Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Da maggio 2005 circa 6.000 post

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 13/02/2008 @ 09:02:26, in Italia, visitato 1103 volte)

Ricevo da Roberto Malini

da www.annesdoor.com

Gloria, un'utente di Anne's Door è sorpresa da quanti reati siano attribuiti ai Rrom e ci scrive: "Dopo il caso Mailat, i bambini di Milano torturati e costretti a mendicare, ecco la rivelazione (di Roberta Angelilli, Alleanza Nazionale n.d.r.) secondo cui in Italia ben 50 mila bambini Rrom sarebbero schiavi di un racket composto da nomadi; ecco la vicenda dei Sinti che truffano gli anziani e chesi rivelano proprietari di ville e montagne d'oro (l'ho visto in un servizio televisivo)! Ecco la notizia, diffusa dai media, dei Rrom del campo Casilino 900, a Roma, che hanno commesso un'infinità di reati e che le autorità romane hanno presentato come una banda organizzata, contro cui hanno mobilitato un esercito composto da più di cento carabinieri, pattuglie in uniforme, militari a cavallo e unità cinofile. Siamo di fronte a un popolo di criminali, geneticamente portati a commettere reati e azioni orribili o viviamo in un Paese impazzito?"

Risponde Roberto Malini. Hai colto nel segno del problema e hai messo in rilievo il castello di pregiudizi su sui si basa una persecuzione efferata, che si giustifica agli occhi dell'opinione pubblica come "operazione di sicurezza" e non "purga razziale". Cara Gloria, i nomadi che rapiscono bambini e li costringono con torture, segregazione e minacce a rubare o prostituirsi; i Sinti che si arricchiscono truffando gli anziani e posseggono ville e macchinoni; il "linguaggio segreto" degli zingari scritto con il gesso davanti alle abitazioni a scopo di rapina sono i soliti luoghi comuni usati dalla propaganda razzista. Il partito nazista e la stampa di regime presentarono i Rrom proprio come un popolo geneticamente degenerato e caratterizzato da un'indole immorale: ladri, truffatori, schiavisti, padri e madri indegni, assassini senza scrupoli. La realtà, Storia e Memoria ce lo insegnano, è ben diversa e i veri criminali non furono i Rrom, ma i tedeschi e i loro complici. Criminali spietati, capaci di azioni indescrivibili e omicidi orrendi contro uomini, donne e bambini innocenti. Tieni presente, però, che quando i nazisti erano al potere e i media lavoravano per presentare in modo umano la loro immagine, il popolo tedesco la pensava come gli italiani di oggi e identificava negli zingari e nelle altre minoranze che furono soggette a persecuzione la sorgente del male. Nessuno avrebbe detto che Hitler, Goebbels, Eichmann o Himmler fossero mostri. I nemici della sicurezza erano considerati, anche allora, i mendicanti, i poveri, le famiglie Rrom dalle pelli scure e le usanze così diverse da quelle europee. Ma torniamo al presente: Rrom e Sinti, purtroppo, sono poverissimi e non posseggono ville né oro o diamanti; amano i loro bambini ("tanti bambini, tanta gioia", è il loro motto) e non rapiscono quelli degli altri; hanno un livello di moralità elevatissimo e condannano la violenza come il più grave dei mali; sono religiosi e considerano la carità e la solidarietà come i massimi valori umani e sociali. Non ho visto il servizio televisivo a
cui ti riferisci, ma ne ho lette e sentite tante, da molti anni. Se vuoi combattere il pregiudizio devi tener sempre presente che i razzisti seguono una strategia mediatica precisa, che è quella di giustificare la repressione presentandola come un'azione necessaria per tutelare o ripristinare la "legalità". Quello che gli uomini e i gruppi che si occupano di Diritti Umani combattono è un atteggiamento persecutorio, che ha portato i Rrom in condizioni tragiche di povertà. E' ovvio che le autorità giustificano sgomberi ed espulsioni adducendo ai Rrom reati di ogni genere, ma quello che le Nazioni Unite e l'Unione Europea chiedono - finalmente - ai Paesi civili è l'attuazione di politiche volte a integrare i Rrom e a combattere la povertà che li annienta, attraverso un sostegno pianificato (che l'Ue agevola con ingenti fondi, cui l'Italia ha scelto di non accedere proprio per non favorire l'integrazione) e comprendente alloggi, aiuti economici, assistenza sanitaria, strutture per l'igiene, progetti di collocamento professionale, inserimento scolastico, tutela dell'identità etnica di un popolo, attivazione di programmi mirati a far conoscere la Storia, la cultura e la condizione dei Rrom ecc. In tutti i casi cui ti riferisci, eccettuato quello di Mailat, che non è un Rrom, ma un romeno di etnia Bunjas (anche quello, comunque, è un evento giudiziario tutt'altro che chiaro), le autorità contestano reati diversi ai Rrom e i media presentano le loro comunità come bande malavitose. Il caso recentissimo del campo Casilino 900 è emblematico della persecuzione in atto. Le forze dell'ordine sono entrate in un luogo di emarginazione simile a un campo di concentramento, dove sopravvivono nelle più spaventose condizioni di indigenza cento uomini, cento donne e duecentocinquanta bambini. La violazione commessa nei loro confronti è stata totale: anziché ricevere aiuti e supporto (come prevedono le leggi internazionali a tutela delle minoranze etniche e le convenzioni internazionali per i Diritti Umani), sono stati perquisiti, espulsi quando possibile, denunciati per reati assurdi, come la "violazione del diritto d'autore", terrorizzati e umiliati sia individualmente che come popolo. Quando abbiamo dubbi sulla persecuzione, Gloria, perché i media ci presentano i "buoni" e i "cattivi" secondo una logica di regime, dobbiamo entrare in un campo Rrom e tutto diventa chiaro: troveremo povertà, fame, malattie, morte, dolore, abbandono, emarginazione. E nessuno che si prodighi per combattere i veri nemici della società, che sono il razzismo, la crudeltà, l'abuso, la calunnia, la miseria. Entriamo in un campo Rrom, finché è possibile, perché i pogrom hanno decimato persino quei luoghi disperati di sopravvivenza e, al di là delle odiose bugie della propaganda, sarà facile rispondere alla tua domanda: chi sono i criminali, gli zingari o i loro persecutori?

info@everyonegroup.com
www.everyonegroup.com
www.annesdoor.com

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/02/2008 @ 18:35:30, in Europa, visitato 1682 volte)

Ricevo da Dijana Pavlovic

Oggetto: urgente

replay to viktoria.mohacsi@europarl.europa.eu

Viktória Mohácsi MEP-ALDE e le seguenti organizzazioni non governative elencate in calce, si sentono insultate dall´affermazione di Silvio Berlusconi e richiedono perentorie scuse da parte sua. Silvio Berlusconi, durante un´intervista telefonica riguardante il suo programma elettorale per i primi 100 giorni di governo, ha dichiarato: "Tolleranza zero per Rom, clandestini e criminali".
Stiamo provvedendo ad includere una lista di organizzazioni rom e non rom che appoggiano l´iniziativa. Abbiamo ancora 40 minuti prima della scadenza dei termini per la consegna della richiesta. Nel caso vogliate essere aggiunti per favore includete alla risposta il nome della Vostra organizzazione, il paese ed il contatto. Ringraziando anticipatamente.Elisabetta Vivaldi

Mohácsi Viktória - MEP
European Roma and Travellers Forum, Roma Education Fund, Open Society Institute, Movement for Desegregation Foundation - Hungary, Chance for Children Foundation - Hungary, Jászság Roma Civil Rights Association - Hungary, Roma Civil Rights Foundation - Hungary, Phralipe Association - Hungary, European Roma Youth Association - Hungary, Hunagrian Roma Forum - Hungary, Romedia Foundation - Hungary, Regional Roma Association Dombóvár - Hungary, National Associaton of Romologists - Hungary, Network for Integration Foundation – Hungary, U.N.I.R.S.I – Italy, Them Romano - ONLUS Association – Italy, Romano Drom - Onlus Association, Milano - Italy, Amalipe Romano Associaton - Italy, Rasim Sejdic Association - Italy, Opera Nomadi Association Milano – Italy, Opera Nomadi Association Mantova – Italy, Opera Nomadi Association Napoli – Italy, Opera Nomadi Nazionale Ente Morale – Italy, Romani Criss - Romania, Parudimos Associaiton- Romania, Assosiation of Romani Women for the Children - Romania, Amare Romenta Association - Romania, Romanian Civic Roma Alliance - Romania, Association for Roma Initiative Development - Romania, European Roma Information Office - Belgium, Center for Interethnic Dialogue and Tolerance "Amalipe" - Bulgaria, Integro Association - Bulgaria, Federation nationale des associations solidaires d'action avec les Tsiganes et Gens du voyage – France, Youth Association Perpetuum – Macedonia, Youth Association ‘Luludi’ – Skopje Macedonia, Romani Kultur Yardimlasma ve Dayanisma Dernegi – Aydin, Turkey, Kirklareli Roman Kulturunu Koruma, Kalkindirma ve Dayanisma Dernegi – Turkey, Luleburgaz Bati Trakya Romanlari Kultur, Yardimlasma ve Dayanisma Dernegi – Turkey, Alliance Unit of Roma – Chisinau Moldova, Rubin Romany Organisation – Durleshti Moldova, National Roma Centrum – Kumanovo Macedonia, Roma SOS Association - Prilep Macedonia, Prijatelska Raka Association –Skopje Macedonia, Jekipe Association – Veles Macedonia, Darhija Association – Skopje Macedonia, Anglunipe Association – Tetovo Macedonia, Pralipe Association - Kr.Palanka Macedonia, Sucar Drom Association - Italy, Nevo Drom Association - Italy, RomSinti@Politica Association - Italy, Institute of Sinta Culture – Italy, OsservAzione Association - Italy, U Gipen Association – Brescia Italy, Nevo Mero Association – Rimini Italy, Sucar Drom VI Association – Vicenza Italy, Nevo Drom TN Association – Trento Italy...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Ricevo da Maria Grazia Dicati

Conoscere le comunità rom, avvicinarsi alla loro cultura, prendere in considerazione e studiare i modelli abitativi.

Questo è quello che si propone il seminario internazionale itinerante promosso dal dipartimento di studi urbani di Roma Tre e da Stalker osservatorio nomade.

Il progetto Plans & Slums, intende affrontare la questione dei Rom in Europa, le loro culture abitative e i modelli insediativi loro proposti in Italia.

«Il progetto è nato da una rete interdisciplinare di esperti ed artisti che lavorano sui territori in trasformazione», spiega Francesco Careri docente di Progettazione architettonica a Roma Tre.

Da oggi a lunedì 18 febbraio studenti, ricercatori e docenti di Architettura italiane e stranieri con 9 camper visiteranno alcuni campi di Roma, per fare attività di studio. Quattro gli aspetti principali della ricerca:

i legami affettivi e giuridici che collegano i rom al loro paese, una mappatura delle relazioni che i nomadi sono riusciti a costruire con la città, una mappatura degli insediamenti e dei dispositivi che controllano il campo, una rilevazione delle case o dei container nei quali vivono con le trasformazioni che sono state da loro stessi apportate.

«Noi riteniamo importante analizzare le alternative che i Rom sono riusciti a realizzare autonomamente - dice Careri - Molti di loro vorrebbero continuare a vivere in famiglie allargate, come accadeva in Italia 50 anni fa e riescono a costruire con i loro mezzi anche abitazioni di 100 mq». La tappa romana del seminario si concluderà lunedì18 febbraio con le “buone Pratiche” di altre città come Firenze, Pisa e Bolzano dove le micro aree sono state realizzate.

La presentazione sarà a cura della Fondazione Michelucci.

Una mostra con i risultati del progetto Plans & Slums sarà esposta a Milano il 15 maggio in occasione de La Triennale di Milano.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/02/2008 @ 08:40:20, in conflitti, visitato 1786 volte)

Da Romano Them

12 Febbraio 2008 - Secondo la stampa, il Montenegro starebbe aspettando una nuova ondata di rifugiati se il Kosovo dichiarasse l'indipendenza. Riportando il Commissario Montenegrino per i Rifugiati, Zeljko Sofranac, i giornali dicono che il Montenegro dovrebbe, in questa situazione, reagire come uno stato moderno applicando i trattati e le convenzioni internazionali.

Riferendosi alla situazione del 1999, quando il Montenegro accettò di ospitare un gran numero di rifugiati come parte di un piano internazionale per il contenimento regionale della crisi dei rifugiati, il Commissario ha affermato che il suo paese non sarebbe pronto ad accettare nel lungo periodo rifugiati da altri paesi.

Ad otto anni dalla fine della guerra, il Montenegro conta ancora circa 16.000 profughi dal Kosovo, molti dei quali Rom. Diventando rifugiati dopo l'indipendenza montenegrina dalla Serbia, fronteggiano espresse discriminazioni e devono accettare terribili condizioni di vita nei campi rifugiati o in ripari privati.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 15/02/2008 @ 18:09:03, in casa, visitato 1958 volte)

Ricevo da Marco Brazzoduro

Giovedi 14 una comunità di rom romeni, da oltre un anno stanziata in una baraccopoli ripetutamente minacciata di sgombero, ha occupato, sostenuta da associazioni gagè e da volontari di varia estrazione, uno spazio abbandonato nelle adiacenze della stazione Tiburtina. E' la prima volta che i rom a Roma promuovono un'iniziativa di lotta per il riconoscimento di un diritto fondamentale ripetutamente calpestato.
Questa sera alle 21, in via delle Cave di Pietralata, altezza civico 81, si svolgerà una assemblea cittadina di sostegno e domani mattina sabato 16 alle 11.30 si terrà una conferenza stampa.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/02/2008 @ 09:32:27, in blog, visitato 1407 volte)

Scrive Gennaro Carotenuto...

Un miliardario milanese residente in Svizzera non è un immigrato albanese. E così scopriamo l’acqua calda che la giustizia non è uguale per tutti. Marco Ahmetovic, il cittadino albanese che uccise quattro ragazzi nell’ascolano fu giustamente arrestato. Per i quattro morti o perché albanese? Preferisco pensare per i quattro morti anche se il pogrom che ne bruciò il campo nomadi fa pensare ad altro.

Al contrario l’uomo che ieri a Milano ha assassinato una signora di 52 anni (un’altra ha perso una gamba e 26 ne ha mandati in ospedale), a bordo di un Porche Cayenne, non è stato arrestato. Ovviamente la mia è bieca demagogia…

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 16/02/2008 @ 09:36:34, in Kumpanija, visitato 1889 volte)

Da Mundo_Gitano

[...] Dalila Gómez, ex candidata al Senato per il Polo Democrático Alternativo (PDA) è una giovane e bella gitana colombiana che, come succede con le minoranze più antiche, proietta la sua azione politica cercando migliori destini per il suo popolo, visibilità e riconoscimento con equità in un paese che perorala politica del dialogo per ottenere la pace.

Quali obiettivi animano la sua presenza nel Polo Democrático Alternativo?

Il popolo intende essere interculturale in una società maggioritaria a volte ostile ed escludente e cerca di vivere questa interculturalità vivendo questi aspetti positivi delle altre culture per rafforzare la sua propria.

Dentro questa interazione c'è il vincolo al Polo Democrático Alternativo, precisamente per le coincidenze che ha il mio popolo nella sua essenza con l'Ideario de Unidad del Polo. Importante è ciò che vediamo su come dev'essere la vita di comunità, con principi, con valori, con la difesa della vita stessa, della diversità, con principi. Questo è quel che vediamo nel PDA.

Pensiamo che tramite il Polo possiamo sottolineare un primo elemento fondamentale che è la visibilità del popolo gitano. In secondo luogo dimostrare alla gente chi siamo realmente, perché a volte come siamo, impregnati di un'essenza anarchica, ci contestano l'essere vincolati ad un partito politico. Dobbiamo quindi affermarlo, facciamo così, primo perché è un partito progressista, secondo, perché avere una condizione etnica non ci preclude al diritto della partecipazione politica, dove possiamo decidere senza che altri lo facciano per noi.

Istruzione pertinente e di qualità

Quali iniziative porterete per combattere la discriminazione e per ottenere visibilità e partecipazione come popolo?

Noi registriamo la discriminazione verso il nostro popolo in Colombia nel disegno delle politiche pubbliche, perché queste sono generalmente per tutti, è molto differente disegnare una politica pubblica per un gruppo etnico che per la società maggioritaria. La società gagia, maggioritaria, ha molte opportunità senza rinunciare al proprio patrimonio culturale, come succede nel nostro caso. Uno degli elementi omogeneizzanti è precisamente quello dell'istruzione.

Lo Stato è il primo discriminatore del popolo gitano, perché non esiste un referente dal punto di vista educativo per verificare se stiamo ricevendo un'istruzione di qualità. Necessitiamo di referenti dal punto di vista gitano. Predomina in Colombia un sistema d'istruzione dove non esistiamo nella storia. Ci sono una serie di elementi che si scontrano con l'essenza gitana come le gerarchie ed i tempi. Noi misuriamo l'autorità da altri punti, misuriamo altri tempi, l'organizzazione è praticamente piana. Nel popolo Rom tutti comandano a casa loro. Tutti sono patriarchi e le decisioni si prendono attraverso un'istanza collettiva.

Soluzione politica con molto dialogo

Dal punto di vista gitano, che soluzioni vedete al conflitto colombiano?

La pace, e le soluzioni che si possono dare a questo conflitto sembrano come se avessero un nome proprio, come se avessero un padrone. Se noi siamo in un paese come la Colombia, dobbiamo cercare uscite e cercare la pace tanto anelata, perché la parola pace si è deteriorata nei tempi e limiti che le competano, così che questa situazione si veda riflessa in molteplici aspetti che incidono contro, da quello politico, all'economico, al sociale. Consideriamo che come gruppo etnico e anche con gli indigeni e gli afrocolombiani, possiamo proporre importanti alternative per risolvere il conflitto ed ottenere la riconciliazione dei colombiani.

Un passo importante è il ritorno a valori come la vita, la collettività, la sensibilità sociale. Non siamo isole, e questo implica lo scollamento del materiale. Il conflitto consiste nel controllo del territorio, lì dove ci sono ricchezze e diversità. Occorre trovare una soluzione politica attraverso molto dialogo: riscattare il valore della parola.

Noi siamo un popolo di tradizione orale e mai abbiamo avuto bisogno di firmare documenti o altre cose simili per stabilire una coerenza tra quanto si pensa, si dice e si fa. Molte volte si pensa una cosa, se ne dice un'altra e se ne fa un'altra distinta, questo produce uno choc. La soluzione al conflitto passa per la negoziazione e come sempre occorre equilibrare gli interessi delle parti per raggiungere la soluzione.

La proposta Rom al Polo Democrático Alternativo

Si è pensato a materializzare l'iniziativa Rom in un progetto di legge?

Abbiamo una proposta presentata al Comitato Esecutivo Nazionale dal Polo Democrático Alternativo, dalla sa branca parlamentare, che si riassume in un progetto di legge simile alla Ley Gitana, qualcosa che si avvicina alla Legge 70 del 1993 per le comunità indigene. Vogliamo sviluppare l'articolo sette della Costituzione, dove recita che questo è un paese plurietnico e culturale, dove fare azioni informative per quanti siano stati discriminati attraverso la storia.

State organizzando la celebrazione del Giorno Internazionale del Gitano, cosa perseguite con questo evento?

Vogliamo pubblicare un libro, se l'Istituto della Cultura e Turismo ci dirà sì, e così l'8 aprile, Giorno Internazionale del Gitano, potremo lanciare la pubblicazione che sarà presentata dagli autori. Con la celebrazione del Giorno Internazionale del Gitano cerchiamo soprattutto la visibilità, farci sentire. E' un atto politico e culturale, nel quale con i fatti facciamo sentire che viviamo in questo paese, che siamo anche colombiani e che è importante lottare per compensare questo debito storico che si ha con la nostra comunità, in particolare con Bogotà, una delle nostre città preferite che amiamo molto e perché siamo contenti qui, e partendo dal nostro processo ci siamo dati molti strumenti a livello nazionale ed internazionale.

Por: Álvaro Angarita - Periodista y sociólogo

Tomado de: http://colombia. indymedia. org/news/ 2008/01/78661. php
Corporación para el Análisis, la Investigación, la Educación para la Paz y la Resolución de Conflictos CREARC
"Juntos construyendo la paz"
Honro el lugar donde dentro de ti, reside todo el Universo.
Honro el lugar dentro de ti donde, si tú estás en ese lugar dentro de ti y yo estoy en ese lugar dentro de mí, somos sólo uno.
Namaste
Telefax: (571)2831013 - 2830203
E-mail: crearc@gmail.com 
http://nuestronombre.es/crearc
http://crearc.blogspot.com
Bogotá - Colombia - Suramérica

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 17/02/2008 @ 09:10:12, in blog, visitato 1130 volte)

Porrajmos, ti ricorda qualcosa?
L’associazione Amalpé Romanò ha pubblicato nel proprio spazio web l’intervento di Roberto Ermanni (Arci Toscana), tenuto durante l’evento "Cancellati due e più volte, la persecuzione infinita dei Rom. Porrajmos passati e presenti" che si è svolto il 25 gennaio 2008 a Capannori (LU) nell'ambito dell'iniziativa "...

Berlusconi, tolleranza zero con i Rom
"In Italia oggi c'è più paura, più povertà, più insicurezza. Proprio ora ho varato il primo messaggio di promozione sui muri d'Italia, solo per quaranta giorni perchè poi la par condicio ci impedirà di a...

Rom e Sinti, l'UNICEF precisa la propria posizione
La dottoressa Laura Baldassarre dell’Unicef Italia, Area diritti dell'infanzia, ha inviato la seguente nota a sucardrom, dopo la pubblicazione del nostro intervento "L'Unicef pensa che i bambini sinti e rom siano disabili?...

Le strade dell’alcol in Italia
È risultato positivo al test dell’alcol il 32enne che guidava l’auto coinvolta nell’incidente avvenuto nel dicembre scorso in provincia di Bergamo in cui hanno perso la vita padre, madre e una bimba di dieci anni che viaggiavano su una Fiat Punto. Si era messo al volante del su...

Il Kosovo e i simboli nazionali
L'agenzia russa Ria Novosti informava alcuni giorni or sono che, secondo la televisione kosovara “le varianti della bandiera e lo stemma” del Kosovo indipendente erano ormai pronte...

Milano, la Provincia sostiene il progetto "Vivere in Romania"
Con l’obiettivo di migliorare le condizioni di vita degli adolescenti disagiati in Romania e favorire l’inserimento di rom e romeni nella vita sociale, economica e culturale locale, la Provincia di Milano ha deci...

Madonna ti invitiamo...
Madonna è a Berlino per presentare il suo primo lavoro da regista e afferma: «se il mio sogno è di diventare regista sul serio? Well — risponde Madonna — mi hanno invitato al festival come regista. Non ho bisogno di sognare: sta accadend...

Anno Europeo del Dialogo Interculturale
In una società in rapida evoluzione, in un mondo sempre più interconnesso, anche le varie culture e tradizioni si mescolano dando un'accelerazione al processo...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/02/2008 @ 09:39:17, in musica e parole, visitato 2263 volte)

Da www.romaworld. ro

Damian Draghici è nato in una famiglia Rom di musicisti da cinque generazioni. Lasciò la Romania prima dell'89, e la sua carriera musicale conta due decadi. Una laurea cum laude al prestigioso Berklee Music College negli Stati Uniti, ha suonato, negli anni, con grandi musicisti mondiali come pure alla London Symphonic Orchestra. Ha vinto il Grammy award e rilasciato 17 albums. Tornato in Romania, ha fondato la band "Damian & Brothers. Filarmonika Romanes", applaudita dal pubblico in Italia, Irlanda, Gran Bretagna, Belgio e Austria, nel quadro di un progetto del Ministero degli Esteri dedicato alla diversità culturale. Ambasciatore dei pari diritti, Damian Draghici tenta di capire le ragioni dell'ondata di razzismo che ha preso di bersaglio il popolo Rom, ma anche quello che ognuno di noi può fare per accettare la diversità.

[img]

"Molta gente ama la cultura Rom, ma non ama i Rom"

European Rom: Cosa intendi raggiungere, come ambasciatore per i pari diritti?

Damian Draghici: Faccio quello che ho sempre fatto, cioè tentare di cambiare la percezione della gente attraverso la musica. Ma penso che non sia sufficiente, perché c'è un paradosso. Ho capito che la gente ama molto la cultura Rom. Ci sono due soap opere rumene, centrate sui Rom, che hanno un pubblico molto vasto. La musica zingara è molto popolare. Ma come può succedere, che anche se molta gente ama questa cultura, disprezzano i Rom? Questo non lo capisco. Molta gente nel nostro paese, inclusi i politici, non vogliono riconoscere i Rom, vederli come uguali e, prima di tutto, come Rumeni. Non c'è un passaporto che riporta "zingaro/Rom", ma Rumeno. Di conseguenza, dovunque, nella Commissione Europea, nel Parlamento, nella Corte Europea dei Diritti Umani, saranno rappresentati o difesi come Rumeni. Non sono rappresentati come una categoria separata. Così come si può essere orgogliosi di essere musicisti Rom in Romania - come Fanica Luca, Grigoras Dinicu, Ion Voicu e molti, molti altri, così devono ammettere di essere pari cittadini di Romania.

European Rom: Come spiegheresti la situazione degli ultimi giorni, sia in Italia che in Romania, dove i Rom sembrano essere gli unici da colpevolizzare?

Damian Draghici: Io penso che il razzismo non dovrebbe esistere. Se un individuo commette un reato, questo non ha niente a che fare con l'etnia. Stereotipiamo quando incolpiamo di un atto sull'etnia o la classe sociale della rispettiva persona. E' un chiaro atto di discriminazione che non ha senso nel 2007, in un'Europa di cui adesso d'altronde siamo parte. Questo modo di pensare non aveva senso cinquant'anni fa, figuriamoci ora.

European Rom: Perché il primo impulso è di dare la colpa all'etnia?

Damian Draghici: E' perché la gente usa molto gli stereotipi. Si può passare facilmente dalla discriminazione all'odio razziale, sono lo stesso tipo di attitudine. Si può educare qualcuno quando la conoscenza storica è interessata, puoi insegnare qualcosa di nuovo. Ma per cambiare il sentimento, bisogna comprendere che siamo tutti gli stessi. I rom non sono differenti dagli altri. Siamo tutti gli stessi. Negli Stati Uniti, la gente è istruita a rispettare il prossimo, sono istruiti alle differenze, ed a mostrare simpatia verso le altre persone. Perché è solo l'istruzione che guida alla comprensione tra i popoli. Io non enso che la situazione nel nostro paese potrà cambiare facilmente. Non penso che un anno sarà sufficiente a risolvere questo problema. Si tratta di educare una nazione intera.

European Rom: Cosa pensi di dovrebbe fare per fermare il razzismo?

Damian Draghici: L'unica cosa che possiamo fare, secondo me, è promuovere i valori culturali e determinare la gente a a vedere che gli altri sono, infatti, come loro. E far sì che la gente capisca i propri problemi reali.

European Rom: Tu quale ruolo, come persona istruita, dovresti prendere? La cultura può superare le barriere della discriminazione?

Damian Draghici: Sto cercando di fare quel che posso. Ciò che sto facendo attraverso la mia attività professionale, come ambasciatore per i pari diritti e come uomo, un essere umano,è far comprendere gli altri che anche noi siamo esseri umani, come loro, ed abbiamo gli stessi problemi del resto dei Rumeni. E che siamo soltanto un popolo che vive assieme, vive accanto. Spero che così io, ma anche altri Rom, saremo in grado di cambiare la percezione negativa dei Rom e fare che la gente ci accetti.

European Rom: Quanto ci vorrà?

Damian Draghici: Non posso saperlo. Se tutto va come spero e se riuscirò a girare un film sulla cultura Rom, spero che questo avrà un significativo effetto internazionalmente, e penso che cambierà qualcosa della percezione negativa.

Scritto da Ana Dinescu - 03 febbraio 2008

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 18/02/2008 @ 18:27:54, in casa, visitato 1663 volte)

 Ricevo da Marco Brazzoduro

La notte tra giovedì 14 e venerdì 15 febbraio, una comunità di circa 40 rom romeni, che da oltre un anno viveva in una baraccopoli in via Casal Quinitiliani a Roma, sotto un’incessante minaccia di sgombero, ha occupato, nel V Municipio, uno spazio abbandonato di proprietà del Comune. La comunità, composta da molte donne e bambini, già dal mattino successivo, si è adoperata in lavori di pulizia e organizzazione degli spazi che, oltre a rendere vivibile un’area abbandonata e decadente, ha apportato una reale opera di riqualificazione del territorio.
POPICA ONLUS esprime la totale solidarietà a questa comunità che, con questa azione, la prima a Roma di questo genere messa in atto da parte di rom, ha voluto riaffermare il proprio diritto alla casa e all’esistenza.

POPICA ONLUS

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/01/2020 @ 21:27:03
script eseguito in 156 ms

 

Immagine
 c'era una volta... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 270 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:28:29
Di MR PENDELIS
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:27:21
Di Mr Pendelis
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source