Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Conoscere non significa limitarsi ad accennare ai Rom e ai Sinti quando c'è di mezzo una disgrazia, ma accompagnarvi passo-passo alla scoperta della nostra cultura secolare. Senza nessuna indulgenza.

La redazione
-

Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 21/11/2005 @ 01:09:12, in casa, visitato 3122 volte)

COMUNE DI TREZZO SULL’ADDA - LA PROVINCIA DI MILANO

CONVEGNO PUBBLICO
UN’IDEA ALTRA DI CITTA’
CONFRONTO E PROPOSTE SUI TEMI
DELL’ABITARE E DELLA CITTADINANZA

DELLE COMUNITA’ ROM NELLA PROVINCIA DI MILANO:

IL LABORATORIO DI CITTADINANZA ATTIVA DEL COMUNE DI TREZZO SULL’ADDA

SABATO 26 NOVEMBRE 2005
ALLE ORE 9.30

PRESSO L’ISTITUTO SUPERIORE “J. NIZZOLA”

Via P. Nenni 10, Trezzo sull’Adda


Saluti del Sindaco Roberto Milanesi

(Comune di Trezzo sull’Adda)

ORE 9.00 prima parte

Sessione Introduttiva

Apertura dei lavori e presentazione del convegno

Maurizio Cabras (Istituto di Ricerca Ecopolis)

I Rom a Trezzo

Laura Di Martino (Arci “Blob”, Arcore)

La storia dei Rom tra (in)tolleranza e rifiuto

Lapov Zoran (Università di Firenze)

I Rom una testimonianza di esclusione sociale

Marco Revelli (Università di Torino)

La scommessa del villaggio solidale

Don Virginio Colmegna (Casa della carità, Milano)

Comunità rom e sinte e politiche sociali del territorio: quali prospettive di
cambiamento?

Maurizio Pagani (Opera Nomadi, Milano)

Il ruolo e le proposte della Provincia di Milano

Francesca Corso, Assessora ai diritti dei cittadini

Irma Dioli, Assessora alla cooperazione internazionale

ORE 12.30 Visita tra le immagini e le testimonianze del popolo Rom

Pausa Pranzo

ORE 14.00 seconda parte

Sessioni Tematiche

I diritti di cittadinanza
Discussant

Tommaso Vitale (Università di Milano Bicocca)

Intervengono:

L’esperienza di Pisa. Il progetto "Le città sottili”

Antonio Sconosciuto (Società della salute – Zona pisana)

La cooperazione pubblico/privato come strategia d’intervento

Milena Scioscia e Michele Vonci (progetto Rom Arci Regione Toscana)

I diritti dell’abitare
Discussant

Antonio Tosi (Politecnico di Milano)

Intervengono:

Reti di comuni e coordinamento provinciale delle politiche di intervento per i Rom

Nicola Solimano (Fondazione Michelucci, Firenze)

Politiche di intervento pubbliche: l’esperienza di Bolzano

Paola Dispoto (Consulente dell'Ufficio Pianificazione Sociale, Comune di Bolzano)


ORE 16.00 terza parte

Sessione Plenaria

Strategie pubbliche d’intervento

Restituzione degli esiti delle sessioni pomeridiane sui temi della cittadinanza e dell’abitare.

a cura dell’Istituto di Ricerca Ecopolis

Discussant

Luca Rodda (Assessore al Territorio e alla Partecipazione, Comune di Trezzo sull’Adda)

Conclusioni

Sono invitati ad intervenire:

Paolo Beni (Presidente Arci nazionale)

Filippo Miraglia (Responsabile nazionale immigrazione Arci)

Flavio Mongelli, Emanuele Patti (Arci Milano)

Oliviero Motta (Assessore ai Servizi Sociali, Comune di Rho)

Antonio Lissoni (Sindaco di Concorezzo)

Il coordinamento dei Sindaci dei comuni della Brianza

Suor Claudia Biondi (Caritas Ambrosiana)

Beppe Milanesi (Azienda Offerta Sociale)

Ernesto Rossi (ass. Aven amentza, Milano)

Stefano Radaelli (Agenzia di Cittadinanza)

Marta Moretti (Agenzia di Cittadinanza)

Chiesa Ortodossa Greca Tradizionale - Sacra Diocesi Luni - Esarcato d'Italia

Parrocchia dei SS. Stefano e Pazienza Abbiategrasso

Associazione dei Cristiani Ortodossi in Italia, Ente Morale di religione e culto - delegazione della Lombardia

 
Di Sucar Drom (del 17/11/2005 @ 18:29:29, in casa, visitato 2101 volte)
postato da sucar drom

_2289092
Come vi avevamo già annunciato, a Guastalla stiamo realizzando una micro area residenziale per Sinti Italiani.
La progettualità, sostenuta dal Comune di Guastalla e dalla Regione Emilia Romagna, è iniziata tre anni fa con la stesura del progetto tecnico insieme alle famiglie sinte guastallesi.
Il progetto prevede sei terreni privati, uno per ogni nucleo familiare, con sei casette prefabbricate.
Il progetto si è reso possibile grazie al lavoro dell'Ufficio Tecnico del Comune di Guastalla, dell'Associazione Sucar Drom e del facilitatore culturale sinto guastallese, Fabio Suffré.
Questa progettualità è uno dei primi esempi in Italia di habitat per le Minoranze Etniche Linguistiche dei Sinti Italiani, costruita attraverso le metodologie della mediazione culturale.
L'apporto dell'Associazione Sucar Drom si deve al sostegno finanziario dell'Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Mantova.
In questi giorni stiamo pensando di inaugurare il residence dom
enica 27 novembre. nei prossimi giorni vi aggiorneremo.
Di seguito la proposta per la gestione e l'utilizzo del residence che stiamo discutendo con le famiglie sinte e con l'amministrazione comunale.

segue: il testo dell'accordo col comune di Guastalla
 
Di Marco Nieli (del 05/11/2005 @ 02:58:37, in casa, visitato 1780 volte)

Napoli, 3 novembre 2005

Mercoledi’ notte la polizia ha sgomberato con la forza un campo rom in via Lufrano a Casoria non dando neanche il tempo alla povera gente che vi abitava di fare i bagagli per portar via il più possibile. Si trattava di 430 persone mandate allo sbaraglio fra cui donne incinte e molti bambini: ora vagano nelle periferie della nostra città implorando un aiuto.

La maggiore responsabilità di questo inumano, barbaro e crudele sradicamento poliziesco ricade quasi per intero sull’ex-sindaco di Casoria Giosuè De Rosa che per oltre 2 anni non ha mosso un dito per trovare una sistemazione alternativa, o quanto meno per fornire acqua e far rimuovere i rifiuti solidi. Non ha fatto nulla, sapeva solo mostrarsi ipocritamente inorridito per quella situazione di degrado, ma ciò che a lui interessava era cacciar via gli zingari da Casoria a qualunque costo, e nient’altro.

Una grave responsabilità ricade anche sulla regione (retta da un governo di centro-sinistra) e sulla Provincia (anch’essa governata dal centro-sinistra). Il governatore Bassolino si è rifiutato di ricevere una nostra delegazione che fin dal mese di giugno chiese un incontro proprio per risolvere la questione di via Lufrano.

L’esistenza di questo campo Rom degradato e in condizioni igieniche spaventose non aveva nulla a che vedere con il cosiddetto ordine pubblico, si trattava di un problema di carattere squisitamente sociale. Noi che abbiamo assistito stamattina all’alba alla demolizione di questa orrenda “favela” lasciata marcire per circa tre anni (mentre un elicottero inutilmente volteggiava sopra di noi e squadroni di polizia e carabinieri tenevano lontani i curiosi, e le ruspe sradicavano le capanne) abbiamo toccato con mano il vergognoso fallimento dei politici di centro sinistra, del tutto inetti e del tutto incapaci di trovare una soluzione alternativa all’azione militare. Istituzioni quali Regione, Provincia e Comune (di Casoria) hanno vergognosamente lasciato fare alla polizia tradendo, in questa occasione il mandato loro affidato all’elettorato di sinistra: amministrare civilmente, con giustizia e soprattutto con democrazia.

Amedeo Curatoli, Marco Nieli

OPERA NOMADI NAPOLI

 
Di Fabrizio (del 25/10/2005 @ 02:57:36, in casa, visitato 3246 volte)

OPERA NOMADI SEZIONE DI MILANO ONLUS           
Ente Morale DPR n. 347 del 26.3.1970

Via Archimede n. 13                                                                                       

20129 Milano
Tel 0284891841 - 3393684212
C.F. 97056140151
COMUNICATO STAMPA
 

Questa mattina, alle porte di Milano, in località “Cusago”, è stata portata a compimento un’operazione di sgombero e abbattimento di un manufatto abitativo oggetto di un lungo contenzioso amministrativo tra alcune famiglie rom, il Comune di Milano e la Magistratura Ordinaria (per l’aspetto penale).

Al di là del merito legato alla illegittimità e, forse, inopportunità di una edificazione certamente di carattere abusivo, ma sulla quale non si erano ancora esaurito il normale iter giudiziario e amministrativo, denunciamo i metodi violenti adottati durante l’operazione, alla presenza del Vicesindaco De Corato (AN), che hanno portato 4 rom (due giovani donne di cui una al III mese di gravidanza, un anziano di 80 anni e un giovane di 14) al pronto soccorso dell’Ospedale San Carlo per curare le contusioni provocate dalla collutazione con le Forze dell’Ordine.

I Rom di via Cusago sono cittadini italiani del gruppo dei “Rom Harvati”, residenti a Milano da oltre quarant’anni che, nel 1999 stanchi di vivere in condizioni precarie e conflittuali nel “campo comunale di via Martirano”, acquistarono un terreno su cui costruire delle abitazioni “mobili” ad uso residenziale.

E’ infatti da alcuni anni ormai che molte famiglie rom e sinte di Milano decidono di abbandonare i luoghi destinati a loro dall’Amministrazione Comunale (i campi nomadi), andando ad insediarsi in piccole aree con la propria famiglia allargata e provvedendo in proprio alla realizzazione dei lavori di urbanizzazione e alla costruzione di abitazioni.

E’ una risposta “spontanea” a una condizione di abbandono delle Istituzioni cittadine, al fallimento di una politica abitativa che ha saputo solo proporre la ripetizione di sgomberi inutili e la realizzazione di luoghi “differenziali” e disumani (come i campi di via Triboniano e via Barzaghi, dove centinaia di persone vivono ammassate, private delle più elementari condizioni di sicurezza e salute).

La solerzia con la quale l’Amministrazione Comunale ha provveduto a coordinare le operazioni odierne è “insolita” (non riguarda cioè i più vistosi e importanti abusi edilizi che riguardano la città), mostra un aspetto intimidatorio e violento contro i soggetti deboli e le minoranze, ma soprattutto mette a nudo l’assoluta mancanza di una prospettiva e di un’idea di governo che sappia coniugare i bisogni dei cittadini e le trasformazioni urbane, portando al collasso le forme acquisite di convivenza civile.

Negli ultimi due anni l’accanimento pregiudiziale di una parte politica cittadina e regionale nei confronti delle comunità Rom e Sinte, ha raggiunto un livello intollerabile di linciaggio mediatico, violazione ripetuta delle leggi e di aperto razzismo verso il quale richiamiamo l’attenzione della società civile, dei partiti politici e degli organi istituzionali preposti.

 
Di Fabrizio (del 25/09/2005 @ 22:52:25, in casa, visitato 5052 volte)

Leggo su British_Roma alcuni aggiornamenti sulla vicenda dello sgombero di Dale Farm

Il governo, che sino al mese scorso per contrapporsi ai conservatori, aveva appoggiatole richieste della comunità contro gli sgomberi decisi dai comuni, ha rifiutato il ricorso di quattro famiglie, che si erano viste togliere il permesso di risiedere nell'area di loro proprietà. Di fronte all'esproprio dell'area, non resta loro che cercare accoglienza in altre aree di sosta o ritornare a vivere in strada.

Sono 300 le famiglie di Nomadi e Viaggianti che hanno visto rifiutato il permesso di residenza negli ultimi 18 mesi e circa 10.000 le persone che potrebbero a breve ritrovarsi nella medesima situazione.

Della situazione se n'è occupata anche la BBC 3 alle 22.00 di domenica 25 settembre, con un programma intitolato "Gypsy Wars", che documenta la contrapposizione tra i circa 1000 residenti a Dale Farm e i bulldozer.

Il terreno è ancora in occupazione, nel contempo Margaret McCann, che ha subito la medesima sorte l'anno scorso, presenterà il prossimo 29 settembre le ragioni del processo che ha intentato contro la compagnia Constant & Co. per la distruzione della sua casa, di tutti i suoi averi e per violenza privata.

La stessa compagnia, non potendo accedere a Dale Farm, sta costruendo tutto attorno un vallo di terra alto 4 metri, allo scopo di isolare gli abitanti e rendere loro impossibile muoversi all'esterno dell'area occupata.

Sempre il 29 settembre si terranno diverse manifestazioni contro gli sgomberi in tutta la regione dell'Essex.

*********************************
STOP ETHNIC-CLEANSING
Protest against eviction of Travellers and bulldozer vandalism in rural Essex


Gypsy & Traveller Affairs and National Travellers Action Group
Supported by East Anglia Social Forum


Contact: 01206 523528

email: dale.farm@ntlworld.com
**************************************

 
Di Fabrizio (del 12/09/2005 @ 19:36:55, in casa, visitato 2267 volte)

In questi giorni non ho scritto niente sul referendum a Rho sul campo nomadi, perché non conoscevo nessuno in loco che potesse raccontare qualcosa di più di quello che tutti potevamo sapere dai giornali.

Ho scoperto in ritardo questa persona, seguendo una interessante discussione su ONEMOREBLOG. Ne approfitto per riportare anche qui alcune riflessioni:

Al referendum ha partecipato il 40% degli aventi diritto, che per il 90% hanno votato contro la rilocazione del campo nomadi. Il risultato insomma ricalca gli esiti dei referendum di giugno scorso e conferma come l'attuale quorum del 50% è un grande limite all'uso del referendum come strumento di democrazia diretta. Però, come accade spesso quando non si capisce chi ha vinto, il risultato non scontenta nessuno:

Alle scorse elezioni comunali il centrosinistra vinse a Rho con un programma che prevedeva anche la risistemazione del campo (abusivo) dove i Rom risiedono da decenni. Il referendum proposto dalla Lega, senza l'appoggio delle altre forze del centrodestra, aveva il valore di rivalsa politica, e scontava una serie di limiti, tanto pratici che politici.

Prima di tutto nella sua formulazione: non era (come poteva sembrare) un referendum pro o contro i nomadi, perché avrebbe violato la legge Mancino. Leggo sulla Padania Online:

SE VINCE IL Sì
La variante urbanistica per l’area di via Sesia su cui dovrebbe sorgere il centro di integrazione per i Rom resta deliberativa. Parte l’iter del progetto, che durerà almeno un anno. Poi inizieranno i lavori. Lo stesso accade nel caso in cui non venga raggiunto il quorum.
SE VINCE IL NO
La variante urbanistica decade, con effetto immediato. La delibera dovrà passare poi in consiglio comunale, per la presa d’atto.

Quindi l'alternativa reale era tra risistemare i Rom in maniera più dignitosa (come proposto dalla maggioranza) o tenerli in un'area degradata, nella speranza che in Consiglio comunale passasse il voto (minoritario) di sgomberare l'area. Da tenere anche conto che la maggioranza non era vincolata al risultato referendario. Insomma, dal punto di vista tecnico e politico, un'operazione veramente macchinosa.

A parte le motivazioni politiche, secondo me la Lega ha perso per una questione più pratica. Se i Rom di Rho fossero stati cacciati da dove risiedono da tempo, senza avere un altro posto dove andare, credete che:

  1. sarebbero tornati in India?
  2. avrebbero girovagato nei dintorni in cerca di un altra area dove accamparsi?

Cosa avranno pensato gli elettori leghisti che abitano distanti dall'insediamento attuale? Che l'ennesimo sgombero rischiava di portare quei Rom, nomadi per necessità, proprio sotto casa loro.

E come avranno reagito i leghisti dei comuni limitrofi, al rischio di vedere arrivare le solite carovane di sfollati?

Ho adoperato apposta il termine sfollati invece che di nomadi. Quindici anni di maggioranze di centrodestra a Milano e in Provincia, con i continui sgomberi senza trovare soluzioni rispettose della persona, non hanno affatto diminuito la presenza di Rom sfollati nel Nord Ovest del milanese, hanno solamente aumentato la loro mobilità forzata. La recente vicenda di via Capo Rizzuto, dimostra che anche la legge più rigida, come è la Bossi-Fini, non permette l'espulsione dello straniero con i documenti in regola, al limite concede lo sfizio alle Forze dell'Ordine di accanirsi sulle sue misere proprietà. C'è voluto un cambio di maggioranza in Provincia, per iniziare ad affrontare il problema a livello di area metropolitana.

Affrontare la questione con i referendum comunali, a questo punto, significa solo mettere i cittadini uno contro l'altro, e tutti contro i Rom e i Sinti. Che poi questo succeda tanto nei comuni a maggioranza di destra o sinistra, non cambia niente.

 
Di Fabrizio (del 07/09/2005 @ 23:25:27, in casa, visitato 1570 volte)

Scrivevo il 27 luglio scorso:

Per una volta, buone notizie dalla stampa inglese:
Questa primavera il governo britannico si era impegnato a finanziare quei comuni che avessero individuato nuove aree di sosta per Nomadi e Viaggianti o avessero presentato progetti per rimodernare quelle esistenti. ...

continua

Troppo grazia! Ieri su Dzeno è apparsa la seguente (parziale) rettifica:

I piani per installare sei siti autorizzati alla sosta dei Viaggianti a East Riding nello Yorkshire sono stati scartati, in seguito alla tempesta di proteste che hanno sollevato tra i cittadini e al loro rifiuto di avvantaggiarsi del finanziamento di circa £100,000 stanziato per i primi dei due campi previsti.

Il comune di  East Riding ha individuato diversi siti che potevano servire allo scopo, ma non ha potuto prendere alcuna decisione, che doveva essere accompagnata da consultazioni pubbliche e da un progetto. I residenti delle diverse zone sono entrati in agitazione. Il presidente dell'assemblea comunale, James Johnson, osserva: "Le reazioni variano dall'autentica preoccupazione all'aperta ostilità. I residenti temono anche che installare luoghi ufficiali di sosta diventi una calamita per i Viaggianti".

A questo punto, la mancata individuazione di un'area apposita, potrebbe portare il Governo a considerare prematuro il finanziamento promesso. [...]

 
Di Fabrizio (del 06/09/2005 @ 00:23:28, in casa, visitato 1626 volte)

Dalla mailing list Roma_Francais

Le Monde

Mis à jour le 27.08.05 | 13h27

Venerdì 19 agosto. Si leva l'alba sulle cinquanta carovane che da diverse settimane sono sistemate ai bordi della A5, a Réau, nella città satellite di Sénart (Seine-et-Marne). Si tratta di una bidonville di famiglie rom in corso di sedentarizzazione. Molti di loro hanno ottenuto alloggio e lavoro.

Una squadra della CRS, richiamata dalla prefettura su decisione del tribunale amministrativo, circonda le roulottes e comincia a battere sugli oblò: "In piedi! Tutti fuori!" Circa un centinaio di persone, per la maggior parte donne e anziani, malati di tubercolosi e un centinaio di bambini, sono raggruppati sotto la pioggia battente. Alcuni rifiutano di uscire. 

All'ordine di un commissario, nel fango fa l'apparizione un convoglio di camion coperti. Nel contempo, arriva anche il comitato a sostegno delle famiglie rom, guidato da Yves Douchin, consigliere municipale a Cesson, un comune vicino. Inizia la discussione col commissario. Un poliziotto confida: "Fare questo, non è il mio mestiere."

Si cominciano a caricare le carovane, due per ogni camion. Il convoglio si mette in moto. La destinazione non viene fornita alle famiglie, che vedono allontanarsi il loro unico bene. Non si conoscono gli ordini precisi della prefettura, escluso il "liberare il terreno".

La teoria di camion si ferma sull'Essone, nel villaggio di Tigery, ai margini di un campo falciato di fresco., dove sono già state depositate una ventina di carovane dal primo viaggio. Messo già in allarme, il comune di Tigery reclama il sostegno della Gendarmerie perché si interponga. Una vivace discussione costringe il commissario a richiamare i camion.

Stavolta si ritorna nella Seine-et-Marne, a Sénart, per la precisione nel comune di Moissy-Cramayel dove, senza ulteriori discussioni, si ricomincia a scaricare le carovane. Qui i legittimi proprietarie delle stesse, accorsi con le macchine del comitato di sostegno, scoprono il loro futuro: "un sito di grande passaggio" destinato al soggiorno breve.

Qui non vogliono rimanerci a lungo e nuovamente riprende la parola il comitato di sostegno, tramite un mediatore; obbligando la prefettura ad improvvisare nuovamente. La decisione è presa: si ritorna al punto di partenza. E ormai notte inoltrata quando i camion, tutti scortati, lasciano il loro carico a Réau, su un nuovo appezzamento.

Le famiglie, che bene o male, hanno seguito tutto il percorso, sono spossate e spaesate per la giornata. Mancano sei carovane all'appello, "disperse" nel corso dell'operazione. I loro occupanti devono trovare accoglienza presso quel che resta dell'accampamento.

Yves Douchin, che sta meditando di restituire la sua Legion d'Onore, parla di un atto di "pirateria amministrativa". "La prefettura non ha mai capito niente" si agita "E' sempre pronta nel ripetere i tragici errori del passato. Sempre nel nome della legge e senza la minima nozione di umanità".

La prefettura ritiene che l'obiettivo dell'operazione sia stato raggiunto: il terreno occupato dalle famiglie è stato liberato.

Jean-François Caltot

© 2004 - 20 Minutes France

Grand Lyon 
I Rom condannati a vagabondare

Mardi 30 août 2005 

Cambiano i luoghi, ma non la scena. Da diverse settimane, un centinaio di Rom vivono in una nuova bidonville, questa volta a Vénissieux, su un terreno agricolo di Puisoz, a due passi dal centro commerciale e dalla periferica.

Originari della Moldavia e della Bosnia, questi richiedenti asilo abitano in carovane o in rifugi costruiti con materiali di recupero. Una trentina sono qui da primavera, dopo lo sgombero di Chassieu. Il proprietario del terreno sinora ha acconsentito. Il tribunale ha dato loro il termine del 30 novembre per partire.

Altri richiedenti asilo, provenienti da altri accampamenti provvisori sgomberati, si sono stabiliti qui durante l'estate. Di fronte alle condizioni sanitarie del luogo, il sindaco di Vénissieux, André Gerin (PCF), ha scritto al prefetto e al presidente della Grand Lyon perché non si crei una "nuova Surville". Nel 2004, due ragazze erano morte per un incendio accidentale delle loro roulottes nella bidonville di Surville a Gerland (7e), il campo fu evacuato qualche mese più tardi per l'insorgere di emergenze sanitarie (rif. http://www.20minutes.fr/journal/lyon/article.php?ida=19996 ndr). L'accampamento di Vénissieux dispone già di un attacco per l'acqua."E sarà raccolta l'immondizia", assicura Emmanuel Mejias, incaricato della prevenzione e sicurezza, che spera "una riflessione a livello intermetropolitano e statale, per evitare che i Rom vaghino da un comune all'altro nell'est lionese"."Ci sono aree apposite per i richiedenti asilo, ma non nella regione del Rodano, che è già satura. Ma non intendono lasciare Lione", risponde la prefettura.

 
Di Fabrizio (del 04/09/2005 @ 01:03:28, in casa, visitato 1773 volte)

Dalla mailing list Bulgarian_Roma

Il comune di Sofia ha annunciato l'intenzione di demolire 25 case nel quartiere periferico di Hristo Botev, e di volere procedere con iniziative simili in altri quartieri della cintura urbana.

Sono i quartieri più poveri, con una forte presenza Rom. Il comune ha motivato la decisione con l'intenzione di combattere l'abusivismo edilizio. La decisione non è certamente improvvisa, ma sinora era stata rimandata per diverse ragioni, che tutt'ora non sono risolte. 

  • La prima riguarda il destino degli abitanti, che non hanno altra possibilità se non di finire in mezzo alla strada.
  • In secondo luogo l'illegalità edilizia in Bulgaria è un fenomeno largamente diffuso da anni, che riguarda tanto gli slums delle periferie che i grandi e piccoli complessi alberghieri sulla costa

Il governo già dal 1999 aveva preso l'impegno di risanare i quartieri ghetto, e aveva coinvolto diverse associazioni in progetti che riguardavano a fornitura di corrente elettrica, acqua potabile, scuole e servizi. Progetti che verranno forzatamente interrotti da questa nuova svolta.

Le motivazioni degli sgomberi sono dettate dagli appetiti finanziari ed immobiliari, ma anche dal nuovo quadro politico che sta determinandosi in Bulgaria, dopo il recente successo elettorale della coalizione ultranazionalista Ataka e i difficili tentativi di formare una compagine governativa.

La situazione casa è grave in tutto il paese. Dopo gli alluvioni che hanno colpito tutto l'Europa dell'Est, sono migliaia i Rom che nei piccoli paesi isolati si sono trovati senza casa. Interi villaggi sono stati cancellati dalle piogge. E già nel tormentato quadro politico della Bulgaria fioccano le polemiche sugli aiuti destinati alla ricostruzione, con il partito Ataka che tuona contro i fondi che sarebbero destinati alla ricostruzione dei villaggi Rom.

FONTI VARIE

 
Di Fabrizio (del 22/08/2005 @ 23:17:10, in casa, visitato 3694 volte)
Segnalano Ana Oprisan e Cemil Akmaca [0090-(0)536 2896908] in Roma_Rights
che i Rom del quartiere Yaha Kemal di Kagithane (vicino Istanbul) stanno per essere sgomberati, senza una soluzione alternativa. Sono coinvolte 70 - 80 famiglie, circa 600 persone.
La zona coinvolta una volta era un distretto industriale, ma le fabbriche ora sono chiuse o trasferite altrove. La decisione dello sgombero è stata caldeggiata dall'acquedotto municipale (ISKI) e da un club sportivo.
 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


27/10/2021 @ 16:04:04
script eseguito in 63 ms

 

Immagine
 popoli e idee in movimento... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 356 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
    
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021
Maggio 2021
Giugno 2021
Luglio 2021
Agosto 2021
Settembre 2021
Ottobre 2021

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
LOAN OFFER TO SERIOUS PEOPLEDo you need a quick lo...
20/10/2021 @ 13:32:11
Di patiala
OFFERTA DI PRESTIT0 GRATUITO klauscampregher21@gma...
14/10/2021 @ 14:28:34
Di klauscampregher
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source