Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Richiediamo chiarezza. Di Rom si parla poco e male, anche quando il tema delle notizie non è "apertamente" razzista o pietista, le notizie sono piene di errori sui nomi e sulle località

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 03/06/2010 @ 09:52:26, in Italia, visitato 1479 volte)

31 maggio 2010 Un grave episodio di discriminazione a Palermo contro una famiglia rom raccontato da Mario Affronti.

Il fatto: una bella e numerosa famigliola Rom, cui è stato assegnato un appartamento confiscato alla mafia secondo una procedura pienamente legale, è stata rifiutata dai condomini sia di via Bonanno e sia (è notizia di oggi) di Corso Calatafimi.

Parlo di bella e numerosa famiglia per conoscenza personale. La mia famiglia è stata ospite lì al campo Nomadi della Favorita in ripetute occasioni, anche a cena, presso la casa-baracca in cui vivono (non so come facciano a mantenerla dignitosamente pulita senza acqua né servizi igienici) e i miei figli assieme ad altri ragazzi della Lega Missionaria Studenti hanno fatto attività di doposcuola, e non solo, per tutti i bambini del campo grazie alla loro preziosa collaborazione.

Il fatto impone alcune riflessioni ed una chiara presa di posizione. Trattasi di un chiaro caso di discriminazione razziale che ci fa ritornare indietro nel tempo e che sembra grave in quanto riguarda il nostro tessuto sociale, la nostra gente, il popolo palermitano che invece, anche in un recente passato, ha mostrato un atteggiamento di accoglienza e di ospitalità verso l'altro, specialmente se diverso. Non è un problema di quartiere più o meno "in", di zone più o meno esclusive o degradate della nostra città. Non riguarda solo i ricchi che hanno paura di essere derubati ma, per lo stesso motivo, anche i poveri che pensano di rischiare anche quel poco che hanno. È appunto un problema sociale di cui gli zingari (che tra l'altro rubano anche i bambini) rappresentano la punta d'iceberg, ma che interessa anche gli immigrati terzomondiali, oggi numerosi nelle nostre contrade, gli omosessuali ed in generale tutto quanto non rientra nei nostri canoni ormai diventati angustamente ed inesorabilmente etnocentrici.

La causa di tutto ciò – e veniamo così alla prima riflessione – è innanzitutto una mancanza di conoscenza. Il compianto mons. Luigi Di Liegro, quando era direttore della Caritas diocesana di Roma, diceva che in fondo si ha paura di tutto ciò e di chi non si conosce. La paura è normale nell'approccio col diverso. Soltanto il desiderio di conoscere può superarla per consentire un dialogo che oggi sembra diventato impossibile. Di fatto la nostra società è diventata più cattiva. Come sempre, quando ci si chiude pensando che l'altro possa essere una minaccia e non invece una risorsa proprio a motivo della sua diversità.

Questa deriva individualista e cattiva del nostro tessuto sociale – seconda riflessione – è anche colpa nostra. Colpa di chi in questi ultimi anni ha conosciuto queste persone toccando con mano le derive positive di questa relazione sia per sé che per la società tutta. Come mai sullo zingaro, sull'immigrato è prevalsa l'idea che essi costituiscono un problema di sicurezza sociale e non una vera e propria opportunità di crescita civile?

Come mai un po' in tutta Italia si moltiplicano gli episodi di discriminazione razziale di cui l'UNAR giornalmente ci fa un triste e macabro resoconto? Perché non abbiamo saputo testimoniare la verità su queste persone? Perché è passata questa idea nefasta e non la nostra secondo cui il diverso rappresenta una ricchezza non solo sociale ma anche economica, politica e religiosa?

Già, religiosa. In questo campo – terza riflessione – il pericolo è rappresentato soprattutto dal musulmano che ormai apertamente attenta alla nostra identità (quale?) religiosa e che bisogna contrastare in tutti i modi più o meno leciti. I cattolici palermitani hanno dimenticato che l'unica moschea presente nella loro città è un ex-chiesa donata allo scopo dall'Arcidiocesi rappresentata allora dall'indimenticabile cardinale Pappalardo.

E ritornando ai Rom, non tutti forse sappiamo quanto Paolo VI, ebbe a dire rivolgendosi agli Zingari: «voi siete nel cuore della Chiesa»! Non tutti forse sappiamo quanto la dignità cristiana, nella loro condizione, abbia ricevuto attraverso la beatificazione di Zeffirino Giménez Malla (1861-1936), detto "il Pelé", uno Zingaro spagnolo appartenente al gruppo nomade dei Kalós.

In realtà quella degli zingari è una realtà che interpella tutti ma soprattutto noi cristiani in quanto è difficile affermare che essi sono nel cuore della Chiesa. Ciò che si vede e rende tristemente addolorati è l'indifferenza o una vera e propria opposizione. Solo gradualmente e molto lentamente, oggi nel nostro Paese alcune comunità si sono aperte all'accoglienza, ancora troppo poche, peraltro, perché gli Zingari possano scoprire il volto materno e fraterno della Chiesa. I segni del rifiuto persistono, dunque, e si perpetuano, suscitando, in genere, poche reazioni e proteste in chi ne è testimone.

E veniamo così alla presa di posizione. È giunto il tempo in cui, scosse la coscienze, i cattolici decidano di vivere la caritas piena verso questa popolazione. La Chiesa deve riconoscere il loro diritto di "voler vivere insieme", provocando e sostenendo una sensibilizzazione in vista di una maggiore giustizia nei loro confronti, nel rispetto reciproco delle culture, orientando i propri passi sulle orme di Cristo, in risposta alle aspettative di questa popolazione nella sua ricerca del Signore.

A tale scopo esiste anche una motivazione di ordine teologico che rappresenta il sale di tutta la pastorale della Migrantes (l'organismo ufficiale della C.E.I. per le persone in mobilità – zingari ed immigrati ma anche emigranti, marittimi, fieranti e circensi): la condizione itinerante, sia nella sua oggettiva realizzazione, sia come visione di vita, rappresenta un richiamo permanente a quel «non abbiamo quaggiù una città stabile, ma cerchiamo quella futura» (Eb 13,14). Il compito da intraprendere, affinché gli Zingari, particolarmente vulnerabili, si considerino e siano accettati come membri a pieno titolo della famiglia umana, è perciò grande e urgente.

Alla pace autentica e duratura, quella che dovrebbe caratterizzarla come riflesso della "famiglia divina" (la Santissima Trinità), non si arriva però – ritorniamo al fatto di cronaca – fuori da un contesto di giustizia e di sviluppo. Fra la popolazione zingara va quindi custodita la dignità e rispettata la identità collettiva, vanno incoraggiate le iniziative per il suo sviluppo e difesi i diritti. Per comprendere adeguatamente la storia spesso drammatica di questa popolazione, occorre tener presente non solo la sua situazione di minoranza in seno alla società, ma anche la sua specificità nei confronti delle altre minoranze. La sua peculiarità sta infatti nel fatto che gli Zingari costituiscono una minoranza senza un preciso insediamento territoriale o uno Stato di riferimento originario – non avendone pertanto un suo eventuale sostegno. Questo "vuoto" di garanzie politiche e di protezione civile rende molto critica la vita degli Zingari.

I Governi nazionali e locali (in questo caso il Comune di Palermo) debbono rispettare questa minoranza tra le minoranze e riconoscerla, contribuendo a sradicare gli episodi di razzismo e di xenofobia ancora diffusi, che provocano discriminazione in materia di impiego, di alloggio e di accesso. La gente di Palermo, il popolo ed i cristiani anagraficamente così numerosi, devono ritrovare la propria vera identità, prima che vada irrimediabilmente perduta.

(Mario Affronti, responsabile del Centro diocesano per la Pastorale delle Migrazioni di Palermo)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/06/2010 @ 08:54:56, in scuola, visitato 1755 volte)

Segnalazione di Tommaso Vitale

Giugno 2009
chiediamo ai bambini delle scuole della zona di far vivere il loro zaino "passandolo" ai bambini del campo rom di Rubattino.

Settembre 2009
la raccolta ha avuto un grande successo: i 36 bambini di Rubattino iniziano la scuola avendo tutti zaino, astuccio e quaderni.

L’inverno scorso è stato durissimo, tanti sgomberi, tanto freddo, tanta precarietà, ma i bambini ce l’hanno fatta quasi tutti a continuare a venire a scuola pur tra mille difficoltà.
Anche quando le ruspe macinavano zaini e lavoro, eravamo pronti a ricominciare.

Ora ci prepariamo al nuovo anno
con tanti nuovi bambini iscritti. Vi chiediamo ancora di far continuare a vivere lo zaino di vostro figlio sulle spalle di un altro bambino.

Chiediamo
a ogni scuola di organizzare la raccolta e poi di contattare uno di noi che passerà a ritirare il materiale.
Sono molto graditi anche astucci nuovi e quadernoni, meglio se a quadretti.

Grazie e buona estate!

Il gruppo mamme e maestre delle scuole Feltre e Pini

Per informazioni e raccolta rivolgersi a:
Assunta Vincenti assuntavincenti@live.it
Flaviana Robbiati flavianarobbiati@tiscali.it
Marialuisa Amendola marialuisa.amendola@tiscali.it

Giugno 2010

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/06/2010 @ 09:31:08, in scuola, visitato 1420 volte)

Da Romanian_Roma

Bucarest, 25/05/2010 - Secondo un portavoce di un tribunale rumeno, lo stesso ha ordinato ad un insegnante di pagare una compensazione di 10.000 euro alla famiglia di una bambina rom di 12 anni, ripetutamente esclusa dalla classe.

La sentenza è stata salutata come un colpo contro la segregazione in un paese che ha una delle più vaste comunità rom in Europa, anche se molti nascondono la loro origine etnica per paura di discriminazioni.

Il portavoce ha detto all'AFP che la corte d'appello nella città meridionale di Craiova "ha obbligato" l'insegnante Lenuta Daba a pagare 10.000 euro o l'equivalente in valuta locale, i lei, a Pompiliu Ciurescu, il padre della giovane Rahela.

Il giudizio è stato emesso il 19 maggio e martedì è stato reso pubblico ai media.

I mezzi d'informazione riportano che l'insegnante della città sud-occidentale di Voloiac aveva ripetutamente rifiutato nel 2007 alla ragazza di entrare in classe.

Daba ha negato di averla discriminata, invocando irregolarità amministrative riguardo il trasferimento di Rahela da un'altra scuola.

L'OnG per i diritti dei Rom Romani Criss ha lodato la decisione del tribunale.

"La somma è l'inizio. La decisione deve diventare un segnale per quanti adoperano la discriminazione e la segregazione nell'istruzione, che è un diritto fondamentale," ha detto ad AFP la rappresentante Monica Vasile.

Il censimento del 2002 dice che ci sono circa 530.000 Rom nel paese, ma le OnG indicano il numero di circa due milioni e mezzo.

Un numero imprecisato di bambini rom non vanno a scuola o terminano gli studi dopo la scuola primaria. Secondo uno studio governativo del 2008, il 19% dei Rom tra i 18 e i 29 anni non sono mai andati a scuola, confrontato all'1,8% dei Rumeni non-Rom.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Dal blog di Tommaso Vitale - 26/mag/2010

Il Parlamento europeo ha dato la sua approvazione ad una proposta della Commissione europea che rende possibile utilizzare finanziamenti regionali europei per migliorare le condizioni abitative delle comunità emarginate. Questa misura, concordata previamente dagli Stati membri, sarà particolarmente apprezzata dalla popolazione Rom che in Europa dovrebbe ammontare a circa 10-12 milioni di persone le quali spesso vivono in condizioni di estrema povertà e segregazione.
Johannes Hahn, commissario responsabile per la Politica regionale, ha espresso il suo plauso per questa decisione: “La comunità Rom è la più grande minoranza etnica in Europa ed è spesso vittima di emarginazione, deprivazione ed esclusione sociale. Plaudo alla decisione odierna che consentirà alla politica regionale di contribuire a spezzare il circolo vizioso di cui queste comunità appaiono prigioniere. Questa iniziativa dovrebbe rientrare in un approccio globale comprendente anche interventi negli ambiti dell'istruzione, della salute, degli affari sociali e dell'occupazione.”
La legislazione sui Fondi strutturali in precedenza era estremamente restrittiva in materia di interventi abitativi e il loro criterio di fruibilità era limitato ai dodici nuovi Stati membri dell'UE (con eccezioni introdotte di recente per misure di efficienza energetica ed energie rinnovabili) e per il rinnovo di condomini esistenti nelle aree urbane. Resta il fatto però che le popolazioni Rom vivono per lo più segregate in zone rurali e in case unifamiliari.
Le misure di recente adozione estenderanno il campo d'intervento del Fondo europeo di Sviluppo regionale (FESR) agli interventi abitativi a favore delle comunità emarginate in tutti gli Stati membri. La modifica riguarda esplicitamente, anche se non esclusivamente, la popolazione Rom. Essa concerne la sostituzione delle case attuali nonché la costruzione di case nuove, sia in ambito rurale che urbano. Il finanziamento del FESR non è applicabile ad alloggi privati, bensì soltanto a progetti attuati dalle autorità pubbliche.
Il sostegno per gli alloggi integra azioni di più ampia portata
La soluzione del problema abitativo è considerata un fattore cruciale per migliorare l'integrazione dei Rom. Essa però deve rientrare in un “approccio integrato” concepito e attuato dalle autorità nazionali e regionali per affrontare altre tematiche quali l'istruzione, lo sviluppo delle abilità, l'occupazione e la salute.
I Fondi strutturali europei cofinanziano già diversi progetti rivolti alle comunità Rom, ad esempio per quanto concerne l'istruzione nella prima infanzia, l'occupazione, la microfinanza e le pari opportunità (soprattutto la parità tra i sessi). Ad esempio, grazie a un investimento UE (1,11 milioni di euro) un nuovo progetto di risanamento urbano verrà realizzato a Nyiregyhaza, che ospita una delle maggiori comunità Rom d'Ungheria. La scuola segregata verrà abolita e si rinnoveranno le strade, i campi giochi e i servizi per l'infanzia.
Oltre ai finanziamenti disponibili tramite i programmi di politica regionale, il Parlamento europeo ha assegnato alla Commissione europea 5 milioni di euro per un progetto pilota sull'inclusione dei Rom articolato in tre assi: istruzione nella prima infanzia, microfinanziamento e sensibilizzazione. Il progetto è realizzato nel corso del 2010 ed è per l'essenziale rivolto alle comunità Rom nell'Europa centrale e orientale.

Nota per i redattori
Nel luglio 2009 la Commissione ha presentato una proposta che è stata quindi discussa dal Parlamento europeo e dagli Stati membri in sede di Consiglio.

Dalle ricerche condotte è emerso che nei paesi dell'Europa centrale e orientale più del 50% della popolazione Rom vive in quartieri parzialmente o totalmente segregati – una tendenza all'isolamento che si è intensificata negli ultimi quindici anni.
Il 2010 è stato designato Anno europeo della lotta alla povertà e all'esclusione sociale.

Per ulteriori informazioni:
http://ec.europa.eu/roma

Per scaricare il documento ufficiale in italiano: IP-10-589_IT.pdf

Per scaricarlo in diverse lingue:

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/06/2010 @ 09:51:48, in Regole, visitato 1636 volte)

Segnalazione di Dhyan Gandha Emanuela Risari

Le carte false comunali sui Rom di Fossarmato di Giovanni Giovannetti - da ilprimoamore.com

«Bluffano sui dati, raccontano balle...» Ricordate? Cominciava così un mio articolo del dicembre scorso, poco dopo lo sgombero "politico" del Centro comunale di prima accoglienza a Fossarmato, «uno sporco gioco sulla pelle di uomini donne e bambini rumeni» cacciati in mezzo a una strada. Quello sgombero fu un atto di puro arbitrio, senza il supporto di un'ordinanza del sindaco (obbligatoria in questi casi) preceduta dalla divulgazione di falsi dossier e da un'infamante campagna di criminalizzazione orchestrata dal sindaco Cattaneo e dall'assessore Assanelli, due che si dicono cristiani.
I falsi dossier erano opera di Carla Galessi, la superpagata dirigente dei Servizi sociali (96 mila euro annuali in pubblico denaro), superpagata per raccontare balle galessiche ai cittadini pavesi e al Prefetto che, fidandosi, ha poi firmato sette decreti di allontanamento a carico di persone appartenenti a cinque famiglie (di famiglie il Comune ne ha infine cacciate dieci).
In solitudine, dalle colonne di questo blog, avevo denunciato l'incredibile misto di razzismo e menzogne; sei mesi dopo, la conferma arriva da una sentenza del Tribunale di Pavia, a cui Radu Romeo – assistito dalla Cgil e dagli avvocati Francesca Segagni e Sara Brusoni – unico tra loro, si era fiduciosamente rivolto: accolto il ricorso, annullato il provvedimento.
La sentenza commenta anche le false carte comunali: in una nota del 7 settembre 2009 la dirigente dei Servizi sociali ha sostenuto che Radu «non è immune da precedenti penali e di polizia, conduce un tenore di vita non idoneo alla sua situazione, ha rifiutato una borsa lavoro […] non è integrato nella società italiana». Dunque «si sospetta che il suddetto possa trarre il proprio sostentamento da attività illecite». In uno Stato di diritto si sarebbe sentito il dovere di esibire prove, documentare fatti, invece in Comune «si sospetta...» e in prefettura nemmeno si sospetta che si tratti di una sòla costruita ad arte, così come è stato infine accertato: né sugli aggiornatissimi certificati dei "carichi pendenti" né sul "casellario giudiziale" figurano procedimenti penali a suo nome, così come non risultano i millantati precedenti penali.
La banda Galessi-Cattaneo-Assanelli infierisce anche sui tre figli di Romeo: «I maggiorenni non risultano inseriti nel tessuto nazionale. Il Comune di Pavia ravvisa, per loro, gli estremi di una situazione di "drop-out"» ovvero «il rifiuto dei predetti di seguire un percorso di integrazione, probabilmente dettato dall'esempio del padre». Insomma, per i contaballe comunali Romeo è un mostro. Allora forse stupiranno nell'apprendere che il Tribunale pavese ha accertato che è vero esattamente il contrario; e bene hanno fatto e fanno i figli di Romeo a seguire l'esempio del padre: il maggiore frequenta assiduamente e con profitto un istituto professionale; i voti – recita la sentenza – sono «spesso al di sopra della sufficienza», dimostrando un costante «impegno, volontà di apprendere, buona conoscenza della lingua italiana e perfetta integrazione nel tessuto scolastico e sociale». La secondogenita, pur avendo perso l'anno «ha in programma di iscriversi a giugno ad un corso serale». Quanto al più piccolo, la certificazione rilasciata al giudice Confalonieri dal dirigente scolastico sottolinea «l'ottimo rendimento in tutte le materie» e una più che «buona disponibilità a relazionarsi con gli altri nel rispetto delle regole di convivenza». Su rispetto delle regole e della civile convivenza è dunque il caso che Cattaneo, Assanelli e Galessi prendessero lezioni da questi piccoli Rom e dai loro genitori: come si legge nella sentenza, «il loro comportamento dimostra quanto la famiglia li stia educando in maniera corretta, insegnando loro l'importanza dello studio e il rispetto delle regole di buona convivenza».
Non è finita: nella sentenza leggiamo che Radu Romeo è un «lavoratore autonomo integrato nel tessuto socio economico del Paese, dispone per se stesso e per i propri famigliari di risorse economiche sufficienti per la conduzione di un'esistenza dignitosa, non è un onere a carico dell'assistenza sociale […] e non rappresenta un pericolo per la società»: sono motivi sufficienti per annullare il provvedimento prefettizio, emesso il 12 novembre 2009, dodici giorni prima che Radu venisse cacciato dal centro di Fossarmato insieme a moglie e figli.
La prefettura ha perso, Romeo ha "vinto", in forza di una sentenza che restituisce dignità a lui e credibilità allo Stato di diritto.
Ma quale dignità potrà fingere di avere ora la bugiardissima Carla Galessi? Come dimenticare quell'altro falso dossier infamante su presunti episodi di prostituzione minorile tra i Rom ospitati nel Centro di San Carlo? Che dire poi dell'altrettanto bugiardo sindaco Cattaneo, secondo cui quelli come Romeo «non si vogliono integrare? E l'assessore Assanelli? Aveva ritagliato su di loro la menzogna degli «uomini difficilmente difendibili». E ora?
- Parte lesa è la Prefettura, che ha creduto ai falsi dossier di sindaco e assessorato, esponendosi così a una sonante figuraccia.
- Parte lesa sono i cittadini, di fronte alla sistematica irrisione delle norme da parte di chi invece ne dovrebbe garantire il rispetto.
- Parte lesa sono le dieci famiglie rumene illecitamente sgomberate da Fossarmato e da San Carlo, le stesse che, coltivando non infondati pregiudizi verso istituzioni così profondamente illiberali e antidemocratiche, sfiduciate, hanno subito la violenza comunale, senza nemmeno provare a far valere i loro diritti di esseri umani prima che di cittadini.
- Parte lesa sono le istituzioni, quelle rese astratte da chi erige muri – a Fossarmato come in Borgoticino – di fronte a ogni realtà dinamica e fuori da coro.
- Parte lesa è la ragione, sistematicamente irrisa da chi coltiva la cultura dell'odio, chi promuove Pavia come terra di frontiera senza più spazi sociali né sensibilità umana. E lo fa solo per nascondere l'incapacità di interazione tra la politica accattona e le esigenze del territorio, oltre che con la vita delle persone.

Pubblicato da il 27-05-10

Comunque la pensiate serena notte a TUTT* e miglior risveglio : - )

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 01/06/2010 @ 09:36:08, in Europa, visitato 1473 volte)

Mimoza Dhima* | Tirana 25 maggio 2010

Campo rom in periferia a Tirana - foto di Mario Salzano
I rom dell’Albania sono tra i 100.000 e i 140.000. Subiscono ogni tipo di discriminazione e la gran parte è senza lavoro. Raccolgono lattine nella spazzatura per poi rivenderle, chiedono l'elemosina e l'attività maggiore è la vendita al mercato dell'usato, noto anche come "Gabi". Un reportage
Vera Shahu, in attesa del settimo figlio, l'8 aprile scorso avrebbe voluto celebrare con la sua famiglia la giornata internazionale dei rom e sinti, ma in casa aveva soltanto qualche tozzo di pane raffermo, olio e patate.
I figli dormono su un tappeto per terra in una delle due stanze improvvisate e dalle condizioni igieniche precarie, in una baracca di legno situata vicino al fiume Lana che attraversa la capitale albanese.
L'unico mobile è un vecchio armadio, da cui escono scarafaggi.

Vai alla galleria fotografica sui rom in Albania
"I miei figli, il primo di 15 anni e il più piccolo di 4, non hanno un futuro se non ricevono aiuto dallo Stato. Avranno le nostre stesse difficoltà o forse sarà ancora peggio perché la vita sta diventando sempre più dura", si lamenta Vera, 40 anni, che soffre di anemia e non dispone di previdenza sociale né di alcun tipo di tutela.
Il reddito famigliare oscilla da uno a due euro al giorno grazie alla vendita di latte di alluminio, e riescono a sopravvivere grazie agli avanzi dei ristoranti della città.
"Nonostante la miseria, voglio mandare i miei figli a scuola affinché imparino a scrivere almeno il proprio nome", dice Vera, che chiede al governo un livello di istruzione adeguato e una casa dignitosa per i propri figli.
In Albania la gran parte dei rom vive nella stessa situazione. Non si conosce il numero ufficiale, ma si stima che si aggirino tra i 100.000 e i 140.000.
"Solo in occasione della giornata internazionale dei rom e sinti, l'8 aprile, si vedono i politici che vengono a farsi fotografare con noi. Il resto dell'anno non ci vogliono nemmeno vedere", afferma Selvie Rushiti, di etnia rom, all'agenzia EFE.
Di fronte all'indifferenza del governo, Selvie, insieme ad alcuni dei rom più "agiati", grazie alle donazioni provenienti dall'estero, ha creato associazioni di assistenza ai rom più bisognosi.
Sette anni fa, Selvie trasformò il primo piano di casa sua in un centro prescolare in grado di ospitare fino a 85 bambini all'anno, mentre in cortile si vendevano vestiti usati. Con questa piccola attività si riuscivano a mantenere 120 famiglie rom.
Ma un giorno i poliziotti cacciarono i venditori dalla zona, e ora la famiglia di Selvie vive con il timore che "qualcuno al governo possa espropriare il terreno per costruire palazzi".
"Non possono ucciderci, ma ci discriminano. Dei 140.000 rom in Albania, solo sette vanno all'università, di cui quattro con borse di studio del Consiglio d'Europa", aggiunge Selvie.
Sono quelli che hanno rappresentato l'Albania al 2° Vertice europeo dei rom tenutosi lo scorso 8 aprile nella città spagnola di Cordoba.
Gli altri sono costretti ad abbandonare la scuola per via della mancanza di denaro e che non riescono nemmeno a comprarsi da mangiare.
L'80% dei tre milioni di albanesi appartenenti alla fascia estremamente povera è rappresentato proprio dal popolo rom.
“Il primo ministro albanese, Sali Berisha, dice che l'economia è cresciuta, ma noi non lo vediamo. Il nostro maggior problema è la disoccupazione”, afferma Istref Pellumbi.
Con l'aiuto della fondazione del magnate statunitense George Soros è stata creata a Tirana una sartoria dove imparano a cucire gratuitamente 150 donne rom per nove mesi all'anno.
"Chiediamo al ministero del Lavoro di impiegare questo gruppo di donne già esperte e di inserirle nella società", aggiunge Pellumbi.
La società rom albanese è preoccupata perché la strategia governativa formulata nel 2003, che mirava ad aiutare questa etnia e fornirle casa, lavoro e istruzione, è rimasta solo sulla carta.
Perciò, i rom albanesi oggi cercano di spingere il governo a intraprendere delle vere riforme contro la discriminazione, se il Paese vuole entrare a pieno titolo nell'Unione europea.

*Mimoza Dhima è corrispondente dell'EFE in Albania

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 31/05/2010 @ 09:52:34, in Italia, visitato 1887 volte)

Le tre "barachine" ritratte qua sotto da Lorenzo Mandelli non si differenziano da quelle dei tanti campi "irregolari", tranne che per un piccolo importante particolare.

Qual è?? ; - ) (se non lo scoprite da soli, domani la soluzione)

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di cicciosax (del 31/05/2010 @ 09:48:33, in casa, visitato 1920 volte)

venerdì 28 maggio 2010

Per la seconda volta nel giro di un mese, a Palermo una coppia di rom, con sei figli, prima nella graduatoria per l'emergenza abitativa, non è riuscita a prendere possesso di un appartamento assegnato dal Comune sembra per l'opposizione di alcuni inquilini, contrari all'ingresso nel condominio della famiglia che al momento abita in un camper nel campo nomadi della Favorita. La coppia di kosovari, che ha ottenuto asilo politico e vive in città da 18 anni, ieri si è presentata agli uffici del comune per ricevere le chiavi dell'appartamento, situato in un palazzo in corso Calatafimi. Ma il settore patrimonio del Comune ha rinviato la consegna dell'abitazione senza fornire al momento una data né una spiegazione. Secondo indiscrezioni, però, anche in questo condominio alcune persone si sarebbero lamentate per l'arrivo della nuova famiglia. Il primo episodio si era verificato a fine aprile. La famiglia aveva ottenuto un appartamento di 180 metri quadrati confiscato alla mafia in via Bonanno, nella zona di via Libertà, in pieno centro città, ma la protesta di alcuni condomini scesi in strada con lo striscione ‘Palermo ai palermitani', aveva indotto il comune a trovare un'altra sistemazione. "E' grave – dicono il consigliere comunale del Pd, Davide Faraone e la capogruppo dei democratici alla IV Circoscrizione, Serena Potenza – il tentennamento del Comune su questa vicenda". I due esponenti Pd sottolineano che si tratta di una "famiglia integrata: l'uomo fa lo stagionale in agricoltura, la donna lavora come badante mentre i figli frequentano la scuola". "Chiediamo l'immediata assegnazione dell'appartamento – aggiungono – e le scuse del sindaco Diego Cammarata per il ritardo della consegna".

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 31/05/2010 @ 09:26:18, in Italia, visitato 1579 volte)

Segnalazione di Maria Grazia Dicati

 (il link per chi legge da Facebook) Servizio apparso il 13 Maggio sul TG3

Ne avevamo parlato QUI. Altre notizie su Rubattino

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 30/05/2010 @ 09:10:47, in media, visitato 1959 volte)

Segnalazione di Maria Gabriella De Luca

Terre di Confine e FareReteCatanzaro presentano

6 GIUGNO -ore 21.30
c/o IL CAFFE' DELLE ARTI Centro Polivalente per i Giovani - via Fontana Vecchia - Catanzaro
Breve viaggio nella storia e nella cultura Rom

Proiezione del video
"Seppellitemi in piedi"
La voce del popolo Rom

"Nessuno libera nessuno, nessuno si libera da solo, gli uomini si liberano insieme" (Paulo Freire)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


12/11/2019 @ 15:22:17
script eseguito in 159 ms

 

Immagine
 6 maggio: Djurdjevdan - Herdelezi - la festa di san Giorgio... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 4179 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< novembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
 
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
08/11/2019 @ 09:18:43
Di FRANCESCA
Assistenza finanziaria in 24 ore (assistance.finan...
05/11/2019 @ 19:07:35
Di damien
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source