Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Blog INDIPENDENTE di informazione e divulgazione

-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 01/05/2012 @ 09:37:40, in lavoro, visitato 1789 volte)

Da Hungarian_Roma

Reuters By Marton Dunai
Budapest, 24/04/2012 - Se pensate che le parti riproduttive del suino non possano finire nel menu di un ristorante chic, ripensateci

Per un ristorante aperto di recente nella capitale, le tube di Fallopio, da secoli consumate solo dalla minoranza rom del paese, sono davvero una prelibatezza.

Il ristorante, nascosto in una zona gentrificata dell'area interna di Budapest, in un edificio centenario e fatiscente, va sotto il nome di Romani Platni, che in lingua romanì significa stufa rom.

Parte sede del ristorante e parte esperimento sociale, intende aprire la cucina rom agli Ungheresi, ed aprire gli Ungheresi ad una migliore comprensione dei Rom, che sono stati fraintesi e discriminati per generazioni.

Strano lavoro intestino che intende sfidare percezioni radicate, dice Sandor Orsos, 36 anni, che guida il progetto.

"Abbiamo cercato con grande impegno di evitare gli stereotipi e cucinare come faceva mia nonna," ha detto di recente, mentre cucinava per 16 coperti. "Si pensa che la gente fugga urlando sentendo parlare di ovidotti (tube di Fallopio). Ma un gruppo è tornato appositamente per quel piatto."

Così ce l'hanno fatta. Richieste ad un macellaio di fiducia e ripulite, le tube sono state cucinate con aglio, poi tagliate a pezzetti e fritte con pancetta sin quando non si arricciano.

"E' nutriente come il maiale, ed ha un sapore squisito," dice Orsos. "La consistenza ricorda il pollo; io non sono un grande mangiatore di maiale, ma questo piatto mi piace molto."

Il cibo è un modo come un altro di comprensione culturale, e mentre la gente viaggia in paesi esotici e rinuncia ai propri costumi per avvicinarsi a cucine poco conosciute, hanno conoscenza zero o quasi  dei loro vicini, continua.

Romani Platni intendeva favorire ciò a livello locale. Ha aperto lo scorso febbraio grazie ad un piccolo contributo dell'Open Society Institute, ad un  gruppo di volontari e ad una mezzo dozzina di romnià locali in cucina.

Tramite il suo recente blog, Orsos ha invitato un gruppo selezionato di amici e amanti dell'eno-gastronomia per un primo pranzo, e per segnalare la cosa ai media. Dice che avrebbe servito cena ogni sera che il posto, un centro giovanile convertito con una piccola cucina, con pochi tavoli e una libreria, fosse stato pieno.

L'idea è decollata più velocemente di quanto chiunque, organizzatori compresi, avesse previsto.

Le cene settimanali di Romani Platni vengono prenotate con un mese d'anticipo, e hanno avuto così successo che Orsos ha cominciato ad accarezzare l'idea di tenere aperto tutti i giorni.

CAVOLO RIPIENO, MAIALE A PEZZI

"La gente è molto contenta di questi piatti," dice la capo-cuoca Malvin Nemeth, o zia Malvina, una piccola romnì di 60 anni con un sorriso pieno di rughe ed una voce arrocchita da decenni di sigarette a catena. "Prima abbiamo iniziato con cavolo ripieno, braciole di maiale con pomodoro e peperoni, e patate hanuska (gnocchetti)."

Hanuska è ancora in menu, e zia Malvina torna a bagnare le patate grattugiate e le pepite di farina in grasso d'oca e cipolla fritta: uno stomaco pieno apre il cuore, dice.

"I miei vicini avevano l'abitudine di venire a chiedermi, zia Malvina, cosa stai friggendo?" dice. "Facevo assaggiare, ed eravamo amici. Eravamo buoni vicini... Questi (gli ospiti), non conoscono la cucina zingara, ma sono (anche) curiosi su cosa è."

Nel menu di sabato c'erano verdure al vapore con maiale affumicato, hanuska con braciole di maiale all'aglio (Ganca), e pasta fritta nel burro e servita con mollica di pane vanigliato e pesche al miele cristallizzato.

"Il cibo rom è molto semplice e pulito," dice Orson. "Oggi bio è sulla bocca di tutti , ed il nostro menu lo è di sicuro. Per i rom è sempre stato così: uscire per boschi, prendere qualcosa di selvatico, friggerlo e mangiarlo col pane.

"Roba semplice, nutriente, non troppo piccante. Le spezie sono costose ed i Rom sono sempre stati troppo poveri per usarle."

Quando i clienti arrivano, Orsos mette musica rom dal suo smartphone, ed il locale si riempie improvvisamente di allegria, calore e tranquilla curiosità.

Aspettavo un'iniziativa simile da tempo," dice Nora Szabolcsi, 33 anni, esperta di finanza.

"Ho convinto i miei amici, che c'era qualcos'altro oltre alla musica di cui i Rom potessero andare orgogliosi. Inoltre, mi piacciono le braciole di maiale. Le verdure al vapore potrebbero essere un rischio, staremo a vedere.

A metà pasto, sorridente alza il pollice, e gli altri ospiti, alcuni dei quali si erano portati il vino da casa, poco a poco si rilassano. Il chiacchiericcio cresce. Qualcuno prende un assaggio delle sue braciole di maiale.

"Per la maggior parte del pasto li lasciamo da soli," dice Orsos. "Poi gli ospiti vengono e spesso chiacchierano con le donne che hanno cucinato. Chiedono le ricette e si complimentano, alla fine vanno a casa. Raramente è una faccenda lunga."

Non è molto, aggiunge. Ma è un inizio.

(Reporting by Marton Dunai, editing by Paul Casciato)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 02/05/2012 @ 09:34:08, in Europa, visitato 1265 volte)

ombre corte


Andrea Mochi Sismondi
Confini diamanti
Viaggio ai margini d'Europa, ospiti dei rom
pp. 254
€ 20,00
isbn 978-88-97522-21-8

il libro
Sutka, in Macedonia, è l'unica Municipalità al mondo in cui i rom sono in maggioranza. Hanno un loro Sindaco e un loro canale televisivo. Una coppia di italiani si imbatte nella comunità, si trovano a camminare per i suoi vicoli dissestati con il fiato sospeso, si sentono ridicoli e fuori luogo spingendo a fatica il loro passeggino Chicco con gli occhi sgranati. Eppure decidono di tornare. Per viverci. Insieme al loro bimbo ribaltano il rapporto: come migranti al contrario si fanno stranieri tra chi ovunque è straniero. Questa inversione permette loro di partecipare alle lunghe discussioni tra i membri della comunità, seguirne i rituali, confrontare i paradigmi, cercare di capire, fino a essere sostanzialmente adottati da una famiglia rom. L'autore racconta in prima persona l'evolversi di questo percorso, il progressivo svelarsi davanti ai suoi occhi di quella human network che da Sutka si dirama in tutta Europa lungo le strade dei familiari partiti. Incontro dopo incontro, i preconcetti portati inconsapevolmente dall'Italia - buonisti o razzisti che siano - sbattono contro la realtà, dimostrandosi insufficienti a comprendere la complessità di ciò che si mostra. Ciò che traspare è un'opzione aperta: la possibilità di concepire l'esistenza individuale, la pratica politica e la stessa Storia in un altro modo. Un modo diverso, che non nasconde le sue contraddizioni e le sue miserie, ma evoca potenzialità spesso inespresse o in molti modi tarpate.

l'autore
Andrea Mochi Sismondi (1977) lavora come attore e drammaturgo. Parallelamente collabora allo sviluppo di forme innovative di comunicazione pubblica con il Forum della Pubblica Amministrazione di Roma. Ha trattato il tema dei rom e dell'identità europea negli spettacoli - scritti con Fiorenza Menni - Comune Spazio Problematico e Hello Austria. Europa 2011.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Sucar Drom (del 02/05/2012 @ 09:53:54, in blog, visitato 1222 volte)

Mantova, teatro e musica contro il razzismo
Chitarra manouche, poesia e un buon bicchiere di vino rosso: l'atmosfera giusta per musica e teatro, in occasione della European Action Week Against Racism, la settimana europea contro il razzismo. L'Associazione Sucar Drom in collaborazione con Arci Tom, presenta lunedì 26 marzo alle ore 21 una...

La fabbrica della paura. Media e immigrazione
E se la paura nascesse in redazione? Se alla base dei nostri timori ci fosse proprio l’uso di parole come "vu cumprà" e "clandestino" o la scelta di raccontare l’immigrazione in modo bellico, come "invasione" e "assedio"? E’ un dubbio inquietante ma che vale la pena di affrontare come ha fatto Giulio Di Luzio, giornalista e collaboratore...

8 aprile 2012, 41a Giornata Mondiale dei Sinti e dei Rom
DESIDERIO Solo il tuo cuore ardente e niente più. Il mio paradiso un campo senza usignolo né lire, con un fiume discreto e una fontanella. Senza lo sprone del vento sopra le fronde né la stella che vuol...

Sgomberi forzati e strani roghi
E’ ancora successo. E’ stranamente andato in fiamme l’insediamento rom di via Sacile a Milano, all’alba di ieri. Nel silenzio generale. Come nel caso del recente incendio del campo del Parco della Marinella a Napoli, anch’esso valutato "accidentale" (malgrado fosse avvenuto a poc...

Vicini e Distanti, cronache da via Idro
Questa mattina è arrivato all'Istituto di Cultura Sinta il libro "Vicini e Distanti, cronache da via Idro" di Fabrizio Casavola, curatore di Mahalla. Il libro è una cronistoria lucida ma appassionata della "vita pubblica" di alcune famiglie italiane, appartenenti alla minoranza linguistica non riconosciuta dei rom harvati, che vivono a Milano in via Idro, in zona nord-est praticamente al termine di via Padova, non lontano dalla tan...

Svizzera, la copertina razzista del Weltwoche
La foto pubblicata sulla copertina del Weltwoche non ha alcuna relazione con la Svizzera: venne scattata nel 2008 nella città di Đakovica (in albanese Gjakovë), in Kosovo, dal fotografo italiano Livio Mancini. È stata venduta a Weltwoche da un’agenzia che ha poi criticato l’uso fatto dal gio...

Castiglione delle Stiviere (MN), i Sinti invitano i Candidati alla elezioni a Sindaco
L'associazione Sucar Drom (bella strada, in lingua sinta) negli ultimi vent'anni ha promosso la partecipazione politica dei Cittadini italiani, appartenenti alle minoranze storico - linguistiche sinte e rom...

Alla scoperta dei rom d’Europa
"Siamo in Europa? Vorremmo sapere dove ci troviamo. Se siamo in Europa, perché viviamo nel fango, perché non ci sono strade normali?" Il miglioramento delle condizioni di vita dei rom, la loro inclusione sociale e la lotta alla discriminazione incalzano nell’agenda dei Paesi europei...

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/05/2012 @ 09:23:17, in casa, visitato 1188 volte)

Da Bulgarian_Roma (leggi anche QUI ndr)

Human Rights Europe

5 aprile 2012 - I giudici hanno stabilito che lo sgombero dei Rom da un insediamento a Sofia violerebbe i loro diritti umani.

Nella sentenza della Camera sul caso Yordanova e altri v. Bulgaria (ricorso n. 25446/06), non definitiva, la Corte Europea per i Diritti Umani ha stabilito, all'unanimità, che in caso di futura applicazione del provvedimento  di allontanamento nei confronti dei ricorrenti, ci sarebbe:

Una violazione dell'art. 8 (diritto alla vita privata e familiare) della Convenzione Europea sui Diritti Umani.

Il caso riguardava il piano delle autorità di sgomberare i Rom da un insediamento su un terreno comunale nell'area di Sofia chiamata Batalova Vodenitsa. Il tribunale ha trovato che l'ordine di sgombero si basava su una legge e relativa revisione in via di discussione, senza che fosse chiesto all'autorità di bilanciare i diversi interessi coinvolti.

Fatti principali

I ricorrenti sono 23 cittadini bulgari che vivono nell'insediamento di Batalova Vodenitsa, quartiere alla periferia di Sofia, che ospita circa 250 altri Rom. Arrivati e qui insediatisi negli anni '60 e '70, spesso con le loro famiglie estese, gli arrivi più recenti datano negli anni '90. Sono abitazioni improvvisate costruite senza autorizzazione. Non ci sono fognature e acqua corrente. Chi vive lì utilizza l'acqua di due fontane pubbliche.

Il terreno su cui si insediarono era inizialmente proprietà dello stato e dal 1996 è passato a far parte del comune di Sofia. I ricorrenti, come gli altri abitanti dell'insediamento, non hanno mai cercato di mettere in regole le case che hanno costruito. I ricorrenti lamentano di non poter richiedere la regolarizzazione perché sono poveri ed isolati dal resto della società. Inoltre, la legge in materia non consente loro di ottenere la proprietà delle loro case.

Non ci sono dubbi che quelle case non soddisfino i requisiti di base sulle costruzioni e le norme di sicurezza, e non possono essere regolarizzate senza una sostanziale ricostruzione.

Dall'inizio degli anni '90, in diversi quartieri di Sofia è cresciuta la tensione tra i Rom degli insediamenti ed i loro vicini non-Rom. La questione è stata ampliamente dibattuta e diversi politici si sono espressi per svuotare i "ghetti rom" di Sofia. Sino al 2005, né lo stato né le autorità municipali hanno cercato di traslocare i richiedenti e le loro famiglie.

Nel maggio 2006, il comune di Sofia trasferì la proprietà dei terreni adiacenti a quelli occupati dai ricorrenti, a favore di un investitore privato. Pochi mesi prima, il 17 settembre 2005, il sindaco distrettuale aveva imposto lo sgombero forzato dei richiedenti, sospeso dai giudici in attesa della sentenza d'appello. A gennaio 2006, il tribunale cittadino di Sofia dichiarò legittimo il provvedimento di sgombero, in seguito confermato dalla suprema corte amministrativa. I tribunali, ignorando l'argomento dei ricorrenti che uno sgombero sarebbe stato sproporzionato, avendo loro vissuto nell'insediamento per decenni, rilevarono che non avevano mostrato un motivo legale per occupare il terreno e che il provvedimento di sgombero era legittimo.

A giugno 2006, il comune annunciò l'intenzione di sgomberare i residenti illegali di Batalova Vodenitsa, ricorrenti inclusi, entro una settimana e di demolire le loro case. Pressioni politiche, principalmente da componenti del Parlamento Europeo, fecero sì che lo sgombero non avesse luogo. Tuttavia, il sindaco dichiarò pubblicamente che non era possibile trovare una sistemazione alternativa per gli abitanti dell'insediamento, dato che non erano registrate tra i bisognosi di alloggio, ed il comune non poteva assegnare loro priorità rispetto ad altri che erano in lista d'attesa da anni.

Il sindaco insisteva che il provvedimento di sgombero doveva essere eseguito, ed il fatto che le famiglie rom non avessero dove andare fosse irrilevante.

Dopo un altro tentativo di rimuovere i richiedenti, a giugno 2008 il tribunale indicò al governo che per il suo ruolo sulle misure ad interim, i richiedenti non potevano essere sgomberati, fintanto che le autorità non avessero assicurato al tribunale le misure da prendere per garantire l'alloggio a bambini, anziani, disabili o persone comunque vulnerabili.

Il sindaco distrettuale informò il tribunale di aver sospeso l'ordine di sgombero in attesa della risoluzione dei problemi abitativi dei residenti nell'insediamento. Quindi la corte sollevò la misura cautelare. Nel contempo, venne adottato un programma nazionale decennale per il miglioramento delle condizioni abitative dei Rom in Bulgaria.

Un rapporto di monitoraggio del 2010 non registrava alcun progresso nell'alloggio ai Rom. D'altra parte, i resoconti die media riportavano di costruzioni per i Rom, in corso in diverse regioni della Bulgaria.

Decisione del tribunale

Art. 8 (diritto alla vita privata e familiare)

Il tribunale ha osservato che i richiedenti hanno vissuto per diversi anni con le loro famiglie in case di fortuna, diventate la loro dimora, a prescindere che essi le occupassero legalmente o meno. Se i richiedenti fossero espulsi dal loro insediamento e dalla loro comunità, sarebbe quindi influenzata negativamente la loro vita privata e familiare.

Il tribunale ha considerato legittimo che le autorità, ai fini dello sviluppo urbano, cercassero di recuperare un terreno da chi lo occupava illegalmente. Non c'è dubbio che le autorità avessero titolo in materia per rimuovere i richiedenti che hanno occupato illegalmente terreno comunale. Tuttavia, per decenni le autorità hanno tollerato gli insediamenti illegali rom a Batalova Vodenitsa. Ciò aveva permesso ai richiedenti di sviluppare forti legami col luogo e costruirsi lì una vita comunitaria.

Nonostante quanto sopra, ai sensi della Convenzione non c'era l'obbligo di fornire alloggio ai ricorrenti. Tuttavia, in casi eccezionali l'articolo 8 prevede l'obbligo di garantire un riparo alle persone particolarmente vulnerabili.

Il tribunale ha notato che a norma di legge, allora alle autorità municipali non venne richiesto di considerare la sproporzione di un possibile sgombero di quanti vivevano nell'insediamento, o dei vari interessi coinvolti. Il tribunale ha rilevato un approccio di per sé problematico, dovuto alla mancanza di rispetto del principio di proporzionalità.

In questo caso, non è in discussione che le loro case non incontrassero i requisiti minimi sanitari e costruttivi, riguardo la sicurezza e la salute. Nondimeno, il tribunale ha notato che il governo non ha mostrato metodi alternativi per affrontare questi problemi, come legalizzare le costruzione ove possibile, costruire fognature pubbliche ed impianti idrici, oltre a fornire assistenza nel reperire un alloggio alternativo quando lo sgombero fosse reso necessario [...].

Pertanto, l'affermazione del governo che lo sgombero dei ricorrenti fosse la soluzione più appropriata, è stata indebolita.

Inoltre, prima di emettere il provvedimento di sgombero, le autorità non avevano considerato il rischio che in questo caso i ricorrenti sarebbero rimasti senza casa, dichiarando invece che si trattava di un rischio irrilevante.

Il tribunale ha inoltre sottolineato che,nel contesto dell'artt. 8, lq specificità dei ricorrenti in quanto gruppo socialmente svantaggiato, come i loro particolari bisogni, andavano considerati nella valutazione di proporzionalità che le autorità nazionali erano obbligate a considerare, senza averlo fatto.

Infine, per quanto riguarda l'argomento del governo secondo cui i vicini dei ricorrenti si fossero lamentati di loro, il tribunale notava che alcune delle lamentele, ad esempio quelle sui rischi sanitari ed i reati che sarebbero stai commessi dai Rom, avrebbero potuto giustificare misure adeguate, se fosse stato osservato il principio di proporzionalità. Le autorità non hanno indagato sulla veridicità delle accuse. Tuttavia, parte delle lamentele contenevano richieste illegittime.

Il tribunale ha concluso che l'ordine di sgombero del 2005 era basato su una legge, e rivisto sotto procedura decisionale, nessuna delle quali richiedeva la sproporzione rispetto allo scopo perseguito. Quindi ci sarebbe una violazione dell'art.8 se venisse eseguito il provvedimento di sgombero.

Altri articoli

Il tribunale non ha trovato nessuna questione distinta riguardo all'art. 14, e che non fosse necessario esaminare separatamente le altre obiezioni dei ricorrenti.

Art. 46 (esecuzione del giudizio)

Il tribunale ha ritenuto che le misure generali che le autorità dovrebbero adottare al fine dell'attuazione della sentenza, così da evitare violazioni simili in futuro, debbano includere un cambiamento di legge e delle pratiche, per essere certi che gli ordini di sgombero per terreni ed edifici pubblici, anche in caso di occupazione abusiva, individuando chiaramente gli scopi perseguiti dallo sgombero, dai diretti interessati e le relative misure che garantiscano la proporzionalità.

Riguardo le singole misure necessarie a porre un termine alle violazioni e per fornire una riparazione per qualsiasi danno causato ai ricorrenti, il tribunale ha stabilito che l'ordine di sgombero del 2005 vada abrogato o sospeso, in attesa di misure che garantiscano come le autorità si siano adeguate ai requisiti della Convenzione, come chiarito nella sentenza.

Art. 41 (soddisfazione delle parti)

Il tribunale ha stabilito che la dichiarazione di violazione dell'art. 8 costituisce di per sé un'equa soddisfazione per qualsiasi danno non pecuniario sostenuto dai ricorrenti. Per quanto riguarda costi e spese, ha dichiarato che la Bulgaria dovrà versare 4.000 euro ai ricorrenti.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 03/05/2012 @ 09:49:44, in media, visitato 986 volte)

Articolo di Skinews (Tutte le notizie dal mondo della neve).

Cronaca da Argenta (che non mi risulta una stazione sciistica, ma poco importa) con quattro capitoletti - oltre al titolo e all'occhiello, 15 righe in totale - su una serie di rapine nella cittadina.

In tutto questo spazio, furto da parte di zingari slavi viene ripetuto 4 volte, 2 volte si aggiunge il termine o albanesi, 3 volte si mette un forse all'inizio.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
USA
Di Fabrizio (del 04/05/2012 @ 09:31:54, in Kumpanija, visitato 1281 volte)

Da Hungarian_Roma

Roma Buzz Monitor Autoemancipazione di una donna rom ungherese di Laura Rahman

Non molti conoscono la differenza tra razza, nazionalità ed etnia. Molti di noi considerano queste tre parole come similari. Sono nata e cresciuta all'interno di un ghetto zingaro urbano in Ungheria. Nacqui che mia madre aveva 16 anni. Mio padre era un giovane delinquente. I suoi genitori erano scomparsi ad Auschwitz e lui crebbe in affido. Non si è curato troppo della sua origine etnica. Aveva adottato la vita dei Rom dove aveva famiglia e amici. In Ungheria, parlavo ungherese e non avevo religione, causa il periodo comunista. Ho frequentato le scuole ungheresi, imparato la letteratura e la storia degli Ungheresi, ma vivevo nel ghetto zingaro di Budapest. Attorno a me c'erano povertà e crimini, ma anche amore e molta arte in forma di musica e balli. A 20 anni, emigrai negli USA. All'inizio, ero persa. Non parlavo inglese, non avevo famiglia, e neanche una religione che mi collegasse a qualche gruppo. Andai a scuola per imparare l'inglese. Con me frequentava gente di tutti i tipi, ognuno parlava la sua lingua e frequentava la propria gente. Mi chiedevano da dove venissi. Dall'Ungheria, rispondevo. Poi mi chiedevano dov'è l'Ungheria. Nell'Europa dell'Est. Volevano anche sapere che lingua parlavamo. Dicevo loro che in Ungheria si parlava ungherese, e sentivo un orgoglio nazionale perché la gente voleva conoscere il mio paese. Non mi è mai maturato di poter essere di altra nazionalità che ungherese. Cinque anni dopo sono diventata cittadina naturalizzata USA. Vivo a New York, sposata con un Indiano musulmano, con mio marito ed i miei figli parliamo inglese, seguiamo l'Islam, vivendo come qualsiasi ordinario cittadino USA. Americani medi, con una casa in periferia, che guidano sempre per andare al negozio di alimentari, all'ufficio postale, a fare la spesa settimanale nei grandi supermercati, che mangiano hamburger ed inzuppano ciambelle. Mi sono pienamente adeguata alla nuova vita negli Stati Uniti. Ora i bambini sono cresciuti e non richiedono più la mia totale attenzione. La mia vita sociale ruotava attorno a loro. Andavo alle riunioni scolastiche, li portavo alle attività extracurriculari come corsi artistici, nuoto e tennis, incontrandomi e socializzando coi genitori dei loro amici. Ora che ho tempo per me stessa, mi sto facendo domande sullo spirito. Mi sono trovata in crisi d'identità. Così sono tornata al college, cercando di diventare una persona importante, in grado di fare la differenza. E lì ho imparato alcune cose importanti. Ho imparato che apparteniamo tutti ad un'unica razza umana, che in qualche modo siamo tutti interconnessi, e che la nazionalità e l'etnia sono fattori secondari della nostra identità umana.

Cosa significa essere zingaro? E' natura o educazione ("nature or nurture?" nella versione originale ndr.)? Nasciamo per essere zingari o lo diventiamo per fattori sociali ed ambientali? C'è molta speculazione sul patrimonio ereditario zingaro. Non è di questo che voglio discutere. Il mio dilemma è cosa sia essere uno zingaro nel mondo d'oggi. Sono necessari determinati requisiti? Quali? E chi è l'autorità che ci dice se siamo zingari o no? Essere zingari per fattori genetici non basta. Alcuni di noi hanno solo una percentuale di sangue rom nelle vene, ma rimaniamo zingari. Noi popolo romanì siamo in viaggio da 1000 anni. Questo significa che abbiamo viaggiato nel mondo e ci siamo mischiati con tutti i popoli incontrati per strada. Inoltre, un fatto impopolare è che in Europa siamo stai schiavi per circa 500 anni. Significa, che le zingare erano violentate, usate come schiave del sesso. Anche i bambini nati in quest'ambiente diventavano schiavi. Se proveniamo dall'India, perché tra di noi ci sono Rom biondi e con gli occhi azzurri?

Gli zingari sono una razza? La risposta è no. C'è soltanto una razza Umana, cioè l'Homo sapiens. La razza è un trucco della genetica. La popolazione umana mondiale condivide il 99,9% della genetica. La razza è natura e l'etnia è educazione; cioè, caratteristiche di nascita contro patrimonio culturale. Lo 0,1% di variazione genetica è responsabilità delle differenti caratteristiche umane, come il colore dei capelli e la struttura del corpo, il colore degli occhi e della pelle. Ma lo stesso colore della pelle è fortemente influenzato da fattori ambientali, quali la somma delle radiazioni solari. Ci sono tre distinte razze umane e trenta sottorazze. I Rom appartengono alla categoria degli Ariani, perché discendono dagli Indiani e parlano una lingua indo-europea.

  1. Razze caucasiche; Ariani che parlano lingue indo-europee
    Camiti, discendenti dalla progenia di Noè
    Semiti-Ebrei, Arabi
  2. Razze mongole; Mongoli nordici, Cinesi ed Indo-Cinesi
    Giapponesi, Coreani, Tibetani, Malesi, Polinesiani, Maori Micronesiani
    Eschimesi, Indo-Americani
  3. Razze negroidi; Africani, Ottentotti, Papua/Melanesiani, "Negritos"
    Australiani, Dravidi

Queste razze hanno sviluppato considerevoli variazioni fisiche tra una popolazione e l'altra. Le caratteristiche fisiche di popolazioni ed individui sono un prodotto dell'interazione tra geni ed ambiente. Per esempio: i propri geni predispongono ad un particolare tono di pelle, ma il colore della pelle di ognuno è fortemente influenzato da fattori ambientali quali la quantità di radiazioni solari. La razza definisce anche le relazioni sociali. Tutti gli esseri umani possono accoppiarsi tra di loro e mischiarsi, quindi siamo una sola razza. Ho sentire dire degli zingari che vivono in mezzo a chi non lo è, che è come mettere un asino in una mandria di zebre, all'asino no cresceranno le strisce. Certo che no! Un giorno morirà, nessuna zebra si prenderà cura di lui, sarà preso a calci e cacciato. Sarà respinto dal branco di zebre, perché l'asino non è uno di loro. L'asino è di una razza differente dalla zebra.

L'etnia si riferisce all'identificazione sociale degli individui basata sul loro patrimonio culturale e su caratteristiche comuni. I gruppi etnici possono condividere antenati, lingua, cultura, nazionalità o religioni comuni, o un misto di questi fattori. Per esempio, ci sono due tribù in Ruanda - gli Hutu e i Tutsi. I componenti di entrambe le tribù si assomigliano, parlano lo stesso gergo... Ma il governo belga etichettò i Tutsi (che allevavano bovini) come superiori agli Hutu (che erano agricoltori), e questo ha portato a scontri sanguinosi. Il punto è che gente della stessa razza ma con differenzi culturali può dirsi appartenente a differenti etnie. Ecco un altro esempio: quando gli Indiani migrano negli USA per studio o lavoro, sono etichettati tutti come "Indiani", anche se provengono da parti differenti dell'India, con tutte le differenze culturali e fisiche (per esempio: i nati nell'India del Nord hanno caratteristiche fisiche differenti dai nati nell'India del Sud - e anche se sono di etnie differenti, negli USA sono tutti etichettati semplicemente come "Indiani"). Lo stesso succede al popolo romanì, anche se sembrano, agiscono, parlano differentemente, anche se vengono da retroterra etnico diverso, sono tutti etichettati solo come "zingari". La razza non si può cambiare. Ma l'etnia, sì. Inoltre, l'etnia è influenzata da fattori culturali ed anche dalla geografia. Abbiamo visto sopra  come gli Indiani, che in India sono differenziati etnicamente, siano considerati un popolo della medesima etnia in un altro paese. Lo stesso nel caso degli zingari. Un gruppo etnico ha una sua propria cultura separata. Chi appartiene ad una razza, lo è indipendentemente da quali possano essere le sue differenze culturali. L'etnia è principalmente per "cultura similare", mentre la razza è tutto quanto va riferito a caratteristiche fisiche/biologiche.

Nazioni e Stati-Nazione

La nazionalità si riferisce semplicemente al paese dove sei nato. La nazioni sono gruppi di persone culturalmente omogenee, più grandi di una sola tribù o comunità. Condividono lingua, istituzioni, religione ed esperienze storiche.

Quando una nazione di persone ha uno stato o un paese proprio, viene chiamato stato-nazione. Francia, Egitto, Germania, Giappone sono eccellenti esempi di stati-nazione. Ci sono alcuni stati che hanno due nazioni, come il Canada e il Belgio. Anche una società multiculturale come gli Stati Uniti sono uno stato-nazione.

Stati e paesi indipendenti

Iniziamo col definire uno stato o un paese indipendente. Uno stato indipendente:

  • Ha spazio o territorio i cui confini sono internazionalmente riconosciuti (possono esserci controversi e di confini).
  • Ha popolazione che ci vive su base continuativa.
  • Ha attività economica ed un'economia organizzata. Commercio nazionale regolato, sia interno che estero. Emette moneta.
  • Gestisce l'ingegneria sociale, come l'istruzione.
  • Ha un sistema di trasporti per trasferire merci e persone.
  • Ha un governo che fornisce servizi e ordine pubblico.
  • Ha sovranità. Nessun altro stato può esercitare l'autorità sul territorio del paese.
  • Ha riconoscimento esterno. Un paese "votato nel club" dagli altri paesi.

Nel mondo ci sono attualmente 196 stati indipendenti. Territori all'interno di un paese o parti individuali di un paese, non sono paesi a sé stanti. Ci sono nazioni senza stato come i Curdi. Per i Rom essere una nazione non è proprio possibile a causa della loro dispersione nel mondo. I Rom non sono un popolo omogeneo come i Curdi. I Rom non condividono le stessa storia, lingua, costumi, cultura. Ogni suo gruppo etnico ha la propria identità culturale, di ciò che chiamano la loro cultura.

Altre temi caldi tra Rom e non-rom sono l'assimilazione e l'integrazione. Assimilazione significa assorbire le minoranze, che devono adottare lingua, costumi e "valori" della maggioranza.

L'integrazione, invece, richiede l'accettazione delle leggi di un paese, dei diritti umani come la libertà di parola, e dei diritti democratici fondamentali, ma non richiede lo sradicamento di tutte le differenze culturali o identità di gruppo: si concepisce come un processo a due vie, in cui si influenzano e si modificano l'un l'altra tanto la maggioranza che la minoranza, ed in cui le differenze possono convivere pacificamente fintanto esiste un comune impegno a vivere assieme. La maggior parte dei Rom è già assimilata, molti i Rom integrati persino nei loro paesi d'origine. Per molti, assimilazione ed integrazione sono ancora una lotta. Una manciata di leader rom si oppongono ad entrambe. Se i Rom vogliono sopravvivere nel prossimo millennio, assimilazione ed integrazione sono un dovere. I Rom devono prendere un posto nella loro comunità, essere parte del tessuto vitale del paese ospitante. Senza, saranno sempre vulnerabili ai conflitti tra paesi ospitanti e stati confinanti.

Io, Laura Rahman, nata in Ungheria, cittadina naturalizzata degli Stati Uniti, dichiaro che, io, appartengo alla razza Umana e sono di etnia Rom. La conoscenza mi ha emancipato dall'avere qualsiasi dubbio sulla mia identità. Dopo questa ricerca, chiaramente vedo le differenze tra nazionalità, etnia e razza.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 05/05/2012 @ 09:23:54, in conflitti, visitato 1236 volte)

Se ultimamente vi è capitato di leggere i giornali, saprete che a in questi giorni la situazione per la comunità rom di Pescara è di una tensione estrema. Non so come si possa uscirne. Un invito alla riflessione, grazie a NO(b)LOGO, partendo da distante

Corrado Giustiniani scrive sul suo blog su il Messaggero l'opinione: Zingaro e badante parole "vietate".

Un articolo che è la migliore dimostrazione delle tesi di Lorenzo Guadagnucci in <Com'è difficile "sgomberare" gli stereotipi> pubblicato su Giornalisti contro il Razzismo.

Scrive Guadagnucci, e l'articolo è tutto da leggere, che: "emerge una certa insofferenza per critiche e suggerimenti sulle pratiche di una corretta informazione non razzista da parte di chi lavora sul campo".

Ed appunto l'insofferenza alle regole deontologiche dettate dalla Carta di Roma quello che fa scrivere a Giustiniani:

    Tra le molte e utili raccomandazioni (non riprendere con la telecamera un rifugiato o una vittima della tratta e non pubblicarne le generalità; nelle notizie di cronaca nera assegnare lo stesso spazio e rilievo ai fatti in cui autori e vittime del reato siano di origine straniera piuttosto che italiani) ve ne sono però altre che personalmente mi lasciano perplesso. La 7.2 ad esempio: "Si raccomanda di evitare l'utilizzo di termini stigmatizzanti, quali ad esempio: badante, clandestino, zingaro, vu cumprà". Stigmatizzare vuol dire disapprovare con "energica e indignata fermezza" (Devoto Oli), biasimare. Dunque stigmatizzante significa, in buona sostanza, offensivo: lo spiego a me stesso, perché non ho mai usato questo participio presente.

    Ma quali sono i termini alternativi che il giornalista dovrebbe usare?

Non sono un professore come Giustiniani ("Phd in Humanities at Il Messaggero") ma vi viene assai semplice rispondergli che nel 99,99% non andrebbe usato alcun termine atto ad identificare etnia o nazionalità o religione o stato sociale.

Non è una questione linguistica ma è l'uso della stigmatizzazione etnica, nazionale, religiosa che è da condannare.
Quasi mai si giustifica la caratterizzazione etnica nel titolare un articolo di cronaca.
Ad esempio oggi "il Messagero" titola (adottando una doppia stigmatizzazione, oltre quella etnica quella sugli ultrà)
Giallo a Pescara, irruzione di rom in casa
Ucciso un ultrà biancazzurro di 24 anni


Cambia poco nella sostanza rispetto al pessimo titolo de "il tempo":
Ultrà giustiziato in casa dagli zingari

Solo nella Germania nazista qualcuno si sarebbe sognato di titolare "irruzione di ebrei" o "giustiziato in casa dai giudei" in un episodio che vede protagonisti personaggi della microcriminalità di religione o di origine ebraica.

Invece per il giornalismo italiano è lecito titolare in questo modo ogni qual volta ci sia uno "zingaro" coinvolto in un episodio di cronaca (ed anche quando lo zingaro non c'è, come nel caso del calcio scommesse), e l'effetto diretto è il vaso di pandora di commenti razzisti che si accumulano sotto all'articolo.
Ancora peggio è soffiare sul fuoco su una situazione come quella di Pescara dove il circolo vizioso dell'intolleranza e dell'emarginazione sta diventando esplosivo.

Segnalo un ulteriore esempio di sensazionalismo razzista, utilizzo sempre come esempio un articolo de il Messaggero per ricollegarmi al commento di Giustiniani ma anche in questo caso praticamente tutta la stampa cade negli stessi errori:

Maxi blitz: sequestrate nei campi nomadi centinaia di auto usate per le rapine
Controllate oltre 5000 vetture, intestate a prestanome venivano rivendute a persone con precedenti penali

Quello che resta nell'opinione pubblica è solo quello che sommariamente si evince dal titolo: gli zingari hanno centinaia (qualcuno ha scritto 5000) auto di lusso nei campi e le usano per fare rapine.

Nella realtà nei campi Rom la finanza ha trovato solo alcune decine di emarginati, sfruttati dalla criminalità organizzata, che non avendo niente da perdere si sono venduti anche il nome fungendo da prestanome per il giro di auto illegalmente intestate e che dai campi non sono mai passate.

Quando i giornalisti capiranno che la differenza da fare non è tra le parole "zingaro" e "rom" ma quella ben più significativa tra delinquenza ed emarginazione (che sono stati sociali tra loro correlati ma del tutto indipendenti da etnia e nazionalità) sarà sempre troppo tardi.


Di seguito da Pescara parla Nazzareno Guarnieri, del Comitato scientifico Centro studi e ricercAzioni Ciliclò. Intervista realizzata da Radio Radicale, licenza Creative Commons attribuzione 2.5.

Comunicazione importante, sempre da Nazzareno Guarnieri:
Vi chiedo un favore, la situazione è molto grave. Non prendete iniziative pubbliche in questa fase. Avremo bisogno del vs. aiuto nei prossimi giorni e ve lo chiederemo, ma ora fateci lavorare in silenzio per cercare di raggiungere alcuni obiettivi per l'incolumità fisica delle persone. Abbiamo già fatto molte richieste alle istituzioni locali e nazionali che non possiamo rendere pubbliche per far sì che vengano effettivamente accolte al momento giusto.
Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 06/05/2012 @ 09:39:28, in Europa, visitato 1390 volte)

Da Roma_Daily_News

Deutsche Welle La deportazione in Kosovo significa una vita di miseria

La deportazione in Kosovo dalla Germania spesso minaccia la salute fisica e mentale dei giovani, recita un nuovo rapporto UNICEF. Ardian Canaj è stato rimpatriato contro la sua volontà e, dice, ora vive in miseria.

17/04/2012 - Peja nel Kosovo occidentale è una miserabile baraccopoli che affoga nell'immondizia, cumuli di spazzatura vengono bruciati senza cura per le strade. Qui è dove Ardian Canaj dovrebbe sentirsi a casa. Il ventenne è nato e cresciuto in Germania, ma sette mesi fa è stato deportato nel paese natale dei suoi genitori.

"Sono andato a scuola in Germania, ma ora è finita. Devo lavorare per pagare l'affitto," spiega Canaj. Guadagna appena 100 euro al mese - un affitto ne costa 120. "Qui mi sento terribilmente. Non ho una famiglia, nessuno vicino. Non vedo un futuro per me," dice.

Un adolescente su quattro vorrebbe uccidersi

Nel 2009 la Germania ha ottenuto il permesso di deportare i Kosovari. Il Kosovo era considerato sicuro a sufficienza per il ritorno. Così, nel 2010, il ministro tedesco degli interni Thomas de Maizière firmò un accordo di rimpatrio con la repubblica del Kosovo, che prevedeva il ritorno di circa 12.000 membri di gruppi di minoranza nei Balcani - tra cui 6.000 bambini e ragazzi. L'UNICEF, l'organizzazione dell'ONU per la protezione dell'infanzia, afferma che la deportazione dei giovani va fermata se si minaccia la loro salute fisica e mentale.

E' quasi sempre questo il caso, secondo il rapporto UNICEF "Male silenzioso", uscito a Berlino a marzo di quest'anno. "Molti adolescenti soffrono di depressione," dice Verena Knaus, sociologa dell'UNICEF. "Ci sono bambini che sono in stati d'ansia e che addirittura contemplano il suicidio. Un adolescente su quattro vorrebbe uccidersi."

I problemi sono visibili

Shkëlzen Rama si chiede cosa può offrire il Kosovo a quanti sono stati rimpatriati

Shkëlzen Rama, 52 anni, proviene dalla zona dove ora vive Canaj ed è stato spesso testimone delle sofferenze dei bambini deportati. "Difficilmente possono integrarsi nella società. Se sei nato e cresciuto in Germania, semplicemente non parli albanese." E poi ci sono le differenze degli standard di vita, dice. "I nostri figli non chiedono che una fetta di pane e peperoni dolci, ma cosa possiamo offrire ai giovani cresciuti in occidente, abituati a pizza e gelato?"

Povertà e discriminazione

Il Kosovo è il paese più povero d'Europa, con un tasso di disoccupazione del 40%. Ma non è soltanto la povertà a rendere difficile la vita di Canaj - la sua situazione è resa più grave dal fatto di essere un Egizio kosovaro. Serbi ed Albanesi li chiamano zingari - un termine adoperato anche per le comunità Rom e Askali. Gli Egizi kosovari ritengono di essere originari dell'Egitto, mentre gli Askali dicono di essere venuti dalla Persia. Poco dopo la guerra tra Serbia e Kosovo, i membri di tutti e tre i gruppi furono espulsi dagli Albanesi, che li accusavano di aver collaborato con i Serbi. Oggi, Rom, Askali ed Egizi kosovari sono ancora oggetto di discriminazioni nella loro vita quotidiana.

La deportazione distrugge le famiglie

Faruk Kelmendi ora vive senza la sua famiglia

Si aggiunga che molti di quanti sono stati deporatti, come il ventottenne Faruk Kelmendi, trovano difficile affrontare la separazione dalle loro famiglie. Arrivò nin Germania che aveva otto anni, assieme ai suoi genitori.

"Da quando sono dovuto tornare in Kosovo, semplicemente non ho potuto fare niente. Non avevo lavoro o un tetto e ho dovuto dormire ogni volta nei posti più strani," dice. "All'inizio, mia moglie mi ha aiutato finanziariamente, ma alla fine ci siamo lasciati. Lei è ancora in Germania con nostra figlia e io sono qui - la distanza era semplicemente troppa per mantenere il nostro rapporto." Ora Kelmendi è completamente solo.

Povertà e solitudine - questi sentimenti dominano le vite di molti che sono stati deportati dalla Germania. Anche Canaj le conosce bene. "Darei qualsiasi cosa per poter tornare in Germania," dice. "Là ho lasciato dietro tutta la mia vita."

Author: Ajete Beqiraj / nh
Editor: Andreas Illmer / mll

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/05/2012 @ 09:14:18, in Europa, visitato 853 volte)

 Django Reinhardt et Stéphane Grappelli (quando ci vuole...)

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/05/2012 @ 09:28:12, in Europa, visitato 1001 volte)

Da Baltic_Roma

The Jewish Chronicle Gruppo giovanile neonazista finanziato dal Consiglio d'Europa - By Marcus Dysch

02/05/2012 - Un gruppo neonazista lituano è stato adottato in un consiglio che riceve fondi dall'Unione Europea.

L'Unione della Gioventù Nazionalista Lituana (ULNY) è stata eletta all'unanimità nel Consiglio delle Organizzazioni Giovanili Lituane (LCYO), durante la conferenza nazionale dello scorso fine settimana.

L'ULNY è una dei principali organizzatori della marcia neonazista che si tiene annualmente a Vilnius durante il Giorno dell'Indipendenza. Sono state lanciate petizioni internazionali perché l'evento di quest'anno, che ha avuto luogo l'11 marzo, fosse cancellata.

Il gruppo ombrello LCYO è la più grande OnG giovanile in Lituania, ed è sostenuta finanziariamente tanto dal governo che dalla UE. E' composta da 64 gruppi ed oltre 200.000 aderenti.

Tutto ciò significa che la fascista ULNY è su un piano di parità con gruppi studenteschi ed organizzazioni sociali.

La presidente della LCYO, Loreta Senkutė, ha detto ai media che l'ULNY ha spiegato il suo lavoro prima che il voto avesse luogo, ricevendo "grande supporto".

La votazione per l'adesione dell'ULNY ha visto 19 voti a favore, nessuno contrario e sette astensioni.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


19/10/2019 @ 00:13:51
script eseguito in 55 ms

 

Immagine
 Parigi, 4 settembre 2010, manifestazione dei 50.000... di Fabrizio



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 207 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< ottobre 2019 >
L
M
M
G
V
S
D
 
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
     
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
GERARDRAFINON@GMAIL.COMHai bisogno di finanziament...
18/10/2019 @ 12:58:31
Di gerard
Un’opportunità di finanziamento per quelli che han...
16/10/2019 @ 19:38:11
Di gerard
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2019 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source