Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Pagine di dialogo e (forse) per iniziare a conoscersi

-

\\ Mahalla : VAI : Europa (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 17/11/2006 @ 09:55:34, in Europa, visitato 1414 volte)

STRASBURGO - L'8 novembre scorso le comunità dell'etnia Rom e dei gruppi nomadi in Europa hanno chiesto la progettazione di una Carta Europea che garantisca una migliore protezione contro la discriminazione.

"L'etnia della minoranza Rom è frequentemente vittima di discriminazioni in molti stati europei, per quanto riguarda l'accesso alla scolarizzazione, ai servizi medici o ai posti di lavoro," dice Rudko Kawczynski, presidente del Forum Europeo per l'Etnia Rom e i Gruppi Nomadici, durante un seminario organizzato dal Consiglio d'Europa. Circa 80 delegati di tutta Europa hanno illustrato l'aggravarsi della situazione per l'etnia Rom in alcuni paesi dell'Europa Orientale, come la Slovacchia o la Repubblica Ceca. "Le donne temono la sterilizzazione forzata, intere famiglie sono soggette a spostamenti forzati," dice Kawczynski.

La situazione è ancora peggiore nel Kosovo, dove 20.000 Rom sono stati cacciati "proprio di fronte agli occhi dei membri della Forza di Peacekeeping, o KFOR," aggiunge Kawczynski.

Circa 14 milioni di Rom vivono nei 46 paesi d'Europa, solo l'1% rappresenta gruppi nomadici.

Il Forum Europeo per l'Etnia Rom e i Gruppi Nomadici fu fondato nel 1991 e combatte l'alienazione dell'etnia Rom, richiedendo "un miglior uso dei fondi EU" rivolti a questa minoranza.

Fonte: Roma_Daily_News

 
Di Fabrizio (del 16/11/2006 @ 10:07:31, in Europa, visitato 1131 volte)

BUCAREST - Circa 200 attivisti hanno marciato per la capitale il 10 novembre, per protestare contro le discriminazioni di razza, disabilità, genere oppure orientamento sessuale.

I partecipanti "inclusi supporters dei diritti umani, attivisti per la libertà di informazione ed anarchici" portavano uno striscione con lo slogan "Tutti differenti, tutti uguali."

Sono anche state commemorate le vittime della persecuzione nazista, quando i manifestanti hanno fatto tappa al monumento delle vittime dell'Olocausto. "La Romania deve assumersi la responsabilità dei crimini commessi 60 anni fa... Non ce n'è traccia nei libri di storia," dice Razvan Martin, uno degli organizzatori.

Nel periodo della guerra, il governo filo-nazista del maresciallo Ion Antonescu fu responsabile della morte di 280.000 - 380.000 Ebrei, ed oltre 11.000 Rom.

Dopo decadi di negazione del ruolo assunto dal paese nell'Olocausto, il governo ha riconosciuto nel 2004 la responsabilità dei crimini passati.

I dimostranti hanno anche letto un appello richiamante il rispetto delle minoranze.

Dice Martin "Rimane un'enorme discriminazione e marginalizzazione sui Rom e gli omosessuali in Romania."

La polizia ha fermato una trentina di persone, apparentemente tifosi di calcio, che hanno provato a fermare la manifestazione.

Fonte: Romanian_Roma

 
Di Fabrizio (del 13/11/2006 @ 10:12:55, in Europa, visitato 2637 volte)
Bambini a Salcuzza

Salcuzza è la patria di molti Rom musicisti

Il terreno è argilloso e serve alla fabbricazione di mattoni, impastati e messi a seccare. Il processo dura oltre un mese


Casa di Tintareni

il padrone di casa
L'accoglienza dentro la casa

Il soffitto e il lampadario

Strehaia sorge in una zona mineraria, dove ci sono miniere d'oro. I Rom lavoravano nelle miniere e commerciavano l'oro. La privatizzazione delle miniere ha spopolato la regione. Ora si vive delle rimesse dall'estero. Le case dei Rom sono la testimonianza della passata ricchezza. Alcune vedute di Strehaia:

Il Parlamento di Bucarest, dove siamo stati ricevuti da un deputato Rom e abbiamo raccontato la nostra esperienza

Grazie a Licia Brunello per le foto e la collaborazione. Chi volesse, può richiedere le foto in formato originale (in formato zippato 4065Kb).

Il racconto del viaggio

 
Di Fabrizio (del 13/11/2006 @ 10:12:49, in Europa, visitato 1620 volte)

Un viaggio tra le pieghe dell’anima - di Licia Brunello

Un lungo viaggio, quello organizzato dalla Casa della Carità, non solo per i chilometri percorsi e le ore passate sul “Panbus” sapientemente condotto da Don Massimo Mapelli, ma soprattutto per le profonde implicazioni socio-emotive che hanno visto questo gruppo spettatore-protagonista di una realtà dicotomica: la “Romania rumena” poliedrica e spesso contraddittoria, e la terra dei Rom che lì vivono stanzialmente da oltre sette secoli.

Trenta persone tra operatori sociali, educatori, giornalisti, sindacalisti e musicisti della “Original Rom Big Band”, sbatacchiati sulle strade sconnesse della Valacchia, pronti a carpire, conoscere, respirare le mutevoli arie di questi luoghi, per la gran parte fermi nel tempo.

Villaggi di 800 anime costruiti con terra e paglia, in mezzo a campagne abbandonate senza alcuna possibilità di lavoro, ma con una scuola ben attrezzata che accoglie tutti i bambini, Rom e Rumeni, che abitano nei dintorni. Carretti trainati da cavalli, e Porche Cayenna parcheggiati fuori dalle abitazioni stile “Mille e una notte” del villaggio dei Rom Aurari di Strehaia, che ostentano i loro sorrisi d’oro. Sorrisi di bimbi a piedi nudi, che dormono in ricoveri per animali e ti tengono per mano stretti stretti, quasi a voler sancire il possesso di una calda carezza; cumuli di mattoni venduti per pochi bani, unica fonte di sostentamento delle famiglie Rom di Tintareni, decimate dall’emigrazione degli uomini più giovani e forti in cerca di futuro in terra italiana.

Il bus viaggia, attraversa terre e confini; alcune frontiere sono ostili e difficili da attraversare, così come nell’animo dei suoi passeggeri si accavallano e tracimano sensazioni, emozioni, sentimenti, alcuni noti, altri inattesi, altri ancora misteriosi, difficili da riconoscere, da attraversare e far propri.

Scorrono i fiumi ai cui margini sostano cavalli e candidi greggi come scorrono i giorni che si imprimono nella memoria di questi trenta viaggiatori affamati di umanità.

Nell’enorme palazzo di Ceausescu sede del Parlamento Rumeno, secondo per grandezza solo alla Casa Bianca e costato la vita a migliaia di rumeni, il partito dei Rom, prima minoranza in Romania, ci riceve per stabilire un primo contatto. Lo stile, le parole, gli abiti, poco hanno a che fare con i Rom che conosco, ma una frase riferita al progetto di accoglienza messo in atto dalla Casa della Carità nell’estate del 2005 per offrire riparo ai Rom sfrattati da Via Caporizzuto, mi fa ricredere: grazie per quello che avete fatto, così ne arriveranno molti, molti di più da voi. La schiettezza, con cui sono state pronunciate queste parole ha fugato ogni mio dubbio sull’appartenenza di questo ministro all’etnia meno diplomatica che ho conosciuto.

A tratti sembra di approdare in porti sicuri; a Bucuresti alcune autorità parlano di un processo di sviluppo che ormai ha risolto la maggior parte dei problemi; l’Europa alle porte sarà garanzia per una “buona omologazione” agli standard occidentali; ma gli occhi vedono realtà ben più complesse ed inique e l’anima si strappa nel bisogno intimo di fare qualcosa.

Lo scopo del viaggio è raggiunto. Ora si tratta di dar seguito al proposito. In questo si evidenzia la differenza tra uomo e Uomo.

“Ciò che conta non è l’enormità del compito da svolgere, ma la grandezza del coraggio”

Matthieu Ricard


Segue il racconto fotografico del viaggio. Da non perdere

La Original Rom Big Ban è disponibile per feste, matrimoni, eventi.
E' uscito il loro primo CD. Richiedetelo
DA ASCOLTARE: Comincia lento e poi parte, come una toccata e fuga. E' il pezzo con cui aprono i loro concerti

 
Di Fabrizio (del 10/11/2006 @ 10:01:22, in Europa, visitato 1501 volte)

European Roma and Travellers Forum - Press Release

L'allargamento EU e la situazione dei diritti umani in Kosovo sono stati i principali temi della seconda Assemblea Plenaria che si è tenuta a Strasburgo presso il Palazzo d'Europa dal 6 all'8 novembre. Oltre 60 delegati dalla maggior parte degli stati membri hanno preso parte all'incontro assieme ai rappresentanti delle principali organizzazioni Rom europee ed internazionali.

Il primo giorno ha contemplato una cerimonia d'apertura ufficiale [...] seguita da una cerimonia commemorativa delle vittime dell'Olocausto, presso il memorial di fronte al Palazzo del Consiglio d'Europa, alla presenza dei Rom sopravvissuti e del rabbino capo di Strasburgo.

Il secondo giorno è stato dedicato alla situazione dei diritti umani in Kosovo. L'ex incaricato per il Kosovo, Marek Nowicki, uno dei rari rappresentanti della comunità internazionale a parlare della sua esperienza e contro la discriminazione dei Rom nel Kosovo.

L'accesso in EU di Romania e Bulgaria, entrambe con un'importante popolazione Rom, si tradurrà in un forte incremento del numero dei Rom in EU. Il Forum rimane preoccupato perché l'accesso non ha portato un reale miglioramento sulla situazione dei Rom ed in alcuni casi come in Slovacchia, si registra un deterioramento. Altra preoccupazione è data dal crescere di nuove barriere in Europa [...]

Formatosi nel 2004, il Forum Europeo dei Rom e Viaggianti è l'organizzazione ombrello che rappresenta le organizzazioni che difendono gli interessi dei Rom e le loro preoccupazioni attraverso l'Europa. L''organizzazione vanta il supporto e il riconoscimento del Consiglio d'Europa, con cui ha firmato un accordo di partnership. La Seconda Assemblea Plenaria dovrebbe definire le linee guida politiche er il 2007 e chiamare le istituzioni internazionali e i governi nazionali ad agire per un cambio reale.

For further information and interviews please contact:
European Roma and Travellers Forum
c/o Council of Europe
F – 67 075 Strasbourg
Tel.: 00 33 3 90 21 53 50/4331

 
Di Fabrizio (del 08/11/2006 @ 10:52:24, in Europa, visitato 1350 volte)

FOCSANI - L'ex Ministra per la Sanità, Daniela Bartos, ha consultato lo scorso 28 ottobre, 50 donne Rom nella città di Marasesti, nella provincia di Modruzeni.

Daniela Bartos è arrivata a Modruzeni, una delle più importanti comunità Rom della regione Vrancea, accompagnata dalla Segretaria di Stato, Mariea Ionescu, presidente dell'Agenzia Nazionale per l'Etnia Rom.

"L'agenzia Rumena che dirigo sviluppa esclusivamente programmi per le donne - Con noi, tra di noi, su di noi, donne - Il programma intende analizzare lo stato di salute delle donne rom e di conseguenza creare una strategia sanitaria per l'etnia." dice la Segretaria di Stato.

Il progetto esaminerà la situazione sanitaria delle Romnià in dieci città.

Fonte: Romanian_Roma

 
Di Fabrizio (del 07/11/2006 @ 10:33:09, in Europa, visitato 1530 volte)

Roma, 5 novembre 2006 - E' cominciato questa mattina dall'aeroporto di Fiumicino il ''viaggio della Memoria'' per 230 studenti delle 57 scuole superiori romane, accompagnati dal sindaco di Roma Walter Veltroni, che li portera' a visitare il campo di sterminio nazista di Auschwitz. Il volo dell'Alitalia, diretto a Cracovia, e' decollato poco prima delle 10.30.
Tra gli studenti ci sono quattro ragazzi islamici, di origine marocchina, e, per la prima volta, anche quattro studenti della ''Scuola Germanica'' e tre ragazzi Rom, che vedranno i luoghi in cui furono sterminati migliaia di zingari.
La visita ad Auschwitz si ripete da cinque anni, da quando e' iniziato il progetto ''Noi ricordiamo'', promosso dal sindaco, dall'assessorato alle politiche educative del comune, dalla Comunita' ebraica di Roma, in collaborazione con l'Associazione Nazionale ex Deportati. Con tale progetto, oltre 10mila ragazzi e ragazze hanno seguito percorsi di studio, ricerca e di approfondimento sugli avvenimenti storici legati alla Shoah.
 
Di Fabrizio (del 06/11/2006 @ 10:01:21, in Europa, visitato 1158 volte)

2 novembre 2006 - 13.59 I nomadi in Svizzera sempre più allo stretto

I difensori degli zingari chiedono un piano d'azione contro la discriminazione dei nomadi. Secondo loro, la situazione è peggiorata e il recente rapporto pubblicato dal governo propone misure insufficienti.

l problema più acuto, rileva la Commissione federale contro il razzismo, riguarda lo stazionamento dei nomadi. Mancano in effetti decine di aree di transito e di sosta.

"Nel nostro paese i nomadi con e senza cittadinanza svizzera subiscono discriminazioni. La Costituzione svizzera e il diritto internazionale sanciscono l'obbligo di non discriminazione; eppure negli ultimi anni il problema dello stazionamento dei nomadi si è leggermente acuito."

Lo sostengono la Commissione federale contro il razzismo (CFR) e la fondazione "Un futuro per i nomadi svizzeri", che giovedì hanno chiesto un'azione determinata per eliminare le discriminazioni nei confronti dei gitani.

Il problema principale resta la mancanza di aree d'accoglienza, hanno sottolineato le due organizzazioni.

Proposte insufficienti
In un rapporto presentato a metà ottobre, lo stesso governo svizzero ha del resto riconosciuto che la rete attuale è insufficiente. Oggi esistono 12 aree di sosta e 44 di transito. Per rispondere ai bisogni dei nomadi svizzeri bisognerebbe creare altre 29 aree di sosta e 38 di transito. Inoltre, sarebbero necessarie ancora una decina di grandi aree di transito per gli zingari stranieri.

Il Consiglio federale non ha però ritenuto necessario modificare la legge sulla pianificazione del territorio, stimando che quella attuale offre già possibilità sufficienti per creare aree di sosta, e ha rinunciato a stanziare mezzi finanziari supplementari.

Le proposte presentate nel rapporto per migliorare la situazione non sono soddisfacenti, hanno deplorato la fondazione e la CFR.

Il Tribunale federale ha sancito che i cantoni devono mettere a disposizione un numero sufficiente di aree per i nomadi, ma nella realtà ciò non avviene.

Volontà politica
I motivi sono la mancanza di coraggio e di volontà politica a livello comunale, cantonale e federale, la penuria di incentivi politici e finaziari e i pregiudizi della popolazione, sostengono le due organizzazioni.

"In Svizzera abbiamo il diritto di viaggiare, ma non di fermarci", ha riassunto il rappresentante dei nomadi svizzeri May Bittel.

Per correggere il tiro in maniera "sistematica e sostenibile", la fondazione e la CFR chiedono al Consiglio federale di elaborare insieme alla Conferenza dei governi cantonali e alla Conferenza svizzera dei direttori delle pubbliche costruzioni, della pianificazione del territorio e dell'ambiente un piano d'azione.

Mettere a disposizione i terreni dell'esercito – nei prossimi anni ne saranno venduti circa 10'000 – può essere una prima risposta, ha indicato il presidente della fondazione Werner Niederer. Sul lungo termine, però, anche i cantoni devono prendere delle iniziative, ha aggiunto.

Incentivi finanziari
Un'altra rivendicazione è che i nomadi possano installarsi legalmente per qualche giorno in ogni comune, anche al di fuori delle aree ufficiali. Le autorità devono rinunciare ad intervenire contro le persone che si stabiliscono su suolo privato quando il proprietario è d'accordo.

Per rendere possibile la creazione di aree adeguate, la Confederazione deve inoltre creare un sistema d'incentivi finanziari. Senza un sostegno federale, l'operazione rimarrà di competenza dei cantoni e dei comuni, "con i risultati poco concludenti che sappiamo", ha osservato ancora Niederer.

La fondazione e la CFR sperano che la situazione migliori nettamente nei prossimi cinque anni. In caso contrario bisognerà trovare una soluzione vincolante a livello federale, ossia una legge che obblighi a procedere ai cambiamenti necessari entro un termine stabilito.

Dei miglioramenti si impongono, poiché le condizioni di vita precarie di questa minoranza sono contrarie al diritto svizzero e internazionale, ha dal canto suo ricordato il presidente della CFR Georg Kreis.

swissinfo e agenzie

 
Di Fabrizio (del 01/11/2006 @ 10:25:09, in Europa, visitato 1525 volte)

I cugini.... Les Rroms acteurs

Occupazione d'un'agenzia EDF a Saint-Denis | 29 octobre 2006 (EDF è come l'ENEL ndr)

A seguito della decisione d'espulsione comuicata ai Rroms che abitano in un locale abbandonato appartenente all'EDF a Sain-Ouen, èseguita la reazione degli occupanti, sostenuti dall'associazione "La voix des Rroms" e dal comitato locale d'appoggio. La decisione presa il 12 ottobre scorso, lasciava 2 giorni agli occupanti per lasciare i locali. E' stata notificata in francese agli interessati in francese il 14, cioè il giorno stesso in cui scadeva il termine [...]

Questa la lettera che assieme abbiamo redatto:

Saint-Ouen, le 27 octobre 2006 - Lettera al responsabile del servizio di contenzioso di EDF

Signore e Signori

Siamo un gruppo di Rroms, e il Tribunale di Saint-Ouen ci intima di lasciare l'immobile che occupiamo da diversi mesi, situato al 21 di rue Ardoin. Teniamo ad informarvi che non possiamo conformarci a questa decisiome, per evidenti ragioni. In effetti non abbiamo alcun altro luogo dove andare, senza parlare dei bambini che vanno a scuola e che hanno bisogno di un posto umanamente parlando per fare i loro doveri, o ancora delle persone ammalate per cui un riparo è ancora più essenziale che per gli altri.

Teniamo ad informarvi che dalla nostra installazione in questo immobile, abbiamo fatto tutto il possibile perché non si degradasse e che continueremo i nostri sforzi in questo senso per tutto il tempo che ci rimarremo.

Noi  occupiamo in questo momento un'agenzia EDF e siamo determinati a prolungare questa azione sino a quando non otterremo un impegno chiaro e fermo da parte vostra nel non richiedere l'esecuzione forzosa della decisione d'espulsione nei nostri confronti. Ne va del rispetto dei nostri diritti più fondamentali come dell'immagine di servizio pubblico che compete a EDF.

Per due ore abbiamo atteso un responsabile che venisse a discutere con noi. E' stato preceduto dalla polizia, me nel compenso, con loro non ci sono stati problemi. Hanno deciso di presidiare lo spiazzo davanti all'agenzia sino alla fine della decisione e di giocare un ruolo di intermediari, anche se a noi non sembra necessario.

********

Una delegazione composta da rappresentanti delle famiglie, da "La voix des Rroms", dal comitato di sostegno e da "solidarité sans papiers 93" che ci hanno raggiunto, ha discusso col rappresentante di EDF. Abbiamo richiesto la sospensione dell'espulsione alla fine dell'inverno, ma questa richiesta non è stata accettata. Il rappresentante di EDF ci ha proposto un nuovo incontro martedì 31 ottobre, dopo una consultazione con gli altri responsabili dell'impresa, per calcolare quanto tempo ancora i Rroms potranno rimanere in luogo, sapendo che ladilazione sarà più breve del termine dell'unverno.

A suivre donc...

 
Di Fabrizio (del 31/10/2006 @ 20:00:11, in Europa, visitato 1881 volte)


E' uscito l'aggiornamento di ottobre 2006 di PICUM.org con le notizie e l'evoluzione politica riguardanti i diritti sociali fondamentali degli immigranti non documentati in Europa. Disponibile nel formato Word nelle seguenti lingue: inglese, tedesco, olandese, spagnolo, francese, italiano e portoghese.

 

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


07/04/2020 @ 17:54:39
script eseguito in 63 ms

 

Immagine
 Dale Farm: The Big Weekend... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 3097 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2020 >
L
M
M
G
V
S
D
  
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
BuongiornoStai cercando un prestito per far rivive...
01/04/2020 @ 08:38:18
Di DIDIER
BuongiornoQuesto messaggio è per gli individui, ch...
01/04/2020 @ 08:37:22
Di FRANCO
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2020 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source