Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Notizie in italiano dai Rom, Sinti, Kalé, Pavees di tutto il mondo

La redazione
-

Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 26/08/2009 @ 09:22:36, in media, visitato 1041 volte)

Da Romanian_Roma

Divers.ro 24/08/2009

Secondo Evenimentul Zilei circa 400 bambini rom, di età tra i 10 e i 16 anni, hanno prodotto 15 cortometraggi sulla loro minoranza, come parte di alcune lezioni sulla loro minoranza etnica. E' successo durante il campo organizzato nel quadro del programma governativo "Stop ai Pregiudizi sul Gruppo Etnico Rom (SPER)".

Formatori ed esperti su direzione, scrittura, azione, scenografia ed edizione hanno aiutato i bambini nel creare storie, agire e produrre il materiale filmato. Tra i temi affrontati ci sono: i Rom nell'Impero Bizantino, il commercio con gli schiavi rom, l'Olocausto rom, i Rom durante il comunismo.

Secondo gli organizzatori, lo scopo di questo evento era sviluppare l'autostima dei bambini rom attraverso l'accesso alle informazioni sulla loro storia, lingua, costumi, manufatti e tradizioni.

 
Di Fabrizio (del 23/08/2009 @ 09:10:25, in media, visitato 1405 volte)

Per una volta, abbandono la serietà e mi piego ai passatempi estivi.

Qualche lettore che frequenta i campi rom, potrebbe cimentarsi ad indovinare dove è stata scattata questa foto. Domani la soluzione.

 
Di Fabrizio (del 13/08/2009 @ 09:42:55, in media, visitato 1320 volte)

Segnalazione da Baxtalo's Blog

Tramite la pagina http://www.cuadernointercultural.com mi han fatto arrivare questo interessante cortometraggio che voglio condividere con voi.

Combattere i pregiudizi per arrivare a conseguire una convivenza tra culture basata nel rispetto e l'equità, è uno degli obiettivi dell'educazione interculturali. In questa occasione ci proponiamo un'unione per lavorare sopra i pregiudizi relazionati con la popolazione gitana. Il corto che linchiamo è stato presentato al  4º festival de cine gitano Tikinó dove è stato premiato.

Autora: Marie Quilly

Sceneggiatura: Toma Cero

Durata: 7:29

 (il video è in spagnolo, ma con pochissimo parlato ed è facilmente comprensibile. Vale la pena di essere visto 2 o 3 volte per non lasciarsi sfuggire qualche particolare. Per i lettori di Facebook, il link è QUESTO ndr)

 
Di Fabrizio (del 07/08/2009 @ 09:02:18, in media, visitato 1037 volte)

Da Roma_Francais

France24.com Cinema: Teddy Lussi-Modeste, un "voyageur" nella Repubblica
Par Mié KOHIYAMA

Immagini © 2007 AFP Jean-Philippe Ksiazek

GRENOBLE, "Mi sento come un passatore tra due mondi": bambino, Teddy Lussi-Modeste si è allontanato dei suoi per dedicarsi agli studi. A 31 anni, questo cineasta di Grenoble testimonia la sua ricerca identitaria tra il mondo della gens du voyage, da cui proviene, e la società francese.

"Mi sembra che ci sia uno iato tra il fatto di essere un voyageur" il nome che si danno la gens du voyage in Francia, "ed il fatto di sentirsi francese", osserva il realizzatore, che gira quest'estate a Grenoble il suo primo lungometraggio.

"E' molto più difficile sopportare il rifiuto di cui può essere vittima" questa comunità "perché si sentono francesi", sottolinea. Il suo film "Jimmy Rivière", nel quale recitano Béatrice Dalle ed Hafsia Herzi ("la Graine et le Mulet"), racconta la storia di un giovane nomade (Guillaume Gouix), che abbandona la boxe e la sua piccola amica per convertirsi all'evangelismo.

Da qualche anno, questo movimento religioso incontra infatti un grande successo nella gens du voyage, valutata a 450.000 in Francia, di cui più della metà si è convertita. "C'è una parte di me in questo personaggio, che è in una ricerca spirituale", spiega il cineasta all'AFP.

Uscito da una famiglia di "voyageur" di Grenoble, Lussi-Modeste sono passato la sua infanzia sballottato tra carovane, case mobili o case, a fianco dei suoi genitori, che migravano in base ai lavori stagionali. Suo nonno paterno ed un prete l'incoraggiano a studiare e Teddy Lussi-Modeste diventa appassionato di letteratura: "era come una specie di divieto. Andavo verso i libri che erano la rappresentazione molto concreta della cultura francese gadjé", scritta, in opposizione a quella della gens du voyage.

Il cineasta è segnato dai romanzi di Jean Genet, nei quali l'autore esplora il tema del tradimento. "Mi sentivo un po' traditore rispetto alla mia Comunità perché avevo desideri che non erano quelli dei miei genitori. Mio padre avrebbe certamente preferito che fossi un boxeur come lui e che girassi i mercati", racconta.

Per i suoi studi, il giovane frequenta la Fémis, la celebre scuola di cinema parigina, e diventa professore di lettere in istituti universitari e collegi, prima di dedicarsi interamente al cinema. Si concepisce come un "passatore" di storie che trasmettono "informazioni da un campo all'altro" e situa il suo posto "all'interno delle due comunità", sentendosi "culturalmente attraversato da un meticciato".

Per il suo film, Teddy Lussi-Modeste ha fatto appello ad attori non professionisti, gens du voyage di cui ha avuto "voglia di filmare i corpi, i visi, il loro modo di muoversi". Ha accordato una cura particolare allo scenario per riprodurre l'accento, le tenere derisioni o i pudori del linguaggio della gens du voyage, come il ricorso frequente all'antifrase "le vilain garçon" (il ragazzo sgradevole ndr) per dire che è bello.

Teddy Lussi-Modeste spera che "Jimmy Rivière", che uscirà nel 2010, trasmetta un messaggio di tolleranza, essendo la differenza di cultura secondo lui allo stesso tempo "una dannazione ed una possibilità morale".

AFP

 
Di Fabrizio (del 04/08/2009 @ 09:51:09, in media, visitato 1349 volte)

Da Roma_Daily_News

by Will Conroy - 27 luglio 2009

I recenti esempi cechi ed ungheresi dimostrano differenti modi di trattare gli annunci politici infiammatori.

PRAGA - Gli attivisti per i diritti umani a fatica potevano credere a quel che stavano vedendo quando un partito anti-Rom di estrema destra parlava di "soluzione finale" sulle onde della Televisione Ceca (CT), proprio prima delle elezioni di giugno del Parlamento Europeo.

Le reazioni pubbliche allo spot e susseguente decisione di rimuoverlo sono state relativamente smorzate, ma gli scoraggiati gruppi della società civile vedono l'incidente come una dimostrazione di quanto molto più radicato e tollerato il razzismo sia diventato nella Repubblica Ceca negli anni recenti. Stanno chiedendo che la CT dichiari apertamente di rendere più severe le proprie procedure contro i cosiddetti discorsi razzisti nelle pubblicità e nelle trasmissioni politiche.

Il vituperato spot del Narodni strana (Partito Nazionale) si riferiva ai Rom come "parassiti". Il Direttore Generale di CT Jiri Janecek ha spiegato che l'annuncio era stato permesso perché negli scorsi 18 anni la rete aveva sottoscritto un impegno per permettere la libertà di espressione e di non interferire coi contenuti degli spot delle campagne elettorali. "La Televisione Ceca non controlla preventivamente lo spot in senso editoriale, come è solito per altri contenuti. Così c'è stato [soltanto] un controllo elementare tecnico e di identificazione," ha detto.

CONTRAPPOSTO AI CECHI, L'APPROCCIO UNGHERESE

L'approccio di CT contrasta con quello della Televisione Ungherese (MTV), una rete che sta contrastando la crescita del partito di estrema destra Jobbik (Movimento per un'Ungheria Migliore), che ha ottenuto 427.000 voti e tre seggi nel Parlamento Europeo. Il messaggio elettorale di Jobbik si è limitato ad un attacco "tra le righe", nonostante il fatto che i suoi componenti nella Magyar Garda marciassero apertamente, in pantaloni neri e stivaloni, contro gli "zingari criminali".

"Anche se la Televisione Ungherese non è responsabile del contenuto degli annunci politici [secondo la legge sulle trasmissioni del 1996], MTV presta sempre attenzione al controllo preventivo dei suoi contenuti," dice Gina Pronay-Zakar, portavoce di MTV. "Se MTV considerasse offensivo o razzista un contenuto, la compagnia è legalmente istruita a dipendere dal giudizio ufficiale dell'Ufficio Nazionale Elezione [OVB]. OVB può decidere che un annuncio non vada in onda a causa del contenuto offensivo. Sino al giudizio, MTV può rifiutarsi di trasmettere l'annuncio," ha detto.

Zsolt Varkonyi, portavoce per il comitato affari stranieri di Jobbik, non ha risposto alla questione se Jobbik sia contento dell'accesso alla trasmissione garantito da MTV, ma ha accusato la stampa ungherese ed i media online di aver tenuto un incontro segreto su come agire riguardo la copertura di Jobbik, in seguito al suo exploit elettorale.

I cechi in generale hanno mostrato una distinta mancanza di preoccupazione riguardo gli annunci del Partito Nazionale, ha detto Zdenek Rysavy, direttore esecutivo del gruppo rom di appoggio Romea. "Secondo me, la maggior parte della società concorda con vedute simili. Sono le organizzazioni non profit hanno protestato. Sembra che parecchia gente veramente non se ne interessi," ha detto. Romea ha combattuto con successo per fermare i maggiori server di notizie ceche dal mostrare la trasmissione, ha aggiunto Rysavy.

Lo spot si apriva con uno schermo che mostrava le parole, "La soluzione finale alla questione Zingara portata avanti dal Partito Nazionale è una guida per tutti gli stati europei". Ancora foto di uomini dalla pelle scura che brandiscono una scure e case decrepite alternate a slogan come "No al razzismo nero" e "No ai favoritismi per gli Zingari".

Non c'era bisogno di introdurre cambi legislativi per fermare le trasmissioni politiche razziste nella Repubblica Ceca, dice Rysavy, perché esistevano già le leggi richieste. Questo punto di vista era condivisa da Karolina Ryvolova, una giornalista ceca freelance e laureata in studi rom, che per circa 10 anni si è specializzata nel coprire le questioni delle minoranze per pubblicazioni come il settimanale ceco Respekt. "La decisione di CT di non visionare preventivamente quel contenuto mostra negligenza ed incompetenza," dice. "Qualcosa così apertamente ostile e razzista non ha posto nella televisione pubblica. E' stato totalmente scioccante. La legge è lì; CT deve soltanto regolarsi in accordo con essa."

Ha aggiunto che l'attitudine ceca verso i Rom "si è drasticamente deteriorata" negli anni scorsi, in parte perché sono capri espiatori duranti i tempi economici difficili ed in parte perché alcuni politici ben noti hanno "dato l'OK" al razzismo apertamente mostrato. Ryvolova, che è anche insegnante di inglese alle superiori, continua: "Posso accorgermene anche soltanto seguendo i discorsi su Facebook. Non posso credere alle cose che escono dalle bocche di alcune delle dolci persone a cui insegno... Come è tipico di questo paese riguardo alle questioni rom, questa storia di CT, come il rogo della bambina rom di 2 anni [in un attacco incendiario alla sua casa in Moravia ad aprile] ha causato chiasso tra i media per un paio di giorni ma poi tutto è andato nel dimenticatoio."

I rappresentanti del Partito Nazionale non sono stati potuti essere raggiunti per commentare. Ma il partito ha dichiarato che citerà CT per interferire nel suo diritto di parola, a seguito della decisione di Janecek di ritirare lo spot dopo un'iniziale programmazione.

Janecek, che è stato riconfermato direttore generale di CT il 15 luglio, ha rifiutato una richiesta del Partito dei Verdi che ne chiedevano le dimissioni. Negando ogni addebito di negligenza o incompetenza per aver permesso la messa in onda, ha detto, "Un simile sistema ha funzionato per 18 anni senza problemi seri. E' tempo di modificarlo riflettendo sulla crescita del radicalismo in alcuni partiti registrati ufficialmente.. Ho deciso di non trasmettere [nuovamente] lo spot dopo averlo visto [alla prima proiezione]."

Il direttore generale ha detto che CT si è trovata di fronte a due leggi in conflitto; una insisteva che non ci fosse il diritto di interferire con la trasmissione di un partito politico, mentre l'alta dichiarava che non dovevano essere permesse la trasmissioni con contenuto razzista. "Il conflitto legale pubblico su questo mostra che c'è qualcosa di sbagliato nella legislazione," ha aggiunto.

Guardando come il problema potrebbe essere corretto, Janecek ha detto che alcuni critici a torto presumono si tratti di una questione legale facile. "Ma non lo è," ha detto. "Le persone intelligenti possono intendere che non è l'ideale per una rete indipendente che copre notizie di politica, essere arbitro di una campagna elettorale. Devono intendere che un tribunale o una speciale commissione elettorale sarebbero migliori per decidere se proibire o meno uno spot da trasmettere."

QUANDO I PRINCIPI COLLIDONO

Formatasi da 2 anni, l'Agenzia dell'Unione Europea per i Diritti Fondamentali sta trattando nel dettaglio la questione della trasmissione politica di partiti potenzialmente razzisti, dice il suo rappresentante Cristopher Coxon. Le valutazioni su queste trasmissioni chiaramente riguardano la questione di bilanciare libertà di parola con dichiarazioni razziste, aggiunge Coxon. La legislazione UE nell'applicare la legge criminale a determinate forme di razzismo e xenofobia è stata adottata a novembre, ma il testo dev'essere ancora trasportato nelle legislazioni nazionali dei membri UE, dice.

Sejal Parmar, avvocato anziano di Article 19, un gruppo di consulenza legale, con base a Londra, per la libera espressione e l'accesso all'informazione, ha detto che c'è stato "un evidente valore nel principio di non-interferenza con le trasmissioni dei partiti politici, anche se il loro contenuto può apparire spregevole alle orecchie dei legali dei diritti umani e a parte del pubblico. Così, fintanto che un partito sta operando legalmente nel quadro delle leggi elettorali, ad un partito dovrebbe essere permesso di svolgere le sue trasmissioni." Nondimeno, ha detto Parmar, la legge ha un ruolo importante nel limitare i discorsi quando questi costituiscano incitamento alla discriminazione.

Un disaccordo su principi simili all'incidente del Partito Nazionale è accaduto anche in Gran Bretagna durante la campagna per le elezioni europee, quando la BBC ha mandato in onda uno spot del Partito Nazionale Britannico di estrema destra, che come lo Jobbik ha ottenuto per la prima volta due seggi. Quando sono arrivati i dissensi, la BBC ha pubblicato una giustificazione dicendo che la trasmissione aderiva ai criteri concordati tra media e partiti politici.

Come sottolineato da Ric Bailey, consigliere politico capo della BBC che è anche presidente del Gruppo di Collegamento dei Media in GB, ognuno "sicuramente ha il diritto di vedere preventivamente le trasmissioni politiche sottoposte" e "abbia la responsabilità legale di che cosa esce sul suo canale". D'altra parte, qualsiasi cosa che si ritenga possa causare danno o offesa può essere riferito al gruppo di collegamento. Questo, dice Bailey, da "le linee guida nel trovare un metodo che accontenti tutti".

Una fonte membro del gruppo ha detto di "non poter ricordare un periodo in cui i cambiamenti o alcune omissioni non fossero gradite ad entrambe le parti della disputa, ma ciò che succede spesso è che il Partito Nazionale Britannico concordi felicemente con la rimozione dei suoi pezzi decisa dal gruppo di collegamento, ma che lo spot riappaia nel formato originale sul loro sito web infischiandosene di essere stato censurato". Le dispute più calde, ha aggiunto, hanno riguardato le campagne anti-aborto che contenevano immagini potenzialmente disturbanti.

Ha detto Janecek che l'approccio mostrato dalla BBC può essere di "buona ispirazione" per un cambiamento.

Will Conroy is a freelance journalist in Prague.

 
Di Fabrizio (del 23/07/2009 @ 09:22:34, in media, visitato 1163 volte)

Da Roma_Daily_News

Divers.ro

20/07/2009 - Dopo tre anni di tentativi, è stata fondata l'Associazione dei Giornalisti Rom (AJRr). Secondo il comunicato stampa, è un progetto ideato e finanziato dal Centro per il Giornalismo Indipendente (CJI) ed appoggiato da Amare Romentza.

AJRr ha cinque fondatori: George Lacatus, giornalista investigativo al Cotidianul – presidente; Ciprian Mailat – capo del dipartimento economico dall'Evenimentul Zilei – direttore esecutivo; Zoltan Petru – giornalista al Jurnalul National; Boby Neacsu – giornalista al Financairul; ed Antoaneta Etves, giornalista all'Evenimentul Zilei.

Lo scopo principale di AJRr è di promuovere standard di qualità nei media in relazione ai Rom - media di massa. Riguardo a ciò, i fondatori intendono organizzare formazione per giornalisti sui Rom nei media centrali, per eliminare dai loro articoli stereotipi e pregiudizi.

Nel contempo, AJRr intende organizzare formazione per i giornalisti rom, simili ai programmi organizzati da CJI, che saranno seguiti anche dai fondatori. AJRr intende anche monitorare come i media di massa relazionano sui Rom e porterà attenzione sul materiale che non rispetta i principi dell'obiettività riguardo ai Rom.

L'Associazione, che ha appena iniziato la sua attività, sarebbe grata di collaborare con qualsiasi associazione rom che abbia obiettivi comuni e sia interessata nell'ottenere esperienza nella formazione di attività delle OnG.

 
Di Daniele (del 19/07/2009 @ 09:38:06, in media, visitato 1280 volte)

qualche altra notizia QUI e QUI

(per chi mi legge su Facebook, il link del video è QUESTO)

 
Di Fabrizio (del 16/07/2009 @ 09:06:21, in media, visitato 1513 volte)

Segnalazione di Tommaso Vitale

STRANIERI OVUNQUE. KALÈ, MANOUCHES, ROM, ROMANICHELS, SINTI...
E' uscito il diciannovesimo numero di "Zapruder. Storie in Movimento".
maggio-agosto 2009
Lo puoi trovare in libreria o abbonarti per un anno (3 numeri, 30 €).

EDITORIALE
Andrea Brazzoduro e Gino Candreva Stranieri ovunque. Su una corda tesa

STRANIERI OVUNQUE. KALÈ, MANOUCHES, ROM, ROMANICHELS, SINTI...
Mauro Turrini, Tra stigma e riappropriazione. La questione dell’origine degli “zingari” e dei “rom”
Benedetto Fassanelli, Un’ostinata autonomia. I rom nell’Europa moderna
Tommaso Vitale, Da sempre perseguitati? Effetti di irreversibilità della credenza nella continuità storica dell’antiziganismo

LE IMMAGINI
Stefano Montesi, Casilino 900

SCHEGGE
Luca Bravi, Colpirne cento e rieducarne uno. Internamento e sterminio dei rom nelle politiche del fascismo e del nazismo
Domenica Ghidei Biidu e Serena Marchetti, Abbecedario coloniale. Memorie di donne eritree nelle scuole italiane di Asmara
Stefano Agnoletto, Criticare la crisi. A proposito di una categoria fondamentale della storia economica e del suo uso pubblico

LUOGHI
Gino Candreva, Sulukulè, La prima casa. Un insediamento millenario a Istanbul

VOCI
Stalker/Osservatorio nomade, Campus rom. Pratiche autogestite dell’abitare

ALTRE NARRAZIONI
Daniele Biacchessi, Le bombe nelle piazze, le bombe sui vagoni... Dall’inchiesta al teatro (a cura di Lidia Martin)

STORIE DI CLASSE
Marco Brazzoduro, Rom e sinti a scuola. Luci e ombre della scolarizzazione

INTERVENTI
Mathieu Rigouste, Meta-manuale di meccaniche securitarie. Introduzione alla funzione capro espiatorio nel dispositivo di dominio francese

RECENSIONI
Tommaso Baris (Mirco Dondi, a cura di, I neri e i rossi), Liliana Ellena (Poropora Marcasciano, AntoloGaia), Stefano Galieni (Antonio Moresco, Zingari di merda), Diego Giachetti (Antonio Benci e Maurizio Lampronti, a cura di, Spoon River 1968), Maria Miseo (Timea Junghaus e Katalin Szekely, a cura di, Paradise lost), Andrea Tappi (Michele Colucci, Lavoro in movimento).

 
Di Fabrizio (del 12/07/2009 @ 09:28:36, in media, visitato 1221 volte)

C'è maretta sul prossimo Meeting Antirazzista. Riprendo comunque una segnalazione di Nico Che dal sito Romadecade.org (se lo linkate vedete il trailer). Di Laura Halilovic se ne era parlato QUI

Domenica 12 luglio, la diciannovenne regista romanì Laura Halilovic riceverà il premio "Cinema Contro il Razzismo" durante il XV Meeting Internazionale Antirazzista di Livorno, sostenuto dalla Regione Toscana assieme a diverse amministrazioni locali ed associazioni. Halilovic ha ricevuto il riconoscimento per il suo documentario "Io la Mia Famiglia Zingara e Woody Allen", che ha giugno ha vinto il Premio UCCA 2009 al Film Festival di Bellaria. Il film ha anche ricevuto una menzione speciale dalla giuria "per l'abilità di descrivere in maniera leggera, a volte ironica, ma sempre in maniera diretta, la propria storia, quella della sua famiglia e tramite ciò le difficili condizioni degli Zingari in Italia". Il Premio UCCA viene riconosciuto ai primi due documentari del Film Festival di Bellaria, ed i film premiati ricevono l'opportunità di essere proiettati in almeno 20 città italiane.

Dopo aver ottenuto il Premio UCCA, l'ufficio regionale dell'Istruzione in Piemonte ha fatto in modo di promuovere la proiezione di "Io la Mia Famiglia Zingara e Woody Allen" in oltre 200 scuole superiori. Il film verrà presentato agli insegnanti in ottobre, e dal 2010 il documentario sarà disponibile nel catalogo di risorse per gli insegnanti. Le scuole avranno anche la possibilità di organizzare proiezioni seguite da dibattiti tra Halilovic e gli studenti.

"Io la Mia Famiglia Zingara e Woody Allen" è stato prodotto da Zenit Arti Audiovisive col supporto tra gli altri, del Fondo OSI di Corrispondenza del Decennio Rom, di RAI 3, del Ministero per le Pari Opportunità e del Fondo Film Documentari del Piemonte.

Per ulteriori informazioni su film, Documentary by Young Roma Filmmaker Wins Award.

 
Di Fabrizio (del 08/07/2009 @ 09:33:57, in media, visitato 1698 volte)

Una segnalazione di Orietta Fossati a proposito di una nuova rivista in pubblicazione a Trieste

Nel quadro del controverso dibattito nazionale ed internazionale, da una parte, sulla possibilità/impossibilità d'integrazione dei migranti e delle sue eventuali modalità e, dall'altra, in presenza della complessità del processo d'integrazione, la maggior parte degli studi scientifici si focalizza sugli aspetti legali in un'ottica o marcatamente giuridica o marcatamente economica o sul tema dell'integrazione delle popolazioni migranti più "svantaggiate" in un'ottica di salvaguardia dei diritti umani. Questo approccio che caratterizza buona parte degli studi scientifici in materia rivela un paternalismo miserabilista-caritatevole, atteggiamento largamente diffuso non solo in ambito accademico ma anche tra coloro che si professano anti-razzisti.

"Temperanter", la rivista trimestrale di approfondimento edita dal "Centro Internazionale per le Ricerche e gli Studi Interculturali" (C.I.R.S.I.), si pone l'obiettivo di approfondire argomenti sociali e culturali di interesse nazionale ed internazionale nell'intento di mettere in discussione i luoghi comuni, gli stereotipi ed i pregiudizi che persistono nelle nostre società. Sul paternalismo miserabilista-caritatevole si fonda una visione stereotipata latente che relega il migrante ad un ruolo subordinato e sottomesso nella società d'accoglienza. Nell'arena politica come nell'immaginario collettivo, l'immigrato di sesso maschile è diventato il "vu' cumprà" per antonomasia, mentre la donna immigrata fa la "badante" o la "colf".

E' questa visione del mondo che il primo numero di "Temperanter", che sarà curato dalla Dr. Ingrid Stratti (PhD), esperta in gender equality policies, vuole mettere in discussione proponendo una riflessione sul tema "Donne migranti e pari opportunità: una sfida per tutti". A tal fine, i meccanismi di integrazione dei migranti qualificati, in generale, e della popolazione migrante femminile qualificata, in particolare, saranno analizzati per evidenziare quali siano le politiche d'ingresso che favoriscono o meno l'afflusso di "cervelli rosa", quali siano le politiche e le "buone prassi" in materia d'immigrazione e pari opportunità che facilitano o ostacolano la piena integrazione delle migranti nella società d'accoglienza, quali siano le strategie adottate dalle donne migranti qualificate per raggiungere un alto livello di integrazione, quale sia il ruolo dell'esperienza migratoria e della società d'accoglienza nel processo di affermazione professionale delle donne migranti qualificate, ecc.

Sono ammessi tutti gli approcci scientifici (sociologico, letterario, psicologico, giuridico, storico, transdisciplinare, comparativo, ecc.) senza limitazioni geografiche, per quanto riguarda il Paese di provenienza e di destinazione dei migranti, né temporali per quanto riguarda l'epoca storica approfondita. Gli abstract di massimo 1.500 caratteri accompagnati da una breve nota biografica saranno accettati fino al 15 luglio 2009. La redazione comunicherà entro il 20 luglio 2009 quali abstract sono stati accettati. Gli articoli e saggi brevi di lunghezza non superiore a 20.000 caratteri in lingua italiana, inglese o francese dovranno pervenire entro il 5 agosto 2009 all'indirizzo: temperanter@cirsi.net.

"Temperanter" - Rivista di approfondimento
Direttore responsabile: Lorenzo Dugulin
C.I.R.S.I. Editore
C.F. 90118200329
V.le R. Sanzio 17
I - 34100 Trieste

Tel. +39 334 3994638, e.mail: temperanter@cirsi.net , cirsi@cirsi.net
Website: www.cirsi.net
Iscr. n. 1092 al Registro Generale delle Organizzazioni di Volontariato della Regione Autonoma F.V.G. – settori: culturale, dei diritti civili e delle attività innovative, solidarietà internazionale

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


29/01/2020 @ 09:23:24
script eseguito in 47 ms

 

Immagine
 Manifestazione a Parigi per la casa e contro la guerra... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2217 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< gennaio 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
ISTITUZIONE DI MICROCREDITI (economie.finance92@gm...
27/01/2020 @ 16:13:20
Di Monica
Testimonianza su come metto fine alle mie preoccup...
23/01/2020 @ 18:28:29
Di MR PENDELIS
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source