Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Gli Zingari fanno ancora paura?

La redazione
-

Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 14/06/2011 @ 09:20:15, in lavoro, visitato 1672 volte)

Da Sintiitaliani.blogspot.com

Alberto Canterini, giostraio di Passo Corese (Foto: Cat. Fa.) TevereNotizie.it

Una piccola e semplice realtà, nella complessità di un paese in via di sviluppo

PASSO CORESE- "La più bella vita del mondo!" così esordisce Alberto Canterini, giostraio, che vive a Passo Corese da ormai cinque anni. Alberto è uno di quelli che generalmente chiamiamo "zingari", ma che in realtà è nato a Rieti 46 anni fa ed è di origine marchigiana. La sua vita può davvero dirsi un po' "zingara", perché in lui la componete nomade è presente e forte. "Esiste una differenza tra quelli che in genere si definiscono zingari - spiega Canterini - ci sono i rom che di norma si occupano di raccogliere ferro e lavorano il rame e poi ci siamo noi, i sinti, quelli che fanno i mestieri, quelli che voi considerate esercenti dello spettacolo viaggiante, giostrai". E da questo momento si apre un mondo nuovo, un racconto di libertà ed emarginazione. Una storia di vita, come tante altre, ma allo stesso tempo estremamente diversa.

LA SUA STORIA. Alberto Canterini, il cui vero cognome dovrebbe essere Cantarini, è figlio e nipote di giostrai. Vive fisso a Passo Corese da qualche anno, per amore dei suoi tre figli che così possono frequentare le scuole. Ma la sua vita è stata per lungo tempo la vita nomade di coloro che portano divertimento alle feste del patrono o nelle più diverse occasioni nei paesi. Con la sua famiglia montano e smontano le loro autoscontro e i trenini, vivono di questo. Per lo meno fino a poco tempo fa. La crisi ha toccato anche loro. Alberto si confida e dice "Io, che sono nato libero, che ho vissuto dove il vento mi diceva di andare, mi sono ritrovato a dover chiedere lavoro sotto padrone. Adesso faccio il muratore. Non c'è più posto per noi con le nostre piccole giostre, adesso ci sono i grandi parchi di divertimento. Stanno uccidendo la nostra tradizione". Vivere alla giornata, come faceva prima di avere una famiglia a cui pensare, non è più possibile. Anche il suo lavoro da giostraio è sempre più complesso. Le piazze, un tempo luogo principale d'incontro non solamente durante le occasioni festive, non ci sono più, sono state trasformate in parcheggi. Non c'è più posto per loro, anche se la giostra è la festa, un punto di ritrovo soprattutto per i giovani.

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI. La vita dei nomadi non è facile, che essi siano rom o sinti. Questo lo sappiamo; hanno la loro cultura particolare e spesso sono protagonisti di spiacevoli episodi. Alberto lo riconosce, ma sottolinea anche che "le mele marce sono dovunque. Noi ci troviamo bene, io ho tanti amici qui, ma anche in tutta la Sabina, dal momento in cui ho passato la mia vita a girare per tutti i vari paesi qui intorno. Mi conoscono, sanno che di me si possono fidare". Ma ovviamente il pregiudizio accompagna da sempre la loro presenza. A volte basta il fatto di vederli girare con la roulotte per far nascere il pensiero che vivano in un ambiente sporco e promiscuo. Ma non è così. Perlomeno in questo caso. Alberto spiega, infatti, come lui e la sua famiglia vivano in una roulotte, ma che ognuno ha la sua camera con la porta e mantiene la propria privacy. "Io ho anche una casa a Monterotondo, è di mia madre - racconta Canterini - ma io sono nato in una roulotte. Questa è casa mia, l'unica che mi dà la libertà di muovermi come e quando voglio."

L'UOMO. Alberto è un uomo segnato dalla vita intensa che ha condotto fino ad ora, ma ha gli occhi vivi di un bambino. Sorride, ha le mani nervose. "Io vorrei che i miei figli potessero scegliere la loro strada senza nessun ostacolo - dice - non voglio che facciano i giostrai. Probabilmente noi siamo destinati a sparire. Se non fosse per loro, non venderei mai la mia libertà alle regole della società. Ma ho scelto l'amore per la mia famiglia e sto pagando con l'omologazione ad un mondo che non mi appartiene".

di Caterina Fava

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/06/2011 @ 09:18:38, in musica e parole, visitato 971 volte)

giovedì 16 giugno alle ore 21.00
ARCI BELLEZZA Via Giovanni Bellezza, 16 - 20136 Milano

VI ASPETTIAMO PER BALLARE PAZZAMENTE E FESTEGGIARE L'USCITA DEL NOSTRO NUOVO FRIZZANTE DISCO ''TUTTI FRUTTI''
ingresso gratuito con tessera Arci

2 comunicazioni di servizio: la prima riguarda l'orario, saremo (e siate!) puntualissimi, perché alle 23 la musica deve finire...
la seconda è che se piove salta tutto, ma tanto non pioverà : - )
impaziente di vedervi tutti quanti, a giovedì prossimo!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 13/06/2011 @ 09:10:31, in musica e parole, visitato 1074 volte)

Education 2.0 di Livio Sossi | del 24/05/2011 |

Non c'è il bosco incantato, non c'è il panierino con il buon cibo, non c'è la mantellina rossa, eppure... Il progetto culturale, pedagogico, didattico "Chi ha paura di Cappuccetto Rosso?" comprende anche un cortometraggio, un racconto fotografico, un laboratorio di giornalismo, ed è stato proposto in molte scuole, suscitando domande e riflessioni sulla realtà dei popoli Rom e Sinti.

Attualizzazioni in nuovi contesti storici e geografici, contaminazioni, parodie, rovesciamento dei ruoli, modifiche degli attributi, cambiamento dei punti di vista narrativi oggi costituiscono altrettante modalità letterarie di intervento sull'impianto delle fiabe di tradizione orale: modalità di intervento rese possibili dalla a-temporalità e dalla a-spazialità che contraddistinguono, come ha rilevato lo studioso svizzero Max Luthi questo genere letterario.

A questo filone letterario si ricollega anche questo "Chi ha paura di Cappuccetto Rosso?" di Eva Ciuk (vedi QUI precedenti ndr), fiaba attorno alla quale si sviluppa il progetto descritto dal libro della giornalista triestina di madrelingua slovena, alla sua prima pubblicazione per ragazzi.

Il tema è oggi di estrema attualità. Si dice, generalizzando, che i Rom rubano, che i Rom praticano furti e rapine. Espressioni e idee che derivano da stereotipi culturali e che possono originare atteggiamenti xenofobi. Il libro della Ciuk si propone di combattere questi stereotipi e ci vuole far conoscere la realtà della cultura Rom e Sinti per affermare una cultura del dialogo e dell'accoglienza.

Il percorso didattico proposto dal libro è originalissimo per l'impiego di diversi linguaggi: il cinema, il teatro, la musica, la scrittura, l'immagine animata. Diverse sono le operazioni letterarie e gli impliciti messaggi che Eva Ciuk ha voluto condurre e trasmettere ai lettori (bambini, ma anche adulti) in questo lavoro.

Il testo teatrale di uno spettacolo messo in scena da un ricreatorio (doposcuola), la simulazione di un notiziario, le fotografie scattate dei bambini Rom e Sinti, i commenti pubblicati come post sulla pagina internet di Trool fanno parte di un più ampio progetto culturale, artistico, pedagogico e didattico che parte dalla visione di un cortometraggio con inserti di cartoni animati, realizzato sempre dall'autrice, e che ha per obiettivo la conoscenza e l'integrazione del popoli Rom e Sinti.

Eva Ciuk utilizza lo stereotipo di Cappuccetto Rosso: lo stereotipo della bambina graziosa, capricciosa, un po' viziata e, contro l'omologazione del personaggio e della fiaba, lo mette a confronto con un altro Cappuccetto Rosso, quello che è stato realmente rappresentato dai bambini Rom nel campo sfollati di Plementine nel Kosovo, territorio sconvolto dalla recente guerra tra i Serbi e gli Albanesi, una guerra che ha coinvolto anche le comunità Rom e Ashkaelia.

Ecco allora che la Cappuccetto Rosso romanzesca indossa una tuta di ginnastica blu e una coroncina di fiori rossi di plastica. Ecco che la nonna non abita nella casetta al di là del bosco, ma all'interno dello stesso campo sfollati. Il bosco non c'è, portato via dalla guerra e dall'inquinamento. La fiaba perraultiana viene attualizzata e così diventa strumento di conoscenza e di lettura della realtà. "Le fiabe - scrive Italo Calvino - sono vere. Sono una spiegazione generale della vita".

Dal confronto stridente tra i due personaggi il lettore potrà ricavare molti spunti di riflessione. Potrà interrogarsi sulla diversità culturale, potrà chiedersi perché non si possa passeggiare nel bosco.

La scrittura, ce lo ricorda anche Francesco D'Adamo, non deve fornire delle risposte. Deve suscitare domande e interrogativi. Ma la Cappuccetto della fiaba, incontrando Cappuccetto Rom, venendo a contatto con un mondo, con una realtà che non conosceva, a poco a poco cambia le sue opinioni, modifica il suo pensiero in un processo di formazione e di crescita che le consente di superare l'egocentrismo e di conoscere e capire l'altro.

E il lupo? Qui il lupo è metafora dell'uomo che uccide. È metafora della guerra e delle tante paure che durante la guerra del Kosovo hanno sofferto i bambini Rom. Il finale è naturalmente aperto. Cappuccetto Rosso vorrebbe sistemare una volta per tutte il Lupo, ma non è così facile: il lupo è una bestiaccia molto furba!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/06/2011 @ 09:49:58, in musica e parole, visitato 1163 volte)

Il festival dei ragazzi che leggono, la manifestazione dedicata ai piccoli appassionati di libri e letture. I partecipanti avranno la possibilità di conoscere autori famosi e di scoprire nuove opere letterarie, il tutto contornato da spettacoli, animazioni e dibattiti.

Evento n. 28 - Ore 16.30, Cortile della Biblioteca Gambalunga in Via Alessandro Gambalunga, 27

PRENOTA EVENTO

IL VENTO SPETTINA IL MONDO
Incontro con Alberto Melis e Pino Petruzzelli presentati da Christian Mascheroni, scrittore e autore televisivo
Alberto Melis e Pino Petruzzelli hanno raccontato nei libri Il ricordo che non avevo e Non chiamarmi zingaro le loro esperienze sulla discriminazione sociale e culturale dei popoli Rom e Sinti. Il modo migliore per raccontare ai giovani che l'unico modo per arrivare a una convivenza civile è sviluppare la conoscenza reciproca per vincere luoghi comuni e pregiudizi. L'incontro è aperto dai ragazzi del progetto La merenda del lettore della Scuola Media Bertola di Rimini.
Evento sponsorizzato da Mondadori - Ingresso € 3 - Età consigliata da 13 anni

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 12/06/2011 @ 09:10:28, in Italia, visitato 1020 volte)

Le vicende di cronaca degli ultimi giorni (vedi QUI ndr) hanno riportato alla ribalta la "questione rom", come se la stessa dovesse diventare una priorità assoluta per la nuova Giunta milanese.

In realtà, il fatto accaduto due giorni fa (il grave incidente in cui ha perso la vita un automobilista milanese), non ha alcuna relazione diretta con la situazione sociale in cui versano le comunità rom e il tema dei campi nomadi, su cui si attorciglia in modo forsennato ogni tentativo di ragionamento.

Eppure, ancora una volta, non solo è stato il pretesto per dare il via all'ennesima campagna volgare e denigratoria contro la generalità degli zingari di Milano, dimenticandosi del dolore dei parenti della vittima dell'incidente stradale e di quelli dei giovani coinvolti, ma ha messo a nudo la povertà delle strategie politiche e culturali degli ultimi anni.

Cosa ci aspettiamo ma, soprattutto, sapremo fare di meglio per il futuro?

Avrà il coraggio e il buon senso, il nuovo Assessore, di ripartire da un riesame di quanto accaduto durante la Giunta Moratti e di chiedersi a cosa sono servite la costruzione delle attuali politiche pubbliche comunali ricercando una via diversa?

Di sicuro ripartiamo da un esito fallimentare su molti fronti: la politica degli sgomberi senza una prospettiva di miglioramento, il peggioramento delle condizioni sociali aggravate dall'imposizione di un patto di legalità e socialità inefficace quanto discriminatorio, la stesura di un regolamento per i campi comunali che andrebbe rapidamente archiviato e sostituito, la richiesta di un utilizzo proprio, e non improprio come è avvenuto finora in gran parte, dei finanziamenti previsti dal Piano Maroni per sostenere l'accesso alla casa e il sostegno al lavoro.

OPERA NOMADI sezione di Milano - il Vicepresidente Maurizio Pagani

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/06/2011 @ 09:02:04, in lavoro, visitato 946 volte)

clikka sull'immagine per vedere il video

Emblematico e tagliente il titolo titolo dello spettacolo di Toni Zingaro e i suoi musicisti, messo in scena presso l'Associazione di promozione sociale Fusolab.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 

Chi vuole e se la sente, legga quest'articolo su Livecity.it. Un pezzo talmente medioevale e ignorante, che non si saprebbe neanche dove iniziare a rispondere, se non invitando il povero autore a togliersi le fette di prosciutto dagli occhi, e guardare alla realtà... o magari, se la testata fosse onesta, dare la possibilità di replica ad un Rom.

La spiegazione di tanto astio, sta nell'ultimo pezzo di quell'articolo: all'autore non sembra vero di aver trovato un colpevole (i Rom, tanto per cambiare) per spiegarsi il risultato delle ultime elezioni comunali, un pezzo che non saprei se classificare colmo di comicità o disperazione.

Salverei una frase, proprio nell'ultima parte: "Proprio con delle scelte chiare e delle regole, su cosa sia bene e cosa sia male, si può arrivare al punto dove tutti sono fratelli..." aggiungendovi l'augurio che facevo ad inizio mese, che finalmente tutti i cittadini (che siano Rom oppure no) abbiano finalmente gli stessi diritti e doveri. E quindi che se un Rom commette un delitto, non siano tutti gli altri a doverne pagare le colpe.

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/06/2011 @ 09:48:11, in casa, visitato 1016 volte)

A due mesi dal blitz nell'Asi nessuno ha provveduto a risistemare la comunità che da 30 anni vive in quei luoghi. Giugliano, dopo lo sgombero 3 nuovi accampamenti su terreni privati. Le associazioni mettono sotto accusa il sindaco Pianese e la prefettura - di TIZIANA COZZI

Li hanno mandati via due mesi fa dall'area industriale Asi di Giugliano, con la promessa di sistemarli altrove. Con le ruspe hanno buttato giù le loro baracche vecchie di trent'anni ma i nomadi sono rimasti lì. Per sessanta giorni hanno dormito nelle automobili, nei furgoni. Sono circa 500, 466 per l'esattezza, hanno occupato terreni e campagne private, non si sono mossi di un millimetro dall'area dove hanno vissuto più di un trentennio: la loro casa, più provvisoria che mai, è intorno al centro commerciale Auchan di Giugliano, una porzione di terreno praticamente invasa dai senzatetto nomadi. Lì vivono i rom rimasti fuori dalle assegnazioni del piccolo campo nato nell'area industriale Asi. Una tribù di senzatetto, tra cui 275 minori (147 tra 0 e 5 anni, 128 dai sei ai 16 anni) costretti a sopravvivere in difficili condizioni. Nessun servizio igienico, immersi nel fango e nella sporcizia, vivono come vagabondi accampati in mezzo alle campagne, senza un minimo di tutela. Tre gli accampamenti di fortuna nati su aree private che adesso i proprietari legittimi reclamano. Due intorno all'area del centro commerciale, uno nei pressi della stazione ferroviaria.

Una situazione di emergenza più volte segnalata al Comune e al prefetto, che però stenta a trovare una via d'uscita. Venerdì è previsto l'incontro con il sindaco Giovanni Pianese e con il prefetto Andrea De Martino, alla presenza di una delegazione di nomadi e di padre Alex Zanotelli.
"È una situazione davvero grave - dice Alexander Valentino del comitato "Con i rom" - restano lì perché ci hanno vissuto trent'anni e non sanno dove andare. Ma ogni giorno le pattuglie di polizia li controllano, ripetono di continuo che devono andarsene. Come è possibile che non ci sia una soluzione?". Nemmeno un mese fa, un bimbo ha perso la vita in uno dei tre accampamenti: viveva nel furgone con i genitori. E ora, con il caldo la situazione può soltanto peggiorare.

La soluzione ci sarebbe: un territorio confiscato alla camorra a Quarto. "Lo abbiamo visto assieme all'Opera Nomadi e ad una delegazione di rom - racconta Valentino - loro erano entusiasti. Ma alla fine l'accordo non c'è stato anche perché il terreno individuato si trova proprio al centro di una zona residenziale con villette private. Non è esattamente il posto adatto per 500 nomadi".

Nell'attesa, ognuno si arrangia come può. Chi ha lavoro e soldi ha comperato un camper. Gli altri hanno provato a costruirsi una baracca in legno ma la polizia gliel'ha impedito. In tanti si sono procurati vecchie roulotte, prestate da parenti o amici. Una situazione tale non può andare avanti per molto. In due mesi, però, nessuno ha trovato una soluzione. "Ci incontreremo con il prefetto e i proprietari dei suoli - spiega il sindaco di Giugliano Giovanni Pianese - ma non ci sono molte soluzioni sul tavolo. C'è l'ipotesi Quarto oppure si può temporeggiare nell'attesa dei provvedimenti giudiziari di sgombero. I proprietari si sono rivolti alle autorità per far liberare i loro terreni". Un progetto forse esiste: l'ennesimo sgombero.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/06/2011 @ 09:58:25, in casa, visitato 1162 volte)

Gazzetta di Reggio

Aggiornato il regolamento comunale sulle aree di sosta Parole di fuoco, la Zarina si scaglia contro il centrosinistra

Cambia e si aggiorna il regolamento comunale per l'allestimento e il funzionamento delle tre aree di sosta per i nomadi, che diventano meno campi di sosta libera e più una sorta di "campeggio" con tariffe per la sosta e le utenze e con maggior controlli e responsabilizzazione di chi vi risiede.

Un tema che pareva destinato a scatenare una nuova polemica tra Pd e Lega, ha visto invece le due forze politiche votare congiuntamente le proposte di modifica approvate dal consiglio, mentre il Pdl ha votato contro.

Diverse le motivazioni che hanno portato ad una votazione congiunta su un argomento sollevato dalla Lega. Prima fra tutte il lavoro preparatorio in commissione, ma poi il Pd è arrivato al sì perché il regolamento, che è del 1997, andava aggiornato. «E le modifiche approvate non fanno altro - ha detto l'assessore al Welfare Sassi - che inserire la prassi che il Comune già applica dal 2007».

Per la Lega invece si è trattato di una iniziativa per responsabilizzare maggiormente i nomadi, che sono portatori di diritti e di pari doveri e debbono essere trattati al pari degli altri cittadini. Non a caso spesso il confronto utilizzato dalla Lega è stato quello tra i residenti delle case popolari e quelli dei campi nomadi, per evidenziare la necessità di un principio di equità tra tutti i cittadini.

Chi invece si è chiamata fuori dal coro, è stato l'ex sindaco Antonella Spaggiari di Città Attiva, che ha accusato la maggioranza di aver fatto in campagna elettorale promesse che poi non ha mantenuto come la creazione delle micro campine e sostenendo inoltre «che la gestione e la tutela delle minoranze si fa anche per la tranquillità della maggioranza». Per cui, ha aggiunto, la Spaggiari, occorre un progetto e risorse da destinare in primo luogo alla scolarizzazione delle nuove generazioni di nomadi, che questa giunta non ha.

Una critica a cui l'assessore Matteo Sassi ha risposto elencando i dati relativi alla scolarizzazione dei nomadi nel comune di Reggio e che vedono nel corrente anno scolastico 99 bambini frequentare la scuola elementare, 73 ragazzi (con 9 abbandoni) alla scuola media e altri 16 (con 7 abbandoni scolastici) frequentare le scuole superiori o di formazione. A conferma di un impegno che sta andando avanti. Il nuovo regolamento prevede che per le utenze i contratti siano individuali, che vi sia una responsabilità personale per i danni arrecati alle strutture, maggiori controlli da parte della polizia municipale e maggior attenzione per la gestione dei rifiuti nelle aree di sosta.

[...]

Roberto Fontanili

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/06/2011 @ 09:44:08, in media, visitato 987 volte)

Da Aussie_Kiwi_Roma

Romea.cz Lukáš Houdek, Zdenka Kainarová, translated by Gwendolyn Albert

Sami Mustafa è un regista della mahala rom nel villaggio di Plemetina in Kosovo. Il suo primo incontro con la cinematografia fu attraverso un programma gestito in loco nel 2003 dal centro ricreativo Balkan Sunflowers. Un anno dopo iniziò a collaborare con due compagnie di produzione, Koperativa e Quawava. Ha diretto diversi film sulla situazione del dopoguerra dei Rom in Kosovo. Il suo documentario "Road to Home" è stato proiettato a Cannes nel 2007, unico film in rappresentanza del Kosovo. Mustafa ha fondato la compagnia di produzione Romawood e dal 2009 gestisce a Pristina come direttore artistico assieme a Balkan Sunflowers il Rolling Film Festival di film rom. Vive a Pristina con la sua ragazza, la regista francese Charlotte Bohl. Romea.cz lo ha intervistato.

VIDEO
Sami Mustafa: Road to Home 
Welcome to Plemetina (1a parte) 
Welcome to Plemetina (2a parte)

Come ha fatto un ragazzo come te ad uscire dalla mahala ed iniziare a fare film?

In pratica ho iniziato a primavera 2003, quando un tizio dall'Australia è venuto a Plemetina. Lavorava come cameraman per Sky News a Sidney. Venne in Kosovo per collaborare con enti non-profit e condurre un laboratorio per i giovani di Plemetina che durò tre o quattro mesi.

Era un laboratorio sulla cinematografia?

Sul fare documentari. Di base era un giornalista, cosa che si rifletteva in ciò che insegnava, ma era brillante. Il laboratorio era una delle attività del nostro doposcuola, una delle tante, perché andavo anche dagli scout. Sotto la sua direzione girammo "Welcome to Plemetina", che fu accolto molto positivamente nei festival in Europa, ed anche in Kosovo e negli USA. Il film fu il lavoro collettivo di 13 ragazzi.

Quanti anni avevi quando hai partecipato al laboratorio?

Adesso ne ho 26, saranno 27 ad agosto. Buon dio! Beh, non importa, saranno stati 17 o 18.

Sei uno dei pochi adolescenti di Plemetina che hanno continuato con i film. Quel film è stato il tuo esordio?

Ho preso tutto molto seriamente. Fondamentalmente tutto ciò che faccio lo prendo seriamente. Anche quando andavo con gli scout ne ero completamente assorbito. Poi chi aveva gestito quel progetto ne concepirono un altro simile, relativo al lavoro con il video. Chiesero a me e ad un amico di partecipare, ed un anno dopo era stato fatto il mio secondo film. Un anno dopo appresi di un altro laboratorio filmico che operava col sistema "lavora ed impara". Fondamentalmente era un lavoro pagato durante il quale imparavi nuove cose. Il programma durava un anno. Era anche il mio ultimo anno di superiori. Poi dovetti decidere dove focalizzarmi e cosa lasciare. Alla fine, ho mollato gli scout. Ho anche rinunciato a medicina, che stavo studiando nel frattempo.

Volevi fare il dottore?

No, ho solo studiato alla scuola superiore di medicina. Non c'era altra scelta, la scuola è una delle sole due a Plemetina. L'altra è la scuola di economia, ma non l'ho considerata perché andavo male in matematica.

Quindi non hai un'istruzione filmica?

Precisamente. Nella mia vita non c'è una scuola di film. Dopo quell'anno di tirocinio retribuito, con i soldi guadagnati comperai una telecamera ed un computer ed iniziai a riprendere. Feci diversi film. Uno di essi comprende la raccolta dei miei lavori recenti, "Never Back Home". Iniziai a girarlo nel 2004.

Qual è il tema centrale del tuo lavoro?

Mi concentro soprattutto sui Rom. Faccio del mio meglio, attraverso i film, per dimostrare il fatto che la vita attuale dei Rom in Kosovo è influenzata significativamente dalla politica. Inoltre, faccio del mio meglio per catturare alcuni elementi della cultura rom che stanno sparendo, anche se non partecipo attivamente alla loro preservazione. Penso sia importante registrarli almeno su video cassette, così che la prossima generazione di Rom e le altre nazioni possano capire alcune cose e pensarvi.

Hai scelto questo tema centrale perché sei Rom?

Assolutamente, proprio perché sono Rom. All'inizio non sapevo niente dei Rom in generale e non sapevo dove trovare informazioni. Non capivo perché dicevano che siamo dell'India. Naturalmente, non avevamo internet, dove ho potuto trovare risposte alle mie domande. Quindi ho deciso di iniziare con quello che avevo proprio di fronte al mio naso, i Rom in Kosovo. Per cercare di capire chi diavolo fossi, perché sono qui, perché ci chiamano zingari, per andare al fondo del perché ci odino tanto- è nascosto, ma lo percepisci nella gente - e c'è così tanta violenza. I film che ho iniziato a girare sono tanto per i Rom che per...

Per i gagé? [Nota del traduttore: non-Rom, può essere peggiorativo]

Hmm, non mi piace quella parola. E' una di quelle cose che devo chiarirmi. Cosa significa davvero la parola gagio? I Rom si chiamano così tra loro, perché significa "uomo". Chiamarti gagio significa che non sei una persona.

Pensi che i Rom ti percepiscano differentemente da un regista non-Rom quando fai i tuoi documentari?

Penso si debbano combinare entrambe gli approcci. E' giusto capire qualcosa, ma anche non esservi troppo coinvolto emotivamente solo perché anch'io sono Rom. Per questo l'opinione delle persone non-Rom, delle non-persone (ride) è un bene, ed è un bene scendere a compromessi. Faccio del mio meglio per essere neutrale, nella misura in cui è possibile, e guardare ai problemi dei Rom attraverso occhi differenti. Faccio del mio meglio per catturare come tutti noi vediamo queste persone. E' molto difficile comprenderli, devi inserirti in queste situazioni, cosa che è terribilmente dolorosa e può anche influenzare l'intera riuscita.

Pensi che entrare in una comunità rom sia più semplice per te di quanto lo sarebbe per la tua ragazza francese Charlotte? Che tu otterresti la loro fiducia più rapidamente di lei?

Penso che sia lo stesso. Dipende molto dalle persone che stai filmando. La maggior parte del tempo nel mio lavoro estraggo immediatamente la macchina da presa ed inizio a filmare, ma la risposta a ciò è ogni volta differente. La gente che vuole parlare si muove da sé verso la videocamera parlando. Poi c'è chi inizia ad urlarvi contro di andarvene. In quel momento non importa se sono Rom oppure no. Al contrario, penso di essere bravo quando incontro gente con un gran potenziale coinvolgendoli a raccontare la loro storia. Sono capace di convincerli a farlo perché sono un Rom, e so quindi come comportarmi in queste situazioni. Pensandoci ora, è sostanzialmente un approccio molto egoista. Li spingi a parlare perché ne hai bisogno.

Cosa speri di ottenere con i tuoi film?

E' collegato col festival che faccio. Volevo fare film così la gente avrebbe potuto imparare cosa succedeva qui. Oltre che con i problemi, voglio che la gente familiarizzi con la cultura rom, col modo di vita dei Rom. Volevo anche mostrare che i film fatti da Rom esistono. Per questo praticamente ho creato il festival. Lo scopo principale era di raccogliere film sui Rom creati dai Rom stessi, film che non li rappresentano o colpevoli o vittime. La selezione si deve basare soprattutto su storie di singoli.

Come funziona il festival?

Il festival nasce nel 2009. Chiunque può aderire. Stiamo facendo del nostro meglio per raccogliere più film possibile, per vedere che tipo di film vengono fatti sui Rom. Poi selezioniamo i film a seconda del tema predeterminato. Il primo anno sono stati sottoposti circa 50 film.  La condizione era che si basassero su storie personali. Un criterio era che non dovessero essere stereotipati, in senso negativo o positivo. Enfatizziamo i film che introducono qualcosa di nuovo. Non scegliamo film che ripetono all'infinito le solite vecchie cose polverose. Le storie individuali vanno bene perché non generalizzano e mostrano un caso concreto in cui una certa situazione ha lasciato il segno.

Possono esserci soltanto registi rom?

No, è un festival con film sui Rom e film di Rom.

Quindi un Rom che ha fatto un film sulla globalizzazione potrebbe partecipare?

Esattamente. Io stesso non ho fatto soltanto film sui Rom, sono interessato anche su altri temi. E' per questo che mi sembra importante che i registi Rom non debbano avere necessariamente a che fare con le tematiche rom.

Come funziona il festival? Dove si tengono le proiezioni?

Facciamo del nostro meglio per fare un buon evento culturale a Pristina, che è il luogo principale dove ha luogo il Rolling Film Festival. Scegliamo un cinema o un teatro che sia accessibile a tutti. Non vogliamo scegliere un luogo che sia troppo caratterizzato - proiettare solo in posti per hippie o viceversa solo in un posto snob. Vogliamo che tutti abbiano un'esperienza piacevole, per questo più spesso scegliamo una via di mezzo. Oltre al festival stesso, abbiamo un programma di corollario, chiamato "Rolling On the Road". Proiettiamo direttamente nelle mahala dei Rom.

Perché per i Rom ordinari la proiezione di documentari dovrebbe essere essenziale?

Quando ci siamo consultati tra noi su quelli che dovevano essere gli eventi collaterali del festival, siamo arrivati alla conclusione che sono importanti tutti e due - presentazioni nei cinema e presentazioni sul campo. Un buon esempio è "American Gypsy". E' un film su una famiglia rom e descrive la vita quotidiana dei Rom in America. La storia di quella famiglia è simile a molte altre famiglie rom nel mondo. Condividono cultura, opinioni, tradizioni, modi di vita simili. Quando l'ho visto ero assolutamente sbalordito, perché i Rom in Kosovo vivono nel medesimo modo, la loro percezione delle cose è la stessa, mantengono le identiche tradizioni. Un film simile è naturalmente importante per chi non è Rom, ma l è anche per i Rom stessi. Possono capire effettivamente quanto è importante la vita che vivono.

Che tipo di persone visitano il festival in Kosovo?

Vogliamo raggiungere assolutamente tutti. Per esempio, invitiamo college e scuole superiori. Abbiamo un programma speciale per le superiori dove un comico improvvisa dei pezzi. Racconta barzellette al pubblico mentre si proiettano alcuni film. Ad un certo punto i film vengono interrotti così ci può essere interazione con gli spettatori più giovani sul messaggio. Riteniamo che questo possa costringerli a riflettere su alcune differenze. Attraverso gli scherzi cerchiamo anche di ricordare loro alcune cose importanti che possono essere sfuggite durante la proiezione. Oltre a Pristina il programma viene presentato anche da altre parti in Kosovo.

Perché pensi che sia importante presentare film sui Rom al pubblico più vasto in Kosovo?

Credo sia importante mostrare tutti i film, ma c'è una ragione in più per cui i film rom sono importanti. Qualche anno fa, la situazione dei Rom qui era molto differente da oggi - penso a prima della guerra, quando il 90% dei Rom lavorava a tempo pieno. Oggi è solo lo 0,3%. Sono cambiate le relazioni con la popolazione maggioritaria. Che è influenzata da molti pregiudizi, dalla paura delle altre etnie che è cresciuta durante la guerra. Non riguarda solo i pregiudizi che esistono sui Rom, ma la credenza che i Rom abbiano aiutato la lotta contro l'etnia albanese, che non è completamente vero. Dato che c'è un dibattito alla fine di ogni film, penso che possano influenzare le opinioni di chi li guarda.

Dove ti vedi in futuro? Cos'è importante per te?

Questi problemi con l'etnia qui ci sono sempre stati e ci saranno. Però, credo che queste piccole azioni di lotta contro gli stereotipi, compiute da molte altre persone oltre a noi, sono importanti perché hanno il potere di cambiare il punto di vista di qualcuno. Di sicuro, non cambieranno l'approccio di tutta la società, ma anche fossero 1.000, 500 oppure almeno tre persone, si può spingerli ad iniziare a fare qualcosa da loro stessi. Cosa voglio personalmente dalla vita? Alla fine sono solo un ragazzo che fa film e si diverte a farli. Talvolta buoni, talvolta cattivi. Fondamentalmente sto solo facendo del mio meglio e continuerò a farlo per aiutare queste diverse nazioni a raggiungere un compromesso.

Quali sono le prospettive per la vita in Kosovo?

A volte è pazzesco. Quando penso all'istruzione che ho ricevuto qui, devo dire che non è servita a niente. C'era un insegnante alla scuola di medicina che era lì dai tempi di Tito e non era nemmeno qualificato per svolgere il suo lavoro. Per amor di dio, sono queste le persone che dovrebbero darci il beneficio della loro esperienza? Un giorno potremmo avere la vita di qualcuno nelle nostre mani! Quei quattro anni sono stati solo una catastrofe. Volevo solo laurearli, più che altro per i miei genitori. Pensandoci adesso, probabilmente sono uno dei pochi Rom che qui sta facendo qualcosa. Soprattutto negli ultimi tre o quattro anni h dedicato la mia vita al festival e ai film. E' quel che voglio fare. Ecco perché per me personalmente la vita in Kosovo offre buone prospettive. Tuttavia, anche se amo molto il Kosovo, lo odio nel contempo. Quando avrò dei bambini, non voglio che vivano la vita che ho vissuto, in quelle condizioni. Qui ci sono prospettive per me come individuo, ma non per il popolo di cui mi sento responsabile.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226 227 228 229 230 231 232 233 234 235 236 237 238 239 240 241 242 243 244 245 246 247 248 249 250 251 252 253 254 255 256 257 258 259 260 261 262 263 264 265 266 267 268 269 270 271 272 273 274 275 276 277 278 279 280 281 282 283 284 285 286 287 288 289 290 291 292 293 294 295 296 297 298 299 300 301 302 303 304 305 306 307 308 309 310 311 312 313 314 315 316 317 318 319 320 321 322 323 324 325 326 327 328 329 330 331 332 333 334 335 336 337 338 339 340 341 342 343 344 345 346 347 348 349 350 351 352 353 354 355 356 357 358 359 360 361 362 363 364 365 366 367 368 369 370 371 372 373 374 375 376 377 378 379 380 381 382 383 384 385 386 387 388 389 390 391 392 393 394 395 396 397 398 399 400 401 402 403 404 405 406 407 408 409 410 411 412 413 414 415 416 417 418 419 420 421 422 423 424 425 426 427 428 429 430 431 432 433 434 435 436 437 438 439 440 441 442 443 444 445 446 447 448 449 450 451 452 453 454 455 456 457 458 459 460 461 462 463 464 465 466 467 468 469 470 471 472 473 474 475 476 477 478 479 480 481 482 483 484 485 486 487 488 489 490 491 492 493 494 495 496 497 498 499 500 501 502 503 504 505 506 507 508 509 510 511 512 513 514 515 516 517 518 519 520 521 522 523 524 525 526 527 528 529 530 531 532 533 534 535 536 537 538 539 540 541 542 543 544 545 546 547 548 549 550 551 552 553 554 555 556 557 558 559 560 561 562 563 564 565 566 567 568 569 570 571 572 573 574 575 576 577 578 579 580 581 582 583 584 585 586 587

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


23/09/2019 @ 09:54:19
script eseguito in 161 ms

 

Immagine
 1995 - redazione del bollettino per le scuole IL VENTO E IL CUORE... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 83 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
      
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoIo sono una persona che si offre di pres...
18/08/2019 @ 16:46:26
Di Stephano
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, pe...
15/08/2019 @ 09:29:56
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source