Rom e Sinti da tutto il mondo

Ma che ci fa quell'orologio?
L'ora si puo' vedere dovunque, persino sul desktop.
Semplice: non lo faccio per essere alla moda!

L'OROLOGERIA DI MILANO srl viale Monza 6 MILANO

siamo amici da quasi 50 anni, una vita! Per gli amici, questo e altro! Se passate di li', fategli un saluto da parte mia...

ASSETTO VARIABILE

E' sospeso sino a data da destinarsi.

Le puntate precedenti sono disponibili QUI


Volete collaborare ad ASSETTO VARIABILE?
Inviate una
mail
Sostieni il progetto MAHALLA
 
  
L'associazione
Home WikiMAHALLA Gli autori Il network Gli inizi Pirori La newsletter Calendario
La Tienda Il gruppo di discussione Rassegna internazionale La libreria Mediateca Documenti Mahalla EU Assetto Variabile
Inoltre: Scuola Fumetti Racconti Ristorante Ricette   Cont@tti
Siamo su:  
Desideri, disperazioni e voglia di normalità dalla periferia più periferica.

-

\\ Mahalla : Storico per mese (inverti l'ordine)
Di seguito tutti gli interventi pubblicati sul sito, in ordine cronologico.
 
 
Di Fabrizio (del 07/11/2011 @ 09:02:48, in Europa, visitato 1285 volte)

Chiara-di-notte.blogspot.com

Per cercare di comprendere il perche' delle gravi tensioni che esistono fra rom e non rom, pero', non basta solo attribuire la responsabilita' a certe frange estremiste dei gadje', che sono sicuramente il problema principale e piu' immediato, ma non l'unico. Occorre anche individuare cio' che e' legato alle diverse appartenenze all'interno della comunita' tzigana e, cosa importante, tener conto della storia recente dell'Ungheria, che come quasi tutti i paesi dell'est Europa ha attraversato decenni di regime comunista.

Sebbene, quando si parla di tzigani, ci si riferisca spesso ad un'unica entita' linguistica e culturale, le cose stanno in verita' in modo un po' diverso, poiche' le anime che compongono la comunita' sono almeno tre. Ci sono i Romungro, i rom di lingua ungherese, che rappresentano circa il 70% degli tzigani nel paese, i cui antenati hanno vissuto in Ungheria da cosi' tanto tempo da diventarne elemento culturale integrante e che includono la maggior parte degli artisti e degli intellettuali. Ci sono poi i Vlach (20% del totale), discendenti degli zingari fuggiti dalla Romania dov'erano tenuti schiavi nel XIX secolo, che parlano la lingua Lovari. Infine, i Beas (10%) che parlano un antico dialetto rom, giunti in terra magiara due secoli fa.

Tutto questo crea inevitabili incomprensioni perche' non e' solo la lingua che differenzia le varie anime che compongono la comunita', ma e' la stessa concezione di "appartenenza". I Romungro si sentono sia tzigani che ungheresi. Un mix di due culture in cui credono di aver assorbito il meglio di entrambe, essendosi da tempo spogliati di tutto cio' che ritenevano in contrasto con una convivenza civile con i gadje'. I Vlach e i Beas, invece, respingono generalmente qualsiasi tipo di integrazione, rimanendo attaccati agli usi e alle tradizioni degli antenati, rifiutandosi in molti casi di imparare la lingua ed essendo refrattari a dare un'istruzione ai loro figli.

Ma a parte il fattore che riguarda le strade separate percorse dai vari gruppi, come molte altre cose, i problemi in Gyöngyöspata e non solo in Gyöngyöspata, hanno origine dal comunismo, ovvero dal suo crollo. Nel periodo comunista, tutti dovevano lavorare. Chi non lo si faceva, andava in prigione. Il regime comunista non ha mai voluto considerare gli zingari come minoranza, ma piuttosto come un problema sociale. Nel 1961, il Partito Socialista Ungherese dei Lavoratori, scriveva: "Nonostante alcune caratteristiche etniche, i Rom non costituiscono una nazionalita'. Coloro che lo affermano preservano la segregazione degli zingari e rallentano la loro integrazione nella societa'". Gli zingari erano dunque, come tutti gli altri, semplicemente dei proletari che avevano bisogno di essere costretti nel sistema, solo piu' indisciplinati.

Sono stati di conseguenza relegati in soluzioni abitative di scarsa qualita' e costretti alla fatica, come tutti gli altri. La maggior parte dei Rom lavorava nelle citta', nelle fabbriche o nei cantieri edili. Quelli di campagna lavoravano in aziende agricole di piccole dimensioni o nei villaggi, impiegati nella raccolta della frutta o scavando nei campi. Il regime non voleva che ottenessero una maggiore istruzione, perche' aveva bisogno di manodopera non qualificata e a buon mercato. Cosi', gli tzigani, come comunita' e come etnia, sono scomparsi per lungo tempo, assorbiti e diluiti nel sistema socialista.

Ma quando quel sistema e' collassato in modo quasi improvviso nel 1989, il problema dei Rom, come molti altri a cui il comunismo aveva promesso risposte definitive, si e' riproposto in modo, per molti versi, piu' acuto di prima. Quando le fabbriche e gli impianti produttivi hanno chiuso alla rinfusa, sono stati i lavoratori non qualificati e di basso livello - rom in particolare - ad essere maggiormente penalizzati e a restare praticamente senza niente di cui vivere. La crisi economica successiva, poi, ha fatto il resto. Si consideri che, negli ultimi due anni, la disoccupazione rom e' aumentata dal 15% all'85%. E oggi sembra che gli tzigani siano entrambe le cose: sia una minoranza etnica che un problema sociale.

In assenza di lavoro, i poveri si sono affidati al welfare. La mungitura del sistema e' diventata cosi' una strategia per sopravvivere. I sussidi di disoccupazione, di maternita', l'assegno per figli e molti altri piccoli benefici, davano almeno la possibilita' di vivere. Non certo per diventare ricchi, ma per uno stile di vita accettabile, e non solo per chi era tzigano, ma per chiunque si trovasse in condizione di profonda poverta'.

Cio' e' durato per quasi vent'anni. Per tenere bassa la tensione sociale e' stato scelto di dedicare sempre piu' fondi al welfare, senza far nulla per creare occupazione o ricostruire un tessuto produttivo nel quale tutte queste persone povere potessero trovare occupazione. Tutti i governi che si sono succeduti da allora, sia di sinistra che di destra, hanno scelto l'immobilismo e di non fare niente al riguardo. Cosi' lo Stato si e' indebitato sempre di piu', arrivando al punto, oggi, da non poter piu' sostenere la spesa sociale. Di questo, cioe' dell'impoverimento del paese, nonostante ad usufruire del welfare siano e siano stati soprattutto i non rom - gli zingari sono solo un terzo delle famiglie in poverta' assoluta - sono ciononostante i rom ad essere accusati, in quanto individuati come i soli ad aver "munto" lo stato.

C'e' inoltre la questione della criminalita'. Esistono due linee di pensiero ovviamente in antitesi fra loro: c'e' chi considera gli zingari solo delle vittime, colpevoli di nient'altro se non di essere quello che sono, ed e' l'idea per cui lottano gli attivisti e le organizzazioni che si occupano della difesa dei diritti delle minoranze etniche e culturali vestendo i panni di difensori della comunita' rom, e chi, invece - praticamente la stragrande maggioranza degli ungheresi -, la pensa in modo diametralmente opposto.

Cio' genera odio in entrambe le comunita' e la gente ha esperienza quotidiana di questo conflitto. A scuola, molti sono i bambini non rom in conflitto con i loro compagni rom. E' quindi qualcosa che si radica nelle coscienze fin dall'infanzia e spesso sono i genitori stessi ad indicare ai propri figli l'altro come un probabile pericolo. Non sono piu' isolati ormai i casi in cui ci sono aggressioni, sia da parte che dall'altra. Si formano gruppi e bande di giovani al cui naturale conflitto che anima un po' tutti gli adolescenti, si aggiunge anche l'odio etnico. Sono a volte episodi terribili fatti di faide anche cruente in cui a farne le spese, spesso, sono sempre le persone piu' deboli. I bambini e le donne. Gadje' o rom che siano. In mezzo a tutto cio', non mancano pero' manifestazioni di civile convivenza, in cui le due parti si incontrano e si rispettano, ma perche' cio' sia possibile e' necessario che alla base ci sia una educazione, civile ed etica, possibile solo con la scolarizzazione piu' ampia che istruisca i giovani e li sottragga alla strada ed alle attivita' illecite.

Uno dei reati che piu' fa infuriare i gadje' di Gyöngyöspata e' il furto di frutta e verdura dai loro giardini. Gli alberi da frutto sono sempre stati una risorsa per la popolazione locale, ma nessuno si preoccupa piu' di prendersene cura perche', ogni volta che i frutti arrivano a maturazione, gli alberi vengono saccheggiati. D'altro canto non si puo' neppure impedire a chi non ha un lavoro e non sa come nutrire i figli, di appropriarsi di qualcosa che gli e' necessario alla sopravvivenza, anche se appartiene a qualcun altro. Il conflitto e' dunque fra chi possiede qualcosa, anche se poco, e chi non ha davvero niente.

E' quello che le autorita' chiamano reato di sopravvivenza, che in qualche modo e' diventato accettabile e la polizia generalmente tollera. Ma anche se e' cosi' a livello politico, cio' non rispecchia la realta' quotidiana, e non fa altro che aumentare l'intolleranza della gente comune, sempre piu' arrabbiata, verso i rom che vengono considerati "protetti" nei loro reati, anche se si tratta di reati di misera entita'. Tutto questo senza che qualcuno abbia il coraggio di porsi la domanda: se le parti fossero invertite le cose andrebbero diversamente?

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 07/11/2011 @ 09:52:58, in media, visitato 1410 volte)

Lunedì 14 novembre - ore 21.00
Circolo ARCI Martiri di Turro - Via Rovetta 14, Milano - ingresso gratuito, con tessera Arci

proiezione di
"Ho incontrato anche zingari felici" (Skupljaci perja) – Jugoslavia - 1967 di Aleksandar Petrovic

Presenta la serata Ivana Kerecki - Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia

secondo appuntamento della terza edizione della rassegna di film "HO INCONTRATO ZINGARI FELICI" (Maladilem bachtale Romenca - da Upre Roma), organizzata dall'associazione La Conta, in collaborazione con l'associazione Aven Amentza - Unione di Rom e Sinti, con l'associazione ApertaMente, la redazione di Mahalla e con il circolo ARCI Martiri di Turro

E' stato il primo film di successo ad affrontare l'argomento. Alterna scene di vita che oggi definiremmo di maniera, ad uno sguardo attento e partecipe alla vita comunitaria, ai suoi amori e dissidi. Fu forse anche il primo film che illustrò il supposto nomadismo di Rom e Sinti, non come uno loro necessità di viaggiare, ma legato  a motivazione precise. Ciononostante, non è un semplice documentario, una trama sottile collega le scene che descrivono il loro modo di vita, nel quadro del complesso tentativo della Jugoslavia di allora  di integrare le sue diverse etnie e popolazioni.

Segnò anche il successo internazionale di Bekim Fehmiu, attore di origine albanese morto a giugno 2010, conosciutissimo in Italia per la sua interpretazione di Ulisse nell'Odissea televisiva alla fine degli anni '60.

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/11/2011 @ 09:20:10, in Italia, visitato 2447 volte)

Segnalazione di Tommaso Vitale

Da Mahalla: Il programma del convegno

a cura di Paolo Bonetti, Alessandro Simoni e Tommaso Vitale
Giuffrè, Milano 2011. 1382 pagine, 2 tomi.
ISBN 88-14-15676-X

Il volume rappresenta un'assoluta novità nel panorama della letteratura giuridica italiana. Si tratta, infatti, della prima opera che cerca di fornire una visione completa, aggiornata e interdisciplinare dei problemi giuridici relativi alla condizione in Italia delle persone appartenenti alla minoranza dei Rom e dei Sinti. I capitoli fanno riferimento a molteplici aspetti con ricadute di rilievo tanto per la giurisprudenza costituzionale che per quella ordinaria, ma anche per il diritto dell'UE e la giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell'uomo. Sono così approfonditi tutti gli aspetti della condizione delle singole persone (italiane, straniere o apolidi) e dello status della minoranza in sé, le norme statali e regionali rilevanti, le prassi istituzionali e i problemi di discriminazione, le raccomandazioni e le proposte emesse da organismi internazionali. Le analisi vanno a toccare il diritto costituzionale, pubblico e regionale, il diritto amministrativo e urbanistico, il diritto penale e processuale penale, il diritto civile, il diritto del lavoro, il diritto internazionale e dell'Unione europea. Sono presenti altresì riflessioni di diritto comparato (Francia, Spagna, Ungheria, Romania, Stati dell'ex-Jugoslavia), nonché analisi empiriche sulle prassi amministrative e giudiziarie. Oltre ad analisi svolte da giuristi accademici, l'opera contiene contributi di magistrati e avvocati, ma anche di sociologi, politologi, epidemiologi, antropologi e linguisti scelti tra coloro che più si sono distinti nello studio del mondo rom e sinto. Sono altresì presenti contributi di rappresentanti di istituzioni statali italiane, della Commissione europea, del Consiglio d'Europa e dell'OSCE, nonché testimonianze di rappresentanti dell'associazionismo rom e sinto. L'appendice contiene un'articolata bozza di progetto di legge elaborata dai curatori.

In questa direzione ci piacerebbe organizzare anche con gli autori alcune presentazioni del volume (per il quale nessun autore o curatore percepisce diritti d'autore) in diverse città italiane, magari mantenendo lo stile con cui è stato costruito il convegno prima e il libro poi, ovvero avvicinando collaborativamente accademici, istituzioni e terzo settore, e in particolare le associazioni in cui si esprime la partecipazione di Rom e Sinti, e contestualmente discutendo le ipotesi di progetto di legge. In tali eventi si potrebbe presentare il volume (per il quale nessuno riceve alcun diritto d'autore) e discutere anche le ipotesi di progetto di legge. Ci comunichi ogni idea in proposito, per poterci organizzare insieme e anche con l'editore Giuffré.

Nello stesso spirito, ti invitiamo a diffondere l'informazione sul volume su siti internet, e a segnalarlo a riviste per recensioni.

Nonostante il grande lavoro per immaginare il convegno prima, e per realizzare il volume in seguito, continuiamo a pensare che tutto ciò non sia altro che un punto di partenza, e ci piace pensare che la nostra collaborazione possa continuare su questo tema, così importante.

Con molta cordialità e sincera riconoscenza,

Paolo Bonetti, Alessandro Simoni e Tommaso Vitale

INDICE
TOMO I
PAOLO BONETTI, ALESSANDRO SIMONI e TOMMASO VITALE
Presentazione. La condizione giuridica di Rom e Sinti in Italia: dall'ascolto e confronto alla proposta ....................................................... 1
GIORGIO NAPOLITANO
Telegramma del Presidente della Repubblica ........................................... 11

Sezione I
INTRODUZIONE
PAOLO BONETTI
I nodi giuridici della condizione di Rom e Sinti in Italia ......................... 15

Sezione II
ASPETTI GENERALI
DIETER HALWACHS
Possiamo dire che Roma, Sinti, Calé, ecc. sono un'unica minoranza linguistica? ............................................................................................... 127
FRANCESCO PALERMO
Rom e Sinti come minoranza. Profili di diritto pubblico italiano e comparato e di diritto internazionale ............................................................ 151
SERENA BALDIN
Le minoranze rom in Europa: proposte classificatorie e accomodamento delle istanze identitarie ........................................................................... 175
GIANNI LOY
Diritto e legislazione su Rom e Sinti "dal nostro punto di vista" ............. 203
ALESSANDRO SIMONI
Il "problema di una gente vagabonda". Retrospettiva sulla percezione degli "zingari" nella cultura giuridica italiana ........................................... 225
TOMMASO VITALE
Gli stereotipi che ingombrano politiche e rappresentazioni ........................ 255
ANNA RITA CALABRÒ
Segregazione urbana e debolezza delle politiche sociali ............................. 273

Sezione III
ASPETTI DI DIRITTO COMUNITARIO E INTERNAZIONALE E DI DIRITTO DEGLI STRANIERI
MATTEO FORNARA
I principi di base comuni sull'inclusione sociale dei Rom e dei Sinti elaborati dagli organismi dell'Unione europea ............................................ 293
JAMES A. GOLDSTON e COSTANZA HERMANIN
Corti europee e cause pilota: una finestra d'opportunità per combattere la discriminazione dei Rom in Italia? ......................................................... 303
DELFINA BONI
La libera circolazione dei Rom e dei Sinti all'interno dell'Unione europea ....................................................................................................... 321
GIULIA PERIN
L'applicazione ai Rom e ai Sinti non cittadini delle norme sull'apolidia, sulla protezione internazionale e sulla condizione degli stranieri comunitari ed extracomunitari ..........................................................................363
GRÉGOIRE COUSIN e FRANCESCA MARIANI
Il passepartout dell'"ordine pubblico". Politica e diritto nelle prassi di allontanamento dei "rumeni detti rom" in Italia e Francia ........................ 415

Sezione IV
BREVE CASISTICA DI MODELLI EUROPEI
FERNANDO REY MARTÍNEZ
L'uguaglianza razziale/etnica e i Gitani in Spagna: fatti, garanzie, prospettive ............................................................................................. 457
KATALIN KELEMEN
Tutela giuridica della minoranza rom nell'ordinamento giuridico ungherese ...................................................................................................... 477
SIMINA TANASESCU
Protezione giuridica e inclusione sociale della minoranza rom in Romania ...................................................................................................... 505
MARIA DICOSOLA
Strumenti di protezione giuridica delle comunità rom negli stati dell'ex-Jugoslavia ............................................................................................ 527
CHRISTOPHE LE BERRE
Categorie giuridiche e identità etnica nel diritto francese: dalle gens du voyage alla "questione rom" ................................................................. 553

Sezione V
EGUAGLIANZA, DISCRIMINAZIONI E AZIONI LEGALI
MARZIA BARBERA
I Rom e i paradossi del diritto antidiscriminatorio .................................. 587
TIZIANA VETTOR
Il lavoro delle persone rom e sinti, tra esclusione e interventi promozionali 613
ALESSANDRO MAIORCA
Il quadro degli strumenti di tutela giuridica in Italia contro le discriminazioni nei confronti delle persone rom e sinte ......................................... 625
VICTORIA VASEY
Casi riguardanti Rom e Sinti presentati presso la Corte europea dei diritti dell'uomo ........................................................................................ 647
ALBERTO GUARISO
Azione civile antidiscriminatoria e tutela dei Rom: ipotesi su un sodalizio mancato ........................................................................................... 659
EVA RIZZIN e ANGELICA BERTELLINI
Istigazione all'odio razziale e discriminazioni nel discorso pubblico italiano. Dai rapporti di ricerca alle cause strategiche .................................. 673
PALMINA TANZARELLA
La propaganda d'odio razziale nel discorso pubblico. Alcune riflessioni .. 691

TOMO II
Sezione VI
INTEGRAZIONE, PARTECIPAZIONE E COMUNICAZIONE
FEDERICO FURLAN
Rom e Sinti nelle legislazioni regionali .................................................... 703
NANDO SIGONA
Discriminazione, cittadinanza e partecipazione politica .......................... 739
GIULIO ENEA VIGEVANI
Obblighi dei mezzi di comunicazione e prevenzione della stigmatizzazione .................................................................................................... 747

Sezione VII
I DIRITTI A CIRCOLARE, A SOGGIORNARE E AD ABITARE
CECILIA CORSI
I diritti delle persone rom e sinte alla circolazione, al soggiorno e all'abitazione ........................................................................................ 759
ANTONIO TOSI
Le politiche abitative per i Rom e i Sinti ................................................ 791
NICOLA BASSI
Le diverse forme di abitazione dei Rom e dei Sinti nel diritto amministrativo e nel diritto urbanistico ............................................................. 805
ELENA PACIOTTI
Le condizioni abitative dei Rom e dei Sinti in Italia di fronte ai suoi obblighi internazionali e comunitari: i rapporti dell'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali ........................................................... 813
GIOIA SCAPPUCCI e ROVENA DEMIRAJ
Il diritto all'abitazione di Rom e Sinti: gli obblighi dell'Italia alla luce della giurisprudenza del Comitato europeo dei diritti sociali relativa all'articolo 31 della Carta sociale europea (riveduta) .............................. 823
LORIS LEVAK
Libertà di circolare e soggiornare e diritto alla casa: il punto di vista di un Rom ................................................................................................ 841
FABRIZIO CASAVOLA
Politiche abitative sinte e rom ................................................................ 843
LIVIO NERI
I profili giuridici dello sgombero degli insediamenti abusivi ..................... 849

Sezione VIII
I DIRITTI LINGUISTICI, CULTURALI E DELL'ISTRUZIONE
GIOVANNI POGGESCHI
I diritti linguistici dei Rom e dei Sinti: una nuova sfida per la tutela giuridica della diversità ............................................................................... 861
VALERIA PIERGIGLI
I diritti culturali e dell'istruzione delle persone rom e sinte ...................... 893
ELENA ROZZI
Discriminazioni dei minori rom e sinti rispetto al diritto all'istruzione: uno sguardo socio-giuridico .................................................................... 941
DIMITRIS ARGIROPOULOS
Diritto alla cultura e all'educazione in una prospettiva romanì .............. 969
ELISABETTA CIMOLI
Gli interventi di volontariato a sostegno scolastico dei Rom e Sinti ......... 983
GIORGIO BEZZECCHI
Mediazione culturale: uno strumento fondamentale ................................ 991
MASSIMO MAPELLI
Interventi e opportunità sociali per contrastare l'esclusione urbana dei Rom ..................................................................................................... 997

Sezione IX
FAMIGLIA E DIRITTI DEI MINORI
ELISABETTA LAMARQUE
La tutela legale della famiglia ................................................................ 1007
PAOLO MOROZZO DELLA ROCCA
Il diritto alla vita privata e familiare, i diritti dei bambini rom e sinti e la loro tutela .......................................................................................... 1021
CARLOTTA SALETTI SALZA
Le adozioni dei minori rom e sinti in Italia. Risultati di una recente ricerca sulla prassi tra il 1985 e il 2005 .................................................. 1047

Sezione X
IL DIRITTO ALLA SALUTE
FULVIA MOTTA e SALVATORE GERACI
L'accesso di Rom e Sinti al diritto e alla tutela della salute ..................... 1065
LORENZO MONASTA
La condizione di salute delle persone rom e sinte nei campi nomadi ......... 1081

Sezione XI
ASPETTI PENALI E PROCESSUALI
LUCA MASERA
Il diritto penale di fronte a Rom e Sinti .................................................. 1099
FRANCESCO VIGANÒ
La giurisprudenza sui reati commessi da Rom e Sinti nei confronti dei minori ................................................................................................... 1109
GIULIO UBERTIS
Multiculturalismo e processo penale ........................................................ 1127
LORENZO TRUCCO
Le persone rom e sinte nel processo penale e nell'ordinamento penitenziario ........................................................................................................ 1137
LAURA LAERA
L'applicazione delle misure di protezione e il trattamento penale dei minori nomadi .......................................................................................... 1145
SABRINA TOSI CAMBINI
Chi ruba i bambini? I risultati di uno studio sui casi di presunto tentato rapimento di minori gagé da parte di Rom nel periodo 1986-2007 ......... 1155

Sezione XII
LE SFIDE PER IL FUTURO
ANDRZEJ MIRGA
Crimini d'odio contro Rom e Sinti nell'area OSCE: una tendenza pericolosa .................................................................................................... 1169
MAURIZIO CERMEL
Rom e Sinti: cittadini senza patria o popolo europeo transnazionale? ...... 1185
NICOLAE GHEORGHE
Non si tratta di un «problema rom», né «europeo», si tratta di un «problema rumeno» ...................................................................................... 1213
MICHAEL GUET
Le misure contro il razzismo e l'intolleranza a protezione dei popoli rom e sinti: le raccomandazioni del Consiglio d'Europa ................................. 1231
TOMMASO VITALE e LORIS CARUSO
Ripensare le politiche a livello locale dentro il quadro di una tutela nazionale delle minoranze .......................................................................... 1241

Sezione XIII
VERSO UNA LEGGE ITALIANA PER IL RICONOSCIMENTO E LA TUTELA DELLA MINORANZA DEI ROM E DEI SINTI?
OLGA MAROTTI
Verso una legge italiana per il riconoscimento delle minoranze rom e sinte? ........................................................................................................ 1263
MAURIZIO PAGANI
Tra "legge" e "questione sociale" ............................................................ 1271
GIANCARLO PEREGO
Non ai margini, ma al centro: verso una legge italiana per il riconoscimento e la tutela delle minoranze dei Rom e dei Sinti? ........................... 1275

APPENDICE
UN'IPOTESI DI PROPOSTA DI LEGGE: NORME PER LA TUTELA E LE PARI OPPORTUNITÀ DELLA MINORANZA DEI ROM E DEI SINTI
PAOLO BONETTI, ALESSANDRO SIMONI e TOMMASO VITALE
Relazione generale .................................................................................. 1281
Bozza di proposta di legge: indice e articolato .......................................... 1295

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 08/11/2011 @ 09:51:01, in musica e parole, visitato 1641 volte)

Nella foto di Steed Gamero - © Gruppo Every One, 2 novembre 2011, da sinistra Fabrizio Casavola (Mahalla), Dario Picciau, Paul Polansky, Roberto Malini presso l'Associazione La Conta di Milano

Io e Paul Polansky siamo seduti al bar uno di fronte all'altro. Sul tavolino tanti libri e due bicchieri di birra. So che la sera mi aspetta un compito non facile: dobbiamo presentare il suo ultimo libro uscito da appena 2 giorni, e ovviamente non ho ancora potuto leggerlo.

Per fortuna il posto è tranquillo. Paul mi ha riassunto i capitoli principali, a cui ho dato una rapida scorsa, poi gli faccio alcune domande su quelle che mi sembrano le questioni chiave sollevate. Ci accordiamo: durante la presentazione, leggerò l'inizio di quei capitoli e gli porrò 2 o 3 domande per volta, altre (spero) verranno dal pubblico, lui risponderà.

Non voglio fare una brutta figura di fronte a lui e al pubblico, così gli dico che mentre aspettiamo darò un'altro sguardo al libro, "RANDOM", per farmene un'idea meno approssimativa. Lui annuisce e si concentra nella traduzione in spagnolo di alcune sue poesie.

Leggo con attenzione ma poca partecipazione l'introduzione di Pietro Marcenaro e poi quella sua. Passo alle pagine interne, scorro la prima parte sulla Spagna. E da questo momento termina la mia intenzione di leggere a caso e la mia improbabile carriera di critico. Perché quando passo distrattamente al secondo capitolo, la storia diventa un film breve e appassionante che non riesco ad abbandonare: quei personaggi lì vedo davanti a me, reali, in tutto simili a tanti che conosco. Riconosco il loro modo di parlare e ricordare, le strade percorse, le loro vicissitudini, forse ne sento persino l'odore. Ho persino paura che qualcuno possa notare il mio turbamento. Cerco di calmarlo uscendo a fumare una sigaretta.

A parte questo, cosa potete trovare in 206 pagine, al prezzo di 18 euro? Tante cose. Chi già conosce l'autore, troverà la risposta ad una domanda che viene naturale farsi: come ha iniziato a vivere con gli zingari e perché ha iniziato a scriverne. Chi non lo conosce, potrà fare un viaggio introduttivo nella storia, cultura, religione, dei popoli rom e sinti in Europa e altrove.

Polansky è nel contempo un antropologo severo ed un testimone partecipe. Ama ripetere: "Vivo tra gli zingari come uno studioso, ma ne scrivo con le loro parole e la loro mente." ...Le loro parole e la loro mente: ecco il senso del turbamento che descrivevo prima, perché Polansky sa anche essere scrittore di razza. Asciutto, fotografico.

E poi, il libro va letto anche per le piccole chicche:

come quando racconta di un Rom scampato alla guerra, che nel 1948 aiuta un Tedesco residente nei Sudeti ad abbandonare la Cecoslovacchia comunista, che stava espellendo tutti i cittadini di origine tedesca;

o di quando ricorda un suo viaggio nel deserto del Rajastan: giunto nei pressi di un accampamento zingaro, questi gli chiesero se voleva ascoltare la loro musica. Si misero a suonare, ed eruppe una musica che a decine di migliaia di km. e a secoli di distanza, assomigliava in tutto al cante hondo dei gitani.

Lasciamo il libro per un momento, e facciamo un confronto:

Indian Rajasthan Gypsy dance

cante jondo almeria pirri fandangos

Voi che dite?

Non voglio dilungarmi, il libro potrà anche stupire o far discutere, visto che l'argomento ZINGARI rimane scottante. L'importante è approcciarlo con la serietà e la passione necessarie.

Termino riportando l'ultima pagina del libro, per la sola ragione che è bella:

Vivendo con loro ho scoperto che le differenze tra loro e me sono così piccole che a volte non riesco a vederle affatto. L'amore delle madri per i loro figli mi ricorda l'amore della mia per i suoi sette figli. Infatti, ho notato che le madri, e in generale le famiglie gitane, sono molto più premurose di quanto non siano le famiglie europee o americane di oggi. Gli Zingari anziani non vengono messi in case di cura come fossero dei lebbrosi ma, al contrario, vengono accuditi e rispettati nella propria casa e dalla propria famiglia. Ciò non accade spesso nella civiltà occidentale.

So che, quando sarò vecchio, sarà probabilmente una famiglia di Zingari a prendersi cura di me fino alla mia morte e non uno dei miei quattro figli.

Grazie Dio, per aver creato gli Zingari. Possano essi ereditare la terra, come Dio ha promesso loro!

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/11/2011 @ 09:12:53, in casa, visitato 996 volte)

Mi-lorenteggio.com Stamane evitato il peggio.

(mi-lorenteggio.com) Buccinasco, 07 novembre 2011 - Stamane alle ore 8.00 si doveva tenere la demolizione forzata delle ville dei Sinti, per dare esecuzione ad un'ordinanza, ma, ciò non è avvenuto perché parte delle demolizione stava avvenendo, come stabilito. Tutti i dettagli nel video

Vittorio Aggio


Ndr: l'appello di domenica scorsa

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 09/11/2011 @ 09:13:46, in Italia, visitato 1520 volte)

NdR: Motivazioni che personalmente non condivido, ma che trovo legittime.
Le riporto per puro dovere di cronaca, perché mi sembra solo una ripicca (tra fratelli coltelli) che, dopo settimane di discussioni, questa presa di posizione pubblica (in privato lo si sospettava da un po') sia arrivata a soli 2 giorni dalla manifestazione del 9 novembre.

(da youtube) Sempre per dovere di cronaca, potete trovare gli aggiornamenti in diretta della manifestazione su Twitter.

Federazioneromani.wordpress.com - 7 novembre 2011 - "Sembra che nessuno voglia riconoscere che la storia contemporanea ha creato un nuovo genere di esseri umani – quelli che sono stati messi nei campi di concentramento dai loro nemici e nei campi di internamento dai loro amici". (Hanna Arendt)

In occasione della prossima manifestazione nazionale dei Rom e dei Sinti, promossa a Roma per il prossimo 9 novembre, la Federazione Romanì esprime la propria dissociazione dalla piattaforma rivendicativa e ritira l'adesione all'iniziativa.

Il documento unitario che convoca la manifestazione pone soluzioni abitative che non superano la concezione stessa dei campi nomadi, e, al contrario, ne rafforzano "l'utilità" indirizzando un agire istituzionale distorto che continua a intervenire proponendo soluzioni speciali, "differenziate", su una categoria di persone inventata: " i nomadi"

La Federazione Romanì afferma in maniera forte e chiara la centralità del diritto alla casa come il tema decisivo della partecipazione attiva e come elemento centrale di un riconoscimento e una considerazione imperniati sui diritti di una minoranza storica e significativa anche per consistenza numerica.

E' ancora forte il pregiudizio in base al quale i Rom rifiutano di vivere nelle case perché vogliono vivere nei campi nomadi o all'aria aperta o in aree e terreni a "larghi orizzonti"; questi pregiudizi la popolazione romanì li ha pagati duramente in termini di emarginazione ed esclusione sociale, culturale e politica.

Sono pregiudizi prodotti anche dall'impreparazione del volontariato, dall'utilitarismo delle cooperative sociali che gestiscono i campi "nomadi", dalla negligenza e inettitudine istituzionale nel confrontarsi con una minoranza ascoltandola ed interloquendo direttamente.

Quella dei campi, dei "villaggi attrezzati" e delle "microaree", oltre ad essere un'anomalia tutta italiana, è una soluzione "differenziata", discriminante e segregante, e spesso sono le autorità che spingono le famiglie rom a vivere in questi luoghi di ghettizzazione che strutturano un sistema di apartheid proposto esclusivamente alla popolazione romanì.

Vogliamo dunque dichiarare che anche la popolazione romanì aspira ad un'abitazione "normale" per superare definitivamente ogni forma di segregazione/emarginazione abitativa, e vorrebbe poter essere presa in considerazione per accedere alle case dell'edilizia popolare, definendone la progettazione, le tipologie e le modalità.

Ridurre il fabbisogno abitativo alle forme truccate del campo "nomadi" è un'azione di efferata violenza e disumanizzazione.

La Federazione Romanì, le 18 associazioni e le persone che la compongono (tutte attive professionalmente sul territorio Italiano) credono che sia arrivato il momento di offrire alla minoranza romanì risposte politiche e di politica abitativa adeguate che facciano superare, senza alcuna possibilità di falsa interpretazione, la logica segregante dei campi nomadi e che, allo stesso tempo, restituiscano dignità alla coscienza collettiva del Paese.

La manifestazione del 9 novembre rischia di generare equivoci su un tema così importante; inoltre è basata su presupposti di contrapposizione che al momento non possiamo comprendere, vista la recente assegnazione (11 luglio 2011) alla 1° Commissione della Camera dei Deputati della proposta di legge per il riconoscimento della storica minoranza etnico-linguistica.

Nazzareno Guarnieri – presidente Federazione Romanì

GLI ADERENTI ALLA FEDERAZIONE ROMANI'
Graziano Halilovic – Ass. Romà onlus di Roma,
Ass. RomSinti@Politica Teramo
Demir Mustafa – Amalipè Romanò di Firenze,
Vesna Vuletic – Ass. Idea Rom Onlus Torino,
Ass. Azunen Romalen di Napoli,
Coop. Pralipè di Pescara,
Sergio Suffer – Nevo Gipen di Brescia,
Loris Levak – Ass. Rom Kalderash di Venezia,
Vojkan Stojanovic – Ass. Romano Pala Tetehara di Collegno (TO),
Mauro Priano – ASD Amalipè di Palermo,
Ass. Tikanè Assiem di Isernia,
Centro Studi Ciliclo Roma
Ass. Sassarè Lamè Isernia,
Ass. Paparuga di Torre del Greco,
Saska Jovanovic – Ass. Romnì Onlus Roma
Carlo Stasolla – Ass. 21 Luglio Roma
Marco Brazzoduro – Coop. Antica sartoria rom Roma
Fattoria sociale Bravalipè Chieti

Maria Grazia Dicati – Veneto
Umberto Spada – Lazio
Sarachella Concetta – Molise
Dimitris Argiropoulos – Emilia Romagna
Rojatti Raffaella – Lazio
Ferdi Berisha – Marche
Russo Ernesto – Abruzzo/Marche
Maurizio Marcellusi – Abruzzo
Rosi Mangiacavallo – Sicilia
Marcel Courthiade – Parigi
Giuliana Donzello – Toscana
Roberto Ermanni – Toscana

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/11/2011 @ 09:04:27, in musica e parole, visitato 991 volte)

Dal 17 al 19 novembre alle ore 21.00 - il 20 novembre alle ore 18.00
Piccolo Teatro Campo d'Arte - Via dei Cappellari, 93 (Presso "Campo dei Fiori") ROMA

Scritto e interpretato da Antun Blazevic (Tonizingaro)
Musiche del Maestro Nicola Serban (Cimbalon)

Spettacolo teatrale ironico e di denuncia, con la partecipazione di musicisti rom. L'immaginaria lettera che un Rom, fuggito negli anni '90 dalla ex-Yugoslavia in Italia, scrive al fratello rimasto nel paese di origine. Ironia tagliante che fa riflettere sulla condizione dei Rom in Italia, presentati in questa mise-en-scene come benestanti cittadini ben integrati nella società italiana. Fantasie che un uomo racconta ai suoi cari ma che soprattutto racconta a se stesso; una favola che fa sorridere e fa riflettere. Soprattutto perché dall’altra parte dell’Adriatico il fratello rom risponde alla lettera in un modo davvero inaspettato…

Biglietto 12 euro, ridotto 10 euro.

Informazioni www.theatrerom.com - theatrerom@gmail.com - 327-10.59.777

www.campodarte.com - 347-29.26.032

ASSOCIAZIONE CULTURALE THEATRE ROM

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 10/11/2011 @ 09:11:08, in lavoro, visitato 1150 volte)

Segnalazione di Maria Di Lucia

Sfilata di moda 'rom' Nuovi modelli ma anche stimolo alla tolleranza

(ANSA) - BUDAPEST, 6 NOV - Una sfilata di moda per combattere i pregiudizi e far conoscere la cultura e le tradizioni del popolo Rom: e' quanto avvenuto ieri sera nel cuore della capitale ungherese Budapest dove, al Museo delle Belle Arti, e' stata organizzata da Romani Design una sfilata con le nuove creazioni.

''Diminuire i pregiudizi contro i Rom, e limitare il piu' possibile il crescente numero di conflitti in seno alla societa' attraverso la moda'' e' stato l'obiettivo che Romani Design si e' proposto.


 Da youtube: Attivista per i diritti dei Rom e fondatrice del Romani Design Studio, Erika Varga organizza una sfilata di haute couture che spera contribuirà a abbattere i pregiudizi. Durata: 00:51

Articolo Permalink Commenti Oppure (2)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/11/2011 @ 09:22:16, in Italia, visitato 1160 volte)

Nella giornata del 7 novembre è stato attuato l'ennesimo intervento di polizia nei riguardi dei rom rumeni presenti sul nostro territorio, con lo sgombero di circa quaranta persone, tra le quali tre bambini minori di cinque anni e due donne in stato di gravidanza, accampati da circa due mesi sotto il ponte di via Baracca nel Comune di Firenze. Le forze dell'ordine, giunte alle prime ore del mattino quando gli abitanti si erano allontanati per le consuete occupazioni, hanno provveduto a sequestrare le tende presenti e liberare lo spazio, sparpagliando a terra gli effetti personali. Queste persone sono state lasciate senza alcun riparo ed è stato concesso loro di dormire soltanto un'altra notte nella stessa zona.
Ancora una volta un intervento di forza, attuato in condizioni climatiche sfavorevoli e senza previsione di alcuna soluzione di emergenza per garantire alle persone una minima tutela.
MEDU, in risposta ad un'urgenza umanitaria, provvederà [...] a distribuire delle tende per offrire nei prossimi giorni una minima protezione almeno alle famiglie in cui sono presenti i soggetti più vulnerabili.
MEDU denuncia le modalità di un'operazione di polizia che, oltre a ledere la dignità e minacciare il rispetto dei diritti umani e in particolare del diritto alla salute delle persone, non può avere altra conseguenza che il peggioramento delle loro condizioni. Da ultimo, non è possibile non rilevare come tali operazioni siano svolte nei confronti della popolazione rom con una frequenza e una facilità che non è permessa né accettata in alcun altro contesto di marginalità.

Medici per i Diritti Umani - cell.3351853361

Articolo Permalink Commenti Oppure (0)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Di Fabrizio (del 11/11/2011 @ 09:43:04, in Regole, visitato 1117 volte)

Intitoliamo questo siparietto "prove tecniche di dialogo". La stessa testata un paio di settimane fa, riportava che i Sinti erano disposti a pagare gli arretrati dovuti (rateizzandoli, immagino). Come potete leggere qui sotto, a Stefano Cavalli della Lega Nord questo non basta. Anzi, lo manda su tutte le furie (forse li preferisce morosi).

Piacenza24.eu - Stefano Cavalli, Lega Nord

Pubblicato: lunedì 7 novembre 2011 - 17:16
Piacenza - Sinti di Piacenza, Cavalli (LN): "Sinti strumentalizzano i loro stessi figli per continuare a non pagare. Comune e tribunale dei minori intervengano per revocare loro la potestà genitoriale".

«Devo ammettere - dichiara Stefano Cavalli, consigliere regionale della Lega Nord - che la comunità dei sinti piacentini è riuscita, ancora una volta, a sorprendermi. Pur di non pagare i debiti accumulati per le utenze e pur di ostacolare l'istallazione di impianti capaci di addebitare le utenze in base ai consumi, gli occupanti del campo attrezzato di Torre della Razza ora tirano in ballo, strumentalizzandoli nel peggiore dei modi, i loro stessi figli, privandoli della scuola dell'obbligo. Un comportamento che si commenta da solo, - aggiunge l'esponente del Carroccio - mi auguro solamente che l'Amministrazione piacentina, spesso troppo accondiscendente nei confronti dei nomadi, non ceda ai loro vili ricatti morali. Confido inoltre - conclude Cavalli - che il tribunale dei minori si attivi quanto prima per revocare la potestà genitoriale a coloro che stanno deliberatamente vietando ai loro figli di frequentare la scuola dell'obbligo al solo scopo di poter continuare a consumare acqua ed energia elettrica a sbaffo.»

Articolo Permalink Commenti Oppure (1)  Storico >>  Stampa Stampa
 
Pagine: 1 2 3 4 5 6

Titolo
Quest'anno ci saranno le elezioni europee. Ti senti coinvolto:

 Per niente
 Poco
 Normalmente
 Abbastanza
 Molto

 

Titolo
La Newsletter della Mahalla
Indica per favore nome ed email:
Nome:
Email:
Subscribe Unsubscribe

 

********************

WIKI

Le produzioni di Mahalla:

Dicono di noi:

Bollettino dei naviganti:

********************


Disclaimer - agg. 17/8/04
Potete riprodurre liberamente tutto quanto pubblicato, in forma integrale e aggiungendo il link:
www.sivola.net/dblog.
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicita'. Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. In caso di utilizzo commerciale, contattare l'autore e richiedere l'autorizzazione.
Ulteriori informazioni sono disponibili QUI

La redazione e gli autori non sono responsabili per quanto pubblicato dai lettori nei commenti ai post.
Molte foto riportate sono state prese da Internet, quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non hanno che da segnalarlo, scrivendo a info@sivola.net

Filo diretto
sivola59
per Messenger Yahoo, Hotmail e Skype


Outsourcing
Questo e' un blog sgarruppato e provvisorio, di chi non ha troppo tempo da dedicarci e molte cose da comunicare.
Alcune risorse sono disponibili per i lettori piu' esigenti:

Il gruppo di discussione

Area approfondimenti e documenti da scaricare.

Appuntamenti segnalati da voi (e anche da me)

La Tienda con i vostri annunci

Il baule con i libri Support independent publishing: Buy this e-book on Lulu.


Informazioni e agenzie:

MAHALLA international

Romea.cz

European Roma Information Office

Union Romani'

European Roma Rights Center

Naga Rom

Osservazione


Titolo
blog (2)
Europa (7)
Italia (6)
Kumpanija (2)
media (2)
musica e parole (4)

Le fotografie più cliccate


13/04/2021 @ 00:18:16
script eseguito in 56 ms

 

Immagine
 da lontano a più vicini... di cicciosax



Cerca per parola chiave
 

 
 

Circa 2296 persone collegate


InChat: per non essere solo un numero scrivete /n  e poi il vostro nome/nick

< aprile 2021 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             
Titolo
blog (506)
casa (438)
conflitti (226)
Europa (986)
Italia (1410)
Kumpanija (377)
lavoro (204)
media (491)
musica e parole (445)
Regole (348)
scuola (335)
sport (97)

Catalogati per mese:
Maggio 2005
Giugno 2005
Luglio 2005
Agosto 2005
Settembre 2005
Ottobre 2005
Novembre 2005
Dicembre 2005
Gennaio 2006
Febbraio 2006
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018
Novembre 2018
Dicembre 2018
Gennaio 2019
Febbraio 2019
Marzo 2019
Aprile 2019
Maggio 2019
Giugno 2019
Luglio 2019
Agosto 2019
Settembre 2019
Ottobre 2019
Novembre 2019
Dicembre 2019
Gennaio 2020
Febbraio 2020
Marzo 2020
Aprile 2020
Maggio 2020
Giugno 2020
Luglio 2020
Agosto 2020
Settembre 2020
Ottobre 2020
Novembre 2020
Dicembre 2020
Gennaio 2021
Febbraio 2021
Marzo 2021
Aprile 2021

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Buongiorno signore e signori.Sono un uomo d'affari...
23/02/2021 @ 11:04:09
Di Patrick
Buongiorno a tutti Sono un imprenditore che offro ...
23/02/2021 @ 10:59:47
Di Patrick
 

Locations of visitors to this page

Contatore precedente 160.457 visite eliminato il 16/08/08 per i dialer di Specialstat

 Home page © Copyright 2003 - 2021 Tutti i diritti riservati.

powered by dBlog CMS ® Open Source