiosità se vive nelle tende, come mostrano le telenovelas e le pellicole, e poi le han chiesto di leggerle la mano.

Anche se ha ereditato le tradizioni della sua cultura millenaria dai suoi genitori e dai nonno, e domina la lingua del popolo Rom, la chiromanzia non le piace. Di più, chiarisce che si tratta di arte con cui si nasce e che lei non possiede.

Geraldín è quasi una donna, di più: una bella donna. E questo preoccupa sua padre, un uomo forte che, come la maggioranza dei maschi Gitani, si guadagna la vita come artigiano del rame.

E' uso sposarsi a 15 anni

In casa sua, dove vivono 23 persone, in un quartiere della zona 3 a ovest di Bogotá, condivide una stanza con fratelli e genitori.

Per l'età e la bellezza di Geraldín, il padre confessa di pensare di ritirarla da scuola. "Lo studio va bene, però fuori, con i 'gadzhe' (non Gitani), può perdere le sue tradizioni. Inoltre, è quasi una donna e gli uomini possono infastidirla", sostiene.

E oltre al futuro, che spera per sua figlia, come comandano le leggi del popolo Rom, è che a 15 anni abbia già una famiglia, con un uomo della sua comunità.

Però lei, come in molti di questi tempi, la pensa diversamente. E questo, secondo Dalila Gómez, Coordinatrice Generale del Processo Organizzativo del Popolo Rom di Colombia (PRORROM) - che cerca di garantire i diritti collettivi del suo popolo - si è convertito in un problema.

"Anche se hanno ereditato l'idioma ed i costumi, è impossibile pretendere che siano uguali ai Gitani di altre epoche. Vivono una dualità: tra il mistico ed il mondo contemporaneo", sostiene Dalila, una delle poche Gitane in Colombia che hanno una professione precisa. E' ingegnere industriale e lavora per lo Stato.

Ha dovuto confrontarsi coi suoi genitori e con tutta la comunità quando decise che, invece di sposarsi così giovane, voleva studiare.

Oggi non è solo la leader più visibile del popolo Rom nel paese, ma si è convertita in un modello per i giovani.

Il suo mondo è il moderno

Dalila aggiunge che, da circa due decadi, i bimbi Gitani non hanno vissuto la vita itinerante dei loro antenati, che il tema della chiromanzia e dell'artigianato non li emoziona, e che le tendenze attuali come la musica e Internet sono parte della loro quotidianità.

Nonostante, Geraldín afferma che i bimbi Gitani in Colombia sono fortunati, rispetto ai loro coetanei in Europa.

Da poco, si è interessata alle notizie dall'Italia dove si è generata una polemica sulla proposta del Governo di questo paese di prendere le impronte digitali ai bambini di questa etnia al fine di evitare che mendichino.

Ed ha saputo anche che due bambine Gitane sono morte affogate in una spiaggia italiana, di fronte allo sguardo indifferente dei turisti. "Questo è inumano, e assurdo. Siamo persone come le altre, non una piaga come molti ci vedono", dice.

Geraldín rispetta le intenzioni di suo padre, però spera che comprenda che i tempi sono cambiati e che lei può ottenere una professione senza smettere di essere Gitana, come ha fatto Dalila, sua zia. Tanto che vuole montare una propria accademia di danza ed essere cantante, mentre va all'università.

"Nessuno sa cosa può succedere col futuro della bimba, però io l'appoggio. Voglio che studi e abbia una vita migliore. Essere Gitano, andare da un posto all'altro, non avere nulla, è molto difficile", dice sua madre, Miryam.

Geraldín sa che ha davanti una lotta ferrea col suo destino. Non vuole ripetere la storia di sua madre, vuole diventare un professionista, senza smettere di essere una buona Gitana.

"Il futuro per i Gitani non esiste. Il futuro è oggi e ora. Aspettiamo di vedere cosa succede quando arriva il momento di decidere", dice.

Qui vivono in 5.000

In Colombia, secondo il censimento del 2005, vivono circa 5.000 gitani. Di questi, 1.446 sono minori. Sono considerati come etnia dallo Stato dal 1998.

Gli uomini vivono del commercio informale, dell'artigianato dei metalli e del rame e della riparazione di macchine pesanti. Le donne si dedicano alla chiromanzia, al cucito ed alla cura della casa.

I gitani sono originari del nord dell'India. La loro presenza in Colombia iniziò nel XIX secolo. Arrivarono in America Latina col terzo viaggio di Colombo.

Bogotá, D.C., 16 de agosto de 2008. Redacción Vida de Hoy. El Tiempo.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/08/2008 @ 10:50:31, in media, visitato 1431 volte)

TEATRO E DANZA

La complessa realta' degli zingari che vivono in Italia, in particolare in Puglia, è al centro del documentario "Japigia Gagi" che il regista Giovanni Princigalli ha presentato all’Istituto italiano di cultura di Buenos Aires.

Questo lavoro, ha indicato l’autore che era presente alla proiezione, ha partecipato al 19/o Incontro di arte e cultura del "Mercosur" a Eldorado (Argentina settentrionale).

"Jaipigia Gagi" è in sostanza un lavoro di "esplorazione" della comunità Rom di Jaipigia, a Bari, che ha permesso di approfondire una cultura di cui si parla molto, soprattutto per motivi legati alla sicurezza, ma di cui si conosce molto poco.

Il regista la racconta attraverso il punto di vista di quattro suoi membri, una ragazza di 17 anni rinchiusa in un istituto per minori che vuole tornare a casa dai genitori, un’adolescente che sogna di fare la modella, una bambina di undici anni che si rifiuta di andare a scuola perché vuole continuare a fare compagnia alla madre che chiede l’elemosina ai semafori e un uomo di 35 anni che aspetta che arrivi la figlia dalla Romania.

Princigalli, autore anche di Gli Errori Belli (2007) che tratta dei figli degli emigranti italiani in America che vogliono imparare la lingua dei genitori, ha vissuto in stretto contatto con gli abitanti di Jaipigia per oltre un anno. L'intento del documentario, ha precisato, è quello di "andare oltre la figura del rom che sta al semaforo, senza inseguire visioni romantiche e stereotipate".

Il film ha partecipato a oltre 40 concorsi internazionali, ricevendo numerosi premi.

20/8/2008

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 21/08/2008 @ 14:44:26, in lavoro, visitato 1937 volte)

Mi piacerebbe che pubblicaste un articolo di mia moglie che è giornalista Bielorussa e scrive per varie testate locali qui a Messina. Quest'articolo è elaborato da lei sugli ultimi resoconti di medici senza frontiere. Il nome di mia moglie è IRYNA CHUMAKOVA.
grazie NICOLA PAVIA

Chi accoglie uno straniero accoglie un angelo

Una delle cose che amavo di più fare all’alba sin da piccolo, era quella di passeggiare per la lunga e bianca spiaggia del mio villaggio, Nungua Beach, sulle coste del Ghana.

Stavo ore ad osservare le lente onde del mare del Golfo di Guinea immaginandomi un futuro provetto pescatore, mentre il vento caldo mi accarezzava il volto. Ed è lo stesso vento del sud che ora mi secca la gola mentre alle 4:30 del mattino attendo insieme ad altri venti miei coetanei, tutti immigrati e rigorosamente irregolari, l’arrivo del camioncino che ci sceglierà e farà salire per andare a lavorare. Sono un lavoratore stagionale qui, in un paese sperduto della Sicilia, e so che un ennesima giornata dura e infernale sta per attendermi.

Ho dormito per terra in un cascinale abbandonato in aperta campagna con altri quattro immigrati, di cui non so neanche il nome ed in silenzio ci siamo recati all’alba all’appuntamento. Il camion arrivò, noi saltammo su sempre in silenzio, posizionandoci sul retro, e aspettammo la partenza con lo sguardo sempre rivolto a terra.

Arrivati a destinazione, ognuno di noi scese velocemente avviandosi presso la serra più grande, dove già, come sempre ogni mattina, avevano sparso i vari pesticidi; ce ne accorgemmo perché gli occhi cominciarono a bruciare, e le mani si arrossavano ogni volta che raccoglievamo i pomodori .

Il tempo scorreva e il sole cominciava a bruciare ma sapevamo che non avremmo visto acqua fino al pomeriggio, vietato fermarsi. I container lentamente si riempiono mentre i polmoni bruciano per l’aria acida, la fine della giornata ed il riposo era lontano, avremmo continuato così fino alle 19 di sera con un piccolo stacco alle 13. La paga è sempre quella, circa 16 o 20 euro al giorno, ma arriva sempre alla fine del mese e a volte si aspettano anche due mesi. Il Caporale, cosi si chiama il capo squadra, oggi è in giornata sì, ha distribuito una razione di acqua doppia, e mentre beviamo, il mio compagno di fila si piega in avanti gridando dal dolore. Il caporale imprecando fa segno ad altri due tizi a bordo coltivazione e così il poveretto viene caricato in macchina e portato via. Verrà sicuramente abbandonato davanti un posto di guardia medica per non avere guai, lui non ha i documenti.

Arriva così il fatidico fischio di fine lavoro, una vera liberazione. I padroni se ne vanno e noi ci incamminiamo come zombi verso una Masseria distante dì lì a poco. Senza acqua né luce, senza viveri e senza coperte, ci sono solo tre materassi luridi e consumati, e noi siamo in 10…

Per i servizi igienici si va in fondo alle scale, al buio, in mezzo allo sporco ed al puzzo incredibile, in silenzio. Qualcuno esce un pezzo di pane rancido, un altro è riuscito a nascondere tre pomodori nelle mutande. Stabiliamo i turni per utilizzare tre alla volta il materasso e l’odore pungente della stalla dietro, nasconde l’odore dei nostri corpi. È pericoloso uscire la notte, ci sono i ragazzi Italiani che possono menarti con bottiglie di vetro insultandoti. La stanchezza ha finalmente il sopravvento, e gli occhi si chiudono e nella notte mi ritrovo bambino, un bambino che sogna: "sicuramente da grande sarò un bravo pescatore".

I dati sono stati presi dai resoconti annuali del gruppo onlus Medici Senza Frontiere.

Iryna Chumakova

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/08/2008 @ 00:09:21, in media, visitato 6694 volte)

Contemporaneamente all'articolo dell'Unità di due giorni fa, è uscito anche questo lancio ANSA.

20-AGO-08 18:43
NOMADI: IN VIAGGIO VERSO LA NUOVA FRONTIERA DELLA RETE /ANSA
TANTI I SITI 'FINESTRA' SUL MONDO DI ROM E SINTI (ANSA) - MILANO, 20 AGO - Nomadi del web, nomadi del nuovo millennio. Ormai in disuso la pratica della vita errante, i rom e sinti dell'era di internet viaggiano attraverso la rete con blog, siti internet e portali dedicati. Nel web le diverse comunità si incontrano, parlano, si scambiano informazioni e condividono problemi. Ma soprattutto si fanno conoscere dal mondo che gli ruota attorno, quello che loro stessi definiscono degli "stanziali". Gli italiani che, in modo sempre più intenso negli ultimi mesi, hanno imparato a conoscere i nomadi tramite le pagine di cronaca dei giornali e i tg per i furti di bambini, l'accattonaggio e il rilevamento delle impronte digitali ai minori. Ci pensa il portale Mahalla, specializzato in informazione dal 'mondo nomade', a rovesciare il luogo comune sul popolo romanò, con una sorta di piccolo notiziario sull'Italia e l'Europa. Racconta invece piccole storie quotidiane, legate alla sua provincia, il blog dell'Associazione sinti italiani di Vicenza. "Tutto bene quando siamo in giro per l'estate con le giostre ma quando, durante l'inverno, torniamo a casa e ci rimaniamo per molti mesi, la gente comincia ad avere la paura del 'diverso'", scrive Elvis Ferrari, presidente dell'Associazione sinti italiani. In un altro post, c'é, invece, la storia di Domenico e Rosanna, rom lui e sinta lei, con una figlia che da dieci anni si trova inchiodata al letto in stato di coma e sopravvive grazie alla solidarietà della loro grande famiglia, composta da dieci figli, che vivono grazie alla raccolta dei metalli. Dalle storie difficili ai successi di grandi, piccoli nomadi. Come quella di Michele Di Rocco, il pugile zingaro che ha addirittura difeso i colori dell'Italia alle olimpiadi di Atene. O di Alexian Santino Spinelli, musicista e poeta rom, artista di fama internazionale e, si legge sul suo curriculum sul sito dell'Associazione Thém Romanò, "l'unico rom al mondo con due lauree ed una cattedra universitaria". Partito da una roulotte in un campo di Pietrasanta, infatti, è arrivato, dopo una laurea in lingue e l'altra al Dams all'università di Bologna, a insegnare lingua e Cultura Romaní all'ateneo di Trieste. Tante, poi, le pagine web come 'Sucar Drom', 'O Vurdon' e 'Nevo Drom' dedicate all'approfondimento sulle tematiche di attualità e alle iniziative dei diversi comitati nati per valorizzare la cultura Romanò nella penisola. Facile capire perché, il tema più caldo su cui si spendono tante parole e commenti negli ultimi mesi, sia quello della schedatura delle impronte per i bimbi rom. (ANSA).

PS: per i più esigenti, QUI c'è una versione in portoghese : - )

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 22/08/2008 @ 09:15:01, in Europa, visitato 1511 volte)

Da British_Roma

MigrantInfoSource - La Situazione della Comunità Rom di Glasgow

Di fronte a durezze, razzismo e discriminazioni crescenti nell'Europa Centrale ed Orientale dopo la caduta dei regimi socialisti, i Rom sono fuggiti in gran numero da una situazione che peggiorava, prima come richiedenti asilo e poi, dal maggio 2004, come "nuovi" cittadini di un'Unione Europea allargata. D'altro canto, sono stati incrociati da una nuova ondata di attitudini anti-Rom emergenti nell'Europa Occidentale, sottolineata dalla speculazione dei media sulle conseguenze, reali ed immaginarie, di un'immigrazione su larga scala dei Rom dall'Est.

"Sproporzionalmente coinvolti da povertà e discriminati nell'impiego, istruzione, sanità, servizi amministrativi e altri, affrontano ostacoli considerevoli nel pieno godimento dei diritti umani e delle libertà fondamentali"

Questo Rapporto riunisce la ricerca sull'esclusione sociale dei gruppi della minoranza Rom in Europa e le loro sfide nel migrare in Europa Occidentale. Si focalizza particolarmente sulla significativa comunità di Rom slovacchi a Govanhill, Glasgow. Lo studio esamina il lavoro dei fornitori di servizio, e guarda ai successi e alle sfide all'interno di una politica più vasta, politiche sociali e contesti culturali.

Università della Scozia Occidentale. Commissionata e fondata dall'Associazione di Cura e Salute della Comunità di Glasgow Sud Est e da Oxfam.

I risultati principali della ricerca:

  • I governi, tanto a livello UK che scozzese, non solo hanno fallito nel giocare la loro parte nella salvaguardia dei diritti dei Rom come gruppo etnico riconosciuto in Europa, ma anche nel promuovere e far crescere la consapevolezza dei diritti dei Rom entro la UK.
  • Molti dei problemi dei Rom provengono dalla loro deliberata esclusione dalla cittadinanza nei paesi UE da cui provengono. Questa esclusione è il risultato di  un razzismo profondo e radicati a tutti i livelli della società.
  • Dato il continuare della persecuzione ed esclusione dei Rom in Slovacchia e Repubblica Ceca, non è illogico vedere i Rom come un gruppo che continua ad essere "spinto" all'estero più che essere "attirato" dalle promesse di impiego.
  • I Rom si trovano principalmente nel lavoro part-time e temporaneo, esclusi dalle principali strutture come risultato dai servizi d'impiego del settore pubblico e dipendono dai "capibanda" per il lavoro e la casa. Come risultato sono spesso incapacitati ad accedere ai benefici come il contratto di lavoro, salario minimo, diritti pensionistici, vacanze pagate, congedo di maternità e congedo pagato di malattia.
  • Riguardo alla casa, i Rom sono particolarmente vulnerabili nella dipendenza del settore privato, causa la loro situazione lavorativa e conseguentemente sperimentano alti affitti, condizioni sotto gli standard e accordi di locazione inesistenti. Questo porta al sovraffollamento dato che le famiglie sono forzate a riunire le loro risorse, sfratti, e rapporti forzati nella comunità come conseguenza di aumentati rumori e spreco.
  • Le barriere nell'accedere ai centri dei servizi sanitari riguardano la lingua e la cultura. Queste barriere impattano sulla capacità dei Rom di registrarsi e sulla loro comprensione dei protocolli come la prenotazione degli appuntamenti. Gli operatori sanitari hanno trovato livelli crescenti di malnutrizione tra i bambini, sovraffollamento e infestazioni, tutti portano a significativi rischi sanitari pubblici.

(English only) Click here to download the report pdf or click here to download the briefing

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


15/10/2019 @ 02:14:37
script eseguito in 158 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 9510 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Un’opportunità di finanziamento per quelli che han...
14/10/2019 @ 13:37:26
Di giuseppe
Finire il vostre preoccupazioni d denaro stupido l...
26/09/2019 @ 09:07:30
Di danielagrosu
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source