Rom e rappresentazione culturale - Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

\\ Mahalla : Articolo
Rom e rappresentazione culturale
Di Fabrizio (del 18/05/2009 @ 09:34:12, in Italia, visitato 1440 volte)

Dopo la presentazione di UPRE ROMA,  un contributo di Dijana Pavlovic sui rapporti tra Rom/Sinti e società maggioritaria

In cosa consiste la cultura di un popolo? Nelle sue espressioni artistiche e intellettuali? Nella sua storia? La cultura Rom non può essere paragonata a quella di un popolo che ha una propria nazione. E' fortemente condizionata dal fatto di non avere e di non pretendere una terra (ed è per questo che il popolo Rom non ha mai fatto una guerra), anche se questo ha provocato nomadismo forzato e costanti persecuzioni. Tuttavia, pur non avendo le caratteristiche di una nazione, il popolo Rom ha mantenuto attraverso i secoli elementi che lo identificano, in primo luogo la lingua.

Ma c'è da porsi una questione che è la chiave di lettura per affrontare questo tema: oggi, vale la pena di parlare della cultura Rom senza tenere conto e occuparsi anche del disagio sociale delle comunità, della loro discriminazione e ghettizzazione, delle conseguenze che queste producono sui comportamenti, sulla cultura? Se i bambini vivono la propria identità culturale e etnica con imbarazzo e con senso di colpa, come una cosa da nascondere davanti ai gage e da vivere solo intimamente, dentro la comunità, il futuro non può essere che di separazione e di chiusura in tutti sensi. Dall'altro lato i cittadini "normali" con i loro comportamenti, la politica con le sue scelte, i media con l'immagine che formano sono qualcosa che ci può lasciare indifferenti, chiusi nel nostro ghetto, oppure questo ci riguarda direttamente?

La chiusura da parte della società italiana si concentra e si esprime in due stereotipi: da una parte c'è lo stereotipo di origine romantica legato all'idea di libertà, alla musica, al ballo e alle zingare bellissime e letali come la Carmen di Merimée o la Zamfira di Puskin. Dall'altra parte c'è lo stereotipo negativo, ultimamente sfruttato con irresponsabilità e cattiveria, quello dello zingaro mendicante e ladro, che vive nell'immondizia, ladro di bambini e fannullone. Questo è uno stereotipo antico che ci è costato migliaia di morti nelle persecuzioni in tutta Europa e nei campi di concentramento tedeschi e italiani.

E' ovvio che l'identità culturale di un popolo così complesso come quello Rom e Sinto non corrisponde a nessuno di questi due stereotipi, ma tuttavia entrambi contengono elementi di verità. E' vero che una componente della nostra cultura è legata al senso del muoversi pacificamente in un mondo considerato senza confini, legata a una libertà, non effettiva ma del tutto soggettiva, come un piccolo riflesso dentro un essere umano che ha bisogno di poco, forse un po' di musica per sentirsi felice e libero dentro, come dire: posso essere povero, disprezzato, potete guardarmi con diffidenza e odio, ma la mia anima non la potete avere, appartiene a me. E non si può neanche negare che le condizioni di vita precarie e la ghettizzazione forzata in moderni campi di concentramento producono fenomeni di microcriminalità, così come nomadismo e forme di sopravvivenza legate al "mangel" (la questua) sono tra loro legate. Ma non ci si può soffermare solo su questo.

Tuttavia entrambi gli stereotipi producono un medesimo effetto: rendono il Rom "lo zingaro", "l'uomo nero" che provoca inquietudine e paura per il suo modo di vita.

Questo non è solo il portato di campagne all'insegna di una insicurezza costruita gridando a un lupo senza denti, ma è il riflesso della paura di una società che scarica sul più debole il proprio malessere, che non affronta un disagio sociale e morale profondo, grande responsabilità del quale tocca a una politica che rinuncia al compito di educazione civile per seguire gli istinti peggiori in un perverso circuito vizioso: la politica, con il coro condiscendente dei media, alimenta la paura dei cittadini che premiano con il voto questa politica.

Questa nuova Italia, l'Italia della violenza contro gli ultimi, del pregiudizio elevato a verità (gli zingari rubano i bambini), della criminalizzazione della povertà, della giustizia fai da te dovrebbe invece far riflettere questa stessa politica e i suoi corifei mediatici sul lungo decorso della malattia della nostra società e sulle preoccupanti prospettive del suo futuro. Non si può non legare i Maso, le Eriche e gli Omar, che uccidono i genitori per denaro, ai ragazzini che violentano e uccidono una coetanea, al branco che uccide un diverso da loro a Verona, al bullismo nelle scuole, alla violenza praticata nelle famiglie.

L'angoscia di fronte a questo scenario e al clima che riporta all'ancora recente passato della nascita, della vita e della morte apparente dei regimi fascista e nazista è dovuta anche al silenzio di chi sottovaluta questi processi e rinuncia a una battaglia prima di tutto culturale contro il luogo comune, lo stereotipo, la criminalizzazione generalizzata. Pesa soprattutto vedere il volto vile di un paese malato. Coloro che aizzano i cani, lanciano molotov e sassi, percorrono in ronde minacciose le città, i sindaci che annunciano nei cartelloni luminosi dei loro borghi che "i clandestini possono stuprare i tuoi figli" sono il volto vigliacco di chi non è capace di guardare al male che porta dentro di sé.

In questa situazione tante e complesse sono le domande che ci si pongono.

Come è possibile superare i reciproci recinti: quello della paura dei Rom nei confronti di una società che li criminalizza e li ghettizza senza riconoscere loro il diritto all'autorganizzazione, a rappresentare direttamente i propri interessi; e il recinto costruito dalla società italiana che li rifiuta e li accetta solo come icona di uno stereotipo irreale. E poi come è cambiata e come cambia la cultura Rom in Italia rispetto agli altri paese Europei. Cos'è adesso nel mondo globalizzato. La televisione per esempio, non lascia indifferenti le comunità e soprattutto i giovani. Quanti ragazzini sono vestiti "all'americana" seguono wrestling, Dragonballs, Amici di Maria De Filippi e quante ragazzine sognano di diventare veline.

Allora viene da pensare ai bambini e alle bambine che si possono incontrare nei campi regolari e irregolari di questo Paese e all'allegria che si legge nei loro occhi, ai loro destini stroncati e alla ricchezza sprecata per inseguire lo stereotipo negativo dello zingaro sporco e ladro che porta voti ala destra. Come possono riuscire a fare quello che i loro genitori non sono stati in grado di fare: non delegare a nessuno il proprio destino, ma esprimere l'orgoglio di sé, della propria storia, della propria cultura nella capacità di organizzarsi, di pretendere il diritto a rappresentare se stessi e i propri interessi come tutti gli altri cittadini.

Contatti: upre.roma@sivola.net

Articolo Articolo Commenti Oppure (0) Storico >> Stampa Stampa

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


22/09/2020 @ 16:41:25
script eseguito in 43 ms

 

Immagine
 1995 - redazione del bollettino per le scuole IL VENTO E IL CUORE... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 993 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< settembre 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
       
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Buona sera per la ragione della malattia da corona...
22/09/2020 @ 07:56:23
Di danielagrosu
Buona sera per la ragione della malattia da corona...
21/09/2020 @ 10:07:26
Di danielagrosu
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source